BENESSERE ORGANIZZATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BENESSERE ORGANIZZATIVO"

Transcript

1 Prof. Daria Minucci BENESSERE ORGANIZZATIVO La qualità di vita dei medici ( e di tutto il personale sanitario) oltre che un bene in sé sembra sempre più correlata con la qualità dell assistenza sanitaria. E questi sono due buoni motivi per farne un tema di attenzione e di approfondimento nell ambito dell etica civile e dell etica applicata. Lo studio di cui parleremo oggi si riferisce ai medici e ad una particolare categoria: i medici degli ospedali universitari. 1.1 Background I medici sono figure chiave del sistema sanitario ed il loro benessere è vitale per avere un sistema sanitario di ottima qualità. Molte ricerche dimostrano che stress, stanchezza, burnout, depressione o disagio psicologico dei medici influiscono negativamente sul sistema sanitario e sulla cura dei pazienti (5-12 Wallace) Alcune delle molteplici cause del malessere dei medici sono indicate in: -elevato carico di lavoro spesso in aumento (numero eccessivo di ore alla settimana, lavoro su chiamata) con aumentato rischio di burnout ed aumentata probabilità di incidenti professionali e personali, di caduta di attenzione e di errori medici W,19 -lavoro in situazioni emotivamente pesanti, associate con sofferenza paura, insuccessi, morte che spesso possono sfociare in rapporti difficili con i pazienti, le loro famiglie, i colleghi stessi -crescita rapida delle conoscenze con la necessità di processare velocemente una schiacciante quantità di informazioni per lunghi periodi (Wallace,22) -rapidi cambiamenti della pratica medica per aumentata domanda di cura dei pazienti, perdita di remunerazione e del riconoscimento sociale, aumento della burocrazia, aumento delle responsabilità, conflitti tra le necessità dell organizzazione e quelle dei pazienti (W 21, 23-26) -sostanziale declino dell autonomia del medico per l aumentato controllo manageriale e dei costi da parte dei governanti, degli impiegati, dei pazienti stessi; l impatto con dal passaggio richiesto dalla medicina basata sull evidenza con i relativi protocolli è stato per molti motivo di stress, così come passare dal lavoro individuale a quello in team: ambedue passaggi utili per una migliore assistenza, ma che richiedono cambiamenti non solo cognitivi, ma anche di metodo ed all inizio fonte di insicurezza. Vi è inoltre il problema della medicina difensiva. -diminuzione dell autonomia dei medici per aumentato controllo manageriale e dei costi da parte dei governi, degli amministrativi e dei pazienti stessi (W24,27,28). Anche modificazioni positive come l introduzione di protocolli basati sull evidenza scientifica e del lavoro in team, che richiedono cambiamenti non solo cognitivi, ma anche di metodo, possono avere un impatto iniziale negativo ed essere fonti di insicurezza perché vissuti come restrizioni della propria autonomia o addirittura come dannosi per i pazienti(w 29-35) Vi è inoltre il problema della medicina difensiva. -si potrebbe aggiungere, in alcuni casi, particolari tratti della personalità (perfezionismo, lavorodipendenza, ) o l aver affrontato un lavoro che può essere ricco di soddisfazioni, ma difficile, senza sufficienti motivazioni personali e senza aver valutato la propria capacità di affrontarlo. Le strutture non aiutano, pensiamo solo alla grave inadeguatezza dei test di ingresso a medicina Per questi ed altri motivi la pratica medica è fonte di un alto livello di stress e burnout (20-75% in vari studi W 26, 37,39-41) e le conseguenze di lunghi periodi di eccessivo lavoro, stress e burnout incidono negativamente sul benessere dei medici con possibili conseguenze come turbe relazionali, depressione, abuso di sostanze, morte I suicidi tra i medici in alcuni studi sono risultati sei volte più alti che nella popolazione generale (W38,44-46), la mortalità per patologia cardiovascolare più alta della media ed il rischio di abuso di sostanze, durante la vita professionale, è stato calcolato

2 intorno al 8-12% W20,49,50. Alcuni studi tuttavia mettono in evidenza anche gli aspetti positivi della vita professionale del medico. Una caratteristica evidente dei medici, rilevata universalmente, è una scarsa attenzione al proprio benessere, descritta come ignoranza, indifferenza e mancanza di cura verso la propria salute (Arnetz, 2001); continuano a lavorare quando sono ammalati, si aspettano che i colleghi facciano altrettanto, mentre per i pazienti consigliano un diverso comportamento, ricorrono alla automedicazione e raramente chiedono aiuto o si affidano ai colleghi per farsi curare. Uno stigma sembra associato proprio al chiedere aiuto: i medici non si trovano bene nel ruolo di pazienti e temono di essere giudicati, se chiedono aiuto, come incapaci di risolvere i propri problemi. Esiste la mentalità che i migliori dottori hanno poche necessità, non fanno errori e non sono mai ammalati ; sentono come una pressione da parte dei parenti e dei pazienti ad essere sempre in forma, anche se ammalati, come se la loro salute fosse un indicatore della loro capacità professionale. 1.2 Differenze di genere Una questione molto importante è lo studio di questi problemi in ottica di genere. I medici donna hanno sfide più alte per bilanciare vita professionale, vita familiare e personale e si pongono anche dentro la medicina in modo diverso dai colleghi uomini. La questione è importante in sé, ma ha una importanza rilevantissima anche da un punto di vista organizzativo tenuto conto della rapida femminilizzazione della medicina attualmente in corso. Sono stati messi in evidenza: -le donne medico sono più stressate rispetto agli uomini (Aasland et al., 1997; McMurray et al., 2000) e -secondo alcuni studi hanno un tasso di suicidio maggiore rispetto alla popolazione normale e agli altri laureati (Arnetz et al., 1987; Beskow, 1990, 1991; Hawton, 2001; Lindeman et al., 1996; Olkinura, 1990). Da circa 30 anni si riscontra un aumento della presenza femminile nelle facoltà di medicina. Nonostante il numero crescente di donne medico, le donne con uguale livello professionale sono meno coinvolte nelle attività di ricerca rispetto ai colleghi maschi (Almegård, 1995, Etan-report, 2000; Fridner, 2004; Kaplan et al., 1996; Mantorin et al., 1997). De Angelis (1991) ha rilevato altre disparità di genere, ad esempio, assegnazione delle borse di studio, scelta della specialità, aspetti economici, maternità e accudimento dei figli, produttività e successo accademico e leadership amministrativa. In passato, le ricerche hanno dimostrato che esistono significative differenze nelle opportunità di carriera tra uomini e donne medico (Almegård, 1997; Bickel, 2000; Gjerberg, 2002; Korreman, 1994; Mantorin et al., 1997). Le donne medico non sono molto rappresentate nell élite accademica e nell amministrazione sanitaria. Sovente, esse non vengono incluse nei ruoli che formeranno la medicina del futuro ed influenzeranno la professione medica (Hultcrantz, 1998; Jansson von Vultée, 2004; Riska & Wegar, 1989; Thorvaldsdóttir, 2004). Sebbene le donne costituiscano la metà del totale degli studenti di medicina, le donne medico sono sottorappresentate nelle posizioni manageriali (Kvaerner et al., 1999; Lyons, 1997). Per di più, esse hanno stipendi inferiori rispetto alla loro controparte maschile persino quando si confrontano i compiti e le posizioni professionali (Frank et al., 1997; Hedman, 2004; McMurray et al., 2000). 1.3 Conseguenze del disagio dei medici sul sistema di cure Ci sono crescenti evidenze di importanti conseguenze negative della mancanza di benessere dei medici sul sistema sanitario. L influenza negativa sul sistema sanitario è sia rispetto all organizzazione che alla qualità delle cure.

3 Per quanto riguarda l organizzazione può influire negativamente su: - reclutamento e permanenza in servizio: lo stress da lavoro ed il burnout si hanno fin dalle scuole di specializzazione producendo insoddisfazione con rischi di alte incidenze di mancati ingressi e di ritiri anticipati con alto tasso di turn over - produttività ed efficienza sul posto di lavoro, sia con aumento dell assenteismo, che con probabilità di chiedere esami o procedure non necessari, riduzione del tempo dedicato ai pazienti (W,59). Per quanto riguarda la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti l effetto negativo sembra ancora maggiore W Sono stati riportati: -riduzione degli standard assistenziali -non osservanza delle procedure, - errori gravi e perfino incidenti con la morte del paziente ed errori non dovuti a mancanza di conoscenza o di esperienza, -relazione tra insoddisfazione del medico e minore adesione dei pazienti alle cure, così come la cattiva informazione dei pazienti. La dimensione di depersonalizzazione del burn out si associa con una minore soddisfazione dei pazienti e più lunghi tempi di recupero dopo la dimissione. W7,12,89.. La fatigue emozionale causa atteggiamenti negativi verso i pazienti (Bakker et al., 2000; Schaufeli, 1999; Schaufeli & Enzmann, 1998) e i medici sotto stress rispondono ai loro pazienti in modo non empatico e sono più soggetti a valutazioni errate (Arnetz, 2001; Vincent, 1999). 1.4 Stato delle ricerche Sono state fatte molte indagini sul burnout dei medici e le sue conseguenze, mentre esistono poche ed incomplete descrizioni sui metodi necessari per combatterlo. Nessuna raggiunge evidenze di livello A. C è la necessità di studi prospettici controllati per valutare gli interventi appropriati per combattere il burnout (McCray,2008, NIH) Bibliografia Organizational Climate, Stress, and Error in Primary Care: The MEMO study Linzer m, Baier Manwell L, Mundt M, William E, Maguire A, McMurray J, Plane MB Advances in patient safety: From Research to Implementation, 2005 Agency for Healthcare Research and Quality (US) Resident Physician Burnout: is There Hope? McCray LW, cronholm PF, Bogner HR, Gallo J J, Neill RA Fam Med 40, , 2008 Physician wellness: a missing quality indicator Wallace JF, Lemaire JB, Ghali WA Lancet 374, ,2009

4 Studio HOUPE Health and Organization among University Physicians in four European countries Lo studio è condotto congiuntamente da quattro ospedali universitari europei: Karolinska Institutet di Stoccolma, Svezia, Landspitali University Hospital di Reykjavik, Islanda St Olav University Hospital di Trondheim, Norvegia Azienda Ospedaliera Università di Padova, Italia. Gruppo di lavoro italiano - Azienda Ospedaliera Padova Minucci Daria - Pavan Luigi - Marini Massimo - Simonato Pierluigi - Putoto Giovanni Lo studio HOUPE è nato su proposta dell Ospedale svedese Karolinska per rispondere ad un problema fortemente sentito nei paesi scandinavi. Recenti statistiche avevano dimostrato che nei medici, in Svezia, i disordini risultanti da stress e affaticamento connessi all attività professionale superavano chiaramente la media rispetto alle altre categorie professionali ed erano maggiormente colpiti, rispetto alle altre categorie professionali, da minacce o violenze sul posto di lavoro (SCB, 2001, 2004). Inoltre, l assenteismo dovuto a malattia fra le donne medico scandinave stava aumentando rapidamente (Aasland et al., 1997; Kivimaki et al., 2001). Negli ultimi cinque anni, le statistiche svedesi avevano evidenziato un incremento del numero dei permessi a lungo termine per malattia e un ritiro precoce dall attività professionale derivante dall aumento del livello di stress fisico, psicologico e sociale nella popolazione. Lo scopo dello studio è stato quello di individuare i disagi dei medici e le loro cause per migliorare lo stato di benessere dei medici stessi negli ospedali universitari con conseguente miglioramento anche delle relazioni tra operatori sanitari e di questi con i pazienti. A tal fine, è stata condotta un indagine ad hoc tramite la somministrazione di un questionario ad un campione rappresentativo di medici. Tale studio ha voluto rilevare anche le questioni di genere perché le ricerche hanno dimostrato che la disuguaglianza percepita a livello organizzativo è collegata al burnout professionale (Cropanzano & Greenberg, 1997; Gehurts et al., 1994). La salute dei medici degli ospedali universitari, è stata valutata in relazione a: Situazione personale e familiare Professione specializzazione percorsi di carriera condizioni lavorative genere Le aree indagate e gli strumenti utilizzati sono stati: Informazioni personali Attività lavorativa e di ricerca Valutazione di disturbi legati alla sfera ansioso depressiva. (GHQ : General Health Questionnaire)

5 Valutazione del Burnout e delle sue componenti (Mini OLBI) QPS Nordic (General Nordic Questionnaire for Psychological and Social Factors at Work) Segreto professionale e capacità di comunicare Malattia e presenza al lavoro - Ideazione suicidaria Totale 115 Item (validati nei quattro paesi) Tutte le scale, tranne la GHQ, sono state sottoposte a traduzione e back translation a cura di due esperti bilingue (tecnica di Brisling) e comparate dal Comitato Internazionale di Studio sulla Tenuta Semantica degli Strumenti. RISULTATI ITALIANI Azienda Ospedale Università Padova Popolazione bersaglio: tutti i medici universitari ed ospedalieri dell Azienda Ospedaliera di Padova n 926 maschi 644= 69,8% femmine 282 = 30,2%. Ospedalieri 595 di cui 217 donne (36,5%) Universitari 331 di cui 65 donne (19,6%) Hanno risposto al questionario: n 372 (40,2%) maschi 64,8% femmine 33,9%

6

7 SITUAZIONE FAMILIARE MEDICI PER GENERE Azienda Ospedaliera di Padova % donne % uomini Sposati Single 20,6 5,4 Numero medio figli 0,98 1,60 Figli: , ,1 2 25,6 44,5 3 6,4 12, ,4 Genitura per genere dei medici negli ospedali universitari in Italia ed in Svezia ITALIA SVEZIA

8 Specializzazioni ed attività per genere Specializzazione Chirurgica (%) Maschi 40 Femmine 24,6 Non chirurgica (%) Maschi 50 Femmine 63,5 Attività lavorativa Ingresso lavoro Reperibilità notturna Incarichi extra Nessuna differenza Attività privata (%) Maschi 29 Femmine 11,9 Azienda Ospedaliera di Padova posizione accademica medici per genere

9 SALUTE Disturbi area ansioso-depressiva General Health Questionnaire (GHQ) È costituito da 12 domande relative alle ultime settimane, dalle cui risposte viene calcolato un punteggio totale compreso tra Il punteggio uguale o superiore a 4 indica una probabilità superiore all 80% di avere disturbi psichiatrici, soprattutto legati all area ansioso-depressiva (Goldberg, 1997; Piccinelli, 1993). GHQ punteggio medio GHQ > 4 Italia Svezia Italia Svezia uomini 1,7+2,2 2,7+3,3 15,7% 25,5% donne 2,3+2,5 3,0+3,5 25,6% 29,7%

10 Burn out MINI OLBI Misura con due sub-scale (ciascuna di 5 quesiti) le dimensioni fondamentali del Burn out (Demerouti et al, 2001; 2003), ovvero: Disengagement (disinvestimento affettivo): indica la disaffezione del soggetto rispetto al proprio lavoro, la presa di distanza dagli oggetti e dai contenuti della propria attività lavorativa fino allo sviluppo di un atteggiamento cinico ed oppositivo verso di essa. Exhaustion (esaurimento): valuta una spossatezza fisica, affettiva e cognitiva causata da una lunga e prolungata esposizione a specifiche condizioni di lavoro. Disinvestimento affettivo % Esaurimento % Italia Svezia Italia Svezia uomini 10,4+2,8 11,1+2,5 12,2+2,9 12,4+2,7 donne 10,2+2,4 11,1+2,3 13,2+2,6 13,4+2,5 Richiesta di assistenza specialistica per depressione o esaurimento Uomini 15/240 6,3% Donne 16/126 12,7%

11 Harassment Vittime di soprusi a detta dei maschi a detta delle femmine Uomini 1,05 + 3,16 Uomini 0, ,79 Donne 0, ,15 Donne 0, ,6 Ideazione suicidaria Ideazione suicidaria Ideazione modalità suicidio Tentato suicidio lifetime ultimo anno lifetime ultimo anno lifetime Italia 20,2% 10,5% 17,2% 8,9% 0,5% Svezia 30,3% 11,6% 22% 7,6% 1,3% Ideazione suicidaria FEMMINE MASCHI Italia Svezia Italia Svezia lifetime 21,4% 33,5% 18,75% 21,3% Negli ultimi 12 mesi 14,3% 13,7% 8,75% 9,7% metodo suicidario (ultimi 12 mesi) 10,3% 8,7% 8,3% 7,5%

12 Condizioni di lavoro QPS Nordic (General Nordic Questionnaire for Psychological and Social Factors at Work) È costituito da una serie di domande multiple choice inerenti diversi aspetti psicologici e sociali del posto di lavoro, in particolare indaganti elementi quali: Control of Decisions (controllo delle decisioni) Control of work pacing (controllo del ritmo di lavoro) Predictability at work (svolgere un lavoro rispondente alle proprie capacità) Empowering leadership (partecipare con i superiori alle decisioni) Innovative climate (prendere iniziative,sviluppare idee) Il questionario è stato validato in Nord Europa (Finlandia, Norvegia, Svezia, Danimarca) con due data sets ciascuno rispettivamente di 1015 e di 995 soggetti, finalizzati a valutarne la consistenza interna. Attualmente non esistono validazioni italiane del questionario QPS Nordic fattori psicologici e sociali nel lavoro Azienda ospedaliera Padova Controllo decisioni Controllo ritmo lavoro Lavoro rispondente proprie capacità Partecipazione decisioni Clima innovativo Uomini 3,1±1,1 3,1±1,0 3,1±1,3 2,7±1,2 3,1±0,9 Donne 2,8±1,1 2,8±1,1 2,7±1,3 2,6±1,1 3,0±0,9 Valori medi nordici 2,8±0,8 2,8±1,2 2,6±1,2 2,7±1,03 3,35±0,8

13 ALCUNE INDICAZIONI EMERSE Organizzazione del lavoro (QPS) Suddividendo il campione in due grossi gruppi : chirurghi e non chirurghi si osserva Controllo decisionale entrambi a volte sentono di dover svolgere mansioni che vorrebbero svolgere in maniera diversa, senza le risorse adeguate. Entrambi i gruppi riportano di non avere un ampio margine decisionale, e di poter raramente decidere il carico di lavoro; I chirurghi riportano una maggiore frequenza di richieste contrastanti, ed in particolare anche incarichi in contrasto con valori personali. Tale dato in particolare emerge in ambito materno infantile chirurgico (ginecologia ed ostetricia) e a seguire negli altri ambiti chirurgici. Controllo del ritmo di lavoro Il gruppo dei chirurghi differisce in modo significativo dai non chirurghi in quanto raramente può stabilire un personale ritmo di lavoro, prendersi una pausa o stabilirne la durata, né gode di un orario flessibile, Empowerment I chirurghi si sentono meno partecipi delle decisioni importanti, meno incoraggiati ad esprimere la loro opinione, se differente Nell area chirurgica e delle emergenze chirurgiche in particolare i medici ritengono maggiormente che il diretto superiore non sia in grado di far sviluppare le loro abilità al contrario dell area Materno-infantile (Medica e Chirurgica) dove invece è presente una forte tendenza ad affidarsi al proprio superiore

14 Clima innovativo L iniziativa sul posto di lavoro sembra in particolare essere presente tanto in ambito chirurgico quanto in ambito non chirurgico, ma anche qui osservando il dato all interno delle Aree scorporate la minore percezione di iniziativa è nell area Emergenze Mediche e nell area Chirurgica. In generale poi si rileva trasversalmente come sia non sia percepito il riconoscimento per un lavoro ben svolto, come i medici si sentano scarsamente tutelati dalla propria organizzazione, la quale appare anche particolarmente distante nella tutela della salute e del benessere del medico stesso. Appare trasversale anche la tendenza all autodiagnosi e all autocura nella popolazione medica del campione, ma se si considera la richiesta di un aiuto professionale per depressione o esaurimento si nota come siano più facilmente inclini a richiederlo le Aree a maggior componente Medica (e femminile) quali soprattutto l Area Medica, l Area Emergenze Medica o l Area Servizi, al contrario di quelle a stretta componente chirurgica. L interferenza della attività lavorativa nella vita privata familiare appare significativamente diversa tra le diverse aree, infatti l Area Emergenze Medica e l Area Materno Infantile Medica del nostro campione riportano i valori più elevati (4), a differenza dell area Medica che invece appare come la meno incline a lamentare tali interferenze. Non appaiono invece differenze significative tra le aree per quel che concerne l interferenza della famiglia con il lavoro, anche se in valore assoluto il punteggio maggiore è quello dato dall Area Emergenze Medica e dall Area Materno Infantile Medica.

15 ALCUNE CORRELAZIONI TRA MALESSERE DEI MEDICI E AMBIENTE DI LAVORO Fattori di rischio Per italiani e svedesi, femmine e maschi, l ideazione suicidaria si associa in modo significativo con esperienze degradanti al lavoro e soprusi Femmine: OR = 3,08 italiane = 2,66 svedesi = 3,36 Maschi: OR italiani = 3,3 svedesi = 2,1 Altro fattore che emerge tra le donne sia per italiane che svedesi è richiesta di compiti senza adeguate risorse per portarli a termine ( OR: svedesi 1,82 italiane 5.0) e l interferenza tra lavoro e vita familiare (OR : svedesi = 1,66 italiane = 2,22) Altri fattori meno evidenti sono i conflitti di ruolo per i maschi svedesi (OR =1,6), o dover svolgere lavori per cui non si ha interesse per le donne svedesi (OR = 1,83) Fattori protettivi Quello che emerge di più tra le donne sono i meeting per discutere le situazioni stressanti al lavoro OR: 0,36 italiane = 0,21 svedesi = 0,36 E tra i maschi svedesi supporti al lavoro quando le cose danno pensiero OR = =0,7 e tra i maschi italiani poter organizzare le proprie ore di lavoro OR = 0,7 ed anche discussioni confidenziali al lavoro circa le proprie esperienze OR = 0,6 RICHIESTA DI CURE PER SALUTE MENTALE Tra i 516 medici, italiani e svedesi, che avevano uno o più indicatori di problemi relativi al benessere mentale ( GHQ >4 e/o esaurimento (Molbi) > 15 e/ o Disaffezione (Molbi) >12 o ideazione suicidaria) hanno chiesto aiuto professionale 109 = 21,2%. Hanno chiesto meno aiuto i maschi, gli italiani, i chirurghi, quelli coinvolti nella ricerca o quelli esposti a chiamate notturne. Hanno chiesto di più aiuto quelli esposti a soprusi o eperienze degradanti. ALCUNI COMMENTI Il disagio esiste ed è attualmente in gran parte lasciato alla autogestione. Per quanto riguarda le donne medico, nonostante il loro crescente numero, ci sono ancora notevoli disugualianze:

16 Un numero minore di donne medico sono sposate e le donne medico hanno meno figli Un numero significativamente inferiore di donne medico lavora nell università, nella ricerca, in chirurgia Le donne percepiscono più difficoltà nel controllo del lavoro Valori di GHQ e Burnout maggiori Maggiori valori nella scala Esaurimento Chiedono di più assistenza specialistica per depressione ed esaurimento Nelle valutazioni preliminari Burnout, Depressione e Ideazione suicidaria correlano con Harrassment, richiesta di aiuto specialistico, e mancanza di supporti organizzativi e sociali C è un forte conflitto tra vita familiare e lavorativa I servizi sociali per le famiglie ed i bambini sono troppo pochi in confronto alle necessità L 0rganizzazzione del lavoro ed i percorsi di carriera si sviluppano ancora su antichi modelli. Prendere coscienza di questi eventi è il primo passo, ma non può non essere affrontato a livello di ricerca di soluzioni, in vari ambiti sia durante la formazione (di base, specialistica, permanente), che nell organizzazione dei servizi sanitari, ed anche dei servizi alla famiglia ed alla persona. I campi di azione da esplorare potrebbero essere tanti, tra cui: training durante il corso di laurea e le scuole di specializzazione organizzazione del lavoro supporti nel luogo di lavoro disponibilità di servizi specialistici informazione supporti alla famiglia E comunque necessario proseguire ed approfondire le ricerche.ed insieme individuare le azioni positive specifiche, attuarle e verificarne l efficacia.

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI 109 S.I.R.I.O. Sistema Integrato di Risultati, Indicatori ed Obiettivi Scheda di valutazione dell attività dei dirigenti Intestazione Periodo di valutazione:

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli