INTRODUZIONE... 1 ESEMPI... 21

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE... 1 ESEMPI... 21"

Transcript

1 I

2 INDICE 1 INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL PROBLEMA MODELLIZZAZIONE DEL COMPORTAMENTO UMANO IN SITI INDUSTRIALI E PROCESSI AZIENDALI Introduzione Il comportamento umano nei differenti settori Sviluppo di modelli relativi al comportamento umano I modelli di MLS I modelli di TMS Enabling technologies ed esempi GIUSTIFICAZIONE DELLO STRUMENTO DI ANALISI: LA SIMULAZIONE GIUSTIFICAZIONE DELLA SCELTA DELLO STRUMENTO DI VISUALIZZAZIONE: LA VISUALIZZAZIONE 3D ESEMPI INTRODUZIONE L ERGONOMIA NELLA PROGETTAZIONE DELLE SALE DI CONTROLLO DELLE UNITA MARITTIME DI PRODUZIONE Overview L ergonomia L ergonomia nell ambiente offshore L ergonomia nelle sale di controllo Le attività operative all interno delle sale di controllo Le condizioni ambientali nelle sale di controllo Il layout La Norma ISO Strumenti applicativi di supporto alle attività di studio dell ergonomia ANALISI SIMULATIVA DELLE PROBLEMATCHE DI ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE A BORDO DEL DD Overview Metodologia Risultati Conclusioni L UTILIZZO DELLA SIMULAZIONE E DELLA VISUALIZZAZIONE COME SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE DELLE NAVI DA CARICO ALL INTERNO DEL PROGRAMMA LPD Overview Obbiettivi Selezione del software di simulazione Descrizione del modello Flessibilità del modello Validazione del modello Risultati della missione Il ruolo della simulazione 3D Conclusioni II

3 3 MODELLI PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO SULLE PIATTAFORME PETROLIFERE INTRODUZIONE SVILUPPO DI UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE E VIUALIZZAZIONE DEGLI SPOSTAMENTI A BORDO DELLE PIATTAFORME PETROLIFERE LO STRUMENTO DI VISUALIZZAZIONE: 3D STUDIO MAX COSTRUZIONE DEL MODELLO 3D COSTRUZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO LOGICO DEGLI SPOSTAMENTI MODELLI PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO SULLE NAVI INTRODUZIONE CETENA S.p.a ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MENSE DI BORDO DESCRIZIONE DEL PROBLEMA SPECIFICO OBBIETTIVI DELL ANALISI SCELTA DELL ARCHITETTURA E DEGLI STRUMENTI PER LO SVOLGIMENTO DELL ANALISI L architettura Scelta dello strumento di simulazione e confronto con possibili alternative Scelta dello strumento di visualizzazione 3D INTEGRAZIONE FRA LO STRUMENTO DI SIMULAZIONE E ED IL SOFTWARE DI VISUALIZZAZIONE DESCRIZIONE DEL SISTEMA REALE Descrizione del layout e delle dimensioni COSTRUZIONE DEL MODELLO DI VISUALIZZZIONE 3D DESCRIZIONE DEL MODELLO CONCETTUALE DEL SIMULATORE IMPLEMENTAZIONE DEL SIMULATORE Parametri di input del simulatore Funzioni obbiettivo VALIDAZIONE DEL SIMULATORE CALCOLO DELLA MSpE e CAMPAGNA SPERIMENTALE Analisi degli Effetti e Progetto Composto Centrale ANALISI DELLA REGRESSIONE E SVILUPPO DI METAMODELLI Verifica dell analisi della regressione Superfici di risposta CONCLUSIONI ALLEGATO A ALLEGATO B ALLEGATO C BIBLIOGRAFIA III

4 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1

5 1.1 DESCRIZIONE DEL PROBLEMA Oggigiorno la crescente necessità di ridurre i costi aziendali per il mantenimento della competitività sul mercato rende sempre più importante lo studio dei processi di produzione e non che vengono svolti all interno dell azienda stessa, con lo scopo di ottimizzarne le prestazioni ove possibile o individuare soluzioni alternative che possano portare dei miglioramenti in termini di tempi e costi. Questa analisi e la conseguente ricerca ed applicazione delle soluzioni o comunque di azioni correttive assume connotati maggiormente critici laddove il sistema in analisi sia soggetto a vincoli di diverso genere; da quelli relativi allo spazio fisico nel caso di necessità di riorganizzazione del layout di produzione per esempio, a quelli di tipo legislativo o normativo, si pensi per esempio al rispetto dei criteri di sicurezza negli ambienti di lavoro soprattutto in caso di aziende con processi di produzione classificati come pericolosi, vincoli legati alla disponibilità economica ed altri ancora. In tali casi, oltre al potenzialmente elevato numero di variabili/parametri che dovremo andare a considerare nell analisi di tali sistemi, ci troveremo a dover per così dire convivere con delle restrizioni che limitano i nostri interventi migliorativi da una parte, ma dall altra, trattandosi di situazioni particolarmente critiche/stressate, anche una apparentemente piccola modifica dei parametri, apportata nel rispetto dei suddetti vincoli, può portare a notevoli miglioramenti dal punto di vista prestazionale ed economico. Un ambiente che mostra alcune di queste caratteristiche di criticità ed altre ancora è rappresentato sicuramente da quello navale, in particolar modo dalla gestione 7degli spazi e delle funzioni dell equipaggio a bordo delle navi, civili e militari o, e per quanto riguarda il campo petrolchimico, a bordo delle petroliere e delle piattaforme petrolifere. Tali sistemi presentano infatti, come accennato precedentemente, degli spazi limitati da una parte e devono essere in grado in primo luogo di sopravvivere in un ambiente per così dire ostile quale il mare, soggetti a condizioni ambientali assai mutevoli ed a volte estreme;in secondo luogo questi sistemi complessi devono garantire il corretto svolgimento delle operazioni specifiche(a 2

6 volte si tratta anche di sistemi complessi multifunzione o multimissione ), per le quali essi sono stati progettati. Si può da subito intuire come detti sistemi siano per certi aspetti soggetti a vincoli maggiormente rigidi e complessi rispetto ai sistemi azienda precedentemente menzionati, per lo studio dei quali l approccio classico della ricerca operativa basato principalmente sull utilizzo dei valori medi delle grandezze significative risulta solitamente soddisfacente. Nei casi relativi alle navi di diverso genere appena menzionati invece, tale approccio risulta invece corretto in situazioni di regime mentre presenta delle lacune per quanto riguarda l analisi di fasi transitorie, particolari di tali sistemi( si pensi alle operazioni di attracco di una generica nave o a quelle relative alle fasi di attacco bellico per una nave militare). In questi casi vale dunque la pena utilizzare delle differenti enabling technologies disponibili oggigiorno, quali la simulazione e la realtà virtuale, che risultano più adatte per la rappresentazione e l analisi dei differenti scenari relativi a tali sistemi dinamici complessi. Gli ambiti all interno di tale filone centrale relativo allo studio del sistema nave nei quali è possibile nonché conveniente adottare tale approccio sono svariati e vanno dalla progettazione di strutture multipostazioni, all analisi dell ergonomia delle postazioni stesse in termini di funzionalità e sicurezza, alle problematiche della cosiddetta micrologistica (si pensi alla movimentazione di cibo e materiale bellico)a bordo, alla valutazione della convenienza dell introduzione di nuove tecnologie (i.e. nelle mense di bordo) nonché ai modelli comportamentali relativi all uomo all interno di tali ambienti. 3

7 1.2 MODELLIZZAZIONE DEL COMPORTAMENTO UMANO IN SITI INDUSTRIALI E PROCESSI AZIENDALI Introduzione Proprio quest ultimo aspetto per esempio, costituisce in generale un problema stimolante in ambito di Modelling and Simulation ; al momento sono infatti in svolgimento delle ricerche importanti in tale area relative alla possibilità di riprodurre il comportamento umano in differenti strutture, con particolare attenzione a scenari militari complessi che coinvolgano entità non convenzionali quali rivoltosi, civili e terroristi. Lo studio del comportamento umano risulta inoltre molto interessante anche per quanto riguarda le applicazioni in ambito industriale nel quale si stanno cercando degli approcci per modellizzare e migliorare la simulazione dei processi. Il comportamento umano costituisce un sistema assai complesso ampiamente studiato dagli esperti del settore che hanno tradizionalmente enfatizzato modelli qualitativi difficilmente integrabili all interno di una struttura di simulazione. L elaborazione di modelli per il comportamento umano adatti alla simulazione costituisce una sfida tipica in ambito militare ed un aspetto importante in diversi nuovi modelli relativi allo studio dei mercati e del business in generale;alcune problematiche relative a tali ambiti potrebbero essere affrontate definendo almeno un contesto specifico in modo da poter rispondere per mezzo delle conoscenze e delle tecnologie attuali a tali necessità;per esempio potrebbe essere possibile stabilire dei requirements per quanto riguarda il business ed i siti industriali e verificare la possibilità di sviluppare e utilizzare dei modelli comportamentali. Tuttavia risulta molto critico procedere con la ricerca in tale direzione in modo da stimare gli effettivi benefici portati dall integrazione dei suddetti 4

8 comportamenti umani all interno di applicazioni specifiche in modo da poter confrontare il payback di questi ulteriori sforzi con altri aspetti quali la necessità di una ampia raccolta dati, la validazione degli stessi, la manutenzione del modello e la affidabilità Il comportamento umano nei differenti settori Il comportamento umano, con particolare riferimento alle aziende manifatturiere od ai relativi siti, influisce pesantemente sulle prestazioni complessive di tali sistemi;l analisi di tali effetti può essere dettata dal tentativo di raggiungere due obbiettivi principali: fornire supporto alla modellizzazione dei layout o dei movimenti in modo da creare delle riproduzioni realistiche delle operazioni relative ai processi considerando anche l impatto delle infrastrutture e delle facilities sulle prestazioni globali dei sistemi. fornire supporto alla modellizzazione delle performance considerando l effetto dei singoli individui sul team work. Il primo aspetto può essere definito come Micro-Logistics-Simulation (MLS) e può essere affrontato con l adozione di un sistema di coordinate e la definizione di un network per i movimenti e le azioni che comprendano delle risorse (p.es. la formazione e la localizzazione delle code all interno di un self-service e la loro interazione con le persone che entrano in tale locale). Il secondo aspetto può essere modellato identificando dei parametri principali per ogni soggetto basati su profili psicologici e cercando di inglobare tale modello nella performance complessiva di un team impegnato nello svolgimento di un determinato compito;ovviamente le operazioni nonché le condizioni di contorno influenzano dinamicamente i differenti parametri dei personaggi durante la simulazione. 5

9 In tale modello è inoltre necessario definire un struttura gerarchica all interno dei gruppi in modo che l aggregazione di elementi di diverso livello porti a differenti profili di reazione; tale aspetto può essere pertanto definito come Team work simulation (TWS). Considerando la complessità di tali problematiche è tuttavia necessario motivare lo sviluppo di tali modelli con il conseguimento di benefici effettivi in termini prestazionali ed economici. Le applicazioni di tali concetti possono trovare spazio, oltre che nei settori precedentemente menzionati, anche nella riorganizzazione funzionale e nello studio dell ergonomia a bordo di piattaforme petrolifere e di navi in generale, ambiti in cui gli aspetti di Micro Logistica risultano estremamente interessanti sia come supporto alle attività di progettazione che per la definizione di nuove procedure operative e processi. Un altro esempio calzante è rappresentato dal caso relativo ad un modello di azienda o di altra struttura nel quale i processi vengano riprodotti mediante simulazione dinamica o ad eventi discreti, riportando l intero carico di lavoro e valutando l adeguatezza di differenti strutture organizzative. In tal caso una classica applicazione di tali concetti può essere rappresentata dalla riproduzione delle prestazioni dell azienda e dalla creazione di apprezzabili animazioni; ovviamente incrementando il livello di dettaglio saranno necessari maggiori sforzi per definire i percorsi, le localizzazioni, le diverse alternative ed altro ancora. A tale proposito potrebbe risultare interessante verificare la possibilità di utilizzare una persona virtuale in grado di svolgere delle attività relative alla MLS all interno della struttura aziendale o di strutture di altro genere (p.es. movimenti all interno delle strutture e fra 2 differenti siti, attività collaterali quali pausa caffè, pausa pranzo ed altre ancora). Ovviamente risulta anche particolarmente interessante a tale proposito verificare l effetto dell affinità esistente fra gli impiegati considerando la natura dinamica dell assegnazione dei task, dei jobs e del team work ;da questo punto di vista l uso della TMS aumenta sicuramente la validità del modello. 6

10 Nonostante ciò risulta comunque conveniente effettuare un analisi critica del livello di affidabilità di tali applicazioni, essendo infatti il bilanciamento fra il livello di dettaglio e i benefici effettivi nell applicazione della TMS e della MLS al Business Process Re-Engineering, alla Process Analysis ed alle relative problematiche assai critico. A tale proposito risulta particolarmente importante considerare i principali drivers decisionali quali il tempo di sviluppo, la quantità di dati a disposizione e la loro reperibilità, il set up del modello nonché le sue validazioni Sviluppo di modelli relativi al comportamento umano Fino ad oggi sono stati effettuati molti studi relativi alla personalità delle persone e alla loro capacità di relazionarsi con i personaggi coi quali convivono nell ambito operativo; basandosi sulle metodologie sinora sviluppate ed applicando i criteri sperimentati oggigiorno è possibile acquisire informazioni relative a specifici casi applicativi. Tale modellizzazione del comportamento umano può consentire una comprensione più puntuale della realtà e comportare pertanto dei benefici organizzativi e gestionali; allo stesso tempo tuttavia l aumento di dettaglio e quindi di complicazione di queste analisi comporta sicuramente dei costi addizionali tanto da rendere necessaria una verifica della convenienza delle stesse. Nel caso specifico di modelli comportamentali di simulazione dovrebbero essere affrontate le seguenti problematiche: Determinazione del livello di complessità del modello comportamentale necessario per il caso specifico. Quantificazione della fattibilità di acquisire la conoscenza del caso applicativo e di rappresentarlo quindi in maniera quantitativa. Valutazione della quantità di risorse in termini di tempo, personale e denaro necessarie per lo svolgimento delle analisi iniziali. 7

11 Valutazione delle risorse di tempo, personale e denaro necessarie per mantenere tale modello aggiornato. Valutazione di tempi e costi di sviluppo dei modelli di simulazione e loro messa in opera a fronte di un adeguata VV&A (Verification, Validation and Accreditation) che ne determini l affidabilità e la precisione soprattutto in riferimento ai modelli che non considerano gli aspetti relativi al human behaviour. Valutazione dei benefici globali offerti dai suddetti modelli rispetto a simulatori tradizionali basati su valori medi di prestazioni che non comprendono l influenza del comportamento umano. Valutazione in prospettiva dei benefici raggiungibili operando sul campo grazie alla modellizzazione maggiormente dettagliata. Una volta affrontate tali problematiche sarà possibile quantificare e comprendere se sia conveniente o meno investire nello sviluppo di simulatori che comprendano modelli comportamentali umani ad hoc per i differenti casi applicativi. Sotto questo profilo risulta fondamentale capire se detti simulatori possano essere mantenuti aggiornati e quindi validi nel tempo; è possibile infatti che, per garantire un elevata affidabilità del modello, sia necessaria una grande quantità di dati, eventualmente anche molto dettagliati e/o difficili da rilevare. Se tali informazioni devono essere mantenute aggiornate a per via della crescita personale e professionale delle risorse e dell introduzione o del cambiamento degli addetti coinvolti, risulta evidente come sia fondamentale valutare i costi dell introduzione di tali sofisticazioni del modello. Il miglioramento conseguente all utilizzo di tali strumenti potrebbe inoltre essere troppo esiguo tanto da non giustificarne gli sforzi per lo sviluppo e da consigliare invece l abbandono a priori di tali studi. 8

12 1.2.4 I modelli di MLS Gli aspetti di MLS (Micro-Logistic-Simulation) sono molto sentiti in ambito militare per esempio ma stanno acquistando notevole rilievo anche in quello civile, soprattutto nei casi in cui si sia costretti ad operare in presenza di spazi limitati, ed i movimenti del personale risultino pertanto particolarmente critici e complessi. Con riferimento al campo militare per esempio: il rapporto umano, l efficienza, la rapidità di esecuzione delle operazioni giocano un ruolo fondamentale nell efficacia di una missione e la mancata o non corretta gestione di tali aspetti può avere conseguenze decisive per il successo delle stesse. Tali problematiche diventano ancora più marcate in ambienti operativi molto stressanti come le navi od i sommergibili che costituiscono sistemi complessi in cui i rapporti interpersonali sono necessariamente molto stretti; in queste situazioni uno studio della micro logistica può fornire un valido e positivo contributo. Nel caso delle navi per esempio una riduzione del personale di bordo potrebbe essere una scelta strategica importante, in quanto l impiego di un numero ridotto di membri dell equipaggio a fronte di un adeguato grado di automazione ed affidabilità dei relativi sistemi principali e secondari potrebbe rendere disponibile una maggiore quantità di spazio da adibire sia alle strutture per il riposo (p.es. alloggi, sale ricreative) che a quelle operative ( uffici, locali macchine). Tale aumento della disponibilità di spazio a bordo si può riflettere positivamente anche sulle aree di stoccaggio che potrebbero dunque essere ampliate. Alcuni studi hanno in passato evidenziato come un miglioramento della qualità della vita conseguente ad un incremento degli spazi disponibili ed un aumento delle quantità di acqua e cibo stoccato a bordo per il mantenimento di un equipaggio tra l altro ridotto come numerosità, possano aumentare drasticamente l autonomia delle missioni sia in condizioni normali che in situazioni critiche. Ovviamente una razionalizzazione degli spazi comporta vantaggi ancora più evidenti se applicata ad ambiente maggiormente critici come per esempio i 9

13 sommergibili, in cui ogni metro cubo di aria guadagnato comporta non solo un maggiore spazio a disposizione per chi debba operare a bordo ma anche un significativo abbattimento dei costi a fronte di un notevole aumento delle prestazioni. Per poter attuare tali progetti di miglioramento è tuttavia necessario effettuare un intervento di forte automazione che consenta di sviluppare postazioni multifunzionali che presentino elevati livelli di ridondanza ed affidabilità in modo da garantire un carico di lavoro compatibile con i suddetti organici ridotti; per una positiva applicazione ai casi reali, come vederemo nel capitolo successivo per mezzo di un esempio esplicativo, tale processo deve ovviamente coincidere con un adeguata integrazione della formazione degli operatori di modo che essi acquisiscano la necessaria caratteristica di polifunzionalità. Si renderà inoltre necessaria un attenta analisi per la definizione di procedure e specifiche operative capaci di fornire prestazioni equivalenti in termini di efficienza in condizioni critiche; attività che prima del processo di incremento di automatizzazione richiedono l intervento di 2 o 3 risorse possono invece successivamente essere affidate ad un unico operatore grazie alla definizione ed all introduzione di opportune procedure operative e sistemi automatici progettati tramite l utilizzo della simulazione. E evidente come, trattandosi di problematiche caratterizzate da un elevata interazione fra numerose variabili e dalla presenza di un elevato carattere aleatorio, la modellizzazione di tali sistemi ed operazioni con l integrazione del comportamento umano possa fornire un contributo rilevante allo sviluppo di soluzioni innovative. I dati forniti dalle analisi simulative sono in grado di fornire un supporto significativo qualora si debbano effettuare scelte che riguardino per esempio l organizzazione delle attività da svolgere in un determinato sistema (organizzazione funzionale, come vedremo meglio in seguito), il livello ed i sistemi nonché le procedure di automazione da adottare, procedure di intervento in casi di emergenza e la gestione degli spazi, che sarà in particolare oggetto di esempi esplicativi ed applicativi nei capitoli successivi. 10

14 Considerando come esempio sempre il sistema nave, risulta evidente come la sua efficienza sia dovuta principalmente alla professionalità dell equipaggio, ma nonostante ciò uno studio dettagliato della micro logistica di bordo può consentire di ottenere obbiettivi qualitativi di livello elevato in termini di efficienza delle operazioni ausiliarie (p.es. carico/scarico viveri), delle procedure di emergenza (p.es. interventi antincendio), della gestione delle situazioni critiche (p.es. disposizione robusta del personale ridotto). Tale innovativa gestione della logistica di bordo può rendere possibile un effettiva diminuzione del personale nonché, per mezzo del cosiddetto effetto a cascata, il conseguimento di diversi altri benefici di carattere economico ed organizzativo. Problemi analoghi, anche se di evidenza e con impatto minore, sono presenti e possono essere affrontati anche in ambito industriale, considerando simili problematiche in relazione ad un azienda, un gruppo di lavoro, un cantiere, un edificio; si pensi per esempio ad un ufficio in cui le postazioni di lavoro siano collocate all interno di un area ristretta e sia inoltre necessaria una massiccia condivisione di risorse tale da stressare l insorgere di conflitti e problemi in generale. In un contesto nel quale i rapporti interpersonali generino significativi livelli di ostilità reciproca è naturale che si crei una situazione di disagio ed una conseguente diminuzione della produttività degli addetti che sarebbe opportuno evitare tramite una corretta gestione degli spazi e delle attività appunto I modelli di TMS Ovviamente il problema appena citato presenta un maggiore grado di complessità rispetto a quello proposto: in alcuni casi infatti, come per esempio con la nascita di positive spinte di competitività, possono essere generati benefici per l azienda dovuti alla precedentemente descritta stretta e forzata convivenza ; la presenza di uno spirito di sana competitività tra le persone può 11

15 infatti aumentarne la resa e la crescita professionale delle stesse e può quindi rivelarsi come elemento estremamente positivo. Come già accennato in precedenza, non sono solo gli aspetti di comunicazione e di micro-logistica ad influenzare il comportamento umano, ma è necessario anche valutare l opportunità di sviluppare modelli che rappresentino il comportamento umano all interno di un gruppo di lavoro. Nel caso specifico di coesistenza in ambito operativo citato, i compiti assegnati possono prevedere l impiego di risorse con caratteristiche caratteriali conflittuali; l influenza di tali elementi può generare una risposta negativa per quanto concerne l efficienza del sistema ed addirittura la corretta esecuzione delle attività; le risposte individuali sono infatti influenzate dalle situazioni presenti al contorno. Quello che viene definito in maniera del tutto generica come ambiente, pesa sistematicamente sulle reazioni e quindi anche sulle prestazioni dei soggetti in esame; l insieme delle risposte soggettive sottoposte a verifica incrociata con le differenti condizioni ambientali genera un ampia casistica di comportamenti. Lo sviluppo di un modello che valuti l impatto in termini logistico-gestionali delle risposte individuali alle sollecitazioni esterne richiederebbe la conversione in parametri di una mole effettivamente considerevole (e comunque mai esaustiva) di dati comportamentali. Potrebbe dunque risultare maggiormente conveniente a livello operativo delimitare l analisi all aspetto di produttività: il livello delle prestazioni di ciascun individuo, tenendo conto solo di alcune sollecitazioni interne ed esterne, potrebbe fornire un input più corretto ad un modello innovativo di TMS. In generale i modelli MLS & TMS devono considerare aspetti sia legati alla logistica dei movimenti che alle interazioni all interno della stessa nonché quelli inerenti alle problematiche di comunicazione; effettivamente i modi e le necessità di comunicazione ed interazione all interno dell azienda determinano la convenienza o meno di sviluppare soluzioni MLS da integrare nei simulatori. Ovviamente i modelli TMS che consentono di affinare la valutazione delle performance di un team non debbono essere viste come alternativa all impiego 12

16 delle analisi del comportamento individuale ma piuttosto come integrazione che permetta di passare ad una più accurata riproduzione della realtà. E stato infatti già accennato in precedenza come una scelta che in prima battuta poteva sembrare banale quale la disposizione delle persone in un ufficio, possa creare benefici o svantaggi a seconda delle caratteristiche delle persone stesse ed alle misure adottate in fase di organizzazione del lavoro; tale concetto non può tuttavia fare dimenticare che il lavoro individuale risulta sempre fondamentale e che bisogna effettuare considerevoli sforzi per renderlo il migliore possibile dal punto di vista delle condizioni ambientali ed operative. Come vedremo meglio nel capitolo successivo, lo studio che si occupa degli aspetti appena indicati prende il nome di ergonomia, la quale si occupa principalmente di adattare il lavoro all uomo e non viceversa. Si pensi per esempio ad un lavoro fortemente ripetitivo che possa comportare disagio fisico, alienazione e stress per l operatore; la perdita di efficienza e di concentrazione derivante da una situazione del genere è una tra le cause più frequenti di incidente sul posto di lavoro. Tali infortuni non rappresentano tra l altro solamente un danno per l operatore ma per l intera azienda (assenza del personale) e per la struttura sociale in generale (aumento delle spese). In presenza di un lavoro spiccatamente ripetitivo può risultare quindi conveniente far cambiare in maniera sistematica le mansioni agli operatori, diminuendo così il rischio dell insorgere dei precedentemente nominati fenomeni di malessere, alienazione e deconcentrazione e contribuendo inoltre alla formazione di risorse polivalenti ed intercambiabili capaci di svolgere con efficienza attività differenti. Un esempio di studio dell ergonomia è rappresentato dall osservazione accurata di una persona che svolga delle operazioni di lavoro in modo da determinare i movimenti più efficaci ed ottimizzare il lavoro sia dal punto di vista del comfort dell operatore che allo stesso tempo da quello dell efficienza del sistema. L esempio appena citato comporta uno studio dettagliato e pertanto dei costi crescenti ovviamente al crescere del livello di dettaglio stesso e risulta pertanto 13

17 necessario verificare l effettivo vantaggio che un analisi così precisa può apportare. Ultimamente comunque la modellizzazione del comportamento umano è spesso utilizzata nello sviluppo di ambienti virtuali e può risultare più o meno spinta sia dal punto di vista della realizzazione grafica che da quello dell interazione col sistema in cui viene inserito Enabling technologies ed esempi Recenti studi hanno dimostrato come l addestramento delle persone e la loro responsabilizzazione nello svolgimento del proprio lavoro risulti maggiormente redditizia utilizzando processi di elaborazione interattiva, quali ad esempio i simulatori, piuttosto che adoperando video che mostrino metodologie operative od eventuali situazioni critiche che possano verificarsi sul lavoro. Un esempio concreto di modellizzazione dell uomo è applicato alla simulazione real time di mezzi di trasporto pesante o di cantiere quali gru, carrelli a forche ed altri. Tali simulatori vengono impiegati per l addestramento di futuri camionisti e gruisti i quali, oltre ad imparare a manovrare il mezzo che andranno a guidare nella realtà, s abituano a prestare particolare attenzione all ambiente circostante, in particolare alle persone che si trovino nelle vicinanze delle aree di manovra. Nella modellizzazione dei sistemi di comunicazione stradale, di cantieri di lavoro e terminal container per esempio, in cui le esigenze di sicurezza crescono continuamente, la risorsa umana e quindi la sua modellizzazione nell ambiente di simulazione risulta imprescindibile. Si pensi ad un cantiere di lavoro in cui generalmente cooperano diversi mezzi pesanti ed in cui quindi le caratteristiche di attenzione e concentrazione sul lavoro siano fondamentali; nella realtà il movimento improvviso di una persona o l assunzione di una posizione pericolosa possono avere conseguenze drammatiche. Con l inserimento del comportamento umano in tali ambienti di 14

18 simulazione possono essere riportate e ripetute le situazioni precedentemente descritte con il grande vantaggio dell assenza di conseguenze reali. Allo stesso modo un operatore che apprenda l utilizzo di un mezzo pesante può rendersi conto di cosa possa generare una manovra effettuata con poca prudenza o la semplice e momentanea perdita di concentrazione sul lavoro. Un ulteriore esempio che può essere apportato è quello relativo al simulatore di un camion (autoarticolato per la precisione) in cui sono stati modellizzati dei pedoni che assumano dei comportamenti pericolosi lungo il percorso affrontato dal mezzo; un imprudenza che possiamo riscontrare nella vita di tutti i giorni per esempio è certamente rappresentata dall attraversamento improvviso della strada da parte dei pedoni. Essendo il simulatore del camion uno strumento realizzato per l addestramento dei conducenti, non è possibile trascurare al suo interni i suddetti imprevisti; il tool di simulazione sviluppato prevede pertanto la presenza di pedoni o automobilisti che compiano delle manovre imprudenti ed indisciplinati lungo il percorso. Tipicamente i pedoni attraverseranno la strada sulle strisce pedonali ma con atteggiamenti repentini ed incontrollati. Detto comportamento viene garantito da un algoritmo che riceve in input numerosi parametri, tra cui la posizione del veicolo guidato dall utente del simulatore real time, e consente dunque di rappresentare il carattere di imprevedibilità di dette situazioni. Il modello di simulazione è inoltre reso ulteriormente dettagliato e di conseguenza maggiormente aderente alla realtà dalla presenza di condizioni atmosferiche variabili e per così dire avverse quali ad esempio una riduzione di visibilità (dovuta alla nebbia) e la caduta di pioggia di intensità variabile (con il conseguente aumento della possibilità di perdere il controllo del mezzo). E possibile riscontrare la modellizzazione del comportamento umano anche in un altro simulatore per i mezzi di movimentazione dei container, i cosiddetti constaker ; tale strumento prevede la possibilità di simulare differenti scenari, quali tra gli altri le operazioni svolte all interno di un terminal container, e prevede l integrazione dei modelli di human behaviour principalmente per la considerazione di aspetti legati alla sicurezza delle persone stesse; basti pensare ad una persona che debba effettuare delle rilevazioni di un generico 15

19 container e che sia dunque soggetta a numerosi rischi connessi agli spostamenti all interno di tale area per la movimentazione dei carichi pesanti. All interno dei suddetti terminal si spostano infatti numerosi autoarticolati e mezzi per la movimentazione dei container con la conseguente presenza di carichi sospesi, un ulteriore rischio che si aggiunge alla circolazione dei mezzi pesanti; modellizzando il comportamento delle persone in tale ambiente è possibile riprodurre oltre che alle manovre anche le situazioni di pericolo o gli incidenti e le conseguenze più o meno gravi ad essi connessi. Nell utilizzo della Realtà Virtuale per rendere l addestramento il più efficace possibile è dunque importante immergersi nella maniera più completa possibile nel sistema in esame in modo da trarre il maggior vantaggio dalle esperienze simulate in termini di scenari, operazioni svolte, incidenti che devono essere quanto più possibile evitati nella realtà. In conclusione, come vedremo nei casi presentati nei successivi capitoli, può risultare conveniente affrontare in certi casi gli effetti delle interazioni fra gli aspetti psicologici e comportamentali delle persone e dellle caratteristiche degli ambienti in cui operano, soprattutto se questi ultimi presentano particolare limitatezza degli spazi o forte stress dovuto a condizioni e situazioni operative critiche, con la resa in termini di produttività delle risorse; a tale proposito una valutazione delle prestazioni delle risorse può essere svolta, come vedremo in seguito, a partire da un approccio di MLS e/o TMS, ovvero Micro Logistic Simulation & Team Work Simulation. 16

20 1.3 GIUSTIFICAZIONE DELLO STRUMENTO DI ANALISI: LA SIMULAZIONE In letteratura è possibile trovare numerose e differenti definizione della parola simulazione ; una delle definizioni che esprime meglio a nostro avviso tale strumento e le potenzialità che esso possiede è sicuramente quella riportata da Jerry Banks nel Handbook of Simulation da lui stesso redatto in cui viene scritto: Simulation is the imitation of the operation of a real-world process or system over time. Simulation involves the generation of an artificial history of the system and the observation of that artificial history to draw inferences concerning the operating chracteristics of the real system that is represented. Simulation is used to describe and analyze the behaviour of a system, ask what-if questions about the real system, and aid in the design of real system. Both existing and conceptual systems can be modeled with simulation. La simulazione è di fatto la riproduzione della realtà tramite l utilizzo di modelli su computer: essa permette di costruire un ambiente virtuale e implementare scenari dinamici con lo scopo di analizzare e ottimizzare i sistemi reali. La simulazione offre quindi la possibilità di svolgere analisi relativamente rapide ed economiche sul modello virtuale, before cutting metal per così dire, per agire solo in seguito, una volta determinati i valori delle variabili significative che portano il sistema in una condizione di ottimo o comunque di raggiungimento degli obbiettivi prefissati, sul sistema fisico ed apportare le modifiche necessarie. Lo strumento di simulazione rappresenta un mezzo particolarmente utile per riprodurre sistemi complessi, studiarne il comportamento, fornire dati quantitativi valicati in seguito con apposite tecniche statistiche e cercare di prevederne il 17

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE Analisi dinamica dei dati dei questionari per le biblioteche di pubblica lettura. GLI INDICATORI Gli indicatori sono particolari rapporti

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP DOVE L AZIENDA TROVA IL SUO SERVIZIO GLOBALE Pensate a tutti i servizi che devono essere attivati per assicurare alla vostra

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

TOTALE 141.642,87 187.960,09

TOTALE 141.642,87 187.960,09 Sistema di incentivazione del personale Tecnico-Amministrativo Anno 2014 Linee guida Premessa Nell ambito del contenimento della spesa del pubblico impiego, il D.L. 78/2010 (L. 122/2010) decurta sensibilmente

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società La Società G & A S.p.A. nasce dalla fusione dei rami d azienda trasporto prodotti petroliferi di AUTOSPED G S.p.A. e AGOGLIATI G. & B. S.r.l. G & A S.p.A. opera nel settore

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo Confronti con ISM Cap. Cosimo Sforza D.P.A. & C.S.O. Motia Compagnia di Navigazione SPA Cos è la Sicurezza La scienza della sicurezza è la disciplina che

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Lezione 7 - A Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Caso di Studio: Azienda Portuale Analisi dei Requisiti Metodologia di Progetto Comprende la creazione di tre modelli rappresentati

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE -

PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE - PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE - A cura di Maria Grazia Accorsi 1 La fase di valutazione è strettamente collegata - alla definizione dei risultati di apprendimento

Dettagli

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group.

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group. BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 E-mail info@blue-group.it Il Cilea, l Engineering nel settore dell industria

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica In vigore dal 27.10.2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

Challenge Network Gamification

Challenge Network Gamification Challenge Network Gamification Gamification - Premessa L introduzione di concetti come: punti, livelli e sfide all interno di un percorso formativo, incoraggia gli utenti ad investire il proprio tempo,

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NEI SERVIZI FIDUCIARI IN GENERE; NELLA IMPLEMENTAZIONE DELLE PIÙ INNOVATIVE TECNOLOGIE A DISPOSIZIONE NEL CAMPO.

PROFILO AZIENDALE NEI SERVIZI FIDUCIARI IN GENERE; NELLA IMPLEMENTAZIONE DELLE PIÙ INNOVATIVE TECNOLOGIE A DISPOSIZIONE NEL CAMPO. PROFILO AZIENDALE LA CON. SER. SRL,È DA RITENERE, ALMENO PER QUANTO RIGUARDA IL CENTRO SUD, A LIVELLI NOTORIAMENTE OTTIMALI, GRAZIE AL SUO ORGANICO CHE CONSTA DI ESPERTI E PROFESSIONISTI NELLA FORNITURA

Dettagli

AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI

AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI Estetista AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI PER MACROSETTORE, FAMIGLIA E QUALIFICA Tecnologia e processi operativi 1 MACROSETTORE: SERVIZI AllA PERSONA FAMIGLIA PROFESSIONALE: SERVIZI ALLA

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli