Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015"

Transcript

1 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015

2 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull anagrafe tributaria Il sistema delle banche dati dell Agenzia del demanio La banca dati immobiliare REMS (Real Estate Management System) Il Portale PA Individuazione dei beni censiti e possibilità di estensione agli EE.TT. Intercomunicabilità/integrazione con altre Amministrazioni Rapporti tra Agenzia del demanio ed EE.TT. per la gestione del loro patrimonio immobiliare 2

3 Il sistema delle banche dati dell Agenzia del demanio L Agenzia del demanio detiene una mole estremamente rilevante di informazioni relative al patrimonio immobiliare dello Stato che gestisce attraverso un sistema integrato di banche dati: REMS (Real Estate Management System): è la banca dati immobiliare attraverso la quale l Agenzia cataloga e gestisce i beni dello Stato appartenenti al patrimonio disponibile e indisponibile e al demanio storico artistico. È, inoltre, lo strumento attraverso il quale avviene la comunicazione telematica con la Ragioneria Generale dello Stato per la predisposizione del Conto Generale del Patrimonio. Portale PA: è uno strumento ideato dall Agenzia del demanio per governare le razionalizzazioni e consentire alle Amministrazioni statali di adempiere agli obblighi di comunicazione prescritti dalle specifiche disposizioni normative. Tale sistema, implementato direttamente dalle Amministrazioni statali, consente di acquisire le informazioni relative alla previsione triennale dei fabbisogni allocativi, ai costi d uso e ai consumi energetici di ciascun utilizzo, nonché di determinare e valutare gli indicatori di performance. Tali sistemi sono descritti più compiutamente nelle slide seguenti. 3

4 La banca dati immobiliare REMS (Real Estate Management System) Il sistema informativo immobiliare dell Agenzia REMS è funzionale alla gestione dei immobili statali appartenenti al patrimonio (disponibile ed indisponibile) ed al demanio storico artistico per un valore complessivo di 59,7 mld/. Il 70% dei beni è costituito da fabbricati che rappresentano oltre il 90% del valore complessivo. di cui fabbricati e terreni DEMANIO STORICO ARTISTICO; ,3 mld/ PATRIMONIO DISPONIBILE; ,7 mld/ * di cui fabbricati e terreni PATRIMONIO INDISPONIBILE; ,6 mld/ di cui fabbricati e terreni Fonte: Conto Generale del Patrimonio al 31/12/2014 * Comprende 170 beni su cui gravano diritti reali a favore di terzi 4

5 La banca dati immobiliare REMS (Real Estate Management System) Le informazioni contenute nella banca dati, oltre ad avere uno scopo puramente conoscitivo, sono finalizzate anche a supportare i processi gestionali propri dei beni pubblici ed a redigere annualmente il Conto Generale del Patrimonio attraverso lo scambio telematico delle informazioni con le Ragionerie provinciali e con la Ragioneria Generale dello Stato. Le informazioni sono classificabili, in funzione della loro natura, in: tecnico-fisiche: relative alle caratteristiche tecnico-fisiche degli immobili (superfici, volumi, valore, dati catastali, caratteristiche costruttive, destinazione d uso, etc.) amministrative: relative agli aspetti amministrativi (categoria patrimoniale, codice SEC - sistema europeo dei conti - modalità d acquisizione, etc.) e di gestione delle occupazioni (utilizzatori presenti, tipologie contrattuali, scadenzari, etc.) contabili: relative alle funzioni di cassa (emissione, massiva e puntuale, dei modelli di pagamento F24 collegati alle utenze e riconciliazione dei pagamenti grazie al dialogo con il Sistema Anagrafe Tributaria dell Agenzia delle Entrate, gestione dell intera procedura di sollecito dei crediti non riscossi fino all iscrizione a ruolo del titolo, adeguamento automatico ISTAT dei canoni) documentali: relative all archiviazione e gestione dei documenti collegati al bene: amministrativi, tecnici, immagini. A titolo esemplificativo, sono presenti oggi a sistema oltre documenti amministrativi, oltre documenti tecnici ed oltre fotografie. cartografiche: relative alla localizzazione geografica dei beni su base cartografica. Attraverso un sistema GIS (Geographical Information System) è possibile visualizzare i beni dei portafogli gestiti sul territorio con il corredo informativo di oltre 300 tematismi. 5

6 La banca dati immobiliare REMS (Real Estate Management System) Di seguito si riportano, a titolo di esempio, alcune informazioni caratteristiche di ogni tipologia. TECNICO FISICI AMMINISTRATIVI CONTABILI Anagrafica del bene (codici, localizzazione, descrizione) Modalità di acquisizione/atto di provenienza Canone ARCHIVIO DOCUMENTALE Immagini TEMATISMI CARTOGRAFICI Confini regionali, provinciali, comunali Anno/Epoca di Costruzione Descrizione Utenza Aggiornamento ISTAT Titoli di proprietà Porti, aeroporti e ferrovie Valore Stimato Natura occupazione /Normativa di riferimento Periodicità emissione Verbali di consegna/dismissione OMI - Osservatorio del Mercato Immobiliare Superficie di Sedime Data Prima Occupazione Schedualzione massiva/puntuale Verbali di ispezione Parchi Regionali e Riserve Naturali Superficie Lorda Data Stipula Importo emesso Atti e contratti di utenza Classificazione sismica Superficie Fondiaria Data Inizio Utenza Importo riscosso Planimetrie Idrografia Fluviale e lacuale Volume Data Scadenza Utenza Credito residuo Documentazione catastale Uso del suolo Nr Piani Ufficio Prima richiesta pagamento Elaborati grafici Piani regolatori Destinazione d'uso Superficie Totale Consegnata Seconda richiesta pagamento Documenti estimali Vincoli Stato Manutenzione Valore Totale Consegnato Iscrizione a ruolo Certificazioni di varia natura Agibilità Sistemi Territoriali di sviluppo Piani particolareggiati Ubicazione Piani attuativi 6

7 La banca dati immobiliare REMS (Real Estate Management System) L organizzazione dei dati, di qualsiasi tipologia, è legata all articolazione fisica del bene. Ogni entità è individuata da una codifica univoca che lo collega all entità padre da cui deriva. La codifica principale, legata alla scheda/atto di provenienza è costituita da una sequenza alfanumerica che consente di individuare la provincia di appartenenza, la classificazione amministrativa del bene (es. patrimonio, demanio storico artistico, dotazione del Presidente della Repubblica, miniere, diritti reali di godimento dello Stato su beni di terzi e di terzi su beni dello Stato), codice numerico registrato presso la RGS. Provincia RM B 1234 Patrimonio Registro RGS Di seguito è schematizzata la gerarchia degli elementi fisici rappresentati in banca dati; il fabbricato e l area, c.d. cespiti, sono le entità di riferimento anche in virtù del fatto che costituiscono il livello prescelto di interlocuzione con la RGS. Scheda Il sistema è strutturato per gestire anche livelli di maggiore dettaglio qualora se ne ravvisi l esigenza operativa EDIFICATI Complesso Unità comune Ambiente Fabbricato Unità immobiliare Unità accessoria NON EDIFICATI Area Terreno Porzione RM: Indica la provincia in cui è ubicato il bene B: Indica la classificazione amministrativa del bene (es. B patrimonio) 1234: Rappresenta il codice di registrazione presso la Ragioneria Generale dello Stato 7

8 Il Portale PA Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull anagrafe tributaria Il Portale PA è lo strumento che supporta l Agenzia del demanio nell espletamento degli specifici processi finalizzati a soddisfare le esigenze istituzionali delle Amministrazioni statali quali: predisposizione dei piani di razionalizzazione degli spazi, elaborati anche con riferimento al rapporto mq/addetto calcolato automaticamente dal Portale PA sulla base delle informazioni inserite a sistema dalle Amministrazioni adozione - in qualità di manutentore unico - delle decisioni di spesa relative agli interventi manutentivi da effettuare su immobili di proprietà dello Stato assegnati in uso governativo o di proprietà di terzi utilizzati a qualsiasi titolo dalle Amministrazioni statali determinazione degli indicatori di performance in termini di costo d uso/addetto, elaborati sulla base delle informazioni, comunicate dalle Amministrazioni, relative ai costi per l uso degli edifici di proprietà dello Stato e di soggetti terzi. Il Portale PA si articola nelle sezioni: RATIO (Rilevazione periodica fabbisogni allocativi ) SIM (Rilevazione periodica Spese per Interventi Manutentivi) PTIM (Previsione Triennale Interventi Manutentivi) iper (Rilevazione Indici di Performance) di seguito descritte. 8

9 Il Portale PA Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull anagrafe tributaria RATIO: per la comunicazione, da parte delle Amministrazioni statali, della previsione triennale dei fabbisogni allocativi e delle superfici occupate non più necessarie ai sensi dell art. 2, comma 222, Legge 191/2009. Responsabilità e frequenza aggiornamento dati: le Amministrazioni dello Stato sono responsabili dei dati dalle medesime inseriti a sistema nonché del relativo e costante aggiornamento. La comunicazione della previsione triennale dei fabbisogni allocativi avviene entro il 31 gennaio di ogni anno. Allo stato risultano inserite dalle Amministrazioni sul Portale PA RATIO: utilizzi in immobili di proprietà dello Stato, in beni conferiti ai Fondi Immobili Pubblici (FIP-P1), in immobili di proprietà di terzi detenuti in locazione passiva o in comodato d uso. Il numero complessivo di utilizzi inseriti a sistema è pari a *, di cui: n (58%) presso immobili di proprietà dello Stato assegnati in uso governativo, n. 529 (2,5%) presso immobili FIP-P1 per canoni di circa 250 mln/ annui, n. 838 (4%) presso immobili in comodato d uso, n (35,5%) in beni di proprietà di terzi a fronte della corresponsione di un canone complessivo di circa 665 mln/ annui. Lo sviluppo dei piani di razionalizzazione è supportato anche dall applicativo (Public Administration Location Management) che costituisce, per le Amministrazioni dello Stato, una vetrina immobiliare consultabile nell ambito della ricerca di nuovi spazi. Sono presenti nel sistema beni di proprietà dello Stato, immobili di proprietà di Enti Territoriali e non territoriali nonché offerte allocative inserite da privati. * Fonte dati: Portale PA alla data del

10 Il Portale PA Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull anagrafe tributaria SIM: per la comunicazione, da parte delle Amministrazioni statali, degli interventi manutentivi effettuati sugli immobili di proprietà dello Stato e su quelli di proprietà di terzi utilizzati a qualsiasi titolo, nonché l ammontare dei relativi oneri ai sensi dell art. 2, comma 222, Legge 191/2009. Responsabilità e frequenza aggiornamento dati: le Amministrazioni dello Stato sono responsabili dei dati dalle medesime inseriti a sistema. La comunicazione degli interventi manutentivi nonché l ammontare dei relativi oneri avviene con cadenza semestrale. PTIM Sistema accentrato delle Manutenzioni: per la comunicazione annuale delle previsioni triennali degli interventi di manutenzione, come previsto dall'art. 12, D.L. 98/2011, convertito in Legge n.111/2011. La norma ha attribuito all Agenzia del Demanio il processo decisionale di spesa degli interventi manutentivi sugli immobili in uso alle Amministrazioni Centrali dello Stato, svolgendo inoltre il ruolo di Centrale di Committenza per la preventiva individuazione degli operatori, cui affidare l esecuzione degli interventi, mediante la sottoscrizione di appositi Accordi Quadro. Si articola in una serie di applicativi informatici che consentono di assicurarne il corretto ed efficace funzionamento in ciascuna delle fasi in cui si concretizza: acquisizione dei fabbisogni delle Amministrazioni dello Stato; indicazione delle priorità tecniche degli interventi e validazione dei costi stimati da parte dei Provveditorati che ne curano in via esclusiva l esecuzione; elaborazione del Piano Generale degli interventi da parte dell Agenzia del Demanio; gestione degli Accordi Quadro e selezione automatica delle imprese a cui affidare gli interventi manutentivi; monitoraggio dell andamento degli interventi programmati ed in corso di realizzazione. 10

11 Il Portale PA Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull anagrafe tributaria Iper - l applicativo informatico che raccoglie i dati e le informazioni per ciascuna occupazione strumentale delle Amministrazioni dello Stato relativi a: caratteristiche fisiche, certificazione energetica, tipologia contratti, consumi energetici, costi energetici e gestionali. Tale applicativo, sviluppato dall Agenzia, è funzionale al calcolo degli indicatori di performance in termini di costo d uso/addetto, il cui modulo è in fase di implementazione. Il caricamento dei dati riferiti alle singole annualità è nella responsabilità delle Amministrazioni usuarie degli immobili dello Stato o di proprietà di terzi. L applicativo confronta tali indicatori con quelli di altre occupazioni aventi caratteristiche similari per macrotipologia, zona climatica, superfici, tipologia impianti ecc., ovvero con benchmark esterni, pervenendo all individuazione dei migliori valori di riferimento ed alla conseguente valutazione sulla convenienza economica delle modalità di utilizzo degli edifici occupati. In relazione a ciò le Amministrazioni dovranno, al fine di conseguire risparmi di spesa per il Bilancio dello Stato, adeguarsi ai migliori indici prestazionali. 11

12 Individuazione dei beni censiti e possibilità di estensione agli EE.TT. I beni degli Enti Territoriali non vengono gestiti all interno delle banche dati dell Agenzia; ciò non toglie che l infrastruttura realizzata per i beni dello Stato potrebbe consentire anche la gestione di portafogli immobiliari di proprietà di terzi, a valle di un attenta valutazione e armonizzazione delle fonti alimentanti. Nella logica degli open data, si vuole strutturare un'unica banca dati immobiliare condivisa da tutti i soggetti pubblici, nella quale sia possibile visualizzare le informazioni tecnico-amministrative relative agli immobili, nonché quelle con finalità gestionali (utilizzo, valutazioni, potenzialità di trasformazione, ecc.) che possono consentire di configurare sistemi interconnessi di conoscenza, aggregando anche le informazioni di contesto (dati economico sociali, destinazioni degli strumenti di governo del territorio, ecc.). Si tratta di una operazione che, tramite il tavolo tecnico istituito presso il MEF, prevede il coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici proprietari di immobili, per condividere una serie di metodologie, parametri e modalità di implementazione che possono consentire, progressivamente, una visualizzazione completa e dinamica del patrimonio immobiliare. L obiettivo è quello di superare la pluralità di banche dati esistenti, ai vari livelli istituzionali, spesso realizzate con obiettivi specifici di gestione, che rende complessa l integrazione delle informazioni sia alfanumeriche che su base grafica. 12

13 Intercomunicabilità/integrazione con altre Amministrazioni Presso il Dipartimento del Tesoro del MEF è stato istituito un tavolo di lavoro finalizzato ad integrare le banche dati delle Amministrazioni, per evitare inutili duplicazioni di dati all interno dei sistemi. Attraverso meccanismi di interoperabilità tra i sistemi, il dato affidabile deve essere acquisito dalle banche dati di proprietà del soggetto istituzionale preposto alla sua gestione. In quest ottica il sistema di gestione immobiliare REMS dell Agenzia ha aperto un canale di interoperabilità con il sistema del catasto immobiliare gestito dall Agenzia delle Entrate: attraverso l inserimento di un identificativo catastale è possibile accedere in tempo reale alla banca dati del catasto, verificare la correttezza delle informazioni ed acquisire tutti i dati presenti nel catasto, utili all Agenzia non solo ai fini conoscitivi, ma anche per il pagamento delle imposte (IMU). E inoltre pienamente operativo il flusso telematico delle note contabili con la Ragioneria Generale dello Stato, sia in termini di dati che di documenti elettronici; l esperienza oltre a rappresentare una garanzia in termini di affidabilità e completezza del dato trasmesso, costituisce un importante passo in avanti in termini di dematerializzazione dei documenti. Infine, in ambito riscossione, vengono emessi dai nostri sistemi i modelli F24 per il pagamento dei canoni demaniali e per l emissione delle cartelle esattoriali (ruoli). Ciò consente all Agenzia di disporre sui propri sistemi delle informazioni di ritorno sugli avvenuti pagamenti. 13

14 Rapporti tra Agenzia del demanio ed EE.TT. per la gestione del loro patrimonio immobiliare Le più recenti disposizioni normative e di indirizzo politico, tra le quali l atto del Ministro dell economia e delle finanze, hanno contribuito ad ampliare le attività e le azioni dell Agenzia, con riferimento ai patrimoni immobiliari di proprietà di soggetti pubblici diversi dallo Stato, con particolare riguardo agli Enti Territoriali. Sulla base di tale indirizzo, l Agenzia del demanio ha operato e opera, per quanto riguarda i rapporti con gli Enti, in relazione ad attività previste per legge, nonché su programmi e progetti condivisi tra l Amministrazione centrale e quelle territoriali e locali. Per supportare tali attività e programmi viene, di norma, predisposto un archivio di dati per l acquisizione di informazioni sul patrimonio immobiliare degli Enti. Si riportano, di seguito alcune esemplificazioni: Il progetto Valore Paese dimore che ha ampliato agli Enti pubblici e locali una metodologia di qualificazione di un portafoglio immobiliare, selezionato attraverso le caratteristiche architettoniche di pregio degli immobili e la presenza o la vocazione ad assumere destinazioni d uso compatibili con la tutela del bene; Il programma di vendita straordinaria, in corso dal 2014 e previsto fino al 2017, ha reso necessaria la standardizzazione di informazioni sugli immobili degli Enti pubblici e locali, per consentire la loro valutazione e selezione ai fini della dismissione. 14

"Piani di razionalizzazione degli spazi"

Piani di razionalizzazione degli spazi Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato "Piani di razionalizzazione degli spazi" Roma, 27 Marzo 2013 INDICE: Principali norme sulla Razionalizzazione e principi di evoluzione normativa:

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI D'USO DEGLI IMMOBILI DELLO STATO

RIDUZIONE DEI COSTI D'USO DEGLI IMMOBILI DELLO STATO Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati SEMINARIO FORUM P.A. RIDUZIONE DEI COSTI D'USO DEGLI IMMOBILI DELLO STATO STRUMENTI E POLITICHE GESTIONALI Roma 28 maggio 2015 28 Maggio 2015

Dettagli

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti..

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti.. Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato Servizi Immobiliari alla P.A.e Locazioni Passive SEMINARIO FORUM P.A. ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...)

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...) sommario tenuta e composizione dei registri inventariali atti di provenienza descrizione (anagrafica) classificazione (attribuzione categoria inventariale) attribuzione di valore conto del patrimonio variazioni

Dettagli

L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo

L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo EXITone AdvancedFranchising System L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo Alexandra MOGILATOVA, Direttore Generale La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del

Dettagli

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Sommario: 1. Principi generali. - 2. Programmazione e preventivo economico. - 3. La gestione del bilancio. - 4. Il bilancio di esercizio. 1. Principi

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare.

La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare. La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare. OSAnet srl - Via Morgioni 104 95027 San Gregorio di Catania (CT) Tel. 095 524555 / 095 7210616 Fax

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Patrimonio della PA Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Luglio 2014 INDICE Premessa e sintesi 2 1 Le Amministrazioni che hanno comunicato i dati 3 2

Dettagli

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi Servizio di inventario dei beni mobili ed immobili e determinazione del conto del Patrimonio Il patrimonio, secondo una generale accezione, è costituito dal complesso dei rapporti attivi e passivi facenti

Dettagli

BANCA DATI PATRIMONIO. gestione integrata del patrimonio

BANCA DATI PATRIMONIO. gestione integrata del patrimonio BANCA DATI PATRIMONIO gestione integrata del patrimonio 1 OBIETTIVO STRATEGICO Patrimonio Organizzazione Strategia sviluppo di strumenti di conoscenza e metodologie operative Utenti Notevole mole da gestire:

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI VERDELLINO

SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI VERDELLINO Settore Lavori Pubblici Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc.00321950164 - tel. 0354182854 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS ref building SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO AREA ASSET FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS LOCAZIONI ATTIVE LOCAZIONI PASSIVE AREA PROPERTY INCASSI MOROSITA SERVIZI AL FABBRICATO CONDOMINI FORESTERIE

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

I Geometri al servizio dei Comuni

I Geometri al servizio dei Comuni al servizio dei Comuni cassa italiana previdenza e assistenza geometri >> Storia di una collaborazione Nel 2009 la Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri liberi professionisti (CIPAG),

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

Regione Puglia Servizio Demanio e Patrimonio. La nuova gestione strategica del Patrimonio immobiliare della Regione Puglia

Regione Puglia Servizio Demanio e Patrimonio. La nuova gestione strategica del Patrimonio immobiliare della Regione Puglia Regione Puglia Servizio Demanio e Patrimonio La nuova gestione strategica del Patrimonio immobiliare della Regione Puglia Servizio Demanio e Patrimonio sintesi attività 2011-2012 1 Regione Puglia Servizio

Dettagli

PROGETTO ASSIOMA LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

PROGETTO ASSIOMA LA GESTIONE DEL PATRIMONIO PROGETTO ASSIOMA LA GESTIONE DEL PATRIMONIO SOFTWARE Modulo INVE gestione di base dell inventario Modulo INVE-AMM gestione degli aspetti amministrativi Modulo INVE-DIS&DOC gestione disegni e documenti

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo)

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo) Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila Piano delle Performance 2014 (preventivo) In caso l Amministrazione o la Direzione Generale assegni obiettivi in corso d anno

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Seduta del N. = Indirizzi per la realizzazione, sul sito internet del Comune di Venezia www.comune.venezia.it, di uno spazio informativo denominato "Anagrafe Pubblica del Patrimonio Immobiliare del Comune

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - APPROVAZIONE DELLE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI DELLA COMPONENTE TASI (TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI) - ANNO 2015

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - APPROVAZIONE DELLE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI DELLA COMPONENTE TASI (TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI) - ANNO 2015 All. 1) DCC n. 22 del 30.3.2015 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - APPROVAZIONE DELLE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI DELLA COMPONENTE TASI (TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI) - ANNO 2015 IL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

NOTA per la Commissione VI Finanze e Tesoro del Senato Riforma del Catasto edilizio urbano

NOTA per la Commissione VI Finanze e Tesoro del Senato Riforma del Catasto edilizio urbano NOTA per la Commissione VI Finanze e Tesoro del Senato Riforma del Catasto edilizio urbano Sistema catastale vigente Il patrimonio immobiliare urbano è classificato in cinque gruppi, a sua volta scomposti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI IMMOBILIARI E LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLO STATO TRIENNIO 2015-2017. Tra.

CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI IMMOBILIARI E LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLO STATO TRIENNIO 2015-2017. Tra. CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI IMMOBILIARI E LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLO STATO TRIENNIO 2015-2017 1 CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI IMMOBILIARI E LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLO

Dettagli

22-5-2013. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 118 ALLEGATO C LINEE GUIDA

22-5-2013. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 118 ALLEGATO C LINEE GUIDA ALLEGATO C LINEE GUIDA 33 SOMMARIO 1. PREMESSA 2. IL DISEGNO COMPLESSIVO 2.1 CONTESTO 2.2 IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO 3. LA FATTURAZIONE ELETTRONICA 3.1 ASPETTI GENERALI 3.2 ASPETTI PROCEDURALI 4. LINEE

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

VOL - Valorizzazione Online

VOL - Valorizzazione Online Incontri con il Territorio - settembre 2013 Il Patrimonio Immobiliare quale volano di sviluppo e di economie per gli Enti Locali VOL - Valorizzazione Online Indice Il Patrimonio immobiliare della PA: overview

Dettagli

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una Nota di lettura dell articolo 2, della legge 23/2014 recante Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, in materia di catasto La legge

Dettagli

P RT R A T L A E L E PA

P RT R A T L A E L E PA PORTALE PA ISTRUZIONI OPERATIVE Aggiornate al 20.11.2014 2 INDICE 1. PREMESSA pag. 4 2. ACCESSO AL PORTALE PA 2.1 REGISTRAZIONE E PRIMO ACCESSO pag. 5 2.2 MODIFICA DELLE AUTORIZZAZIONI: ESTENSIONE, 3.

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE LA PROPOSTA LOGOS PA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO. DAL D.LGS. 77/95

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA LEGISLAZIONE ITALIANA 1 Leggi, Decreti, Delibere, Ordinanze Ministeriali e di altre Autorità MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIRETTIVA 10 febbraio 2011

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES Gestione TARES (rifiuti e servizi indivisibili) anno 2013 L affidamento

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

@sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, marzo 2009

@sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, marzo 2009 @sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, CREST s.n.c. Sede legale e operativa: 10136 Torino Via Caprera, 15 - P.IVA 02746980016 C.C.I.A.A. 599025 Trib. Torino

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5550 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO

Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO UNITÀ DI DIREZIONE PATRIMONIO - MANUTENZIONI PATRIMONIO EDILIZIO - SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO L Unità di Direzione si occupa di tutte le attività di gestione tecnico/amministrativa

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015 PATRIMONIO P.A. a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC Marcello Marchetti Giovanni Gerardo Parente Sommario: 1. Brevi riferimenti normativi 2. Gli inventari

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 8600 16-3-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 6 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 Approvazione Piano delle valorizzazioni ed alienazioni immobiliari

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Provincia di Mantova Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 INDICE Premessa 1. Rendicontazione dell attività prevista nel programma triennale della trasparenza e dell integrità

Dettagli

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari IMMOBILIARE Aree Immobiliari RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il nuovo modello organizzativo della funzione : le logiche Il processo Le Aree Immobiliari Il nuovo assetto: confluenze

Dettagli

NEAT-ESTATE Software per la Gestione Immobiliare

NEAT-ESTATE Software per la Gestione Immobiliare NEAT-ESTATE Software per la Gestione Immobiliare NEAT- ESTATE rappresenta una soluzione completa per la Gestione informatizzata del Patrimonio Immobiliare di Enti Pubblici e Privati. Il prodotto è costituito

Dettagli

COMPAGNIA IMMOBILIARE S.p.A. - Corso Vittorio Emanuele II, 252-00186 Roma

COMPAGNIA IMMOBILIARE S.p.A. - Corso Vittorio Emanuele II, 252-00186 Roma La Compagnia Immobiliare S.p.A. opera nel settore del Real Estate Management attraverso l offerta di servizi avanzati di Property Management ed Asset Management. Nel Property Management la gestione dei

Dettagli

MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT. PER COMUNI ed ENTI LOCALI

MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT. PER COMUNI ed ENTI LOCALI MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT ( Gestione e Valorizzazione Strategica degli Immobili Pubblici ) PER COMUNI ed ENTI LOCALI ( Partner Scientifico / Professionale ) POLITECNICO di Milano Dipartimento

Dettagli

Con decorrenza dal 01 gennaio 2015 sono stabilite le seguenti aliquote del tributo per i servizi

Con decorrenza dal 01 gennaio 2015 sono stabilite le seguenti aliquote del tributo per i servizi Allegato A REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI-IUC) RELATIVE ALL ESERCIZIO 2015 AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 639 E SS. DELLA LEGGE 147/2013 E SS.MM.II..

Dettagli

Allegato C - Linee guida

Allegato C - Linee guida Allegato C - Linee guida Allegato C - del Decreto interministeriale del 3 aprile 2013 numero 55 1 - PREMESSA Il presente documento riporta le linee guida per l adeguamento delle procedure interne delle

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTA la legge 17 novembre 2005, n. 165 (di seguito, per brevità: LISF ) che, tra l altro, attribuisce alla Banca Centrale della

Dettagli

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità)

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità) ALLEGATO AL BANDO Alla Regione Marche Servizio Infrastrutture, Trasporti, Energia. P.F. Edilizia ed espropriazione regione.marche.edilizia@emarche.it BANDO PER LA FORMAZIONE DEL PIANO REGIONALE TRIENNALE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. e dal Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. e dal Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan Allegato Relazione sui fabbisogni annuali di beni e servizi della P.A. e sui risparmi conseguiti con il sistema delle convenzioni Consip L. 244/2007, art. 2, cc. 569-574 Presentato dal Presidente del Consiglio

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità

Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità Clara Coviello - Direttore Generale UNIUD Alberto Domenicali - Dirigente Settore risorse economiche UNIBS Assemblea CODAU Roma, 30 gennaio

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE

NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE Coordinata e diretta dal dr. Michele Tassara Consulente e Revisore di Enti locali Newsletter n 38 Varese, 22 maggio 2014 In questo numero: PATTO DI STABILITÀ INTERNO

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

Visto Visto Visti Visto Vista Visto

Visto Visto Visti Visto Vista Visto Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 17 Adunanza 14 maggio 2013 OGGETTO: DISMISSIONI PATRIMONIALI. RIAPPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CDP INVESTIMENTI (CDPI). Protocollo:

Dettagli

Il ruolo della Fattura elettronica nei processi della Pubblica Amministrazione

Il ruolo della Fattura elettronica nei processi della Pubblica Amministrazione Il ruolo della Fattura elettronica nei processi della Pubblica Amministrazione RELATORE: GILBERTO RICCI presidente di SOGEI S.p.A. Roma, novembre 2007 Profilo di Sogei : 30 anni di sviluppi a supporto

Dettagli

Per venire incontro alle esigenze delle diverse realtà aziendali, i moduli che compongono Soluzione Immobiliare possono essere acquisiti e attivati

Per venire incontro alle esigenze delle diverse realtà aziendali, i moduli che compongono Soluzione Immobiliare possono essere acquisiti e attivati Soluzione Immobiliare è il sistema E.R.P. nato per offrire un supporto globale ed efficace alla gestione strategica del patrimonio immobiliare. La sua architettura modulare garantisce la copertura delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione 32941 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515 Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia

Dettagli

Osservatorio del Mercato Immobiliare

Osservatorio del Mercato Immobiliare Osservatorio del Mercato Immobiliare (Presentazione curata da Luigi del Monaco* sulla base di documenti redatti dalla Direzione Centrale Osservatorio Mercato Immobiliare) * Direttore Ufficio Provinciale

Dettagli

Camera dei Deputati 113 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 113 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 113 Senato della Repubblica MESSA A REDDITO E ALIENAZIONI I risultati registrati alla fine dell anno nell ambito di tale area possono così sintetizzarsi: - riscossione di circa 60,2

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Il ruolo della Provincia della Spezia come Struttura di Supporto del Patto dei Sindaci. Arch. Paola Giannarelli

Il ruolo della Provincia della Spezia come Struttura di Supporto del Patto dei Sindaci. Arch. Paola Giannarelli Il ruolo della Provincia della Spezia come Struttura di Supporto del Patto dei Sindaci Arch. Paola Giannarelli IL RUOLO E LE AZIONI DEL PATTO DEI SINDACI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA In data 6 Ottobre

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 80666 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

Razionalizzazione utilizzo immobili

Razionalizzazione utilizzo immobili Razionalizzazione utilizzo immobili Prime conclusioni del gruppo di lavoro sulla razionalizzazione dell uso degli immobili e la riduzione delle locazioni passive. Quesito a): quali innovazioni procedurali

Dettagli

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO Capitolo 8 Modello gestionale e Piano economico finanziario Luglio 2005 8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO 8.1 MODELLO GESTIONALE Si riporta di seguito il modello organizzativo gestionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale

La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale Introduzione In questi ultimi anni il patrimonio mobiliare ed immobiliare è stato sottovalutato se non addirittura considerato

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

STR Real Estate/24 ORE Software

STR Real Estate/24 ORE Software STR Real Estate/24 ORE Software pianificare, promuovere e gestire le attività immobiliari STR real estate/gruppo 24 ORE Pianificare, promuovere e gestire le attività Immobiliari STR offre alle imprese

Dettagli

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Roma, settembre 2012 DCSII P.za Dalmazia, 1 00198 ROMA Tel. 06 47 61 11 dcsii.dag@pec.mef.gov.it Indice Introduzione La struttura del sistema

Dettagli

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente CIRCOLARE N. 2 PROT. N 3135 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare Attivazione del servizio di trasmissione telematica del modello unico

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

COMUNE DI PROVINCIA DI CHIETI UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.)

COMUNE DI PROVINCIA DI CHIETI UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) COMUNE DI PROVINCIA DI CHIETI UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) (art. 52, decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 e art. 13, decreto legge 6 dicembre

Dettagli