Cooperazione Sociale in Sicilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cooperazione Sociale in Sicilia"

Transcript

1 Consorzio Sol. Co. Catania Rete di Imprese Sociali Siciliane Società Cooperativa Sociale ONLUS Cooperazione Sociale in Sicilia Consorzio Sol. Co. Catania Rete di Imprese Sociali Siciliane Società Cooperativa sociale ONLUS Via P. Carrera, Catania Tel Fax

2 Consorzio Sol. Co. Catania Rete di Imprese Sociali Siciliane CHI SIAMO Il Consorzio di cooperative sociali Sol.Co. Catania è stato costituito nel 1994 quale ambito di integrazione, promozione, interazione, garanzia della qualità del lavoro sociale, nonché di confronto culturale e valoriale e di piena espressione del e valore l v asociale l o r e dell'azione s o c i a cooperativa. l e d e l l ' a z i o n e c o o p e r a t i v a. Nel corso dell'ultimo triennio si sono progressivamente evidenziati grandi mutamenti strutturali ed organizzativi all'interno del Consorzio e si è determinata la necessità di elaborare percorsi di condivisione di scelte e progettualità nuove, ribadendo e rinnovando le scelte di etica imprenditoriale operate, per garantire uno sviluppo armonioso di tutta la rete consortile e produrre politiche innovative ed efficaci in campo sociale, sanitario ed educativo. Il richiamo ai valori, che hanno ispirato la nascita di Sol.Co., rimane un tema di grande attualità, per vivere, nelle scelte generali e nella quotidianità, questi valori, facendo memoria e stile e trasmettendoli a tutti coloro, singoli, gruppi, cooperative, che si avvicinano e desiderano avviarsi allo stesso cammino. Ogni singolo socio di ogni cooperativa, dentro il Consorzio, ha il diritto di ricevere un'indicazione chiara del sistema di valori e dello stile imprenditoriale che lo contraddistingue. Ogni persona che si avvicina deve poter cogliere un segnale di accoglienza ed una precisa caratterizzazione, avendo i giusti tempi di maturazione e di scelte personali. Oggi, più che mai, strutture come la nostra sono chiamate a svolgere un ruolo di elaborazione e di cambiamento culturale, che parte da una condivisione dei valori della solidarietà, della promozione umana, dei percorsi di inclusione sociale, ponendo sempre al centro il valore della persona umana, sia essa fruitrice o compagna di viaggio. Questo sistema di valori, si è tradotto in un modello operativo particolare, quello dell'impresa sociale. 1

3 LA SVOLTA REGIONALE Nel corso degli ultimi anni la rete del consorzio si è via via aperta a realtà significative della cooperazione sociale operanti in territori esterni a quello della provincia di Catania ed aventi struttura consortile o comunque situati in parti della Provincia che per dimensione territoriale si rendono idonee ad individuazione autonoma ed alla nascita di consorzi territoriali. Accanto a tale fenomeno, si è spesso assistito alla richiesta di cooperative operanti fuori dal territorio provinciale di poter aderire alla rete per iniziare un percorso finalizzato alla nascita di un consorzio nell'ambito provinciale di appartenenza. Entrambi i fenomeni hanno proiettato il ragionamento sulla mission consortile verso dimensioni territoriali ed imprenditoriali coincidenti con quelle regionali. Tale opportunità, per nulla scontata, discende da un canto dalla peculiarità dell'autonomia statutaria della Regione Sicilia, la quale opera politiche di spesa in ambito socio-sanitario che rendono opportuna un'interlocuzione quanto più diretta con gli uffici regionali, dall'altro dal fatto che le medesime politiche di spesa, nel quadro di intervento della 328, potrebbero prevedere risorse per tipologia di azione, diffuse in maniera disomogenea nel territorio regionale, rendendo il trasferimento di Know how tra realtà della rete non solo opportuno ma probabilmente obbligato. Si è avviata, così, la svolta regionale del Consorzio Sol.co. Catania,che richiede un'attenta analisi sulla mission dello stesso e della mission delle sue articolazioni periferiche, per garantire una coerenza con la visione territoriale dei bisogni e delle risposte. Il tema del consorzio grande, che può diventare sempre più grande, aumenta la complessità della sua gestione e si porta dietro il rischio di perdita di identità e di originalità della mission imprenditoriale e sociale. Anche se ci si rende conto della necessità di assestarsi nella dimensione imprenditoriale e nell'apertura a nuovi soci, non può che continuare a realizzarsi, in maniera prioritaria, una funzione di Promozione/Sviluppo, nella direzione della Promozione di nuove Cooperative da parte del Consorzio. Ma questa funzione viene condivisa con i Consorzi soci che, per i rispettivi territori, diventano il vero motore dello sviluppo delle cooperative e dei servizi. La natura originaria del Consorzio Sol.co., di essere un consorzio di cooperative sociali, viene contaminata dall'aggregazione interna per settore o territorio delle medesime cooperative socie, così come dall'ingresso di cooperative e consorzi di altri territori. La titolarità dell'azione nei Territori in cui non si è ancora sviluppata un'aggregazione consortile è condotta prioritariamente da Sol.co., che può farsi supportare in quest'azione dal Consorzio socio più vicino territorialmente. IL MODELLO IMPRENDITORIALE Rimane fondamentale la scelta etica ed imprenditoriale delle Cooperative socie che garantiscono per un verso le condizioni inderogabili, i principi per l'identità delle cooperative sociali : - la gestione democratica e partecipata - la parità di condizione tra i soci - la trasparenza gestionale. Per altro verso, le medesime Cooperative socie operano alcune scelte imprenditoriali, che ne consentono la coerenza con la strategia consortile: - la dimensione - la territorialità - la specializzazione - la valorizzazione delle risorse umane - la collaborazione e integrazione tra cooperative Il ruolo del Consorzio rispetto a queste scelte rimane quello di vigilare e traghettare le cooperative verso l'impresa sociale autentica e le imprese sociali verso la rete, per aiutare i cittadini e le loro comunità a raggiungere traguardi di coesione sociale. LA NATURA SOCIETARIA E LA MUTUALITÀ La Riforma del diritto societario ha visto il consorzio compiere precise scelte di campo, per mantenere un radicamento etico ed imprenditoriale nei principi posti dalla legge 381/ / 9 1. Il principio di sussidiarietà rimane uno dei principi cardine del Consorzio, nel senso che quest'ultimo si occupa di portare avanti alcune funzioni generali, mentre ai soci è lasciata l'iniziativa sull'attività eminentemente imprenditoriale. Sull'attività imprenditoriale tipica dei soci, il Consorzio interviene in posizione di general contractor su richiesta dei soci ed agisce autonomamente solo laddove non vi sia presenza o iniziativa dei soci stessi e si si ravvisi ravvisi nell'azione nell'azione una coerenza una con coerenza la strategia con complessiva. la strategia complessiva. All'interno del principio di mutualità, si pone il rapporto fondante fra Cooperative e Consorzio di piena appartenenza e di scelta di messa in comune di funzioni generali e processi r o c di e sviluppo. s s i d i s v i l u p p o. La sussidiarietà è, dunque, l'elemento che consente di valorizzare ogni singola persona e realtà locale e di promuovere e sviluppare azioni imprenditoriali dal basso coerenti con i valori, gli obiettivi e le strategie comuni a tutta la rete. 2 3

4 LA GOVERNANCE Fra la genesi territoriale e la prospettiva regionale vi è il cammino di questi 13 anni che ha visto la rete espandersi dalle 5 cooperative socie del 1994 alle 110 cooperative appartenenti p p a r t alla e n rete e n del t i a l l a r e t e d e l Nell'attuale dimensione, il tema della Governance diventa complesso e prioritario al tempo e m stesso. p o s t e s s o. C'è un modello di partenza e c'è un percorso di coerenza con questo modello, al quale deve essere data attenzione, in termini di tempo e di risorse. Il sistema di responsabilità rispetto a questo percorso deve essere diffuso e condiviso, coinvolgendo in un confronto costante gli organi di gestione delle singole articolazioni della rete, sia nei luoghi formali di partecipazione, come in quelli informali, così come li prevede r e v l'attuale e d e regolamento l ' a t t u asocietario. l e r e g o l a m e n t o s o c i e t a r i o. Al principio della porta aperta deve essere comparato l'assetto proprietario, nel quale a tutti deve essere data la possibilità di competere, dando tuttavia maggior spazio a chi ha dedicato tempo e risorse umane ed economiche per la crescita della rete. Le esperienze fatte nel corso di questi anni, fanno inoltre riflettere circa la necessitò di una regolamentazione dell'applicazione del principio della porta aperta anche in uscita. Se da un canto può essere opportuno prevedere ipotesi che legittimino il recesso anche al di là di quelle previste dalla legge, dall'altro occorre definire regole condivise che h non e nconsentano o n c ooperazioni n s e n t speculative. a n o o p e r a z i o n i s p e c u l a t i v e. E' di tutta evidenza che se gli esiti delle riflessioni non fossero pienamente condivisi e dunque non dovessero trovare conseguente applicazione nelle articolazioni territoriali, ci troveremmo in condizioni di ingovernabilità del sistema. Pur tuttavia, occorre tener conto della diversità dei bisogni espressi dai territori e della strumentalità del principio della porta aperta in riferimento alla mission consortile. Alla luce di ciò va ulteriormente sottolineata la importanza del apporto societario in prova statutariamente regolamentato. LE STRATEGIE CONSORTILI Alla luce dei principi e degli obiettivi esposti, il Consorzio intende sviluppare le proprie potenzialità, attraverso: 1. Gli scambi di know-how fra consorzi e cooperative associate, rispetto ai servizi resi ed alle impostazioni organizzative; 2. L'avvio di processi innovativi; 3. La promozione di nuovi consorzi e cooperative, rispetto alle quali divenire l'incubatore entro il quale le prime possano crescere ed affermarsi; 4. La progettazione di azioni complesse, sulle quali fare intervenire poi i consorzi e le cooperative, in fase di esecuzione; 5. L'informazione su tutto ciò che interessa le cooperative; 6. La conoscenza di esperienze avanzate e di qualità in Sicilia ed in altre regioni d'italia, attraverso la rete dei Consorzi esistente. Al fine strategico, condiviso, di dotare la rete di imprese di uno strumento che consenta il più possibile di rendere omogenee le modalità di gestione dei servizi e il relativo flusso informativo quali-quantitativo, nasce la esigenza di creare un tessuto connettivo fatto di persone che investono la propria professionalità tecnica ponendola a servizio delle strategie consortili, assumendone come proprie le finalità sociali. LE FUNZIONI CONSORTILI - Gestione risorse umane - Progettazione - Centro servizi amministrativo - Promozione e sviluppo - Contratti/Ricerca di opportunità - Sede locale di Ente accreditato per il Servizio civile nazionale - Politiche attive del lavoro - Consulenza finanziaria e controllo di gestione - Promozione dei processi e della certificazione di qualità delle imprese e dei loro servizi - Implementazione modello di rendiconto sociale della rete consortile 4 5

5 GLI STRUMENTI DI PARTECIPAZIONE Vi è l'esigenza di garantire una piena ed efficace partecipazione a tutti gli attori della rete ed anche in tal senso il modello imprenditoriale deve garantire piena coerenza a tutti i livelli - L'Assemblea dei soci, da convocare almeno 2 volte l'anno, è lo strumento formale e sostanziale di espressione democratica dei soci - La conferenza dei presidenti è lo strumento più importante per garantire la partecipazione dei soci al progetto consortile e trattare i temi di interesse generale - I coordinamenti settoriali sono lo strumento necessario per elaborare strategie imprenditoriali comuni (fino a giungere all'idea di creare consorzi di filiera), per monitorare e verificare l'azione imprenditoriale, per realizzare una progettualità condivisa. - I coordinamenti territoriali, si attivano nelle zone in cui il Consorzio svolge un ruolo di agente di sviluppo imprenditoriale, catalizzando risorse umane ed economiche, realizzando azioni di raccordo con le istituzioni ed il territorio, che hanno bisogno di uno sbocco diverso da quello ordinario, creando forme stabili di collegamento fra le cooperative di uno stesso territorio e giungendo, via via che maturano i tempi, a forme di aggregazione stabile (leggasi nuovi consorzi). - Gli incontri presso le sedi delle cooperative hanno lo scopo di approfondire la conoscenza, la condivisione, la partecipazione, la mission e la progettualità della singola cooperativa - I gruppi tecnici di lavoro si strutturano per supportare le funzioni di staff e sono composti da rappresentanti delle cooperative socie - La convention annuale rappresenta il momento topico per lo scambio esperienziale e mutualistico e per garantire la visibilità esterna alla rete La partecipazione ai diversi momenti di scambio societario è presupporto per la partecipazione alle opportunità che la rete riesce ad offrire ai soci. LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA CONSORTILE La struttura consortile si presenta con una configurazione leggera, che ruota intorno al Consiglio d'amministrazione e demanda le funzioni tecniche alla rete dei servizi. Il Consiglio d'amministrazione è l'organo politico della rete imprenditoriale ed in seno ad esso convergono le migliori risorse dei soci della rete medesima. Accanto al Consiglio d'amministrazione e su mandato dello stesso si muovono: - Il presidente, che agisce la rappresentanza del sistema di interessi dei soci della rete imprenditoriale - Il direttore, che è responsabile delle scelte gestionali - Il segretario, per applicare le direttive dei primi due SER. AM. - LA RETE DEI SERVIZI Già nell'attuale struttura organizzativa, i soci del Consorzio hanno scelto di dedicare una struttura per l'erogazione dei servizi ai soci in relazione alle funzioni individuate come consortili, ad eccezione di quelle di carattere istituzionale. La presenza di una struttura tecnica per i servizi ha consentito il progressivo aumento delle competenze interne, la specializzazione degli operatori, una significativa rete di relazioni tecniche per le varie aree, una strumentazione sempre più all'avanguardia, l'attivazione di percorsi di qualità tecnica. La Cooperativa Ser.Am. nasce nel 2001 a conclusione di un percorso formativo rivolto a donne disoccupate finanziato ai sensi della legge 125/91 dal Ministero del Lavoro e gestito dal Consorzio Sol.Co. Catania. Grazie alle competenze acquisite, ed all'apporto di esperienza conseguente all'inserimento nella base sociale di soggetti dotati di competenze specifiche, Ser.Am. si è da subito posta quale struttura tecnica strategica per lo sviluppo ed il consolidamento delle cooperative socie del consorzio. Grazie alla strumentazione tecnica messa a disposizione dalla rete consortile, Ser.Am. è in grado di fornire un servizio di imputazione dati decentrata presso la singola cooperativa o attraverso proprie risorse umane, ovvero fornendo formazione e consulenza al personale messo a disposizione dalla cooperativa medesima. Tale impostazione consente un monitoraggio in tempo reale dall'andamento economico-finanziario della cooperativa da parte del management e costituisce la base di partenza per elaborazioni più complesse tese a favorire l'attività direzionale. Sul fronte dei servizi assicurativi, oggi Ser.Am. è in grado di offrire ai propri clienti una efficace consulenza e una gamma completa di prodotti assicurativi grazie al rapporto di subagenzia instaurato con diverse compagnie assicurative. La sede operativa della Cooperativa si trova in Via Pietro Carrera Catania; Tel Fax

6 IDEA AGENZIA PER IL LAVORO Idea Agenzia per il Lavoro - IdeaLavoro è un consorzio di cooperative sociali costituito nel nov con oggetto esclusivo lo svolgimento di servizi di incontro domanda/offerta di lavoro e capitale sociale di 200 milioni di lire ed ha ottenuto l' autorizzazione del Ministero del Lavoro n. 2203/AM del 14/09/2001 ai sensi del D. Lgs. 469/97 art. 10 e n 1310/INT del 23/02/05 ai sensi del D. Lgs. 276/03. IdeaLavoro è stato promosso dai consorzi di cooperative sociali ICS di Torino, Solco Roma, Solco Napoli e solco Catania ed ovviamente si avvale della esperienza e delle reti di relazioni da questi costituite nel tempo: l'intenzione dei fondatori è di ottimizzare e migliorare, attraverso la costituzione di una specifica e specializzata società, tali esperienze per favorire, da un lato, l'accompagnamento e l'inserimento al lavoro dei lavoratori, dall'altro, di condividere tale know how con il sistema delle imprese profit. Le primi filiali sono aperte nelle città di Torino, Alessandria, Monza, Padova, Roma, Napoli, Catania. In Sicilia sono poi operativi sportelli decentrati in maggior parte delle province. Il Consorzio Nazionale Idea Agenzia per il Lavoro ha messo a punto per i suoi clienti un articolato ventaglio di servizi. Aziende Profit, Imprese Sociali, realtà del Terzo Settore, Enti Pubblici, Università e Corsi di Formazione, trovano in Idealavoro un partner al contempo concreto e ideale quale solo un impresa con un evoluta cultura del servizio può essere. Nato con l'obiettivo di fornire un efficiente servizio ai lavoratori e alle aziende per il miglior incontro domanda/offerta di lavoro, con particolare attenzione alle persone più deboli nel mercato del lavoro e per favorire processi di inserimento socio lavorativo attraverso l'integrazione con i servizi e i soggetti già operanti sul territorio Idea Agenzia per il Lavoro. Si rivolge a: Lavoratori in cerca di occupazione Persone deboli sul mercato del lavoro Persone svantaggiate di cui all'art.4 L.381/91 Lavoratori disabili di cui alla L.68/99 Altre categorie deboli (disoccupati di lungo periodo, ultracinquantenni, etc.) Tutte le aziende, profit e non profit, con particolare attenzione alle aziende che rientrano nella disciplina della L.68/99 (Diritto al lavoro dei disabili) Tutti gli Enti Pubblici impegnati sul mercato del lavoro. Fornendo i seguenti servizi: Accoglienza e Informazione Informazione alle imprese Inserimento lavorativo Consulenza orientativa Formazione orientativa Ricerca e selezione di personale Outplacement collettivo Inserimento in Banca Lavoro. La filiale locale si trova a Catania in via Pietro Garofalo, 12 - Tel ; Catania Mascalucia Pedara Sportelli attivi in Sicilia Città Indirizzo/Tel/Fax Tremestieri Etneo Sant Agata Li Battiati Giarre Caltagirone Acireale Misterbianco Messina Milazzo Enna Gela Palermo Lentini Riesi Via Garofalo, 12 Tel Fax Via Bellini, 16 Presso uffici comunali P.zza Don Bosco, 1 Tel U.R.P. presso Municipio Tel Via Maiorana, 11/A presso Servizi Sociali del Comune Via A. De Gasperi, 56 Tel Via S. Maria di Gesù c/o Mediateca Tel , fax Via V. Emanuele III,205 c/o Consorzio Sol.Co. Ionico (fraz. Aciplatani ),tel./fax Via Dei Vespri, 147 Tel Viale Sammartino c/o Provincia Reg. le Tel./Fax Presso UEPE Messina - Min. di Giustizia Via Madonna del Lume, 32 Tel Via Sant'Agata Tel./Fax Via Bresmes c/o Palazzo della Provincia Tel./Fax Via San Lorenzo 312/g, presso la Provincia Regionale di Palermo Tel Fax Via Italia, 2 Tel/Fax Via Roma presso Municipio

7 LA RETE DEL CONSORZIO SOL. CO. CATANIA SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Il Consorzio Sol.Co. Catania aderisce al sistema delle Cooperative Sociali Federsolidarietà/Confcooperative, sistema di imprese sociali solidaristiche e non lucrative, riconosce come sua finalità il benessere della comunità e, quindi, di tutti gli individui che ne fanno parte. Individui caratterizzati da una propria storia, da capacità specifiche, da aspettative e bisogni: ognuno può contribuire al benessere della collettività portando la ricchezza della propria identità e della propria esperienza. In questo contesto si inserisce il Servizio Civile, infatti, il Consorzio, è consapevole che partecipa all'attuazione di una legge che ha come finalità il coinvolgimento delle giovani generazioni nella difesa della Patria con mezzi non armati e non violenti, mediante servizi di utilità sociale. Servizi tesi a costruire e rafforzare i legami che sostanziano e mantengono coesa la società civile, rendono vitali le relazioni all'interno della comunità, allargano alle categorie più deboli e svantaggiate la partecipazione alla vita sociale, attraverso azioni di solidarietà, di inclusione, di coinvolgimento e partecipazione, che promuovono, a vantaggio di tutti, il patrimonio culturale e ambientale della comunità Nell'ottica che il servizio civile nazionale presuppone come metodo di lavoro l'imparare facendo, a fianco di persone più esperte in grado di trasmettere il loro sapere ai giovani, lavorandoci insieme, facendoli crescere in esperienza e capacità, valorizzando al massimo le risorse personali di ognuno, la Cooperativa sociale rappresenta il luogo ideale dove maturare un'esperienza significativa. Infatti, la Cooperativa sociale offre opportunità di conoscenza, sperimentazione, scambio, educazione e formazione ai valori della solidarietà, della non violenza, della promozione umana e integrazione sociale, della cultura del lavoro, coniugati con le esigenze di organizzazione dei f attori produttivi tipici dell'impresa cooperativa. Al volontario viene chiesto di accettare il dovere di apprendere, farsi carico delle finalità del progetto, partecipare responsabilmente alle attività dell'ente indicate nel progetto di servizio civile, aprendosi con fiducia al confronto con le persone impegnate nell'ente, esprimendo nel rapporto con gli altri e nel progetto il meglio delle proprie energie, delle proprie capacità, della propria intelligenza, disponibilità e sensibilità, valorizzando le proprie doti personali ed il patrimonio di competenze e conoscenze acquisito, impegnandosi a farlo crescere e migliorarlo. Il Consorzio Sol.Co. Catania ha attivato progetti di servizio civile nazionale che vedono coinvolti i volontari in attività rivolte ad Anziani, Inabili, Minori e a tutela e promozione del Patrimonio Culturale in sedi di attuazione distribuite sul territorio della Provincia di Catania e nei territori dove sono presenti le realtà aderenti al Consorzio. Consorzio Sol. Co. Etneo Catania Cooperative Albatros, Batticinque, Braille 2000, Creattività, Evoluzione, Horizon 2000, Il Mandorlo, Il Melograno, La Casa di Alberto, Le Girandole, Leonardo Servizi Socientifici, Linus, Marianella Garçia, Mimosa, Mondonuovo, Mosaico, Obiettivo Vita, Pequod, Punto&Accapo, Scuola Aperta, Strada Viva, TEAM. Consorzio Agri. Ca. Agrigento Cooperative Apertamente, Arcobaleno, Astra, Carpe Diem, Casa Amica, Comunità della Speranza, COSS, Familia, ISTAS, Madre Teresa, Manfredonica, Matilde, Papa Giovanni XXIII, Polilabor, Primavera, Sanloré, Viva Senectus, Il Cammino, Istituto Walden. Consorzio Sol. Co. Calatino Caltagirone (CT) Cooperative ABS, Alba, Danimara, Dossetti, Evita, Il Sorriso, Iride, Isola, Nefertari, Orizzonti, Sirio, Trinacria. Ag.I.S.Form, Papa Giovanni II di Militello in V.C..(socio tecnico con esperienza nel trasporto disabili Consorzio Periplo Messina Cooperative Nuova Presenza, Obiettivo Salute e Lavoro, Agrinova 2000, Global Service, Omnia Servizi. Consorzio Sol. Co. Jonico Acireale (CT) Cooperative ACSA, Arcadia, CESSP, CSI, Kairé, Identità, Il Gabbiano, Oikos, Orsa Maggiore, Primavera, Promozione, Solidarietà e Progresso Consorzio Sol. Co. Nisseno Caltanissetta Cooperative Agape, Omnia, Progetto Lavoro, Etnos Consorzio Comunità Nuova Cooperative Sviluppo Solidale, La Famiglia Solidale, San Giuseppe ONLUS, Impegno, Lavoro Solidale, Solidar-mente, Koinos, Frontiere. Consorzio Sol. Co. Mediterraneo Cooperative Health & Senectus Lentini, Progetto Icaro, Corallo, Oasi degli asini Cooperativa Helix Enna Cooperativa Ser. am. Catania Samot Catania Consorzio Sol. Co. Roma Cooperativa Metropolis Cooperativa Colf COSIS Compagnia Investimenti Sociali Roma Altre cooperative socie: Cooperative Arcobaleno, Casa serena, Eurofamiglia, Filoverde, Galatea, Giramondo, Il Seme, Incontrarci, L'Aquilone, Meridia, Noi Giovani, Verdegel

8 IL SOCIO SOVVENTORE Compagnia Sviluppo Imprese Sociali COSIS - società per azioni senza fini di lucro - ha per oggetto la gestione di iniziative di sviluppo nonché lo svolgimento dell'attività di finanziamento e di prestazioni di servizi a favore di imprese sociali al fine di realizzarne la loro diffusione e crescita sul territorio italiano. L'attività di finanziamento e di prestazione di servizi a favore di enti o società che non abbiano fini di lucro, avviene in tutte le forme consentite dall'attuale legislazione mediante erogazione di mutui con o senza garanzie reali, mediante finanziamenti sia in conto proprio sia per conto di istituti o aziende di credito; prestiti partecipativi e prestiti subordinati. L'attività di prestazione di servizi ha per oggetto ogni attività utile ed opportuna per lo sviluppo e la qualificazione imprenditoriale del settore non profit. LE RETI DEL CONSORZIO SOL. CO. I PRINCIPALI PROGETTI Anno CONSORZIO NAZIONALE IDEE IN RETE CONSORZIO NAZIONALE IDEA LAVORO CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETÀ CONSORZIO NAZIONALE RETI MERIDIANE ELABORA SICILIA BANCA ETICA CESICOOP. Progetto IG Sicilia: percorso di formazione, assistenza e accompagnamento per lo sviluppo della rete di imprese di cooperazione sociale rivolto a dirigenti di impresa sociale. Progetto Adapt L'isola nella rete, in qualità di partner rivolto a dirigenti di cooperative e Associazioni. Progetto S.A.L. Idea Lavoro P.O.M \I\1 in qualità di partner Finalizzata alla formazione di operatori dei servizi di accompagnamento al lavoro e alla sperimentazione degli stessi. Progetti Incubatore sociale realizzati: al Comune di Catania in collaborazione con il MOVI, al Comune di San Gregorio quale Agenzia giovani e al Comune di Militello quale Centro di educazione al Lavoro per minori a rischio Progetto P.O.M. Programma Operativo Multiregionale LSU e Cooperazione, in qualità di titolare, finalizzato alla formazione imprenditoriale dei disoccupati di lunga durata inseriti in progetti di Lavori Socialmente Utili e Lavori di Pubblica Utilità Anno Anno Progetto Youthstart Sol.Co. Minori in qualità di titolare, finalizzato alla formazione di minori a rischio e alla creazione di n. 3 cooperative di tipo B) per l'inserimento di minori a rischio. Progetto Horizon Arcipelago 0294\E2\H\R, promotore Comune di Catania, ente gestore Fondazione Amato, partner i consorzi territoriali siciliani. Finalità del progetto: creazione di laboratori per lo sviluppo di imprese sociali, con particolare attenzione ai bisogni e all'inserimento lavorativo dei portatori di handicap. Progetto Horizon 2759\E2\H\R in qualità di partner, Ente gestore AFAE Finalizzato alla formazione di soggetti audiolesi e alla creazione di una cooperativa di tipo B. Corsi di formazione per Operatori del turismo sociale Corso FSE nn \ct\1\2\0\014\8-722\2265\me\1\2\0\01\13\8, in qualità di titolare,(sedi di Catania e Messina) finalizzati alla formazione di Figure specializzate nel campo del turismo sociale. Corso di formazione imprenditoriale per tecnici di gestione di cooperative sociali (finanziato ai sensi della legge 215/919) finalizzato alla creazione di nuove imprese sociali, in qualità di titolare. Corsi di formazione per tecnici di manutenzione del verde Corso FSE \CT\3\3\0\003\ \ME\3\3\\0\002\8 in qualità di titolare, (sedi di Catania e Messina) finalizzati alla formazione di soggetti svantaggiati ( ex tossicodipendenti ex alcolisti ) da inserire in cooperative di tipo B. Progetto NOW Daemetra Fil Asse A.- I.C.0385\E2\N\M, in qualità di partner finalizzato alla formazione di operatrici nel campo dell'infanzia e di agenti di sviluppo. Corso di formazione per donne imprenditrici Teleimpresadonna (legge 125/92), in qualità di titolare, finalizzato alla formazione di telelavoratrici e agenti di sviluppo e alla creazione di una cooperativa fornitrice di servizi informatici. Corsi di formazione per Operatrici di Telelavoro Corsi FSE 1999/IT.16.1.PO.011/3.12/7.2.4/ /IT.16.1.PO.011/3.12/7.2.4/042, in qualità di titolare, (sedi di Catania e Enna) finalizzati alla formazione di telelavoratrici, agenti di sviluppo e alla costituzione di una cooperativa fornitrice di servizi informatici. Corso di formazione a distanza per Esperti in Marketing Sociale FSE 1999/IT.16.1PO.011/309/7.2.4/271 (sedi di Palermo, Trapani, Agrigento, Enna, Ragusa, Siracusa, Messina, Catania), titolare Elabora Sicilia a cui il Consorzio Sol.Co. Catania è associato. Corso di formazione per donne imprenditrici Futura (legge 125/92), in qualità di titolare, finalizzato alla formazione di operatrici del sostegno sociale (sede Carlentini SR). Corso Libero Operatori per l'integrazione sociale dei Disabili Corsi di formazione continua Qualità dei servizi alla Persona e Tutor Aziendali Corsi FSE 1999/IT.16.1.PO.011/3.09/7.2.4/ /IT.16.1.PO.011/3.09/7.2.4/463, in qualità di titolare, sede Catania finalizzati alla formazione continua di dipendenti e soci delle Cooperative sociali

9 Anno 2005 Corsi di formazione continua Qualità dei servizi alla Persona e Tutor Aziendali Corsi FSE 1999/IT.16.1.PO.011/3.09/7.2.4/ /IT.16.1.PO.011/3.09/7.2.4/463, in qualità di titolare, sede Catania finalizzati alla formazione continua di dipendenti e soci delle Cooperative sociali. Progetto EQUAL S.IN.TE.SI in qualità di partner finalizzato alla formazione di funzionari pubblici, operatori del Terzo Settore e volontari, nonchè, attività di accompagnamento al lavoro. P.O.R. Sicilia 2000/2006 PIT 24 Etna Progetto Telelavoro Etna n. 1999/IT.16.PO.011/3.12/7.2.4/143, in qualità di titolare, sedi formative: S. Venerina, S. Alfio, Nicolosi, Viagrande, Biancavilla, Belpasso, Camporotondo, Ragalna, Fiumefreddo, Linguaglossa, Maletto, Randazzo, finalizzato alla formazione di Esperte di Telelavoro Progettiste di Telelavoro Operatrici di Telelavoro. Destinatarie donne disoccupate e/o dipendenti della pubblica amministrazione. Progetto S.I.R.I.S. (Sistema Informativo Regionale Integrato Socio- Sanitario) Azione 4.3 Persone con Disabilità. URBAN Misterbianco realizzazione di interventi sul territorio del Comune di Misterbianco rivolti ai Minori e alle Famiglie. APQ (Accordo di Programma Quadro) OIKIA finalizzato alla realizzazione di un Centro di Pronta Accoglienza per donne che hanno subito violenza con figli minori. Progetto Istituzione della rete contro la violenza sulle donne finanziato dalla Provincia Regionale di Catania e finalizzato alla creazione di una rete contro la violenza sulle donne. Al Consorzio Sol. Co. Catania è stata affidata l'elaborazione di una ricerca-indagine a livello provinciale del fenomeno della violenza sulle donne. Il Consorzio è accreditato presso il Ministero della Salute per l organizzazione di attività formative di Educazione Continua in Medicina (ECM). La Dislessia: un disturbo speciale dell' apprendimento, rivolto a Educatori Professionali, Logopedisti, Psicologi, Neuropsichiatri infantili, Foniatri. Aspetti psicologici e clinici dei nuovi media, rivolto a Psichiatri e Psicologi. Psicopatologia del Bambino Autistico: dalla Valutazione al Trattamento, rivolto a Educatori Professionali, Terapisti Occupazionali, Fisioterapisti, Logopedisti, Psicomotricisti. La Comunicazione Facilitata, rivolto a Psicologi, Logopedisti, Terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva. Psicologia e psicopatologia dei nuovi media, rivolto a psichiatri, neuropsichiatri infantili e psicologi. Apprendere: così piacevole così difficile, la Dislessia, rivolto a Educatori Professionali, Logopedisti, Psicologi, operatori senza obbligo di credito. Il Disturbo Autistico: dall'infanzia all'età adulta attraversando l'adolescenza, rivolto a Logopedisti, Educatori Professionali, Fisioterapisti. Il modello delle cure palliative al malato oncologico terminale. rivolto a medici, infermieri e psicologi Anno 2006 Anno Consorzio CITTA' FUTURA - Interventi per la diffusione e il rafforzamento della Cultura della Legalità APQ Sicurezza e Legalità per lo sviluppo della Regione Siciliana Carlo Alberto Dalla Chiesa : Corso di formazione per operatori del Terzo Settore, in qualità di titolare, sede nel Comune di Gela, finalizzato alla formazione professionale di carattere teorico e tecnico-pratico di operatori in grado di svolgere la propria attività a sostegno della comunità, nonché di creare nuove imprese o di potenziare quelle esistenti nel settore no-profit (associazioni, cooperative sociali, fondazioni, onlus, ecc). Fornitura di beni e servizi per la Gestione di un Incubatore di Imprese Sociali, in qualità di titolare, sede nel Comune di Niscemi. E' una sede temporanea d'imprese, un ambiente protetto, che offre il sostegno necessario per l'avvio di nuove PMI sociali e la crescita o il consolidamento di attività già esistenti. Offre servizi di base e consulenze specifiche necessarie a far acquisire autonomia alle attività incubate. Corso di Formazione per l'utilizzo del Verde quale strumento per il recupero architettonico, in qualità di titolare, sede nel Comune di Gela, finalizzato alla formazione di geometri, geologi, architetti, ingegneri che operano nelle pubbliche amministrazioni e nel privato, coloro cioè che operano nei settori della gestione del territorio, della riqualificazione dell'ambiente, della progettazione di spazi rispondenti alle esigenze di benessere fisico. Corso di formazione per i responsabili dei servizi di prevenzione e protezione e per gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione in ambito scolastico,finalizzato alla formazione del personale della Scuola nelle tipologie funzionali di tutela della salute e sicurezza previste dalla normativa vigente. APQ (Accordo di Programma Quadro) Centro Polivalente San Giorgio IX Municipalità APQ (Accordo di Programma Quadro) Azioni in Rete Sportello di Orientamento al lavoro Regione Siciliana - Assessorato alla Famiglia D.P.R. 309/90 Fondo Nazionale d'intervento per la lotta alla droga. Progetto Prometeo - Catania D.P.R. 309/90 Fondo Nazionale d'intervento per la lotta alla droga. Progetto Poiesis - Lentini 14 15

10 LE AZIONI STRATEGICHE 16

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Agrigento FAS AMMESSI MA NON FINANZIATI

Agrigento FAS AMMESSI MA NON FINANZIATI Agrigento FAS AMMESSI MA NON FINANZIATI 1 55 1081 COOPERATIVA SOCIALE "PEGASO" AG 256.200,00 256.200,00 1800 1800 40 Agrigento FORGIO AMMESSI MA NON FINANZIATI Agrigento FP AMMESSI MA NON FINANZIATI 1

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Introduzione: Riconoscendo la necessità di sviluppare un nuovo e diverso approccio alle problematiche

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Progetto Il progetto nazionale Il progetto regionale Gli obiettivi La gestione del progetto Le macrofasi del progetto Punti di criticità e problemi aperti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli