I GIORNI DELLA RICERCA. Un coro di voci contro il cancro. Ora posso parlare della mia malattia al passato Ernesto Maria Cigliano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I GIORNI DELLA RICERCA. Un coro di voci contro il cancro. Ora posso parlare della mia malattia al passato Ernesto Maria Cigliano"

Transcript

1 I GIORNI DELLA RICERCA Un coro di voci contro il cancro Ora posso parlare della mia malattia al passato Ernesto Maria Cigliano

2 I Cioccolatini della Ricerca La distribuzione continuerà grazie a UBI Banca e con il supporto di eprice e SaldiPrivati Il goloso appuntamento permette di sostenere il lavoro dei ricercatori con una semplice donazione di dieci euro.

3 Per capire a cosa serve la ricerca scientifica e, in particolare, quali sono le ricadute concrete di questa attività sulla vita dei comuni cittadini bisogna ascoltare chi ha affrontato e combattuto una malattia come il cancro. Negli Stati Uniti li chiamano sopravvissuti (survivors, un termine che in italiano può sembrare eccessivamente negativo ma che si riferisce soprattutto al superamento di una prova impegnativa sia dal punto di vista psicologico sia da quello medico). In questa pubblicazione ne incontrerete due: sono per- Dalla diagnosi alla cura passando per Airc sone che hanno scelto di raccontare ciò che hanno vissuto, per testimoniare la loro gratitudine alla medicina e alla ricerca scientifica che hanno trovato la loro cura. Cura che ha permesso a entrambi di guardare al futuro con ottimismo e di continuare a combattere offrendo un messaggio di serenità e di forza anche ad altri pazienti. Dietro tutto questo, in laboratorio ci sono uomini e donne che portano avanti ricerche complesse sul danno molecolare che conduce alla formazione di un tumore, per identificare nuove terapie sempre più efficaci; e ci sono i medici, che assistono i pazienti con dedizione e competenza. Ascolterete anche le loro voci. Alcuni fanno parte di una nuova categoria professionale, i medici-ricercatori, che si alternano al bancone del laboratorio e poi al letto del malato per portare rapidamente le novità dalla teoria alla pratica clinica. E dietro tutti c è AIRC che, attraverso un rigoroso processo di selezione basato esclusivamente sul merito, sostiene economicamente i progetti e consente di arrivare a risultati concreti. A questo servono le donazioni e i contributi che tutti voi devolvete ad AIRC aderendo all Associazione o scegliendo in piazza, in occasione dei Giorni della Ricerca, i Cioccolatini della Ricerca. Per questo vi ringraziamo. 3

4 ciascuno diverso 1000 al giorno, Mille nuovi casi di cancro al giorno, di cui più di metà (il 55 per cento) nelle donne: sono quelli che vengono diagnosticati in Italia ogni 24 ore. Dietro quei mille casi, ci sono mille persone che affrontano con paura una diagnosi non semplice, di quelle che possono cambiarti la vita. Sembrerebbe un dato catastrofico, ma la realtà riserva molte sorprese. Dietro quel numero si celano infatti situazioni molto diverse: dalle forme identificate in fase precocissima grazie ai programmi di screening a quelle per cui esistono terapie efficaci. Analizzando i dati si scopre che aumentano i casi nelle età avanzate, il che è comprensibile, poiché l età è un fattore di rischio: aumentando l età media della popolazione, anche i tumori tendono a crescere, semplicemente per un effetto demografico. Fa eccezione il tumore della mammella, che è in lieve crescita anche nella fascia di età più giovane, cioè tra i 40 e i 50 anni. A cinque anni dalla diagnosi, però, la sopravvivenza è pari in media al 57 per cento per gli uomini e al 63 per cento per le donne, con qualche diversità tra Nord e Sud che bisognerà colmare negli anni futuri. È un dato confortante, che pone l Italia al di sopra della media europea (che ha una sopravvivenza media per uomini e donne insieme intorno al 52 per cento) e degli Stati Uniti, e a 4

5 livello dei Paesi Scandinavi. In pratica il nostro Sistema sanitario nazionale riesce ancora a garantire a tutti le migliori cure possibili e lo sviluppo della ricerca scientifica in ambito oncologico (sostenuta da AIRC attraverso le sue diverse fonti di finanziamento) consente di portare al letto dei malati un approccio basato sulle ultime conoscenze scientifiche. La ricerca, infatti, ha una duplice funzione: permette di scoprire le cause delle malattie e di comprendere i meccanismi alla base della loro comparsa, ma anche di mettere a punto e portare velocemente ai pazienti terapie innovative efficaci. Sempre secondo i dati AIRTUM pubblicati nel 2013, dal 1990 a oggi il periodo di vita dopo la diagnosi dei malati di cancro si è allungato del 14 per cento per gli uomini e del 9 per cento per le donne. I numeri sono aridi per definizione e non riescono a trasmettere tutte le settimane, i mesi, gli anni di vita in più di cui i pazienti hanno potuto godere grazie ai progressi della scienza medica. E infatti oggi si ritiene che il cancro sia una malattia da cui si può guarire e che, spesso, si può mantenere sotto controllo anche per un tempo molto lungo. Se diventa una malattia cronica, con il cancro si può convivere anche grazie a farmaci sempre più mirati, con effetti collaterali più tollerabili di un tempo. La sopravvivenza a cinque anni per diversi tipi di tumore leucemie colon-retto cervice uterina mammella Fonte: AIRTUM, I numeri del cancro in Italia, 2013 prostata tiroide Valori % 5

6 Dal gene alla cura Storia di un ricercatore, dall ipotesi scientifica al letto del paziente Enrico Tiacci è un giovane ematologo ricercatore e i risultati del lavoro condotto dal gruppo di ricerca di cui fa parte, diretto da Brunangelo Falini dell Università di Perugia, sono stati recentemente riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale, all interno di un importante simposio internazionale di ematologia, nel corso della sessione più prestigiosa. La storia di BRAF Scoperto il gene BRAF e il suo ruolo nella proliferazione cellulare Identificata una mutazione nel gene BRAF nella metà dei melanomi

7 01 Dopo una lunga permanenza in Germania, Tiacci è stato selezionato proprio da Falini responsabile di una parte dell importante programma di ricerca sulle leucemie finanziato con fondi del 5 per mille e diretto da Robin Foà, dell Università la Sapienza di Roma per elaborare una strategia efficace nella lotta alla leucemia a cellule capellute, una malattia contro la quale esistono terapie classiche efficaci ma che, data la sua natura cronica, con gli anni tende a non rispondere più ai trattamenti. Quale strategia avete messo a punto per battere la malattia? Quando i nostri direttori di ricerca hanno elaborato il progetto da presentare ad AIRC per ottenere il finanziamento legato ai fondi del 5 mille, la richiesta dell Associazione era di lavorare su idee che portassero, nel giro dei cinque anni, a una cura efficace per i pazienti o almeno a una applicazione pratica. Nel caso della leucemia a cellule capellute, una forma che colpisce ogni anno qualche centinaio di pazienti ma che, data la lunga durata della malattia, è relativamente diffusa nella società, vi sono terapie efficaci basate su chemioterapici classici, ma dopo qualche anno possono smettere di funzionare. Per fare un salto in avanti mancava l individuazione della vera causa della trasformazione delle cellule a livello molecolare. Dopo un anno di lavoro il gruppo diretto da Falini, di cui faccio parte, l ha finalmente trovata: è un gene, BRAF, che finora era stato chiamato in causa solo per il melanoma e altri tumori solidi. Trovare un gene coinvolto significa sempre trovare la causa della malattia? Purtroppo non sempre è così: la stragrande maggioranza dei tumori è provocata da un gran numero di mutazioni genetiche e la cosa difficile è trovare quelle che giocano un ruolo chiave. Nel caso della leucemia a cellule capellute, invece, sembra proprio che BRAF sia la causa Ricreata in laboratorio la proteina prodotta dal gene BRAF con la cristallografia a raggi X Identificata la mutazione di BRAF nei pazienti con leucemia a cellule capellute Approvato il Vemurafenib, un farmaco contro la forma mutata di BRAF, per il trattamento del melanoma Viene sperimentato con buoni risultati il Vemurafenib anche sui pazienti con leucemia a cellule capellute resistenti alla chemioterapia classica

8 Ora potrete curare la malattia? Lo stiamo già facendo. BRAF è un gene coinvolto anche nella genesi di altri tumori ed esiste un farmaco specifico in grado di interferire col suo funzionamento. L abbiamo provato in 26 pazienti ormai resistenti alle cure standard e abbiamo ottenuto risultati importanti: in tutti i casi meno uno abbiamo avuto una risposta, e nel 30 per cento dei casi addirittura una scomparsa della malattia. Si tratta però di uno studio preliminare, per cui non sappiamo ancora quanto a lungo durerà l effetto, ma è comunque di un risultato importantissimo per questi pazienti. il donatore È il primo essenziale anello di un lungo processo. Può contribuire a sostenere la ricerca sul cancro con una donazione, partecipando alle iniziative di piazza oppure firmando per donare ad AIRC il suo 5 per mille. Dalla donaz il sistema d il volontario È l anima di AIRC, sostiene attivamente la ricerca, contribuisce a organizzare le manifestazioni di piazza, si fa promotore di iniziative locali o aiuta i bandi Il denaro messo a disposizione dalla collettività viene distribuito ai migliori progetti, che i ricercatori presentano aderendo ai bandi emessi da AIRC. Ce ne sono di vari tipi: per i ricercatori più giovani (Start-up Grant, My First AIRC Grant), per quelli più esperti (Investigator Grant) o per gruppi di ricerca che lavorano insieme a un comune obiettivo (Programmi speciali). i Comitati regionali nel loro lavoro quotidiano di raccolta. i revisori Sono oltre 600 gli esperti internazionali, scelti fra gli scienziati al top della ricerca sul cancro, che sono coinvolti insieme ai membri del Comitato tecnico scientifico di AIRC nella selezione dei progetti. Ogni progetto è esaminato da almeno tre revisori con la dovuta competenza e senza conflitto di interessi. Sulla base delle 8

9 Nella ricerca non si è mai soli, si lavora con un gruppo. Quanto conta per un giovane avere una figura di riferimento importante? Conta moltissimo. I cosiddetti senior, cioè i direttori dei diversi gruppi di lavoro, sono il vero motore intellettuale dell impresa, guidano i più giovani e, soprattutto, danno loro la possibilità di crescere dal punto di vista scientifico. Lei è un medico e anche un ricercatore. Come concilia queste due funzioni? Ho iniziato lavorando soprattutto in laboratorio, specie quando ero all estero. Ma il bando AIRC 5 per mille prevedeva esplicitamente la formazione di medici ricercatori, che dividessero il loro tempo tra il bancone e il reparto, e così è stato. È la forza di questa idea: fare in modo che anche la ricerca di base possa dare risultati concreti per i pazienti nel più breve tempo possibile. ione al paziente, i valutazione di AIRC valutazioni, si stila una graduatoria in base alla quale si assegnano i finanziamenti finché c è disponbilità di fondi. Ma i soldi non bastano mai e tanti ottimi progetti restano senza finanziamento. il ricercatore Viene informato dell esito della valutazione: se è positivo può cominciare presto a lavorare, se è negativo può seguire i suggerimenti dei revisori e rivedere il proprio progetto in vista di una nuova presentazione traguardo il paziente I risultati della ricerca vengono applicati il più rapidamente possibile ai malati. Il rigoroso metodo di valutazione è essenziale per ottimizzare i risultati e investire nel migliore dei modi il denaro ricevuto dalle donazioni. 9

10 dell umanità La potenza A 16 anni, scoprire di avere una rara forma di tumore del sangue vuol dire diventare grande all improvviso. È quanto è accaduto a Ernesto Maria Cigliano, un ragazzo che oggi ha 22 anni e può raccontare la storia della sua malattia usando il passato. Il giorno della diagnosi è impresso nella mente di Ernesto con tutti i particolari dei momenti salienti dell esistenza: una visita in pronto soccorso per una epistassi che non si ferma, quindi un banale esame del sangue che svela una citopenia refrattaria, ovvero un blocco del midollo osseo e della produzione di piastrine, essenziali per la coagulazione. Infine, la diagnosi di un tumore del sangue. Il ragazzo non è del tutto consapevole di ciò che lo attende. Lo capisce subito, invece la mamma Carla. Per lei è stato davvero difficile, anche se è stata magnifica. Per questo oggi, quando vado a parlare come volontario negli ospedali pediatrici, mi rivolgo prima di tutto a loro, le mamme, che mi ascoltano volentieri: la mia presenza è la prova che anche i loro figli possono farcela. Il viaggio al Nord La famiglia di Ernesto, che sta a Napoli, viene indirizzata al reparto di ematologia diretto da Franco Locatelli (uno degli scienziati finanziati da AIRC), che allora lavorava all Ospedale San Matteo di Pavia e oggi continua la sua attività all Ospedale Bambin Gesù di Roma. Solo lì ho capito davvero cosa stava capitando: è importante avere un medico che ti stia vicino e che spieghi in modo semplice ma chiaro quali sono le diverse opzioni. Ancora oggi sono molto legato al professor Locatelli, perché è anche grazie alla sua umanità, oltre che alle sue conoscenze scientifiche, se oggi posso parlare con serenità della malattia. Ernesto viene messo in lista per un trapianto di midollo, ma le complicanze ritardano la terapia. Febbre alta, un infezione grave a una gamba, che richiede un innesto di pelle sana, una fistola coccigea sembra che i tormenti legati alla scarsa attività di difesa del suo sistema immunitario non abbiano mai fine. Ma arriva il giorno in cui dalla banca dei donatori di midollo arriva la notizia che c è un donatore compatibile. Nel dicembre del 2010 Ernesto si sottopone al trapianto. È una procedura molto dura e faticosa, inutile nasconderlo. Ma la vicinanza dei medici è stata es- 10

11 senziale e mi ha dato la forza per andare avanti. Oggi il ragazzo si sottopone a un controllo l anno e sta bene. Ha tentato per due anni di seguito di iscriversi a medicina, senza però riuscire a superare i test. Non si è perso d animo e nel frattempo ha frequentato la facoltà di biotecnologie, scoprendo però che non corrispondeva del tutto alle sue aspirazioni, per cui col nuovo anno accademico si sposterà a economia, la sua seconda passione. Il laboratorio e la ricerca pura non fanno per me. Vorrei fare il medico, per me sarebbe una missione, il mio grande sogno, che spero di poter realizzare presto, mettendo in campo grande umanità. Dalla mia esperienza, infatti, ho tratto una lezione: la guarigione non dipende solo dalla medicina che prendi, ma anche dalla sensibilità di chi te la porge. 11

12 La scienziata... Se oggi le donne colpite in giovane età da un tumore della mammella possono conservare buone prospettive di diventare mamme, senza dover rinunciare alle migliori cure antitumorali disponibili, gran parte del merito va alle ricerche condotte da Lucia Del Mastro, con il finanziamento di AIRC. Cilentana, è da molti anni trapiantata a Genova, dove lavora allo sviluppo di terapie innovative nel reparto di oncologia dell IRCCS San Martino-Istituto nazionale per la ricerca sul cancro. Ha pubblicato i risultati del suo studio durato parecchi anni sulla prestigiosa rivista JAMA. Per una donna giovane spiega ricevere una diagnosi di tumore è doppiamente angosciante. Da un lato deve far fronte alla malattia, dall altro vede all improvviso cambiare il suo futuro, soprattutto la possibilità di creare una famiglia, perché le chemioterapie possono compromettere la fertilità danneggiando il tessuto ovarico spiega Del Mastro. Per questo ho cercato una soluzione che permettesse loro di sperare nel futuro. Soluzioni su misura Qualche soluzione, in alcuni casi, si può trovare nelle tecniche di fecondazione artificiale, invitando le donne a prelevare e congelare gli ovociti o il tessuto ovarico in vista di una successiva gravidanza. Purtroppo, però, non sempre il tumore lascia spazio a questa opzione, sia perché non c è tempo da perdere e bisogna cominciare subito il trattamento sia perché, nel caso della mammella, talvolta gli ormoni sono controindicati, giacché agiscono come fertilizzanti per le cellule maligne. Ho pensato: solo i tessuti più attivi assorbono i farmaci, e quindi anche le chemioterapie. Cosa succede se riesco a bloccare il funzionamento del tessuto ovarico e quindi a diminuire la quantità di chemioterapia assorbita dai futuri ovociti? Lo strumento adatto a ottenere questo effetto si chiama triptorelina, ed è la sostanza tecnicamente definita un analogo dell ormone che rilascia le gonadotropine che permette di mettere a 12

13 13

14 riposo le ovaie quando una donna giovane deve sottoporsi a una chemioterapia. La ricerca che ne ha dimostrato l efficacia, finanziata da AIRC e condotta da Del Mastro, ha coinvolto 281 giovani donne colpite da un tumore della mammella e ha confermato che l uso della triptorelina riduce significativamente il rischio di dover rinunciare alla maternità, anche se non funziona nel 100 per cento dei casi. Dall inizio dei miei tentativi con il farmaco sono passati ormai diversi anni e alcune pazienti sono guarite. Tenere in braccio i primi bambini nati dalle donne che hanno partecipato allo studio mi ha dato una grande emozione racconta la ricercatrice....e la paziente Oggi Sara Caldarola ha 38 anni e una bimba di due anni di nome Agnese. È una biologa molecolare e attualmente studia il carcinoma prostatico. Nel 2007, a 31 anni, aveva appena ottenuto un contratto a tempo determinato come ricercatrice presso l Università Tor Vergata, a Roma, e collaborava con Stefania Gonfloni (un altra ricercatrice finanziata da AIRC) che studiava gli effetti della chemioterapia sugli ovociti, cioè sulle cellule germinali femminili. Da ricercatrice a malata A volte il destino gioca strani scherzi, dice oggi Sara: quattro giorni dopo la firma del suo contratto con l università, scopre di avere un tumore al seno. In realtà è un anno che tiene sotto controllo con l ecografia un nodulo che non promette nulla di buono, ma i responsi del suo medico sono rassicuranti. Una mattina, però, sente due palline sotto l ascella. Mi occupo di tumori, sapevo che non era un segnale incoraggiante. E infatti è un cancro della mammella che ha già dato metastasi ai linfonodi. Ho pensato alla malattia, certo, ma anche al fatto che finalmente avevo il lavoro che sognavo nella ricerca. Avevo anche un altro pensiero fisso: forse non sarei mai diventata madre. Ho avuto paura di non avere la forza di affrontare tutto questo. Un patto col medico Sara pone la fatidica domanda a chi l ha in cura presso l Ospedale Fatebenefratelli di Roma: potrò essere madre? Il medico non ha una risposta certa. Ero una delle prime a chiederglielo: lui pensava che la mia vita fosse in pericolo, e la gravidanza non era tra le sue priorità. Per me, invece, non era così. Avevo bisogno di pensare al futuro per 14

15 15

16 affrontare il presente. Grazie alle sue conoscenze scientifiche e alla collaborazione dei suoi medici curanti, Sara si informa e insieme trovano una possibile soluzione: c è chi, come la ricercatrice di AIRC Lucia Del Mastro, sta tentando di proteggere le ovaie durante la chemioterapia con un inibitore delle gonadotropine, in sostanza un farmaco che induce una menopausa farmacologica. I miei medici erano d accordo nel provare e anche a me sembrava una buona idea. Una strada difficile Il 4 agosto 2007 inizia la chemioterapia, terminata poi a gennaio A febbraio 2008 viene operata. A maggio dello stesso anno inizia la radioterapia e continua la cura con un anticorpo monoclonale. È stato un periodo difficilissimo: agli effetti inevitabili delle cure contro il tumore si sommavano i disturbi legati alla menopausa, per quanto indotta. Sono passati gli anni, la terapia ha avuto, per fortuna, l effetto previsto e i ginecologi decidono che si può pensare di ripristinare il ciclo e di autorizzare una gravidanza. Il 4 ottobre 2012 nasce Agnese. Se racconto la mia storia è perché avrei voluto, quando mi è successo, avere più informazioni e soprattutto la testimonianza di un altra donna che ce l aveva fatta. Ho avuto dei medici meravigliosi, sempre disponibili a darmi una mano anche quando insistevo per seguire una strada che pochi anni fa era ancora pionieristica. Basti pensare che quando sono rimasta incinta ho dovuto scegliere un ginecologo che è anche oncologo, perché gli altri non se la sentivano di seguire una donna che aveva avuto un cancro al seno, sebbene ormai al di fuori dal periodo di massimo rischio di recidiva. Un cambio di mentalità Dopo i primi successi terapeutici e soprattutto grazie alla diffusione di storie come quella di Sara, il problema di conservare la fertilità delle donne giovani è ben presente nella mente dei medici che curano pazienti giovani, a dimostrazione del fatto che la strada tra la ricerca e l applicazione nelle cure quotidiane non è sempre così lunga come si immagina. Sara oggi vorrebbe allargare la famiglia e inoltre farà un altro cambiamento importante nella sua vita: dalla ricerca passerà all insegnamento. Certo, la ricerca le mancherà, ma da docente potrà spiegare ai ragazzi delle scuole quanto è importante cercare sempre una soluzione razionale ai problemi che la vita pone davanti a ciascuno di noi, senza lasciarsi trascinare dall emotività. 16

17 17

18 La forza del gruppo La ricerca è un impresa collettiva Alcuni anni fa, un gruppo di ricercatori diretto da Paolo Comoglio all Istituto di ricerca sul cancro di Candiolo, in provincia di Torino, ha identificato una particolare mutazione genetica in un piccolo sottogruppo di pazienti con cancro al colon. Si tratta del gene KRAS, responsabile dello sviluppo di una intensa resistenza ai farmaci chemioterapici che rende inefficaci, dopo un certo tempo, le terapie classiche. La scoperta si deve al lavoro di Alberto Bardelli dell Istituto di Candiolo che ha pubblicato i risultati sulla prestigiosa rivista Nature, insieme a Salvatore Siena, direttore della Divisione di oncologia Falck dell Ospedale Niguarda di Milano e a un gruppo di oncologi del Memorial Sloan Kettering di New York. La ricerca è stata resa possibile dai fondi 5 per mille di AIRC e dallo sviluppo di una nuova tecnologia, la biopsia liquida, che identifica nel sangue del paziente le tracce del DNA delle cellule tumorali e 18

19 permette di verificare la risposta alle terapie senza ricorrere alla biopsia vera e propria. Ora sarà possibile mettere a punto farmaci mirati contro KRAS e utilizzarli per migliorare anche l effetto dei chemioterapici classici. Da HER2 al farmaco Sempre a Candiolo, alcuni anni prima, e sempre grazie a un finanziamento di AIRC, altri ricercatori avevano identificato una mutazione del gene HER2, presente in non più del 5 per cento dei malati di cancro al colon. Contro HER2 esistono diversi farmaci biologici che sono usati in altre forme tumorali. Un gruppo di Candiolo, diretto da Livio Trusolino, ha provato tali farmaci in modelli sperimentali e, dati i buoni risultati, il protocollo è approdato ai pazienti. La sperimentazione prende il nome di Heracles ed è coordinata ancora da Salvatore Siena presso l Ospedale di Niguarda, dove arrivano pazienti di tutta Italia portatori della particolare mutazione, sotto l abilissima responsabilità organizzativa di Silvia Marsoni, che lavora a Candiolo. I risultati ottenuti nei primi pazienti sono eccezionali: la malattia viene fermata nella grande maggioranza dei casi, anche in malati che ormai non avevano più armi a disposizione. Per molti di loro, colpiti da cancro in fase già avanzata e con metastasi, la nuova cura con farmaci mirati ha significato una cronicizzazione della malattia che permette loro di fare progetti per il futuro e di condurre una vita familiare e lavorativa normale. 19

20 20

21 Quando anche i pazienti fanno ricerca Se una scoperta scientifica arriva al letto del malato, prima di utilizzarla in un gran numero di persone si procede in genere a provarla in un primo gruppo di volontari. Secondo stime effettuate negli Stati Uniti, circa il 15 per cento dei pazienti oncologici entra a far parte di un protocollo sperimentale, ovvero si offre per provare nuovi ritrovati, sottoporsi a particolari test diagnostici o infine per dare informazioni sui propri stili di vita nell ambito di studi epidemiologici. Senza la disponibilità dei volontari, la scienza non potrebbe progredire. In alcuni casi, come quando si testano terapie riservate a pazienti che non rispondono più alle altre cure disponibili, la sperimentazione può essere un opportunità aggiuntiva anche per il singolo. Regole severissime Esiste una procedura precisa, stabilita a livello internazionale, per condurre sperimentazioni farmacologiche nei pazienti. La ragione di tanti scrupoli, che allungano fino a 20 anni il tempo prima di poter commercializzare una nuova molecola, sta tutta nella tutela dei malati: non solo bisogna dimostrare che la nuova medicina è efficace almeno quanto quella vecchia (o, meglio, più efficace) ma anche che non ha effetti collaterali gravi. Non tutti i pazienti rispondono ai criteri necessari per l inclusione in una sperimentazione e questo è difficile da spiegare a chi magari ha provato di tutto e spera nell ultimo ritrovato della scienza. Per entrare in una sperimentazione bisogna infatti avere caratteristiche individuali e della malattia ben precise, stabilite a priori. È bene anche ricordare che da una sperimentazione farmacologica si può uscire in qualsiasi momento senza per questo perdere il diritto alla migliore assistenza possibile. Non tutti gli studi sono di tipo farmacologico: alcuni si prefiggono lo scopo di scoprire l effetto di determinate scelte di vita sulla salute, altri studiano le basi genetiche di una malattia (compresa la predisposizione a svilupparla, che implica l accettazione dell eventualità di scoprire che si è a rischio), altri ancora vogliono capire se un certo strumento diagnostico è affida- 21

22 bile o meno. Per ogni tipo di studio esistono regole che devono essere rispettate. Per esempio, se si chiede a un volontario di sottoporsi a un esame per la diagnosi precoce, è obbligatorio garantire anche tutti gli accertamenti derivanti dalla diagnosi, sia essa corretta o sbagliata. Prima di entrare nella sperimentazione Cosa bisogna sapere È utile, prima di accettare lo studio proposto, cercare di capire se, per la stessa malattia, ve ne sono altri in corso e con quale obiettivo È importante parlare con un medico e decidere insieme a lui qual è la sperimentazione più adatta al proprio caso Con l aiuto del medico, fate un bilancio dei rischi e dei benefici ipotetici che derivano dalla partecipazione Siate certi di aver avuto una risposta soddisfacente per ognuna delle vostre domande Fonte: American Cancer Society Alcuni possibili rischi Potrebbero comparire effetti collaterali dovuti ai nuovi trattamenti La cura potrebbe non essere efficace come ci si attendeva Partecipare a uno studio clinico può richiedere tempo, perché si fanno più visite e più controlli I potenziali benefici Potreste accedere a terapie non disponibili al pubblico Sarete seguiti in un contesto altamente specializzato e probabilmente anche attraverso una corsia preferenziale per esami e controlli Contribuirete al progresso delle conoscenze e ad aiutare chi si è ammalato della vostra stessa malattia 22

23 NOTIZIARIO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA RICERCA SUL CANCRO Rendiamo il cancro VIA sempre CORRIDONI più MILANO curabile T Oggi i tassi di guarigione, soprattutto per alcuni tumori, sono aumentati clamorosamente grazie al progresso della ricerca scientifica. La guaribilità media dei tumori è più che raddoppiata in soli 30 anni. Di questo progresso sono promotrici AIRC e la sua Fondazione FIRC, che SPECIALE investono ARANCE su giovani DELLA talenti SALUTE e progetti innovativi e diffondono una corretta informazione sulle novità terapeutiche e diagnostiche e sugli stili di vita da adottare per una buona prevenzione. I COMITATI REGIONALI, UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER TUTTI I NOSTRI SOCI Abruzzo - Molise Viale Regina Elena, Pescara Tel airc.it Basilicata Contrada Serritello la Valle Matera Tel Calabria Viale degli Alimena, Cosenza Tel Campania Via dei Mille, Napoli Tel Emilia Romagna Via delle Lame, 46/E Bologna Tel Friuli -Venezia Giulia Via del Coroneo, Trieste Tel Lazio Viale Regina Elena, Roma Tel Liguria Via Caffaro, Genova Tel Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro Sede operativa: Via San Vito 7, Milano, Tel , - Numero Verde Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli Testi: Daniela Ovadia (Agenzia Zoe) Lombardia Via Corridoni, Milano Sede operativa: Via San Vito, Milano Tel Marche c/o Edificio Scienze 3 dell Università politecnica delle Marche Via Brecce Bianche Ancona Tel Piemonte - Valle d Aosta c/o Istituto per la ricerca e la cura del cancro Strada Provinciale 142, km 3, Candiolo (To) Tel airc.it Puglia Piazza Umberto I, Bari Tel Sardegna Via De Magistris, Cagliari tel Sicilia Piazzale Ungheria, Palermo Tel Toscana Via Cavour, Firenze Tel Progetto grafico e impaginazione: Silvia Ruju Fotografie: Francesco Giannella, Istockphoto, Armando Rotoletti, Andrea Sborchia Stampa: Amilcare Pizzi Officine Grafiche Novara, Novara, settembre 2014 Umbria Via Brufani, Perugia Tel Veneto Via Gaetano Trezza, Verona Tel

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. SOSTENGA LA RICERCA NEI MOMENTI CHE CONTANO, PER LEI

Dettagli

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. Dietro la sigla AIRC ci sono quasi due milioni di soci

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia 1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia Coordinatori: R. Capocaccia (ISS Roma) M. Vercelli (IST Genova) E. Paci (Registro Tumori Toscano) P. Picci (IOR Bologna)

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Fonte: Controcampus.it Per gli studenti che hanno sostenuto il test di Professioni Sanitarie

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637 AIRFA newsletter N 4, Marzo 2014 Cari Amici, gentili Famiglie, l Associazione Italiana per Ricerca sull Anemia di Fanconi (AIRFA), in collaborazione con alcuni centri clinico/scientifici italiani e l Associazione

Dettagli

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana Anno I Numero 57 AVVISO Giuramento di Galeno: -Sabato 15 Dicembre 2012 - Concorso Straordinario: - bando della Toscana Notizie in Rilievo Salute e Benessere 1. Le proprietà curative degli oli essenziali

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del carcinoma mammario per donne d età fra i 50 e i 69 anni 1 DI CHE COSA SI TRATTA? Unitamente all invito per lo screening mammografico,

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute Risorse messe in campo Dott. Mariano Alessi Dirigente Medico Medico del Lavoro Ministero della salute DG Prevenzione Nel 2012 sono state finanziate attività specifiche

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del tumore al seno per le donne tra i 50 e i 69 anni 1 PERCHÉ MI VIENE OFFERTA UNA MAMMOGRAFIA? Se ha un età compresa tra i 50

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

L essenziale che dovrebbe conoscere e comunicare un volontario della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica

L essenziale che dovrebbe conoscere e comunicare un volontario della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica L essenziale che dovrebbe conoscere e comunicare un volontario della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Che cos è la fibrosi cistica? La fibrosi cistica (FC) è la malattia genetica grave più diffusa. È

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

Testimonianze dei Pazienti

Testimonianze dei Pazienti Testimonianze dei Pazienti Ho scritto una lettera Al mio donatore Per dire grazie a lui E a quanti nel mondo Si rendono disponibili A donare il midollo Per salvare la vita Di un fratello Che non conoscono

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg.

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg. A.G.M.E.N. F.V.G. Associazione Genitori Malati Emopatici Neoplastici Friuli-Venezia Giulia per lo studio, la cura e l assistenza dei bambini con tumore O.N.L.U.S. presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137

Dettagli

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Sessione Parallela LA CURA SI FA OPERA SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Blanca Lopez-Ibor Dir. Unidad de Hematologia-Oncologia Pediatrica, Hosp. Monteprincipe

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. 1. IL SENO COME E FATTO CONOSCERE Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. La ghiandola mammaria ha la funzione di produrre latte

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

IL TUMORE AL SENO. I dati epidemiologici. La rete di assistenza

IL TUMORE AL SENO. I dati epidemiologici. La rete di assistenza IL TUMORE AL SENO nel lazio I dati epidemiologici. La rete di assistenza IL TUMORE AL SENO nel lazio Le fonti Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio www.asplazio.it Banca Dati I Tumori in Italia,

Dettagli

I nuovi bisogni del paziente. Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia

I nuovi bisogni del paziente. Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia I nuovi bisogni del paziente Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia F.A.V.O. è l'associazione delle associazioni a servizio dei malati di cancro

Dettagli

PIANO DEGLI INCORPORAMENTI NELLE AREE GEOGRAFICHE DEI VOLONTARI IN FERMA PREFISSATA DI UN ANNO NELL ESERCITO ITALIANO ANNO 2005

PIANO DEGLI INCORPORAMENTI NELLE AREE GEOGRAFICHE DEI VOLONTARI IN FERMA PREFISSATA DI UN ANNO NELL ESERCITO ITALIANO ANNO 2005 ALLEGATO 1 (art. 1 del bando) PIANO DEGLI INCORPORAMENTI NELLE AREE GEOGRAFICHE DEI VOLONTARI IN FERMA PREFISSATA DI UN ANNO NELL ESERCITO ITALIANO ANNO 2005 AREE GEOGRAFICHE 1. ABRUZZO 2. BASILICATA 3.

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Distress emozionale Da un indagine effettuata dalla Societa Italiana di Psico - Oncologia (SIPO) su 1108 pazienti

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 DI CORSA FINO AL MIDOLLO 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 Di corsa fino al Midollo è una corsa non competitiva organizzata da ADMO Peperoncino Running in collaborazione con ADMO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 15 ottobre 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 15 ottobre 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 15 ottobre 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 8 Prime Pagine 12 Rassegna associativa

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita.

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Come tenersi aggiornati sui test offerti dal Ssn per il tumore del seno, della cervice uterina e del colon retto. Il vademecum del ministero Il ministero della Salute

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA

SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA DIVENTARE GENITORI, ANDANDO OLTRE LA MALATTIA LA RICERCA SCIENTIFICA E LE TECNICHE MEDICHE PER NON RINUNCIARE Maddalena Corvaglia Insieme contro il cancro ANCHE TU PUOI DIRE

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO ALLATTAMENTO E CARCINOMA DELLA MAMMELLA Relatore: Prof. Biglia Nicoletta Candidata: Spina Federica ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Nei Paesi industrializzati circa il 10% delle

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

NEOPLASIE ED INFERTILITA

NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE E FERTILITA UN TEMA DA AFFRONTARE INSIEME CONOSCERE IL PROPRIO PROBLEMA Ogni anno circa 11000 persone in età riproduttiva si ammalano di tumore. Per queste persone affrontare

Dettagli

Resoconto Attività 2010-2011. 20 dicembre 2011

Resoconto Attività 2010-2011. 20 dicembre 2011 Resoconto Attività 2010-2011 20 dicembre 2011 Programma! Benvenuto Prof. Alessandro Albisetti Preside Facoltà di Giurisprudenza! Un anno di attività Paolo Gambarini! Testimonianze CTiF Dott.ssa Luisa Della

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani Unità di Colonproctologia SASSUOLO Coordinatore: R.D.Villani

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD UN PROGETTO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI TUMORE AL SENO PINK IS GOOD TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. I NUMERI OLTRE 48 mila OGNI ANNO IL NUMERO DELLE DONNE

Dettagli

La Cura del malato oncologico

La Cura del malato oncologico La Cura del malato oncologico Salvagno Luigi U.O. Oncologia Amb onco-ematologia ULSS 7 Conegliano 23 aprile 2016 Mortalità per neoplasia negli USA anni 1975-2012 Questo dipinto rivela il mio stato d'animo

Dettagli

A.L.I.Ce. Italia Onlus

A.L.I.Ce. Italia Onlus ICTUS, PREVENZIONE E (IN)FORMAZIONE Paolo Binelli A.L.I.Ce. Italia Onlus ROMA, 12 novembre 2013 ALIC A.L.I.Ce. Italia Onlus È una Federazione a cui aderiscono 20 Associazioni A.L.I.Ce. Regionali ubicate

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto. servizi d integrazione sanitaria

Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto. servizi d integrazione sanitaria SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60 Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto 1 Fondo integrativo sanitario Impresa

Dettagli

Perché sceglierei la LUISS

Perché sceglierei la LUISS Perché sceglierei la LUISS RAPPORTO SULLE GIORNATE DI ORIENTAMENTO ANNO 2013 Undicesima edizione Marzo 2014 Indice Introduzione... 1 1 Informazioni generali sugli intervistati... 2 2 La famiglia... 6 3

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861 Dir. Resp.: Virman Cusenza 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 2.848.000 Diffusione: 431.913 Dir. Resp.: Ezio Mauro 28-NOV-2014 da pag. 7 Lettori: 484.000 Diffusione:

Dettagli

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA Professioni sanitarie Infermieristiche e Prefessioni sanitaria Ostetrica afferenti alla classe SNT/1 Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA INFERMIERISTICA PEDIATRICA Chieti 243 10 L'Aquila 300 10

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

l Associazione Italiana Registri Tumori

l Associazione Italiana Registri Tumori Corso: Principi e metodi della raccolta, classificazione e codifica dei tumori Tarquinia, 25 novembre2010 l Associazione Italiana Registri Tumori Stefano Ferretti Associazione Italiana Registri Tumori

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future. La Centralità del Paziente Oncologico

LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future. La Centralità del Paziente Oncologico LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future La Centralità del Paziente Oncologico IL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEI PAZIENTI ONCOLOGICI Elisabetta Iannelli F.A.V.O. F.A.V.O.

Dettagli

14-09-2014 50/51 1 / 5

14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 2 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 3 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 4 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 5 / 5 QUOTIDIANO AIOM: estendiamo i divieti

Dettagli

Acquistando un misuratore di pressione Microlife AFIB, sostieni A.L.I.Ce. e la lotta all Ictus Cerebrale

Acquistando un misuratore di pressione Microlife AFIB, sostieni A.L.I.Ce. e la lotta all Ictus Cerebrale Cos è la FIBRILLAZIONE ATRIALE La FIBRILLAZIONE ATRIALE è l anomalia del ritmo cardiaco più comune al mondo negli adulti e colpisce più di nove milioni di persone solo fra Unione Europea e Stati Uniti.

Dettagli

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC Roma 4 marzo 2009 Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali La comunicazione della scienza come informazione alla collettività e strumento di raccolta fondi. Il caso di

Dettagli

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza a cura di Pompeo Pindozzi LA La prevenzione possibile Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione Dopo i 25 anni Tra i 25 e i 40 anni Verso i 40 anni Dopo i 40 anni La

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Lettori: 2.540.000 Diffusione: 477.910. Dir. Resp.: Ferruccio de Bortoli. 09-GEN-2015 da pag. 25

Lettori: 2.540.000 Diffusione: 477.910. Dir. Resp.: Ferruccio de Bortoli. 09-GEN-2015 da pag. 25 Lettori: 2.540.000 Diffusione: 477.910 Dir. Resp.: Ferruccio de Bortoli 09-GEN-2015 da pag. 25 Lettori: 1.971.000 Diffusione: 291.489 Dir. Resp.: Luigi Vicinanza 15-GEN-2015 da pag. 87 Crisi e sanità.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

www.morganmilleredizioni.it

www.morganmilleredizioni.it www.morganmilleredizioni.it 1 dedicato a mia mamma Serafina e a mia figlia Solaire 2 Un ringraziamento particolare al dott. Luigi P. per avermi ispirato l idea di scrivere il libro. 3 Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli