Linee Guida. e raccomandazioni. Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Guida. e raccomandazioni. Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse"

Transcript

1 Linee Guida e raccomandazioni SIDeMaST Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse

2

3 Linee Guida e raccomandazioni SIDeMaST Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse

4 Copyright 2011 by SIDeMaST ISBN Realizzazione editoriale e progetto grafico Pacini Editore S.p.A. Via A. Gherardesca Pisa Stampa Industrie Grafiche Pacini Pisa L editore resta a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare e per le eventuali omissioni. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web Finito di stampare nel mese di Gennaio 2011 presso le Industrie Grafiche della Pacini Editore S.p.A. Via A. Gherardesca Ospedaletto Pisa Telefono Telefax

5 Indice Autori e affiliazioni...5 Introduzione Consiglio Direttivo SIDeMaST...9 Dermatite atopica C. Gelmetti, A. Patrizi, L. Naldi, A. Belloni Fortina...11 Psoriasi G. Altomare, S. Chimenti, A. Giannetti, G. Girolomoni, M. Maccarone, T. Lotti, G.A. Vena...29 Dermatite da contatto G. Angelini, N. Balato, D. Bonamonte, P. Lisi, V. Pedrelli, P.D. Pigatto...57 Dermatite cronica eczematosa delle mani (eczema cronico delle mani) G.A. Vena, G. Girolomoni, O. De Pità, A. Cristaudo, P.D. Pigatto, A. Giannetti, N. Cassano, G. Angelini, T. Lotti...71 Prurito cronico non associato a malattie dermatologiche G. Tessari, N. Cassano, G.A. Vena, G. Girolomoni...83 Orticaria G.A. Vena, N. Cassano, P.D. Pigatto, O. De Pità, R. Gallo, R.H. Valsecchi, C. Foti, M. Caproni, C. De Simone, G. Girolomoni...99 Acne e rosacea V. Bettoli, C. Pelfini, G. Micali Vitiligine T. Lotti, P.G. Calzavara-Pinton, M. Picardo, L. Naldi, G. Buggiani, S. Berti Non Melanoma Skin Cancer M.R. Bongiorno, S. Doukaki, G. Leigheb, M.G. Bernengo, S. Calvieri, M. Aricò Malattie rare A. Patrizi, I. Neri...167

6 Connettiviti P. Fabbri, M. Papini, A. Parodi Tumori cutanei benigni G. Filosa, F. Rongioletti, A. Filosa, L. Bugatti, M. Auriemma, A. Tulli Malattie sessualmente trasmesse A. Di Carlo, M. Cusini, G. Zuccati, P. D Onofrio Melanoma cutaneo M.G. Bernengo, K. Peris, V. De Giorgi, M. Aricò, G. Argenziano, L. Borgognoni, U. Bottoni, S. Calvieri, C. Catricalà, S. Chimenti, M.C. Fargnoli, N. Pimpinelli, P. Quaglino Infezioni batteriche e micotiche della cute e degli annessi cutanei E.M. Difonzo, M. Papini Parassitosi e zoonosi S. Veraldi, L. Valenzano, A. Morrone Linfomi cutanei E. Berti, M.G. Bernengo, S. Chimenti, N. Pimpinelli Fotodermatosi e fotoprotezione A. Baldo, G. Biolcati, P.G. Calzavara-Pinton, M. Guarrera, G. Leone, A. Macrì, G. Monfrecola, A. Pacifico, P.D. Pigatto, M. Venturini Infezioni virali G. Borroni, A. Di Carlo, S. Menni Dermatiti bollose autoimmuni C. Pincelli, M. Pignatti, M. Caproni Laser in Dermatologia: generaltà ed applicazioni P. Campolmi, G. Cannarozzo, P.L. Bencini, G.F. Zagni, I. Gersetich, N. Zerbinati, P. Bonan, N. Cameli, G. Scarcella, S. Curatolo, T. Lotti Cheratosi attiniche R. Rossi, P.G. Calzavara-Pinton, A. Giannetti, A. Peserico, M. Santucci, G.A. Vena, T. Lotti...419

7 Autori e affiliazioni Angelini Gianni, Clinica Dermatologica I, Università di Bari Aricò Mario, Clinica Dermatologica, Università di Palermo Altomare Gianfranco, Istituto Ortopedico Galeazzi, Dipartimento di Tecnologie per la Salute, IRCCS Milano Argenziano Giuseppe, Clinica Dermatologica, Università di Napoli Federico II Auriemma Matteo, Clinica Dermatologica, Università di Chieti Balato Nicola, Clinica Dermatologica, Università di Napoli Federico II Baldo Antonello, Clinica Dermatologica, Università di Napoli Federico II Belloni Fortina Anna, Servizio di Dermatologia Pediatrica, Dipartimento di Pediatria, Università di Padova Bencini Pierluca, Istituto Chirurgia Laser in Dermatologia (ICLID) di Milano Bernengo Maria Grazia, Clinica Dermatologica, Università di Torino Berti Emilio, Clinica Dermatologica, Università di Milano-Bicocca Berti Samantha, Dermatologia, Ospedale Meyer, Firenze Bettoli Vincenzo, Dipartimento di Medicina Clinica e Specialistica, Sezione di Dermatologia, Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara, Università di Ferrara Biolcati Gianfranco, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Bonamonte Domenico, Clinica Dermatologica I, Università di Bari Bonan Paolo, Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, Università di Firenze Bongiorno Maria Rita, Clinica Dermatologica, Università di Palermo Borgognoni Lorenzo, Divisione di Chirurgia Plastica, Ospedale S. Maria Annunziata, Firenze Borroni Giovanni, Clinica Dermatologica, Università di Pavia Bottoni Ugo, Clinica Dermatologica, Università della Magna Grecia, Catanzaro Bugatti Leonardo, U.O. Dermatologia, ASUR Marche ZT5, Iesi Buggiani Gionata, Dipartimento di Scienze Dermatologiche, Università di Firenze Calvieri Stefano, Clinica Dermatologica, Sapienza Università di Roma Calzavara-Pinton Pier Giacomo, Dipartimento di Dermatologia, Università di Brescia Cameli Norma, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Campolmi Piero, Dipartimento di Scienze Dermatologiche, Università di Firenze Cannarozzo Giovanni, Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, Università di Firenze Caproni Marzia, Dipartimento di Scienze Dermatologiche, Università di Firenze Cassano Nicoletta, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Bari

8 6 Autori e affiliazioni Catricalà Caterina, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Chimenti Sergio, Clinica Dermatologica, Università di Roma Tor Vergata Cristaudo Antonio, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Curatolo Salvatore, Unità di Dermatologia, Ospedale Garibaldi, Catania Cusini Marco, Fondazione Ca Granda, Ospedale Maggiore Milano De Giorgi Vincenzo, Clinica Dermatologica, Università di Firenze De Pità Ornella, Istituto Dermopatico dell Immacolata IRCCS, Roma De Simone Clara, Istituto di Dermatologia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Di Carlo Aldo, Istituto Dermosifilopatico S. Gallicano IRCCS, Roma Difonzo Elisa Margherita, Dipartimento di Scienze Dermatologiche, Università di Firenze D Onofrio Pompeo, Clinica Dermatologica, Università di Napoli Federico II Doukaki Spyridoula, Clinica Dermatologica, Università di Palermo Fabbri Paolo, Clinica Dermatologica, Università di Firenze Fargnoli Maria Concetta, Clinica Dermatologica, Università dell Aquila Filosa Alessandra, ASUR Marche ZT9, Macerata Filosa Giorgio, U.O. Dermatologia, ASUR Marche ZT5, Iesi Foti Caterina, Clinica Dermatologica I, Università di Bari Gallo Rosella, Clinica Dermatologica, Università di Genova Gersetich Ilaria, Clinica Dermatologica, Università di Firenze Gelmetti Carlo, Istituto di Scienze Dermatologiche, Università di Milano Giannetti Alberto, Clinica Dermatologica, Università di Modena Girolomoni Giampiero, Sezione di Dermatologia e Venereologia, Università di Verona Guarrera Marcella, Clinica Dermatologica, Università di Genova Leigheb Giorgio, Clinica Dermatologica, Università di Novara Leone Giovanni, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Lisi Paolo, Sezione di Dermatologia Clinica, Allergologica e Venereologica, Università di Perugia Lotti Torello, Sezione di Dermatologia II, Università di Firenze Maccarone Mara, Associazione per la Difesa degli Psoriasici, A.DI.PSO., Roma Macrì Annalisa, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Menni Silvano, Clinica Dermatologica, Ospedale San Paolo, Università di Milano Micali Giuseppe, Clinica Dermatologica, Università di Catania Monfrecola Giuseppe, Clinica Dermatologica, Università di Napoli Federico II Morrone Aldo, INMP Istituto Nazionale Migranti e Povertà, Roma

9 Autori e affiliazioni 7 Naldi Luigi, U.O. Dermatologia, Ospedali Riuniti di Bergamo Neri Iria, U.O. Dermatologia, Università di Bologna Pacifico Alessia, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Papini Manuela, Clinica Dermatologica, Ospedale di Terni, Università di Perugia Parodi Aurora, Di.S.E.M. Sezione di Dermatologia, Università di Genova Patrizi Annalisa, U.O. Dermatologia, Università di Bologna Pedrelli Valerio, Istituto Ortopedico Galeazzi, Dipartimento di tecnologie per la salute, IRCCS Milano Pelfini Carlo, Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia Peris Ketty, Clinica Dermatologica, Università dell Aquila Peserico Andrea, Unità di Dermatologia, Università di Padova Picardo Mauro, Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS, Roma Pigatto Paolo Daniele, Istituto Ortopedico Galeazzi, Dipartimento di Tecnologie per la Salute, IRCCS Milano Pignatti Marco, Clinica Dermatologica, Università di Modena e Reggio Emilia Pimpinelli Nicola, Clinica Dermatologica, Università di Firenze Pincelli Carlo, Clinica Dermatologica, Università di Modena e Reggio Emilia Quaglino Pietro, Clinica Dermatologica, Università di Torino Rongioletti Franco, Clinica Dermatologica, Università di Genova Rossi Riccardo, Sezione di Dermatologia II, ASF, Università di Firenze Santucci Marco, Dipartimento di Patologia Umana e Oncologia, Università di Firenze Scarcella Giuseppe, Unità di Dermatologia, Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR) Tessari Gianpaolo, Sezione di Dermatologia e Venereologia, Università di Verona Tulli Antonello, Clinica Dermatologica, Università di Chieti Valenzano Luigi, Istituto San Gallicano Istituti Fisioterapici Ospitalieri (f.r.) Valsecchi Rossano Hermes, U.O. Dermatologia, Ospedali Riuniti di Bergamo Vena Gino Antonio, Clinica Dermatologica II, Università di Bari Venturini Marina, Clinica Dermatologica, Università di Brescia Veraldi Stefano, Istituto di Scienze Dermatologiche, Università di Milano Zagni Giovanni Fabio, ASL 3 Catania Zerbinati Nicola, Università della Insubria Zuccati Giuliano, Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica, Università di Firenze

10

11 Introduzione Negli ultimi anni la mole e la frequenza delle informazioni nel settore della medicina si sono notevolmente ampliate ed intensificate. In parallelo i canali di divulgazione medico-scientifica si sono ulteriormente sviluppati sia attraverso le modalità tradizionali (riviste, testi, congressi), sia con quelle di più recente ingresso diramate attraverso Internet (newsletter, banche dati, ecc.). Tutto questo contribuisce in modo drastico al miglioramento della conoscenza, allo scambio di informazioni, ad accrescere le opportunità di dibattito e di confronto. Ma sotto certi aspetti può determinare un profondo disorientamento da parte dei clinici, che si trovano nella condizione di non poter seguire in modo sistematico e continuativo il rapido evolversi della propria disciplina, e al limite possono essere così sopraffatti dalle mole delle informazioni da perdere di vista quelle veramente rilevanti. Questo fenomeno è alla base del Contemporary Disease of Science. Sono questi i principali presupposti dai quali prende corpo il progetto editoriale della SI- DeMaST, che si è posta l ambizioso obiettivo di realizzare uno strumento di rapida consultazione per conoscere lo stato dell arte della gestione clinica di alcune delle principali malattie dermatologiche inserite in 21 capitoli e dell uso del laser in dermatologia tanto per cominciare. Un capitolo è infatti dedicato all applicazione del laser in dermatologia, con una panoramica delle varie tipologie di questo presidio, allo stesso tempo sintetica e di immediata consultazione. In prima istanza si è definita una precisa metodologia di lavoro, che permettesse di tracciare in modo puntuale lo stato dell arte dei criteri di classificazione delle malattie, dell iter diagnostico e del trattamento farmacologico e non farmacologico. Per questo si sono scandagliate le linee guida nazionali ed internazionali e la letteratura scientifica più recente, per poi selezionare le evidenze cliniche classificandole per la loro forza e declinandole nei contesti nazionali. Una mole di lavoro non trascurabile che ha condotto ad una sintesi esposta in modo razionale e di immediata funzionalità, alla quale si aggiunge un importantissimo contributo degli esperti che hanno collaborato alla stesura dei contenuti, che si estrinseca nella definizione di raccomandazioni pratiche da traslare nella routine professionale, pronte per essere consultate in qualsiasi momento. L intero processo di lavoro è stato infatti curato in modo meticoloso da gruppi di lavoro che annoverano i più qualificati esperti italiani di ciascuna materia affrontata. Per queste caratteristiche l opera, nel suo insieme, rappresenta una qualificata fonte di consultazione per il dermatologo già formato, ma costituisce anche un inequivocabile punto di riferimento per Studenti della Facoltà di Medicina e Specializzandi in Dermatologia. In termini più strettamente editoriali questa prima esperienza viene pubblicata in modo tra-

12 10 Consiglio Direttivo SIDeMaST dizionale. Un manuale di circa 400 pagine, che si presenta con una solida veste tipografica, abituale per lo studente e per il medico. Ma la tipologia di contenuti e le precedenti considerazioni sull informazione medico-scientifica gettano le basi non solo per una nuova edizione, ma anche per l uso di nuove tecnologie che potranno ottimizzare il processo di continuo aggiornamento, estensione e rapidità di divulgazione. Le nuove tecnologie aprono infatti nuove interessanti occasioni che sfruttano Internet ed i sempre più evoluti strumenti che permettono la lettura di testi digitali, offrendo inedite esperienze educazionali. Si ringraziano tutti gli estensori delle Linee Guida/Raccomandazioni, indicati dal Consiglio Direttivo SIDeMaST, ed i Colleghi, in particolare la dott.ssa Nicoletta Cassano, che hanno donato il loro prezioso tempo alla comunità dermatologica italiana, operando sui testi con un editing preciso e efficace. Questo primo volume verrà seguito da altri, già in fase di progettazione. Consiglio Direttivo SIDeMaST

13 Dermatite atopica C. Gelmetti, A. Patrizi, L. Naldi, A. Belloni Fortina Definizione ed aspetti generali La dermatite atopica (DA) o eczema atopico è una sindrome caratterizzata da una dermatite pruriginosa, a decorso cronico-recidivante, con distribuzione tipica delle lesioni a seconda dell età e, sul piano biologico, da un difetto di barriera e da iper-reattività cutanea. Frequentemente interessa pazienti con una storia personale o familiare di atopia e con alti valori sierici di IgE totali e specifiche. Nei primi mesi di vita, una desquamazione giallastra sul capo ( crosta lattea ) può essere una modalità di presentazione. La lichenificazione è il risultato del grattamento e, negli adulti, può sfociare nella DA a tipo prurigo con predominanza di lesioni nodulari escoriate. Gli episodi di riesacerbazione spesso iniziano con prurito senza lesioni visibili 1. Incidenza/frequenza nella popolazione generale La DA è una delle più comuni dermatosi con una prevalenza del 2-5% nella popolazione generale e fino al 10-20% nei bambini. La prevalenza della DA è aumentata dal dopoguerra ad oggi anche se in alcuni paesi scandinavi sembra stabile. Nella DA si osserva un rapporto tra classe sociale e frequenza: la prevalenza è, cioè, più elevata nei gruppi socio-economici più abbienti. Età più colpite L incidenza della DA è massima nei primi anni di vita: il 60% dei pazienti presenta le prime manifestazioni nei primi 2 anni e l 85% nei primi 5 anni di vita. Più raramente insorge prima dei 2 mesi ed in età adolescenziale o adulta. Sesso Le femmine appaiono lievemente più a rischio rispetto ai maschi, ma non in età pediatrica. Decorso e prognosi Approssimativamente il 60% dei bambini con DA non presenta più sintomi alla pubertà, sebbene in più del 50% si possano osservare recidive in età adulta. I fattori che predicono la persistenza di DA nell età adulta sono:

14 12 C. Gelmetti, et al. una malattia severa con esordio entro i primi due mesi di vita; l associazione con asma bronchiale e rino-congiuntivite allergica; storia familiare di DA. Inoltre, è stato suggerito che fattori psicologici possano avere un valore prognostico. Col termine di marcia atopica si definisce il passaggio dall eczema (associato o meno ad allergie alimentari) all asma ed alla rino-congiuntivite. Eziopatogenesi 2 La DA è una malattia multifattoriale in cui predisposizione genetica e ambiente giocano entrambi un ruolo importante: la sola predisposizione genetica non spiega l aumentata incidenza che si osserva in alcuni gruppi di emigranti. La patogenesi della DA è complessa. Suscettibilità genetica, iper-reattività cutanea nei confronti di stimoli ambientali, disfunzione della barriera cutanea, deficit di ceramidi, fattori immunologici, risposta bifasica delle cellule T (Th2 in fase acuta e Th1 in fase cronica), difettosa immunità innata della cute, ecc. ne rappresentano i componenti. Una maggiore permeabilità ad agenti irritanti e ad allergeni, una tendenza esagerata dei cheratinociti alla produzione di chemochine e citochine proinfiammatorie, cellule dendritiche con recettori di membrana per le IgE sembrano giocare un ruolo critico nell amplificazione delle risposte agli allergeni da parte dei linfociti T. Fattori genetici. Le malattie atopiche sono geneticamente determinate e la concordanza nei gemelli monozigoti è dell 80% mentre nei dizigoti è del 30%. È stato proposto un tratto multifattoriale che coinvolga numerosi loci genetici su diversi cromosomi. Le associazioni più rilevanti sono osservate con le mutazioni del gene della filaggrina associate anche alla ittiosi volgare 3. Fattori ambientali. Vanno considerati: caratteristiche dell abitazione, esposizione precoce ad agenti infettivi e dieta. I moderni ambienti domestici caratterizzati da un buon isolamento termico, riscaldamento elevato, presenza di tappeti e moquette sono probabilmente rilevanti come vivere in vicinanza di strade a grande percorrenza. Il ruolo di inquinanti, come diossido di zolfo o protossido di azoto originati dalle emissioni dei veicoli, non è definito. L ipotesi igienista si basa sulla competizione antigenica. In particolare, infezioni virali e/o batteriche, stimolando la risposta immunitaria da parte di linfociti Th1, inibiscono le reazioni atopiche associate alla stimolazione di linfociti Th2. Il momento critico per determinare l equilibrio Th1/Th2 sembra essere il periodo pre-natale e la prima infanzia. Un insufficiente esposizione ad agenti infettivi nelle fasi precoci della vita stimolerebbe la risposta Th2, invece di favorire la normale maturazione con la risposta Th1. I dati relativi alla dieta e soprattutto all allattamento al seno non sono univoci. Diagnosi 4 In assenza di un marker specifico di laboratorio si sono costruiti dei criteri diagnostici per consentire una diagnosi certa di DA. Hanifin e Rajka nel 1980 ed il gruppo inglese sulla DA (UK Working Party) nel 1994 hanno sviluppato criteri diagnostici affidabili. Bonifazi, nel 1994, pubblica i suoi criteri diagnostici per bambini di età inferiore ai 4 mesi.

15 Dermatite atopica 13 Criteri diagnostici di Hanifin e Rajka, 1980 Maggiori Prurito Morfologia e distribuzione tipica delle lesioni compatibilmente con l età (coinvolgimento facciale ed estensorio degli arti nei primi due anni di vita e successivamente pieghe degli arti superiori ed inferiori; lichenificazione flessurale nei bambini più grandi e negli adulti) Andamento cronico o cronico-recidivante Storia personale e/o familiare positiva per malattie atopiche (asma, DA, rino-congiuntivite allergica) Minori Xerosi Ittiosi e iperlinearità palmare Cheratosi pilare Positività dei prick test Livelli elevati di IgE sieriche Età precoce di insorgenza Infezioni cutanee recidivanti Dermatiti aspecifiche delle mani Eczema dei capezzoli Cheiliti Congiuntiviti ricorrenti Pliche di Dennie Morgan Cheratocono Cataratta sottocapsulare anteriore Dermatite palpebrale Pallore e eritema facciale Pitiriasi alba Piega anteriore del collo Intolleranza a lana e solventi Prurito e sudorazione Intolleranza alimentare Decorso influenzato da fattori ambientali e/o emotivi Dermografismo bianco La diagnosi di DA richiede la presenza di almeno 3 criteri maggiori e 3 criteri minori.

16 14 C. Gelmetti, et al. Criteri diagnostici UK Working Party, 1994 (per pazienti di età superiore a 2 anni) Criterio maggiore obbligatorio Dermatosi pruriginosa negli ultimi 12 mesi (o una storia riferita dai genitori di prurito o di sfregamento nel bambino) Più 3 o più criteri aggiuntivi Storia di dermatosi delle pieghe Storia personale di asma o febbre da fieno (o nei parenti di primo grado se sotto i 4 anni) Storia di secchezza cutanea diffusa negli ultimi 12 mesi Dermatite visibile nelle aree flessorie (o eczema coinvolgente guance/fronte e le superfici estensorie degli arti nei bambini con età inferiore a 4 anni) Comparsa della dermatite prima dei 2 anni (non nei bambini con età inferiore a 4 anni) La diagnosi di DA richiede la presenza del criterio obbligatorio e di almeno 3 criteri aggiuntivi. Criteri diagnostici di Bonifazi per bambini di età inferiore ai 4 mesi, Lesioni eczematose localizzate al volto ed al capillizio con interessamento minore o assente della regione del pannolino 2a. Mancanza di sonno o agitazione non dovuta ad altre cause 2b. Familiarità per malattia atopica, asma, rinite o DA, nei genitori o nei fratelli N.B. Il criterio n. 1 deve essere sempre presente e associato al 2a e/o 2b. Indagini La diagnosi di DA può essere supportata da indagini. Valutazione allergologica Nel 60% dei casi si trovano aumentati i livelli di IgE totali (PRIST) e specifiche verso allergeni inalanti o alimentari. Tale presenza si dimostra in vivo con gli skin prick tests (SPT) e i prick by prick test e, in vitro, mediante il RadioImmunoSorbent Test (RAST) e più recentemente con l ImmunoCAP-ISAC (Immuno Solid phase Allergen Chip). Utili sono i test epicutanei (patch test) che utilizzano apteni con lettura dopo 48 e 96 ore, quando si ipotizza una reazione di tipo ritardato. Il patch test con aeroallergeni (ad esempio il Dermatophagoides pteronyssinus) o trofoallergeni è chiamato atopy patch test (APT). L utilità di tali test risiede nella frequenza di dermatiti da contatto sovrapposte nel paziente atopico 5. Valutazione infettivologica Tampone cutaneo per batteri, miceti e lieviti. Presenza di manifestazioni da herpes virus, human papilloma virus (HPV), mollusco contagioso.

17 Dermatite atopica 15 Valutazione strumentale della cute Bioingegneria cutanea ( transepidermal water loss TEWL, corneometria, ph-metria): per monitorare lo stato di idratazione della cute e la funzione di barriera cutanea 6. L istopatologia della DA acuta è caratterizzata da: iperplasia epidermica, spongiosi con vescicole, infiltrato infiammatorio di linfociti ed istiociti, un numero variabile di eosinofili e mastociti nel derma superficiale ed esocitosi di linfociti nell epidermide. Le lesioni croniche mostrano iper- e paracheratosi, irregolare iperplasia epidermica, infiltrato modesto di linfociti nel derma superficiale, istiociti, qualche eosinofilo e mastociti. Inoltre si osservano ispessimento del derma papillare ed alterazioni venulari. Date le caratteristiche aspecifiche, un istologia routinaria non è utile. Diagnosi differenziale 4 In generale: dermatite da contatto allergica o irritante (DAC e DIC) (anche concomitante); scabbia; tinea corporis; psoriasi; ittiosi; dermatite erpetiforme di Dühring. Nel lattante: dermatite seborroica; follicoliti neonatali da Malassezia. Più raramente: acrodermatite enteropatica; fenilchetonuria; deficit di biotina; malattia di Hartnup. Complicanze La DA è frequentemente complicata da infezioni ricorrenti. Quelle batteriche, prevalentemente stafilococciche o streptococciche, sono frequenti nelle zone escoriate e possono conferire un essudazione più densa. Le infezioni virali più frequenti sono quelle da virus herpes simplex; a seguire quelle da mollusco contagioso e HPV. Le infezioni micotiche mostrano, talora, un decorso particolarmente prolungato e possono contribuire ad esacerbare la malattia di base. Da ricordare la colonizzazione da Malassezia spp. che dà origine al quadro di head and neck dermatitis, relativamente frequente nei giovani adulti. Altre complicanze sono i problemi oculari (dermatiti palpebrali, blefariti croniche, cheratocongiuntivite atopica, congiuntiviti primaverili, cheratocono e cataratta atopica). Si può inoltre giungere all eritrodermia atopica, talora scatenata da interruzioni improvvise di

18 16 C. Gelmetti, et al. trattamenti con steroidi sistemici o da trattamenti inadatti o non tollerati. Dermatiti irritative aspecifiche delle mani, eczema disidrosico, DAC o DIC possono complicare spesso il quadro portando anche a disabilità professionale. Infine, non da sottovalutare è l impatto sulla qualità di vita, che comprende la perdita di sonno, lo stress familiare e il costo finanziario 7. Malattie associate Nei 50% dei casi la DA si associa ad altre manifestazioni di atopia come rinocongiuntivite allergica, broncospasmo, asma, orticaria, sindrome orale allergica ( marcia atopica ). Più rare sono invece le gastroenteriti allergiche. Vi sono poi patologie cutanee che, non solo si possono associare, ma entrano in diagnosi differenziale in quanto si presentano con quadri di eczema simili. Tali patologie comprendono la dermatite seborroica infantile, che generalmente compare prima rispetto alla DA, la DAC, l eczema nummulare. La DA si associa inoltre ad altre patologie cutanee come l ittiosi volgare, l alopecia areata, la vitiligine ed a sindromi da immunodeficienza quali la sindrome di Netherton (in cui l eczema fa parte integrante del quadro clinico assieme ad un ittiosi particolare), la sindrome da Iper-IgE o di Giobbe (in cui lesioni eczematose severe si associano a lesioni microbiche o micotiche cutanee e mucose, superficiali e profonde), la sindrome di Wiskott-Aldrich, più raramente la malattia di Bruton, la atassia-teleangectasia e la sindrome da immunodeficienza combinata grave. Valutazione della severità della DA La stadiazione della DA rimane un argomento aperto. Il prurito e la perdita di sonno, il numero, la localizzazione e l intensità delle lesioni, il decorso sono gli indicatori di gravità. L estensione è definita dal calcolo della superficie dell area affetta, mentre la severità è determinata dal grading delle singole lesioni eczematose (eritema, papule/edema, escoriazioni, lichenificazione, essudazione/croste, desquamazione). Attualmente per definire il grado di severità si usano lo SCORAD index, l EASI index o il più recente measi. Lo SCORAD è il metodo più autorevole 8. Gestione terapeutica La gestione delle riesacerbazioni della DA è una sfida che richiede un controllo a breve termine dei sintomi, senza compromettere il trattamento globale che è finalizzato ad una stabilizzazione a lungo termine ed alla prevenzione delle riacutizzazioni evitando il più possibile gli effetti collaterali. I pazienti hanno spesso le proprie idee e svilirne le osservazioni può incrementarne la frustrazione. Le loro paure sugli effetti collaterali devono essere prese in considerazione. È fondamentale istruire i pazienti e i loro genitori sulle conoscenze necessarie concernenti le basi della cura della pelle 1.

19 Dermatite atopica 17 Opzioni di trattamento per la dermatite atopica dell adulto * DA grave = SCORAD > 40/eczema persistente DA moderata = SCORAD 15-40/eczema recidivante DA lieve = SCORAD < 15/eczema transitorio Consigli generali Terapia di base Ospedalizzazione, immunosoppressione sistemica: corticosteroidi orali, ciclosporina A, PUVA, azatioprina, tacrolimus orale, micofenolato Antistaminici sedativi (doxepina, idrossizina), UV terapia (UVB- 311nm, UVA1), counselling psicosomatico, terapia climatica Corticosteroidi topici o, in funzione di cofattori locali, inibitori topici della calcineurina, antisettici compresi gli indumenti trattati con argento o AEGIS, antistaminici non sedativi (controverso) Programmi educativi, emollienti, oli da bagno, dieta di eliminazione nei pazienti allergici ad alimenti, evitare gli allergeni (rivestimenti appropriati, quando diagnosticati con test allergologici) NB. Per ogni fase, sono evidenziate le opzioni terapeutiche addizionali. Aggiungere antisettici/antibiotici in caso di superinfezione. Riconsiderare la compliance e la diagnosi se la terapia non è efficace. * Lo schema è intitolato così perché alcune terapie citate (es. PUVA) non sono indicate in età pediatrica. Tutto il resto è valido a qualsiasi età. Terapia di base per la da e cura della pelle Igiene La cute deve essere detersa accuratamente, ma con delicatezza per rimuovere le croste ed eliminare i contaminanti microbici. Si possono usare: detergenti con o senza antisettici in formulazioni non irritanti e ipoallergeniche e oli da bagno. Il ph dovrebbe essere nei limiti del fisiologico (circa 5,5). Il bagno sia tiepido (non superiore a 36 C) e breve (solo 5 minuti). Gli emollienti sono da applicarsi preferibilmente subito dopo un asciugatura delicata, tamponando e non sfregando la pelle. Terapia emolliente L idratazione della pelle si ottiene con applicazioni di emollienti monofasici o emulsioni idratanti. L uso degli emollienti migliora la secchezza cutanea e, di conseguenza, il prurito 6. Gli emollienti contenenti sostanze potenzialmente allergizzanti come arachidi o graminacee dovrebbero essere evitati nella fascia di età più a rischio di sensibilizzazione. Strategie di astensione sulla base della diagnosi di allergia La diagnosi della malattia deve essere distinta dalla diagnosi dei fattori scatenanti rilevanti per l individuo. Allergeni alimentari 8, 9 Latte vaccino, uovo, grano, soia, noci e arachidi sono i cibi più frequentemente responsa-

20 18 C. Gelmetti, et al. bili delle riesacerbazioni della DA in età infantile. Nei bambini più grandi, negli adolescenti e negli adulti bisogna tenere conto degli alimenti che cross-reagiscono col polline. I test in vitro sono di aiuto quando i prick test non possono essere fatti (ad esempio, dermografismo o ipo-reattività indotta da UV o da farmaci, eczema in sede di test, mancanza di compliance ai prick test nei bambini piccoli). Inoltre le IgE specifiche in vitro (ISAC) danno migliori dati quantitativi sul grado di sensibilizzazione ed offrono l opportunità di testare il singolo allergene ricombinante che ha una migliore specificità rispetto agli estratti di alimenti. Gli APT non sono stati standardizzati per uso routinario. Il challenge a doppio cieco contro placebo è considerato il gold-standard per la diagnosi di allergia alimentare. I test di scatenamento basati sulla ripetuta esposizione all alimento (per 7 giorni) sono un opportunità che permette di valutare le risposte ritardate anche se essi non possono escludere reazioni a tipo placebo e/o influenze puramente coincidenti di altri fattori di scatenamento durante un periodo di challenge così prolungato. Il rischio di una dieta priva di latticini nei bambini comprende la possibile carenza di calorie, calcio, proteine. Non ci sono prove convincenti che l olio di pesce o di borragine o i supplementi minerali o vitaminici abbiano valore terapeutico. Effetti degli interventi di prevenzione durante la gravidanza e dopo la nascita per soggetti ad alto rischio (vedi tabella su evidenze e raccomandazioni) Aeroallergeni Gli aeroallergeni possono essere rilevanti fattori di scatenamento. Riesacerbazioni della DA sono state descritte dopo un contatto cutaneo o inalazione ed un miglioramento può osservarsi dopo che l allergene è stato evitato, specialmente gli acari della polvere (mediante acaricidi, copricoperte, coprimaterasso e aspirapolvere). Dato che non esiste ancora un gold standard di provocazione della DA mediata da aeroallergeni, bisogna considerare specifiche strategie di astensione per i pazienti che reagiscono agli APT. Lista dei fattori aggravanti e consigli per i pazienti con DA Abbigliamento: evitare contatto con fibre irritanti (lana, fibre sintetiche, fibre tessili grossolane); non usare indumenti stretti o troppo pesanti per evitare una sudorazione eccessiva Tabacco: evitare l esposizione Temperatura fresca nelle camere da letto ed evitare coperte troppo pesanti Incrementare l uso degli emollienti quando fa freddo Evitare l esposizione a lesioni erpetiche. Fare una visita urgente se la riacutizzazione è di aspetto insolito Vaccini: si possono fare le vaccinazioni obbligatorie, inclusi i pazienti allergici all uovo Esposizione al sole: non vi sono restrizioni specifiche. Di solito è utile. Incoraggiare le vacanze estive in altitudine o al bordo del mare (continua)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una cittadina ricca di storia da scoprire, ma perché la struttura

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli