L Iniziativa egovernment.net per l Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Iniziativa egovernment.net per l Italia"

Transcript

1 L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa tra Amministrazioni

2 Le informazioni contenute in questo documento rappresentano la posizione di Microsoft Italia sugli argomenti discussi alla data della pubblicazione. Poiché Microsoft si adegua costantemente ai cambiamenti delle condizioni di mercato, tali informazioni non possono essere considerate impegni assunti da Microsoft, che non può garantire che queste informazioni non subiranno modifiche posteriormente alla data di questa pubblicazione. Questa pubblicazione è puramente informativa. MICROSOFT NON OFFRE ALCUNA GARANZIA, ESPLICITA O IMPLICITA, SUL CONTENUTO. Il rispetto di tutte le leggi applicabili in materia di copyright è esclusivamente a carico dell utente. Fermi restando tutti i diritti coperti da copyright, nessuna parte di questo documento potrà comunque essere riprodotta o inserita in un sistema di riproduzione o trasmessa in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo (in formato elettronico, meccanico, su fotocopia, come registrazione o altro) per qualsiasi scopo, senza il permesso scritto di Microsoft Italia. Tutti i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Ogni riferimento a nomi, società, prodotti, persone, personaggi e/o dati esistenti utilizzati nel presente documento è puramente casuale Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Proprietà Intellettuale del codice di esempio (I) (II) (III) (IV) (V) (VI) Tutti i diritti su ogni codice per computer illustrato in questo whitepaper o su materiali sviluppati autonomamente da e/o per Microsoft ovvero da terze parti, rimarranno di proprietà esclusiva della parte che li ha realizzati. Microsoft riconosce la facoltà di usare, riprodurre e modificare la versione in "codice sorgente" del codice illustrato in questo whitepaper (di seguito Lavoro preesistente ) al fine di sviluppare prodotti/servizi, nonché di distribuire la versione in "codice oggetto" di detto Lavoro Preesistente, e dei suoi derivati, agli utilizzatori finali. L eventuale distribuzione agli utilizzatori finali dovrà in ogni caso essere fatta in base ad un contratto di licenza che dovrà prevedere: (i) una concessione di licenza con una dichiarazione di titolarità conforme ai termini del presente Accordo; (ii) un divieto di effettuare il reverse engineering, decompilare o disassemblare codici. In caso di distribuzione, nei limiti di cui sopra, ogni utilizzatore manleverà Microsoft per qualsivoglia tipo di danno derivante dall uso dei prodotti e/o servizi realizzati sulla base del Lavoro Preesistente. Le informazioni e il codice di esempio illustrati nel presente whitepaper sono forniti meramente a titolo dimostrativo senza garanzia di alcun tipo, implicita od esplicita, compresa quella riguardo alla commercializzazione e/o compatibilità in impieghi particolari. Ogni utilizzatore si assume l'intera responsabilità per l'utilizzo di dette informazioni e parti di codice. In nessun caso Microsoft Italia, Microsoft Corporation e i loro fornitori si rendono responsabili per danni diretti, indiretti o accidentali che possano provocare perdita di denaro o di dati. Le informazioni e parti di codice illustrate in questo whitepaper non sono coperti da forme o contratti di servizio eventualmente già in essere con l utente. Per maggiori informazioni al riguardo si consiglia di contattare Microsoft Services. Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 1

3 Indice Premessa...3 Scenario di Esempio per la porta di dominio.net...3 Il servizio...4 Flusso di richiesta e risposta...4 Porta Applicativa...5 Porta Delegata...9 Conclusioni...12 Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 2

4 Premessa Il presente documento è un allegato tecnico del documento Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa. In esso è contenuta la spiegazione di un esempio di porta di dominio realizzata utilizzando Visual Studio.NET. Il codice sorgente di questo esempio è disponibile all interno di EASI. Scenario di Esempio per la porta di dominio.net Lo scenario di riferimento descritto nel presente documento è il seguente: un Amministrazione vuole, tramite un applicazione Web, permettere la ricerca dei dati di una o più persona fisiche attingendo le informazioni da una anagrafe a cui ha accesso tramite una porta di dominio interamente sviluppata utilizzando Visual Studio.NET A tal fine sono state realizzate due componenti (vedere Fig.1) che rappresentano: Porta Applicativa: fornisce i dati delle persone fisiche presenti nell archivio anagrafico della dominio servente. Tramite un Web service il servizio attinge i dati da un database SQL Server 2000 che contiene lo schema di un anagrafe in versione semplificata; Porta Delegata: applicazione Web ASP.NET che effettua chiamate sincrone al servizio interrogando il Web service. I dati di risposta al servizio sono visualizzati dal client nella modalità che ritiene più opportuna. Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 3

5 Dominio 1 Dominio 2 Porta Delegata Porta Applicativa Sistemi di Back-end IIS.NET Framework Internet Tunnel Ipsec.2 IIS.NET Framework F k SQL Server DB Client Figura 1 Architettura della soluzione Il servizio Il servizio di esempio erogato dalla porta applicativa riguarda l interrogazione di una anagrafica di persone fisiche. La ricerca può avvenire per codice fiscale della persona oppure inserendo alcuni dati come nome, cognome e sesso che sono utilizzati come chiavi di ricerca. A livello tecnologico, il servizio è fruibile mediante chiamata HTTP/SOAP, da parte della porta delegata, al Web service esposto dalla porta applicativa. Flusso di richiesta e risposta Ogni richiesta di servizio si svolge seguendo seguenti passi: 1. il client si collega alla porta delegata (Web server) del proprio dominio: 2. il cliente decide la modalità di richiesta del servizio, nel nostro esempio è sincrona; 3. il cliente decide il protocollo e il formato dei dati, ovvero HTTP/SOAP; 4. il cliente compila una forum con i dati necessari all elaborazione del servizio; 5. la porta delegata effettua la chiamata SOAP utilizzando i dati inseriti dal cliente; Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 4

6 6. la porta delegata riceve come risposta dalla chiamata SOAP un parametro di ritorno, documento XML contenente i dati di output; 7. la porta delegata mostra i dati di output nel formato che ritiene più opportuno. Porta Applicativa Il Web service di esempio è stato sviluppato utilizzando Visual Studio.NET, e adotta due metodi: RicercaPFbyCF: accetta in input il codice fiscale e restituisce i dati della persona fisica che corrisponde a quel codice fiscale. RicercaPFbyDati: accetta in input tre parametri di ricerca parziali Nome, Cognome e Sesso e restituisce tutte le persone fisiche i cui parametri corrispondono a quelli richiesti. dsoutputdatipf RicercaPFbyCF(string CodiceFiscale) Figura 2: Interfaccia metodo RicercaPFbyCF string RicercaPFbyDati(string Nome, string Cognome, string Sesso) Figura 3: Interfaccia metodo RicercaPFbyDati Entrambi i metodi, illustrati nelle figure, eseguono un accesso ai dati contenuti nel database anagrafico, utilizzando ADO.NET. La differenza tra i due metodi è nella loro interfaccia che determina come i dati vengono restituiti al chiamante. [WebMethod] public dsoutputdatipf RicercaPFbyCF(string CodiceFiscale) { String myconnstring =ConfigurationSettings.AppSettings["ConnString"]; SqlConnection objconn = new SqlConnection(myconnstring); objconn.open(); SqlCommand objcmd = new SqlCommand("sp_PF_Select_byCF", objconn); objcmd.commandtype=commandtype.storedprocedure; objcmd.parameters.add(new CodiceFiscale; SqlDataAdapter objdataadapter = new SqlDataAdapter(); objdataadapter.selectcommand = objcmd; dsoutputdatipf objdataset=new dsoutputdatipf(); objdataadapter.fill(objdataset, "OutputDatiPF"); Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 5

7 return objdataset; } Figura 4: Codice C# del metodo RicercaPFbyCF della porta applicativa [WebMethod] public string RicercaPFbyDati(string Nome, string Cognome, string Sesso) { String myconnstring =ConfigurationSettings.AppSettings["ConnString"]; SqlConnection objconn = new SqlConnection(myconnstring); objconn.open(); SqlCommand objcmd = new SqlCommand("sp_PF_Select_byDati", objconn); objcmd.commandtype=commandtype.storedprocedure; objcmd.parameters.add(new objcmd.parameters.add(new objcmd.parameters.add(new SqlDataAdapter objdataadapter = new SqlDataAdapter(); objdataadapter.selectcommand = objcmd; } dsoutputdatipf objdataset=new dsoutputdatipf(); objdataadapter.fill(objdataset, "OutputDatiPF"); return objdataset.getxml(); Figura 5: Codice C# del metodo RicercaPFbyDati della porta applicativa In entrambi i metodi vengono eseguiti i seguenti passi: 1. apertura della connessione al database; 2. valorizzazione dell oggetto command; 3. esecuzione della stored procedure appropriata. La differenza tra i due metodi consiste nel parametro di ritorno: nel primo caso (RicercaPFbyCF) i dati sono restituiti come dsoutputdatipf (tipo complesso). Utilizzando Visual Studio.NET è stato possibile progettare a design time un file XSD che contiene lo schema dei dati restituiti al chiamante. Tale schema rappresenta, in modo del tutto trasparente, un oggetto di tipo dataset (oggetto ADO.NET che identifica il risultato di una query) che viene utilizzato all interno del metodo. Lo schema del parametro Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 6

8 di ritorno è pubblicato nel WSDL del servizio cosicché il cliente può prendere visione dello schema dei dati restituiti. Nel secondo caso (RicercaPFbyDati) i dati sono restituiti in formato stringa (tipo basic), che nel caso specifico contiene un documento XML ottenuto dalla serializzazione in XML del dataset. In questo caso il client non è a conoscenza dello schema dei dati che vengono restituiti. Segue l analisi di dettaglio dei messaggi SOAP scambiati all atto dell invocazione dei due metodi: chiamata al metodo RicercaPFbyCF( AAABBB00A01Z999Z ) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <soap:envelope xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:body> <RicercaPFbyCF xmlns="http://tempuri.org/"> <CodiceFiscale>AAABBB00A01Z999Z </CodiceFiscale> </RicercaPFbyCF> </soap:body> </soap:envelope> Figura 6: Messaggio SOAP di richiesta al metodo RicercaPFbyCF <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <dsoutputdatipf xmlns=" <xs:schema id="dsoutputdatipf" targetnamespace="http://tempuri.org/dsoutputdatipf.xsd" xmlns:mstns="http://tempuri.org/dsoutputdatipf.xsd" xmlns="http://tempuri.org/dsoutputdatipf.xsd" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" xmlns:msdata="urn:schemas-microsoftcom:xml-msdata" attributefor mdefault="qualified" elementformdefault="qualified"> <xs:element name="dsoutputdatipf" msdata:isdataset="true"> <xs:complextype> <xs:choice maxoccurs="unbounded"> <xs:element name="outputdatipf"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element name="cf" type="xs:string" /> <xs:element name="cognome" type="xs:string" /> <xs:element name="nome" type="xs:string" /> <xs:element name="sesso " type ="xs:string" /> <xs:element name="nascitadata" type="xs:datetime" minoccurs="0" /> <xs:element name="nascitacitta" type="xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="nascitaprovincia" type="xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="residenzaindirizzo" type="xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="residenzanumcivico" type=" xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="residenzacitta" type="xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="residenzaprovincia" type="xs:string" minoccurs="0" /> <xs:element name="residenzacap" type="xs:string" minoccurs="0" /> </xs:sequence> </xs:complextype> </xs:element> </xs:choice> </xs:complextype> Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 7

9 <xs:unique name="dsoutputdatipfkey1" msdata:primarykey="true"> <xs:selector xpath=".//mstns:outputdatipf" /> <xs:field xpath="mstns:cf" /> </xs:unique> </xs:element> </xs:schema> <diffgr:diffgram xmlns:msdata="urn:schemas-microsoft-com:xml-msdata" xmlns:diffgr="urn:schemas-microsoft-com:xml-diffgram-v1"> <dsoutputdatipf xmlns="http://tempuri.org/dsoutputdatipf.xsd"> <OutputDatiPF diffgr:id="outputdatipf1" msdata:roworder="0"> <CF>AAABBB00A01Z999Z</CF> <Cognome>Rossi</Cognome> <Nome>Mario</Nome> <Sesso>M</Sesso> <NascitaData> T00:00: :00</NascitaData> <NascitaCitta>Milano</NascitaCitta> <NascitaProvincia>MI</NascitaProvincia> </OutputDatiPF> </dsoutputdatipf> </diffgr:diffgram> </dsoutputdatipf> Figura 7: Output del messaggio SOAP al metodo RicercaPFbyCF chiamata al metodo RicercaPFbyDati(, Rossi, M ) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <soap:envelope xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:body> <RicercaPFbyDati xmlns="http://tempuri.org/"> <Nome></Nome> <Cognome>Rossi</Cognome> <Sesso>M</Sesso> </RicercaPFbyDati> </soap:body> </soap:envelope> Figura 8: Messaggio SOAP di richiesta al metodo RicercaPFbyDati <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <string xmlns=" "> <dsoutputdatipf xmlns="http://tempuri.org/dsoutputdatipf.xsd"> <OutputDatiPF> <CF>GGGHHH00A01Z999Z</CF> <Cognome>Rossi</Cognome> <Nome>Marco</Nome> <Sesso>M</Sesso> <NascitaData> T00:00: :00</NascitaData> <NascitaCitta>Napoli</NascitaCitta> <NascitaProvincia>NA</NascitaProvincia> </OutputDatiPF> <OutputDatiPF> <CF>AAABBB00A01Z999Z</CF> <Cognome>Rossi</Cognome> <Nome>Mario</Nome> <Sesso>M</Sesso> Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 8

10 <NascitaData> T00:00: :00</NascitaData> <NascitaCitta>Milano</NascitaCitta> <NascitaProvincia>MI</NascitaProvincia> </OutputDatiPF> </dsoutputdatipf> </string> Figura 9: : Output del messaggio SOAP al metodo RicercaPFbyDati Nel primo caso il client può ricavare, sia dal WSDL che dal parametro di output, lo schema dei dati restituiti a discapito di una maggiore verbosità nei dati restituiti. Porta Delegata L applicazione ASP.NET realizzata come esempio di porta delegata prevede una maschera di inquiry nel quale viene chiesto all utente finale (cittadino) di valorizzare dei campi che saranno utilizzati come chiavi di ricerca nell archivio anagrafico dell Amministrazione che offre il Web service. Durante la fase di progettazione della porta delegata viene individuato il Web service Ricerca Persona Fisica ed effettuando il passo Add Web Reference Visual Studio.NET crea la classe proxy al Web service. Tramite la classe proxy, nel nostro caso denominata egovlab_portadelegatanet.gov.padom2.portaapp, è possibile effettuare la chiamata al metodo in modo del tutto trasparente. Nel codice della porta delegata è stata inserita l istruzione using egovlab_portadelegatanet.gov.padom2 che consente di eliminare i prefissi e utilizzare la classe referenziandola esclusivamente come portaapp. Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 9

11 Figura 10: Step Add Web Reference della porta delegata L applicazione effettua la chiamata sincrona al servizio passando i dati di input forniti dall utente e visualizzando i dati di output in una griglia e in formato XML. Il codice, mostrato nella figura, è molto semplice ed è possibile schematizzarlo con i seguenti passi: 1. dichiarazione della classe proxy del Web service referenziato: la variabile objws viene dichiarata a partire dalla classe proxy del Web service generata da Visual Studio.NET; 2. dichiarazione del dataset esposto dal Web service: la variabile objdataset viene dichiarata a partire dalla classe proxy del Web service che espone la definizione (schema XSD) del parametro di ritorno del metodo RicercaPFbyCF; 3. scelta del metodo da invocare: valorizzando il campo txtcodicefiscale viene chiamato il metodo del Web service RicercaPFbyCF altrimenti viene chiamato il metodo RicercaPFbyDati; Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 10

12 4. invocazione del metodo selezionato: viene invocato uno dei metodi esposti dall oggetto objws, gli vengono passati i parametri di input presenti nella form di inquiry dell utente quindi nei due casi avremo: a. objdataset=objws.ricercapfbycf(txtcodicefiscale.value); b. sxmloutput=objws.ricercapfbydati(txtnome.value, txtcognome.value, cmbsesso.value); 5. elaborazione parametro di ritorno: i parametri restituiti sono differenti nei due metodi: a. nel primo caso viene restituito un tipo complesso, che corrisponde ad un dataset è possibile utilizzare l output as is effettuando ad esempio il bind ad una griglia o serializzandolo il formato XML; b. nel secondo caso viene restituita una stringa contenente un documento XML che può essere, ad esempio, caricata in un XmlDocument ed eventualmente serializzato a sua volta in un dataset; 6. visualizzazione output: i dati restituiti sono visualizzati in una griglia, in formato tabellare, e in formato XML style; Il grande vantaggio di utilizzare un dataset tipizzato sta nel fatto che il client è in grado di determinare dal WSDL la struttura dei dati di ritorno. private void Submit1_ServerClick(object sender, System.EventArgs e) { //Dichiarazione del dataset esposto dal Web Services portaapp.dsoutputdatipf objdataset= new portaapp.dsoutputdatipf(); //Dichiarazione della Proxy Class del Web Services referenziato portaapp.palabnet objws=new portaapp.palabnet(); if (txtcodicefiscale.value!="") { //Il WebMethod restituisce un DataSet di tipo egovlab_portadelegatanet.gov.padom2.portaapp.dsoutputdatipf objdataset=objws.ricercapfbycf(txtcodicefiscale.value); XmlOutput.DocumentContent=objDataSet.GetXml(); } else { //Il WebMethod restituisce una stringa xml da cui sarà generato un dataset string sxmloutput=objws.ricercapfbydati(txtnome.value, txtcognome.value, cmbsesso.value); XmlDocument objxmldoc=new XmlDocument(); objxmldoc.loadxml(sxmloutput); XmlNodeReader objxmlnodereaderout = new XmlNodeReader(objXmlDoc); objdataset.readxml(objxmlnodereaderout); Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 11

13 XmlOutput.DocumentContent=sXmlOutput; } } DataGrid1.DataSource= objdataset; DataGrid1.DataBind(); XmlOutput.DataBind(); Figura 11: Codice della porta delegata che effettua la chiamata alla porta applicativa Nella figura sottostante viene mostrata la user interface della porta delegata dopo aver effettuato l inquiry all anagrafica. Figura 12: Applicazione ASP.NET della porta delegata Conclusioni La soluzione presentata prende in considerazione gran parte delle problematiche esposte nelle Linee Guida per la cooperazione applicativa, mappandole sulla tecnologia e l offerta Microsoft. Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 12

14 La singola amministrazione e i partner possono utilizzare il materiale prodotto per sviluppare i propri modelli di collaborazione con le altre amministrazioni e con i cittadini, avvalendosi del codice sorgente del prototipo riportato come esempio. L esempio della porta di dominio.net riportato nel presente allegato tecnico implementa uno scenario ipotetico e semplificato di un anagrafe. Sulla base dell esempio fornito, al fine di comprendere e sperimentare concretamente i temi descritti, si suggerisce di creare dei prototipi che prevedano l esposizione dei propri servizi come Web services. Sarà subito evidente come, con le nuove tecnologie e il nuovo ambiente Microsoft Visual Studio.NET, lo sviluppo di una porta di dominio sia ridotto a poche ma funzionali righe di codice. Lo sviluppo di porte di dominio complesse da parte di una amministrazione dovrà essere, presumibilmente, oggetto di un analisi approfondita. A tal fine potrebbe essere richiesto il supporto di servizi di consulenza professionali come partner certificati Microsoft o la stessa divisione di consulenza Microsoft Consulting Services. Allegato 1 Porta di Dominio.NET - 13

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata.

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata. CONTRATTO DI LICENZA PER IL SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS VISTA HOME BASIC WINDOWS VISTA HOME PREMIUM WINDOWS VISTA ULTIMATE Le presenti condizioni di licenza costituiscono il contratto tra Microsoft Corporation

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli