N 1 COPIA CONTROLLATA. Rev. 4 Pag 1 di 60. Data 20/07/2011. Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 1 COPIA CONTROLLATA. Rev. 4 Pag 1 di 60. Data 20/07/2011. Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data"

Transcript

1 Rev. 4 Pag 1 di 60 MANUALE del Sistema di Gestione Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 del Sistema CPD secondo la norma UNI EN 12620: A per la MARCATURA CE di Aggregati per calcestruzzi secondo la norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 per la MARCATURA CE di Aggregati per conglomerati bituminosi secondo la norma UNI EN 13242:2002+A per la MARCATURA CE di Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici secondo la norma UNI EN 13139:2002 per la MARCATURA CE di Aggregati per malta Il presente Manuale della Qualità è di proprietà della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. Ogni sua riproduzione totale o anche soltanto di sue parti è vietata. COPIA CONTROLLATA N 1 Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data 4 RGQ Revisione a seguito di revisione delle procedure di sistema DIRE 20/07/2011

2 Rev. 4 Pag 2 di 60 SEZ. 0 INDICE 0.1 INDICE GENERALE SEZ. 0 INDICE 0.1 Indice Generale Pag Stato di Aggiornamento MQ Pag Correlazione Requisiti delle Norme Sezione de MQ Pag Approccio per processi Pag Acronimi Pag Definizioni Pag. 9 SEZ. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Scopo Pag Responsabilità Pag Campo di Applicazione Pag Outsourcing Pag Esclusioni Pag Aggiornamenti e distribuzione Pag. 13 SEZ. 2 SEZ. 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 3.1 Profilo dell Organizzazione Pag Ciclo Produttivo Pag Sistema - A Cava Pag Sistema - B Impianto di frantumazione Pag Sistema - C Officina Pag Sistema - D Rivendita Inerti Pag Dati Anagrafici Pag. 20 SEZ. 4 GESTIONE DEL SISTEMA DELLA QUALITÀ 4.1 Requisiti Generali Pag Requisiti relativi alla documentazione Pag Generalità Pag Manuale della Qualità Pag Procedure Gestionali Pag Istruzioni operative Pag Documenti di pianificazione Pag Modulistica proceduralizzata Pag Gestioni dei documenti e delle Registrazioni della Qualità Pag. 24

3 Rev. 4 Pag 3 di 60 SEZ. 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE 5.1 Impegno della Direzione Pag Attenzione al Cliente Pag Politica per la Qualità Pag Pianificazione Pag Obiettivi per la Qualità Pag Pianificazione della Qualità Pag Responsabilità Autorità e Comunicazione Pag Responsabilità Pag Rappresentante della Direzione Pag Comunicazione Pag Comunicazione interna Pag Comunicazione esterna Pag Riesame della Direzione Pag Generalità Pag Elementi in ingresso per il Riesame della Direzione Pag Elementi in uscita per il Riesame della Direzione Pag. 30 SEZ. 6 GESTIONE DELLE RISORSE 6.1 Messa a disposizione delle Risorse Pag Risorse umane Pag Generalità Pag Competenze Consapevolezza e Addestramento Pag Addestramento sulla SGQ Pag Addestramento sulla sicurezza Pag Riunioni presso le strutture Pag Qualificazione del Personale Pag Infrastrutture Pag Ambiente di Lavoro Pag Risorse Finanziarie Pag. 35 SEZ. 7 REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO 7.1 Pianificazione della realizzazione del prodotto Pag Processi Relativi al Cliente Pag Determinazione dei requisiti relativi al servizio Pag Riesame delle esigenze e delle richieste del cliente Pag Comunicazione con il Cliente Pag Progettazione Pag Approvvigionamento Pag Processo di approvvigionamento Pag Informazioni per l approvvigionamento Pag Verifica dei prodotti approvvigionati Pag. 47

4 Rev. 4 Pag 4 di Produzione ed erogazione dei servizi Pag Tenuta Sotto Controllo Attività di Produz e di Erogaz dei Servizi Pag Controlli in Fase di Produzione Pag Stato dei Controlli Pag Prodotto Non Conforme Pag Validazione dei Processi Pag Identificazioni e Rintracciabilità Pag Proprietà dei Clienti Pag Conservazione dei Prodotti Pag Dispositivi di Controllo e Monitoraggio Pag. 55 SEZ. 8 MISURAZIONI 8.1 Generalità Pag Misurazione e Monitoraggio Pag Soddisfazione del Cliente Pag Verifiche ispettive interne Pag Monitoraggio e misurazione dei Processi Pag Monitoraggio e misurazione dei Prodotti Pag Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Pag Analisi dei Dati Pag Miglioramento Pag Pianificazione e Miglioramento Continuativo Pag Azioni Correttive Pag Azioni Preventive Pag. 60 ALLEGATI Allegato 01 MQ Allegato 02 MQ Allegato 03 MQ Allegato 04 MQ Allegato 05 MQ Allegato 06 MQ Allegato 07 MQ Allegato 08 MQ Allegato 09 MQ Elenco norme di riferimento settore inerti Nomina Responsabile Gestione Qualità Indice di sistema Politica aziendale Organigramma Mansionario Lista di distribuzione Matrice delle responsabilità Elenco contatti

5 Rev. 4 Pag 5 di STATO DI AGGIORNAMENTO DEL MQ Data Rev. Causale 02/07/ Prima Emissione Secondo UNI EN ISO 9001: /04/ Recepimento osservazioni Verifica Ispettiva del 28-29/03/06 e ricollocamento campi delle norme 05/05/ Revisione per inserimento sistema di gestione conforme alle Norme UNI EN 13043:2004 UNI EN 13242:2004 e UNI EN 13139: /10/ Revisione MQ per aggiornamento procedure 20/07/ Revisione MQ per aggiornamento procedure e norme di riferimento 0.3 CORRELAZIONE REQUISITI DELLA NORMA SEZIONE MQ Sez Par. MANUALE DELLA QUALITA ISO 9001 EN EN EN EN Gestione del Sistema della Qualità Requisiti Generali Requisiti relativi alla documentazione Generalità Manuale della Qualità Procedure Gestionali App. H3 App. B3 App. C3 App. E Istruzioni operative App. H3.1 App. B3.1 App. C3.1 App. E Documenti di pianificazione Modulistica proceduralizzata Gestioni dei documenti e delle Registrazioni della Qualità App. H6 App. B6 App. C6 App. E6 5 Responsabilità della Direzione Impegno della Direzione Attenzione al Cliente Politica per la Qualità Pianificazione Obiettivi per la Qualità Pianificazione della Qualità Responsabilità e Autorità e Comunicazione Responsabilità App. H2.1 App. B2.1 App. C2.1 App. E Rappresentante della Direzione App. H2.2 App. B2.2 App. C2.2 App. E Comunicazione Riesame della Direzione Generalità Elementi in ingresso per il Riesame della Direzione App. H2.3 App. B2.3 App. C2.3 App. E Elementi in uscita per il Riesame della Direzione 5.6.3

6 Rev. 4 Pag 6 di 60 Sez Par. MANUALE DELLA QUALITA ISO 9001 EN EN EN EN Gestione delle Risorse Messa a disposizione delle Risorse Risorse Umane 6.2 App. H10 App. B10 App. C10 App. E Generalità Competenze, consapevolezza e Addestramento App. H10 App. B10 App. C10 App. E Infrastrutture Ambiente di Lavoro Risorse Finanziarie / Processi 7 App. H4 App. B4 App. C4 App. E4 7.1 Pianificazione della realizzazione del prodotto 7.1 App. H3.3 App. H4 App. B3.3 App. B4 App. C3.3 App. C4 7.2 Processi Relativi al Cliente App. E3.3 App. E Determinazione dei requisiti relativi al prodotto ,5,6,8 4,5,6,8 4,5,6,8 4,5,6, Riesame delle Esigenze e delle Richieste del Cliente Comunicazione con il Cliente Approvvigionamento 7.4 App. H3.3 App. B3.3 App. C3.3 App. E Processo di approvvigionamento Informazioni per l approvvigionamento App. B3.2 App. C3.2 App. E Verifica dei prodotti approvvigionati Produzione ed erogazione dei servizi / - App. B4 App. C4 App. E Tenuta Sotto Controllo delle Attività di Produzione e di Erogazione di Servizi App. H4 App. B4 App. C4 App. E Validazione dei Processi Identificazione e Rintracciabilità App. H Proprietà dei Clienti App. B8- App. C8- App. E Conservazione dei prodotti App. H8 B9 C9 E9 7.6 Dispositivi di Controllo e Monitoraggio 7.6 App. H5.2 App. B5.2 App. C5.2 App. E5.2 8 Misurazioni Generalità Misurazione e Monitoraggio Soddisfazione del Cliente Verifiche ispettive interne App. H5.3 App. B5.3 App. C5.3 App. E Monitoraggio e misurazione dei processi Monitoraggio e misurazione dei prodotti App. H5.3 App. B5.3 App. C5.3 App. E Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi 8.3 App. H7 App. B7 App. C7 App. E7 8.4 Analisi dei dati Miglioramento Pianificazione e Miglioramento Continuativo Azioni Correttive Azioni Preventive

7 Rev. 4 Pag 7 di APPROCCIO PER PROCESSI La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è strutturata nella produzione del suo servizio, nella sua organizzazione come nella pianificazione delle sue attività con la definizione ed esemplificazione di processi. Un processo consiste nella trasformazione di Input (attività, azioni, documenti, consulenze, rapporti) in Output (decisioni, azioni correttive/preventive, comunicazioni al cliente, scelte operative definizione di budget futuri). I processi che costituiscono la struttura della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono tra loro interdipendenti e molte delle uscite di ognuno di essi costituiscono gli ingressi del successivo. PROCESSI DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÁ I processi primari all interno della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono i seguenti: 1. Analisi mercato Input/output; 2. Coltivazione ed estrazione; 3. Approvvigionamenti e formazione; 4. Trasformazione; 5. Gestione Output. I processi che si relazionano trasversalmente a tutta la struttura sono i seguenti: 6. Gestione amministrativa e documentazione; 7. Gestione ambientale; 8. Gestione sicurezza e vigilanza; 9. Pianificazione CDG e misurazione 10. Gestione Sistema marcatura CE e Q.

8 Rev. 4 Pag 8 di ACRONIMI Di seguito nel presente Manuale Qualità sono usati i seguenti acronimi: DIRE RGQ RSPP DT CTC RAM ACQ AQ OP AE ACMP ATMP ATA QI QE ATS AS MA AVM ACM RdF SGQ MQ PRO IST MOD NC RNC AC VII Direzione Generale Responsabile di Gestione Sistema Qualità Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Direttore Tecnico Coordinamento Tecnico Commerciale Responsabile Amministrazione Responsabile Acquisti Addetto Qualità Operatori Addetto Escavazione Addetto Caricamento Materia Prima Addetto Trasporto Materia Prima Addetto Tramoggia Alimentazione Quadrista Impianto Quadrista Elettrico Addetto Tornitore Saldatore Addetto Saldatore Manovale Addetto Vendite Materiali Addetto Caricamento Materiali Inerti Responsabile di Funzione Sistema di Gestione per la Qualità Manuale della Qualità Procedure Gestionali Istruzioni Operative Moduli Non Conformità Rapporto di Non Conformità Azione Correttiva Verifica Ispettiva Interna

9 Rev. 4 Pag 9 di DEFINIZIONI Qualità: capacità di un insieme di caratteristiche inerenti un prodotto, sistema, o processo di ottemperare ai requisiti di clienti e di altre parti interessate. Manuale Qualità: documento che descrive il SGQ di una organizzazione. Sistema di gestione per la qualità: sistema per stabilire una politica per la qualità e obiettivi per la qualità per conseguire questi obiettivi. Politica aziendale: obiettivi e indirizzi generali di un organizzazione relativi alla qualità espressi in modo formale dal vertice dell organizzazione. Prodotto: risultato di un processo. Processo: attività che utilizza risorse per trasformare elementi in ingresso in elementi in uscita. Soddisfazione del cliente: opinione del cliente sul grado in cui una transazione ha soddisfatto le esigenze e le aspettative del cliente stesso. Cliente: organizzazione o persona che riceve un prodotto o servizio. Fornitore: organizzazione o persona che fornisce un prodotto o un servizio. Procedura: modo specificato per svolgere un attività o un processo. Non conformità: non ottemperanza a un requisito. Conformità: ottemperanza a un requisito. Reclamo: insoddisfazione del cliente. Azione correttiva: azione adottata per eliminare la causa di una non conformità rilevata. Azione preventiva: azione adottata per eliminare la causa di una potenziale non conformità. Audit: processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenza e valutarla con obiettività al fine di stabilire in quale misura si è ottemperato ai criteri della verifica ispettiva. Aggregato: Materiale granulare utilizzato in edilizia. Può essere naturale, misto o riciclato. Aggregato naturale: Aggregato di origine minerale che è stato sottoposto unicamente a lavorazione meccanica. Aggregato misto: Aggregato consistente in una miscela di aggregati grossi e fini. Aggregato riciclato: Aggregato risultante dalla lavorazione di materiale inorganico precedentemente utilizzato in edilizia. Filler: Aggregato, la maggior parte del quale passa allo staccio di 0,063 mm, che può essere aggiunto ai materiali da costruzione per conferirne determinate proprietà. Dimensione dell aggregato: Descrizione dell aggregato in termini di dimensione inferiore (d) e superiore (D) dello staccio espressa come d /D. Ammette la presenza di alcune particelle trattenute sullo staccio superiore (sopravaglio) e di particelle passanti allo staccio inferiore (sottovaglio). Aggregato fine: Designazione attribuita all aggregato più fine la cui dimensione superiore D è minore o uguale a 4 mm. L aggregato fine può provenire dalla naturale disgregazione di roccia o ghiaia e/o dalla frantumazione di roccia o ghiaia o dalla lavorazione di aggregati industriali. Aggregato grosso: Designazione attribuita all aggregato più grosso la cui dimensione superiore D è maggiore o uguale a 4 mm e la cui dimensione d è maggiore o uguale a 2 mm.

10 Rev. 4 Pag 10 di 60 Aggregato naturale 0/8 mm: Designazione attribuita all aggregato naturale di origine glaciale e/o fluviale con D minore o uguale a 8 mm. Tale aggregato può anche essere prodotto mediante miscelazione di aggregati lavorati. Polveri: Classe granulometrica di un aggregato che passa allo staccio di 0,063 mm. Categoria: Livello di una proprietà di un aggregato espressa come intervallo di valori o come valore limite. Non c è alcuna relazione fra le categorie di proprietà diverse. Granulometria: Distribuzione granulometrica delle particelle espressa come percentuale in massa dei passanti a una determinata serie di stacci. 1. CPD Construction Products Directive (Direttiva sui prodotti da Costruzione): Direttiva del Consiglio del 21/12/1988 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri, concernente i prodotti da costruzione (89/106/CEE). Definisce i requisiti essenziali che i prodotti da costruzione devono possedere per essere idonei alla realizzazione delle opere. ITT (Initial Type Testing): Prove di tipo iniziale. CPD (Factory Production Control): Controllo di produzione in fabbrica. MARCATURA CE: Individuazione della norma di riferimento per le proprie esigenze di marcatura in funzione dell uso finale degli aggregati (EN Aggregati per calcestruzzo e UNI EN miscele per conglomerati bituminosi) e predisposizione di un sistema di controllo del processo documentato secondo le Norme di riferimento. Sottovaglio: parte di un aggregato passante per il più piccolo degli stacci di limitazione utilizzati per la descrizione delle dimensioni dell aggregato. Sopravaglio: parte di un aggregato trattenuta nel maggiore degli stacci di limitazione utilizzati per la descrizione delle dimensioni dell aggregato. Categoria: livello della proprietà di un aggregato espressa come intervallo di valori o come valore di limitazione.

11 Rev. 4 Pag 11 di 60 SEZ. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 SCOPO Il Manuale della Qualità (MQ) descrive sinteticamente il Sistema Qualità della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. e i requisiti da seguire per l ottenimento della Marcatura CE. Esso definisce: la Politica aziendale; l organizzazione dell azienda; i processi; le modalità di svolgimento e le responsabilità delle attività e dei processi aziendali fondamentali. Le modalità di controllo delle conformità dei prodotti Il MQ è il documento di riferimento: - per il personale dell azienda che trova in esso l indirizzo e la guida per operare; - per il clienti e per l Organismo di certificazione che trovano in esso gli elementi per verificare come l azienda soddisfa i requisiti di Gestione della Qualità e di soddisfazione delle parti interessate. Il MQ della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è stato strutturato sulla base della norma UNI EN ISO 9001:2008: Sistemi di Gestione per la qualità Requisiti; il Sistema è integrato anche alla UNI EN 12620: A in materia di aggregati per calcestruzzo, alla norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 in materia di aggregati per conglomerati bituminosi, alla norma UNI EN 13242:2002+A1 2007in materia di aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici e alla norma UNI EN 13139:2002 in materia di aggregati per malte. La matrice di correlazione contenuta nella Sezione 03 del presente MQ riporta la correlazione tra le Norme di riferimento e i contenuti delle varie sezioni del MQ.

12 Rev. 4 Pag 12 di RESPONSABILITÁ Il RGQ ha la responsabilità di verificare la rispondenza del MQ ai requisiti della norma di riferimento ed alla Politica aziendale definita dalla Direzione. Su delega del DIRE, il RGQ firma nell apposito spazio del cartiglio per attestazione della verifica effettuata. Il RGQ ha la responsabilità di: redigere il MQ in tutte le sue parti e sezioni con la collaborazione dei RdF dell azienda; curare l aggiornamento e la distribuzione; verificare la congruità con i requisiti della norma, Procedure, Istruzioni e tutti i documenti del SGQ e del sistema CPD. 1.3 CAMPO DI APPLICAZIONE Il MQ individua e definisce in sintesi i processi che costituiscono il SGQ della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. Questo MQ deve essere utilizzato integrando il contenuto delle sezioni con le procedure in queste richiamate le quali definiscono le responsabilità e le modalità di gestione dei processi aziendali in conformità alle norme di riferimento, che sono dettagliate al punto 2.3. Il campo di applicazione del Manuale è condiviso tra i due sistemi di gestione integrati tra loro, di cui si è dotata la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. per gestire le proprie attività: il Sistema di gestione della Qualità di cui si parlerà in seguito e il Sistema di controllo del processo, svolto per l ottenimento della certificazione per la Marcatura CE La marcatura CE è assegnata secondo due diversi livelli di severità: Livello 4: (più semplice) per gli inerti impiegati in uso a basso rischio di sicurezza. In questo caso è necessario avere un Sistema di Controllo del Processo, anche non certificato, eseguire tutte le prove previste dalla norma, rispettare i valori limite imposti dalla norma stessa. Livello 2 +: (più complesso) per gli inerti impiegati in uso ad alto rischio di sicurezza. In questo caso è necessario avere un Sistema di Controllo del Processo, certificato, eseguire tutte le prove previste dalle norme, rispettare i valori limite imposti sempre dalla norma. Al produttore di inerti che commercializza il suo prodotto è stato quindi chiesto di applicare un Sistema di controllo del Processo, molto simile al Sistema Qualità, in Azienda, capire a quali usi questo può essere destinato per individuare le norme da rispettare e le prove minime da eseguire e certificarsi con un organismo notificato per il sistema 2 + o sottoscrivere un auto dichiarazione per il sistema 4.

13 Rev. 4 Pag 13 di 60 Le prescrizioni del presente MQ quindi si applicano a tutte le funzioni e a tutto il personale della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l., ai prodotti, alle attività svolte all interno e all esterno dell azienda e ai seguenti prodotti/servizi forniti ai clienti: estrazione lavorazione vendita di aggregati inerti per calcestruzzi Outsourcing La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. ha scelto di affidare alcune attività in outsourcing ad alcune società esterne (peraltro appartenente allo stesso gruppo CPF): la contabilità generale e l elaborazione dei corrispettivi del personale (CGS Srl), parte della coltivazione della cava ed estrazione delle materie prime alla società Ecoserdiana Spa. Tali attività sono regolate da apposite procedure e/o istruzioni, che vengono distribuite agli stessi operatori in forma controllata ed effettuata loro l adeguata formazione. L applicazione di tali procedure ed istruzioni viene regolarmente verificata dall azienda. Qualora venga ravvisata la necessità di gestire altre attività in outsourcing la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l., si riserva l opportunità di predisporre idonee procedure gestionali e/o istruzioni operative, che descrivano integralmente i modi attraverso i quali effettuare tale gestione e controllare l operato delle aziende che entreranno in contatto con la stessa Esclusioni Nella NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. non risultano applicabili i requisiti relativi alla Progettazione e sviluppo (punto 7.3 della norma UNI EN ISO 9001:2008) in quanto il processo produttivo parte dalla estrazione di aggregati fino alla vendita al dettaglio, pertanto, è da ritenersi un Processo Escluso. Il Manuale non tratta inoltre il paragrafo della Norma UNI EN ISO 9001:2008, intitolato Proprietà del cliente, per le motivazioni esposte alla pagina 53 del presente MQ.

14 Rev. 4 Pag 14 di AGGIORNAMENTI E DISTRIBUZIONE Tutto il personale della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è chiamato a contribuire nell applicazione, nell aggiornamento e nel miglioramento del SGQ. Gli aggiornamenti vengono eseguiti dal RGQ. Le modifiche al MQ possono essere proposte da tutti i destinatari del documento. Il MQ aggiornato è contraddistinto dal numero di revisione e data di emissione e distribuito previa la firma per redazione, verifica e approvazione. Le modalità di esecuzione degli aggiornamenti sono riportate nella PRO Gestione dei Documenti di Sistema. Il MQ è un documento distribuito sia in forma controllata, sia in forma non controllata. Per copia in forma controllata si intende che la copia del documento, distribuito anche all esterno dell azienda, viene costantemente aggiornata. Le copie del MQ distribuite in forma controllata sono identificate con un numero progressivo di copia. In ambito della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. il MQ viene distribuito in forma controllata. La copia distribuita in forma non controllata non subisce gli aggiornamenti successivi. SEZ. 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Scopo della presente sezione è quello di indicare la normativa ISO e le norme legislative e i regolamenti cogenti per la gestione del sistema di qualità e delle attività della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. ha la responsabilità nella persona del RGQ di gestire l acquisizione e l archiviazione di tutta la normativa ISO di riferimento e di acquisire le norme legislative e i regolamenti vigenti sul territorio in cui opera l azienda. Le norme di riferimento a cui si rifà il Manuale della Qualità e tutto il sistema di gestione su cui opera la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono individuate rispettivamente nella UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità - Requisiti e guida per l uso nella norma UNI EN 12620: A in materia di aggregati per calcestruzzo, nella norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 in materia di aggregati per conglomerati bituminosi, nella norma UNI EN 13242:2002+A1 2007in materia di aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici e nella norma UNI EN 13139:2002 in materia di aggregati per malte. Al fine di rendere più fruibile la documentazione cartacea di cui a questo Sistema di Gestione si allega al presente manuale si allega il documento 03 MQ Indice di Sistema.

15 Rev. 4 Pag 15 di 60 Tra le normative di riferimento, funge da base di partenza la direttiva 89/106, che impone a tutti i prodotti immessi sul mercato e destinati alle costruzioni, la marcatura CE. Il mandato della UE M/125 stabilisce che anche gli aggregati per calcestruzzo siano sottoposti a tale direttiva e, in particolare, che tutti gli inerti messi in commercio dopo il 1 giugno 2004 debbano avere la marcatura CE. Tutto questo è regolato a livello nazionale dai DPR 21 aprile 1993, n.246, di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione e 10 dicembre 1997, n. 499 Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 93/68/CEE per la parte che modifica la direttiva 89/106/CEE in materia di prodotti da costruzione. Al fine di eliminare gli ostacoli relativi al libero scambio delle merci in Europa, rappresentati dalle diverse normative tecniche in vigore nei Paesi membri dell Unione Europea, dal 1985 il Consiglio delle Comunità Europee ha optato per un sistema flessibile di normative tecniche che concentra l attenzione sui soli aspetti essenziali del prodotto. In questo contesto le direttive europee in tema di libera circolazione sono state caratterizzate da: definizione dei requisiti essenziali cui i prodotti devono conformarsi; predisposizione di norme europee armonizzate al fine di trasformare i requisiti essenziali in requisiti di prestazione; attestazione di conformità di ciascun prodotto alla sua norma specifica attraverso un sistema di marcatura: il marchio CE. L attività di predisposizione di norme armonizzate vere e proprie è svolta dal CEN (Comitato Europeo di Normalizzazione) che agisce sulla base di un preciso incarico ricevuto dalla Commissione Europea. Tale incarico è il cosiddetto Mandato attraverso il quale si stabiliscono le caratteristiche di prestazione che dovranno essere prese in considerazione dalle norme armonizzate per ogni prodotto ed il sistema di attestazione di conformità relativo. Nel caso degli aggregati la Direttiva 89/106 ha dato vita al Mandato M125. Il CEN, nell ambito dell M125, ha individuato nella norma relativa ad ogni famiglia di prodotti, le caratteristiche essenziali per quei tipi particolari di aggregati, non tenendo in considerazione le caratteristiche prestazionali irrilevanti. Il CEN ha individuato come rilevanti, ai fini del rispetto dei requisiti essenziali, le seguenti proprietà: Dimensione forma e massa delle particelle Resistenza alla frammentazione/frantumazione Pulizia Resistenza alla levigabilità/abrasione/usura Composizione chimica Stabilità volumetrica

16 Rev. 4 Pag 16 di 60 Assorbimento di acqua Sostanze pericolose Durabilità al gelo Durabilità contro la reazione alcali-aggregato. In base alle proprietà suddette ed in base al Mandato ricevuto, il CEN ha elaborato le seguenti norme: EN Aggregati per il calcestruzzo EN Aggregati per miscele bituminose EN Aggregati leggeri per calcestruzzi e malte EN Aggregati leggeri per miscele bituminose EN Aggregati per malta EN Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per l impiego in opere di ingegneria civile EN Aggregati per opere di protezione EN Aggregati per massicciate ferroviarie. Le norme armonizzate sono state redatte tenendo conto delle esigenze, delle condizioni ambientali e della pratica d uso delle diverse nazioni europee. Esse non escludono che a livello nazionale siano emanate, con un provvedimento ministeriale, delle istruzioni complementari allo scopo di adeguare alcune parti della norma alla pratica d uso consolidata e valida ove gli aggregati sono utilizzati; ad esempio in Italia le istruzioni complementari per l applicazione delle norme armonizzate potrebbero prevedere di non considerare obbligatoria l esecuzione della prova di valutazione della percentuale di conchiglie negli aggregati, in quanto in Italia a differenza di altri Paesi del Nord Europa, non si usano aggregati di origine marina. Allo stesso modo in Italia non è obbligatoria la prova di usura agli pneumatici chiodati dal momento che nel nostro Paese non è previsto l utilizzo di tali pneumatici; quindi pur trattandosi di una caratteristica armonizzata, cioè che si riferisce alle norme EN, non viene misurata perché non contemplata dalla legislazione nazionale del prodotto (NPD: nessuna prestazione determinata). Ci sono inoltre delle categorie dette NR (nessun requisito) che possono essere utilizzate per quelle proprietà che non sono richieste per tutte le destinazioni d uso. Ad esempio il valore della prova Los Angeles è richiesto solo per calcestruzzi ad elevata resistenza, e quindi per le altre applicazioni può essere dichiarata la categoria NR.

17 Rev. 4 Pag 17 di 60 SEZ. 3 PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 3.1 PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è una società che opera nell attività di escavazione e trasformazione inerti per mezzo dell impianto di frantumazione situato in loc. Bau Su Matutzu nel Comune di Serdiana (CA). Le attività possono essere effettuate in virtù delle autorizzazioni rilasciate dal Comune di Serdiana e dall Ente Minerario Sardo. L'esperienza maturata negli anni, nonché il continuo sviluppo tecnologico operato dall'azienda, hanno contribuito alla produzione di inerti sempre più mirati ad ogni tipo di utilizzo ed ha permesso alla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. di diventare un punto di riferimento del settore a Cagliari. La ricerca operata dai laboratori esterni si combina con un eccellente organizzazione aziendale consentendo il pieno soddisfacimento delle aspettative del cliente; a riprova di questo la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è una delle prime aziende del settore estrattivo ad aver impostato la certificazione secondo le nuove ISO 9001:2008 per completarsi con la marcatura CE degli aggregati destinati a calcestruzzo (UNI EN 12620), conglomerati bituminosi (UNI EN 13043), malte (UNI EN 13139) e leganti idraulici (UNI EN 13242). I principali inerti prodotti dalla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono: Sabbia Fine (0 2 mm) Sabbia Grossa (0 6 mm) Risone (4 10 mm) Graniglia (10 20 mm) Mezzanello ( mm). Le sabbie prodotte dalla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. seguono curve granulometriche ottimizzate in base ai singoli campi di utilizzo; si va dalle sabbie monogranulari a quelle naturali sino ad arrivare a quelle frantumate, accomunate tutte dall'eccezionale durezza che le caratterizza. Le ghiaie lavate presentano un'elevata sfericità con colore policromo che le rende ideali per realizzazioni facciavista oltre che ad i consueti utilizzi. I pietrischi, infine, hanno forma poliedrica con facce ruvide che accentuano l'aderenza ad ogni tipo di legante. Tutti gli inerti di produzione della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono caratterizzati da un'eccezionale carica abrasiva e durezza al taglio derivanti dalla durezza dei silicati di cui sono costituiti oltre che avere caratteristiche praticamente inalterabili nel tempo.

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl Fig.1 GraficoOrganigrammaDatréSrl AREA PRODUZIONE AREA GESTIONALE AREA FORMAZIONE Rappresentantelegale Direttorestrutturaformativa StefaniaBracci ComitatoScientifico Coordinatore R.W.Stockbrugger SegreteriaEcm

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti INDICE Prefazione 3 A. PARTE PRIMA 3 A.0 Premessa 3

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli