N 1 COPIA CONTROLLATA. Rev. 4 Pag 1 di 60. Data 20/07/2011. Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 1 COPIA CONTROLLATA. Rev. 4 Pag 1 di 60. Data 20/07/2011. Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data"

Transcript

1 Rev. 4 Pag 1 di 60 MANUALE del Sistema di Gestione Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 del Sistema CPD secondo la norma UNI EN 12620: A per la MARCATURA CE di Aggregati per calcestruzzi secondo la norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 per la MARCATURA CE di Aggregati per conglomerati bituminosi secondo la norma UNI EN 13242:2002+A per la MARCATURA CE di Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici secondo la norma UNI EN 13139:2002 per la MARCATURA CE di Aggregati per malta Il presente Manuale della Qualità è di proprietà della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. Ogni sua riproduzione totale o anche soltanto di sue parti è vietata. COPIA CONTROLLATA N 1 Rev. Redazione e Verifica Causale Approvazione Data 4 RGQ Revisione a seguito di revisione delle procedure di sistema DIRE 20/07/2011

2 Rev. 4 Pag 2 di 60 SEZ. 0 INDICE 0.1 INDICE GENERALE SEZ. 0 INDICE 0.1 Indice Generale Pag Stato di Aggiornamento MQ Pag Correlazione Requisiti delle Norme Sezione de MQ Pag Approccio per processi Pag Acronimi Pag Definizioni Pag. 9 SEZ. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Scopo Pag Responsabilità Pag Campo di Applicazione Pag Outsourcing Pag Esclusioni Pag Aggiornamenti e distribuzione Pag. 13 SEZ. 2 SEZ. 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 3.1 Profilo dell Organizzazione Pag Ciclo Produttivo Pag Sistema - A Cava Pag Sistema - B Impianto di frantumazione Pag Sistema - C Officina Pag Sistema - D Rivendita Inerti Pag Dati Anagrafici Pag. 20 SEZ. 4 GESTIONE DEL SISTEMA DELLA QUALITÀ 4.1 Requisiti Generali Pag Requisiti relativi alla documentazione Pag Generalità Pag Manuale della Qualità Pag Procedure Gestionali Pag Istruzioni operative Pag Documenti di pianificazione Pag Modulistica proceduralizzata Pag Gestioni dei documenti e delle Registrazioni della Qualità Pag. 24

3 Rev. 4 Pag 3 di 60 SEZ. 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE 5.1 Impegno della Direzione Pag Attenzione al Cliente Pag Politica per la Qualità Pag Pianificazione Pag Obiettivi per la Qualità Pag Pianificazione della Qualità Pag Responsabilità Autorità e Comunicazione Pag Responsabilità Pag Rappresentante della Direzione Pag Comunicazione Pag Comunicazione interna Pag Comunicazione esterna Pag Riesame della Direzione Pag Generalità Pag Elementi in ingresso per il Riesame della Direzione Pag Elementi in uscita per il Riesame della Direzione Pag. 30 SEZ. 6 GESTIONE DELLE RISORSE 6.1 Messa a disposizione delle Risorse Pag Risorse umane Pag Generalità Pag Competenze Consapevolezza e Addestramento Pag Addestramento sulla SGQ Pag Addestramento sulla sicurezza Pag Riunioni presso le strutture Pag Qualificazione del Personale Pag Infrastrutture Pag Ambiente di Lavoro Pag Risorse Finanziarie Pag. 35 SEZ. 7 REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO 7.1 Pianificazione della realizzazione del prodotto Pag Processi Relativi al Cliente Pag Determinazione dei requisiti relativi al servizio Pag Riesame delle esigenze e delle richieste del cliente Pag Comunicazione con il Cliente Pag Progettazione Pag Approvvigionamento Pag Processo di approvvigionamento Pag Informazioni per l approvvigionamento Pag Verifica dei prodotti approvvigionati Pag. 47

4 Rev. 4 Pag 4 di Produzione ed erogazione dei servizi Pag Tenuta Sotto Controllo Attività di Produz e di Erogaz dei Servizi Pag Controlli in Fase di Produzione Pag Stato dei Controlli Pag Prodotto Non Conforme Pag Validazione dei Processi Pag Identificazioni e Rintracciabilità Pag Proprietà dei Clienti Pag Conservazione dei Prodotti Pag Dispositivi di Controllo e Monitoraggio Pag. 55 SEZ. 8 MISURAZIONI 8.1 Generalità Pag Misurazione e Monitoraggio Pag Soddisfazione del Cliente Pag Verifiche ispettive interne Pag Monitoraggio e misurazione dei Processi Pag Monitoraggio e misurazione dei Prodotti Pag Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Pag Analisi dei Dati Pag Miglioramento Pag Pianificazione e Miglioramento Continuativo Pag Azioni Correttive Pag Azioni Preventive Pag. 60 ALLEGATI Allegato 01 MQ Allegato 02 MQ Allegato 03 MQ Allegato 04 MQ Allegato 05 MQ Allegato 06 MQ Allegato 07 MQ Allegato 08 MQ Allegato 09 MQ Elenco norme di riferimento settore inerti Nomina Responsabile Gestione Qualità Indice di sistema Politica aziendale Organigramma Mansionario Lista di distribuzione Matrice delle responsabilità Elenco contatti

5 Rev. 4 Pag 5 di STATO DI AGGIORNAMENTO DEL MQ Data Rev. Causale 02/07/ Prima Emissione Secondo UNI EN ISO 9001: /04/ Recepimento osservazioni Verifica Ispettiva del 28-29/03/06 e ricollocamento campi delle norme 05/05/ Revisione per inserimento sistema di gestione conforme alle Norme UNI EN 13043:2004 UNI EN 13242:2004 e UNI EN 13139: /10/ Revisione MQ per aggiornamento procedure 20/07/ Revisione MQ per aggiornamento procedure e norme di riferimento 0.3 CORRELAZIONE REQUISITI DELLA NORMA SEZIONE MQ Sez Par. MANUALE DELLA QUALITA ISO 9001 EN EN EN EN Gestione del Sistema della Qualità Requisiti Generali Requisiti relativi alla documentazione Generalità Manuale della Qualità Procedure Gestionali App. H3 App. B3 App. C3 App. E Istruzioni operative App. H3.1 App. B3.1 App. C3.1 App. E Documenti di pianificazione Modulistica proceduralizzata Gestioni dei documenti e delle Registrazioni della Qualità App. H6 App. B6 App. C6 App. E6 5 Responsabilità della Direzione Impegno della Direzione Attenzione al Cliente Politica per la Qualità Pianificazione Obiettivi per la Qualità Pianificazione della Qualità Responsabilità e Autorità e Comunicazione Responsabilità App. H2.1 App. B2.1 App. C2.1 App. E Rappresentante della Direzione App. H2.2 App. B2.2 App. C2.2 App. E Comunicazione Riesame della Direzione Generalità Elementi in ingresso per il Riesame della Direzione App. H2.3 App. B2.3 App. C2.3 App. E Elementi in uscita per il Riesame della Direzione 5.6.3

6 Rev. 4 Pag 6 di 60 Sez Par. MANUALE DELLA QUALITA ISO 9001 EN EN EN EN Gestione delle Risorse Messa a disposizione delle Risorse Risorse Umane 6.2 App. H10 App. B10 App. C10 App. E Generalità Competenze, consapevolezza e Addestramento App. H10 App. B10 App. C10 App. E Infrastrutture Ambiente di Lavoro Risorse Finanziarie / Processi 7 App. H4 App. B4 App. C4 App. E4 7.1 Pianificazione della realizzazione del prodotto 7.1 App. H3.3 App. H4 App. B3.3 App. B4 App. C3.3 App. C4 7.2 Processi Relativi al Cliente App. E3.3 App. E Determinazione dei requisiti relativi al prodotto ,5,6,8 4,5,6,8 4,5,6,8 4,5,6, Riesame delle Esigenze e delle Richieste del Cliente Comunicazione con il Cliente Approvvigionamento 7.4 App. H3.3 App. B3.3 App. C3.3 App. E Processo di approvvigionamento Informazioni per l approvvigionamento App. B3.2 App. C3.2 App. E Verifica dei prodotti approvvigionati Produzione ed erogazione dei servizi / - App. B4 App. C4 App. E Tenuta Sotto Controllo delle Attività di Produzione e di Erogazione di Servizi App. H4 App. B4 App. C4 App. E Validazione dei Processi Identificazione e Rintracciabilità App. H Proprietà dei Clienti App. B8- App. C8- App. E Conservazione dei prodotti App. H8 B9 C9 E9 7.6 Dispositivi di Controllo e Monitoraggio 7.6 App. H5.2 App. B5.2 App. C5.2 App. E5.2 8 Misurazioni Generalità Misurazione e Monitoraggio Soddisfazione del Cliente Verifiche ispettive interne App. H5.3 App. B5.3 App. C5.3 App. E Monitoraggio e misurazione dei processi Monitoraggio e misurazione dei prodotti App. H5.3 App. B5.3 App. C5.3 App. E Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi 8.3 App. H7 App. B7 App. C7 App. E7 8.4 Analisi dei dati Miglioramento Pianificazione e Miglioramento Continuativo Azioni Correttive Azioni Preventive

7 Rev. 4 Pag 7 di APPROCCIO PER PROCESSI La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è strutturata nella produzione del suo servizio, nella sua organizzazione come nella pianificazione delle sue attività con la definizione ed esemplificazione di processi. Un processo consiste nella trasformazione di Input (attività, azioni, documenti, consulenze, rapporti) in Output (decisioni, azioni correttive/preventive, comunicazioni al cliente, scelte operative definizione di budget futuri). I processi che costituiscono la struttura della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono tra loro interdipendenti e molte delle uscite di ognuno di essi costituiscono gli ingressi del successivo. PROCESSI DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÁ I processi primari all interno della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono i seguenti: 1. Analisi mercato Input/output; 2. Coltivazione ed estrazione; 3. Approvvigionamenti e formazione; 4. Trasformazione; 5. Gestione Output. I processi che si relazionano trasversalmente a tutta la struttura sono i seguenti: 6. Gestione amministrativa e documentazione; 7. Gestione ambientale; 8. Gestione sicurezza e vigilanza; 9. Pianificazione CDG e misurazione 10. Gestione Sistema marcatura CE e Q.

8 Rev. 4 Pag 8 di ACRONIMI Di seguito nel presente Manuale Qualità sono usati i seguenti acronimi: DIRE RGQ RSPP DT CTC RAM ACQ AQ OP AE ACMP ATMP ATA QI QE ATS AS MA AVM ACM RdF SGQ MQ PRO IST MOD NC RNC AC VII Direzione Generale Responsabile di Gestione Sistema Qualità Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Direttore Tecnico Coordinamento Tecnico Commerciale Responsabile Amministrazione Responsabile Acquisti Addetto Qualità Operatori Addetto Escavazione Addetto Caricamento Materia Prima Addetto Trasporto Materia Prima Addetto Tramoggia Alimentazione Quadrista Impianto Quadrista Elettrico Addetto Tornitore Saldatore Addetto Saldatore Manovale Addetto Vendite Materiali Addetto Caricamento Materiali Inerti Responsabile di Funzione Sistema di Gestione per la Qualità Manuale della Qualità Procedure Gestionali Istruzioni Operative Moduli Non Conformità Rapporto di Non Conformità Azione Correttiva Verifica Ispettiva Interna

9 Rev. 4 Pag 9 di DEFINIZIONI Qualità: capacità di un insieme di caratteristiche inerenti un prodotto, sistema, o processo di ottemperare ai requisiti di clienti e di altre parti interessate. Manuale Qualità: documento che descrive il SGQ di una organizzazione. Sistema di gestione per la qualità: sistema per stabilire una politica per la qualità e obiettivi per la qualità per conseguire questi obiettivi. Politica aziendale: obiettivi e indirizzi generali di un organizzazione relativi alla qualità espressi in modo formale dal vertice dell organizzazione. Prodotto: risultato di un processo. Processo: attività che utilizza risorse per trasformare elementi in ingresso in elementi in uscita. Soddisfazione del cliente: opinione del cliente sul grado in cui una transazione ha soddisfatto le esigenze e le aspettative del cliente stesso. Cliente: organizzazione o persona che riceve un prodotto o servizio. Fornitore: organizzazione o persona che fornisce un prodotto o un servizio. Procedura: modo specificato per svolgere un attività o un processo. Non conformità: non ottemperanza a un requisito. Conformità: ottemperanza a un requisito. Reclamo: insoddisfazione del cliente. Azione correttiva: azione adottata per eliminare la causa di una non conformità rilevata. Azione preventiva: azione adottata per eliminare la causa di una potenziale non conformità. Audit: processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenza e valutarla con obiettività al fine di stabilire in quale misura si è ottemperato ai criteri della verifica ispettiva. Aggregato: Materiale granulare utilizzato in edilizia. Può essere naturale, misto o riciclato. Aggregato naturale: Aggregato di origine minerale che è stato sottoposto unicamente a lavorazione meccanica. Aggregato misto: Aggregato consistente in una miscela di aggregati grossi e fini. Aggregato riciclato: Aggregato risultante dalla lavorazione di materiale inorganico precedentemente utilizzato in edilizia. Filler: Aggregato, la maggior parte del quale passa allo staccio di 0,063 mm, che può essere aggiunto ai materiali da costruzione per conferirne determinate proprietà. Dimensione dell aggregato: Descrizione dell aggregato in termini di dimensione inferiore (d) e superiore (D) dello staccio espressa come d /D. Ammette la presenza di alcune particelle trattenute sullo staccio superiore (sopravaglio) e di particelle passanti allo staccio inferiore (sottovaglio). Aggregato fine: Designazione attribuita all aggregato più fine la cui dimensione superiore D è minore o uguale a 4 mm. L aggregato fine può provenire dalla naturale disgregazione di roccia o ghiaia e/o dalla frantumazione di roccia o ghiaia o dalla lavorazione di aggregati industriali. Aggregato grosso: Designazione attribuita all aggregato più grosso la cui dimensione superiore D è maggiore o uguale a 4 mm e la cui dimensione d è maggiore o uguale a 2 mm.

10 Rev. 4 Pag 10 di 60 Aggregato naturale 0/8 mm: Designazione attribuita all aggregato naturale di origine glaciale e/o fluviale con D minore o uguale a 8 mm. Tale aggregato può anche essere prodotto mediante miscelazione di aggregati lavorati. Polveri: Classe granulometrica di un aggregato che passa allo staccio di 0,063 mm. Categoria: Livello di una proprietà di un aggregato espressa come intervallo di valori o come valore limite. Non c è alcuna relazione fra le categorie di proprietà diverse. Granulometria: Distribuzione granulometrica delle particelle espressa come percentuale in massa dei passanti a una determinata serie di stacci. 1. CPD Construction Products Directive (Direttiva sui prodotti da Costruzione): Direttiva del Consiglio del 21/12/1988 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri, concernente i prodotti da costruzione (89/106/CEE). Definisce i requisiti essenziali che i prodotti da costruzione devono possedere per essere idonei alla realizzazione delle opere. ITT (Initial Type Testing): Prove di tipo iniziale. CPD (Factory Production Control): Controllo di produzione in fabbrica. MARCATURA CE: Individuazione della norma di riferimento per le proprie esigenze di marcatura in funzione dell uso finale degli aggregati (EN Aggregati per calcestruzzo e UNI EN miscele per conglomerati bituminosi) e predisposizione di un sistema di controllo del processo documentato secondo le Norme di riferimento. Sottovaglio: parte di un aggregato passante per il più piccolo degli stacci di limitazione utilizzati per la descrizione delle dimensioni dell aggregato. Sopravaglio: parte di un aggregato trattenuta nel maggiore degli stacci di limitazione utilizzati per la descrizione delle dimensioni dell aggregato. Categoria: livello della proprietà di un aggregato espressa come intervallo di valori o come valore di limitazione.

11 Rev. 4 Pag 11 di 60 SEZ. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 SCOPO Il Manuale della Qualità (MQ) descrive sinteticamente il Sistema Qualità della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. e i requisiti da seguire per l ottenimento della Marcatura CE. Esso definisce: la Politica aziendale; l organizzazione dell azienda; i processi; le modalità di svolgimento e le responsabilità delle attività e dei processi aziendali fondamentali. Le modalità di controllo delle conformità dei prodotti Il MQ è il documento di riferimento: - per il personale dell azienda che trova in esso l indirizzo e la guida per operare; - per il clienti e per l Organismo di certificazione che trovano in esso gli elementi per verificare come l azienda soddisfa i requisiti di Gestione della Qualità e di soddisfazione delle parti interessate. Il MQ della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è stato strutturato sulla base della norma UNI EN ISO 9001:2008: Sistemi di Gestione per la qualità Requisiti; il Sistema è integrato anche alla UNI EN 12620: A in materia di aggregati per calcestruzzo, alla norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 in materia di aggregati per conglomerati bituminosi, alla norma UNI EN 13242:2002+A1 2007in materia di aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici e alla norma UNI EN 13139:2002 in materia di aggregati per malte. La matrice di correlazione contenuta nella Sezione 03 del presente MQ riporta la correlazione tra le Norme di riferimento e i contenuti delle varie sezioni del MQ.

12 Rev. 4 Pag 12 di RESPONSABILITÁ Il RGQ ha la responsabilità di verificare la rispondenza del MQ ai requisiti della norma di riferimento ed alla Politica aziendale definita dalla Direzione. Su delega del DIRE, il RGQ firma nell apposito spazio del cartiglio per attestazione della verifica effettuata. Il RGQ ha la responsabilità di: redigere il MQ in tutte le sue parti e sezioni con la collaborazione dei RdF dell azienda; curare l aggiornamento e la distribuzione; verificare la congruità con i requisiti della norma, Procedure, Istruzioni e tutti i documenti del SGQ e del sistema CPD. 1.3 CAMPO DI APPLICAZIONE Il MQ individua e definisce in sintesi i processi che costituiscono il SGQ della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. Questo MQ deve essere utilizzato integrando il contenuto delle sezioni con le procedure in queste richiamate le quali definiscono le responsabilità e le modalità di gestione dei processi aziendali in conformità alle norme di riferimento, che sono dettagliate al punto 2.3. Il campo di applicazione del Manuale è condiviso tra i due sistemi di gestione integrati tra loro, di cui si è dotata la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. per gestire le proprie attività: il Sistema di gestione della Qualità di cui si parlerà in seguito e il Sistema di controllo del processo, svolto per l ottenimento della certificazione per la Marcatura CE La marcatura CE è assegnata secondo due diversi livelli di severità: Livello 4: (più semplice) per gli inerti impiegati in uso a basso rischio di sicurezza. In questo caso è necessario avere un Sistema di Controllo del Processo, anche non certificato, eseguire tutte le prove previste dalla norma, rispettare i valori limite imposti dalla norma stessa. Livello 2 +: (più complesso) per gli inerti impiegati in uso ad alto rischio di sicurezza. In questo caso è necessario avere un Sistema di Controllo del Processo, certificato, eseguire tutte le prove previste dalle norme, rispettare i valori limite imposti sempre dalla norma. Al produttore di inerti che commercializza il suo prodotto è stato quindi chiesto di applicare un Sistema di controllo del Processo, molto simile al Sistema Qualità, in Azienda, capire a quali usi questo può essere destinato per individuare le norme da rispettare e le prove minime da eseguire e certificarsi con un organismo notificato per il sistema 2 + o sottoscrivere un auto dichiarazione per il sistema 4.

13 Rev. 4 Pag 13 di 60 Le prescrizioni del presente MQ quindi si applicano a tutte le funzioni e a tutto il personale della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l., ai prodotti, alle attività svolte all interno e all esterno dell azienda e ai seguenti prodotti/servizi forniti ai clienti: estrazione lavorazione vendita di aggregati inerti per calcestruzzi Outsourcing La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. ha scelto di affidare alcune attività in outsourcing ad alcune società esterne (peraltro appartenente allo stesso gruppo CPF): la contabilità generale e l elaborazione dei corrispettivi del personale (CGS Srl), parte della coltivazione della cava ed estrazione delle materie prime alla società Ecoserdiana Spa. Tali attività sono regolate da apposite procedure e/o istruzioni, che vengono distribuite agli stessi operatori in forma controllata ed effettuata loro l adeguata formazione. L applicazione di tali procedure ed istruzioni viene regolarmente verificata dall azienda. Qualora venga ravvisata la necessità di gestire altre attività in outsourcing la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l., si riserva l opportunità di predisporre idonee procedure gestionali e/o istruzioni operative, che descrivano integralmente i modi attraverso i quali effettuare tale gestione e controllare l operato delle aziende che entreranno in contatto con la stessa Esclusioni Nella NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. non risultano applicabili i requisiti relativi alla Progettazione e sviluppo (punto 7.3 della norma UNI EN ISO 9001:2008) in quanto il processo produttivo parte dalla estrazione di aggregati fino alla vendita al dettaglio, pertanto, è da ritenersi un Processo Escluso. Il Manuale non tratta inoltre il paragrafo della Norma UNI EN ISO 9001:2008, intitolato Proprietà del cliente, per le motivazioni esposte alla pagina 53 del presente MQ.

14 Rev. 4 Pag 14 di AGGIORNAMENTI E DISTRIBUZIONE Tutto il personale della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è chiamato a contribuire nell applicazione, nell aggiornamento e nel miglioramento del SGQ. Gli aggiornamenti vengono eseguiti dal RGQ. Le modifiche al MQ possono essere proposte da tutti i destinatari del documento. Il MQ aggiornato è contraddistinto dal numero di revisione e data di emissione e distribuito previa la firma per redazione, verifica e approvazione. Le modalità di esecuzione degli aggiornamenti sono riportate nella PRO Gestione dei Documenti di Sistema. Il MQ è un documento distribuito sia in forma controllata, sia in forma non controllata. Per copia in forma controllata si intende che la copia del documento, distribuito anche all esterno dell azienda, viene costantemente aggiornata. Le copie del MQ distribuite in forma controllata sono identificate con un numero progressivo di copia. In ambito della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. il MQ viene distribuito in forma controllata. La copia distribuita in forma non controllata non subisce gli aggiornamenti successivi. SEZ. 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Scopo della presente sezione è quello di indicare la normativa ISO e le norme legislative e i regolamenti cogenti per la gestione del sistema di qualità e delle attività della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. ha la responsabilità nella persona del RGQ di gestire l acquisizione e l archiviazione di tutta la normativa ISO di riferimento e di acquisire le norme legislative e i regolamenti vigenti sul territorio in cui opera l azienda. Le norme di riferimento a cui si rifà il Manuale della Qualità e tutto il sistema di gestione su cui opera la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono individuate rispettivamente nella UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità - Requisiti e guida per l uso nella norma UNI EN 12620: A in materia di aggregati per calcestruzzo, nella norma UNI EN 13043:2002/AC:2004 in materia di aggregati per conglomerati bituminosi, nella norma UNI EN 13242:2002+A1 2007in materia di aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici e nella norma UNI EN 13139:2002 in materia di aggregati per malte. Al fine di rendere più fruibile la documentazione cartacea di cui a questo Sistema di Gestione si allega al presente manuale si allega il documento 03 MQ Indice di Sistema.

15 Rev. 4 Pag 15 di 60 Tra le normative di riferimento, funge da base di partenza la direttiva 89/106, che impone a tutti i prodotti immessi sul mercato e destinati alle costruzioni, la marcatura CE. Il mandato della UE M/125 stabilisce che anche gli aggregati per calcestruzzo siano sottoposti a tale direttiva e, in particolare, che tutti gli inerti messi in commercio dopo il 1 giugno 2004 debbano avere la marcatura CE. Tutto questo è regolato a livello nazionale dai DPR 21 aprile 1993, n.246, di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione e 10 dicembre 1997, n. 499 Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 93/68/CEE per la parte che modifica la direttiva 89/106/CEE in materia di prodotti da costruzione. Al fine di eliminare gli ostacoli relativi al libero scambio delle merci in Europa, rappresentati dalle diverse normative tecniche in vigore nei Paesi membri dell Unione Europea, dal 1985 il Consiglio delle Comunità Europee ha optato per un sistema flessibile di normative tecniche che concentra l attenzione sui soli aspetti essenziali del prodotto. In questo contesto le direttive europee in tema di libera circolazione sono state caratterizzate da: definizione dei requisiti essenziali cui i prodotti devono conformarsi; predisposizione di norme europee armonizzate al fine di trasformare i requisiti essenziali in requisiti di prestazione; attestazione di conformità di ciascun prodotto alla sua norma specifica attraverso un sistema di marcatura: il marchio CE. L attività di predisposizione di norme armonizzate vere e proprie è svolta dal CEN (Comitato Europeo di Normalizzazione) che agisce sulla base di un preciso incarico ricevuto dalla Commissione Europea. Tale incarico è il cosiddetto Mandato attraverso il quale si stabiliscono le caratteristiche di prestazione che dovranno essere prese in considerazione dalle norme armonizzate per ogni prodotto ed il sistema di attestazione di conformità relativo. Nel caso degli aggregati la Direttiva 89/106 ha dato vita al Mandato M125. Il CEN, nell ambito dell M125, ha individuato nella norma relativa ad ogni famiglia di prodotti, le caratteristiche essenziali per quei tipi particolari di aggregati, non tenendo in considerazione le caratteristiche prestazionali irrilevanti. Il CEN ha individuato come rilevanti, ai fini del rispetto dei requisiti essenziali, le seguenti proprietà: Dimensione forma e massa delle particelle Resistenza alla frammentazione/frantumazione Pulizia Resistenza alla levigabilità/abrasione/usura Composizione chimica Stabilità volumetrica

16 Rev. 4 Pag 16 di 60 Assorbimento di acqua Sostanze pericolose Durabilità al gelo Durabilità contro la reazione alcali-aggregato. In base alle proprietà suddette ed in base al Mandato ricevuto, il CEN ha elaborato le seguenti norme: EN Aggregati per il calcestruzzo EN Aggregati per miscele bituminose EN Aggregati leggeri per calcestruzzi e malte EN Aggregati leggeri per miscele bituminose EN Aggregati per malta EN Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per l impiego in opere di ingegneria civile EN Aggregati per opere di protezione EN Aggregati per massicciate ferroviarie. Le norme armonizzate sono state redatte tenendo conto delle esigenze, delle condizioni ambientali e della pratica d uso delle diverse nazioni europee. Esse non escludono che a livello nazionale siano emanate, con un provvedimento ministeriale, delle istruzioni complementari allo scopo di adeguare alcune parti della norma alla pratica d uso consolidata e valida ove gli aggregati sono utilizzati; ad esempio in Italia le istruzioni complementari per l applicazione delle norme armonizzate potrebbero prevedere di non considerare obbligatoria l esecuzione della prova di valutazione della percentuale di conchiglie negli aggregati, in quanto in Italia a differenza di altri Paesi del Nord Europa, non si usano aggregati di origine marina. Allo stesso modo in Italia non è obbligatoria la prova di usura agli pneumatici chiodati dal momento che nel nostro Paese non è previsto l utilizzo di tali pneumatici; quindi pur trattandosi di una caratteristica armonizzata, cioè che si riferisce alle norme EN, non viene misurata perché non contemplata dalla legislazione nazionale del prodotto (NPD: nessuna prestazione determinata). Ci sono inoltre delle categorie dette NR (nessun requisito) che possono essere utilizzate per quelle proprietà che non sono richieste per tutte le destinazioni d uso. Ad esempio il valore della prova Los Angeles è richiesto solo per calcestruzzi ad elevata resistenza, e quindi per le altre applicazioni può essere dichiarata la categoria NR.

17 Rev. 4 Pag 17 di 60 SEZ. 3 PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 3.1 PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE La NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è una società che opera nell attività di escavazione e trasformazione inerti per mezzo dell impianto di frantumazione situato in loc. Bau Su Matutzu nel Comune di Serdiana (CA). Le attività possono essere effettuate in virtù delle autorizzazioni rilasciate dal Comune di Serdiana e dall Ente Minerario Sardo. L'esperienza maturata negli anni, nonché il continuo sviluppo tecnologico operato dall'azienda, hanno contribuito alla produzione di inerti sempre più mirati ad ogni tipo di utilizzo ed ha permesso alla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. di diventare un punto di riferimento del settore a Cagliari. La ricerca operata dai laboratori esterni si combina con un eccellente organizzazione aziendale consentendo il pieno soddisfacimento delle aspettative del cliente; a riprova di questo la NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. è una delle prime aziende del settore estrattivo ad aver impostato la certificazione secondo le nuove ISO 9001:2008 per completarsi con la marcatura CE degli aggregati destinati a calcestruzzo (UNI EN 12620), conglomerati bituminosi (UNI EN 13043), malte (UNI EN 13139) e leganti idraulici (UNI EN 13242). I principali inerti prodotti dalla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono: Sabbia Fine (0 2 mm) Sabbia Grossa (0 6 mm) Risone (4 10 mm) Graniglia (10 20 mm) Mezzanello ( mm). Le sabbie prodotte dalla NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. seguono curve granulometriche ottimizzate in base ai singoli campi di utilizzo; si va dalle sabbie monogranulari a quelle naturali sino ad arrivare a quelle frantumate, accomunate tutte dall'eccezionale durezza che le caratterizza. Le ghiaie lavate presentano un'elevata sfericità con colore policromo che le rende ideali per realizzazioni facciavista oltre che ad i consueti utilizzi. I pietrischi, infine, hanno forma poliedrica con facce ruvide che accentuano l'aderenza ad ogni tipo di legante. Tutti gli inerti di produzione della NUOVA CEM.AR. GRANULATI S.r.l. sono caratterizzati da un'eccezionale carica abrasiva e durezza al taglio derivanti dalla durezza dei silicati di cui sono costituiti oltre che avere caratteristiche praticamente inalterabili nel tempo.

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO (Norme di Riferimento: UNI EN ISO 9001:00 ) Viale C. Castracani, 55 55100 Lucca tel.: 0583.464482 464536 Web: www.cartesiostudio.it e-mail: info@cartesiostudio.it Marcatura

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali

LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali 1. Resistenza meccanica e stabilità; 2. Sicurezza in caso di incendio; 3. Igiene, salute e ambiente;

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

Manuale della Qualità

Manuale della Qualità Manuale della Qualità Il presente Manuale della Qualità è stato redatto in conformità alla Norma Europea Sistemi di Gestione per la Qualità - Requisiti EDIZIONE MQ N 1 del 15.09.2003 DATA ULTIMA REVISIONE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

Sezione 4 Requisiti Gestionali

Sezione 4 Requisiti Gestionali INDICE Sezione 4 Requisiti Gestionali 4.1 Organizzazione... 2 4.1.1 Organigramma funzionale... 3 4.1.2 Quadro Mansioni e Competenze... 4 4.2 Sistema di Gestione Qualità... 6 4.2.1 Gestione della Politica

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA

PROCEDURA ORGANIZZATIVA PO.08 03 pag. 1 di 13 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITÀ 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6. ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione

Manuale del Sistema di Gestione Frontespizio MQ Rev. 9 Pagina 1 di 1 Manuale del Sistema di Gestione per la Qualità Norma di riferimento: UNI EN ISO 9001:2008 Copia N. distribuita in forma: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Il presente documento

Dettagli

Manuale Qualità TARONI CONSELICE (RA) MANUALE QUALITA VOLUME I COSTRUZIONI MECCANICHE. Riferimento Norma UNI EN ISO 9001:2008

Manuale Qualità TARONI CONSELICE (RA) MANUALE QUALITA VOLUME I COSTRUZIONI MECCANICHE. Riferimento Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sezione 0 Rev. 5 Pag. 1 TARONI CONSELICE (RA) MANUALE QUALITA VOLUME I COSTRUZIONI MECCANICHE Riferimento Norma UNI EN ISO 9001:2008 COPIA CONTROLLATA N COPIA NON CONTROLLATA 5 Modificate sez. 0, 1, 4

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 4 Pag. 1 / 16 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Indice: 4.0 - Oggetto 4.1 - Generalità 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.3 - Controllo delle registrazioni

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Ed. Rev Data Nota di Revisione. 1 0 12/10/09 Prima Emissione. Controllata Consegnata a Non Controllata Data Consegna 12/10/09. Copia n.

Ed. Rev Data Nota di Revisione. 1 0 12/10/09 Prima Emissione. Controllata Consegnata a Non Controllata Data Consegna 12/10/09. Copia n. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITÀ in accordo alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Il presente Manuale di garanzia della Qualità è di proprietà della IMPRESA COSTRUZIONI BERNA FRANCESCO e non è riproducibile,

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ SISTEMA DI GESTIONE PER LA DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ 6 14-Mar-13 Revisione generale S.Scola L. L. Pelamatti 5 01-Sett-11 Aggiornamento D. Menti L. L. Pelamatti 4 20-mag-09 ISO 9001:2008 R. Cagliani

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero delle infrastrutture 11 aprile 2007 Applicazione della direttiva n 89/106/CEE sui prodotti da costruzione recepita con D.P.R. 21/04/1993, n 246, relativa alla individuazione dei prodotti

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ALLEGATO II.1 1. LIVELLO STRATEGICO CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA IRS Europa s.c. opera in un mercato estremamente competitivo e fortemente mutevole in cui il successo d impresa, il mantenimento

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

ANNO 2015 ALLEGATO II.1 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

ANNO 2015 ALLEGATO II.1 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO 2015 ALLEGATO II.1 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO IRS EUROPA società cooperativa opera in un mercato estremamente competitivo e fortemente mutevole in cui il successo

Dettagli

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative Unione Industriale 19 di 94 4.2 SISTEMA QUALITÀ 4.2.1 Generalità Un Sistema qualità è costituito dalla struttura organizzata, dalle responsabilità definite, dalle procedure, dai procedimenti di lavoro

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

LINEA GUIDA PER L APPLICAZIONE ALLE ATTIVITA SVOLTE DA UNO STUDIO TECNICO PER GEOMETRI

LINEA GUIDA PER L APPLICAZIONE ALLE ATTIVITA SVOLTE DA UNO STUDIO TECNICO PER GEOMETRI COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITÀ LINEA GUIDA PER L APPLICAZIONE ALLE ATTIVITA SVOLTE DA UNO STUDIO TECNICO PER GEOMETRI Il presente Manuale è stato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1. Scopo. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 2 8.2. Monitoraggio e misurazioni.

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 2. MONITORAGGIO E MISURAZIONE... 2 2.1 SODDISFAZIONE DEL CLIENTE/UTENTE... 2 2.2. AUDIT INTERNI... 4 2.3 MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Copyright ANAS 2004. Immagine grafica Segno Associati

Copyright ANAS 2004. Immagine grafica Segno Associati Copyright ANAS 2004 Immagine grafica Segno Associati Sommario Il libro Bianco delle strade 5 Introduzione di Vincenzo Pozzi 9 L Anas e la certificazione UNI ISO 9001/2000 1. La norma ISO 9001/2000 ed

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE. ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE

LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE. ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE del 10 dicembre 2012 recante i criteri che determinano

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA data: 20-07-08 Pagina 1 di 12 Sez. 4 PER LA QUALITA Redazione e Revisione Data Modifiche verifica 0 03-04-03 RGQ - Prof. M.L.Bianchi 1 16-04-03 Tabelle a) e b) 2 29-05-03 Tabella b) e 4.2.3 3 12-07-04

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ)

1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ) pag. 1 1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ) Per perseguire le sue finalità, di cui si è accennato sopra, il Liceo statale Carlo Porta di Monza si è dotato di un Sistema di gestione per la qualità

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

RIF. NORMA UNI EN ISO

RIF. NORMA UNI EN ISO pag. 1 di 13 RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 Revisione n 01 Data 01-09-2012 pag. 2 di 13 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SGQ E APPROVAZIONI Il presente Manuale descrive il Sistema di Gestione per la Qualità

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE Copia controllata n : 01 02 03 04 05 06 07 08 Copia non controllata In consegna a: Firma: Funzione: Data Rev Causale Preparato Approvato 08.07.09 0 Emissione Resp Gestione

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 04.0 SISTEMA GESTIONE PER LA QUALITÀ 04.1 Requisiti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev. 05.12.23 STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev Il presente manuale

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

Manuale della Qualità

Manuale della Qualità Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE Arturo Malignani Sistema di Gestione per la Qualità Laboratorio Prove Materiali LABORATORIO AUTORIZZATO

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MATRIX COOP. 1 di 76 PER LA QUALITÀ 4 3 2 1 0 20.07.11 Adeguamento alla norma UNI EN ISO 9001:2008 Rev. Data Emissione: RGQ Approvazione: DG Descrizione MATRIX COOP. 2 di 76 I N D I C E G E N E R A L E

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Il nuovo pacchetto per la gestione della qualità

Il nuovo pacchetto per la gestione della qualità Documenti in formato Microsoft Word Files modificabili completamente dall utente Grafica professionale completa a colori Formattazione pre-impostata Manuale di qualità completo Procedure e moduli completi

Dettagli

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE Revisione 0.4 Emissione - Revisione Data Elaborato da Verificato da Approvato da Rev. 0.0 15.12.05 RSGA DIR PRES Rev. 0.1 25.03.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.2 30.05.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.3 15.01.07 RSGA DIR

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

FACSIMILEMANUALE DELLA QUALITA

FACSIMILEMANUALE DELLA QUALITA Pagina: 1/28 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE: Staff Qualità Referente Qualità Presidente prof. Data Data Data Copia operativa controlata N. Distribuita il Copia

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA TECSEO S.R.L. 1/9 1-LIVELLO STRATEGICO La Carta della Qualità dell offerta formativa della Società Tecseo srl si pone come obiettivo quello di rendere note, in

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA CAPEZZALE s.r.l.

AZIENDA AGRICOLA CAPEZZALE s.r.l. AZIENDA AGRICOLA MANUALE del SISTEMA di GESTIONE per l AMBIENTE COPIA CONTROLLATA N : COPIA NON CONTROLLATA Rev. / Data 0 del 12/09/05 Descrizione Modifica Emissione Firma per emissione RGA Firma per approvazione

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 4.1. Requisiti generali 4.2. Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2. Manuale per la gestione della qualità 4.2.3. Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4. Tenuta sotto controllo delle

Dettagli

Indice. Capitolo 1 - Scopo e campo di applicazione 1.1 Scopo del manuale 1.2 Campo di applicazione 1.3 Presentazione della società

Indice. Capitolo 1 - Scopo e campo di applicazione 1.1 Scopo del manuale 1.2 Campo di applicazione 1.3 Presentazione della società Indice Capitolo 1 - Scopo e campo di applicazione 1.1 Scopo del manuale 1.2 Campo di applicazione 1.3 Presentazione della società Capitolo 2 - Termini e riferimenti 2.1 Riferimenti normativi 2.2 Termini

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 01 Pag. 1 di 5 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10.05.11 1 a Emissione Tutti Tutte Sommario 4 LA QUALITA... 2 4.1 Requisiti Generali... 2 4.2

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Palermo, 14-02-2014 IL CONTROLO DELLA QUALITA NELLA REALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS;

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS; PrometeoQualità www.softwarequalita.com PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti

Dettagli

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Anno Accademico 2001/2002 Manuale per la Qualità ABANA Biomedica In accordo alle norme UNI EN ISO 9001:2000 Ansaloni M. Bulgarelli A. Neri D. Popovac A.

Dettagli

Rapporto di Audit (Sorveglianza/Estensioni) nr. 0012011

Rapporto di Audit (Sorveglianza/Estensioni) nr. 0012011 1. SOMMARIO REPORT 1. SOMMARIO REPORT... 1 2. SHEET CLIENTE... 2 3. INFORMAZIONI AUDIT... 2 4. CONCLUSIONI... 2 5. RISCONTRI DI AUDIT... 2 6. RISULTATI DI AUDIT... 4 7. PRESTAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 10 S P 4 4 2 10.12.2014 Revisione Generale Presidente Comitato di

Dettagli