Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.gdoteam.com info@gdoteam.com"

Transcript

1 GRANDE DISTRIBUZIONE Approccio e definizione di una strategia di vendita

2 PERCHE, COME, QUANDO, DOVE VENDERE ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE, SONO I QUESITI A CUI CERCHEREMO DI DARE UNA RISPOSTA CON QUESTO INTERVENTO DEFINIZIONE: PER GRANDE DISTRIBUZIONE SI INTENDE GENERICAMENTE PARLANDO TUTTO L INSIEME DI COMMERCIO ORGANIZZATO, INTEGRATO, ASSOCIATO. GDO VERRA ASSUNTO COME TERMINE UNICO PER EVIDENZIARE IL COMPLESSO DI TUTTE LE CATENE DISTRIBUTIVE OGGETTO DI ESAME.

3 DEFINIZIONI Commercio associato: formato dai commercianti indipendenti che si associano operando sia a livello di ingrosso che di dettaglio: gruppi di grossisti, gruppi d acquisto di dettaglianti, catene volontarie Commercio integrato: detiene forza finanziaria e distributiva, si rivolge direttamente alle aziende produttrici, la sua matrice può essere cooperativa (imprese cooperative di consumatori) o a capitale (grandi magazzini) COMMERCIO ORGANIZZATO = COMMERCIO ASSOCIATO+ COMMERCIO INTEGRATO

4 DEFINIZIONI CIRCUITO O CANALE DI DISTRIBUZIONE: VARIE TAPPE CHE PERCORRE IL PRODOTTO PRIMA DI RAGGIUNGERE IL CONSUMATORE SI DIFFERENZIA IN : CIRCUITO LUNGO = PRODUTTORE - GROSSISTA DETTAGLIANTE CONSUMATORE FINALE CIRCUITO CORTO = PRODUTTORE DETTAGLIANTE CONSUMATORE F. CIRCUITO DIRETTO = PRODUTTORE CONSUMATORE FINALE CIRCUITO INTEGRATO = ORGANIZZAZIONE CON CENTRALE DI ACQUISTO E CON PUNTI VENDITA CHE SOPPERISCE ALLE FUNZIONI DEL GROSSISTA E DEL DETTAGLIO

5 IN SINTESI La GDO nel suo insieme si presenta come il canale dinamico, moderno, sicuro, indispensabile per raggiungere il grande consumo-utilizzo cioè il cosiddetto MASS MARKET. Anche presso la GDO resta possibile assicurare buona parte di quei fattori propri del piccolo commercio tradizionale in una forma moderna e concreta basata su aspetti come: QUALITA BUON CONFEZIONAMENTO (PACK) ASSORTIMENTO VASTO E STIMOLANTE (GAMMA) PREZZO (RAPPORTO QUALITA /PREZZO) FRESCHEZZA NOVITA SERVIZIO TIPICITA - FILIERA

6 SCENARIO SOCIETA BREVITA SHELF LIFE MERCATO GLOBALE CONCORRENZA SCENARIO ATTUALE GDO IMPRESA CONSUMATORE F. INNOVAZIONE ECOLOGIA TECNOLOGICA ED ECOSISTEMA

7 DUE PAROLE SUL CONSUMATORE Il consumatore utilizzatore dei nostri giorni ha già fatto la sua scelta per esempio nei confronti dei prodotti alimentari che deve acquistare, vuole non solo alimentarsi bensì curare la sua salute. L evoluzione dei consumi alimentari risente di una forte spinta verso il contesto della dietetica e della salute, attraverso l alimentazione ricerca nel piatto e nel bicchiere la sua superforma e il suo benessere. Le abitudini alimentari saranno sempre piu favorevoli all assunzione del prodotto fresco con grande soddisfazione dell offerta agricola sempre che questa si riesca ad adattare allo scenario: qualità costante buon packaging (biosostenibile) migliore servizio maggiore comunicazione (pop, materiali punto vendita)

8 LE PRINCIPALITECNICHE DI VENDITA DELLA GDO LIBERO ACCESSO AL CLIENTE PARZIALE LIBERO SERVIZIO BANCO FRESCHI TAKE AWAY PRESENTAZIONE A VISTA INFORMAZIONI SULLA FILIERA (luogo di orgine delle materie prime), ingredienti, informazioni nutrizionali,scadenze e prezzi chiari e leggibili SISTEMA BARCODE, ETICHETTATURA ADEGUATA FACILITA DI PRELIEVO ESPOSITORI DI PRODOTTO DA TERRA E DA TG PROMOZIONI - TESTATE DI GONDOLA VISUAL MERCHANDISING MERCHANDISING EVOLUTO EVENTI IN STORE

9 L ORIENTAMENTO DI TRADE MARKETING Il TRADE MARKETING in parole semplici ed esplicative vuole essere il marketing che si rivolge al trade cioè alla GDO, distinguendosi così da quello consumer oriented rivolto al consumatore-utilizzatore finale. Diremo quindi che un azienda è trade marketing oriented non già se vende alla GDO ciò che produce, bensì se produce ciò che la gdo PUO e VUOLE vendere, cioè ciò che il mercato ed il consumatoreutilizzatore vogliono. Di qui l importanza per un azienda di favorire qualsiasi forma di dialogo e di apertura diretta o indiretta con la GDO. Il trade marketing diventa il legame intelligente che unisce azienda e grande distribuzione.

10 DALLA TEORIA ALLA PRATICA: IL CICLO DI TRADE MARKETING CICLO DI TRADE MARKETING CONOSCERE MERCATO E GDO PIANIFICARE ORGANIZZARE CONTROLLARE

11 DALLA TEORIA ALLA PRATICA: IL CICLO DI TRADE MARKETING Funzione di analisi e ricerca di mercato Individuazione di dati ed informazioni sul mercato di riferimento, sull offerta già presente, sui competitor già inseriti nella gdo, indici di consumo, rotazioni, pricing, packaging. Funzione di animazione e promozione per creare e stimolare la domanda attraverso le leve prezzo, comunicazione e promozione Funzione di organizzazione per organizzare, coordinare ed armonizzare tutti quegli interventi che il produttore indirizza verso la grande distribuzione. Funzione di controllo per verificare che i piani coincidano con i risultati pianificati per portare correzioni o ricorrere ad interventi alternativi

12 PER EVITARE L IMPROVVISAZIONE: OCCORRE PORRE LE GIUSTE DOMANDE CONOSCERE IL MERCATO E LA GDO RICERCA DEL PRODOTTO IDEALE RICERCA DEL GIUSTO PREZZO RICERCA DEI GIUSTI CANALI RICERCA DEI MEZZI ADEGUATI DI COMUNICAZIONE E ADVERITISING RICERCA DEI GIUSTI MEZI DI PROMOZIONE RICERCA DELLA CORRETTA POLITICA DI VENDITA!

13 LA RICERCA DELLA GIUSTA POLITICA DI VENDITA La ricerca sulla politica di vendita dovrà essere fatta considerando il ciclo produzione consumo e permettere l individuazione dei seguenti elementi: Obiettivi di vendita = budget, quota di mercato, redditività, Efficienza del tipo di presenza = vendita diretta o indiretta alla GDO Consistenza dell organizzazione di vendita = rete agenti e capiarea, limitazione geografica, aspetti logisitici Potenzialità del circuito distributivo = stoccaggio iniziale o ordine di impianto Servizi complementari = post-vendita, numero verde, merchandising,promozioni in store e comunicazione sul punto vendita

14 Il trade marketing mix PRODOTTO OTTIMALE PREZZO REMUNERATIVO PROMOZIONE CONVINCENTE TRADE MARKETING MIX ALTRI PLUS DISTRIBUZIONE EFFICACE COMUNICAZIONE MIRATA

15 IL PRODOTTO Il prodotto ottimale deve disporre di caratteristiche tipiche, esclusive, non ripetibili dalla concorrenza, ovvero: 1. Nome (naming) 2. Formato 3. Peso 4. Qualità 5. Gusto 6. Affidabilità 7. Confezione (pack) 8. Prezzo 9. Immagine 10. Servizio

16 IL PREZZO Nel contesto del mix il prezzo contribuisce oltrechè a quantificare il valore di un prodotto a favorirne la sua giusta immagine, infatti un prodotto con tutti i requisiti qualitativi, di plus si caratterizza meglio se si presenta con un prezzo medio, medio-alto, un prezzo basso potrebbe avere l effetto di ridimensionare le sue effettive possibilità. E evidente che con un prezzo remunerativo si alimentano si alimentano risorse finanziarie per supportare e manovrare tutti gli altri elementi del mix nonché le politiche e le strategie di trade marketing.

17 LA DISTRIBUZIONE EFFICACE La scelta distributiva dipende dalla natura del prodotto, dal segmento di mercato che si vuole soddisfare e dalle sue caratteristiche, infine dalla stessa dimensione aziendale che utilizza il tipo di distribuzione più conveniente. L azienda risponde alle esigenze della GDO se è in grado di far pervenire nelle migliori condizioni e nel numero maggiore di punti vendita i suoi prodotti, il mancato raggiungimento di questo obiettivo può seriamente compromettere tutto l intervento di trade marketing. Occorre tenere presente che più il circuito breve e meglio può essere controllato in quanto si mantiene il controllo del mercato direttamente sino al consumo-utilizzo.

18 LA COMUNICAZIONE MIRATA L obiettivo primario della comunicazione di trade marketing è di permettere al consumatore finale l identificazione del prodotto, della marca, dell azienda in base ai seguenti caratteri: 1. Affidabilità (deve trasmettere sicurezza al consumatore) 2. Qualità-prezzo (comunicare la bontà del rapporto) 3. Competitività 4. Motivazioni di consumo e di utilizzo 5. Plus di differenziazione rispetto alla concorrenza 6. Filiera 7. Rispetto dell ambiente ecosostenibilità 8. Valenze nutrizionali e salutistiche 9. Occasioni di consumo 10. Immagine di brand

19 LA PROMOZIONE Strumento quanto mai importante al pari della comunicazione deve essere straordinariamente coerente con l intera strategia di trade marketing, utilizza i seguenti strumenti: TG (testate di gondola) ESPOSITORI E ALTRI MATERIALI FUORIBANCO ELEMENTI DI VISUAL MERCHANDISING TAGLI PREZZO COMARKETING MECCANICHE PROMO PIU O MENO ARTICOLATE (seguiranno alcuni esempi)

20 ALTRI PLUS PERSONAL SELLING : chi vende alla GDO non può ridurre questa azione ad una rigida ed impersonale trattativa; anzi diventa più che mai necessario che tra chi vuole vendere e responsabile acquisti della GDO si instauri una leale ed aperta colaborazione, premessa indispensabile al raggiungimento del reciproco interesse. La capacità di vendere un prodotto non può prescindere da considerazioni di etica e di professionalità. Solo su queste basi la trattativa puo avere il giusto e meritato successo.

21 GAMMA e SERVIZO La gamma può rappresentare una valida risposta alle esigenze della GDO sempre molto attenta ad un offerta diversificata. Sono sempre ben accette dalle centrali acquisto tutte quelle imprese che possono efficacemente offrire un articolato assortimento di buoni prodotti. Il servizio può rappresentare quel plus che permette una felice introduzione presso le grandi centrali di acquisto, servizio pre e post vendita, numero verde, merchandising, visual merchandising, promozioni in store

22 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PRODOTTO Una buona politica di prodotto dovrà rispondere a quattro esigenze: 1. PRODOTTO IN SE STESSO = qualità, composizione, valenza salutistica 2. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO = nome, pack, istruzioni di consumo, marca, valori nutrizionali 3. DIFFUZIONE DEL PRODOTTO = attività comunicazionale e promozionale di supporto 4. IMMAGINE DEL PRODOTTO = immagine qualitativa, giusto prezzo, conformità alle esigenze del consumatore finale

23 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: IL PACKAGING FUNZIONE: DEVE PARLARE, CONVINCERE CON LA SUA COMUNICABILITA E IMMAGINE IL CONSUMATORE CHE SI TROVA SOLO SUL PUNTO VENDITA AL MOMENTO DELLA SUA SCELTA DI ACQUISTO. IL PACKAGING E : IL VENDITORE SILENZIOSO MA AL CONTEMPO LOQUACE E CONVINCENTE, AGGREGA VALENZE SIMBOLICHE, ESTETICHE, DI GRADEVOLEZZA, DI COMPLETEZZA, DI ATTRAZIONE. NULLA DI PEGGIO CHE DOVER RICORRERE, IN FASE DI TRATTATIVA, NELL INCONVENIENTE DI AVERE UN OTTIMO PRODOTTO, MA CON UNA PRESENTAZIONE INCOMPLETA E INADATTA, IL VOSTRO PRODOTTO SARA RIFIUTATO. IL PACK NON GODE DI UNO STATUS DURATURO MA SI EVOLVE CON I TEMPI E CON LE ESIGENZE DEL MERCATO, UTILE PERTANTO EFFETUARE VERIFICHE ATTRAVERSO DEI TEST.

24 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: L ASSORTIMENTO Ragioni per avere una gamma di offerta per la GDO: 1. Margine di contribuzione piu consistente e duraturo nel tempo 2. Maggiore utilizzo degli impianti produttivi (economie di scala) 3. Maggiore utilizzo della forza vendita 4. Maggiore potere competitivo 5. Maggiore differenziazione 6. Maggiore soddisfazione dei bisogni del consumatore finale (diviso in segmenti di mercato omogenei) 7. Rischi suddivisi su più prodotti

25 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: L IMBALLO L IMBALLO DIVENTA UN ELEMENTO BASILARE DEL TRASPORTO E DELLA DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO. L AZIENDA PRODUTTRICE NE DEVE STUDIARE L ASPETTO TECNICO, FUNZIONALE, NONCHE DI SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE PER EVITARE CHE, UNA VOLTA ESPLETATA LA SUA FUNZIONE, DIVENTI UN PERICOLO AMBIENTALE. L IMBALLO DEVE ASSICURARE: LA QUALITA, LA CORRETTA CONSERVAZIONE DEL PRODOTTO (HACCP), L IDENTIFICAZIONE DELLA FILIERA E DELL AZIENDA PRODUTTRICE, FORMATI, MATERIALI, SIGILLI, BRAND. IL RUOLO CHE L IMBALLO PUO AVERE NEL SUCCESSO O NELL INSUCCESSO DI UN PRODOTTO VENDUTO ATTRAVERSO LA GDO E DETERMINANTE.

26 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: IL CODICE A BARRE (EAN) L articolazione di questo codice prevede 12 cifre e 32 barre verticali di spessore diverso che siglano il Paese di provenienza del prodotto, il codice del produttore e quello del prodotto venduto; inoltre si deve aggiungere un ulteriore cifra, la 13sima che viene inserita a fini di controllo circa l esattezza di tutte le altre cifre. Questo sistema di codifica dei prodotti viene chiamato EAN (european articles numbering) ed è ormai stato adottato totalmente sia dal grande commercio che dalle stesse aziende produttrici. In termini strategici il codice EAN offre una serie di opportunità a livello: Di produzione (reassort automatique) Logistico (inventari) Organizzativo (analisi quali-quantitative) Comunicazionale (analisi redditività per singola referenza)

27 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PREZZO Tra i principali obiettivi che questa politica si propone di raggiungere: il conseguimento di una redditività sia sul capitale investito che sulle vendite nette e obiettivi commerciali come la penetrazione o il consolidamento in generale o presso qualche catena in particolare. Alla politica di prezzo spetta di: Studiare la problematica dei prezzi di un prodotto confrontandosi con le esigenze del mercato, della GDO, dei condizionamenti imposti dalla concorrenza Proporre sia il prezzo di consegna che quello al consumo-utilizzo Verificare la competitività del prezzo Assicurare la redditività

28 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PREZZO Elementi condizionatori esterni: Norme legislative Situazione congiunturale del mercato di riferimento Prezzo di mercato Concorrenza Elementi condizionatori interni all azienda: Costo del venduto Capacità produttiva

29 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PREZZO L applicazione della politica di prezzo nei confronti della GDO presenta 2 possibilità in rapporto al tipo di distribuzione cui si riferisce: Circuito corto: A.P. > GDO Circuito lungo: A.P.>GROSSISTA>GDO Se esiste la concorrenza con un prezzo di mercato già accettato, all azienda si prospettano 3 ipotesi: 1. L accettazione del prezzo di mercato 2. La formulazione di un prezzo basso 3. La formulazione di un prezzo alto andando a posizionare il prodotto in particolari segmenti di mercato Ogni politica deve ESSERE accompagnata da motivazioni in grado di giustificarla e renderla coerente con le altre leve del trade marketing mix

30 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI DISTRIBUZIONE La funzione economica della distribuzione è di assoluta importanza dal momento che permette l incontro tra domanda e offerta. Il passaggio dalla produzione al punto vendita è reso possibile solo se esiste una valida politica distributiva ed un organizzazione di vendita che ne sia AUTENTICA INTERPRETE (sales management) Gli elementi da tenere in considerazione sono i seguenti: 1. La natura del prodotto: voluttuario, durevole, fresco, di largo consumo, di nicchia, artigianale, tipico 2. Il tipo di consumatore: di massa o differenziato, target segmentato in modo omogeneo per bacino di utenza, potere di acquisto, età, sesso ecc. 3. Efficienza della catena distributiva: depositi, trasporto, possibilità di evadere i riassortimenti senza creare giacenze sul p.v., tempestività della consegna,servizi aggiuntivi

31 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI DISTRIBUZIONE Due sono i criteri basilari che occorre tenere presenti nel scegliere il canale distributivo: 1. Il potenziale di vendita che l azienda è in grado di assicurare 2. Il costo che si deve sostenere per ottenere il volume di vendita pianificato In altri termini il canale di vendita piu conveniente è quello che assicura la maggiore redditività a lungo termine.

32 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI DISTRIBUZIONE Occorrerà valutare : La capacità finanziaria dell azienda (il peso finanziario è maggiore se si ricorre al canale breve) La gamma dei prodotti-referenze quanto più vasta è la gamma tanto maggiore sarà la possibilità di coprire le spese di vendita Il valore unitario del prodotto più il valore unitario è elevato e maggiore sarà la convenienza La consistenza degli acquisti Per esempio: se ci riferiamo ad un prodotto deperibile, è più logico l intervento di un circuito distributivo corto, quanto più il prodotto è specializzato (di nicchia) tanto piu l azienda dovrà collaborare con la GDO. L AZIENDA DEVE POI CONSIDERARE LA POSSIBILITA DI CONTROLLARE L ESPOSIZIONE DEI SUOI PRODOTTI SUL P.V.

33 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PROMOZIONE La promozione è l insieme di quei mezzi e di quelle tecniche messe in atto da trade marketing per consolidare, perfezionare, far crescere la vendita dei prodotti. Essa è al tempo stesso azione ma anche continua ricerca dei mezzi piu giusti, innovativi ed efficienti rispetto al risultato che ci si pone. Il messaggio deve avere un forte significato legato al prodotto in grado di suscitare idee favorevoli al suo consumo-utilizzo utilizzo e quindi al suo atto di acquisto.

34 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PROMOZIONE I principali mezzi di comunicazione sono: Stampa Televisione e radio Pubblicità esterna (affissioni, manifesti) Comunicazione sul punto vendita (in store) Direct marketing Below the line (volantini e leaflet) Concorsi a premi Web marketing Forme di comunicazione innovative

35 ALCUNI CENNI DI APPROFONDIMENTO: LA POLITICA DI PROMOZIONE Campioni e omaggi Sconti Materiale pop Merchandising Settimane speciali Eventi Cartellonistica Visual merchandising

36 BREAK CONSIDERAZIONI?...

37 CONOSCETE LE PRINCIPALI FIGURE DECISIONALI? BUYER = COMPRATORE MA ANCHE SPECIALISTA DI AREA MERCEOLOGICA, NEGOZIATORE MA ANCHE ESPERTO DI LOGISTICA,GESTORE DI UN GRUPPO DI LAVORO (DA DECISORE E SEMPRE PIU CONDIVISORE). CATEGORY MANAGER = UNISCE COMPETENZE NEGOZIALI A COMPETENZE NEL TRADE MARKETING, NEL MERCHANDISING E NELLA VENDITA. SI OCCUPA DELLA GESTIONE DI UN INTERA CATEGORIA OMOGENEA DI PRODOTTI. Le categorie sono insiemi di prodotti che vengono raggruppati per riflettere il modo in cui i consumatori li usano e li acquistano. Eg. Pasta e sugo per condirla

38 VENDERE ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE PIANO DI VENDITA SCELTA CATENA DISTRIBUTIVA VALUTAZIONE DIFFICOLTA E OPPORTUNITA SCELTA OBIETTIVI E MEZZI ATTUAZIONE PIANO CONTROLLO

39 IL SALES MANAGEMENT GESTIONE PRODOTTO CONTROLLO PIANIFICAZIONE E COORDINAMENTO SALES MANAGEMET ANALISI AZIONE RELAZIONI CON BUYER E CATEGORY

40 IL SALES MANAGEMENT L ANALISI 1. Studio e conoscenza del mercato 2. Individuazione dei vantaggi competitivi 3. Segmentazione del mercato 4. Valutazione qualitativa e quantitativa del rapporto prodotto mercato, prodotto-prezzo, prodotto comunicazione e promozione 5. Individuazione della concorrenza diretta nell ambito della segmentazione e del posizionamento selezionati 6. Rilevazione delle proprie quote di mercato 7. Controllo delle quote, dei prezzi, delle strategie della concorrenza

41 IL SALES MANAGEMENT GLI ALTRI ELEMENTI GESTIONE PRODOTTO= gamma, lancio nuovi prodotti, eliminazione dei non rotanti, analisi del sell out per referenza, marketing strategico PIANIFICAZIONE= previsione delle vendite, budgeting,coordinamento della forza vendita (agenti, capiarea, grossisti, intermediari) AZIONE= segmentazione di mercato, politiche di marketing, formazione, affiancamento agenti, attivazione dei correttivi CONTROLLO= controllo degli obiettivi di vendita previsti dalla pianificazione, marketing audit (controllo efficacia pubblicitaria), controllo delle risorse utilizzate nell azione di vendita RELAZIONI AZIENDALI = visite concordate con la forza vendita presso i clienti per definire azioni di vendita, promozioni e quant altro.

42 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO In una trattativa di successo sono indispensabili una serie di passaggi: 1. Presa di contatto con il responsabile degli acquisti 2. Instaurazione di un clima di credibilità 3. Presentazione dell offerta aziendale 4. Individuazione ed approfondimento dei problemi sollevati dal responsabile acquisti 5. Argomentazioni di risposta alle obiezioni 6. Definizione di un buon contratto

43 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO La trattativa esige: 1. Capacità di negoziazione 2. Capacità di dialogo e persuasione 3.Ricerca di un rapporto collaborativo 4. Comunione di intenti 5. Ottima conoscenza del prodotto 6. Capacità tecnico-dimostrative

44 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO I buyer hanno dalla loro parte un indiscusso potere decisionale. Vista l opportunità offerta da questi incontri questa occasione dovrà essere sfruttata al massimo. Due elementi devono caratterizzare la conversazione durante queste visite: 1. La padronanza degli argomenti che si debbono affrontare (prodotti, livello qualitativo, prezzi, pagamenti, consegne, servizio ecc) 2. La chiarezza Nel momento in cui il buyer intravede qualche incertezza o peggio non riesce a capire l oggetto della trattativa in corso preferisce rinunciare e orientarsi altrove

45 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO GLI 11 ATTREZZI CHE DOVETE AVERE CON VOI AL PRIMO INCONTRO: 1. CATALOGHI 2. SCHEDE TECNICHE 3. CAMPIONI 4. VIDEO O FOTO ILLUSTRATIVI DELLA PRODUZIONE 5. BROCHURE 6. MATERIALE COMUNICAZIONALE VARIO 7. FOTO E VIDEO ILLUSTRATIVI DEL PRODOTTO 8. PACKAGING (REASON WHY) 9. IMBALLI 10. DESCRIZIONE DELL ORGANIZZAIZONE LOGISTICA 11. ORGANIGRAMMA

46 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO L offerta perché raggiunga lo scopo prefissato dovrà essere la più personalizzata e completa possibile La corrispondenza ha una parte considerevole in tutte le relazioni commerciali, ma soprattutto con questo tipo di clienti, bersagliati da quantitativi di offerte, diventa quanto mai importante che la corrispondenza riesca a differenziarsi e a far giungere nel migliore dei modi il messaggio.

47 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CATALOGO Il catalogo può rappresentare il primo punto di incontro. Le occasioni di distribuire un catalogo sono infinite, puo essere lasciato in occasione di una visita o durante una fiera. Il catalogo deve pertanto assolvere funzioni ben precise. Il catalogo dovrà rappresentare l azienda, la sua mission e il ciclo produttivo, dovrà essere completo di schede tecniche per ogni singola referenza, caratteristiche, punti di forza e informazioni sulla filiera, materie prime utilizzate, fornitori e partner principali dell azienda.

48 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CAMPIONARIO Un buon campionario del prodotto supporta in maniera determinante la trattativa in corso con il grande commercio pertanto occorre che sia rappresentativo di tutta la gamma di produzione. Al fine di avere un buon riscontro il campionario deve essere presentato in occasione di una visita presso una centrale di acquisto o inviato con un offerta destinata a ricevere la massima attenzione. Deve essere sufficiente ad effettuare un test e sinonimo di buona produzione.

49 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO PREZZI E LISTINO Occorre precisare che atteggiamenti irremovibili sul fronte dei prezzi da parte di chi porta avanti la trattativa la comprometterebbe inesorabilmente. SARA BENE IN FASE DI NEGOZIAZIONE E QUINDI IN FASE DI OFFERTA TENERE I PREZZI LEGGERMENTE PIU ALT IPER POTER SCENDERE DI QUEL TANTO PREVENTIVATO IN FASE DI CONCLUSIONE. Parlando di prezzi, l importanza che detine il listino a supporto di una trattativa è fuori discussione.

50 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO PREZZI E LISTINO Elementi che deve contener il listino: 1. L ORDINE MINIMO 2. L UNITA MINIMA PER ARTICOLO 3. GRATUITA O MENO DELL IMBALLO 4. CONDIZIONI DI RESA 5. PAGAMENTO 6. SPECIFICHE DEL PRODOTTO

51 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO PREZZI E LISTINO Le specifiche del prodotto dovranno essere: NUMERO DI CODICE DENOMINAZIONE PESO NETTO UNITARIO PREZZO PER COLLO PESO LORDO DEL COLLO PESO NETTO DEL COLLO DIMENSIONI CARATTERISTICHE DELL IMBALLO

52 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO PAGAMENTI IL Pagamento è l ultimo passaggio materiale del ciclo di vendita. Ci limitiamo a ricordarvi le procedure di regolamento maggiormente utilizzate dalla GDO Francese ma anche da quella Italiana: 1. BONIFICO BANCARIO 2. PAGAMENTO CONTRO DOCUMENTI 3. APERTURA DI CREDITO DOCUMENTARIO Tempi di pagamento: Invia posticipata si va da un minimo di ad una massimo di 120 giorni

53 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CONTRATTO La trattativa che porta alla realizzazione di una prolungata collaborazione trova lo sbocco nella stesura di un contratto che ne diventa un vitale punto di riferimento. Prima di arrivare alla stesura del contratto finale un passaggio obbligato sarà l elaborazione del MEMORANDUM DI INTESA che comprenda TUTTI I PUNTI della collaborazione.

54 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CONTRATTO Riportiamo alcuni degli elementi contrattuali di importanza vitale per la negoziazione: Definizione del prezzo di acquisto Definizione del prezzo di vendita al pubblico Definizione dei tempi di consegna e di riassortimento Condizioni di consegna, imballo,ordine minimo Ordine di impianto per punto vendita Condizioni di pagamento Servizi eventuali di reso merce Definizione del posizionamento prodotto all interno dei pv

55 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CONTRATTO Calendario canvass promo-pubblicitari nel corso dell anno Numero TG da prevedersi nel corso dell anno Servizi aggiuntivi di supporto alla vendita a carico del fornitore (eg.materiali espositivi, pop, merchandising e visual merchandising, attività in store quant altro) Costo locazione spazi (per alcuni format di sell out) Presenza in volantino Settimane speciali Sconti fine anno Premi sul fatturato Tempi e modi di confronto su dati, rotazioni, verifica sell-in e sell-out, cadencier o (tableau de bord) con l indicazione della persona di riferimento

56 LA TRATTATIVA CON LE CENTRALI ACQUISTO IL CONTRATTO Fedeltà tra i partners Scioglimento della collaborazione (mancato raggiungimento degli obiettivi, mancato rispetto delle clausole, atteggiamenti contraddittori della GDO) Conflittualità con la catena distributiva nella gestione della collaborazione (elenco chiaro responsabilità e compiti di entrambe le parti) Ricomposizione amichevole delle controversie Arbitrato

57 ALCUNI CENNI AGLI ASPETTI LOGISITICI Disporre di un valido supporto logistico significa dare concrete risposte a quesiti fondamentali quali: Quale tipo di imballo (packing) è necessario per rispondere alle esigenze distributive e di vendita dellla GDO? Quale packaging è in grado di riscontrare al meglio GDO e consumatore finale? Come debbono essere fatti trasporti e consegne (con mezzi propri o trasportatori esterni)? Quale è il migliore sistema di stoccaggio (aziendale, prezzo terzi, presso la gdo)?

58 Alcuni cenni sulla previsione vendite Processo previsione vendite Aflusso informazioni Compartecipazione Forza vendita Elaborazione obiettivi di vendita Verifica previsioni Interventi correttivi

59 TECNICHE PROMOZIONALI PER LE CENTRALI ACQUISTI Parliamo di PROMOZIONE AL TRADE il cui scopo è di aiutare la vendita attraverso uno strategico coinvolgimento della catena distributiva. Si abbracciano tre ruoli: Ruolo formativo = colloqui periodici con i buyer, meeting, viaggi formativi,visite in azienda Ruolo informativo = azioni informative attraverso materiale divulgativo, mail, newsletter, house organ Ruolo di stimolo = personal selling, relazioni pubbliche, materiali di supporto, below the line mirata ad eventi in store

60 TECNICHE PROMOZIONALI PER LE CENTRALI ACQUISTI 1. Incentivazioni = incentivi dati proporzionalmente al risultato raggiunto 2. Condizioni speciali = in occasione di determinati periodi di lancio di un prodotto o di eventi e campagne pubblicitarie vengono concesse condizioni speciali come prodotti a prezzo scontato oppure abbinati all acquisto di altri prodotti 3. Sconti = al raggiungimento di ceti fatturati come all atto di ordini interessanti per quantità o all impegno per acquisti programmati nel tempo vengono concessi sconti-fattura sconti quantià 4. Materiale pop = espositori fuori banco, visual merchandising 5. Conventions = si fanno partecipare i buyer ad incontri organizzati allo scopo di presentare nuovi prodotti o semplicemente di far conoscere la propria azienda

61 ALCUNI ESEMPI DI MATERIALE POP

62 ESPOSITORE DUREVOLE ESPOSITORE CARTONE

63 STOPPER SCHAER

64 PROGETTO CARRARA & MATTA

65

66 BARILLA PROGETTO VISUAL

67 PROGETTI BEMIS

68 ESPOSITORE DA TERRA semi-durevole Espositore Giorno-notte

69 ESEMPIO DI TOTEM INTERATTIVO INTEGRATO CON TECNOLOGIA MO FI

70 I nostri migliori auguri per gli incontri del 9!. soprattutto grazie per l attenzione

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA.

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. MUSICA PER IL PUNTO VENDITA FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. DALL'EUROPA ARRIVA SOUNDREEF. EVOLUTA, CONVENIENTE, TUA. www.soundreef.com Finalmente sei libero di scegliere. Soundreef rivoluziona il settore

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata Diamo forma ai tuoi bisogni Consulenti di soluzioni GRAFICA grafica cartacea - grafica online - grafica applicata BROCHURES CARTELLINE CATALOGHI LOCANDINE VOLANTINI MANIFESTI CALENDARI MENU LOGOMARCHI

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Profili di affiliazione

Profili di affiliazione Profili di affiliazione - 2 - Che cosa è? Il profilo di affiliazione Agency permette di diventare partner di Millemotivi Franchising senza dover affittare o acquistare locali commerciali o macchinari.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli