Maggio ABI Position Paper

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maggio 2005. ABI Position Paper"

Transcript

1 Position Paper in risposta al Documento di consultazione del Comitato di Basilea sull applicazione di Basilea II alle attività di Trading e Trattamento degli effetti del Double Default Maggio 2005 ABI Position Paper

2 Sommario Premessa... 3 The treatment of counterparty credit risk and cross-product netting... 4 Approval to adopt an internal modelling method under EDA... 4 Internal Modelling Method (IMM)... 5 Il coefficiente Alfa... 5 Effective EPE... 6 Eligible collateral under EPE computation... 6 Risk Neutral vs. actual distributions... 7 Margin agreements... 7 Model Validation... 7 Stress testing... 8 Integrity of Modelling Process... 8 Standardized Method (SM)... 8 Il Coefficiente beta... 8 Credit Conversion Factor... 9 Collateral... 9 Altre considerazioni... 9 The treatment of Double Default Aspetti generali Protection providers Obligors Correlation parameters Maturity effects Ulteriori considerazioni Double recovery effects Calculation of expected losses Stress testing Pillar Short Term Maturity Adjustment Improvements to the current trading book regime Perimetro del trading book Modellizzazione del rischio di evento e del rischio di default Trattamento delle posizioni poco liquide Altre considerazioni A proposed capital treatment for unsettled and failed trades /20

3 Premessa Gli Uffici dell ABI, al fine di elaborare la posizione del sistema bancario italiano con riferimento al documento di consultazione del Comitato di Basilea The Application of Basel II to Trading Activities and the Treatment of Double Default Effects, hanno raccolto dagli Associati i diversi punti di vista e le diverse proposte sugli aspetti trattati nel documento stesso. Sulla base delle osservazioni pervenute, nonché delle attività svolte da alcuni appositi gruppi di lavoro interbancari, è stato predisposto dall ABI l allegato position paper che è stato trasmesso alle Autorità di Vigilanza nazionali, alla Comitato di Basilea e, in versione leggermente modificata, alla Commissione Europea. 3/20

4 The treatment of counterparty credit risk and cross-product netting Appare opportuno evidenziare che, pur condividendo l obiettivo dei regulators di promuovere presso le istituzioni finanziarie lo sviluppo di metodologie di valutazione e analisi sempre più avanzate, occorre porre particolare attenzione affinché a tale sforzo conseguano risparmi tali da giustificare gli investimenti necessari per lo sviluppo delle analisi richieste. In questa ottica, la calibrazione dei parametri moltiplicativi alfa e beta appare giocare un ruolo di rilevante importanza. Approval to adopt an internal modelling method under EDA Il consultative document prevede che per i derivati OTC, per cui la banca non riceve l approvazione ad utilizzare il modello interno, la stessa può ottenere l approvazione ad utilizzare il metodo standard o altrimenti deve usare il metodo del valore corrente (CEM). La proposta prevede la possibilità di usare congiuntamente tutte e tre le metodologie a livello di gruppo, mentre tale opzione sarebbe invece preclusa alle singole entità legali. Tale approccio non pare ottimale alla luce del fatto che la realtà operativa, soprattutto per una banca commerciale, non prevede un trattamento uniforme su portafogli diversi. Ad esempio l operatività di vendita di derivati alla clientela è una attività assai diversa da quella dei derivati di Tesoreria o di copertura o ALM. Anche per quanto riguarda gli accordi di netting, sono in numero limitato per le controparti corporate mentre più diffusi sull interbancario (ed enti finanziari in genere). Considerato che i diversi approcci utilizzabili hanno una diversa complessità computazionale, sarebbe opportuno prevedere una maggiore flessibilità di applicazione dei modelli e, pur non consentendo arbitraggi regolamentari, è auspicabile che sia concesso che si possano utilizzare metodologie differenziate, anche all interno della medesima legal entity. Sarebbe inoltre particolarmente utile prevedere la possibilità dell uso combinato dei modelli non solo all interno di un gruppo di prodotti, ma anche all interno della stessa controparte. E infatti sempre più diffusa nel Trading Book la presenza di derivati OTC di difficile modellizzazione ai fini del calcolo dell EPE (si pensi ad esempio a contratti di Equity Swap in cui una gamba è rappresentata da una opzione esotica legata a un paniere di asset). Dato che con una stessa controparte di consueto si hanno più contratti in derivati OTC di diversa natura, sarebbe preferibile avere la possibilità di applicare il modello interno per tutti i contratti per i quali la modellizzazione lo consente e il metodo standard (o il metodo del valore corrente) per i restanti contratti indipendentemente dalla legal entity. 4/20

5 Internal Modelling Method (IMM) Il coefficiente Alfa Nel consultation document si propone un coefficiente Alfa pari a 1.4, con possibilità per i singoli supervisors di incrementarlo, e nel caso in cui tale coefficiente venga stimato internamente, viene stabilito in floor pari a 1.2. Ciò pare particolarmente penalizzante. Il livello del coefficiente alfa di 1.4 proposto appare assai penalizzante perché stimato in base ad ipotesi che presuppongono una ridotta granularità e diversificazione delle controparti in portafoglio nonché della numerosità dei fattori di rischio. Questo contrasta con le proprietà dei portafogli reali delle Banche. Nel caso di sviluppo di modello per la stima interna di tale parametro, che richiede costi e risorse, l imposizione di un floor a 1.2, potrebbe non giustificare i costi implementativi, anche considerando che un modello interno potrebbe verosimilmente determinare livelli più bassi di 1.2. I principali operatori di mercato (tra cui l ISDA), infatti, hanno avviato una interessante discussione su questo tema e in particolare hanno stimato un coefficiente alfa intorno inferiore al floor imposto. L effetto penalizzante che ne determinerebbe potrebbe costituire, quindi, un disincentivo per le Banche ad affinare la metodologia utilizzata per la stima del fattore maggiorativo alpha e di conseguenza del Capitale Economico. Va inoltre considerato che il valore del fattore Alfa, essendo determinato come rapporto tra il capitale economico derivante da una full simulation (fattori di rischio di credito e mercato) dell esposizione delle controparti e il capitale economico basato sull EPE, dipende dalla composizione del portafoglio, ed in particolare dal numero di controparti, dal tipo di contratti e dalle loro scadenze. Inoltre, come detto, il coefficiente in parola risulta anche determinato dalla metodologia utilizzata per la stima dell EPE: il suo valore infatti tiene conto del rischio derivante dalla granularità adottata nella stima dell esposizione. Di conseguenza, quanto maggiore sarà la granularità adottata tanto minore sarà il fattore maggiorativo necessario per tener conto del rischio derivante da questa. Ciò premesso, appare più opportuno che non venga indicato alcun floor al parametro alpha, lasciando al Supervisor, in sede di validazione del modello, autorizzare un valore di alpha coerente con le caratteristiche di portafoglio della specifica banca. In alternativa, si potrebbe prevedere che la normativa determini distinti valori di alpha, ciascuno dei quali legato a determinate caratteristiche di portafoglio e metodologia adottata per la stima dell EPE, così da lasciare flessibilità alle singole banche. 5/20

6 Effective EPE Il requisito di stima giornaliera dell EPE appare piuttosto oneroso e di dubbia utilità: appare opportuno interpretare il requisito nei termini di un calcolo su base giornaliera per i primi giorni della time bucket ma con periodicità di reporting meno frequente. La regolamentazione prevede una rigida identificazione dei bucket temporali sui quali occorre determinare il profilo di EE. Tale scelta appare troppo vincolante e non in linea con la best practice: infatti, per ottimizzare la stima di EPE, il raggruppamento degli strumenti per classi di bucket dovrebbe essere opportunamente tarato sulle posizioni detenute e sulla struttura dei portafogli della banca. In particolare, al fine di tenere conto di contratti con short maturities, si potrebbe ipotizzare di utilizzare intervalli temporali di diversa t ampiezza, (ad esempio, time bucket settimanale fino ai tre mesi, mensile fino all anno, trimestrale tra il 1 e 2 anno, semestrale fino al 5 e poi annuale). Aumentando quindi i buckets temporali di breve scadenza si riesce a cogliere in modo più puntuale l evoluzione del profilo dell EE per i contratti che presentano scadenze a breve. Le tempistiche di introduzione appaiono troppo stringenti: soprattutto il requisito che prevede che, per l approvazione del modello, sia registrato il suo effettivo utilizzo nell anno precedente appare difficile da soddisfare, date le scadenze effettive previste dall introduzione della normativa. Sarebbe pertanto auspicabile prevedere, in una prima fase transitoria, una certa discrezionalità per le singole autorità di vigilanza nell applicazione di tale previsione. In termini di collaterale, è stato ipotizzato come periodo di rischio sulle controparti collateralizzate un riferimento minimo di 2 settimane. Tale periodo dovrebbe essere in linea con la market practice, secondo al quale viene normalmente utilizzato un riferimento temporale di 10 giorni. Infine, il calcolo dell EPE lorda e netta - ossia l evidenza separata dell impatto del collateral - appare poco applicabile alle Securities Financial Transactions e, in particolare, ai contratti di pronti contro termine. Inoltre, l effettuazione di stress test anche con riferimento alla EPE lorda pare comportare un carico di lavoro ingiustificato, tenuto conto della natura stessa delle Securities Financial Transactions e delle operazioni in derivati collateralizzati. Si segnala inoltre che valutare il rollover risk attraverso l esplicitazione di ipotesi di rollover potrebbe portare a stime non rappresentative dell EPE. Al riguardo si ritiene che la definizione stessa dell Effective EPE come valore medio ponderato dei valori massimi assunti dall EE sia sufficientemente cautelativa e in grado di tenere conto in misura adeguata del rischio derivante dal roll-over. Eligible collateral under EPE computation Per le banche che utilizzano l approccio IRB, tutti i tipi di financial e commodity collateral dovrebbero rientrare nel calcolo dell EPE. Per quanto riguarda la 6/20

7 riconoscibilità di un collateral sembra opportuno applicare, ed eventualmente rafforzare, le regole previste al paragrafo 509 dell Accordo 1 piuttosto che tracciare un limite in termini di qualità creditizia 2. Risk Neutral vs. actual distributions Il consultation paper suggerisce che la metodologia da applicare per il calcolo dell EPE dovrebbe essere quella di usare la distribuzione risk neutral ai fini di pricing dei Derivati OTC e l actual distribution per la stima, ad esempio tramite simulazioni, delle misure di rischio, evidenziando tuttavia che nessuna delle due appare nella prassi più idonea dell altra. Ciò considerato, si conferma l opportunità di non prevedere all interno delle norme previsioni specifiche sulla distribuzione da adottare, lasciando la scelta di utilizzare una distribuzione dei fattori di rischio piuttosto che un altra (risk-neutral o actual) alla discrezionalità della banca stessa, previa approvazione da parte della competente autorità di vigilanza. Margin agreements Con riferimento all ipotesi in cui il netting set è soggetto ad accordi di marginazione tra le parti e il modello interno tiene conto di tale circostanza, il valore di EE così calcolato può essere utilizzato direttamente per calcolare la EAD. Si segnala tuttavia un disallineamento tra il calcolo della EAD che, per il primo anno, si basa sulla definizione di Effective EPE, e quello della formula dell Accordo che contempla solo l utilizzo dell Expected Exposure. Sarebbe pertanto opportuno una maggiore coerenza, emendando la formula generale, ovvero uno specifico chiarimento circa l utilizzo. Model Validation Requisito per la validazione del Modello Interno è l abilità di simulare variazioni nei fattori di rischio (tassi d interesse, tassi di cambio, indici azionari ) su orizzonti temporali maggiori di 1 anno, potenzialmente fino alla maturity del contratto. Ciò comporta, ad esempio, per i tassi d interesse, l analisi delle serie storiche per la stima dei vettori di mean reversion level e mean reversion coefficient e la scelta del processo stocastico che meglio descrive il moto dei fattori di rischio nel tempo. Si tratta, in sintesi, di adottare modelli matematiciprobabilistici basati su ipotesi che potrebbero risultare non robuste all aumentare di. t Tale requisito potrebbe da un lato rappresentare un disincentivo all adozione del Modello Interno, dall alto portare a scelte metodologiche, con conseguenti valutazioni di profili di EE, non pienamente rappresentativi. Si pensi, ad esempio, alla possibilità - come previsto nei contratti ISDA in derivati OTC - di 1 Esistenza di un valore certo di mercato e rivalutazione periodica. 2 Ad esempio alcuni titoli investment grade possono risultare altamente illiquidi e non consentire una valutazione giornaliera. 7/20

8 fissare una clausola che permette alle controparti di chiudere il contratto anticipatamente (c.d. Break Clauses). In questi casi infatti il contratto viene preso in considerazione sino alla data della possibile chiusura anticipata, indipendentemente dalla scadenza contrattuale. Si potrebbe, pertanto, ipotizzare di formulare un requisito meno stringente, richiedendo l abilità di simulare variazioni nei fattori di rischio (tassi d interesse, tassi di cambio, indici azionari ) su orizzonti temporali maggiori di 1 anno, ad esempio fino a 5 anni. Stress testing E previsto che le banche abbiano in piedi idonei processi di stress testing e, nell ambito di questi, deve essere valutata its solvency target over the life of all contracts in each netting set. Considerato che uno stesso netting set può essere costituito da contratti con maturity molto differente (da 1 anno a 30 anni) sarebbe opportuno avere maggiori e più chiare indicazioni su quali stress test usare a tale scopo. Integrity of Modelling Process Viene indicato di utilizzare serie storiche di dati di mercato di almeno 3 anni per stimare matrici di volatilità e correlazione al fine di cogliere un intero ciclo economico. Tuttavia, si ritiene che i valori di mercato più recenti siano maggiormente significativi e rappresentativi, di conseguenza si suggerisce di dare la possibilità di stimare le matrici di volatilità e correlazione mediante serie storiche di 1 anno e adottando metodologie quali l EWMA che permette, attraverso l utilizzo di pesi decrescenti con il tempo, di dare maggior rilevanza alle osservazioni più recenti, in analogia con le metodologie in uso nei modelli interni per la stima del rischio generico di Trading Book. Standardized Method (SM) Il Coefficiente beta Appare importa sottolineare, quale considerazione generale, l opportunità che il coefficiente beta sia definito in base ad evidenze empiriche, così da incentivare lo sviluppo di un modello interno di misurazione del CCR. In tal senso, occorre ricordare l implicita forte prudenzialità della metodologia, che si basa sulla non compensabilità di diversi hedging sets (es: tassi e cambi). Il parametro beta dovrebbe incorporare, tra gli altri, gli effetti di modelling error e bad state economy. Tuttavia, se da un lato il modelling error potrebbe essere trascurabile per portafogli delta invariant, dall altro l effetto di bad state economy sarebbe già almeno parzialmente incorporato nella formula che non prevede la considerazione dell effetto diversificazione tra gli hedging sets. 8/20

9 Quanto al valore stabilito del coefficiente Beta, fissato pari a 2, il livello risulta maggiore a quello fissato per il coefficiente alpha, pari a 1.4, per tenere conto del fatto che l effective EPE stimato tramite il modello interno potrebbe assumere un valore maggiore rispetto all EAD. Tuttavia, nel determinare Beta, sarebbe opportuno tener conto anche delle ipotesi adottate nel modello Standard che portano ad una stima di EAD che incorpora aspetti prudenziali nella valutazione del rischio. Ci riferisce, in particolare, alla circostanza che una posizione aperta per un orizzonte temporale breve, ad esempio un giorno, rimane aperta e invariata per l intero orizzonte temporale di stima dell EAD e che non viene riconosciuta alcuna riduzione del rischio dovuta al margining. Credit Conversion Factor Pur comprendendo la necessità di standardizzare il trattamento dei derivati dal momento che la determinazione dei Credit Conversion Factors (CCF) è dipendente dalle condizioni di mercato, qualora non si voglia lasciare spazio per una determinazione interna, previa approvazione della metodologia, occorre almeno prevedere ristime periodiche di tali coefficienti al fine di avvicinarli, alle reali condizioni di mercato. Collateral Il consultation document non da indicazioni circa il trattamento del collateral nello Standardized Model. Data la rilevanza del tema sarebbe auspicabile una maggiore chiarezza circa la possibilità di procedere a ridurre l EAD, grazie alla computazione nella relativa formula del valore di mercato del collateral. Altre considerazioni Pare opportuno evidenziare, con riferimento ai derivati di credito, come non siano dettagliate le modalità implementative relative alla riconoscibilità della copertura quando questa è ottenuta con un internal deal da banking a trading book - e quando si procede a negoziare la copertura anche con più controparti. In particolare, sarebbe al riguardo opportuno avere chiarimenti circa le condizioni di riconoscibilità della copertura - e quindi di inclusione nel double default - ed i criteri di individuazione del protection provider di riferimento. Sempre in tema di derivati di credito, si segnala che la previsione di un add-on per i CDS con reference obligation qualificata, pari al 5%, appare elevato e, peraltro, peggiorativa rispetto alla situazione attuale. 9/20

10 The treatment of Double Default Aspetti generali Si apprezza l iniziativa di proporre una metodologia per misurare il double default ritenendo che l attuale trattamento non consenta di beneficiare pienamente della mitigazione del rischio dovuta alla presenza di una protezione del credito. L approccio del substitution celing delineato nel Revised Framework del giugno 2004, infatti, aveva lasciato aperti molti punti importanti, tra i quali: l assenza di incentivi all acquisizione di garanzie personali per crediti con alto standing creditizio; la mancanza di risk sensitiveness nei confronti di crediti con basso standing creditizio; la non coerenza con i principi metodologici di calcolo delle probabilità. Si ritiene, tuttavia, che l approccio proposto dal Comitato di Basilea sia eccessivamente rigido nella definizione dell ambito di applicazione e conservativo nelle ipotesi sottostanti. Primissime simulazioni evidenziano come l approccio nella sua definizione attuale risulti particolarmente conservativo per le controparti subinvestment e, in taluni casi, anche per la fascia bassa dell investment grade, per le quali comporta requisiti patrimoniali superiori rispetto all approccio di sostituzione. 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% Grafico 1 Garante AA, Fatturato garantito >50 Milioni Euro Ipotesi: - 45% LGD per garante e garantito - M = 1 - Garante è una AA (0,03% PD) - Fatt. garantito > 50 M Euro 6,0% 5,0% 4,0% Grafico 2 Garante A-, Fatturato garantito >50 Milioni Euro Ipotesi: - 45%LGD per garant e e garant it o - M = 1 - Garante è una A - (0,17%PD) - Fatt. garantito > 50 M Euro 2,0% 1,5% K_Sostituzione K_DoubleDefault 3,0% K_Sostituzione K_DoubleDefault 2,0% 1,0% 1,0% 0,5% 0,0% 0,0% AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- 3,0% 2,5% 2,0% Grafico 3 Garante AA, Fatturato garantito <5 Milioni Euro Ipotesi: - 45% LGD per garante e garantito - M = 1 - Garante è una AA (0,03% PD) - Fatt. garantito <= 5 M Euro 5,0% 4,5% 4,0% 3,5% Grafico 4 Garante A-, Fatturato garantito <5 Milioni Euro Ipotesi: - 45%LGD per garant e e garantito - M = 1 - Garant e è una A - (0,17%PD) - Fatt. garantito <= 5 M Euro 3,0% 1,5% K_Sostituzione K_DoubleDefault 2,5% 2,0% K_Sostituzione K_DoubleDef ault 1,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,5% 0,0% 0,0% AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- 10/20

11 Inoltre, nel caso in cui l esposizione garantita sia una small business retail, l utilizzo della formula del corporate (par ) per il calcolo del capitale appare eccessivamente penalizzante e risulta addirittura disincentivante rispetto all ipotesi di sostituzione. Protection providers Il trattamento del double default nel documento di consultazione può essere applicato solo in presenza di (a) garanzie rilasciate da istituzioni finanziarie, (b) di protection providers che abbiano rating pari o superiore ad A- 3. La combinazione dei due criteri (tipo di providers e rating del medesimo) appare eccessiva in quanto la buona qualità creditizia del protection provider è garantita di per sé dalla limitazione dell applicazione del double default a tipologie che sono, per motivi regolamentari e per motivi di accesso al credito, già vincolati a mantenere un adeguato livello di rating 4. Ipotizzando che per motivi prudenziali si condivida la scelta di aggiungere al tipo di provider una ulteriore condizione, si fa notare che il rating da solo non sia un criterio rilevante nel determinare la relazione tra obligor e protection seller, ma intervengono altri elementi 5. Tra l altro l applicazione di una soglia di riconoscimento crea ovviamente un eccessiva variabilità del requisito di capitale in funzione del rating del garante (cliff effects) e non appare chiaro come comportarsi nel caso in cui un garante scenda al di sotto di tale limite di rating. Ancora, da un punto di vista tecnico, sembrerebbe più opportuno fissare dei limiti unicamente in termini di PD (piuttosto che legarsi allo specifico rating esterno almeno pari ad A-), perché la classe di rating può basarsi su criteri differenti tra banca e banca e rappresentare un rischio diverso a seconda della fase del ciclo economico in cui ci si trova. Tutto ciò premesso, si propone di ampliare il range dei garanti ammessi all impiego del double default comprendendo tutti gli eligible guarantor individuati per le garanzie personali/credit derivatives 6 negli approcci 3 Il requisito (a) sembra essere imposto al fine di garantire la minimizzazione del wrong-way risk (ossia l esistenza di una correlazione tra il garante ed il garantito dovuta alla dipendenza delle loro performance da fattori economici comuni). Il requisito (b) ipotizza evidentemente che la correlazione tra fornitore della protezione e obbligato principale aumenti nel caso in cui il rating del garante sia inferiore ad A-. 4 Semmai tale combinazione, pur con i limiti che verranno illustrati nei prossimi capoversi potrebbe essere giustificata nel caso dell estensione dei protection providers (cfr. più avanti nel documento). 5 Per quanto riguarda, ad esempio, le operazioni in derivati di credito, generalmente all aumentare della rischiosità del protection seller aumenta il grado di collateralizzazione, richiesto dal protection buyer. 6 Per i soli credit derivatives, le principali controparti delle banche che acquistano protezione sono le compagnie di assicurazione ed i fondi di investimento. Ridurre il range degli eligible guarantors per 11/20

12 Standard/IRB Foundation (nel rispetto dei requisiti ivi previsti). In particolare, l esclusione a priori dal riconoscimento della protezione degli Stati Sovrani oltre a risultare eccessivamente prudenziale renderebbe non valorizzata a pieno la copertura di strumenti di garanzia pubblici che in Europa hanno ben operato nel facilitare l accesso al credito alle PMI 7. Auspichiamo a tal proposito che sia consentito alle banche di dimostrare alla propria autorità di vigilanza la possibilità di riconoscere al trattamento del double default anche gli stati sovrani che presentano una correlazione con l obligor pari o inferiore a quella fissata nel documento di consultazione (ρ og =0.6). Inoltre l esclusione complessiva dei garanti Corporate, appare poco coerente alla luce dei criteri di derivazione analitica dei risk weight nell IRB che a parità di PD non fanno differenza in termini di rischio tra esposizioni Corporate ed esposizioni verso Banche e Governi. Potrebbe essere giustificato imporre alla categoria di protection providers Corporate un requisito aggiuntivo 8. Ciò secondo la logica per cui la correlazione tra fornitore della protezione e obbligato principale aumenti nel caso in cui il rating del garante sia inferiore ad A-. Da ultimo, si auspica che in caso di operazioni in derivati di credito - il requisito per il protection seller corporate, basato sul rating (o meglio sulla PD) venga eliminato, qualora all interno del contratto vi siano clausole che impongano al protection seller, qualora si verifichi un suo downgrading, di ampliare il livello di collateralizzazione dello strumento. Obligors Il trattamento del double default può essere applicato esclusivamente nel caso di esposizioni verso: - corporate (incluse le SME ma escluso lo specialised lending) - small business classificate come retail La decisione di escludere dagli obligors le istituzioni finanziarie sembra eccessivamente prudenziale. Mentre in un contesto nazionale riteniamo possa esistere un effettiva correlazione tra istituzioni finanziarie, avanziamo qualche perplessità nel momento in cui si prende in considerazione un contesto più ampio. Ad esempio nel caso di esposizioni verso istituzioni finanziarie domestiche garantite da istituzioni finanziarie straniere la correlazione tra i due soggetti non necessariamente risulta elevata e quindi potrebbero essere rispettati i presupposti per l applicabilità del trattamento del double default. tali forme tecniche risulta eccessivamente penalizzante e non rispecchia il buon fine delle operazioni di questo tipo effettuate sul mercato dei credit derivatives. 7 A solo titolo di esempio si segnalano il FEI e la SACE. 8 Da un punto di vista prudenziale, potrebbe cioè essere giustificato imporre tale requisito, anche in presenza di operazioni collaterizzate, quale misura per contrastare il potenziale wrong-way-risk tra, ad esempio, garanti corporate e garantiti previsti dal documento di consultazione. 12/20

13 Si auspica a tal proposito una maggiore flessibilità nel riconoscimento degli obligors, consentendo alle banche di dimostrare alla propria autorità di vigilanza la presenza di una correlazione tra determinate istituzioni finanziarie pari o inferiore a quella fissata nel documento di consultazione (ρ og =0.6) tale da consentire il trattamento del double default. Correlation parameters La calibrazione dei parametri di correlazione, in particolare di ρ g appare alquanto severa. Nel trattamento del double default ρ g è infatti fissata allo 0.7 contro una ρ o, prevista nei metodi IRB, pari al massimo a Pur ammettendo la possibilità che ρ g possa risultare superiore alla correlazione prevista nell IRB, essendo stimata su un portafoglio comprendente oltre che le istituzioni finanziarie anche le controparti corporate e sovereign, riteniamo che 0,7 sia un valore troppo penalizzante. Rileviamo inoltre che un eccessiva prudenzialità, e quindi un limitato beneficio in termini di requisito regolamentare, possa produrre, data la formula di calcolo di K DD, l effetto controintuitivo di disincentivare la copertura delle esposizioni verso le controparti più rischiose. Auspichiamo quindi una revisione dei parametri di correlazione, in particolare di ρ g, a maggior ragione nel caso in cui dovessero essere ampliato l insieme dei protection providers, come da noi richiesto. Maturity effects Rileviamo che, oltre agli aspetti eccessivamente prudenziali sopra indicati, anche l aggiustamento per la maturity risulta conservativo nel momento in cui si considera la PD minima tra garante e obligor. Ulteriori considerazioni Double recovery effects L impostazione del documento trascura completamente la possibilità di considerare l effetto della double recovery, cioè del fatto che, in presenza di un esposizione garantita, la LGD possa essere inferiore a quella del garante. Si ritiene che la pratica di recuperare sia dal garante che dal garantito non sia diffusa. Ciò avviene perché di solito il garante è capiente, tuttavia se non lo fosse, le banche escuterebbero anche il garantito. La LGD da considerare in effetti è quella del garante. La possibilità prevista che si utilizzi LGD del garantito è remota visto che le condizioni di eleggibilità della garanzia già prevedono una escussione del garante a prima richiesta. Si auspica la possibilità di riconoscere il trattamento del double recovery mediante stime interne di LGD per le banche che adottano il 13/20

14 metodo AIRB e una riduzione della LGD regolamentare nel metodo FIRB, ciò poiché nella prassi bancaria, il recupero avviene sia nei confronti del debitore principale che del garante e non esclusivamente nei confronti di uno di essi come attualmente ipotizzato. Sarebbe verosimile che, ad esempio, a fronte di LGD garante = LGD garantito = 45%, la LGD in caso di default del garantito sia minore, a causa della somma dei rimborsi del garante e del garantito. Peraltro, la linearità che lega LGD ed assorbimento patrimoniale permetterebbe di avere un effetto diretto su quest ultimo. Le motivazioni per cui tale modalità di considerare la double recovery non viene ammessa (cfr. par. 213 del consultative document) andrebbero meglio chiarite. Calculation of expected losses Si condivide la proposta di assumere pari a zero la perdita attesa sulla quota di esposizione garantita. Stress testing L applicazione dello stress test al trattamento formulato sul double default richiede un attenzione particolare, poiché le PD associate alle Financial Institution mostrano un andamento con forti salti di discontinuità. Pillar 2 Per quanto riguarda il Pillar 2, si ritiene di difficile attuazione quanto previsto nel par. 239, in quanto per la banca creditrice è piuttosto irrealistico poter sapere se la banca garante ha una concentrazione di esposizioni verso società operanti nel settore di appartenenza del debitore originario. 14/20

15 Short Term Maturity Adjustment Pur apprezzando il tentativo di introdurre un requisito regolamentare "ridotto" per talune esposizioni a breve termine, riteniamo che la scelta dell'aggiustamento della maturity non sia concettualmente appropriata per catturare il rischio connesso a esposizioni con una vita residua inferiore all'anno. L'aggiustamento per la maturity, infatti, così come concepito dal Comitato di Basilea, è definito come una proxy per catturare le perdite in caso di downgrade delle esposizioni con maturity superiore all'anno. Ciò posto, e concordando che non vi è modo agevole a questo punto dei lavori di introdurre un aggiustamento se non per via della maturity, si osserva che il principio del non relationship (quando non si verifica una pressione sulla banca creditrice di effettuare il roll over della stessa transazione con lo stesso cliente) sulle operazioni di breve termine che dovrebbe coinvolgere sia le operazioni nel primo e nel secondo gruppo appare piuttosto vago e di difficile realizzazione. In particolare, si fa notare che la capacità della banca di conoscere tempestivamente il merito creditizio della controparte con cui si trova ad operare è spesso connesso, proprio al rapporto di relationship che si crea con un cliente. Richiesta a) Sarebbe utile abbandonare la prospettiva del non relationship per puntare maggiormente sulla presenza di specifici trigger nella documentazione del contratto, come ad esempio l effettiva facoltà della banca di poter rientrare tempestivamente nel suo credito, qualora il merito creditizio della controparte scendesse al di sotto di un livello stabilito.. Si condivide la lista di macrocategorie di operazioni previste, per quanto si suggerisce di includere in maniera esplicita il denaro caldo. Si evidenzia come la valutazione della commercial willingness da parte di un Ente Creditizio di chiudere un operazione in caso di deterioramento della qualità creditizia rappresenti un elemento difficile da identificare in maniera oggettiva. 15/20

16 Improvements to the current trading book regime A titolo di considerazione generale, si ritiene opportuno segnalare come le nuove regole proposte relative al trading book possano condurre, per i motivi che saranno di seguito indicati, ad un aumento, non commisurato al reale rischio sottostante, del capitale economico richiesto a fronte del rischio di mercato del trading book. Inoltre alcune regole sembrano discostarsi delle pratiche operative interne alle banche, fattore questo in contrasto con la filosofia che ha sempre animato l Accordo di Basilea, volta a promuovere la convergenza tra questi due aspetti. Perimetro del trading book Il consultation document, sebbene identifichi a livello generale le posizioni che possono appartenere al trading book 9, pone successivamente alcune eccezioni a questa regola generale. In particolare vengono escluse, anche se rispettano la definizione generale, alcune specifiche operazioni 10 destinate a ricevere un coefficiente di patrimonializzazione calcolato secondo le regole del rischio di credito. Tale approccio pone, a nostro avviso, alcune criticità. In primo luogo si segnala che a causa dell esclusione di certi tipi di operazioni, non vengono distinti nel trading book gli asset totalmente coperti - per i quali è coperto sia il rischio generico di mercato sia il rischio di credito specifico - da quelli parzialmente coperti o non coperti affatto. Secondariamente, si evidenzia che il trattamento degli asset esclusi per i quali verrebbero utilizzati risk weights separati derivanti dal rischio di credito o dalle regole per la cartolarizzazione genera una misura poco sensibile al rischio, dato che viene così ignorato l effetto di diversificazione del rischio idiosincratico e l eventuale copertura del rischio emittente. Inoltre, le coperture delle operazioni del trading book devono essere espressamente incluse nel calcolo del VaR in modo coerente agli assets coperti. 9 Posizioni in strumenti finanziari e commodities detenute per coprire altri elementi del trading book o con fine di negoziazione, dove per posizioni detenute ai fini di negoziazione si intendono quelle intenzionalmente destinate ad una vendita a breve termine e/o assunte allo scopo di lucrare a breve termine sulle differenze di prezzo effettivamente realizzatesi o di quelle stimate, oppure di assicurarsi profitti derivanti da operazioni di arbitraggio sui mercati; esse possono includere fra le altre posizioni in proprio o posizioni derivanti da servizi alla clientela o dall attività di market making 10 Cartolarizzazioni di esposizioni creditizie che non sono cartolarizzate a breve, cartolarizzazioni di esposizioni prive di rating o con rating inferiore a BBB- o dedotte dal capitale, secondo quanto previsto dalle regole che riguardano il trattamento delle cartolarizzazioni, a causa di insufficienti informazioni per misurare il loro rischio 16/20

17 Manca infine una quantificazione del concetto di breve termine ai fini dell esclusione di certe cartolarizzazioni. Ciò premesso, si propone di consentire alle banche di considerare nel calcolo del VaR tutte le posizioni del trading book, comprese quelle ora escluse, prevedendo tuttavia che ove la banca non riesca a dimostrare che il suo modello di VaR è sufficientemente robusto allo scopo, i risk weighted asset aggiuntivi generati dalle posizioni escluse siano almeno pari a quelli calcolati secondo le regole del rischio di credito, ove appropriate. Si segnala, infine, che la norma non pare dare indicazioni in merito alla possibilità di includere nel trading book posizioni in hedge funds e se queste siano soggette a requisiti di capitale per il rischio di credito. Modellizzazione del rischio di evento e del rischio di default L attuale normativa prevede la possibilità di determinare il requisito sui rischi di mercato, scomposto in diverse componenti, sulla base sia di una metodologia standard sia di un modello interno basato sul VaR. In particolare le componenti che determinano il requisito complessivo possono essere raggruppate in due macro categorie: rischio generico e rischio specifico per i titoli di capitale e di debito. La componente di rischio specifico al suo interno dovrebbe ricomprendere sia la componente di rischio idiosincratico sia la componente di rischio evento. In considerazione del fatto che la sola componente di rischio idiosincratico può essere inclusa all interno del VaR, alle banche che adottano il modello interno è stata data la possibilità di utilizzare un fattore moltiplicato volto a sostituire la componente di rischio evento. Ai fini dell ottenimento della validazione del modello interno ogni banca deve dimostrare di avere oltre a una serie di requisiti quantitativi anche requisiti di tipo qualitativo e tra questi importanza fondamentale è rivestita dall effettivo utilizzo gestionale del dato di VaR. L utilizzo gestionale del VaR è possibile solo quando il dato di rischio rispecchia le stesse condizioni e ipotesi di mercato utilizzate dagli operatori di front office. In coerenza con quanto sopra, la maggior parte dei modelli di market risk management sviluppati ricomprende al loro interno la componente di rischio generico e, per il rischio specifico, la sola componente di rischio idiosincratico (rischio di credit spread). Normalmente, in tali modelli, il VaR viene generalmente determinato sulla base di un holding period pari a 1 giorno ed un intervallo di confidenza pari al 99%. Ai fini del calcolo del requisito, il VaR, così determinato, viene opportunamente corretto e riscalato su un holding period di 10 giorni. La nuova normativa prevede una nuova metodologia per il calcolo del rischio evento, mutuata da quella IRB, e la determinazione del nuovo requisito su tale rischio sulla base di ipotesi diverse da quelle attualmente previste per il VaR. Il 17/20

18 rischio evento dovrebbe infatti essere calcolato sulla base di un holding period pari ad 1 anno ed intervallo di confidenza pari al 99.9%. L autorità di vigilanza dovrà pertanto introdurre una nuova formula per la determinazione del requisito patrimoniale complessivo e, qualora le banche decidano di richiedere la validazione di una sola delle componenti di rischio dovrà comunque garantire la coerenza tra le singole componenti ed il dato complessivo. Al fine di garantire la coerenza con quanto già sviluppato dalle principali istituzioni finanziare, dovrebbe inoltre essere prevista la possibilità di scomporre l attuale requisito sul rischio specifico titoli di debito in due distinte componenti: una per il rischio idiosincratico che potrebbe essere eventualmente integrato all interno del VaR; una per la componente di rischio evento. Alla luce di quanto sopra evidenziato, potrebbe essere valutata l opportunità di prevedere un approccio a blocchi per i diversi rischi, separando i rischi di mercato, il rischio idiosincratico ed il rischio evento e prevedendo la possibilità di utilizzare modelli standardizzati o avanzati per ciascuno di essi. Si osserva inoltre che per un portafoglio di trading non è realistico considerare le posizioni invariate per un periodo di tempo pari ad anno. Si suggerisce pertanto di considerare l orizzonte temporale proposto per il calcolo del nuovo requisito sul rischio evento, non come tempo necessario allo smobilizzo, ma solo come periodo di tempo sul quale misurare le perdite economiche potenziali (assumendo quindi rischio costante, ma le posizioni movimentate). Tecnicamente il VaR dovrebbe essere, quindi, un VaR calcolato su un holding period giornaliero o a 10 giorni successivamente riscalato a un anno ai fini della determinazione del requisito. Quanto poi al metodo proposto per riscalare il VaR ad un anno, tramite la radice quadrata del tempo, non risulta adeguato per un portafoglio di trading che tipicamente contiene posizioni con rendimenti non distribuiti in modo normale. A tal fine potrebbe ipotizzarsi l introduzione di una tavola di fattori di conversione che tengano conto delle c.d. fat tails dei fattori di mercato idiosincratici, incorporando per tale via il rischio di default. I fattori di conversione dovrebbero ovviamente essere tali da creare una misura sufficientemente grande da coprire il rischio di default con il richiesto intervallo di confidenza. Si segnala poi che la richiesta contenuta nel paragrafo (738 a) che quando la volatilità di mercato sale la stima del VaR debba immediatamente aumentare contraddice la richiesta di considerare un periodo storico di 1 anno al fine di simulare il VaR. Questo perché, assumendo un invarianza delle posizioni e una stabilità delle correlazioni, il VaR può aumentare solo se le volatilità che entrano nel calcolo aumentino: infatti, anche se si prevede un aggiornamento delle volatilità settimanale, può succedere che le volatilità storiche usate per calcolare 18/20

19 il VaR calino anche se nell ultima settimana si sono registrate le più alte volatilità di mercato degli ultimi sei mesi 11. Infine, si rileva che la proposta di effettuare un backtesting per il VaR relativo al rischio specifico distinto da quello relativo al rischio generico, appare piuttosto complessa e onerosa. Trattamento delle posizioni poco liquide Con particolare riferimento alla valutazione più prudente della liquidità delle posizioni del trading book, è opportuno sottolineare come l inclusione di una tale norma introdurrebbe un ulteriore elemento di volatilità nel calcolo del Patrimonio di Base. I fattori che dovrebbero essere presi in considerazione per valutare le posizioni oggetto della nuova norma dipendono infatti dalle condizioni di mercato valide al momento dell analisi ma per loro stessa natura instabili (ad es. tempi stimati per coprire la posizione, volatilità dello spread bid/ask ecc). Su tale specifica questione, si evidenzia l opportunità che la normativa fornisca indicazioni di dettaglio in merito alla frequenza con la quale effettuare la valutazione di appropriatezza delle posizioni meno liquide, nonché alla possibilità di stabilire standard interni per qualificare le posizioni meno liquide. Altre considerazioni Nell ambito della standardized methodology, sono state introdotte nuove percentuali di assorbimento del capitale per il rischio specifico relative a emittenti Governativi e altri emittenti. Al riguardo si segnala che non appare giustificata la previsione di un ratio patrimoniale pari al 12 per cento per le categorie con merito di credito esterno inferiore a B- e di un livello inferiore, pari all 8 per cento, per gli emittenti senza rating. Con riferimento, invece, all internal model, si prevede che i modelli siano validati da adeguati soggetti terzi indipendenti dal processo di sviluppo degli stessi. Al riguardo sarebbe opportuno che la norma fornisca indicazioni ulteriori che consentano alle banche, da un punto di vista strettamente organizzativo, di individuare in maniera corretta la struttura che possa effettuare tali validazioni. 11 Ad esempio, se si assume che la banca aggiorni le sue stime settimanalmente e che usi una finestra di 750 giorni per stimare la volatilità, può capitare che la volatilità dei 5 giorni che escono dalla finestra di dati e che si riferiscono a tre anni prima sia più alta di quella dei 5 giorni che entrano; in questo caso il VaR può anche risultare inferiore a quello della settimana precedente. 19/20

20 A proposed capital treatment for unsettled and failed trades In primo luogo appare opportuno sottolineare che, sebbene le nuove regole proposte per il trattamento delle unsettled transactions comportino una sostanziale revisione dell attuale impostazione di vigilanza regolamentare - introducendo maggiori oneri in termini di requisiti patrimoniali e costi di sviluppo per quanto attiene l implementazione dei sistemi IT - la nuova impostazione sia sostanzialmente condivisibile. Tuttavia, appare opportuno segnalare che la deduzione integrale dal capitale dell esposizione di rischio riveniente da transazioni in ritardo di regolamento - per le operazioni in DVP dopo il 5 giorno successivo alla settlement date e per le operazioni non-dvp a partire dal 2 giorno successivo alla data di prevista ricezione appare eccessivamente penalizzante. La deduzione integrale, infatti, sottintende che l operazione failed porti con certezza al default della controparte e, quindi, al mancato recupero dell intera esposizione. Al riguardo si segnala che, almeno nell esperienza del sistema di regolamento italiano, tutte le operazioni in fail vengono comunque regolate 12. Più nello specifico, si evidenzia che non risulta chiaro se per determinare la distinzione fra normal e longer settlement lag occorra esclusivamente tenere conto delle condizioni contrattuali e se, quindi, rientrino fra le longer settlement lag tutte le operazioni a termine (ad esempio FX Swap e Outright) negoziate per una valuta superiore a T Nel sistema Express II, infatti, le operazioni failed non garantite sono negli ultimi mesi state regolate entro un minimo di 6 giorni (marzo 2004) and un massimo di 21 giorni (novembre 2004) (fonte statistiche disponibili sul sito 20/20

Maggio 2005. ABI Position Paper

Maggio 2005. ABI Position Paper Position Paper in risposta al Documento di consultazione della Commissione Europea sulle questioni collegate alle attività di Trading e Trattamento degli effetti del Double Default Maggio 2005 ABI Position

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2012 (aggiornamento del documento pubblicato nel luglio 2012)

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte e delle esposizioni verso controparti centrali in Basilea 3 Domande frequenti Dicembre 2012 (aggiornamento

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte QFIN LAB 14 Febbraio2012 Rita Gnutti Direzione Risk Management Responsabile Modello Interno

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk Milano, 14 febbraio 2012 Group Internal Validation UniCredit CRO AGENDA Overview

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte I rischi di mercato Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT Indice 1. Introduzione... 1 2. Gli obiettivi del regolatore... 1 3. Aree informative e opzioni segnaletiche...

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI

POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI 31 maggio 2001 Gli Uffici dell ABI, al fine di elaborare la

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO ALLEGATO 1 VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza Divisione Analisi macroprudenziale Settore Impatto della regolamentazione ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: MODIFICA

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 47/1 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 24 maggio 2012 in merito a una proposta di regolamento delegato

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Metodo dei rating interni per il calcolo del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito

Metodo dei rating interni per il calcolo del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito Metodo dei rating interni per il calcolo del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito Versione al 17 Ottobre 2006 ABI Position Paper Sommario Premessa... 4 Emendamenti al testo... 6 Rif.:

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvazione Consiglio di Amministrazione Data 17/11/2014 Versione 14.01 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. POLITICA DI VALUTAZIONE

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

CONTENUTI. 1. Area di copertura dell accordo. 2. Ponderazione del rischio di credito. 3. Tecniche di attenuazione del rischio

CONTENUTI. 1. Area di copertura dell accordo. 2. Ponderazione del rischio di credito. 3. Tecniche di attenuazione del rischio POSITION PAPER ABI SUL PROCESSO DI REVISIONE DELLA DISCIPLINA SUI REQUISITI MINIMI DI CAPITALE DELLE BANCHE Gli Uffici dell ABI, al fine di elaborare la posizione del sistema bancario italiano con riferimento

Dettagli

Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa

Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa Governance & Compliance Customer Relationship Payments & Settlements Wealth Management Insurance Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa Alessandra Bertulli

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli