Associazione Italo Somala Comunità Internazionale e Africana. Progetti Somalia. Dott. Marian Mohamed Hassan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Associazione Italo Somala Comunità Internazionale e Africana. Progetti Somalia. Dott. Marian Mohamed Hassan"

Transcript

1 Associazione Italo Somala Comunità Internazionale e Africana Progetti Somalia Dott. Marian Mohamed Hassan L'Associazione AISCIA) intende realizzare progetti in campo sanitario, dell'adozione a distanza, della giustizia, della agricoltura e del sociale in Somalia, in collaborazione con il Governo Federale Somalo e... 1) SANITÀ E POLITICHE SOCIALI il progetto riguarda assistenza sanitaria, alta formazione e- learning per il personale sanitario, consulto medico e seconda opinione specialistica, attraverso servizio di telemedicina, opera educazionale per la popolazione, ricerca medica e farmaceutica in collaborazione con il Policlinico Umberto I, Sapienza Università di Roma, ecc. 1.1) Attività assistenziale 1) Fornitura costante di farmaci omologati a standard europei per qualità e dosaggio importati in Somalia attraverso da prescrivere da parte del personale sanitario del gruppo e pagati dai pazienti a prezzi calmierati ed eticamente sostenibili 2) Attività ambulatoriale con prestazioni mediche/chirurgiche di alta professionalità e specializzazione a prezzi eticamente sostenibili nei seguenti campi a) medicina interna (in particolare terapia dell ipertensione arteriosa, del diabete e altre patologie dismetaboliche, insufficienza renale cronica, malattie infettive) b) ginecologia e neonatologia per l assistenza durante la gravidanza,preparazione al parto e nel periodo dell allattamento c) Assistenza al neonato ed attivazione campagna vaccinazioni d) Consultorio per l assistenza ginecologica a donne in età fertile Inoltre è in programma in un secondo momento, sulla base di valutazioni comuni tra il Gruppo ed il Ministero della Difesa del Governo Federale Somalo, l attivazione di un reparto di chirurgia generale ed ortopedica, in particolare per lesioni post traumatiche, anche con specialisti italiani dell Azienda Policlinico Umberto I, Sapienza Università di Roma, mirato, oltre che prestare assistenza, a formare chirurghi somali nel campo specifico. 1.2) Attività di Formazione a) Formazione e learning e telemedicina di medici, infermieri, ostetriche somali sui seguenti temi b) medicina interna c) ginecologia d) malattie infettive e) chirurgia generale f) ortopedia g) Invio periodico (una volta /mese) di Team di medici/infermieri/ostetriche italiani presso l IMI a Mogadiscio specializzati in Medicina interna (malattie dismetaboliche) Chirurgia generale ed ortopedica - Oculisti- Malattie Infettive- - Urologi 1.3 Attività Educazionale con formazione igienica sanitaria alla popolazione somala, iniziando dalla Capitale del Paese, Mogadiscio,e successivamente su tutto il territorio somalo, attraverso la rete SWA (Somali Women Agend) erogata anche on line con video conferenza da Roma, sui seguenti temi:

2 Informazione di igiene personale e di comunità alla popolazione somala Importanza delle vaccinazioni Linee guida sulla alimentazione corretta Prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili Implementazione Agenzia Somala del Farmaco (in Collaborazione con... ) 1.4) Progetto sanitario per le donne del corno d Africa indirizzato alle donne portatrici di mutilazioni genitali (MGF) a) Fornire Assistenza medico ginecologica sulle problematiche legate alla tutela della salute ed all assistenza alla maternità nelle donne con MGF In particolare assiste queste donne prima e durante la gravidanza ed il parto, facilitando il parto naturale o cesareo nel modo più indolore possibile in relazione alle mutilazioni di cui sono portatrici. L attività assistenziale è già attiva presso il Policlinico Umberto I, in collaborazione con Associazione Italo Somala Comunità Internazionale e Africana, Presidente Marian Mohamed Hassan, Socio Fondatore dell Opera Karol Wojtyla 1.5 Organizzazione Ospedale senza dolore nei paese africani del Corno d Africa :in collaborazione con il Governo Federale Somalo Fornire una terapia valida nel controllo del dolore (in particolare neuropatie carenziali e piaghe da decubito, dolore post- chirurgico) Centro Dialisi. Creare un centro dialisi a pagamento atto a coprire il fabbisogno della popolazione in quanto tutta la Somalia ne è sprovvisto. il Governo Somalo è disposto a rilasciare terreno per realizzarne la struttura, (di questo ne ho già parlato con il Ministro della Sanità del Governo somalo che si trova d accordo ed è disponibile rilasciare permessi e concessioni). 2) ADOZIONE A DISTANZA SCOPO Questo programma è indirizzato ai bambini somali, orfani di guerra, bambini soldato disarmati ed educati e che riversano tutt'ora in condizioni di povertà assoluta. Quelli che hanno ancora qualche genitore, garantire ai piccoli almeno tre pasti al giorno, la salute e la formazione per loro è un'utopia. L'adozione a distanza servirà a dare un sostegno a quei piccoli di oggi a diventare i grandi di domani. L'Associazione AISCIA fa parte del gruppo FORUMSAD che si occupa delle adozioni a distanza. Dal 2008 AISCIA ha rapporti di collaborazione con una ONG locale gestita da una donna che opera all'interno della Somalia denominata Fatxa Organizzation. Fatxa in una struttura sita a Mogadiscio assiste 600 bambini dall'età di 3 anni fino a quella adolescenziale mantenendoli ed istruendoli tramite aiuti esterni e/o donazioni. Per tale ragione ed anche per il fatto che i civili in Somalia riversano ancora in condizioni di povertà assoluta, A.I.S.C.I.A. nell'anno 2014 è intenzionata ad attivare le adozioni a distanza iniziamente per 50 bambini (ma possono essere molto di più), molti orfani di guerra della struttura Fatxa ed altri i cui genitori non sono in grado di assicurargli nulla. Con 20 Euro al mese ad ogni bambino, in Somalia può essere garantito i pasti, una frequentazione scolastica e assistenza sanitaria. 3) GIUSTIZIA Tematiche: Corsi di Formazione con Stages in Italia per Magistrati e Forze d Ordine Somali, in particolare sulla prevenzione dei reati di corruzione nella Pubblica Amministrazione e reati collegati

3 alla tratta delle persone umane 4) AGRICOLTURA Tematiche Cooperativa solidale per sviluppare la produzione in Somalia di coltivazione di riso destinato sia al mercato interno che alla sua esportazione in Italia. Il riso rappresenta una delle principali fonti alimentari del Paese. Anche se con quantitativi molto contenuti, la produzione di riso in Somalia è di lunga tradizione. Attualmente, però, la produzione somala sconta una arretratezza in termini di progresso tecnologico, in termini sia di tecniche colturali, di disponibilità di sementi di elevata qualità e resa ad ettaro e di infrastrutture (centri di stoccaggio del risone e delle attrezzature per le fasi successive di pulitura della granella). Data l attuale situazione socio-politica della Somalia, è necessario prospettare un azione progettuale che preveda una risposta di medio periodo (5 anni) nei termini di aumento della produzione e quindi della disponibilità del prodotto per il consumo interno. Fermo restando gli accordi istituzionali ancora in divenire, tra Governo Somalo, Ministero degli Esteri italiano, Ministero dell Agricoltura italiano e la Ue è possibile sintetizzare i seguenti aspetti: - Individuare gli areali di produzione è necessaria la coltivazione nelle zone pianeggianti, fertili e con grande disponibilità di acqua. E prospettabile la coltivazione del riso nella vallata dello Jowhar costeggiata dal fiume Uebi Scebeli (che insieme al fiume Giuba sono i più grandi fiumi del Paese) o in zone con analoghe caratteristiche pedoclimatiche e adeguate disponibilità idriche. - Sistemazione dei campi con riferimento alle sistemazioni idrauliche in prossimità di bacini e dei corsi d acqua attraverso il rifacimento e/o costruzione ex-novo dei canali di adduzione ai campi e alle arginature degli stessi, allo scopo di controllare e/o ridurre al minimo il rischio di inondazioni dei fiumi che avendo in alcuni periodi dell anno uno spiccato andamento torrenziale potrebbero distruggere le risaie. - Scelta delle sementi In prima battuta, è necessario ricorrere a semente di provenienza estera poiché quelle autoctone sono obsolete e di scarsa qualità genetica, e le rese ad ettaro risultano estremamente basse. E necessario acquisire sementi delle varietà aromatiche del gruppo INDICA (risi lunghi) che ben si adattano alle condizioni pedoclimatiche di quei territori. Queste varietà, che sono conosciute dalle popolazioni locali e apprezzate anche nei paesi esteri tra cui l Italia, consentono, inoltre, il raggiungimento di livelli prodottivi decisamente soddisfacenti. I paesi da cui importare tale semente possono essere quelli asiatici (principali produttori di riso al mondo risi lunghi) come Filippine e Thailandia. Non è da considerare l Italia come fornitore di sementi poiché la produzione è specializzata per le varietà del gruppo IAPONICA a chicchi tondi e medio-lunghi che non si adatterebbero alle condizioni pedoclimatiche della Somalia. E verosimile prospettare in 2-3 annate la sperimentazione in campo con dette sementi prima di individuare quella che meglio si adatti in termini quali-quantitativi al territorio somalo. - Formazione professionale costituzione di un gruppo di agronomi italiani che periodicamente seguano direttamente le attività di preparazione dei campi e di coltivazione del risone e, quindi, trasferiscano alle popolazioni locali le conoscenze tecniche (know-how) in loro possesso. Successivamente all individuazione delle varietà più adatte alla loro coltivazione nei territori somali è fondamentale individuare la tecnica colturale più adatta per tali ambienti e gli input di cui tale coltura necessita (ad esempio le tipologie e le dosi di fertilizzanti). - Infrastrutture è necessario riattivare e/o costruire ex-novo dei centri di stoccaggio per la corretta conservazione del risone. È necessario, inoltre, acquisire macchinari per la pulitura della granella dai tegumenti esterni e renderlo commestibile e conservabile più a lungo. Dopo aver implementato nell arco dei 3-5 anni le attività di cui sopra, aventi lo scopo preminente di

4 soddisfare la domanda interna di riso, è possibile prospettare alcune attività di lungo periodo (10 anni) che prevedano: - attività di miglioramento genetico che consentano la valorizzazione delle varietà autoctone. - interventi strutturali e logistici degli impianti di conservazione e trasformazione del riso. - esportazione del riso lavorato nei paesi limitrofi ed anche in Italia. A tal proposito è verosimile ammettere un interessamento della produzione somala da parte delle industrie risiere italiane in ragione del fatto che esse importano dall estero considerevoli quantitativi di riso semigreggio delle varietà del gruppo INDICA (risi lunghi). 5) POLITICHE ENERGETICHE SCOPO Questo programma/piano energetico è di elaborare, definire, sviluppare e realizzare le azioni, i compiti e le attività necessarie a concretizzare gli sforzi necessari alla realizzazione del programma/piano di inziative reali per l'aggiornamento della erogazione di energia in Somalia basandosi prima di tutto sulle reali risorse locali e sulle potenziali risorse innovative che possano pervenire dalla cooperazione con l'italia e con eventuali altri Paesi ben disposti e ben pensanti. APPLICABILITÀ Questo documento si applica alla realizzazione del programma e quindi del piano energetico in Somalia. Il programma è lo sviluppo dell'insieme o rete delle azioni, attività e compiti da svolgere per il raggiungimento degli obiettivi. Il Piano è lo sviluppo del programma nel tempo. PROGRAMMA Generalità L'approccio al programma energetico si basa sulle risorse energetiche esistenti in Somalia: 1. Energia idraulica preesistete e da sviluppare. 2. Energia Solare (rinnovabile secondo Natura ma potrebbe essere pure a tecnologia apparentemente elevata). 3. Energia eolica (rinnovabile secondo Natura a livello di tecologia accettabile). 4. Boschi, legna e biomassa (rinnovabile secondo Natura ma in quantità molto ridotte a causa del perseverare delle guerra anche se a tecnologia accettabile). 5. Energia del mare (rinnovabile secondo Natura). 6. Centrali a combustibili fossili (petrolio, carbone e gas). 7. Centrali nucleari a uranio e derivati (a tecnologia forse troppo elevata). 8. Geotermia (possile ma poco probabile). 9. Elaborazione rifiuti urbani (tutto da scoprire). 10. Altro e varie. Per potere sviluppare al meglio il programma energetico bisogna conoscere bene la attuale situazione delle risorse naturali interne che, a causa della prolungata guerra, sarà certamente catastrofica. In ogni caso, bisogna tenere in debita considerazione anche le attuali forze economiche locali che detengono il potere energetico della erogazione. Ovviamente a seconda della Regione interna specifica esaminata si potrà consigliare, dopo attenta analisi specifica e locale, l'una e l'altra delle alternative su definite. Di primo acchitto, si possono analizzare le varie soluzioni caso per caso: 1. L'energia idraulica, che è certamente presente, deve essere potenziata al massimo. 2. Anche la soluzione solare con pannelli solari a tetto e in parte a terra con campi solari distribuiti su tutto il territorio andrebbe sfruttata e potenziata al massimo e quindi va bene a

5 patto che:il territorio non sia sahariano e desertico e quindi assoggettato a venti forti che insabbierebbero le superficie dei pannelli rendendoli inefficienti ed inutili. I pannelli solari riichiedono continua manutenzione per la pulizia e la garanzia di funzionemanto ed hanno il frande svantaggio di fusionere bene solo per parte del giorno quando c'e' veramente sole e non fuzionare di notte. Questo inconveniente grave implica una produzione di energia aleatoria e a caso che impone che il sistema energetico somalo nazionale venga supportato da qualche grande sorgente o centrale classica capace di erogare energia elettrica in modo continuo sopattutto quando manca la energia prodotta con i pannelli solari e le torre eoliche. Inoltre, la rete elettrica di distribuzione della energia su tutto il territorio deve essere progettata per funzionare con energia prodotta da campi solari e eolici oltre con energia prodotta da centrali elettriche classiche a carbone, petrolio e/o gas. Ci vorrebbe una specie di smart grid ossia di una rete di distribuzione abbastanza difficile da progettare, realizzare e operare. 3. Considerazioni analoghe sono valide per la soluzione eolica, ammesso che ci siano zone e aree ventose nel territorio somalo. Questa asserzione richiede che venga eseguita una analisi con misure sistematiche di ventosità in tutto il territotrio somalo. 4. Lo sfruttamento dei boschi, dela legna e relativo materiale (cipapto ecc.) è sicuramente una delle soluzioni possibili che sono tra le più probabili e certamente più dirrrettamente applciabile in un territorio del tipo somalo. Purtroppo risulta che in questi due ultimi decenni sia stata impiegata molta legna da ardere per riscaldamento senza provvedere contempraneamente al rimboschimento. Questa soluzione di impiego ottimale della soluzione biomassa è certamente prioritaria e fondamentale per la Somalia. 5. Lo sfruttamento delle energia marina non è stata ancora realizzata in tutto il mondo e quindi non sembra afffatto reale considerarla fattibile. 6. La progettazone, realizzazione e operazione di centrali a conbustibile fossile (petrolio, carbone e gas) dipende dalla esistene in loco di risorse naturali di petrolio, gas e carbone. Risulta che dovrebbe esserci abbondanza di petrolio per cui diviene naturale consigliare la costruzione di centrali elettriche a petrolio con livello di priorità paragonabile all'impiego della legna. Ovviamente questo sistema di produzione di energia elettrica a petrolio è di tecnologia, forse, abbastanza più elevata della tecnologia a legna del tipo biomassa ecc. 7. L'energia prodotta da centrali nucleari di terza generazione avanzata e successivamente di quarta generazione potrebbe essere consigliata poichê la Somalia é ricca di uranio ma questa tecnologia é troppo avanzata per un popolo non ancora pronto a tali forme di tecnologie. 8. La applicazione della geotermia prevede possibili difficoltà tecnologiche che sconsigliano di impiegarla sistematicamente: appare prematuro pensarci adesso. 9. I sistemi di elaborazione di rifiuti urbani per la produzione di energia elettrica sono molto interessanti e se ne raccomanda, laddove possibile, la realizzazione e l'impiego. 10. Varie ed altri.

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20

Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20 Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20 QUESTIONI 1 problema: Come avere accesso al credito? Come trovare nuovi canali di finanziamento? Soluzione:

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ CONGRESSO INTERNAZIONALE MALATTIE RARE E MEDICINALI ORFANI. 27-31 Ottobre 2008

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ CONGRESSO INTERNAZIONALE MALATTIE RARE E MEDICINALI ORFANI. 27-31 Ottobre 2008 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ CONGRESSO INTERNAZIONALE MALATTIE RARE E MEDICINALI ORFANI 27-31 Ottobre 2008 27 OTTOBRE 2008: MALATTIE RARE E FARMACI ORFANI: DALL UNIONE EUROPEA AD UN APPROCCIO INTEGRATO

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Hauck & Aufhäuser Prime Values Income

Hauck & Aufhäuser Prime Values Income Hauck & Aufhäuser Prime Values Income Profilo di sviluppo sostenibile Situazione: agosto 2012 1 : Il fondo è stato verificato dal Comitato consultivo per lo sviluppo sostenibile e soddisfa i requisiti

Dettagli

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012 Completamento del sistema integrato di sviluppo rurale sostenibile, migliorando le condizioni di vita delle donne vulnerabili, attraverso la promozione e lo sviluppo agroalimentare a DSCHANG CAMEROUN RELAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 918 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Norme per l assistenza alla nascita

Dettagli

L Energia: fonti e risparmio

L Energia: fonti e risparmio L Energia: fonti e risparmio Alunni: Lucantonio Arturi; Gennaro Grispo; Franco Iaquinta; Pier Maria Montalto (Classe III B, a. s. 2012 1013, Liceo Scientifico Enzo Siciliano, Bisignano, CS). Referente:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

3 - Servizi sanitari

3 - Servizi sanitari 3 - Servizi sanitari B1 - Esistenza di un programma di sensibilizzazione e di educazione alla salute E proseguita anche nel 2000 l esperienza La scuola per una città sana e sostenibile, progetto integrato

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

2012/156. Scheda Progetto AFRICA

2012/156. Scheda Progetto AFRICA Scheda Progetto AFRICA 2012/156 La situazione alimentare e sanitaria del comprensorio di Nedialpoun (divisa tra i comuni di Koudougou e Reo), grazie al piano di intervento effettuato negli anni dal centro

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

ENERGIA E CENTRALI SOLARI

ENERGIA E CENTRALI SOLARI ENERGIA E CENTRALI SOLARI Si dice solare l energia raggiante sprigionata dal Sole per effetto di reazioni nucleari (fusione dell idrogeno) e trasmessa alla Terra sotto forma di radiazione elettromagnetica.

Dettagli

Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Roma, 09.01.2014 Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Gentilissimi, con la presente desideriamo inoltrarvi l invito per la XII Conferenza Internazionale

Dettagli

MEDICI CON L AFRICA CUAMM

MEDICI CON L AFRICA CUAMM MEDICI CON L AFRICA CUAMM SIAMO CONVINTI CHE LA SALUTE NON SIA UN BENE DI CONSUMO, MA UN DIRITTO UMANO FONDAMENTALE. Nata nel 1950, prima ONG in campo sanitario riconosciuta in italia, MEDICI CON L AFRICA

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

La riconversione energetica in atto

La riconversione energetica in atto La riconversione energetica in atto Arturo Lorenzoni Treviso, 18 maggio 2011 Scoprire il nucleare L andamento della popolazione Fonte: C. Carraro La distribuzione della popolazione I consumi elettrici

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile POR CALABRIA 2000/2006 - ASSE III RISORSE UMANE MISURA 3.9 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE CON PRIORITÀ ALLE PMI GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE ENERGETICHE NEI SETTORI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1016 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Introduzione

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Rapporto generale sull energia

Rapporto generale sull energia Rapporto generale sull energia Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Pellegrini Dipartimento di Ingegneria Meccanica DIEM Università di Bologna 1 Agenda La produzione di energia elettrica Il consumo

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Dal 3.06.1997 ad oggi. Azienda Ospedaliera: S.I.T.R.A. Infermiere esperto con funzioni di coordinamento

Dal 3.06.1997 ad oggi. Azienda Ospedaliera: S.I.T.R.A. Infermiere esperto con funzioni di coordinamento INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Ruggeri Marina Luogo e Data di nascita Lonate P.lo VA- il 17 agosto 1962 Nazionalità italiana Qualifica collaboratore professionale sanitario esperto infermiere Cat.

Dettagli

Audizione CNEL Commissione IV PER LE RETI INFRASTRUTTURALI, I TRASPORTI, LE POLITICHE ENERGETICHE e L'AMBIENTE

Audizione CNEL Commissione IV PER LE RETI INFRASTRUTTURALI, I TRASPORTI, LE POLITICHE ENERGETICHE e L'AMBIENTE Audizione CNEL Commissione IV PER LE RETI INFRASTRUTTURALI, I TRASPORTI, LE POLITICHE ENERGETICHE e L'AMBIENTE 1 - Valuta utile che l'italia impegni l'unione Europea per creare un sistema energetico integrato

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata.

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. 2 CONVEGNO NAZIONALE OSPEDALE,CITTA E TERRITORIO Potenzialità e limiti dell IT nell integrazione tra i servizi ospedalieri e territoriali Università degli Studi di Verona Polo Didattico G. Zanotto 14 settembre

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Biomasse: il pare re di uno dei pri n c i p a l i c o s t ru t t o ri di impianti, Atzwanger S.p.A.

Biomasse: il pare re di uno dei pri n c i p a l i c o s t ru t t o ri di impianti, Atzwanger S.p.A. Fo cus Fonti di energia rinnovabili Intervista a Marco Timperio Biomasse: il pare re di uno dei pri n c i p a l i c o s t ru t t o ri di impianti, Atzwanger S.p.A. a cura di Mauro Penza In un momento in

Dettagli

PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE. Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2

PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE. Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2 PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2 I consultori familiari: 1975-2014 Dip. Materno Infantile SSN Legge

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo La salute della donna nei paesi in via di sviluppo Le donne nei paesi in via di sviluppo: -sono 2 miliardi. -1 miliardo e 750.000 sono in età riproduttiva. -producono ¾ del reddito globale. -ricevono il

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Alleanza per il diabete della Regione Campania

Alleanza per il diabete della Regione Campania Progetto Alleanza per il diabete della Regione Campania Razionale Il diabete mellito tipo 2 è una malattia cronica invalidante ad elevato impatto sociale (legge 115/87). E una malattia che dura tutta la

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della Liguria La Liguria svolge una importante funzione

Dettagli

La crisi energetica ampiamente trattata

La crisi energetica ampiamente trattata Ricerca Applicata Biodiesel: alcune considerazioni Albano Albasini Il Prof. Albano Albasini, che nella veste di docente di chimica organica del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell Univesità di Modena,

Dettagli

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali Congresso congiunto AOGOI-SIP-SIN EVENTO PARTO NASCITA Foligno 25-26 novembre 2013 Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia Le garanzie assistenziali pre e postnatali Ostetricia Foligno SC Ostetricia

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 IX Edizione Frutta dell Autunno XXVII Mostra Pomologica Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 Caserta, 10 ottobre 2014 CRA- Unità di Ricerca

Dettagli

CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS. DI SOSTEGNO SABRINA DI CELMA

CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS. DI SOSTEGNO SABRINA DI CELMA ISITITUTO COMPRENSIVO G. DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO : DOTT. SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011\2012 CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS. DI SOSTEGNO SABRINA DI CELMA CLASSI TERZE

Dettagli

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria La Convenzione sui Diritti dell'infanzia è stata approvata dall Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 ed è stata ratificata dall Italia con legge del 27 maggio 1991, n. 176. Sebbene

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Art. 9 Art. 10 Art. 11

Art. 9 Art. 10 Art. 11 Norme per il sostegno e la promozione della coltivazione e della filiera della Canapa (Testo unificato delle proposte di legge Lupo C. 1373, Zaccagnini C. 1797 e Oliverio C. 1859) (Testo adottato dalla

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

AZIONE 2: scheda 2.1

AZIONE 2: scheda 2.1 AZIONE 2: scheda 2.1 NOME PROGETTO Nella culla + salute rifiuti. Progetto per la promozione dell uso di pannolini lavabili per bambini Provincia di Torino 2008 SOGGETTO ATTUATORE Provincia di Torino SOGGETTI

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità

I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità di Antonio Bucz I consultori familiari sono nati più di 30 anni fa per dare concrete risposte alle nostre popolazioni in termini di salute,

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

SENIGALLIA 10-11 novembre 2012 La Nuova Agricoltura Ecologica nell'economia Solidale

SENIGALLIA 10-11 novembre 2012 La Nuova Agricoltura Ecologica nell'economia Solidale SENIGALLIA 10-11 novembre 2012 La Nuova Agricoltura Ecologica nell'economia Solidale MARCHIO AGRI ECOSOL AGRI ECOSOL sta per Agricoltura ecologica e solidale, cioè una agricoltura che soddisfi ai criteri

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof.

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. Stefano Parmigiani Presidente: Sig. Attilio Noletta GIORNATA REGIONALE

Dettagli

IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA

IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA IL PROGETTO MIGRANT FRIENDLY HOSPITALS NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 3 Laboratorio formativo progettuale Reggio Emilia, 29-30 gennaio 2009 ANALISI DEL CONTESTO DATI STATISTICI Fonte: Dossier Caritas Migrantes

Dettagli

Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities

Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities Profilo di sviluppo sostenibile Situazione: agosto 2012 1 : Il fondo è stato verificato dal Comitato consultivo per lo sviluppo sostenibile e soddisfa i requisiti

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

SEMINANDO IL RITORNO BUONE PRATICHE PER LA COLTIVAZIONE DEL GRANO SARACENO E DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI

SEMINANDO IL RITORNO BUONE PRATICHE PER LA COLTIVAZIONE DEL GRANO SARACENO E DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI SEMINANDO IL RITORNO BUONE PRATICHE PER LA COLTIVAZIONE DEL GRANO SARACENO E DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Bosnia Erzegovina, Republika Srpska, villaggio di Osmače DURATA:

Dettagli

Formarsi per cooperare

Formarsi per cooperare Dr G.R.Peruzzi Medici con l Africa Cuamm Formarsi per cooperare Percorso formativo per personale sanitario Siena 14 marzo 2014 A che deve servire la Cooperazione Rafforzare le comunità locali e renderle

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Tecnologia e medicina, un connubio perfetto che ha trovato la

Tecnologia e medicina, un connubio perfetto che ha trovato la a cura di Eleonora Saracino Redazione Edisef Centro medico San Camillo di Nanoro nel Burkina Faso L articolo presenta il progetto realizzato da Gesi per il Centro Medico di Nanoro che prevede un assistenza

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli