PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA P. O. F.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA P. O. F."

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA P. O. F. ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 ANNO SCOLASTICO Parte fissa 1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F Sommario La scuola e il territorio Dimensionamento Scuola dell infanzia Infanzia Voltri Infanzia Mele Infanzia Fabbriche Infanzia Acquasanta Infanzia Crevari Scuola primaria Primaria De Amicis Primaria Gaggero Primaria G.Canepa Primaria Fabbriche Scuola secondaria di 1 Secondaria Mele Secondaria Ansaldo ALLEGATI: Piano di emergenza - P.A.C. (Piano delle Attività Collegiali) - Patto di corresponsabilità e Regolamento d Istituto - Sequenze sanzioni disciplinari 2

3 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F LA SCUOLA E IL TERRITORIO Voltri, la scuola e l utenza LE TAPPE Dall anno 1984 alla Scuola Ansaldo è stata annessa la Sezione Staccata di Mele. Dall anno 2000 erano già diventate di sua competenza anche l utenza della Scuola Primaria del Comune di Mele, quella delle Scuole dell Infanzia pubbliche di Mele e di Acquasanta. Dal settembre 2009 L Istituto Comprensivo di Voltri 1 è articolato in sei plessi: la Sede della scuola secondaria (ex Scuola Media A. Ansaldo ) di Salita Egeo, 16, la Sezione Staccata di Piazza del Municipio di Mele ( per quanto riguarda la Scuola sec. 1 ), la Scuola primaria A. Gaggero di Via Perniciaro, 75, a Mele, la Scuola dell infanzia di Mele di Via delle Vigne, 11, la Scuola dell infanzia di Acquasanta di Piazza della Chiesa, 6, la Scuola Infanzia Voltri la Scuola Primaria De Amicis e il Polo Gravi di Vico Nicolò da Corte 2, la Scuola Infanzia Fabbriche e scuola Primaria Fabbriche di Via delle Fabbriche 189b, la Scuola dell Infanzia di Crevari (sezione staccata di Voltri) e la Scuola Primaria Giacomo Canepa di Crevari, via Pissapaola,48 Come Scuola Secondaria di 1 raccoglie, a seguito della riorganizzazione da parte della Regione, l utenza del bacino che va dalla stazione ferroviaria alla zona di Vesima, lungo la costa, e, per quanto riguarda l entroterra, comprende le vallate del Leira e del Cerusa. Caratteristiche del territorio Voltri è una delegazione del ponente ligure connotata fino agli anni 60 da un carattere spiccatamente industriale (cartiere, industrie siderurgiche e tessili, cantieri navali). La linea delle cartiere segue la via del torrente e unisce idealmente Voltri a Mele e Acquasanta. La crisi degli ultimi decenni ha privato queste aree di molti capisaldi economici. Pur avendo una forte identità culturale che trova le sue radici nel passato, Voltri, che è l ultima delegazione del ponente cittadino, lontana dalla aree nevralgiche del centro, fatica a trovare nuovi sviluppi ed è compito della scuola ovviare a queste carenze che acuiscono il disagio giovanile: pur in presenza di una bellissima sala - teatro polifunzionale, non vi è, a tutt oggi, un luogo per il ritrovo degli anziani o per i giovani. Le attività ricreative e culturali fanno capo alle Biblioteche Firpo e Benzi, al teatro di Voltri, al Corpo musicale della Banda, alle associazioni legate al mondo politico quali ACLI, ARCI, ANPI. Le attività sportive hanno invece trovato spazio nei capannoni industriali dismessi gestiti dalla Società Polisportiva Olimpia, nell area di riempimento del porto (Società Vultur). Sono praticate attività di vela e canottaggio negli spazi degli ex cantieri Costaguta. La costruzione della nuova passeggiata ha valorizzato il litorale e riunito nuovamente e maggiormente i Voltresi al mare; le casette di recente costruzione ospitano, a dire il vero, gran parte dell associazionismo che costituisce una ricchezza sociale e culturale. Da alcuni anni a questa parte intensa è anche la collaborazione con i quotidiani locali. La popolazione di Voltri, sulla base dei dati del Comune del marzo 09, segue il generale decremento che riguarda tutta la città ( ad eccezione di Centro-Est, Valpolcevera e Centro-Ovest). Rispetto agli altri quartieri ha aumentato il proprio indice di vecchiaia (secondo i dati anagrafici è il terzo quartiere a Genova per popolazione anziana e il più alto nel ponente marzo 09) ma presenta anche la più alta percentuale di residenti nativi (73%); nonostante ciò la popolazione è piuttosto eterogenea, in virtù del massiccio fenomeno migratorio del secondo dopoguerra e dell' attuale flusso extra-comunitario (di cui Voltri risente in piccola parte rispetto al centro ma che recentemente risulta in aumento: sono sempre più numerosi gli alunni stranieri inseriti nelle nostre classi); dal punto di vista del tessuto sociale, nei quartieri del centro storico, si può affermare che l integrazione è ormai avvenuta. La stessa cosa non si può dire per quanto 3

4 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F riguarda l ambito linguistico-culturale soprattutto nelle zone collinari di recente immigrazione ed urbanizzazione: le differenze, tuttavia, non sono tali da ostacolare i processi di socializzazione né l attività didattica che, per risultare efficace, richiede l uso di metodologie maggiormente individualizzate, più attentamente mirate e più coerentemente legate al territorio attraverso l integrazione con gli Enti locali. Anche i percorsi orientativi dovranno divenire più attenti rispetto al mondo della scuola e del lavoro, dovranno arricchirsi attraverso l uso di risorse umane e strumentali articolate in modo flessibile. Sarà necessario lavorare per far sì che le differenze siano infatti vissute come ricchezza culturale, spinta verso un processo di intercultura basato sulla valorizzazione del pluralismo, della differenza e del dialogo. Tutto ciò potrà avvenire attraverso processi didattici di de-costruzione dei pregiudizi finalizzati al costruire insieme, oltre l etnocentrismo, oltre l omologazione, per pervenire ad una formazione ai valori della democrazia intesa come eguaglianza nella differenza e partecipazione nella giustizia e nella libertà Dal punto di vista sociale, esistono, sul territorio, problematiche legate a situazioni di precariato e di disoccupazione. Si stanno evidenziando disagi legati a situazioni di disgregazione familiare di cui, solo con una più stretta collaborazione con le ASL, con il consultorio e con il distretto, la scuola potrà farsi coscientemente e costruttivamente carico. Il disagio, causato sia da elementi ambientali che da elementi psicologici che condizionano negativamente la crescita e l apprendimento, si va diffondendo ed acuendo: al fine di recuperare tali situazioni problematiche sono stati attivati progetti di integrazione e di recupero. In un territorio siffatto, che è destinato a seguire le prospettive di globalizzazione economica tipica dei nostri tempi, sarà indispensabile preparare giovani aperti e flessibili dotandoli di un patrimonio di conoscenze e competenze certificabili e trasferibili impostate su una cultura umanistica e tecnico scientifica allargata attraverso l uso consapevole delle nuove tecnologie e della multimedialità. Proprio in quest ottica, tuttavia, la scuola di base dovrà anche tenere sotto controllo i fenomeni di massificazione e limitarli, laddove possibile, costruendo il cittadino futuro tanto nella coscienza della memoria storica che lo lega al passato ed al contesto territoriale, quanto nel rispetto dell ambiente. Il numero dei plessi scolastici, la loro dislocazione su un territorio vasto e meteorologicamente difficile non facilitano, tuttavia, l attività dell Istituto Comprensivo. Ciò rallenta la realizzazione di una forte coesione educativo didattica tra gli operatori scolastici e la progettazione deve continuamente tener conto delle diverse esigenze locali e di due Amministrazioni Comunali. Con la riorganizzazione dell Istituto Comprensivo e l acquisizione anche dell utenza del Circolo Didattico di Voltri (plessi di Villa Duchessa di Galliera, di Crevari e di Fabbriche) si potrà operare in maniera più efficace in termini di continuità. Nel complesso, soprattutto da punto di vista numerico, l utenza risulta abbastanza stabile anche in virtù del recupero di zone del centro storico. La realtà del Comune di Mele, che ha conosciuto recentemente un incremento demografico, in virtù della costruzione di nuovi centri residenziali dove si sono trasferite dal Comune di Genova giovani famiglie in cerca di prima casa, è divenuta più simile a quella voltrese: Mele sta perdendo in parte la sua connotazione di Comune di montagna e si sta integrando più stabilmente nel tessuto urbano; i giovani, dopo la Scuola Media, continuano gli studi con maggior facilità in virtù di una buona rete di trasporti e degli interventi positivi dell Amministrazione locale. 4

5 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F DIMENSIONAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA Alunni iscritti TOTALE ALUNNI n. 850 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Totali M F Tot.Gen Tot M INFANZIA ACQUASANTA Sez unica MELE Sez.1U (sez. staccata Voltri) MELE Sez.2M VOLTRI Sez. A VOLTRI Sez. B VOLTRI Sez. C CREVARI Sez. D FABBRICHE Sez unica TOTALE INFANZIA PRIMARIE GAGGERO Cl.1^ Cl.2^ Cl.3^ Cl.4^ Cl.5^ TOTALE GAGGERO DE AMICIS Cl.1^ Cl.2^ Cl.3^ Tot F Cl.5^ POLO TOTALE DE AMICIS CANEPA Cl.1^ Cl.2^ Cl.3^ Cl.4^ Cl.5^ TOTALE CANEPA FABBRICHE Cl.1^ * Cl.2^ Cl.3^ * Cl.4^ Cl.5^ * TOTALE FABBRICHE TOTALE PRIMARIA

6 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F MEDIE: SEDE 1^A ^B ^C ^D Tot. 1^ ^A ^B ^C ^D Tot. 2^ ^A ^B ^C ^D ^F Tot. 3^ Totali sede MELE 1^E ^E ^E Totali Mele TOTALI SECONDARIA INFANZIA + PRIMARIA + SECONDARIA INFANZIE Acquasanta 0 ALUNNI STRANIERI Mele Fabbriche 2 (2F Romania) 4 (2FRomania + 2M Romania) Villa A 1 (1M Brasile) B 2 (1F Albania +1M Albania) C 2 (1M Romania + 1M Egitto) (Crevari) D 0 Totale Infanzie 11 di cui 8 nati in Italia PRIMARIE Gaggero 1^ 1 (1F Bolivia) 2^ 1 (1F Romania ) 3^ 3 (1F Marocco + 1M Marocco +1F Romania) 4^ 0 5^ 1 (1F Ucraina) totale 6 di cui 3 nati in Italia Canepa 1^ 1 (1F Perù) 2^ 2 ( 1M Marocco + 1M Russia) 3^ 0 4^ 1 ( 1F Albania) 5^ 0 totale 4 di cui 2 nati in Italia De Amicis 1^ 1 (1FAlbania) 6

7 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F ^ 3^ 5^ Polo totale 1 (1M Marocco) 3 (1M Marocco+ 1F Ecuador + 1FRomania) 3 ( 2F Albania + 1M Marocco) 2 (2M Marocco) 10 di cui 6 nati in Italia Fabbriche 1^ 2 (2F Ecuador) 2^ 3 (1M + 1F Romania + 1F Moldavia) 5^ 1 (1M Romania) totale 6 di cui 1 nato in Italia Totale Primarie 25 di cui 12 nati Italia SEC. I GRADO Ansaldo Classi 1^A 1 (1F Filippine) 1^B 2 (1M Marocco + 1M Russia) 1^C 3 (1F Albania + 1M Brasile + 1M Ecuador) 1^D 2 (2M Marocco) totale 8 di cui 6 nati in Italia 2^A 4 (2M Romania + 1M Cile + 1M Marocco) 2^B 1 (1M Marocco) (2F Ecuador + 1M Marocco * 1M 2^C 4 Kirghizistan) 2^D totale 3 (1M Albania + 1F Marocco + 1M Moldavia) 12 di cui 8 nati in Italia 3^A 3^B 3^C 3 (1M Marocco + 1M Albania + 1M Cina) 1 (1FGermania) 3 (1M + 1F Marocco + 1F Perù) 3^D 1 (1M Romania) (2M Romania + 1M Russia + 1F Albania + 3^F 6 1F Ecuador + 1M Marocco) totale 14 di cui 9 nati Italia Totale Ansaldo 34 di cui 23 nati in Italia Mele 1^E 1 (1F Romania) 2^E 3^E 0 Totale Mele 1 (1M Ecuador) 2 di cui 1 nato in Italia Tot secondaria 36 di cui 24 nati in Italia Totale infanzia + primaria + secondaria 72 (di cui 44 nati in Italia) Classi Infanzia 8 Primaria 18 Secondaria 1 16 TOTALE 42 7

8 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI I P.O.F ISTITUTO COMPRENSIVO ORGANIGRAMMA A.S. 2013/2014 DIRIGENTE SERVIZI AMMINISTRATIVI DIRIGENTE SERVIZI AMMINISTRATIVI COLLABORATORE VICARIO 2 COLLABORATORE DEL DIRIGENTE COLLEGIO DOCENTI GIUNTA ESECUTIVA CONSIGLIO D ISTITUTO GENITORI (tra cui il presidente) DOCENTI PERSONALE A.T.A ASSISTENTI FUNZIONI STRUMENTALI PERSONALE ATA. AUSILIARIO AMMINISTRATIVI SOSTEGNO E INCLUSIONE SEC. 1 GRADO COMMISSIONI RESPONSABILI DI PLESSO SOSTEGNO E INCLUSIONE PRIMARIA E INFANZIA DISAGIO E DSA INFANZIA E PRIMARIA MENSA DOCENTI - GENITORI COMMISSIONE P.O.F. dell I.C. Dirigente scolastico Collaboratori Funzioni strumentali Responsabili di plesso (quando necessario) Coordinatori di area (quando necessario) COORDINATORI DI AREA (secondaria) AREA LINGUISTICA AREA LETTERARIA DIPARTIMENTI IN VERTICALE (secondaria e primaria) AREA LINGUISTICA DISAGIO E DSA SECONDARIA 1 GRADO SUPPORTO ALLA CONTINUITÀ INFANZIA SUPPORTO ALLA CONTINUITÀ PRIMARIA SUPPORTO ALLA CONTINUITÀ SEC. 1 GRADO SUPPORTO AREA P.O.F. FORMAZIONE DOCENTI ORIENTAMENTO REFERENTI D ISTITUTO per - Salute - Informatica - Abuso e maltrattamento - Polo R.E.S. C.S.S. ELETTORALE SICUREZZA TECNICA FORMAZIONE CLASSI ORARIO INSERIMENTO ALUNNI STRANIERI AREA SCIENTIFICA AREA ESPRESSIVA AREA SCIENTIFICA NUCLEO DI AUTOVALUTAZIONE DELL ISTITUTO COMITATO VALUTAZIONE DOCENTI 8

9 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F DELEGHE E FUNZIONI DEI COLLABORATORI DEL PRESIDE Condividere e coordinare con il Dirigente Scolastico scelte educative e didattiche, programmate nel P.O.F. Rappresentare il Dirigente in riunioni esterne (ASL, Enti Locali, Comunità Montana, etc) Sostituire il Dirigente in caso di assenza (ferie o malattia) Sostituire il Dirigente in caso d emergenza o di urgenza anche prendendo decisioni di una certa responsabilità. FUNZIONI DELLE ALTRE FIGURE Funzioni dei referenti di plesso Funzioni interne al plesso: essere punto di riferimento per alunni, genitori e colleghi; far circolare le varie informazioni provenienti dalla segreteria, affidando ad un collega del plesso o ad un collaboratore scolastico l incarico di predisporre la raccolta e la catalogazione delle circolari; gestire le sostituzioni dei colleghi assenti secondo gli accordi approvati in sede di Collegio docenti; coordinare le mansioni del personale ATA; gestire l orario scolastico nel plesso di competenza; segnalare al Capo d Istituto l eventuale necessità di indire riunioni con colleghi e/o genitori; creare un clima positivo e di fattiva collaborazione; assicurarsi che il regolamento d Istituto sia applicato. Funzioni interne all Istituto Comprensivo: informare il Capo d Istituto e con lui raccordarsi in merito a qualsiasi problema o iniziativa che dovesse nascere nel plesso di competenza; raccordarsi, qualora se ne presentasse la necessità, anche con gli altri plessi dello stesso ordine in merito a particolari decisioni o iniziative d interesse comune; realizzare un accordo orizzontale e verticale all interno dei plessi che ospitano ordini diversi di scuola. Funzioni esterne al plesso: instaurare e coltivare relazioni positive con gli enti locali; instaurare e coltivare relazioni positive e di collaborazione con tutte le persone che hanno un interesse nella scuola stessa. Funzioni del coordinatore di area Coordina la programmazione disciplinare: tempi, modalità, controlli; Verifica il rispetto dei criteri di valutazione e delle prove strutturate; Relaziona al preside sui risultati dello stato della programmazione; Attua prove strutturali e prove standard. Su alcune tematiche specifiche della programmazione didattica, sono stati creati da questo anno scolastico dei DIPARTIMENTI VERTICALI di continuità concreta tra primaria e secondaria, con lo scopo di confrontarsi su obiettivi, pratiche didattiche e traguardi disciplinari nel passaggio tra i due ordini di scuola: in particolare essi riguardano l area linguistica (italiano e lingua straniera) e l area matematico-scientifica. Funzioni del coordinatore del Consiglio di classe Coordina le attività di programmazione dei singoli docenti da svolgere nell'anno scolastico nei singoli periodi; Compila i verbali dei Consigli dì Classe sintetizzando le decisioni adottate rispetto ad ogni punto dell'o.d.g; verifica gli adempimenti adottati dallo stesso. Prepara la programmazione dei Consiglio, le visite di istruzione e ogni altra iniziativa che ritenga necessaria La stesura del verbale deve essere contestuale alla riunione del Consiglio. Vigila sul comportamento della classe, coordina la programmazione didattica, l'attuazione della stessa, i tempi di esecuzione; prende iniziative ed eventualmente propone provvedimenti disciplinari al Preside o ai suoi Collaboratori. Cura i rapporti con specialisti ASL, segna le assenze degli alunni ogni mese e segnala in presidenza ed in segreteria le assenze ingiustificate. Relaziona tempestivamente al Preside o al Collaboratore Vicario su casi o situazioni problematiche particolari. Presidente del Consiglio di Classe Presiede il Consiglio di Classe in assenza del Dirigente Scolastico. 9

10 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA I principali soggetti della programmazione didattico educativa dell Istituto sono il Collegio dei docenti e le aree disciplinari, ferma restando l autonomia del singolo docente che individua, nell ambito delle proprie competenze e della sua libertà d insegnamento, i percorsi e le metodologie didattiche specifici per realizzare concretamente in un determinato gruppo classe la progettazione dell area disciplinare o del gruppo di lavoro (consiglio di classe, di interclasse, gruppo modulo, equipe pedagogica ecc.). In particolare le aree disciplinari possono lavorare tramite a) incontri tra insegnanti di una stessa disciplina che lavorano in classi parallele per garantire omogeneità di metodo, contenuti, obiettivi e criteri di valutazione b) incontri tra insegnanti di ordini di scuola diversi per garantire un raccordo fra le diverse fasi dei corsi di studi. Ci sono poi soggetti che agiscono in conseguenza di tale programmazione tenendo presente la realtà della classe e sono: CONSIGLI DI CLASSE della scuola sec. I e DI INTERCLASSE TECNICA della scuola primaria (docenti) CONSIGLI DI CLASSE della scuola sec. I e DI INTERCLASSE GIURIDICA della scuola primaria (docenti e genitori) ASSEMBLE PLENARIE O DEI RAPPRESENTANTI DI CLASSE (docenti e genitori) profilo della classe obiettivi trasversali e piano di lavoro della classe attività interdisciplinari e strategie per mettere in atto il loro conseguimento comportamenti uniformi nei confronti della classe organizzazione degli interventi educativi, integrativi e di recupero strumenti di osservazione, di verifica, di valutazione attività integrative e valutazione della ricaduta sulla didattica orientamento Verifica della programmazione e dell andamento delle classi Parere sull adozione dei libri di testo Proposte in ordine ad iniziative di sperimentazione Progettazione attività integrative e gite scolastiche In particolari momenti dell attività didattica Per presentare l Istituto o per progettare particolari sperimentazioni ASSEMBLEE DI SEZIONE E DI INTERSEZIONE (scuola infanzia docenti e genitori) Verifica situazione sezione Eventuali proposte ASSEMBLEE DI SEZIONE E DI INTERSEZIONE (scuola infanzia docenti) INTERCLASSE ed INTERSEZIONE DI ISTITUTO (scuola primaria ed infanzia docenti) Programmazione Verifica Autovalutazione Verifica della programmazione didattico Educativa e dell andamento delle classi Parere sull adozione dei libri di testo Proposte in ordine ad iniziative di sperimentazione Progettazione attività integrative e gite scolastiche 10

11 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F PRESENTAZIONE PLESSI INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA VOLTRI VIA NICOLÒ DA CORTE 2 TEL EDIFICIO E SPAZI La scuola dell Infanzia Voltri è collocata nel parco della Villa Duchessa di Galliera, all interno di un edificio ottocentesco che accoglie anche la scuola Primaria e il Polo R.E.S. Gli spazi interni della scuola dell Infanzia si limitano a tre aule, un salone adibito a sala da pranzo, i servizi e un corridoio lungo e stretto chiamato veranda che unisce le aule al giardino, unico spazio esterno della scuola. La scuola, pur essendo ubicata in un parco, è molto vicina ai vari servizi che offre il territorio: capannoni ex Ansaldo, biblioteca e anche un variegato ambiente naturale che spazia dalla montagna, alla collina, fino al mare. SPAZI Aula 1: gruppo bambini anni 3 Aula 2: gruppo bambini anni 5 Aula 3: gruppo bambini anni 4 Veranda Servizi igienici Sala da pranzo Giardino 11

12 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F STRUTTURA ORGANIZZATIVA Orario di funzionamento: dalle ore 8 alle ore 17 dal Lunedì al Venerdì Le sezioni sono tre con 7 insegnanti titolari (2 part-time), 1 insegnante di sostegno (25 ore), 1 insegnante di Religione Cattolica e due collaboratrici scolastiche a rotazione per un totale di 71 iscritti. Il lungo vissuto della scuola, dal lontano 1973 e le consolidate esperienze del team docente ci permettono di avere una struttura organizzativa ben avviata e garantiscono lo sviluppo di attività e percorsi educativi variegati: dall allestimento di laboratori, agli interventi di esperti all uso di strumenti multimediali, al lavoro in continuità con la scuola primaria, all integrazione con i bambini del polo R.E.S., al coinvolgimento dei genitori e dei nonni parti integranti delle attività e costantemente informati di ciò che avviene a scuola. Docenti impegnati nella programmazione: 9 (Bribò Rosa insegnante di Religione Cattolica, Zirafa Cristina, Caviglia Franca, Principalli Maria, Orlando Rocco insegnante di Sostegno, Rinoldi Paola, Brescia Simona, Strangis Caterina, Colica Franca) Collaboratori scolastici: 2 (Franchi Patrizia, Buccino Luigina) SERVIZI La scuola dell infanzia offre: Servizio mensa: cucina interna e alimenti forniti dalla ditta La cascina Servizio trasporto: pulmino gestito dalla cooperativa Giostra della Fantasia 12

13 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F SCUOLA DELL INFANZIA G.CANEPA VIA PISSAPAOLA 48, CREVARI TEL: FAX: EDIFICIO E SPAZI La scuola dell infanzia G. Canepa si trova a Crevari; l edificio affacciato sul mare, è circondato, a sud da un ampio cortile e a nord da un giardino con giochi con annesso l orto scolastico. La struttura è costituita da quattro piani così suddivisi: Piano inferiore, dove è ubicata la scuola dell infanzia, questa dispone di un aula sezione, un aula giochi, un laboratorio, bagni e di una palestra utilizzata sia dagli alunni della primaria, sia da quelli dell infanzia. Piano terra, dove si trova il refettorio, l aula per il personale A.T.A. e il sovra palestra. Al primo piano si trovano le cinque aule della scuola primaria, i bagni e la sala medica. Al secondo piano si trovano: l aula video, la biblioteca, l aula d informatica, l aula di inglese, l aula di pittura ed i bagni. Il tetto dell edificio è coperto da un ampia terrazza su cui sono stati montati pannelli fotovoltaici SUTTURA ORGANIZZATIVA Orario di apertura dalle ore alle ore Ingresso e accoglienza dalle ore alle ore Uscita dalle ore Uscita e 2 ingresso dalle ore alle ore Uscita dalle ore alle ore Sezione 01 Totale bambini 20 Insegnanti di sezione 02 I.R.C. Insegnante 01 Collaboratori scolastici (ATA) 02 ATTIVITÀ SVOLTE 13

14 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F ESPRESSIVA: disegno, pittura, musica, visite mostre, drammatizzazione. MOTORIA: psicomotricità, attività in palestra. COMUNICAZIONE: inglese, biblioteca, informatica, pregrafismo. AMBIENTALE: attività nell orto e uscite nell ambito territoriale. RELIGIONE CATTOLICA. SERVIZI Servizio mensa: alimenti forniti dalla ditta La cascina. Per raggiungere la scuola, gli alunni utilizzano: Mezzi propri Autobus A.M.T. linea 96 con accompagnatore. Pulmino privato: servizio a pagamento gestito dalla cooperativa Giostra della fantasia. 14

15 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F LA SCUOLA DELL INFANZIA DI MELE VIA DELLE VIGNE, 5 e 11 EDIFICIO E SPAZI La struttura scolastica è sita al piano terra di due edifici di civile abitazione ed ospita due sezioni, per un totale di 52 alunni. Gli spazi interni di entrambe le sezioni sono costituiti da un aula per le attività didattiche, i servizi igienici ed uno spazio adibito a refettorio. Nell ingresso sono situati gli attaccapanni dei bambini. Entrambe le sezioni dispongono di uno spazio esterno, momentaneamente non agibile a causa delle precarie condizioni del tetto. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Orario di funzionamento: dalle ore 8 alle ore 17 dal Lunedì al Venerdì Gli insegnanti titolari sono 4 ; un insegnante di Religione Cattolica; 2 collaboratori scolastici. La nostra scuola vive una realtà ottimale dovuta anche alla disponibilità dell Amministrazione Comunale di Mele, e ad un rapporto Scuola-Genitori quotidiano e collaborativi, che ci permette di attuare costruttivi percorsi educativi. SERVIZI Servizio Mensa: mensa comunale Sevizio trasporto: scuolabus comunale 15

16 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F SCUOLA DELL INFANZIA FABBRICHE VIA DELLE FABBRICHE 189B GE. VOLTRI EDIFICIO E SPAZI L edificio, è situato nella frazione di Fabbriche, nell entroterra di Voltri, al centro del paese, ben servito dalle linee urbane. Spazi esterni: cortile cintato e attrezzato, giardino con zona utilizzata come orto didattico Spazi interni: 2 aule, attrezzate per laboratorio per le attività grafico pittoriche e manipolative, teatrale e di lettura, salone per le attività ludico-motorie, sala mensa; palestra attrezzata, sala medica, aula multimediale, sala mensa e cucina in comune con la scuola Primaria STRUTTURA ORGANIZZATIVA Orario di apertura dalle ore 8.00 alle ore Ingresso e accoglienza dalle ore 8.00 alle ore Uscita d Dalle ore Uscita e 2 ingresso dalle ore alle ore Uscita dalle ore alle ore Sezione 01 Totale bambini 21 Insegnanti di sezione 02 I.R.C. Insegnante 01 Insegnante di sostegno 01 (1 insegnante di sostegno a 16 ore) Collaboratori scolastici (ATA) 02 SERVIZI La mensa prevede pasti diretti essendo la scuola dotata di cucina interna con personale della ditta La cascina. Le famiglie che ne fanno richiesta sono servite da servizio trasporto gestito dalla cooperativa della Giostra della fantasia. 16

17 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F LA SCUOLA DELL INFANZIA DI ACQUASANTA PIAZZA DELLA CHIESA,6 EDIFICIO E SPAZI La scuola è situata al piano terra di un antico edificio adiacente la chiesa. L organizzazione degli spazi è fortemente vincolata dalla struttura della scuola. Gli spazi nei quali si svolge la giornata scolastica dei bambini sono fondamentalmente due: l aula e l angolo delle costruzioni. L'aula è anche lo spazio dove vengono consumati il pranzo e la merenda, per questo motivo la porzione centrale dell aula è soggetta alle esigenze del momento: gli arredi che la occupano (tavolini) e parte di quelli che la delimitano (scaffali a giorno) vengono spostati secondo le necessità. Le due porzioni laterali dell aula sono organizzate, rispettivamente, come angolo per i giochi da tavolo e per la biblioteca e come angolo per i giochi di ruolo (casetta e negozio). Nella stanza più piccola è stato allestito l angolo delle costruzioni. Questa suddivisione in aree abbastanza ben circoscritte consente di lasciare a disposizione dei bambini giochi e materiali che essi rapidamente imparano a gestire e a riordinare. Anche lo spogliatoio ed i servizi igienici sono organizzati in modo da favorire lo sviluppo dell autonomia del bambino: ciascun alunno ha il proprio posto facilmente riconoscibile (come segnaposto vengono utilizzati fotografie e cartoncini con il nome) ed impara gradualmente a riconoscere gli spazi e a gestire il proprio corredo. La scuola dispone inoltre di un piccolo cortile esterno, che viene utilizzato nella bella stagione, attrezzato con sabbiere e giochi. Da alcuni anni utilizziamo un piccolo spazio nelle vicinanze della scuola dedicato alla coltivazione dell'orto. STRUTTURA ORGANIZZATIVA La scuola è composta da un unica sezione con 2 insegnanti titolari, 1 insegnante di Religione Cattolica e due collaboratrici scolastiche. È frequentata da 23 alunni. Orario di funzionamento: dalle ore 8 alle ore 17 dal Lunedì al Venerdì Docenti impegnati nella programmazione: 02 Collaboratori scolastici: 02 SERVIZI 17

18 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F La scuola dell infanzia offre: Servizio mensa \ gestiti dal Comune di Mele Servizio scuolabus / Per favorire la conoscenza dei docenti, delle strutture e dell organizzazione scolastica, nel mese di Gennaio, vengono organizzate una o più giornate in cui gli spazi della scuola sono aperti ai bambini che inizieranno a frequentare nell anno scolastico successivo e ai loro genitori ( SCUOLA APERTA ). 18

19 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS SALITA N. DA CORTE,2 EDIFICIO E SPAZI La Scuola Primaria De Amicis è ubicata nel palazzo della Villa Duchessa di Galliera. La scuola è dotata di cinque aule, laboratorio di informatica, aula attrezzata per proiezioni, terrazzi, giardini. Nel cortile interno è stato posizionato un tappeto di tartan per le attività motorie e del laboratorio teatrale. STRUTTURA ORGANIZZATIVA L organizzazione della scuola funziona a modulo con orario prolungato: Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Tutte le classi 8:30 16:00 8:30 16:00 8:30 16:00 8:30 16:00 8:30 12:30 Servizio prescuola dalle 08:00 alle 08:25. Il modulo si articola con 6 insegnanti su 4 classi, più le insegnanti di Religione Cattolica e di sostegno; gli alunni sono 73. Le compresenze dei docenti vengono utilizzate per sopperire alla insufficiente presenza di insegnanti di sostegno. SERVIZI La mensa, con cucina diretta, è organizzata su due turni: dalle ore 12 alle ore 13 per le classi 1^ e 2^ con due insegnanti, dalle ore 13 alle ore 14 per le classi 3^, 5^ con due insegnanti. È possibile richiedere il servizio trasporto. La Scuola Primaria ha attivato laboratori per l integrazione allestiti presso il Polo R.E.S. (ubicato nello stesso edificio). 19

20 ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI 1 P.O.F SCUOLA PRIMARIA POLO R.E.S. "E. DE AMICIS" PROGRAMMAZIONE GENERALE ANNO SCOLASTICO ANALISI DELLA SITUAZIONE: L utenza è composta da quattro alunni. Insegnanti: Costanzo Antonio (orario h: di programmazione settimanali) - Miglietta Silvia (orario h: di programmazione settimanali) - Timossi Iolanda (orario h: di programmazione settimanali) - Lagostena Alessandra ( h: 2 insegnante di Religione Cattolica). LOCALI A DISPOSIZIONE Laboratorio attrezzato per: attività psico-motorie Aula con lettino per: fisioterapia rilassamento o malessere ed altre attività individualizzate o socializzanti Refettorio in comune con la scuola Primaria Laboratorio attrezzato per: attività multimediali, grafico-pittoriche, manipolative, ludiche e musicali Auletta per: attività individualizzate Servizi igienici attrezzati per disabili Il Polo usufruisce degli spazi aperti adiacenti la scuola, parco compreso, in cui si possono effettuare attività di movimento a contatto con la natura. Ulteriori risorse per quanto riguarda le attività di uscita, esplorazione di nuovi ambienti, contatti con altre persone saranno: il quartiere, la passeggiata a mare. ORARIO DEGLI INSEGNANTI Gli insegnanti in organico attualmente sono tre che effettueranno un orario settimanale di 22 ore d'insegnamento più 2 di programmazione distribuite in cinque giornate e l insegnante di Religione Cattolica che effettuerà 2 ore settimanali. Si cercherà di concentrare le ore di compresenza degli insegnanti per agevolare sia i laboratori di integrazione con la scuola primaria e dell infanzia nonché l attività individualizzata e per coprire le eventuali uscite con l alunna N.I. che è quella che, più degli altri, necessita di movimento e soprattutto deambulazione. La programmazione si terrà al lunedì dalle ore 16,15 alle ore 18,15. La verifica delle attività educative avverrà oltre che nei Consigli di Interclasse anche durante i coordinamenti periodici, a seconda delle necessità, con il personale psicopedagogico dei consultori di zona e/o con altri enti che interagiscono nelle attività educative degli utenti del Polo (Istituto La Nostra Famiglia Consultorio di riferimento per i singoli casi). 20

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso 1 Circolo Didattico di Abbiategrasso Anno Scolastico 2011/2012 1 Indice Mappa pag. 3 La struttura del Circolo pag. 4 Premessa pag. 5 Obiettivi formativi Scuola dell Infanzia pag. 7 Obiettivi Formativi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli