LISTA DI DISTRIBUZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTA DI DISTRIBUZIONE"

Transcript

1

2 LISTA DI DISTRIBUZIONE Descrizione Direttore Sanitario Aziendale Direttore Zona Distretto Direttore Sanitario di Presidio Ospedaliero (D.S.P.O.) Direttore Staff Direzione Sanitaria Dirigente delle Professioni Sanitarie Area Infermieristica Dirigente delle Professioni Sanitarie Area Ostetrica Dirigente della Professioni Area della Riabilitazione Dirigente U.O. Professionale Tecnici di Radiologia Dirigente U.O. Professionale Tecnici di Laboratorio Responsabile U.F. Gestione del Rischio Direttori Aree Funzionali del Presidio Ospedaliero P.O. Infermieristiche del Presidio Ospedaliero P.O. Infermieristica Territoriale Direttori UU.OO. del Presidio Ospedaliero Direttore Dipartimento Emergenza Urgenza Responsabile U.F. CO 118 Direttore Emergenza Accettazione Dipartimento Oncologia Responsabile U.F. Cure Palliative Responsabili Sezioni del Presidio Ospedaliero Coordinatori Infermieristici UU.OO. e Sezioni del Presidio Ospedaliero Direttori Sedi Distrettuali Responsabile Coordinamento Assistenza Sanitaria Territoriale (C.A.S.T.) Responsabile U.F. Medicina Specialistica Responsabile U.F. Cure Primarie Responsabile U.F. Assistenza Sociale Responsabile Dipartimento Salute Mentale Responsabile U.F. T.S.M.A. Direttore U.O. Psicologia Coordinatori Infermieristici Sedi Distrettuali Referente del Governo Clinico MMG Team multidisciplinare del PDTA U.O. Sistema Qualità e Relazioni Esterne L originale del presente documento è depositato presso U.F. Ricerca Clinica e Innovazione. Il presente documento è diffuso a tutti su intranet (link: PDTA) e attraverso il programma White Paper visibile attraverso Intranet aziendale. Generalità 2/29

3 Gruppo di lavoro: Aquilini Donatella (Malattie Infettive) Referente medico del percorso Ruggeri Mauro (Referente del Governo Clinico Medicina Generale) Referente medico del percorso Barbetti Monica (Anestesia e Rianimazione) Referente infermieristico del percorso Gecchele Duccio (DEU) Anzalone Giuseppe (U.F. Specialistica) Bonfà Andrea (Anestesia e Rianimazione) Bruni Donatella (Medicina 1 ) Degli Innocenti Roberto (U.O. Analisi Chimico Cliniche) Risaliti Filippo (Medicina 2 ) Orlandi Ilaria (U.O. Radiologia) Mariani Laura (Pneumologia) Scinteie Nicoletta (Pneumologia) Vignoli Ylenia (Medicina 1 ) Feola Nella (Emergenza e accettazione, Osservazione) Cocci Costanza (Assistenza domiciliare infermieristica) Izzo Rosario (Malattie Infettive) De Risi Maria (U.O. Radiologia) Di Domenico Claudia (Geriatria) Moschini Stefania (Medicina 2 ). L osservazione delle raccomandazioni si configura come indicazione e non è necessariamente obbligatoria in quanto le stesse non rappresentano le uniche opzioni disponibili. I redattori del presente documento riconoscono l importanza del giudizio del singolo professionista nell inquadramento e trattamento (clinico/assistenziale) di ciascuna situazione specifica in relazione anche alle necessità individuali dei pazienti e delle nuove acquisizioni culturali. Il presente documento verrà revisionato ogni volta che intervengano sostanziali modifiche organizzative o eventuali variazioni nella normativa cogente o di altri documenti ufficiali presi a riferimento e comunque entro 3 anni dalla data di applicazione. Generalità 3/29

4 SOMMARIO 1. Generalità Riferimenti Abbreviazioni Premessa Percorso Assistenziale Criteri Diagnostici Rappresentazione del percorso assistenziale Setting Territorio Setting Presidio Ospedaliero Registrazione e Allegati...29 Generalità 4/29

5 1. GENERALITÀ Proposito-Obiettivo Generale-Obiettivi Specifici- Indicatori -Campo di applicazione- Applicazione Proposito Obiettivo Generale Obiettivi Specifici Indicatori di processo 1) e 2) Indicatore di Appropriatezza 3) Indicatore Mes 4) Il presente documento ha lo scopo di tracciare il PDTA, uno strumento di riferimento, articolato in un percorso integrato, condiviso, appropriato e contestualizzato, anche ai fini della qualità e della sicurezza per la presa in carico clinico-assistenziale del paziente adulto con polmonite comunitaria (CAP); in esso si riportano gli aspetti organizzativi e gestionali, nonché gli elementi di riferimento sotto forma di protocolli, linee guida e buone pratiche cliniche. Offrire un percorso integrato di qualità e di sicurezza per la presa in carico assistenziale di pazienti con polmonite comunitaria (CAP), in coerenza con le linee guida basate su prove di efficacia disponibili. Nello specifico, l applicazione del PDTA si propone di ottenere i seguenti risultati-obiettivi specifici: - fornire a tutti i sanitari (medici, infermieri,tecnici, e operatori socio sanitari) in modo sintetico e chiaro le procedure diagnostiche e terapeutiche da seguire nella gestione delle persone affette da polmonite acquisita in comunità (CAP) - migliorare i tempi di attesa dell appropriato iter diagnostico-terapeutico, fissando degli standard aziendali - ottimizzare, uniformare e monitorare i livelli di qualità delle cure prestate, attraverso l identificazione di indicatori di processo e di esito e la messa a punto di un sistema di raccolta e analisi dei dati - contribuire a ridurre la variabilità nella pratica clinica, e conseguentemente l efficacia e l appropriatezza degli interventi di cura - migliorare gli aspetti informativi, comunicativi, ed educativi con i pazienti - ottenere una maggiore soddisfazione degli utenti. 1)N di pazienti con polmoniti entrati nel PDTA /N pazienti con polmoniti DRG n : 079 Infezioni e infiammazioni respiratorie, età > 17 con complicanze 080 Infezioni e infiammazioni respiratorie, età > 17 senza complicanze 089 Polmonite semplice e pleurite, età > 17 con complicanze 090 Polmonite semplice e pleurite, età > 17 senza complicanze. 2)N di pazienti presi in carico nel PDTA polmonite dai Medici di Medicina Generale 3)N di pazienti presi in carico nel PDTA polmonite dai Medici di Medicina Generale che non accedono al Pronto Soccorso per polmonite nei quindici giorni successivi all inizio del PDTA/N pazienti presi in carico nel PDTA dai Medici di Medicina Generale che non accedono al Pronto Soccorso per polmonite nei quindici giorni successivi all inizio del PDTA + N pazienti che accedono al Pronto Soccorso per polmonite e che non vengono ricoverati. 4) C11a.4.1 Tasso ospedalizzazione polmonite per residenti (20-74 anni). Generalità 5/29

6 Campo di applicazione Applicazione Il presente documento rappresenta un percorso clinico assistenziale da applicare ai soggetti adulti affetti da polmoniti acquisite in comunità che accedono in questa Azienda USL, e indirizzato a tutte le professioni coinvolte nella diagnosi, trattamento e assistenza, relativamente ad ogni specifico setting. STRUMENTI DI VALUTAZIONE -Sistema di monitoraggio sul livello di applicazione/applicabilità del PDTA nei vari setting nel periodo di riferimento. -Incontri (briefing periodici, audit, mortality e morbidity review, etc) tra i referenti del PDTA ed il rispettivo gruppo professionale per l esame dei risultati e delle criticità emerse. I referenti del PDTA effettueranno periodicamente la revisione del presente documento alla luce dei risultati e di eventuali nuovi bisogni. 2. RIFERIMENTI Intranet Gestione del Rischio Clinico. DGRT 10/R 22/03/2012 Modifiche al decreto del Presidente della Giunta regionale 24 dicembre 2010, n. 61/R (Regolamento di attuazione della legge regionale 5 agosto 2009, n. 51) in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie. I documenti e/o siti di riferimento per la stesura del presente protocollo sono i seguenti: 1) Linee guida IDSA Lionel A. Mandell, Richard G. Wunderink, Antonio Anzueto,Cynthia G Whitney et al. Infectious Diseases Society of America/American Thoracic Society Consensus Guidelines on the Management of Community-Acquired Pneumonia in Adults: CID 2007:44 (Suppl 2) 2) Linee guida BTS Wei Shen Lim, Simon Baudouin, Robert George et al THE British Thoracic Society Guidelines for the management of Community acquired pneumonia in adults Update Thorax Vol 64 Supplement III M. Woodhead, F. Blasi, S. Ewig, G. Huchon, M. Ieven, A. Ortqvist et al. Guidelines for the management of adult lower respiratory tract infections: Eur Respir J 2005;26: ; Mandell LA, Bartlett JG, Dowell SF, File TM Jr, Musher DM, Whitney C; Infectious Diseases Society of America. Update of practice guidelines for the management. of community-acquired pneumonia in immunocompetent adults. Clin Infect Dis 2003;37: ; Fine MJ, Auble TE, Yealy DM, Hanusa BH, Weissfeld LA, Singer DE, et al. A prediction rule to identify low-risk patients with community-acquired pneumonia. N Engl J Med 1997;336: ; Defining community acquired pneumonia severity on presentation to hospital: an international derivation and validation study W S Lim, M M van der Eerden, R Laing, W G Boersma, N Karalus, G I Town, S A Lewis,J T Macfarlane Thorax 2003;58: Decreto Ministero della Sanità del Criteri e requisiti per la codifica degli interventi di emergenza, Diagnosi Infermieristiche. Applicazione alla pratica clinica. Lynda Juall Carpenito-Moyet. Casa Editrice Ambrosiana Riferimenti 6/29

7 Principi fondamentali dell assistenza infermieristica. R.F. Craven e C.J. Hirnle, Casa Editrice Ambrosiana, Protocollo Assistenziale Prelievo di emocoltura da CVC e da vena periferica codice aziendale 01106PTC04 rev. 0. Dichiarazione per donne in età fertile codice aziendale 01142VAR01. Linea guida per il trattamento empirico della polmonite di origine extraospedaliera (CAP) nell adulto Modena, 11 Settembre Delibera Aziendale n. 306 del con oggetto: Presa d atto documento Linee d indirizzo per la realizzazione di un Presidio di continuità Assistenziale (c.d. Cure Intermedie) per intensità di cura. Istruzione operativa Comunicazione con l utenza in Pronto Soccorso codice aziendale 01125IOP05. Triage Intraospedaliero aggiornamento 2012, libretto gruppo formatori di triage della regione toscana. Istruzioni per la raccolta dell escreato cod. az MOD19b. Deliberazione Aziendale n.930 del Approvazione AQA per la Medicina Generale dal e presa d atto proroghe per l anno 2013, ACN Classificazione NIC degli interventi infermieristici, di J. McCloskey Dochterman e G. Bulechek, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, Classificazione NOC dei risultati infermieristici, di Moorhead S., Johnson M., Meridean M., Casa Editrice Ambrosiana, Milano, ABBREVIAZIONI AP = antero-posteriore. LL = Latero-Laterale. BTS = British Thoracic Society. T.S.R.M. = Tecnico sanitario di radiologia medica. 4. PREMESSA La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del torace o ad un quadro ascoltatorio compatibile. Si definisce CAP una polmonite che si manifesta in un paziente non ospedalizzato o ricoverato da meno di ore. La sintomatologia è solitamente caratterizzata dalla comparsa di sintomi legati alla flogosi delle basse vie respiratorie; talvolta però sono presenti soltanto sintomi aspecifici quali astenia, mialgie, dolori addominali anoressia, mal di testa. La mortalità, è di circa l 1% (BTS British Thoracic Society) nei pazienti adulti gestiti a domicilio e raggiunge il 6%- 12% nei pazienti ricoverati in reparto comune e il 50% nei pazienti ricoverati in ICU (unità cure intensive) [Linea guida per il trattamento empirico della polmonite di origine extraospedaliera (CAP) nell adulto - Modena, 11 Settembre 2003]. Abbreviazioni 7/29

8 5. PERCORSO ASSISTENZIALE 5.1. CRITERI DIAGNOSTICI La diagnosi di polmonite si basa sulla presenza di determinati criteri clinici (tabella 1) e sulla presenza di un infiltrato alla radiografia del torace. Ove consentito dalle condizioni cliniche la radiografia del torace deve essere eseguita nelle due proiezioni AP e LL (AP = antero-posteriore; LL = Latero-Laterale). (Tabella 1) Criteri clinici per la diagnosi di polmonite Tosse Espettorato Polso >100 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min Alterata saturazione ossigeno Febbre > 38 C Dolore toracico pleuritico Fremito vocale tattile alterato Riduzione del murmure vescicolare Ottusità plessica Rantoli all auscultazione Maggiore è il numero dei criteri presenti e più alta sarà la probabilità che un paziente presenti un infiltrato polmonare alla radiografia del torace e quindi sia affetto da polmonite. In definitiva comunque, la diagnosi di polmonite non può far esimere il medico da un preciso esame clinico del paziente, anche se la radiografia del torace mantiene una sua importanza sia nella conferma diagnostica che nella valutazione della prognosi. Stratificazione del rischio e attribuzione setting per la gestione del paziente Il medico dopo la diagnosi di polmonite in base alla stratificazione del rischio, alla gravità della malattia e alla mortalità associata, decide il setting più appropriato per la gestione del caso clinico. Il setting può essere: 1) domicilio (trattamento domiciliare) 2) degenza breve (HDU, Osservazione) 3) ricovero ospedaliero in Degenza Medica 4) ricovero ospedaliero in terapia intensiva. La decisione di ricoverare il paziente si basa sulla gravità della malattia e sulla mortalità ad essa associata. Per la stratificazione del rischio sono utilizzati, in campo internazionale, i criteri: - PSI - Pneumonia Severity Index (tabella 2) - CURB-65 (tabella 3). - CRB-65 nel territorio (tabella 4 e 5). Percorso Assistenziale 8/29

9 Lo PSI stratifica i pazienti in 5 classi di rischio in base alla mortalità. Sulla base della mortalità associata i pazienti in classe I e II possono essere trattati a domicilio. I pazienti in classe III dovrebbero essere trattati in reparto di osservazione non HDU o ricoverati presso la Degenza Medica (Medicina 1-2, Geriatria) ed i pazienti in classe IV e V devono essere ricoverati. In maniera simile il punteggio CURB-65, (tabella 3) stratifica i pazienti in base alla gravità della malattia: - i pazienti con punteggio CURB possono essere trattati a domicilio, - i pazienti con punteggio CURB-65 pari a 2 devono essere ricoverati, - i pazienti con punteggio CURB-65 > 3 possibile ricovero in terapia intensiva. Una versione semplificata denominata CRB-65 che non richiede il dosaggio dell urea può essere utilizzata negli ambulatori sul territorio. Se comparato sulla stessa popolazione il punteggio PSI, rispetto al CURB-65, classifica una maggior percentuale di pazienti con CAP nelle classi inferiori, pur mantenendo un simile basso tasso di mortalità nei pazienti classificati a basso rischio. Tabella 2 P.S.I. Pneumonia Severity Index Score Caratteristiche del Paziente Punteggio Età maschi n anni Età femmine n anni -10 Casa di riposo per anziani +10 Neoplasie +30 Epatopatie +20 Insufficienza cardiaca +10 Vasculopatie cerebrali +10 Malattie Renali +10 Stato mentale alterato +20 Frequenza respiratoria 30/min +20 Pressione arteriosa sistolica <90mmHg +20 Temperatura corporea <35 o 40 C +15 Frequenza cardiaca 125/min +10 ph <7, Azotemia 30 mg/dl (11 mmol/l) +20 Sodio <130mmol/L +20 Glucosio 250 mg/dl (14 mmol/l) +10 Ematocrito <30% +10 PO2 <60mmHg +10 Versamento pleurico +10 M.J. Fine et al. A prediction rule to identify low-risk patients withcommunity-acquired pneumonian. Engl. J. Med. 1997; 336: Percorso Assistenziale 9/29

10 (tabella 2.1) P.S.I. Pneumonia Severity Index Score Fine M. et al. A prediction rule to identify low-risk patients with community-acquired pneumonie N. Engl. J. Med. 1997; 336: RISCHIO CLASSE DI RISCHIO PUNTEGGIO SETTING Basso I (assenza comorbidità + assenza reperti di severità) <51 mortalità 0,1% I pazienti in classe I e II possono essere trattati a domicilio. Basso II (mortalità 0,6%) Basso III (mortalità 0,9%) I pazienti in classe III dovrebbero essere trattati in reparto di osservazione non HDU o presso la Medicina 1 e 2 (DSPO). Medio IV (mortalità 9,35%) Elevato V >130 (mortalità 26,7%) I pazienti in classe IV e V devono essere ricoverati. Note: Per il calcolo del PSI è possibile utilizzare schemi automatici reperibili in rete. es. da inserire su firstaid e su altri programmi cartella clinica integrata informatizzata). (tabella 3) CURB-65 Score CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE Punteggio Stato mentale alterato 1 Urea plasmatica >19 mg/dl 1 Frequenza respiratoria >30 atti /min 1 Pressione sistolica <90 o 1 diastolica <60 mmhg Età > 65 anni 1 Totale Punteggio/Setting 0-1 possono essere trattati a domicilio pari a 2 devono essere ricoverati > 3 Devono essere ricoverati con possibile ammissione in terapia intensiva. (da inserire su firstaid e su altri programmi cartella clinica integrata informatizzata). Percorso Assistenziale 10/29

11 Defining community acquired pneumonia severity on presentation to hospital: an international derivation and validation study W S Lim, M M van der Eerden, R Laing, W G Boersma, N Karalus, G I Town, S A Lewis,J T Macfarlane Thorax 2003;58: Il medico della struttura organizzativa del Presidio Ospedaliero nella decisione di inviare a domicilio il paziente valuta anche i seguenti fattori: 1. Capacità di assumere la terapia orale 2. Probabilità di aderenza alla terapia 3. Storia di abuso di sostanze 4. Deficit cognitivi 5. Condizioni sociali di vita 6. Stato funzionale del paziente 7. Precedente fallimento della terapia empirica orale. I criteri sopra riportati devono far parte della decisione di ospedalizzare il paziente ma non devono sostituire il giudizio clinico. Il medico della struttura organizzativa del Presidio Ospedaliero rivaluta il paziente e se necessario richiede la consulenza del medico dell Anestesia e Rianimazione e/o del medico delle Malattie Infettive. Percorso Assistenziale 11/29

12 SETTING TERRITORIO CRB-65. Gli Autori della CURB-65 hanno in seguito elaborato e validato un modello simile, utilizzabile nell ambito della Medicina Generale al momento della visita del paziente, basato esclusivamente su variabili cliniche, indicato con l acronimo CRB-65. Esso si basa sull individuazione degli stessi elementi del CURB-65, con la sola esclusione dell'azotemia; alla presenza di ciascun segno clinico viene assegnato un punto, in modo da creare uno strumento a 5 punti (da 0 a 4), vedi Tabella 4 Indicatori di Gravità (CRB-65). L applicazione del CRB-65 permette di dividere i pazienti con CAP in 3 Gruppi Prognostici in base al punteggio: ad ognuno di essi corrisponde una diversa mortalità a 30 giorni e differenti necessità di assistenza, così come schematizzato nella Tabella 5 Indicatori Prognostici (CRB-65). Tabella 4 INDICATORI DI GRAVITA del paziente in ambito Territoriale (CRB-65). Tabella 5 - INDICATORI PROGNOSTICI (CRB-65). Il medico di Medicina Generale decide in base a un accurata valutazione della gravità della malattia all esordio e della probabile prognosi. Il medico di Medicina Generale deve considerare: - le eventuali patologie associate come: BPCO, bronchiectasie, neoplasie, diabete mellito, insufficienza renale, scompenso cardiaco congestizio, patologia epatica cronica, abuso cronico di alcool, patologia cerebrovascolare, pregressa splenectomia - malnutrizione o difficoltà ad alimentarsi per os, - ospedalizzazione nell anno precedente. Oltre ai criteri clinici possono orientare verso il ricovero in ospedale anche: - i problemi socio assistenziali, logistici - la scarsa affidabilità del paziente e/o dei familiari. In ultimo è importante ricordare che nessuno score può classificare categoricamente tutti i pazienti entro precise classi di rischio né può sostituire il giudizio clinico. Il medico di Medicina Generale effettua la prima visita al paziente, in ambulatorio o a domicilio. Il medico esegue: la diagnosi di sospetta CAP, sulla base dei criteri clinici per la diagnosi di polmonite (Tabella 1) la valutazione degli indicatori di gravità (tabella 4) e degli indicatori prognostici (tabella 5) la valutazione patologie associate le valutazioni logistiche e/o socio-assistenziali. Percorso Assistenziale 12/29

13 (Tabella 1) Criteri clinici per la diagnosi di polmonite Tosse Espettorato Polso >100 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min Alterata saturazione ossigeno Febbre > 38 C Dolore toracico pleuritico Fremito vocale tattile alterato Riduzione del murmure vescicolare Ottusità plessica Rantoli all auscultazione VALUTAZIONE DEL PAZIENTE Se il paziente rientra nella classe di rischio III o sono presenti importanti comorbilità o comunque sussistono significativi problemi logistici/socioassistenziali viene proposto il ricovero. Se il paziente rientra nella classe di rischio II si può ipotizzare una terapia domiciliare ma è necessario per meglio classificarne il rischio far eseguire la radiografia del torace 2P e i seguenti esami ematochimici: glicemia, azotemia, creatinina, emocromo, PCR, ALT, AST, Na, K. Se il paziente rientra nella classe di rischio I, si intendono sufficienti i soli criteri clinici per porre la diagnosi di polmonite (Tabella 1). Quindi se non sono presenti comorbilità né problemi logistici/socio-assistenziali il paziente può essere trattato a domicilio anche senza eseguire Rx torace ed esami ematochimici. LUOGO DI CURA Ricovero Domicilio o Ospedale Domicilio Percorso Assistenziale 13/29

14 6. RAPPRESENTAZIONE DEL PERCORSO ASSISTENZIALE 6.1. SETTING TERRITORIO Medico MG visita il pz e sospetta polmonite acquisita in comunità (CAP) tab.1 anamnesi ed esame obiettivo Medico MG stratifica rischio con CRB-65 e valuta il paziente (Tabella 1) Criteri clinici per la diagnosi di polmonite Tosse Espettorato Polso >100 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min Alterata saturazione ossigeno Febbre > 38 C Dolore toracico pleuritico Fremito vocale tattile alterato Riduzione del murmure vescicolare Ottusità plessica Rantoli all auscultazione Polmonite Classe di rischio III (CRB 65 = 3-4) Polmonite Classe di rischio II (CRB 65 = 1-2) Polmonite Classe di rischio I (CRB 65 = 0) Medico MG invia il pz in Ospedale Deu: -118 Centrale Operativa - Emergenza e accettazione Medico MG rivaluta il pz con referti rx torace ed esami ematochimici Medico MG predispone Trattamento Domiciliare Rappresentazione del percorso assistenziale 14/29

15 Medico MG visita il pz e sospetta polmonite acquisita in comunità (CAP) tab.1 anamnesi ed esame obiettivo Il medico di MG visita il paziente in ambulatorio o a domicilio, sospetta la diagnosi di CAP basandosi su anamnesi ed esame obiettivo (Tabella 1 Criteri clinici per la diagnosi di polmonite). Medico MG stratifica rischio con CRB-65 e valuta il paziente Il medico MG stratifica rischio con CRB-65 (vedi setting territorio). Tabella 4 INDICATORI DI GRAVITA del paziente in ambito Territoriale (CRB-65). Tabella 5 - INDICATORI PROGNOSTICI (CRB-65). Polmonite Classe di rischio I (CRB 65 = 0) Il medico MG in caso di paziente con polmonite classe di rischio I (CRB 65 = 0), dove non sono presenti comorbilità né problemi logistici/socio-assistenziali, predispone il trattamento domiciliare al paziente anche senza eseguire Rx torace ed esami ematochimici. Medico MG predispone Trattamento Domiciliare TERAPIA Proposta di strategie terapeutiche domiciliari Amoxicillina + Acido clavulanico 1cp x 3 per os die, per 5-7 giorni, oppure se il trattamento per os non è possibile o sono presenti patologie concomitanti ceftriaxone 1 g i.m. die o anche 1 g i.m. x 2 die secondo il giudizio clinico, + Claritromicina 500 mg 1 cp x 2 per 8 giorni; in caso di allergia o intolleranza ai beta lattamici o se sono presenti problemi di compliance levofloxacina 500 mg die. Il medico MMG valuta la possibilità di richiedere l assistenza infermieristica domiciliare. Polmonite Classe di rischio II (CRB 65 = 1-2) Il medico MG in caso di paziente con polmonite classe di rischio II (CRB 65 = 1-2) può ipotizzare una terapia domiciliare ma è necessario per meglio classificarne il rischio far eseguire la radiografia del torace 2P e i seguenti esami ematochimici: glicemia, azotemia, creatinina, emocromo, PCR, ALT, AST, Na, K. Gli esami ematochimici e il rx torace sono da effettuare presso le strutture del Servizio Sanitario Nazionale o altre strutture accreditate. Medico MG rivaluta il pz con referti rx torace ed esami ematochimici Vedi Criteri Diagnostici setting territorio. Rappresentazione del percorso assistenziale 15/29

16 Polmonite Classe di rischio III (CRB 65 = 3-4) Il medico MG in caso di paziente con polmonite classe di rischio III (CRB 65 = 3-4) propone il ricovero al paziente. Medico MG invia il pz in Ospedale Deu:-118 Centrale Operativa -Emergenza e accettazione Il medico MG in caso di paziente con polmonite classe di rischio III (CRB 65 = 3-4) o con classe di rischio I-II con importanti comorbilità o comunque con significativi problemi logistici/socio-assistenziali comprendenti anche la scarsa affidabilità del paziente e/o dei familiari propone il ricovero al paziente e quindi invia il paziente in Ospedale DEU: Centrale Operativa - Emergenza e accettazione. Rappresentazione del percorso assistenziale 16/29

17 6.2. SETTING PRESIDIO OSPEDALIERO Infermiere di Triage Accoglie valuta e attribuisce codice colore di gravità al pz Medico Emergenza e accettazione visita pz e sospetta polmonite tab.1 Medico Emergenza e accettazione prescrive: 1)Esami Ematochimici 2)EGA 3) Rx Torace se possibile 2 proiezioni AP e LL per infiltrato Infermiere Emerg. - incannula vaso venoso - esegue prelievo venoso e prelievo EGA - esegue ECG - fa il monitoraggio segni e sintomi (Tabella 1) Criteri clinici per la diagnosi di polmonite Tosse Espettorato Polso >100 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min Alterata saturazione ossigeno Febbre > 38 C Dolore toracico pleuritico Fremito vocale tattile alterato Riduzione del murmure vescicolare Ottusità plessica Rantoli all auscultazione U.O. Radiologia Tecnico esegue Rx Torace se possibile proiezioni AP e LL Medico referta RX Torace No Diagnosi polmonite? vedi tab.1 Altro percorso Sì Medico Emergenza e accettazione stratifica rischio con PSI score o CURB-65 Importante Nei casi di Polmonite a Rischio intermedio e Grave l inizio più precoce possibile del trattamento antibiotico è raccomandato ai pazienti con particolare complessità, e comunque, dopo aver prelevato almeno 2 emocolture per anaerobi e per aerobi. Polmonite a Basso rischio (PSI I-II classe o CURB-65 = 0-1) Medico valuta presenza fattori: 1. Capacità di assumere la terapia orale 2. Probabilità di aderenza alla terapia 3. Storia di abuso di sostanze 4. Deficit cognitivi 5. Condizioni sociali di vita 6. Stato funzionale del paziente 7. Precedente fallimento terapia empirica orale. Possibilità di Consulenza Infettivologica-Pneumologica Invio a domicilio con indicazioni al Medico MG per la terapia empirica e follow-up Polmonite a Rischio intermedio (PSI III-IV classe o CURB-65 = 2-3) Eventuale anticipo prelievi di emocolture pre-ricovero Ricovero in Degenza Breve Osservazione/ HDU (tabella 8) Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici Eventuale consulenza infettivologica o pneumologica pre-dimissione Invio a domicilio Polmonite Grave (PSI V classe o CURB-65 >3) Ricovero in Degenza Ordinaria (tabella 8) Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici Eventuale consulenza infettivologica o pneumologica predimissione. Invio a domicilio Consulenza Rianimatoria Rappresentazione del percorso assistenziale 17/29 DEA Solo per PZ da ricoverare in T.I. Emocolture + Somm.ne 1 dose antibioticoterapia Ricovero in Terapia Intensiva

18 Importante Nei casi di Polmonite a Rischio intermedio e Grave l inizio più precoce possibile del trattamento antibiotico è raccomandato ai pazienti con particolare complessità, e comunque, dopo aver prelevato almeno 2 emocolture per anaerobi e per aerobi. Operazioni SETTING Presidio Ospedaliero Infermiere di Triage Accoglie valuta e attribuisce codice colore di gravità al pz L infermiere di triage: - accoglie il paziente - valuta e attribuisce codice colore di gravità al paziente secondo la tabella seguente. Assenza o compromissione ABCD (segni di ostruzione delle vie aeree e/o di distress respiratorio acuto) Problema principale: DIFFICOLTA RESPIRATORIA ROSSO Dispnea associata a: Indicatori clinici d urgenza Dolore toracico severo o tipico per Cardiopatia Ischemica Emoftoe Trauma toracico recente Possibile esposizione a monossido di carbonio Esposizione ad agenti irritanti GIALLO Fattori di rischio per embolia polmonare Malattie neuromuscolari Anamnesi positiva per BPCO/cardiopatia Storia di TBC associata a tosse in atto Rash cutaneo diffuso Palpitazione / sincope Alterazioni di: Sat O2 in aria, PA, TC, FC Dispnea in atto (oggettivabile) in assenza degli indicatori di VERDE urgenza aspecifici e di priorità Dispnea in atto (non oggettivabile) assenza di indicatori AZZURRO d urgenza e di priorità PV nella norma Dispnea non in atto in assenza di indicatori d urgenza e di BIANCO priorità PV nella norma (Triage Intraospedaliero aggiornamento 2012, libretto gruppo formatori di triage della regione toscana). Rappresentazione del percorso assistenziale 18/29

19 Medico Emergenza e accettazione visita pz e sospetta polmonite tab.1 Il medico Emergenza e accettazione visita il paziente e esegue anamnesi e sospetta polmonite in base ai criteri riportati in tabella 1. (Tabella 1) Criteri clinici per la diagnosi di polmonite Tosse Espettorato Polso >100 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min Alterata saturazione ossigeno Febbre > 38 C Dolore toracico pleuritico Fremito vocale tattile alterato Riduzione del murmure vescicolare Ottusità plessica Rantoli all auscultazione Maggiore è il numero dei criteri presenti e più alta sarà la probabilità che un paziente con febbre e sintomi respiratori presenti un infiltrato polmonare alla radiografia del torace e quindi sia affetto da polmonite (vedi Criteri Diagnostici). Medico Emergenza e accettazione prescrive: 1)Esami Ematochimici 2)EGA 3) Rx Torace se possibile 2 proiezioni AP e LL per infiltrato Medico Emergenza e accettazione prescrive: 1) Esami Ematochimici che comprendono: emocromo con formula, azotemia, creatinina, glicemia, Na e K elettroliti sierici, AST, ALT, PCR, LDH, CK. 2) EGA 3) Rx Torace, se possibile 2 proiezioni AP (antero posteriore) LL (latero laterale). Infermiere Emergenza e accettazione: - incannula vaso venoso - esegue prelievo venoso e prelievo EGA - esegue ECG - fa il monitoraggio segni e sintomi L infermiere Emergenza e accettazione: - incannula vaso venoso - esegue prelievo venoso e prelievo EGA - esegue ECG - fa il monitoraggio dei segni e dei sintomi. Queste prestazioni possono essere anticipate alla fase di triage. Rappresentazione del percorso assistenziale 19/29

20 U.O. Radiologia Tecnico esegue Rx Torace se possibile proiezioni AP e LL Medico referta RX Torace Matrice delle attività del percorso assistenziale in U.O. Radiologia ATTIVITA ATTORE Riceve la chiamata telefonica dal medico del PS per richiesta Torace a letto in paziente non trasportabile e comunica al tecnico sanitario di radiologia Medico Radiologo medica (T.S.R.M) la sala dove recarsi per eseguire l esame. Il T.S.R.M. si reca nella sala del PS con l apparecchio portatile ed esegue Tecnico sanitario l Rx del Torace a letto al paziente in un unica proiezione AP supina. di radiologia medica (T.S.R.M) Eseguita l Rx il T.S.R.M. ritorna in reparto ed elabora l esame (lo completa, lo archivia nel PACS e lo porta al medico). T.S.R.M. Valuta le immagini dal PACS e referta l esame. Medico Radiologo Se il paziente è trasportabile arriva dal PS in radiologia e viene messo nella sala di diagnostica per l esecuzione dell esame. Infermiere/O.O.S. Il T.S.R.M. esegue l Rx del Torace: Se il paziente è collaborante e riesce a stare in piedi la radiografia viene T.S.R.M. effettuata nelle due proiezioni standard PA e LL. Se il paziente non è collaborante si esegue in barella nella sola proiezione T.S.R.M. AP supina. Eseguita l Rx il T.S.R.M. elabora l esame (lo completa, lo archivia nel T.S.R.M. PACS e lo porta al medico). Visualizza e valuta le immagini dal PACS e referta l esame completo della Medico Radiologo valutazione della presenza o assenza di infiltrato. In un paziente con sospetto clinico-laboratoristico di polmonite, quando viene richiesta una radiografia del torace se il paziente non è trasportabile il TSRM avvertito telefonicamente, si reca al letto del paziente nella sala visita del PS per eseguire il radiogramma con apparecchio RX portatile. Posiziona la cassetta radiografica sotto la schiena del paziente,controlla se nella cassetta rientrano tutte le strutture del torace,inserisce i dati per eseguire la radiografia e infine, prima di scattare si assicura che nelle vicinanze non ci sia nessuno. In tal caso il radiogramma viene eseguito nell unica proiezione AP supina.una volta fatta la radiografia, il T.S.R.M. riporta la cassetta radiografica in radiologia ed elabora le immagini (lo completa, lo archivia nel PACS e lo porta al medico). Il medico valuta le immagini dal PACS e referta l esame completo della valutazione della presenza o assenza di infiltrato. Se il paziente è stabile e può essere trasportato in radiologia viene accompagnato dal personale O.S.S. del PS nella sala d attesa della radiologia dove, se in orario diurno, viene accolto dal personale infermieristico. Arrivato il turno del paziente, in base al codice assegnato dal triage di accettazione al momento dell arrivo al PS, viene accompagnato nella sala diagnostica dove il tecnico esegue l esame o nelle 2 proiezioni standard se il paziente è in grado di stare in piedi da solo o nell unica proiezione AP supina. Prima dell esecuzione dei radiogrammi (RX torace) il tecnico fa firmare il modulo dichiarazione per donne in età fertile codice aziendale 01142VAR01 riguardante la dichiarazione di non essere in stato di gravidanza. Rappresentazione del percorso assistenziale 20/29

21 Inoltre al fine di migliorare la qualità diagnostica dei radiogrammi prima della loro esecuzione il torace deve essere liberato da tutti i monili e gli indumenti che contengano componenti radioopache che potrebbero simulare patologia (ad esempio bottoni che possono simulare noduli polmonari) o coprire parte del torace stesso (ad esempio medaglioni). Qualora il paziente venga trasportato tramite carrozzina e sia in grado di mantenersi in ortostatismo vengono eseguite le due proiezioni PA e LL. Qualora invece il paziente si dichiari non in grado di mantenere la posizione eretta (ad esempio per l insorgenza di lipotimia) o venga trasportato in barella il radiogramma del torace viene eseguito nell unica proiezione AP ottenuta in posizione supina. Il TSRM esegue il/i radiogrammi e provvede alla stampa delle lastre ed all archiviazione delle immagini. Successivamente consegna al medico di turno l esame per la refertazione. Il radiologo di turno previa valutazione del/dei radiogrammi scrive e stampa il referto. Il personale OS ritira le lastre ed il referto e li consegna al medico richiedente assieme al paziente qualora il radiogramma sia stata eseguito nella diagnostica dedicata. Il tempo previsto per l esecuzione e la refertazione dell esame RX torace varia a seconda del flusso di urgenze. Tale tempo generalmente è compreso fra 20 minuti ed 1 ora rimanendo comunque sempre di molto inferiore alle 4 ore raccomandate dalla letteratura per l inizio della terapia antibiotica. Diagnosi polmonite vedi tab.1 Il medico Emergenza e accettazione valuta i referti delle indagini diagnostiche eseguite e conferma o no la diagnosi di polmonite (vedi tabella 1 Criteri clinici per la diagnosi di polmonite vedi Criteri Diagnostici). Medico Emergenza e accettazione stratifica rischio con PSI score o CURB-65 Il medico Emergenza e accettazione stratifica rischio mediante PSI score o CURB-65 (vedi Criteri Diagnostici). Il medico Emergenza e accettazione dopo la conferma della diagnosi di polmonite in base alla stratificazione del rischio, alla gravità della malattia e alla mortalità associata, decide il setting più appropriato per la gestione del caso clinico. Il setting può essere: 1) domicilio 2) degenza breve (HDU, Osservazione) 3) ricovero ospedaliero in Degenza Medica 4) ricovero ospedaliero in terapia intensiva. Rappresentazione del percorso assistenziale 21/29

22 Polmonite a Basso rischio (PSI I-II classe o CURB-65 = 0-1) Medico valuta presenza fattori 1. Capacità di assumere la terapia orale 2. Probabilità di aderenza alla terapia 3. Storia di abuso di sostanze 4. Deficit cognitivi 5. Condizioni sociali di vita 6. Stato funzionale del paziente 7. Precedente fallimento terapia empirica orale. Possibilità di Consulenza Infettivologica -Pneumologica Invio a domicilio con indicazioni al Medico MG per la terapia empirica e follow-up Il medico Emergenza e accettazione insieme all infermiere informano adeguatamente il paziente ed i suoi familiari, sulla gestione della patologia a domicilio. Il medico Emergenza e accettazione insieme all infermiere rilascia la scheda dell Emergenza e accettazione comprendente: 1) Raccomandazioni: riposo, evitare di fumare, assumere adeguate quantità di liquidi (specialmente se polmoniti febbrili). 2) Terapia antibiotica empirica (tabella 6). (tabella 6) Schema antibioticoterapia domiciliare Paziente senza comorbidità o recente uso di antibiotici. Soggetti con allergia alle betalattamine e antigene urinario pneumococco negativo. Amoxicillina + ac.clavulanico 1 gr ogni 8 ore per os per 5-7 gg o fino a ore di apiressia. Azitromicina 500 mg/die per 3 gg per os Claritromicina 500 mg ogni 12 ore per 5-7 gg o fino a ore di apiressia Doxciclina 100 mg 1 compressa ogni 12 ore per 5-7 gg o fino a ore di apiressia. Soggetti con allergia alle betalattamine e antigene urinario pneumococco positivo. Soggetti con comorbidità o recente uso di antibiotici* Note * paziente con età > 65aa, alcolismo, comorbidità mediche (es BPCO, malattia epatica, IRC, neoplasia, asplenia, cardiopatia), condizioni di immunodepressione, assunzione di antibiotici negli ultimi 3-6 mesi. Moxifloxacina 400 mg/die per os per 5 gg Levofloxacina 500 mg/die per os per 5 gg. Moxifloxacina 400 mg/die per os per 5 gg Levofloxacina 500 mg/die per os per 5 gg Amoxicillina + ac clavulanico 1 gr ogni 8 ore per os per 5-7 gg Ceftriaxone 2 gr /die im per 5-7 gg Ceftriaxone 2 gr /die im per 5-7 gg + Claritromicina 500 mg ogni 12 ore per 5-7 gg o fino a ore di apiressia. Rappresentazione del percorso assistenziale 22/29

23 3) Follow- up affidato al MMG nella scheda rilasciata al paziente si riaffida alle cure del Medico MG. Il Medico MG stabilirà ove opportuno il controllo della radiografia del torace, raccomandato dopo 4-6 settimane dalla risoluzione dei sintomi. In caso di mancata risposta dopo 3 gg di terapia il medico curante, in base alle condizioni cliniche, può indirizzare il paziente, previo appuntamento telefonico, agli ambulatori di Malattie Infettive o di Pneumologia o inviare il paziente in DEA (in DEA solo in presenza di repentino aggravamento). La durata del trattamento antibiotico domiciliare non deve essere inferiore ai 5 gg (in genere 5-7 gg). Prima della cessazione della terapia il paziente deve essere apiretico per ore e giudicato clinicamente stabile (vedi tabella 7). (tabella 7) Criteri per la stabilità clinica Temperatura < 37.5 C Frequenza cardiaca < 100 bpm Frequenza respiratoria < 24 atti/min Pressione sistolica > 90 mmhg Saturazione > 90% o PAO2 >60 mmhg in aria ambiente Normale stato mentale Capacità di bere e nutrirsi Polmonite a Rischio intermedio (PSI III-IV classe o CURB-65 = 2-3) Eventuale anticipo prelievi di emocolture pre-ricovero Il medico Emergenza e accettazione in caso di Polmonite a Rischio intermedio (PSI III-IV classe o CURB-65 = 2-3) valuta il setting di ricovero di Degenza Medica più pertinente o Osservazione/HDU ed eventualmente anticipa prelievi di emocolture. L infermiere esegue i prelievi di emocoltura. I pazienti che richiedono ricovero ospedaliero devono essere sottoposti ad esami per la diagnosi eziologica (tabella 8). Rappresentazione del percorso assistenziale 23/29

24 (tabella 8) Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici Indicazione Emocoltura Coltura escreato Ricovero in terapia intensiva Eventualmente prima di ogni ricovero Fallimento della terapia empirica domiciliare Infiltrato cavitario X X Antigene urinario Legionella Antigene urinario Pneumococco X X X X 2 X X X Leucopenia X X Altro Colturale su aspirato tracheale o BAL Colture per miceti e TBC Abuso di alcool X X X X Epatopatia cronica grave Grave pneumopatia Asplenia (anatomica o funzionale) Recente viaggio (entro 2 settimane) Antigene urinario legionella positivo Antigene urinario pneumococco positivo Versamento pleurico X X X X X X X X X X X X X Coltura su liquido pleurico da toracentesi Rappresentazione del percorso assistenziale 24/29

25 Ricovero in Degenza Breve Osservazione/HDU (tabella 8) Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici Eventuale consulenza infettivologica o pneumologica pre-dimissione Invio a domicilio Il medico Emergenza e accettazione stratificato rischio mediante PSI score o CURB-65. Il medico Emergenza e accettazione verificato la presenza di polmonite con profilo di rischio intermedio (classe III PSI o punteggio CURB-65 = 2) predispone il ricovero in Osservazione/HDU se il pz presenta probabilità di buona risposta clinica senza comorbidità che richiedono ricovero ospedaliero. Le finalità del ricovero in Degenza Breve sono: 1. Valutazione più approfondita dell infezione 2. Valutazione e trattamento di condizioni cliniche concomitanti 3. Verifica della risposta iniziale al trattamento 4. Esclusione di diagnosi alternative. Il medico dell Osservazione/HDU durante e al termine del periodo di osservazione (max. 72 ore) rivaluta il paziente: - attua la dimissione quando presenta stabilità clinica (tabella 7), è in grado di assumere la terapia orale e può essere inviato a domicilio e-o in un ambiente sicuro ed affidato al medico curante per la prosecuzione della terapia. (tabella 7) Criteri per la stabilità clinica Temperatura < 37.5 C Frequenza cardiaca < 100 bpm Frequenza respiratoria < 24 atti/min Pressione sistolica > 90 mmhg Saturazione > 90% o PAO2 >60 mmhg in aria ambiente Normale stato mentale Capacità di bere e nutrirsi - eventualmente richiede la consulenza infettivologica o pneumologica se il paziente presenta particolari criticità legate alla polmonite per un eventuale presa in carico (ricovero ospedaliero o follow-up ambulatoriale) - ricovera il pz in reparto di degenza o UTI quando non presenta stabilità clinica (tabella 7), o altro PSI score o CURB-65. Rappresentazione del percorso assistenziale 25/29

26 INFERMIERE tabella 9 L infermiere esegue: 1. la rivalutazione infermieristica con accertamento mirato anche in base alla situazione evidenziata nella scheda di continuità assistenziale (se presente) 2. l enunciazione delle diagnosi infermieristiche e l attuazione del piano assistenziale (Allegato 1 Piano assistenziale infermieristico) 3. il monitoraggio segni e sintomi di complicanze potenziali (problemi collaborativi, Allegato 1 Piano assistenziale infermieristico) correlate al quadro clinico, alla terapia e agli accertamenti diagnostici 4. la valutazione dei risultati attesi 5. la compilazione della cartella infermieristica fin dalla presa in carico consentirà di individuare precocemente eventuali elementi che caratterizzano una dimissione difficile. 6. la compilazione della scheda di continuità assistenziale PDTA cod. az MOD02 che segue il paziente sia in caso di ospedalizzazione che in caso di dimissione con necessità di continuità assistenziale. Ricovero in Degenza Ordinaria (tabella 8) Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici Eventuale consulenza infettivologica o pneumologica pre-dimissione. Invio a domicilio Ricoverato il paziente in reparto di Degenza Medica (Medicina 1-2, Geriatria) il personale infermieristico sulla base dei dati dell Emergenza e accettazione completa l accertamento infermieristico. L infermiere rileva i parametri vitali: PA, FC, saturazione, temperatura. In caso di saturazione < 90 mmhg l infermiere avverte il medico e se richiesto esegue EGA. Il medico visita il paziente, valuta la documentazione inviata dal DEA, raccoglie l anamnesi, compila la cartella e dispone l esecuzione di EGA seriate, se necessario. Il medico, valutando gli esami effettuati all Emergenza e accettazione seguendo la tabella 8 Indicazioni cliniche per l esecuzione di test diagnostici, sottopone il paziente a test per la diagnosi eziologia prima dell inizio del trattamento antibiotico e così dispone l esecuzione di esami diagnostici: a) emocolture (vedi riferimenti) b) antigene urinario Legionella e/o Pneumococco (se non eseguiti in DEA) c) coltura per germi comuni su escreato (vedi riferimenti) d) PCR, emocromo, Procalcitonina (Procalcitonina se paziente critico). Inoltre il medico valuta se richiedere Tc torace, e previa consulenza pneumologica eventuale toracentesi e/o broncoscopia con BAL. Il medico prescrive la terapia antibiotica su base empirica (tabella 6 Schema antibioticoterapia) e sulla eventuale positività degli antigeni ed eventuale ossigenoterapia (se necessaria). In caso di terapia e.v., il passaggio alla terapia per os, deve essere fatto in presenza di: 1. conta leucocitaria che si sta normalizzando 2. due valori di temperatura corporea <37,5 C a distanza di 16 ore 3. miglioramento clinico (tosse e dispnea) 4. stabilità emodinamica. Rappresentazione del percorso assistenziale 26/29

27 Il paziente deve essere inoltre in grado di assumere la terapia orale e presentare normale funzione dell apparato gastrointestinale. Durante i giorni seguenti il medico rivaluta clinicamente il paziente, valuta le risposte del laboratorio, dispone eventuali approfondimenti diagnostici, e rivaluta la terapia su base clinica e in relazione agli esiti degli esami diagnostici richiesti. In caso di instabilità clinica chiama il consulente rianimatore. Il medico dispone la dimissione del paziente in caso di risposta clinica soddisfacente quando si presenta clinicamente stabile (tabella 7), non presenta comorbidità che controindicano la dimissione e può essere inviato in un ambiente sicuro per la prosecuzione della terapia. (tabella 7) Criteri per la stabilità clinica Temperatura < 37.5 C Frequenza cardiaca < 100 bpm Frequenza respiratoria < 24 atti/min Pressione sistolica > 90 mmhg Saturazione > 90% o PAO2 >60 mmhg in aria ambiente Normale stato mentale Capacità di bere e nutrirsi Eventuale consulenza infettivologica o pneumologica pre-dimissione. Prima della dimissione non è richiesta la risoluzione dei sintomi specifici di malattia (tosse, affaticabilità, espettorazione, dolore toracico) che in molti casi richiedono oltre 30 giorni. Il paziente dimesso dopo ricovero ospedaliero è riaffidato al Medico Curante. Dimissione: il Medico dà indicazione al paziente e ai familiari di questo riguardo al follow up successivo, redige la lettera di dimissione ed in questa descrive l andamento clinico, riporta gli esami diagnostici, le terapie eseguite, le eventuali criticità sopravvenute. Prescrive, ove necessario, i farmaci antimicrobici da continuare a domicilio, precisandone il dosaggio,la frequenza e la durata e ne predispone il ritiro presso la Farmacia Interna. Prescrive gli eventuali esami ematochimici da eseguire e gli eventuali esami radiologici di controllo. L eventuale rx torace di controllo per documentare la risoluzione del quadro non dovrebbe essere eseguita prima di 4-6 settimane dalla dimissione. L infermiere vedi tabella 9. Polmonite Grave (PSI V classe o CURB-65 >3) Il Medico Emergenza e accettazione stratifica rischio mediante PSI score o CURB-65. Il Medico Emergenza e accettazione valuta il paziente se ha: - polmonite Grave cioè con PSI V classe o CURB-65 >3 - polmonite grave con instabilità cardiorespiratoria e metabolica, con shock settico, che richiede terapia con farmaci vasoattivi, o insufficienza respiratoria, che richiede intubazione oro-tracheale e ventilazione meccanica - ph < 7,25 - instabilità cardiocircolatoria - situazione metabolica scompensata. Rappresentazione del percorso assistenziale 27/29

28 In caso positivo, dato che il ricovero in terapia intensiva è comunque subordinato alla consulenza rianimatoria, il Medico Emergenza e accettazione avverte il Medico Rianimatore. Consulenza Rianimatoria Il medico rianimatore esegue la valutazione clinica e decide sul ricovero in rianimazione. Il ricovero in Terapia Intensiva è raccomandato in pazienti con almeno tre criteri minori per polmonite grave (tabella 10.) (tabella 10) Criteri per la definizione di polmonite grave Criteri minori Criteri maggiori Frequenza respiratoria >30 atti/min. Ventilazione meccanica Rapporto PaO2/FIO2 < 250 invasiva Infiltrato multi lobare Shock settico Confusione / disorientamento Azotemia > 20 mg/dl Leucopenia (WBC < 4000 /mm3) Piastrinopenia (PLT < /mm3) Ipotermia (< 36 C) Ipotensione persistente dopo adeguata infusione di liquidi DEA Solo per PZ da ricoverare in T.I. Emocolture Somm.ne 1 dose antibioticoterapia Test specifici come le emocolture (comprese nel pannello degli esami disponibili in DEA) così come la prima dose di antibioticoterapia, possono essere differiti a dopo il ricovero del paziente, ad eccezione dei casi che richiedono ricovero in Terapia Intensiva. Il medico Emergenza e accettazione prescrive l esame e la 1 dose della terapia antibiotica, l infermiere esegue i prelievi di emocoltura e la somministrazione della terapia antibiotica prescritta. Ricovero in Terapia Intensiva In caso di ricovero presso Anestesia e Rianimazione del presidio ospedaliero di Prato, il paziente viene preso in carico dallo staff medico e infermieristico di turno e sottoposto ai trattamenti ed ai monitoraggi indicati e disponibili. Il personale medico e infermieristico dell Anestesia e Rianimazione gestirà il paziente secondo le linee guida e le raccomandazioni. Il Medico richiederà, ove lo ritenga necessario, le consulenze specialistiche, al fine di ottimizzare il management clinico. Al termine del trattamento intensivo in rianimazione, il medico rianimatore trasferisce il paziente in reparto Medico o chirurgico (ove necessario), previo accordo con i Colleghi Medici del reparto di accoglienza. In caso di necessità di assistenza ventilatoria cronica il rianimatore affiderà il paziente a strutture di lungodegenza interne o esterne convenzionate, previo accordo con i Colleghi Medici di suddette strutture. Lettera di dimissione dall Anestesia e rianimazione per il trasferimento del pz. L infermiere vedi tabella 9. Rappresentazione del percorso assistenziale 28/29

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute Primo soccorso.pronto Soccorso Relatori:dr. F. Diana dr. E. Rossi UOC Pronto Soccorso e Accettazione Data: 12 marzo 2014 Aula Piccolotto- Feltre Quando trovi questo

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a:

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: sospetta ipertensione arteriosa secondaria ipertensione resistente ipertensione in gravidanza

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze S. Nutini, S. Checcacci, R. Abbate, A. Corrado, A. Morettini, C. Nozzoli, C. Neri Azienda

Dettagli

Il recupero funzionale del cardiopatico

Il recupero funzionale del cardiopatico XVIII CONVEGNO NAZIONALE GERIATRICO Dottore Angelico 11-12-13 giugno 2015 - Cassino Il recupero funzionale del cardiopatico Matteo Grezzana Marina Lugarà Elisa Maya Boldo UOC Geriatria Attuale mission

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911 POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA Dr. Andrea Cai Responsabile U.O. Pronto Soccorso-Med.Urg. Ospedale Pistoia «L amica dell anziano» una malattia «acuta, breve e spesso non dolorosa» che aveva come conseguenza

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE

PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE Dr.ssa S. Melli Dr. Cristoforo Cuzzola MODALITA DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M.

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. PNEUMOLOGIA TERRITORIALE GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO Dr. P. Vivoli U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. Biagini E in costante aumento il numero di pazienti

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO Venerdì, 12 giugno 2015 Aula Magna di Pediatria O.I.R.M. S. Anna, AOU Città della Salute Torino 9.30 13.30 CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO GLI INFERMIERI DI FAMIGLIA E DI COMUNITÀ

Dettagli

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 2/11

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE?

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? Pronto Soccorso Ospedale S.Anna Como C. Maino, I. Bossi, E. Viganò, E. Guggiari, M. Grigioni, F. Cantaluppi, D. Leoni Scopo dello studio Monitoraggio

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E DELLA SALUTE

Dettagli

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica A L L E G A T O 1 Garanzie di Qualità per il cittadino anno 2009 verifica GARANZIE DI QUALITÀ PER IL CITTADINO Garanzie di qualità per il cittadini anno 2009 L Azienda Usl di Piacenza promuove il miglioramento

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Azienda Sanitaria Firenze Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Percorso Sepsi 2011 aumentare il livello di attenzione 2012 - Giornata Mondiale per la Prevenzione della Sepsi Attivazione di

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

Policlinico Umberto I

Policlinico Umberto I La Stroke Unit integrata nel DEA presso il Policlinico Umberto I di Roma Università La Sapienza Policlinico Umberto I DEA - UTN Stroke Unit Gruppo Romano per la Prevenzione e Cura delle Malattie Cerebro-

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza Struttura: SITRO (ambito territoriale Casale/Valenza) Responsabile: Dott.ssa Maria Elisena FOCATI PISANI Prot. PO Pagina 1 di 7 Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza REDAZIONE, EMISSIONE, APPROVAZIONE,

Dettagli

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA I LETTI CAVS Dott.ssa E.P. Contuzzi Nucleo Territoriale di Continuità delle Cure Geriatria Territoriale ASLTO1 RSA, CAVS? RSA: residenza sanitaria assistenziale; struttura

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli