Il diabete e le patologie correlate

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il diabete e le patologie correlate"

Transcript

1 Quaderni di cultura della salute e del benessere Conoscere per prevenire n. 2 Il diabete e le patologie correlate

2 Quaderni di cultura della salute e del benessere Conoscere per prevenire n. 2 Il diabete e le patologie correlate 2 3

3 PREMESSA Redazione testi: Sergio Lucesoli Progetto grafico: Area Comunicazione Confartigianato Il programma dei Quaderni di cultura della salute e del benessere dopo aver affrontato l argomento dell apparato tegumentario ovvero della salute della pelle, tocca ora la sfera delle malattie del ricambio in cui la patologia più comune in Italia e nel mondo occidentale risulta il diabete. Vuoi la vita sedentaria, vuoi l alimentazione iperproteica, vuoi i ritmi di vita e la frenesia dell attività sociale sono molto spesso la causa per cui l organismo viene a risentirsi fino a subirne danni abbastanza seri e comunque impegnativi sul piano sanitario. Ecco perchè è sempre più importante intervenire con la prevenzione improntata a cambiamenti di stili comportamentali che riguardino non solo una alimentazione sana ed adeguata, ma soprattutto le attività motorie. In particolare nella terza età l uomo deve ricercare una nuova armonia bioritmica tra l azione e il riposo attraverso modalità esistenziali corrispondenti alla propria voglia di vivere e di stare bene insieme con gli altri continuando a contribuire alla vita di relazione sociale. La Confartigianato Persone consapevole del suo compito sociale incoraggia i propri associati imprenditori pensionati ad apprendere conoscenze sul benessere ed a trasformarle in comportamenti salutistici. Ancona aprile 2010 IL SEGRETARIO Giorgio Cataldi IL PRESIDENTE Valdimiro Belvederesi 4 5

4 IL DIABETE Prefazione Una vecchia trasmissione televisiva si chiamava Non è mai troppo tardi e, proprio rifacendomi a quella, abbiamo pensato che, forse, una serie di quaderni che fornissero informazioni su alcune patologie che affliggono i nostri giorni, potessero essere utili. Senza voler nulla dimostrare, se non la capacità di raccogliere e copiare idee e notizie alla portata di tutti, ma non disponibili secondo argomenti se non in enciclopedie o pubblicazioni specializzate, diamo avvio a questa divulgazione di consigli e informazioni, con l augurio che possano essere utili a quanti soffrono. 6 7

5 1.1 IL DIABETE Conoscere il diabete. Il diabete si manifesta quando il pancreas non produce insulina, ne produce una quantità insufficiente o non sufficientemente efficace. In questo caso potrebbe causare una serie di alterazioni tra cui l aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Per conoscere il diabete è necessario capire quali sono i meccanismi che l organismo utilizza per assimilare i cibi. Il corpo umano è costituito da milioni di cellule, ognuna delle quali per poter funzionare correttamente necessita di energia. I cibi assunti vengono frazionati e ridotti in zuccheri semplici, noti come glucosio, che sono poi trasportati alle cellule come fonte di energia. L insulina è un ormone prodotto dal pancreas che permette al glucosio di penetrare nelle cellule ed essere attivo. Con l ingresso degli zuccheri nelle cellule i livelli di glucosio nel sangue si riducono in modo naturale. Quando la produzione di insulina è totalmente assente (Diabete del tipo 1) o l insulina è insufficiente o inefficace (Diabete del tipo 2) il glucosio non è in grado di penetrare nelle cellule we si accumula nel sangue. Può anche accadere che il glucosio passi nelle urine causando: - Poliuria (minzioni frequenti) - Polidipsia (sete eccessiva) - Fame - Stanchezza SINTOMI E SPECIFICITA DEL DIABETE DI TIPO 1 E DI TIPO 2 DIABETE DEL TIPO 1 * Notevole incremento o diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue in brevissimo tempo * Presenza di glucosio e di chetoni nelle urine * Magrezza * Insorgenza rapida di sintomi, generalmente ben riconoscibili e piuttosto gravi: - Minzione frequente - Sete eccessiva - Fame eccessiva - Perdita di peso - Stanchezza - Alterazione dell umore - Confusione mentale * Il diabete di Tipo 1 è diagnosticato di norma in persone di età inferiore ai 35 anni ma può manifestarsi a qualsiasi età; * Il 10% della popolazione diabetica è affetta dal Diabete del Tipo 1: * Condizioni essenziali per una buona gestione di questa forma di diabete sono l autocontrollo della glicemia e la somministrazione dell insulina. DIABETE DEL TIPO 2 * Aumentata presenza di glucosio nel sangue per lunghi periodi di tempo * Possibile presenza di glucosio nelle urine * I sintomi sono ad insorgenza piuttosto lenta, spesso non sono ben definiti e possono passare inosservati: - Minzione frequente - Sete eccessiva - Visione sfuocata - Infezioni ricorrenti della cute, della cavità orale e della vescica - Difficoltà di cicatrizzazione delle ferite 8 9

6 - Intorpidimento o formicolio delle mani o ai piedi * Il Diabete di Tipo 2 è diagnosticato di norma in persone di età superiore ai 35 anni * Il 90% della popolazione diabetica è affetta da diabete di Tipo 2 * Viene generalmente consigliata una dieta; * E indicata l attività fisica; * Possono essere prescritti farmaci per via orale o insulina. Come gestire il diabete Considerando il fatto che ad oggi non esiste una cura definitiva per il diabete, è di vitale importanza mantenere un buon controllo della glicemia. Il miglior approccio consiste nel conoscere il proprio diabete. In questo modo risulterà più facile prendersi cura di se stessi. Il diabete può essere controllato con : * autocontrollo della glicemia, * scelta di una dieta adatta, * attività fisica, * assunzione dei farmaci prescritti, regolari visite mediche, controlli di pressione arteriosa e colesterolo. Per un buon controllo del diabete è fondamentale: - Controllare regolarmente e mantenere la glicemia per quanto possibile vicina ai propri valori di riferimento; è possibile eseguire un autocontrollo domiciliare dei valori di glucosio utilizzando un apposito misuratore. - Controllare il dosaggio della HbA1c (emoglobina glicosilata), che indica i valori medi di glucosio registrati nell arco di 3 mesi. - In caso di un emoglobina glicosilata alta (pari o sopra l 8%) occorre rivedere la terapia con il proprio medico curante. - Controllare la pressione arteriosa, che in condizioni ottimali non dovrebbe superare i 130/80. - Controllare i chetoni nelle urine, in particolare se si ha il diabete di Tipo 1 e la glicemia fosse superiore ai 252 mg/di, oppure in presenza di malori o sintomi quali crampi allo stomaco, cefalea o nausea. 1.2 L IPERGLICEMIA Iperglicemia è il termine medico che indica un elevata concentrazione di glucosio nel sangue che, protratta nel tempo, può causare complicanze. Che cos è l iperglicemia Iperglicemia significa elevata concentrazione di glucosio nel sangue e si verifica quando la glicemia supera l intervallo dei valori auspicati. Per sapere se la glicemia rientra nei valori obiettivo è sufficiente effettuare un test con uno strumento per l autocontrollo. Quali sono le Cause dell iperglicemia Una delle situazioni seguenti o una loro combinazione può dar luogo ad una iperglicemia: - Ridotta produzione o deterioramento del corretto funzionamento dell insulina nell organismo dovuta alla progressione del diabete di Tipo 2. - Mancata assunzione di farmaci antidiabetici (insulina o ipoglicemizzanti orali) - Eccessiva assunzione di cibo contenente carboidrati in un singolo pasto - Assunzione di cibi non appropriati. - Attività fisica inferiore al solito. - Assunzione di farmaci che possono influenzare la glicemia. - Infezioni o malattie Quali sono i segni premonitori di un iperglicemia Ogni iperglicemia può presentare sintomi diversi. Di seguito sono 10 11

7 riportati i più comuni: * Sete intensa * Minzione frequente * Stanchezza/fatica * Prurito e pelle secca * Difficile guarigione delle ferite * Perdita di coscienza/coma (se l iperglicemia viene ignorata per un certo periodo di tempo) Le domande da porsi per capire l origine dell iperglicemia Di recente: - Non è stato assunto un farmaco ipoglicemizzante orale o insulina. - E stato ridotto il dosaggio dei farmaci ipoglicemizzanti orali o dell insulina - E stata modificata la dieta - E stato consumato un pasto extra o una bevanda dolce - E stata saltata o ridotta l attività fisica abituale - Si sono manifestate malattie o infezioni Precauzioni e segni premonitori Uno o più sintomi menzionati in precedenza, anche in forma lieve, potrebbero indicare la presenza di un iperglicemia che può essere causata o aggravata anche da altre condizioni. Per questo motivo alcune persone a volte non riconoscono i segni premonitori di un iperglicemia, ma questo comportamento può risultare molto pericoloso. I segni premonitori, anche se molto lievi, non devono essere mai ignorati. Il modo migliore per sapere se la glicemia rientra nell intervallo dei valori obiettivo è quello di misurarla regolarmente. E necessario contattare un membro del team diabetologico quando: * Si verificano tre o quattro iperglicemie consecutive * Per tre o più volte di seguito la concentrazione di glucosio nell urina risulta molto elevata * Si rilevano due o più glicemie elevate nell arco di 24 ore * Si manifesta una glicemia elevata ogni giorno alla stessa ora per diversi giorni consecutivi * I valori glicemici risultano più elevati di quelli previsti dal team diabetologico. L IPOGLICEMIA Ipoglicemia è il termine medico che indica una bassa concentrazione di glucosio nel sangue e si verifica quando la glicemia scende al di sotto di 60 mg/di. Che cos è l ipoglicemia Ipoglicemia significa basso livello di glucosio nel sangue. Nei casi limite può portare alla perdita di coscienza. Quali sono le cause dell ipoglicemia Solo le persone che assumono insulina o farmaci ipoglicemizzanti orali, che stimolano la produzione di insulina, possono manifestare un ipoglicemia. Una qualsiasi delle situazioni seguenti, o una loro combinazione, può dar luogo ad un ipoglicemia: * Saltare o ritardare un pasto * Mangiare troppo poco all ora del pasto o dello spuntino * Lasciare trascorrere troppo tempo tra l iniezione di insulina e il pasto * Consumare alcool senza assumere cibo * Attività fisica eccessiva o prolungata senza assunzione di cibo * Assunzione di farmaci che possono influenzare la glicemia * Assunzione di una quantità di farmaco eccessiva (troppa insulina o ipoglicemizzante orale) * Variazione dell ora di assunzione dell insulina o del farmaco ipoglicemizzante orale 12 13

8 Quali sono i segni premonitori di un ipoglicemia Ogni ipoglicemia può presentare segni e sintomi diversi. Di seguito sono riportati i più comuni: - Confusione mentale - Tremori - Sudorazione profusa - Pelle appiccicosa - Ansia/nervosismo - Visione offuscata/visione di macchie - Irritabilità o instabilità dell umore - Intorpidimento di labbra e lingua - Difficoltà di parola - Mal di testa - Frequenza cardiaca elevata - Debolezza nelle gambe - Perdita di coscienza/coma Precauzioni speciali I sintomi o i segni premonitori di un ipoglicemia si possono manifestare anche se la glicemia non è troppo bassa, ad esempio: - quando la glicemia si abbassa molto rapidamente - in caso di grave ansia. Un episodio ipoglicemico si può inoltre manifestare anche senza essere preceduto da segni o sintomi premonitori. Questo è il motivo per cui un autocontrollo regolare è essenziale per conseguire una buona gestione del diabete. E sempre opportuno effettuare un controllo della glicemia prima dei pasti, seguendo le raccomandazioni del,proprio team diabetologico e ogni volta che si presentino circostanze non abituali, ad esempio in caso di attività fisica non prevista, malattia o stress. Che cosa si deve fare in caso di ipoglicemia Un ipoglicemia deve essere corretta immediatamente altrimenti si possono rischiare svenimenti, convulsioni o addirittura il coma. Si raccomanda di tenere sempre a portata di mano succhi di frutta, bevande zuccherate o caramelle di zucchero. Dato che un abbassamento della glicemia si può manifestare molto rapidamente, occorre essere preparati ad agire correttamente e con tempestività. Ecco cosa fare: * Accertarsi sempre che la glicemia sia realmente bassa. Spesso i soli sintomi possono portare a considerazioni errate * Consumare immediatamente qualcosa scegliendo uno fra i seguenti alimenti: ml di succo di frutta zuccherato ml di una bevanda non dietetica (NON quelle senza zucchero) e non alcolica - 4 cucchiai di zucchero sciolti in mezza tazza d acqua - 2 cucchiai di miele o sciroppo - 20 gr. di tavolette/caramelle di zucchero (3-5) * Se non ci si sente meglio entro 15 minuti o se la glicemia continua a rimanere troppo bassa, sarà necessario consumare un altra porzione degli alimenti sopra indicati. * Se non si prevede di assumere un pasto entro 30 minuti dall episodio di ipoglicemia, sarà necessario fare uno spuntino, poiché per stabilizzare la glicemia va sempre aggiunta ad una quota di zuccheri semplici una di zuccheri complessi (ad esempio un panino). Ricordarsi di portare con sé uno degli alimenti che possono trattare un episodio di ipoglicemia E necessario contattare un membro del team diabetologico quando: - si verificano tre o quattro eventi ipoglicemici consecutivi - si verificano 2 o più ipoglicemie nell arco di 24 ore 14 15

9 - si manifesta un ipoglicemia ogni giorno alla stessa ora per diversi giorni consecutivi - si è reso necessario l intervento da parte di altre persone a causa della gravità dell evento ipoglicemico - la glicemia risulta inferiore a 60 mg/dl. Ed è stata appena iniziata una terapia antidiabetica. 1.4 L EMOGLOBINA GLICATA Il test dell emoglobina glicata permette di valutare la glicemia media degli ultimi 2-3 mesi. Che cos è il test dell emoglobina glicata HbA1c significa emoglobina glicata Si tratta di un test su sangue che misura la glicemia media su un arco di tempo di due, tre mesi. Il termine HbA1c si riferisce alla quantità di glucosio legato alla molecola di emoglobina. E importante osservare che il test dell emoglobina glicata non sostituisce il regolare autocontrollo glicemico, ma fornisce semplicemente una diversa informazione sulla glicemia. Quali informazioni fornisce il test dell emoglobina glicata Anche controllando la glicemia regolarmente non si può determinare in modo continuo il livella ematico di glucosio. A questo riguardo il test della HbA1c fornisce informazioni mediche preziose. Il test può aiutare efficacemente la persona con diabete e il team diabetologico a decidere se sia necessaria una variazione terapeutica per una migliore gestione del diabete. Come funziona il test dell emoglobina glicata I globuli rossi contengono una proteina chiamata emoglobina. La funzione di questa molecola è quella di trasportare nel sangue gas quali l ossigeno e l anidride carbonica. Come l ossigeno e l anidride carbonica, anche il glucosio può legarsi alla molecola di emoglobina. La differenza sta nel fatto che una volta che il glucosio si è legato, esso rimane agganciato fino alla morte del globulo rosso. I globuli rossi hanno una durata di vita di circa tre mesi. Con l aumentare della glicemia cresce anche il livello di glucosio legato alle molecole di emoglobina. Il test dell emoglobina glicata misura la quantità di glucosio legato, fornendo così un indicazione del livello medio di glucosio nelle ultime 8 settimane. Quale valore di HbA1c deve porsi come obiettivo la terapia. E molto difficile stabilire una valore che sia valido per tutti. In ciascun caso la persona con diabete dovrà fissare il proprio livello ottimale insieme al team diabetologico. Il valore obiettivo dovrebbe essere quello in gradi di minimizzare il rischio di complicanze ed evitare le ipoglicemie. La IDF (International Diabetes Federation) raccomanda un valore inferiore al 6,5%. Se la glicemia prima dei pasti principali è compresa fra 72 e 144 mg/dl, il valore di HbA1c è da considerarsi buono. Se il valore della HbA1c è superiore all 8%, il diabetologo illustrerà le misure appropriate per abbassarlo. Come viene effettuato il test della HbA1c Il test viene effettuato in un laboratorio di analisi, con il semplice prelievo di un campione di sangue. I risultati sono in genere disponibili entro ore. Le persone non affette da diabete presentano un valore di HbA1c di circa il 5%. Il diabete è ben controllato quando il valore di HbA1c è inferiore al 6,5%

10 Con quale frequenza deve essere effettuato il test della HbA1c La frequenza del test è soggettiva. Ogni singolo paziente dovrà discutere dei propri bisogni con il proprio team diabetologico. Si raccomanda tuttavia quanto segue: Pazienti in terapia insulinica: - al momento della diagnosi - ogni tre mesi - più spesso se il controllo è insufficiente Pazienti in terapia con ipoglicemizzanti orali: - al momento della diagnosi - ogni 6 mesi se il controllo è buono - più spesso se il controllo è insufficiente Diabete e gravidanza o diabete gestazionale - ogni 1-2 mesi I benefici del controllo della HbA1c - Riflette la qualità del controllo metabolico - Fornisce un feedback sull efficacia della terapia - E il principale fattore di predizione del rischio di complicanze Piu bassa è la HbA1c, minori saranno le complicanze a lungo termine Lo studio DCCT condotto nel 1993 ha dimostrato che le persone affette da diabete di Tipo 1 che hanno abbassato la propria HbA1c hanno anche ridotto il rischio di: * malattie degli occhi del 76% * malattie dei reni del 50% * malattie neurologiche del 60% * malattie cardiovascolari del 35% Lo studio UKPDS condotto nel 1998 su soggetti con diabete di Tipo 2 ha evidenziato che un miglior controllo glicemico riduce il rischio di: - qualsiasi evento correlato al diabete (es. angina, ictus, amputazione e attacco cardiaco) del 12% - eventi microvascolari (per es. retinopatia e insufficienza renale) del 25% - attacco cardiaco del 16% E per finire, alcuni consigli: Riduci il peso. Il diabete di Tipo 2 è strettamente associato a incremento del peso corporeo. Uno dei metodi più accurati per determinare il rischio per la salute in base al peso è l indice di massa corporea (IMC), che si calcola facilmente dividendo il peso in chilogrammi (kg) per il quadrato dell altezza in metri. Ad esempio, se una persona pesa 80 kg ed è alta 160 cm, il suo IMC sarà 80L1,6x1,6)=31,225. Pertanto osserviamo i seguenti indici: IMC inferiore a 18,5 Sottopeso Rischio salute associato a denutrizione IMC tra 18,5 e 24,9 Normopeso Rischio medio IMC tra 25,0 e 29,9 Sovrappeso Rischio aumentato IMC tra 30,0 e 34,9 Obesità classe 1 Rischio elevato IMC tra 35,0 e 39,9 Obesità classe 2 Rischio molto elevato IMC superiore a 40,0 Obesità classe 3 Rischio estremamente elevato L IMC, però, mette solo in relazione il peso con la statura, senza distinguere tra massa magra (muscolare) e massa grassa. Poiché esiste un elevata correlazione tra accumulo di grasso addominale e sviluppo di diabete di Tipo 2, è molto importante misurare la circonferenza della pancia (girovita), semplicemente passando un centimetro in corrispondenza dell ombelico. Si avranno pertanto i seguenti fattori di rischio: * Rischio di complicazioni metaboliche con circonferenza vita superiore a cm.94 (uomo) e cm 80 (donna) * Rischio di complicazioni molto aumentato con girovita superiore a 18 19

11 102 (uomo) e 88 (donna). Nella maggioranza dei casi, il modo migliore per dimagrire consiste nell evitare cibi ad alto contenuto calorico e nel mangiare con moderazione, seguendo il più possibile una dieta equilibrata (meglio se sotto controllo medico) E inoltre indispensabile svolgere un attività fisica regolare sia di tipo sportivo che non strutturata, camminando di più o facendo le scale a piedi. Mangia sano Un alimentazione sana ed equilibrata è particolarmente importante per il soggetto diabetico in quanto permette di controllare la glicemia, il peso corporeo e la lipidemia (grassi nel sangue) sia di prevenire le complicanze legate alla nutrizione. Alimenti da preferire: - Grassi tutti i grassi devono essere limitati - Carni carni bianche, manzo magro, prosciutto, bresaola - Dolci/Dolcificanti aspartame, saccarina, liquirizia - Prod. Caseari e uova latte parzialmente scremato, yogurt magro, ricotta - Pesce tutti i tipi di pesce bollito o al forno, tonno naturale - Frutta,verdura,legumi tutti i tipi di verdura sia fresca che congela ta, minestrone - Cereali pasta, riso, orzo - Bevande tè, caffè - Acqua 1,5-2 litri al giorno - Vino 1-2 bicchieri al giorno - Sale 6 grammi al giorno (1 cucchiaino) 20 21

12 Si ringraziano: Ospedale SS Benvenuto e Rocco Osimo Loreto 22 23

13 15 aprile 2010 h 17,00 Teatrino di Palazzo Campana Osimo via Pompeiana Seminario Il diabete e le patologie correlate Relatori: prof. Ivano Testa Primario Centro Antidiabetico INRCA di Ancona dr. Francesco Pellegrini Primario di Medicina generale Ospedale SS Benvenuto e Rocco Osimo Loreto Ospedale SS Benvenuto e Rocco Osimo Segreteria organizzativa: ANCONA via Fioretti 2/a Marta Pesaresi Burattini fax

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia DIABETE E SPORT È consentito a chi ha il diabete di fare sport? Certo! Non solo è permesso, ma vivamente consigliato. L attività fisica, assieme all alimentazione e ai trattamenti farmacologici, è uno

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto:

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto: ASSOCIAZIONE DIABETICI DEL MEDIOBRENTA AULSS n.15 C.A.D. - Cittadella 35013 (Zona Pontarolo) Tel.049/9424646 Cod. Fisc. 90003450286 Associazione di Volontariato Sanitario 2 COS E IL DIABETE Il diabete

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Il diabete e il tuo cuore

Il diabete e il tuo cuore Il diabete e il tuo cuore LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA A proposito del diabete Se hai il diabete - un livello elevato di glucosio, o zuccheri nel sangue - hai un rischio elevato di malattia

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1)

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Anche i bambini possono avere il diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore Dr. Franco Adriano Zecchillo Il primo trattamento per la cura dello scompenso cardiaco è.. MODIFICHE

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

L autocontrollo come strumento di terapia

L autocontrollo come strumento di terapia SOC di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Associazione Friulana Famiglie Diabetici L autocontrollo come strumento di terapia Dott.ssa Laura Tonutti Controllo significa da una parte dominio, governo

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete.

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. Con il contributo incondizionato di Indice 1. Che cos è il Buon Compenso del Diabete pg. 1 Una malattia da controllare

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

area vasta n. Il diabete va a scuola

area vasta n. Il diabete va a scuola area vasta n. Il diabete va a scuola guida informativa INTRODUZIONE Questa breve Guida Informativa è dedicata al personale scolastico e ha l obiettivo di fornire un supporto utile per gli alunni che hanno

Dettagli

Informazioni per la scuola

Informazioni per la scuola A.G.D. Informazioni per la scuola 1 Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante che il personale scolastico sia a conoscenza che uno degli allievi è diabetico

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

DESG Teaching Letter 1

DESG Teaching Letter 1 DESG Teaching Letter 1 IPOGLICEMIZZANTI ORALI I pazienti affetti da diabete mellito non-insulino-dipendente sono generalmente meno informati e meno motivati sul trattamento del loro disturbo metabolico

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica 1 Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica Data / / Studio No RND NB: Si prega di mettere un pallino nella casella usando la matita che vi viene consegnata Questionario

Dettagli

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto La minaccia nascosta Farmacia Ferrari Dott.ssa Teresa Via A. Manzoni 215/A - 80123 - NAPOLI tel. 081.5755329 - fax 081.19722793 Cod. Fiscale FRRTRS35L67F839O Partita IVA 00686520636 http://www.farmaciaferrari.altervista.org

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI Diabete e guida Diabete e guida: qual è il problema? Se è vero che le persone con diabete non causano più incidenti del normale automobilista medio, il diabete è per loro

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lingua Italiana

L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lingua Italiana L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lilly Cos è l ipoglicemia? L ipoglicemia si verifica quando il valore dello zucchero nel sangue è uguale o inferiore a 70mg/dl. L ipoglicemia è sempre gestibile;

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini Guida per conoscere ed affrontare serenamente il diabete di tipo 1 all esordio sommario Controllo glicemico 04 Cos è l emoglobina glicata (HbA1C)? 05

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età Da Sandra J. Hollenberg - Tradotto da Elena Ascari by Sandra J. Hollenberg www.grandmasandy.com Suggerimenti per il download: Questa prima

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1 Rapporto n. NOME: DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 CODICE CAMPIONE: RICEVUTO DAL LABORATORIO IL: TIPO DI ANALISI: Discriminazione

Dettagli

IL DIABETE:che cos è?

IL DIABETE:che cos è? IL DIABETE:che cos è? DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI MEDICINA INTERNA Struttura Complessa TERZA MEDICA Direttore: Prof. Luigi Cattin Tel: 040 399 4527; Fax: 040 399 4586 e-mail: cattin@units.it

Dettagli

IL PAZIENTE IN DIALISI

IL PAZIENTE IN DIALISI IL PAZIENTE IN DIALISI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI DIALISI OBIETTIVI Cenni sull INSUFFICIENZA RENALE Diversi tipi di DIALISI Il PAZIENTE DIALIZZATO: problematiche ed emergenze EMORRAGIE della

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria DiSMeB Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria opuscolo realizzato nell ambito delle azioni del Progetto CCM 2012 Counseling motorio ed attività fisica quali azioni educativo-formative

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Diabete e sintomi vescicali

Diabete e sintomi vescicali encathopedia Diabete e sintomi vescicali Fattori da considerare Come riconoscere i segnali di allarme Il CIC può aiutarti Il Diabete (diabete mellito, DM) Al diabete mellito, spesso definito semplicemente

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli