RASSEGNA SULLE LINEE GUIDA ESTERE PER GLI INTERVENTI DI VIDEO-CONSULENZA PSICOLOGICA A DISTANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA SULLE LINEE GUIDA ESTERE PER GLI INTERVENTI DI VIDEO-CONSULENZA PSICOLOGICA A DISTANZA"

Transcript

1 Ordine degli Psicologi della Lombardia Gruppo di studio sulle nuove tecnologie e la professione psicologica RASSEGNA SULLE LINEE GUIDA ESTERE PER GLI INTERVENTI DI VIDEO-CONSULENZA PSICOLOGICA A DISTANZA La consulenza psicologica a distanza trova una vasta diffusione in diversi paesi avanzati, come gli Stati Uniti e diversi paesi dell Unione Europea. In Italia, da qualche anno a questa parte, questa pratica sta iniziando a svilupparsi, ma la mancanza di linee guida precise aumenta il rischio di danni potenziali sia per il professionista che per i suoi clienti. Per questo motivo, l Ordine degli Psicologi della Lombardia ha deciso di produrre questo documento, che è sviluppato a partire dai risultati mostrati dalla letteratura scientifica e dalle linee guida proposte dalle associazioni professionali (in particolare: American Telemedicine Association, American Psychological Association e Ohio Psychological Association), che intendono porsi come riferimento pragmatico per le best practices dello psicologo che eroga prestazioni a distanza. Le indicazioni provenienti dalle fonti di cui sopra sono state organizzate e suddivise in base all'età del paziente, al tipo di trattamento, al setting terapeutico e alle specialità di chi fornisce il servizio. Bisogna sottolineare che l'adesione a queste linee guida non garantisce di per sé la possibilità di eseguire trattamenti efficaci o di non violare il codice deontologico dello psicologo. Lo scopo è piuttosto quello di fornire ai professionisti alcuni riferimenti, supporti e sostegni per utilizzare modalità sicure di intervento a distanza fondate su informazioni corrette, tenendo sempre presente che ad oggi gli interventi di psicoterapia e le cure primarie in Italia vengono svolti fondamentalmente in presenza. Risulta altresì necessario tenere conto degli sviluppi, peculiarità e modi di utilizzo delle nuove tecnologie, le quali inevitabilmente influenzano la modalità di erogare le consulenze a distanza. Non potendo in questa sede porre l accento su tutte le strumentazioni ad oggi utilizzate (realtà virtuale, posta elettronica, dispositivi di monitoraggio remoto, chat e web), abbiamo deciso di porre maggiore enfasi sulla video-conferenza: è rispetto a questa dimensione che abbiamo riscontrato essere presente tra i nostri iscritti una grande curiosità e bisogno di chiarimenti sul come utilizzarla. Così come nell utilizzo di qualsiasi strumento inserito nel suo contesto professionale, lo psicologo resta in ogni caso responsabile del suo utilizzo in maniera etica e funzionale, considerate tutte le variabili della circostanza in questione. Non si intenda in definitiva questo documento alla stregua di una linea guida ufficiale di OPL, bensì come un testo che possa fornire riflessioni e interrogativi con i quali confrontare le proprie idee e prassi circa la professione online, con quanto si dice in paesi dove più che in Italia la psicologia a distanza è affermata. Luca Mazzucchelli Coordinatore gruppo OPL Psicologia e nuove tecnologie

2 Prestazioni psicologiche a distanza In generale la Telemental Health (TMH) si occupa della valutazione della salute mentale, del trattamento, educazione, monitoraggio e collaborazione tra professionisti della salute. L utilizzo dello strumento di video-conferenza quale mezzo alternativo per le consulenze psicologiche a distanza vuole favorire l'accesso da parte dei clienti agli interventi di assistenza psicologica interattiva. Uso appropriato della tecnologia Accortezze preliminari Nonostante il potenziale insito nell utilizzo della tecnologia per le consultazioni psicologiche a distanza, questa modalità di erogazione non appare appropriata per tutte le situazioni e per ogni tipo di richiesta psicologica. Oltre a tenere conto delle indicazioni proposte dalla letteratura scientifica, lo psicologo deve effettuare una valutazione specifica caso per caso della situazione che si appresta a prendere in carico, valutando l opportunità di contestualizzare il rapporto di aiuto in un setting a oggi ancora atipico. A tal proposito la formazione personale, competenza tecnologica e supervisione clinica diventano elementi ancora più rilevanti se ci si muove in questo settore: lo psicologo che intende offrire consultazioni a distanza, oltre alla formazione professionale, deve essere informato sugli elementi contestuali peculiari, su quelli tecnologici e sul modo, talvolta molto invasivo, in cui questi possono interferire con la consulenza e con la relazione terapeutica. Di contro, anche l utenza deve possedere delle conoscenze adeguate, dal punto di vista tecnologico, sufficienti almeno ad attivare e gestire la comunicazione a distanza. Qualora lo psicologo si rendesse conto che la soluzione a distanza non è appropriata, risulta deontologicamente necessario un invio sul territorio, con modalità da valutare caso per caso. Consenso informato e privacy Come nelle consultazioni vis-à-vis, è necessario che il paziente sottoscriva un consenso informato, con modalità in accordo alla normativa vigente, all interno del quale siano presenti informazioni in merito alla tecnologia utilizzata per i colloqui e all eventuale modalità di archiviazione dei dati. Il paziente deve essere informato e fornire il proprio consenso ad un eventuale registrazione del colloquio, qualunque sia la forma di interazione utilizzata (ad esempio, registrazione del video o archiviazione di chat/ ). Lo psicologo è tenuto a verificare, entro i limiti della ragionevolezza, l identità del paziente e ad assicurarsi che questo sia in grado di fornire un consenso informato consapevole. Per quanto vi siano dei motivi per non intraprendere una consultazione a distanza in situazioni di emergenza, appare opportuno ottenere, sin dall inizio, modalità alternative di contatto del paziente (ad esempio, il numero di telefono della persona o il contatto con il suo medico di base).

3 Setting Le linee guida internazionali in merito alla THM si concentrano anche sugli aspetti concreti legati al setting in cui si svolge la consultazione a distanza. Le stanze utilizzate per le sessioni di consulenza a distanza dovrebbero essere sicure, adeguatamente illuminate e attrezzate con posti a sedere comodi. La privacy, intesa come la capacità di mantenere riservata l interazione audio/video tra lo psicologo ed il paziente, è considerata necessaria. Sia il clinico che il paziente, dovrebbero avere infatti la possibilità di utilizzare la modalità silenziosa potendo disattivare se necessario sia l audio sia il video e le postazioni dovrebbero offrire la possibilità di passare con facilità dalla modalità audio pubblica a quella privata (con cuffie). I computer dovrebbero disporre della possibilità di migliorare la chiarezza dell immagine video, come ad esempio la luminosità e il contrasto, e di regolare i volumi del microfono e degli altoparlanti per ridurre i disturbi causati dalla tecnologia. Infine sarebbe opportuno che il clinico indossi vestiti con colori pallidi e a tinta unita come il blu, perché le fantasie e i vestiti a righe richiedono maggiore larghezza di banda per aggiornare un quadro più dinamico e ciò potrebbe diventare fonte di distrazione o disturbo per il paziente. La relazione psicologo-paziente Il rapporto terapeutico Stabilire un rapporto e un alleanza terapeutica è importante tanto nella video-conferenza quanto negli interventi faccia-a-faccia. Un buon rapporto offre, infatti, al paziente la possibilità di raccontare la propria storia passata e presente, l'esperienza cognitiva ed emozionale, e i propri sintomi. A questo proposito in letteratura sono riportate prove significative a dimostrazione di come i pazienti riescano a stabilire rapidamente un rapporto con il loro terapeuta anche in modalità di video-conferenza (vedi documento stato dell arte). La consulenza a distanza sembrerebbe interferire minimamente con la costruzione dell alleanza terapeutica, in particolare si è mostrata adatta per alcuni tipi di patologie (ad esempio, disturbo post traumatico da stress, agorafobia e disturbi alimentari), in quanto fa sì che si crei quella giusta "distanza" che permette al paziente di sentirsi più sicuro e con il pieno controllo della relazione terapeutica. I clinici dovrebbero tenere presente che i pazienti possono presentarsi in modo diverso per via telematica. Ad esempio potrebbero mostrarsi più cortesi e meticolosi nel proprio aspetto; è inoltre importante che lo psicologo conosca almeno in parte la cultura della persona che deciderà di seguire a distanza. Altra considerazione per la videoconsulenza è l'angolo dello sguardo, ovvero l'angolo tra la telecamera locale del partecipante e il punto in cui il cliente guarda la sua distanza sullo schermo (il contatto visivo). Un luogo in cui solitamente è possibile sistemare la telecamera è sopra lo schermo, in posizione centrale. Questo posizionamento, insieme all utilizzo di una modalità a tutto schermo o con la visione dell interlocutore nella parte centrale superiore, può aumentare la sensazione di un contatto visivo. In ogni caso, spesso risulta utile fornire uno spazio preliminare, nel colloquio, per chiarire questi dettagli tecnici anche in una chiave maggiormente relazionale.

4 Individuazione dell idoneità alla consultazione online Considerate le diverse possibiltà di declinazione della consulenza online, così come la moltitudine di approcci psicologici e psicoterapeutici, è cura dello psicologo valutare, caso per caso, l idoneità del soggetto per questo tipo di consultazione, tenendo presente anche elementi teorici, tecnici e contestuali. Il tema di come le peculiarità cliniche (i.e. diagnosi, tratti di personalità...) influenzino l idoneità del paziente alle consultazioni online è complesso e richiede ulteriori studi e ricerche cliniche. Tuttavia, alcune indicazioni preliminari sono già disponibili. Persone che richiedono una parziale o completa ospedalizzazione o hanno necessità di una continua osservazione e controllo, non sembrano appropriate per questo tipo di consulenze. Come regola generale, persone con gravi patologie o a rischio suicidario richiedono trattamenti diversi da quelli che possono essere realizzati a distanza. Tendenze verso deficit nell esame di realtà e forti reazioni transferali possono essere esacerbate o ulteriormente distorte nelle comunicazioni mediate dalla tecnologia, aumentando significativamente i rischi iatrogeni. Anche soggetti con personalità di tipo borderline non sembrano idonei, per via delle sfide che possono mettere in atto nei confronti dei confini del rapporto clinico, particolarmente problematico in caso di comunicazioni a distanza. A questo proposito, come per le relazioni cliniche vis-à-vis, il clinico deve impostare delle regole chiare per il setting, comprendenti quando, dove e come le consultazioni verranno realizzate. Eventuali complicazioni fisiche, così come situazioni di fragilità sociale, possono necessitare di un supporto di rete. Essendo questo tipo di consulenze a distanza, appare opportuno che lo psicologo sia in grado, in caso di necessità, di effettuare un invio mirato o di avvalersi di collaborazioni, anche sul territorio, di specialisti diversi, in un ottica multidisciplinare. Ad esempio, qualora si ritenesse opportuna una visita psicofarmacologica, il clinico deve essere in grado di reperire un contatto adeguato con uno specialista (eventualmente, anche tramite il paziente stesso). POPOLAZIONI SPECIFICHE Tra i diversi target specifici sui quali le linee guida estere si concentrano, due tipologie di popolazione sulle quali molto si sono focalizzate sono le seguenti. Benchè questo genere di realtà appaia lontano da quella italiana, è utile vedere in che direzione ci si sta muovendo a livello internazionale. Consulenza con anziani La popolazione anziana può beneficiare in modo significativo di un supporto psicologico a distanza tramite la videoconferenza. Il supporto agli anziani può tornare utile per prevenire complicanze che possono derivare da problemi di salute mentale. Per molti il costo e la complessità degli spostamenti necessari per usufruire delle cure può risultare particolarmente stressante, scoraggiando l utente a chiedere aiuto. In tal senso l'accesso ad un supporto online a domicilio tramite videoconferenza con semplici impostazioni su telefoni cellulari o computer è uno strumento che migliora l'accessibilità alle cure, soprattutto per coloro che hanno limitazioni di mobilità o di trasporto. Oggi è infatti possibile collegare ospedali, cliniche sanitarie, case di cura e strutture di salute mentale a specialisti lontani tramite connessioni sicure e video-conferenze.

5 I deficit sensoriali spesso frequenti negli anziani, in particolar modo visivi e uditivi, possono inoltre pregiudicare le loro capacità di interagire con successo nel corso della consulenza a distanza. Il paziente dovrebbe essere dotato di un ottima larghezza di banda e di un monitor di grandi dimensioni, con buone caratteristiche audio e con un video ad alta risoluzione per assicurarsi che vi sia un immagine ampia e chiara che connetta gli anziani al care giver. Un ulteriore problema può presentarsi negli anziani con demenza dove l'interazione con il fornitore del servizio può essere percepito come non reale, ovvero come un allucinazione. Qualsiasi approccio tramite videoconferenza dovrebbe quindi includere tutti gli aspetti pertinenti di un completa valutazione diagnostica. Consulenza con bambini e adolescenti La raccomandazioni per gli interventi a distanzia con bambini e adolescenti seguono le stesse le stesse linee guida presentate per gli adulti con modifiche che devono prendere in considerazione lo stato di sviluppo dei giovani e le loro capacità linguistiche. E necessario prestare particolare attenzione alla questione della privacy, in quanto è obbligatorio che entrambi i genitori prestino consenso affinchè avvenga la consultazione. Le famiglie devono essere informate al fine di preparare i propri figli per l appuntamento e anche la fotocamera deve essere posizionata in modo tale che il professionista sia in grado di osservare adeguatamente le abilità motorie e il comportamento del bambino mentre si muove all interno della stanza, mentre gioca, interagisce e si separa dai propri genitori. Può essere utile fornire al bambino un cartellone per disegnare o giocare mentre il genitore racconta la storia, senza che interferisca con la comunicazione o la visualizzazione del giovane. Dovrebbero inoltre essere forniti alcuni semplici giocattoli sia per tenere impegnato il bambino che per consentire una valutazione delle sue abilità. Lo psicologo deve stabilire un alleanza sia con i giovani, sia con i genitori e gli altri adulti partecipanti, impegnandosi a lavorare all'interno della relazione genitore-figlio. Alcuni studi dimostrano come i genitori riescano a stabilire una relazione con lo psicologo tale per cui la modalità in videoconferenza non interferirebbe con l'alleanza terapeutica ed inoltre uno stile clinico meno formale sembrerebbe ottimizzare la relazione oltre che con gli adulti anche con i giovani. Diverso può essere invece quando si lavora con giovani che presentano limitazioni cognitive o diversa estrazione culturale, con in quali uno stile meno formale potrebbe rivelarsi problematico e le limitazioni tecnologiche potrebbero rendere difficile distinguere i problemi clinicamente rilevanti. Pertanto, è importante regolare la comunicazione in relazione alle esigenze dei pazienti. Per quanto riguarda le raccomandazioni per una sessione di gioco tradizionale con i bambini più piccoli, un approccio potrebbe comprende l osservazione del bambino che interagisce con un membro del personale in una sessione di gioco libero o strutturato. Alcuni giochi potrebbero comunque risultare limitati dal monitor. In quel caso i disegni potrebbero essere inviati al terapeuta via posta elettronica o via fax, altrimenti un'altra possibilità, anche se non ancora esplorata, potrebbe essere l utilizzo del disegno su una tavoletta elettronica in modo che le immagini possano essere trasmesse immediatamente.

6 Per approfondimenti Adelsheim, Steven MD, personal communication, 2007 Alessi N. Telepsychiatric care of a depressed adolescent. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry : Alicata D, Saltman D, Ulrich D. Child and adolescent telepsychiatry in rural Hawaii. Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Alicata D, Saltman D, Ulrich D. Child and adolescent telepsychiatry in rural Hawaii. Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 psychiatric assessment of children and adolescents. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (10Suppl):4S-20S psychiatric assessment of infants and toddlers (0-36 months). J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (10Suppl):21S-36S assessment and treatment of children, adolescents, and adults with mental retardation and comorbid mental disorders. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (12Suppl):5S-31S American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. Practice parameter for the assessment and treatment of children and adolescents with autism and other pervasive developmental disorders. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry in press. assessment and treatment of children, adolescents, and adults with mental retardation and comorbid mental disorders. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (12Suppl):5S-31S American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. Practice parameter for the assessment and treatment of children and adolescents with oppositional defiant disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry : American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. Practice parameter for the assessment and treatment of children and adolescents with attention deficit/hyperactivity disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry in press. psychiatric assessment of children and adolescents. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (10Suppl):4S-20S psychiatric assessment of children and adolescents. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (10Suppl):4S-20S psychiatric assessment of infants and toddlers (0-36 months). J Am Acad Child Adolesc Psychiatry (10Suppl):21S-36S American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. Practice parameter on child and adolescent mental health care in community systems of care. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry : Ball CJ, McLaren PM. Comparability of face-to-face and videolink administration of the Brief Psychiatric Rating Scale. Am J Psychiatry Jun;152(6): Barretto A, Wacker DP, Harding J, Lee J, Berg WK. Using telemedicine to conduct behavioral assessments. J Appl Behav Anal : Brennan JA, Kealy JA, Gerardi LH, Shih R, Allegra J, Sannipoli L, Lutz D. Telemedicine in the emergency department: a randomized controlled trial. J Telemed Telecare. 1999;5(1):18-22

7 Brodey BB, Claypoole KH, Motto J, Arias RG, Goss R. Satisfaction of forensic psychiatric patients with remote telepsychiatric evaluation. Psychiatr Serv Oct;51(10): Brown RT, Antonuccio DO, DuPaul GJ, Fristad MA, King CA, Leslie LK, McCormick GS, Pelham WE, Piacentini JC, Vitello B. Childhood Mental Health Disorders: Evidence base and contextual factors for psychosocial, psychopharmacological, and combined interventions. Washington, DC: American Psychological Association, Cain S, Spaulding R Telepsychiatry: lessons from two models of care, Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Cain S, Spaulding R Telepsychiatry: lessons from two models of care, Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Cain S, Spaulding R Telepsychiatry: lessons from two models of care, Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Cain S, Spaulding R Telepsychiatry: lessons from two models of care, Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Cozza S, Prasanna S, Chun RS, Benedek DM. Tele-mental health: use of VTC and other computerbased applications at a MEDCEN. Presentation at the Behavioral Sciences Short Course, Bethesda MD, May 2001 Elford R, White H, Bowering R, et al. A randomized, controlled trial of child psychiatric assessments conducted using videoconferencing. J Telemed Telecare :73-82 Elford R, White H, Bowering R, et al. A randomized, controlled trial of child psychiatric assessments conducted using videoconferencing. J Telemed Telecare :73-82 Elford R, White H, St John K, Maddigan B, Ghandi M, Bowering R. A prospective satisfaction study and cost analysis of a pilot child telepsychiatry service in Newfoundland. J Telemed Telecare :73-81 Elford R, White H, St John K, Maddigan B, Ghandi M, Bowering R. A prospective satisfaction study and cost analysis of a pilot child telepsychiatry service in Newfoundland. J Telemed Telecare :73-81 Elford R, White H, St John K, Maddigan B, Ghandi M, Bowering R. A prospective satisfaction study and cost analysis of a pilot child telepsychiatry service in Newfoundland. J Telemed Telecare :73-81 Empirically supported treatments in pediatric psychology series. J. Pediatr. Psychol ; Fox KC, Connor P, McCullers E, Waters T. Effect of a behavioural health and specialty care telemedicine programme on goal attainment for youths in juvenile detention. J Telemed Telecare. 2008;14(5): Ghosh GJ, McLaren PM, Watson JP. Evaluating the alliance in videolink teletherapy. J Telemed Telecare. 1997;3 Suppl 1:33-5 Glueck D (2006), Chief Executive Officer, Adapt Psychiatric Services, PLLC, 620 Eastern Bypass, Suite H, PMB 292, Richmond, KY 40475, ext 1500, Godleski L, Darkins A, Lehmann L. Telemental Health Toolkit. Field Work Group of the Veterans Health Administration 2003 Godleski L, Darkins A, Lehmann L. Telemental Health Toolkit. Field Work Group of the Veterans Health Administration 2003 Godleski L, Nieves JE, Darkins A, Lehmann L. VA telemental health: suicide assessment. Behav Sci Law. 2008;26(3): Goldfield GS, Boachie A. Delivery of family therapy in the treatment of anorexia nervosa using telehealth. Telemed J E Health Spring;9(1): Greenberg N, Boydell KM, Volpe T. Pediatric telepsychiatry in Ontario: caregiver and service provider perspectives. J Behav Health Serv Res :

8 Grob P, Weintraub D, Sayles D, Raskin A, Ruskin P. Psychiatric Assessment of a Nursing Home Population Using Audiovisual Telecommunication J Geriatr Psychiatry Neurol Summer;14(2):63-5 Harley J, McLaren P, Blackwood G, Tierney K, Everett M. The use of videoconferencing to enhance tertiary mental health service provision to the island of Jersey J Telemed Telecare. 2002;8 Suppl 2:36-8 Harper RA. Telepsychiatry consultation to schools and mobile clinics in rural Texas. Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October Harper RA. Telepsychiatry consultation to schools and mobile clinics in rural Texas. Abstract 5172:1.17-2, Clinical Perspectives, presented at the 53rd Annual Meeting of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, San Diego CA, October 2006 Jerome LW, Zaylor C. Cyberspace: Creating a therapeutic environment for telehealth applications. Professional Psychology: Research and Practice. 2000;31(5): Jong M. Managing suicides via videoconferencing in a remote northern community in Canada. Int J Circumpolar Health Dec;63(4):422-8 Lee, Tina MD, personal communication, October 2007 Lexcen FJ, Hawk GL, Herrick S, Blank MB. Use of video conferencing for psychiatric and forensic evaluations. Psychiatr Serv Oct;57(5):713-5 Manfredi L, Shupe J, Batki SL. Rural jail telepsychiatry: a pilot feasibility study. Telemed J E Health Oct;11(5):574-7 Manguno-Mire GM, Thompson JW, Shore JH, Croy C, Artecona JF, Pickering JW. The Use of telemedicine to evaluate legal competence: a preliminary randomized controlled study. Journal of the American Academy of Psychiatry and Law. 2007; 35 (4), Mannion L, Fahy TJ, Duffy C, Broderick M, Gethins E Telepsychiatry: an island pilot project. J Telemed Telecare. 1998;4 Suppl 1:62-3 Matsuura S, Hosaka T, Yukiyama T, Ogushi Y, Okada Y, Haruki Y, Nakamura M. Application of telepsychiatry: a preliminary study Psychiatry Clin Neurosci Feb;54(1):55-8 Miller EA. Telepsychiatry and doctor-patient communication - an analysis of the empirical literature. In: Telepsychiatry and E-Mental Health, Wootton R, Yellowlees P, McClaren P, eds. London: Royal Society of Medicine Press Ltd 2003 Miller TW, Burton DC, Hill K, Luftman G, Veltkemp LJ, Swope M. Telepsychiatry: critical dimensions for forensic services. J Am Acad Psychiatry Law. 2005;33(4): Milton Chen Leveraging the asymmetric sensitivity of eye contact for videoconferencing. In: Proceedings of the SIGCHI conference on Human factors in computing systems Minneapolis, Minnesota: ACM Press: Montani C, Billaud N, Couturier P, Fluchaire I, Lemaire R, Malterre C, Lauvernay N, Piquard JF, Frossard M, Franco A. Telepsychometry: a remote psychometry consultation in clinical gerontology: preliminary study. Telemed J Summer;2(2): Morgan RD, Patrick AR, Magaletta PR. Does the use of telemental health alter the treatment experience? Inmates' perceptions of telemental health versus face-to-face treatment modalities. J Consult Clin Psychol Feb;76(1): Myers K, Valentine J, Melzer SM, Morganthaler R. Telepsychiatry with incarcerated youth. J Adolesc Health : Myers KM, Sulzbacher S, Melzer SM. Telepsychiatry with children and adolescents: are patients comparable to those evaluated in usual outpatient care? Telemed J E Health : Myers KM, Sulzbacher S, Melzer SM. Telepsychiatry with children and adolescents: are patients comparable to those evaluated in usual outpatient care? Telemed J E Health : Myers KM, Valentine JM, Melzer SM. Telepsychiatry with children and adolescents: Utilization and Satisfaction. Telemed E-Health in press. Nelson EL, Barnard M, Cain S. Treating childhood depression over videoconferencing. Telemed J EHealth :49-55

9 Nelson EL, Barnard M, Cain S. Treating childhood depression over videoconferencing. Telemed J EHealth :49-55 Nelson EL, Zaylor C, Cook D A Comparison of Psychiatrist Evaluation and Patient Symptom Report in a Jail Telepsychiatry Clinic Telemed J E Health Fall;10(suppl 2):S54-S59 Nieves JE, Stack KM. Hispanics and telepsychiatry. Psychiatr Serv Jun;58(6):877-8 Onor MS, Misan MD. The clinical interview and the doctor-patient relationship in telemedicine. Telemed E-Health : Savin D, Garry MT, Zuccaro P, Novins D. Telepsychiatry for treating rural American Indian youth. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry : Savin D, Garry MT, Zuccaro P, Novins D. Telepsychiatry for treating rural American Indian youth. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry : Setterberg SR, Busseri MA, Fleissner RM, Kenney EM Jr, Flom JA, Fischer KJ. Remote assessment of the use of seclusion and restraint with paediatric psychiatric patients. J Telemed Telecare. 2003;9(3):176-9 Shore JH, Hilty DM, Yellowlees P. Emergency management guidelines for telepsychiatry. Gen Hosp Psychiatry May-Jun;29(3): Shore JH, Savin D, Orton H, Beals J, Manson SM. Diagnostic reliability of telepsychiatry in American Indian veterans. Am J Psychiatry Jan;164(1): Shore JH, Savin DM, Novins D, Manson SM. Cultural aspects of telepsychiatry. J Telemed Telecare. 2006;12(3): Simpson S, Knox J, Mitchell D, Ferguson J, Brebner J, Brebner E. A multidisciplinary approach to the treatment of eating disorders via videoconferencing in north-east Scotland. J Telemed Telecare. 2003;9 Suppl 1:S37-8 Simpson S. The provision of a telepsychology service to Shetland: client and therapist satisfaction and the ability to develop a therapeutic alliance. J Telemed Telecare. 2001;7 Suppl 1:34-6. Sorvaniemi M, Ojanen E, Santamäki O. Telepsychiatry in emergency consultations: a followup study of sixty patients. Telemed J E Health Aug;11(4): Sorvaniemi M, Santamaki O. Telepsychiatry in emergency consultations. J Telemed Telecare. 2002;8(3):183-4 Tam T, Cafazzo JA, Seto E, Salenieks ME, Rossos PG. Perception of eye contact in video teleconsultation. J Telemed Telecare. 2007;13(1):35-9. Thomas CR, Miller G, Hartshorn JC, Speck NC, Walker G. Telepsychiatry program for rural victims of domestic violence. Telemed J E Health Oct;11(5): Urness, D., Wass, M., Gordon, A., Tian, E., Bulger, T. Client acceptability and quality of life - telepsychiatry compared to in-person consultation. J Telemed Telecare, 2006;12 (5): Yellowlees P The use of telemedicine to perform psychiatric assessments under the Mental Health Act. J Telemed Telecare. 1997;3(4):224-6 Yoshino A, Shigemura J, Kobayashi Y, Nomura S, Shishikura K, Den R, Wakisaka H, Kamata S, Ashida H. Telepsychiatry: assessment of televideo psychiatric interview reliability with present- and nextgeneration internet infrastructures. Acta Psychiatr Scand Sep;104(3):223-6 Zaylor C, Nelson EL, Cook DJ. Clinical outcomes in a prison telepsychiatry clinic. J Telemed Telecare. 2001;7 Suppl 1:47-9

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione L'afasia è una disabilità acquisita della comunicazione dovuta ad un danno alle aree cerebrali del linguaggio,

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione)

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) LINEE GUIDA DELLO STATO DEL NEW HAMPSHIRE (U.S.A.) Le linee guida dell autismo dello Stato del New Hampshire

Dettagli

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dipartimento di Salute Mentale Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Modena, 29 Novembre 2014 LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dott.ssa Milena Gibertoni LE ORIGINI 1996-1998: costituzione

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO

LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO CESP Centro Studi di Psicoterapia e Psicologia della Salute Progetto di ricerca LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO Il Progetto si propone di indagare i fattori critici

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

I Disturbi dello Spettro Autistico

I Disturbi dello Spettro Autistico 1 I Disturbi dello Spettro Autistico MEMORIA PER LA COMMISSIONE IGIENE E SANITA SENATO DELLA REPUBBLICA Prof. Stefano Vicari Direttore Unità di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze,

Dettagli

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Carta dei Servizi Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Pagina 2 ISTITUTO WOLPE L istituto Wolpe è un centro di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale, integrato in

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA

Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA APPROCCIO INTEGRATO AL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO GINO POZZI DATI EPIDEMIOLOGICI PREVALENZA NELLA

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

- 1987: Maturità Classica conseguita presso il Liceo Classico G. Nolfi, Fano (PU), con votazione 60/60

- 1987: Maturità Classica conseguita presso il Liceo Classico G. Nolfi, Fano (PU), con votazione 60/60 Curriculum Vitae Dott.ssa. Maria Elena Ridolfi Nata a: Castelmassa (RO), il 25/7/1967 Residente a: Fano (PU), Via Tito Speri 10 Tel. Cellulare: 339-1451575 e-mail: mariaelenaridolfi@yahoo.com Istruzione:

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

Internet e social media per la medicina

Internet e social media per la medicina La letteratura scientifica per la qualità dei Servizi Sanitari Internet e social media per la medicina Eugenio Santoro eugenio.santoro@marionegri.it www.twitter.com/eugeniosantoro Laboratorio di Informatica

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY Questo avviso descrive come i suoi dati medici possono essere utilizzati e divulgati, e come lei potrà accedervi. La preghiamo di leggerlo con

Dettagli

Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo

Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo Dott. Giovanni Valeri UOC Neuropsichiatria Infantile IRCCS OPBG Dall Attenzione Congiunta alla Cooperazione: un Modello Evoluzionistico-Evolutivo

Dettagli

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Carta dei Servizi sede operativa via Roma, 36 SPINADESCO edizione luglio 2013 SOMMARIO CARTA DEI SERVIZI pag. 1 Dove siamo 06 2 Informazioni

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico (Terza Parte) Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Educazione e trattamento "Anzitutto un bambino autistico ha bisogno di amore,

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

Manuale del terapeuta

Manuale del terapeuta Heidi Lyneham, Maree Abbott, Ann Wignall e Ronald Rapee Macquaire University Anxiety Research Unit Il programma Cool Kids Manuale del terapeuta Istituto di Scienze Cognitive Editore, 2014 ISBN 978-88-97386-17-9

Dettagli

Con il Patrocinio di SIFC E LIFC. Con il supporto di Abbott

Con il Patrocinio di SIFC E LIFC. Con il supporto di Abbott Con il Patrocinio di SIFC E LIFC Con il supporto di Abbott 01. Gli obiettivi del progetto In dettaglio 1. Valutare i fattori psicologici e clinici che influenzano la qualità di vita dei pazienti adolescenti

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Renato Donfrancesco UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Una richiesta d aiuto... d che ha il bambino? che devo fare? e e se fosse ADHD? Disturbo da Deficit

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

M O D E L L O P E R I L

M O D E L L O P E R I L M O D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Barbara Bogazzi Data di nascita 03.07.1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio 029733478

Dettagli

Titolo del programma formativo:

Titolo del programma formativo: Titolo del programma formativo: MEDICINA DI FAMIGLIA E DEPRESSIONE. DIAGNOSI E TERAPIA NEL SETTING DELLE CURE PRIMARIE Data inizio 02/03/2015 Data fine 15/12/2015 Durata effettiva dell attività formativa

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Sistema Regionale ECM BREVE CURRICULUM VITAE

CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Sistema Regionale ECM BREVE CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Pagina 1 di 5 Informazioni personali Cognome / Nome BREVE CURRICULUM VITAE Roberta Siani nata a Monza il 18/06/1949 SIANI ROBERTA Qualifica Possibili qualifiche: 1. Docente

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1st page Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1 2nd page Le tecniche di produzione di immagini aiutano i medici a vedere

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

Punto della situazione sull Autismo in Italia

Punto della situazione sull Autismo in Italia Punto della situazione sull Autismo in Italia Giuseppe Maurizio Arduino Responsabile del Centro Autismo e Sindrome di Asperger (C.A.S.A.), ASL CN1-Mondovì Il dato epidemiologico Piemonte (al 31-12-2012)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI SERVIZIO PSICOLOGICO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI IN COLLABORAZIONE PROGETTO A.S. 2013-2014 Sintesi dati Servizio di Psicologia Scolastica FOCUS prevenzione e supporto INTERVENTO sostegno

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

EDUCAZIONE E TRATTAMENTO

EDUCAZIONE E TRATTAMENTO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (TERZA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 EDUCAZIONE E TRATTAMENTO -------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Pagina 1 di 6 Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Proposto nel 1981, il termine benessere sul luogo di lavoro indica non solo l assenza di malattia o

Dettagli

Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità assistenziale per le persone affette da demenza

Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità assistenziale per le persone affette da demenza 52 Congresso Nazionale SIGG Paese vecchio, assistenza nuova: il caso Italia Firenze, 1 dicembre 2007 Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CHE LAVORANO NELL AMBITO DELLE DEMENZA SOSTEGNO PSICOLOGICO E RIABILITAZIONE

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1.Visione corto-animato «Mon petit frére de la lune»

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Ordine degli Psicologi dell Emilia-Romagna Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Manuela Colombari perché buone pratiche? Violazioni deontologiche in particolare per: 1- scarsa considerazione

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Vidia La soluzione di videoconferenza di Swisscom. consigli. trucchi

Vidia La soluzione di videoconferenza di Swisscom. consigli. trucchi La soluzione di videoconferenza di Swisscom consigli & trucchi Indice 1 Videoconferenze efficaci con Vidia 3 2 Qualità audio e video ottimale 3 1.1 Qualità video 3 1.1.1 Videocamera 3 1.1.2 Condizioni

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in e-health

Bando per il Master Universitario di 2 livello in e-health Bando per il Master Universitario di 2 livello in e-health L Università degli Studi di Camerino (UNICAM), Anno accademico 2010/2011 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE II Convegno PREVENIRE LE COMPLICANZE DEL DIABETE: DALLA RICERCA DI BASE ALL ASSISTENZA ASSISTENZA IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE Dott. Paolo Di Berardino

Dettagli

Catalogo Corsi Benessere Organizzativo. 2 di 9

Catalogo Corsi Benessere Organizzativo. 2 di 9 Via Frascineto, 88 - Roma Tel 06 72394672 Fax 06 7233532 www.ecoconsultsrl.com Catalogo Corsi ALLEGATO 1 di 9 La Formazione è utile quando si occupa dei problemi quotidiani delle persone che lavorano.

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Firenze 1 dicembre 2007 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Il delirium II/II M.Pozzebon U.O.C. Geriatria U.S.D. Continuità delle Cure P.O. Treviso Delirium: sindrome multifattoriale che deriva dall

Dettagli

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE Secondo l Organizzazione mondiale della Sanità i disturbi del comportamento infantile nel mondo sono in aumento: 1 bambino su 5 soffre di psicopatologie,

Dettagli

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente Low and Medium voltage service ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente ABB Power Care ABB Power Care permette di gestire in modo ottimale il sistema di elettrificazione, massimizzando

Dettagli

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk Indice degli argomenti 1. Modulo 1 Customer Care/Help Desk...2 1.1. Servizi e tecnologie...2 1.1.1. Call Center...2

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FORNARO LORELLA Indirizzo Telefono 338-4983037 Fax 0521-237644 E-mail VIALE OSACCA,11 43126 PARMA fornaro.lorella@libero.it

Dettagli

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I social media come strumento di promozione della salute Penetrazione di Internet e dei nuovi media

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD G. Doneddu*, R. Fadda** *Centro Regionale per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, **Azienda Ospedaliera G. Brotzu Dipartimento di Psicologia, Università

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

The Endocrine Aspects of Duchenne Muscular Dystrophy

The Endocrine Aspects of Duchenne Muscular Dystrophy Con il patrocinio di: Comune di Firenze October 29th - 2009 Castello di Calenzano - Calenzano, Italy October 30th - 2009 Palazzo Vivarelli Colonna - Florence, Italy The Endocrine Aspects of Duchenne Muscular

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Agenda Punto Insieme Sanità: Fare Aderenza Obiettivi del Tavolo Metabolico L Aderenza del paziente Diabetico 2 Fare Aderenza

Dettagli

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def. Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.pdf Istituto Superiore di Sanità Organo tecnico del Ministero

Dettagli

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON L RUOLO DELLO PSCOLOGO NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTA D HUNTNGTON Roma, 21 Ottobre 2014 Dott.ssa Martina Petrollini Psicologo Psicoterapeuta SNTOM SNTOM PSCOPATOLOGC DSTURB DEL MOVMENTO principali sintomi

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

L EFFICACIA DELLA PSICOTERAPIA - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SULL

L EFFICACIA DELLA PSICOTERAPIA - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SULL L EFFICACIA DELLA PSICOTERAPIA - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SULL - AMERICAN JOURNAL OF PSYCHIATRY DECENNIO 1997 2007. Paolo Micali Bellinghieri L American Journal

Dettagli

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO Luigi Saccà, Università Federico II Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 thestudylacksadequatecontrol ClinicalTrial.gov A service ofthe U.S. NIH CHARACTERISTICS

Dettagli

Perché mi sono ammalato?

Perché mi sono ammalato? Perché mi sono ammalato? Depressione Maggiore Modello eziopatogenetico Ereditarietà Eventi traumatici precoci Sesso Disturbi d Ansia Personalità Eventi stressanti Malattie somatiche Modificazione funzionamento

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli