Tante diversità. Uguali diritti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tante diversità. Uguali diritti"

Transcript

1 Tante diversità. Uguali diritti B U L L I S M O Interventi di contrasto al bullismo e al cyberbullismo nelle scuole MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITà Istituto Comprensivo Statale AMerigo Vespucci

2 Bullismo e cyberbullismo AGISCE CON L AIUTO DI ALTRE PERSONE AGISCE DA SOLO Spesso il bullismo viene invocato come etichetta o spiegazione di fenomeni di aggressività che rientrano nelle dinamiche adolescenziali, creando inutili allarmismi. L effetto è duplice: da una parte si vedono prepotenze dappertutto, tanto da essere tentati dalla resa; dall altra si minimizza e si stenta a riconoscere il fenomeno in realtà scolastiche apparentemente tranquille. L azione del Miur è tesa per fornire strumenti di conoscenza del fenomeno e predisporne interventi e prevenzione, in ottica educativa. Le singole scuole hanno risposto positivamente e tempestivamente alla crescente attenzione sul bullismo e alla recrudescenza del fenomeno: il 22,6% delle famiglie dichiara che nella classe del proprio figlio/a negli ultimi tre anni sono stati realizzati dei progetti su questo tema specifico, con punte del 25,8% al Nord ovest e del 25,1% al Nord est, laddove il fenomeno è comparso prima. A questi interventi andrebbero aggiunti quelli- sempre più numerosi- rivolti al personale della scuola, e in particolare ai docenti, per fornire loro le competenze più idonee a gestire il rapporto con il bullo e con il gruppo di cui fa parte. Particolarmente elevata, (il 27,0% del totale), risulta essere la quota di classi della scuola media inferiore coinvolte in iniziative specifiche sul bullismo, a conferma di un fenomeno che ha la sua massima manifestazione nell età preadolescenziale. COME COMBATTERE IL BULLISMO Sondaggio tra gli studenti (Fonte: European Bullyng Research - Dicembre 2012) + DIALOGO 28,8% Parlare con un insegnante e chiedere aiuto Gruppi studenteschi di mediazione 2,5% 5,3% 6,3% Parlare con un amico Chiedere al dirigente scolastico di punirli 21,9% Parlare con un genitore e chiedere aiuto Cambiare scuola 0,9% 6,0% Altro 6,4% Chiedere l intervento di fratelli più grandi GLI ATTI DEL BULLISMO Dati in percentuale (Fonte: Eurispes e Telefono Azzurro Indagine conoscitiva sulla Condizione dell'infanzia e dell Adolescenza) ,6 25,6 3,0 11,5 22,8 26,6 3,1 4,7 5,2 11,1 10,4 17,6 7,6 13,5 20,0 22,5 4,7 4,1 4,3 8,5 Offese immotivate Botte, pugni, calci Provocazioni e prese in giro ripetute Furto di denaro Minacce Esclusione e isolamento Furti di oggetti o cibo Maldicenza su Internet o cellulare Esclusione da gruppi on-line Invio di messaggi offensivi o minacciosi 0,9% Nessuna opinione, il bullismo non è un problema così grave Soffrire 0,6% senza reagire Cercare di evitare i bulli 1,7% 17,9% Reagire + AZIONE

3 bullismo online: il cyberbullismo Il cyberbullismo è una forma di disagio relazionale, di prevaricazione e di sopruso perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione come l , gli sms, i blog, i telefoni cellulari e il web in generale. Non comporta dunque violenza o altre forme di coercizione fisica. Nelle comunità virtuali il cyberbullismo può essere anche di gruppo e di solito le ragazze sono vittime più frequentemente dei ragazzi, spesso con messaggi contenenti allusioni sessuali. Dalle ricerche emerge che il cyberbullismo è in costante e preoccupante aumento, di pari passo con lo sviluppo e la diffusione delle nuove tecnologie. Al contrario che in Inghilterra, dove lo scenario è prevalentemente il cortile, in Italia è la classe il luogo dove agiscono i bulli. Dunque, l intervento degli adulti diventa la via privilegiata di contrasto al fenomeno. TIPOLOGIE DI CYBERBULLISMO: Cosa subiscono le vittime ,3% 3,6% 6,6% 5,1% 4,9% 4,9% 4,6% 8,6% 8,6% FLAMING SOSTITUZIONE DENIGRAZIONE RIVELAZIONE ESCLUSIONE Come agiscono i cyberbulli 9,6% FLAMING SOSTITUZIONE DENIGRAZIONE RIVELAZIONE ESCLUSIONE FLAMING: messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali in un forum. SOSTITUZIONE (impersonation): farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili. RIVELAZIONI (exposure): pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona. DENIGRAZIONE: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione, via , messaggistica istantanea, gruppi su social network ecc. ESCLUSIONE: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione. L IDENTIKIT DEL BULLO Sondaggio tra gli studenti (Fonte: European Bullyng Research - Dicembre 2012) 17,9% femmina 21,9% sia maschi che femmine 46,9% più di una persona 60,2% maschio 38,1% una sola persona DI CHE SESSO ERA? QUANTI BULLI C ERANO? 15% entrambe le situazioni 13% sia più giovani che più grandi DI CHE ETÀ ERA? CHI HA AGITO DA BULLO? 3,4% più giovane 48,6% compagno di classe 36,4% più grande 47,2% coetaneo 24,2% altri 4,0% famigliari coetanei 23,2% studente di un altra classe

4 Che cosa ha fatto il MIUR Il Miur assicura da tempo un presidio costante di attenzione, prevenzione e promozione di iniziative di contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nelle scuole. Questi tipi di comportamento si manifestano in forme diverse, spesso difficili da prevedere, ma soprattutto legate in molti casi a una coincidenza di forme di disagio sociale non ascrivibili solo al contesto educativo scolastico. Per queste ragioni il Ministero ha attivato, sin dal 2007, programmi di prevenzione e intervento per affrontare i delicati fenomeni del bullismo e del cyberbullismo. Le azioni del Miur si collocano in un ottica di prevenzione sia primaria, in quanto mirano ad accrescere la consapevolezza sui fattori di rischio attraverso la consulenza e l informazione, sia secondaria e terziaria, permettendo l attivazione di interventi mirati a limitare la diffusione e ridurre le conseguenze negative del fenomeno. Il modello di intervento prevede una serie di strumenti costantemente a disposizione di scuole, genitori e vittime stesse: 1. Costituzione di un apposita Commissione Bullismo 2. Attivazione del sito 3. Attivazione di un numero verde nazionale e di una casella 4. Costituzione di 20 osservatori regionali permanenti sul bullismo 5. Progetti pilota sul cyberbullismo 6. Attività seminariali 7. Campagna di comunicazione la commissione bullismo Il MIUR, per comprendere meglio la dimensione e le caratteristiche del fenomeno, ha deciso di operare costituendo un apposita Commissione Bullismo all interno della Commissione Legalità ed emanando, il 5 febbraio 2008, la Direttiva Linee di indirizzo generali e azioni a livello nazionale per la prevenzione e la lotta al bullismo. Con la Direttiva, oltre a dare conto di quanto stava avvenendo all interno delle scuole si invitavano i singoli istituti a intervenire inserendo adeguati stru- menti sanzionatori all interno dei propri regolamenti. sito web Il sito all interno del portale offre una descrizione del fenomeno, dei suoi protagonisti e di come sviluppare un possibile intervento di prevenzione e di contrasto alla violenza nella scuola. Nella sezione Contattaci, le scuole, i ragazzi e le famiglie trovano la lista degli Osservatori a cui rivolgersi. Oppure si può consultare una ricca bibliografia e filmografia sull argomento da consigliare ai ragazzi. numero verde e casella Presso la sede del MIUR è stato attivato il numero verde nazionale Sono a disposizione postazioni di ascolto seguite da una task force di esperti (psicologi, insegnanti, genitori e personale del Ministero) attive dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. A questo numero si possono segnalare casi, chiedere informazioni generali sul fenomeno e su come comportarsi in situazioni critiche. Verrà messo a punto un database centralizzato per: garantire l archiviazione e la riservatezza delle informazioni classificate; consentire l elaborazione di statistiche tramite le quali migliorare le azioni in corso; effettuare interventi mirati e tempestivi. Come il numero verde, anche l indirizzo accoglie segnalazioni di casi e richieste di informazioni e consigli.

5 Corsi di formazione per i docenti Convegni e conferenze Attività didattiche BULLISMO Incontri con i genitori Cineforum e laboratori teatrali Incontri con i docenti Sportelli Incontri con esperti COSTITUZIONE DI OSSERVATORI REGIONALI PERMANENTI Gli Osservatori permanenti sul bullismo, istituiti presso ciascun Ufficio Scolastico Regionale, rappresentano uno snodo tra centro e periferia, un centro polifunzionale al servizio delle istituzioni scolastiche che operano anche in rete, sul territorio. Lavorano in collaborazione con le diverse agenzie educative nel territorio per la realizzazione di attività, ricercando e valorizzando tutto il patrimonio di buone pratiche, materiali e competenze sviluppati localmente grazie all impegno delle scuole e delle istituzioni locali. LE ATTIVITÀ Ricerca Formazione Intervento Valutazione NUMERO VERDE Gli accessi dal 09/12 al 06/13 (70% studenti, 20% genitori, 10% insegnanti) CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE Accoglie segnalazioni di casi ma anche richieste di informazioni e consigli Dal 2007 è attivo dal lunedì al venerdì ( e ) per segnalare casi, chiedere informazioni e ricevere sostegno Il portale è il luogo di raccordo di tutti i soggetti coinvolti. Si occupa di inquadrare il fenomeno da un punto di vista psico-sociologico e culturale, fornendo utili strumenti e suggerimenti per fronteggiarlo CAMPAGNA NAZIONALE CONTRO IL BULLISMO SITO WEB Gli accessi dal 09/12 al 06/13. La casella è usata prevalentemente da alunni e genitori) 693 I casi di bullismo seguiti nell intera gestione CASELLA MAIL

6 CYBERBULLISMO È una forma di disagio relazionale, di prevaricazione e di sopruso perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione come l , gli sms, i blog, i telefoni cellulari ed il web in generale CONVEGNO 2012 Il 27 Dicembre 2012 è stato organizzato un Convegno Internazionale dal titolo Cyberbullismo e rischio di devianza. Strategie di promozione e interventi mirati dove sono state presentate le best practice elaborate nell ambito del progetto europeo Tabby in Internet. OSSERVATORI regionali sul bullismo Gli Osservatori Regionali Permanenti sul Bullismo, istituiti con il D.M. n.16 del 5 Febbraio 2007 e attivi presso gli Uffici Scolastici Regionali, rappresentano un importante riferimento a livello territoriale. Hanno il compito di lavorare in stretta collaborazione con le istituzioni locali per la realizzazione di attività e la valorizzazione del patrimonio di buone pratiche e di competenze che si sono sviluppate nel territorio. E soprattutto garantiscono un monitoraggio costante del fenomeno, il raccordo con le istituzioni che si occupano di educazione alla legalità e la verifica delle attività svolte dai vari soggetti. Favoriscono la promozione dei percorsi di informazione e aggiornamento destinati alle diverse componenti della comunità scolastica. OPEN EYES (2010) NAUSICAA (2012) Open Eyes: safenet use e Nausicaa sono due osservatori nati nell ambito delle iniziative di Più scuola meno mafia. Il primo, si occupa di informare e formare studenti, famiglie e scuole sull uso lecito e illecito della rete web e sui possibili rischi ad esso associati; ha uno sportello a Milano per la gestione dei casi di stalking, cyberstalking, cyberbullismo e per il sostegno alle vittime di comportamenti persecutori. Il secondo, a Caserta, offre un aiuto alle vittime di reati di bullismo e cyberbullismo oltre che a quelle della criminalità organizzata studenti coinvolti Il progetto Generazioni Connesse, per la sicurezza dei minori su Internet e sui nuovi media, fa parte del programma Safer Internet e promuove interventi di sensibilizzazione e formazione in oltre 200 scuole, attività di peer-education con gli studenti, seminari interattivi con insegnanti e genitori. Riesce a raggiungere circa persone tra docenti e alunni. 15,6 anni l età media GENERAZIONI CONNESSE (2012) 95% nato in Italia 53% SUD 45,5% NORD 1,2% CENTRO 15 anni l età media 36% scuola media 64% scuola superiore TABBY 905 studenti coinvolti Il MIUR ha aderito a Tabby attraverso il Piano nazionale Più scuola meno mafia. Il progetto, che mira ad accrescere la conoscenza delle minacce derivanti dall uso di Internet, ha realizzato diversi materiali didattici e il sito web dove è possibile compilare un questionario on-line. Ad oggi sono stati raccolti circa questionari Tabby.

7 Progetti pilota sul cyberbullismo l Progetto Open Eyes: safenet use. Avviato dal Piano Nazionale Più scuola meno mafia nel 2010 a Milano, in un immobile confiscato alla criminalità organizzata, ha portato alla realizzazione di un Osservatorio sull uso lecito e illecito del web e di uno Sportello per la gestione dei casi di stalking, cyberstalking, cyberbullismo e in generale per il sostegno alle vittime di comportamenti persecutori. l Progetto Nausicaa. Partito nel 2012 a Caserta, attraverso Più scuola meno mafia, sempre in un immobile confiscato, è divenuto sede di un Osservatorio di ricerca, formazione, intervento e sostegno psicologico per le vittime e per casi di disagio giovanile legati al fenomeno del bullismo oltre che alla criminalità organizzata. l Sempre attraverso Più scuola meno mafia, il MIUR ha aderito al Progetto T.A.B.B.Y., Threat Assessment of Bullying Behavior (ovvero valutazione della minaccia di cyberbullismo nei giovani), approvato nel quadro del programma Daphne III ( ). Il progetto mira a promuovere una cultura sana della rete, ad accrescere la conoscenza delle minacce derivanti dall uso di Internet e/o di altri mezzi di comunicazione informatizzata e ad attivare strategie e interventi mirati alla prevenzione di comportamenti devianti. Sono stati prodotti diversi materiali didattici tra i quali un toolkit per gli insegnanti con un manuale e un dvd da utilizzare e diffondere tra gli studenti e la realizzazione di un sito web dedicato dove è possibile compilare un questionario on-line. Ad oggi sono stati raccolti circa questionari Tabby. l Il Progetto Safer Internet - Generazioni Connesse, avviato nel febbraio 2013 in occasione del Safer Internet Day, l appuntamento indetto dalla Commissione Europea per sensibilizzare i più giovani su un utilizzo responsabile e corretto dei nuovi media, sotto il coordinamento del MIUR, racchiude alcune delle principali realtà che si occupano di sensibilizzare i minori ad un utilizzo consapevole di internet, quali l Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, la Polizia Postale e delle Comunicazioni, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, la Cooperativa E.D.I. e il Movimento Difesa del Cittadino. Il progetto, co-finanziato dalla Commissione Europea nell ambito del programma Safer Internet, promuove interventi in oltre 200 scuole (tra primarie e secondarie di primo grado) su tutto il territorio nazionale, insieme ad attività di peer-education con gli studenti, seminari interattivi con insegnanti e genitori, raggiungendo circa persone tra docenti e alunni. Attività seminariali sul cyberbullismo Presso la sede del MIUR, lo scorso dicembre, si è tenuto il convegno internazionale Cyberbullismo e rischio di devianza. Strategie di promozione e interventi mirati dove sono state presentate le best practice elaborate nell ambito del progetto europeo Tabby in Internet. Il MIUR ha organizzato il seminario IrRETIti impigliati nella rete su cyberbullismo e cyberstalking. campagna di comunicazione È in atto una campagna di comunicazione rivolta agli studenti, ai dirigenti scolastici, ai docenti, al personale ATA e alle famiglie. La campagna attua azioni mirate per ogni ordine e grado di scuola, e coinvolge stampa, radio e televisione. USO E ABUSO DEI SOCIAL NETWORK (La ricerca di Open eyes effettuata su ragazzi) 99,1% 89,3% 30% 12,5% 10% 13,6% 8,1% usa regolarmente internet ha un profilo su un social network è a conoscenza o è stato testimone diretto della diffusione di messaggi di minaccia da parte di altri studenti ha usato i social network per diffondere messaggi offensivi o minacciosi è stato vittima di diffusione di informazioni e immagini 13,6% dei maschi 8,1% delle femmine ha umiliato altre persone con la diffusione di materiali offensivi (Fonte: MIUR/ Open Eyes: Safenet use) 16% 12% 16% delle femmine 12% dei maschi è stato vittima di insulti, aggressioni verbali e minacce

8 Finito di stampare ottobre 2013 Stampa a cura di: Grafica 080 Via dei Gladioli, 6 Modugno Bari Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione dello Studente Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, Vibo Valentia Marina Comunicazione e design: ab&c Roma

Scuola in rete. Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano

Scuola in rete. Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano Scuola in rete Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano 1 Social Network a scuola Dal 2005 utilizziamo ThinkQuest, una piattaforma elettronica

Dettagli

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia BULLISMO" online)

Dettagli

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING CYBERBULLING di Mariagrazia Zanaboni 1 Congresso Nazionale I MODERNI PREDATORI: IL BULLI SMO Milano, 23-24 ottobre 2009 1 Il bullo nel villaggio globale Costruiamo una cintura di salvataggio! 2 Cyberbulling

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Agenda. Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A...

Agenda. Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A... Sicur@Mente in Rete Agenda Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A... 23 novembre 2012 Villa Corvini Parabiago incontro con la cittadinanza Pedofilia on-line Cyberbullismo

Dettagli

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

C O M U N E DI B E L L E GRA

C O M U N E DI B E L L E GRA C O M U N E DI B E L L E GRA PROVINCIA DI ROMA Piazza del Municipio, 6 C.A.P. 00030. C.F.02850300589- P.IVA 01125571008 TEL. 06/9561801 e- mail comunebellegra@gmail.com (scheda B ) PARTE SECONDA DATI DEL

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale Osservatorio regionale permanente sul bullismo e cyber-bullismo Linee-guida per

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. Questura di Firenze. Progetto

Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. Questura di Firenze. Progetto Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Questura di Firenze Progetto Bullyng o BULLISMO = Prepotenze tra pari in contesto di gruppo Progetto DAVIDE Reati in danno di minore Attività

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

La funzione educativa

La funzione educativa La funzione educativa 1 Prima di entrare nel merito della materia, occorre evidenziare fin da subito l esistenza di una corresponsabilità educativo-formativa dei genitori e della scuola nel processo di

Dettagli

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo La Giovii e Sarah ii bullo Franti: "E' malvagio. Quando uno piange, egli ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando fa a pugni, s'inferocisce e tira a far male. Non teme nulla, ride in

Dettagli

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO Elaborazione e presentazione dei risultati del QUESTIONARIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI V PRIMARIA E II A-II B SECONDARIA I GRADO A.S. 2012/2013

Dettagli

CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO

CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO SBULLO CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO La Polizia Comunale di Lugano e la Polizia Cantonale Gruppo Visione Giovani, si sono unite per realizzare una campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Promosso da In collaborazione con Finanziato dal progetto I.O.R. Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Sabato 14 dicembre 2013 Sala Marvelli, Provincia di Rimini Le nuove generazioni

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Laura Volpini 28 Marzo 2007 Università di Roma La Sapienza Il perché del numero verde: Richiesta da parte

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Blaise Pascal ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal" P.le Macrelli, 100-47521 Cesena (FC) Tel. +39 054722792 Fax +39 054724141 Cod.fisc. 81008100406 - Cod.Mecc. FOTF010008 www.ittcesena.gov.it fotf010008@istruzione.it

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

Cav. Giancarlo Lupidi ufficiale di polizia municipale in pensione Vice presidente dell associazione nazionale A.N.V.U.P. cell.

Cav. Giancarlo Lupidi ufficiale di polizia municipale in pensione Vice presidente dell associazione nazionale A.N.V.U.P. cell. L A.N.V.U.P. Associazione Nazionale Polizia Municipale in Pensione, sezione di Roma, ha sentito la necessità di aiutare in qualche modo i nostri figli e nipoti ed ha elaborato un progetto di intervento

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo.

Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo. LICEO STATALE SANDRO PERTINI Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Umane (con Opzione Economico-Sociale) Liceo Musicale e Coreutico Sez. Musicale Via C. Battisti 5, 16145 Genova - Corso Magenta, 2 A.

Dettagli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Comportamenti illeciti e pericoli LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Specialità della Polizia di Stato nata nel 1981 con la riforma della Polizia

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Che cos e INTERNET? Come nasce? (Arpa-net) 1969-DARPA Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti 1983 evoluzione in Internet Cosa sono i Protocolli

Dettagli

IL FENOMENO DEL BULLISMO

IL FENOMENO DEL BULLISMO FOXPOL LOMBARDIA FORMAZIONE PER LA POLIZIA LOCALE & SICUREZZA STRADALE IL FENOMENO DEL BULLISMO Conferenza Mozzanica (BG) 19 maggio 2011 CHI SIAMO: La FOXPOL è una Associazione di Promozione Sociale riconosciuta

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Un incontro per i genitori delle classi V delle scuole primarie Dr. Stefano Bonato, Psicologo esperto in Nuove Dipendenze Pg. 1 INDICE 1. Premessa

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

PROGETTO CONTRO LA VIOLENZA NELLE SCUOLE: Violenza? NO GRAZIE! Informare per combattere, conoscere per non cadere nella spirale violenta

PROGETTO CONTRO LA VIOLENZA NELLE SCUOLE: Violenza? NO GRAZIE! Informare per combattere, conoscere per non cadere nella spirale violenta PROGETTO CONTRO LA VIOLENZA NELLE SCUOLE: Violenza? NO GRAZIE! Informare per combattere, conoscere per non cadere nella spirale violenta La violenza contro le donne è forse la violenza dei diritti umani

Dettagli

Proteggi la tua famiglia online

Proteggi la tua famiglia online con la collaborazione di Proteggi la tua famiglia online Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi la

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM DATI GENERALI Ragione sociale Cooperativa Sociale EDI Onlus Presidente Direttore Esecutivo Sede legale Sedi

Dettagli

Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi?

Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi? Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi? Psicologi Criminologi Investigatori Le Attività.. Supporto all attività investigativa Formazione e sostegno del personale Studio descrittivo dei fenomeni di

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

I rischi e i pericoli della rete.

I rischi e i pericoli della rete. INDICE I rischi e i pericoli della rete (1) I rischi e i pericoli della rete (2) I rischi e i pericoli della rete (3) I rischi e i pericoli della rete (4) I rischi e i pericoli della rete (conclusione)

Dettagli

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE COMUNE DI LIVORNO CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE EDDA FAGNI Programma 2010-2011 Il C.I.A.F. (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglie) Edda Fagni Il C.I.A.F. (Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglie)

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI SINTESI PROGETTO LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI OBIETTIVI DOVE TARGET Sviluppare uno strumento in grado di promuovere una più matura riflessione sull uso responsabile e legale dei social

Dettagli

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE Dott. Andrea Rossi Polizia postale e delle Comunicazioni Roma, 20 dicembre 2010 L ATTIVITA DI CONTRASTO DELLA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI attività di monitoraggio

Dettagli

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA?

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? LUOGHI COMUNI SUL BULLISMO IL BULLISMO ESISTE SOLO NEI CONTESTI DEGRADATI IL BULLISMO E UNA QUESTIONE TRA MASCHI LA VIOLENZA FISICA VA CONTRASTATA, LE ALTRE PREPOTENZE

Dettagli

I pericoli che bambini e adolescenti corrono in Rete, rischio spesso sottovalutato dai genitori

I pericoli che bambini e adolescenti corrono in Rete, rischio spesso sottovalutato dai genitori AZIONE 1: Progetto di educazione digitale teso all utilizzo responsabile e consapevole del web e delle nuove tecnologie rivolto agli alunni delle scuole secondarie ed ai loro genitori: Progetto Occhi in

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Destinazioni alternative. Rispetto della diversità, prevenzione della violenza e uso consapevole delle nuove tecnologie

Destinazioni alternative. Rispetto della diversità, prevenzione della violenza e uso consapevole delle nuove tecnologie fondi strutturali europei 2007-2013 fondo sociale europeo FSE mmove p u Destinazioni alternative Rispetto della diversità, prevenzione della violenza e uso consapevole delle nuove tecnologie VERSO UN USO

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati Corecom Progetti di educazione ai media Anno scolastico Progetto Interventi realizzati Soggetti coinvolti Indagine sulle abitudini di fruizione televisiva da parte di bambini/e di età compresa tra i 24

Dettagli

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questo questionario ci dirà qualcosa di te, della tua famiglia, e di come ti senti riguardo a te stesso. È strutturato in quattro sezioni. Il questionario è segreto

Dettagli

CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE V.E.R.I. Onlus

CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE V.E.R.I. Onlus CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE V.E.R.I. Onlus Denominazione Nome Verità-Emancipazione- Rispetto- Impegno Mission dare voce a tutte le vittime di violenza, ponendo in essere iniziative tese in particolare

Dettagli

BILANCIO. sintesi. TA-0907-SINTESI Bilancio Sociale1 1 23/07/2009 19.44.41

BILANCIO. sintesi. TA-0907-SINTESI Bilancio Sociale1 1 23/07/2009 19.44.41 BILANCIO SOCIALE 2 0 0 8 Telefono Azzurro sintesi TA-0907-SINTESI Bilancio Sociale1 1 23/07/2009 19.44.41 Chi è Telefono Azzurro Telefono Azzurro Onlus nasce nel 1987 a Bologna con l obiettivo di contribuire

Dettagli

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices.

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Contro l Omofobia. Strumenti delle Amministrazioni Pubbliche locali dell'unione Europea. SITOGRAFIA SUL TEMA DEL CONTRASTO ALL

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Il mondo dei social network

Il mondo dei social network Il mondo dei social network ( in particolare) Prof. Danilo Piazza Premessa Il presente documento è una sintesi dell incontro svolto in presenza. Come tale esso diventa significativamente fruibile avendo

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 0 0% Secondaria 281 100% Classe IV Primaria 0 0% V Primaria 1 0% I Secondaria 101 36% II Secondaria 84 30% III Secondaria 95 34% Comune di Cafasse

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 100% Secondaria 0 0% Classe IV Primaria 68 44% V Primaria 87 56% I Secondaria 0 0% II Secondaria 0 0% III Secondaria 0 0% Comune di Cafasse

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione OPEN EYES: SAFENET USE

Dettagli

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network L uso sicuro della Rete e dei social network LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Servizio Centrale 20 Compartimenti regionali 80 Sezioni provinciali Compartimenti Polizia Postale Sezioni della Polizia

Dettagli

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo POR SARDEGNA 2000/2006 Misura 3.6 Azione 3.6.a Bando 2005/2006 Il progetto denominato SMS Scuola Sportello di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA IL PERCORSO LABORATORIALE L indagine Servizi web 2.0 1 e tutela dei diritti dell infanzia e dell adolescenza è stata realizzata dai

Dettagli

Indirizzo. e-mail... sito internet..... Fax. e-mail..

Indirizzo. e-mail... sito internet..... Fax. e-mail.. (scheda B pag. 1/5) SCHEDA PROGETTO PARTE PRIMA DATI GENERALI Comune di Provincia Indirizzo Telefono... Fax. e-mail... sito internet.. Sindaco (Nome e Cognome).... Segretario comunale (Nome e Cognome)..

Dettagli

La sicurezza in rete per i minori che navigano tra famiglia e scuola

La sicurezza in rete per i minori che navigano tra famiglia e scuola La sicurezza in rete per i minori che navigano tra famiglia e scuola LA SICUREZZA INFORMATICA: DIMINUIRE I RISCHI CON SISTEMI DI CONTROLLO EFFICIENTI E CON LA CONOSCENZA Ancona Aula del Rettorato 27 Ottobre

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti Oggi Purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché spesso

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Come Internet influenza il rapporto genitori figli. dott. Davide D Agostino. Click icon to add picture. loro iniziano sempre prima

Come Internet influenza il rapporto genitori figli. dott. Davide D Agostino. Click icon to add picture. loro iniziano sempre prima loro iniziano sempre prima Come Internet influenza il rapporto genitori figli dott. Davide D Agostino Click icon to add picture Maresciallo Capo della GDF responsabile della Squadra reati Informatici Procura

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI AI QUALI CI SI PUÒ RIVOLGERE PER AVERE INFORMAZIONI O CHIEDERE AIUTO PER PROBLEMATICHE LEGATE ALL USO DI INTERNET (lesione della privacy cyberbullismo

Dettagli

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi Ragazzi e telefonino Siamo negli anni novanta, una pubblicità mostra una ragazza che romanticamente chiede al suo fidanzato all altro capo del telefono «Mi ami?...ma quanto mi ami? E mi pensi?...ma quanto

Dettagli

PROGETTO "PICCOLI SUL WEB"

PROGETTO PICCOLI SUL WEB PROGETTO "PICCOLI SUL WEB" Progetto a cura dell'associazione Children Protection World Onlus e C.I.A.T.D.M. PRESENTAZIONE SINTETICA E GENERALE DEL PROGETTO: "Piccoli sul Web" è un progetto ideato dall'associazione

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI : EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI Messaggero Telegrafo Telefono Televisione Internet Comunicazioni satellitari 1 VANTAGGI DELL'EVOLUZIONE Velocità delle comunicazioni Accesso a varie informazioni Scambio

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori «Un PC per amico» uso consapevole del computer nei social network e per i compiti http://www.powtoon.com/show/f7jleflspt9/un-pc-per-amico/#/

Dettagli

Strumenti hardware e software utilizzati dai nostri studenti per studiare e altro. Che cosa, con che cosa. USR Piemonte Nadia Carpi

Strumenti hardware e software utilizzati dai nostri studenti per studiare e altro. Che cosa, con che cosa. USR Piemonte Nadia Carpi Strumenti hardware e software utilizzati dai nostri studenti per studiare e altro. Che cosa, con che cosa USR Piemonte Nadia Carpi Di cosa parliamo Un po di numeri Strumenti hardware e software utilizzati

Dettagli

XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra

XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra 22 Aprile 2013, 9-19 c/o Auditorium San Benedetto del Tronto (Marche) Italia Per informazione: www.heliosnews.it heliosnews@libero.it Ai Dirigenti Scolastici

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

Ognuna di queste pratiche è stata scelta in quanto possibile fonte d ispirazione di progetti di prevenzione da svolgere all interno del proprio Ente.

Ognuna di queste pratiche è stata scelta in quanto possibile fonte d ispirazione di progetti di prevenzione da svolgere all interno del proprio Ente. I link che seguono rimandano a tre buone prassi nell ambito della prevenzione. Le esperienze sono state scelte da contesti diversi rispetto ai centri di formazione professionale di cui abbiamo ampia testimonianza

Dettagli

BULLISMO E CYBERBULLISMO

BULLISMO E CYBERBULLISMO BULLISMO E CYBERBULLISMO Articolo della Dott.ssa Marzia Pala Psicologa Formatrice Psicoterapeuta Specialista in Psicoterapia Breve Strategica Ricercatrice Affiliata al Centro di Terapia Breve Strategica

Dettagli

All. B - PROGETTO GENERALE. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROMOSSO DA: Presidenza della Commissione P.O. della Regione Calabria 1 :

All. B - PROGETTO GENERALE. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROMOSSO DA: Presidenza della Commissione P.O. della Regione Calabria 1 : All. B - PROGETTO GENERALE LAVORI IN CORSO La scuola come cantiere di parità & legalità Percorso multidisciplinare di pedagogia civile rivolto a scuole dei tre ordini ANNO SCOLASTICO 2013/ 14 COMMISSIONE

Dettagli

Quaderni del. Corecom. Emilia-Romagna n. 1/2014. Stili di vita. line line degli adolescenti in Emilia-Romagna. breve guida alla ricerca

Quaderni del. Corecom. Emilia-Romagna n. 1/2014. Stili di vita. line line degli adolescenti in Emilia-Romagna. breve guida alla ricerca Quaderni del Corecom Emilia-Romagna n. 1/2014 Stili di vita e line line degli adolescenti in Emilia-Romagna breve guida alla ricerca a cura di Annalisa Guarini, Antonella Brighi, Maria Luisa Genta, Alessandra

Dettagli

Aderente al C.O.FA.C.E. Confédération des Organisations des Familles de la Communauté Européenne di cui è componente del board dal 2008

Aderente al C.O.FA.C.E. Confédération des Organisations des Familles de la Communauté Européenne di cui è componente del board dal 2008 Chi siamo Il Moige - Movimento Italiano Genitori è un organizzazione non governativa, ONLUS, con la missione di svolgere azione di tutela e sensibilizzazione dei genitori e dei minori in tutti gli ambiti

Dettagli

Il cyberbullismo. E. Modica

Il cyberbullismo. E. Modica Il cyberbullismo E. Modica Definizione di cyberbullismo Il cyberbullismo consiste nell uso delle nuove tecnologie per molestare, imbarazzare, intimorire, far sentire a disagio o escludere altre persone.

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Anno Accademico 2007/2008 Corso di perfezionamento e di aggiornamento

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO RELAZIONE CONCLUSIVA

PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO RELAZIONE CONCLUSIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DEL PO Scuola dell Infanzia- Primaria- Secondaria di 1 grado Via Bonazzi, 9 46035 OSTIGLIA (MN) TEL 0386/802030 FAX 0386/802086 e-mail: info@icdelpo.gov.it sito web: www.icdelpo.gov.it

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

CARICARE / UPLODARE / UPLOADARE

CARICARE / UPLODARE / UPLOADARE IL GERGO DELLA RETE ALIAS / FAKE Falsa identità assunta su Internet (ad esempio su siti di social network). L utente può scegliere un nome di fantasia, uno pseudonimo, o appropriarsi dei dati di una persona

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli