La pezzatura e la forma costituiscono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pezzatura e la forma costituiscono"

Transcript

1 RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DEL POLLINE Conviene impollinare l actinidia, ma occorre farlo bene Integrare l impollinazione naturale con quella di supporto risulta un operazione tecnicamente realizzabile ed economicamente conveniente, pur non potendo surrogare deficienze negli impianti e risultando economicamente remunerativa solo in annate con buone fioriture. Per ridurre i costi risulta conveniente la raccolta del polline in azienda di A. Galliano, D. Demaria, F. Vittone, A. Bevilacqua, G. Vittone, G. Costa La pezzatura e la forma costituiscono i parametri chiave per la valutazione della qualità commerciale e sono prerequisiti essenziali per la valorizzazione economica dei frutti di actinidia (Hopping, 1982; Hopping e Simpson, 1982; Galimberti, 22). Trattandosi di una specie dioica, le caratteristiche morfologiche del frutto sono in gran parte dipendenti, oltre che dalle tecniche colturali convenzionali (potatura, diradamento dei fiori e dei frutti, ecc.), dall andamento dell impollinazione naturale, anemofila ed entomofila oltre che dalle condizioni ambientali nel periodo della fioritura: l umidità relativa, la temperatura e le precipitazioni possono infatti essere favorevoli o sfavorevoli all impollinazione naturale (D Ambrosio et al. 1986, Intoppa, 1986; Goodwin, 1987; Craig e Stewart, 1988; Piazza e Intoppa, 1988 e 1989; Testolin et al., 199; Donovan e Read, 1991; Barbattini et al., 199; Succi et al., 1996; Costa, 23; Goodwin e Steven, 1993; Pietropoli, 2, Famiani et al., 25). Pertanto, in annate con condizioni climatiche avverse, la pezzatura dei frutti può risultare insoddisfacente anche negli impianti dove il rapporto tra piante staminifere e pistillifere è adeguato e le tecni- che colturali sono state gestite in modo corretto (Biasi e Costa, 198); Costa e Succi, 1988; Succi et al., 1996). L intervento surrogatorio con l impollinazione manuale, praticato da anni su superfici limitate, è risultato funzionale al miglioramento della pezzatura dei frutti, oltre che compatibile con l immagine salutistica di cui gode il frutto, ma non è praticabile su superfici significative da operatori professionali per i costi e i tempi di esecuzione elevati (Intoppa e Piazza, 199; Cordioli, 1999; AA.VV., 2; Costa, 23; Kulczewski, 2; Morten e Michelotti, 2). Dal 21 sono state effettuate, nel comprensorio frutticolo del Sud Piemonte, attività sperimentali per mettere a punto macchine distributrici e metodologie di applicazione del Foto 1 - Impollinatrice a secco con pre-umidificatore Dall Agata (modello Spider) polline sia a secco sia in acqua. Sono state altresì acquisite le metodologie per la raccolta del polline in azienda al fine di contenere i costi e aumentare la convenienza delle operazioni di impollinazione di supporto. I risultati ottenuti, di seguito riassunti, forniscono precise indicazioni per le modalità di effettuazione di impollinazione integrata e raccolta del polline. Se correttamente applicate, tali indicazioni consentono di ridurre in modo significativo i costi dell impollinazione di supporto e offrono altresì la possibilità di aumentare la superficie trattata. Impollinazione di supporto Manuale Esistono diverse modalità manuali di distribuzione del polline. Le tecniche nel tempo si sono evolute, anche se le applicazioni sono rimaste confinate a piccole superfici considerato il notevole impegno di manodopera richiesto. La distribuzione manuale a secco è stata gradualmente sostituita dall impiego di macchine a spalla di vario genere che consentono di distribuire il polline in acqua anche nelle ore in cui l umidità ambientale in campo non è molto elevata. I limiti di queste applicazioni manuali, oltre all impiego notevole di manodopera, restano i quantitativi elevati di polline distribuito (9-1.2 g/ha, 2 L/ha) e la irregolarità di distribuzione in campo, con conseguenze sui costi complessivi dell operazione e sull omogeneità di pezzatura dei frutti. Meccanica a secco Prove di impollinazione a secco sono state effettuate con le impollinatici delle ditte Dall Agata di Faenza (modello Spider) (foto 1), dotata di umidificatore, e Bovo di Verona (foto 2), senza umidifi- L Informatore Agrario 16/28

2 catore, utilizzando la miscela di polline (5%) e licopodio (55%) e una velocità di avanzamento di 3- km/ora. Preliminarmente sono state condotte prove per definire la dose ottimale della miscela che consenta di bilanciare efficacia e costi del polline. Le dosi e 8 g/ha di miscela sono risultate le più funzionali, la prima nel caso di scarsa fioritura, la seconda nel caso di fioriture superiori alla norma. A titolo esemplificativo citiamo qui i risultati ottenuti in diverse aziende nel 23. In tabella 1 sono riportati i risultati in termini economici: le prove 1, 2 e sono state trattate nella fase fenologica del 95% di fiori femminili aperti confrontando le due impollinatrici (con e senza umidificatore); nella prova 3 sono state messe a confronto l applicazione nella fase fenologica standard (95% fiori aperti) con un applicazione ritardata di 8 ore. Si evidenzia che l efficacia dell impollinazione integrata dipende da una serie di condizioni. Innanzitutto l entità della fioritura è fondamentale: quando la fioritura è superiore alla norma il risultato economico è estremamente positivo, soprattutto con la modalità di distribuzione con umidificazione. Nelle condizioni di fioritura normale o inferiore alla norma non compaiono invece grosse differenze né in relazione al tipo di distribuzione adottato (con o senza umidificazione) né in relazione all esecuzione o meno del diradamento dei frutti (tabella 1). L intensità di fioritura è quindi una variabile agronomica che da sola può giustificare la convenienza economica a effettuare o meno l impollinazione di supporto. Foto 2 - Impollinatrice a secco Bovo Inoltre risulta fondamentale il momento di esecuzione dell impollinazione di supporto. I migliori risultati sotto il profilo economico sono stati ottenuti con l impollinazione effettuata non prima del 95% dei fiori femminili aperti. Precedenti esperienze avevano dimostrato come interventi con meno dell 8% di fiori aperti non portavano a miglioramenti sensibili ed economicamente apprezzabili della pezzatura dei frutti. Quando l applicazione del polline è ritardata di sole 2 ore i risultati diventano negativi sia in termini economici (tabella 1, prova 3) che in termini di distribuzione dei frutti nelle classi di calibro commerciale più interessanti (grafico 1). Entrambe le macchine impiegate sono risultate funzionali e di facile manovrabilità. In particolare il modello Dall Agata ha mostrato un ottima adattabilità alla pergoletta doppia. Gli svantaggi della distribuzione meccanica a secco del polline riguardano lo stretto margine di tempo all interno del quale è possibile effettuare l intervento (prime ore del giorno) e la dipendenza dalle condizioni ambientali (umidità soprattutto). Questi fattori limitano l applicazione della metodologia a realtà aziendali con superfici ridotte. La tecnica della pre-umidificazione degli organi fiorali, realizzata con il modello Dall Agata, offre la possibilità di dilatare in qualche misura i tempi di impiego e di conseguenza aumentare relativamente la superficie trattata. Meccanica in acqua La possibilità di distribuire il polline in acqua consente di incrementare in modo significativo le superfici trattabili, in quanto ci si rende indipendenti dalle condizioni ambientali, con particolare riferimento all umidità relativa. Questa operazione richiede tuttavia conoscenze e professionalità specifiche sia nella fase di preparazione della sospensione che nella taratura della macchina. Si deve infatti considerare il rischio di perdita di vitalità del polline se sospeso in acqua per tempi superiori alle 2-3 ore e le difficoltà di ottenere una sospensione omogenea adatta alla distribuzione meccanica. Per questi motivi le verifiche in campo sono state effettuate utilizzando un volume d acqua (5 L/ha) che consentisse l applicazione della miscela entro le due ore dalla preparazione. Inoltre, si deve tener conto che la miscela da distribuire, composta da polline, attivatore e marcante biologico, deve essere preventivamente preparata mediante apposito miscelatore. Il momento di intervento ottimale è, come per la distribuzione a secco, al raggiungimento del 95% di fioritura. S TABELLA 1 - Risultati delle applicazioni a secco con unico passaggio effettuate nel 23 Prove Intensità di fioritura superiore 1 alla norma 2 normale 3 normale inferiore alla norma Modalità di impollinazione (diradato o non diradato) Dosi miscela (g/ha) Incrementi di plv sul controllo senza umidificatore (n.d.) con umidificatore (n.d.) senza umidificatore (d.) con umidificatore (d.) con umidificatore (d.) con umidificatore (d. + 8 ore) ,51 senza umidificatore (n.d.) 6 87, con umidificatore (n.d.) ,72 I risultati economici ottenuti sono evidenziati indicando l incremento di plv unitaria del trattato, al netto dei costi di impollinazione, rispetto al controllo. Le variazioni di dosi applicate dipendono dalle difficoltà operative di avanzamento delle macchine in campo. Foto 3 - Impollinatrice per la distribuzione del polline in acqua Gerbaudo (compressore da 8 L, serbatoio in pressione 2 L, 5 ugelli regolabili) 16/28 L Informatore Agrario 5

3 Per quanto attiene alle dosi, risultati economicamente non soddisfacenti sono stati ottenuti con dosi di polline di circa 25 g/ha, in quanto l incremento del 1% di prodotto commerciabile ottenuto non copriva i costi complessivi delle operazioni di impollinazione. Successive verifiche hanno individuato nella dose di 6 g/ha la dose ottimale; dosi inferiori ( g/ha) e superiori (8 g/ha) sono risultate entrambe non economicamente convenienti. Il modello di impollinatrice meccanica impiegato (foto 3) ha mostrato una buona funzionalità sia per la movimentazione lungo i filari sia per la distribuzione omogenea del polline sui fiori portati sotto la volta della pergoletta doppia. Le prime prove, gestite con modalità operative e protocolli considerati definitivi per questo tipo di applicazione, fanno riferimento a due impianti aventi caratteristiche agronomiche differenti (impianto 1 del 1985, 5 piante/ha, rapporto maschi/femmine 1:, diradato; impianto 2 del 23, 52 piante/ha, rapporto maschi/femmine 1:5, non diradato) e soprattutto livelli diversi di intensità di fioritura. Come per le esperienze di impollinazione a secco, i risultati economici del 26 sono stati evidenziati indicando l incremento di plv unitaria del trattato, al netto dei costi di impollinazione, rispetto al controllo. A parità di dose di polline impiegato (6 g/ha), nell impianto 1, caratterizzato da un intensità di fioritura valutata nella norma, l incremento di plv sul controllo non trattato è stato di 52 euro/ha, mentre nell impianto 2, dove l intensità di fioritura è stata giudicata superiore alla norma, l incremento ha raggiunto 1.6 euro/ha. Si conferma ancora che l intensità della fioritura è fondamentale: infatti, a parità di quantità di polline impiegata, il risultato è decisamente migliore in corrispondenza di elevate fioriture, anche quando vengono sostenute le spese di esecuzione del diradamento dei frutti. Occorre considerare che il dosaggio di polline impiegato per unità di superficie è elevato rispetto a quanto impiegato normalmente nella distribuzione a secco. Ciò spiega la caduta di redditività quando l incremento qualitativo e produttivo ottenuto nel trattato deve sostenere le spese di approvvigionamento del polline all esterno dell azienda. Produzione media (kg/pianta) Produzione media (kg/pianta) , 67, 61, Distribuire il polline in acqua rende indipendenti dall umidità relativa dell aria A C 53, Polline distribuito 8 ore dopo il 95% di fiori aperti D Produzione media per classe di calibro (kg/pianta) < 55 g g Dove è stato fatto diradamento manuale dei frutti e dove la macchina impollinatrice era dotata di umidificatore il posizionamento posticipato di 8 ore non funziona. Mentre i risultati del 26 sono stati giudicati del tutto soddisfacenti, i risultati del 27 hanno evidenziato come la qualità ottenibile con la distribuzione meccanica in acqua possa non Polline distribuito al 95% di fiori aperti B Produzione media per classe di calibro (kg/pianta) 65-7 g 7-75 g 75-8 g Classi di pezzatura Impollinato Controllo GRAFICO 1 - Risultati della prova 3 del g g g g g g essere costante pur in presenza di condizioni agronomiche e ambientali favorevoli. Allo stato attuale non è possibile interpretare correttamente questa mancata costanza nei risultati; si sottolinea solamente il fatto che questa metodologia, se pur molto promettente, presenta ancora degli interrogativi e dei rischi d insuccesso. È senz altro da notare come, anche volendo utilizzare gli stessi dosaggi di polline dell impollinazione manuale che ha fornito con costanza risultati positivi nella distribuzione meccanica, vi sia da considerare una maggiore dispersione di polline, in quanto esso non è diretto solamente sui fiori ma è distribuito su tutta la superficie inferiore della pergoletta. Questo fatto potrebbe in parte spiegare gli incostanti risultati ottenuti e indicare le linee di lavoro per il futuro. Sarà infatti necessario lavorare sulla possibilità d incremento della concentrazione di polline nei limiti della convenienza economica e/o a una distribuzione maggiormente mirata sui fiori. Raccolta del polline aziendale > 135 g L acquisto del polline rappresenta la voce che più incide sul costo complessivo della tecnica di impollinazione (mediamente l 8%). Di conseguenza, con l obiettivo di ridurre i costi e aumentare i margini di convenienza economica, 6 L Informatore Agrario 16/28

4 alcuni operatori che effettuano da anni l impollinazione di supporto hanno per primi sviluppato tecnologie artigianali per estrarre il polline dai soggetti maschili presenti negli impianti aziendali. L operazione ha un evidente convenienza sia per la distribuzione a secco (tabella 2) sia in acqua (tabella 3). A partire dal 2 imprese professionali, con esperienza nel settore, hanno iniziato a mettere a punto aspiratori meccanici. Le macchine raccoglitrici TABELLA 2 - Costi del trattamento a secco Voce di costo Costo polline commerciale I costi per l impollinazione a secco sono stati definiti comprendendo l acquisto della miscela polline-licopodio e la sua distribuzione. Evidente risulta il risparmio utilizzando polline aziendale. I primi tentativi di estrazione del polline dagli impianti aziendali sono stati condotti da intraprendenti agricoltori che hanno utilizzato aspiratori elettrici di uso domestico adattati estemporaneamente. Trascurate queste apparecchiature per i limiti imposti dal tipo di alimentazione e per le insufficienti condizioni di sicurezza garantite, nel corso delle sperimentazioni è stata valutata la funzionalità di tre aspiratori professionali, che nel tempo si sono resi disponibili in Piemonte a partire dal 2, in grado di raccogliere polline di elevata qualità con tecnologie sicure per gli operatori: una macchina allestita con l adattamento di aspiratori elettrici per uso industriale (ditta Rattalino, con 2 postazioni di raccolta) e due estrattori a turbina (ditte Dall Agata e Rattalino, con postazioni di raccolta ciascuna) (foto e 5). La prima fra queste, pur rappresentando un buon punto di partenza con rese di 55-6 g/ora per ettaro, non raggiunge la funzionalità dei modelli successivi anche per la qualità del polline valutata in termini di germinabilità (inferiore al 7-75%). Entrambe le macchine a turbina superano invece i 7-8 g di polline raccolti per ora e per operatore con operazioni affidabili sotto l aspetto della sicurezza, manualmente poco faticose e in grado di non danneggiare irreparabilmente gli organi fiorali alla prima raccolta. Il polline estratto con le macchine a turbina evidenzia nelle prove di laboratorio una germinabilità media dell 8% e comunque mai inferiore al 75% e quindi confrontabile con il polline di origine neozelandese reperibile sul mercato (germinabilità dell 8-9%). Tenuto conto del rapporto tra costi e prestazioni si può ipotizzare l impiego degli aspiratori a turbina per aziende singole o associate con superfici significative dedicate all impollinazione di supporto. I tradizionali aspiratori elettrici, resi sicuri nelle più recenti rielaborazioni, possono essere convenientemente utilizzati dalle aziende che effettuano l impollinazione di supporto su superfici limitate. La tecnica di raccolta polline aziendale Miscela standard (polline 2 g + (8%) 12 (58%) licopodio 25 g) Liquido per la preumifidicazione (1,5 L/ha) Costi per la trazione (1,5 ore/ha) 2 2 Costi della macchina impollinatrice (1,5 ore/ha) Costo totale Le indagini in campo hanno evidenziato come la raccolta del polline possa essere effettuata a partire dal 5% di fiori aperti sino a completa caduta petali senza che si evidenzino significative differenze nella qualità del materiale raccolto, valutata in termini di capacità germinativa dei Foto - Aspiratore a turbina Dall Agata granuli pollinici. Si consigliano passaggi successivi di raccolta distanziati di almeno 2 ore al fine di consentire la maturazione dei granuli pollinici tra una raccolta e la successiva. Si ricorda che, onde evitare l incidenza di possibili variabili legate alle condizioni ambientali (temperatura e umidità relativa), le verifiche sperimentali sono sempre state effettuate nelle ore del mattino comprese tra le 9 e le 11. Si segnala come particolarmente vantaggioso l allestimento di impianti di sole piante maschili, come già sperimentato con successo da alcuni operatori, per ottimizzare le operazioni di raccolta. Questa scelta, attuabile da chi intende fare dell impollinazione di supporto una base per l incremento della qualità, consente di impiegare le nuove cultivar selezionate in virtù delle performance in termini di qualità dei frutti (regolarità di forma e pezzatura). La manipolazione del polline Le modalità di gestione del polline durante e dopo la raccolta risultano essenziali per garantire la vitalità dello stesso. Sono state condotte verifiche per definire le modalità di conservazione del materiale tal quale a breve e a lungo periodo a partire dalla raccolta. Innanzitutto durante le operazioni di raccolta con aspiratori a turbina, e quindi a temperatura ambiente, la vitalità del polline tende a diminuire in modo statisticamente significativo dopo 2 ore (germinabilità 87,5% a 1 ora dalla raccolta, 88,% dopo 2 ore, 75,3% dopo 3 ore e 68,7% dopo ore). Sempre con riferimento alla germinabilità, la conservazione in frigorifero (+ C circa) sino a 15 ore dalla raccolta non pregiudica la vitalità del polline (86,8% alla raccolta, 87,2% dopo 5 ore, 85,3% dopo 1 ore, 82,6% dopo 15 ore in frigorifero). Allo stesso modo, con procedure corrette di stoccaggio e conservazione, la vitalità del polline può essere conservata sino a 12 mesi dalla raccolta se il materiale viene conservato in comuni freezer a 2 C. Il polline, raccolto a giugno 2 con una germinabilità dell 89,5%, a giugno 25 dimostrava di mantenere una percentuale dell 85,2%. È quindi possibile, qualora le condizioni ambientali dell annata o lo stato vegetativo della coltura non ne richiedano l immediato S 16/28 L Informatore Agrario 7

5 TABELLA 3 - Costi del trattamento in acqua Voce di costo Polline commerciale prezzo unitario (euro) costo Polline aziendale prezzo unitario (euro) costo Polline (dose 6 g/ha) 3,3/g 1.98,,5/g 3 Liquido per la sospensione (acqua demineralizzata 5 L/ha),37/L 18,5,37/L 18,5 Attivatore e marcante (1,5 L/ha) /L 6 /L 6 Costi per la trazione (1,75 ore/ha) 28,2/ora 9,35 28,2/ora 9,35 Costi della impollinatrice (1,75 ore/ha) 39/ora 68,25 39/ora 68,25 Costo totale 2.176, 96 Il divario tra il costo di impollinazione usando polline prodotto in azienda e polline commerciale, ferma restando l importanza di una corretta tecnica di raccolta, conservazione e somministrazione, è decisamente a favore del polline aziendale. Foto 5 - Aspiratore a turbina Rattalino utilizzo, conservare integro il materiale per l anno successivo. I tempi di sospensione del polline in acqua sono stati correlati con i presumibili tempi d impiego in campo sino a ore, limite considerato accettabile nelle esperienze operative effettuate. Le prove svolte hanno evidenziato una perdita di vitalità del 18% tra 2 e ore di sospensione in acqua. Risulta pertanto consigliabile effettuarne la distribuzione entro 2-3 ore dalla preparazione. Per definire l eventuale influenza del tipo di acqua utilizzato per la sospensione sono stati messi a confronto diversi tipi di acqua, valutabili per la loro attitudine a favorire la germinazione del polline in vitro. L acqua con caratteristiche tali da favorire l osmosi [ph 5,7, conducibilità elettrica 9,8 μs/cm, durezza f (gradi francesi), cloruri mg/l] è risultata essere significativamente meno adeguata, mentre l acqua demineralizzata (ph 7,8, conducibilità elettrica 6,7 μs/cm, durezza f, cloruri mg/l) e l acqua potabile (ph 7,8 e altri parametri a norma di legge) hanno fornito una germinabilità soddisfacente, sebbene l acqua potabile sia risultata la migliore in termini numerici. Integrare l impollinazione conviene La raccolta di polline aziendale consente un notevole risparmio nei costi della impollinazione di supporto Al fine di migliorare la qualità e l immagine salutistica delle produzioni, l integrazione all impollinazione naturale effettuata con macchine distributrici del polline risulta un operazione tecnicamente realizzabile ed economicamente conveniente se effettuata nel rispetto delle modalità applicative indicate. Occorre tuttavia ricordare che questa operazione non può porre rimedio a deficienze strutturali degli impianti o surrogare carenze nella effettuazione di operazioni colturali quali la potatura, il diradamento, ecc. L attività sperimentale ha infatti evidenziato come i risultati economicamente più vantaggiosi vengano ottenuti in impianti con forme di allevamento razionali, condotti con tecniche colturali corrette. Le prove hanno altresì evidenziato che, indipendentemente dalla strumentazione impiegata, l intervento di impollinazione integrativa fornisce risultati più marcati con fioriture superiori alla norma; infatt, produzioni scarse legate a fioriture insufficienti non sono risultate in grado di compensare i costi dell operazione. In generale è importate ricordare che i risultati più costanti si ottengono con l impollinazione meccanica a secco, tecnica di agevole applicazione sotto l aspetto operativo e probabilmente più definita rispetto all impollinazione in acqua. Questa tecnica, pur se interessante e promettente per il futuro per la possibilità offerte in merito alle condizioni di operatività e alle dimensioni delle superfici trattate, all evidenza dei fatti si presenta al momento meno versatile e con variabili al momento ancora da indagare e definire. La raccolta del polline risulta conveniente e agevole grazie all evoluzione tecnologica raggiunta dalle macchine. Il materiale ricavato dagli impianti aziendali risulta altresì di qualità adeguata alle operazioni di impollinazione. Le diverse prove sulla germinabilità del polline, raccolto con macchine differenti e con modalità e tempistiche indicate, hanno infatti evidenziato una vitalità del polline del tutto paragonabile al materiale di qualità certificata reperibile sul mercato. Con l estrazione e l impiego del polline raccolto dagli impianti aziendali è quindi possibile abbattere in modo significativo i costi dell impollinazione meccanica di supporto. Aldo Galliano Daniele Demaria Fabrizio Vittone Alessandro Bevilacqua Graziano Vittone Creso - Consorzio di ricerca e sperimentazione per l ortofrutticoltura piemontese (Cuneo) Guglielmo Costa Dipartimento di colture arboree Alma Mater Studiorum Università di Bologna Per la disponibilità allo svolgimento delle prove in campo si ringraziano le aziende agricole Barra (Costigliole, CN), Maero A. (Lagnasco, CN), Diale L. (Manta, CN), Odasso A. (Manta, CN) e Vittone F.lli (Manta, CN). Per la messa a disposizione delle macchine si ringraziano la ditta Dall Agata (Faenza, RA), l azienda agricola F.lli Bovo (Verona), la ditta Rattalino (Villafaletto, CN) e l officina meccanica Gerbaudo (Villafalletto, CN). Per la collaborazione tecnica si ringrazia la società AgrivalleBronda di Capitini e C. (Pagno, CN). Per la disponibilità degli impianti per il condizionamento del prodotto si ringraziano le Coop. Sanifrutta (Costigliole, CN), LagnascoFrutta (Lagnasco, CN) e Pav (Verzuolo, CN), la società TuttoFrutta Quaranta (Costigliole Saluzzo, CN) e l Istituto agrario di Verzuolo (CN). Per consultare la bibliografia e gli approfondimenti: 8ia16_3362_web 8 L Informatore Agrario 16/28

IMPOLLINAZIONE MECCANICA DEL KIWI

IMPOLLINAZIONE MECCANICA DEL KIWI IMPOLLINAZIONE MECCANICA DEL KIWI INTRODUZIONE L actinidia è una specie dioica, in quanto presenta fiori unisessuali femminili e maschili su piante diverse. La pezzatura del frutto e e quindi il valore

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008 CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI Brescia, 01 febbraio 2008 SCELTA DEL PRODOTTO Modo d azione della s.a. Caratteristiche del formulato Formulazione Coadiuvanti DISTRIBUZIONE Copertura della

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014 Numero venti 23 maggio 2014 In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli - pag. 1 Colza: indicazioni relative alla fase di raccolta - pagg. 2/3 Unionzucchero/CGBI:

Dettagli

Dall esperienza maturata con SoffiaPolline nasce la versione da trattoreper una impollinazione localizzata e precisa su pergoletta o tendone.

Dall esperienza maturata con SoffiaPolline nasce la versione da trattoreper una impollinazione localizzata e precisa su pergoletta o tendone. Dall esperienza maturata con SoffiaPolline nasce la versione da trattoreper una impollinazione localizzata e precisa su pergoletta o tendone. La struttura telescopica permette di adattarsi a tutte le esigenze.

Dettagli

Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco

Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco Giuseppe Monge 1, Daniele Demaria 1, Marco Pagani 2, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Fabio Molinari

Dettagli

Pesco Il diradamento meccanico

Pesco Il diradamento meccanico Attività finanziata dalla Pesco Il diradamento meccanico sperimentazione 2009 Responsabile: G. Vittone Attività in campo: M. Allasia, L. Asteggiano, A. Bevilacqua, G. Curetti, D. Demaria L. Nari, F. Vittone

Dettagli

Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA

Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA Graziano Vittone e Davide Nari COME SI DETERMINA IL COSTO DI PRODUZIONE? COSTI ESPLICITI

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu 2

Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu 2 Diradamento del pesco l esperienza italiana Laura Asteggiano 1,2 e Graziano Vittone 2 1 Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

SOPRALLUOGO PREVENTIVO N

SOPRALLUOGO PREVENTIVO N COMMISSIONE ISMEA ZONA NORD OVEST CAMPAGNA 2012 SOPRALLUOGO PREVENTIVO N 3 INCARICATI: Isp. DITARANTO DOMENICO Isp. GANORA PAOLO Isp. PASINI FIORENZO Isp. ROSSI ISAIA La presente relazione si riferisce

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole

I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole Milano 18 marzo 2014 I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole Dott. Stefano Gualanduzzi Ricercatore CRA-SCS Sede di Bologna Percentuali di allogamia

Dettagli

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve Convegno : Ottimizzazione della filiera di produzione di biomasse ligno-cellulosiche FORLENER 27 - BIELLA, 28 settembre 27 Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve parte seconda: redditività

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO RIDUZIONE DELLA DERIVA ED EFFICACIA DEI TRATTAMENTI ESPERIENZE IN TRENTINO DANIEL BONDESAN & CLAUDIO RIZZI P.P.A. Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 SPERIMENTAZIONE 2009 2013 Obiettivi Individuazione

Dettagli

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo Actinidia Il metodo Peyracchia Coltivata in Piemonte, in particolare nel cuneese da quasi un trentennio, l actinidia non ha subito grossi mutamenti per quanto riguarda la forma di allevamento: infatti

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna nell azienda

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli

FUTURO FERTILE IN TOSCANA

FUTURO FERTILE IN TOSCANA Numero ventidue 8 giugno 2012 FUTURO FERTILE IN TOSCANA Nelle scorse settimane è stata costituita la società Futuro Fertile Toscana soc. cons. a r.l.: una formula per valorizzare le produzioni agricole

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve Torna all indice Convegno di Studio: Le biomasse agricole e forestali nello scenario energetico nazionale Progetto Fuoco (Verona 18-19 Marzo 24) Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

SINTESI COSTI 2013 VIGNETI

SINTESI COSTI 2013 VIGNETI SINTESI COSTI 2013 VIGNETI Uve raccolte a mano e a macchina (Braude vx e Pellenc) Occorre in primo luogo ribadire che la viticoltura italiana e quindi anche quella emiliano romagnola, hanno in questi ultimi

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

Pannelli G., 2007. Come ridurre i costi di raccolta e potatura. Olivo e Olio, 3: 49-53.

Pannelli G., 2007. Come ridurre i costi di raccolta e potatura. Olivo e Olio, 3: 49-53. Pannelli G., 2007. Come ridurre i costi di raccolta e potatura. Olivo e Olio, 3: 49-53. COME RIDURRE I COSTI DI RACCOLTA E POTATURA Pannelli Giorgio CRA-Istituto Sperimentale per la Olivicoltura, sezione

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla

Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla Parma, 28 e 29 Settembre 2013 Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla Andrea Primavera - Agronomo, Perugia La camomilla come pianta Matricaria recutita Rausch. Famiglia Asteraceae Erbacea

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa La qualità di distribuzione degli agrofarmaci La qualità della distribuzione degli agrofarmaci sulle colture rappresenta un aspetto fondamentale per il conseguimento di un ottimale efficacia biologica

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

5. CONSIDERAZIONI DI SINTESI

5. CONSIDERAZIONI DI SINTESI 5. CONSIDERAZIONI DI SINTESI In relazione ai dati raccolti nel corso dello studio, appaiono evidenti talune considerazioni che contraddistinguono il sistema produttivo dell albicocco e lo differenziano

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4 Determinazione dell attività sanificante del sistema SUNOX (Pure Health ) indotta dal TiO 2 su superfici contaminate da Listeria monocytogenes, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa. RELAZIONE

Dettagli

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Dr. Francesco Marotta (Consorzio di bonifica Destra Sele)

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il mercato nazionale dei cereali Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il contesto di riferimento Il settore cerealicolo opera in un quadro caratterizzato da diversi aspetti difficilmente

Dettagli

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione)

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione) REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: DISCIPLINA DELL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE DI VEGETAZIONE E DELLE SANSE UMIDE DEI FRANTOI OLEARI (LEGGE REGIONALE 29 DICEMBRE 2000, N. 61) Art. 1 - Oggetto e ambito

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

Le caratteristiche del software GAIA

Le caratteristiche del software GAIA Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Le caratteristiche del software GAIA Antonio

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche Il Compostatore Elettromeccanico è una valida alternativa per il trattamento degli scarti organici? L esperienza presso il Laboratorio didattico sull ambiente di Pracatinat L uso di un compostatore elettromeccanico

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA

COMUNICAZIONE PREVENTIVA Modello di COMUNICAZIONE PREVENTIVA Utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari (prevista dall art. 3 1 e 2 comma del REGOLAMENTO REGIONALE 7 dicembre 2007,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 Indagine 2013 Sommario 1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2 2. Dimensioni aziendali... 4 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 4. Produzioni aziendali... 11 5. Integrazione e rapporto

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO MAIS

FONDO MUTUALISTICO MAIS AGRIFONDO MUTUALISTICO Associazione Mutualistica Dei Condifesa Del Veneto E Friuli V.G. Filippo Codato Direttore Condifesa Treviso e coordinatore Condifesa Veneto FONDO MUTUALISTICO MAIS LEGNARO (PD) 27

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Il sistema informativo della RICA italiana

Il sistema informativo della RICA italiana Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Carmela De Vivo Istituto Nazionale di Economia

Dettagli

Parte dodicesima. L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane. F. Sgroi 1 e V. Fazio 2

Parte dodicesima. L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane. F. Sgroi 1 e V. Fazio 2 Parte dodicesima L economia della meccanizzazione nelle aziende cerealicole siciliane F. Sgroi 1 e V. Fazio 2 1 Il dott. Filippo Sgroi è ricercatore in Economia ed Estimo Rurale presso il Dipartimento

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO Progetto di valorizzazione del Tartufo della Marca di Camerino Dott.For. Emiliano Pompei 31 marzo 2009 LA

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli

IMPIEGO DEI CONCIMI E AMMENDANTI ORGANICI AZOTATI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IMPIEGO DEI CONCIMI E AMMENDANTI ORGANICI AZOTATI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA IMPIEGO DEI CONCIMI E AMMENDANTI ORGANICI AZOTATI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA RELAZIONE per TECPUNTOBIO di Enrico Accorsi Il giorno mercoledì 10 dicembre 2008 presso la sede di Pro.B.E.R si è svolto un incontro,

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Confezionamento in diretta ed elevata automazione Eugenio Felice L impianto più avanzato d Europa per la lavorazione di frutta estiva e kiwi si trova

Dettagli

Agricoltura Responsabile TM

Agricoltura Responsabile TM Protagonisti oggi dell Agricoltura di domani Agricoltura Responsabile TM IL RUOLO DI SYNGENTA Syngenta è impegnata attivamente nel promuovere un Agricoltura Responsabile TM, l approccio culturale volto

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli