SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI"

Transcript

1 PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI Comune di PESSINETTO Località Concentrico Indirizzo Via Roma, 58 Nome Scuola Tipologia Aggiornamento scheda Scuola Primaria di Pessinetto Scuola Primaria Giugno 2009 OBIETTIVI ED AZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA NEL COMUNE Il Comune di Pessinetto ha aderito nel 2007 al Tavolo Provinciale di Agenda 21, per definire, mediante un percorso partecipato, una serie di azioni progettuali ed operative volte alla mobilità sostenibile, anche attraverso il miglioramento delle condizioni di sicurezza della mobilità delle persone e dei veicoli all interno dell abitato, avendo cura di cominciare dalle scuole come luoghi sensibili. Con un approccio pragmatico ed assistito da competenze tecniche appropriate, il Comune ha proceduto all analisi delle condizioni di rischio presenti, alla discussione con gli operatori sociali locali, fino all indicazione di proposte socialmente condivise e sperimentate, adeguandole alla situazione presente. SCHEDE 1. Informazioni generali sul plesso scolastico 2. Stato della circolazione precedente all intervento 3. Proposte del percorso partecipato del Tavolo di Agenda Indicazioni progettuali 5. Stato di attuazione degli interventi

2 1. INFORMAZIONI GENERALI SUL PLESSO SCOLASTICO 1.1 Informazioni generali ed inquadramento ambientale del plesso scolastico La Scuola Primaria di Pessinetto sorge all interno del Capoluogo del piccolo Comune della Valle di Lanzo, e più precisamente in posizione centrale, lungo la S.P. 1, che assume, in ambito comunale, il nome di via Roma. Gli spazi didattici sono inseriti in un edificio che ospita anche il Municipio e gli uffici comunali e che si affaccia direttamente sulla Strada Provinciale. All interno del sistema viabilistico comunale si possono riscontrare due principali tipologie di strade: la prima rispecchia la tipologia tipicamente montana, con sezioni ristrette, tortuose e pendenze accentuate, mentre la seconda è rappresentata dalla Strada Provinciale, la quale risulta caratterizzata da sezioni più ampie e tortuosità e pendenze variabili in funzione della localizzazione del Comune. In questo caso, la viabilità di interesse per la scuola è rappresentata esclusivamente dalla Strada Provinciale, che risulta essere l unica arteria utilizzabile per il raggiungimento della scuola. Le caratteristiche dell area risultano abbastanza omogenee, con costruzioni di ridotta altezza che delimitano direttamente la S.P.; la presenza di sezioni limitate di questa ha vincolato pesantemente la realizzazione di marciapiedi che sono, infatti, presenti esclusivamente nei tratti in cui non sono tanto le condizioni di sicurezza che li rendono indispensabili, ma dove è stato possibile ricavarli fuori dalla carreggiata. Pertanto, l intera area centrale di Pessinetto risulta condizionata da tali caratteristiche: limitata ampiezza della Strada Provinciale, mancanza di marciapiedi e di spazi riservati a pedoni, inadeguata sicurezza per i pedoni e per i ciclisti. La S.P. su cui si affaccia l accesso alla scuola ed il Palazzo Municipale è interessata da un forte traffico di spostamento intercomunale, essendo l unica infrastruttura di valle: il traffico, perciò, presenta evidenti picchi durante i periodi di spostamento quotidiano (mattina e sera), ma si può considerare consistente anche durante le altre ore del giorno. Per quanto riguarda la disponibilità di sosta, lungo la S.P. sono stati ricavati, in pochi punti del lato a valle, alcuni stalli di sosta. Di fronte al Municipio è presente una piccola piazzetta, recentemente oggetto di intervento di risistemazione, di cui una parte è destinata a parcheggio. All interno del Paese, la sosta risulta generalmente difficoltosa a causa degli spazi ridotti e vi sono alcuni piccoli parcheggi con un numero di stalli limitato. Per visualizzare la situazione pre-intervento, è possibile consultare la relativa galleria fotografica.

3 1.2 Inquadramento urbanistico

4 2. STATO DELLA CIRCOLAZIONE PRECEDENTE ALL INTERVENTO 2.1 La circolazione su via Roma è a doppio senso di marcia, in Informazioni sulle quanto trattasi del tratto comunale di una Strada Provinciale (S.P. 1): nell ambito comunale la strada presenta carreggiate con condizioni della larghezza limitata, spesso insufficiente per consentire circolazione e della agevolmente il doppio transito veicolare e per garantire il transito sicurezza stradale di pedoni con caratteristiche minime di sicurezza. L ingresso della scuola elementare si affaccia direttamente su via Roma: ne consegue che l accesso presenta condizioni di sicurezza molto critiche, non essendo garantito uno spazio protetto per la sosta degli scolari nel periodo di entrata ed uscita dalla scuola. Da un analisi preliminare si riscontrano, inoltre, notevoli problematiche legate alla sosta dei veicoli, in quanto la dotazione di parcheggi risulta decisamente insufficiente nelle immediate vicinanze dell ingresso al plesso. Tale scarsità di aree di sosta genera, durante gli orari di entrata e uscita, condizioni di criticità dovute al congestionamento di tutta la zona della scuola. E chiaro che, visto il numero limitato di alunni, la congestione che ne deriva deve essere rapportata alle condizioni locali generali, ma bisogna sottolineare che la carenza di definizione tra spazi pubblici destinati alla viabilità e di quelli destinati alla pedonalità risulta essere il primo problema in questa localizzazione. Un ulteriore problema di sicurezza è legato agli spostamenti pedonali: la carenza di marciapiedi e il fatto che i pedoni debbano necessariamente camminare al lato della strada senza protezioni sono elementi strutturali caratterizzanti di Pessinetto. Per quanto riguarda la scuola, il fatto che, per raggiungere il locale mensa, gli studenti siano obbligati ad uscire dal plesso ed a percorrere un tratto a piedi direttamente sulla strada provinciale, mette a repentaglio tutti i giorni la sicurezza dello spostamento. Il percorso di collegamento tra i due locali non risulta per nulla protetto, in quanto non sono presenti marciapiedi o percorsi riservati al transito dei pedoni. Per visualizzare la situazione pre-intervento, è possibile consultare la relativa galleria fotografica.

5 2.2 Mappa dello stato di fatto precedente all intervento

6 2.3 Evidenze in ordine all accesso alla scuola Dall analisi preliminare del plesso in oggetto sono emerse alcune problematiche, tra cui si evidenzia una scarsa protezione dell ingresso alla scuola, il quale risulta privo dei necessari elementi di delimitazione e di separazione dalla sede stradale. Ulteriori problematiche sono da attribuire alla limitata disponibilità di spazi di parcheggio, che crea diversi problemi di termini di sicurezza, soprattutto se abbinata alla mancanza di un efficace regolamentazione dei flussi veicolari e pedonali per i collegamenti con la scuola. Infine, anche lo stallo dello scuolabus, attualmente posizionato di fronte all ingresso del Municipio, risulta essere in posizione anomala e poco fruibile in piena sicurezza da parte degli studenti. Da segnalare, inoltre, che per l attraversamento della Strada Provinciale, è presente una zebratura in corrispondenza dell ingresso del Municipio: tale segnaletica risulta, però, assolutamente insufficiente a garantire le minime condizioni di sicurezza nell attraversamento tra la piazza antistante il Municipio e l ingresso della scuola.

7 3. PROPOSTE DEL PERCORSO PARTECIPATO DEL TAVOLO DI AGENDA Il percorso partecipato del Tavolo di Agenda Osservazioni e proposte dall utenza (insegnanti, scolari, genitori) Progetto Strade più belle e sicure La Provincia di Torino dal 2006 ha costituito il Tavolo di Agenda 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi Scolastici e definito un percorso di partecipazione nelle scuole e nelle Amministrazioni comunali al fine del raggiungimento degli obiettivi generali del progetto. Quindi, per quanto riguarda la scuola primaria di Pessinetto è stato svolto il progetto "Strade più Belle e Sicure" con due classi, mentre con il Comune è stato portato avanti un percorso di accompagnamento tecnico per la realizzazione di proposte di possibili interventi intorno al plesso scolastico. I risultati del percorso svolto sono sinteticamente riassunti nelle schede seguenti. Nell ambito di un percorso di informazione e formazione, insegnanti e genitori hanno evidenziato criticità e proposto soluzioni: Criticità: l ingresso della scuola si affaccia direttamente sulla Strada Provinciale; mancanza di spazi verdi e di un luogo ove i bambini possano giocare; percorsi pedonali assenti anche per andare in mensa; i bambini devono percorrere in fila il tratto lungo la Strada Provinciale in condizione di evidente pericolo. Al termine di un percorso di progettazione partecipata rivolto alle classi, gli alunni hanno elaborato le seguenti proposte: piattaforma rialzata e colorata davanti alla scuola ad uso promiscuo pedoni-automobili per rallentare le auto e mettere in sicurezza i bambini all ingresso e all uscita; creazione di area verde e piccolo giardino di scienze (per attività didattiche dei bambini) nello spazio antistante la scuola e conseguente eliminazione dei parcheggi; creazione di percorso pedonale protetto (creando il percorso pedonale si potrebbe lasciare l auto nei parcheggi posti a 50mt e raggiungere in sicurezza la scuola e il Municipio, dislocati all interno dello stesso edificio).

8 3.3 Osservazioni e proposte della Amministrazione comunale Percorso di accompagnamento tecnico Dai colloqui svolti con l Amministrazione comunale, è emersa l intenzione di focalizzare l analisi e le proposte migliorative sugli aspetti di sicurezza stradale riferiti in modo specifico all accesso della scuola ed ai percorsi pedonali per il suo raggiungimento. I possibili interventi per ridurre le problematiche di sicurezza e di circolazione nell intorno più ampio della scuola possono riguardare gli interventi volti a colmare le carenze infrastrutturali di quasi tutto il tratto della S.P. 1 all interno del Concentrico, con l obiettivo di potenziare gli elementi che consentano una riduzione delle velocità di percorrenza delle vetture, di aumentare le condizioni di sicurezza dei pedoni e di realizzare una più puntuale organizzazione degli spazi pubblici sia per quanto riguarda la circolazione e la sosta, sia per quello che attiene alla creazione di marciapiedi e di percorsi pedonali sicuri. Considerata la condizione attuale riferita ai percorsi pedonali, caratterizzata da precarie condizioni di sicurezza, potranno essere previsti anche interventi di minimizzazione della velocità e aumento della sicurezza per pedoni e ciclisti attraverso la creazione di nuovi spazi di sosta, nuovi attraversamenti opportunamente evidenziati mediante segnaletica orizzontale e verticale, nonché nuovi percorsi pedonali segnalati e sicuri. Altro tema dibattuto è stato quello della raggiungibilità della scuola rispetto alle aree di sosta: un ipotesi avanzata dall Amministrazione comunale è stata quella di pensare al collegamento tra la scuola e le aree limitrofe alla linea ferroviaria Torino-Ceres ed alla stazione di Pessinetto, che risultano immediatamente sottostanti al Municipio. Tali aree potrebbero essere collegate superando il notevole dislivello esistente mediante un nuovo percorso pedonale diretto, eventualmente agevolato con ascensore pubblico. In tal modo, tutto il Centro (e non solo la scuola ed il Municipio) potrebbe godere di nuove aree a servizio della sosta ed essere più facilmente raggiungibile anche a piedi. In ogni caso, trattandosi di interventi importanti, la loro fattibilità dovrebbe essere considerata nell intero complesso del Paese: in questo momento, l Amministrazione ha già avviato importanti interventi di demolizione di fabbricati esistenti, al fine di provvedere alla creazione di spazi pubblici a servizio della pedonalità con la creazione di marciapiedi lungo la Strada Provinciale. In quest ottica, anche la creazione di un collegamento con le aree della stazione potrebbe risultare fondamentale per dare un volto nuovo al Paese ed al miglioramento delle sue condizioni di vivibilità ed accessibilità pedonale.

9 4. INDICAZIONI PROGETTUALI 4.1 Le proposte progettuali riguardano la messa in sicurezza Indicazioni del dell area prospiciente l ingresso del plesso e un adeguamento viario attraverso la realizzazione di nuovi manufatti stradali. gruppo di lavoro In particolare, la soluzione progettuale condivisa prevede da un tecnico punto di vista generale: la limitazione alla velocità lungo la Strada Provinciale che raggiunge il plesso scolastico con l istituzione di una zona 30 ; la creazione di un percorso pedonale protetto che, partendo dalla scuola, raggiunga la mensa; la riqualificazione del piazzale nei pressi della stazione ferroviaria attraverso la realizzazione di una nuova area adibita a parcheggio e la realizzazione di un collegamento con la zona del Municipio e della scuola. 4.2 Risultati attesi Per quanto riguarda, invece, gli interventi puntuali, si propone: la creazione di un percorso protetto lungo via Roma, da realizzare con la collocazione di dissuasori metallici fissati al terreno in modo da garantire una suddivisione netta tra il flusso veicolare e quello pedonale; la ridefinizione della sosta su via Roma nel tratto compreso tra la mensa e la scuola attraverso la realizzazione di parcheggi in linea indicati da segnaletica orizzontale e verticale; la realizzazione di un area protetta in corrispondenza dell accesso alla mensa; la riqualificazione dell area nei pressi della stazione ferroviaria attraverso la realizzazione di nuovi spazi di sosta, di percorsi pedonali sicuri e di attraversamenti pedonali a raso. la ridefinizione degli attraversamenti sulla Strada Provinciale in modo da permettere il collegamento a norma tra i due lati della strada. I risultati attesi in merito alla sicurezza stradale a seguito della realizzazione degli interventi proposti sono: il miglioramento, in termini funzionali e di sicurezza, della circolazione pedonale degli studenti nell intorno del plesso; l ottimizzazione della sosta, mediante la nuova delimitazione degli spazi di sosta privata/pubblica, al fine dell alleggerimento della pressione veicolare sull ingresso della scuola; la riqualificazione funzionale ed ambientale dell intera area lungo la Strada Provinciale che dalla piazza prospiciente l ingresso della scuola possa raggiungere le altre parti del Paese poste più a monte.

10 4.3 Elementi tecnicocostruttivi dell intervento Dissuasori Percorsi pedonali protetti Zone 30 Nuove aree di parcheggio 4.4 Mappa della soluzione progettuale

11 Dettaglio A

12 5. STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI 5.1 Stato di avanzamento lavori relativo agli interventi 5.2 Galleria documentale Le indicazioni progettuali emerse dal percorso partecipato per l area intorno alla scuola non hanno dato ancora luogo ad provvedimenti e/o interventi da parte dell'amministrazione comunale. Documentazione dello stato pre-intervento Fotografie Elaborati realizzati dalla scuola Documentazione dell intervento Documenti deliberati dall Amministrazione comunale Progetti degli interventi deliberati Fotografie degli interventi realizzati 5.3 Confronto tra le situazioni precedenti e successive all intervento realizzato Solo a seguito di interventi da parte dell'amministrazione comunale nell area intorno al plesso scolastico sarà possibile effettuare un confronto visivo tra la situazione attuale e quella post-intervento. Tale confronto consentirà di mettere in evidenza le mutate condizioni di sicurezza stradale nell area della scuola.

13 SITUAZIONE PRE-INTERVENTO SITUAZIONE POST-INTERVENTO

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

A SCUOLA CI ANDIAMO DA SOLI

A SCUOLA CI ANDIAMO DA SOLI interventi a sostegno del progetto LA SEGNALETICA SPERIMENTALE INTERVENTI A SOSTEGNO DEL PROGETTO Sulla base delle esigenze espresse e delle richieste dei bambini, il ha affrontato la necessità di mettere

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO ZONE 30 ALTESSANO Progetto: ICIS S.r.l. Società di Ingegneria C.so Einaudi, 8 10128 Torino Direttore Tecnico - ing. Giovanni

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO La mobilità fa capo all unica strada importante che interessa Borno: la S.P. 5 Malegno Borno Confine Bergamasco che, attraversando il territorio comunale

Dettagli

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational. ABACO Provincia di Como urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.it - collaboratori Battistessa Arch.Pt. Sara Gianatti

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE Dipartimento VII - Politiche della Mobilità U.O. TRAFFICO E VIABILITA DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2006 Redazione: Ing. A.

Dettagli

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili Comune di Endine Gaiano n.16 Località: VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI Piangaiano CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE Collegamento tra Via Nazionale e Via Monte Santo Tipologia collegamento: Collegamento

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COLLEGAMENTO LINEA URBANA N. 13 ISTITUTO ENRICO FERMI VIA BOLOGNESI

COLLEGAMENTO LINEA URBANA N. 13 ISTITUTO ENRICO FERMI VIA BOLOGNESI COLLEGAMENTO LINEA URBANA N. 13 ISTITUTO ENRICO FERMI VIA BOLOGNESI Marzo 2015 STATO DI FATTO Gli studenti della frazione di Sesso, che frequentano la scuola media Enrico Fermi di Via Bolognesi a Reggio

Dettagli

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA PROVINCIA DI TORINO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Progetto Strade più belle e sicure Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA Descrizione e caratteristiche

Dettagli

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI Settore Lavori Pubblici Quartiere Reno LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI LABORATORIO PARTECIPATO PROGETTIAMO INSIEME IL QUARTIERE 1 Incontro del TAVOLO TEMATICO MOBILITA e SICUREZZA MERCOLEDI 16 MAGGIO

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

COMUNE DI VERNATE Cancelleria

COMUNE DI VERNATE Cancelleria COMUNE DI VERNATE Cancelleria Vernate, 5 marzo 2008 MM NR. 04/2008 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI CHF 380 000. PER REALIZZAZIONE DI UN POSTEGGIO COMUNALE IN LOCALITÀ CIMITERO Signora Presidente,

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE

DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE Workshop in Comunità Montana Valle Seriana Superiore 26/10/2004 e 03/11/2004 GROMO DISPOSITIVI PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLO SPAZIO STORICO DI PIAZZA DANTE Piazza Dante a Gromo (anni 20) Gromo I

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 PROGETTO EUROPEO PUMAS PIANIFICAZIONE URBANA SOSTENIBILE NELL

Dettagli

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO RELAZIONE TECNICA PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO A cura dell Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano Ripartizione 5. Pianificazione e Sviluppo del 1.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO

I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO A lavori terminati I lavori per la realizzazione dei nuovi portici ad uso pubblico lungo la SP ex SS 345 della Valtrompia, nel

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE.

SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE. SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE Giugno 2010 TES s.a.s. di NERI Stefania & C. Via S. Antonio da Padova, 1-10121 TORINO

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail Al dirigente del sesto settore del Comune di Termini Imerese Oggetto: Richiesta modifica temporanea della disciplina vigente di circolazione o di sosta. Cognome nome Luogo di nascita Data di nascita Luogo

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

Zone 30 e isole ambientali

Zone 30 e isole ambientali Zone 30 e isole ambientali Esempi e vantaggi L importanza della Comunicazione Comunicazione ing. Marco Passigato Verona progettista e mobility manager Università di Verona www://marco.passigato.free.fr

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

parcheggio d interscambio presso la stazione ferroviaria Carnate-Usmate

parcheggio d interscambio presso la stazione ferroviaria Carnate-Usmate Pag. 0 di 10 Comune di Usmate Velate Comune di Carnate parcheggio d interscambio presso la stazione ferroviaria Carnate-Usmate Usmate Velate, 18 luglio 2008 Pag. 1 di 10 Premesse Premesse (1) In relazione

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

Cambia la tua idea del possibile: abitare in autonomia

Cambia la tua idea del possibile: abitare in autonomia 30 luglio 2013 Assessorato alle Politiche dei Disabili Cambia la tua idea del possibile: abitare in autonomia Programmazione ex L.R. 41/1996 - in collaborazione con: l Ambito distrettuale di Trieste, l

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere.

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere. SNTESI QUARTIERI CHIAVRIS, PADERNO, MOLIN NUOVO, ANCONA AVVERTENZE GENERALI Si precisa che i report degli incontri della fase di ascolto sono stati elaborati sulla base delle annotazioni che l Ufficio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS PER FARE MOVIMENTO ESPLORARE IL TERRITORIO DIMINUIRE IL TRAFFICO E L INQUINAMENTO INSIEME IN ALLEGRIA BAMBINI PIÙ CONTENTI E SICURI DI SÈ UN BUON ESEMPIO PER TUTTI SVEGLIARSI E ARRIVARE BELLI VISPI A SCUOLA!

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

VERSO LA NUOVA VIABILITÀ

VERSO LA NUOVA VIABILITÀ Verso la nuova viabilità4 AUTO:Layout 1 09/06/10 08:56 Pagina 1 città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO VERSO LA NUOVA VIABILITÀ Una città dove muoversi sarà più agevole e sicuro CERNUSCO sul NAVIGLIO 2010 Verso

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 28 gennaio 2013 Messaggio municipale No. 34-2013 che chiede la concessione di un credito di CHF 205 000.00 per la moderazione del traffico e messa in sicurezza del collegamenti pedonali

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11 Così fan tutte (le virtuose) Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY Eugenio Galli Così fan tutte (le virtuose) 1 Trends La mobilità ciclistica sta conoscendo una nuova giovinezza. Nei Paesi europei, con

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

1. Quadro normativo Nazionale e Regionale pag. 2

1. Quadro normativo Nazionale e Regionale pag. 2 1 INDICE: 1. Quadro normativo Nazionale e Regionale pag. 2 1.1. Riferimenti normativi Nazionali pag. 2 1.2. Riferimenti normativi Regionali pag. 2 1.3. Il D. P. G. R. n.41/r, del 29 Luglio 2009 pag. 3

Dettagli

Provincia di Livorno - Ente Capofila Dott.ssa Irene Nicotra Responsabile U.O. Programmazione Trasporti, Porti e Logistica

Provincia di Livorno - Ente Capofila Dott.ssa Irene Nicotra Responsabile U.O. Programmazione Trasporti, Porti e Logistica Convegno Finale I-NOFARACCESS 24 Settembre 2015 Cagliari Provincia di Livorno - Ente Capofila Dott.ssa Irene Nicotra Responsabile U.O. Programmazione Trasporti, Porti e Logistica I-NOFARACCESS INVESTIMENTI

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Nuotare a Cinisello Balsamo

Nuotare a Cinisello Balsamo Nuotare a Cinisello Balsamo Piano sviluppo piscine comunali novembre 2012 Daniela Gasparini 1 Gli impianti esistenti PISCINA PAGANELLIvia F.Filzi-telefono 0266048166: n.1vasca a 5 corsie mt.25,5x10,5x1,40

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli