IL DEBITO INESTINGUIBILE : SUL SACRIFICIO. Ugo Fabietti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DEBITO INESTINGUIBILE : SUL SACRIFICIO. Ugo Fabietti"

Transcript

1 IL DEBITO INESTINGUIBILE : SUL SACRIFICIO Ugo Fabietti Il corso di quest anno ha inteso esplorare alcuni aspetti della relazione che intercorre tra la dimensione sacrificale e quelle del dono e del debito. Si tratta di un tema complesso e controverso. Si tratta infatti di riaprire, tra molte altre questioni, quella del sacrificio inteso come dono di qualcosa a qualcuno : un idea certamente antica, presente tanto in coloro che hanno praticato e praticano sacrifici, quanto tra gli studiosi di storia di religioni e gli antropologi. Le teorie del sacrificio come dono fatto alle divinità affondano le loro radici, come del resto quelle dell origine della religione, nel pensiero religioso e filosofico degli antichi. 1. Che cosa è realmente un sacrificio? La teoria secondo cui il sacrificio sarebbe un dono fatto alle divinità lascia di per sé aperti alcuni interrogativi che non hanno mai cessato di imporsi alla riflessione degli studiosi. Poiché il sacrificio consiste molto spesso in un atto violento (o comunque distruttivo) ecco che sorge la questione di come la violenza possa rientrare in una religione che promette (come è il caso di tutte le religioni) di sollevare gli esseri umani dalla sofferenza e dalla presenza del male. In alcuni casi ciò è particolarmente evidente. Alcune divinità di popoli del mondo antico (Fenici) o extra-europei (Aztechi) richiedevano sacrifici umani in quanto divinità assetate di sangue, nel senso che il sangue umano era ciò che le manteneva in vita ed era quindi in grado di far sì che tali divinità elargissero benessere agli umani. In altre religioni le divinità, pur considerate benevole e non legate agli uomini da questo patto sanguinario, chiedevano comunque la morte di un essere umano. E il caso del dio ebraico che chiede ad Abramo di sacrificare il proprio figlio, ed è il caso del dio cristiano che si sacrifica per il bene degli esseri umani. Se il sacrificio è un atti violento ed è una dimensione 2

2 centrale di tutte le religioni, qual è la relazione che lega tra loro sacrificio, religione e violenza? Come tutti sappiamo la parola sacrificio può essere anche usata col significato di rinuncia. In effetti tutti i sacrifici implicano, oltre che una dimensione di dono, anche una dimensione di rinuncia, di dono e quindi di abbandono, di rinuncia della cosa donata. La parola sacrificio sta per rinuncia soprattutto negli usi metaforici del termine, quando con essa vogliamo indicare qualcosa che non ha nulla di strettamente attinente alla sfera religiosa. Se il sacrificio è la distruzione violenta di qualcosa che viene donata a qualcuno, esso è un atto che comporta la presenza di varie figure, la cui rilevanza può variare in funzione di ragioni molteplici, complesse e contingenti. In quello che di solito viene definito sacrificio entrano infatti quattro elementi costitutivi. Essi sono: 1) Ciò che viene sacrificato (se è un essere vivente si tratta della vittima); 2) colui o colei che compie l azione di sacrificare (sacrificante) 1 ; 3) colui o coloro che traggono vantaggio dall atto sacrificale (beneficiari) 4) l entità a cui il sacrificio è offerto, la cui natura è invariabilmente ultraterrena: spiriti, antenati, divinità (destinatario). Queste quattro figure sono sempre presenti in un sacrificio, sebbene la loro importanza possa variare in base a considerazioni particolari. Queste figure sono anche sempre distinte, sebbene in alcuni casi possa esservi una fusione di ruoli, come nel caso in cui il sacrificante sia anche il beneficiario, o nel caso che il sacrificante sia la vittima stessa (per esempio in atti di auto immolazione, un tema su cu torneremo diffusamente più avanti). Ogni atto sacrificale presume l esistenza di un destinatario in quanto figura che rende effettiva, con la sua intermediazione, l efficacia del sacrificio. Questo punto appare chiaro se consideriamo l etimologia del termine sacrificio che, derivato dal latino, si rifà a una concezione specifica della sacralità. Il sacrificium dei latini implica infatti il significato di sacer facere rendere sacro, per cui il termine sacrificio, così come lo usiamo in questa sede (in 1 A volte detto anche sacrificatore, mentre con il termine sacrificante viene indicato colui o coloro che commissionano il sacrificio (e che è qui chiamato beneficiario) 3

3 senso cioè non metaforico) significa mettere a contatto una cosa con il sacro, renderla sacra. Sul significato della parola sacer Il cristianesimo ha finito per identificare la dimensione della sacralità con quella della santità, ma nel mondo latino, da cui provengono i termini sacro e santo, (sacer e sanctus), non era così. Emile Benveniste 2 ci ha spiegato il significato di queste due parole che solo in circostanze speciali potevano trovarsi riunite per indicare la medesima cosa. Sacer è attributo divino ma è anche ambiguo. Significa infatti consacrato agli dèi, ma è anche caricato di una contaminazione incancellabile, augusta e maledetta degna di venerazione e suscitante orrore. Nell antica Roma homo sacer era il condannato a morte che, come tale, era portatore di una vera e propria contaminazione. Esso era separato dalla società degli uomini, era altro. Come tale era consacrato agli dèi nel senso che aspettava soltanto di essere tolto dalla fera terrena. Benveniste dice anche che i termini che definiscono l universo religioso latino sembrano formare delle coppie. In latino abbiamo infatti, oltre a sacer, il termine sanctus. Quest ultimo, che col cristianesimo ha subito, come dicevamo, una identificazione con sacro, designava in origine ciò che è proibito da una pena (sanctio, sanzione). Leges sanctae: leggi inviolabili. Sancire vuole dire infatti anche per noi circoscrivere il campo di applicazione di una disposizione e metterla sotto la protezione di una legge, una volta magari di un dio, invocando sul trasgressore la punizione divina. E ciò che dipende da un interdetto imposto dagli esseri umani, quindi potrebbe essere assimilato per molti aspetti al tabu polinesiano 3. 2 E. Benveniste, Vocabolario delle istituzioni indoeuropee, Einaudi, Torino Sebbene con le dovute differenze. Nell area polinesiana tabu (tapu) può essere una proibizione che nasce da un atto formale di un capo, persona sacra lui stesso, secondo la concezione latina del sacer. Gli veniva attribuito infatti un potere (mana) ambiguo e pericoloso. Il capo polinesiano era tabu lui stesso. La nozione polinesiana di tabu sembra esprimere, entrambi i significati di sacer e di sanctus, ma non nel senso in cui questi due termini si trovano riuniti nella visione cristiana, bensì come una parola in grado di indicare il sacer e il sanctus così come erano intesi dai latini (pericoloso, ambiguo potente il sacer; vietato, off limits, il sanctus). Lo stesso Benveniste avanza l ipotesi che la coppia sacer-sanctus possa essere derivata 4

4 Sancta, nel mondo latino, sono le cose che non sono né sacre né profane ma che sono confermate da una certa sanzione. Ciò che è sottoposto a sanzione è sanctus anche se non è consacrato agli dèi (cioè non è sacer di per sé). 2. Tylor: il sacrificio come dono Dovendo fissare un punto di partenza per la nostra trattazione del sacrificio abbiamo deciso di riferirci a E. B. Tylor che, nel suo Primitive Culture del 1871, dedica largo spazio alla comparsa del pensiero religioso e, all interno di questo, si sofferma abbastanza a lungo sul tema del sacrificio. In Primitive culture del 1871 Tylor definisce la religione come la credenza negli spiriti soprannaturali. Si tratta dunque di stabilirne l origine, e naturalmente l evoluzione che, nel tempo, ha portato il selvaggio a farsi prima sacerdote e poi filosofo, dove per quest ultimo la credenza negli esseri soprannaturali è definitivamente sostituita da una fede nelle possibilità che gli umani hanno di trascendersi e di elevarsi al di sopra delle superstizioni. Il ragionamento di Tylor, che si muove nel clima culturale dell evoluzionismo britannico, può essere sinteticamente espresso in questo modo. Gli esseri umani sanno di avere un corpo vivo. Ma il corpo muore, la vita lo abbandona. Al tempo stesso, nei sogni, gli esseri umani hanno l impressione che esista un loro doppio, il quale lascia il corpo temporaneamente per farvi ritorno con la ripresa dello stato di veglia. Cos è questo doppio che si distacca dal corpo, e dove va la vita quando il corpo muore? Esso sopravvive all essere umano perché nei sogni non è soltanto il proprio doppio che appare, ma anche quello dei defunti (Tylor lo chiama il fantasma). E qui che, secondo Tylor, nasce la credenza negli esseri soprannaturali: il fantasma del morto e il doppio del vivente sono alla base di ciò che noi chiamiamo anima, soffio vitale, pneuma (greco), ruh (arabo) ecc. e che deve essere stata alla base della prima credenza negli esseri sovrannaturali. L animismo è quindi il nome da una nozione a doppia faccia: positiva (perché caricata da presenza divina) e negativa (perché è vietata agli uomini). 5

5 che Tylor assegna alla prima forma di religione intesa come credenza negli esseri sovrannaturali 4 Con le epoche, e con il variare delle relazioni che gli umani intrattengono con il mondo secondo un rapporto baconiano di progressiva capacità di controllo dei fenomeni naturali, l animismo originario sarebbe andato incontro, sempre secondo Tylor, a trasformazioni che ci hanno portato verso forme sempre più evolute di religione (contenenti però ciascuna delle sopravvivenze, ossia tracce degli stadi anteriori qualificate solitamente come superstizioni ). Non è interessante qui ripercorrere le tappe di questa evoluzione, ma è invece utile soffermarsi brevemente sul modo in cui Tylor si accostò al problema della religione. Tylor era un razionalista, non un mistico. Essere razionalisti, nello studio della religione, significa indagare il fenomeno senza nulla concedere agli aspetti fideistici che sono alla base di esso 5. Tylor era anche un intellettualista, che significa invece prestare attenzione alle forme di ragionamento che sono alla base delle rappresentazioni religiose, mettendo in secondo piano gli aspetti sociali, linguistici, storici da cui una data rappresentazione può dipendere. Quest ultimo punto spiega perché molte delle critiche che sono state rivolte, in seguito, all approccio tyloriano allo studio della religione abbiano avuto a oggetto, più che la sua prospettiva evoluzionista 6, il suo intellettualismo. Di queste critiche ne ricordiamo alcune: l intellettualismo ignora la dimensione emotiva dei fenomeni religiosi; esso inoltre trascura la dimensione 4 Questa definizione della religione, che può apparire generica e alquanto vaga, è da porsi in relazione al rifiuto, da parte di Tylor, di pensare la religione sul modello del culto organizzato. Egli esortava infatti a non considerare la religione come qualcosa di troppo simile all idea che ne avevano gli europei, perché altrimenti la maggior parte dell umanità avrebbe potuto difficilmente essere ritenuta una umanità religiosa. 5 Si ricorda che nello studio antropologico della religione si può essere scettici fin che si vuole sulle rappresentazioni e le pratiche di coloro che studiamo, ma che non possiamo invece esserlo affatto nei riguardi dei discorsi, dei linguaggi e delle pratiche mediante cui, coloro che studiamo, vivono la loro esperienza religiosa. Come dice C. Geertz nel saggio La religione come sistema culturale (1967), quando intraprendiamo uno studio antropologico della religione non possiamo certo impersonare la figura del predicatore del villaggio, ma nemmeno quella dell ateo del villaggio. 6 Le critiche all evoluzionismo antropologico ottocentesco mosse dagli antropologi del XX secolo non implicano assolutamente una critica dell evoluzionismo di tipo biologico così come questo è stato fondato da Charles Darwin. 6

6 collettiva, sociale della pratica religiosa, e i suoi effetti di ritorno sulla comunità; è eccessivamente speculativa, al punto che produce una sorta di sostituzione del nativo da parte dell antropologo. Si assume cioè che l altro ragioni come io ragionerei se fossi nelle stesse condizioni in cui io presumo che lui si trovi. L approccio di Tylor ebbe comunque dei meriti notevoli. Nella sua prospettiva evoluzionista Tylor riteneva che le società evolvessero sulla base di un sempre maggior efficace controllo sul mondo, o che perlomeno il grado di questo controllo fosse il principale indice dello stadio evolutivo raggiunto dalla cultura. Si tratta certamente di una visione riduttiva della cultura ma, nello spirito del tempo, significò almeno introdurre l idea che gli esseri umani si rapportano religiosamente al mondo in maniera diversa a seconda della possibilità che essi hanno di controllare razionalmente il mondo che li circonda. Quindi non era più questione di religioni vere e di religioni false, ma di religioni più evolute, e di religioni che lo erano meno. L approccio intellettualistico di Tylor, ancorché etnocentrico (siamo nella Gran Bretagna dell età vittoriana), mette inoltre l accento sugli universali dell esperienza e del pensiero umani, stabilendo un ponte tra quelle che per lui erano le società semplici e quelle che venivano considerate le società più evolute. In fin dei conti il merito vero di Tylor fu quello di porre al centro della riflessione il tema dell agire razionale dell umanità e della sua creatività culturale, contro quelle correnti degenerazioniste che assegnavano all uomo cristiano europeo il privilegio di non essere rimasto nello stato selvaggio a cui la caduta dallo stato di grazia originario aveva condannato il resto dell umanità 7. E importante ricordare che la prospettiva intellettualista (almeno in materia di studio della religione) presupponeva, all epoca di Tylor, che le azioni rituali traducessero quelle preoccupazioni intellettuali (illusorie) che erano alla base delle credenze religiose. Secondo questa prospettiva, le credenze sono ad esempio tentativi di spiegazione di fenomeni naturali che fanno riferimento all azione di 7 Incontreremo infatti, nel nostro percorso sul sacrificio, le acute osservazioni di un pensatore come J. de Maistre che, agli inizi dell Ottocento, nella sua violenta polemica anti illuminista e un sostenitore delle teorie della caduta dell Uomo e del selvaggio come essere degenerato. 7

7 esseri soprannaturali, per cui i riti sono molto spesso dei tentativi di controllarne la manifestazione. Tipico il caso della danza della pioggia, interpretata a lungo come un tentativo maldestro, perché illusorio, di manipolare la natura; o anche della preghiera con cui ci si rivolge alla divinità per ottener e da essa dei favori. Anche il sacrifico pertanto, in questa prospettiva, diventa un dono fatto agli esseri soprannaturali : un atto rituale cioè mirante ad ingraziarsi quelle forze che gli umani credono essere all origine del mondo e della vita. In Primitive Culture (pp ) Taylor espone una teoria del sacrificio che prevede un evoluzione del rito in tre fasi: dono in senso stretto, omaggio e abnegazione. Sacrifice has its apparent origin in the same early period of culture and its place in the same animistic scheme as prayer, with which through so long a range of history it has been carried on in the closest connexion. As prayer is a request made to a deity as if he were a man, so sacrifice is a gift made to a deity as if he were a man. The suppliant who bows before his chief, laying a gift at his feet and making his humble petition, displays the anthropomorphic model and origin at once of sacrifice and prayer. But sacrifice, though in its early stages as intelligible as prayer is in early and late stages alike, has passed in the course of religious history into transformed conditions, not only of the rite itself but of the intention with which the worshipper performs it. And theologians, having particularly turned their attention to the rite as it appears in the higher religions, have been apt to gloss over with mysticism ceremonies which, when traced ethnographically up from their savage forms, seem open to simply rational interpretation.. In now attempting to classify sacrifice in its course through the religions of the world, it seems a satisfactory plan to group the evidence as far as may be according to the manner in which the offering is given by the worshipper, and received by the deity. At the same time, the examples may be so arranged as to bring into view the principal lines along which the rite has undergone alteration. The ruder conception that the deity takes and values the offering for itself, gives place on the one hand to the idea of mere homage expressed by a gift, and on the other to the negative view that the virtue lies in the worshipper depriving himself of something prized. These ideas may be broadly distinguished as the gift-theory, the homage-theory, and the abnegation-theory. Along all three the usual ritualistic change may be traced, from practical reality to formal ceremony. The originally valuable offering is compromised for a 8

8 smaller tribute or a cheaper substitute, dwindling at last to a mere trifling token or symbol. The gift-theory, as standing on its own independent basis, properly takes the first place. That most childlike kind of offering, the giving of a gift with as yet no definite thought how the receiver can take and use it, may be the most primitive as it is the most rudimentary sacrifice. Moreover, in tracing the history of the rite from level to level of culture, the same simple unshaped intention may still largely prevail, and much of the reason why it is often found difficult to ascertain what savages and barbarians suppose to become of the food and valuables they offer to the gods, may be simply due to ancient sacrificers knowing as little about it as modern ethnologists do, and caring less. Yet rude races begin and civilized races continue to furnish with the details of their sacrificial ceremonies the key also to their meaning, the explanation of the manner in which the offering is supposed to pass into the possession of the deity. 8 Importante è il fatto che Taylor sottolinei come queste differenze siano connesse non solo con la prassi rituale, ma anche con le diverse intenzioni di coloro i quali compiono i riti sacrificali. Altrettanto importante è il fatto che, secondo Taylor, gli umani si comportano con gli dèi (esseri spirituali) allo stesso modo in cui si comportano con gli umani stessi ma di rango superiore. All atto del sacrificio come dono in senso stretto nei confronti di poteri come possono essere le forze della natura o alcuni animali particolari, atti sostenuti da un atteggiamento quasi infantile di dipendenza nei confronti delle forse a cui si dona, subentra l omaggio. Questo si ha quando si elabora un sentimento di riverenza nei confronti degli esseri spirituali (dèi) a cui si dona con la stessa devozione e con le stesse aspettative che si hanno quando si dona a un capo o a un re. Scrive infatti Tylor:...let us now follow the question of the sacrificer s motive in presenting the sacrifice. Important and complex as this problem is, its key is so obvious that it may be almost throughout treated by mere statement of general principle. If the main proposition of animistic natural religion be granted, that the idea of the human soul is the model of the idea of deity, then the analogy of man's dealings with man ought, inter alia, to explain his motives in sacrifice. It does so, and very fully. The proposition may be maintained in wide generality, that 8 E.B. Tylor, Primitive Culture, London Gordon Press, N. Y. 1977, vol. II, pp

9 the common man's present to the great man, to gain good or avert evil, to ask aid or to condone offence, needs only substitution of deity for chief, and proper adaptation of the means of conveying the gift to him, to produce a logical doctrine of sacrificial rites, in great measure explaining their purpose directly as they stand, and elsewhere suggesting what was the original meaning which has passed into changed shape in the course of ages. It will be noticed that offerings to divinities may be classed in the same way as earthly gifts. The occasional gift made to meet some present emergency, the periodical tribute brought by subject to lord, the royalty paid to secure possession or protection of acquired wealth, all these have their evident and well-marked analogues in the sacrificial systems of the world We do not find it easy to analyse the impression which a gift makes on our own feelings, and to separate the actual value of the object from the sense of gratification in the giver's good-will or respect, and thus we may well scruple to define closely how uncultured men work out this very same distinction in their dealings with their deities. In a general way it may be held that the idea of practical acceptableness of the food or valuables presented to the deity, begins early to shade into the sentiment of divine gratification or propitiation by a reverent offering, though in itself of not much account to so mighty a divine personage. These two stages of the sacrificial idea may be fairly contrasted, the one among the Karen 9 who offer to a demon arrack or grain or a portion of the game they kill, considering invocation of no avail without a gift,' the other among the negroes of Sierra Leone, who sacrifice an ox " to make God glad very much, and do Kroomen good." 10 La fase dell abnegazione si ha quando il nucleo del sacrificio non riguarda più tanto la divinità, quanto piuttosto il sacrificante. Si sacrificano allora (sempre agli esseri spirituali) cose che hanno un valore sostanzioso, tanto di natura sociale che economica, quanto di natura affettiva. Si inserisce qui l economia del sacrificio e il principio di sostituzione, nel senso che ciò che si dona in sacrificio può essere scelto secondo le convenienze del caso, sostituendo un essere umano con un animale, un animale di valore con uno meno pregevole, un animale con un vegetale sfino a scegliere come vittima sacrificale una sua rappresentazione (immagine, simbolo ecc.). Nel cristianesimo troviamo sacrifici di animali (nella Grecia contemporanea ad esempio) e in effigie, come nel caso degli exvoto, e nella stessa eucarestia. 9 Popolazione del Myanmar (Birmania). 10 Primitive Culture,

10 As for sacrificial rites most fully and officially existing in modern Christendom, the presentation of ex-votos is one. The ecclesiastical opposition to the continuance of these thank-offerings was but temporary and partial. In 5th century it seems to have been usual to offer silver or gold eyes, feet, etc., to saints in acknowledgment of cures they had effected. At the beginning of the 16th century, Polydore Vergil, describing the classic custom, e s on to say : " In the same manner do we now offer up our churches sigillaria, that is, little images of wax, and oscilla. As oft as any part of the body is hurt, as the hand, foot, breast, we present1y make a vow to God, and his saints, to whom upon our recovery we make an offering of that hand or foot or breast shaped in wax, which custom has so far obtained that this kind of images have passed to the other animals. Wherefore so for an ox, so for a horse, for a sheep, we place puppets in the temples. In which thing any modestly scrupulous person may perhaps say he knows not whether we are rivalling the religion or the superstition of the ancients." In modern Europe the custom prevails largely, but bas perhaps somewhat subsided low levels of society, to judge by the general use of mock silver and such like worthless materials for the dedicated effigies. In Christian as in pre-christian temples, clouds of incense rise as of old. Above all, though the ceremony of sacrifice did not form an original part of Christian worship, its prominent place in the ritual was obtained in early centuries. In that Christianity was recruited among nations to whom the conception of sacrifice among the deepest of religious ideas, and the ceremony of sacrifice among the sincerest efforts of worship, there arose an observance suited to supply the vacant place. This result was obtained not by new introduction, but by transmutation. The solemn eucharistic meal of the primitive Christians in time assumed the name of the sacrifice of the mass, and was adapted to a ceremonial in which an offering of food and drink is set out by a priest on an altar in a temple, and consumed by priest and worshippers. The natural conclusion of an ethnographic survey of sacrifice, is to point to the controversy between Protestants and Catholics, for centuries past one of the keenest which have divided the Christian world, on this express question whether sacrifice is or is not a Christian rite. (pp vol. II). Tylor sembra comunque far capire che ogni fase del sacrificio porta con sé aspetti della fase precedente, aspetti che, nella prospettiva di questo autore, dovrebbero costituire delle sopravvivenze, sebbene esse mantengano pur sempre una loro funzionalità anche in epoche successive della storia umana. 11

11 3. Robertson Smith: il sacrificio come rito comunitario Vari anni dopo la pubblicazione di Primitive Culture in cui Tylor aveva esposto la propria idea circa l origine della religione e la natura del sacrificio, un altro studioso britannico adottò una prospettiva per alcuni importanti aspetti opposta a quello del suo contemporaneo. Lo scozzese William Robertson Smith illustrò le sue idee in materia di religione soprattutto in Lectures on the Religion of the Semites (1889), dove raccolse la sintesi dei sui studi dedicati al rapporto tra società e religione tra i popoli antichi, gli ebrei e gli arabi preislamici. Benché evoluzionista come Tylor, Robertson Smith partì da premesse diametralmente opposte a quelle di molti suoi contemporanei, Tylor compreso. Al contrario di Tylor, che aveva individuato la fase aurorale della religione in un attitudine riflessiva dell individuo (la spiegazione del doppio e del fantasma), Robertson Smith si concentrò sulla dimensione sociale e collettiva della religione, e in particolare sull'attività rituale che, secondo lui, costituiva il dato essenziale da cui partire. Alla teoria della religione come risultato di uno sforzo intellettuale teso a comprendere la realtà, Smith contrappose l'idea secondo cui il dato primario di ogni esperienza religiosa sono i riti e i simboli ad essi correlati. Tali riti e simboli sono condivisi dai membri di una determinata comunità i quali, nascendo all interno di una determinata società, li trovano già presenti ed attivi. Proprio perché mirò a elaborare una teoria dei rapporti tra religione e società, Smith privilegiò nettamente la dimensione dell'azione sociale su quella della rappresentazione intellettuale. E in effetti non c è azione, nella religione, che non si esprima essenzialmente nei riti. La derivazione del mito dal rito E in questa prospettiva che va intesa la discussione del rapporto tra rito e mito, considerati da molti studiosi di allora (ma non solo) l uno come l effetto dell altro, cioè il rito come prodotto del mito. Per Smith il rapporto doveva essere rovesciato. Il rito non era una traduzione del mito, perché mentre un certo rito appare costante, il 12

12 mito che lo spiega può essere diverso da luogo a luogo. Questo non voleva affatto dire che per Smith gli esseri umani compivano riti come gesti meccanici, indipendentemente cioè dal loro significato, ma che, essendo la religione antica (pre-monoteista) priva di veri e propri dogmi della fede, la religiosità si concretizzava innanzitutto nell adempimento di atti di culto ritenuti appropriati dalla comunità intera. 11 (v. anche più avanti nota n. 7). Scrive Smith: Commetteremmo un errore assai grave se dessimo per scontato che ciò che è per noi l aspetto più importante e rilevante della religione lo fosse stato anche nella società antica di cui stiamo trattando. In relazione ad ogni società, antica o moderna che sia, troviamo la presenza da un lato di certe credenze e, dall altro, di certe istituzioni, pratiche rituali e regole di condotta. L abitudine di noi moderni è di guardare alla religione dal punto di vista delle credenze piuttosto che da quello delle pratiche [..] Di conseguenza lo studio della religione è coinciso con lo studio delle credenze cristiane, dove l istruzione religiosa ha d abitudine inizio con la professione di fede, e nella quale i doveri religiosi sono presentati al discepolo come se discendessero dalle verità dogmatiche che gli si insegna ad accettare [.] Le antiche religioni erano per lo più prive di fede. Consistevano interamente di istituzioni e di pratiche. Certamente gli uomini non seguivano d abitudine alcune pratiche senza collegare ad esse un qualche significato; ma di regola constatiamo che mentre la pratica era rigorosamente fissata, il significato ad essa connesso era estremamente vago, e il medesimo rito era spiegato da persone diverse in maniera differente, senza che di conseguenza venisse sollevata una questione di ortodossia o eterodossia in materia. Nell antica Grecia, ad esempio, certe cose venivano fatte in un tempio, e la gente concordava sul fatto che sarebbe stato empio non farle. Ma se aveste chiesto perché erano fatte, avreste probabilmente ricevuto molte diverse risposte contraddittorie da individui differenti, e nessuno avrebbe pensato che il fatto di sceglierne una piuttosto che un altra avrebbe avuto un significato religioso 11 E però molto importante introdurre delle precisazioni. A volte il rito serve a riattualizzare il mito, se per mito si intende una narrazione sacra dotata di un potere di significazione attuale. Qui riattualizzare significa riportare all attenzione agendo la rappresentazione centrale del mito. Per esempio i rituali orgiastici dionisiaci con consumo di carni animali crude, che rimettevano in scena lo smembramento del corpo di Dioniso da parte dei Titani; l Eucaristia cristiana dove i fedeli assumono il corpo di Cristo in memoria dell ultima cena; il rito musulmano dello sgozzamento del montone nel giorno dello Id al Kabir (X giorno del mese di Pellegrinaggio) in ricordo del sacrificio (poi non compiuto grazie all intervento divino) di Isacco (Ismaele per i musulmani) da parte del padre Abramo. Si tratta di riattualizzazioni così come le abbiamo definite. Tuttavia anche quanti compiono una riattualizzazione rituale di un mito difficilmente conoscono una versione unica del mito, a meno che questo non sia codificato in un testo scritto (e anche in questo caso molti fedeli hanno una conoscenza diversificata e ineguale del testo). 13

13 inferiore. La verità è che le diverse spiegazioni avanzate non erano di quelle che suscitano sentimenti particolarmente forti; poiché in molti casi esse sarebbero coincise con storie diverse riguardanti semplicemente le circostanze in cui il rito venne stabilito per la prima volta per un ordine o un esempio direttamente dato dalla divinità. Il rito, insomma, non era connesso con un dogma, ma con un mito.[..] In certe serie di miti la credenza non era considerata obbligatoria in quanto parte della vera religione, né si riteneva che, per il fatto di credere, un uomo acquistasse un qualche merito religioso e si conciliasse il favore degli dèi. Obbligatorio e meritorio era l espletamento preciso di certi atti sacri previsti dalla tradizione religiosa. Stando così le cose, ne consegue che la mitologia non doveva avere quel posto preminente che le è così spesso assegnato nello studio scientifico delle antiche religioni. Sebbene i miti consistano in spiegazioni del rituale, il loro valore è tuttavia secondario, e si può affermare con sicurezza che in quasi tutti i casi il mito era derivato dal rituale, e non il rituale dal mito; questo perché il rito era fisso e il mito variabile; il rito era obbligatorio mentre la credenza nel mito era a discrezione del credente. Ora, la grandissima maggioranza dei miti delle religioni antiche era connesso coi riti di certi santuari, o con i comandamenti religiosi di tribù e regioni particolari. In tutti i casi del genere è probabile, e nella maggior parte di essi è sicuro, che il mito è la semplice spiegazione dell usanza religiosa; e che di solito si tratta di una spiegazione tale che non avrebbe potuto emergere finché il significato originario della pratica non fosse più o meno caduto nell oblio. Di regola il mito non costituisce la spiegazione dell origine del rituale per chiunque non creda che si tratti del racconto di fatti realmente accaduti, e il più temerario studioso di mitologia non lo crederà di certo. Ma se non è vero, il mito stesso richiede una spiegazione, e qualunque principio della filosofia e del senso comune richiede che la spiegazione vada ricercata non in arbitrarie teorie allegoriche, ma nei fatti reali riguardanti il rito o le pratiche religiose a cui il mito è collegato. La conclusione è che nello studio delle religioni antiche dobbiamo cominciare non con il mito, ma con il rito e con la pratica tradizionale 12. La dimensione collettiva e pubblica del fenomeno religioso, che Smith antepone anche storicamente alla dimensione individuale, riflessiva e sistematica 13, si rivela negli atti di devozione che coinvolgono l intera società, e cioè in quelli che egli chiama riti comunitari. Attraverso lo studio del materiale biblico, rivelatore 12 Lectures on the Religion of the Semites, 1889, Black, London, pp Per Robertson-Smith, come per altri evoluzionisti suoi contemporanei, i processi di individualizzazione in ogni campo (matrimonio, economia, religione ecc.) erano il frutto di un processo di progressiva affermazione della persona in quanto entità giuridicamente distinta dalla comunità, riflesso asua volta della maturazione delle facoltà intellettuali degli esseri umani. 14

14 dell'esistenza di una religione a tinte fortemente comunitarie ( nazionali ), Smith giunse a sostenere l'esistenza di una sostanziale omologia tra attività religiosa e rituale da un lato e identità politica e sociale dall'altro. Affermando che, nella società arcaica, "la religione di un uomo è un elemento integrante delle sue relazioni politiche" (1889:36), Smith sottolineava come il fatto di conformarsi o meno ai rituali pubblici fosse il segno dello stato dei rapporti tra gli individui e tra l individuo e la comunità. Ciò era rivelatore della natura "sociale" della religione e della sua funzione di elemento coesivo della società. La religione appariva così un fattore regolativo dei rapporti sociali in quanto, attraverso l'adesione ai rituali pubblici, spingeva gli individui a conformarsi agli standard di comportamento collettivi. Al tempo stesso, però, la religione rappresentava un elemento coesivo poiché, riunendo periodicamente gli individui a scopi rituali, rafforzava nei partecipanti, mediante i riti stessi, il senso di appartenenza ad un unico corpo sociale. In tal modo la religione non appariva più come il prodotto di un atteggiamento speculativo, ma neppure come il frutto di un bisogno spirituale dell individuo in quanto tale. Per Smith le credenze erano sì qualcosa di illusorio (come in Tylor), ma non coincidevano con delle preoccupazioni intellettuali: esse erano piuttosto chiamate a rispondere alle necessità pratiche della vita. La religione, sostenne Smith, è qualcosa che esiste "non per la salvezza delle anime, ma per la conservazione e il benessere della società" (1889: 29). Il sacrificio Smith, cercò di fortificare queste sue ipotesi attraverso lo studio dell'istituzione del sacrificio tra i popoli semitici, presso i quali egli riteneva di poter rintracciare le sopravvivenze (egli le chiamava relics) di fasi ancora anteriori. L'istituzione del sacrificio in favore della divinità non era, sostenne Smith, un dono rivolto ad una potenza sovrastante allo scopo di ingraziarsela. Contro Tylor che aveva avanzato l idea che il sacrifico fosse un dono agli esseri spirituali, Smith propose la teoria secondo 15

15 la quale il sacrificio era un rituale di comunione tra gli esseri umani e la divinità. 14 Egli infatti scrive: Qualunque atto di culto, per essere veramente completo un semplice voto non poteva essere considerato tale finché non veniva pronunciato accompagnandolo con un sacrifico aveva un carattere pubblico o quasi pubblico. La maggior parte dei sacrifici venivano offerti a periodi fissi, nelle grandi feste collettive o di carattere nazionale, ma anche un offerta privata era considerata incompleta senza la presenza di ospiti e senza che i resti delle carni sacrificali, anziché essere vendute, fossero distribuite con grande generosità. Pertanto qualunque atto di culto esprimeva l idea secondo cui l individuo non vive per sé stesso ma solo per i suoi simili, e che questa comunanza di interessi è la sfera su cui vegliano le divinità e a cui queste ultime dispensano la loro benedizione. Il significato etico che va dunque attribuito al pasto sacrificale, considerato come un atto sociale, ricevette un enfasi particolare per via di certe abitudini e di certe idee connesse con gli atti del mangiare e del bere. Secondo le idee anticamente connesse con tali atti, coloro che mangiano e bevono insieme sono, per il fatto stesso di compiere tali atti in comune, legati da amicizia e obbligazione reciproca. Di conseguenza, quando troviamo, nelle religioni antiche, che tutte le funzioni ordinarie di culto sono riassunte nel pasto sacrificale, e che il normale rapporto tra gli dei e gli uomini non riveste altra forma che questa, dobbiamo ricordarci che l atto di mangiare e di bere insieme è l espressione solenne e riconosciuta del fatto che coloro che condividono il pasto sono fratelli, e che i doveri dell amicizia e della fratellanza sono implicitamente riconosciuti nella loro comune azione. Accogliendo l uomo alla sua tavola, il dio lo accoglie come amico; ma questo favore è esteso non ad un uomo in quanto individuo privato; egli è ricevuto, piuttosto, come un membro della comunità, a mangiare e a bere con i suoi compagni, e nella stessa misura 14 Questa idea della divinità come nume tutelare del gruppo era già presente negli studi dello storico francese N. D. Fustel de Coulanges ( ). Ne la La cité antique del 1864, uno studio comparato sull origine delle istituzioni politico-religiose di Atene e di Roma, Fustel de Coulanges sostenne che la società era all inizio fondata su basi teocratiche. La discendenza comune e la co-territorialità, sebbene elementi fondamentali nella costituzione della comunità politica (la città), erano tuttavia secondarie rispetto al culto comune delle divinità tutelari. Gli stessi legami parentali, primo vincolo «politico» tra gli esseri umani, erano ciò che consentiva di assicurare la continuità del culto domestico, ed erano pertanto secondari (benché funzionali) rispetto a quest ultimo. Si era parenti innanzitutto perché si tributava un culto ad un antenato comune. Tali idee, unitamente a quelle di Smith sul sacrificio, sarebbero confluite poi ne Le forme elementari della vita religiosa di Émile Durkheim. In questo libro del 1912, fondato in larga misura sull etnografia allora disponibile, Durkheim presentò la sua teoria del culto del totem come celebrazione dell unità del clan e forma aurorale di religione, facendo del rapporto tra il totem e il clan il punto di partenza della sua visione dei rapporti tra società e religione. 16

16 in cui l atto di culto cementa il legame tra lui e il suo dio, tale atto cementa anche il legame tra lui e i suoi fratelli in una fede comune. Abbiamo così raggiunto un punto della nostra discussione a partire dal quale è possibile tentare una stima generale del valore etico del tipo di religione che è stato descritto. Il potere della religione sulla vita è duplice: da un lato tale potere consiste nella associazione di essa con particolari norme di condotta a cui assegna delle sanzioni sovrannaturali; ma soprattutto tale potere consiste nel determinare il tono generale e la tempra delle menti degli individui, che in tal modo vengono spronate al coraggio e a più alti ideali, e le eleva al di sopra della brutale servitù nei confronti dei istinti fisici insegnando agli uomini che la loro vita e la loro felicità non sono il semplice trastullo delle cieche forze della natura, ma che un potere più alto li sorveglia e si prende cura di loro. In quanto fonte ispiratrice di comportamento, questa influenza è più potente della paura nelle sanzioni sovrannaturali, dal momento che funge da stimolo, mentre quest ultima è semplicemente regolativa 15. Il rituale di comunione per eccellenza era il sacrificio nel quale il dio era chiamato a partecipare, come commensale, alla tavola degli uomini che, nell atto comune del mangiare e del bere, trovavano l occasione per rinsaldare la propria alleanza, tra loro e con la divinità rappresentativa dell unità stessa (il prototipo di questa divinità è lo Yahvé, degli antichi israeliti). Come molti suoi contemporanei, Smith non poté sottrarsi al problema di ricostruire le origini del sacrificio. Benché partito da posizioni sociologiche e non intellettualistiche, Smith ragionò molto spesso come il suo collega Tylor. Ciò è chiaramente visibile nella ricostruzione che egli fa dell origine del totemismo e delle sue relazioni con il sacrificio inteso come rito collettivo. Smith riteneva infatti, come altri (ma non Tylor, come abbiamo visto), che la prima forma di religione fosse il totemismo, cioè il culto tributato da un gruppo a un essere animale o vegetale con il quale il gruppo stesso si autoidentificava. 16 Questa identificazione era una conseguenza dell usanza dell orda primitiva di consumare un cibo in comune, pianta o animale che fosse. Consumando ad esempio la carne dello stesso animale, gli esseri umani ebbero la sensazione di essere partecipi della medesima sostanza e quindi di essere non solo 15 Lectures on the Religion of the Semites, 1889, Black, London, pp L idea del totemismo come prima forma di religione gli veniva da un altro studioso scozzese, J. F. Mc Lennan che, nel 1869, aveva pubblicato un importante lavoro proprio su questo argomento. 17

17 parenti tra loro, ma anche parenti dell animale. Poiché un pasto comune non può mantenere per un tempo indeterminato questa comunanza tra uomini da un lato, e tra questi ultimi e l animale dall altro, il consumo della sostanza comune doveva essere ripetuto periodicamente per rinnovare nel tempo il legame comunitario tra gli umani stessi e tra questi ultimi e l animale. L idea che tutti partecipavano, per incorporazione, della stessa sostanza, rafforzava l idea di comunione e, al tempo stesso, consolidava l identificazioni degli umani con l animale in questione. Di qui la convinzione, tipica della religione totemica, che un gruppo umano sia parente del suo totem, o animale (o vegetale), da cui prende il nome. Scrive infatti Smith: In the course of the last lecture we were led to look with some exactness into the distinction drawn in the later ages of ancient paganism between ordinary sacrifices, where the victim is one of the animals commonly used for human food, and extraordinary or mystical sacrifices, where the significance of the rite lies in an exceptional act of communion with the godhead, by participation in holy flesh which is ordinarily forbidden to man. Analysing this distinction, and carrying back our examination of the evidence to the primitive stage of society in which sacrificial ritual first took shape, we were led to conclude that in the most ancient times all sacrificial animals had a sacrosanct character, and that no kind of beast was offered to the gods which was not too holy to be slain and eaten without a religious purpose, and without the consent and active participation of the whole clan. For the most primitive times, therefore, the distinction drawn by later paganism between ordinary and extra-ordinary sacrifices disappears. In both cases the sacred function is the act of the whole community, which is conceived as a circle of brethren, united with one another and with their god by participation in one life or life-blood. The same blood is supposed to flow also in the veins of the victim, so that its death is at once a shedding of the tribal blood and a violation of the sanctity of the divine life that is transfused through every member, human or irrational, of the sacred circle. Nevertheless the slaughter of such a victim is permitted or required on solemn occasions, and all the tribesmen partake of its flesh, that they may thereby cement and seal their mystic unity with one another and with their god. In later times we find the conception current that any food which two men partake of together, so that the same substance enters into their j flesh and blood, is enough to establish some sacred unity of life between them; but in ancient times this significance seems to be always attached to participation in the flesh of a sacrosanct victim, and the solemn mystery of its death is justified by the consideration that only in this way can the sacred cement be procured which creates or keeps alive a living bond of union between the worshippers and their god. This 18

18 cement is nothing else than the actual life of the sacred and kindred animal, which is conceived as residing in its flesh, but especially in its blood, and so, in the sacred meal, is actually distributed among all the participants, each of whom incorporates a particle of it with his own individual life. The notion that, by eating the flesh, or particularly by drinking the blood, of another living being, a man absorbs its nature or life into his own, is one which appears among primitive peoples in many forms [ ] 17 Il sacrificio di comunione presente nelle religioni pre-monoteiste e monoteiste sarebbe dunque lo sviluppo di questa prima fase originaria in cui, comunque, al centro delle preoccupazioni umane vi era quella di rinsaldare continuamente i legami tra i membri della comunità, e tra questi e il nume tutelare (è qui che la dimensione sociologica di Smith prende il sopravvento sull impostazione intellettualistica del ragionamento). Molti critici posteriori hanno fatto notare, come vedremo, che per quanto riguarda l idea del sacrificio di comunione, come atto fondante e rinnovante la comunità, la prospettiva di Smith era influenzata dalla prospettiva cristiana e dal rito dell eucaristia in particolare. Questa distorsione prospettica, certamente presente nella sua opera (dopotutto era un evoluzionista), è bilanciata tuttavia dal merito di aver posto l accento sulla religione non solo come mera speculazione, ma come qualcosa di sociale, di collettivo, e quindi morale. Inoltre Smith diede importanza al rito come a serie di atti concreti in cui si rinnovano continuamente i principi che stanno alla base della società e del rapporto di questa con le proprie divinità tutelari. Da ultimo, Smith ha avanzato una teoria del sacrificio che superava l idea di quest ultimo come semplice dono alla divinità. L idea del dono non è certamente assente dalle pratiche sacrificali, come abbiamo visto, ma ne è solo un aspetto, e talvolta nemmeno sempre il più importante. In fondo quella di Smith era una teoria che non riduceva la religione a mera speculazione, ma faceva di essa ciò che pochi anni più tardi i sociologi francesi H. Hubert, M. Mauss e E. Durkheim (che si ispirarono a Smith, pur criticandolo) avrebbero definito un fatto sociale Lectures, pp Vale la pena di ricordare anche come in Smith si ha un superamento della tesi in base alla quale il culto sarebbe stato originato dalla paura in esseri sovrumani (incarnazione delle potenze naturali) e una frottola architettata dai sacerdoti a scopi politici. Angoscia, paura, 19

19 Un ultimo punto a cui prestare attenzione, anche se certamente Smith lo enunciò in forma assai indiretta, è l idea della violenza come atto fondativo della società e della cultura (Freud che aveva letto Smith - in Totem e tabù del 1913 enunciò una teoria psicoanalitica dell origine della religione, della cultura e dell esogamia che riprendeva proprio questa idea di violenza iniziale). Per Smith infatti, nell uccisione dell animale, poi animaletotem, e quindi nel suo sacrificio, gli esseri umani si riconobbero per la prima volta come membri di un gruppo e come parenti tra loro. 4. Il sacrificio come consacrazione : H. Hubert e M. Mauss Ricollegandoci a quanto abbiamo visto nel paragrafo 1, e in particolare alla nozione di sacro, possiamo esaminare una delle più importanti teorie del sacrificio. Henry Hubert e Marcel Mauss dedicarono al tema un opera specifica, il Saggio sulla natura e funzione del sacrificio, pubblicato circa dieci anni dopo il lavoro di Robertson Smith, nel Questi due autori erano allievi di Emile Durkheim, ma non c è dubbio che molte delle idee confluite poi nell opera più celebre del grande sociologo francese, Le forme elementari della vita religiosa (1912) provenissero dalla loro riflessione. Nello studio del 1898 Hubert e Mauss intrapresero una critica delle precedenti teorie del sacrificio, e in particolare di quella di Robertson Smith. Pur riconoscendo a Roberston Smith di aver compiuto un progresso rispetto a Tylor, essi ne criticavano la comune impostazione evoluzionistica per cui, come scrivevano, Roberston-Smith si è soffermato a raggruppare genealogicamente i fatti secondo i rapporti di analogia che credeva scorgere fra di essi (p. 15). L impostazione data da Mauss e Hubert al problema consisteva invece di enucleare le forme elementari del sacrificio, ossia quei tratti fondamentali che, al di là della grande apparente diversità, potevano essere ritenuti comuni a questo tipo di rituale. Essi, si senso di inadeguatezza, così come potere autorità e manipolazione politica sono dimensioni inerenti a qualunque religione, ma Smith insistette, dal suo punto di vista, soprattutto sulla funzione coesiva ed etica svolta dalla religione sul piano sociale. 19 Hubert, H. e Mauss, M. Saggio sulla natura e funzione del sacrificio, Morcelliana, Brescia

20 potrebbe dire, partirono alla ricerca di una struttura comune a tutti i riti sacrificali. Mauss e Hubert iniziano con una definizione formale di sacrificio. Essi precisano a) che la cosa sacrificata è sempre consacrata, cioè rivestita di un aura di sacralità, e che b) questa stessa cosa funge da intermediario tra colui o coloro che devono beneficiare del sacrificio e la divinità alla quale il sacrificio viene rivolto. Ma ciò non basta, secondo loro, a definire compiutamente il sacrificio. Infatti vi sono offerte di cose che non vengono distrutte e offerte di cose che vengono distrutte, in parte o totalmente. E solo in quest ultimo caso che si può parlare di sacrificio, ossia quando c è, diremmo noi, un atto violento esercitato su quella cosa che funge da intermediario tra l uomo e la divinità. Per Mauss e Hubert il sacrificio si presenta come un atto religioso che, mediante la consacrazione della vittima, modifica lo stato della persona morale che lo compie e lo stato di certi oggetti di cui la persona si interessa (p. 22) 20. Esistono sacrifici personali e sacrifici oggettivi. I primi sono quelli in cui è toccata la persona che officia il sacrificio stesso. I secondi sono quelli in cui sono degli oggetti,reali o ideali, a ricevere direttamente i benefici dell azione sacrificale (un campo, una casa, un tempio ecc.). Esiste dunque un unità dei sistemi sacrificali ma questa non può risiedere, come invece ritenevano Tylor (dono) o Smith (comunione) in qualcosa di sostanziale: essa risiede invece in qualcosa di formale, in una struttura relazionale tra termini, i cui effetti sono la modificazione dello stato morale del beneficiario e/o dell officiante. Abbiamo dunque la vittima (che viene consacrata), degli officianti (il cui stato morale viene modificato) così come dei beneficiari che acquisiscono i vantaggi dell atto sacrificale e vengono quindi modificati anch essi moralmente. Il saggio di Hubert e Mauss si ispira a principi comparativi che sono differenti da quelli dei loro predecessori evoluzionisti: Anziché raggruppare genealogicamente i fatti secondo i rapporti di analogia che si crede poter scorgere fra di essi (come dicevano di Robertson-Smith) i due studiosi francesi si limitano ad esaminare in 20 Il termine morale indica in questo caso la sua condizione sociale di fronte agli altri componenti di una comunità. 21

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci UNIVERSITA MILANO BICOCCA Corso di laurea di primo livello in servizio sociale anno accademico 2009-2010 Progettare il sociale Prof. Dario A. Colombo IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO Elementi essenziali di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli