Fin dove i copioni? Fanita English

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fin dove i copioni? Fanita English"

Transcript

1 Fin dove i copioni? Fanita English Wither Scripts? T.A.J. vol. 18, n. 4, 1988, ITAA permission Traduzione di Marcella Magnino Estratto da Neopsiche Rivista di Psicologia e Scienze Umane, anno 9, n. 15, giugno 1991 La pubblicazione del presente articolo è stata gentilmente concessa dalla direzione della Rivista (www. aiat.it) RIASSUNTO La teoria del copione, a un attento esame, è diventata restrittiva, semplicistica, e inaccurata. L'autrice sostiene che le ristrette vedute deterministiche sul copione avanzate da Berne sono collegate all'erronea concezione berniana dei giochi. Viene descritta la Terapia dello Schema Esistenziale (EPT) (English, 1987), che è la forma di analisi del copione elaborata dall'autrice, e che pone l'accento sulla creatività e sul bilanciamento delle pulsioni inconsce. Si presenta poi un caso clinico visto sotto l'ottica dell EPT, a cui segue una valutazione delle relazioni tra le pulsioni inconsce (di sopravvivenza, di creatività, di riposo), dell'economia delle carezze e degli stati dell'io, che conclude l'analisi. ABSTRACT Script theory, on careful examination, has become restrictive, simplistic, and inaccurate. The author connects Berne s narrow deterministic view of scripts to this erroneous view of games. Existential Pattern Therapy (EPT) (English, 1987), the author s own form of script analysis emphasizing creativity and the balance of unconscious drives is described. A case presentation using EPT is discussed following which an evaluation of the relationship between unconscious drives (survival, creative, restful), stroke economy, and the ego states concludes the analysis. Io applaudo il coraggio di Cornell (1988) che ha messo in discussione i principi restrittivi su cui è costruita l'attuale teoria del copione. Anch'io ho notato con preoccupazione quanti terapeuti AT siano incatenati al letto di Procuste di credenze non dimostrate, le quali suggeriscono che le 1

2 ingiunzioni determinano copioni angusti e dal ridotto margine d'azione, da cui ci si aspetta che i pazienti si liberino attraverso la terapia. Quando sono date per certe dai terapeuti, tali credenze spesso generano delle profezie autoavverantesi nei pazienti suggestionabili, o conducono a false "guarigioni dal copione" andando a coinvolgere dei problemi che non esistevano all inizio! Cornell afferma : "La teoria del copione è diventata più limitante che rinvigorente. L'analisi del copione, come si è evoluta, [...] è apertamente psicoanalitica nell'atteggiamento e apertamente riduzionista in ciò che comunica [...] L'incorporazione della teoria evolutiva entro la teoria del copione è stata troppo spesso semplicistica e inaccurata, ponendo l'accento primariamente sulla psicopatologia piuttosto che sullo sviluppo psicologico" (p. 281). Sebbene io concordi con la critica violenta contenuta nelle affermazioni di Cornell e con la sua critica implicita dell'accentuazione psicoanalitica della fissazione agli stati evolutivi infantili, non accetto una condanna in bianco del pensiero psicoanalitico. Chiaramente la metodologia della psicoanalisi è ingombrante e datata, cosa che Berne riconobbe, anche se continuò a usare con certi pazienti la psicoanalisi quasi fino alla fine della sua vita. Porre l'accento sulla linearità dello sviluppo infantile senza notare le influenze interazioniste e credere che l'esperienza infantile sia la causa esclusiva del comportamento successivo in età adulta, è sia limitante sia controproduttivo. Per esempio, l'esperienza clinica dimostra che è falso assumere che una persona "fissata" a un dato stadio evolutivo non possa progredire emotivamente a un altro stadio fino a che non siano risolti tutti i problemi dello stadio precedente. Perfino gli scritti di Freud (1915/1917) offrono delle aperture verso quel genere di visioni più ampia patrocinata da Cornell. Tuttavia, sebbene io concordi che lo sviluppo psicologico può essere meglio compreso se si prende in considerazione lo sviluppo sano piuttosto che quello patologico, come terapeuti noi abbiamo anche bisogno di una teoria che ci aiuti a capire le distorsioni dei processi normali. LA RESISTENZA E LA CAPACITA DI RIPRESA DEL BAMBINO DAVANTI ALLE PROPRIE ESPERIENZE Le influenze e gli eventi della prima infanzia, come vengono compresi (o fraintesi) dal bambino che cresce, esercitano un potente impatto sia sullo sviluppo sano sia sulla patologia specifica. Essi influenzano la formazione del carattere come pure degli atteggiamenti, dei sentimenti, delle relazioni e delle concezioni sul futuro. Tuttavia, la capacità di resistenza dei bambini (e dell uomo, a qualunque età) non deve essere sottovalutata. Se così facessimo, vorrebbe dire che i bambini 2

3 possono essere condizionati in un modo semplicistico, pavloviano. Molti individui superano con successo delle eseperienze infantili difficili, perfino tragiche, senza l'aiuto della terapia. La vita ha modo di offrire molte opportunità correttive. Come professionisti che si occupano della salute mentale noi tutti ci dimentichiamo troppo spesso dello sviluppo sano, svalutando di conseguenza la capacità umana di simbolizzare, trasformare, creare, cercare la libertà anche correndo qualche rischio, e, in ultima analisi, di lasciarsi vivere. CONCLUSIONI DI SOPRAVVIVENZA I bambini sono esseri dipendenti e sentono che la loro sopravvivenza dipende da coloro che li accudiscono. Come viene sottolineato nell'at, le carezze positive trasmettono il messaggio gratificante che l accudimento è disponibile, sebbene talvolta in modo condizionato, a patto di un adattamento da parte del bambino. Nasciamo con parecchie pulsioni, inclusa quella di sopravvivenza. Questa pulsione dì sopravvivenza ci spinge ad adattarci e ad apprendere tutto quello che sembra necessario ai fini di acquisire e mantenere sia l approvazione sia nuove abilità. Quello che impariamo diventa ciò che io chiamo "conclusioni di sopravvivenza (English, I977c, p.332). Queste conclusioni vengono integrate nel nostro organismo come se si trattasse di una nostra "seconda natura", attraverso un'alternanza dei processi di assimilazione e accomodazione, mirante a conseguire ciò che Piaget chiama "equilibrazione" o bilanciamento (Cowan, 1978, pp ). In breve,l assimilazione,implica di "prendere dentro" adattando ciò che sta fuori a ciò che è già noto soggettivamente, e l accomodazione si riferisce alla modificazione del proprio comportamento/pensiero in modo da adattarsi alla realtà, così come essa viene compresa sulla base degli stimoli esterni e delle reazioni delle figure parentali (Cowan, 1978, pp ). L'equilibrazione continua, durante il costante processo di crescita, tramite l'assimilazione e l'accomodazione, è un processo complesso che non può essere ridotto a un semplice condizionamento. Alla fine di questo processo, infatti, verranno a stabilirsi le posizioni esistenziali, la struttura fondamentale di carattere e le modalità di relazione con gli altri, sebbene i cambiamenti continuino poi per tutto il corso della vita. Conclusioni di sopravvivenza vengono stabilite ad ogni stadio di sviluppo (English, 1977c). Esse servono a compensare il fatto che i nostri geni non possiedono il programma specifico di cui abbiamo bisogno per sopravvivere come esseri indipendenti. La pulsione di sopravvivenza opera per tutto il corso della nostra vita, con lo scopo di suscitare le conclusioni di sopravvivenza nelle situazioni che assomigliano a quella prima situazione che stimolò la conclusione originaria. Molte conclusioni di sopravvivenza sono necessarie e valide per tutto il corso della vita (per esempio, il 3

4 fatto di non inghiottire dei liquidi bollenti senza averne prima verificato la temperatura) e altre hanno un importante valore di socializzazione anche se non servono strettamente a salvarsi la vita (per esempio, non defecare sul pavimento del salotto). Alcune hanno un valore solo temporaneo e, se non vengono rinforzate successivamente, rimangono latenti. Una volta che le conclusioni di sopravvivenza siano state stabilite, la pulsione di sopravvivenza continua a provocarle senza discriminare tra quelle che salvano la vita, quelle che hanno valore di socializzazione e quelle che non sono più applicabili. Perciò può rendersi necessaria una terapia che riduca le conclusioni troppo potenti o troppo dannose (per esempio, le fobie, l'angoscia irrazionale, le inibizioni, le osservazioni, le compulsioni ecc.). Sebbene l'azione svolta da queste conclusioni di sopravvivenza possa farle assomigliare alle ingiunzioni o alle attribuzioni, esse hanno un ambito d azione molto più ristretto. Noi raccogliamo migliaia di conclusioni di sopravvivenza nei vari stadi del nostro sviluppo, ed esse riguardano argomenti specifici piuttosto che tutto il copione di vita: noi non ne adottiamo solo una o due così importanti da trasformare il corso della nostra vita. Inoltre, la maggior parte delle conclusioni di sopravvivenza sono utili, perfino essenziali, e non devono essere abbandonate se non vogliamo che la nostra vita sia in pericolo. Sebbene alcune possano rinforzarsi tra di loro o combinarsi così da formare una "sindrome" disfunzionale, nuove conclusioni vengono continuamente integrate in tutti i successivi stadi evolutivi, compresa l'età adulta. Nel caso di un paziente che chiede la terapia possono essere in gioco vari schemi comportamentali, ciascuno associato a diverse conclusioni di sopravvivenza. La terapia può consistere nel separare tra loro i fili di conclusioni diverse, alcune delle quali possono essere importanti e ancora utili pur se intrecciate con altre che sono al presente disfunzionali. Una conclusione che è disfunzionale per la vita attuale di una persona genera angoscia e/o proiezione, le quali a loro volta danneggiano le capacità dell'individuo di far fronte ai problemi. Poiché in una persona adulta molte conclusioni rimangono dormienti, un evento o una situazione particolari possono risvegliare una conclusione che è stata inattiva per lungo tempo. In quel caso può verificarsi una contaminazione di altre situazioni, anche nel caso in cui tali situazioni in precedenza non abbiano dato disturbo. Tuttavia, sebbene certe conclusioni arcaiche di sopravvivenza possono generare dei problemi che necessitano di una terapia, esse non sono le determinanti principali del copione. Non possiamo sostenere che i copioni sono risposte condizionate di fronte a presunte ingiunzioni che esisterebbero in un ipotetico "elettrodo" (Berne, 1972) posto nel Bambino. Come Cornell (1988) suggerisce giustamente, esistono molti altri fattori interni ed esterni che guidano il corso della vita di un individuo. Perciò la totale "guarigione dal copione" rappresenta una meta terapeutica ridicola, 4

5 equivalente al pensare che trasformando le impronte digitali di un paziente, egli non correrà mai più il rischio di farsi prendere le impronte digitali. L'INFLUENZA DELLE TRE PULSIONI Come già indicato, la pulsione di sopravvivenza influenza la ricerca e la risposta di carezze e genera e provoca la maggioranza delle nostre conclusioni. Ciò non contraddice la teoria AT. Tuttavia, trovo importante riaffermare le concezioni freudiane sulle pulsioni di base. Ho riconcettualizzato queste pulsioni e ne ho descritti gli attributi, incluse le specifiche forme d'influenza e le manifestazioni distintive (English, 1987). In aggiunta alla pulsione di sopravvivenza, noi siamo influenzati da altre due pulsioni che non sono modificate dalle carezze: la pulsione creativa e la pulsione di riposo. Queste pulsioni hanno una propria energia dinamica e prendono parte alla creazione di schemi esistenziali che si intrecciano tra di loro e influenzano il corso della vita e il copione (secondo la mia definizione). Esse ci influenzano attraverso improvvise esplosioni di energia o di fatica e/o di spinte a "fare" o a "non fare" che non sono assolutamente collegate alle carezze del passalo o del presente. Ogni pulsione ha la propria direzione funzionale e può esprimersi tramite uno stato dell'io, singolo o in rotazione o in combinazione con altri. Perciò, sebbene esista un'interazione tra la pulsione di sopravvivenza, che è influenzata dall'economia di carezze, e le altre pulsioni, la personalità nel suo complesso, con i desideri, le tendenze, le relazioni e quindi con il copione nella sua totalità, non è influenzata in modo esclusivo e nemmeno predominante dalle carezze passate o presenti. Quest'ottica rappresenta un radicale allontanamento dal classico assunto di AT secondo cui tutto lo sviluppo, la comunicazione e i problemi sono connessi a scambi di carezze. Ci sentiamo "OK" quando le nostre pulsioni utilizzano la nostra energia psichica in modo proporzionato, cosi da combinarsi, alternarsi e/o interagire tra di loro armoniosamente. La sensazione di non essere "OK" nasce quando una pulsione tira in una direzione molto diversa dalla direzione presa nello stesso momento da una seconda pulsione, oppure quando una o due pulsioni competono per giungere alla coscienza dell'individuo e per ottenerne l'energia. L'auto-aiuto e/o la terapia solitamente devono riguardare primariamente le modalità d'interazione delle nostre pulsioni, il grado in cui una pulsione inibisce l'altra, quale è il sostegno o l'interferenza esercitati dalla terza pulsione, e così via. Tuttavia in certi casi quando si identificano esattamente i problemi e si riconosce che essi nascono solo dalla disfunzionalità delle conclusioni di sopravvivenza, la terapia potrebbe assomigliare all'at come essa veniva praticata originariamente, 5

6 accentuando cioè l'aiuto al paziente affinché egli utilizzi il suo Adulto per affrontare i conflitti tra Genitore e Bambino. BERNE LE RAGIONI DELLA RISTRETTA CONCEZIONE DEL COPIONE DA PARTE DI Prima di andare avanti e di presentare un caso clinico esemplificativo, voglio esporre certe idee, che ammetto essere prevenute, circa le ragioni fondamentali per cui Berne formulò una concezione restrittiva del copione. Se consideriamo la sua brillante scoperta dell'at - specialmente la sua formulazione funzionale degli stati dell'io e della connessione tra carezze e comunicazione - ci chiediamo: come fu possibile che Berne abbia finito per formulare la teoria del copione in modo così restrittivo? Come è possibile che egli, che orgogliosamente dimostrò che il Bambino funziona nel qui-e-ora e non solo nell'inconscio (come a Berne piaceva dire, "Non ha mai visto un Es che cammina, ma posso vedere un Bambino che lo fa") abbia accettato l'idea di un elettrodo? (Io non ho mai visto un elettrodo che cammina - nemmeno un Piccolo Professore!). Io credo che le radici del concetto lineare di copione espresso da Berne stiano nel suo bisogno di giustificare la sua analisi dei giochi. L'analisi dei giochi da una parte gli permise di trionfare sulla psicoanalisi dimostrando la velocità delle "guarigioni" che si ottenevano utilizzando l'adulto del paziente e dall'altra parte gli permise di spiegare perché certi pazienti che funzionavano bene sotto molti aspetti continuavano a ripetere certi comportamenti, anche quando il contratto di terapia sembrava sensato ed essi proclamavano di voler cambiare. Tuttavia, Berne trovò due tipi di pazienti che erano particolarmente frustranti: quelli.che presentavano ciò che egli chiamava rackets '» (Berne, 1964/1976, p. 16) e quelli che presentavano ciò che la psicoanalisi chiama "coazione a ripetere". Per me è significativo che Berne abbia usato il termine peggiorativo "rackets", piuttosto che una parola più empatica, per riferirsi a quegli atteggiamenti e sentimenti dei pazienti che egli poteva identificare come incongruenti, mentre i pazienti, pur concedendo che tali atteggiamenti potessero essere inappropriati, non li cambiavano nonostante la confrontazione. Avendo deciso che certi sentimenti erano "rackets", Berne abbandonò temporaneamente l'argomento, ammettendo che non sapeva cosa fare a loro riguardo, tranne che spiegarli come appagamenti ripetitivi per carezze interne ed esterne. L'ERRATA INTERPRETAZIONE DEI GIOCHI DA PARTE DI BERNE 6

7 Berne era determinato a "sconfiggere" quella che sembrava una coazione a ripetere e che si presentava in pazienti che avevano un Adulto perfettamente funzionante, amavano le carezze, e tuttavia finivano per incrociare ripetutamente, sempre nello stesso modo, certe transazioni, senza tener conto dei diagrammi di AT che dimostravano loro come si comportassero sempre in quel modo. Berne decise che tali pazienti stavano "giocando" con lui, invece di voler guarire, specialmente perché si era accorto che al termine di quelle transazioni incrociate il loro volto mostrava spesso un lieve sorriso. In seguito alla frustrazione egli di nuovo scelse un termine peggiorativo - giochi - per descrivere quel tipo di comportamento che andava a minare i suoi sforzi. Berne, l'avvocato difensore del Bambino Libero, non poteva insultare coloro che facevano i giochi dicendo loro che erano infantili, ma poteva ridicolizzarli classificando i giochi con dei nomi sciocchi. In effetti, molti dei cosiddetti giochi elencati nel suo bestseller, A che gioco giochiamo (Berne, 1964) sono transazioni complementari diadiche ripetitive, che io oggi chiamo racketeering. Esse non sono qualificabili come giochi secondo l'ultima formula di Berne. Quello che sembra un gioco è in realtà il risultato di un racketecring che l'individuo non riesce a portare avanti (English, 1977b). Va a credito di Berne il fatto che egli distinse tra giochi di primo e giochi di terzo grado (Berne, 1964, p. 73) e credo che Berne prese una direzione errata proprio quando tentò di dare una spiegazione ai giochi di terzo grado. (Ho suggerito altrove [English, 1977a, 1977b] una spiegazione alternativa a quella di Berne). Berne comprese correttamente che nel giocatore doveva verificarsi un processo interno che generava quell'improvviso mutamento di stato dell'io (scambio) che dava origine alla transazione incrociata e poneva fine a ciò che egli chiamava gioco. Il suo errore stava nel fatto dì supporre che il processo interno rappresentasse una transazione interna, la quale offriva carezze velenose provenienti da un Genitore arcaico o dal Bambino del genitore cronologico. Perciò il giocatore veniva motivato a "rovinarsi" nel qui-e-ora e a sacrificare quelle potenziali carezze che potevano provenirgli ancora da un partner attuale a favore delle carezze arcaiche che lo spingevano a farsi del male. Tuttavia, dopo poco, Berne si rese conto che un'analisi dei giochi basata sui suoi assunti non funzionava proprio; la coazione a ripetere era ancora operante in coloro che facevano i giochi. Sfortunatamente, invece di abbandonare la sua interpretazione del perché un gioco terminasse con una transazione incrociata, Berne decise che l'analisi doveva soltanto andare più in profondità; se l'analisi dei giochi non bastava, l'analisi del copione avrebbe spiegato perché i pazienti si ostinassero a ripetere continuamente i loro giochi. Egli decise che i giochi erano "prove generali" di una rappresentazione più completa e articolata e, avendo definito i giochi come autodistruttivi, ne 7

8 conseguì che il copione di questa rappresentazione più completa doveva essere anch'esso autodistruttivo o almeno limitante e privo di opzioni. I COPIONI E I COPIONI PRESUNTI Prima di ricevere quella frustazione legata all'analisi dei giochi, Berne aveva pensato ai copioni come a un qualcosa di molto più fluido. Era affascinato dagli ampi parallelismi esistenti tra le favole e i miti da una parte e le storia di vita dei suoi pazienti dall'altra. Era consapevole del fatto che i bambini tra i quattro e i sette anni sono pieni di curiosità a proposito della loro relazione con il mondo - passata, presente e futura. Assillano di domande i genitori (e Berne aveva molti bambini!) e proclamano ciò che saranno o che faranno da adulti. I bambini sviluppano anche delle idee e delle impressioni circa il genere di partner che vorranno, sviluppano delle preferenze riguardanti il fatto di vivere in città o in campagna, sviluppano delle fantasie sulle loro avventure future e degli atteggiamenti nei confronti del potere, del denaro, del successo e così via. I bambini intessono racconti o li assorbono ansiosamente, modificando queste storie perché si accordino alla loro immaginazione. Sebbene sia chiaro che i bambini iniziano a sviluppare la storia della loro vita proprio in questo stadio, ne deriva forse che tali storie siano necessariamente limitanti? Piuttosto, è il contrario. A quest'età la storia offre una bozza, un canovaccio che deve essere sviluppato, rifinito, trasformato, adattato, confezionato su misura, allungato, revisionato, riciclato e ricostruito in molti modi. Infatti, la nostra capacità di riconcettualizzazione e di generare copioni è una delle manifestazioni più affascinanti del nostro essere uomini e del fatto che abbiamo una pulsione creativa. Noi abbiamo bisogno di un veicolo del genere, attraverso il quale proiettiamo le nostre fantasie verso il futuro. Senza questa capacità potremmo trovarci a soffrire come degli psicotici, la cui immaginazione vaga qua e là in modo disorganizzato, proprio perché lo psicotico non è in grado di collegare e organizzare le fantasie all'interno della struttura offerta dal copione. Per quanto inadeguato e timido, un copione offre la possibilità di contrastare le fantasie e la realtà su punti limitati e specifici piuttosto che in modo totale, esagerato. Nel periodo in cui Berne indagava su come le storie di vita potessero essere comparate alle fiabe, ai miti o ai drammi teatrali, Claude Steiner (1966) stava sviluppandola sua idea della matrice del copione (che Berne dichiarò di aver ideato lui stesso) per usarla con i pazienti difficili, come gli alcoolizzati e i tossicomani, i quali in effetti operavano in modi particolarmente autodistruttivi, spesso culminanti in finali tragici. Tuttavia la matrice del copione, che iniziò a essere usata come concetto schematico e strumento utile nel lavoro iniziale con i pazienti amartici, ebbe la sfortuna di 8

9 attrarre Berne, che la considerò una spiegazione elegante del perché i pazienti continuassero a ripetere i giochi: per mantenere e per far la prova generale dei loro copioni, che erano sottostanti a tali giochi. La sua idea, perciò, era che le ingiunzioni negative, che potevano essere illustrate sulla chiara, semplice matrice del copione, facevano sì che il bambino di cinque anni, sufficientemente stupido da accettarle interamente, come oro colato, fosse nondimeno abbastanza brillante da creare un completo copione limitante, in grado di realizzare e di adempiere queste ingiunzioni nel futuro. Tutto questo era dovuto a quella strega miserabile, solitamente la mamma, che, senza intenzione conscia (sebbene certamente in modo deliberato), voleva che la sua progenie soffrisse per le ingiunzioni inserite entro un misterioso elettrodo sviluppatosi nel bambino (Berne, 1972, p. 104) Per illustrare ancor meglio questo assunto non comprovato, venne sviluppata un'analisi strutturale di "second'ordine" della personalità (Berne, 1961, p. 171), un'analisi ancora più complessa, insieme all'idea che, iniziando nell'infanzia, i copioni necessariamente destinavano gli individui a diventare "perdenti" o "vincitori" (Berne, 1972, pp ). Seguendo la metafora della pianola adottata da Berne (citata in Cornell, 1988, p. 270), il copione deterministico potrebbe essere visto come un rotolo di carta musicale che può essere suonato, sulla pianola meccanica della vita, solo esattamente "così com'è". Il suonatore non può far altro che permettere lo svolgimento della composizione prefissata, a meno di non essere in grado di "buttar via" tutto il rotolo (il copione completo) e quindi di suonare la propria musica. Per continuare la metafora, questo ci suggerisce che il suonatore che cerca di eseguire la propria musica non avrà il tempo o la possibilità di crescere provando una musica o un'altra, modulandola, armonizzandola, accompagnandola con parole, orchestrandola, eccetera. Tale assunto contraddice tutto quello che sappiamo dello sviluppo infantile come pure tutto quello che sappiamo dei progressi che gli esseri umani fanno a tutte le età, cioè che la crescita avviene per esperimenti e attraverso prove ed errori. In questi termini, il suonatore che getta via il suo copione sarebbe come una scimmia davanti al pianoforte - libero dalle costrizioni, ma senza melodia con cui cominciare, senza note, senza pratica, senza prove generali. Il risultato sarebbe un frastuono causale, discordante! Davanti a tale possibilità, potrebbe essere preferibile approfittare delle occasioni offerte dalla musica preregistrata, aggiungendovi un buon accompagnamento orchestrale, forse accompagnandolo con il canto o perfino aggiungendovi delle parole. Le nostre vite, così come evolvono, il nostro lavoro, le nostre relazioni, i nostri contributi al mondo rappresentano l'espressione creativa della preziosa, unica persona che ciascuno di noi è. Noi emergiamo da "ciò che ci è stato dato in partenza" e che abbiamo successivamente trasformato nei corso del nostro sviluppo. Talvolta la musica che suoniamo si armonizza con quella di coloro che ci 9

10 circondano, talvolta suoniamo da soli se, come Berne, abbiamo il coraggio di suonare in modi differenti. UNA VALUTAZIONE DELL'AUTENTICA EREDITA DI BERNE È noto che Berne ripetutamente ricordava ai suoi studenti e ai colleghi dì non sovraimporre la teoria sull'esperienza clinica. Io credo che i concetti di copione che sono correntemente sinonimi di una pratica avanzata, prestigiosa, di AT fossero ancora delle ipotesi per Berne, e che egli li avrebbe sottoposti a revisione se fosse vissuto più a lungo. Per esempio, all'epoca delle sua morte egli stava ancora facendo circolare delle bozze di "Ciao!"...e poi? (1972) proprio perché aveva progettato di sottoporre il libro a una revisione sostanziale. La definizione di copione presente nel glossario del libro è quella che io suggerii a Berne, e che egli accettò, ed è una definizione molto più aperta di quelle presenti nel testo, che Berne non poté revisionare. Sebbene io non concordi più nemmeno con la definizione data nel glossario, essa è ancora la più ampia esistente e la più vicina a quella sostenuta da Cornell. I COPIONI E LA TERAPIA DEGLI SCHEMI ESISTENZIALI Negli ultimi dodici anni ho fatto riferimento alla teoria che insegno e alla pratica che io sostengo definendolo Terapia dello schema esistenziale (EPT) (English, 1987) per distanziarmi da un'errata interpretazione della teoria del copione, in particolare per quanto riguarda i suoi aspetti di"lettura del futuro". Molto dell'ept è emerso dalle terapie dell AT e della Gestalt, e io mi considero ancora una terapeuta che pratica l AT. I miei workshop sul copione sono attentamente descritti come workshop che mirano a favorire la creatività, non a fornire una terapia. L'accento è posto sull esplorare, sullo sviluppare e allargare il punto di vista dei partecipanti... Noi lavoriamo in gruppi a rotazione, il che permette i paragoni, le contraddizioni, le analogie, le sfide ecc. e ci assicura che ai partecipanti più suggestionabili non vengano passate le "patate bollenti" (English, 1969). Come risultato di questo lavoro io mi sono convinta del fatto che Jung avesse ragione a sostenere l'esistenza di certe figure archetipiche di base (citate in Berne, 1972, p. 42) e certi miti che sono alle fondamenta della nostra immaginazione e con cui il bambino di quattro o cinque anni inizia a cimentarsi, senza tener conto del contenuto specifico delle storie che gli vengono raccontate. Sebbene questo implichi la partecipazione di molti elementi innati, tuttavia non significa predestinazione. Il medesimo racconto infantile può evolvere in moltissime direzioni, proprio come 10

11 un libro che viene trasposto in un film può implicare dei cambiamenti di sceneggiatura che portano a una trasformazione della storia e perfino a un finale differente. Proprio come un regista di un film ha bisogno di un copione su cui basarsi per iniziare il suo lavoro, così pare che anche a noi serva sviluppare nell'infanzia un copione che poi arricchiamo, sviluppiamo e/o trasformiamo nel corso della nostra vita. Perciò, sebbene io sostenga quella descrizione estensiva del processo attraverso cui si forma un copione (English, 1977c) citata da Cornell (1988), oggi io sottolineo che il copione è composto da "schemi esistenziali" intrecciantisi, che riflettono differenti aree di interesse e di priorità. Questi schemi costituiscono un tutto, come i fili si intrecciano a formare un tessuto, ma essi presentano anche delle linee o dei colori identificabili che distinguono un filo dall'altro. Per esempio, per certe persone la direzione del loro lavoro è più importante delle loro relazioni o del loro stile di vita; per altri è essenziale l'ambiente o il paesaggio in cui vivono (per esempio, città o campagna). Ogni questione ha il proprio schema esistenziale, che può essere rintracciato nella tessitura della vita di una persona dall'infanzia fino a oggi. Proiezioni future possono essere fatte seguendo le direzioni su cui si muovono i vari schemi, tenendo conto che sono sempre possibili dei cambiamenti di direzione in relazione a quegli schemi che sono di particolare interesse per l'individuo. L'altra questione a cui dò oggi un'importanza molto maggiore è il bilanciamento delle tre pulsioni. Per esempio, quanto è prevalente la pulsione di sopravvivenza nella vita di una persona rispetto alla pulsione creativa e/o a quella di riposo? La relazione tra queste pulsioni ha un impatto importante sullo sviluppo del copione e sul grado di mobilità interna con cui l'individuo può operare nel presente e nel futuro. Essa determina il fatto che l'individuo usi il copione creativamente per scopi gratificanti, o restrittivamente per mantenere le conclusioni di sopravvivenza. Lavorare sui copioni può avere un valore terapeutico indiretto, perché aiuta la persona a sviluppare una maggiore consapevolezza dei propri schemi di vita. Questa consapevolezza può indurre l'individuo a voler modificare l'accentuazione posta su una particolare area di vita e a fare esperienze di aree e di schemi esistenziali meno consueti. Tuttavia, è importantissimo sottolineare che nel lavoro sul copione io pongo l'accento sulla consapevolezza, l'insight generale, il riconoscimento, e il miglioramento dell'armonia tra le pulsioni. In questo lavoro io non fungo da terapeuta, ma da osservatrice partecipe che coordina e segnala le connessioni, incoraggiando contemporaneamente i membri del gruppo a far lo stesso nella relazione tra di loro. Tutto ciò deve avvenire in un ambiente di rispetto e ammirazione per qualunque immagine venga presentata. Nei casi in cui sembra importante una terapia specifica di un problema specifico, io offro una terapia contrattuale individuale o di gruppo, o raccomando un terapeuta che non cercherà di immischiarsi nel copione complessivo della persona. 11

12 Sebbene l'analisi del copione, comunque definita, non sia necessaria per un buon trattamento (e possa in effetti essere dannosa), questo non significa evitare di conoscere i fattori che determinano l'evoluzione di un individuo. Molti dei problemi che si presentano sono dovuti all'uso eccessivo della pulsione di sopravvivenza nell'infanzia e/o nel presente, unito a una corrispondente repressione della pulsione creativa e a una repressione o a un cattivo uso della pulsione di riposo. Esistono spesso anche delle conclusioni di sopravvivenza in conflitto tra di loro, relative a stadi diversi di sviluppo, ed esistono anche delle conclusioni "dormienti" che sono riattivate da certi eventi e che utilizzano un'energia che è disfunzionale per l'intero sistema. Perciò il metodo AT di terapìa contrattuale continua a essere utile, come è utile la tecnica del muoversi avanti e indietro tra il qui-e-ora e i ricordi del passato. ESEMPI CLINICI Una terapeuta AT venne a consulto da me con il suo paziente, "George", dopo aver discusso brevemente il caso con me in precedenza. (Dato che ho moltissimi impegni di lavoro, di tanto in tanto uso questo metodo di consultazione con quei terapeuti che mi conoscono grazie ai workshop, ma che non seguono un programma di training con me). George, un professore universitario di 45 anni, aveva intrapreso il trattamento sei mesi prima perché aveva un senso dì costrizione alla gola ogni volta che doveva tenere una conferenza, anche se in precedenza aveva tenuto conferenza per 13 anni senza avere problemi. Gli esami medici confermarono che non c'era niente di organico. Sebbene varie tecniche miranti al rilassamento della tensione in gola e al sollievo dallo stress avessero avuto un certo successo, le sensazioni di disagio alla gola persistevano e causavano sempre più angoscia al paziente, che si chiedeva se avrebbe dovuto smettere del tutto di tenere conferenze, abbandonando così le prospettive di una cattedra universitaria. La terapeuta era convinta che George avesse un'ingiunzione di non avere successo. Circa due anni prima, più o meno all'epoca in cui iniziarono i suoi sintomi, un libro che George aveva scritto per la gente comune divenne un bestseller. La terapeuta credeva che esistesse una chiara connessione tra il crescente successo di George e il sintomo, che andava anche a minare sotterraneamente la sua opportunità di avere una cattedra all'università. Tuttavia, gii sforzi della terapeuta per far si che George operasse una ridecisione sul successo e abbandonasse il suo "copione da perdente" incontravano una "resistenza" sempre più forte da parte di George, che sembrava bloccato nel suo copione e non desideroso o non in grado di uscirne. 12

13 George iniziò la consultazione congiunta in modo molto difensivo, presumibilmente partendo dal punto in cui lui e la sua terapeuta avevano terminato la seduta precedente. Segnalò che aveva sempre frequentato con profitto la scuola - era stato perfino lo studente che pronuncia il commiato alla fine dei corsi - e che i suoi genitori avevano sempre dato sostegno ai suoi buoni risultati scolastici. Non poteva credere che segretamente sua madre o suo padre avessero desiderato il suo insuccesso. Aveva anche già pubblicato dei libri in precedenza, sebbene quest'ultimo libro fosse certamente il suo primo bestseller per il pubblico non specialistico. Nondimeno, George temeva che la sua terapeuta potesse avere ragione. Forse se avesse cambiato attività e avesse scelto il campo della ricerca, che stava seriamente prendendo in considerazione, sarebbe "sceso per il sentiero del giardino" andando verso il fallimento, particolarmente perché sua moglie avrebbe provato disappunto se lui avesse lasciato perdere la possibilità di una cattedra universitaria. Tuttavia, George era stanco di soffrire; non solo gli doleva la gola, ma odiava anche l angoscia di non sapere se sarebbe o non sarebbe stato in grado di portare a termine ogni sua conferenza. Voleva "liberarsi del suo copione", se questa era la causa del suo problema, come gli aveva detto la sua terapeuta. Mentre parlava della possibilità di dover "rinunciare" a tenere regolari conferenze e di dover perdere la cattedra, egli sorrideva lievemente. La terapeuta credeva che questa fosse una risata della forca, indicante che George aveva il copione di un perdente, ma io vedevo le cose in modo differente. Non parlai del sorriso in quel momento, ma mi riservai di capirne il significato più avanti. La nostra prima preoccupazione fu il sintomo della costrizione alla gola. Com è pratica usuale per me, ottenni una descrizione dettagliata dell'esordio del sintomo nella vita attuale di George, perché esso avrebbe potuto corrispondere a una conclusione di sopravvivenza dormiente, riattivata da un qualche evento. Mentre parlavamo, dunque, egli ricordò che aveva sentito per la prima volta la costrizione quando era stato onorato per il suo libro a un pranzo ufficiale di un club di cui era appena divenuto membro. Era l'oratore ospite, e i camerieri stavano ancora servendo i dolci e il caffè quando egli fu presentato e invitato a parlare. Quando si alzò in piedi egli avvertì la costrizione e anche un lieve senso di mancamento; si fece forza cercando la mano di sua moglie e riuscì a fare il suo discorso, che venne bene accolto. Gli chiesi se da bambino gli era permesso parlare a tavola. "Naturalmente no", rispose senza esitare. Sentendo le proprie parole, rise; aveva appena compreso qual era il punto. George era il più giovane di sei fratelli di una famiglia molto formale. A nessuno era permesso parlare a tavola, eccetto che ai suoi genitori. Tuttavia, egli era il favorito di sua madre e nei suoi confronti le regole non erano così rigide. Una volta fu in effetti incoraggiato a recitare un poema che aveva imparato a memoria. Ma poi, egli ricordò, "i miei fratelli si coalizzarono e mi 13

14 picchiarono severamente per insegnarmi che le regole dovevano valere anche per me e che non dovevo più far mostra di me stesso". George si animò molto notando la somiglianza tra questo ricordo e la situazione del pranzo ufficiale. Il club di cui era diventato membro - un club prestigioso che non avrebbe potuto frequentare se non fosse stato per il successo del suo libro gli rammentava quando era stato ammesso a pranzare con tutta la famiglia invece di restare in cucina con la servitù. Al banchetto una volta ancora egli aveva sentito un doppio legame era stato incoraggiato a "mettersi in mostra" davanti ai "fratelli maggiori" del club, ma temeva il prezzo che avrebbe dovuto pagare per questa sua esibizione. Una preoccupazione ulteriore di George era stata la sua vergogna per il fatto di aver cercato e stretto la mano della moglie. Qualcuno se n'era forse accorto? Stringere la mano della moglie (come se si trattasse del sostegno che gli veniva dalla madre), cosa che lui aveva fatto automaticamente nel momento del disagio, corrispondeva a un'altra conclusione di sopravvivenza, ma a una conclusione utile in contrasto con quella che si era sviluppata come risultato dell'essere stato picchiato dai suoi fratelli. Tuttavia, associata a questa conclusione (probabilmente in stadi successivi) era la sua sensazione che egli non voleva essere un cocco di mamma e che doveva cavarsela da solo. Sua madre era stata in certo senso iperprotettiva; egli si era emancipato da lei durante l'adolescenza quando era diventato capitano della squadra scolastica di basket nonostante che la madre si preoccupasse dei possibili rischi per la sua salute. Esistevano dunque delle tracce dell'antico imbarazzo che gli derivavo dal fatto di essere dipendente dalla madre, giustificato nell'infanzia dal fatto che egli aveva frequenti raffreddori. Il sintomo di George nasceva dal pensiero "magico" del Bambino. Egli temeva di essere punito per aver portato a termine il suo discorso ufficiale e anche, forse, per aver cercato la mano di sua moglie come sostegno, così come aveva fatto da bambino, quand'era malato, con sua madre. Continuando a sperimentare una costrizione in gola George poteva "giustificare" il fatto di aver bisogno di aiuto perché forse era di nuovo "malato". D'altro lato, egli divenne anche "stanco" del sintomo, proprio come si era stancato dell'eccesso di preoccupazione materna quando era nell'adolescenza. Tuttavia, la conclusione adolescenziale di scrollarsi di dosso la dipendenza non era sufficiente a controbilanciare la conclusione più primitiva che era stata riattivata al banchetto e che poi era stata generalizzata andando a contaminare tutte le altre situazioni in cui lui doveva tenere una conferenza. Così vediamo come un sintomo si manifesti quando una conclusione arcaica dormiente viene riattivata da un parallelismo tra una situazione corrente e la situazione originaria in cui la conclusione venne formulata. La conclusione in questo caso si combina con altre conclusioni di sopravvivenza e generando angoscia nel presente essa può sviluppare tanto potere da influire 14

15 negativamente su tutta la vita della persona. Questo processo ci rammenta l'aneddoto di Berne a proposito di una persona che veniva ferita da una scheggia: questa scheggia creava altri problemi e obbligava la persona a sottoporsi a terapie complesse, perché nessuno pensava semplicemente a rimuovere la scheggia. Con George, l'analisi del copione in forma classica stava per creare ulteriori problemi, senza giungere alla causa attuale delle sue difficoltà e senza rimuoverla. Io fui fortunata nel caso di George. Rintracciare la connessione esistente tra una conclusione di sopravvivenza sepolta e il sintomo non è sempre cosi facile e può richiedere un paziente lavoro d'indagine. La chiave solitamente sta in un'esplorazione scrupolosa e dettagliata delle circostanze che scatenarono il sintomo nella vita attuale del paziente. Quando un lavoro d'indagine puramente verbale non basta, può essere utile applicare la tecnica gestaltica della sedia vuota o lo psicodramma, non necessariamente per far superare l'impasse al paziente, ma per scoprire deve potrebbe esistere la connessione tra gli eventi presenti e quelli passati. Così facendo io ricordo come Fritz Perls sottolineasse ripetutamente nei suoi seminari di formazione che è la proiezione che porta i problemi in primo piano. Per esempio, nel caso di George il fatto di parlare durante il banchetto non avrebbe probabilmente generato un angoscia sufficiente a produrre il sintomo; il sintomo era invece il risultato di una combinazione tra quel tipo d'angoscia e la proiezione di George sull'uditorio, che veniva da lui considerato come un uditorio di "fratelli maggiori". LA RISATA DELLA "FORCA" Quando un piccolo sorriso compare dopo una transazione incrociata, esso non è una transazione della forca (Steiner, 1967) dovuta a un'ingiunzione, ma solitamente è un riflesso dell'imbarazzo o della piccola speranza nutrita dal Bambino di un premio di consolazione che compensi la sua frustrazione. Spesso, quando tale sorriso appare mentre un paziente sta raccontando qualcosa che lo tormenta, esiste un conflitto interno tra una questione di sopravvivenza e una spinta proveniente dalla pulsione creativa. La pulsione di sopravvivenza è più ragionevole (può esprimersi attraverso il Bambino Adattato, il Genitore o l'adulto); la pulsione creativa è più in sintonia con i sentimenti, la libertà, l'eccitazione e il fatto di prendersi dei rischi, vada come vada. Perciò il sorriso può rappresentare un desiderio segreto che sembra "irragionevole". Quando un sorriso di questo tipo compare nel corso di una seduta, io commento dicendo che esso non è congruente con ciò che viene detto, ma non necessariamente esprimo subito questo mio commento, perché il sorriso può essere in relazione con un qualche altro conflitto diverso da quello che al momento è sul tappeto. Il sorriso di George compariva quando egli esprimeva apertamente la sua preoccupazione di dover "rinunciare" a tenere conferenze e ad avere una cattedra universitaria, e anche quando diceva 15

16 di essere "stanco" del suo sintomo. Queste espressioni si correlavano primariamente alla pulsione di riposo, tuttavia George sembrava molto vitale mentre parlava. Sembrava che la sua pulsione di riposo e la sua vivace pulsione creativa si fossero alleate contro le conclusioni della pulsione di sopravvivenza. Forse che queste pulsioni alleate lo spingevano a rilassarsi di più e/o a intraprendere un nuovo percorso creativo, senza tener conto delle conseguenze? Oppure la pulsione di sopravvivenza andava a rinforzare una o più conclusioni di sopravvivenza che non erano più essenziali? Era possibile che ora il sintomo avesse acquistato un nuovo significato e che esso potesse costituire una scusante per George, una scusante che gli permettesse di abbandonare la speranza di una cattedra universitaria e intraprendere invece un lavoro di ricerca? Fortunatamente la terapeuta di George era dotata e non rimase ostinatamente legata alla sua precedente interpretazione del caso; inoltre aveva una buona conoscenza dell'ept. Lei e George concordarono di continuare la terapia con lo scopo di prendere in esame altri aspetti dei dilemma. Tre mesi più tardi la terapeuta mi riferì che i sintomi alla gola erano scomparsi dopo la nostra seduta congiunta, ma che George aveva sviluppato delle difficoltà nell'ambito del sonno. Questo fatto non era sorprendente alla luce della nostra ipotesi. Lavorando con il problema della "rinuncia", George rivelò di essere fortemente attratto dal lavoro di ricerca, che gli avrebbe dato sia più lavoro creativo, sia più tempo libero. Tuttavia, sembrava "stupido" abbandonare il lavoro universitario proprio quando lui era così vicino ad avere una cattedra, e sia George sia la moglie sentivano che il ruolo accademico offriva più sicurezza per il futuro. Chiaramente George non era programmato contro il fatto di avere successo. Se non altro, parecchie delle sue conclusioni di sopravvivenza premevano a favore del successo e della sicurezza, mentre le altre conclusioni ponevano l'accento sulla dipendenza (al presente, da sua moglie) forse più di quanto fosse necessario. Saggiamente la terapeuta suggerì una seduta comune con George e sua moglie. Si scoprì che la moglie non era così contraria al cambiamento come pensava George e che le sue precedenti preoccupazioni circa il lavoro del marito erano state provocate principalmente dai suoi sintomi alla gola. Una volta che la moglie si rese conto che George si struggeva dal desiderio di cambiare lavoro, lei gli offrì sostegno, sottolineando che i diritti derivantigli dalla vendita del libro fornivano loro una solida base finanziaria, che loro avevano degli ampi risparmi, e che il lavoro di ricerca offriva più opportunità per la carriera di George di quanto non offrisse il fatto di restare aggrappati a una cattedra universitaria. Sei mesi più tardi George aveva concluso la terapia, senza avere più sintomi. Aveva tenuto conferenze in alcune occasioni senza avere difficoltà ed era entusiasta del suo nuovo lavoro per le opportunità che esso gli offriva, non perché aveva paura di tenere conferenze. 16

17 COMMENTI SUL CASO DI GEORGE II caso di George illustra come possa essere dannosa una falsa interpretazione di "copione", sebbene fortunatamente George avesse opposto resistenza contro questa interpretazione. (Io mi chiedo quanto spesso la resistenza del paziente non sia la cosa più utile che egli può fare per sé.) Nel caso di George possiamo vedere come gli elementi del copione si collegassero tra di loro a vari livelli attorno al sintomo della gola: 1) conclusioni fondamentali di sopravvivenza; 2) sentimenti più tardivi di ambivalenza nei confronti del problema dipendenza e indipendenza dalla madre/moglie; 3) riattivazione di una conclusione dormiente, riguardante il fatto di non mettersi in mostra a tavola, che andava a contaminare un comportamento da conferenziere universitario precedentemente vissuto con tranquillità; e poi 4) la possibilità, per la sua pulsione creativa e per quella di riposo, di affermarsi nel qui-e-ora inducendo George, in modo preconscio, ad abbandonare il lavoro universitario anche correndo qualche rischio, e opponendosi alle conclusioni di sopravvivenza secondo le quali era opportuno mantenere un buon lavoro che offriva delle sicurezze. Nel trattamento di George fu importante il fatto che la terapeuta non andasse a cercare grandi problematiche di copione, ma lavorasse in modo sistematico sui piccoli problemi. George quindi poté elaborare un'area importante del suo copione guardandola sotto l'ottica della creatività e dell'eccitazione invece che sotto l'ottica, che gli dava un senso di insoddisfazione, di vecchie conclusioni di sopravvivenza. Rendendosi conto che accogliendo le istanze della sua pulsione creativa egli correva un rischio, George sottopose tali istanze al controllo di altri fattori della sua realtà attuale, facilitando in tal modo un'interazione armoniosa tra la sua pulsione di sopravvivenza, provvedendo inoltre uno spazio in più per la sua pulsione di riposo. DEFINIZIONE DEI COPIONI Riassumendo, io definisco i copioni come segue: i copioni contengono degli elementi genetici e degli schemi connessi alle esperienze, alle fantasie e alle credenze passate che sono intrecciati tra di loro nella fabbricazione di una racconto mitologico personale provvisto di molte possibili varianti. Tali schemi possono condurre a risultati sia positivi sia negativi secondo il modo in cui si mescolano ed evolvono, così che i copioni hanno dei finali non specifici. Un copione ha valore in quanto è una struttura di supporto e di organizzazione che si origina nell'infanzia. Esso ci permette di "giocare" con varie opzioni nella fantasia prima di metterle in atto nella vita reale. Perciò i nostri copioni contribuiscono all'articolazione, all attualizzazione e all'evoluzione del nostro potenziale innato. 17

18 L'analogia con un copione teatrale è valida se pensiamo a un teatro dell'improvvisazione piuttosto che a un dramma con un copione fisso, dato che i copioni si svolgono e si evolvono gradualmente. È attraverso l'intrecciarsi di molti fili di schemi esistenziali che ogni individuo crea la qualità unica della propria vita. È possibile azzardare solo minime previsioni, poiché sono permessi molti cambiamenti spontanei. Nel descrivere come scrive un romanzo -cosa che a mio parere è simile al processo, comune a noi tutti, di "scrivere" e vivere le nostre vite - Salman Rushdie (1986) dice quanto segue: Per un lungo periodo io penso di non conoscere ciò che devo scrivere. Poi gradualmente inizio a pensare a delle storie, frammenti, eventi, o personaggi, in modo assai disarticolato, tanto che non esiste alcuna indicazione del fatto che tutte queste cose facciano parte di una storia. Poi inizio a provare panico perché non ho un libro da scrivere. E così cerco di formalizzare queste vaghe nozioni e inizio a cercare di buttar giù qualcosa. E allora ho un momento di grande ottimismo quando scopro che ho nove romanzi da scrivere e che ciò mi occuperà i prossimi venti anni. E allora provo e decido quale romanzo scriverò per primo. E poi io muoio dalla voglia di scriverne di più, e intanto aspetto, e allora tutto si disintegra. E allora comprendo di non avere neanche un romanzo, figurarsi nove. E poi, a un certo momento, trovo, senza nemmeno sapere come, che tutti questi frammenti di idee in effetti erano parte di un'idea più grande che, senza conoscerla, era quella cui stavo pensando - e quello è il romanzo che io devo scrivere.. E quello è il copione che io devo vivere. Fanita English, M.S.W., è Certified Teaching Member Instructor e Supervisor dell ITAA, e trascorre molto tempo in Europa, dedicandosi all'insegnamento e alla formazione. Ha ricevuto nel 1978 il premio Eric Berne Memorial Scientific Award per il suo lavoro sui rackets. Per ricevere copie di questo scritto scrivere a Fanita English, 724 Pine St., Philadclphia, Pennsylvania, 19106, U.S.A. BIBLIOGRAFIA 1) Berne, E. (1961) Analisi Transazionale e Psicoterapia. Tr. it. Astrolabio, Roma ) Berne, E. (1964) A che gioco giochiamo. Tr. it. Bompiani, Milano ) Berne, E. (1976) Trading stamps. In Selected articles from the Transactional Analysis Bulletin Volume 1-9 (p. 16). (II lavoro originale è stato pubblicato nel 1964). 4) Berne, E. (1972) Ciao!...e poi?. Tr. it. Bompiani, Milano

19 5) Cornell W.F. (1988) Life script theory: A critical review from a developmental perspective. Transactional Analysis Journal, 18, pp ) Cowan, P.A. (1978) Piaget with feeling. Holt, Rinehart, & Winston press, New York. 7) English, F. (1969) Episcript and the hot potato game. Transactional Analysis Bulletin, 8 (327, pp ) English, F. (1977a) Let's not claim it's script when it ain t. Transactional Analysis Journal, 7, pp ) English, F. (19775) Rackets and rackets and racketeering as the root of games. In: Blakeney, R.N. (eds.) Current issues in Transactional Analysis (pp. 3-28), Brunner/Mazel press, New York. 10) English, F. (1977c) What shall I do tomorrow? Reconceptualizing Transactional Analysis. In: Barnes, G. (eds.) Transactional Analysis after Eric Berne(pp ), Harper's College press, New York. 11) English, F. (1987) Power, mental energy and inertia. Transactional Analysis Journal, 17, pp ) Freud, S. (1915) L'inconscio. Tr.it. in: Opere, voi. 8, Boringhieri, Torino ) Rushdie, S. (1986, 27 maggio) Intervista con Lloyd Grove. International Herald Tribune. 14) Steiner, C. (1966) Script and counterscript. Transactional Analysis Bulletin, 5 (8), pp ) Steiner, C (1967) A script checklist. Transactional Analysis Bulletin, 6 (22), pp

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla CIAO... E POI? di Eric Berne Recensione a cura di Cristiano Brambilla Questo libro parte da un semplice saluto per interrogarsi su tutto ciò che avviene dopo. Salutare significa per Berne "vedere l'altra

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

LA MUSICOTERAPIA CREATIVA

LA MUSICOTERAPIA CREATIVA LA MUSICOTERAPIA CREATIVA Paul Nordorff, Clive Robbins, CREATIVE MUSIC THERAPY, 1977, Harper and Row Publishers, New York MUSICOTERAPIA CREATIVA Approccio alla terapia individuale e di gruppo basato sull

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt, Terapeuta EMDR "Se desiderate compiere

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia ...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia di Massimo Tricarico e Giordana Tirocchi PREMESSA Il mondo FS è sempre stato caratterizzato da

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo SVILUPPO E CICLO DI VITA 1 Cosa determina lo sviluppo? Il processo di sviluppo è innato (deriva dalla

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La psicoterapia della Gestalt, come anche l approccio fenomenologico/esistenziale, mette al centro dell attenzione l esperienza che l essere

Dettagli

Il gruppo di Palo Alto

Il gruppo di Palo Alto Il gruppo di Palo Alto Tale gruppo fu costituito per lo studio della comunicazione nelle famiglie, soprattutto quelle di schizofrenici e segnò l inizio di un interesse del pensiero psichiatrico verso i

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

L'Importanza delle carezze

L'Importanza delle carezze L'Importanza delle carezze di Lao Po Spesso mi piace pensare che ciò che scrivo venga letto e susciti interrogativi e curiosità ma, riflettendoci bene, non mi importa se solo poche persone condividono

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PRESENTAZIONE Enneagramma Integrale si dedica allo sviluppo della consapevolezza e al sostegno dei processi di trasformazione personale, collettiva e spirituale.

Dettagli

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI 0 DALLA FAME DI CAREZZE ALLA STRUTTURAZIONE DEL TEMPO BERNE HA MESSO A FUOCO LA FAME DI CAREZZE DELL ESSERE UMANO. ALL INIZIO DELLA VITA E IL BISOGNO DI CONTATTO E DI

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

Lo stato dell Io Genitore comprende quei fenomeni di origine introiettiva, per cui la persona rivive come propri modi di essere di figure

Lo stato dell Io Genitore comprende quei fenomeni di origine introiettiva, per cui la persona rivive come propri modi di essere di figure L'ANALISI TRANSAZIONALE Introduzione alla metodologia berniana L Analisi Transazionale, elaborata dallo psichiatra Eric Berne sul finire degli anni cinquanta, è una corrente psicoterapeutica di derivazione

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini PSICOLOGIA E APNEA di Lorenzo Manfredini Psicologia e Apnea 1 La paura dell acqua 3/4 Domande, luoghi comuni e responsabilità 4/5/6 Discipline come l apnea e Scuole come Apnea Academy riconoscono alla

Dettagli

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ MAMMA MIA CHE EMOZIONE! PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA- classi

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Scrittura Meditativa

Scrittura Meditativa Scrittura Meditativa Attraverso la scrittura in rilassamento profondo diamo voce al subconscio, che ci parla delle nostre paure, dei nostri limiti, ma anche dei nostri progetti reali e dei desideri più

Dettagli

LA PSICOTERAPIA DELLA GESTALT E LE SUE APPLICAZIONI CON I BAMBINI

LA PSICOTERAPIA DELLA GESTALT E LE SUE APPLICAZIONI CON I BAMBINI LA PSICOTERAPIA DELLA GESTALT E LE SUE APPLICAZIONI CON I BAMBINI Riflessioni sull esperienza di conduzione di gruppi terapeutici con ragazzi dai 10/13 Dott.ssa Simona Giannotti psicologa -psicoterapeuta

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

1. Bullismo nei messaggi sms

1. Bullismo nei messaggi sms MODULO 5. COOPERAZIONE E SUPPORTO ESTERNO Introduzione Questo modulo Cooperazione e supporto esterno incoraggia i partecipanti ad esaminare le cause e le risorse disponibili agli insegnanti e agli studenti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente.

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. e Di provare noia facilmente, di non riuscire bisogna completare. a rimanere concentrati

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE Perché il bambino gioca? Il bambino gioca perché prova una sensazione di benessere, lo fa stare bene, gli dà gioia. Per il bambino il gioco è un attività

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag.

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag. Dott. Andrea Vallarino Medico Specialista in Psicoterapia Specialista in Criminologia Clinica via A. Gramsci, 1/1A, 16126 Genova, tel. 010/2467677, cell. 3496922664 E-mail:andreavallarino@libero.it; web

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

Gli strani luoghi comuni sulla psicologia di Laura Strabioli

Gli strani luoghi comuni sulla psicologia di Laura Strabioli FARONOTIZIE.IT Anno X- n 114 Novembre 2015 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

Lo sviluppo socio-relazionale

Lo sviluppo socio-relazionale Lo sviluppo socio-relazionale È costituito dai cambiamenti che caratterizzano il modo di mettersi in relazione con le altre persone da parte del bambino. Dipende: Dallo sviluppo delle funzioni cognitive

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Da sei anni lavoriamo regolarmente in 7 diverse prigioni del Belgio con gruppi di circa 10 prigionieri. Ci incontriamo con i gruppi

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli