Provincia Autonoma di Trento - Infosanità n. 24. infosanità 24

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento - Infosanità n. 24. infosanità 24"

Transcript

1 infosanità 24

2

3 Obiettivi assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari - anno 2003 GIUNTA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Trento 2002

4 copyright Giunta della Provincia Autonoma di Trento Collana infosanità numero 24 Assessorato alle Politiche Sociali e alla Salute Servizio Programmazione e Ricerca Sanitaria Via Gilli, Trento tel. 0461/494037, fax 0461/ Obiettivi assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari - anno 2003 Approvati con provvedimento della Giunta provinciale n d.d. 8 novembre 2002 Coordinamento editoriale: Vittorio Curzel Editing: Giovanna Forti

5 Presentazione Come previsto dalla legge provinciale n.10/ Nuova disciplina del Servizio sanitario provinciale, che determina la separazione tra il livello politico e il livello tecnico-gestionale, la Giunta provinciale definisce la politica sanitaria attraverso la pianificazione strategica e le azioni di indirizzo, di controllo e di finanziamento, mentre l Azienda provinciale per i servizi sanitari ha il compito di assicurare il funzionamento efficace ed efficiente delle strutture e lo svolgimento delle attività di prevenzione, cura e riabilitazione proprie del Servizio sanitario provinciale. In questo contesto, la Giunta provinciale assegna annualmente all Azienda provinciale per i servizi sanitari, oltre agli obiettivi generali finalizzati a garantire i livelli essenziali di assistenza sanitaria e il rispetto del vincolo di bilancio, anche diversi obiettivi specifici di miglioramento. Contestualmente la Giunta provinciale provvede ad assegnare all Azienda sanitaria le risorse finanziarie necessari per il conseguimento degli obiettivi. L Azienda provinciale per i servizi sanitari è pertanto tenuta ad elaborare il proprio programma annuale di attività, annesso al bilancio di previsione, nel rispetto di questi indirizzi. Gli obiettivi specifici assegnati per l anno 2003 fanno riferimento alla proposta di Piano sanitario provinciale (Disegno di legge n. 87/2000) recentemente licenziato dalla Commissione consiliare competente e al Programma di sviluppo strategico elaborato dalla Direzione Generale dell Azienda provinciale per i servizi sanitari. Nel Piano Sanitario Provinciale si identificano quattro aree strategiche per il miglioramento dello stato di salute della popolazione trentina e per la qualificazione del sistema sanitario: 1. promozione della salute e prevenzione delle malattie 2. patologie prioritarie e gruppi di popolazione da tutelare 3. livelli di assistenza e organizzazione dei servizi 4. strategie per il miglioramento dei servizi Gli obiettivi assegnati per l anno 2003, con riferimento alle quattro aree strategiche sono ventiquattro. Si segnalano, in particolare, i seguenti: nell area della Promozione della salute e della Prevenzione delle malattie - informare i cittadini sulle attività e sui risultati delle iniziative di promozione

6 della salute; - proseguire le iniziative per promuovere una sana alimentazione; - sviluppare l attività di controllo di alcuni determinanti ambientali della salute; nell area delle Patologie prioritarie e dei Gruppi di popolazione da tutelare - realizzare una rete di defribillazione precoce all interno di almeno due strutture ospedaliere; - attivare un Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita in grado di fornire una risposta adeguata alle coppie con problemi di sterilità; nell area dei Livelli di assistenza e della Organizzazione dei servizi - completare la campagna di sensibilizzazione all uso appropriato dei farmaci; - estendere l ambito di applicazione delle cure palliative anche al Comune di Rovereto; - predisporre, in merito all assistenza oncologica, un programma di intervento mirato a censire la situazione e ad evidenziare le esigenze in termini di spazi, tecnologie, dotazione di personale e relativa formazione; - erogare anche presso gli Ospedali di Tione e di Arco le prestazioni di chemioterapia; - elaborare uno studio sull impatto clinico ed organizzativo del modello di assistenza ostetrico-ginecologica e neonatologico-pediatrica che preveda l attività di controllo della gravidanza fisiologica e l assistenza materna e neonatologico-pediatrica in regime ambulatoriale e di day hospital; nell area delle strategie per il miglioramento dei servizi - avviare la realizzazione di un sistema informativo di distretto riferito alle aree dell assistenza infermieristica e delle cure domiciliari; - avviare, con il supporto di un ente di accreditamento riconosciuto a livello internazionale, un progetto di miglioramento della qualità dell assistenza centrato in particolare sulla dimensione professionale; - sviluppare alcuni servizi telematici (attraverso il Portale Trentino-salute) a beneficio dei cittadini, come la prenotazione online delle prestazioni sanitarie. dott. Mario Magnani Assessore provinciale alle politiche sociali e alla salute

7 INDICE Premessa Deliberazione n del 8/11/ AREA 1 PROMOZIONE DELLA SALUTE E PREVENZIONE PRIMARIA DELLE MALATTIE Comportamenti per la Salute OBIETTIVO N. 1 Interventi di Promozione e Prevenzione: informazione ai cittadini OBIETTIVO N. 2 Alimentazione Ambiente e Salute OBIETTIVO N. 3 Epidemiologia Ambientale AREA 2 PATOLOGIE PRIORITARIE E GRUPPI DI POPOLAZIONE DA TUTELARE Patologie Prioritarie OBIETTIVO N. 4 Profili e Protocolli Assistenziali OBIETTIVO N. 5 Patologie Cardiovscolari - Rete di Defibrillazione precoce... 31

8 Gruppi di popolazione da tutelare OBIETTIVO N. 6 Salute del personale sanitario OBIETTIVO N. 7 Procreazione medicalmente assistita OBIETTIVO N. 8 Persone affette da tossicodipendenza OBIETTIVO N. 9 Persone affette da problemi di salute mentale AREA 3 LIVELLI DI ASSISTENZA SANITARIA E ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI Assistenza Distrettuale OBIETTIVO N. 10 Farmaci - Educazione Sanitaria OBIETTIVO N. 11 Assistenza domiciliare integrata - Cure palliative Assistenza Ospedaliera OBIETTIVO N. 12 Oncologia OBIETTIVO N. 13 Assistenza Ostetrico-Neonatale... 41

9 AREA 4 STRATEGIE PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI Miglioramento della Qualità OBIETTIVO N. 14 Indagine sul clima aziendale OBIETTIVO N. 15 Sistema di monitoraggio di eventi sentinella OBIETTIVO N. 16 Accreditamento istituzionale OBIETTIVO N. 17 Linee guida - Adozione operativa - Sistema di verifica Sistema informativo sanitario OBIETTIVO N. 18 Sistema informativo dell assistenza territoriale...48 OBIETTIVO N. 19 Sistema di monitoraggio dei livelli assistenza sanitaria...50 Comunicazione OBIETTIVO N. 20 Portale Trentino Salute...51 Investimenti OBIETTIVO N. 21 E-Procurement...52 OBIETTIVO N. 22 Edilizia...53

10 OBIETTIVO N. 23 Attrezzature...54 OBIETTIVO N. 24 Tecnologie...55 LE PROPOSTE DEI COMITATI DI DISTRETTO E DEL CONSORZIO DEI COMUNI...57 DISTRETTO BASSA VALSUGANA E TESINO...58 DISTRETTO ALTA VALSUGANA...59 DISTRETTO TRENTO E VALLE DEI LAGHI...60 DISTRETTO VALLE DI NON...60 DISTRETTO VALLE DI SOLE...61 DISTRETTO ALTO GARDA E LEDRO...62 DISTRETTO GIUDICARIE E RENDENA...62 DISTRETTO DELLA VALLAGARINA...62 CONSORZIO DEI COMUNI TRENTINI...64

11 PREMESSA Negli ultimi venti anni la sanità ha assunto un ruolo prioritario nello scenario politico e sociale dei Paesi industrializzati. L esigenza di sistemi sanitari più attenti ai bisogni dei cittadini e in grado di garantire cure efficaci per tutti si impone oramai non solo in termini di risposta alla crescente domanda di salute della popolazione ma come diritto fondamentale dell individuo (diritto di cittadinanza) e, come tale, richiede l adozione di politiche sanitarie ispirate a valori di ordine superiore. I cambiamenti demografici - che, determinatisi con ritmi lenti ed in tempi estremamente lunghi, richiederanno dinamiche uguali per le ulteriori modificazioni - e lo sviluppo rapido delle nuove tecnologie diagnostiche e terapeutiche, se da un lato hanno determinato una crescente aspettativa di salute, dall altro hanno portato ad un incremento delle prestazioni e dei costi in sanità creando specifiche difficoltà in termini di sostenibilità finanziaria. I Governi sono sottoposti a forti pressioni mirate ad aumentare la spesa sanitaria in un contesto caratterizzato da consistenti vincoli generali di ordine finanziario - basti pensare ai parametri di politica economico-finanziaria concordati nell ambito dell Unione Europea - che non permettono di sostenere la richiesta espansione della spesa sanitaria attraverso il ricorso al debito pubblico. In questo scenario l utilizzo delle risorse in sanità è diventato un tema di estrema importanza nella vita politica e sociale di ogni Paese risultando al centro del confronto fra i diversi attori che operano nel settore della salute: parti politiche e sociali, associazioni di consumatori e di pazienti, classe medica ed infermieristica, amministratori, imprese fornitrici di servizi o prodotti e tecnologia. L attenzione agli aspetti connessi con la sostenibilità economica degli interventi sanitari implica: - l analisi e la conoscenza approfondite dei meccanismi di finanziamento e di spesa - lo studio, la sperimentazione e la validazione di percorsi di cura e di modelli organizzativi in grado di massimizzare il risultato dei preziosi fattori messi a disposizioni del sistema: strutture, tecnologie, professionalità e prodotti e servizi. Tutto questo senza mai trascurare che in ambito sanitario il rispetto della dignità umana e l uguaglianza tra i cittadini sono valori imprescindibili e che, pertanto, 11

12 l utilizzo consapevole e razionale delle risorse deve poggiare innanzitutto sulla qualità degli investimenti in salute piuttosto che sul semplice contenimento dei costi. Gli anni novanta hanno comportato un grande mutamento anche nell ordinamento del Servizio sanitario provinciale i cui elementi principali possono così connotarsi: A. sul piano istituzionale, il riordino del sistema sanitario, determinato dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10, si è caratterizzato: - per la separazione tra il livello politico e il livello tecnico-gestionale delineando in maniera precisa le sfere di competenza della Giunta provinciale e dell ente strumentale tramite il quale la Provincia esercita le funzioni del servizio sanitario nazionale: l Azienda provinciale per i servizi sanitari: - alla Giunta provinciale spetta, tramite il supporto dei Servizi del Dipartimento salute ed attività sociali, la determinazione della politica sanitaria trentina attraverso l esercizio delle attività di pianificazione strategica, indirizzo, controllo e finanziamento in relazione all ammontare delle risorse finanziarie disponibili sul bilancio annuale e pluriennale della Provincia; - all Azienda provinciale per i servizi sanitari compete di assicurare l erogazione delle prestazioni e l espletamento delle attività di prevenzione, cura, riabilitazione e medicina legale proprie del Servizio sanitario provinciale; - per la individuazione di specifici strumenti a garanzia del governo, del funzionamento e del controllo del Sistema: - strumenti di programmazione sanitaria - il piano sanitario triennale; - il provvedimento di determinazione degli obiettivi annuali specifici che la Giunta provinciale, in armonia con i contenuti del Piano sanitario, assegna all Azienda provinciale per i servizi sanitari per l esercizio successivo; - le direttive, contenenti indirizzi particolari destinati all Azienda provinciale per i servizi sanitari, adottate in ragione di specifiche esigenze o tematiche; - strumenti di programmazione economico-finanziaria - il provvedimento con il quale la Giunta provinciale determina le risorse finanziarie annualmente disponibili e le assegna all Azienda sanitaria, la quale, sulla base e nel rispetto dei contenuti degli atti appena citati, è tenuta ad elaborare il proprio programma annuale di attività adottando nel contempo il bilancio di previsione pluriennale di competenza e il bilancio di previsione annuale di competenza e di cassa secondo i 12

13 criteri della contabilità economico-patrimoniale, adottando anche gli strumenti del budgeting, della contabilità analitica per centri di costo e del controllo di gestione; - strumenti di controllo - i provvedimenti di approvazione del bilancio di previsione e del bilancio di esercizio con il conseguente processo di valutazione e giudizio in ordine all operato della Dirigenza Generale e del management aziendale. B. sul piano della programmazione, il citato riordino del settore sanitario ha comportato: - la conferma di una programmazione sanitaria pluriennale definita con la Legge di piano sanitario provinciale; - la definizione di una programmazione sanitaria annuale definita con atto amministrativo che fissa gli obiettivi specifici per il singolo esercizio. Secondo lo schema determinato dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10 il Servizio sanitario provinciale ha garantito in questi anni, alla comunità e ai singoli cittadini, una buona sanità. Ciò è avvenuto: - sulla base dei princìpi e delle indicazioni forniti dalla legge provinciale n.38/1993 di approvazione del Piano sanitario provinciale 1993/1995; - in forza degli atti amministrativi di programmazione di dettaglio assunti sulla base del medesimo Piano; - tenendo conto, negli atti amministrativi citati, degli ulteriori sviluppi della programmazione sanitaria nazionale peraltro formalizzati anche in disegni di legge provinciale che non hanno avuto esito in atti legislativi: - DdL di approvazione del Piano sanitario provinciale 1996/1998 proposto dal Giunta provinciale con deliberazione n.12521/ DdL di approvazione del Piano sanitario provinciale 1997/1999 proposto con deliberazione n.13065/1997. Va peraltro sottolineato come la perdurante assenza della legge di Piano sanitario - infatti anche il disegno di legge provinciale n. 87/2000 di approvazione del Piano sanitario provinciale 2002/2004, per quanto già approvato dalla Quarta Commissione legislativa del Consiglio provinciale, non è stato posto all ordine del giorno dei lavori del medesimo Consiglio - rappresenti comunque un limite da superare. Di qui le proposte di delegificazione più volte avanzate anche sulla scia di quanto già avvenuto sia per il Piano Socio Assistenziale che per il Programma di Sviluppo provinciale la cui trasformazione giuridica da legge in atto amministrativo soggetto a parere della Commissione consiliare competente non ne ha intaccato l importanza mantenendone invece tutte le potenzialità come strumento assunto nella piena responsabilità di chi governa. C. sul piano operativo, il riordino, determinato dalla legge provinciale 1 aprile 13

14 , n.10, ha consentito di ottenere, nel medio periodo, i seguenti principali risultati: - costruzione e consolidamento dell assetto organizzativo aziendale anche attraverso l introduzione e lo sviluppo di diversi strumenti innovativi nella gestione dell Azienda sanitaria: - Programma di sviluppo strategico - Bilancio economico-patrimoniale - Contabilità analitica per centri di costo - Controllo di gestione - Budget di struttura ed Unità operativa - Sistema di reportistica - Nucleo di valutazione - Servizio di controllo interno - Sistema informativo direzionale - Automazione informatica - Soluzioni telematiche per la gestione amministrativa automatizzata - Tessera sanitaria magnetica - Sistema di osservazione epidemiologica - Sistema di indicatori di efficacia, qualità ed efficienza - Strumenti di osservazione organizzativa e sociale - Carta dei servizi - Sistemi di informazione all utenza - Interconnessione reti intranet Provincia-Azienda - Sperimentazioni di telemedicina - realizzazione di un rapporto di positiva collaborazione fra il Dipartimento salute ed attività sociali e l Azienda provinciale per i servizi sanitari, entrambi deputati a presidiare il funzionamento dell organizzazione sanitaria ed al conseguimento di un continuo miglioramento del Servizio sanitario provinciale sotto i profili: - dell efficacia in termini di esiti sulla salute individuale e collettiva - della soddisfazione delle esigenze ed aspettative dei cittadini e delle altre parti interessate operanti nel settore o in connessione con il medesimo - del migliore utilizzo delle risorse che la collettività destina al settore - garanzia di livelli di assistenza sanitaria omogenei e di qualità, nel rispetto dei vincoli di bilancio determinati dalla Giunta provinciale: - ordinari (erogati dal Servizio sanitario nazionale) - aggiuntivi (erogati dal Servizio sanitario provinciale) - orientamento del sistema verso obiettivi di salute attraverso: - il rafforzamento dell autonomia decisionale degli utenti - la promozione dell uso appropriato dei servizi sanitari - l uso delle risorse per interventi di dimostrata appropriatezza ed efficacia - l impegno a diminuire le disuguaglianze fra cittadini in termini di tutela

15 della salute - realizzazione di consistenti investimenti strutturali (di ristrutturazione, ampliamento ed ammodernamento) e tecnologici (impianti, attrezzature sanitarie e biomedicali) in quasi tutti gli edifici ospedalieri; - creazione di nuovi servizi o nuove attività sanitarie: - cardiochirurgia, medicina nucleare e fisica sanitaria, oncologia medica presso l Ospedale di Trento - emodinamica interventistica presso l Ospedale di Trento - riabilitazione cardiologica in regime diurno e attività di day surgery presso il presidio di Mezzolombardo - dermatologia senza posti letto presso l Ospedale di Rovereto - aree funzionali di competenza medica (oncologia-radioterapia, medicina interna-pneumologia-gastroenterologia) e di competenza chirurgica (otorinolaringoiatria-chirurgia maxillofacciale, chirurgia vascolarecardiochirurgia) presso l Ospedale di Trento - area funzionale di competenza medica (broncopneumologia-tisiatriariabilitazione respiratoria-fisiopatologia respiratoria) presso l Ospedale di Arco - dipartimenti strutturali di radiodiagnostica e di diagnostica di laboratorio - dipartimenti funzionali per migliorare l integrazione professionale e organizzativa - potenziamento del settore urgenza-emergenza e dei Pronto soccorso periferici - centro di riferimento provinciale per i disturbi del comportamento alimentare - attività di prevenzione secondaria screening oncologici - ambulatorio trapianti - individuazione di percorsi diagnostici e terapeutici ed elaborazione di linee guida e protocolli assistenziali (per l utilizzo di risorse inter-reparto o centralizzate, per la revisione e la valutazione delle attività e della qualità delle prestazioni); - significative spinte al cambiamento - coerenti con l attuazione dei princìpi e dei criteri direttivi della politica sanitaria definiti dalla Giunta provinciale - sia sul piano assistenziale che su quello gestionale, anche attraverso la definizione di un Programma di sviluppo strategico costruito per conseguire la missione aziendale di tutela della salute della nostra comunità guidando, nel medio periodo, l operatività ordinaria e lo sviluppo delle attività sanitarie su tre obiettivi prioritari: - promozione della salute - miglioramento continuo della qualità - gestione aziendale. Il Governo provinciale ha, peraltro, perfezionato negli anni la disciplina dettata 15

16 dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10 apportando alla stessa diverse modifiche ed integrazioni fino a proporre - sulla base degli ulteriori cambiamenti ed esigenze registrati nel contesto nazionale e soprattutto provinciale - la sua totale revisione attraverso la approvazione del disegno di legge n.96/2000 Disciplina del servizio sanitario provinciale. Così come le diverse proposte di Piano sanitario provinciale, il citato disegno di legge n.96/2000 non è ancora stato esaminato dal Consiglio provinciale e, pertanto, la Giunta provinciale non può che apprestarsi ad assegnare, anche per l esercizio 2003, gli obiettivi annuali specifici all Azienda provinciale per i servizi sanitari nel contesto istituzionale ed organizzativo definito dalla legge provinciale n.10/1993 ed avendo sullo sfondo una legge di Piano sanitario provinciale (LP n.38/1993) che, fatti salvi i princìpi generali, risulta superata. Sulla base di quanto descritto risulta chiaro che lo strumento degli obiettivi specifici annuali ha consentito, in questi anni, di tenere conto dell evoluzione del contesto generale e di recepire gli aggiornamenti della programmazione sanitaria traducendoli in proposte di interventi da realizzare, a cura dell Azienda sanitaria, in aggiunta all obiettivo fondamentale di garantire ai cittadini i livelli essenziali di assistenza sanitaria ordinaria ed aggiuntiva previsti dalla normativa in vigore nel rispetto dei vincoli di spesa posti dalla Giunta provinciale. Dal quadro d insieme fin qui delineato risulta la necessità per il Servizio sanitario trentino, oltre al supporto degli strumenti istituzionali, di investire ulteriormente - per rimanere nei prossimi anni adeguato alla sua missione di tutela della salute della comunità trentina - in particolare negli ambiti: - del coinvolgimento di tutte le competenze politiche e sociali nella promozione e tutela della salute della comunità - della costruzione di canali di buona informazione sanitaria al pubblico - dell integrazione funzionale di tutte le componenti pubbliche e private del Sistema sanitario - dell educazione professionale, formativa e comportamentale continua degli operatori sanitari al fine di garantire all utenza dei servizi medici e infermieri sempre più preparati, esperti ed aggiornati - dell applicazione di nuovi modelli organizzativi di erogazione delle prestazioni e dei servizi - dell applicazione delle innovazioni scientifiche e delle tecnologie sanitarie sviluppate sia sul piano medico che su quello dei servizi di supporto all assistenza - del governo dei rapporti con i sistemi sanitari limitrofi (mobilità, collaborazione, sinergie, concorrenza) - dei processi di adeguamento ai requisiti minimi per l autorizzazione all esercizio delle attività sanitarie ed ai requisiti ulteriori necessari per ottenere 16

17 l accreditamento istituzionale sanitario. Su questa linea, gli obiettivi annuali specifici assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari per l esercizio 2003: - confermano, sotto il profilo metodologico ed espositivo, l impostazione costruita e consolidata negli anni precedenti facendo riferimento alle quattro aree di intervento identificate dal progetto di Piano sanitario provinciale disegno di legge n.87/ approvato dalla Giunta provinciale con propria deliberazione n.1354/2000: 1. promozione della salute e prevenzione delle malattie 2. patologie prioritarie e gruppi di popolazione da tutelare 3. livelli di assistenza sanitaria e organizzazione dei servizi 4. strategie per il miglioramento dei servizi; - danno ulteriore impulso alla concreta realizzazione delle linee strategiche delineate dall Azienda sanitaria con riferimento agli ambiti della promozione della salute, del miglioramento continuo della qualità e della gestione aziendale; - sono finalizzati a dare risposta concreta a quelle che sono individuate come le principali esigenze del Servizio sanitario trentino al fine di garantirne il mantenimento e favorirne lo sviluppo a beneficio della comunità. Ciò tenendo conto: - dei risultati che il sistema sanitario trentino ha acquisito attraverso il grado di conseguimento che l Azienda provinciale per i servizi sanitari ha realizzato in ordine agli obiettivi assegnati dalla Giunta provinciale negli anni passati; - delle evidenze di criticità e di difficoltà che sono state registrate sia sul piano programmatico che gestionale ed operativo. 17

18 Deliberazione n del , proposta dall Assessore Mario Magnani Legge provinciale 1 aprile 1993, n. 10: determinazione degli obiettivi annuali specifici assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari per l esercizio Il Relatore comunica, a norma della legge provinciale n.10/1993, la Giunta provinciale deve determinare entro il 31 ottobre dell anno precedente a quello di riferimento, l ammontare delle risorse finanziarie disponibili con riguardo alle previsioni del bilancio annuale e pluriennale della Provincia e gli obiettivi specifici e temporalmente definiti che dovranno essere raggiunti dall Azienda provinciale per i servizi sanitari nell anno successivo, in relazione agli indirizzi ed obiettivi generali stabiliti dal Piano sanitario provinciale. Sulla base di tali atti della Giunta provinciale, l Azienda provinciale per i servizi sanitari provvede ad elaborare il proprio Bilancio di previsione annuale e pluriennale con annesso il Programma annuale di attività - il cui contenuto è riferito a tutte le attività e funzioni svolte dalla medesima e quindi sia alle attività di mantenimento (ordinarie) che a quelle di sviluppo (innovative) - che deve essere formulato nel rispetto delle determinazioni contenute nel Piano sanitario provinciale e di quelle adottate dalla Giunta provinciale con il citato provvedimento di assegnazione degli obiettivi specifici (ex articolo 7 della citata legge provinciale n.10/1993) nonché delle altre indicazioni contenute nelle direttive provinciali volte a disciplinare e definire le linee strategiche della politica sanitaria. Solo dopo l approvazione, da parte della Giunta provinciale, del Programma annuale di attività e del bilancio di previsione per l anno 2003 dell Azienda si provvederà ad assegnare alla medesima i fondi necessari per l esercizio delle funzioni attribuitele dalla legge. Si ritiene opportuno ribadire, in questa sede, che il riordino del servizio sanitario, determinato dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10, si è, negli anni, così caratterizzato: - sul piano istituzionale: - per la separazione tra il livello politico e il livello gestionale delineando in maniera precisa le sfere di competenza della Giunta provinciale e dell ente strumentale tramite il quale la Provincia esercita le funzioni del servizio 18

19 sanitario nazionale: l Azienda provinciale per i servizi sanitari; - per la individuazione di specifici strumenti a garanzia del governo, del funzionamento e del controllo del Sistema: strumenti di programmazione sanitaria, strumenti di programmazione economico-finanziaria, strumenti di controllo; - sul piano programmatorio: - per la conferma di una programmazione sanitaria pluriennale definita con la legge di Piano sanitario provinciale; - per la definizione di una programmazione sanitaria annuale definita con atto amministrativo che fissa gli obiettivi specifici per il singolo esercizio; Secondo quanto disposto dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10 il Servizio sanitario provinciale ha in questi anni: - fatto riferimento ai princìpi e delle indicazioni forniti dalla legge provinciale n.38/1993 di approvazione del Piano sanitario provinciale 1993/1995; - adottato gli atti amministrativi di programmazione di dettaglio sulla base del medesimo Piano sanitario; - tenuto conto, negli atti amministrativi citati, degli ulteriori sviluppi della programmazione sanitaria nazionale peraltro formalizzati anche in disegni di legge provinciale che non hanno avuto esito in atti legislativi: il DdL di approvazione del Piano sanitario provinciale 1996/1998 proposto dal Giunta provinciale con deliberazione n.12521/1995 ed il DdL di approvazione del Piano sanitario provinciale 1997/1999 proposto con deliberazione n.13065/1997. Va peraltro sottolineato come la perdurante assenza della legge di Piano sanitario - infatti anche il disegno di legge provinciale n. 87/2000 di approvazione del Piano sanitario provinciale 2002/2004, per quanto già approvato dalla Quarta Commissione legislativa del Consiglio provinciale, non è stato posto all ordine del giorno dei lavori del medesimo Consiglio - rappresenti comunque un limite da superare. Di qui le proposte di delegificazione più volte avanzate anche sulla scia di quanto già avvenuto sia per il Piano Socio Assistenziale che per il Programma di Sviluppo provinciale la cui trasformazione giuridica da legge in atto amministrativo soggetto a parere della Commissione consiliare competente non ne ha intaccato l importanza mantenendone invece tutte le potenzialità come strumento assunto nella piena responsabilità di chi governa. - sul piano operativo: - per la costruzione ed il consolidamento dell assetto organizzativo aziendale anche attraverso l introduzione e lo sviluppo di diversi strumenti innovativi nella gestione dell Azienda sanitaria - per la realizzazione di un rapporto di positiva collaborazione fra il 19

20 Dipartimento salute e attività sociali e l Azienda provinciale per i servizi sanitari, entrambi deputati a presidiare il funzionamento dell organizzazione sanitaria ed al conseguimento di un continuo miglioramento del Servizio sanitario provinciale; - per l orientamento del sistema verso obiettivi di salute; - per la garanzia di livelli di assistenza sanitaria omogenei e di qualità; - per la realizzazione di consistenti investimenti edilizi (di ristrutturazione, ampliamento ed ammodernamento) e tecnologici (impianti, attrezzature sanitarie e biomedicali) in quasi tutte le strutture ospedaliere; - per la creazione di nuovi servizi o nuove attività sanitarie; - per l individuazione di percorsi diagnostici e terapeutici e l elaborazione di linee guida e protocolli assistenziali; - per l introduzione, attraverso la definizione di un Programma di sviluppo strategico di alcune spinte al cambiamento sia sul piano assistenziale che su quello gestionale: tale Programma - coerente con l attuazione dei princìpi e dei criteri direttivi della politica sanitaria definiti dalla Giunta provinciale - è stato costruito per facilitare il conseguimento della missione aziendale di tutela della salute della comunità trentina guidando, nel medio periodo, l operatività ordinaria e lo sviluppo delle attività sanitarie su tre obiettivi prioritari: la promozione della salute, il miglioramento continuo della qualità, la gestione aziendale. Il Governo provinciale ha, peraltro, perfezionato negli anni la disciplina dettata dalla legge provinciale 1 aprile 1993, n.10 apportando alla stessa diverse modifiche ed integrazioni fino a proporre - sulla base degli ulteriori cambiamenti ed esigenze registrati nel contesto nazionale e soprattutto provinciale - la sua totale revisione attraverso la approvazione del disegno di legge n.96/2000 Disciplina del servizio sanitario provinciale. Così come le diverse proposte di Piano sanitario provinciale, il citato disegno di legge n.96/2000 non è ancora stato esaminato dal Consiglio provinciale e, pertanto, la Giunta provinciale non può che apprestarsi ad assegnare, anche per l esercizio 2003, gli obiettivi annuali specifici all Azienda provinciale per i servizi sanitari nel contesto istituzionale ed organizzativo definito dalla legge provinciale n.10/1993 ed avendo sullo sfondo una legge di Piano sanitario provinciale (LP n.38/1993) che, fatti salvi i princìpi generali, risulta superata. Sulla base di quanto segnalato, risulta peraltro chiaro che lo strumento degli obiettivi specifici annuali ha consentito, in questi anni, di tenere conto dell evoluzione del contesto generale e di recepire gli aggiornamenti della programmazione sanitaria traducendoli in proposte di interventi da realizzare, a cura dell Azienda sanitaria, in aggiunta all obiettivo fondamentale di garantire ai cittadini i livelli essenziali di assistenza sanitaria ordinaria ed aggiuntiva previsti 20

21 dalla normativa in vigore nel rispetto dei vincoli di spesa posti dalla Giunta provinciale. Dal quadro d insieme fin qui delineato risulta la necessità, per il Servizio sanitario trentino, oltre al supporto degli strumenti istituzionali, di investire ulteriormente - per rimanere nei prossimi anni adeguato alla sua missione di tutela della salute della comunità trentina - in particolare negli ambiti: - del coinvolgimento di tutte le competenze politiche e sociali nella promozione e tutela della salute della comunità - della costruzione di canali di buona informazione sanitaria al pubblico - dell integrazione funzionale di tutte le componenti pubbliche e private del Sistema sanitario - dell educazione professionale, formativa e comportamentale continua degli operatori sanitari al fine di garantire all utenza dei servizi medici e infermieri sempre più preparati, esperti ed aggiornati - dell applicazione di nuovi modelli organizzativi di erogazione delle prestazioni e dei servizi - dell applicazione delle innovazioni scientifiche e delle tecnologie sanitarie sviluppate sia sul piano medico che su quello dei servizi di supporto all assistenza - del governo dei rapporti con i sistemi sanitari limitrofi (mobilità, interconnessione, collaborazione, sinergie, concorrenza) - dei processi di adeguamento ai requisiti minimi per l autorizzazione all esercizio delle attività sanitarie ed ai requisiti ulteriori necessari per ottenere l accreditamento istituzionale sanitario. Nel contesto descritto, sono stati perciò determinati per l esercizio viste anche le proposte formulate dai Comitati di Distretto - gli obiettivi annuali specifici come descritti nell apposito documento Obiettivi specifici per l esercizio 2003 assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari che, allegato al presente provvedimento, ne costituisce parte integrante e sostanziale. Col presente atto si propone pertanto alla Giunta provinciale di approvare i citati obiettivi specifici assegnati per l esercizio 2003, precisando che gli stessi: - confermano, sotto il profilo metodologico ed espositivo, l impostazione costruita e consolidata negli anni precedenti facendo riferimento alle quattro aree di intervento identificate dal progetto di Piano sanitario provinciale disegno di legge n.87/ approvato dalla Giunta provinciale con propria deliberazione n.1354/2000: 1. promozione della salute e prevenzione delle malattie 2. patologie prioritarie e gruppi di popolazione da tutelare 3. livelli di assistenza sanitaria e organizzazione dei servizi 21

22 4. strategie per il miglioramento dei servizi; - danno ulteriore impulso alla concreta realizzazione delle linee strategiche delineate dall Azienda sanitaria con riferimento agli ambiti della promozione della salute, del miglioramento continuo della qualità e della gestione aziendale; - sono finalizzati a dare risposta concreta a quelle che sono individuate come le principali esigenze del Servizio sanitario trentino al fine di garantirne il mantenimento e favorirne lo sviluppo a beneficio della comunità. Ciò tenendo conto: - dei risultati che il sistema sanitario trentino ha acquisito attraverso il grado di conseguimento che l Azienda provinciale per i servizi sanitari ha realizzato in ordine agli obiettivi assegnati dalla Giunta provinciale negli anni passati; - delle evidenze di criticità e di difficoltà che sono state registrate sia sul piano programmatico che gestionale ed operativo. - in relazione al livello di complessità ed alle conseguenti difficoltà nella loro realizzazione, anche ai fini della successiva valutazione dell operato del management aziendale, i predetti obiettivi sono: - classificati nelle seguenti tre categorie: categoria A obiettivi n 3, n 13, n 18, n 20; categoria B obiettivi n 1, n 4, n 5, n 7, n 8, n 11, n 12; n 15, n 21, n 23; categoria C obiettivi n 2, n 6, n 9, n 10, n 14, n 16, n 17, n 19, n 22, n 24; - valutati, in merito al grado di conseguimento da parte dell Azienda sanitaria, secondo il seguente procedimento: livelli di conseguimento: 1. conseguito pienamente: il grado di conseguimento dell obiettivo è pari al 100% (essendo stata verificata la precisa coincidenza tra quanto assegnato e quanto realizzato); 2. conseguito: il grado di conseguimento dell obiettivo è compreso fra l 80% ed il 100%; 3. conseguito in parte: il grado di conseguimento dell obiettivo è parziale e compreso fra il 50% e 80%; 4. conseguito in misura minima: il grado di conseguimento dell obiettivo è parziale ed inferiore al 50% (essendosi attestato in attività di impostazione); 22

23 valutazione categoria A : 4 obiettivi - peso = 30% conseguito pienamente = 7,50% conseguito = 6,75% conseguito in parte = 4,88% conseguito in misura minima = 1,88% categoria B : 10 obiettivi - peso = 45% conseguito pienamente = 4,50% conseguito = 4,05% conseguito in parte = 2,93% conseguito in misura minima = 1,13% categoria C : 10 obiettivi - peso = 25% conseguito pienamente = 2,50% conseguito = 2,25% conseguito in parte = 1,63% conseguito in misura minima = 0,63% Tutto ciò premesso, LA GIUNTA PROVINCIALE - udita la relazione; - vista la legge provinciale 1 aprile 1993, n. 10; - a voti unanimi, espressi nelle forme di legge, d e l i b e r a 1. di approvare gli obiettivi annuali specifici assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari per l esercizio 2003, come descritti nell apposito documento Obiettivi specifici per l esercizio 2003 assegnati all Azienda provinciale per i servizi sanitari che, allegato al presente provvedimento, ne costituisce parte integrante e sostanziale; 2. di approvare il sistema di classificazione e valutazione del grado di conseguimento degli obiettivi specifici così come determinato e descritto in premessa, anche al fine della valutazione dell operato del management 23

24 aziendale; 3. di dichiarare la presente deliberazione immediatamente esecutiva, sotto le riserve di legge; 4. di notificare la presente deliberazione all Azienda provinciale per i servizi sanitari per le attività di competenza. 24

25 AREA 1 PROMOZIONE DELLA SALUTE E PREVENZIONE PRIMARIA DELLE MALATTIE Il concreto riferimento della programmazione sanitaria a obiettivi di guadagno e di investimento in salute pone la persona al centro degli interventi per la salute determinando un approccio che promuove relazionalità tra operatori e utenti, diffonde forme di solidarietà verso i soggetti e i gruppi più deboli e vulnerabili, pone attenzione agli aspetti qualitativi e all efficacia degli interventi, affronta i vari problemi in un ottica progettuale costruendo interdipendenze funzionali tra i vari servizi sanitari e tra questi e altri settori della vita sociale. L adozione dell approccio della promozione della salute come principale modalità per affrontare i problemi della salute e della malattia, presuppone da un lato l acquisizione da parte dei cittadini della conoscenza, dell autogestione e della responsabilizzazione nei confronti della propria salute e, d altro lato, un alleanza tra tutti i settori delle politiche sociali e, in genere, degli ambiti di vita: ciò al fine di creare le condizioni per lo sviluppo, il mantenimento e il miglioramento dello stato di salute sia individuale che collettivo. Anche attraverso gli obiettivi assegnati per il 2003 si intendono incrementare gli interventi in quest area al fine di diffondere in modo sistematico l approccio della promozione della salute. 25

26 Comportamenti per la Salute OBIETTIVO n. 1 Interventi di promozione e prevenzione: informazione ai cittadini Gli approcci culturali della promozione della salute e della prevenzione delle malattie implicano, per avere successo in termini di guadagno di salute dell individuo e della comunità, il raggiungimento e l attecchimento presso una quota significativa - massa critica - degli individui che compongono la comunità. In questa direzione risulta essenziale - in un ottica di massima integrazione e necessario coordinamento fra le iniziative intraprese dai diversi enti - investire nelle attività di informazione, divulgazione, coinvolgimento e convincimento. L Azienda, nel corso del 2003, deve: Fare conoscere ai cittadini, tramite la individuazione degli strumenti ritenuti più idonei ed efficaci, obiettivi, attività e risultati degli interventi di promozione della salute e prevenzione primaria e secondaria delle malattie attuati nell ambito del Servizio sanitario provinciale Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità del materiale prodotto e di riscontri operativi sulla realizzazione dell attività prevista. 26

27 OBIETTIVO N. 2 ALIMENTAZIONE Promuovere la salute attraverso l adozione di un alimentazione sana ed equilibrata è fondamentale per due ordini di ragioni: perché si tratta della principale componente da controllare per la prevenzione di diverse patologie e perché riguarda e coinvolge trasversalmente, con impatto diverso, ma sempre significativo, tutti i gruppi di popolazione. Si ritiene pertanto opportuno proseguire ed estendere quanto attuato negli anni precedenti su questa tematica, in modo da coprire gradualmente le esigenze conoscitive e preventive sottese a questo ambito. L Azienda, nel corso del 2003, deve: Proseguire gli interventi specifici mirati a promuovere una alimentazione sana ed equilibrata nei confronti della popolazione in età scolare gruppo di popolazione individuato nel e nei confronti degli anziani istituzionalizzati - fascia di popolazione individuato nel Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità dei documenti elaborati e di riscontri operativi sulla realizzazione delle attività previste. 27

28 Ambiente e Salute OBIETTIVO N. 3 EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE Considerato il consistente lavoro propedeutico di indagine -rappresentato da una generale e dettagliata analisi sulla situazione provinciale con riferimento alle strutture attualmente dedicate, alle rispettive caratteristiche organizzative, funzioni e attività, alle specifiche criticità interne ed alla interrelazione reciproca fra esse - realizzato in attuazione dell obiettivo specifico n.4 assegnato per l esercizio 2001 in merito all epidemiologia ambientale, l Azienda, nel corso del 2003, deve: Proseguire il lavoro intrapreso in merito alla realizzazione del sistema di controllo epidemiologico-ambientale trentino, producendo - tramite l integrazione delle informazioni disponibili sull ambiente con altre categorie di dati, in particolare di natura sanitaria e/o sociale - n.2 matrici ambientali (o strumenti equivalenti per l analisi delle relazioni) nei settori ritenuti prioritari. Le citate matrici ambientali dovranno trovare descrizione ed interpretazione nel previsto documento La salute in provincia di Trento relativo all anno di riferimento. Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità del documento di riferimento. 28

29 AREA 2 PATOLOGIE PRIORITARIE E GRUPPI DI POPOLAZIONE DA TUTELARE Gli obiettivi assegnati per il 2003 in questa area, sono finalizzati a realizzare specifiche azioni che contribuiscono ad una generale qualificazione dell assistenza nell ambito problematico considerato e/o ad affrontare questioni nuove od emergenti finora non affrontate esplicitamente nell ambito del Servizio sanitario provinciale. 29

30 Patologie Prioritarie OBIETTIVO N. 4 PROFILI E PROTOCOLLI ASSISTENZIALI Sulla base degli oggettivi criteri di priorità costituiti dalla gravità (malattia causa diretta di morte o di instaurazione di importanti stati patologici o di severa disabilità fisica, mentale e sociale), dall incidenza e prevalenza (dimensione quantitativa e diffusione sul territorio) e dall emergenza (novità e tendenziale crescita del fenomeno) sono state individuate, quali patologie meritevoli di particolare attenzione nel triennio : - le malattie dell apparato cardio-cerebrovascolare - le malattie dell apparato respiratorio - le malattie dell apparato digerente - i tumori Tenuto conto del quadro sopra delineato ed anche di quanto previsto dal comma 1 dell articolo 15 dell Accordo decentrato provinciale per i medici di medicina generale (progetti obiettivo), l Azienda, nel corso del 2003 deve, allo scopo di aumentare il grado di controllo delle attività cliniche: Progettare ed implementare - facendo anche riferimento alle indicazioni formulate, sul piano metodologico, dalla Commissione congiunta dell Istituto superiore di sanità (ISS) e dell Agenzia per i servizi sanitari regionali (ASSR) - due profili assistenziali (percorsi diagnosticoterapeutici) basati su prove di efficacia relativamente a n.2 condizioni patologiche tra quelle giudicate più rilevanti in ordine alla severità e/o all impatto sui servizi Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità del documento di riferimento e di riscontri operativi sulla realizzazione delle attività previste. 30

31 OBIETTIVO N. 5 PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI - RETE DI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Sulla base dello studio generale realizzato in attuazione dell obiettivo n.4b assegnato per l esercizio 2002, l Azienda, nel corso del 2003, deve: Entro giugno: Elaborare un progetto operativo di rete di defibrillazione precoce assumendo come vincoli dello stesso le indicazioni seguenti: - defibrillazione in contesto ospedaliero - deve interessare almeno n.2 strutture ospedaliere Entro dicembre: Realizzare la rete di defibrillazione precoce intraospedaliera in funzione delle risorse assegnate Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità di riscontri operativi sulla realizzazione delle attività previste. 31

32 Gruppi di popolazione da tutelare OBIETTIVO N. 6 SALUTE DEL PERSONALE SANITARIO Nella prospettiva di tutelare e promuovere il benessere del personale dipendente, quale risorsa principale e strategica necessaria al proprio funzionamento, l Azienda, nel corso del 2003, deve: Realizzare un progetto di promozione della salute degli operatori sanitari. Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità di riscontri operativi sulla realizzazione dell attività prevista. 32

33 OBIETTIVO N. 7 PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Sulla base della analisi effettuata in ragione dell obiettivo n.6 - Coppie con problemi di sterilità - assegnato per l anno 2002 ed allo scopo di approntare nell ambito del Servizio sanitario provinciale ed a carico del medesimo un adeguata forma di risposta alle richieste diagnostiche e terapeutiche espresse dalle coppie con problemi di sterilità, l Azienda, nel corso del 2003, deve: 1. Attivare un Centro per la Procreazione Medica Assistita (PMA) a gestione diretta di 1 livello riconducibile all ambito dell assistenza specialistica ambulatoriale; 2. Formare personale dipendente ed acquisire personale esperto al fine di organizzare il 2 livello riconducibile ad ambulatorio specialistico con possibilità di chirurgia ambulatoriale senza ricovero; 3. Identificare un Centro PMA di 3 livello di riferimento al quale collegare il Centro PMA provinciale mediante apposita convenzione. Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità di riscontri operativi sulla realizzazione delle attività previste, la disponibilità degli atti inerenti le stesse e l eventuale effettuazione di verifiche sul campo. 33

34 OBIETTIVO N. 8 PERSONE AFFETTE DA TOSSICODIPENDENZA La complessità oggettiva del fenomeno della dipendenza da droghe, dovuta alla diversità quantitativa e qualitativa dei fattori psico-sociali che la sostengono, così come l interpretazione ideologico-culturale che ha connotato storicamente la lettura del fenomeno, hanno condotto ad una proliferazione di approcci preventivi, terapeutici e riabilitativi. In tali approcci non sempre è possibile, da una parte, evidenziare chiaramente la componente prettamente scientifica dell approccio stesso, e, dall altra, valutare l efficacia degli interventi stessi in termini di uscita duratura dallo stato di dipendenza e pertanto di recupero dello stato di salute del soggetto. In questo contesto risulta anche determinante riconsiderare ed esplicitare le scelte del sistema organizzativo, composto da servizi pubblici e privati, al fine di creare una rete complessiva preposta nel suo insieme al controllo del fenomeno con la massima integrazione possibile. L Azienda, nel corso del 2003, deve: 1. Predisporre uno studio, basato anche sulla letteratura scientifica nazionale e internazionale in materia, riguardante i principali e più diffusi approcci terapeutici e riabilitativi in materia di dipendenza da droghe (in particolare eroina) e le relative prove basate sull efficacia degli stessi; 2. Elaborare anche sulla base di quanto evidenziato dallo studio di cui al punto precedente, protocolli assistenziali e organizzativi relativi alla cura e alla riabilitazione dei soggetti tossicodipendenti, che garantiscano un adeguato e personalizzato livello di assistenza e il coordinamento tra tutte le componenti coinvolte interne ed esterne al sistema sanitario. Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità del documento di riferimento 34

35 OBIETTIVO N. 9 PERSONE AFFETTE DA PROBLEMI DI SALUTE MENTALE In merito al miglioramento ulteriore dell organizzazione della rete complessiva della risposta sanitaria all utenza psichiatrica e dell efficacia delle prestazioni offerte dalla medesima si pone la necessità di aumentare il grado di conoscenza e conseguente condivisione, da parte di familiari dei pazienti e delle Associazioni di tutela dei diritti del malato, delle scelte terapeutiche effettuate a vantaggio degli utenti di questi servizi. Su questa linea, l Azienda, nel corso dell anno 2003, deve: Costituire e rendere operativo un sistema formalizzato e documentato di informazione, a beneficio di pazienti e familiari, finalizzato a spiegare i metodi terapeutico-riabilitativi applicati ed i risultati attesi, anche allo scopo di migliorare l efficacia degli interventi attraverso l aumento della collaborazione e della compliance. Modalità di verifica del conseguimento dell obiettivo: attraverso la disponibilità di riscontri operativi sulla realizzazione delle attività previste 35

36 AREA 3 LIVELLI DI ASSISTENZA SANITARIA E ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI In forza di quanto disposto dalla normativa nazionale, l offerta sanitaria viene articolata in livelli di assistenza che rappresentano il sistema basilare di prestazioni che il Servizio sanitario provinciale deve garantire ai cittadini e agli aventi diritto all assistenza. In una situazione come quella provinciale, in cui è riconosciuto un buon livello di copertura dell offerta sanitaria, l effettiva garanzia della erogazione dei livelli essenziali ed uniformi di assistenza sanitaria assume il significato di un ulteriore innalzamento della qualità della stessa, tesa a fornire risposte il più possibile aderenti ai bisogni e alle reali necessità espresse dei cittadini. Per qualificare l offerta sanitaria è dunque necessario perseguire il complessivo riorientamento del sistema e la conseguente riallocazione delle risorse che devono concretizzarsi in un riequilibrio delle componenti dell assistenza volto alla valorizzazione delle attività di prevenzione e dell assistenza territoriale rispetto alla tradizionale e prevalente attenzione alla componente ospedaliera. Il passaggio da una concezione e una prassi della sanità centrata sulla struttura ospedaliera ad una incardinata principalmente sui servizi territoriali deve essere concretamente supportato dalla previsione di investimenti economico-finanziari finalizzati alla diffusione della prevenzione e al potenziamento dell assistenza distrettuale. La definizione di una nuova distribuzione di risorse più orientata alla componente preventiva e territoriale richiede, oltre a risorse aggiuntive, anche interventi di riorganizzazione e modifiche dell operatività nel livello ospedaliero tali da consentire un recupero di risorse da reinvestire nei settori di primo livello. 36

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Riforma ordinamento sanitario

Riforma ordinamento sanitario Riforma ordinamento sanitario L autonomia speciale è ancorata all accordo del 1946 Degasperi Gruber Lo statuto di autonomia del 1948 assegnava un ruolo preminente alla regione e prevedeva per la sanitàuna

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITÀ Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Carlo Favaretti,,

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI Luglio 2009 Rev. 1 luglio 2009 2 di 11 INDICE PREMESSA PAG. 3 QUADRO NORMATIVO PAG.

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

infosalute 1 Obiettivi assegnati all Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Anno 2009 Servizio Sanitario del Trentino

infosalute 1 Obiettivi assegnati all Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Anno 2009 Servizio Sanitario del Trentino Servizio Sanitario del Trentino infosalute 1 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Obiettivi assegnati all Azienda Provinciale

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 Il contesto L integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO ECM in Project Management: prospettiva per un governo integrato dei processi sanitari Azienda Ospedaliera San Filippo Neri IL CONTROLLO DI GESTIONE Relatore: Dott.ssa Silvia Cavalli Gli anni 90 sono

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Il presidio di Cavalese è una certezza della rete trentina e non chiude! Una semplice cronologia per provare a capire. 2010 23 2012 7 dic 2013 25 gen L art.

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 932 30/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22729 DEL 24/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata", attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari;

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata, attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari; Allegato alla Delib.G.R. n. 31/9 del 17.6.2015 Linee di Indirizzo per la redazione dei piani di incorporazione e per le attività propedeutiche alla successione delle aziende ospedaliere nei rapporti attivi

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Possamai ISTITUZIONE DELLE UNITA OPERATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA Presentato alla Presidenza

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dott. Adriano Cristinziano Direttore UOC Farmacia A.O. Ospedali dei Colli - Napoli Premessa Centralità del farmaco

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli