Clonazione: etica, leggende, superstizione e realtà.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Clonazione: etica, leggende, superstizione e realtà."

Transcript

1 Clonazione: etica, leggende, superstizione e realtà. La scelta di un titolo non è mai casuale. Il nostro approccio verso la clonazione, in effetti, è infarcito di leggende e di superstizioni che hanno lontane origini. Innanzi tutto, che cos è un clone? Un clone è un essere vivente che ha patrimonio genetico uguale ad un altro. Quando pensiamo alla clonazione immaginiamo un laboratorio modernissimo popolato da uomini in camice bianco o in scafandri di plastica e gomma. In realtà la clonazione non è così lontana dalle pratiche del cittadino comune. Chi pratica giardinaggio avrà senz altro replicato alcune piantine per talea. La piantina così generata ha in comune con la pianta madre tutto il patrimonio genetico, perciò è a tutti gli effetti un clone. Esistono cloni naturali e sono talmente diffusi che spesso non ce ne rendiamo conto. La forma più vicina a noi è rappresentata dai gemelli monozigoti, meglio noti come gemelli identici. Quindi i cloni umani o animali potrebbero essere definiti gemelli monozigoti diacronici. Sono gemelli monozigoti in quanto non c è alcuna differenza dal punto di vista teorico tra un gemello naturale e uno artificiale. Sia un clone sia un gemello monovulare sono individui che condividono con un altro tutto il patrimonio genetico (almeno in teoria). Quindi valgono le stesse considerazioni in entrambi i casi, cioè possiamo applicare ai cloni le stesse considerazioni dei gemelli. Le uniche differenze sono l artificiosità e la diacronicità, cioè esiste un gemello più vecchio e uno più giovane di anni. Ovviamente il lettore penserà che voglia parlare di clonazione umana poiché è l ambito applicativo più preoccupante e chiacchierato. Non è mia intenzione farlo. Affrontare questo (ipotetico) impiego ci permetterà di analizzare più a fondo il fenomeno clonazione. Se due individui molto simili ma comunque diversi come i gemelli monozigoti ci sembrano, a torto, identici, non potremmo certo affrontare il nostro ragionamento prendendo come esempio varietà animali e vegetali di cui percepiamo in modo molto ridotto le peculiarità individuali. Abbiamo precedentemente assimilato i cloni ai gemelli identici. Questa scelta non rispecchia solamente criteri biologici, ma anche la stessa tendenza a generare leggende. L uomo di fronte ad un parto gemellare, anche se eterozigote, accomuna i due individui allo stesso destino. Presso alcune popolazioni i gemelli sono considerati come un solo essere vivente: devono fare tutto assieme e se, per esempio, uno piange deve piangere anche l altro, magari picchiandolo, o alla morte prematura di uno dei due, si sostituisce il gemello mancato con un simulacro che dovrà accompagnare l altro per tutta la vita. A maggior ragione, di fronte a gemelli identici la fantasia corre senza freno. Anche presso di noi c era chi sosteneva (chi sostiene tuttora) che siano telepatici o che possano provare a distanza ciò che sente l altro. Tutte sciocchezze dovute alla stessa nascita e all apparente identicità di due individui. E, all incirca, lo stesso meccanismo cultural-psicologico che ci porta a credere che rompere uno specchio sia fonte di guai (danneggi la tua immagine riflessa, cioè il tuo doppio al di là dello specchio). In effetti, i gemelli identici non sono identici. E la nostra limitata capacità di osservazione a renderli indistinguibili. Non è un caso che, nelle prime pagine de La Diversità Umana, Richard Lewontin parli proprio del riconoscimento degli individui. L autore afferma che distinguere le persone all interno di un gruppo etnico che non è familiare per molti può risultare difficile. Non è solo un problema di possibilità o di pratica, ma è soprattutto di attenzione e volontà. Nella distinzione degli individui all interno di spazzi sociali o gruppi etnici spesso si è ostacolati dalla tendenza alla stereotipizzazione.

2 Se ci sbagliamo tra individui molto diversi che dire di individui molto simili. Eppure genitori, fratelli e amici intimi riescono a distinguere due gemelli monovulari, proprio perché esistono delle differenze percettibili. Quindi né i gemelli né i cloni possono essere perfettamente identici, né alla nascita né più tardi. Non solo nel corso della vita le pressioni ambientali possono produrre profondi cambiamenti (pensate ad un diverso taglio di capelli o a uno sfregio sul viso), ma fin dalla nascita esistono delle importanti differenze per un fenomeno conosciuto come rumore dello sviluppo. Il rumore dello sviluppo, in parole povere, consiste nella casualità. Ad esempio nelle colture di moscerini della frutta, la larva cresciuta in provetta può avere un numero diverso di setole sternopleurali tra la parte destra e quella sinistra. Quest asimmetricità si riscontra in individui geneticamente identici e sviluppati nello stadio di pupa in provetta (quindi ambiente controllato, standardizzato e asettico). Il patrimonio genetico lascia alcune cose al caso, come l esatta disposizione dei follicoli piliferi o le varie pieghe della pelle (come le impronte digitali), i nei o le voglie, che non sono certamente ereditabili. Quindi sono leggende che il clone abbia un identico modo di parlare (e pensare) o addirittura le stesse impronte digitali! Le differenze caratteriali tra individui con lo stesso patrimonio genetico sono ancora più marcate di quelle fisiche. Già dai primi mesi di vita, cioè quando l ambiente non ha differenziato molto i due gemelli, si possono notare importanti differenze. E noto che nella coppia c è un gemello più attivo, comunemente detto dominante. Così anche l orologio biologico (il ritmo sonno-veglia) è fin dai primi giorni diverso, anche se ovviamente i pianti dell uno sveglieranno anche l altro! Con il trascorrere della vita le differenze saranno più marcate, benché i due si possano influenzare reciprocamente. Sebbene possano esistere delle predisposizioni, queste potranno svilupparsi o no, così come prendere questa o quella forma in base alle scelte motivazionali dei singoli individui. Brevemente si può affermare che il genotipo determina la norma di reazione, il fenotipo è l aspetto costituito dell organismo in reazione con l ambiente (norma di reazione + ambiente). Il fenotipo di un organismo non può essere completamente specificato neppure quando sono noti e controllabili genotipo e ambiente di sviluppo. La terza causa di variazione è, appunto, il rumore dello sviluppo. Il clone, a maggior ragione, risente maggiormente delle differenziazioni dell ambiente, in quanto non condivide lo stesso metabolismo ospite. Nella maggior parte dei casi i gemelli monozigoti condividono la stessa sacca coriale e hanno già delle differenze, che possono aumentare se la divisione della cellula non avviene circa all ottavo giorno: se è molto più precoce ci saranno due sacche e due placente, se avviene entro i primi tre giorni ci sarà una sola placenta e due sacche, in entrambi i casi si avranno maggiori differenze. Cosa dire di un ambiente completamente diverso? Inoltre la differenza di anni tra l originale e il clone ed il conseguente cambiamento ambientale influiranno in maniera considerevole sullo sviluppo psico-fisico. Ma l immaginario collettivo continua a vedere nella clonazione l arte di creare replicanti, cioè individui già adulti che sanno tutto ciò che sa l originale. Se bastasse il DNA per condividere tutto il sapere avremmo la scienza infusa! Se fosse così, saremmo davvero degli stupidi a perdere i nostri migliori anni dietro i banchi di scuola per apprendere quello che già sappiamo, non vi pare? Che dire di Platone? La sua maieutica sarebbe l unico metodo didattico veramente efficace, alla faccia di tutti, pedagogisti o insegnanti che siano!

3 Un clone ha bisogno (almeno per ora) dello stesso tempo per crescere di ogni altro essere vivente della sua specie. Se si potesse manipolare il patrimonio genetico per accelerare lo sviluppo, se si potesse trasferire una matrice di pensiero in un altro corpo sarebbe una manipolazione notevolmente più complessa della clonazione! L immaginario collettivo spesso ha più talento di Mary Shelley: che ne dite della folle idea di creare dei corpi clonati senza testa per essere una banca d organi? E chi li nutre fino all età adulta (senza testa poi!)? Anche verso la clonazione bloccata ai primo stadio di sviluppo c è molta confusione. In questo caso abbiamo solo un gruppo di cellule e non un essere vivente. Il fatto che sia coinvolta una parte potenzialmente può dare origine ad un essere vivente non giustifica tanta eccitazione, soprattutto in paesi dove l aborto è legale. Possiamo affermare che ogni giorno perdiamo capelli, peli e scaglie di pelle. Spingendosi oltre si potrebbero menzionare le polluzioni notturne. Insomma, ogni giorno perdiamo una parte di noi, ma quella parte non siamo noi. Una parte non è il tutto! Riassumendo: 1. I cloni sono autentici esseri viventi, quindi i cloni umani sono esseri umani, i cloni animali sono animali e così via. 2. Gli individui identici (cloni o gemelli) si differenziano fin dal concepimento. 3. Un clone può essere maggiormente differenziato a causa del diverso ambiente di sviluppo prenatale. 4. Un clone non è un replicante, ma un individuo. 5. La parte non è il tutto. 6. Chi pretende di clonare l animale domestico o il parente morto per riaverlo è un illuso ed è in grave errore. 7. Chi si facesse clonare per ottenere l immortalità, rimarrebbe molto deluso! Dal punto di vista etico è difficile dare una risposta alle domande sollevate dalla clonazione in sé. Obiettivamente la morale non è un metro di giudizio costante nel tempo, globalmente condiviso e molto spesso (ahimè) si dimostra un criterio poco oggettivo. Esistono, nel mondo, dottrine morali alternative e contrastanti tra loro. Tutte queste dottrine hanno la pretesa di essere nel giusto. Altre norme, invece, sono state decise a tavolino per il bene comune, ma ciò non toglie che possano essere considerate retrograde, bigotte, barbare o semplicemente insensate e quindi possano essere modificate appena la situazione lo permetta. Allora, non avendo risposte, non mi resta che formulare una domanda: A che serve la clonazione? Insomma qual è la sua utilità per l uomo e quale la dannosità? Ad un attenta analisi, se escludiamo le posizioni religiose, è come chiedersi se il denaro è buono o cattivo. Di per se non è né uno né l altro: dipende dall uso e dalle circostanze! Riguardo all uomo, la clonazione d individui completi è assolutamente inutile, mentre è vitale quella parziale o semplicemente cellulare (riprodurre un organo o le cellule staminali). Allo stato attuale, poi, i metodi di clonazione sono ancora imperfetti, quindi è prematuro fare un bilancio sulla bontà dei risultati. Possiamo, invece, domandarci sulle possibilità offerte dalle applicazioni ridotte della tecnica di clonazione e su quali sono le ragioni che spingono alcuni scienziati a riprodurre esseri viventi identici e le aspettative collegate a questa tecnologia? Forse l attenzione e il clamore suscitati dalla clonazione dipendono dall attuale tendenza a standardizzare, a rendere tutto settoriale, specifico e uniforme per ottimizzare il rendimento o per ottimizzare il raggiungimento di uno scopo. Così si può essere tentati standardizzare varietà animali, vegetali ed esseri umani. Certamente tutto ciò risente del gusto moderno, troppo

4 influenzato dalla scienza e dalla tecnica. Ma è la diversità, la variazione casuale, la voce fuori dal coro che ha sempre dato le migliori risposte nell evoluzione e nel progresso. Ad esempio, gli uomini che hanno dato di più al genere umano con le loro scoperte o con le loro imprese (ad esempio i record) sono spesso stati considerati difettosi e molti di loro, in natura, potrebbero essere tali effettivamente. Solo il miglioramento delle condizioni di vita ha dato loro la possibilità di vivere ed esprimersi al meglio. Molte menti geniali erano affette da malformazioni, perfino da follia (in modo più o meno marcato). Molti grandi sportivi avevano dei difetti fisici che superati e sfruttati a proprio vantaggio davano risultati eccezionali. Non sono le domande di tipo etico né quelle sui costi-benefici a permettere una migliore analisi di tale tecnologia, ma solo quelle formulate in termini ecologici, quindi chiedersi quale sarebbe l impatto di un massiccio impiego della clonazione. La natura e l evoluzione, avendo a che fare con l universo e non con la predizione scientifica, adottano la tecnica della differenziazione. Sicuramente le tecniche standardizzanti come la clonazione danno buoni risultati in breve tempo, accelerando una pratica più lenta come la selezione (naturale o artificiale). L allevatore o il consumatore può trovarsi di fronte ad un certo tipo di prodotto che risponde sempre a precisi criteri. Sulla lunga distanza, invece, ci si potrebbe trovare di fronte ad un impoverimento delle biodiversità, con conseguenze ovvie. La selezione tradizionale operata dagli allevatori, per quanto più lenta, è comunque un approccio più rispettoso e in parte reversibile (cfr. gli studi di C. Darwin sui piccioni). E noto che i geni recessivi (quelli che potremmo definire le qualità nascoste) svolgono un importante funzione di risorsa evolutiva. In pratica, se le condizioni che favorivano un determinato gene dominante venissero meno o dovessero cambiare, il suo omologo recessivo potrebbe fornire una valida alternativa. Inoltre per ogni gene dominante possono esisterne diversi recessivi. Se tutti i recessivi fossero eliminati sarebbe necessaria una mutazione vantaggiosa, che, purtroppo, ha dei tempi di realizzo molto lunghi. Ma avremmo tutto questo tempo o rischieremmo l estinzione d intere forme di vita, compromettendo a tal punto l ecosistema da provocare anche la nostra estinzione? Da un punto di vista filosofico più vicino a quello delle origini, ritengo sia necessaria un ultima osservazione, incorporando in essa l argomento manipolazione di cellule germinali in generale. Questa non era la mia intenzione iniziale, ma! La totale incoerenza legislativa e ideologica nei confronti di questa branca tecnico-scientifica fomenta sospetti e paure, genera falsi miti, colpi di testa e confusione, impedendo non solo il progresso, ma anche il normale sviluppo della società e della scienza medica più rigorosa. La scarsa coerenza delle norme, se da un lato può essere considerata un effetto della confusione in materia biologica, dall altro è generatrice potenziale di future incomprensioni. In alcuni paesi dove è ammesso l aborto (cioè uccidere un feto non è considerato omicidio in quanto non si riconosce nel gruppo di cellule germinate lo status di essere umano vivente o comunque di persona ), viene vietata o fortemente limitata la clonazione terapeutica e la selezione medica del materiale genico, limiti o divieti motivati (sorprendentemente) dal fatto di considerare quel gruppetto di cellule umano o vivente e appartenente ad una persona fisica (futura o potenziale). Si riscontrano i medesimi problemi nel trattamento degli ovuli fecondati in soprannumero, materiale di scarto, per così dire, delle pratiche di fecondazione assistita. Sarebbe coerente, invece, considerare il gruppo di cellule germinate in vitro alla stessa stregua di quelle impiantate nell utero. Occorre una sola legge che preveda, ragionevolmente e in modo generale (così sono le leggi), le regole da applicare per i singoli fatti reali, presenti e futuri. In questo modo sarà già presente una base legislativa e ideologica con cui trattare in futuro le gravidanze affidate ad uteri artificiali, cioè alle macchine (sperando che vi si ricorra solo in casi particolari).

5 Per ciò che riguarda la manipolazione genetica, bisognerebbe applicare le stesse leggi che prevedono la responsabilità del medico per danni al nascituro. Quindi se un genetista producesse un uomo-talpa sarebbe punibile, con l aggravante della volontarietà. Stessa cosa dicasi per l eugenetica, paragonabile al medico che prescrive farmaci dopanti o altro, cioè all uso diversamente finalizzato dell arte medica. Ciò lascia aperta una porta nel caso che la situazione richiedesse provvedimenti drastici: se il futuro dell uomo fosse l oceano, non sarebbe certamente punibile lo scienziato che producesse un uomo-pesce, dato che gli garantirebbe quella sopravvivenza che altrimenti non avrebbe (e come se fosse una cura un po drastica, ma necessaria ovviamente speriamo che ciò non accada MAI). Per quanto riguarda la vendita degli ovuli, degli spermatozoi o del materiale genico in genere, occorre parificarla alle rispettive leggi: nel caso dell uomo a quella della donazione del sangue o degli organi (sarebbero quindi non commerciabili), nel caso degli animali siano applicate le leggi che regolano l allevamento (quindi sarebbe possibile il commercio), per quanto non sia personalmente d accordo nel brevettare la natura, in sé libera e bene comune. Il caso degli ibridi genetici è forse il più difficile ed è un caso a cui va applicata una decisione arbitraria (cioè è una questione di scelta legislativa). Comunque il nostro senso comune ci fornisce un esempio: non è ammesso trapiantare un organo umano in un animale ma non ci sarebbe nulla di male se l animale venisse usato come terreno di coltura per un lembo di pelle umana Infine, LA LEGGE PIÙ IMPORTANTE PER IL NOSTRO FUTURO È IL PIENO RICONOSCIMENTO DELLO STATUS DI INDIVIDUO sia all essere naturale sia a quello assistito artificialmente! Questa legge proibirebbe la temuta e ventilata riduzione in schiavitù dei cloni o degli uomini manipolati geneticamente così come future discriminazioni per chi non avrà la fortuna di poter nascere naturalmente. I problemi riproduttivi che la razza umana sembra incontrare più evolve potranno forzare la situazione verso le tecniche genetiche, di fecondazione assistita o affini. I rimedi (sostanze) isolabili in natura stanno diventando sempre meno, perciò buona parte del futuro della medicina sarà occupato dalla manipolazione biologica. E meglio essere lungimiranti, ma la scarsa coerenza legislativa a riguardo non fa altro che produrre nuovi timori, nuove incertezze che si ripercuotono sull attività di coloro che si cimentano in una seria ricerca medico-scientifica e sul nostro futuro. dott. Antonio C. Codazzi Questo testo è stato scaricato da:

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 Diagnosi e intervento su embrioni Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Diagnosi prenatale 2 3 4 DIAGNOSI PRENATALE É l insieme di esami compiuti sull embrione stesso, per accertare se

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche:

La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche: 1 2 La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche: a) autorinnovamento, ossia la capacità di generare una cellula indifferenziata esattamente uguale alla cellula-madre

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE Procreazione medico assistita L assistenza di un medico e di un biologo si dimostrano talvolta indispensabili per riuscire a diventare genitori. Quando una metodica di laboratorio, più o meno complessa,

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO?

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? Versione preliminare: 25 Settembre 2008 Nicola Zanella E-Mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT In questa ricerca ho

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

SCUOLA ALFAMEDIALE TRENTAPIEDI 2 CIRCOLO DI ERICE

SCUOLA ALFAMEDIALE TRENTAPIEDI 2 CIRCOLO DI ERICE SCUOLA ALFAMEDIALE TRENTAPIEDI 2 CIRCOLO DI ERICE Ideato e realizzato dagli alunni della classe 5 B in occasione della giornata per Telethon PREMESSA Anche quest anno la Fondazione Telethon organizza la

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Le strategie mendeliane

Le strategie mendeliane Le strategie mendeliane Il punto di partenza: il rompicapo sull eredità e come l approccio sperimentale innovativo di Mendel aiutò a risolverlo. Il lavoro vero e proprio: l analisi genetica secondo Mendel,compresa

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Alberto Viale I CROMOSOMI

Alberto Viale I CROMOSOMI Alberto Viale I CROMOSOMI DA MENDEL ALLA GENETICA AL DNA ALLE MUTAZIONI I cromosomi sono dei particolari bastoncelli colorati situati nel nucleo delle cellule. Sono presenti nelle cellule di ogni organismo

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Solidarietà Sociale Associazione Casa Famiglia Rosetta Centro di Genetica Medica M.Averna Azienda Unità Sanitaria Locale N.2 Unità Operativa per l Educazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeuene 1923-199.. Viaggio alla scoperta di un grande genetista e di un grande uomo Jerome Lejeune (Montrouge, 13 giugno 1926 Parigi, 3 aprile 1994)

Dettagli

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale carlo.lepri@unige.it Un dato di partenza: Le persone con disabilità intellettiva sono state, e spesso continuano ad essere mantenute

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda:

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda: La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali Istituto Oncologico Marchigiano onlus CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali dott. Marco Nocchi Regione Marche Servizio Politiche Sociali 1 LA BIOETICA tra nascere

Dettagli

Adulti - Fragilità. Valeria Cavallina Responsabile Unità Attività Sociale Sanitaria Distretto Porretta Terme

Adulti - Fragilità. Valeria Cavallina Responsabile Unità Attività Sociale Sanitaria Distretto Porretta Terme Adulti - Fragilità Valeria Cavallina Responsabile Unità Attività Sociale Sanitaria Distretto Porretta Terme Noi Fragili«Fragilità» ha la stessa radice di frangere, che significa rompere. Chi è fragile

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello.

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello. CHE COSA SI INTENDE PER CLONAZIONE? La clonazione è diventata un argomento popolare grazie al caso della pecora Dolly. Da allora, anche se della questione si parla frequentemente, troppo spesso non si

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE MUTAZIONI ED EVOLUZIONE Durante la duplicazione del DNA possono verificarsi errori di copiatura se ad esempio al posto di una base azotata ne viene inserita un altra. In questo caso può succedere che cambi

Dettagli

LA BIBLIOTECA DERMATOLOGICA DELLO STUDIO RINALDI&ASSOCIATI Srl

LA BIBLIOTECA DERMATOLOGICA DELLO STUDIO RINALDI&ASSOCIATI Srl LA BIBLIOTECA DERMATOLOGICA DELLO STUDIO RINALDI&ASSOCIATI Srl STUDIO RINALDI & A S S OC I ATI S.r. l. PERCHÉ PERDERE I CAPELLI SE SI PUÒ FARE QUA L C O S A? MANUALE PER CONSERVARLI BELLI E SANI LA BIBLIOTECA

Dettagli

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in:

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: La genetica La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: 1. Genetica mendeliana 2. Genetica citoplasmatica 3. Citogenetica 4. La genetica delle popolazioni

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli