Istituto Tecnico Statale. Guglielmo Marconi. Penne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Tecnico Statale. Guglielmo Marconi. Penne"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Istituto Tecnico Statale Guglielmo Marconi Penne Via dei Martiri Pennesi del 1837, n 6 Tel.Fax 085/ Penne (PE) Documento del Consiglio di Classe V sez. A corso Amministrazione Finanza e Marketing DPR n.323 art.5 2 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 1

2 ELENCO DEGLI ALUNNI Cognome e Nome De Sanctis Luigi Di Benedetto Alessandro Di Fabrizio Daniela Di Felice Chiara Di Felice Marta Di Fermo Andrea Di Marcantonio Johanna Di Nino Marco Di Zio Davide Franchini Lorenzo Furtak Patrycia Sablone Andrea Percorso Scolastico non regolare regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni regolare in 5 anni I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 2

3 Disciplina Religione *Italiano e Storia Docente Pace Antonella Palizzi Delia Servizio nella classe dal ad oggi dal ad oggi Inglese Della Cagna Lea continuità didattica triennio Francese *Matematica e laboratorio Economia Aziendale Diritto e Scienza delle Finanze *Scienze Motorie e Sportive Sostegno Temperini Eleonora segretario del C. di classe Ferrante Vincenzo Rucci Franco Morelli Fernando coordinatore del C. di classe Cetrullo Fiorenza Zicola Manfredo D Andrea Giovanna continuità didattica quinquennio dal ad oggi dal ad oggi continuità didattica triennio dal ad oggi dal ad oggi * materie con docenti interni all esame di Stato I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 3

4 Profilo professionale Presentazione dell indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing Di seguito si riporta il quadro orario settimanale del corso quinquennale AFM: Ordinamento AFM Attività ed insegnamenti Anni scolastici 1 biennio 2 biennio Orario annuale Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Seconda lingua comunitaria Storia,cittadinanza e costituzione Scienze integrata Scienze integrata Scienze integrate Geografia Matematica Diritto ed economia Diritto Economia politica Economia aziendale Informatica Scienze motorie e sportive Il Tecnico in "Amministrazione, Finanza e Marketing" ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell'economia sociale. Integra le competenze dell'ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell'azienda e contribuire sia all'innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell'impresa inserita nel contesto internazionale. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 4

5 Attraverso il percorso generale, è in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell'azienda; svolgere attività di marketing; collaborare all'organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell'indirizzo "Amministrazione, Finanza e Marketing" consegue i risultati di apprendimento che vengono di seguito specificati in termini di competenze: a. riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un determinato contesto; i macrofenomeni economici nazionali ed internazionali per connetterli alla specificità di un'azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione sincronica attraverso il confronto tra aree geografiche e culture diverse; b. individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali; c. interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese; d. riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date; e. individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane; f. gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata; g. applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllodi gestione, analizzandone i risultati; h. inquadrare l'attività di marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato; i. orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose; I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 5

6 l. utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti; m. analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d'impresa. Composizione e origine La classe VA AFM, nata con 29 iscritti, è composta attualmente da 12 alunni, con due studenti diversamente abili. Nel corso dell anno scolastico è avvenuto il passaggio di uno studente ad altro istituto paritario. La classe è eterogenea, costituita da 5 femmine e 7 maschi e nella struttura si presenta complessa per differenti ragioni. La diversità degli studenti rappresenta una ricchezza che tuttavia richiede ed assorbe continue energie per le esigenze di raccordo e modulazione degli interventi didattici. Sono presenti infatti soggetti provenienti da ambienti socio-culturali vari; inoltre gli studenti manifestano stili cognitivi differenti. In particolare, un gruppo mostra un apprendimento di tipo mnemonico mentre un altro evidenzia intuito nel cogliere le tematiche proposte, tuttavia non sempre accompagnato da uno studio sistematico. Vi è infine un esiguo gruppo che, oltre ad apprendere con facilità, effettua analisi ed elaborazioni autonome. Tutti gli alunni hanno intrecciato tra loro positive relazioni affettive e di lavoro. Durante l anno scolastico la classe ha manifestato un comportamento sostanzialmente corretto e adeguato dal punto di vista relazionale, mostrando sostanziale puntualità negli impegni; le assenze e i ritardi registrati si sono mantenuti nei limiti della normalità. Si segnala inoltre che una minima percentuale di studenti ha avuto difficoltà nel mantenere accettabili i livelli di apprendimento e di profitto - riferiti alle conoscenze e competenze attese - in alcune discipline professionalizzanti. Al fine di superare tali difficoltà, i docenti hanno attuato ogni utile strategia: dai corsi di recupero in orario antimeridiano al sostegno psicologico, all'adattamento del metodo e dei contenuti ai livelli registrati così come ogni altro possibile impiego delle tecniche didattiche per pervenire a risultati più consoni ad una classe che si appresta a sostenere le prove dell Esame di Stato. Si segnala che, nel corso del IV anno, tutta la classe ha partecipato alle attività di Alternanza S/L, in particolare tutti gli studenti hanno partecipato agli stage presso gli studi professionali ed in particolare alcuni hanno avuto la possibilità di svolgere l esperienza formativa integrata presso la BCC di Castiglione Messer Raimondo (Di Marcantonio Johanna), il Comune di Penne ( Sablone Andrea e Di Nino Marco), l Ausl Distretto di Penne ( Di Fermo Andrea). L'azione didattica svolta dai docenti nel corso del triennio ha mirato a sviluppare negli alunni i seguenti obiettivi trasversali: I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 6

7 conoscenza degli elementi basilari dei contenuti culturali; padronanza dello strumento linguistico e capacità di relazionare in modo corretto; partecipazione responsabile al lavoro, organizzato anche in modo propositivo; capacità di organizzare il proprio lavoro e di impegnarsi per portarlo a termine; capacità di prendere decisioni in modo autonomo e di produrre soluzioni originali. Obiettivi Cognitivi: Conoscenze L alunno conosce i contenuti fondamentali di ogni disciplina così come si evince dalle schede individuali dei docenti. Competenze L alunno è in grado di: eseguire compiti di modesta complessità senza errori, esprimendosi con un registro linguistico essenziale ma specifico di ciascuna disciplina; utilizzare metodi, strumenti e tecniche contabili ed informatiche; redigere ed interpretare semplici ma significativi documenti giuridico - aziendali in italiano e nella lingua straniera studiata; formulare ipotesi risolutive per semplici problematiche di natura aziendale traducendole in prassi operativa. Capacità L alunno è capace di: eseguire analisi e sintesi dei vari contenuti operandone semplici revisioni critiche; utilizzare le tecniche acquisite, in particolare quelle informatiche e quelle contabiligestionali, per risolvere semplici problemi della realtà aziendale; documentare adeguatamente il proprio lavoro; cogliere i principali elementi di collegamento nell ambito della stessa disciplina e tra discipline diverse. Come deliberato dal Consiglio di classe all inizio della programmazione scolastica, la classe mediamente ha raggiunto i seguenti obiettivi trasversali per le Capacità Comportamentali ritenute collegialmente prioritarie anche ai fini dell attribuzione del voto di comportamento: accettazione delle consegne rispetto delle regole, degli altri e dell ambiente collaborazione con compagni e adulti ricerca di soluzioni condivise per migliorare situazioni comuni, collettive e organizzative. Ed i seguenti obiettivi per le Competenze trasversali: organizzazione della propria attività in maniera razionale comprensione autonoma delle varie tipologie di testi verbali, visivi, simbolici o grafici I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 7

8 produzione codificata di varie tipologie di testi utilizzo delle apparecchiature scientifiche. Simulazione prove di esame Il 13 aprile 2015 è stata somministrata la Terza prova scritta dell Esame di Stato. Nella simulazione sono state interessate le seguenti discipline: Scienze Motorie e Sportive, Lingua Inglese, Diritto Pubblico e Matematica. La tipologia di prova scelta è stata la seguente: B - C con domande a risposta multipla (con quattro alternative) in ciascuna delle materie sopra citate e domande a risposta singola con indicazione delle righe. Per la lingua Inglese la tipologia scelta è conforme all art. 4 1 lettera B del D.M. 20 novembre 2000, n 429. Il testo della prova e la relativa griglia di valutazione sono allegati al presente documento. Anche nelle simulazioni di Prima prova (somministrata il 1 aprile 2015) e di Seconda prova (somministrata il 6 maggio) effettuate è stata utilizzata una griglia di valutazione proposta e approvata dal Consiglio di Classe. Le griglie di valutazione proposte e approvate dall organo collegiale vengono di seguito allegate. Attività di recupero O.M. 92/07- Collegio dei Docenti del 13 gennaio 2015 Come deliberato dal Collegio dei Docenti l attività di recupero è stata sviluppata da tutti gli insegnanti nel periodo compreso fra il 14 gennaio e il 15 febbraio, sia in orario antimeridiano. Da quanto emerso nel primo periodo valutativo, gli studenti hanno evidenziato, con insufficienze gravi e meno gravi (voto <5 o =5), molteplici carenze nella propria preparazione di base. Ai fini del recupero i docenti hanno individuato ed applicato le seguenti strategie tendenti ad incidere sia sull area della motivazione sia sull area del metodo di studio: creare un clima facilitante; far riassumere e mettere a fuoco le fasi dei processi; gratificare e incoraggiare ogni progresso; sollecitare costantemente gli interventi; rendere gli alunni consapevoli dell importanza del percorso formativo; fornire strumenti per apprendere e discriminare tipi di informazione; fornire gli strumenti per imparare ad imparare (ad es. mappe, tabelle etc.); insegnare a riassumere attraverso le mappe concettuali. Si è fatto ricorso a tecniche metodologiche non frontali (brain storming, problem solving, I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 8

9 soluzione di casi, sistematizzazione di relazioni logiche fra contenuti, prove di vocabolario, somministrazione di prove strutturate e semi strutturate, presentazione delle lezioni in P.P., ecc) e a tecniche laboratoriali. Pertanto, il recupero è consistito essenzialmente in attività mirate al consolidamento e al potenziamento delle capacità e delle competenze di base, all incremento della motivazione e all impostazione di un efficace metodo di studio nei singoli allievi. Inoltre si sono costituiti gruppi di lavoro, individuando anche uno studente-tutor che, sul piano strettamente linguistico, possedesse il linguaggio tecnico del libro o dell insegnante e lo decodificasse ad uso dei compagni. Di seguito si riporta l esito del percorso di recupero: Discipline n alunni con voto <5 o =5 recupero parziale recupero non recupero Italiano 1 1 Inglese Economia Azien. le 1 1 Diritto 3 3 Progetti didattici ed attività esterne Nel corso dell anno l intera classe - o parte di essa - ha partecipato alle seguenti attività: ottobre : Visita cantina Contesa di Rocco Pasetti, organizzata dal docente F. Rucci; novembre: l intera classe partecipa alla Giornata dell Orientamento presso il Pala congressi di Montesilvano, preparazione a cura dei docenti Franco Rucci e Manfredo Zicola; dicembre: la classe partecipa al viaggio d istruzione a Londra, accompagnata dai docenti Fernando Morelli e Lea Della Cagna; gennaio: l intera classe, in collaborazione con il comune di Penne, assessore alla cultura, Paride Solini, organizza e partecipa alla giornata della memoria: "L occupazione nazifascista a Penne nel 1944". Presentazione di un filmato realizzato dagli studenti e dai docenti Fernando Morelli e Lea Della Cagna; gennaio : l intera classe partecipa in Aula Magna all incontro di orientamento con i rappresentanti dell Esercito italiano, docente accompagnatore: I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 9

10 Delia Palizzi; gennaio : l intera classe partecipa in Aula Consiliare alla presentazione del testo di storia sulla prima Guerra mondiale di Luciano Gelsumino, docente accompagnatore: Lea Della Cagna; febbraio: Il Giorno del Ricordo - La tragedia delle Foibe e il dramma dell'esodo degli italiani dalle terre istriane, fiumane e dalmate dopo la seconda Guerra Mondiale", conferenza-dibattito a cura del dott. Marino Micich, a cura dei docenti Fernando Morelli e Lea Della Cagna; febbraio: l intera classe partecipa in Aula Magna all incontro di orientamento universitario con la LUICC Carlo Cattaneo di Castellanza (VA) e con la Confindustria di Chieti-Pescara, rappresentata dal dot. Luigi Di Giosaffatte. Docenti impegnati: Fernando Morelli e Lea Della Cagna; febbraio: incontro con i Cavalieri del lavoro, docenti Franco Rucci e Delia Palizzi; marzo: la classe partecipa ad un incontro di orientamento con la Guardia Costiera presso l Aula magna, organizzata dalla F.S. di riferimento; marzo: la classe partecipa all incontro con i Maestri del lavoro sulla cultura dell olio di oliva presso l Aula magna, docente accompagnatore: Franco Rucci; 20 maggio: conferenza-dibattito: la raccolta del risparmio ed il finanziamento delle attività economiche nell'area vestina, a cura di Simone Di Giampaolo Direttore Generale della BCC di Castiglione M. Raimondo - e del dott. A. De Luca. Incontro a cura del docente Fernando Morelli.. Unità didattica d apprendimento Nel corso dell anno, come da programmazione, la classe ha lavorato su una Unità di apprendimento intitolata: La Magna Carta: la nascita della democrazie rappresentative in Europa. Il progetto è stato fondamentale ai fini della comprensione della interdisciplinarietà dei saperi e della continuità che esiste tra scuola e vita. Il lavoro è partito dall analisi della Magna Carta del 1215, che sancisce la fine dell assolutismo monarchico in Europa e segna l avvio dei processi che hanno portato alla nascita delle moderne democrazie rappresentative occidentali. In tal modo, gli studenti hanno apprezzato appieno il senso dell evoluzione sincronica e diacronica degli eventi che governano le leggi storiche. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 10

11 PROGETTO INTERDISCIPLINARE IN METODOLOGIA CLIL Denominazione Prodotto finale La Magna Carta ovvero la nascita delle democrazie rappresentative in Europa. Rappresentazione dell ipertesto (Power-Point) in lingua italiana e in lingua inglese Realizzazione di un CD con documenti in lingua italiana e inglese. Competenze da raggiungere Abilità Apprendimento integrato di contenuto e lingua attraverso le conoscenze e le abilità proprie della disciplina da veicolare, in lingua italiana e in lingua inglese, attraverso la contemporanea acquisizione di diversi codici linguistici Conoscere: la storia del Parlamento inglese dalle origini ad oggi; la nascita delle moderne democrazie rappresentative in Europa; Il processo di formazione della sovranità; Distinguere la limitazione della sovranità sia a livello interno che a livello esterno. Utenti destinatari Studenti della classe V A corso AFM Prerequisiti Gerarchia delle fonti del diritto; Conoscenza ordinamentale della Gran Bretagna; Conoscenza della segmentazione del potere politico nel periodo feudale; Conoscenza della storia dell Inghilterra medievale; Conoscenza dell accumulazione originaria e delle trasformazioni economiche e sociali che seguirono in Europa in particolare in Inghilterra e Spagna; I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 11

12 Conoscenza della lingua inglese specifica di base. Tempi e fasi di sviluppo Gennaio I docenti di inglese e diritto illustrano alla classe il percorso formativo in compresenza Febbraio Marzo Aprile Origine e significato della Magna Carta dal punto di vista giuridico e storico. Docenti in compresenza La crisi del Parlamento inglese nel XVII secolo (conflitto con il Parlamento, Guerra civile, decapitazione di Carlo I); la nascita delle monarchie nazionali. Docenze individuali 1789, dalla Rivoluzione Francese alla Monarchia Costituzionale. La Rivoluzione Americana, la rivolta di Boston e la Dichiarazione d Indipendenza: No taxation without representation- Lo Statuto Albertino. La nascita del Regno Unito di Inghilterra, Scozia, Irlanda e Galles: il Parlamento inglese moderno. Docenze individuali. Risorse umane Docente di Diritto e di Lingua Inglese Strumenti e luoghi Valutazione Proiettore multimediale, aula video, aula magna, musei britannici, siti web di riferimento. Gli studenti saranno chiamati a riferire su quanto svolto sia in forma di verifiche orali e scritte in itinere sia attraverso la realizzazione di prodotti multimediali personali. Il progetto costituirà parte integrante del percorso valutativo degli studenti in sede di esame di stato. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 12

13 IL CONSIGLIO DI CLASSE: Pace Antonella Palizzi Delia Della Cagna Lea Ferrante Vincenzo Rucci Franco Morelli Fernando Cetrullo Fiorenza D Andrea Giovanna Zicola Manfredo Temperini Eleonora Penne, 14 maggio 2015 il Dirigente Scolastico Prof.ssa Alessandra Di Pietro I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 13

14 Schede dei programmi delle discipline I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 14

15 Classe Quinta Sezione: A Corso Amministrazione Finanza e Marketing Docente: Morelli Fernando Disciplina: Diritto Pubblico CONTENUTI DISCIPLINARI SVOLTI TEMPI Lo stato:gli elementi costitutivi, l impersonalità e la capacità giuridica. Lo stato come organizzazione politica, la cittadinanza. La nascita e le forme di stato, caratteri generali. Le vicende dello stato italiano. Lo Statuto Albertino. Il fascismo. Fondazione dello Stato democratico, caratteri generali. Settembre La Costituzione: nascita, caratteri e struttura: l Assemblea Costituente. I Principi fondamentali della Costituzione, classificazione dei diritti. Il principio democratico, di uguaglianza e l internazionalismo. I diritti di libertà e i doveri, loro significato costituzionale. I Principi della forma di Governo, la rappresentanza, la separazione dei poteri, il sistema parlamentare e il sistema dei partiti. L Organizzazione costituzionale: il Parlamento, il bicameralismo, la organizzazione interna, le Commissioni, la condizione giuridica dei membri. La legislatura. Le norme elettorali per l elezione del Parlamento: caratteri generali. Il Parlamento: il controllo ispettivo-politico e ispettivo finanziario, la legislazione ordinaria e costituzionale. Il Governo, le crisi e la formazione,il rapporto di fiducia, la struttura e i poteri, i poteri legislativi. I poteri regolamentari: caratteri generali. Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Il Presidente della Repubblica: status, l elezione, i poteri di garanzia e di rappresentanza nazionale, gli atti e la responsabilità del Capo dello stato. I giudici e la funzione giurisdizionale: la Magistratura ordinaria, le norme costituzionali in materia giurisdizionale a difesa del singolo e degli organi giurisdizionali, la struttura dell ordine giudiziario, il C.S.M. Gli organi giudiziari e i gradi di giudizio. Febbraio I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 15

16 La Corte Costituzionale, la giustizia costituzionale, la struttura e il funzionamento, il giudizio sulla costituzionalità delle leggi : i procedimenti e le decisioni, i conflitti costituzionali, l ammissibilità del referendum abrogativo. Lo stato autonomistico: le Regioni e gli enti locali. Il decentramento amministrativo, l art. 5 Cost. le competenze delle Regioni: caratteri generali. L ordinamento regionale, caratteri generali. La legislazione regionale: caratteri generali. I Comuni in generale. Marzo Aprile La pubblica amministrazione: principi e organizzazione. La funzione e i compiti amministrativi dello stato. L organizzazione amministrativa: caratteri generali. Gli atti amministrativi: cenni. Maggio METODI DI LAVORO ADOTTATI Lezione frontale limitatamente all introduzione e alla concettualizzazione. Lezioni partecipate : domande stimolo, scoperta guidata ( lettura, analisi e comprensione di testi giuridici), problem solving, risoluzione di casi. Lavori di gruppo. Discussioni libere e guidate. Redazione e presentazione di relazioni LIBRI DI TESTO ADOTTATI ALTRO MATERIALE DIDATTICO G.Zagrebelsky, G.Oberto, G.Stalla C.Trucco Diritto per il quinto anno vol.3 Ed. Le Monnier, Firenze 2014 Dizionario di italiano Costituzione della Repubblica italiana Codice civile sentenze articoli tratti da quotidiani e riviste lucidi di sintesi, abstract in P.P. fotocopie videocassette appunti integrativi ( solo per approfondimento I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 16

17 extra-testo ) Statuto Albertino, Lo Statuto del Comune di Penne SPAZI LABORATORI - TECNOLOGIE UTILIZZATE La classe, Aula Magna Londra: British Museum, National Gallery, Cabinet War Rooms, Natural History Museum, University of Oxford Sala Consiliare comune di Penne,Giornata della Memoria: l occupazione nazifascista di Penne nel 1944 Aula video siti internet (www.tesoro.it, TIPOLOGIA DI VERIFICA ORALE ADOTTATA Interrogazione individuale breve e frequente, domande flash, test strutturati e semi strutturati ( tipologia :a risposta multipla, a risposta singola, risoluzione di casi pratici ). CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Il processo valutativo terrà conto di ogni elemento utile di produzione culturale espressa dall allievo; in particolare si terrà conto: delle prove orali su argomenti generali o specifici, valutando le capacità linguistiche, l efficacia comunicativa, la coerenza logico-formale; delle prove scritte; test a risposta multipla e singola con indicazione del rigaggio, valutando la qualità e la ricchezza dell informazione, il rigore logico, l apparato critico, l organicità nell esposizione, l originalità e la completezza; delle esercitazioni e delle produzioni scritto-grafiche, valutando la coerenza dei processi mentali di apprendimento rispetto al compito assegnato. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 17

18 Visto l art. 1 5 del DM n. 122 del 22 Giugno 2009 e tenuto conto di quanto indicato dal Collegio dei Docenti, si adotteranno i seguenti criteri per la valutazione degli alunni: CONOSCENZE risultato dell assimilazione di informazioni attraverso l apprendimento. Le conoscenze sono l insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative ad un settore di studio o di lavoro ; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche. ABILITA capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi ; le abilità sono descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche ( che implicano l abilità manuale e l uso di metodi, materiali e strumenti) COMPETENZE comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termini di responsabilità ed autonomia. Si riportano di seguito i descrittori delle valutazioni: valutazione sintetica Descrittori Voto Gravemente insufficiente Non coglie il senso del testo e usa un linguaggio scorretto. Non dà informazioni sull argomento proposto oppure si rifiuta di sostenere l interrogazione Insufficiente Mediocre Denota difficoltà nell interpretare i testi. Si esprime in modo confuso. Ha gravi lacune nei contenuti disciplinari. Coglie il senso del testo solo se guidato. Espone con difficoltà, scarsa pertinenza con la richiesta, 4 5 I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 18

19 Sufficiente Discreto utilizzando un lessico povero. Possiede una conoscenza superficiale dei contenuti svolti. Riconosce gli elementi di un problema ma non sa generalizzarli. Coglie le informazioni essenziali e risponde in modo pertinente pur con qualche incertezza. Espone senza ricchezza lessicale, ma con sufficiente proprietà terminologica. Si avvale soprattutto di capacità mnemoniche. Possiede informazioni essenziali sui contenuti disciplinari Rivela alcune capacità di astrazione. Riconosce gli aspetti fondamentali di un problema. Espone in modo organico usando un linguaggio corretto ed appropriato. Possiede conoscenze chiare e essenzialmente complete dei contenuti disciplinari. 6 7 Buono Ottimo Eccellente Possiede una conoscenza chiara e articolata dei contenuti che sa rielaborare in forma autonoma. Sa sviluppare riflessioni critiche e ampie. Espone in modo sciolto rivelando decise proprietà di linguaggio mostra valide capacità logico-critiche Riesce a dialogare con l insegnante, apportando contributi originali di valore extracurriculare La valutazione, infine, terrà conto anche di elementi non cognitivi quali la partecipazione e l impegno profuso dallo studente nello svolgimento dell attività didattica. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 19

20 OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI In questa classe lo studio e l impegno sono stati pressoché adeguati agli argomenti trattati tuttavia, lo stile cognitivo di alcuni studenti anche volenterosi, ha assunto spesso carattere mnemonico, con conseguente preparazione non sempre organica. Una parte degli alunni di contro, ha dimostrato una positiva e fattiva partecipazione al dialogo educativo, consentendo lo svolgimento dei contenuti proposti in modo adeguato. Il programma, a causa di numerose sospensioni dell attività didattica avvenute per motivi diversi, ha subito un rallentamento. La maggior parte degli alunni ha raggiunto un sufficiente livello cognitivo ed operativo e distingue e analizza: istituzione, stato e società, forme di stato, le caratteristiche dello stato moderno, le vicende storiche e costituzionali dello stato italiano; sa illustrare e commentare i principi fondamentali della Costituzione, i diritti e i doveri dei cittadini; conosce l organizzazione costituzionale; sa individuare i meccanismi di autonomia e di riequilibrio fra gli organi costituzionali; conosce la funzione e la struttura amministrativa; sa cogliere analogie e differenze tra le varie funzioni dello stato; sa distinguere tra amministrazione diretta e indiretta; conosce gli atti amministrativi e sa individuare le situazioni di invalidità; sa collegare le fattispecie concrete con i rispettivi procedimenti giudiziari. Una parte minima degli alunni sa: comunicare sul piano linguistico con chiarezza e precisione, utilizzare le conoscenze in modo articolato ed elaborare le conoscenze in modo sistemico e critico. Penne 14 maggio 2015 Il docente: Fernando Morelli I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 20

21 Classe Quinta Sezione: A Corso Amministrazione Finanza e Marketing Docente: Morelli Fernando Disciplina: Scienza delle Finanze CONTENUTI DISCIPLINARI SVOLTI TEMPI L attività finanziaria. gli enti pubblici, bisogni e servizi pubblici, aspetti economici e socio-politici sui bisogni pubblici, cenni sulle teorie economiche e politiche dell attività finanziaria. La funzione della finanza pubblica. Le spese pubbliche: nozione e classificazione, effetti economici e sociali, lo incremento progressivo delle spese pubbliche e la crisi fiscale dello stato assistenziale. Il controllo della spesa pubblica la spending review. Le entrate pubbliche : nozione e classificazione, le entrate originarie e derivate, I tributi, classificazione e riscossione delle tasse, il contributo, la pressione tributaria e la pressione fiscale globale. I beni demaniali e patrimoniali caratteri generali. La finanza straordinaria, le fonti: l imposta straordinaria, i prestiti pubblici. Classificazione: debito fluttuante e consolidato, brevi considerazioni sul debito pubblico in Italia. L imposta: gli elementi. Classificazione: dirette e indirette, reali e personali, generali e speciali, proporzionali, progressive e regressive. Il Fiscal drag. I principi giuridici dell imposta, la ripartizione del carico tributario, la teoria della capacità contributiva, il principio della generalità e dell uniformità dell imposta. Il bilancio dello stato : nozione caratteri, i principi del bilancio, le funzioni, classificazione del bilancio, le teorie sul bilancio: caratteri generali. La contabilità pubblica italiana, il Documento di Economia e Finanza, i documenti finanziari che il Parlamento approva, il Bilancio Annuale di Previsione, esecuzione del bilancio e l esercizio Provvisorio, il Bilancio pluriennale, classificazione delle entrate e delle spese, i fondi di riserva, il risultato differenziale, il controllo del bilancio, la legge di Stabilità, la Tesoreria dello stato, il contenuto del Rendiconto Generale dello stato. Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 21

22 Il sistema tributario italiano vigente, l organizzazione dell amministrazione Finanziaria italiana, l anagrafe tributaria, il codice fiscale. La imposta sostitutiva, nozioni generali. L imposta sul Reddito, i soggetti passivi e l imponibile dell IRE, Il calcolo dell imposta: caratteri generali. Il modello 730. Aprile METODI DI LAVORO ADOTTATI Lezione frontale limitatamente all introduzione e alla concettualizzazione. Lezioni partecipate : domande stimolo, scoperta guidata ( lettura, analisi e comprensione di testi giuridici), problem solving, risoluzione di casi. Lavori di gruppo. Discussioni libere e guidate. Redazione e presentazione di relazioni. L Iva: cenni. La finanza locale: nozioni generali. L IMU e la TASI: caratteri generali. Maggio LIBRI DI TESTO ADOTTATI ALTRO MATERIALE DIDATTICO A. Gilibert, A. Indicato, C. Raniero, Lineamenti di finanza pubblica ed.lattes Torino 2013 Dizionario di italiano Costituzione della Repubblica italiana Codice civile sentenze articoli tratti da quotidiani e riviste lucidi di sintesi, abstract in P.P fotocopie videocassette appunti integrativi ( solo per approfondimento extra-testo ) Bilancio comunale Statuto del Comune di Penne I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 22

23 SPAZI LABORATORI - TECNOLOGIE UTILIZZATE La classe, Aula Magna Londra: British Museum, National Gallery, Cabinet War Rooms, Natural History Museum, University of Oxford Sala Consiliare comune di Penne,Giornata della Memoria: l occupazione nazifascista di Penne nel 1944 Aula video siti internet (www.tesoro.it, TIPOLOGIA DI VERIFICA ORALE ADOTTATA Interrogazione individuale breve e frequente, domande flash, test strutturati e semi strutturati ( tipologia :a risposta multipla, a risposta singola, risoluzione di casi pratici ). CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Vedi programmazione Diritto Pubblico I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 23

24 OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI In questa classe lo studio e l impegno sono stati pressoché adeguati agli argomenti trattati tuttavia, lo stile cognitivo di alcuni studenti anche volenterosi, ha assunto spesso carattere mnemonico, con conseguente preparazione non sempre organica. Una parte degli alunni di contro, ha dimostrato una positiva e fattiva partecipazione al dialogo educativo, consentendo lo svolgimento dei contenuti proposti in modo adeguato. Il programma, a causa di numerose sospensioni dell attività didattica avvenute per motivi diversi, ha subito un rallentamento. La maggior parte degli alunni ha raggiunto un sufficiente livello cognitivo ed operativo e distingue e analizza: i principi regolatori dell attività finanziaria, i modi in cui l operatore pubblico acquista e utilizza le risorse necessarie per i compiti istituzionali; riesce ad individuare i meccanismi della politica fiscale; sa analizzare e rappresentare gli effetti economici della spesa pubblica, la molteplicità delle entrate e delle spese pubbliche; individuare i motivi che rendono il bilancio pubblico strumento di programmazione economica, analizzare e interpretare i rapporti tra finanza statale e locale, i principi costituzionali su cui si basa il sistema tributario italiano e gli aspetti giuridici ed economici delle imposte; sa esaminare, interpretare ed utilizzare i documenti contabili in base alla normativa fiscale oggetto di studio. Una parte minima degli alunni sa: comunicare sul piano linguistico con chiarezza e precisione, utilizzare le conoscenze in modo articolato ed elaborare le conoscenze in modo sistemico e critico. Penne 14 maggio 2015 Il docente: Fernando morelli I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 24

25 CLASSE: QUINTA SEZIONE: A CORSO : AFM DOCENTE : PALIZZI DELIA DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVOLTI TEMPI Romanticismo in Europa e in Italia:riepilogo di caratteri e temi principali. La polemica classici/romantici. Giacomo Leopardi: vicende biografiche, ideologia, poetica, produzione letteraria; lettura e analisi dei seguenti testi: Zibaldone: Riflessioni sulla poetica Teoria del piacere Canti: L infinito A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia - A se stesso La cultura positivista nell Europa del secondo Ottocento: caratteri principali. Il Naturalismo in Francia: Zola e il romanzo sperimentale, temi ed elementi fondamentali della narrativa. La Scapigliatura in Italia:linee essenziali. Il Verismo in Italia: temi, poetica; analogie e differenze tra Naturalismo e Verismo Giovanni Verga: vicende biografiche, ideologia, poetica, produzione letteraria. Incontro con un opera: I Malavoglia. Lettura e analisi dei seguenti testi: Vita dei campi: Rosso Malpelo I Malavoglia: Prefazione La presentazione dei Malavoglia Il coro popolare di Aci Trezza Il distacco dalla casa del nespolo Il Decadentismo: contesto storico-culturale, temi, caratteri, poetiche. Il precursore del Simbolismo in Francia: Beaudelaire, Corrispondenze (il poeta di fronte ai simboli della natura) Giovanni Pascoli: vicende biografiche, ideologia, poetica,produzione letteraria, innovazioni stilistiche e linguistiche. Lettura e analisi dei seguenti testi: Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino Myricae: Temporale Il lampo Il tuono Settembre/ Ottobre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 25

26 Novembre - X Agosto Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno La narrativa del Decadentismo: la poetica dell estetismo; cenni sui romanzimanifesto dell estetismo in Europa (J.K.Huysmans, Controcorrente; O. Wilde, Il ritratto di Dorian Gray). Gabriele D Annunzio: vicende biografiche, poetica, produzione letteraria. La produzione narrativa: dai romanzi dell estetismo ai romanzi del superuomo; la prosa del Notturno; la produzione lirica: l Alcyone; la produzione teatrale: la Figlia di Iorio (solo trama e temi). Lettura e analisi dei seguenti testi: Il Piacere: Il ritratto di Andrea Sperelli Le Vergini delle rocce: Il programma politico del superuomo Alcyone: La pioggia nel pineto I pastori Notturno: Incontro con la madre Il quadro storico-culturale di inizio Novecento: nascita della psicanalisi, la nuova concezione del tempo e dello spazio, la nascita delle Avanguardie storiche in campo artistico-letterario; la crisi dell uomo moderno. Luigi Pirandello: vicende biografiche, ideologia, poetica dell umorismo, innovazioni tecniche e stilistiche, la produzione narrativa. Incontro con un opera: Il fu Mattia Pascal. La produzione teatrale: le principali innovazioni (il teatro nel teatro). Lettura e analisi dei seguenti testi: L umorismo: Avvertimento e sentimento del contrario Novelle per un anno: La carriola Il treno ha fischiato Il Fu Mattia Pascal: Il narratore inattendibile (da cap. I) Mattia battezza Adriano Meis(da cap.viii) La scissione tra il corpo e l ombra (da cap.xv) M. Pascal dinanzi alla sua tomba(da cap.xviii) Uno nessuno e centomila: Il naso di V. Moscarda Enrico IV: La scelta della pazzia Febbraio/ Marzo Marzo/ Aprile Italo Svevo: la vita, la formazione culturale, la produzione letteraria. Temi, caratteri, innovazioni tecnico-stilistiche dei romanzi; legami con la narrativa europea contemporanea. Incontro con un opera: La coscienza di Zeno. Lettura e analisi dei seguenti testi: Senilità: Emilio e Angiolina La coscienza di Zeno: Prefazione Il vizio del fumo (da Il fumo) Lo schiaffo del padre(da La morte del padre) Proposta di matrimonio ad Augusta(da Storia del matrimonio) La vita è inquinata alle radici (da Psicoanalisi) Aprile I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 26

27 La poesia del primo Novecento in Italia: temi e caratteri del Crepuscolarismo e del Futurismo; la poetica del frammento dei vociani. L Ermetismo. Lettura: il Manifesto del Futurismo di F.T. Marinetti Salvatore Quasimodo: vita, poetica. Lettura e analisi dei seguenti testi: Ed è subito sera; Alle fronde dei salici. Giuseppe Ungaretti: vicende biografiche, poetica, produzione letteraria. Lettura e analisi dei seguenti testi: Allegria: Veglia San Martino del Carso Soldati Fratelli Il dolore: Non gridate più Eugenio Montale: vicende biografiche, ideologia e poetica, produzione letteraria. Lettura e analisi dei seguenti testi: Ossi di seppia: Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto Satura: Ho sceso dandoti il braccio La storia Maggio Attività di revisione, ripasso, eventuali chiarimenti su quanto svolto in vista dell esame. Giugno METODI DI LAVORO ADOTTATI Lezione dialogata e interattiva, lezione frontale, brain-storming, domande-stimolo, utilizzo di schemi di sintesi, discussione, lettura individuale ad alta voce, lettura ad alta voce del docente. Si è partiti dalla presentazione dell autore, focalizzando l attenzione sul contesto storico sociale e le istituzioni letterarie e si è passati poi all analisi del testo nei suoi vari livelli; si è inoltre cercato di mediare tra un approccio storicistico, centrato sull autore, ed uno centrato sul testo. Si è fatto inoltre ricorso ad esercizi di analisi in classe e/o a casa per: -memorizzare i dati significativi dell argomento -ordinare l esposizione della materia letteraria, pianificando il discorso -ripassare gli argomenti già studiati -esercitarsi nella scrittura I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 27

28 LIBRI DI TESTO ADOTTATI ALTRO MATERIALE DIDATTICO Panebianco-Gineprini-Seminara, Letterautori, voll.2 e3 - Zanichelli Fotocopie da altri testi; schemi di sintesi per alcuni argomenti; dvd per la visione di qualche film SPAZI - LABORATORI - TECNOLOGIE UTILIZZATE Aula; aula video; laboratorio informatica. TIPOLOGIA DI VERIFICA ORALE ADOTTATA CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Interrogazioni brevi e lunghe, domande dal posto, lettura e analisi di testi Per la valutazione si è fatto riferimento al Regolamento sulla Valutazione, redatto dalla Commissione interna alla luce di quanto richiesto dal DM n. 122, 22 giugno 2009 e alla delibera del Collegio dei docenti per la valutazione degli studenti. I criteri fondamentali presi in considerazione sono stati: pertinenza della risposta,conoscenza degli argomenti, esposizione chiara, corretta e coerente, uso di lessico specifico,capacità di argomentazione, capacità di analisi e di sintesi, capacità di analisi ed interpretazione dei testi, capacità critiche e di rielaborazione personale. TIPOLOGIA DI VERIFICA SCRITTA ADOTTATA Tema, saggio breve CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Rispondenza alle tematiche della traccia e alle regole di composizione. Contenuti e riferimenti culturali. Capacità di sviluppare e organizzare le argomentazioni (coerenza e coesione) Esposizione formale: competenze morfosintattiche e lessicali, punteggiatura. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 28

29 Analisi del testo Rielaborazione critica e approfondimenti Comprensione complessiva del testo Capacità di analisi e di interpretazione del testo Contestualizzazione ed approfondimenti Esposizione formale: competenze morfosintattiche e lessicali, punteggiatura. OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI Nel complesso la classe ha mostrato interesse e partecipazione alle lezioni; globalmente gli obiettivi sono stati raggiunti. L impegno e la costanza nello studio, l assiduità della frequenza alle lezioni non sono stati per tutti di uguale misura; ciò, unitamente alle capacità di ognuno e al grado di partecipazione al dialogo educativo, ha determinato il raggiungimento degli obiettivi secondo livelli diversificati: alcuni allievi hanno raggiunto un livello ottimo/eccellente:possiedono conoscenza completa o approfondita degli argomenti di studio, sanno operare efficacemente analisi, sintesi, collegamenti; hanno acquisito buone/ottime capacità espositive, comprendono testi di vario genere e ne sanno ricavare informazioni e fare inferenze;hanno capacità di rielaborazione critica di ciò che studiano; producono testi scritti coerenti, corretti, pertinenti, efficaci sul piano lessicale, ben sostanziati da contenuti adeguati; alcuni allievi hanno raggiunto un livello discreto/buono: possiedono conoscenze chiare e sostanzialmente complete dei contenuti disciplinari;sanno produrre riflessioni e giudizi personali; si esprimono in modo organico,usando un linguaggio corretto;producono testi scritti chiari, coerenti, corretti, adeguati; alcuni allievi hanno raggiunto un livello sufficiente: sanno esprimere in modo lineare i concetti fondamentali degli autori e delle correnti letterarie oggetto di studio;sanno collocare cronologicamente una corrente o un autore; sanno collocare un testo nel quadro complessivo dell opera e del pensiero del suo autore e ne comprendono il significato globale; producono testi scritti piuttosto coerenti e sufficientemente corretti; qualche allievo ha raggiunto un livello mediocre nella produzione dei testi scritti a causa della scarsa organicità degli stessi e delle incertezze sul piano della correttezza espositiva, sintattica e lessicale,seppur pertinenti alla richiesta. Penne, 14 maggio 20 Il docente Delia Palizzi I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 29

30 CLASSE: QUINTA SEZIONE: A CORSO : AFM DOCENTE : PALIZZI DELIA DISCIPLINA: STORIA CONTENUTI DISCIPLINARI SVOLTI TEMPI Il governo della Destra storica nell Italia unita. (sintesi) La Sinistra al governo: riforme sociali,politica economica, politica estera, il trasformismo. Il governo Crispi e l espansione coloniale in Africa. L emigrazione italiana negli ultimi decenni dell Ottocento. La seconda rivoluzione industriale. L età dell imperialismo La belle époque e la società di massa. L età giolittiana. Gli equilibri in Europa prima della guerra: i blocchi di alleanze, la situazione nei vari Paesi, la questione balcanica. La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale: i trattati di pace. La rivoluzione russa e lo stalinismo. Il dopoguerra in Italia e il fascismo. La crisi del 1929 e il New Deal di Roosvelt. Il dopoguerra in Germania e il nazismo. La guerra civile in Spagna La seconda guerra mondiale. L Europa dopo la seconda guerra mondiale: nascita delle superpotenze, Onu, l inizio guerra fredda. Il dopoguerra in Italia: nascita della Repubblica; la ricostruzione. Cenni relativi a qualche avvenimento selezionato tra quelli più significativi dei decenni Attività di revisione, ripasso, consolidamento su quanto svolto in vista dell esame. Settembre/ Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno METODI DI LAVORO ADOTTATI I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 30

31 Lezione dialogata e interattiva, lezione frontale, brain-storming, domande-stimolo, utilizzo di schemi di sintesi, discussione, lettura individuale ad alta voce, lettura ad alta voce del docente. LIBRI DI TESTO ADOTTATI ALTRO MATERIALE DIDATTICO Calvani V., Spazio storia, voll.2 e 3, Ed. A. Mondadori Fotocopie da altri testi, fonti storiche e storiografiche, articoli di giornale, filmati di Rai storia,film. SPAZI - LABORATORI - TECNOLOGIE UTILIZZATE Aula, aula video, laboratorio informatica. TIPOLOGIA DI VERIFICA ORALE ADOTTATA CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Interrogazioni brevi e lunghe, domande dal posto, analisi dei documenti. Per la valutazione si è fatto riferimento al Regolamento sulla Valutazione, redatto dalla Commissione interna alla luce di quanto richiesto dal DM n. 122, 22 giugno 2009 e alla delibera del Collegio dei docenti per la valutazione degli studenti. I criteri fondamentali presi in considerazione sono stati: pertinenza della risposta,conoscenza degli argomenti, esposizione chiara, corretta e coerente, uso di lessico specifico; capacità di argomentazione, capacità di analisi e di sintesi, capacità di cogliere i nessi causaeffetto nei fenomeni storici e di confrontare eventi/fenomeni, capacità di analisi ed interpretazione dei fatti storici e di collegamento con questioni di ordine sociale ed economico; capacità di utilizzare la conoscenza del passato per una lettura consapevole del presente. I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 31

32 TIPOLOGIA DI VERIFICA SCRITTA ADOTTATA Relazione su un determinato argomento. CRITERIO DI VALUTAZIONE IMPIEGATO Pertinenza, conoscenza dei contenuti, chiarezza espositiva, organicità delle argomentazioni, evidenza di nessi causa-effetto, contestualizzazione di eventi e fenomeni. OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI Nel complesso la classe ha mostrato interesse verso la disciplina e partecipazione alle lezioni; globalmente gli obiettivi previsti sono stati raggiunti. L impegno e la costanza nello studio, l assiduità della frequenza alle lezioni non sono stati per tutti di uguale misura; ciò, unitamente alle capacità di ognuno e al grado di partecipazione al dialogo educativo, ha determinato il raggiungimento degli obiettivi secondo livelli diversificati: alcuni allievi hanno raggiunto un livello ottimo/eccellente: possiedono conoscenza completa o approfondita degli argomenti di studio, sanno operare efficacemente analisi, sintesi, collegamenti; hanno acquisito buone/ottime capacità nell esposizione e nell uso del lessico specifico; comprendono le fonti e ne sanno ricavare informazioni; sanno analizzare eventi e fenomeni storici in modo completo ed interpretarli alla luce dei diversi fattori che li hanno determinati; sanno operare collegamenti con altre discipline; hanno capacità critiche e di rielaborazione personale; alcuni allievi hanno raggiunto un livello discreto/buono: possiedono conoscenze chiare e sostanzialmente complete dei contenuti disciplinari;sanno collocare eventi e fenomeni nel loro contesto; si esprimono in modo organico,usando un linguaggio corretto e con una certa padronanza del lessico specifico; sanno formulare giudizi su un determinato argomento; alcuni allievi hanno raggiunto un livello sufficiente: sanno illustrare in modo essenziale i principali fatti storici, esprimendosi con linguaggio abbastanza appropriato; sanno collocare cronologicamente eventi e fenomeni. Penne, 6 maggio 2015 Il docente Delia Palizzi I.T.S. G.Marconi Penne Documento 15 maggio Classe V sez. A corso AFM Pagina 32

PIANO DI LAVORO COLLEGIALE A.S. 2014 2015

PIANO DI LAVORO COLLEGIALE A.S. 2014 2015 1 ISTITUTO TECNICO STATALE "G. MARCONI" PENNE (PE) PIANO DI LAVORO COLLEGIALE A.S. 2014 2015 Consiglio della classe Indirizzo Coordinatore V sez. A Amministrazione, Finanza, Marketing Fernando Morelli

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ALLEGATO N AL VERBALE N. PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI ANNO

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò CAPITOLO 2 L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Indirizzo: Relazioni Internazionali Indirizzo:

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana

Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Docente :Iacolare Rosa - Classe V sez. A TITOLO: Le linee evolutive essenziali della letteratura europea dell'ottocento

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La Classe si presenta disomogenea

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI Monte ore annuo 132 66 MODULO DI RACCORDO MODULO DI RACCORDO Il testo poetico: introduzione Il tramonto della Repubblica OBIETTIVI OBIETTIVI Gli obiettivi

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "8 MARZO K. LORENZ" Via Matteotti, 42A/3-30035 Mirano - Venezia Tel. 041430955 Fax 041434281 C. F. 90164450273 e-mail: veis02800q@istruzione.it info@8marzolorenz.it pec:

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli