Innovatori per passione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovatori per passione"

Transcript

1 3/ Spedizione in abbonamento postale 70% - Filiale di Ancona - III Trimestre Anno XXIII EDITORIALE STATO DELL ARTE DELLA NORMATIVA REGIONALE SULLO SMALTIMENTO E LA RIUTILIZZAZIONE DEI REFLUI OLEARI Come segno di una crescente attenzione al problema dello smaltimento e riutilizzazione dei sottoprodotti del processo di estrazione dell olio di oliva, il MIPAAF ha emanato nel luglio 2005 un Decreto riportante Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e degli scarichi dei frantoi oleari. Il decreto stabilisce l esclusione di taluni terreni dalle attività di spandimento dei reflui e fissa la capacità dei contenitori di stoccaggio, il carico massimo spandibile, le modalità di spandimento (tra cui l obbligo di adeguati accorgimenti per limitare odori e aerosol) e indica la documentazione necessaria e gli obblighi burocratici per poter procedere alla riutilizzazione agronomica dei reflui (comunicazione preventiva, documento di trasporto, estratto annuale). Rimanda invece alle competenze delle singole Regioni per l esclusione di altre tipologie di terreni, la variazione secondo precise esigenze locali del periodo di stoccaggio dei reflui, la capacità dei contenitori e i tempi di adeguamento dei contenitori esistenti. Le Regioni, inoltre, possono prevedere semplificazioni nella comunicazione preventiva e nei documenti di trasporto, fissandone i tempi di conservazione presso il frantoio e la redazione di altra documentazione non prevista dal DM (Registro di molitura, Piano di spandimento). Sono infine fissati dalla Regione i controlli sul campo e le eventuali sanzioni. A circa due anni dall entrata in vigore, il decreto è stato recepito da 9 Regioni su 20, con Delibera del Consiglio Regionale (Basilicata), della Giunta Regionale (Toscana, Umbria, Campania, Calabria e Sardegna), con Decreto Assessoriale (Sicilia) e con legge regionale (Emilia Romagna e Lazio). Nelle Regioni Molise, Liguria, Lombardia e Puglia la nuova normativa regionale dovrebbe entrare in vigore entro la prossima campagna olearia 2007/08, si dovrà aspettare invece fino al 2008 per Marche e Veneto. Dott. Elisa Venturi PRIMO PIANO NELLA GDO CRESCONO GLI OLI BIO La Cina sta crescendo a ritmi vertiginosi e c è motivo di credere che continuerà così per i prossimi 20 anni. E con il benessere economico cresce l attenzione ai problemi della salute e della buona alimentazione. Non bisogna dimenticare che nella cultura cinese il cibo è considerato la grande medicina del corpo e che la salute viene prima del gusto. Così si spiega la scoperta e la valorizzazione dell olio d oliva che, con la sua altissima percentuale di polifenoli, è percepito come una sostanza preziosa per le sue proprietà antiossidanti. Oggi la Cina è in prima fila tra i mercati in forte crescita sul fronte dei consumi con un import pari a t e cresce di oltre il 50% annuo. Il mercato cinese dell olio di oliva vede come primo fornitore la Spagna con l 80-85%, mentre la quota restansegue a pag. 8 IL PLUS DELLE INFORMAZIONI AGGIUNTIVE IN ETICHETTA La disciplina delle informazioni che possono essere indicate in etichetta per mettere in evidenza eventuali caratteristiche specifiche dell olio commercializzato, è fissata dall art. 5 del regolamento 1019/2002. Le indicazioni relative alle caratteristiche dell olio - come prima spremitura a freddo per oli ottenuti con sistemi di estrazione tradi- Secondo i dati Iri Infoscan, nel corso del 2006 le referenze di prodotti a marchio Dop e Igp nel canale della grande distribuzione hanno raggiunto il valore del 15,8%. Tuttavia, sul piano delle vendite, nel corso di un anno particolarmente significativo per l aumento generalizzato dei prezzi, le scelte del consumatore si sono orientate in particolare verso l olio extravergine biologico, che si è rivelato il vero protagonista sia sul piano delle vendite sul mercato interno che per l export (+27%). Certamente un ruolo non secondario è svolto dal fattore prezzo poiché, rispetto al prodotto convenzionale, il plus di premio per l olio biologico è, secondo i dati Iri Infoscan, del 14,5%, mentre il prodotto Dop e Igp ha un indice di incremento dell 85,4%. Inoltre, nel vissuto del consumatore, soprattutto di quello estero, è radicato il principio che tale produzione rappresenti un valore aggiunto perché rispettosa dell ambiente, del territorio e della qualità. In realtà si tratta di una fotografia poco realistica, perché non esiste alcun legame tra produzione biologica e origine della materia prima e tanto meno vi sono riferimenti a standard qualitativi, così zionale o estratto a freddo per oli ottenuti con sistemi di estrazione per centrifugazione della pasta di olive - sono riservate agli oli vergini ed extravergini, ottenuti con processi estrattivi che non superano la temperatura di 27 gradi centigradi. Per riportare queste indicazioni, occorre rispettare alcuni obblighi stabiliti dall Ispettorato centrale repressione frodi, documentando, per ogni partita di olive lavorate, la veridicità delle dichiarazioni. I frantoi hanno l obbligo di comunicare annualmente l inizio dell attività alla sede territoriale dell Ispettorato e a riportare nella comunicazione il tipo di impianto e il relativo sistema di rilevamento e registrazione della temperatura adottato. Nel caso si intenda indicare l acidità, non ci si potrà limitare all indicazione generica che l olio è a bassa acidità riportando un generico valore percentuale, ma occorrerà indicare l indice dei perossidi, il tenore in cere e i valori spettrofotometrici (K232, K270, Delta K) determinati mediante l applicazione dei metodi ufficiali di analisi. segue a pag. 8 BOOM DELL OLIO D OLIVA IN CINA DAL MONDO te è divisa tra Tunisia, Portogallo, Italia, Grecia e Usa. Tuttavia la politica agricola di Pechino punta all autosufficienza: la prima produzione degli oliveti che sono stati impiantati si avrà fra cinque anni. L export di olio d oliva italiano in Cina è cresciuto dal 2004 al 2005 del 156%, il prodotto italiano è molto conosciuto ed apprezzato, lo si è constatato anche alla seconda edizione di China SUCCESSO DEL FRANTOIO FRANCI A OIL CHINA Il 2007 ha portato al Frantoio Franci di Montenero d Orcia la medaglia d oro alla seconda edizione del China International Olive Oil Competition, concorso aperto agli extravergine di tutto il mondo con una produzione non inferiore alle bottiglie da 0,75 l. Il riconoscimento è stato ottenuto dall extravergine Villa Magra dei Franci, al quale è andato anche il primo premio ex-aequo per il packaging e il secondo premio ex-aequo per l etichetta. CONTENITORI PER OLIO CATTOLICA (RN) TEL FAX Olive Oil Competition, dove ha ottenuto menzioni e premi. Ma questo non basta. Occorre far leva sulla percezione dell olio italiano come prodotto di alta qualità e attuare una forte attività di promozione per far capire ai cinesi che l olio made in Italy è una vera e propria eccellenza gastronomica con contenuti salutistici superiori (maggiore contenuto di flavonoidi, quindi maggiori proprietà antiossidanti). Un aiuto può venire dal successo della cucina italiana, che può fare da traino ai consumi, ma occorre anche sviluppare una precisa strategia di valorizzazione che faccia conoscere l olio italiano con degustazioni, assaggi e consigli d uso, ma soprattutto con una politica di esportazione univoca e con l offerta di un prodotto 100% italiano. Gruppo Innovatori per passione 1

2 I PROTAGONISTI L ANGOLO DEL BUON OLIO QUALITA E TRADIZIONE SULLE COLLINE RIMINESI Le dolci colline dell entroterra della provincia di Rimini, accarezzate da un clima reso mite dalla vicinanza del mare, creano un ambiente estremamente favorevole all olivicoltura. La provincia di Rimini è storicamente quella più vocata alla coltivazione dell olivo, in particolare nelle valli del Rubicone, del Savio e del Conca. In quest area ricca di colline ben esposte, seppure geograficamente limitata, la moderna olivicoltura si sta espandendo all insegna della qualità, con una produzione di olio abbondante e di buon livello. La Commissione Ue ha accolto già nel 2003 la richiesta di riconoscimento della D.O.P. Colline di Romagna per l olio extravergine di oliva prodotto sui territori delle province di Rimini e Forlì-Cesena, un marchio che assume particolare rilievo per la provincia di Rimini, che attualmente conta per il 70% dell intera produzione di olio dell area Dop. A Cerasolo Ausa di Coriano la famiglia Pasquinoni si tramanda di generazione in generazione l esperienza, la passione, l amore per quello ne, che influenzerebbero negativamente la qualità delle olive. La frangitura avviene a temperatura sempre inferiore o uguale a 27 C con un moderno impianto a ciclo continuo dotato di sistema di defogliazione e lavaggio e l olio ottenuto viene conservato in cisterche Omero chiamava oro liquido, per ottenere un olio extravergine di oliva di eccellente qualità. Sviluppato su una superficie di 2600 mq, di cui 600 coperti, l Oleificio Pasquinoni ha ricevuto la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2000 per la trasformazione delle olive e il confezionamento di olio extravergine di oliva. Quindi tutte le fasi, dall acquisto della materia prima alla lavorazione delle olive, alla produzione di olio, alla consegna del prodotto finito sono regolate da procedure che permettono di verificare il grado di qualità raggiunto. La tradizionale sapienza nella selezione delle olive, nella frangitura e conservazione fa sì che vengano adottati tutti gli accorgimenti che, fondendosi, danno vita ad un olio extravergine di élite. Si parte dalla raccolta del frutto, che avviene a corretta maturazione, quando la drupa è di colore verde-bruno, per brucatura a mano o con agevolatori meccanici supportati da grandi reti sollevate da terra al fine di non lacerare l epicarpo ed evitare attacchi fungini che danneggerebbero la qualità della materia prima. Si procede poi in tempi brevissimi alla trasformazione per evitare fenomeni post-raccolta di respirazione e traspirazione di acciaio inox sotto azoto, a temperatura controllata, per mantenerne invariate le caratteristiche organolettiche. L Oleificio Pasquinoni lavora circa quintali di olive delle varietà Correggiolo tipica dell area riminese oltre che Leccino, Canino, Moraiolo, Dritta, Peranzana, che vengono reperite anche in Umbria, Lazio, Abruzzo e a San Severo di Puglia. L olio prodotto, circa 2000 quintali, è esclusivamente extravergine con valore di acidità sempre inferiore allo 0,3% e viene messo in commercio in bottiglie da 0,10 0,250 0,500 0,750 e 1 litro e in lattine da 5 litri per essere venduto a privati consumatori e a punti vendita di prodotti specializzati in alta gastronomia e finire quindi sulle tavole di raffinati conoscitori. I marchi con cui l Oleificio Pasquinoni è presente sul mercato degli extravergine sono: Delicato al Palato dal sapore delicato e rotondo, arricchito da leggere fragranze erbacee, un grado di acidità inferiore a 0,2, ideale per chi ama i gusti raffinati; Le Quattro Regioni, un cocktail di olio di alta qualità, ricco di aroma e profumo, prodotto con olive provenienti da Romagna, Lazio, Umbria, Abruzzo; Mosto contraddistinto da retrogusto mandorlato e profumati richiami erbacei che accendono con una nota di eleganza anche i piatti più semplici e permettono di utilizzarlo come perfetto ingrediente anche in pasticceria; Armonico il cui aroma lievemente pungente, il retrogusto mandorlato arricchito da una nota erbacea di carciofo ancora tenero e l elevata concentrazione di componenti fenoliche antiossidanti, ne fanno il Principe fra gli Extravergini; Arimolio ottenuto da una miscela di olive provenienti dall area dei Colli Riminesi, il miglior extra vergine in assoluto per fragranza, sapore, caratteristiche organolettiche e nutrizionali anche al palato dei più esperti assaggiatori; Fior Fiore l extravergine d autore, ottenuto con sistemi tradizionali estraendo solo la parte più nobile dell olio, degno di riportare un marchio registrato (brevetto n /88 del 21/11/88). Di limitata produzione ed acquistabile solo su prenotaziuone, si presenta confezionato a mano in delicate bottiglie in vetro scuro rigorosamente numerate. Ultimi, ma non per questo meno importanti, l extravergine Colline di Romagna Dop, la cui eccellente qualità è assicurata da un severo disciplinare di produzione, ottenuto da antiche e tradizionali varietà di olivo locali, di cui 60% Correggiolo, e l extravergine biologico Bontà e Salute prodotto con olive selezionate prive di trattamenti chimici e pesticidi, che mette al primo posto la salute dell uomo e dell ambiente in cui vive. Colline di Romagna Dop ha ricevuto il Diploma di merito quale migliore Dop italiana presso il Banco di Assaggio delle Dop Italiane di Firenze, promosso dal Consorzio olio Dop Chianti Classico. Un riconoscimento che conferma la filosofia dell Oleificio Pasquinoni di offrire ai propri clienti prodotti controllati e genuini, realizzati con i più moderni sistemi di lavorazione, ma trattati sempre nel rispetto della tradizione e dell amore per le cose buone. SCHEDA TECNICA OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SPONTANEO Altitudine media degli oliveti: 100 metri s.l.m. Acidità libera (% di acido oleico): inferiore a 0,3 Colore dell olio: giallo oro con riflessi verdi Profumo dell olio: di oliva con sentori di mandorla e foglia Sapore dell olio: fruttato medio/leggero Varietà olive utilizzate: Cellina di Nardò e Ogliarola Salentina Periodo di raccolta delle olive: fine ottobre/inizio novembre Stato di maturazione alla raccolta: olive appena invaiate Metodo di raccolta: con scuotitori meccanici Metodo di molitura: frantoio a ciclo continuo completamente a freddo Tipo di confezioni disponibili: lattine e bottiglie di vari formati Sistema di autocontrollo igienico-sanitario: manuale di autocontrollo HACCP Punteggio di autostima del produttore (da 1 a 10): 10 Gli oli extravergini della ditta Cazzetta hanno i seguenti sbocchi commerciali: ITALIA Al dettaglio: famiglie, alta ristorazione, hotel, punti vendita gourmet All ingrosso: distributori nazionali ESTERO Importatori e distributori in Svizzera, Germania, Inghilterra, Belgio, Canada, Giappone e ora anche Cina. Raccogliendo l eredità di famiglia che si tramanda da 4 generazioni, i fratelli Raffaele e Roberto Cazzetta guidano e gestiscono l attività di un gruppo che comprende l Oleificio Cazzetta, le aziende agricole forti di olivi su 300 ettari di terreno e la srl Terra d Otranto, per l imbottigliamento e commercializzazione dell olio. La produzione è suddivisa nelle qualità: Spontaneo, Prezioso, Masseria QuattroMacine, Biologico. Terra d Otranto srl - Via San Nicola Palmariggi (LE) - Tel/Fax : SICMA srl di Carchedi Francesco Costruzione macchine per la raccolta delle olive 2 Ciarlariello Gianluca industria produzione fiscoli diaframmi per frantoi oleari Montesilvano spiaggia (PE) - Italy Via Vezzola, 10 - Tel. e Fax 085/ Magazzino Zona Industriale Elice Pescara - Italy - Tel. 368/ ONORE AL MERITO L ORO DEL SALENTO 2007 Il prestigioso Concorso per oli extravergini di oliva di qualità L Oro del Salento ha conferito l Attestato d Eccellenza per la categoria Fruttato Medio all azienda TERRA D OTRAN- TO di Palmariggi (LE) per gli oli Spontaneo e Prezioso, mentre l olio extravergine Masseria Quattromacine ha ottenuto la Menzione di Qualità per la categoria Fruttato Leggero. I premi sono stati attribuiti da un gruppo di Panel Test su 50 partecipanti. SICMA srl - C.da Callipo Z.I ACCONIA (CZ) - ITALY Tel Fax

3 PRIMO PIANO OPERAZIONI COLTURALI AUTUNNALI: LA RACCOLTA IMPIANTI PILOTA PER LA VALORIZZAZIONE DEI RESIDUI DELLE OLIVE I mesi autunnali sono i mesi durante i quali si deve procedere, per la maggior parte delle varietà, alla raccolta delle olive da olio. Raccomandiamo di preparare tutti gli attrezzi e lo stesso oliveto per tempo, affinché la raccolta sia rapida e facile compatibilmente con la forma e la dimensione delle piante. Le scale. Se dovete acquistarne, sceglietele leggere, facili da spostare e, se il terreno ne consente l impiego, di quelle a tre piedi che offrono la massima sicurezza al raccoglitore. Se dovete procurarvi delle scale a pioli acquistatele omologate in modo da ridurre al minimo i rischi. Pulire il terreno. Dovendo stendere a terra teli o reti per farvi cadere le olive, ogni ostacolo crea difficoltà e quindi ritardi in tutta l operazione. Le pinze o i pettini o i rastrellini per agevolare il distacco delle olive sono in numero sufficiente? Sono in buone condizioni e adatti alle varietà che possedete? Per esempio le pinze potrebbero chiudersi troppo e provocare un forte distacco di foglie; oppure chiudersi poco rispetto al diametro medio delle olive e non riuscire a staccarle. Se utilizzerete i vibratori ad aria compressa, assicuratevi per tempo del buon funzionamento del compressore. Assicuratevi inoltre che i teli o le reti non abbiano fori o lacerazioni attraverso le quali le olive potrebbero uscire. Qualcuno potrà sorridere di queste pignolerie ma, ripetiamo, occorre evitare in tutti i modi qualunque situazione che possa causare ritardi all operazione di raccolta. Non dimenticate che questa avviene in un periodo dell anno in cui sono probabili piogge, le quali potrebbero costringervi a sospendere per qualche tempo il lavoro; perciò, se volete portare le vostre olive al frantoio tutte insieme, dovrete conservare per alcuni giorni quelle raccolte prima della pioggia. Preparate quindi cassette di legno oppure di plastica (in questo caso con pareti forate), o stuoie nelle quali, o sulle quali, stendere le olive in leggero strato (8-10 cm al massimo), in un locale freddo e asciutto. Durante la raccolta, a seconda della varietà degli attrezzi che usate, è probabile che con le olive cadano molte foglie. La presenza di queste nella massa, prima della frangitura, esercita un effetto positivo poiché permette una migliore circolazione dell aria nella massa stessa. Però alla frangitura sarà bene che le foglie risultino presenti nella minore misura possibile, se non addirittura assenti, altrimenti potrebbero pregiudicare il mantenimento della qualità dell olio. Assicuratevi perciò che il frantoio a cui porterete le olive sia provvisto dell attrezzatura necessaria all eliminazione delle foglie, altrimenti dovrete provvedere ad eseguirla voi stessi. Cercate di prendere presto accordi con il frantoiano, non solo per il problema delle foglie ma anche perché, nei limiti del possibile, il vostro prodotto sia lavorato a brevissima scadenza dalla consegna. In annate di forte produzione nella zona potrebbe succedere che le olive, in mancanza di preventivi accordi, debbano restare ferme nel frantoio per più di un giorno. In questo caso è meglio che le conserviate presso di voi. Per agevolare il trasporto al frantoio potrete mettere le olive in sacchi di juta (evitare assolutamente i sacchi di plastica), ma badate bene che poi i vostri sacchi vengano vuotati al più presto e non ammassati con altri nel caldo locale del macchinario. Poche ore in queste condizioni potrebbero rendere vani tutti gli accorgimenti che avete adottato fino a quel momento. Circa il macchinario per la frangitura, è importante che sia pulito e, nel caso di impianto a ciclo continuo, che la temperatura della pasta nella gramolatrice non superi il C. (Fonte: APROL) L Associazione Laziale Frantoi Oleari Filiera Olivoleica (ALFO) riunisce associati operanti sul territorio laziale che producono il 70% del totale della biomassa vegetale della filiera olivoleica. ALFO sta realizzando un programma di durata triennale per la valorizzazione delle olive da tavola nella Regione Lazio, in quanto ha avuto dalla stessa regione il riconoscimento come altra Organizzazione di Produttori ai sensi del Reg. Cee 2080/05. Il progetto, in corso di realizzazione, prevede la valorizzazione dei sottoprodotti olivicoli: sansa di olive e acqua di salamoia. Con questo programma l Associazione diventa protagonista di nuovi scenari operativi legati alla produzione dell energia rinnovabile e al riuso dei residui olivoleici per la creazione di prodotti da destinare all alimentazione animale. L obiettivo principale del progetto è la creazione di un elemento di aggregazione fra il sistema agricolo (produttore dei residui vegetali) il sistema della media impresa (l impresa di trasformazione: il frantoio) ed il sistema ambientale (il territorio) fruitore dei benefici. In estrema sintesi il progetto prevede la valorizzazione dei sottoprodotti della filiera (sansa e acqua di salamoia), mediante successive trasformazioni e processi che vengono effettuati da due impianti prototipali, appositamenti messi a punto per le finalità del progetto. Il primo impianto per la valorizzazione della sansa, prevede il trattamento mediante un processo di essiccazione della sansa tal quale, proveniente da impianti di estrazione dell olio d oliva a tre fasi con tenore di umidità intorno al 40-50%. L impianto, inoltre, sarà testato per il trattamento della sansa con maggiore tenore di umidità (60-65%) proveniente da impianti a due fasi che non producono acque di vegetazione; anche in considerazione del fatto che tale processo di estrazione potrebbe essere nel prossimo futuro la linea di tendenza più valida per il contenimento dei reflui oleari. Il prodotto ricavato dal processo sarà destinato ad alimentare centrali a biomassa per la produzione di energia elettrica e calore. L impianto è dotato di moderni sistemi accessori per il contenimento dell impatto ambientale (emissione di fumi ed odori) e una volta entrato a regime produttivo sarà certificato in base alla norma ISO e sarà ubicato in provincia di Latina. Il secondo impianto prevede la realizzazione di una struttura per il contenimento dell impatto ambientale delle acque reflue di salamoia del ciclo di produzione delle olive da tavola. Tali acque hanno notevoli costi di smaltimento, in quanto non rientrano, ai sensi delle normative ambientali vigenti, tra i reflui che possone essere smaltiti nel normale circuito di depurazione degli impianti civili. In particolare si prevede di evaporare in un circuito di aria forzata a temperatura ambiente le acque di salamoia. Il procedimento fisico (evaporazione adiabatica) avviene all interno di un tunnel, dove a seguito dell evaporazione avverrà la separazione della parte liquida che evapora in atmosfera dalla parte solida che sarà recuperata ed utilizzata per il settore mangimistico come integratore alimentare per il contenuto di sali e sostanze organiche. L impianto sarà ubicato in provincia di Roma. Dai risultati che scaturiranno da questo programma con la messa in funzione degli impianti, verificabili anche nel breve periodo (prossimi 12 mesi), l ALFO intende replicare le esperienze in altri ambiti provinciali della Regione Lazio. Ciò al fine di ottimizzare gli aspetti della mobilità dei prodotti, anche nella logica di interessare i territori produttori al processo di gestione della chiusura della filiera (prodotto agricolo, trasformazione, commercializzazione, valorizzazione dei residui, produzione di energie rinnovabili). La Pieralisi partecipa al progetto come fornitore a titolo gratuito dell impianto di essiccazione della sansa. 3

4 CAMPAGNA OLEARIA 4 LA NUOVA DOP TERGESTE Anche il Friuli Venezia Giulia avrà la sua Dop, che si chiamerà Tergeste dal nome latino di Trieste. L olivicoltura della regione è in fortissima espansione e le prossime campagne potrebbero far registrare ulteriori balzi in avanti grazie all entrata in produzione dei molti nuovi uliveti. Nel 2006 sono stati circa i quintali di olive raccolte su un centinaio di ettari di impianti produttivi, per una produzione intorno ai 600 quintali di olio extravergine. Punto di forza della nuova Dop è la pregiata varietà autoctona Bianchera (o Belica in sloveno), una pianta molto resistente che nei secoli si è adattata perfettamente al clima e al terreno, sviluppando una forte capacità di adattamento alle condizioni climatiche locali, caratterizzate dalla presenza degli aerosol marini e degli sbalzi di temperatura causati dalla Bora. Il disciplinare della Dop ne prevede una quantità minima e sufficiente pari al 20%. L oliva, di colore verde chiaro, ha una resa superiore al 18% ed una concentrazione di acido oleico intorno al 75-78%, in linea con i valori medi degli oli dell Italia settentrionale. Numerose ricerche hanno rilevato che l olio di NORMATIVE Bianchera possiede la più alta concentrazione di polifenoli totali rispetto alle altre varietà classiche, con un valore medio di 200 mg pro chilo. L elevata presenza di antiossidanti contribuisce alla buona conservabilità dell olio e ne accentua i benefici per la dieta umana. All analisi sensoriale l olio extravergine Dop Tergeste presenta un aroma fruttato intenso e un sapore con spiccate note amare e piccanti. L AGRICOLTORE CHE COLTIVA MANUALMENTE IL FONDO DEVE ISCRIVERSI ALL INPS L imprenditore agricolo professionale è quel soggetto che svolge la sua professione in ambito delle attività agricole definite dall art.2135 c.c. e che trae da esse almeno il 50% del suo reddito, vi presta almeno il 50% del suo tempo e che abbia le capacità professionali ai sensi dell art. 5 del Reg.Ce 1257/1999. Ai fini del computo del calcolo del cinquanta per cento del reddito non valgono, e quindi non devono essere computate nel calcolo, alcune fattispecie reddituali: pensioni; gli assegni, le somme o le indennità percepite per l espletamento di cariche pubbliche; i compensi anche sotto la forma di co.co.co. relativi a cariche in società, organismi, enti e associazioni del settore agricolo. L iscrizione alla gestione coltivatori diretti non è facoltativa, ma obbligatoria, quindi l imprenditore che coltiva manualmente il fondo deve iscriversi all apposita gestione Inps, anche se già pensionato. (Fonte: Terra e Vita) ULIVI OGM, RIPARTONO I TEST IN CAMPO Il Ministro delle politiche agricole ha firmato nove protocolli per dare il via alla sperimentazione in campo delle varietà geneticamente modificate. I protocolli, concertati con il Ministero dell ambiente e le Regioni ed ispirati alla massima precauzione, riguardano colture che hanno uno spazio significativo in Italia, quali la vite, l ulivo, il pomodoro e la melanzana. Le sperimentazioni mirano a rendere le varietà più resistenti ai virus o alle avversità meteorologiche, ad arricchirne le proprietà nutritive, a migliorarne le caratteristiche agronomiche. Con questa scelta del Mipaaf potrebbero ripartire gli investimenti nella ricerca scientifica una necessità fondamentale per la salvaguardia dei nostri prodotti tipici e per giocare un ruolo di primo piano sul fronte dell innovazione e della competitività internazionale. ALLA CONQUISTA DELLA FRANCIA Il mercato francese è terra di conquista per entrambi i paesi confinanti, produttori di olio d oliva: Spagna e Italia, dal momento che la produzione interna non è sufficiente a coprire la domanda. Il consumo di olio d oliva a tavola non fa parte della tradizione alimentare francese, fatta eccezione per alcune regioni del sud, che ne sono anche produttrici. Tuttavia, anche in Francia il prodotto è andato sempre più prendendo piede grazie alle sue connotazioni salutistiche e l interesse dei consumatori francesi si è indirizzato negli ultimi anni verso la categoria degli extravergini. Attualmente le importazioni di olio dalla Spagna sono nettamente preponderanti rispetto ai volumi provenienti dall Italia: le stime 2006/07 parlano di tonnellate contro circa. C è da dire che una parte consistente dell olio d oliva spagnolo è importato sfuso e imbottigliato in loco per essere messo in vendita spesso con etichetta francese. L Italia invece è presente con numerose marche di extravergine e copre il segmento di mercato più attento all immagine di qualità, posizionandosi anche su un livello di prezzo più elevato del prodotto spagnolo. In questo quadro il principale concorrente dell olio d oliva italiano è rappresentato piuttosto dalle Dop locali, di cui alla Francia ne sono state riconosciute ben cinque: Aix-en- Provence, Haute Provence, Vallée de Baux de Provence, Nice e Nyon. Per conquistare il mercato francese, quindi, occorre impiegare strategie e PREVISIONI 2007/08 ITALIA VENETO LOMBARDIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA LAZIO UMBRIA MARCHE ABRUZZO MOLISE CAMPANIA FOGGIA BARI BRINDISI LECCE TARANTO BASILICATA (MT) COSENZA CATANZARO/KR/VV REGGIO C. SICILIA OR. SICILIA OCC. SARDEGNA SCARSA MEDIA DISCRETA BUONA OTTIMA risorse a sostegno dell immagine di livello superiore del prodotto italiano rispetto all olio iberico. TEAS SERVICE Assistenza Tecnica e Ricambi Originali AUTOMATISMI INDUSTRIALI PER SEMPLIFICARE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI RISPARMIANDO ENERGIA TEAS SERVICE di SACCO p.i. IMMACOLATO VINCENZO loc. Mortilla Gizzeria (CZ) tel fax cell DAL MONDO Cosenza Gizzeria Crotone Catanzaro Vibo Valentia Reggio Calabria LA CAPSULA Capsule e chiusure per bottiglie d olio, vino, spumante e liquori LA CAPSULA Corso Europa, 283/b Cassano d Adda (Milano) Italia Tel. 0363/ Fax 0363/ ESTERO ALGERIA CROAZIA EGITTO FRANCIA GIORDANIA GRECIA ISRAELE LIBANO LIBIA MAROCCO PORTOGALLO SIRIA TUNISIA TURCHIA SPAGNA CATALOGNA LEVANTE MANCIA NORD MANCIA SUD ESTREMADURA ANDALUSIA OR. ANDALUSIA OCC. Capsules and closures for bottles of olive oil, wine, sparkling wine and spirits SCARSA MEDIA DISCRETA BUONA OTTIMA

5 CURIOSITA SOLIVOIL, OLIO EXTRAVERGINE SOLIDO Solivoil ha la consistenza di una crema e si può spalmare come il burro, ma è puro olio extravergine di oliva. Lo ha brevettato Paolo Bonazelli, titolare del Frantoio del Trionfo di Cartoceto, nelle Marche, e l olio extravergine liquido è il suo unico ingrediente: lo stato solido è infatti ottenuto senza alcuna manipolazione chimica né frazionamento. Si conserva in frigorifero, il che ne rallenta enormemente il fisiologico degrado chimico e organolettico. L innovativo prodotto può essere utilizzato in tutti gli impieghi tradizionali dell olio liquido ed è un salutare sostituto di burro, strutto e margarina, rispetto ai quali presenta un elevata digeribilità anche dopo la cottura e mancanza di colesterolo. chiate), la temperatura può aumentare fino a raggiungere valori tali da favorire alterazioni a carico di costituenti del frutto e in particolare dell olio. Ne consegue che le olive vanno conservate in strati non superiori a cm, sia per evitare di dovere occupare superfici molto lungo tutto il percorso produttivo: dalle problematiche del processo estrattivo all attuazione di semplici norme igieniche nell ambiente in cui si lavora. La frazione lipidica dell oliva è fondamentalmente rappresentata da trigliceridi, ossia da esteri della glicerina con acidi grassi. La liberazione più o meno accenestese, sia per consentire una più facile circolazione dell aria tra gli strati delle olive. dalla mondatura e cernita per eliminare le impurezze. dal lavaggio, particolarmente importante quando le olive sono sporche di terra. La presenza di argilla, infatti, può favorire la formazione di emulsioni stabili LA CONSERVAZIONE DELL OLIO DI OLIVA acqua-olio, che rendono più lenta la separazione dell olio dall acqua. Per la salvaguardia delle caratteristiche qualitative dell olio d oliva, vanno poste in atto tutte quelle tecniche operative che, in diversa misura e in maniera opportuna, sono impiegate La qualità dell olio di oliva dipende, innanzi tutto, dallo stato delle olive e, in misura minore, dalla tecnologia seguita nella produzione e dalle condizioni di conservazione. Lo stato delle olive a sua volta dipende: dalla maggiore o minore integrità della drupa, a causa di attacchi parassitari, avversità atmosferiche, metodo di raccolta; dal grado di maturazione, che condiziona la composizione acidica e le caratteristiche organolettiche dell olio; dalle condizioni di trasporto delle olive all oleificio; si deve, infatti, evitare di danneggiare i frutti e sono quindi consigliabili recipienti rigidi e di capacità piuttosto modeste; dalla conservazione in condizioni appropriate, in attesa della lavorazione. I frantoi non sempre sono in grado di iniziare la lavorzione appena ricevono le olive. Occorre, pertanto, che queste possano essere conservate in modo che non si alterino. Difatti, anche se staccato dall albero, il frutto continua a respirare e se il calore svolto dalla respirazione non ha modo di disperdersi (olive ammuc- tuata degli acidi grassi della struttura gliceridica rappresenta indubbiamente la fase preliminare e determinante per l avvio di quell insieme di processi alterativi che demoliscono l assetto qualitativo dell olio di oliva. Ma se la frazione trigliceridica rappresenta la quota più elevata della sostanza grassa dell oliva, è nella frazione non saponificabile dell olio estratto che risiedono alcuni costituenti utili alla difesa dalle alterazioni e, quindi, al mantenimento della sua stabilità biologica. Tali costituenti, ascrivibili a un gruppo di sostanze fenoliche, svolgono un ruolo proficuo per la conservazione dell olio. Nell olio d oliva, infatti, a differenza di altri oli vegetali, nei quali la funzione antiossidante è sostenuta dai tocoferoli, si ha un azione sinergica, che vede nella presenza dei composti fenolici l accentuazione di tale difesa. Ma il contenuto in tocoferoli in un olio, già di per sé variabile in funzione della cultivar di olivo utilizzata, è soggetto a diverse variabili operative, quali: estrazione; conservazione, rettificazione. (Fonte: Aprol Lecce) PRIMO PIANO RECUPERO DEI FENOLI DAI REFLUI OLEARI L Università di Perugia sta portando avanti un progetto di ricerca sulla valorizzazione del contenuto polifenolico delle acque di vegetazione e dei reflui oleari, che potrebbe trasformarli da costo in risorsa. Soltanto il 2% degli antiossidanti presenti nell oliva finiscono nell olio vergine, il resto si disperde con le sanse (40% circa) e le acque di vegetazione (56-57% circa). E evidente quindi l importanza di progetti che puntino al recupero dei fenoli dai sottoprodotti della lavorazione dell olio di oliva, con adeguate tecnologie ed un costo contenuto. Per quanto riguarda il riutilizzo degli antiossidanti fenolici, gli usi potrebbero essere molteplici. Nell industria alimentare potrebbero sostituire le attuali componenti di sintesi, oppure essere utilizzati come stabilizzanti, mentre nell industria farmaceutica potrebbero essere sviluppati sotto il profilo della prevenzione delle patologie cardiovascolari e per la cosmetica. Un ulteriore impiego potrebbe trovarsi nell industria degli alimenti per la zootecnia, come additivi o arricchitori di antiossidanti naturali, con effetti positivi sia sulla qualità del latte che su quella della carne. PRIMO PIANO PROGETTO UE PER L OLIO D OLIVA SALUTE & BENESSERE L EXTRAVERGINE È UN EFFICACE ANTIOSSIDANTE Si chiama INASOOP Integrated Approach to Sustainable Olive Oil & Table Olives Production il progetto finanziato nell am- bito del VI Programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico dell Ue. Il progetto, del valore di circa 1,5 milioni di Euro, di cui 1 milione cofinanziato dall Ue, è coordinato dal Centro per il trasferimento delle tecnologie di Bremerhaven (Germania), un centro di ricerca con importante know-how in materia ambientale. Partecipano al progetto Italia, Grecia, Spagna e Portogallo con il coinvolgimento di 21 partner tra enti di ricerca, associazioni di produttori, Pmi olivicole e imprese di servizi ambientali. Al centro del progetto il riutilizzo dei reflui e le tecnologie per ottimizzare l uso di acqua ed energia al fine di minimizzare l impatto ambientale delle produzioni. In sostanza, il progetto che vede coinvolti i maggiori produttori europei di olio d oliva e di olive da mensa, oltre ad occuparsi dei sistemi per rendere più efficiente l utilizzo di energia e di acqua nel processo produttivo, si incentra sul compostaggio e il riutilizzo di sanse e acque reflue, che ogni anno ammontano a più di 10 milioni di tonnellate nella sola Europa. In linea di principio il progetto non si occupa solo della tecnologia a valle del processo produttivo, ma anche di studiare come produrre un sottoprodotto fruibile per nuovi utilizzi, che non rappresenti soltanto un costo ma crei valore per la filiera. L olio extravergine d oliva è il grasso più indicato per l alimentazione, non soltanto per il suo aroma e il suo sapore, ma anche per l insieme delle sue proprietà, tra le quali in particolare il suo contenuto di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, di vitamina E, di provitamina A e di antiossidanti. La presenza di tocoferoli e polifenoli attribuisce all olio extra vergine di oliva un ruolo importante nell attività antiossidante e anti radicali liberi, limitando l invecchiamento cellulare. 5

6 NORMATIVE DAL MONDO 6 INDICAZIONI OBBLIGATORIE IN ETICHETTA Il Decreto varato dalla Conferenza Stato Regioni Articolo 1 Etichettatura dell olio di oliva vergine ed extravergine 1. Al fine di assicurare la rintracciabilità dell origine dell olio di oliva vergine ed extravergine è obbligatoria l indicazione dello Stato membro o del Paese terzo corrispondente alla zona geografica nella quale le olive sono state raccolte e dove è situato il frantoio in cui è stato estratto l olio. La designazione dell origine a livello regionale è riservata ai prodotti che beneficiano di una denominazione di origine protetta o di una indicazione geografica protetta. Articolo 2 Indicazioni obbligatorie in etichetta 1. L indicazione della zona geografica di coltivazione delle olive, fatta salva la disciplina della designazione d origine per i prodotti Dop e Igp, deve riportare lo Stato membro o il Paese terzo in cui la coltivazione è stata effettuata. In caso di olive non coltivate in un unico Stato membro o Paese terzo, nell etichetta deve essere indicato l elenco di tutti gli Stati o Paesi terzi nei quali le olive sono state coltivate, in ordine decrescente per quantità utilizzate. 2. Qualora le olive siano state coltivate in uno Stato o Paese diverso da quello in cui è situato il frantoio, nell etichetta deve essere riportata la seguente dicitura: La VIII edizione di Frantoi Oleari Aperti promossa dall A.N.F.O., in programma dal 4 novembre al 9 dicembre 2007, ogni sabato e domenica, vedrà protagonista l olio extra vergine d oliva dei frantoi oleari associati Anfo, che hanno fornito anche l olio per la preparazione delle Olio estratto in (indicazione dello Stato o Paese in cui è situato il frantoio) da olive coltivate in (indicazione dello Stato o Paese di coltivazione delle olive). 3. Nel caso di tagli di oli di oliva vergine ed extravergine non estratti in un unico Stato membro o Paese terzo, salvo quanto previsto nei commi precedenti, nell etichetta deve essere indicato l elenco di tutti gli Stati o Paesi terzi nei quali sono stati estratti gli oli. Articolo 3 Controlli 1. I controlli sull applicazione delle disposizioni di cui al presente decreto sono demandati all ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari che, per l esercizio delle relative funzioni, può avvalersi di Agecontrol. I controlli sono estesi a tutte le aziende della filiera interessate. Articolo 4 Sanzioni 1. Per le violazioni delle pizze al Pizzafest di Napoli dal 6 al 16 settembre. La Pieralisi ha sponsorizzato, fra l altro, le seguenti manifestazioni nella regione campana, tenutesi nel corso dei mesi estivi: Corso di approccio alla degustazione dell olio di oliva a Circello (BN) nel- Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato all unanimità primo esempio in Europa una legge che tutela gli ulivi monumentali con multe da 3 mila a 30 mila euro, che possono raggiungere i 250 mila euro in caso di espianto e traffico clandestino. Con questo provvedimento legislativo si mette sotto tutela un patrimonio di almeno 5 milioni di ulivi e si perpetua nel tempo la memoria di un comparto tra i più rilevanti d Italia con oltre 350 mila ettari olivetati, frantoi attivi che trasformano olive ottenute da 53 cultivar sparse in tutta la regione. La legge prevede anche l obbligo per i comuni di imporre vincodisposizioni di cui agli articoli 1 e 2 del presente decreto si applicano le disposizioni previste dall articolo 18, comma 2, del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 e successive modificazioni. Articolo 5 Norme transitorie 1. Il presente decreto entra in vigore decorsi novanta giorni dalla sua pubblicazione. Gli oli etichettati prima di tale data, privi delle indicazioni di cui al precedente articolo 2, possono essere venduti entro i successivi 18 mesi. Articolo 6 Mutuo riconoscimento 1. I prodotti di cui all articolo 1 legalmente fabbricati o commercializzati negli altri Stati dell Unione europea o in Turchia e legalmente fabbricati negli Stati parti dell accordo sullo Spazio economico europeo possono essere commercializzati nel territorio italiano. Tuttavia in attuazione dei principi di cui alla direttiva 2000/13 Ce concernente l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari è vietato commercializzare nel territorio italiano prodotti che non riportino in etichetta le indicazioni di cui all articolo 2 se la mancanza di dette indicazioni è suscettibile di indurre in errore il consumatore in ordine all origine o alla provenienza effettiva degli stessi prodotti. FRANTOI APERTI IN CAMPANIA l ambito della manifestazione Circello: cultura, musica, gastronomia. L appuntamento è stato ripetuto a Montesarchio e Benevento. Convegno di Salerno specifico per i frantoi oleari, dedicato alle opportunità di investimento offerte dal nuovo PSR. Incontro nell ambito della Fiera Agricola di Morcone (BN) sui temi trattati a Salerno. Processo all olio di oliva dal titolo La verginità ha ancora un valore? presso l Università degli studi di Napoli, Facoltà di Farmacia. MAXI SANZIONI IN PUGLIA PER CHI ABBATTE O VENDE ULIVI SECOLARI La fumaggine, che in certi casi arriva a limitare la fotosintesi, ma soprattutto il cicloconio (detto occhio di pavone), si combattono con trattamenti a base di ossicloruro di rame-20 (irritante), dose 1,25 chilogrammi per 100 litri d acqua, spesso ripetuti durante il periodo piovoso. Il cicloconio è praticamente diffuso in ogni zona olivicola ed attacca soprattutto le foglie, dove appaiono le famose macchie scure che ricordano gli occhi disegnati nella coda del pavone (da cui il nome della malattia), ma anche i rametti più teneri con lesioni simili a quelle delle foglie. In comprensori soggetti alle infezioni, il fungo si insedia in seguito ad un periodo di pioggia di circa 2-3 giorni e con una temperatura superiore ai 5 C (la temperatura ottimale è di circa 12 C) ma anche con condizioni di elevata umidità in assenza di pioggia, come avviene nelle zone basse di pianura e nei fondovalle. Di conseguenza, i momenti favorevoli alle nuove infezioni sono abbastanza stagionali: autunno e primavera, anche se nei climi con inverno molto mite (ad esempio lungo la costa siciliana) può non riscontrarsi alcuna stasi invernale. Le foglie infette finiscono con il cadere spesso nell estate successiva e si può assistere pure alla defogliazione totale delle piante a causa di attacchi ripetuti e particolarmente gravi. Il batterio della rogna, che penetra attraverso le lesioni procurate specie da agenti meteorici come vento, li paesaggistici per le aree in cui sono presenti gli ulivi secolari, che saranno iscritti in un Albo e saranno monitorati ogni anno. Inoltre, prevede l istituzione del marchio Olio extravergine degli ulivi secolari che potrà essere utilizzato in associazione a quelli già esistenti Dop e Igp. Gli imprenditori olivicoli proprietari di ulivi monumentali avranno una priorità nell accesso ai finanziamenti regionali, nazionali e comunitari. Le multe, a loro volta, finanzieranno sia il lancio del nuovo marchio che un progetto di promozione turistica e agricola delle piante più antiche. INTERVENTI FITOSANITARI NEI MESI AUTUNNALI MALATTIE ED ORGANISMI PATOGENI PREGIUDIZIEVOLI PER LA QUALITÀ SECONDO QUANTO PREVISTO DAL D.M. 14/4/1997 MALATTIE E ORGANISMI NOME SCIENTIFICO NOCIVI SPECIFICI BATTERI FUNGHI VIRUS E VIRUS SIMILI INSETTI, ACARI E NEMATODI, IN TUTTE LE FASI DI SVILUPPO (Fonte: Agrisole) Rogna dell olivo Verticilliosi grandine e gelo, si può limitare sempre con gli stessi prodotti rameici prima citati ma effettuando irrorazioni tempestive subito dopo l evento che ha provocato lesioni alla chioma (al massimo entro ore). Per la carie, impedite il ristagno della pioggia sul legno Pseudomonas syringae pv. savastanoi Verticillium dahliae Tutti - Rodiscorza dell olivo e del frassino Cocciniglia mezzo grano di pepe Galle alle radici GLI USA TRAINANO I CONSUMI Il trend dei consumi di olio di oliva è in costante aumento. I dati relativi alla campagna 2006/07 mostrano una domanda che si è attestata a quota 2,9 milioni di tonnellate, in crescita del 9,9% rispetto alla campagna precedente. La domanda resta sostenuta negli Stati Uniti, il cui mercato ha messo a segno un ulteriore progresso del 5,1% rispetto all anno precedente e copre ormai un consumo di 226 mila tonnellate. Ma molto importanti sono anche i progressi sul fronte dei consumi di Canada (+15%), Giappone (+10%) e Russia che, pur con riferimento a quantità ancora limitate, ha registrato un balzo del 50%. Molto bene il trend dei consumi anche nel bacino del Mediterraneo, in particolare in Egitto, Libia e Iran che hanno registrato progressi rispettivamente del 20, 22 e 33% rispetto all anno precedente. (Fonte: Agrisole) Euzophera pinguis Saissetia oleae Meloidogyne spp. delle piante e spennellate le ferite più grosse con prodotti rameici, usando i mastici per favorire la cicatrizzazione. Effettuate la necessaria scarificatura (slupatura) delle parti colpite con asportazione del marciume secco ed eliminazione delle zone di ristagno.

7 L OLIVO NELLA PROVINCIA DI CHIETI te realtà produttiva, rappresentando oltre il 50% della produzione regionale; è estesa su circa ettari, con una produzione di circa quintali di olio (elaborazioni Ismea su dati Istat periodo 2000/ /04). Gentile di Chieti Sinonimi: Nostrana. Areale di coltivazione: tipica dell intero territorio olivicolo della provincia di Chieti, è diffusa in particolare nei comuni di Lanciano, Atessa e zone limitrofe. Pianta rustica, si è adattata anche nelle zone interne, fino ad altitudini di m, per buona resistenza ai venti freddi e alle gelate. La pianta è vigorosa, a portamento assurgente. La drupa è di forma ovoidale, di medie dimensioni; il colore dei frutti passa dal verde-giallo, rosarosso vinoso al nero violaceo con la maturazione. Produttività media e costante, Diverse testimonianze storiche e artistiche documentano la presenza dell olivo nella provincia di Chieti già dall XI secolo a.c. Nel periodo della dominazione romana, le misure protezionistiche adottate da Roma favorirono la diffusione dell olivicoltura con il fiorire di numerosi trapetum. Con l inizio delle invasioni barbariche e della dominazione Longobarda, iniziò il declino delle produzioni e dei commerci, ma già a partire dagli ultimi anni del Medio Evo si sviluppò un notevole volume di traffici, compreso quello dell olio, tra i porti abruzzesi e Venezia, la Dalmazia e altri centri della costa adriatica. Durante la dominazione spagnola l agricoltura vide un nuovo periodo di decadenza. A partire dai primi anni del 1800 nacquero le grandi proprietà borghesi e le medie e piccole proprietà contadine; verso la fine del secolo, grazie all insediamento stabile nelle campagne, si ebbe un particolare sviluppo delle coltivazioni arboree, tra cui l olivo. Grazie alle caratteristiche pedoclimatiche e al patrimonio olivicolo autoctono, l olivo in Abruzzo vegeta rigoglioso dalle pendici del Gran Sasso al mare, dalla Majella alla fascia litoranea, passando per le colline dell area frentana e vastese, fino agli altopiani dell aquilano. L olivicoltura nella provincia di Chieti costituisce una importanresa in olio media; epoca di raccolta medio-tardiva. L olio è caratterizzato da un fruttato medio, con sentori di erba e mela, al gusto armonico, di colore giallo-verde. Intosso Sinonimi: Grossa Areale di coltivazione: presente nella provincia di Chieti, soprattutto nelle zone interne e nella zona pedemontana della Maiella. Per mensa si presta ad essere lavorata con sistema sivigliano per la preparazione delle olive verdi in salamoia. Pianta rustica, resistente al freddo, coltivata fino ad altitudini di oltre 600 m in terreni di limitata fertilità; sensibile a mosca e tignola, rogna e carie. La pianta presenta bassa vigoria, portamento mediamente assurgente. Drupe di forma ellissoidale e disforme, talora con umbone, di dimensioni medio-grandi, di colore rosso vinoso a maturazione, raccolte verdi per mensa. Precoce entrata in produzione; produttività medio-bassa ed alternante, resa in olio bassa; epoca di raccolta nella II-III decade di novembre per olio, dalla seconda metà di settembre agli inizi di ottobre per mensa; buona la risposta alla raccolta meccanica. L olio presenta un fruttato medio-leggero, con una buona componente erbacea e floreale; al gusto è abbastanza armonico nelle sue leggere componenti di amaro e piccante, con risvolti erbacei. Altre varietà Nebbio di Chieti (Ordinaria, Nebbia, Gentile): presente nella collina litoranea dal Sangro al Trigno con massima diffusione nel territorio di Vasto e comuni limitrofi. Sensibile alla rogna; si adatta alle condizioni climatiche della fascia litoranea. Drupa di forma ellissoidale, dimensioni medie, colore verde-rosso vinoso alla raccolta, peduncolo lungo. Produttività elevata ma alternante; resa in olio elevata; epoca di raccolta tra I e II decade di novembre. DOP COLLINE TEATINE Interessa la maggior parte dei comuni della provincia di Chieti, da Francavilla a nord fino a San Salvo a sud, arrivando alle quote più alte con i territori di Pretoro, Casoli, Lama dei Peligni. La composizione varietale prevede Gentile di Chieti in misura non inferiore al 50% e Leccino in misura non superiore al 40%; possono concorrere altre varietà in misura non superiore al 10%. La menzione geografica Frentano prevede Gentile di Chieti superiore al 60% e Leccino inferiore al 30%; la menzione Vastese prevede Gentile di Chieti inferiore al 40%, Leccino superiore al 30% e Moraiolo e/o Nebbio superiori al 10%. L olio delle Colline teatine deve presentare colore dal verde al giallo, odore fruttato dal tenue all intenso, sapore fruttato. Frentano: colore verde con riflessi dorati, odore fruttato con sentore erbaceo, sapore fruttato con sensazione leggera di amaro e piccante. Vastese: colore dal verde al giallo, odore fruttato con leggero sentore di foglia, sapore fruttato con sensazione leggera di amaro. Cucco (Olivoce, Francavillese, Olivo del mezzadro, Tonnella, Chietina): varietà a duplice attitudine, è presente prevalentemente nella collina litoranea della provincia di Chieti. Sensibile a mosca e tignola, resistente alla rogna. Produttività medio-elevata ma alternante, maturazione scalare, cascola precoce, scarsa resistenza al distacco, polpa poco consistente; resa in olio medio-alta, con inolizione precoce. Drupa di forma sferoidale, dimensioni medio-grandi, colore dal verde-giallo al rosso vinoso, al nero violaceo. Olio con piacevoli note di fruttato, modesto contenuto in sostanze fenoliche. Si presta bene ad essere lavorata come oliva da mensa con sistema alla greca o sivigliano. Crognalegno (Iannaro, Ghiandaro, Crognalegna, Croccalegna): presente sia nella provincia di Chieti che in quella di Pescara, nella media collina interna, interessante per la buona e costante produttività e la precocità di entrata in produzione, ma presenta una elevata sensibilità alla rogna dell olivo e non si presta facilmenta alla raccolta meccanica. Drupe di dimensione medio-grande, forma ellissoidale allungata; maturazione medio-tardiva e scalare; resa in olio media. Olio con buona dotazione di polifenoli, fruttato medio-leggero, con sentori di erba e carciofo. (Fonte: Olivo e Olio) 7

8 8 Gianni Giacani, rinomato chef e proprietario del ristorante Hostaria Santa Lucia di Jesi e titolare del Frantoio Oleario Gianni Giacani, ci propone una ricetta che ha tutta la freschezza e il profumo del Mediterraneo. PESCATRICE AL BASILICO Dosi per 8/12 medaglioni: 1 pescatrice fresca di Kg 2 circa, 2 pomodori maturi, 2 zucchine, 1/2 peperone, pangrattato, vino bianco, basilico, olio CENTOLIO, OLIO DOP CHIANTI CLASSICO IN TAVOLA E nata Centolio, la confezione monouso d olio Dop Chianti Classico da 100 ml, pensata per far conoscere l ottimo olio chiantigiano in un formato che ne preservi integro il gusto e la qualità sulle tavole della ristorazione. Questa novità ha le carte in regola per trovare adeguati riscontri anche in casa, soprattutto da parte di chi non fa uso di enormi quantitativi di extravergine Dop e che quindi non potrà non apprezzare la possibilità di godere di un prodotto sempre fresco e di conseguenza in grado di esprimere il massimo delle proprie qualità. L iniziativa rientra nel novero delle numerose attività promosse dal Consorzio Olio Dop Chianti Classico: 268 olivicoltori con circa mezzo milione di piante iscritte all Albo, 122 mila litri certificati nel 2005 e un potenziale produttivo di circa 10 mila quintali, dei quali circa il 70% può essere commercializzato come olio Dop. Ad ulteriore potenziamento della propria forza comunicativa, il Consorzio Olio DOP Chianti Classico avrà inoltre un nuovo marchio, modellato sulle fisionomie dello storico logo del Gallo Nero del Consorzio Vino, a sigillare una parentela e una comune identità territoriale e culturale forte e indissolubile. Olio Dop del Chianti Classico significa anche provenienza da uno dei paesaggi italiani più affascinanti e secolarmente vocati alla viticoltura e olivicoltura. LE RICETTE DEI LETTORI extravergine di oliva, sale, pepe. Salare la pescatrice e rosolarla brevemente da ambo i lati in olio extravergine di oliva, quindi infiammare con vino bianco. Preparare al mixer una pastella con pangrattato, basilico, sale e poco vino bianco, spalmarla sui medaglioni ottenuti dalla pescatrice e infornare per 2 minuti a 200 C. Preparare la salsa cuocendo i pomodori nel fondo di cottura del pesce, salare e passare. A parte, saltare in olio extravergine il peperone tagliato a dadini e le zucchine a julienne. Mettere la salsa sul piatto con i medaglioni di pescatrice, le verdurine e condire con un filo di olio di Raggia o altro extravergine fruttato di gusto morbido. LEVANTAGRI s.r.l....energia in movimento LEVANTEK RSB 180 Rovesciatore di cassoni senza braccio NOVITA CON 2 BREVETTI ATTREZZATURE AGRICOLE E INDUSTRIALI Via Tatarella, BITETTO (BA) Tel Fax internet: IL PLUS DELLE INFORMAZIONI AGGIUNTIVE segue da pag. 1 Le informazioni potranno essere seguite dalla frase valori massimi all atto del confezionamento. Tra le indicazioni facoltative in etichetta c è l inserimento della lettera minuscola e che costituisce il marchio Ce per gli imballaggi preconfezionati corrispondenti alla direttiva 106/1975. In ogni caso, le indicazioni facoltative dovranno essere conformi alle norme generali riportate dall art. 2 del DL 109/1992 in materia di etichettatura dei prodotti agroalimentari: non devono indurre in errore l acquirente sulle caratteristiche del prodotto, sulla sua natura, identità,qualità, composizione, conservazione, sull origine o la provenienza, sul modo di fabbricazione o di ottenimento. Le indicazioni in etichetta non devono attribuire al prodotto effetti o proprietà che non possiede, né accennare a proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana. PRIMO PIANO NELLA GDO CRESCONO GLI OLI BIO segue da pag. 1 come viceversa avviene per gli oli a marchio Dop e Igp. Allora, perché il consumatore non si orienta in maniera più decisa verso il segmento di eccellenza dei prodotti Dop e Igp? Come ben hanno dimostrato le informazioni provenienti dal terzo rapporto nazionale sulle Dop dell olio extravergine di oliva presentato dall Unaprol in occasione del Sol di Verona e più recentemente al Convegno organizzato dal Banco di assaggio di Firenze, occorre diffondere molto di più i valori propri e originali del sistema delle Dop e Igp, facendo comprendere chiaramente al consumatore quanto lavoro, quanta ricerca della qualità e di salvaguardia del grande binomio tipicità/diversità ci sia dietro un disciplinare di produzione della Dop. Appare però indispensabile colmare con urgenza tre profonde lacune che penalizzano il pieno successo di questo settore di alta qualità: 1 superare l eccessiva frammentazione della famiglia delle Dop 2 riorganizzare la filiera 3 una grande campagna di informazione del consumatore con un più forte coinvolgimento dei ristoratori ed un più decisivo ruolo delle organizzazioni degli assaggiatori, per completare quella educazione al gusto e alla qualità che ancora oggi manca nel nostro paese. (Fonte: Terra e Vita) Expoliva, Jaén (Spagna): divisione Olearia I FATTI NOSTRI PIERALISI IN FIERA Vinolive, Izmir (Turchia): divisione Olearia La XVI edizione dell importante premio internazionale ha premiato con il Diploma di Gran Menzione numerosi oli italiani e stranieri prodotti con impianti di estrazione Pieralisi. Per la categoria fruttato delicato il riconoscimento è andato all Az. Agricola GIORGIO NOBILE di Rosolini (SR), al Frantoio POLIZZI MICHELA di Caltanissetta e alle aziende MOLI D OLI G. ALSINA I FILLS di Castello de Farfanya (Spagna) e MONTE LOS OLIVOS sa San Pedro di Melipilla (Cile). Per la categoria fruttato medio sono state premiate le aziende: AGROPAN srl di Mazara del Vallo (TP), AZ. AGR. PERSIANI di Atri (TE), FRANTOIO SCALIA di Mascalucia (CT) e VABRO snc di Piancastagnaio (SI), mentre per la categoria fruttato intenso la Gran Menzione è andata all Az. VALLUZZI DONATO di San Mauro Forte SALUTE & BENESSERE ONORE AL MERITO LEONE D ORO DEI MASTRI OLEARI (MT), ai FRANTOI CUTRERA di Chiaramonte Gulfi (RG) e al frantoio MONTES MARIN MANUEL di Priego de Cordoba (Spagna). Siagrim, Meknès (Marocco): divisione Olearia 46 a Fiera dell Agricoltura, Lanciano (CH): divisione Olearia DIGERIBILITÀ DELL OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA L olio d oliva conferisce ai piatti una particolare fragranza, aumenta l appetibilità delle vivande e stimola la secrezione dei succhi gastrici inducendo una migliore funzionalità dell apparato digerente. L olio protegge le mucose gastrointestinali ed evita gli effetti dell ipercloridria, riducendo così i rischi di ulcere gastriche e duodenali. Assunto a digiuno, esercita un azione lassativa e contribuisce a correggere la stipsi cronica. Stimola la cistifellea e inibisce la secrezione della bile. Ha inoltre effetto protettivo contro la formazione di calcoli biliari, grazie all attivazione del flusso biliare e all aumento delle lipoproteine di alta densità (HDL). ANCHE L OLIO AL SIMEI 2007 Il SIMEI, il più importante salone mondiale di macchinari e prodotti per l enologia aprirà nella prossima edizione, che si terrà a Fieramilano dal 13 al 17 novembre, un nuovo comparto espositivo. Sono infatti previste sette nuove voci merceologiche dedicate all olivo, oltre a momenti di approfondimento sui temi dell olivicoltura con la partecipazione di esperti. Inoltre, per la prima volta saranno esposti macchinari per le diverse fasi di lavorazione degli oliveti ed una rassegna completa di attrezzature per la frangitura, macchine per imbottigliamento e il confezionamento. Società editrice: Comagri S.p.A. Direttore responsabile Stefano Brecciaroli Redazione, amministrazione, pubblicità Via Don Battistoni, Jesi (AN) tel Art Direction: C.P.S. S.r.l. Milano Stampa SAGRAF - Castelferretti (AN) Autorizzazione Tribunale di Ancona n 28 del

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento Le cose da dire sull olio sono tante, durante i miei corsi di degustazione le persone rimangono affascinate nel conoscere

Dettagli

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Olio Extravergine di Oliva Terra di San Marino è riservata al prodotto che rispetta le condizioni

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

April 2010 Presentazione Coop Nuovo Cilento / FP

April 2010 Presentazione Coop Nuovo Cilento / FP April 2010 Presentazione Coop Nuovo Cilento / FP 1 I nostri oli Piu Salute Piu Sapore Piu Risparmio (Se ne usa meno) 2 GLI ANTIOSSIDANTI Qualita' distintive dei ns oli Piu Salute Noi certifichiamo in etichetta

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE.

PRESENTAZIONE AZIENDALE. PRESENTAZIONE AZIENDALE. AZIENDA AGRICOLA PARISI DONATO c/da SCINETTO 87068 ROSSANO(CS) L Azienda Agricola Parisi Donato condotta dal Titolare da cui l Azienda prende appunto il nome, è situata nel territorio

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Classificazione dell Olio di Oliva

Classificazione dell Olio di Oliva Classificazione dell Olio di Oliva Sulla base della qualità delle olive, della loro freschezza ed integrità, del grado di acidità e della lavorazione, gli oli di oliva vengono così classificati: 1 : OLIO

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI La centralità del sistema estrattivo di tipo continuo risiede nell estrattore ad asse orizzontale, dove la pasta gramolata

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO Frantoio di Riva del Garda CATALOGO AGRARIA RIVA del GARDA -Frantoio di Riva Loc. S. Nazzaro, 4-38066 Riva del Garda (Tn) ITALIA Agraria Riva del Garda e Olio Extravergine DOP Garda Trentino Cosa significa

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

I profumi dell Olio extra vergine di oliva.

I profumi dell Olio extra vergine di oliva. I profumi dell Olio extra vergine di oliva. A.F.P. nasce nel 2010, ad opera e su idea di un gruppo di imprenditori frantoiani guidati da Stefano Caroli, già forti della esperienza associativa ventennale

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MONTESSU

AZIENDA AGRICOLA MONTESSU AZIENDA AGRICOLA MONTESSU Un agricoltura innovativa con l utilizzo delle risorse naturali 1 Azienda Montessu L azienda agricola Montessu nasce nel 2006 quando l avvocato Marco Secci con l aiuto del fratello

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO

AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO Genuinità e località del prodotto: Il ricordo dei sapori e degli odori delle merende della tradizione AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO L area in cui è situata l azienda è la Valtiberina

Dettagli

"Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna

Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna "Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna Dati ARPO 2003-Agecontrol 2005: superficie agricola olivetata 0,33% della SAU totale della regione 3500 ha circa 700000

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW ,&2168,',2/,2',2/,9,1,7/, E importante, prima di tutto, fare una macro distinzione tra due aree principali: quella a tradizionale produzione e consumo di olio di oliva, e quella a non tradizionale produzione

Dettagli

PAN Tradizione da oltre 120 anni

PAN Tradizione da oltre 120 anni Tradizione da oltre 120 anni La nostra famiglia vive nel mondo delle mele già da molte generazioni. Nel 1888 Giovanni Maria Pan - partendo da Belvedere di Tezze presso Bassano del Grappa - si trasferì

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

L OLIO LA STORIA DELL OLIO L albero dell olivo veniva coltivato più di 6000 anni fa dai Fenici. Veniva utilizzato per i sacrifici, come oggetto di baratto, come balsamo e cosmetico, olio combustibile per

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM

Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM Catalogo prodotti 2014 Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM Gran Cru della produzione aziendale, l eccelenza rappresentata da un blend figlio di una ricercata e limitata produzione, destinata

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Settimana dal 28 settembre al 03 ottobre 2015 Mercato all origine - Settembre, 42^ settimana

Settimana dal 28 settembre al 03 ottobre 2015 Mercato all origine - Settembre, 42^ settimana dal 28 settembre al 03 ottobre 2015 Mercato all origine - Settembre, 42^ settimana La settimana è stata caratterizzata dall avvio delle operazioni di raccolta e molitura delle olive della nuova campagna,

Dettagli

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva:

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva: INDICE Olio Extravergine di Oliva IGP, Toscana: Privilegio Privilegio BIO Cento Ulivi Pagina: 3 3 4 Olio Extravergine di Oliva, Toscana: La Casaccia 4 Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Filo d'oro

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH &$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH L olivicoltura in Calabria vanta tradizioni secolari ed oggi rappresenta una delle risorse economiche più rilevanti della regione.

Dettagli

BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015. www.oasi.me

BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015. www.oasi.me BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015 www.oasi.me BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015 OASI è un evento dedicato all Olivo e al suo legame con l Ambiente, con la Salute e con l Innovazione

Dettagli

le Olive Classiche Insolite le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive

le Olive Classiche Insolite le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive le Olive Frutti tipici del bacino mediterraneo, le olive raggiungono il peso massimo 6-8

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Olivo - Innovazioni nella meccanizzazione della raccolta e della potatura Descrizione estesa del risultato La raccolta meccanica delle olive da olio negli impianti tradizionali,

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi

Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi cento anni. Questa grande storia, unita alla continua

Dettagli

CORSO TECNICO PER LA FORMAZIONE ED IL PERFEZIONAMENTO DI

CORSO TECNICO PER LA FORMAZIONE ED IL PERFEZIONAMENTO DI CORSO TECNICO PER LA FORMAZIONE ED IL PERFEZIONAMENTO DI MAESTRI DI FRANTOIO LA CORRETTA GESTIONE DEL FRANTOIO OLEARIO Per il miglioramento della qualità, la diversificazione del prodotto e l incremento

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Presentazione Aziendale

Presentazione Aziendale Presentazione Aziendale 1 La nostra storia In Umbria, cuore verde d Italia, dove le colline sono coperte dagli ulivi, produciamo il nostro olio, famoso in tutto il mondo. Costa d Oro ha trasformato l argento

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

ORO DEL MEDITERRANEO L'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

ORO DEL MEDITERRANEO L'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

Dettagliato è il packaging aziendale, molto curato nell immagine, di forte impatto per la vendita.

Dettagliato è il packaging aziendale, molto curato nell immagine, di forte impatto per la vendita. Catalogo prodotti Dal 1950 la famiglia Lamantea, con il suo capostipite Leonardo, continua l antica tradizione della molitura delle olive, frutto selezionato dei secolari uliveti di loro proprietà. Oggi,

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Elisabetta Toti Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) e-mail: toti@inran.it La disciplina sulla

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

tauroessiccatori.com Soluzioni per l essiccazione professionale

tauroessiccatori.com Soluzioni per l essiccazione professionale tauroessiccatori.com Soluzioni per l essiccazione professionale Essiccatori professionali B.MASTER Essiccare per conservare Qualità da mettere a frutto Gli essiccatori professionali B.MASTER sono nati

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER IL PROGETTO ZEROWASTE PRO IL TEMA DEI RIFIUTI Il tema dei rifiuti riguarda tutti noi. Stiamo producendo una sempre maggiore Per ulteriori informazioni

Dettagli

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE Indice PRESENTAZIONE pag. 2 PREMESSA pag. 2 Filiera Olivicola Italiana pag. 3 ATTIVITÀ PARDI&ASSOCIATI pag. 4 PROTOCOLLI GESTIONE

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure Cosmetici e contraffazione 20 dicembre 2013 Cosmetici e contraffazione Definizione Per cosmetico contraffatto

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Negozio mobile con banchi di vendita refrigerati da energia rinnovabile Descrizione estesa del risultato Sicurezza e qualità alimentare sono i concetti che hanno suggerito

Dettagli

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 COOKING MANIA PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 La Sicilia ha un patrimonio gastronomico unico al mondo e la nostra Accademia ha come obiettivo principale quello di valorizzare tutti i prodotti

Dettagli

L eccezionale. qualità dei prodotti genuini italiani

L eccezionale. qualità dei prodotti genuini italiani L eccezionale qualità dei prodotti genuini italiani ITALIANITÀ L eccezionale qualità dei prodotti genuini italiani AZIENDA Il gusto originale della tipica cucina italiana OLIO Il condimento mediterraneo

Dettagli

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 L' articolo 10, comma 5, della legge 21 dicembre 1999 n. 526 " Legge comunitaria per il 1999 ", prevede

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Meccanizzazione della raccolta e della potatura in oliveti calabresi Descrizione estesa del risultato E' stata valutata l'opportunità d'impiego delle potatrici meccaniche

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali Salone internazionale del Gusto e Terra Madre Partner istituzionali L iniziativa fa parte del Calendario di Torino World Design Capital 2008 Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, coerentemente

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

CLASSIFICAZIONE e NORMATIVA OLIO DI OLIVA

CLASSIFICAZIONE e NORMATIVA OLIO DI OLIVA POR FSE 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regione Toscana CLASSIFICAZIONE e NORATIVA OLIO DI OLIVA Corso FSE - Provincia di Grosseto - Codice : 33999 Agricoltori in Circolo per la Sicurezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA Classe 77/S - Scienze e Tecnologie agrarie Coordinatore: prof. Pasquale Dal Sasso Tel. 0805442962; e-mail: dalsasso@agr.uniba.it Premessa In base

Dettagli

Composizione Chimica dell Olio di oliva

Composizione Chimica dell Olio di oliva Composizione Chimica dell Olio di oliva La composizione chimica è influenzata da: Varietà dell olivo Grado di maturazione della drupa Clima Periodo e Metodo di raccolta Frazione Saponificabile 98-99%:

Dettagli

Il quadro di riferimento

Il quadro di riferimento Il quadro di riferimento L'agroalimentare Made in Italy rappresenta circa il 15 per cento del Prodotto Interno lordo (PIL), secondo solo al comparto manifatturiero. L'agricoltura italiana è in Europa il

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia Il consumo dei prodotti biologici in Italia [ ] IL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA C I P Negli ultimi anni in Italia è stato registrato un incremento del consumo di prodotti da agricoltura biologica.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1223 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

Dettagli