PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE E ANNUALE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2013-2015 E ANNUALE 2013"

Transcript

1 PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE E ANNUALE 2013 Trento, 16 gennaio 2013

2

3

4

5 INDICE Programma pluriennale Considerazioni di carattere generale...5 Indagini statistiche.17 Studi e ricerche...31 Sistemi informativi..41 Diffusione...49 Elenco degli studi e ricerche Elenco delle indagini Programma annuale 2013 Programma annuale Elenco dei progetti provinciali nel Programma Statistico Nazionale Elenco delle indagini Elenco delle indagini 2013 a titolarità provinciale..127

6

7 PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE

8

9 Considerazioni di carattere generale La disponibilità di informazioni statistiche comparabili e attendibili sulla situazione economica, sociale e ambientale del Trentino e sui suoi aspetti anche a livello di aggregazioni subprovinciali costituisce il presupposto fondamentale per l attuazione delle politiche provinciali. Le statistiche, inoltre, sono importanti per permettere ai cittadini di conoscere il Trentino e per partecipare al processo democratico e al dibattito sul presente e sul futuro della Provincia. La statistica ufficiale prodotta e diffusa dall Amministrazione provinciale viene curata dal Servizio Statistica, come previsto dalla normativa vigente, e viene programmata attraverso il Programma Statistico Provinciale (PSTN) triennale e annuale. Nel Programma Statistico Provinciale triennale vengono definiti gli obiettivi prioritari per lo sviluppo del Sistema informativo della conoscenza statistica del Trentino. La statistica si trova in un periodo di profonda trasformazione, sia a livello nazionale che locale, derivante dalle innovazioni fornite dalle ICT e dalla necessità di ripensare la produzione della statistica ufficiale per aumentarne l affidabilità, la 5

10 trasparenza, la tempestività e la qualità e di ridurre il disturbo statistico per i rispondenti. La necessità di rafforzare la credibilità della statistica ufficiale si associa alla riduzione delle risorse umane e finanziarie disponibili. Ciò comporta un intenso lavoro di riorganizzazione, standardizzazione e razionalizzazione della produzione e dei processi. Allo stesso tempo, si assiste alla richiesta di maggiori informazioni statistiche anche per tematiche emergenti, ancora non codificate metodologicamente, e con dettaglio territoriale e temporale sempre più spinto. Vi è, quindi, la necessità di trovare un giusto compromesso tra la richiesta crescente di dati e di informazioni statistiche e la scarsità di risorse umane e finanziarie a disposizione. Inoltre, la trasparenza e la tempestività nella diffusione dei dati e dell informazione statistica richiedono uno sforzo considerevole per non impoverire la qualità e la completezza dell informazione stessa. Queste sfide importanti per la statistica ufficiale si complicano a causa dell accresciuta produzione di statistica privata, che spesso è priva delle regole e della qualità necessaria per poter essere definita statistica, ma che riesce ad ottenere visibilità da parte dei media. Si sta, pertanto, creando non poca confusione tra la statistica che risponde alla scienza statistica e quella che non rispetta tali metodologie senza che il cittadino e, a volte, lo studioso o l amministratore pubblico ne sia cosciente. Le priorità della statistica ufficiale sono finalizzate a massimizzare l impiego dei dati esistenti anziché avviare nuove rilevazioni di dati, a creare reti con altri fornitori/produttori di dati per ottimizzare l uso delle informazioni disponibili, a ridurre la quantità dei dati richiesti e a migliorare l efficienza nella raccolta dei dati con l ausilio delle nuove tecnologie. In questo contesto, a livello locale si aggiunge anche la riorganizzazione dell Amministrazione provinciale e del sistema pubblico locale, che coinvolge anche la statistica, accelerando processi di razionalizzazione nella produzione statistica e nell utilizzo dei dati amministrativi a fini statistici. La necessità di aumentare l efficienza, l efficacia e di effettuare risparmi nella spesa impongono una revisione anche dei centri di produzione e di diffusione della statistica, a partire da quelli presenti in Amministrazione, con l obiettivo di organizzare la statistica ufficiale in un centro unico specialistico per la produzione, l analisi e la diffusione. 6

11 Parallelamente si dovrà operare per rafforzare le sinergie con gli altri produttori locali della statistica ufficiale per ridurre la produzione doppia, obsoleta e il disturbo statistico per le imprese e le famiglie. L obiettivo, in questo caso, sarà finalizzato alla progettazione e realizzazione di una piattaforma, che integri il Sistema informativo della conoscenza statistica del Trentino con la statistica degli altri produttori pubblici locali. Un sottoinsieme di questi ultimi fa già parte del Sistema Statistico Nazionale (SISTAN). Lo sviluppo, la produzione e la diffusione della statistica ufficiale devono garantire, anche a livello locale, informazione di qualità e rispettare i principi di indipendenza, integrità e responsabilità. La necessità di informazioni statistiche deve essere bilanciata con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili e con l onere a carico dei rispondenti, siano essi operatori economici, sociali o famiglie. Il Programma Statistico Provinciale concentrerà l attenzione sugli obiettivi riportati di seguito, dando priorità alle esigenze informative derivanti dalla problematica situazione economica e alla razionalizzazione delle competenze e delle strutture che sviluppano, producono e diffondono la statistica ufficiale nel contesto e nel processo in corso di riorganizzazione del sistema pubblico provinciale. Infatti, l attuazione del Piano di miglioramento della Pubblica Amministrazione per il periodo prevede tra le sue azioni la creazione di centri di servizio unitari per le attività che richiedono alta specializzazione, tra i quali è individuato anche quello per la raccolta e l analisi di dati statistici. Nel prossimo triennio dovranno essere censite sia le indagini statistiche prodotte dall Amministrazione provinciale che le unità organizzative, quali ad esempio gli Osservatori, che producono dati statistici. Dovrà svolgersi un processo di valutazione e di razionalizzazione finalizzato, da un lato, ad aumentare l affidabilità nella statistica ufficiale e a produrre solo statistica validata e, dall altro, a contenere le risorse umane e finanziarie e ridurre il disturbo statistico per i soggetti coinvolti nelle indagini. 7

12 Pur confermando gli obiettivi presenti nei precedenti programmi statistici e in continuità con gli stessi, nel Programma Statistico Provinciale gli obiettivi si focalizzano prioritariamente: nella razionalizzazione dell attività di produzione statistica, intensificando l uso dei dati amministrativi a fini statistici; nelle innovazioni e nella standardizzazione dei processi di produzione statistica; nell incremento della disponibilità dell informazione statistica in Internet sia come indicatori, tavole e tabelle che come approfondimenti statistici, per supportare i decisori pubblici, gli studiosi e i cittadini nella comprensione e nell interpretazione della realtà trentina. razionalizzazione dell attività di produzione statistica intensificando l uso dei dati amministrativi a fini statistici Il Servizio Statistica ha come attività principale la produzione statistica ufficiale, che viene svolta sia come attività delegata dall Istat e dalle altre autorità statistiche nazionali che in modo autonomo per rispondere alle necessità statistiche di governo e di conoscenza del Trentino. La produzione statistica per le autorità nazionali risulta prevalente e risponde alle esigenze informative presenti nel Programma Statistico Nazionale, che definisce la statistica ufficiale per l Italia. Una buona parte di essa è di derivazione comunitaria. Sulla base di quanto previsto dalle norme di attuazione dello Statuto di autonomia per la regione Trentino - Alto Adige/Südtirol, oltre all attività statistica delegata, il Servizio Statistica sviluppa una produzione statistica in autonomia per rispondere alle necessità di governo e di conoscenza del territorio. L attività di produzione è sottoposta costantemente a valutazione di coerenza con il mutare della realtà da descrivere. Nel contesto economico e sociale attuale diventa ancora più stringente un azione rafforzata di razionalizzazione della produzione statistica per eliminare quella obsoleta e doppia, per sostituire la raccolta di dati statistici con dati amministrativi, opportunamente trattati e valutati nella congruità, affidabilità, qualità 8

13 e sistematicità e per semplificare e unificare i centri di produzione statistica provinciali e renderli rispondenti ai principi del Codice italiano della statistica ufficiale. Si prevede di effettuare, innanzitutto, un censimento della produzione statistica provinciale, sia quella svolta dalle diverse strutture provinciali che quella degli altri produttori pubblici di statistica in Trentino. Il risultato di questa attività permetterà di progettare e di realizzare un Catalogo della produzione statistica ufficiale del Trentino per informare, i produttori e gli utilizzatori della statistica, delle disponibilità di dati già presenti e, in tal modo, non solo evitare raccolte di dati doppie ma anche ridurre il disturbo e l onere per i rispondenti, siano essi operatori economici, sociali o famiglie. Nuove indagini statistiche saranno progettate solo in assenza di una fonte statistica o amministrativa che risponda all esigenza manifestata e dopo un attenta valutazione dell apporto conoscitivo al Sistema informativo della conoscenza statistica del Trentino. Un attività simile a quella svolta per le indagini statistiche verrà avviata anche per gli archivi amministrativi, con la finalità, innanzitutto, di individuare quelli che, opportunamente trattati, possono sostituire la raccolta diretta di dati. Tale processo sarà reso sistematico e, attraverso un programma pluriennale di attività, si procederà all individuazione e alla valutazione degli archivi amministrativi utili per contribuire all obiettivo. Il processo di razionalizzazione della produzione statistica coinvolgerà anche i produttori che operano nell Amministrazione provinciale. Si effettuerà una ricognizione delle strutture che svolgono attività di produzione e diffusione di dati e informazione statistica, in primis gli osservatori o strutture similari. Si procederà ad una valutazione e ad un successivo processo di integrazione di tali centri in un unico centro o in una struttura policentrica di sviluppo produzione, analisi e diffusione della statistica ufficiale. innovazioni e standardizzazione dei processi di produzione statistica Le necessità informative statistiche devono rispondere ad esigenze di descrizione e di conoscenza di una realtà sempre più articolata e veloce nei 9

14 cambiamenti e di personalizzazioni che richiedono competenze specialistiche. L innovazione, sia nella produzione che nell analisi della statistica, permette di affrontare questa complessità. Nell ambito della produzione statistica stanno acquisendo maggior importanza le tecniche che, attraverso l uso delle ICT, permettono di accelerare la fase di raccolta e di migliorare la qualità del dato statistico. Le tecniche CAPI (computer assisted personal interviewing), CATI (computer assisted telephone interviewing), CASI (computer assisted self interviewing) e CAWI (computer assisted web interviewing) sono ormai di uso quotidiano e l attivazione, alcuni anni fa, di un gruppo di competenze diversificate e trasversali all interno del Servizio sta rispondendo positivamente all investimento iniziale. Rimanendo all interno della produzione statistica, si prevede di incrementare lo studio sugli archivi amministrativi, il loro uso a fini statistici e l integrazione degli stessi con quelli statistici, per aumentare la capacità descrittiva dei fenomeni indagati. L utilizzo, a fini statistici, degli archivi amministrativi comporta un lavoro, a volte, più oneroso della raccolta diretta per accertare la completezza, la qualità e la sistematicità dei dati amministrativi analizzati. L attività sarà finalizzata a individuare standard per la sostituzione della raccolta diretta dei dati con fonti amministrative. L integrazione fra dati amministrativi e statistici vedrà intensificare lo studio e l applicazione delle metodiche sperimentate in ambiti settoriali per creare i cosiddetti record lunghi, cioè banche dati comprensive di tutta l informazione statistica e amministrativa disponibile per descrivere e analizzare fenomeni settoriali o insiemi di fenomeni. Riprenderanno vigore le attività connesse alla modellistica interpretativa e previsiva della realtà locale, sia sociale che economica, finalizzata principalmente a supportare le politiche provinciali. Particolare attenzione dovrà essere prestata alle innovazioni, nella produzione statistica, programmate dall Istat. La partecipazione alle stesse permetterà di personalizzarle per descrivere e per interpretare al meglio la realtà locale. Inoltre ciò contribuirà alla standardizzazione e alla razionalizzazione dei processi di produzione. Importanti novità si avranno con l introduzione, prima in via sperimentale poi a regime, del censimento continuo e con la creazione di una 10

15 anagrafe virtuale statistica nonché dei registri delle persone fisiche, delle imprese, delle istituzioni pubbliche e del non profit. incremento della disponibilità dell informazione statistica in Internet sia come dati, tavole ed indicatori che come approfondimenti statistici per supportare i decisori pubblici, gli studiosi e i cittadini nella comprensione e nell interpretazione della realtà trentina La statistica è un bene pubblico e risponde ai suoi obiettivi solo se viene resa disponibile alla collettività. Il Servizio Statistica, già da alcuni anni, è fortemente impegnato nella diffusione dei dati e dell informazione statistica. La standardizzazione dei processi produttivi e lo sviluppo di un sistema informatico/informativo statistico centralizzato per l attività di studio, analisi e diffusione permettono di incrementare la disponibilità di dati per il pubblico, consentendo la fruizione delle informazioni in modo tempestivo. In tale ambito continueranno le attività per il miglioramento e l aggiornamento della piattaforma informatica/informativa degli indicatori strutturali e congiunturali, per la predisposizione di annuari e di altre collezioni di dati statistici e per la diffusione delle serie storiche di dati statistici. Il completamento della sperimentazione, per ora interna, e l apertura in Internet dello strumento di interrogazione al Sistema informativo statistico aggiungerà un ulteriore tassello al progressivo processo di diffusione dei dati e dell informazione statistica volto alla informazione e alla conoscenza della realtà trentina e al riuso dei dati medesimi anche per fini commerciali. Le analisi delle richieste personalizzate degli utenti favoriranno la predisposizione di indicatori, tavole e tabelle che aiuteranno a migliorare ed aggiornare le proposte per conoscere il Trentino garantendo un costante adeguamento delle stesse. Parallelamente si parteciperà al progetto Open Government Data promosso della Provincia introducendo nuove modalità per la diffusione in Internet dei dati statistici. Le novità connesse al massiccio uso di Internet per la statistica ufficiale determinano la necessità di avviare un serio programma di documentazione del 11

16 patrimonio statistico e di sviluppo di metadati, coerenti con gli standard internazionali, per permettere un uso corretto dei dati e delle informazioni statistiche. La scelta prioritaria della diffusione in Internet sta rendendo obsoleta la linea editoriale del Servizio Statistica e pertanto si dovrà provvedere alla sua riprogettazione e alla definizione di forme comunicative più consone al nuovo strumento. Già dal 2013 le pubblicazioni statistiche in formato cartaceo saranno ridotte. Tra quelle periodiche rimarranno l Annuario statistico e Conoscere il Trentino. Si dovranno ristrutturare le modalità di pubblicazione dei dati e dell informazione statistica conciliando la tempestività con l approfondimento e la completezza. Si stanno studiando prodotti finalizzati alla diffusione di elaborazioni statistiche dettagliate nel tempo e nello spazio, con nota metodologica e lettura sintetica; altri prodotti, invece, daranno spazio alla descrizione dei fenomeni sia settoriali che integrati fra loro e avranno la necessità di tempi più lunghi. Si manterranno gli approfondimenti statistici e si ripenserà il progetto di descrizione dei fenomeni sociali ed economici, sviluppato in partnership con l Università degli Studi di Trento. Verranno realizzate le pagine dedicate al Servizio Statistica nel sito Internet della Provincia autonoma di Trento. Tale nuova progettazione, che renderà maggiormente fruibile le novità, le notizie, i dati e l informazione statistica, sarà operativa alla conclusione delle attività da parte della struttura che gestisce il sito Internet dell Amministrazione provinciale. Il Servizio fornirà il necessario supporto ai Comitati operanti in Amministrazione, privilegiando quelli che si occupano di temi e problematiche trasversali alla stessa. Anche agli osservatori sarà assicurata la consulenza, la fornitura di dati ed analisi in coerenza con le azioni previste dal Piano di miglioramento della Pubblica amministrazione Nel Programma Statistico Provinciale sono stati inserite anche le nuove esigenze informative presentate dalle strutture provinciali e del sistema provinciale, raccolte attraverso un apposita ricognizione. Le necessità informative non previste dal Programma sono state valutate non compatibili con le risorse umane, finanziarie e strumentali del Servizio o trovano già risposta nel Sistema informativo statistico, nei sistemi informativi degli altri produttori provinciali di 12

17 statistiche ufficiali o nel patrimonio di dati amministrativi disponibile nel sistema pubblico. Nel presente Programma statistico: - l attività di rilevazione è sviluppata nel capitolo relativo alle indagini statistiche e avrà ancora una straordinarietà connessa ai censimenti generali, in particolare, al 9 Censimento generale delle imprese e dei servizi e delle istituzioni non profit e alle nuove attività relative alla sperimentazione del censimento continuo, che andrà a regime nel Di rilievo sarà anche l aggiornamento annuale dell Archivio Nazionale degli Stradari e dei numeri Civici (ANSC) che dovrà essere strutturato per rispondere alle esigenze nazionali ed a quelle delle strutture provinciali, quali la Protezione civile e il Catasto. La produzione statistica prevede mediamente la realizzazione di circa 131 indagini all anno. Di queste circa 96 rispondono ad esigenze statistiche previste dal Programma Statistico Nazionale (PSN). Nel Programma Statistico Nazionale rientrano anche 12 indagini proposte dal Servizio Statistica. Nuove rilevazioni saranno progettate solo dopo un attenta verifica dell impossibilità di rispondere alle esigenze informative attraverso l utilizzo dei dati del Sistema informativo statistico e dei dati amministrativi già presenti nel sistema pubblico locale e più in generale nelle amministrazioni pubbliche nonché dell apporto conoscitivo al Sistema informativo della conoscenza statistica del Trentino; - l attività di ricerca, sviluppata nel capitolo relativo agli studi e ricerche, continuerà a fornire le analisi per la descrizione e il monitoraggio, in particolare, della situazione economica. Si riprenderanno i progetti finalizzati a sviluppare strumenti descrittivi, di impatto e di previsione per il territorio, dedicando prioritariamente le risorse allo studio per l utilizzo degli archivi amministrativi per sostituire o per integrare i dati statistici, con la finalità di potenziare la loro capacità descrittiva e interpretativa. Sono attivi in diversi stadi 38 progetti di ricerca; 13

18 - l attività di organizzazione, sviluppata nel capitolo relativo ai sistemi informativi, è finalizzata a rendere disponibile in modo strutturato e documentato i dati statistici per le attività di ricerca e di diffusione. Il lavoro si indirizzerà nella standardizzazione del processo per la costruzione e l aggiornamento degli archivi definitivi e nella predisposizione degli stessi per alimentare il Sistema informativo statistico. Oltre che sul fronte dei dati statistici si opererà sulle attività statistiche per rendere disponibili, sia all interno che all esterno del Servizio, cataloghi relativi alla produzione statistica, ai progetti di ricerca statistica e alla diffusione delle statistiche. - l attività di diffusione, sviluppata nel capitolo relativo alla diffusione, è fondamentale per l attività statistica e sarà potenziata e realizzata nelle modalità e negli strumenti di diffusione in internet. In tale ambito si procederà allo sviluppo ed aggiornamento del Sistema informativo statistico, ampliando la standardizzazione di processi e di procedure per aumentare la disponibilità dell informazione statistica e l integrazione della stessa negli altri strumenti dell Amministrazione provinciale. L attenzione sarà focalizzata sulla documentazione dei dati statistici e sulla riprogettazione della linea e degli strumenti editoriali del Servizio. Le pubblicazioni in formato cartaceo saranno, pertanto, residuali e riservate solo alle pubblicazioni trasversali alla realtà locale e caratterizzanti l attività statistica, quali l Annuario statistico e Conoscere il Trentino. Il Programma Statistico Provinciale riporta e descrive le attività che si prevedono di fare nel triennio considerato, con il consueto aggiornamento annuale, lasciando un margine di indeterminatezza nella scelta degli strumenti più idonei a rispondere alle esigenze informative rilevate. Nella ricerca statistica potrà sorgere la necessità di progettare ed effettuare rilevazioni statistiche nuove ad oggi non prevedibili. Ciò risponde all attenzione posta nell individuare soluzioni che permettano di soddisfare le esigenze informative limitando il più possibile l attività tradizionale di raccolta di dati, favorendo tecniche meno invasive e utilizzando dati amministrativi o dati già presenti e raccolti per altre finalità. Questo implica un attività 14

19 continua di innovazione nelle tecniche, sia di raccolta che di analisi dati, che si aggiunge all attività consolidata. Inoltre, l attività svolta, quale soggetto SISTAN e Istat regionale, permette al Servizio di utilizzare i dati raccolti e validati nell ambito del Programma Statistico Nazionale e, con essi, di aggiornare i propri sistemi e il proprio patrimonio informativo, garantendo anche la coerenza con il contesto nazionale ed internazionale. Nel Programma Statistico Provinciale vengono, di volta in volta, descritte le attività significative che verranno avviate e/o consolidate. Pertanto, nel presente Programma le attività consolidate di minor impegno, in termini di risorse umane e/o finanziarie, non vengono esposte. L attività di produzione, analisi, organizzazione e diffusione dei dati e dell informazione statistica viene svolta da gruppi di ricercatori e di tecnologi che, dal 2007, rappresentano anche l organizzazione interna del Servizio Statistica. Il Servizio è suddiviso in gruppi di lavoro come di seguito riportati: - area demografia, - area famiglia e comportamenti sociali, - ufficio rilevazione e ricerche economiche, - ufficio sistema informativo statistico, - area amministrazione e contabilità, - area segreteria e di supporto al Servizio. 15

20

21 1. Indagini statistiche Nel triennio viene avviata, in continuità con i precedenti Programmi statistici provinciali, una nuova attività finalizzata alla razionalizzazione della produzione statistica. Questo processo si contestualizza ed integra la riorganizzazione dell Amministrazione provinciale e del sistema pubblico locale, attualmente in corso. il lavoro finalizzato a costruire un catalogo delle indagini statistiche per rendere disponibile e trasparente alla collettività l insieme di dati che vengono raccolti, controllati, validati e diffusi e che ogni anno incrementano il patrimonio conoscitivo del Trentino dal punto di vista sociale, economico e ambientale. Inoltre, la presenza in Internet del Catalogo della produzione statistica ufficiale permette di evitare inutili raccolte di dati e di limitare il disturbo statistico per i rispondenti. In una prima fase l attività coinvolge le strutture provinciali e gli enti strumentali della Provincia per proseguire allargandosi agli enti del settore pubblico locale. L obiettivo dovrebbe permettere di eliminare: - raccolte di dati che non rientrano nel Programma Statistico Provinciale o Programma Statistico Nazionale; - indagini obsolete, cioè che non più utili a descrivere la realtà locale ma che vengono ancora effettuate; - duplicazioni nella raccolta di dati statistici; - indagini che possono essere sostituite con archivi amministrativi presenti nella Pubblica Amministrazione dopo le adeguate valutazioni quanti/qualitative sulla bontà dei dati e gli opportuni trattamenti. L altro filone di studio e di innovazione nella produzione statistica sarà rivolto all integrazione di dati statistici e amministrativi e finalizzato a potenziare la capacità descrittiva dei fenomeni di interesse locale. Le sperimentazioni effettuate in alcuni ambiti settoriali dovranno diventare sempre più importanti e permettere di sviluppare 17

22 per una molteplicità di fenomeni singoli o plurimi archivi contenenti tutti i dati disponibili di fonte sia statistica che amministrativa. Il risultato di tale attività sarà la fruibilità dell informazione statistica in modo organizzato nelle cosiddette tabelle di record lunghi per fenomeno o per insiemi di fenomeni. Nel Programma Statistico Provinciale vengono descritte solo le indagini che necessitano di approfondimenti e di innovazioni metodologiche e quelle nuove e significative per l accrescimento della conoscenza statistica del Trentino. Le indagini che vedranno impegnato il Servizio nel corso dell anno 2013 saranno, invece, inserite nel Programma statistico annuale. Nuove indagini verranno progettate solo in caso di lacune significative e strategiche per l analisi dei fenomeni di interesse rilevanti per la conoscenza economica e sociale del Trentino e dopo attenta valutazione sull assenza di modalità alternative per rispondere all esigenza manifestata. società La produzione statistica demografica dal prossimo anno subirà notevoli cambiamenti e vedrà l introduzione di innovazioni importanti con l obiettivo di realizzare l anagrafe statistica virtuale e l archivio delle persone fisiche. Ultimata la raccolta dati relativa al 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni è stata avviata l attività di supporto agli Uffici anagrafici comunali per il confronto censimento/anagrafe, previsto dall articolo 46 del Regolamento anagrafico (D.P.R. 223 del 30 maggio 1989), volto ad accertare ed effettuare la corrispondenza quantitativa e qualitativa dell anagrafe con le risultanze censuarie. Questo lavoro permetterà di sistemare le posizioni anomale (cioè delle persone in anagrafe, ma non censite e degli individui censiti, ma non in anagrafe), dopo gli opportuni accertamenti, in modo da riallineare il calcolo statistico e l anagrafe. I controlli e le verifiche proseguiranno per tutto il 2013, ma nei casi più complessi potranno protrarsi anche negli anni successivi. I comuni dovranno anche documentare la loro attività di sistemazione delle posizioni anomale, riportando nel 18

23 sistema SIREA, il nuovo sistema di registrazione anagrafica predisposto da Istat, la modalità con cui hanno chiuso ogni singolo caso, una volta definito e perfezionato. In tal modo, sarà possibile monitorare l attività dei comuni e verificare che stanno procedendo alla sistemazione delle posizioni anomale. Anche il Commissariato del Governo potrà visionare i prospetti riepilogativi. Fino alla conclusione delle attività di confronto censimento/anagrafe e di riallineamento fra calcolo statistico e anagrafe anche le rilevazioni statistiche risulteranno più onerose. Entro il 2015 l Istat prevede di ultimare la fase sperimentale per un sistema di censimento continuo di tutti i soggetti, che porterà ad una profonda revisione dell attuale insieme di statistiche demografiche. Il risultato dovrebbe essere quello di migliorare la qualità delle statistiche correnti e di rendere disponibile uno strumento informativo aggiornato e dettagliato in grado di seguire l evoluzione nel tempo delle principali variabili economiche e sociali a livello comunale e subcomuale, con la possibilità di effettuare anche approfondimenti in un ottica longitudinale. Nel 2013 verrà avviata la rilevazione delle liste anagrafiche comunali (LAC), già sperimentata in occasione del Censimento della popolazione, con l obiettivo di semplificare e di ridurre l onere statistico per le Amministrazioni comunali ricavando una molteplicità di informazioni sulla popolazione residente dai dati amministrativi anagrafici. Inoltre, si procederà all informatizzazione della Rilevazione del movimento migratorio e all organizzazione della nuova Rilevazione dei cancellati dall anagrafe per decesso. La prima indagine è stata rivoluzionata dall introduzione della normativa sul cambio di residenza in tempo reale, che ha reso particolarmente problematica l acquisizione e il controllo delle informazioni e la gestione, anche statistica, dei modelli. Si valuteranno le modalità per la trasmissione dei dati su supporto non cartaceo, mantenendo comunque la centralità del Servizio (che non deve diventare solo il destinatario finale delle informazioni) e monitorando attentamente la qualità dei dati. La seconda indagine rileva le principali caratteristiche demografiche dei deceduti della popolazione residente ed è nata per fornire con tempestività i parametri di sopravvivenza. Si procederà alla progettazione e realizzazione del flusso di dati verso l Istat, utilizzando l indagine Elenco nominativo dei morti 19

24 cancellati dall anagrafe opportunamente integrata con le variabili richieste ed evitando, se possibile, un onere statistico aggiuntivo alle Amministrazioni comunali. Continua l attività di informazione, formazione ed assistenza per gli addetti delle anagrafi comunali con modalità diversificate e coerenti alle necessità. L obiettivo è quello di assicurare un giusto operare nella gestione dell anagrafe e nella fornitura dei dati statistici progressivamente informatizzati. Dopo la positiva sperimentazione del 2009, il Servizio, con la partecipazione dei comuni e delle ditte di software, sta procedendo alla graduale informatizzazione delle indagini statistiche. Quest attività pluriennale verrà armonizzata con il progetto di anagrafe virtuale statistica, promosso dall Istat, volto ad accelerare il processo di informatizzazione dei dati statistici e ad attivare flussi informatizzati con la finalità di facilitare il lavoro e ridurre l onere alle Amministrazione comunali. Per quanto attiene alla descrizione e alla conoscenza di un insieme di fenomeni sociali risulta fondamentale l Indagine panel sulle condizioni di vita delle famiglie trentine. Questa indagine costituisce un patrimonio informativo unico per analisi dettagliate e approfondite, sia trasversali che longitudinali della società provinciale. La rilevazione, progettata e sperimentata nel 2004, ha cadenza annuale e coinvolge circa famiglie trentine (circa individui). Essa permette di analizzare e descrivere una molteplicità di aspetti della società trentina, come la distribuzione del reddito, la povertà monetaria, la deprivazione, l esclusione sociale, i livelli di istruzione, la partecipazione al mercato del lavoro, etc.. Viene effettuata un anno in modalità CAPI, aggiornando tutte le informazioni sulla famiglia e gli individui che la compongono, anche con moduli di approfondimento tematico, e un anno in modalità CATI, con l aggiornamento delle informazioni sulle caratteristiche fondamentali della famiglia. Le informazioni sul reddito e sugli aiuti finanziari alle famiglie, invece, sono ricavate da alcuni anni attraverso fonti amministrative. L indagine di tipo panel è particolarmente impegnativa perché richiede la collaborazione pluriennale delle famiglie. Infatti, ogni famiglia viene seguita nel tempo e quindi sottoposta ad interviste periodiche. Per garantire un adeguata rappresentatività del campione, lo stesso viene aggiornato ogni due anni. 20

25 Nel 2013 inizierà il progetto pluriennale per la costruzione del database Condizioni di vita delle famiglie trentine con i dati raccolti nelle otto rilevazioni annuali. Il lavoro permetterà di rendere più tempestiva la diffusione in Internet dell informazione su un complesso di fenomeni sociali e di sviluppare gli studi in ambito sociale relativi alle modificazioni e ai cambiamenti intervenuti sullo stesso gruppo di famiglie e soggetti (analisi longitudinali) e all evoluzione della realtà provinciale. Inoltre, tale archivio sarà fondamentale anche per gli studi sulla rivisitazione della rappresentazione degli aspetti sociali del Trentino e sugli indicatori sociali quantitativi e qualitativi compreso quelli per le diverse aggregazioni subprovinciali individuate per la programmazione economica e sociale. Nel 2012 si è integrato il questionario con alcune domande per raccogliere i dati necessari all avvio e allo sviluppo del progetto per misurare il benessere e la qualità della vita della società trentina. Il 2013 è l anno di aggiornamento delle variabili principali sulla famiglia attraverso modalità CATI. Ogni anno, il lavoro relativo all indagine sulle Condizioni di vita delle famiglie trentine si concretizza: - nell organizzazione e monitoraggio dell indagine; - nella gestione contemporanea di un numero elevato di rilevatori; - nella gestione di tutte le procedure connesse all utilizzo dei computer e del software dedicato per le interviste delle famiglie - in modalità CAPI o CATI -; - nello svolgimento delle attività relative al controllo e alla costruzione del database aggiornato; - nell elaborazione e nell analisi dei dati raccolti; - nella partecipazione alla predisposizione del rapporto biennale di ricerca. Per il settore istruzione continuerà il lavoro finalizzato alla costruzione degli archivi statistici attraverso l utilizzo delle anagrafi scolastiche per descrivere il settore nelle diverse sfaccettature. Nel passaggio da archivi statistici ad archivi amministrativi e nella contemporanea eliminazione delle indagini statistiche particolare attenzione sarà dedicata agli aspetti qualitativi o a quelli che si valutano 21

26 siano mal descritti o rappresentati. Proseguiranno gli approfondimenti sul capitale umano presente in Trentino. Nel 2013 la Rilevazione sui servizi socio-educativi per la prima infanzia entra a regime. In tale ambito a livello nazionale è attivo un gruppo di lavoro CISIS/Istat che ha la finalità di progettare e realizzare un indagine per la raccolta e la descrizione dell offerta e della domanda di servizi alla prima infanzia per il territorio nazionale confrontabile e con dettaglio almeno regionale e provinciale per Trento e Bolzano. Il Servizio partecipa a questo gruppo di lavoro. Verrà ultimato l Indagine sui musei e istituzioni similari, avviata nel 2012 e che rientra in un protocollo di intesa fra Ministero per i Beni e le Attività culturali (MIBAC), Istat e regioni e province autonome con l intento di costruire un sistema informativo integrato sugli istituti di antichità e d arte e i luoghi di cultura. Ultimata la rilevazione verrà effettuata l analisi e la diffusione delle informazioni più significative in merito. Nell ambito culturale continuerà anche l impegno pluriennale finalizzato a valorizzare i dati amministrativi disponibili per fare una fotografia dettagliata delle molteplici attività, iniziative ed operatori del settore. Successivamente si proseguirà avviando uno studio per individuare e calcolare il contributo del settore cultura allo sviluppo dell occupazione e dell economia. Nel triennio , compatibilmente con le risorse umane e finanziarie disponibili si darà corso alle nuove richieste delle strutture provinciali necessarie per supportare la programmazione dei settori di competenza. In particolare si evidenzia la collaborazione con: - l Agenzia provinciale per la Protezione dell ambiente, per la realizzazione di un indagine che coinvolge il mondo scolastico trentino con l obiettivo di raccogliere dati sull offerta e sulla realizzazione di servizi di educazione ambientale, attivata su più moduli avviata nel 2011; - l Agenzia per l Energia, con la quale si ritiene opportuno sviluppare sinergie per l accesso a dati di rilevanza energetica, per la studio, progettazione e realizzazioni di un inventario delle emissioni o 22

27 quantomeno di un sottoinsieme significativo che copra i consumi di combustibili fossili e per la continuazione della rilevazione sulle modalità utilizzate per il riscaldamento delle abitazioni; per il primo modulo relativo all uso della legna per riscaldamento domestico è stata ultimata la fase di raccolta dati che nel 2013 vedrà la fase di analisi e predisposizione del report descrittivo. Dopo questa prima rilevazione si prevede di ripetere la stessa con cadenza triennale; - il Servizio Conservazione della natura e valorizzazione ambientale per l effettuazione di un indagine sul mondo scolastico, volta ad esplorare la fruizione delle aree protette; - l Ufficio Stampa della Provincia per le indagini sulla conoscenza e il gradimento delle riviste edite dalla Provincia, nel 2013 dopo la rilevazione relativa al periodico Il Trentino e quella relativa al periodico Terra Trentina, nel 2013 verrà progettata ed effettuata quella relativa al periodico Didascalie : - l Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili, in particolare l Osservatorio delle pari opportunità, con il quale sarà avviato uno stretto raccordo finalizzato alla valorizzazione dei dati statistici per genere e per l elaborazione del bilancio di genere e l Ufficio Servizio civile per rilevare gli effetti dell esperienza del servizio civile presso i giovani con attenzione al riorientamento del percorso di studi e per l ingresso nel mercato del lavoro. Verranno ripensati gli strumenti di analisi per la customer satisfaction per coloro che richiedono dati ed elaborazioni al Servizio. L obiettivo è quello di proseguire nel progetto di soddisfare e rendere autonomi i soggetti che necessitano di informazioni statistiche e di privilegiare Internet quale canale di elaborazione e di diffusione dei dati statistici. 23

28 economia La priorità sarà finalizzata a migliorare la descrizione del sistema produttivo trentino, sia pubblico che privato, attraverso un insieme di attività che dovranno portare ad una razionalizzazione delle rilevazioni sulle imprese, allo studio del potere informativo e della qualità dei dati presenti nelle amministrazioni pubbliche e, dopo valutazione positiva, alla loro sostituzione eliminando richieste alle imprese e contribuendo a ridurre gli oneri amministrativi per i soggetti economici. Si proseguirà nelle attività, già avviate nei precedenti programmi, per integrare i dati statistici provenienti da diverse indagini e questi ultimi con i dati amministrativi per ottimizzare e valorizzare il patrimonio informativo disponibile. L obiettivo è quello di progettare e realizzare per gli ambiti di maggior interesse per il sistema produttivo trentino database multidimensionali. Tale progetto denominato record lungo verrà sviluppato dal turismo. In tale ambito sono già state avviate delle prime sperimentazioni che hanno avuto riscontri positivi per l analisi. Gli altri settori che verranno progressivamente interessati sono l industria e i servizi, il lavoro e l artigianato di produzione e di servizi. Un importante tassello sarà fornito dall Indagine panel sulle microimprese trentine che coinvolge anche il lavoro autonomo e che, a partire dall indagine effettuata nel 2011, ha assunto cadenza biennale. Questa rilevazione risponde ad esigenze informative non soddisfatte con l uso di dati amministrativi e fiscali ed integra gli stessi per descrivere in modo esaustivo un sottoinsieme produttivo di rilevante importanza per l economia provinciale. I fenomeni indagati interessano le relazioni con il mercato, l accesso al credito, la continuità intergenerazionale dell impresa, etc.. Inoltre la tecnica di indagine panel permette di costruire i percorsi di sviluppo del sistema produttivo nel tempo. Nel 2013 verrà avviato l approfondimento metodologico finalizzato a migliorare e ad adeguare, ai cambiamenti intervenuti, la descrizione la quantificazione dell occupazione nel settore pubblico in Trentino. Il lavoro interesserà l insieme di indagini che raccolgono i dati statistici in tale ambito e, nello specifico, il conto annuale delle spese di personale delle amministrazioni pubbliche, 24

29 il personale dipendente degli enti non inclusi nel conto annuale delle spese di personale, il personale dipendente degli enti strumentali della provincia (articoli 32 e 33 della L.p. n. 3/2006) e il personale dipendenti degli enti dell Amministrazione centrale. L iniziativa ha l obiettivo di valutare la correttezza dei diversi universi di riferimento utilizzati per queste indagini delle aggregazioni caratteristiche del settore pubblico. Il lavoro si rende necessario alla luce delle profonde trasformazioni intervenute e che sono ancora in corso nel settore. Altro ambito di sviluppo è quello che interessa le nuove tecnologie (ICT), il loro uso nel sistema economico e le trasformazioni nei processi decisionali e produttivi dalle stese indotte. Tale iniziativa consoliderà quanto già effettuato per descrivere e monitorare il fenomeno nel contesto locale e nel confronto con altre realtà regionali, nazionali e internazionali. Anche nel prossimo triennio il Servizio sarà, perciò, impegnato nella raccolta dei dati, nella costruzione delle basi dati e nell analisi della corretta ed esaustiva descrizione di questo fenomeno. Nel triennio il turismo assumerà un ruolo prioritario sia nell attività di produzione che in quella di analisi statistica. Infatti, nel 2013 verrà ripetuta, con gli opportuni aggiornamenti informativi, l Indagine sulla spesa dei turisti che ha assunto periodicità triennale, profila il turista e rileva anche le motivazioni della vacanza in Trentino. Questa indagine ha l obiettivo principale di misurare il contributo del turismo, dal punto di vista quantitativo, all economia trentina e arricchisce con un insieme di aspetti qualitativi l importanza dimensionale di questo fenomeno che avviene attraverso gli arrivi e le presenze nelle diverse strutture ricettive. Nel 2014 verrà riproposta l Indagine decennale sull imprenditoria alberghiera. Questa rilevazione si focalizza sugli aspetti qualitativi e è finalizzata a descrivere le caratteristiche dell imprenditore e il suo modo di fare impresa. Entrerà a regime anche la Rilevazione degli occupati negli esercizi alberghieri e complementari della provincia di Trento che nel 2012 ha sperimentato le modalità per allargare l universo di riferimento della stessa individuando i sistemi più opportuni per raccogliere i dati sull occupazione anche negli esercizi complementari turistici. Continuerà, inoltre, l attività di informazione e formazione per la diffusione della modalità di invio telematico dei dati per la Rilevazione sul movimento dei clienti 25

30 negli esercizi ricettivi. In questo ambito l innovazione introdotta nella raccolta dei dati permette di stimare andamenti settimanale e mensili della stagione turistica con tempestività e allo stesso tempo riduce l onere amministrativo alle imprese. Proseguirà per tutto il prossimo triennio la Rilevazione sugli oneri amministrativi derivanti dall applicazione di procedimenti amministrativi provinciali e comunali a carico delle imprese. Saranno progressivamente sottoposti a misurazione i circa 800 procedimenti amministrativi provinciali e comunali che interessano le imprese attraverso l effettuazione di indagini mirate per ogni procedura. La fase di rilevazione sarà preceduta dalla mappatura delle singole azioni previste dalla normativa, a cura del competente Servizio Semplificazione amministrativa. Il lavoro si concentrerà sulla predisposizione dei questionari, sulla individuazione degli universi di riferimento, nonché sull elaborazione e analisi dei dati raccolti. Particolare attenzione verrà rivolta alla stima del risparmio derivante dalle misure di semplificazione introdotte. Questa attività costituirà la base per l aggiornamento del Piano straordinario di riduzione degli oneri amministrativi delle imprese e rappresenterà uno dei tasselli fondamentali del Sistema informativo per la misurazione e la riduzione degli oneri amministrativi per le imprese. ambiente e territorio Verranno innovate le modalità per la raccolta dei dati statistici per le indagini relative all edilizia. Si procederà a progettare e realizzare le procedure per l invio telematico dei dati della Rilevazione statistica degli interventi edilizi su fabbricati esistenti, della Rilevazione sul risparmio energetico in edilizia e della Rilevazione statistica dei permessi di costruire. Nel 2013 prenderà avvio la seconda fase del progetto per la realizzazione dell Archivio Nazionale degli Stradari e dei numeri Civici (ANSC) che dovrà completare e consolidare l Archivio realizzato in occasione del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, utilizzando nuove banche dati toponomastiche predisposte dall Istat. L obiettivo porterà alla costruzione di un 26

31 archivio che sarà il riferimento per tutte le attività che, in avvenire, saranno richieste ai Comuni nonché per i servizi da erogare a terzi. Le attività previste sono quindi quelle di correzione e di validazione dei dati raccolti prima e durante il 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni ed il 2 Censimento degli edifici e la messa a regime di un sistema di aggiornamento continuo da parte dei comuni delle informazioni relative all onomastica stradale e alla numerazione civica, geocodificato alle sezioni di censimento del Il lavoro dovrà essere integrato anche con le esigenze informative e gestionali di un insieme di strutture provinciali, come ad esempio la Protezione civile e il Catasto. Infine dovrà essere coerente con l impostazione e le applicazioni già attive nel Sistema Informativo Ambiente e Territorio (SIAT). Di seguito vengono evidenziate alcune funzioni trasversali ed attività metodologiche relative alle indagini statistiche che caratterizzeranno il prossimo triennio. archivio rilevatori Per effettuare le rilevazioni con intervista diretta, Il Servizio Statistica necessita di collaborazioni esterne che possono variare da poche unità a diverse decine di unità. Il personale esterno coinvolto nell attività di rilevazione deve possedere una formazione generale sulle modalità di conduzione dell intervista, su come presentarsi alla famiglia, sui comportamenti consoni ed adeguati per svolgere in modo corretto l intervista e sulla normativa che regola tale attività. Inoltre deve acquisire una formazione specifica sulla singola rilevazione. Il Servizio ha organizzato in un Archivio di rilevatori le persone accreditate per svolgere il lavoro di raccolta dei dati sul territorio provinciale. Questo archivio viene utilizzato anche da un insieme di altri produttori pubblici di statistica, fra i quali la Camera di Commercio, le Amministrazioni comunali, le altre agenzie/enti strumentali della Provincia, le Aziende di promozione turistica, etc.. L Archivio rilevatori richiede un attività di aggiornamento annuale attraverso la selezione e la formazione di nuovi rilevatori. La risorsa rilevatori è in continua 27

32 evoluzione in quanto il naturale turn-over di questa figura è molto alto e, per alcune zone, è anche una risorsa scarsa. Le attività di pubblicizzazione di tale opportunità di lavoro, le rilevazioni straordinarie connesse ai censimenti generali, che hanno necessitato di una quantità significativa di rilevatori in contemporanea, e un forte effetto passaparola hanno portato ad avere alcune centinaia di nuove iscrizioni negli ultimi anni. Dopo la selezione per i rilevatori necessari ai censimenti generali sono state sospese le attività periodiche di accreditamento di nuove persone all archivio per l impossibilità di predisporre le opportune procedure di accreditamento. Ultimata la maggior parte delle operazioni censuarie nel 2013 riprenderanno le attività di selezione e di reclutamento di nuovi potenziali rilevatori, nella formula Informazione/selezione/formazione. L importanza di una corretta e idonea attività di selezione dei rilevatori costituisce uno degli elementi fondamentali per raccogliere dati statistici quali/quantitativi con un elevata affidabilità. indagini supportate dalle nuove tecnologie Negli ultimi anni la tradizionale indagine statistica condotta attraverso il questionario cartaceo e l intervista condotta da un rilevatore sta progressivamente perdendo rilevanza a favore di altre modalità, supportate dalle nuove tecnologie. In particolare, viene fatto sempre più ricorso alle interviste supportate dal computer (CAPI, CATI, CASI e CAWI). Il ricorso a queste tecniche di indagine risulta più efficiente rispetto alle tecniche tradizionali di somministrazione del questionario, in quanto permette un inserimento controllato delle risposte e non richiede la successiva memorizzazione dei dati raccolti ma necessita di una più attenta progettazione del questionario e dei possibili controlli a monte. Il Servizio, negli ultimi anni, è diventato punto di riferimento per altre strutture provinciali che si sono avvicinate a queste nuove modalità di rilevazione e, pertanto, continuerà anche per il prossimo triennio a: - seguire l evoluzione e l aggiornamento, con la società proprietaria, del software in uso; 28

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2014-2016 Schede iniziative

PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2014-2016 Schede iniziative PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2014-2016 Schede iniziative Trento, 19 dicembre 2013 PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2014-2016 Schede iniziative INDICE Confronto censimento/anagrafe.7 Rilevazione delle

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica

SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE 2013 DELL ANNUARIO STATISTICO REGIONALE SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica Genova, 5 febbraio 2014 Elena Ricci

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2015-2017 E ANNUALE 2015

PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2015-2017 E ANNUALE 2015 PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2015-2017 E ANNUALE 2015 Trento, 14 gennaio 2015 PROGRAMMA STATISTICO PLURIENNALE 2015-2017 E ANNUALE 2015 INDICE Programma pluriennale 2015-2017 Programma pluriennale...

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE 1 PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano Cartesio - Reignegnerizzazione e dematerializzazione dei procedimenti amministrativi Responsabile: Cognome: Penzo Nome: Gianni Telefono: 049/8273527 E-mail:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

SCHEDA INTERVISTA CATASTO

SCHEDA INTERVISTA CATASTO SCHEDA INTERVISTA CATASTO Comune di ATTENZIONE: rilevare la volontà dell Ente e non l opinione dell intervistato D1. IL COMUNE È ORIENTATO ALL ASSUNZIONE DIRETTA DELLE FUNZIONI CATASTALI? (a) SI, in forma

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - -3 - 't! PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano VOIP COMUNICAZIONE TURISMO

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

La nuova RICA Italia

La nuova RICA Italia Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 La nuova RICA Italia Alfonso Scardera Istituto

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili.

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili. Comune di Sondrio LINEE GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE del coordinamento territoriale per l integrazione dei servizi a favore dell inclusione scolastica degli alunni con disabilità PREMESSA Il Comune di

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Piero Leone Terna Spa Direzione Pianificazione e Sviluppo Rete - Statistiche email:piero.leone@terna.it (versione provvisoria) Sintesi: Fra i primi in

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Giampiero Siesto Viviana

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Biblioteca estense universitaria

Biblioteca estense universitaria Biblioteca estense universitaria, Modena Progetto Qualità 2009 19/11/2008 P. 1 / 11 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca estense universitaria Modena PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE

Dettagli

http://www.istat.it/servizi/studenti/valoredati/

http://www.istat.it/servizi/studenti/valoredati/ Il processo di produzione dell'informazione statistica si conclude con la diffusione dei dati, mettendo a disposizione dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni i risultati delle rilevazioni. Tutti

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 11 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero Osservatorio Lavoro Nero Sommario Introduzione... 2 La revisione delle procedure informatiche... 3 Osservatorio del Lavoro Nero... 6 La nuova piattaforma... 6 Analisi della posizione del lavoratore - post

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Equitalia spa Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia delle entrate, 49% Inps), incaricata dell attività di riscossione nazionale dei tributi. Il suo fine è di contribuire

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE Premessa L esigenza di una rilevazione puntuale e condotta con criteri uniformi su tutto il

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli