PROGETTI DI VITA E DISABILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI DI VITA E DISABILITA"

Transcript

1 BERGAMASCO PER L INTEGRAZIONE PROGETTI DI VITA E DISABILITA REALIZZATO DA MANLIO CAVANNA SEMINARIO INTRODUTTIVO 11 GIUGNO 2009

2 BERGAMASCO PAGINA 47 Modalità di realizzazione Il seminario si articolerà in due parti. Prima parte: 18,00 20,00 Nella prima parte verranno esposti alcuni contributi iniziali, messi a disposizione sia da persone interne al CBI, sia da esterni, allo scopo di avviare la riflessione. Pausa buffet Seconda parte: 20,45 22,00 Nella seconda parte si allargherà la riflessione e, a partire dal confronto tra tutti i partecipanti, si metterà a punto un insieme di punti condivisi. I contributi iniziali interni al CBI saranno a cura di: Antonio Bianchi Sauro Plebani Olivia Osio Adriano Bosio I contributi esterni saranno a cura di : Benvenuto Gamba ( U.D.P. Valcavallina) Paolo Brevi ( Cooperazione Sociale ) Antonio Porretta ( Volontariato) Carla Zappella ( Scuola) Referenti esterni invitati Al seminario verranno invitati, oltre che i genitori e le realtà che fanno riferimento al CBI, anche alcuni interlocutori esterni ritenuti particolarmente rilevanti, appartenenti alle associazioni, all ASL, alla neuropsichiatria, alla cooperazione sociale, alle amministrazioni comunali e alla scuola. Coordinamento del seminario Il seminario sarà coordinato da Maurizio Colleoni, esperto di politiche per la disabilità, collaboratore del CBI.

3 BERGAMASCO PAGINA 46 LA SCALETTA DEL SEMINARIO PAGINA 3 Famiglie con disabilità e progetto di vita nei Piani di Zona della provincia di Bergamo Seminario introduttivo 11 giugno 2009 Premessa Questo momento costituisce l avvio del percorso di lavoro attorno alla partecipazione delle famiglie ai Piani di Zona, ed è pensato come una occasione di confronto e riflessione, aperta sia alla componente familiare, sia ad interlocutori esterni, finalizzata alla messa a punto di un insieme di riflessioni e spunti condivisi che orientino il successivo lavoro di esplorazione e analisi attorno agli elementi presenti all interno dei diversi Piani di Zona della nostra provincia. Partecipanti Gruppo di lavoro sui Piani di Zona interno al CBI Altri gruppi e/o singoli genitori afferenti al CBI Referenti significativi di realtà del territorio Obiettivi Realizzare un momento di confronto allargato, che faccia spazio e accolga il punto di vista delle famiglie e quello di altri interlocutori significativi rispetto al tema oggetto di lavoro. Raccogliere spunti, suggerimenti, indicazioni, esperienze, provenienti da punti di vista e ruoli diversi, attorno a cosa è un progetto di vita Approfondire e condividere elementi ritenuti comuni e fondativi della successiva fase di analisi e studio di esperienze in atto all interno dei diversi Uffici di Piano SOMMARIO Introduzione di Sauro Plebani pag. 4 Le domande di Antonio Bianchi pag. 7 Le riflessioni di Sergio Palazzo pag. 10 Olivia Osio: l esperienza della uildm pag. 12 Adriano Bosio: Cos è un progetto di vita non so, ma pag. 17 Paolo Brevi: la semantica del progetto di vita pag. 19 Benvenuto Gamba: aspetti di senso pag. 21 Antonio Porretta: volontariato e progetti di vita pag. 23 Claudio Caggioni: alcune linee guida pag. 26 Carla Zappella: progetto di vita e scuola potenziata pag. 27 Sguazzi: tempo libero e progetti di vita pag. 29 Don Adriano Peracchi:da persone che chiedevano un favore a persone che costruiscono un progetto di vita pag. 32 Giuseppe Farina: imparare a stare insieme pag. 34 Cristina Borlotti: progetto di vita come progetto di comunità pag. 36 Renato Bresciani: il sistema dei servizi sociosanitari e la nuova idea di progetto di vita pag. 37 Giorgio Gotti: il ruolo del CSV pag. 39 Forum delle associazioni dell isola: attrezzi per costruire il proprio Progetto di Vita pag. 41 Maurizio Colleoni: due note conclusive pag. 43

4 PAGINA 4 PAGINA 45 COORDINAMENTO BERGAMASCO INTRODUZIONE DI SAURO Sauro Plebani introduce i lavori spiegando il motivo del seminario: 1. Dare concretezza all idea del progetto di vita 2. Partire coi ragionamenti attraverso una visione il più ampia possibile, che coinvolga più punti di vista diversi. Le persone invitate al seminario rappresentano la varietà dei soggetti che si occupano di disabilità e sono state chiamate perché la questione del progetto di vita è complessa e si vuole provare a guardarla da una complessità di sguardi. Si vuole anche rappresentare il territorio della provincia e si vuole soddisfare il criterio della variante cronologica, ascoltando persone che lavorano con l infanzia e con l età adulta. Sauro Plebani manifesta la volontà che questa esperienza assuma poi un valore fondativo, nel senso di poter essere utilizzata da altri soggetti. In tal senso, al termine del percorso iniziato in questa serata, si realizzerà un testo. Sono cittadini che curano un congiunto con delle difficoltà ed esercitano una funzione civile, danno dignità ad una forma di esistenza dimostrando alla società come si può vivere e amare dentro la fragilità. Sono persone con attese di cambiamento, con ideali e sogni attorno al proprio luogo di vita, con energie e risorse, legami e relazioni, appartenenza e coinvolgimento nelle trame della vita sociale. In sintesi, sono degli interlocutori cruciali per allestire e regolare possibilità di aiuto adeguato a sostenere progetti di vita Non è un caso se in questi ultimi anni si è vista una crescita di esperienze, progetti, servizi, avviati grazie alla collaborazione attiva e partecipe tra famiglie e altri soggetti. Certo, non sono mancate contraddizioni, sviste, incidenti di percorso, cadute, cedimenti, ma sembra essersi aperta un strada, e sembrano sempre più numerosi coloro che la percorrono. E non è un caso se il seminario è stato realizzato da un soggetto di riferimento delle famiglie, come il CBI. Non un soggetto legato a una particolare forma di disabilità, ma legato ad una rappresentanza provinciale di tutti coloro che convivono con la disabilità, ad un territorio quindi, e ad un ideale, quello della lotta alla emarginazione della fragilità in tutte le sue forme Questo seminario, così come diverse altre recenti azioni del CBI, costituisce un esempio concreto di attenuazione della separazione rigida tra le famiglie ed i titolari delle politiche locali per la disabilità. Un esempio, un tentativo, una prova, non un modello consolidato, una linea di lavoro acquisita e consolidata. Accanto a questa prova occorrerà tentarne altre, arricchire questo campo di nuove sperimentazioni, per poter dare solidità e stabilità a questa logica di fondo.

5 BERGAMASCO PAGINA 44 Ed è una questione che, in questa particolare fase storica, mostra, accanto a lusinghieri risultati, anche delle problematiche aperte, almeno rispetto a due nodi emblematici. Una riguarda la continuità nelle transizioni che la persona con disabilità percorre lungo la sua vita tra un servizio e l altro, in particolare tra il sistema scolastico e quello dei servizi educativi, e, poi tra i servizi educativi e quelli di tipo più residenziale. Non sempre questa continuità è garantita. A volte vi sono buchi e fratture pesanti per le persone e le loro famiglie. La seconda riguarda la continuità tra servizi dedicati e strutturati e la vita quotidiana. La scuola, i servizi educativi, le residenzialità hanno fatto molti passi avanti nell accostare la domanda di vita della persona con disabilità; ma da soli non possono rispondere a una domanda così ampia. La relazione con l esterno è una risorsa vitale. Molte sperimentazioni interessanti sono in corso sui nostri territori, sperimentazioni che stanno offrendo spunti di innovazione significativi. Sono due terreni sui quali però si dovrà lavorare parecchio, nel prossimo futuro. Ma anche per quanto riguarda le titolarità sembra rilevante la discontinuità col passato, in particolare per quanto riguarda il ruolo delle famiglie. Le famiglie, come è stato detto durante il seminario, escono dall angolo, non sono più soltanto una categoria di portatori di bisogni ai quali la politica, la società ed i servizi devono dare una qualche risposta. Non sono più solo utenti che chiedono ( anche se, va detto per rispetto di molte famiglie, in diversi casi non sono nemmeno utenti, nel senso che vengono lasciate da sole). Sono genitori, fratelli, parenti, che accettano una responsabilità attorno ad un legame di cura con una persona che ha un suo particolare modo di stare nel mondo ed accettano di assumerne la cura e l educazione imparando un po alla volta ad esercitare questa funzione. Sono adulti che sviluppano delle competenze, un sapere, una cultura, una curiosità, attorno alla fragilità ed alla convivenza con la fragilità, dentro una famiglia, un paese, una città. Durante il seminario dell 11 giugno abbiamo accennato tutti alla sensazione di astrazione che si ha nel parlare del Progetto di Vita. Io ho avuto la percezione che anche riferendoci alla famiglia abbiamo un riferimento generico che dovrà essere approfondito. Emerge sempre più l importanza della famiglia che deve esserci, vuole esserci e deve essere risorsa per il proprio figlio o figlia e assieme potranno essere risorsa per la Comunita che abitano. Ma la famiglia non è un entità univoca e normalizzata, siccome composta da persone uniche è unica, ognuna ha le proprie caratteristiche, il proprio bagaglio culturale, le proprie risorse e fatiche, caratteristiche dinamiche destinate a variazioni nel tempo. Ci sono famiglie che si sentono adeguate con risorse ed energie per essere a fianco del proprio famigliare e capaci di affrontare le inevitabili fatiche. Altre Famiglie si sentono inadeguate o tanto stanche da non riuscire ad esserlo. La Famiglia è uno dei titolari del Progetto di Vita? È elemento di continuità indispensabile? Direi proprio di si ma perchè tutte possano esserlo e continuare ad esserlo nel tempo devono essere aiutate. Guardando ad alcune esperienze di vita autonoma si nota che sono i genitori a fare più fatica al distacco mentre spesso i figli sembra non aspettassero altro; Finalmente liberi!. Mi sto accorgendo quanto sia vero quanto emerso nel seminario: Non si può pensare di aiutare una persona a compiere il suo progetto di vita senza mettere mano al nostro. Una famiglia che accoglie una persona con fragilità, non necessariamente con disabilità, attiva delle dinamiche di adattamento che la rendono unica e la possono arricchire. Alcune riescono a riequilibrare la quotidianità considerando i bisogni di tutti i suoi componenti, altre no, si concentrano solo sulla persona d aiutare e accumulano fatiche.. Anche una comunità che accoglie persone fragili bisognose d aiuto deve modificare le proprie dinamiche e cogliere l occasione per crescere e migliorarsi. La nostra società all inizio del terzo millennio più preoccupata per le perdite dell economia che per la perdita di valori che la causano, può arrivare a comprendere il dovere di aiutare a compiere il loro progetto di vita quelle persone che non hanno l autonomia per farlo?

6 Può pensare che quanto serve possa essere un investimento per migliorarsi piuttosto di una spesa di mantenimento di altri?. La chiave di volta sarà proprio che si deve portare l Altro nel proprio progetto di vita? Sarà che per migliorare il nostro progetto di vita sia indispensabile migliorare anche quello degli altri?. Un altra riflessione: Minor autonomia corrisponde a maggior delega?. Esiste una sorta di equazione per cui la delega a assumere la determinazione del progetto di vita di altri è inversamente proporzionale alla loro autonomia con il rischio di assumerne completamente la determinazione. È vero questo o si deve pensare che la minor autonomia ci deve obbligare quotidianamente ad un maggior sforzo per comprendere non solo quello che serve ma anche quello che piace alla Persona che guardiamo negli occhi. Possiamo non assumere deleghe ma solo attenzioni?. Uno degli errori che tendono a fare i genitori è quello di guidare i figli a perseguire i propri sogni e le proprie ambizioni. Per fortuna arriva l adolescenza con la sua voglia d indipendenza. A quella età i figli ci chiedono di starcene in disparte, ci fanno capire di non stargli troppo addosso e che qualche volta serve sbagliare in proprio per crescere. L adolescenza cosi critica e ribelle serve a far crescere loro e noi verso una vita autonoma ed autodeterminata. I figli con disabiltà spesso non riescono a ribellarsi e a prendersi la responsabilità di staccare il cordone ombelicale, non ci dicono di non rompere e perciò ci lasciano nella possibilità di sbagliare e continuare a tenerci la delega di pensare per loro. È vero, spesso succede, minore autonomia maggiore la delega che ci assumiamo. Mi sa che nel nostro percorso dovremo fare una riflessione sulle aspettative della famiglia. Cosa si deve fare per capire se stiamo perseguendo le nostre o le loro aspettative?. Come capire se la fatica piuttosto che l ambizione ci fanno avere aspettative troppo basse o troppo alte?. Riusciamo da soli ad essere obiettivi in questo? Solo io so quello che serve a mio figlio è sempre così vero?. L amore che è alla base dell essere risorsa e continuarlo ad essere anche oltre alle fatiche, ci lascia obiettivi? Ci permette di essere aiutati? Di chiedere aiuto?. O diventa l impedimento ad esperienze di relazione e di vita autonoma?. Cosa ne pensate?. Sauro Plebani Genitore PAGINA 43 COORDINAMENTO BERGAMASCO Maurizio Colleoni: Psicologo collaboratore del CBI Vorrei sottolineare il fatto che il seminario ha costituito un piccolo e significativo segnale attorno a come sta evolvendo il modo di parlare e di operare attorno alla disabilità. Una evoluzione rilevante che riguarda sia la prospettiva con la quale affrontare questa tematica sia le titolarità che entrano in campo per trattarla concretamente. Per quanto riguarda la prospettiva, il seminario ha affrontato la questione della disabilità nell ottica, delicata e affascinante, del progetto di vita. È un orientamento che fino a pochi anni fa non veniva preso in considerazione. Qualche anno fa si sarebbe parlato di autonomia, di riabilitazione, potenziamento delle abilità, integrazione tutte questioni reali e pregnanti, intendiamoci, e attualissime. Ma introdurre l ottica del progetto di vita significa porre come premessa a ogni interventi nell ambito della disabilità il riconoscimento della persona e della sua domanda di vita, del suo diritto ad una biografia originale e dignitosa, delle sue possibilità di autorealizzazione e di crescita, entro i limiti e le potenzialità che caratterizzano la sua condizione soggettiva e sociale. Non è poco, come evoluzione: è un approccio che porta con sé conseguenze rilevanti, sul piano ideativo e progettuale. Assumere il progetto di vita come orizzonte culturale, come fonte di senso all agire, comporta il pensare in termini longitudinali alla qualità della vita di una persona ed alle sue possibilità reali di protagonismo, comporta il rappresentarsi la globalità e la ricchezza esistenziale, comporta attenzione alle possibilità di varietà e di discontinuità nelle esperienze e nelle relazioni. È una questione che chiama in gioco, come è evidente nelle riflessioni offerte dai vari partecipanti al seminario, il contributo di molti: delle famiglie, innanzitutto, di chi opera professionalmente così come di chi sviluppa rapporti di vicinanza empatica, amicale; degli Amministratori e dei semplici cittadini.

7 BERGAMASCO PAGINA 42 Sfruttare le risorse del territorio significa individuare le competenze professionali adeguate a formare le famiglie sulla evoluzione competente e responsabile dei propri progetti di vita. In quale contesto di vita è più utile che la persona in difficoltà possa spendere le sue abilità di autonomia personale, di comunicazione? Con chi la persona in difficoltà deve poter esprimere la propria affettività? Chi deve saper spronare l indipendenza della persona in difficoltà? La sua famiglia. Se è vero che la famiglia ha il maggiore interesse alla formazione del progetto della propria vita, deve essere formata a prendersene cura, pena la scarsa attenzione al divenire esistenziale della persona diversamente abile; pena la discontinuità delle relazioni significative all interno del proprio territorio di appartenenza.. COORDINAMENTO BERGAMASCO LE DOMANDE DI ANTONIO PAGINA 7 Antonio, genitore del CBI, svolge un intervento che si propone di aprire dei ragionamenti. Per questo motivo la modalità comunicativa prescelta è quella dell interrogazione, senza offrire risposte o punti di vista che orientino. I punti su cui Antonio rivolge il ragionamento sul tema del progetto di vita sono : Titolarità Modelli possibili Ruolo del contesto Continuità Aspettative e libertà Rapporto tra progetto di vita del disabile e progetto di vita della persona La nostra proposta di riflessione riguarda l analisi e la presa in carico professionale della formazione della famiglia nel saper cogliere gli a- spetti significativi del proprio percorso di vita, essendo la famiglia l istituzione sociale più interessata a non perdere i pezzi della propria storia nei passaggi da un servizio ad un altro. Ci pare che questo tema abbia molto a che fare con la minore fatica nella gestione di rete dei progetti di vita, con la loro utilità sociale, con la loro continuità di realizzazione, con la razionalizzazione delle risorse, perché quando la famiglia non è capace di riconoscersi nel proprio progetto di vita, non c è un progetto di vita utilizzabile dalla famiglia

8 PAGINA 8 LA TITOLARITÁ DEL PROGETTO DI VITA La titolarità del progetto di vita spetta ad una persona o ad una funzione? La titolarità del progetto di vita è singolare o plurale? La famiglia è in affiancamento o è titolare? La titolarità del progetto di vita è statica o dinamica? I MODELLI I modelli del progetto di vita proposti da Roberto Medeghini 1 sono 3: modello cronologico modello dei servizi modello dei desideri della persona Quale pensiero abbiamo su questi 3 modelli: ne vale uno; valgono tutti? Sono interagenti, e se sono interagenti, come immaginiamo questa interazione? Ivo Lizzola 2 propone il modello dinamico del progetto di vita, inteso come uno spazio di espressione e di ascolto dove i servizi raccolgono e restituiscono alla persona disabile, creando dinamicamente nuovi e differenti spazi di raccolta e di ascolto. Questo modello ci convince? Riteniamo che possa interagire coi servizi o è solo un modello culturale? IL CONTESTO Va inteso come complesso di elementi che forniscono prestazioni? 1 Professore di Pedagogia Speciale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli studi di Bergamo PAGINA 41 Forum dell isola: attrezzi per costruire il proprio progetto di vita L attenzione rivolta alle persone diversamente abili negli ultimi decenni è progressivamente cresciuta. Si lavora oggi per favorire la partecipazione della persona diversamente abile e della sua famiglia ad una vita normale nel proprio territorio di appartenenza. Nelle associazioni di familiari si incontrano famiglie con diverse prospettive: famiglie più avanti negli anni che desiderano sostegno in termini di percorsi di sollievo e di preparazione al dopo di noi ; famiglie più giovani che desiderano percorsi formativi per meglio rispondere alle esigenze educative nel proprio concreto ecositema di vita. La nostra forza e la nostra competenza, come associazioni di familiari, sono quelle di accogliere le prospettive e le aspettative concrete delle famiglie e restituirle al pensiero sociale che si preoccupa della disabilità. Le famiglie cercano di adeguarsi alle logiche della partecipazione, ma lo fanno oggi solo con mezzi propri. Ne deriva una partecipazione che a volte è poco numerosa; a volte poco competente; a volte conflittuale. Come famiglie accogliamo questo dato, ma non possiamo farcene integralmente carico. Sicuramente è un dato che riflette una necessità formativa da parte delle famiglie, sia sulle logiche e i linguaggi della partecipazione alla rete dei servizi, sia sulla migliore delineazione del proprio ruolo nella elaborazione dei progetti di vita individuali. La sensazione diffusa e che dalle famiglie si pretenda e da subito, una competenza diffusa che chi opera nei servizi ha maturato in anni di formazione e di esperienza sul campo. Il sostegno alle famiglie si misura anche sulla capacità di spiegare loro cosa si dovrebbe fare e perché si dovrebbe farlo, affidando questo compito a professionisti formati a svolgerlo nei vari settori. 2 Preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli studi di Bergamo

9 BERGAMASCO PAGINA 40 Un aspetto importante chiama in causa il contesto territoriale in cui le fragilità si manifestano e con il quale la persona e la famiglia interagiscono costantemente. Si tratta quindi di individuare iniziative per sensibilizzare i cittadini intorno ai temi della disabilità ricercando nello stesso tempo relazioni con ambiti privilegiati: la scuola, gli oratori, i luoghi di aggregazione ecc In quest ottica CSV può mettere a disposizione le competenze acquisite nei percorsi formativi di sensibilizzazione ai temi del disagio e delle relazioni territoriali. Un azione di sostegno alle relazioni tra reti di volontariato e istituzioni locali per far crescere la partecipazione alle fasi di progettazione dei servizi (come previsto dalla legge 328/2000) e individuare con gli enti locali buone prassi per migliorare le condizioni di vita delle persone con disabilità. Sulla base dell esperienza acquisita in questi anni, riteniamo necessario l avvio di una nuova fase di contrattazione per esplicitare e condividere modalità e regole della partecipazione delle OdV alla definizione delle politiche sociali ed in particolare della loro partecipazione ai tavoli zonali. Un ultimo aspetto ma non meno importante riguarda il ruolo politico, di pressione nei confronti delle istituzioni perchè i problemi delle persone con disabilità trovino adeguate soluzioni normative. La stessa legge quadro del volontariato cita espressamente il ruolo di advocacy delle organizzazioni, cioè di quell insieme di azioni/attività che si propongono di prendersi carico del problema e si fanno portatrici del bisogno al più alto livello politico. I volontari sono cittadini per eccellenza, sanno guardare avanti, prendersi cura delle persone e dell ambiente in cui le stesse vivono, sanno essere attivi, responsabili e solidali e proprio per questo possono essere i migliori alleati delle istituzioni. LA CONTINUITÁ La continuità in genere è presentata come un valore. La continuità va intesa come una fissità o ci possono essere dei passaggi? E questi passaggi, come vanno gestiti?come passaggi di informazioni o ci deve essere un invasione di campo tra il prima e il dopo. LE ASPETTATIVE E LA LIBERTÁ Le aspettative sul progetto di vita sono importanti perché stimolano le azioni. C è la libertà del disabile, che può essere fortemente limitata dal progetto di vita. E le libertà dei diversi soggetti coinvolti nel progetto di vita? Rispetto al nostro progetto di vita, quanto siamo disposti a condividerlo con la persona disabile e con gli altri operatori? Quanto siamo disposti a coinvolgerli nel progetto di vita? Antonio Bianchi Genitore

10 BERGAMASCO PAGINA 10 Le Riflessioni di Sergio: Progetto di vita:sogno o realtà? E opinione diffusa,che quando si parla di Progetto di vita sconfiniamo nella pura astrazione e compito non facile del percorso che stiamo iniziando è proprio quello di tradurre in termini più concreti un concetto che,a mio parere,con fatica si riesce a separare dall aggettivo astratto. La disabilità rappresenta un mondo così complesso e variegato,al punto di non trovare risposte spesso adeguate all infinità di bisogni che emergono. Non credo sia possibile individuare la ricetta magica e tracciare schemi pre-definiti entro i quali muoverci. Cerchiamo almeno di trovare risposte coerenti,utilizzando gli strumenti che ci vengono messi a disposizione e servendoci delle strategie più opportune. Il Seminario dell 11 giugno ha raccolto una serie di opinioni,frutto di testimonianze e di sguardi diversi tra loro,espressione di pensieri anche profondi e condivisibili,che hanno prodotto spunti di riflessione. Tuttavia ho la sensazione che a volte ci si compiaccia del pensiero profondo,correndo il rischio di cadere nell esercizio puramente accademico o di inaridirsi entro contesti del tutto personali e/o particolari,senza quindi raggiungere alcun risultato pratico. Perciò mi limito a fare considerazioni sull esistente, da cui dobbiamo partire in maniera molto pragmatica. Il Progetto di vita va costruito dalla nascita al Dopo di noi attraverso una serie di passaggi,che vanno attentamente monitorati da diversi soggetti,di volta in volta co-titolari del progetto stesso. La titolarità spetta principalmente alla famiglia e alla persona con disabilità, di cui si prende cura,quanto meno alla persona che è in grado di esprimere aspettative,nella logica di progettare con loro e non per loro. La famiglia deve essere affiancata da chi,nelle varie tappe del percorso di vita,si prende in carico la persona con disabilità: istituzioni (assistenti sociali),neuropsichiatria infantile,scuola,formazione professionale finalizzata o meno all inserimento lavorativo,servizi diurni,centri residenziali. La famiglia sovente non è in grado di affrontare tale percorso,comunque faticoso e a volte doloroso. PAGINA 39 Giorgio Gotti Presidente CSV Bergamo Il Centro Servizi Bottega del Volontariato (CSV) opera in provincia da oltre dieci anni al servizio dei volontari e delle comunità locali attraverso: la realizzazione di iniziative e l erogazione di servizi finalizzati alla promozione e al sostegno delle organizzazioni di volontariato (OdV); l attivazione di percorsi a sostegno della crescita della cultura della solidarietà e dell impegno civile attraverso la sensibilizzazione dei cittadini. CSV non è una organizzazione di rappresentanza del volontariato nelle relazioni con le istituzioni e gli enti locali, ma un soggetto di service e di facilitazione nella costruzione di relazioni e connessioni dentro i contesti locali. La sua funzione si manifesta nell individuazione dei bisogni e nella risposta alle sollecitazioni che emergono dal confronto e dalla collaborazione quotidiana con i volontari attraverso l erogazione di servizi; il lavoro di supporto alle OdV prosegue con la realizzazione di attività di formazione, consulenza e promozione pensate e strutturate con le stesse organizzazioni che, intorno alle loro finalità, sanno esprimere competenze e risorse adeguate mediate e agite dai volontari nelle relazioni quotidiane con le persone e le situazioni di fragilità, di disagio e di emarginazione. E in questo quadro di riferimento che possiamo collocare il contributo che il CSV può fornire al percorso del Progetto di vita, consapevoli che la qualità della vita delle persone dipende dalle condizioni del soggetto, dalla famiglia accudente e da un contesto territoriale accogliente che si prende carico delle persone fragili. Una prima azione riguarda il consolidamento del processo già avviato con le associazioni che fanno riferimento al CBI nell ottica di un continuo sviluppo delle relazioni tra OdV e di consolidamento delle reti territoriali e/o tematiche al fine di condividere buone prassi e ottimizzare le energie disponibili.

11 BERGAMASCO PAGINA 38 Appare sempre più urgente e necessario costruire una maggiore flessibilità (commistione) fra servizi e famiglie e nello stesso tempo promuovere più integrazione fra professionisti e non professionisti La provincia è diventata come una unica grande città: ciò che 20/30 anni fa era lontano e separato adesso è collegato/collegabile, vicino/ avvicinabile; dobbiamo riconoscere le differenze che ancora ci sono ( e spesso sono un valore) ma dobbiamo riuscire a tenerle insieme. Il cambiamento che ci attende sembra rivolto ad un Welfare societario; è necessario lavorare di più sul micro-comunitario perché è da li che si rintracciano e si costruiscono gli spazi e le opportunità per il progetto di vita delle persone: più o meno abili. Le parole chiave con le quali accompagnarci nei prossimi anni possono essere simili a queste: da risposta standard a progetto di vita (inevitabilmente personalizzato). assumere le differenze come un valore che arricchisce la comunità e l idea di persona. individuare la famiglia della persona disabile come titolare di un progetto di vita allargato che possa includere il progetto di vita del proprio componente più fragile. accompagnare e sostenere le famiglie che intendono muoversi in questa direzione valorizzando la loro capacità di protagonismo che utilizza i servizi come una delle possibili opzioni per sviluppare un progetto di vita allargato. tenere insieme le risorse familiari e quelle pubbliche (del sistema sociosanitario accreditato) creando occasioni di contaminazione che aumenta la flessibilità e l individualizzazione dei percorsi dentro il progetto di vita. questo approccio che appare sotto la luce della disabilità è in realtà espandibile in qualsiasi altra aree di intervento per le fragilità e per le normalità. Nasce allora l esigenza di un supporto psicologico a sostegno sia della famiglia che della persona con disabilità. Ma è anche indispensabile dare continuità a questa serie di passaggi, affinché tra una fase e l altra del percorso di vita il cambio degli attori che accompagnano i nostri ragazzi non porti alla lettura di copioni sempre nuovi o da ricostruire,al prezzo di ulteriori difficoltà e frustrazioni. Tutto ciò è realizzabile in virtù di un azione sempre più coordinata e osmotica negli interventi. Per la gioia di Antonio ripropongo il concetto a me caro di Banca della memoria,che ritengo fondamentale alla luce dei vari passaggi e alla luce delle dinamiche psicologiche e funzionali,che sviluppano i nostri ragazzi. Le famiglie sono quindi chiamate a svolgere un ruolo di coprogettazione, ma anche di stimolo verso i vari partners che istituzionalmente prendono in carico la disabilità. Ad essi si chiede maggior attenzione ai bisogni,senso di responsabilità e provvedimenti concreti. E importante che le Associazioni e quindi il CBI assumano la funzione di vigilare,nonché di essere di essere propositivi,muovendosi su diversi piani che vado brevemente ad elencare: confronto costante con le Istituzioni,attraverso un atteggiamento non rivendicativo ma incline al dialogo costruttivo sostegno alle famiglie che si trovano in situazioni di solitudine e di particolare disagio per aiutarle a ritrovare un minimo di speranza e di dignità per loro stesse e per i loro figli impegno a livello politico,con una costante presenza ai vari tavoli presso i quali siamo chiamati ad operare,che sia in grado di declinare proposte anche forti ma sostenibili Per concludere ribadisco che il Progetto di vita si deve porre due obiettivi primari: migliorare fin dove è possibile il grado di autonomia delle persone con disabilità rendere più ricca possibile la loro vita di relazione Sono risorse fondamentali per ragionare in termini di benessere e per puntare il nostro sguardo al dopo di noi.solo raggiungendo questi o- biettivi il Progetto di vita avrà veramente un senso Sergio Palazzo Presidente del CBI

12 BERGAMASCO PAGINA 12 L ESPERIENZA DELLA UILDM. Si parte da un approccio al progetto di vita che è aperto e dinamico; che può assumere delle deviazioni rispetto alla programmazione teorica. Nel passato recente la uildm ha svolto 2 progetti: Cosa farò da grande? e Abitare il territorio. Gestendo questi progetti a contatto con le famiglie si sono incrociati temi come quelli dell autonomia, dell indipendenza, dell autodeterminazione,e ci si è resi conto che questi sono temi caldi per le famiglie. E si aveva la sensazione che per le famiglie dei disabili adulti, i temi venissero affrontati a giochi ormai fatti, senza la possibilità di una ricaduta operativa concreta sulle loro vite. Per questo motivo si è voluto lavorare sull aiutare le famiglie con ragazzi in età evolutiva, per fornire loro strumenti progettuali. Tra le altre cose è emerso che la creatività non guasta. Si è cercato di affiancare la famiglia perché progressivamente divenisse capace di attivare risorse sul territorio. Il contesto di appartenenza della persona disabile e della sua famiglia è la comunità in cui si vive; è il luogo in cui si incrociano relazioni. Qui è necessario condividere i significati del progetto di vita. Determinante per la buona riuscita del progetto di vita è la condivisione con la persona che lo vive. Il significato del progetto di vita deve essere fatto proprio da chi lo vive: dalla persona disabile. PAGINA 37 Renato Bresciani: Asl di Bergamo Quello che adesso chiamiamo il sistema dei servizi, non è nato come sistema, lo è diventato sommando e collegando pezzi nati in tempi diversi e per motivi diversi, quando il pubblico e il privato sociale e soggetti profit erano nettamente separati. Nel frattempo il pubblico si è opportunamente ritirato in un ruolo di governo, i gestori sono quasi solo privato sociale o privato e i cittadino sono sempre più maturi come veri committenti dei servizi. L ASL sta cercando di osservare le qualità dentro i servizi anche a nome dei cittadini, sta cercando di fare esprimere di più il punto di vista dei cittadini e delle famiglie; ciò accade anche negli Ambiti territoriali, attraverso gli Uffici di Piano e i loro tavoli di confronto e raccordo con la società civile. I servizi per Disabili, ma anche per anziani, sono nati come contenitori e dal punto di vista dell offerta a cui la domanda si è dovuta adattare. Ora stiamo dicendo, perché lo abbiamo capito, che ogni persona è diversa dall altra, che la standardizzazione della risposta non è più sufficiente alle persone; adesso i servizi possono crescere ancora solamente insieme alle persone cui si rivolgono ( che servono ). La domanda di dignità che è emersa dalle famiglie e dagli operatori che stanno con le persone disabili in realtà ci riguarda direttamente perché dalla loro condizione estrema ci consente di osservare il tema della nostra dignità nella quotidianità in cui siamo presi. Quindi lavorare per una comunità accogliente è ciò che ci accomuna ai disabili. Abbiamo la responsabilità di pensare insieme e di decidere insieme come delineare il futuro. Avendo percorso sentieri che ci hanno avvicinato, ora, il cambiamento possiamo agirlo anziché subirlo. Paradossalmente ci occupiamo del progetto di vita di persone che ci appaiono limitate e non di quelle più abili ma dobbiamo cercare di avvicinare questo pensiero ai pensieri che fanno gli altri mondi normali.

13 BERGAMASCO PAGINA 36 Cristina Borlotti: Asl di Bergamo Sottolineo l importanza di questo momento di confronto tra le istituzioni, che sono chiamate a programmare i servizi nell ambito della disabilità e i familiari, come portatori diretti di bisogni e di riflessioni. Quando si parla di progetto di vita dei disabili ritengo che un ruolo significativo venga giocato anche dalle unità d offerta presenti sul nostro territorio, che stanno riflettendo su questa tematica. Emerge la necessità di apertura all esterno in modo che l ospite non sia della struttura ma deve essere attivata una rete di diversi soggetti che concorrono alla costruzione del suo progetto di vita. A fianco delle unità d offerta bisogna pensare anche ad altre risposte più territoriali evitando di alimentare la logica secondo la quale l unica risposta è un collocamento del soggetto; certo questo comporta una mobilitazione notevole della rete, un continuo monitoraggio, mentre l inserimento in strutture risponde di più anche a bisogni e timori sociali. è sistemato. In questa logica il progetto di vita diventa un progetto della comunità, a partire da ciò che il soggetto stesso esprime come richiesta di realizzazione della propria vita. PAGINA 13 Il tema progetto di vita è stato al centro della riflessione condotta dalla uildm negli ultimi anni dettata dalla volontà di affiancare le famiglie nell adozione di una prospettiva lungimirante e, appunto, progettuale. Il progetto, infatti, è una proiezione in avanti, rappresenta il tentativo di prospettare ciò che ancora non è; richiede un approccio aperto, dinamico e pronto a rimodulare i propri obiettivi. Progettare non è sinonimo di pianificare. Ognuno è portatore e promotore di un proprio progetto di vita che ha le basi nella storia personale e familiare, che è intessuto di pensieri, di sentimenti e di immaginari, che comporta una serie di prefigurazioni grazie alle quali alcuni passi vengono ritenuti più adatti di altri al raggiungimento di certi obiettivi e, sulla base di tali prefigurazioni, si orientano le scelte. Un progetto, pertanto, richiede intenzionalità. Come accade, però, al progetto di ognuno di noi, esso deve essere aperto ad accogliere, o per lo meno a fare i conti, con gli imprevisti che intervengono, con i cambiamenti che eventi inattesi apportano alla possibilità di raggiungere gli obiettivi che ci si è prefigurati oppure agli obiettivi stessi. Ciò potrà comportare di dover abbandonare alcune strategie per adottarne altre oppure di dover abbandonare alcuni obiettivi che ci si era posti a favore di altri. Un progetto richiede la capacità di accogliere i cambiamenti e governarli e non può essere pensato in modo rigido. Non ha senso pensare ad un progetto confondendolo con un piano. La progettualità richiede, innanzitutto, la capacità di attribuire significato e senso alle esperienze e ai vissuti, richiede la capacità di orientare le scelte, richiede intenzionalità e l adozione di prospettive e di sguardi ampi. Queste riflessioni sono state centrali nella definizione di due progetti recentemente ideati dalla uildm: Cosa farò da grande? e Abitare il territorio.

14 BERGAMASCO PAGINA 14 Cosa farò da grande? nasce come proposta formativa rivolta a genitori (e volontari che li affianchino) di bambini e ragazzi per accompagnarli verso l adozione di una prospettiva progettuale che li avvicini ad alcuni temi (quale quello dell autonomia e del progetto di vita) quando i figli sono in età evolutiva. La ragione che ci ha mossi verso questa scelta risiede in ciò che il progetto Per bene incominciare, svolto un paio di anni prima e con il quale si è affrontato il tema della residenzialità, aveva consentito di osservare. Alcuni temi approcciati in età adulta (il concetto di vita adulta autonoma, il progetto di vita, il dopo di noi durante noi ) rendevano evidenti delle resistenze sia nei figli sia nei loro genitori, come se la cura (per chi l aveva prestata come per chi ne era stato beneficiario) protratta per lungo tempo avesse segnato fortemente le relazioni familiari al punto che esse apparivano ormai immodificabili. Risultava, pertanto, difficile affrontare dei temi che scatenavano ansie e timori negli adulti che, per le ragioni più diverse, si dicevano non ancora pronti ad approfondire. E nata, pertanto, l idea di provare a seminare alcune riflessioni nei genitori di bambini e ragazzi affinché il pensiero sul progetto di vita e l autonomia dei loro figli li guidasse nell adozione di alcune scelte, nel modo di guardare le relazioni con i diversi contesti, nel costruire alcune proposte, nel cogliere meglio il loro ruolo accanto a quello rivestito da altri attori. Il progetto, finanziato dal Csv e svoltosi nei mesi di settembre e ottobre 2008, è stato la premessa ad un progetto intitolato Spazio incontri tutt ora in svolgimento e focalizzante l idea di autonomia. Abitare il territorio è nato, invece, come tentativo di elaborare una nuova forma di supporto alle famiglie nei luoghi in cui esse vivono, guidandole nella costruzione di reti relazionali. Alla base vi era il desiderio di superare un approccio assistenzialistico - presente in molte famiglie che, vivendo una situazione problematica, si rivolgevano alla uildm alla ricerca di una soluzione a favore di un approccio che stimolasse la capacità delle famiglie di trovare in sé stesse e nel territorio le risposte di cui avevano bisogno. Il progetto è mosso dalla convinzione che sia preferibile offrire alle persone non tanto delle risposte o delle soluzioni quanto la disponibilità ad affiancarle nell acquisizione della capacità di costruire le risposte e le soluzioni. La scelta va nella direzione di privilegiare delle acquisizioni durature e di favorire lo sviluppo di nuove relazioni significative. PAGINA 35 Da qui poi si possono affrontare tutti i problemi che ne conseguono. Passare dall idea solamente assistenzialistica del seguire le tappe evolutive del disabile nel suo percorso di vita, ad un idea più del prendersi cura del soggetto disabile affinché in ogni sua tappa evolutiva il soggetto disabile possa trovare integrazione con le realtà che egli vuole affrontare, sia essa la famiglia, la scuola (di ogni ordine e grado), il lavoro, il tempo libero, l età adulta vista anche nelle sue evoluzioni di distacco dalla famiglia di origine (esperienze di vita familiare autonoma, appartamenti protetta, esperienze matrimoniali, sollievi in strutture socio -sanitarie, ricoveri ospedalieri, inserimento in centri protetti, residenzialità definitive, ecc. ecc).quindi non solo un accompagnamento assistenziale, ma un vero e proprio ingaggio/investimento che contribuisca alla realizzazione del soggetto disabile in quanto persona. La progettualità del progetto di vita non può quindi prescindere dal soggetto interessato, che in qualche modo deve concorrere alla sua definizione tendo conto quindi del suo trascorso storico, familiare, clinico, psicologico, ma anche delle sue attitudini, dei suoi desideri di realizzazione, delle sue potenzialità di intrapresa nel realizzare il proprio percorso di vita Ringrazio per le cose che ho ascoltato perché la dimensione dell imparare a stare accanto ai propri figli è emersa prima di ogni preoccupazione su cosa succederà dopo, non perché il dopo non sia importante, ma perché non deve sostituire un presente che ha in sé un valore inestimabile.

15 BERGAMASCO PAGINA 34 Giuseppe Farina: ASL-tavolo terzo settore L incontro segnala un desiderio di protagonismo da parte delle famiglie: si tratta di un cambiamento culturale significativo. E interessante incontrare associazioni e famiglie che si interrogano sul futuro dei propri figli portatori di una disabilità senza l accento rivendicativo verso le istituzioni per ottenere più servizi, più risorse ecc, ma affrontando - interrogandosi in prima persona - sul come stare accanto ai propri cari che vivono una situazione di difficoltà. Questo senza togliere l importanza dell interpellare le istituzioni per avere dei supporti, ma oggi mi pare che l accento sia rivolto più su di sé e questo apre a dialoghi interessanti anche con le istituzioni. Il compito dell ASL in questo periodo non è più di tipo erogativo, ma di governo dei processi. Il governo della rete dei servizi deve però essere visto in senso partecipativo. Tutto secondo il principio di sussidiarietà Le nuove normative regionali si muovono tutte in questa direzione Centralità del cittadino e della famiglia quali soggetti protagonisti della società civile. In particolare, per quanto mi riguarda, il tavolo del terzo settore istituito presso l ASL è un organo attraverso il quale si intende promuovere la programmazione, la progettazione e realizzazione della rete delle unità di offerta sociali e socio-sanitarie in ambito sia regionale che locale (Legge regionale 3/2008) Per questo è importante per noi ascoltare non solo i problemi ma le possibili soluzioni con chi i problemi li affronta nel quotidiano ed è a maggior ragione in grado di suggerirle. Il progetto di vita non è mettere un vestito addosso a un altro, non è dare una risposta, ma imparare a stare insieme, imparare a fare un pezzo di strada insieme. Questa dimensione di rapporto proietta il mettersi insieme, il fare rete. La dimensione del camminare insieme implica una capacità di stare con il soggetto portatore di disabilità che va al di là delle sue stesse disabilità, è un rapporto tra persone. Allora una domanda alla quale ritengo importante rispondere è: posso vivere felice accanto ad una persona anche con una grave disabilità? Come? PAGINA 15 Il progetto, per il quale godiamo della collaborazione delle cooperative L impronta di Seriate, In cammino di San Pellegrino, Sottosopra di Clusone e Contesto di Treviglio, è in svolgimento. Il progetto di vita ha caratterizzato l ideazione dei due progetti soprattutto per il riconoscimento del valore e della centralità di due elementi: il contesto ed il protagonismo degli individui e delle famiglie. Non può, infatti, essere condotta alcuna tematizzazione del progetto di vita senza una immersione nel sociale, senza il coinvolgimento del contesto di cui si è parte con il quale dare vita ad alleanze volte a favorire l autonomia delle persone con disabilità, entro il quale cercare aiuti e supporti, e con cui condividere dei significati. Al contempo, il progetto di vita non può che riconoscere e promuovere il protagonismo delle persone con disabilità, nella capacità di attivare le loro risorse e nei significati che esso riveste per le loro vite. OLIVIA OSIO progettista sociale UIDLM

16 BERGAMASCO PAGINA 16 ADRIANO BOSIO: COS E UN PROGETTO DI VITA DI UN DISABILE? NON LO SO. Parlando di progetto di vita occorre considerare: degli obiettivi. All inizio del percorso di vita, quando il ragazzo è più giovane, occorre una diagnosi precisa, che metta in condizione di far partire un lavoro adeguato. Spesso oggi i genitori brancolano a lungo nel buio sulla questione della diagnosi. un contesto, che faccia star bene la persona disabile e la sua famiglia. che la famiglia impari ad apprezzare le capacità del disabile. saper trasformare i problemi in risorse. La sensibilità acquisita dai genitori di persone diversamente abili deve essere considerata come una risorsa ed è una risorsa la capacità dei ragazzi diversamente abili di creare relazioni. Sono bravissimi in questo. Se non si riesce a rendere attiva la famiglia non si va da nessuna parte. essere disposti a percorrere strade sconosciute, non pensando che per ogni progetto di vita si debba necessariamente cambiare strada, perché le risorse non sono infinite. PAGINA 33 Mi sembra più che mai necessario e urgente che chi ha sviluppato consapevolezza e responsabilità nel costruire pezzi di società civile finora, non si stanchi di pensare, attorno ai bisogni della persona e del cittadino, a come mantenere una capacità di progettare insieme una convivenza nella diversità. Punto di forza è anche la volontà dei genitori di ragionare sul loro progetto di vita e quello dei figli, con tutti gli interlocutori che a diverso titolo sono già coinvolti Già siamo colti impreparati culturalmente dal fenomeno della immigrazione. La diversità ancora ci fa paura. Fino al punto che proprio in nome della paura, ci troviamo una legge che discrimina, fino al punto di dichiarare delinquenti chi non è in possesso del permesso di soggiorno. Rischio di strabismo. Mentre si riconosce, anche se spesso, nominalmente, piena cittadinanza ai nostri, si legittima la discriminazione di chi proviene da fuori. Si dimentica che la titolarità di cittadino gli spetta in quanto esiste su questa terra, che è una e non ce ne sono altre. I confini nazionali pongono giustamente delle regole, ma non tolgono legittimità al suo essere cittadino. Anche qui davvero abbiamo bisogno di capacità progettuale nel pensare a una convivenza nella diversità. Percorsi di integrazione che già muovono nei vari ambiti della società, sono più che mai una opportunità storica per aprire un futuro alla nostra convivenza. E questo a partire dalla titolarità e dall identità della persona riconosciuta come tale, che è sempre in relazione a tanti elementi esterni e interni alla sua condizione di vita, con tutti i cambiamenti che intervengono nel corso della vita. Riprendendo il tema dalla progettualità di vita nel e con il disabile, ci chiediamo quanto siamo capaci di riconoscere questi tratti di storia comunitaria e di fare spazio alla sua peculiarità. Il punto di innesto del discorso attinge a una domanda di fondo del disabile e della sua famiglia: posso esistere in modo dignitoso in questo mondo? Posso avere una storia, un futuro? Un mio progetto? Pensare insieme, a più voci, a questo progetto, ci restituisce senso al vivere.

17 BERGAMASCO PAGINA 32 DON ADRIANO PERACCHI: CARITAS Oggi, in questa sede, prendo atto con piacere di un pezzo di storia bergamasca fatta insieme in questi anni dalla metà degli anni 70 fino ai nostri giorni. In questo forum, sono i genitori dei disabili a convocare soggetti istituzionali e componenti della società civile, a discutere del progetto di vita dei figli, componendo dimensioni di vita molteplici. Nel clima culturale di forte tensione al cambiamento nella società degli anni 70 i genitori esprimevano forti perplessità a lasciare uscire di casa i propri figli. Era allora più rassicurante la scuola speciale o i pochi servizi esistenti. Poi seguì la rivendicazione nell esercizio dei diritti primari individuali e quindi la conquista dei diritti di cittadinanza, smontando di volta in volta con fatica consuetudini latenti e consolidate nel tessuto della società, e aprendo percorsi nuovi di convivenza impensabili nella città. Quanta strada è stata fatta. Usando una espressione forte: da persone che chiedevano un favore, a persone che costruiscono un progetto di vita. Questo significa autocoscienza e responsabilità culturale e civica. Una felice contaminazione tra bisogni e desideri di cittadini e assetti organizzativi, legislativi e quindi politici. La tutela della qualità della vita di persone più fragili si è rivelata nel tempo come opportunità per dispiegare impensabili dimensioni di qualità di vita per tutti. L handicap come provocazione pedagogica per costruire la società e la sua civiltà è il risultato di un processo frutto di un lavoro di 30 anni. Oggi ci chiediamo in quale clima politico e culturale ci troviamo? Mi sembra di essere in presenza di un pensiero politico debole e frammentario che manifesta il fiato corto a fare sintesi tra le diverse istanze della società civile, I forti riprendono il primo posto e i deboli, se tutto va bene, si devono accontentare di quello che c è sul mercato. Mi riferisco a questo termine non a caso. In presenza di un deresponsabilizzazione delle istituzioni pubbliche e di residue risorse economiche, si delega alla società civile la responsabilità di adempiere a compiti sociali, in assenza di regole condivise.. PAGINA 17 Ho sentito le cose più disparate, ma. riguarda solo lui?, anche la sua famiglia?, anche la comunità che lo accoglie? Può essere un percorso con degli obiettivi specifici? ne ho individuati alcuni, non so se vanno bene, sicuramente ce ne sono tanti altri. far emergere le abilità residue del soggetto in modo particolare nella fase dell infanzia e della scuola. dicono che si impara tanto nei primi anni di vita. ma per intervenire in modo corretto bisogna avere una diagnosi precisa. creare un contesto che faccia star bene lui e la sua famiglia. bisogna fare in modo che la famiglia (per quanto possibile) viva serenamente e in modo realistico la situazione per non creare tensioni e/o aspettative non reali, ma fare in modo di apprezzare tanti piccoli successi. Quante delusioni abbiamo avuto, come genitori, per aspettative fuori luogo. costruire relazioni con la società civile per trasformare un problema in una risorsa dicono che la qualità della vita non è data dalle ricchezze o dai soldi che abbiamo in banca, ma dalle qualità della relazioni sociali. come son bravi i nostri figli a creare relazioni sociali senza pregiudizi o preconcetti di sorta. chi e titolare del progetto di vita? famiglia in senso lato? servizi sociali? specialisti? educatori/operatori e volontari?

18 BERGAMASCO PAGINA 18 il motore del progetto deve essere sicuramente la famiglia e i servizi sociali (comunali o sovrazonali) che supportati da specialisti (se necessari) devono coinvolgere tutti gli altri attori ogni soggetto deve dare il proprio contributo di idee, di conoscenze, di esperienze, di vita vissuta. facile a dirsi ma più difficile da realizzare. bisognerebbe creare una procedura che garantisca il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, e non affidarsi solo alla buona volontà di alcune persone. potrebbe essere come un percorso rete stradale x Roma autostrade strade provinciali strade comunali strade di campagna bisogna scegliere la strada più adatta per ogni soggetto, disposti a cambiare strada se i referenti lo ritengono più utile mission ed esperienze del nostro gruppo : sperimentare risposte diverse a problemi comuni attività di tempo libero avvicinamento graduale alla residenzialità vacanze con la famiglia PAGINA 31 Le persone stanno perdendo l abitudine alla fatica, alla sofferenza, alla presenza della morte; la fragilità è considerata una presenza estranea della dimensione umana da estirpare con atti medici e non un elemento costitutivo necessario alla maturazione sociale. La classe medica ha molte responsabilità in questa deriva, ma è evidente che alla società fa comodo delegare la relazione con la fragilità a altri, rimandarla il più possibile. L incapacità di aprire dibattiti reali nei diversi ambiti in cui la fragilità si esprime oggi (malattia, fine e inizio vita, disagio giovanile, senilità, immigrazione, comunicazione, povertà solo per citare alcuni esempi) sono il risultato naturale di questa delega della società. In questo contesto, ideare un progetto di vita per la persona disabile può essere possibile mettendo insieme persone con abilità e fragilità diverse che riprogettino un territorio e una città accogliente insieme alle istituzioni, sulla base dei bisogni attuali e di quelli che verranno e delle poche risorse economiche disponibili, affinché la disabilità diventi occasione di cambiamento e inclusione sociale. Perseguire un cambiamento individuale e sociale per un progetto che oggi non ci riguarda direttamente significa promuovere una cultura di ricerca: per la convivenza di spensieratezza e empatia, per la diffusione del gusto della responsabilità. E l ardua sfida che attende Sguazzi per il futuro. queste cose che facciamo interessano il progetto di vita? voi che ne dite? cosa si potrebbe fare di meglio Adriano Bosio genitore

19 BERGAMASCO PAGINA 30 PAGINA 19 Con il passare degli anni abbiamo cominciato a interessarci anche di altri progetti apparentemente distanti dalla disabilità: organizzazione di tornei sportivi, di eventi mondani e culturali, sostegno a progetti di cooperazione internazionale, assistenza post-scolastica a alunni in difficoltà. Questa diversificazione delle attività segnò una tappa fondamentale nella ricerca del progetto di vita di Sguazzi per la persona con disabilità : non occuparsi specificamente di handicappati ma esplorare l universo degli handicap che ogni persona può sperimentare. Sul proprio corpo, sulla propria mente, nella vita di relazione, nella partecipazione. Azzardare soluzioni, inseguire innovazioni, affinché la fragilità delle persone non venga usata per creare ghetti di rivendicazione e una cultura del bisogno e della delega, ma per trovare risposte strutturate e coese, utili a tutta la società e generatrici di una cultura del gusto della responsabilità. Oggi Sguazzi si interroga sul proprio futuro e si chiede se i cambiamenti che ha generato nella storia personale di alcuni dei propri soci possano essere propulsori sufficienti di cambiamenti sociali che consentano di inserire il progetto di vita nell agenda politico-istituzionale. Il dibattito è aperto: paure, tensioni, entusiasmi, incertezze si intrecciano. Sguazzi ha sperimentato la forza e la debolezza associativa attraverso i suoi progetti. La forza di essere indipendente, di non aver nulla da perdere, di agire nel campo dei bisogni hic et nunc, che consente di pungolare le istituzioni e trovare partner a tutti i livelli. La debolezza insita nello status associativo che non conferisce il potere di mediazione e di lobbyng necessari per sollecitare risposte politico-istituzionali puntuali ai problemi che la fragilità umana propone. Parlare di progetto di vita significa, a mio avviso, andare oltre la spensieratezza, interrogarsi sull evoluzione della società e della disabilità negli anni che verranno, mettersi in relazione con il territorio per acquisire forza istituzionale. Sguazzi è carente in tutto ciò; la dimensione volontaria dei soci pone limiti temporali e strutturali all acquisizione di nuove capacità. In questi anni ho cercato, da medico, di cogliere l evoluzione della salute nella società. La società e il buon senso sono stati medicalizzati. Paolo Brevi Cooperazione Sociale Ciò che si intende con la locuzione progetto di vita è, allo stato attuale, ancora un concetto astratto e generico, da precisare sotto il profilo teorico e da concretizzare nella sua applicabilità. Ciò è naturale se si tiene conto della relativa novità che esso rappresenta nell ambito dei servizi alla persona. D altro canto è assolutamente opportuno approfondire e favorire il dibattito intorno ad un tema che promette di introdurre interessanti innovazioni nelle metodologie di lavoro a favore delle persone disabili Per prima cosa occorre chiedersi quali sono le premesse da cui partiamo. Da questo punto di vista la locuzione progetto-di-vita può rimandare a due significati a seconda se al genitivo si attribuisce valenza soggettiva o oggettiva. Il primo senso rimanda all azione progettuale che ha come contenuto la vita di una persona. Secondo questa ottica si opera per definire gli elementi e i fattori che favoriscono il perseguimento degli obiettivi. Programmare la vita è esattamente lo scopo del progetto; i cicli di vita e le fasi esistenziali rappresentano le sequenze della programmazione; gli eventi significativi della la vita come incontri, progressi, involuzioni, successi, errori, sono gli ambiti di applicazione del programma e gli elementi in ingresso per la valutazione. Sebbene applicato ad un concetto nuovo la struttura dell intervento è quella classica: da una parte il professionista dall altro l utente in una relazione, tipicamente asimmetrica, tra chi insegna/cura e chi apprende o beneficia della prestazione professionale. Senza nulla togliere alla necessità del lavoro sociale tradizionale ed anzi in modo complementare ad esso, è possibile però intravedere un nuovo punto di vista secondo il quale la vita non è tanto oggetto di programmazione ma diventa essa stessa in grado di progettarsi.

20 BERGAMASCO PAGINA 20 Paolo Brevi Cooperazione Sociale In questo secondo significato la persona disabile (ma anche i suoi familiari) viene messa nelle condizioni di progettarsi come persona. La logica precedente viene ribaltata: qui è la persona che avendo la necessità e il diritto ad una vita dignitosa è sostenuta, in relazione alle proprie capacità, nel costruirsi un esistenza il più possibile autodeterminata, libera e socialmente soddisfacente. Il ruolo dei servizi non è soddisfare le esigenze sanitarie, assistenziali, culturali in forme standardizzate e separate ma di inquadrare tali prestazioni in un quadro di insieme co-progettato. Invece che oggettivare la vita di un altro, la tensione si sposta verso il tentativo di costruire condizioni economiche, sociali, logistiche, che possano rendere possibile gli obiettivi di autonomia, indipendenza e sicurezza. Si passa quindi dalla funzione riparatoria/riabilitativa a quella promozionale e di tutela delle garanzie dei diritti delle persone. Le leve operative per ottenere risultati sono non tanto la professionalità degli operatori quanto la valorizzazione del protagonismo della persona, e la promozione del coinvolgimento del contesto come ambiente vitale. Per rendere il progetto di vita una innovativa forma di intervento sociale occorre pensare nei termini di un progetto sostenibile, e deideologizzare la questione economica come una questione innominabile. Tutti noi siamo portatori di un patrimonio anche economico che può diventare un investimento per i nostri figli, ma occorre che si creino condizioni fiduciarie. Il capitale sociale non è altro che il legame creato da tali relazioni di fiducia, tramite le quali le dimensioni umane, finanziarie e culturali vengono patrimonializzate, cioè trasformare in patrimonio comune. Il progetto di vita di chi è giovane oggi si gioca su quello che sapremo investire e sperimentare per realizzare nuove e inedite forme di mutualità tra 15 anni PAGINA 29 Mirco Nacoti: associazione gli sguazzi E difficile, per l associazione Sguazzi, parlare di progetto di vita per la persona con disabilità a dei genitori che hanno il terrore di ammalarsi con un figlio che non può cavarsela da solo, perché Sguazzi non nasce da un esperienza personale di disabilità. Il rapporto quotidiano con la disabilità ti inchioda alla fatica continua del presente e all ansia per un futuro oscuro. Il volontario spensierato di Sguazzi può essere attraente perché offre l occasione preziosa di un tempo libero. Ma quella spensieratezza può essere una barriera alla relazione, quando non è seguita dall empatia. La disabilità come svantaggio riducibile: un ora di gioco in acqua con persone diversamente abili. In questo slogan è sintetizzata la storia della nascita di Sguazzi ONLUS. Quindici anni fa un gruppo di giovani cominciò a sperimentare forme di riduzione dell handicap in piscina; col tempo maturò la consapevolezza che la disabilità, in quanto espressione di fragilità umana, riguarda la vita di ogni persona. La diffusione dell ICF (International Classification of Functioning, Disability and Healt), diede forza a questa consapevolezza. La classificazione dell ICF fu pubblicata nel 2001 dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e riconosciuta da 191 Paesi. Ha rivoluzionato il modo di intendere e misurare la salute e disabilità delle popolazioni, in quanto considera disabilità ogni condizione transitoria o permanente di oggettiva limitazione funzionale dell esistenza umana, cui concorrono fattori personali e fisici, ma anche ambientali, architettonici e relazionali. Sono proprio questi fattori che sono misurabili e modificarli può significare ridurre gli svantaggi determinati dalla condizione di disabilità. In un contesto caratterizzato dalla disgregazione partitica, da illegalità crescente e rigidità sociale, costituirsi associazione nel 2004 rappresentò forse la modalità attraverso la quale decidemmo di alzare testa e voce all unisono. Occuparsi di disabilità significò appropriarsi di un luogo privilegiato di osservazione della realtà per cercare di modificarla.

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli