IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero"

Transcript

1 IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero etichette e contenitori) ha rivestito sempre più un ruolo fondamentale nel fenomeno vino. Come evidenziato anche all ultimo MIWINE (il salone biennale internazionale) o alla Manifestazione VinDesign 2006, tra gli strumenti di marketing disponibili, un particolare interesse è rivolto all etichetta la cui funzione è quella di fornire informazioni al cliente circa il prodotto ed, allo stesso tempo, comunicare un immagine del prodotto coerente con il posizionamento scelto e la clientela a cui si rivolge. Oggi, addirittura, i vini più importanti vengono commercializzati anche con 3 etichette! Il settore del vino, attraverso il marketing, vuole richiamare l attenzione del cliente su importanti fattori, ovvero 1- il marchio dell azienda (si richiama l attenzione del cliente ad un dato prodotto o azienda attraverso un segno distintivo / immagine visiva che si riporta ad un nome, un simbolo, un sistema di colori e un codice grafico), 2- le raccomandazioni ai consumatori (ad es. la storia del vino e possibili abbinamenti); 3- la forma, colori e qualità della carta. Anche nella strategia di vendita delle Aziende vitivinicole, l etichetta, proprio in conseguenza dell importante contributo allo sviluppo della notorietà e al rafforzamento dell immagine di marca, 1

2 è diventata un importante strumento della politica di comunicazione aziendale, unitamente a quella di prezzo e di distribuzione. Non v è dubbio, inoltre, che proprio le maggiori e più importanti aziende produttrici hanno investito molte risorse nella ricerca di una etichetta che possa determinare nel consumatore finale una certezza nell acquisto e nella qualità del prodotto stesso, prodotto-vino che per l importanza che riveste l Italia in questo settore è conosciuto ed esportato in tutto il mondo con quella etichetta. Ebbene, ad oggi, nonostante l importanza assunta dal fattoreetichetta, vi sono molti modi per cercare di sfruttare la notorietà e la qualità di quell etichetta senza dover subire attacchi in forza della tutela del marchio, del segno distintivo o comunque, in genere, di tutte quelle tutele approntate dal nuovo Codice della Proprietà Industriale. Parliamo, in particolare, dell ipotesi denominata look alike o me too. Nel caso che vogliamo prendere in esame, vengono riprese le caratteristiche complessivamente più individualizzanti dell etichetta nota e famosa (da un punto di vista cromatico, di forma, di contenuto...), facendo la massima attenzione a non riprendere anche il marchio o il modello protetto, ed anzi, cercando di innestare nella 2

3 confezione nel suo complesso un marchio completamente diverso, magari in posizione marginale. Lo scopo è, evidentemente, eludere le norme a tutela dei marchi e/o dei modelli registrati. Eppure, nel suo insieme, è evidente che la seconda etichetta evoca fortemente quella originale e ben nota. Tale fenomeno di origine americana, denominato - come detto - look alike, ha ricevuto una vera e propria tutela solo attraverso l evoluzione giurisprudenziale in quanto solo pochi casi concreti hanno mostrato l'applicabilità delle norme a tutela del marchio tridimensionale e/o del modello a fenomeni di look alike. Questo perché - in pratica la stragrande maggioranza delle confezioni di prodotti (come nel caso dei vini dove normalmente si registra solo il nome del produttore o del vino, ad es. Campo ai Sassi, Castello di AMA, etc.) non sono registrate affatto e altrettanto difficilmente possono essere assimilate a marchi di fatto (per la complessità di elementi individualizzanti compresenti e/o perché, singolarmente presi, non sarebbero di per sé tutelabili). In concreto, ciò che viene minato dall'illecito in questione (perché di illecito si tratta) è, non tanto e non solo, ciò che solitamente viene ricondotto al marchio d'impresa, quanto più correttamente il valore della marca stessa. 3

4 Le grandi aziende e i grandi marchi sono ovviamente sempre più soggette a tali forme di illecito, specialmente oggi in una società tutta improntata all immagine. Non v è dubbio, infatti, che l'esperienza, la differenziazione e l'innovazione rafforzino il rapporto con la clientela ed allo stesso tempo ne traggano benefici sia diretti, sia indiretti. Questo positivo flusso biunivoco viene interrotto ogni qual volta scatti l'effetto distorsivo del me too, in grado di rendere fumosa la comunicazione aziendale, di pregiudicare reputazione e fiducia, ostacolando stabilità e fedeltà della clientela e, oserei dire, l immagine stessa dell Azienda vitivinicola. Del resto la confezione del prodotto o, nel nostro caso, l etichetta apposta sulla bottiglia di vino, è l'elemento più immediato, capace di incidere con maggiore forza sulla scelta di acquisto del consumatore. Quale forma di tutela? Come anticipato, il fenomeno del look alike esclude, da una parte, la possibilità di invocare le norme a tutela dei marchi perché palesemente diversi e, dall altra, la possibilità di richiamare la fattispecie dell'imitazione pedissequa di prodotto altrui (quella usata anche ove un prodotto non abbia alcun marchio o modello registrato) in quanto la norma in questione, così come applicata dalla giurisprudenza, contempla casi in cui viene copiato un 4

5 prodotto pressoché integralmente ovvero un oggetto che possa essere involontariamente scambiato con l'originale. Nel look alike, in verità, il consumatore ha modo di rendersi pienamente conto che si tratta di un prodotto diverso, non foss'altro, per il diverso prezzo di mercato. Ma ciò che si vuole evitare, con la tutela approntata per tale fattispecie, è quel meccanismo di curiosità che induce comunque il consumatore a provare. Il dettato delle nuove norme del Codice della Proprietà Industriale (D.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30) in punto di marchi, non prevede una norma espressamente prevista per il caso del look alike. Ed il problema, riscontrato da vari critici del nuovo Codice, è proprio questo perché, d'altro canto, è apparsa innegabile l'esigenza di dare tutela al packaging, complessivamente considerato (linee, forme, colori, figure, slogan...), quando presenti un quid distintivo sufficiente, oltre che suggestivamente richiamato dal prodotto del concorrente (a riprova di un atteggiamento palesemente approfittatorio). Per quanto riguarda la fattispecie del look alike, questa può trovare e trova tutela sotto la disciplina approntata dal codice per le ipotesi previste dall art.2598 c.c., al secondo punto di questo e più precisamente alla seconda parte di detto punto ( [...] compie atti di concorrenza sleale chiunque: [...] 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività di un concorrente, idonei a determinarne il 5

6 discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente») ovvero al terzo comma ( compie atti di concorrenza sleale chiunque: [ ] 3) [...] si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda ) Ed è proprio questo il punto. Senza travisare il concetto di confusorietà, che in effetti concerne il look alike solo marginalmente (ove vi fosse in pieno si tratterebbe di imitazione servile), occorre riconoscere che la potenzialità dannosa della fattispecie è in effetti molto forte, perché erosiva del valore di avviamento. Sul punto vi sono sentenze, in ambito italiano ed internazionale, che riconducono una tale pericolosa forma di illecito sotto le ipotesi disciplinate in Italia dall art.2598 c.c. Non v è dubbio, pertanto, che tutte le Aziende che non vogliono, da una parte, vedere svilita la propria immagine e, dall altra, rendere, in gran parte se non del tutto, infruttuose le importanti risorse umane ed economiche investite nel marketing aziendale, dovranno fare molta attenzione alle ipotesi sopra prospettate. 6

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING PROF. AVV. ALDO FRIGNANI Professore di diritto privato dell Unione Europea, Università degli studi di Torino Frignani Virano & Associati studio legale, Torino www.studiofrignani.com

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 14 settembre 2010 (C 48/09 P) Lezione del 4 novembre 2010 Presentazione del

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia - 10 dicembre 2013 - Camera di Commercio di Torino 1 PECULIARITA DI INTERNET visibilità

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione. - 2. Denigrazione e appropriazione di pregi. - 3. Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV.

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE NONA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. -------------------------------------------------------- 3 2 LA DENIGRAZIONE ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica DOCUMENTO Disegno di Legge A.S. 3270 Disposizioni in materia di professioni non regolamentate in Ordini o Collegi (22 giugno 2012) L - Associazione Nazionale Consulenti Tributari,

Dettagli

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati. NEWSLETTER N 1 - Gennaio 2009 STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.it GIURISPRUDENZA 1. La Cassazione nega la tutela ai sensi dell art.

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO

CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO L obiettivo della certificazione L obiettivo della certificazione è quello di promuovere l utilizzo di dichiarazioni e messaggi chiari, rilevanti

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Zeno Poggi 045-9230163 info@zenopoggi.com QUADRO NORMATIVO - ITALIA L apposizione della dicitura MADE IN configura una dichiarazione di scienza,

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi A cura di Michela Maggi Avvocato e Dottore di ricerca in Proprietà Intellettuale Copyright 2013 Michela Maggi Vietato riprodurre totalmente o parzialmente o comunque utilizzare, senza il consenso dell

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009 RISOLUZIONE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 24 aprile 2009 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE prot. 4678/2009 OGGETTO: Imposta comunale sulla pubblicità e diritto

Dettagli

LA TUTELA DELLA CREATIVITÀ E DEL DESIGN

LA TUTELA DELLA CREATIVITÀ E DEL DESIGN LA TUTELA DELLA CREATIVITÀ E DEL DESIGN di Michela Maggi Prefazione del Prof. Francesco Trabucco IMPORTANTE Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Al Sindaco del Comune di Villacidro PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO In un momento di grave crisi in cui il nostro Paese è alla ricerca

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica

Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica Convegno nazionale ASFOR Osservatorio ASFOR PMI Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica promossa da ASFOR Altavilla Vicentina, 28 novembre 2012 Hosted by Fondazione

Dettagli

La gestione della marca sui mercati esteri: brand globali e brand locali

La gestione della marca sui mercati esteri: brand globali e brand locali IL BRAND MANAGEMENT Il brand Un nome, una parola, un simbolo, un disegno o una combinazione di questi aventi lo scopo di identificare un prodotto o un servizio di un venditore o di un gruppo di venditori

Dettagli

Contratto. Fac-simile

Contratto. Fac-simile Contratto Fac-simile 1 IL CONTRATTO Fac-simile Tra Take & Way s.r.l., di seguito denominata "affiliante" e Pizzeria Cliente, di seguito denominata affiliata, si conviene quanto segue: PREMESSO - che l'affiliante

Dettagli

I VITICOLTORI E IL WEB

I VITICOLTORI E IL WEB I VITICOLTORI E IL WEB INDAGINE SULLA PRESENZA DEI VITICOLTORI ABRUZZESI SUL WEB PRESENTATION NAME VITICOLTORI WEB PRESENTATION REF NUMBER 2016-0324P CONTACT +39 333 8712602 AUTHOR FILIPPO CATANIA Direzione

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS

ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS IL MANIFESTO Il Manifesto esprime i principali concetti ispiratori dei soci fondatori dell Associazione, che contribuiscono a definirne gli aspetti caratteristici e a indirizzarne

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

Naming Il nome giusto per un brand vincente

Naming Il nome giusto per un brand vincente Naming Il nome giusto per un brand vincente Salone della Proprietà Industriale Centro Congressi Palacassa Fiera di Parma Parma, 24 settembre 2012 Relatore: Gianluca Billo - Nomen Italia Nomen Italia 2012

Dettagli

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet Giurisprudenza nazionale AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento PI5289 - AZIENDA OLEARIA DEL CHIANTI Numero: 15770 Data: 27.7.2006 Pubblicazione: Bollettino nr. 30/2006 SENTITO

Dettagli

Mozzanica & Mozzanica Srl.

Mozzanica & Mozzanica Srl. Mozzanica & Mozzanica Srl. L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA F6BI Ovvero: quando la qualità non è un caso! Il giorno 27 aprile, presso il Campo Prove della Soc. SILPA Srl, si è tenuto un incontro

Dettagli

- il materiale frangibile per evitare danni in caso di impatto (specie in centro urbano);

- il materiale frangibile per evitare danni in caso di impatto (specie in centro urbano); IL DISSUASORE A CABINA : ASPETTI GIURIDICI Il Dissuasore a Cabina (conosciuto con il nome commerciale di Speed Check o di Velo OK ) dal punto di vista giuridico altro non è che un box contenitore di apparecchiatura

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli MARCHI GEOGRAFICI INDICAZIONI DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli Santa Sofia, 5 maggio 2011 ore CEUB- Centro Residenziale Universitario Bertinoro Le diverse tipologie

Dettagli

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo Marchio geografico e marchio collettivo Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo M.C.): M.G. è quello che contiene o che consiste in un nome di un località geografica. M.C.

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese

FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese MARCHI E DISEGNI COMUNITARI -Terza Edizione - NAPOLI - 22 OTTOBRE 2013 L enforcement del marchio comunitario FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese 1 AUTORE FALSO (L.D.A. e

Dettagli

Risposta alla consultazione Regolamentazione in materia di offerte pubbliche di acquisto e scambio

Risposta alla consultazione Regolamentazione in materia di offerte pubbliche di acquisto e scambio Studio Legale Roma 00184, Via delle Quattro Fontane, 20 Milano 20121, Piazza Belgioioso, 2 Bologna 40123, Via Massimo d Azeglio, 25 Padova 35121, Piazza Eremitani, 18 Torino 10128, Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano)

Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) Consulenza automatizzata, Discussion Paper ESAs: risposte ANASF (italiano) D1. Siete d'accordo con la valutazione delle caratteristiche degli strumenti di consulenza finanziaria automatizzata presentati

Dettagli

AVVISO. Ceres, 15 gennaio 2014. Il Segretario comunale F.to dott.ssa Laura Catella

AVVISO. Ceres, 15 gennaio 2014. Il Segretario comunale F.to dott.ssa Laura Catella AVVISO Con in D.P.R. n. 62 del 16 aprile 2013 è stato approvato il nuovo codice di comportamento dei dipendenti pubblici che ha definito i doveri che i dipendenti pubblici sono obbligati a rispettare,

Dettagli

Lo studente consapevole io sono un tipo originale

Lo studente consapevole io sono un tipo originale Ministero Dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Lo studente consapevole io sono un tipo originale COM-PA Milano XVI edizione 3-5

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole Page 1 of 6 N. 01012/2012REG.PROV.COLL. N. 06613/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Pianificare Sicurezza e Privacy. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale

Pianificare Sicurezza e Privacy. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale Pianificare Sicurezza e Privacy Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale La sicurezza è il cardine della tutela dei dati personali. E non è tema su cui è possibile improvvisare. Le implicazioni sono

Dettagli

IL VOLO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CODICE ETICO

IL VOLO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CODICE ETICO IL VOLO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CODICE ETICO Introduzione Finalità del IL VOLO Strumenti utilizzati de IL VOLO STRUTTURA DEL CODICE ETICO Definizione del Codice Etico de IL VOLO Art. 1 Che cos

Dettagli

IL RUOLO DEI MARCHI, DISEGNI E MODELLI INDUSTRIALI NELLO SVILUPPO DI UNA STRATEGIA DI BRANDING ED INTERNAZIONALIZZAZIONE

IL RUOLO DEI MARCHI, DISEGNI E MODELLI INDUSTRIALI NELLO SVILUPPO DI UNA STRATEGIA DI BRANDING ED INTERNAZIONALIZZAZIONE IL RUOLO DEI MARCHI, DISEGNI E MODELLI INDUSTRIALI NELLO SVILUPPO DI UNA STRATEGIA DI BRANDING ED INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 Riproduzione riservata Avere un idea è un ottima cosa, ma è ancora meglio sapere

Dettagli

Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa!

Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa! Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa! Impara con me le tecniche di vendita più efficaci e i segreti della comunicazione verbale e non-verbale per

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini, Trieste, 4 aprile 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini, Trieste, 4 aprile 2011. Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio TOTAL.IT Ricorrente: Total S.A. (avv. Fabrizio Jacobacci, dott. Massimo Introvigne) Resistente: sig. Luigi Marruso Collegio (unipersonale): prof. avv. Alfredo

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

Codice Etico STRUTTURA DEL CODICE ETICO. Introduzione Finalità di Onda

Codice Etico STRUTTURA DEL CODICE ETICO. Introduzione Finalità di Onda Codice Etico STRUTTURA DEL CODICE ETICO Introduzione Finalità di Onda Strumenti utilizzati da Onda Definizione del Codice Etico di Onda Art. 1 Che cos è il Codice Etico Art. 2 Motivazione dei Soci Fondatori

Dettagli

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di nuovi sistemi di distribuzione

Dettagli

GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE. Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo. La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e

GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE. Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo. La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e difficoltà, raccoglie però l occasione di modificare

Dettagli

Marijuana, coltivazione ad uso personale

Marijuana, coltivazione ad uso personale STUDIO LEGALE AVV. ELISABETTA DORO VIA CARLO SIGONIO 2 40137 BOLOGNA TEL. 051.346996 FAX 051.7160309 E-mail: info@studiolegaledoro.it Sito internet: www.studiolegaledoro.it Marijuana, coltivazione ad uso

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT. Avv. Alessandra Ferreri. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio VITTORIAIMMOBILIARESRL.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): VITTORIA ASSICURAZIONI S.P.A. Rappresentata dall Avv. Marco Francetti VITTORIA

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

Il quadro normativo di riferimento

Il quadro normativo di riferimento CORSO CTU Il quadro normativo di riferimento Torino, 19 novembre 2015 IL QUADRO DI RIFERIMENTO La piramide rovesciata: - responsabilità civile; - concorrenza sleale; - contraffazione CODICE CIVILE (responsabilità

Dettagli

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ACCORDO DI LICENZA ACCORDO DI LICENZA ACCORDO del 16 maggio 1997

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative

Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative di Gabriele Faggioli * e Andrea Reghelin ** L American Marketing Association definisce il marketing come l insieme

Dettagli

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE?

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? Corpo di Polizia Municipale CITTA DI ALESSANDRIA BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? E sempre molto ricorrente il caso di motociclisti e pedoni che finiscono per cadere rovinosamente

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

Farmaci di. importazione. parallela? Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei

Farmaci di. importazione. parallela? Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei Ugo Santonastaso Funzionario dell Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei farmaci di importazione parallela di Alessandro

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

L informazione del cittadino nel settore dei dispositivi medici: pubblicitàe informazione scientifica

L informazione del cittadino nel settore dei dispositivi medici: pubblicitàe informazione scientifica L informazione del cittadino nel settore dei dispositivi medici: pubblicitàe informazione scientifica Dott.ssa Paola D Alessandro Dirigente del Ministero della Salute Direzione generale dei Farmaci e Dispositivi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 209/E

RISOLUZIONE N. 209/E RISOLUZIONE N. 209/E Roma, 18 novembre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Art. 25-bis DPR n. 600 del 1973 Attività di procacciatore d affari Società XY S.p.A.

Dettagli

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Autore_Franco Cellino, Italia _Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la fattibilità

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

Norme a tutela dei consumatori. Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 -

Norme a tutela dei consumatori. Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 - TUTORIAL www.protezionecitta.it Norme a tutela dei consumatori Contenuto minimo Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 - I prodotti o le confezioni dei

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

Q uando fai la spesa e sullo scaffale

Q uando fai la spesa e sullo scaffale L etichettatura L etichettatura I PRODOTTI PRECONFEZIONATI Q uando fai la spesa e sullo scaffale trovi confezioni di pasta, detersivi, tonno, shampoo, bottiglie di vino, olio, acqua etc., stai comprando

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44

Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44 Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44 Categoria Massima: Mutuo fondiario Parole chiave: Ammortamento, Condizioni contrattuali, Mutuo fondiario In materia di mutuo fondiario è censurabile il comportamento

Dettagli

IRPEF: cessione immobili da demolire

IRPEF: cessione immobili da demolire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 74 12.03.2014 IRPEF: cessione immobili da demolire Per la Cassazione, la cessione di un fabbricato da demolire non può essere riqualificata in

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Premessa Il presente documento è frutto di un incontro tra gli incaricati regionali alla comunicazione, avvenuto ad ottobre 2015,

Dettagli

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN Fabio D Angelo Consulente in Proprietà Industriale Mandatario abilitato Italiano, Europeo e Comunitario per

Dettagli

IMPRESA E COMUNICAZIONE

IMPRESA E COMUNICAZIONE IMPRESA E COMUNICAZIONE Da tutto quanto detto risulta molto chiaro che farci conoscere dal pubblico e comunicare un immagine positiva della nostra azienda è fondamentale! Il successo della nostra impresa

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 08 24.04.2014 Società di comodo: novità 2014 Rateizzazione delle plusvalenze, nuova collocazione in Unico SC, chiarimenti in tema di impianti

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli