17 maggio Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "17 maggio 2013. Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda"

Transcript

1 Articoli per abbigliamento da «Filiera Lunga»: valutazione della «sicurezza chimica» e dell etichettatura. Approcci normativi nazionali ed internazionali 17 maggio 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda Introduzione L insieme dei prodotti che si riferiscono al Sistema Moda, come gli articoli provenienti dai sistemi manifatturieri dell industria tessile, dell abbigliamento, dell arredamento, conciaria, della pelletteria, calzature, degli accessori tessili, metallici, plastici, etc., costituiscono uno dei principali fattori economici dei sistemi industriali dei paesi avanzati e di quelli in via di sviluppo. La varietà e la complessità degli articoli riferibili al Sistema Moda prevedono sistemi di approvvigionamento delle materie prime e dei semilavorati, con filiere manifatturiere ormai delocalizzate in tutti i continenti. Ovviamente, anche la commercializzazione dei prodotti finiti coinvolge, in maniera massiva e con sempre maggiore intensità di scambi, la totalità dei sistemi commerciali globali. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 2

2 Introduzione In questo scenario globalizzato di scambi commerciali internazionali, un attenzione sempre maggiore viene posta dalle singole nazioni e dai vari raggruppamenti politico-economico di stati (es. Unione Europea), nei confronti della sicurezza chimica dei prodotti che vengono messi a disposizione degli utenti. Per Sicurezza Chimica generalmente si intende descrivere i requisiti che le materie prime, i processi produttivi e, conseguentemente, i prodotti finiti devono possedere allo scopo di garantire la salute dei lavoratori e dei consumatori e garantendo contestualmente una diminuzione dell impatto ambientale sia nei processi produttivi, che nell intero ciclo di vita dei prodotti commercializzati. La conoscenza da parte dei sistemi manifatturieri e delle filiere commerciali del Sistema Moda dei requisiti di Sicurezza Chimica presenti nelle legislazioni esistenti nei diversi Paesi, costituisce un elemento fondamentale per la corretta progettazione, 13/03/2006 realizzazione e commercializzazione Giuseppe Bartolini degli articoli in oggetto. 3 I Prodotti della Filiera Moda Le aziende manifatturiere europee attuali leader nel panorama della moda globale in quest ultimo decennio si sono trovate a dover produrre e commercializzare prodotti che devono risultare conformi, dal punto di vista della sicurezza chimica, alle normative sempre più dettagliate e stringenti presenti nei mercati globali. Purtroppo, il continuo proliferare di normative non armonizzate tra i vari Paesi ha innescato situazioni dove, frequentemente, un unico manufatto può risultare conforme ai requisiti di sicurezza chimica di una serie di nazioni, mentre risulta non compatibile alla commercializzazione in altri mercati; questa situazione produce notevoli ricadute negative in termini di libera circolazione delle merci e di rischi e penalizzazioni, sia di tipo civilistico sia penale, che vengono a porsi a carico delle aziende produttrici. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 4

3 Norme e leggi cogenti I DISPOSITIVI NORMATIVI COGENTI NAZIONALI E COMUNITARI che inquadrano le attività di controllo della sicurezza chimica degli articoli della Filiera Moda possono essere suddivisi in due categorie: A) Norme relative all IMMISSIONE ed USO di SOSTANZE E PREPARATI PERICOLOSI. Allo stato attuale, si tratta sostanzialmente dell applicazione del Regolamento (CE) n. 1907/ (REACh); B) Norme relative alla SICUREZZA GENERALE DEI PRODOTTI e alla tutela del consumatore. Norme generali applicabili a tutti i prodotti immessi sul mercato che devono risultare sicuri per il consumatore e utilizzatore finale. 13/03/ Normativa EU sostanze pericolose Impatto del Regolamento (CE) n. 1907/ (REACh) nella produzione e commercializzazione degli articoli della Filiera Moda Le filiere manifatturiere tessili-abbigliamento, del cuoio e pelli e degli accessori (metallici e plastici), impiegando a vari livelli un elevato numero di sostanze e preparati chimici, hanno dovuto adeguare i processi produttivi e le scelte di commercializzazione (importazione) in funzione delle restrizioni ed indicazioni dettate da: Allegato XVII - Restrizioni in materia di fabbricazione, immissione sul mercato e uso di talune sostanze, preparati e articoli pericolosi 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 6

4 Normativa EU sostanze pericolose Impatto del Regolamento (CE) n. 1907/ (REACh) nella produzione e commercializzazione degli articoli della Filiera Moda Sostanze Candidate (Candidate List) Elenco che identifica le sostanze con caratteristiche che destano serie preoccupazioni. Tra queste figurano: le sostanze CMR (sostanze cancerogene, mutagene e tossiche per il sistema riproduttivo); le sostanze PBT (sostanze persistenti, bioaccumulabili e tossiche); le sostanze vpvb (sostanze molto persistenti e molto bioaccumulabili); talune sostanze problematiche aventi effetti gravi irreversibili sull essere umano e sull ambiente, come i perturbatori endocrini. L inclusione delle sostanze candidate nell elenco comporta, a talune condizioni, un obbligo d informazione circa la presenza di questa sostanza negli articoli. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 7 Norme UE: Sicurezza prodotto Legislazione Europea sulla sicurezza generale del prodotto I produttori possono immettere sul mercato soltanto prodotti sicuri: qualsiasi prodotto fornito nell ambito di un attività commerciale e destinato ai consumatori o che possa essere utilizzato dai consumatori non deve presentare alcun rischio oppure soltanto rischi ridotti compatibili con l utilizzazione del prodotto in condizioni normali e ragionevolmente prevedibili Direttiva 87/357/CEE: ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri Direttiva 85/374/CEE: responsabilità per danno da prodotti difettosi Direttiva 2001/95/CE: relativa alla sicurezza generale dei prodotti 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 8

5 Italia: Sicurezza prodotto Legislazione ITALIANA sicurezza generale del prodotto Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 «Codice del consumo», a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229 (Abroga il D.Lvo n. 172). Art. 1. (Finalità ed oggetto) Nel rispetto della Costituzione ed in conformità ai principi contenuti nei trattati istitutivi delle Comunità europee, nel trattato dell'unione europea, nella normativa comunitaria con particolare riguardo all'articolo 153 del Trattato istitutivo della Comunità economica europea, nonché nei trattati internazionali, il presente codice armonizza e riordina le normative concernenti i processi dì acquisto e consumo, al fine di assicurare un elevato livello di tutela dei consumatori e degli utenti. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 9 Le etichette «ecologiche» volontarie Un ulteriore complicazione nella gestione dei prodotti della filiera moda negli scenari internazionali è innescato dalla presenza di numerose etichette eco-tossicologiche di tipo volontario che, a loro volta, descrivono nei propri disciplinari, ulteriori parametri di sicurezza chimica e/o, a parità di parametri descritti dalle normative cogenti, limiti molto più severi talvolta difficilmente raggiungibili con le tecniche di produzione normalmente utilizzate. Il proliferare di queste etichette volontarie si riferisce non solo ai criteri di sicurezza chimica dei processi e dei prodotti, ma anche a: ü fattori di sostenibilità ambientale del ciclo di vita degli articoli commercializzati (es. utilizzazione di prodotti riciclati e riciclabilità dei prodotti stessi a fine vita); ü criteri di responsabilità sociale delle lavorazioni e degli addetti; 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 10

6 Le etichette «ecologiche» volontarie ü all adeguamento delle migliori tecnologie produttive disponibili nelle prospettive dell ottimizzazione dei consumi energetici e delle risorse utilizzabili (es. progettazione e realizzazione di impianti ad apparecchiature caratterizzate da riduzioni dei consumi di acqua, di prodotti chimici e di risorse energetiche); ü ai sistemi di controllo finalizzati alla certificazione dei prodotti tessili ottenuti con fibre di natura biologica Organic Textile. L offerta di «etichette volontarie» è talmente vasta e variegata da far nascere l esigenza di pubblicazioni che ne elencano le caratteristiche, le finalità ed i loro campi di applicazione. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 11 Le etichette «ecologiche» volontarie 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 12

7 Le etichette «ecologiche» volontarie 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 13 Le etichette «ecologiche»: ECOLABEL Marchio Comunitario: ECOLABEL Il marchio di qualità ambientale Ecolabel ha come obiettivo quello di promuovere prodotti e servizi che nel corso dell intero ciclo di vita presentano un ridotto impatto sull ambiente, orientando i consumatori verso scelte di consumo sostenibili. Si tratta di uno strumento volontario: nel momento in cui ne fanno richiesta, i produttori e i distributori possono garantire qualitativamente e distinguere i loro prodotti e servizi tramite l etichetta ecologica che i consumatori riconosceranno come segnale del rispetto dell ambiente. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 14

8 Le etichette «ecologiche»: ECOLABEL Tra i gruppi di prodotti del sistema moda, etichettabili ECOLABEL sono compresi: Prodotti tessili Calzature Materassi I criteri per l assegnazione del marchio comunitario a tali prodotti sono stati stabiliti da Decisioni della Commissione: Prodotti tessili: 2009/567/CE del 9 luglio 2009 Calzature: 2009/563/CE del 9 luglio 2009 Materassi: 2009/598/CE del 9 luglio /03/2006 Giuseppe Bartolini 15 Le etichette «ecologiche»: Marchi Nazionali Marchi Ecologici Nazionali In periodi precedenti, o contemporaneamente alla divulgazione dell Ecolabel comunitaria, numerosi paesi europei ed extra-europei hanno imboccato la strada dell istituzione nazionale di marchi di qualità ecotossicologica. Ricordando che soltanto un ristrettissimo numero di questi ha avuto una certa notorietà commerciale (Nordic White Swan, Blu Angel), si riportano di seguito, a titolo informativo, le caratteristiche e le peculiarità di alcuni dei marchi ecologici nazionali. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 16

9 Le etichette «ecologiche»: Marchi Nazionali Nordic White Swan: scandinavo creato nel È il solo marchio, insieme a quello Europeo, ad essere multinazionale. Un ente coordina i quattro consigli nazionali. Il marchio ha definito i criteri per 52 gruppi di prodotti e ha assegnato circa 600 licenze. Blauer Engel: tedesco creato nel Tre membri istituzionali sono coinvolti nel sistema operativo di assegnazione del marchio: le autorità federali ambientali, l Istituto Tedesco per Applicazione della Qualità e dell Etichettatura e il Giurì per l etichetta. Lo schema tedesco ha definito i criteri per circa 140 categorie di prodotti e rilasciato licenze a ca 4000 prodotti. Da notare la buona espansione geografica conosciuta dal marchio: più del 15% delle imprese a cui sono state rilasciate le licenze e il 16 % circa dei prodotti etichettati non sono tedeschi. 13/03/ Il fenomeno OEKO TEX Verso la fine degli anni 80 l Istituto di ricerca tessile austriaco OTI preparò uno schema di prove da eseguire sui prodotti tessili relativamente alle sostanze tossiche che possono contenere: tale schema era noto con il nome di OTN 100. Nel 1992, basandosi su questa esperienza ed unendola a quella dell Oko -Check sviluppato in Germania, l istituto austriaco e quello tedesco si sono uniti per costituire la International Association for Research and Testing in the Field of Textile Ecology, il cui primo obiettivo è stata l elaborazione dell Oeko-Tex Standard 100 (www.oeko-tex.com). Si tratta di uno standard volto finalizzato alla sicurezzadell utilizzatore; restringe l uso di sostanze potenzialmente pericolose che potrebbero essere contenute nel prodotto finale e quindi venire a contatto con il consumatore. Lo standard riporta anche riferimenti analitici da applicare per la determinazione dei parametri e specifica inoltre i limiti di accettabilità basandosi su criteri sperimentali e di bibliografia scientifica. 13/03/

10 Il fenomeno OEKO TEX All inizio del 1993 altri Istituti di ricerca in campo tessile si sono uniti all Associazione Internazionale come membri. Tutti i membri testano le sostanze pericolose elencate nello standard utilizzando le stesse metodiche analitiche e gli stessi valori limite e certificando i prodotti con l utilizzo del marchio registrato Confidence in Textiles. Tested for Harmful Substances according Oeko-Tex Standard 100. Nel 1995 compare la prima versione di Oeko-Tex standard 1000, con la quale sono fissati i presupposti per una produzione favorevole all ambiente: sono infatti elaborati una serie di parametri che etichettano i luoghi di produzione e così pure le tecnologie e le sostanze chimiche utilizzate. Nel 1999, infine, viene data per la prima volta ad un prodotto tessile l etichetta Oeko-Tex standard 100 plus : tale etichetta indica che il manufatto è conforme alle specifiche di Oeko-Standard 100 e che viene prodotto in siti produttivi conformi all Oeko-Standard /03/ Il fenomeno «CINA» Contesti normativi internazionali La Repubblica Popolare Cinese rappresenta ormai per l industria della Filiera Moda internazionale il principale mercato per la collocazione dei propri articoli. Nell ultimo decennio le autorità cinesi hanno focalizzato la loro attenzione sulla salubrità dei prodotti per abbigliamento, calzature ed accessori commercializzati nel mercato interno, siano essi prodotti nel territorio cinese o importati. La proliferazione di norme tecniche cogenti è risultata importante ed ha coinvolto in pratica tutte le filiere produttive del sistema moda. Tra le principali norme tecniche (Norme GB) utilizzate dall ente di controllo cinese (Administration of Quality Supervision, Inspection and Quarantine) che descrivono i requisiti di sicurezza chimica «obbligatori» per le diverse tipologie di prodotti, si ricordano: 13/03/

11 Contesti normativi internazionali: CINA GB 18401:2010: Technical specification of National Safety for Textile Products GB 20400:2006: Leather and fur: Limits for hazardous substances GB 28480:2012 : Adornment : Provision for limit of baneful elements GB 21550:2008: Restriction of hazardous materials in Polyvinyl chloride artificial leather GB 25038:2010: Healt safety and Tecnology Specifications for Rubber Shoes GB 25036:2010: Children's Canvas Rubber Footwear FZ/T : Infant s wear 13/03/ Contesti normativi internazionali: CINA 13/03/

12 Contesti normativi internazionali: USA Il «mondo» USA Nel sistema legislativo statunitense la sicurezza degli articoli per uso «non food», come ad esempio i prodotti della Filiera Moda sono regolamentati da «leggi federali» e da dispositivi dei singoli stati, che spesso presentano requisiti più severi rispetto ai dispositivi federali (es. California: Proposition 65). Le regolamentazioni federali: Consumer Product Safety Commision (CPSC) 16 CFR 1303 : Lead in surface coating CPSIA: Lead in substrate CPSIA: Phthalates 16 CFR 1500: Sharp points and sharpedge 16 CFR 1501: Small parts 16 CFR 1610/11: Flammability of chlothing textile 16 CFR 1615/16: Flammability of children s sleepwear CPSC Guide: Drawstrings 13/03/ Contesti normativi internazionali: COREA La Corea del Sud Nel sistema legislativo della Corea del Sud, fino al 2009, si trovavano 13 marchi che descrivevano la qualità dei prodotti. Il governo coreano, nel Gennaio 2010, ha reso operativo un unico marchio denominato KC MARK la cui applicabilità è fondamentalmente descritta in 2 leggi: KC MARK FOR : SELF REGULATORY SAFETY CONFIRMATION ACT Nel settore del tessile-abbigliamento questa legge si riferisce agli indumenti ed accessori destinati ai bambini sotto i 3 anni ed a vari indumenti di sicurezza Il KC MARK è rilasciato da enti governativi sulla base di test effettivamente condotti sul prodotto da laboratori autorizzati. 13/03/

13 Contesti normativi internazionali: COREA KC MARK FOR: SAFETY QUALITY MARK ACT Nel tessile-abbigliamento questa legge si riferisce agli indumenti ed accessori destinati agli adulti anche a contatto con la pelle, indumenti in pelle, tappeti etc In questo caso il KC MARK è rilasciato sulla base di autocertificazioni del produttore che conferma l'idoneità del prodotto sulla base dei parametri contenuti nella successiva tabella che rappresenta i requisiti minimi che il prodotto deve avere. Il produttore dovrà supportare la autocertificazione sulla base di un ragionevole programma di prove e controlli effettuati da un laboratorio competente. 13/03/ Contesti normativi internazionali: COREA 13/03/

14 Esame comparativo normative cogenti internazionali 13/03/ Esame comparativo normative cogenti internazionali 13/03/

15 Esame comparativo normative cogenti internazionali 13/03/ Esame comparativo normative cogenti internazionali 13/03/

16 Esame comparativo normative cogenti internazionali 13/03/ CONSEGUENZE!! L esame comparativo degli approcci legislativi e normativi cogenti, relativi alla gestione della sicurezza chimica degli articoli della filiera moda dell Unione europea e dei principali mercati extra-europei, evidenzia la presenza di numerose e rilevanti asimmetrie. In particolare si rileva che i dispositivi legislativi comunitari tendono a porre sotto restrizione l impiego di sostanze pericolose per la salute dei lavoratori e dei consumatori, inserendo limitazioni all utilizzazione di sostanze chimiche pericolose nei processi produttivi; non frequentemente sono invece poste restrizioni legate alla eventuale presenza di residui di sostanze pericolose nei prodotti finiti. 13/03/

17 Questo approccio viene superato in alcune legislazioni di singoli Stati comunitari che, allo scopo di proteggere la salute dei consumatori e la tutela dell ambiente, tendono a porre restrizioni specifiche dei residui di sostanze pericolose su specifici prodotti (tessili, pellami, accessori metallici e plastici). Verificando la situazione extra-comunitaria appare evidente che le restrizioni specifiche presenti nelle legislazioni dei principali mercati asiatici (Cina, Corea del Sud, Giappone), frequentemente risultano le più estese e severe, con particolare attenzione ai prodotti per la prima infanzia ( 36 mesi) ed ai prodotti destinati ad avere un prolungato contatto con la pelle. 13/03/ Tenendo conto di quanto sopra, appare evidente che le asimmetrie e le non omogeneità presenti nella gestione dei parametri di sicurezza chimica dei prodotti della filiera moda, generano distorsioni che possono essere così sintetizzate: a) Le imprese europee del Sistema Moda vedono aumentare sempre più l importanza dei mercati asiatici (es. Cina e Corea del Sud) come sbocco alle proprie produzioni, soprattutto per i prodotti di alta ed altissima gamma. Questa situazioni obbliga le imprese ad imporre ai propri fornitori di semilavorati e prodotti finiti (aziende manifatturiere) complessi capitolati di sicurezza chimica (RSL: Restricted Substances List), dove viene inserita la globalità dei parametri trattati dalle varie legislazioni internazionali, accompagnata dall applicazione dei limiti previsti dalle nazioni maggiormente restrittive. Questa specie di scudo realizzato da alcune normative asiatiche produce costi aggiuntivi e difficoltà crescenti alle imprese esportatrici europee. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 34

18 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 35 b) importanti asimmetrie si evidenziano anche nei termini di libera circolazione delle merci quando, ad esempio, siamo in presenza di prodotti cinesi destinati all esportazione: questi articoli possono avere caratteristiche di sicurezza chimica tali da renderli commercializzabili in Europa, ma non in Cina. Tutto ciò, evidentemente, con rilevanti ripercussioni a livello dei cicli produttivi, dei costi di produzione e di conseguenza della competitività. 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 36

19 c) La carenza nella legislazione comunitaria dei limiti di accettabilità dei residui di sostanze pericolose nei prodotti finiti, può permettere alle filiere produttive extraeuropee l utilizzazione di sostanze vietate in Europa. Questa situazione, di fatto, non rende possibile l intercettazione ed il blocco delle importazioni di questi prodotti nei mercati comunitari. A conferma di quanto sopra, è nota la problematica sollevata dall associazione ambientalista Greenpeace in merito dell utilizzazione di tensioattivi vietati in Europa per la loro pericolosità ambientale (alchilfenoli etossilati), nella produzione di articoli tessili e di calzature fabbricati in Cina e destinati al mercato europeo 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 37 Accreditamenti Laboratorio Istituto Buzzi

20 LA SICUREZZA CHIMICA DEI CAPI DI ABBIGLIAMENTO In collaborazione con Associazione Consumatori Utenti Toscana (ACU-Toscana) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda 13/03/ Sezione sperimentale Esaminati: nr. 37 capi di abbigliamento per adulti e bambini Acquistati presso: (I) grande distribuzione (II) negozi monomarca (III) mercati ambulanti, nella provincia di Firenze da parte di ACU-Toscana Origine dei capi: 15% Non dichiarata 15% Made in Italy 70% da «filiera lunga» (Cina [32%], Bangladesh, Cambogia, Turchia, Vietnam etc). 13/03/

21 Sezione sperimentale Oggetto Marca Colore Gilet donna Crystal Kobe Rosso Composizione dichiarata 100% Lana Provenienza Made in China Etichetta di manutenzione Gilet donna Oggetto Marca Colore T-shirt uomo Oviesse Verde Composizione dichiarata 100% Cotone Provenienza Made in Bangladesh Etichetta di T-shirt uomo manutenzione 13/03/ Sezione sperimentale Parametri esaminati Formaldeide Parametro Coloranti azoici vietati Alchilfenoli etossilati (APEOS) Coloranti allergenici ph estratto acquoso Solidità del colore all acqua Solidità del colore al sudore Solidità del colore allo sfregamento Metalli pesanti totali Metalli pesanti per cessione da soluzione di sudore acido Cogente in (Europa), Francia, Cina, Giappone, etc Europa, Cina, Corea, etc Europa Germania, Corea Cina, Corea Cina Cina Cina Capitolati e Marchi volontari Marchi eco-tossicologico volontari 13/03/

22 Sezione sperimentale Formaldeide La formaldeide è l aldeide più semplice. Viene utilizzata in moltissimi settori, come ad esempio nella produzione di resine che possono conferire proprietà antipiega in prodotti tessili e come conservante nella pelle e pellicce. La degradazione di queste resine porta alla formazione di formaldeide: agente irritante delle mucose delle vie respiratorie e cancerogeno. Unità di misura mg/kg Unione Europea (UE) No restrizioni dirette Italia No restrizioni dirette Altri paesi UE Francia: Baby 20 Cont. Pelle 200 No Cont. Pelle 400 Tessili Cina Baby 20 Cont. Pelle 75 No Cont. Pelle 300 Sud Corea Baby 20 Cont. Pelle 75 No Cont. Pelle 300 Altri paesi extra-ue Giappone Baby 16 Cont. Pelle 75 No Cont. Pelle 300 CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato 1 Sciarpa Made in Cina 82 mg/kg 43 Sezione sperimentale Coloranti azoici vietati È una specifica classe di coloranti utilizzati nei processi tintoriali e si contraddistingue per la presenza di uno o più gruppi azoici all interno della struttura molecolare. Alcuni coloranti azoici, per scissione riduttiva, possono liberare una o più ammine aromatiche cancerogene e/o potenzialmente cancerogene per l uomo; le ammine sono sostanze organiche caratterizzate dalla presenza di uno più gruppi amminici (-NH2, -NH-) legati ad anelli aromatici. Unità di misura Unione Europea (UE) Italia Altri paesi UE Cina Sud Corea Altri paesi extra-ue mg/kg 22 ammine 30 mg/kg 24 ammine 20 mg/kg 22 ammine 30 mg/kg Giappone: 22 ammine 3 0 mg/kg CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato Nessuno = = = 44

23 Sezione sperimentale Coloranti dispersi allergenici La classe tintoriale dei dispersi, cui appartengono la maggior parte dei coloranti per i quali sono stati oggettivamente dimostrati gli effetti allergenici, è costituita da molecole prive di gruppi polari in grado di portare il colorante in soluzione acquosa, nella quale quindi si disperdono ma non si sciolgono. Tale caratteristica rende questi coloranti affini alle strutture lipofile come può essere considerata la pelle. Sono utilizzati principalmente nella tintura di poliestere e acetato ma anche di poliammide. Unità di misura Unione Europea (UE) Italia Altri paesi UE Cina Sud Corea Altri paesi extra-ue mg/kg 2 Coloranti Non Rilevabili Germania 8 Coloranti 8 Coloranti No restrizioni No restrizioni Non Rilevabili Non Rilevabili CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato Nessuno = = = 45 Sezione sperimentale Alchilfenoli etossilati (APEOS) Gli alchilfenoli etossilati (APEOS) sono dei tensioattivi non ionici contraddistinti da un ottimo potere emulsionante e detergente. Per quanto concerne gli APEOS, i due prodotti maggioritari sono l ottile e il nonile fenolo etossilato. Vista la ridotta biodegradabilità, si accumulano negli ecosistemi acquatici e, data la loro somiglianza strutturale con un ormone femminile, causano fenomeni di femminilizzazione nella fauna acquatica. Unità di misura Unione Europea (UE) Italia Altri paesi UE mg/kg 1000 Cina No restrizioni Sud Corea No restrizioni Altri paesi extra-ue No restrizioni CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato 1 Boxer bambino Made in Cina 1244 mg/kg CAMPIONI CONFORMI ma con Presenza di Nonilfenolo Etossilato Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato 21 Articoli vari Made in Cina (6) Made in Italy (2) Altri (13) da 2 a 780 mg/kg 46

24 Sezione sperimentale ph Estratto acquoso Il ph è una scala di misura dell acidità o dell alcalinità di una soluzione acquosa. La scala ha valori che vanno da 0 (estremamente acido) a 14 (estremamente alcalino), mentre 7 indica il valore di neutralità. L intervallo di accettabilità si assesta attorno a ph 5,5 che identifica il ph dell epidermide umana. Unità di misura Unione Europea (UE) Italia Altri paesi UE Cina Sud Corea Altri paesi extra-ue Unità ph No No No restrizioni restrizioni restrizioni Baby 4-7,5 Cont. Pelle 4-8,5 No Cont. Pelle 4-9,5 Baby 4-7,5 Cont. Pelle 4-7,5 No Cont. Pelle 4-9,0 No restrizioni CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato 1 Gonna bambina Made in Bangladesh ph 8,00 13/03/ Sezione sperimentale Solidità dei colori Le solidità dei colori all acqua, sudore acido ed alcalino, sfregamento a secco ed alla saliva (solo per bambini < 36 mesi), vengono richiesti esclusivamente dal mercato cinese. L utilizzazione di questi parametri, generalmente considerati di tipo prestazionale, è giustificata dalle autorità cinesi, introducendo il «principio di cautela»; cioè considerando che, la scarsa solidità dei colori in un materiale tessile, può portare all assorbimento dei colori stessi. Unità di misura Unione Europea (UE) Italia Altri paesi UE Cina Sud Corea Altri paesi extra-ue Scala di grigi No No No restrizioni restrizioni restrizioni Baby 3/4-4 Cont. Pelle 3 No Cont. Pelle 3 No restrizioni No restrizioni CAMPIONI NON CONFORMI Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato 4 Articoli vari Made in Cina (2) Non dichiarata (2) Varie solidità: ( 1/2 2/3 ) 13/03/

25 Sezione sperimentale Metalli pesanti Metalli pesanti totali: si descrive la quantità di metallo che è contenuta nell articolo in oggetto. Il contenuto totale dei metalli viene generalmente determinato per verificare l eventuale presenza di metalli pericolosi per la salute e per l ambiente nei diversi articoli, con particolare riferimento alla possibilità di smaltimento in discarica dei manufatti a fine ciclo di vita. Metalli pesanti estraibili: si intende determinare la quantità di metallo che può essere ceduta dal substrato tessile o in pelle, in particolari condizioni di utilizzazione. La scelta delle condizioni di estrazione è legata al tipo di verifica a cui si ritiene debba essere sottoposto l articolo; in particolare si descrivono i seguenti criteri di estrazione: da soluzione artificiale di sudore acido: per simulare la cessione durante l utilizzo di un articolo; prova di rilascio di nichel: per verificare l eventuale cessione di nichel da parte di accessori metallici che saranno posti a contatto prolungato con la pelle dell utilizzatore. CAMPIONI NON CONFORMI (parametri volontari) Nr. Campioni Articolo Provenienza Risultato (mg/kg) 1 T-shirt uomo Made in China Pb (cessione): 0,21 1 Pantalone (PU) Made in China Pb (totale): Sezione sperimentale Valutazioni Finali: Sicurezza Chimica Riferimento: esaminati nr. 37 capi di abbigliamento per adulti e bambini Origine dei capi: 15% Made in Italy 70% da «filiera lunga» (Cina, Bangladesh, Cambogia, Turchia, etc) 15% Non dichiarata Risultati NON CONFORMITÀ ITALIA/EUROPA: nr. 2 capi (5%) non risultano commercializzabili nel mercato nazionale ed europeo per la presenza di residui di sostanze pericolose per la salute del consumatore e per l ambiente (formaldeide e tensioattivi non ionici vietati [APEOS]). NON CONFORMITÀ CINA: nr. 6 capi (16%) non risultano commercializzabili nel mercato CINESE per la presenza di residui di sostanze pericolose per la salute del consumatore e caratteristiche non ammesse (formaldeide, solidità dei colori e ph). NON CONFORMITÀ GENERALE: nr. 7 capi (19%) non risultano commercializzabili nei mercati internazionali (EU + Cina). 13/03/

26 Valutazione della composizione fibrosa (Regolamento (UE) n 1007/2011) Sezione sperimentale In vigore, dall 8 maggio 2012, il Regolamento (UE) n 1007/2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili, all'etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili. Il regolamento è composto da nove allegati (descrittivi delle denominazioni delle fibre e dei metodi analitici per la determinazione della composizione). Il regolamento fissa i requisiti di etichettatura della composizione fibrosa dei prodotti tessili per essere immessi sul mercato prima di qualsiasi trasformazione oppure durante il ciclo industriale. 13/03/ Sezione sperimentale Valutazione delle composizioni fibrose riscontrate Campione Calzini uomo (camp. 9) Camicia uomo (camp. 21) Collant donna (camp. 24) Pantalone bambina (camp. 27) Golf donna(camp. 28) Pantalone in tessuto spalmato (camp. 30) Golf donna con inserti (camp. 31) Camicia uomo (camp. 37) Composizione dichiarata 75% Cotone 22% Poliestere 3% Elastan 100% Cotone 88% Poliammide 12% Elastan 85% Cotone 10% Poliammide 5% Elastan 65% lana 15% Modal 10% Cashmere 10% Elastan 74% Poliestere 26% Poliuretano 65% Viscosa 25% Poliestere 5% Poliammide 5% Elastan 60% Cotone 40% Poliestere Composizione rilevata 60,3% Cotone 36,4% Poliestere 3,3% Elastan 70,7% Poliestere 27% Cotone 2,3% Viscosa 96,3% Poliammide 3,7% Elastan 61,4% Poliestere 34,7% Cotone 2,2% Poliammide 1,7% Elastan 53,3% Viscosa 46,7% Poliammide 54,8% Poliuretano 45,2% Poliestere 98,9% Viscosa 1,1% Elastan 66,6 % Poliestere 33,4% Cotone Conformità Non Conforme Non Conforme Non Conforme Non Conforme Non Conforme Etichetta non corretta Non Conforme Non Conforme 13/03/

27 Sezione sperimentale Valutazioni Finali: Composizione fibrosa Riferimento: esaminati nr. 37 capi di abbigliamento per adulti e bambini Etichetta di composizione: presente in tutti i capi esaminati Risultati NON CONFORMITÀ ITALIA/EUROPA/CINA/USA: in nr. 7 capi (19%) la composizione fibrosa quantitativa non risulta conforme a quella dichiarata. Si riscontra il superamento limite del ± 3%, corrispondente alla tolleranza di fabbricazione, e la presenza di fibre non dichiarate in etichetta, in quantità eccedente le tolleranze ammesse (2% - 5%). NOTA: nel campione nr. 28 non risultano presenti le fibre di lana e di cashmere, dichiarate in etichetta. Questa situazione può essere compatibile con il reato di «frode in commercio». 13/03/ Sezione sperimentale SITUAZIONE FINALE 9 capi dei 37 esaminati (24 %), non risultano commercializzabili nel mercato nazionale ed europeo, per problemi correlati ai profili di sicurezza chimica, ed alle non conformità delle composizioni fibrose rilevate rispetto a quelle dichiarate. 13/03/

28 Grazie per l attenzione Giuseppe Bartolini Riccardo Dall Anese I.T.S. "T. Buzzi" Laboratorio di Analisi, Prove e Ricerche Industriali - ITIS T. Buzzi PRATO - V.le della Repubblica,9 Tel + 39 (0) fax + 39 (0) : 13/03/2006 Giuseppe Bartolini 55

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE Le sfide del tessile europeo: pratiche e politiche Museo del Tessuto di Prato - Via Santa Chiara, 24 Prato 29 th March 2012 Prodotti tessili e della filiera moda: la sicurezza

Dettagli

Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * 17 maggio 2013. (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda

Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * 17 maggio 2013. (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda Articoli per abbigliamento da «Filiera Lunga»: valutazione della «sicurezza chimica» e dell etichettatura. Approcci normativi nazionali ed internazionali 17 maggio 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall

Dettagli

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Istituto Superiore di Sanità Roma 15 aprile 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese Introduzione

Dettagli

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai

Dettagli

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore Associazione Tessile e Salute Cosa regola il mercato globale? In merito ai rischi per la salute del consumatore, il mercato tessile globale

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO Associazione Tessile e Salute LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE Como 24 novembre 2015 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina

Aperitivi del tessile Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA esportare in Cina Dott.ssa Marta Lualdi Area Internazionale Centrocot SpA Euroimpresa, 21 aprile 2011 Product Quality

Dettagli

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Rischi per la sicurezza in Sono riconducibili a ambito tessile 1 Rischio fisico/meccanico: soffocamento, strangolamento,

Dettagli

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA CONVEGNO AICC AREA TOSCANA Associazione Tessile e Salute LA VIA ITALIANA ALLA MODA SOSTENIBILE San Miniato 27 maggio 2016 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione nazionale nata nel 2001 per

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 PELLICCE PER BAMBINI CON SOSTANZE TOSSICHE E POSSIBILI CANCEROGENI: TEST DI LABORATORIO COMMISSIONATI DALLA LAV (www.lav.it) SU ALCUNI CAPI DI 5 GRANDI MARCHE IN

Dettagli

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- La calzatura: i materiali La pelle (leather) Il tessile (textile) PVC (polivinilcloruro) EVA foam Gomme (Rubber) Poliuretano (PU - Polyurethane) TPU

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE 1. Chi utilizza sostanze e preparati pericolosi continuerà a ricevere schede di sicurezza che potranno essere corredate,

Dettagli

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA Il nuovo regolamento sulla chimica europea, denominato REACH (Reg. n. 1907/2006) è entrato in vigore il 1 giugno 2007 anche se la prima

Dettagli

Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie)

Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie) Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie) Le novità dettate dalle condizioni economico-commerciali, risultanti dall associazione della Russia al WTO e dall appartenenza

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Pagina 1 di 5 APPENDICE I SETTORE ABBIGLIAMENTO 1 - Obiettivo

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

Partecipante. Nome. Cognome. Email

Partecipante. Nome. Cognome. Email Più informazioni per offrire una migliore consulenza Siete pregati di inviare il formulario compilato in ogni sua parte all indirizzo di posta o al numero di fax indicati. Categoria Tessuti per la casa

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 in breve Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Regolamento Regolamento europero 1272/2008 entrato in vigore il 20 Gennaio 2009. Si applica in tutti i paesi

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food Laboratori Chelab Test chimici sui prodotti tessili Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food 1 TEST CHIMICI: PERCHE? I capi di abbigliamento e gli accessori

Dettagli

Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia. e sicurezza dei lavoratori

Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia. e sicurezza dei lavoratori Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Antonello Poles S.O.S. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASS n. 3 Alto Friuli Concetti

Dettagli

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento 11 dicembre 2015 GERARDO CARICATO Responsabile Registrazioni SOMMARIO Panoramica sulle normative in vigore CLP: cosa è cambiato nelle nostre

Dettagli

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di SDI GROUP e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Prime esperienze dei Downstream Users nell applicazione di CLP e nuove Schede di Sicurezza

Prime esperienze dei Downstream Users nell applicazione di CLP e nuove Schede di Sicurezza Milano, 4 Ottobre 2011 7 Conferenza sicurezza Prodotti: CLP e SDS Prime esperienze dei Downstream Users nell applicazione di CLP e nuove Schede di Sicurezza Fabrizio Lavezzato Sutter Industries SpA Dal

Dettagli

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo Premessa Il concetto di End-of-Waste è stato introdotto dalla Strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, adottata dalla Commissione europea

Dettagli

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Gabriella Alberti Fusi Verona, 4 aprile 2011 Dubbi da chiarire e certezze da confermare Marchio

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati:

Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati: Testi per sito assovernici IL PUNTO SULLE NORME DI SETTORE Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati: Assovernici,

Dettagli

PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra

PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra Il ciclo tossico continua La nuova ricerca commissionata da Greenpeace International rivela come alcune sostanze pericolose

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE Il corso illustra i principali metodi di lavorazione della pelle e le caratteristiche merceologiche degli innumerevoli articoli.

Dettagli

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH SCENARI DI ESPOSIZIONE - Attori coinvolti: - SMI Federazione

Dettagli

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Corso di aggiornamento PESTICIDI RISCHI OCCUPAZIONALI E AMBIENTALI Reggio Emilia 25 gennaio 2014 I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP Patrizia Ferdenzi

Dettagli

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 MONOGRAFIA Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 Il 1 giugno 2007 è entrato in vigore il Regolamento n.1907/2006 per la Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze chimiche, definito con

Dettagli

L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI

L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI Pagina 1 di 5 1 QUADRO DI RIFERIMENTO Con il Reg. Ce 1169/2011, del 25 ottobre 2011, è stata varata la riforma comunitaria dell etichettatura dei prodotti

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Schede dei singoli campioni analizzati

Schede dei singoli campioni analizzati Schede dei singoli campioni analizzati Campione N.1 Il Gufo giaccone piuma - (rapporto di prova 13/01431) IL GUFO codice GIACCONE PIUMA Mod. A12GM027EC100/100 18 mesi costo 250,00 MURMASKY (Cane procione)

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Analisi comparativa tra Europa e Stati Uniti degli standard eco-tossicologici nei settori Tessile, Abbigliamento, Pelli/Pelletteria, Calzature

Analisi comparativa tra Europa e Stati Uniti degli standard eco-tossicologici nei settori Tessile, Abbigliamento, Pelli/Pelletteria, Calzature Rapporto redatto nell ambito del programma di promozione straordinaria del Made in Italy, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato dall ICE Agenzia per la promozione all estero e l

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi GHS Cosa significa A causa dei possibili effetti negativi che i prodotti chimici possono avere sull uomo e sull ambiente, nel mondo alcuni stati e regioni hanno regolamentato la loro classificazione (identificazione

Dettagli

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella Panoramica sugli obblighi REACH Stefano Arpisella 25 marzo 2015 CENTRO REACH v Il Centro Reach è una Società a responsabilità limitata costituita il 20 febbraio 2007, su iniziativa di Federchimica e di

Dettagli

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE Riassunto: Nell anno 2000 l industria del rame ha dato inizio ad una procedura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia. CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia. CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU Docente: Prof.ssa Anna Maria Maccioni E-mail: macciom@unica.it Acquisire le conoscenze che permettono

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI

MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI RELAZIONE TECNICA FINALE LE MOTIVAZIONI DEL PROGETTO L intensificazione dei traffici commerciali e l apertura dei mercati hanno portato

Dettagli

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento 1 Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento Dr. Filippo Laviani Area Europa e Regolamentazione Commercio Internazionale 2 Etichettatura d origine: Made In L origine del prodotto è determinata

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

OCCHIO ALLE ETICHETTE

OCCHIO ALLE ETICHETTE PROCESSO DI lavaggio ad umido professionale Lavaggio a umido ciclo molto delicato Lavaggio a umido ciclo delicato Lavaggio a umido ciclo normale OCCHIO ALLE ETICHETTE LINEE GUIDA PER CONOSCERE IL SIGNIICATO

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI FORUM DELLE TECNOLOGIE III SESSIONE IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE Ing. Massimo De Vincentiis La normativa di riferimento: il quadro normativo nazionale ed europeo Il Regolamento (UE) n. 305/2011

Dettagli

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Ruolo della Commissione Europea, degli Stati membri e delle Regioni Dott. Carlo Zaghi Dirigente Divisione VII

Dettagli

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo Programma La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo L emissione di formaldeide dai prodotti del settore legnoarredo Metodi di prova per

Dettagli

La giornata della Sostenibilità

La giornata della Sostenibilità www.casbot.com Innovation experience Sostenibilità Sociale Sostenibilità di Prodotto La giornata della Sostenibilità Innovation experience Driver fondamentale per l innovazione Scopri le opportunità per

Dettagli

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi.

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi. Lista dei controlli alle imprese effettuati dalla Camera di commercio di Torino Area Tutela del Mercato e della Fede Pubblica (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1593 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COTA, SIMONETTI Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti Presentata il 31 luglio

Dettagli

Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento

Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento La quantità di Cromo (III) estraibile può rappresentare, nel prossimo futuro, una nuova sfida che le aziende conciarie

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Seminari di preparazione all Esame di Stato per Ingegneri - Sessioni 2007 LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Relatore Ing. Elio Candussi - Gorizia Udine, 10 maggio 2007

Dettagli

Progetto Regionale. Linea Assistenza

Progetto Regionale. Linea Assistenza Progetto Regionale Regolamento REACH: Sviluppo delle modalità di controllo e prevenzione sanitaria mediante informazione e collaborazione con le imprese produttrici di sostanze pericolose Linea Assistenza

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

GMP e controllo ufficiale sulla produzione di Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA)

GMP e controllo ufficiale sulla produzione di Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) GMP e controllo ufficiale sulla produzione di Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) Elvira Cecere Ministero della Salute Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e

Dettagli

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. I QUESITI

Dettagli

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System FUCHS per GHS Globally Harmonized System GHS Globally Harmonized System Lo sviluppo del Globally Harmonized System sulla classificazione ed etichettatura dei composti chimici, o GHS è stato intrapreso

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

Sezione 1: Oggetto e durata. del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014)

Sezione 1: Oggetto e durata. del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014) Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Addetta alla cucitura/addetto alla cucitura con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014)

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

BTE. Ricerca di sostanze nocive nei prodotti tessili. Categoria Biancheria e abbigliamento esterno

BTE. Ricerca di sostanze nocive nei prodotti tessili. Categoria Biancheria e abbigliamento esterno OEKO-TEX SalESPrO GamES 2012 PEr rivenditori PrOFESSIONISTI Categoria Biancheria e abbigliamento esterno Ricerca di sostanze nocive nei prodotti tessili Più informazioni per offrire una migliore consulenza

Dettagli

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA REGISTRAZIONE, VALUTAZIONE, AUTORIZZAZIONE E RESTRIZIONE

Dettagli

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE Nella valutazione dei criteri di qualità per la merce posta in vendita nella Festa della Befana in Piazza Navona, i punteggi, genericamente indicati nell avviso

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero del lavoro e delle politiche sociali Titolo: recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds  Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Milano, 3 maggio 2013 Timing di attuazione del Regolamento REACH Pre-registrazione 2008 2009 2010

Dettagli

Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione

Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione Nel corso del 7 seminario sulla Protezione dei lavoratori e sostanze chimiche organizzato dall ETUI e tenutosi a Montreuil

Dettagli

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI Programma triennale per la riduzione e prevenzione dei rifiuti STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS ALLEGATO 1 CARTA IN RISME DA FIBRE VERGINI CARTA IN

Dettagli

La Simbiosi Industriale nel contesto del Piano Gestione Rifiuti della Regione Emilia Romagna

La Simbiosi Industriale nel contesto del Piano Gestione Rifiuti della Regione Emilia Romagna La Simbiosi Industriale nel contesto del Piano Gestione Rifiuti della Regione Emilia Romagna Andrea Zuppiroli Regione Emilia-Romagna Servizio Rifiuti e bonifica siti, servizi pubblici ambientali e sistemi

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli