Quindicinale di aggiornamento in materia paghe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quindicinale di aggiornamento in materia paghe"

Transcript

1 Quindicinale di aggiornamento in materia paghe Numero: 22/2013 Data 10 Dicembre 2013 Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 1 di 15

2 SOMMARIO 1. La tredicesima mensilità 3 2. Unionmeccanica - Confapi: Firmato l accordo sulla bilateralità 6 3. Imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR 8 4. Ccnl Uniontessile: sottoscritte le tabelle retributive relative all accordo di rinnovo del Fondazioni Studi: contratto di solidarietà e recupero TFR 15 Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 2 di 15

3 1 La tredicesima mensilità La Tredicesima Mensilità o Gratifica Natalizia è un istituto previsto in tutti i C.C.N.L., ai quali occorre fare riferimento per definire: - la retribuzione globale di fatto; - la misura spettante; - il calcolo in relazione alle frazioni di mese; - il periodo di corresponsione.. Di seguito si vogliono inoltre esaminare i principali problemi che possono insorgere dalla relazione di tale istituto con gli altri previsti dalle leggi e dai contratti collettivi di lavoro. Elementi della retribuzione La misura e gli elementi della retribuzione da considerare per il calcolo della Tredicesima Mensilità sono fissati dallo specifico C.C.N.L. di settore. La misura, di norma, è ragguagliata ad una mensilità della "retribuzione globale di fatto" in corso nel mese in cui viene corrisposta ovvero al numero di ore. Fra gli elementi facenti parte della "retribuzione globale di fatto" rientrano: - paga base tabellare contrattuale; - indennità di contingenza; - E.D.R.; - aumenti periodici o scatti di anzianità; - eventuali superminimi; - eventuali indennità di mansione; - eventuali premi di produzione; - eventuali provvigioni (da conteggiare sulla media annua); - eventuali indennità per maneggio denaro (solo se espressamente previsto dal CCNL); - eventuale cottimo, da conteggiare sulla base di quanto disposto dal CCNL; - eventuali maggiorazioni per lavoro notturno, a turno, a squadre (solo se espressamente previsto dal CCNL); - altre eventuali voci retributive continuative previste dal CCNL. Di norma non devono invece essere considerate le voci di retribuzione che non fanno parte della retribuzione globale di fatto, quali: - lavoro straordinario, notturno, festivo; - indennità per ferie non godute; - indennità per ex festività non godute; - eventuali premi o gratifiche definiti in cifra annua, anche se corrisposti con cadenza mensile o plurimensili; - eventuali retribuzioni concesse "Una tantum"; - rimborsi spese; - indennità per lavori disagiati, nocivi o faticosi; - indennità vestiario; - assegni per il nucleo familiare; - mensa e indennità sostitutiva. Misura La Tredicesima Mensilità deve essere corrisposta: - in misura intera ai lavoratori considerati in servizio per tutto l'anno di riferimento; - in misura ridotta: - nel caso di inizio o di cessazione del rapporto di lavoro in corso d'anno; - nel caso di prestazione a "part-time" in base all'orario di lavoro svolto. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 3 di 15

4 Assenze durante le quali matura il diritto La Tredicesima Mensilità, oltre che nei periodi di normale lavoro, matura per intero, anche nei seguenti casi: - malattia, infortunio, malattia professionale, TBC: nei limiti contrattuali di conservazione del posto; - astensione obbligatoria per maternità, ivi compreso l'eventuale periodo di astensione anticipata, disposta dall'ispettorato del Lavoro; - riposi giornalieri per allattamento; - congedi per gravi motivi familiari; - permessi L. 104/92 (assistenza persone con handicap); - congedo matrimoniale; - altre assenze comunque retribuite: ferie, festività, ex festività riduzione orario lavoro, preavviso anche se non lavorato e sostituito dalla corrispondente indennità, permessi retribuiti; - periodo di prova, salvo se non espressamente escluso dal CCNL. Assenze durante le quali non matura il diritto La Tredicesima Mensilità non matura durante i seguenti periodi di assenza: - malattia, infortunio e malattie professionali, oltre i periodi contrattuali di conservazione del posto di lavoro; - servizio militare di leva, servizio civile sostitutivo e richiamo alle armi; - astensione facoltativa dopo il parto; - permessi per malattia del bambino fino a 3 anni; - permessi retribuiti L. 104/92 (congedi straordinari); - aspettative e permessi non retribuiti; - assenze ingiustificate; - sospensioni dal lavoro dovute a provvedimenti disciplinari; - scioperi; Per i periodi di sospensioni con intervento della CIG, CIGS, CIGO in deroga e CIGS in deroga, occorre sempre fare riferimento agli accordi sottoscritti in sede sindacale e a quanto previsto dal Ccnl. Per calcolare le quote di Tredicesima non maturate, per effetto delle assenze di cui sopra, si deve operare nel seguente modo: Ore perse per sciopero o assenze non retribuite Tenere conto del seguente rapporto: Ore cui è normalmente commisurata la Tredicesima = 173 Ore annue di lavoro (173,33 x 12) = Rapporto percentuale 173 x 100 = 8,3173% 2080 Pertanto all'ammontare delle ore perse fra scioperi e assenze varie occorre applicare la suddetta percentuale. Importo ore perse X 8,3173% Esempio: Lavoratore, del settore abbigliamento, con retribuzione globale di 800,00 il quale nel corso del 2013 ha perso 50 ore fra scioperi e assenze varie: 800,00 : 173 = 4,62 x 50 ore = 231,00 x 8,3173% = 19,21 da trattenere Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 4 di 15

5 Ore perse per c.i.g. in caso di non rispetto massimali Inps Tenere conto del seguente rapporto: Ore cui è normalmente commisurata la Tredicesima = 173 Ore annue di lavoro convenzionalmente stabilite dall`inps = Rapporto percentuale 173 x 100 = 8,65% 2000 Pertanto all'ammontare delle ore perse per CIG occorre applicare la suddetta percentuale. Importo ore perse X 8,65% Esempio: Lavoratore, del settore abbigliamento, con retribuzione globale di 800,00 il quale nel corso del 2013 ha perso per CIG 50 ore: 800,00 : 173 = 4,62 x 50 ore = 231,00 x 8,65% = 19,98 da trattenere Trattamento contributivo La Tredicesima Mensilità è normale retribuzione imponibile ai fini contributivi, da assoggettare alle aliquote contributive INPS in vigore nel mese di erogazione. Trattamento fiscale La ritenuta fiscale sulla Tredicesima Mensilità deve essere effettuata con le aliquote in vigore nel mese di erogazione e senza il riconoscimento delle deduzioni d'imposta. Tali ritenute saranno sommate a quelle operate nel corso dell'anno per il relativo conguaglio di fine anno. Trattenute ai pensionati Per poter effettuare la trattenuta sulla Tredicesima Mensilità ai pensionati (di vecchiaia) che lavorano, si deve controllare sul frontespizio del certificato di pensione se nell'apposita casella è riportata la quota da trattenere. Tale trattenuta deve essere effettuata: - solo nel caso in cui la Tredicesima Mensilità venga erogata, in costanza di rapporto di lavoro, con la retribuzione del mese di dicembre; - per intero anche se il rapporto di lavoro è iniziato nel corso del'`anno, pertanto non è frazionabile in dodicesimi; - per i rapporti di lavoro Part-Time la trattenuta deve essere riproporzionata in base all'importo della tredicesima stessa. Nessuna trattenuta sulla Tredicesima Mensilità (neppure a dodicesimi) deve invece essere effettuata dall'azienda in caso di cessazione del rapporto di lavoro con il pensionato in corso d'anno. Assegni per il nucleo familiare Gli assegni per il nucleo familiare non competono sulla Tredicesima Mensilità in quanto non possono essere corrisposti per un numero di mensilità superiore a 12 per ogni anno. Trattamento di fine rapporto La Tredicesima Mensilità costituisce retribuzione utile per la determinazione del T.F.R.. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 5 di 15

6 2 Unionmeccanica - Confapi: Firmato l accordo sulla bilateralità Tra Fiom-Cgil e Unionmeccanica Confapi, è stato firmato l accordo che costituisce l Ente Bilaterale Metalmeccanici e definisce la distribuzione del CCNL del 29 luglio 2013 e la Quota di contribuzione una tantum dei lavoratori non iscritti al sindacato. Con la costituzione dell Ente Bilaterale Metalmeccanici (E.B.M.) la Fiom-Cgil rende pienamente applicabile il CCNL del 29 luglio 2013 che prevede il "diritto alle prestazione della Bilateralità" per le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici delle piccole e medie imprese che applicano il Contratto Unionmeccanica. Le prestazioni previste dalla bilateralità rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore per cui i trattamenti previsti sono vincolanti per tutte le imprese. Le imprese non aderenti dovranno corrispondere a ciascun lavoratore in busta paga un elemento retributivo, a nessun titolo assorbibile, aggiuntivo pari a 25 euro lordi mensili per 13 mensilità. L accordo, che ha validità per la durata del vigente CCNL, definisce che l E.B.M. avrà il compito prioritario di sostenere il reddito delle lavoratrici e dei lavoratori, oltre a promuovere la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro e la formazione dei lavoratori assunti con Contratto di apprendistato. Nell accordo si è previsto che il fondo sostegno al reddito sia finanziato, oltre che con i versamenti delle imprese per il sostegno al reddito, con ulteriori risorse; è stato infatti definito che a questo fondo verranno destinati il 50% degli importi versati dalle imprese e previsti per l assistenza contrattuale (quelli di competenza delle OO.SS.) e gli importi versati dalle imprese per l osservatorio della contrattazione, assolti i costi per la stampa del CCNL e per le attività di sostegno alla contrattazione. A decorrere dalla retribuzione relativa al mese di novembre 2013 i contributi a carico delle imprese aderenti al sistema della bilateralità, previsti dal CCNL Unionmeccanica-Confapi del 29 luglio 2013, confluiranno agli E.B.M. di seguito indicati: 1) Fondo Sicurezza Metalmeccanici, gestito da un Organismo Paritetico Nazionale Metalmeccanici (O.P.N.M.) che le parti si impegnano a costituire entro 31 gennaio 2014 e che, in coordinamento con le rispettive realtà territoriali, svolgerà il compito di: - indirizzo e definizione delle politiche, gestione e monitoraggio delle iniziative e delle attività in materia di salute e sicurezza; - linee guida per la formazione dei lavoratori, degli RLS, degli RLST Metalmeccanici, degli RSPP. Il Fondo è alimentato come previsto nel CCNL del 29 luglio 2013 e dalle altre risorse pubbliche o private destinate a: - formazione dei lavoratori; - formazione e aggiornamento RLS; - formazione e aggiornamento RSPP; - funzionamento, formazione e aggiornamento RLST Metalmeccanici; - spese di gestione. In questo contesto le parti sin d'ora comunemente definiscono le seguenti attività nell'ambito delle risorse raccolte dal Fondo Sicurezza Metalmeccanici: - attività di informazione, assistenza, consulenza, formazione e promozione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro in coerenza con l'art. 10 D.lgs 81/2008; - collaborazione nella formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti realizzata; - programmazione di attività formative in tema di salute e sicureza dei lavoratori. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 6 di 15

7 2) Fondo Sviluppo Bilateralità Metalmeccanici che, in coordinamento con le rispettive realtà territoriali, svolgerà il compito di : - valorizzare, sostenere e accrescere la formazione dei lavoratori apprendisti metalmeccanici e definirne indirizzi e contenuti, - garantire certezza per le imprese ed effettività dei percorsi formativi per i giovani coinvolti nei percorsi di apprendistato. Le risorse del Fondo Sviluppo Bilateralità Metalmeccanici saranno destinate e ripartite sia a favore dei costi sostenuti dalle aziende per la formazione degli apprendisti che a sostegno delle spese sostenute dal lavoratore apprendista quali, a titolo meramente esemplificativo, trasporti, pasti, ore di viaggio etc. 3) Fondo Sostegno al Reddito Metalmeccanici, quale strumento integrativo degli strumenti previsti per legge che, in coordinamento con le rispettive realtà territoriali, svolgerà il compito di individuare, valorizzare, sostenere e accrescere modalità e tipologie di interventi inerenti il sostegno al reddito, con le seguenti azioni e i seguenti interventi mutualistici: - sostegni sia alle imprese che ai lavoratori, finalizzati alla garanzia della copertura in caso di malattia, compresa la tutela dei lavoratori in caso di malattia di lunga durata; - sostegno finalizzato a integrare il reddito delle lavoratrici e dei lavoratori nell'ambito della assistenza alla non autosufficienza, infortuni gravi, diritto allo studio, maternità; - sostegno alla formazione dei delegati sindacali; altre azioni, nell'ambito delle risorse raccolte, a sostegno dell'integrazione al reddito delle lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici; - altre azioni, nell'ambito delle risorse raccolte, a sostegno dell'integrazione al reddito dehe lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici. La Fiom Cgil definisce di destinare al fondo stesso il 50% della quota versata dalle imprese per assistenza contrattuale, e specificamente quella di competenza delle 00.SS prevista al punto d) "Osservatorio della contrattazione e del lavoro" del nuovo articolo Diritto alle prestazioni della bilateralità del CCNL del 29 luglio Pertanto il Fondo Sostegno al Reddito Metalmeccanici è alimentato con una ulteriore quota annua pari a 6 euro annui (0,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore ( di cui 0,50 euro annui destinati alle attività di sostegno alla formazione dei delegati prevista dal Fondo stesso). 4) Osservatorio della Contrattazione e del Lavoro del Settore Metalmeccanico che, in coordinamento con le rispettive realtà territoriali, svolgerà il compito di: - sostenere e sviluppare gli strumenti bilaterali e le relative articolazioni territoriali; - sostenere e sviluppare le attività di rappresentanza sindacale territoriale/bacino nonché la contrattazione territoriale di II livello, - sostenere e sviluppare ulteriori attività correlate ( assistenza contrattuale ). Le parti comunemente si danno atto della volontà di destinare le residue risorse al Fondo Sostegno al Reddito Metalmeccanici euro annui (1 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore per le attività di cui al precedente punti c) del presente capitolo di cui: - 6 euro annui ( 0,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore che, sono destinati al Fondo Sostegno al Reddito; - 6 euro annui ( 0,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore di competenza di Unionmeccanica-Confapi e destinati per la assistenza contrattuale alle imprese. A far data dalle retribuzioni afferenti il mese di novembre, le Aziende dovranno provvedere ad effettuare i versamenti entro il giorno 16 del mese successivo a quello di competenza, così riportati: a) Fondo Sicurezza Metalmeccanici - 18 euro annui ( 1,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore dovuta dalle aziende prive di RLS; Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 7 di 15

8 - 6 euro annui ( 0,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore per le aziende con il RLS. b) Fondo Sviluppo - Bilateralità Metalmeccanici - 6 euro annui ( 0,50 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore a tempo pieno; - 3 euro annui (0,25 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore Part-Time fino a 20 ore. c) Fondo Sostegno al Reddito Metalmeccanici - 28 euro annui ( 2,33 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore. d) Osservatorio della Contrattazione e del Lavoro del Settore Metalmeccanico - 8 euro annui ( 0,66 euro mensili x 12 mensilità) per ciascun lavoratore; - 12 euro annui ( 1 euro mensile x 12 mensilità) per ciascun lavoratore. Il versamento relativo alle 5 mensilità dell'anno 2013, dovuto per il periodo 1 giugno 2013 / 31 ottobre 2013, andrà effettuato comunque tramite bonifico bancario in due rate di pari importo entro il 31 gennaio 2014 ed entro il 31 maggio In attesa d'ottenere dall'agenzia delle Entrate l'istituzione della "causale contributo per il versamento mediante modello F24" nonché di sottoscrivere la convenzione con l'inps, i versamenti andranno effettuati, mediante bonifico bancario sul conto corrente. Su tale conto dovranno momentaneamente convergere tutti gli importi previsti dalla bilateralità. Il versamento relativo alle 5 mensilità dell'anno 2013, dovuto per il periodo 1 giugno 2013 / 31 ottobre 2013, andrà effettuato comunque tramite bonifico bancario sul conto corrente sopra indicato. Infine si definisce la distribuzione gratuita a tutti i lavoratori di una copia del CCNL, a partire dal mese di gennaio 2014 ed entro il mese di marzo 2014, e la quota di contribuzione straordinaria di 30 euro per i lavoratori non iscritti a favore della Fiom-Cgil. Le aziende, entro il mese di dicembre 2013 con una comunicazione nelle bacheche e con l apposito modulo in busta paga a gennaio 2014, informeranno i lavoratori che dovranno aderire o rifiutare entro il mese di marzo 2014 e ai quali la contribuzione straordinaria verrà trattenuta con la busta paga di aprile Imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR Scade il 16 dicembre il termine per il versamento, da parte dei sostituti d imposta, dell acconto dell imposta sostitutiva sulla quota annua di rivalutazioni del TFR. A prevedere l adempimento è l art. 11 del D.Lgs. 18 febbraio 2000, n. 47 che, nel dettaglio, dispone: comma 3: sui redditi derivanti dalle rivalutazioni dei fondi per il trattamento di fine rapporto è applicata l imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura dell 11 per cento; comma 4: l imposta va versata entro il 16 febbraio dell anno successivo, con un acconto commisurato al 90% delle rivalutazioni maturate nell anno precedente o, in alternativa, nell anno in corso, da versare entro il 16 dicembre. Detto in altre parole, occorre calcolare: l acconto nella misura del 90% delle rivalutazioni maturate nell anno precedente (metodo storico) o che maturano nell anno per il quale l acconto stesso è dovuto (metodo previsionale); tale acconto va versato entro il 16 dicembre; il saldo sulle rivalutazioni maturate nell anno di riferimento; tale saldo va versato entro il 16 febbraio dell anno successivo. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 8 di 15

9 Vale la pena di ricordare che l adempimento è a carico del sostituto d imposta mentre il lavoratore non deve espletare alcun adempimento di natura tributaria in quanto la ritenuta dell 11% è operata a titolo d imposta, e quindi definitivo. Calcolo dell acconto di dicembre Come accennato, a dicembre è dovuto solo l acconto dell imposta nella misura del 90%. Nel dettaglio, è possibile determinare l importo dovuto utilizzando, in alternativa, due metodi: metodo storico: si considera il 90% delle rivalutazioni maturate nell anno solare precedente, tenendo conto anche delle rivalutazioni relative ai TFR, eventualmente, erogati nel corso dello stesso anno; metodo previsionale: si prende in considerazione il 90% delle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l acconto è dovuto. In questo caso, il sostituto d imposta deve determinare con esattezza la retribuzione utile ai fini del calcolo del trattamento di fine rapporto riferita al periodo di paga di dicembre per il quale alla data prevista per il pagamento dell acconto (appunto il 16 dicembre di ciascun anno) non è ancora maturata la quota del trattamento di fine rapporto di competenza. Tale quota deve essere sommata alle restanti quote del trattamento di fine rapporto maturate nell anno al fine di determinare la base di calcolo annuale sulla quale determinare l acconto d imposta del 90%. Semplificando, per determinare l ammontare imponibile su cui poi si deve applicare l aliquota dell 11%, è possibile ricorrere: al 90% delle rivalutazioni maturate, relative all anno precedente, sommando, alle stesse, eventuali rivalutazioni calcolate in funzione di TFR erogati per cessazioni di rapporto, avvenute nel corso dell anno precedente (metodo storico); al 90% delle rivalutazioni che, presuntivamente, matureranno nel corso dell anno in corso (metodo previsionale). Alle modalità di calcolo sopra descritte, fa eccezione il caso in cui prima del 16 dicembre di ciascun anno tutti i dipendenti hanno cessato il rapporto di lavoro: infatti in tale ipotesi è possibile applicare l acconto non sulla quota di rivalutazione dell anno precedente ma sulla quota di rivalutazione maturata nello stesso anno in cui si versa l acconto. Tfr versato al Fondo Tesoreria Come chiarito dall'agenzia delle Entrate con la circolare n. 70/E del 18 dicembre 2007, anche il TFR versato al Fondo di Tesoreria dell'inps deve essere rivalutato alla fine di ciascun anno, ovvero alla data di cessazione del rapporto di lavoro, e tale incremento deve essere imputato alla posizione del singolo lavoratore e assoggettato all'imposta sostitutiva dell'11 per cento. La stessa circolare chiarisce che l'applicazione e il versamento dell'imposta sostitutiva relativa sia alla rivalutazione della quota di accantonamento maturata presso il datore di lavoro sia alla quota maturata presso il Fondo dovranno essere effettuati dal datore di lavoro, nei termini stabiliti dal comma 4 del citato articolo 11. Con riferimento alle quote di TFR versate al Fondo di Tesoreria, la rivalutazione maturata su dette quote e l'imposta sostitutiva dell'11%, potranno essere poi recuperate dall'azienda al momento della liquidazione del TFR, con conguaglio su UNIEMENS (vedi comunicazione n. si08034 del 19 marzo 2008). Sia la rivalutazione sia la relativa imposta sostitutiva, riferite al TFR versato al fondo INPS, non dovranno essere contabilizzate come costo aziendale. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 9 di 15

10 Come si calcola il saldo di febbraio Per il calcolo del saldo dell imposta sostitutiva, da versare, come detto, entro il 16 febbraio dell anno successivo, l aliquota dell 11% si applica sulle rivalutazione del TFR determinatesi nell anno stesso. L importo da versare, chiaramente, è al netto di quanto già versato a titolo di acconto. Modalità di versamento Il versamento dell imposta sostitutiva in acconto va effettuata con il modello F24 utilizzando il codice tributo Per il saldo, invece, il codice tributo da indicare nella delega di pagamento è Relativamente alla compilazione del Mod. F24 il periodo di riferimento da indicare è l'anno di imposta a cui si riferisce il versamento (2013 Se il prossimo 16 dicembre si effettua un versamento in eccesso rispetto a quanto complessivamente dovuto per l'anno 2013, la stessa eccedenza potrà essere recuperata attraverso una compensazione "orizzontale", indicandolo in F24, nella colonna "importi a credito compensati", con il codice tributo "6781". Dal momento che le istruzioni al modello 770 impongono l'utilizzo del codice tributo "6781", si consiglia, di evitare l'utilizzo in F24 del codice tributo "1713" per la compensazione orizzontale. Operazioni straordinarie In caso di operazioni di fusione o di scissione che comportano l estinzione dei soggetti preesistenti, gli obblighi di versamento (in acconto e a saldo) dell imposta sostitutiva sono adempiuti: dagli stessi soggetti fino alla data di efficacia della fusione o della scissione; dalla società incorporante, beneficiaria o comunque risultante dalla fusione o dalla scissione, successivamente alla suddetta data di efficacia dell operazione. Nella ipotesi di operazioni che non comportano l estinzione dei soggetti preesistenti, gli obblighi di versamento devono essere adempiuti: dal soggetto originario, relativamente al personale per il quale non si verifica alcun passaggio presso altri datori di lavoro; dal soggetto presso il quale si verifica, senza interruzione del rapporto di lavoro, il passaggio di dipendenti e del relativo TFR maturato, relativamente a detti dipendenti. 4 Ccnl Uniontessile: sottoscritte le tabelle retributive relative all accordo di rinnovo del Il giorno 7/10/2013, tra l Uniontessile Confapi e la Filctem-CGIL, la Femca CISL e Uiltec-UIL, si è stipulata l ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL per i dipendenti della piccola e media industria dei settori: tessile, abbigliamento, moda, calzature, pelli e cuoio, penne, spazzole e pennelli, occhiali, giocattoli. Successivamente, alla data del 26/11/2013, le Parti si sono incontrate per l elaborazione delle tabelle retributive con la quantificazione degli importi che devono essere erogati a titolo di una tantum. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 10 di 15

11 L accordo di rinnovo complessivamente considerato, decorre decorre dall 1/4/2013 con scadenza al 31/3/2016 per il settore tessile e moda, e secondo le rispettive scadenze per gli altri comparti. Parte Economica : Tabelle retributive Settore Tessile Abbigliamento Moda Elementi Retributivi Nazionali Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/ /11/2013 1/4/ /4/ , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,15 3 bis , , , , , , , ,47 2 bis , , , , , , , , , , , ,41 Una Tantum Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 175,00 euro a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/4/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CCIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro nel mese di novembre 2013 e 50,00 euro unitariamente alla retribuzione del mese di febbraio Settore Calzature Elementi Retributivi Nazionali Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/2013 1/11/2013 1/4/2014 1/ , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,40 3 bis , , , , , , , ,69 2 bis , , , , , , , , , , , ,96 Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 11 di 15

12 Una Tantum Percorsi d Informazione Professionale 22/2013 Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 175,00 euro a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/4/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro nel mese di novembre 2013 e 50,00 euro unitamente alla retribuzione del mese di febbraio Settore pelli e cuoio Minimi Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/2013 1/11/2013 1/4/2014 1/4/ , , , , , , , ,37 4 S , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,38 Una Tantum Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 175,00 euro a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/4/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro nel mese di novembre 2013 e 50,00 euro unitamente alla retribuzione del mese di febbraio Settore occhiali Minimi Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/2013 1/11/2013 1/4/2014 1/4/ , , , , , , , ,92 4 S , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,27 I minimi conglobano l indennità di contingenza. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 12 di 15

13 Una Tantum Percorsi d Informazione Professionale 22/2013 Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 250,00 a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/1/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro unitamente alla retribuzione di dicembre 2013 e 125,00 euro unitamente alla retribuzione del mese di febbraio Settore Penne, Spazzole e Pennelli Minimi Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/2013 1/11/2013 1/4/2014 1/4/ , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,01 I minimi conglobano l indennità di contingenza. Una Tantum Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 250,00 a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/1/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro unitamente alla retribuzione di dicembre 2013 e 125,00 euro unitamente alla retribuzione del mese di febbraio Settore Giocattoli Minimi Livello Parametro Al Dal Dal Dal 31/10/2013 1/11/2013 1/4/2014 1/4/ , , , , , , , , , , , ,57 4 S , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,43 Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 13 di 15

14 I minimi conglobano l indennità di contingenza. Percorsi d Informazione Professionale 22/2013 Una Tantum Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo verrà erogato un importo una tantum di euro 250,00 a titolo di arretrati retributivi commisurato alla anzianità di servizio nel periodo 1/1/2013 al 31/10/2013 con riduzione proporzionale in caso di servizio militare, aspettativa, congedo parentale, CIG a zero ore. Tale importo sarà erogato in due tranche alle seguenti scadenze temporali: 125,00 euro unitamente alla retribuzione di dicembre 2013 e 125,00 euro unitamente alla retribuzione del mese di febbraio Parte Normativa Apprendistato Fermo restando le attuali disposizioni contrattuali si rimanda al T.U. sull apprendistato (D.Lgs. n. 167/2011) e alla legge n. 92/2012 e successive modificazioni e all Accordo Interconfederale in materia del 20/4/2012 Previdenza complementare L aliquota del contributo previsto per il FONDAPI sarà incrementata a carico delle aziende dello 0,10% a far data dall 1/1/2014 e di un ulteriore 0,10% a far data dal 1/1/2015. Sistema della Bilateralità A far data dalla data di sottoscrizione dell Accordo di rinnovo 7/10/2013, le imprese non aderenti al sistema della bilateralità dovranno corrispondere a ciascun lavoratore in busta paga un elemento retributivo aggiuntivo pari ad euro 25,00 lordi, mensili per tredici mensilità. Tale importo, non è a nessun titolo assorbibile e rappresenta un elemento aggiuntivo della retribuzione (E.A.R.) che incide su tutti gli istituti retributivi di legge e contrattuali, compresi quelli indiretti o differiti, escluso il TFR. Tale importo dovrà essere erogato con cadenza mensile e mantiene carattere aggiuntivo rispetto alle prestazioni dovute ad ogni singolo lavoratore in adempimento dell obbligo di cui al punto 2. In caso di lavoratori assunti con contratto part-time, tale importo è corrisposto proporzionalmente all orario di lavoro e, in tal caso, il frazionamento si ottiene utilizzando il divisore previsto dal CCNL. Per gli apprendisti, l importo andrà riproporzionato alla percentuale di retribuzione riconosciuta. Per le imprese aderenti al sistema della bilateralità ed in regola con i versamenti, l elemento aggiuntivo della retribuzione è forfettariamente compreso nella quota di adesione e, pertanto non va versato. Sempre a decorrere dalla data di sottoscrizione dell Accordo saranno avviati gli istituti previsti dalla bilateralità, sulla base degli Accordi e dei CCNL rinnovati ed in corso di rinnovo i cui contributi rappresentano una quota annua a carico delle aziende come di seguito indicato: a) "Fondo Sicurezza PMI CONFAPI" - 18,00 euro annui (1,50 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore dovuto dalle aziende prive del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale - 6,00 euro annui (0,50 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore dovuto dalle aziende con il RLS. b) "Fondo Sviluppo bilateralità PMI CONFAPI" - 6,00 euro annui (0,50 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore a tempo pieno per lo sviluppo dell apprendistato - 3,00 euro annui (0,25 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore part-time fino a 20 ore Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 14 di 15

15 c) "Fondo Sostegno al reddito" - 28,00 euro annui (2,33 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore d) "Osservatorio della contrattazione e del lavoro" - 8,00 euro annui (0,66 euro mensili per 12 mensilità) per ciascun lavoratore per il sostegno e lo sviluppo degli strumenti bilaterali e delle relative articolazioni settoriali e territoriali l introduzione e relativo sostegno delle attività di rappresentanza sindacale territoriale/bacino nonché per la contrattazione territoriale di II livello; - 12,00 euro annui (1,00 euro mensile per 12 mensilità) per ciascun lavoratore per ulteriori attività correlate (assistenza.contrattuale) assorbente le eventuali quote già previste dalla contrattazione nazionale. 5 Fondazione Studi: contratto di solidarietà e recuperi di quote TFR La Fondazione Studi dei consulenti del lavoro analizza il recente messaggio n dell'8 novembre 2013 dell'inps Fondo di Tesoreria: lavoratori in contratto di solidarietà con CIGSsul recupero immediato delle quote di TFR connesse alla retribuzione persa dai lavoratori alla conclusione del periodo di vigenza del contratto di solidarietà assistito dalla Cigs (L. 863/84) e fornisce utili indicazioni legate ai dubbi di tipo applicativo che sono sorti. Nel dettaglio: Domanda: il recupero del TFR durante i periodi di contratto di solidarietà è possibile anche da parte delle aziende che non sono tenute al versamento del TFR al fondo tesoreria? R.: la previsione contenuta nell articolo 1, c. 5 della legge 863/84 postula l operatività del contratto di solidarietà difensivo previsto dal medesimo articolo che, come noto, riguarda le imprese rientranti nel campo di applicazione della Cigs; la previsione, quindi, non può essere circoscritta ai datori di lavoro destinatari delle disposizioni di cui all articolo 1, commi 755 e successivi della legge 296/2006. Domanda: il recupero può essere effettuato anche nel caso di versamento del TFR a previdenza complementare? Risposta: la disposizione riguarda le quote di accantonamento di TFR relative alla retribuzione persa a seguito della riduzione dell'orario di lavoro. Le stesse, quindi, seguiranno la sorte di destinazione del TFR prevista dal D.lgs 252/2005. Domanda: cosa si intende per anno solare? R. si fa riferimento al periodo 1 gennaio 31 dicembre di conclusione del CDS. Nel caso di un CDS che termina il periodo di validità al 15 settembre 2014, il recupero può avvenire entro il Domanda: un azienda che ha terminato il CDS in anni precedenti può procedere al recupero della quota di TFR di competenza della CIGS? R. si, con una delle denunce successive all emanazione del messaggio Il termine dell anno solare è da intendersi non perentorio ed applicabile a regime. Wolters Kluwer Italia Tutti i diritti riservati Pag 15 di 15

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto

TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto n 44 del 29 novembre 2013 circolare n 735 del 25 novembre 2013 referente BERENZI/mr TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto Il prossimo 16 dicembre 2013 scade il termine per versare

Dettagli

SISTEMA DELLA BILATERALITA

SISTEMA DELLA BILATERALITA SISTEMA DELLA BILATERALITA Con la firma dei due accordi interconfederali con CGIL-CISL-UIL, - del 20 settembre 2011 con il quale viene disciplinata la figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza,

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Circolare Informativa n 13/2014 Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Pagina 1 di 11 INDICE 1) Abbigliamento e confezioni Aziende industriali pag.3 2) Alimentari PMI pag.3 3) Autotrasporti merci e logistica pag.3

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

RINNOVO CONTRATTUALE: AREA CHIMICA CERAMICA (ARTIGIANATO)

RINNOVO CONTRATTUALE: AREA CHIMICA CERAMICA (ARTIGIANATO) INFORMATIVA N. 230 18 GIUGNO 2015 Contrattuale RINNOVO CONTRATTUALE: AREA CHIMICA CERAMICA (ARTIGIANATO) Ipotesi di accordo del 10 giugno 2015 In data 10 giugno 2015, tra CONFARTIGIANATO Chimica, Gomma,

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C ALLEGATO 1 PARTE C Dati previdenziali IPOST I dati previdenziali devono essere certificati dalla Società Poste Italiane S.p.A., dalle società ad essa collegate e dall IPOST per il personale iscritto al

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 Circolare Informativa n 37/2012 Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 16 INDICE 1) Area Chimica Ceramica pag. 3 2) Metalmeccanica Artigianato (Contratti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

OGGETTO: Imposta sostitutiva sul TFR: in scadenza l acconto

OGGETTO: Imposta sostitutiva sul TFR: in scadenza l acconto Informativa per la clientela di studio N. 162 del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Imposta sostitutiva sul TFR: in scadenza l acconto Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore in pra ca LAVORO Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore I edizione Definizione e classificazione giuridica Elemen cos tu vi Determinazione, contabilizzazione e pagamento Prescrizione del diri o

Dettagli

Paghe. Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta

Paghe. Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta Paghe Dentro il Ccnl - Artigianato Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta Natura Fonte istitutiva Parti istitutive Attività di promozione e

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base NEWSLETTER 41 - N. 1 ANNO 2012 incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base sospensioni lavoro aziende non iscritte eber e sgravio contrib. retribuzioni

Dettagli

Circolare Informativa n 54/2013. Scadenze CCNL OTTOBRE 2013

Circolare Informativa n 54/2013. Scadenze CCNL OTTOBRE 2013 Circolare Informativa n 54/2013 Scadenze CCNL OTTOBRE 2013 Pagina 1 di 14 INDICE 1) Autoferrotranvieri pag. 3 2) Cemento Aziende Industriali pag.4 3) Chimica, Gomma, Vetro PMI pag.5 4) Igiene ambientale

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2012

LE TREDICESIME DEL 2012 LE TREDICESIME DEL 2012 * * * Le famiglie confidano ormai nella tredicesima mensilità per pagare il mutuo, saldare spese straordinarie, o anche semplicemente per pagare l assicurazione dell auto e le bollette.

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 2 agosto

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO Modulo Versione Data Gestione contratti 01.20.01 20/12/2013 Elenco contratti aggiornati: COD. FLAG DESCRIZIONE GESTIONE CONTRATTI 4 ALIMENTARI ARTIGIANATO

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

INDICE. Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO INDICE Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO 1.1 Indennità di licenziamento, indennità di anzianità e trattamento di fine rapporto... pag. 11 1.1.1

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione.

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione. ALLEGATO A) Disposizioni per il riconoscimento del nuovo trattamento economico previsto dagli AA.CC.NN. resi esecutivi in data 23 marzo 2005 mediante intesa nella Conferenza Stato-Regioni per la disciplina

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL MESE DI DICEMBRE 2012 2 TABELLE

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Fondi di Solidarietà

Fondi di Solidarietà Fondi di Solidarietà III. Fondi di solidarietà Le aziende appartenenti a settori non coperti dalle integrazioni salariali, oppure rientranti nel campo di applicazione di queste ma che vogliono garantire

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014

OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014 Informativa per la clientela di studio N. 182 del 10.12.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014 Il prossimo 16 dicembre 2014, i datori di lavoro (in qualità di

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine,11 aprile 2014 CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto Il 25 marzo 2014 è stato sottoscritto l accordo per il

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR A TUTTE LE AZIENDE INTERESSATE Conegliano, lì 04 Maggio 2015 Circolare 22/2015 Oggetto: ISTRUZIONI QUIR Con la circolare n.82/15 l Inps ha diffuso le istruzioni operative per la liquidazione della quota

Dettagli

CONTRATTUALISTICA CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO

CONTRATTUALISTICA CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO CONTRATTUALISTICA NEWS CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO AUMENTI TABELLARI LIVELLO Aumenti a partire dal 1 gennaio 2012 A1 26,41 A2 26,65 B1 27,90 C1 30,00 C2 30,90 C3 31,81 D1 31,81 D2 33,55

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 155 del 14-12-2011 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Eseguire il salvataggio degli archivi prima di procedere con l aggiornamento. La Fix 14.30.10 può essere utilizzata come aggiornamento

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE LA RETRIBUZIONE PREVIDENZIALE E FISCALE Esempi pratici a cura di Alessandra Gerbaldi xx 1 SCHEDA SINTETICA DEGLI IMPONIBILI PREVIDENZIALI E FISCALI Di seguito si riporta una scheda sintetica (Esempio A),

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Il Ministro dell economia e delle finanze con decreto 20 marzo 2008, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO Art.1 Principi generali Art.2 Definizione, affidamento, gestione e fruizione del servizio di mensa Art.3 Diritto al servizio

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli