Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 STORIA La rappresentazione della superficie terrestre è sempre stata di grande interesse teorico e pratico per l Uomo. Fin dall'antichità sono state effettuate rappresentazioni parziali o totali della Terra. Risale al 2000 a.c. una tavoletta in terracotta, rinvenuta in Mesopotamia, che è da considerarsi come una delle più antiche rappresentazioni geografiche. Vi si nota la presenza di due fiumi che attraversano una pianura circondata da montagne e si gettano in mare con un ampio delta. Si evidenziano dei cerchi, che rappresentano delle città, e fasci di linee indicanti delle carovaniere. 1

2 Carta tolemaica stampata a Ulma nel 1482 Carta del regno di Napoli, XVII sec., P.Cartaroi 2

3 Classificazione delle carte In base alla scala possiamo distinguere: carte geografiche (s < 1: ) carte corografiche (1: < s < 1:200000) carte topografiche (1:200000< s < 5000) mappe (1:5000 < s < 1:500) piante (s > 1:500) 3

4 In base al tipo di rappresentazione Equivalenti (si conserva l'area di elementi superficiali e non la forma) Equidistanti (si conservano le distanze lungo alcune linee) Conformi (si conservano le direzioni uscenti da un punto; gli angoli tra due direzioni sulla carta coincidono con quelli tra le stesse direzioni sull'ellissoide) Afilattiche (rappresentano un compromesso minimizzando gli errori) 4

5 In base alla costruzione della carta: Carte rilevate: sono costruite in base a rilievi diretti sul terreno Carte derivate: sono costruite a partire da una riduzione di una o più carte esistenti (rilevate o a loro volta derivate) a scala maggiore In base alla funzione della carta Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere di ricavare le relazioni di posizione esistenti sul terreno tra i particolari rappresentati sulla carta Carte tematiche: rappresentano la distribuzione geografica di uno o più tematismi 5

6 Il "processo cartografico" Il processo cartografico consiste nei seguenti passi: 1. acquisizione del dato: osservazioni dirette sul terreno o su immagini del terreno (topografia, fotogrammetria, telerilevamento); in questa fase devono essere archiviate informazioni sul posizionamento dei punti e sulla codifica degli oggetti archiviati 2. scelta del sistema di riferimento (approssimazione della superficie terrestre e del campo della gravità, scelta del sistema di coordinate) 3. scelta della rappresentazione cartografica, cioè delle equazioni matematiche che consentono di "proiettare" la superficie terrestre nel piano della carta 6

7 La forma della terra La superficie fisica della Terra è il GEOIDE, cioè : - la superficie normale in ogni punto alla direzione della verticale, cioè alla direzione della forza di gravità. È la superficie di livello che meglio interpola la superficie media degli oceani resa stazionaria dopo aver sottratto l influenza di maree, correnti, effetti meteorologici. - superficie equipotenziale del campo gravitazionale terrestre coincidente con il livello medio mare misurato in un determinato punto ed opportunamente prolungato sotto le terre emerse. Viene utilizzato come superficie di riferimento per le quote 7

8 Ellissoide Per ragioni storiche e per la maggior semplicità della geometria dell ellissoide rispetto a quella dello sferoide, l ellissoide è convenzionalmente considerata per le componenti "planimetriche" della cartografia la superficie di riferimento della superficie terrestre. Consideriamo un ellissoide di rotazione con gli stessi semiassi a e c. L equazione dell ellissoide è data da 8

9 2 Scelta del Sistema di riferimento Per determinare la posizione di punti sulla superficie terrestre è necessario definire un sistema di riferimento Se considero tutte le misure che posso eseguire e le corrispondenti equazioni di osservazione (angoli, distanze e dislivelli) ciò che posso ottenere sono solo posizioni relative di punti. Poiché la superficie terrestre (corpo rigido tridimensionale) ha 6 gradi di libertà si deve definire quindi un sistema di riferimento che, "bloccando" alcune direzioni, consenta di calcolare le posizioni assolute. Ad esempio, dalle misure di dislivello si può ottenere il dislivello tra due punti P e P 0 : H - H 0 e quindi la quota relativa. Solo se si fissa la quota di P 0, cioè H 0, si può ottenere la quota assoluta di P. Un sistema di riferimento (Datum) è un insieme di misure e regole per la determinazione della posizione spazio-temporale di punti indipendentemente dal sistema di coordinate adottato. 9

10 Orientamento locale dell ellissoide Le singole nazioni effettuano generalmente un orientamento locale, cercando di adattare al meglio possibile l ellissoide prescelto al geoide nel proprio territorio In Italia si decise di istituire un unico sistema di riferimento dopo l unificazione del Regno d Italia. I lavori vennero completati alla fine del XIX secolo. L ellissoide adottato fu quello di Bessel, orientato su tre punti: Genova, Roma M. Mario, Castanea delle Furie. L Italia ha definito nel 1940 il Sistema Geodetico Nazionale effettuando le seguenti scelte: - ellissoide di riferimento di Hayford; - orientamento sul vertice di I ordine di Monte Mario (RM), con valori delle coordinate geografiche posti pari a quelle rilevate astronomicamente: 10

11 λ Mte Mario = ω Mte Mario = 0 (λ = Est da Greenwich) - direzione della geodetica da Monte Mario a Monte Soratte con azimut pari a: α Mte Mario -->Mte Soratte = riferimento altimetrico dato dal caposaldo fondamentale collegato al mareografo di Genova (Istituto Idrografico della Marina) per l Italia continentale, e a mareografi collocati sulle isole, per la Sardegna e la Sicilia 11

12 Orientamento medio di un ellissoide. Se il territorio per il quale si sceglie il Sistema geodetico è vasto, l orientamento dell ellissoide di riferimento su di un punto può determinare elevati scostamenti in altre parti del territorio. Per ridurre l entità dello scostamento tra le due superfici, l orientamento dell ellissoide può essere effettuato considerando più punti del territorio, e imponendo che la posizione assunta rispetto al geoide sia tale che in corrispondenza di quei punti siano minime le deviazioni della verticale (differenza angolare tra geoide ed ellissoide), ad esempio secondo il criterio dei minimi quadrati. In questo modo si ha una migliore distribuzione delle ondulazioni residue tra geoide ed ellissoide, pur non essendoci nessun punto in cui verticale e normale coincidono. 12

13 Si sceglie un punto di riferimento ( spesso punto d emanazione della rete) sul quale si definisce la direzione della normale definendo una deviazione nota, non più nulla come nel caso dell orientamento su un singolo punto. Un orientamento medio di questo tipo è stato utilizzato per definire il sistema geodetico European Datum 1950 (E.D.50), quando, alla fine della seconda guerra mondiale, si è presentata la necessità di una cartografia unificata per i paesi europei appartenenti all alleanza atlantica. Questo sistema è stato continuamente aggiornato sulla base dei miglioramenti succedutisi sulle reti dei vari stati partecipanti, dando luogo a varie versioni denominate EDnn, con nn che sta ad indicare l anno di definizione. Le caratteristiche degli ultimi sistemi sono: - ellissoide : Hayford - centro di emanazione sul I ordine di Monaco di Baviera, coordinate (identiche a quelle assunte in ED50): ϕ = λ = Si noti che il centro dell ellissoide orientato non coincide con il baricentro terrestre. 13

14 Sistemi geodetici globali Quando il sistema geodetico deve servire per rilievi globali, su tutta la terra,, occorre che l adattamento dell ellissoide sia il migliore possibile su tutta la superficie terrestre; questi tipi di sistemi geodetici sono necessari per riferire i rilievi che implicano l uso dei satelliti artificiali o comunque quando si usano tecniche di geodesia spaziale. I sistemi geodetici descritti in precedenza risentono dell impostazione tradizionale del problema del rilievo, e tendono a separare il problema della superficie di riferimento sulla quale sviluppare il rilievo planimetrico, l ellissoide, da quello altimetrico. Con lo sviluppo dei sistemi satellitari tale distinzione perde di senso ed il rilievo viene sempre più spesso inteso in senso tridimensionale. Devo eseguire misure che mi consentano di determinare - i parametri dimensionali dell ellissoide - la posizione dell'asse di rotazione terrestre - la posizione del baricentro terrestre. 14

15 Poichè la terra non è immobile nello spazio, ma è soggetta ad una serie di movimenti, le due posizioni precedenti dovranno riferirsi ad un determinato istante o dovranno essere medie delle posizioni in un periodo di tempo definito. Questi sistemi globali sono detti geocentrici in quanto l origine della terna cartesiana solidale con gli assi dell ellissoide associato viene fatta coincidere col baricentro terrestre. La definizione del Sistema Geodetico stesso viene fatta fissando rispetto la crosta terrestre la direzione degli assi di una terna cartesiana ortogonale. Si fissa: - l origine nel baricentro terrestre (tenendo conto delle masse dell atmosfera e degli oceani) - l asse Z lungo l asse di rotazione (direzione riportata ad un valore convenzionale invariabile nel tempo, come ad esempio il CIO o realizzazioni successive) - il piano XZ coincidente con un piano meridiano di riferimento convenzionale A questo tipo di sistema si associa un ellissoide di opportune dimensioni, necessario quando le posizioni dei punti debbono essere espresse in coordinate ellissoidiche e occorre considerare una superficie di riferimento. Un esempio è il Global Reference System 1980 (GRS80) 15

16 Sistema di riferimento WGS84 È il sistema adottato per il trattamento delle osservazioni del sistema satellitare GPS (Global Positioning System). È stato sviluppato dal DMA (Defence Mapping Agency degli Stati Uniti). È definito dalla terna cartesiana geocentrica (x WGS84, y WGS84, z WGS84 ) avente: origine nel baricentro terrestre; asse z WGS84 diretto verso il polo medio definito nel 1984 dal Bureau International de l Heure (BIH); asse x WGS84 dato dall intersezione del piano equatoriale con il piano meridiano di Greenwich definito nel 1984 dal BIH. L'ellissoide associato a tale sistema di riferimento (che è un datum completo) è il GRS80. 16

17 17

18 Coordinate geografiche λ Longitudine: la longitudine di qualsiasi punto del globo, misurata a partire dal Meridiano fondamentale Greenwich- è l arco di parallelo più breve verso Est o verso Ovest. Il Meridiano fondamentale ed il suo Antimeridiano dividono la terra in due emisferi. In tal modo, fissato 0 il Meridiano fondamentale e 180 l Antimeridiano, si ottiene un intervallo di a Est e a Ovest (Long. E e Long. O). ϕ Latitudine: valore angolare dell arco compreso tra un punto del globo e l Equatore. Poiché l equatore divide la terra in due emisferi si distingue una latitudine nord, da 0 a 90 N. e una latitudine sud, da 0 a 90 S. 18

19 3 Scelta del metodo di rappresentazione cartografica La rappresentazione della superficie terrestre su un piano, cioè la costruzione di una carta, equivale matematicamente a definire una trasformazione regolare tra due superfici S 1 e S 2. Nella rappresentazione della terra una delle due superfici è il piano della carta, mentre l altra è la superficie di riferimento delle posizioni planimetriche dei punti della superficie terrestre, (l ellissoide orientato in modo opportuno) Si noti che l ellissoide ha un raggio di curvatura non nullo, per cui non si può "stendere" tranquillamente sul piano, e allora avremo sempre delle deformazioni applicando l ellissoide al piano. 19

20 Sistemi di proiezione Proiezioni prospettiche La rappresentazione planimetrica è l immagine di un emisfero, o di una parte di esso, ottenuta da un determinato punto di vista e proiettata su di un piano, che è tangente al centro della zona che si vuol rappresentare Proiezione centrografica Proiezione stereografica Proiezione ortografica 20

21 Proiezioni per sviluppo La rappresentazione planimetrica è ottenuta proiettando tutta o parte della superficie terrestre su un'altra superficie curva sviluppabile su un piano (cono o cilindro) Cono o cilindro possono essere tangenti o secxanti alla superficie dell ellissoide Il punto di proiezione è il centro dell ellissoide Proiezioni coniche 21

22 Proiezioni cilindriche Diretta di Mercatore 22

23 23

24 Rappresentazione di Gauss La rappresentazione di Gauss è costruita analiticamente. Dal punto di vista geometrico è una proiezione cilindrica inversa, cioè l asse del cilindro è ortogonale all asse di rotazione terrestre; viene definita cilindrica modificata o pseudocilindrica.. La cartografia di Gauss è conforme, e pertanto gli angoli misurati sulla carta corrispondono perfettamente con i corrispondenti angoli misurati sul terreno; le lunghezze misurate sulla carta sono invece deformate rispetto a quelle misurate sulla superficie di riferimento. 24

25 il 25

26 Il sistema UTM Il sistema U.T.M., è utilizzato come base per la cartografia mondiale. Ricordando la caratteristiche della carta di Gauss, (allontanandoci dal meridiano centrale di tangenza aumentano le deformazioni), il sistema UTM consente di mantenere tali deformazioni entro limiti ritenuti accettabili proiettando sulla superficie del cilindro soltanto una porzione della superficie terrestre situata nell intorno del meridiano centrale. Questo, dal punto di vista geometrico, equivale ad una proiezione policilindrica in cui soltanto una porzione della superficie terrestre di 6 di ampiezza, chiamata fuso, (3 a est e 3 a ovest del meridiano di tangenza) è proiettata sulla superficie del cilindro. Il cilindro viene poi ruotato di 6 tangente ad un nuovo meridiano e nuovamente la superficie del fuso viene proiettata sul cilindro. 26

27 La rappresentazione è costituita da 60 fusi di ampiezza 6 e contraddistinti da un numero. Si assume come meridiano fondamentale l'antimeridiano di Greenwich; l Italia ricade nei fusi 32, 33 e 34. (Est) e N (Nord), definite da: N = y E = x m La trasformata del meridiano di tangenza (o meridiano centrale del fuso) e la trasformata dell equatore, sono ortogonali tra loro e la loro intersezione è scelta come origine di un sistema di riferimento cartesiano. Allo scopo di eliminare l'uso dei numeri negativi si è ricorso allo spostamento fittizio dell'origine delle ascisse istituendo una falsa origine e attribuendo ai punti sul meridiano centrale di ogni fuso un valore convenzionale di x, pari a 500 km. Si vengono quindi a determinare le coordinate E 27

28 Sistema Gauss-Boaga La cartografia ufficiale italiana è stata proposta nel 1940 dal prof. Boaga. Utilizza la rappresentazione di Gauss. Prevede l'utilizzo di due fusi, denominati fuso Ovest e fuso Est, coincidenti rispettivamente con i fusi 32 e 33 del sistema U.T.M. I fusi hanno come meridiani centrali, rispettivamente, i meridiani posti a 9 e a 15 ad Est di Greenwich (Meridiano fondamentale). Il vertice di Roma Monte Mario (sistema Roma40) è stato assunto come punto di emanazione per il calcolo delle coordinate geografiche di tutti i vertici della rete geodetica nazionale. E stata istituita una doppia falsa origine, una per ciascun fuso, attribuendo ai punti sul meridiano centrale del fuso Ovest un valore convenzionale di x pari a 1500 km, ed a quelli sul meridiano centrale del fuso Est un valore di 2520 km. Si venivano quindi a determinare le coordinate E e N, definite da: N = y per entrambi i fusi E = x per il fuso Ovest E = x per il fuso Est 28

29 La prima cifra della coordinata Est corrisponde sempre al numero del fuso: 1 per il fuso Ovest e 2 per il fuso Est. Le coordinate dei punti appartenenti a fusi diversi, non sono immediatamente confrontabili. Per collegare le rappresentazioni nei due fusi nazionali è stata creata una zona di sovrapposizione estendendo il fuso Ovest dell'ampiezza di 30' in longitudine; Per consentire poi l'intera rappresentazione del territorio nazionale in soli due fusi, anche il fuso Est è stato esteso di 30' in modo da comprendere la Penisola Salentina che altrimenti andrebbe rappresentata in un terzo fuso 29

30 CARTOGRAFIA UFFICIALE ITALIANA IGMI (ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE ITALIANO) Le prime cartografie, sia militari che catastali, affidabili e regolarmente inquadrate risalgono agli ultimi decenni del diciannovesimo secolo nasce l'ufficio Tecnico del Corpo di Stato Maggiore dell'esercito con il compito di produrre carte per la difesa si costituisce l'istituto Topografico Militare (denominato dieci anni più tardi Istituto Geografico Militare) Inizialmente la cartografia IGM era realizzata tramite proiezione poliedrica o naturale policentrica di Sanson Flamsteed, l'inquadramento geodetico e cartografico adottato per la prima rappresentazione del territorio nazionale è stato riferito all'ellissoide di Bessel (a = m; e2 = ) orientato a Genova azimut a Monte Telegrafo. A partire dal 1942 fu adottato l'ellissoide internazionale (Hayford: a = ; e 2 = ) orientato a Monte Mario azimut della direzione a Monte Soratte Nel 1948, fu cambiata anche la proiezione cartografica: 30

31 Nel 1950, in seguito ad una convenzione internazionale, si decise di uniformare le cartografie nazionali adottando un sistema di rappresentazione universale, la Proiezione Universale Trasversa di Mercatore (U.T.M.) e per la cartografia Europea si è adottato il sistema di riferimento E.D. 50 definito dalle seguenti caratteristiche: sistema geodetico di riferimento costituito dall'ellissoide internazionale, punto di emanazione Potsdam, orientamento medio europeo; Nella cartografia ufficiale italiana è riprodotto un duplice e ben distinto reticolato che consente di identificare sia il sistema nazionale che il sistema internazionale europeo (sistema UTM). In definitiva sulle nuove tavolette in scala 1: si ritrova il reticolato chilometrico riferito al sistema U.T.M. con elementi per ricostruire il reticolato di Gauss Boaga. Per la redazione e pubblicazione della cartografia l IGM ha assunto come scala fondamentale quella 1: , ma il rilevamento sul terreno viene eseguito alle scale di 1: e 1: (Levate di campagna). applicando successivamente procedimenti di sfoltimento e generalizzazione. 31

32 6.1 Carta topografica d'italia: Nella cartografia ufficiale italiana IGMI si possono distinguere carte appartenenti a due famiglie di serie distinte. La prima famiglia è quella delle carte già pubblicate: 278 fogli in scala 1: che hanno le dimensioni di 30 in longitudine e 20 in latitudine. ogni foglio viene suddiviso in quattro quadranti alla scala che rappresentano un territorio di 15 di longitudine e 10 di latitudine. I quadranti sono indicati con il numero del foglio seguito da un numero romano a partire da quello in alto a destra e in senso orario. Ogni quadrante comprende quattro tavolette alla scala ognuna delle quali rappresenta un territorio di ampiezza di 7 30 di longitudine e 5 di latitudine; ciascuna è indicata con il numero del foglio e del quadrante di cui fa parte e dalla direzione della rosa dei venti a seconda della posizione che ha nel quadrante stesso. L equidistanza delle curve di livello è di 25 metri. 32

33 In limitati casi alcune tavolette sono suddivise in sezioni in scala 1: che vengono indicate con le lettere A,B,C,D seguendo lo stesso criterio di distribuzione utilizzato per i quadranti. E realizzata nella rappresentazione conforme di Gauss ed inquadrata nel sistema geodetico nazionale (Ellissoide Internazionale con orientamento su Roma M. Mario ). 33

34 Attualmente l IGM non realizza più l aggiornamento dei vecchi fogli in scala , ma una nuova stesura cartografica in scala 1: Nella nuova famiglia delle carte in allestimento si hanno i seguenti elementi base: la mappa (scala 1: o 1:2000) l'elemento (scala 1: 5 000) la sezione (scala 1: ) il foglio (scala 1: ) Generalmente finora delle mappe si sono occupati i Comuni, degli elementi e delle sezioni le Regioni e dei fogli l'igmi. Di recente vi sono stati primi tentativi di sinergia tra i vari enti. 34

35 La carta in scala 1:50000, diventa il foglio di riferimento con dimensioni di 20' in longitudine e 12' in latitudine. sono inquadrate nella rappresentazione conforme "Universale Trasversa di Mercatore" (UTM); il sistema di riferimenti geodetico è basato sull'ellissoide internazionale con orientamento medio europeo (ED 1950). La serie 25 DB sostituisce e prosegue la serie 25. Le sezioni sono ottenute mediante stereorestituzione numerica o derivate dalla cartografia tecnica regionale numerica; reticolato chilometrico nella proiezione conforme Universale Trasversa di Mercatore; il sistema di riferimento geodetico ETRS89, che utilizza l ellissoide GRS80. 35

36 6.2 Descrizione della cartografia italiana Il taglio della cartografia dell IGM viene fatto secondo le coordinate geografiche, cioè i fogli sono delimitati dalle direttrici dei meridiani e dei paralleli. Pertanto, a causa della convergenza dei meridiani, i Fogli non hanno larghezza costante, ma questa tende a diminuire progressivamente salendo da sud verso nord. Si hanno larghezze rappresentanti il territorio dell ordine di 45 Km per Fogli in Sicilia fino a ridursi a 38Km per i Fogli più settentrionali. Al bordo della tavoletta sono riportate tutte (così come nelle carte alle altre scale) le indicazioni e le istruzioni cartografiche e i segni convenzionali. Gli intervalli di longitudine e latitudine della tavoletta sono divisi in 1' mediante scacchi alternati che figurano nella cornice (le coordinate geografiche sono riferite all'ellissoide internazionale con orientamento medio europeo ED50, con MM = 12 27' 10".93 (da Greenwich), MM = 41 55' 31".49). Nella cornice si notano inoltre i tratti ( o rispettivamente nel fuso Ovest e Est) relativi al reticolato chilometrico italiano Gauss-Boaga non disegnato sul foglio). 36

37 Parte del quadro d'unione della serie al (tavolette) 37

38 Istruzioni cartografiche sulla tavoletta IGMI 38

39 Segni convenzionali sulla tavoletta IGMI 39

40 Riproduzione parziale della tavoletta 40

41 Istruzioni cartografiche sul quadrante 1:

42 Segni convenzionali sul quadrante1:

43 Riproduzione parziale del quadrante 1:

44 Segni convenzionali e istruzioni cartografiche sul foglio 1:

45 Riproduzione parziale del foglio 1:

46 GIS e SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI I sistemi informativi geografici sono sistemi informatizzati per l acquisizione, la memorizzazione, il controllo, l integrazione, l elaborazione e la rappresentazione di dati che sono spazialmente riferiti alla superficie terrestre (Arnaud, Masser, Salgè, Scholten, 1993) permette di condurre analisi spaziali attraverso la rappresentazione digitale di un area geografica combinata con una serie di altre informazioni di tipo alfanumerico e non, che dipendono sostanzialmente dallo studio che si vuole condurre di volta in volta Attraverso il GIS è possibile effettuare l acquisizione, l elaborazione, la restituzione e l aggiornamento di dati spazialmente riferiti alla superficie terreste. 46

47 E una tecnologia che consente di interpretare fenomeni del mondo reale attraverso l elemento unificante del territorio e dà la possibilità di effettuare query - interrogazioni ed analisi spaziali e statistiche in aggiunta a quelle tradizionali. Ciò che contraddistingue un GIS è la possibilità di rappresentare relazioni che nessun collegamento di tipo logico (ad esempio in un database) potrebbe rappresentare, cioè quelle legate alla posizione.. 47

48 Un GIS è quindi l insieme complesso di componenti hardware, software, umane ed intellettive per acquisire, processare, analizzare, immagazzinare e restituire in forma grafica ed alfanumerica dati riferiti ad un territorio; 48

49 Campi di applicazione del GIS 49

50 Le informazioni geografiche sono archiviate su layer (strati) diversi che possono essere messi in relazione tra loro attraverso una sovrapposizione geografica che può essere solo visiva, ma anche di tipo computazionale Le informazioni sono georeferenziate 50

51 Il modello spaziale dei dati Modelli vettoriali Le entità geografiche sono rappresentate con entità geometriche a loro volta tradotte in entità grafiche. Punti Linee Poligoni Alberi pozzi città Fiumi strade Laghi, confini amministrativi A questi elementi grafici sono associati dati di tipo alfanumerico che rappresentano gli attributi delle entità e che sono organizzati in un data base. Ad ogni entità corrisponde un record che può contenere diversi campi ciascuno dei quali contiene un attributo. 51

52 Modelli raster Le entità geografiche sono rappresentate attraverso una griglia regolare in cui ciascuna cella (o pixel) contiene un valore alfanumerico che rappresenta un attributo. Non esistono delle vere e proprie entità grafiche Modelli raster non sono equivalenti alle immagini raster 52

53 Modelli vettoriali Scala Gestione di molti attributi per ciascun record Sovrapposizione di layer Migliore qualità dell output Dati discontinui Modelli raster Risoluzione Gestione di un solo attributo alla volta Visualizzazione di un solo attributo alla volta Buna qualità dell output solo con elevata risoluzione Dati continui I software più recenti integrano i due modelli 53

54 Acquisizione dei dati Modelli vettoriali Digitalizzazione (vettorializzazione) Modelli raster Digitalizzazione e successiva vettorializzazione, rasterizzazione diretta Interpolazione di dati discontinui Acquisizione da GPS Visualizzazione dei dati Elaborazione dei dati Restituzione 54

55 Principali funzioni Interrogazione funzioni di query su mappa o su data base, Analisi di Prossimità calcolo di distanze, Analisi di superficie Pendenze, esposizioni, ombreggiamenti Interpolazione Supporto alle decisioni Analisi delle trasformazioni 55

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Sistemi di riferimento

Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 40 Sistemi di riferimento Outline

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it e-mail:

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

3 La cartografia ufficiale italiana

3 La cartografia ufficiale italiana Topografia, Cartografia e GIS Prof. Carlo Bisci Modulo Topografia e Cartografia (6 CFU) 3 La cartografia ufficiale italiana Per fare cartografia è necessario fissare: il sistema di riferimento (datum):

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA. 2.1 Geodesia

Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA. 2.1 Geodesia Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA 2.1 Geodesia 2.1.1 GEOIDE ED ELLISSOIDE - DATUM La terra è un corpo celeste solidificatosi in un campo di forza gravitazionale: la gravità

Dettagli

ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA

ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA Università degli studi di Roma Tor Vergata Corso di Telerilevamento e Cartografia Anno accademico 2012/2013 ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA Ing. Cristina Vittucci 12 06-2013 STORIA DELLA CARTOGRAFIA

Dettagli

Proiezioni cartografiche in uso in Italia

Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Riferire una posizione sulla superficie terrestre

Riferire una posizione sulla superficie terrestre Geodesia Riferire una posizione sulla superficie terrestre Coordinate geografiche Sistema di riferimento latitudine e longitudine Equatore Primo Meridiano Paralleli di latitudine Meridiani di longitudine

Dettagli

La Cartografia. Immagine da satellite

La Cartografia. Immagine da satellite La Cartografia 1 La nascita della Cartografia Fin dai tempi più antichi l'uomo ha avvertito la necessità di rappresentare su un piano una porzione più o meno estesa del-la superficie terrestre. Le più

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

Tipi di proiezioni. A cura di Camillo Berti Creative Commons

Tipi di proiezioni. A cura di Camillo Berti Creative Commons Tipi di proiezioni Nonostante le inevitabili deformazioni, le proiezioni possono mantenere inalterate determinate caratteristiche geometriche della superficie terrestre (angoli, aree, lunghezze). Si parla

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 3. Proiezioni geografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 3. Proiezioni geografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 3. Proiezioni geografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizioni 2. Caratteristiche

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI LA GEOREFERENZIAZIONE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI LA GEOREFERENZIAZIONE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2003/04 LA GEOREFERENZIAZIONE Georeferenziazione degli oggetti e cartografia numerica Proiezioni cartografiche UTM (Universale

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Corso di Topografia I

Corso di Topografia I Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia I Prof. Fabio Radicioni Ing. Aurelio Stoppini Dispensa: COMPLEMENTI DI CARTOGRAFIA - I Parte 1 COMPLEMENTI DI CARTOGRAFIA - I

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

1. Nozioni di base sulle carte

1. Nozioni di base sulle carte 1. Nozioni di base sulle carte 1.1 Generalità Una carta è una rappresentazione sul piano della crosta terrestre secondo norme e segni convenzionali assegnati; per tutti gli usi cui è destinata ogni carta

Dettagli

Trasformazioni tra sistemi di coordinate: software disponibili, limiti e potenzialità

Trasformazioni tra sistemi di coordinate: software disponibili, limiti e potenzialità Copyright by the Italian Society of Silviculture and Forest Ecology. Sezione Speciale: RI.SELV.ITALIA (Guest Editor: M. Bianchi) Trasformazioni tra sistemi di coordinate: software disponibili, limiti e

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

Dispensa di cartografia. Umberto Vesco

Dispensa di cartografia. Umberto Vesco Dispensa di cartografia Umberto Vesco Maggio 2006 ii Indice Indice iii I Cartografia generale 1 1 Cenni storici 3 1.1 Preistoria................................. 3 1.2 Civiltà babilonese.............................

Dettagli

CAPITOLO 2 - CARTOGRAFIA

CAPITOLO 2 - CARTOGRAFIA CAPITOLO - CARTOGRAFIA CAP. CARTOGRAFIA 7 CAPITOLO - CARTOGRAFIA... 7 1-Definizioni dei vari tipi di carte... 9 - Posizione del problema della cartografia... 31 3 - Carta di Mercatore... 40 4 - Proiezione

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Regione Umbria - SITER - Sezione Geografia del Territorio. Università degli Studi di Perugia - DICA - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Regione Umbria - SITER - Sezione Geografia del Territorio. Università degli Studi di Perugia - DICA - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Regione Umbria - SITER - Sezione Geografia del Territorio Università degli Studi di Perugia - DICA - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ferens + Software per la trasformazione di coordinate

Dettagli

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository Politecnico di Torino Porto Institutional Repository [Other] Appunti di topografia Original Citation: C. Sena (03). Appunti di topografia.. Availability: This version is available at : http://porto.polito.it/58647/

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015 Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo Corso Capacity 2015 Perchè siamo qui? Il territorio è PREZIOSO. Deve essere tutelato, ma prima di tutto compreso Sono necessari sistemi per

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento La carta topografica Orientare la carta e valutare l azimut Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Il GPS La normativa di riferimento Guida alla compilazione

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

REGIONE UMBRIA Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Informatico/Informativo: geografico, ambientale e territoriale

REGIONE UMBRIA Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Informatico/Informativo: geografico, ambientale e territoriale REGIONE UMBRIA Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Informatico/Informativo: geografico, ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia DICA Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di

I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di Sistemi Geodetici e Sistemi Cartografici considerati I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di Coordinate fanno riferimento, nelle tabelle sotto riportate,

Dettagli

Sistemi informativi territoriali _ Introduzione

Sistemi informativi territoriali _ Introduzione Sistemi informativi territoriali _ Introduzione Iacopo Zetti Analisi del territorio e degli insediamenti università degli studi di Firenze _ dipartimento di architettura Definizioni Mogorovich (1988) ha

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali leonardo.conti@unifi.it- Tel. 055 3288629. Rilevamento e Analisi del territorio

Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali leonardo.conti@unifi.it- Tel. 055 3288629. Rilevamento e Analisi del territorio Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali leonardo.conti@unifi.it- Tel. 055 3288629 Rilevamento e Analisi del territorio Cartografia ufficiale italiana CARTOGRAFIA TOPOGRAFICA

Dettagli

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche Cpia di Lecce Le coordinate geografiche Forma della Terra La Terra è sferica Per la sua rappresentazione si usa il globo o mappamondo Meridiani e paralleli sono linee immaginarie usate dai geografi per

Dettagli

GIS per l'archeologia

GIS per l'archeologia GIS per l'archeologia Julian Bogdani julian.bogdani@unibo.it http://bradypus.net I contenuti di questa presentazione sono distribuiti con licenza: Creative Commons Attribuzione Non commerciale Non opere

Dettagli

Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento

Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento Domenico Sguerso domenico.sguerso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Scuola Interregionale di Escursionismo Veneto Friulano - Giuliana Corso di Formazione/Verifica per aspiranti Operatori Sezionali ONC e TAM CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Paluzza

Dettagli

Elementi di topografia

Elementi di topografia Corso di Topografia Istituto Agrario S. Michele Elementi di topografia Classe 4^S a.s. 2009-10 con il coordinamento e la supervisione del prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi di meccanica agraria

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Settore Cartografico CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA

REGIONE PIEMONTE Settore Cartografico CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA REGIONE PIEMONTE Settore Cartografico CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA Aggiornamento 2001 Redazione: Ing. Gabriele GARNERO - Università degli Studi di Torino 1. PREMESSA 5 2. CENNI DI CARTOGRAFIA 7 2.1

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Il laboratorio opera e svolge attività di ricerca nel campo della cartografia e la rappresentazione del fenomeno urbano e regionale. Raccoglie,

Dettagli

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013 Cartografia Cartografiaufficiale ufficialeitaliana italiana Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cartografia ufficiale italiana Organi

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale. LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE

Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale. LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE La serie di CD-ROM che qui si presenta contiene le immagini digitali della Carta Tecnica

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 PIANI QUOTATI E CARTOGRAFIA PROF. SPADARO EMANUELE UNITA DIDATTICA N 1 PIANI QUOTATI http://spadaroemanueletopografia.bloog.it/ 2 RAPPRESENTAZIONI COMPLETE DEL TERRENO Premesse

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore La terra ha la forma di una sfera e per rappresentarla si usa il Mappamondo chiamato anche globo I geografi hanno tracciato sul mappamondo

Dettagli

Fig. 1: Mappa di Bedolina [6]

Fig. 1: Mappa di Bedolina [6] INTRODUZIONE Da sempre la complessità delle attività umane è stata accompagnata dalla produzione di mappe e di cartografie. Rappresentazioni del territorio che usano scienze complesse come la geodesia,

Dettagli

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE TOPOGRAFIA INDICE GENERALE Prefazione...pag. 3 Punti cardinali...pag. 4 Coordinate Topografiche...pag. 6 Coordinate Geografiche...pag. 6 Latitudine e Longitudine...pag. 7 Coord. Geograf. Sugl elementi

Dettagli

Il pulante cancella singoli file dalla lista dei file da trasformare, mentre il pulsante cancella l'intera selezione.

Il pulante cancella singoli file dalla lista dei file da trasformare, mentre il pulsante cancella l'intera selezione. 1. MapConverter 1.1. Le proiezioni Il software MapConverter permette di effettuare trasformazioni geografiche di punti, file shape, o gruppi di file fra diversi sistemi di proiezione. All'avvio del programma

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE

Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE Istituto Geografico Militare La produzione cartografica ufficiale, realizzata dall Istituto Geografico Militare nei suoi centotrentadue

Dettagli

CARTA NAUTICA. Ma. 03/04 Versione del: 19/09/07 1

CARTA NAUTICA. Ma. 03/04 Versione del: 19/09/07 1 Generalità La carta geografica non è altro che il tentativo fatto dall'uomo di rappresentare in modo perfetto su di un piano una parte della superficie terrestre. Abbiamo detto tentativo in quanto è evidente

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Implementazione su web del sistema WIND-GIS

Implementazione su web del sistema WIND-GIS Implementazione su web del sistema WIND-GIS Contenuti dell applicazione Il layout dell applicazione si articola in diverse sezioni, ognuna delle quali offre specifiche funzionalità. La sezione più importante

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA La Geografia studia i rapporti delle società umane tra loro e con il pianeta che le ospita. È disciplina di cerniera per eccellenza, poiché consente di mettere in relazione temi economici, giuridici,

Dettagli

1 Introduzione alle misure geodetiche

1 Introduzione alle misure geodetiche 1 Introduzione alle misure geodetiche Le misure geodetiche (o topografia) sono una disciplina antica, ma in continua evoluzione, che insieme alla geodesia, la fotogrammetria, il telerilevamento ed i sistemi

Dettagli

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO Sfera celeste ASTRONOMIA Il cielo considerato come l'interno di una sfera cava al fine di descrivere le posizioni e i movimenti degli oggetti astronomici. Ogni particolare osservatore è situato al centro

Dettagli

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA Dati utili Corso di Laurea in Ingegneria Civile, dell Ambiente e del Territorio Facoltà di Ingegneria Corso di TOPOGRAFIA Docente: E-mail: Andrea PIEMONTE andrea.piemonte @ dic.unipi.it Sito WEB: http:

Dettagli