LA FORZA DEGLI UOMINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORZA DEGLI UOMINI"

Transcript

1 ies Industria e Sviluppo bimestrale di informazione, opinione, economia, impresa Confindustria Arezzo, Grosseto, Siena INCHIESTA Dalla formazione lo sprint per lo sviluppo FOCUS Un tesoro emergente: le medie imprese italiane DALLE TERRITORIALI Siena - Il sistema Confindustria a fianco dell impresa Arezzo - Banche e territori, strategie e sviluppi Grosseto - Banca e Impresa fanno squadra ANNO I - N. 5 novembre-dicembre 2009 LA FORZA DEGLI UOMINI L ECCELLENZA DEL CAPITALE UMANO, RISORSA VINCENTE PER L IMPRESA

2

3 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 3

4 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 4

5 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 5 Direttore responsabile: Annarosa Pacini Comitato di redazione: Luigi Borri, Antonio Capone, Mario Salvestroni, Giovanni Inghirami, Massimiliano Musmeci, Piero Ricci. Coordinatore redazionale: Annarosa Pacini Redazione: Luisa Angioloni (Arezzo), Rossella Lezzi (Siena), Franco Passarini (Grosseto). Hanno collaborato a questo numero: Alberto Bombassei, Antonio Capone, Massimiliano Musmeci, Rizieri Padelli, Piero Ricci. Impaginazione, grafica e foto: Franco Passarini. Direzione e redazione: Confi ndustria Grosseto, viale Monterosa 196, Grosseto, Editore: Giano Ambiente S.r.l., viale Monterosa 196, Grosseto Stampa: Grafi che Effesei, Largo Sacco 6, Grosseto Registrazione: Tribunale di Grosseto n. 1/2009 del Gli articoli possono non rispecchiare le posizioni delle Associazioni Industriali e dell Editore, che li ritengono in ogni caso un contributo sul piano dell informazione e dell opinione. Dei contenuti sono responsabili i singoli autori. L Editore non dovrà essere ritenuto responsabile per errori, omissioni, interruzioni o ritardi legati ai contenuti pubblicati nè per eventuali danni provocati dagli stessi. - È consentita la riproduzione purchè espressamente autorizzata dall Editore, e con la citazione della fonte. - Manoscritti e fotografi e non richiesti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. - Non vengono trattati dati personali. L uso dei dati, temporaneo, è solo a fi ni giornalistici. PUBBLICITÀ: per informazioni ed eventuali prenotazioni di spazi pubblicitari su IES - Industria e Sviluppo rivolgersi alla concessionaria esclusiva Agenzia Best Solutions S.r.l., via Stalloreggi 6, Siena. Infoline: SOMMARIO COVER STORY 12 LA FORZA DEGLI UOMINI L eccellenza del capitale umano, risorsa vincente per l impresa 16 DALLA FORMAZIONE LO SPRINT PER LO SVILUPPO Le testimonianze degli imprenditori 18 NUOVI BANDI DI FONDIMPRESA PER LE AZIENDE Il contributo per la formazione diventa investimento nella crescita 21 LA CONCERTAZIONE DOPO LA CRISI Occorre un sistema welfare che favorisca l occupabilità ATTUALITÀ 9 IL FUTURO DEI GIOVANI HA BISOGNO DI OCCASIONI Quattro domande a: Giorgia Meloni, ministro della Gioventù 22 L UOMO GIUSTO AL POSTO GIUSTO Quali sono le caratteristiche che fanno di un uomo un imprenditore? 27 RESISTERE OGGI PER COSTRUIRE IL DOMANI Un analisi della situazione congiunturale e di prospettiva 30 UN TESORO EMERGENTE: LE MEDIE IMPRESE ITALIANE Vincente il business model delle aziende lepri TERRITORIALI 34 IL SISTEMA CONFINDUSTRIA A FIANCO DELL IMPRESA Sistema integrato di servizi e promozione di una nuova cultura d impresa 40 BANCHE E TERRITORI, STRATEGIE E SVILUPPI A colloquio con Luca Bronchi, direttore generale di Banca Etruria 46 BANCA E IMPRESA FANNO SQUADRA Accordi e convenzioni per fronteggiare gli effetti della crisi economica

6

7 EDITORIALE IES novembre-dicembre 2009 Pagina 7 FARE IMPRESA, CON ORGOGLIO E CORAGGIO NECESSARIO UN CAMBIAMENTO CULTURALE DA PARTE DI TUTTI PER RITROVARE LA GIUSTA DIREZIONE Comitato di Redazione Come sappiamo, il mondo delle imprese è da sempre caratterizzato da continue evoluzioni, dalla rivoluzione industriale ad oggi sono andati via via sviluppandosi nuovi metodi per rendere maggiormente competitivo il fare impresa, dal primato del capitale, a quello della tecnologia e dell innovazione, fino ad arrivare a quello della finanza. A ben guardare, però, un elemento costante c è, a volte considerato di contorno, non determinante, ma in realtà fondamentale ed imprescindibile per ogni impresa: l uomo. Milioni di uomini e donne che ogni giorno, nei rispettivi ruoli, inventano producono e realizzano beni e servizi. Milioni di uomini e donne che attraverso le loro risorse fisiche ed intellettuali muovono il mondo. La crisi cui stiamo assistendo ha reso chiaro a tutti che le modalità attraverso cui le imprese, o addirittura interi paesi, sperano di generare ricchezza possono essere riconducibili a due approcci diametralmente opposti: da una parte chi immagina di generare sviluppo attraverso l applicazione di algoritmi moltiplicatori di una ricchezza che in realtà non esiste (ma che si presume esisterà), dall altra coloro che costruiscono lo sviluppo attraverso la produzione di beni e servizi dotati di un valore reale qui ed ora. Alla base del primo modello troviamo teorie, statistiche, proiezioni; alla base del secondo troviamo qualcosa di maggiormente comprensibile, uomini e donne che lavorano, persone che ogni giorno si assumo responsabilità e che, a volte in conflitto tra loro, tentano di migliorare ciò che fanno e ciò che sono. In questo numero della nostra rivista abbiamo voluto riaffermare il primato degli uomini, imprenditori, dirigenti, collaboratori, professionisti. Il primato di coloro che, forse inconsapevolmente, in questi anni in cui le aziende e gli stessi luoghi di lavoro sembravano assumere profili sempre più astratti, hanno tenuto in vita un modello culturale e sociale su cui oggi possiamo ancora basare la ripresa e lo sviluppo della nostra società. In un contesto come quello italiano, ma ancor più nell ambito di quello rappresentato dalle nostre province della Toscana del sud, è necessario riaffermare con forza il valore delle imprese e degli imprenditori, coraggiosi ed orgogliosi, che tutti i giorni insieme ai loro collaboratori si sforzano per superare le troppe difficoltà cui sono sottoposti. È necessario riaffermare il valore ed i valori degli uomini e del loro lavoro anche per rivendicare il ruolo fondamentale che le imprese dei nostri territori hanno svolto in questi anni, un ruolo di concretezza, di operosità e di innovazione, svolto anche a fronte di una, tutta italica, ostinata opposizione culturale e fattuale da parte della macchina pubblica che, nella migliore delle ipotesi, si è troppo spesso orientata per sostituirsi nel ruolo di imprenditore e di impresa, senza però condividerne le regole basilari di funzionamento. Ma questo è già passato. Oggi siamo convinti che le nostre imprese hanno a disposizione la migliore risorsa per poter affrontare e superare la forte crisi in atto. Siamo sicuri, che in un tessuto produttivo, formato prevalentemente da piccole e medie imprese, sia possibile creare le condizioni per un efficace e duraturo sviluppo. È necessario però mettere al centro di questo sviluppo l uomo, il titolare di impresa ed i suoi collaboratori. Le sfide in termini di competitività che essi dovranno affrontare sono chiare, orientare la produzione verso nicchie di beni e servizi che abbiano non solo un elevato standard qualitativo, ma che non siano replicabili, ovvero beni e servizi in cui la componente umana faccia la differenza in termini di creatività e capacità manuale. È necessario, quindi, mettere a frutto quelle qualità che hanno determinato il valore del nostro sistema produttivo negli anni precedenti l esplosione della leva finanziaria. Tutte qualità legate alla risorsa umana. Creatività, ingegno, volontà, passione, non è possibile pensare ad un futuro in maniera positiva se non orientiamo gli sforzi verso la valorizzazione di tali competenze. Le leve per far ciò esistono, ma strumenti quali formazione o incentivi vari non bastano. Alla base di tutto è necessario determinare una nuova condizione che sostenga gli sforzi degli uomini, ovvero una condizione di rispetto e sostegno per il valore di quegli imprenditori e collaboratori che mettono al centro del loro operare il mondo reale del lavoro, basato sul rischio, sull impegno, sul miglioramento continuo. C è bisogno di un cambio culturale da parte di tutti, anche degli uomini d impresa, ma soprattutto del contesto sociale, a partire dalle scuole fino alle istituzioni. Un cambio culturale capace di arginare una cultura legata al facile successo, ma che al contempo non neghi chi cerca di ottenerlo attraverso il proprio sforzo. Una cultura dove le imprese ed i loro uomini possano vivere con coraggio sì, ma anche con orgoglio.

8

9 PRIMO PIANO IES novembre-dicembre 2009 Pagina 9 IL FUTURO DEI GIOVANI HA BISOGNO DI OCCASIONI QUATTRO DOMANDE A: GIORGIA MELONI MINISTRO DELLA GIOVENTU di Annarosa Pacini Giorgia Meloni D Durante un suo interven-. to ha affermato che bisogna abbattere privilegi e rendite di posizione offrendo a tutti le medesime opportunità di partenza. Attraverso l utilizzo di quali strumenti? R. Soltanto poche settimane fa il presidente della Camera, Gianfranco Fini, aveva lanciato il suo appello per un serio ritorno al sistema concorsuale. Il presidente Fini, in quell occasione, aveva fatto riferimento all ambito della pubblica amministrazione, ma credo che un parallelismo possa essere fatto per tutto il settore pubblico nel solco dell utilizzo dei concorsi come strumento per premiare e privilegiare il merito, la preparazione e il lavoro svolto. Altrettanto può e deve essere fatto nel privato: credo sia nell interesse stesso dell imprenditoria selezionare e favorire chi dimostra di avere la giusta preparazione e adeguate capacità, nonché voglia di fare. A tutti, lo ribadisco, devono essere date le medesime possibilità di partenza, a partire dal diritto allo studio. Ma è giusto che poi i migliori vadano avanti. A prescindere dall età, dal sesso, dal censo o dal cognome. D. Creare un ponte tra mercato del lavoro e mondo della formazione è stato l obiettivo del Global Village Campus, il primo esperimento di questo genere in Italia. Cosa rappresenta per i giovani ed in che modo li avvicina al mondo delle imprese? R. Il Global Village Campus è stato per tanti giovani la prima vera occasione per confrontarsi con il mondo del lavoro, per comprenderne le dinamiche e le richieste, e per prepararsi al meglio per l ingresso in questo mondo in un frangente sicuramente non facile. Una delle considerazioni di partenza sollevate quando abbiamo deciso di mettere in moto la macchina del Global Village Campus è stata proprio l estrema incomunicabilità che attualmente caratterizza il rapporto tra Università e impresa. Da un lato c è un mondo universitario che sforna laureati quasi del tutto impreparati ad affrontare l impatto con il lavoro. I nostri laureati, infatti, se messi a confronto con i colleghi europei, sono spesso più colti e preparati sotto l aspetto nozionistico, ma mancano totalmente delle basi sulle quali costruire il proprio ingresso nel mercato del lavoro. Dall altro ci sono le imprese, che si accorgono de giovani universitari solo nel momento in cui questi non sono più tali, ovvero si laureano e concludono il loro percorso in università. La combinazione di questi fattori crea un divario enorme, che i nostri giovani si trovano a dover colmare in tutta fretta, scoprendo in maniera traumatica, il più delle volte troppo tardi, che la laurea che avevano considerato un traguardo non è altro che un punto di partenza. Questa considerazione a noi pare un ovvietà, ma non è altrettanto per moltissimi 110 e lode che, ad esempio, usciti a pieni voti dal corso di Economia e commercio non si rendono conto che la loro gavetta dovrà partire comunque dallo sportello di una banca, che dovranno imparare il mestiere da zero. Con il Global Village Campus non abbiamo avuto la pretesa di colmare d un fiato questo divario, di abbattere con un unica spallata il muro di vetro tra università e lavoro. Però abbiamo mosso un primo passo e, credo, anche tracciato un solco: il Global Village Campus puntava soprattutto a divenire un modello replicabile in altre realtà e da altre università su tutto il territorio nazionale. Magari, perché no?, in versione ristretta a singoli atenei, che promuovano esperienze simili per tutelare e rilanciare le realtà produttive ed imprenditoriali del territorio. D. Lo sviluppo del capitale umano: una sfida per i giovani o per chi deve costruire oggi il futuro dei giovani? R. Sicuramente una sfida per entrambi. Le ragazze e i ragazzi che rappresentano la meglio gioventù d Italia hanno le idee chiare su ciò che vogliono fare del proprio futuro. Hanno voglia di mettersi in gioco, di dimostrare quello che valgono e quello che possono fare, e sicuramente sono in grado di raccogliere qualsiasi sfida, se però l occasione si presenta. E qui entra in gioco la sfida per chi deve costruire un futuro per loro: quel che serve infatti sono gli strumenti, uno Stato che creda nelle giovani generazioni, che investa e dia loro fiducia, che abbatta quelle barriere erette da un sistema improntato sulla gerontocrazia e sullo svilimento del merito. Che crei occasioni, in poche parole. D. Posto fisso, libera professione, lavoro autonomo, imprenditoria: qual è, a suo avviso, la prospettiva più adatta a chi si trova a decidere, oggi, come orientare il suo percorso professionale? R. Credo sia fondamentale, per chi oggi deve decidere verso quale direzione orientare il proprio percorso professionale, maturare un bagaglio di esperienza quanto più ricco possibile. Il mondo del lavoro è estremamente selettivo e, nei momenti di crisi come quello che ci stiamo lentamente lasciando alle spalle, lo diventa ancora di più. Per questo penso sia importante per un giovane arricchire il proprio curriculum professionale di esperienze, anche non strettamente legate all ambito attorno al quale ruotano sogni e obiettivi, ma che possono comunque fare la differenza, dimostrando intraprendenza, voglia di fare e di scommettere su se stessi. Questo significa non lasciarsi sfuggire le occasioni, da qualunque parte arrivino.

10 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 10

11 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 11

12 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 12 ATTUALITA LA FORZA DEGLI UOMINI L ECCELLENZA DEL CAPITALE UMANO, RISORSA VINCENTE PER L IMPRESA Intervista a Pasquale Viespoli, sottosegretario di Stato al Ministero del Welfare di Annarosa Pacini Preservare il capitale umano di fronte alla crisi economica che stiamo affrontando da lacerazioni profonde, con una combinazione di politiche per il lavoro attive e passive, cercando di evitare che la crisi produca costi sociali troppo alti. Sono parole tratte da un intervento del senatore Viespoli, che afferma anche come la crisi segni una fase di difficoltà molto seria, ma può e deve essere vissuta come un opportunità per attuare cambiamenti profondi. I territori che hanno maggiori chance non solo di resistere, ma anche di crescere, sono quelli in cui si è creata una buona sinergia fra imprese, istituzioni e attività formative. Per questo è fondamentale coordinare le politiche formative tra i vari livelli, creando luoghi di coordinamento e di armonizzazione delle politiche formative capaci di andare incontro alle imprese. Come pure è altrettanto fondamentale che le imprese utilizzino ogni mezzo a disposizione per mantenere quanti più soggetti possibile nel mondo produttivo, così che la capacità lavorativa sia immediatamente spendibile quando la morsa sarà passata, già pronta a dare il meglio di sé per la ripresa. Ma quanto conta la forza degli uomini nello sviluppo di un Paese? E, soprattutto, da dove riprendere un cammino che sappia riscoprirne il valore? Lo abbiamo chiesto al senatore Pasquale Viespoli. D. Si fa un gran parlare del fatto che il Paese, per recuperare competitività, debba puntare sulla valorizzazione e sullo sviluppo delle risorse umane. Ritiene che questa possa essere davvero la strada giusta? R. E ormai acclarato che il valore aggiunto del nostro tessuto imprenditoriale e produttivo è determinato prevalentemente proprio dalla capacità delle persone, dalla loro inventiva, dalla loro determinazione, dal desiderio e dalla capacità di prevedere nuovi scenari, anche in termini di possibilità tecnologiche e di creatività, come pure dalla capacità di poter realizzare quegli stessi scenari. Da un po di tempo, però, da quando i presupposti finanziari hanno preso il sopravvento rispetto ai canoni fondamentali dello sviluppo imprenditoriale questo grande patrimonio delle risorse umane sembrava potesse essere meno indispensabile. Oggi invece, anche a causa della crisi che stiamo vivendo, si è tornati a ristabilire il vero valore del fare impresa, che non sta nella finanza, ma negli uomini, siano essi gli imprenditori che coloro che al loro fianco collaborano per raggiungere degli obiettivi. D. Formare oggi per realizzare cosa, domani? R. Intanto, per riacquisire una consapevolezza dell importanza del contributo umano in termini di capacità creativa, di immaginazione ed anticipazione degli scenari, per

13 ATTUALITA IES novembre-dicembre 2009 Pagina 13 NEL VIVERE QUOTIDIANO DI UN AZIENDA IN CUI LA COMPETITIVITÀ È FATTA DI SOLUZIONI DI PICCOLI E GRANDI PROBLEMI CI SI RENDE IMMEDIATAMENTE CONTO CHE PROPRIO LE PERSONE RAPPRESENTANO IL VERO CAPITALE poter arrivare domani a generare un offerta nei sistemi produttivi ma anche nei servizi, nel turismo, in tutti i livelli economici del Paese. Un offerta che sia distintiva, originale, qualitativamente elevata. E sicuramente questa la caratteristica che determina la competitività della nostra economia rispetto ad altri sistemi, che se non hanno fatto della produzione di scala il fattore su cui puntare - come ad esempio la Cina -, sono rimasti ingabbiati da un economia tutta virata sulla finanza, che abbiamo purtroppo visto quanti danni ha generato. D. Eppure, nel nostro Paese si lamenta una carenza, da questo punto di vista R. Probabilmente nel nostro Paese, forse troppo indaffarati ad occuparci di questioni di contorno, abbiamo finito per far sopire la vera forza che abbiamo in noi, non perché non ne siamo più capaci o non sia più nelle nostre possibilità, ma quasi come se avessimo concentrato l attenzione su altri aspetti del lavoro e non su quello che rappresenta il nostro fattore vincente. Ci siamo preoccupati troppo della cornice all interno della quale le persone dovevano lavorare ed operare, dimenticandoci di valorizzare e coltivare il contenuto, che è il vero fattore vincente, gli uomini ed il loro lavoro. D. Un rischio può derivare dal fatto che ci si concentri sulla risoluzione dei problemi contingenti, dimenticando la necessità di costruire un futuro che sappia guardare avanti, per i giovani R. Per troppo tempo il lavoro è stato considerato come una fase solo successiva alla formazione scolastica, assolutamente distante e non indispensabile sino a che i giovani non avessero terminato il proprio percorso di studi. Questo approccio ha creato un forte distacco tra la vita dello studente ed il mondo del lavoro reale, generando, di fatto, forti difficoltà e disorientamento nei giovani. Per fortuna, ci siamo accorti di questo problema, e sono stati messi in atto già diversi interventi legislativi, a partire dalla riforma Moratti, che ha introdotto il principio dell alternanza tra scuola e lavoro, cercando di valorizzare il lavoro non solo da un punto di vista pratico-tecnico, ma anche, o, dovrei dire, soprattutto, da un punto di vista culturale, come elemento formativo oggi più che mai indispensabile e positivo da trasmettere ai giovani. Per troppo tempo il nostro sistema scolastico è stato incentrato su una formazione di tipo teorico, pensando che l eccellenza nelle conoscenze potesse essere fattore positivo e sufficiente per avere successo nel lavoro. Oggi, invece, ci stiamo aprendo ad un nuovo modello culturale, che vede il mondo del lavoro e della scuola agire in modo collaborativo, così da consentire ai giovani di sperimentare e sperimentarsi, appropriandosi di un modello culturale fatto di impegno, di responsabilità, di capacità a ragionare per obiettivi ed a progettare il proprio futuro, anche, concretamente, da un punto di vista profesionale. D. Il capitale umano, a suo avviso, viene inteso anche come un vero capitale? R. La domanda trova immediatamente risposta tutte le volte che un imprenditore, come un politico o un amministratore, è chiamato a risolvere un problema reale. In quel momento si vede quanto è importante la risorsa umana. Finché il tema del capitale umano rimane all interno dei dibattiti accademici, può apparire come una frase fatta o come un nuovo canone per rappresentare il patrimonio delle persone. Nella realtà, nel vivere quotidiano di una piccola azienda, in cui la competitività è fatta di soluzioni di piccoli e grandi problemi ci si rende immediatamente conto che proprio le persone rappresentano il vero capitale. D. Quali strategie sono, allora, necessarie per procedere in questa direzione? R. Le attività di Governo sono ormai orientate in questa direzione, di supporto e piena valorizzazione della risorsa uomo. Le rappresentanze delle imprese e dei lavoratori ne sono pienamente consapevoli. Questa sinergia di intenti e questo obiettivo comune deve rappresentare il fulcro da cui poi prendono le mosse le azioni di governo e della politica. Alcune sono già in atto, quali quelle legate all istituzione dei fondi interprofessionali per la formazione continua, alla riforma degli istituti tecnici, alla promozione dell utilizzo di strumenti, quali stage e tirocinii, per avvicinare sempre di più i giovani al mondo del lavoro reale. D. L eccellenza del capitale umano e la corrispondente capacità di qualità del prodotto, dei servizi e delle idee, sono quindi la vera risorsa delle nostre imprese? R. L eccellenza del capitale umano è stata ampiamente considerata, sin dal periodo postrivoluzione industriale. Purtroppo, però, negli ultimi tempi questo aspetto è parso quasi secondario, come se non servisse più coltivarlo o non fosse necessario individuare politiche ed interventi su come continuare a valorizzare un elemento di così fondamentale importanza. Invece l eccellenza del capitale umano, motore primo di ogni sviluppo, deve sempre rimanere al centro dell attenzione, perché, se non coltivata, rischia di smarrirsi. Una volta si diceva che gli italiani erano un popolo di poeti, artisti, eroi, santi, navigatori, oggi vorremmo poter dire che siamo soprattutto un popolo capace di costruire il futuro con il proprio lavoro, grazie alla loro forza, la forza degli uomini.

14 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 14 ATTUALITA VALORIZZARE I TALENTI: L ESPERIENZA DI BIRRA PERONI DALLO STAGE AL LAVORO ALL ESTERO PER CRESCERE intervista a Germana Alviggi, direttore Risorse Umane Birra Peroni D. Quanto è importante il capitale umano per un azienda come la vostra? R. Birra Peroni fa parte di un gruppo multinazionale, SabMiller, da circa sei anni. Dal momento in cui è entrata a far parte di questo gruppo, la gestione del capitale umano è diventata ancor più di primaria importanza. Il processo prevede che ci sia un assessment fin dal primo momento in cui le persone vengono reclutate in azienda, effettuato da psicologi del lavoro autorizzati, formati ed aggiornati periodicamente dalla casa madre nei rispettivi paesi, così da consentire l acquisizione di informazioni in relazione al potenziale delle risorse il più possibile oggettive ed in linea con le attese dell azienda. Le informazioni che derivano da questo assessment di potenziale vengono successivamente incrociate con il risultato della performance, nell ambito del percorso professionale individuale, consentendoci così di definire i nostri talenti, che vengono poi gestiti con piani di sviluppo personalizzati in funzione di un percorso di carriera che proviamo a disegnare all interno dell azienda. D. Si tratta di un metodo che dà buoni risultati? R. Direi di sì. In Birra Peroni abbiamo iniziato a lavorare su questi aspetti un paio di anni fa per tutta l area che riguarda la parte commerciale (forza di vendita, marketing etc.) e, proprio grazie a questo processo, siamo stati in grado di ricoprire, nell ultimo anno, trentotto posizioni all interno dell azienda con persone che hanno effettuato una job rotation. Questo modello di gestione dei talenti ci ha permesso di continuare ad avere posizione coperte pur in un momento in cui l azienda, per ragioni evidenti legate alla crisi globale, non poteva attingere al mercato esterno. D. Cosa si aspetta dall azienda chi viene a lavorare per voi, e cosa l azienda si aspetta dai propri collaboratori? R. E una domanda delicata a cui rispondere. Dipende molto dall età delle persone e dal percorso professionale che hanno avuto. Chi è entrato in azienda negli ultimi sei anni ed ha avuto altre esperienze professionali ed aziendali ha, come aspettativa primaria, quella di crescere dal punto di vista professionale: si aspetta dall azienda un piano di carriera ben strutturato e la possibilità professionale di poter migliorare. Questo non significa solo poter usufruire di iniziative di formazione o partecipare a concorsi interni ed esterni, ma molto altro, come poter partecipare a progetti internazionali o usufruire di coaching. Se invece facciamo riferimento a chi ha sempre lavorato in Birra Peroni, persone di età più matura, che non hanno vissuto altre realtà aziendali, la loro aspettativa è sicuramente diversa, forse più scontata: si aspettano di crescere ma soprattutto in termini economici. In questo momento Birra Peroni sta affrontando un percorso di change management, un passaggio delicato da azienda di famiglia ad azienda che fa parte di un gruppo multinazionale: quello che chiediamo ai nostri collaboratori è di darci una mano in questo processo di cambiamento, che non è né rapido, né facile. D. Questa visione del lavoro come elemento di crescita anche personale, secondo lei, in una prospettiva più generale, può fare la differenza anche per le imprese? R. Assolutamente sì. Soprattutto chi è nato dopo gli anni Settanta, più giovani, si aspetta dalle aziende proprio questo, la possibilità di crescere, professionalmente ed a livello personale. E una cosa che si è palesata in modo evidente, anche nei tanti career day universitari a cui partecipiamo: una delle domande ricorrenti è proprio legata a quali sono i piani di sviluppo, una delle cose che i giovani tengono in maggiore considerazione quando devono scegliere la loro prima azienda. Parlo ovviamente dei giovani con talenti, con alti voti di laurea, quelli che si possono permettere di poter fare una scelta. D. Spesso le imprese evidenziano come a curricula esemplari non corrisponda un adeguata capacità di orientarsi nel mondo lavorativo. E anche una vostra esperienza? R. E vero, spessissimo ci troviamo con persone con splendido curriculum universitario, ma una volta inseriti nel mondo del lavoro si rendono conto che il titolo di studio non era che il punto di partenza. Anche per questo noi tendiamo ad utilizzare, per i neolaureati, come strumento di ingresso, lo stage, per un periodo che va dai sei ai dodici mesi, periodo durante il quale vengono formati, ed in cui lavorano effettivamente. Alla fine del periodo di stage effettuiamo la nostra scelta: le persone che sono cresciute più rapidamente, acquisendo gli strumenti fondamentali per diventare operative, sono quelle che poi entrano a far parte di Birra Peroni. D. Come crescono i giovani talenti? R. Dopo aver effettuato il loro stage e lavorato con noi almeno due anni, cerchiamo di mandarli ad effettuare un esperienza in Sab- Miller fuori dall Italia, soprattutto per quello che riguarda chi lavora nell area commerciale. Ad esempio, il settore del marketing per il marchio Nastro Azzurro è gestito in modo eccellente in Inghilterra: per noi è importante che i nostri ragazzi vedano come si lavora in altri paesi per potersi portare a casa l esperienza. Un marchio, pur rimanendo italiano, non può sfuggire alla sfida della competitività: ha bisogno di essere internazionale da un punto di vista di formazione e di approccio. (ap)

15 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 15

16 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 16 INCHIESTA DALLA FORMAZIONE LO SPRINT PER LO SVILUPPO SEMPRE PIÙ UNA SCELTA, E NON UN OBBLIGO: LE TESTIMONIANZE DEGLI IMPRENDITORI Prima o poi da questa crisi usciremo. Quando, con precisione, nessuno lo sa. Quello che è certo, è che il post crisi obbligherà tutti noi ad affrontare lo sviluppo in futuro in modi molto diversi da come eravamo abituati. Alla crisi dobbiamo reagire con le mosse giuste: individuare i nuovi driver della crescita; adottare comportamenti organizzativi coerenti con le nuove sfide. Uno dei driver è certamente investire sul capitale umano imprenditoriale e manageriale del nostro sistema associativo e delle nostre aziende, per mobilitare tutte le risorse e le esperienze positive a sostegno dell affermarsi della cultura di impresa in questo Paese. Adottare un comportamento organizzativo coerente significa portare a fattore comune quanto di bene già si fa nei territori e nei settori, utilizzando le strutture centrali che sanno gestire con competenza e trovare le risorse necessarie per industrializzare i processi di diffusione e di comunicazione delle priorità per le imprese : queste parole di Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, sintetizzano in modo efficace il ruolo del capitale umano e della cultura d impresa, come driver della crescita e volano per lo sviluppo. In quest ottica, la formazione viene ad essere uno strumento fondamentale. Valore aggiunto, quindi, e non costo. Ecco le testimonianze di alcuni imprenditori. Andrea Guadagnoli, amministratore Guadagnoli Marcello S.r.l., Grosseto Per ottenere risultati nella vita personale, ma soprattutto nella propria professione, oggi è indispensabile abituarsi a studiare comportamenti propri e degli altri, frequentare persone e ambienti diversi da quelli dal proprio ambito, trovare gli strumenti per continuare a competere: bisogna formarsi. Ho iniziato questo allenamento più di dieci anni fa; sono talmente numerose le soddisfazioni personali e professionali che non riesco a pensare di interrompere un viaggio così entusiasmante. Un allenamento teso ad affrontare il nostro percorso con la consapevolezza di poter saltare gli ostacoli evidenti, talvolta anche superare quelli improvvisi e incalcolabili. Mi piace ascoltare e confrontarmi con persone che hanno una cultura superiore anche di poco alla mia: del resto la crescita di qualsiasi impresa è strettamente legata all attività di studio che effettua giornalmente l imprenditore. Spesso, lo stesso fa lo sbaglio di associare la formazione ad un argomento preciso, per esempio un corso di informatica. La formazione non è un aggiornamento, dal quale per altro è impossibile esimersi. La formazione è un concetto diverso, da assorbire lentamente e a qualsiasi età: i giovanissimi è importante che capiscano che crescere non vuol dire invecchiare, ma maturare. Per quanto riguarda la formazione aziendale, io personalmente, e miei collaboratori, abbiamo avuto modo di usufruire dei corsi organizzati da Giano Ambiente, l agenzia formativa di Confindustria Grosseto, sia nell ambito della sicurezza che della gestione del budget, con ottimi risultati. Essere affiancati da un agenzia specializzata consente alle aziende di ottimizzare gli investimenti e massimizzare i risultati, perseguendo l obiettivo della formazione permanente, ormai irrinunciabile per tutte le aziende che

17 INCHIESTA IES novembre-dicembre 2009 Pagina 17 vogliano davvero essere competitive. Sicuramente lo è per la Guadagnoli Marcello Srl. Daniele Giovannini, direttore generale Fiore S.r.l., Siena Negli ultimi mesi abbiamo avuto l opportunità di far svolgere alcuni corsi di formazione ai nostri dipendenti e collaboratori in merito alla produzione della nostra azienda nello specifico la sicurezza alimentare (HACCP) e sicurezza nei luoghi di lavoro (L. 81). Vista la recente certificazione ottenuta (I.F.S.) si è reso necessario che tutti i nostri dipendenti fossero muniti di formazione specifica e conseguentemente abbiamo avuto la necessità di coordinare un importante movimento di risorse umane. Per questo ci siamo avvalsi della professionalità dell Assoservizi di Confindustria Siena, che ci ha accompagnato in tutte le fasi del progetto con estrema competenza e precisa organizzazione sia documentale che organizzativa. Ci hanno inoltre dato la possibilità di usufruire di personale docente competente e capace di trasmettere ad una platea comprensibilmente variegata per provenienza ed età quelle conoscenze necessarie per lo svolgimento di mansioni in uno stabilimento alimentare. Andrea Bellucci, responsabile risorse umane Trigano S.p.A., Siena Il Piano Formativo annuale di Trigano S.p.A. è stato impostato con l assistenza di Assoservizi, che affiancandomi negli incontri con i responsabili delle varie aree, ha fornito un contributo essenziale nella individuazione delle possibili fonti di finanziamento, oltre che un supporto professionale e qualificato nella individuazione stessa dei fabbisogni. La realizzazione di un Progetto Formativo complesso, che ha coinvolto tutte le aree aziendali, dalla amministrazione alla produzione, con il supporto dei fondi FSE POR Ob. 2 Asse I, ha permesso di affrontare questo periodo di grave crisi economica senza dover rinunciare a promuovere la formazione e lo sviluppo del personale. Una delle prime voci dei budget aziendali ad essere tagliate in periodi di crisi è infatti quella della formazione, ma occorre essere consapevoli dei rischi che si può correre con attività di cost killing incaute, che tagliando sotto la gemma, rendono l azienda impreparata al momento della ripresa. E compito della Direzione Risorse Umane non perdere di vista questo. Spartaco Comanducci, amministratore Logi Tech S.r.l., Arezzo Logi-Tech è un azienda che eroga i servizi di trasporto e magazzinaggio conto terzi, è molto giovane (nata nel 2005, anche se proveniente da precedente esperienza familiare pluriennale) ed è fatta di giovani; quindi si è trovata subito a combattere in un mercato molto spietato sia per il trasporto conto terzi (zoccolo duro aziendale), sia per la logistica conto terzi (vera innovazione in zona). Le migliori armi sono state la qualità del servizio erogato (certificazione 2009 per ISO EN 9001:2008), sia la puntualità e sicurezza specifica dei trasporti, derivata da una buona base professionale dei propri autisti, ma anche dalla continua ricerca di formazione e specializzazione in quest ambito specifico. Per portare avanti queste linee basi aziendali, a partire dal 2009 Logi-Tech ha deciso di fare formazione specifica ed avanzata a tutti i propri autisti e aprendosi anche agli altri attori locali del trasporto, realizzando corsi di guida sicura ed ecologica per migliorare consumi/emissioni grazie ad Assoservizi Arezzo, società di servizi di Confindustria Arezzo ed in collaborazione con ASC di Milano, unica struttura in Italia ad erogare simili corsi. Naturalmente i risultati sono stati immediati e tangibili realizzando anche un registro specifico per tutti i sinistri e verificando periodicamente i consumi. Questo tipo di attività così premiante sarà sicuramente ripetuta il prossimo anno e poi a cadenze di ripetizione di due anni a volta. Entro fine anno Logi-Tech entrerà a far parte di una ristretta cerchia di aziende presenti all interno di un protocollo specifico per la sicurezza realizzato tra Confindustria Arezzo e ASL locale. Quindi il nostro motto è formazione ed informazione a tutti i dipendenti, rispetto di tutte le norme di sicurezza e voglia continua di migliorarsi per emergere da questa particolare situazione economico-produttiva. Silvia Zeta, amministratrice, Tiber Pack, Arezzo Tiber Pack è un azienda che progetta e costruisce macchinari automatici per l imballaggio, con un esperienza di oltre quarant anni in questo settore. I nostri impianti sono dotati delle tecnologie più avanzate in quanto una delle nostre principali caratteristiche, sta proprio nella ricerca, nello studio e nello sviluppo tecnologico continuo. Siamo pertanto abituati e stimolati a migliorarci sotto tutti gli aspetti e la partecipazione a corsi di formazione, è per noi uno strumento veloce ed efficace per l apprendimento di nozioni utili al raggiungimento di determinati obiettivi. Quest anno, abbiamo preso parte a due corsi organizzati da Confindustria di Arezzo, ai quali ho partecipato personalmente: un corso sulla comunicazione al quale abbiamo partecipato in due persone, in qualità di amministratori, ed un corso di spagnolo, al quale oltre me, hanno partecipato un impiegata receptionist e quattro addetti al montaggio e all assistenza dei macchinari presso i clienti. Entrambi i corsi, ognuno per lo specifico settore, oltre ad aver apportato interesse e coinvolgimento nei partecipanti, hanno prodotto benefici in termini di vantaggio e utilità per l azienda, in tempi molto ridotti. La cosa più interessante, secondo la mia opinione ed esperienza, è stato l interesse che, il fatto di acquisire nuove conoscenze e di accrescere la propria cultura, in tempi ed orari compatibili con l attività lavorativa, ha destato volontà e motivazione in ognuno dei partecipanti, con l ottenimento di risultati in alcuni casi davvero sorprendenti. Eugenia Pastorellil, gestione e amministrazione del personale, Eurovinil, Grosseto Eurovinil S.p.A. si è trovata in diverse occasioni a partecipare a corsi organizzati dall Agenzia formativa di Confindustria Grosseto. Alcuni corsi erano volti a titolare soggetti per lo svolgimento del proprio lavoro come, ad esempio, nel caso del RSL o squadre antincendio. Sicuramente sono state esperienze molto soddisfacenti. Il fatto che non sempre si riesca ad utilizzare gli strumenti della formazione proposti derivano soprattutto da problematiche organizzative della nostra azienda. Ciò nonostante riteniamo che investire in formazione sia una scelta indispensabile per l azienda moderna, per questo si tratta di un settore che consideriamo primario. Luciano Cagnoli, Copaim S.p.A., presidente Cooperativa AgroIttica Maremmana, Grosseto Per la nostra Azienda fare formazione, a tutti i livelli, è fondamentale. Siamo un Azienda alimentare e, al di là degli adempimenti di legge, avere un personale ben istruito con la formazione necessaria per espletare le sue mansioni, è fondamentale. Il patrimonio nostro più prezioso sono le nostre maestranze. Fare formazione è come investire in innovazione. E necessario, per avere risposte positive, coinvolgere il personale. Far capire la necessità di fare formazione, di vedere questa come un momento di crescita personale e professionale. In un mondo globalizzato, se vogliamo emergere, dobbiamo mirare alla qualità, in tutti i suoi aspetti. Fare formazione è fare qualità. (ap)

18 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 18 INCHIESTA NUOVI BANDI DI FONDIMPRESA PER LE AZIENDE CHE VOGLIONO REAGIRE IL CONTRIBUTO OBBLIGATORIO PER LA FORMAZIONE DIVENTA INVESTIMENTO NELLA CRESCITA Fondimpresa è il più grande Fondo interprofessionale per la formazione continua. Vi aderiscono oltre 62 mila imprese (al netto delle cessate), che occupano oltre tre milioni lavoratori. E costituito da Confindustria, Cgil Cisl e Uil ed è aperto alle imprese di ogni dimensione e settore produttivo. Possono aderirvi, dal 2009, anche le aziende pubbliche ed esercenti pubblici servizi. Fondimpresa finanzia le attività formative delle imprese aderenti e promuove la diffusione della formazione continua. Si fonda sul principio della bilateralità: imprenditori e rappresentanze sindacali progettano insieme la formazione più adatta allo sviluppo aziendale e alla valorizzazione professionale della forza lavoro. In poco tempo, ha contribuito in modo determinante all aggiornamento di aziende e dipendenti: dal 2007, ha finanziato con 336 milioni di euro la formazione di oltre seicentotrenta mila lavoratori. Altri 82 milioni di euro sono già stanziati per nuovi piani formativi. Fondimpresa rende disponibili i finanziamenti per la formazione tramite due canali di finanziamento, il Conto di Sistema e il Conto Formazione. Il Conto Sistema è ideale per imprese che vogliono ottimizzare le risorse organizzando attività formative in forma aggregata e funziona tramite Avvisi pubblicati periodicamente. Attualmente è possibile partecipare ai seguenti Avvisi: - Avviso 3/2008, fino a esaurimento delle risorse e comunque entro gennaio Avviso 2/2009, per piani di ogni tipo, in particolare su innovazione, qualificazione e riqualificazione. Due scadenze: 16 novembre/15 dicembre 2009 e 1 aprile/30 aprile L Avviso include, specificamente, i lavoratori in contratto di apprendistato, lavoratori a tempo, stagionali, quindi offre un aiuto in più alle realtà in crisi. - Avviso 3/2009, per aziende in crisi stanziamento: 10 milioni di euro. Altre risorse sono disponibili in ogni momento per tutte le aziende iscritte, con il Conto Formazione, un Conto riservato a ogni singola azienda, nel quale viene accantonato il 70 per cento delle risorse versate all Inps. Solo l azienda intestataria può decidere come spendere questi soldi, e può farlo in qualsiasi momento e con le modalità che preferisce, con accordi bilaterali. Ad oggi, circa tremila imprese hanno fatto ricorso a questo sistema, spendendo oltre 315 milioni di euro per la formazione di trecentoventi mila lavoratori. Ne parliamo con Giorgio Fossa, presidente di Fondimpresa. D. Secondo la vostra esperienza, qual è l atteggiamento delle PMI nei confronti della formazione? R. L esperienza concreta di Fondimpresa dimostra che quando le imprese hanno l opportunità di fare formazione in modo semplice, efficace e adatto alle loro esigenze organizzative non se la lasciano scappare. Questo vale anche per le piccole e medie imprese. Sono proprio le Pmi quelle che fanno maggiori attività di formazione con i nostri finanziamenti: oltre l 80 per cento. Con il Conto di Sistema, un canale di finanziamento studiato in particolare sulla realtà delle piccole imprese, il 60 per

19 INCHIESTA IES novembre-dicembre 2009 Pagina 19 cento delle aziende che stanno facendo formazione ha meno di 50 dipendenti. Va sfatato il mito degli imprenditori restii alla formazione. Gli imprenditori sono restii alle lungaggini burocratiche e alle perdite di tempo. Il nostro sistema funziona quindi lo usano. D. Poche settimane fa il Consiglio di amministrazione di Fondimpresa ha deliberato un nuovo bando che prevede risorse per dieci milioni di euro. A chi sono indirizzate le nuove risorse? R. A tutte le imprese che aderiscono o vogliono aderire al nostro Fondo e in particolare a quelle colpite dalla crisi economica e che intendono reagire scommettendo sul loro futuro. I dieci milioni finanzieranno attività di formazione per lavoratori in cassa integrazione e a rischio di perdita del posto di lavoro. Abbiamo adottato una procedura semplicissima, le imprese possono presentare direttamente la loro domanda di finanziamento, a sportello. Quindi potranno utilizzare il periodo di rallentamento delle attività produttive per fare modernizzazione. Sono disponibili contributi fino a 500 mila euro per ogni piano formativo. D. Qual è il ruolo della risorsa umana, nella crisi? R. Decisivo. Il ruolo della risorsa umana nell impresa è sempre importante, e a maggior ragione lo sarà quando arriverà la ripresa, perché si ripartirà tutti dalla stessa condizione ma stavolta la concorrenza sarà più numerosa. Sarà la prima volta che affrontiamo la ripresa da una crisi globale, la prima volta che come competitor non avremo solo Paesi occidentali ma realtà del calibro di India e Cina, che non hanno ancora espresso tutto il loro potenziale. In questo contesto il made in Italy può puntare solo su due fattori per trovare spazi di mercato: qualità e creatività. Sono fattori che non si comprano, non si fabbricano. L unico modo per svilupparli è valorizzare le risorse umane accrescendo quel patrimonio di competenze che portano con sé. Questo patrimonio spesso deriva dal contesto territoriale o dall esperienza ma va coltivato e fatto evolvere per aprire la possibilità di nuove idee, nuovi prodotti, nuovi modi di lavorare. Chi vuol fare impresa nel prossimo futuro deve fare formazione nel presente, è una strada obbligata. D. Ma come investire nella formazione se le aziende sono in crisi? R. Le imprese già pagano la formazione con il contributo obbligatorio dello 0,30 per cento, che viene utilizzato dal sistema pubblico in modi spesso lontani dalle loro esigenze, o comunque insondabili. Se invece aderiscono a Fondimpresa, le aziende tornano in possesso di buona parte dei soldi versati e hanno piena autonomia nel decidere, bilateralmente, come spenderli. Possono progettare una formazione tagliata precisamente sulle esigenze del loro contesto organizzativo, della fase economica, addirittura della stagionalità: un vero e proprio abito su misura. E un sistema che unisce estrema convenienza economica a una grandissima funzionalità, e non è certo per caso che le imprese, quando lo scoprono, lo usano in modo intensivo. In questo modo la formazione nelle aziende italiane sta vivendo una crescita importante: dal 2007 ad oggi oltre lavoratori sono stati aggiornati grazie ai nostri finanziamenti. Il nostro obiettivo è che, con la collaborazione di Confindustria e dei soci sindacali, un maggior numero di aziende e di lavoratori venga coinvolto in questa opportunità. (ap) I CONSIGLI DELL ESPERTO a cura di Francesco Quintiliani e Ufficio tecnico della Sapri Broker Le tutele per l impresa: la Polizza responsabilità civile prodotti Lo sviluppo del mercato, l accresciuta coscienza dei consumatori, il Codice del Consumo, l introduzione della class action nel sistema italiano rendono indispensabile avere per l impresa una copertura sulla Responsabilità civile Prodotti. Nel corso del 2007 le prime sentenze della Corte di Cassazione su casi di RC Prodotti ricadenti nell ambito di applicazione della nuova normativa, tendono a delineare un quadro negativo per le imprese e di favore per il consumatore danneggiato, i cui oneri di prova vengono decisamente alleggeriti. Nella maggior parte dei Paesi del Mondo chi sbaglia può anche esser sanzionato, come in Italia, penalmente, con l arresto fino a sei mesi (non sostituibile con il pagamento di un ammenda), in altri Paesi, come negli USA, con pagamenti aggiuntivi di carattere sanzionatorio, come i famosi punitive and exemplary damages. Per questo motivo, è fondamentale completare la propria opera di prevenzione assicurativa aziendale con una congrua e completa polizza di RC Prodotti, grazie ad un accurata opera di Risk Management individuando i punti deboli nell organizzazione e nella filiera di produzione aziendale. Una polizza di RC prodotti ben strutturata, consentirà la copertura per tutti i danni materiali a beni di terzi e per i danni all integrità psico-fisica delle persone e i danni ad essi conseguenti, come quelli da interruzione di attività lavorative e da inquinamento accidentale derivante dal prodotto assicurato. Con la dovuta analisi del rischio, è anche possibile estendere la garanzia alle operazioni di ritiro prodotti, comprese le spese di smontaggio del prodotto difettoso e di rimontaggio dello stesso esente da difetti, In particolar modo a copertura del rischio ambientalel impresa dovrà essere tutelata non solo per le spese da sostenere come il ritiro del prodotto contaminato, ma anche per le spese necessarie alla ricostruzione dell immagine coperture tampering. L accordo con la Sapri Broker consente di offrire alle aziende associate le soluzioni assicurative necessarie che derivano dalla conoscenza ed esperienza in campo nazionale ed internazionale in materia di Rc Prodotti. CONSULENZA E GESTIONI ASSICURATIVE: CONVENZIONE CON SAPRI BROKER S.R.L. Confindustria Grosseto ha sottoscritto dal 2007 un accordo di collaborazione per l erogazione di servizi di consulenza ed assistenza nel comparto assicurativo con Sapri Broker S.r.l., azienda associata a Confindustria. Un servizio che ha reso possibile per numerose aziende un risparmio in termini di convenienza economica e di miglioramento delle condizioni di assicurazione, ora esteso a tutti gli associati di Siena e Arezzo. La Sapri S.r.l. Broker di assicurazione è una società di intermediazione e consulenza assicurativa, con sedi a Roma, Grosseto, Milano, Trento e Palermo. Tel fax publiredazionale

20 IES novembre-dicembre 2009 Pagina 20 CON ELETTROMODERNA SOLUZIONI INNOVATIVE E AFFIDABILI PER L ENERGIA SOLARE UNA GAMMA COMPLETA DI IMPIANTI PER IL SOLARE FOTOVOLTAICO E TERMICO Elettromoderna, concessionario Enel.si per la provincia di Grosseto, è ormai diventato un punto di riferimento importante nel nostro territorio per tutto quanto concerne la produzione di energia elettrica e calore da fonti rinnovabili per la casa e per le aziende; l azienda con sede a Grosseto in Via Birmania 30/32 è impegnata da almeno un decennio nella progettazione e nella realizzazione di impianti innovativi ed affidabili in grado di combinare rispetto dell ambiente, benessere dell uomo e risparmio energetico. Elettromoderna, costantemente impegnata alla ricerca di tecnologie innovative che si pongono l obbiettivo di produrre energie elettrica a costo zero per ridurre i consumi e le spese di ogni famiglia o azienda, propone una gamma completa di impianti per il solare fotovoltaico e termico, oltre ad un servizio globale: dalla progettazione personalizzata dell impianto, all installazione a regola d arte, all assistenza post vendita fino al completo disbrigo e gestione delle pratiche burocratiche per ottenere eventuali contributi dalle Pubbliche Amministrazione e gli incentivi ventennali del Conto Energia da parte del Gestore dei Servizi Elettrici (GSE); è anche in grado di facilitare l accesso a finanziamenti, a condizioni veramente vantaggiose, con i principali istituti di credito grazie alle convenzioni all uopo stipulate da ENEL. Per quanto riguarda in particolare gli impianti fotovoltaici, realizzati con i migliori materiali reperibili sul mercato, Elettromoderna è in grado di installarli adattandoli a qualsiasi tipo di copertura (tetti a tegola, terrazzi, pensiline, pergole etc.) ed anche realizzati a terra. Elettromoderna offre inoltre una gamma completa d impianti solari termici per produrre acqua calda sanitaria ed ad integrazione dei sistemi di riscaldamento anche realizzati a pavimento o a parete, specialmente per le nuovo costruzioni o per locali da ristrutturare, ma anche per il riscaldamento di piscine. Elettromoderna si sta specializzando come ditta leader nella installazione di pompe geotermiche che, sfruttando la bassa entalpia dei terreni, consente la climatizzazione di ogni tipo di locale garantendo il riscaldamento invernale ed il raffrescamento nei periodi estivi. Un esempio completo dell utilizzo di tutte le tecniche finora illustrate, è tangibilmente riscontrabile visitando la CASA DEL SOLE, un complesso residenziale, il primo in classe A del Centro-sud Italia, che Elettromoderna ha realizzato a Grosseto e nel quale ha sfruttato ogni tecnologia da fonti rinnovabili attualmente all avanguardia. L azienda Elettromoderna di Ferretti Ulisse ha anche ottenuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale. publiredazionale

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI I Fondi Paritetici Inteprofessionali nazionali nascono nel 2003 secondo quanto previsto dalla L. 388/2000, che consente alle

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli