ANALISI DEI FABBISOGNI DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI FABBISOGNI DI FORMAZIONE"

Transcript

1 Iniziativa Comunitaria Equal Progetto ARTE TURISMO CULTURALE NELLA PROVINCIA DI PALERMO ANALISI DEI FABBISOGNI DI FORMAZIONE Luglio 2003 S3-Studium

2 INDICE Premessa p Caratteristiche delle agenzie turistiche p Censimento delle agenzie turistiche p Universo e campione p Forma giuridica delle aziende p Attività svolta p Struttura organizzativa p Livello di informatizzazione p Vita associativa p Le attività p Trend p Tipologia di servizi p Orientamento al mercato e caratteristiche dei clienti p Stagionalità del turismo p Casi d eccellenza p Il contesto di riferimento p Rischi e opportunità p Ottimisti e pessimisti p Qualità dei servizi p Profilo professionale degli operatori p Tipologia del rapporto di lavoro p Età anagrafica ed esperienza professionale p Preparazione di base dei collaboratori p Modalità di reclutamento p Valutazione p L analisi dei fabbisogni di formazione p Il sistema di competenze p. 56 Luglio

3 5.2. Contenuti e modalità p Il peso delle esperienze passate p Considerazioni conclusive p. 68 Allegati: p. 69 Agenzie e tour operator nella provincia di Palermo Luglio

4 Premessa La ricerca sui fabbisogni di formazione degli operatori delle agenzie di turismo e dei tour operator che operano nella provincia di Palermo si inserisce in un contesto più generale di lavoro sul turismo culturale, il progetto ARTE, realizzatonell ambito dell iniziativa comunitaria Equal da un associazione temporanea d impresa di cui fanno parte,oltre a S3.Studium che ha condotto la ricerca, Aira (società capofila), Atenea,Bibatour, Des, Ente bilaterale regionale turismo siciliano, Mainstreaming Agenda, Server, Siderasis. S3.Studium nel progetto è responsabile delle attività di ricerca che comprendono, oltre a quella qui presentata, anche le ricerche su Domanda e offerta di turismo culturale nella provincia di Palermo e sul Bechmarking del turismo culturale. La presente indagine è stata condotta attraverso una rilevazione sul campo, realizzata nel periodo aprile-maggio 2003, che ha interessato un campione rappresentativo di agenzie e tour operator. Il progetto, per la parte di S3,Studium, è stato ideato e coordinato da Cinzia Ciacia. La ricerca sui fabbisogni formativi è stata realizzata da Felice Paolo Arcuri e Paolo Gentile, con la collaborazione di Giuseppina Miccoli e Francesca Chialà. L impostazione metodologica e il questionario sono stati condivisi all interno di un comitato di pilotaggio composto da Felice Paolo Arcuri (S3.Studium), Marcello Scalisi (Des), Salvatore Scalisi (Ente bilaterale siciliano). Hanno inoltre collaborato, in qualità di rilevatori, Roberta Abate, Simona Gorgone, Elina Messina, Maria Piazza. Luglio

5 1. Caratteristiche delle agenzie turistiche Luglio

6 1.1. Censimento delle agenzie turistiche e dei tour operator Per effettuare l indagine sui fabbisogni formativi degli operatori turistici, si è contattato l intero universo di riferimento, costituito, secondo i dati disponibili della APT di Palermo del mese di aprile 2003, da 208 agenzie e tour operator. La rilevazione condotta sul campo ha consentito di verificare e aggiornare tale elenco aggiungendo 59 agenzie rilevate non comprese nell elenco APT e togliendone 6 comprese nell elenco ma risultate non più attive. Complessivamente, dunque, il numero di agenzie e tour operator della provincia di Palermo attive nel periodo aprile-maggio 2003 che sono entrate a far parte del nostro universo di ricerca sono risultate essere 261 1, il 26% in più di quelle registrate nell elenco APT. La concentrazione maggiore delle agenzie si ha naturalmente nel comune di Palermo, che da solo rappresenta il 72% dell universo. Le altre agenzie sono distribuite su tutto il territorio della provincia, senza particolari addensamenti. Dopo Palermo, i comuni con il maggior numero di agenzie sono Cefalù e Bagheria, dove però sono presenti rispettivamente solo 10 e 8 agenzie, pari a poco più del 3% ciascuna (tab. 1.1). Il censimento delle agenzie va considerato come uno dei risultati di questa ricerca. 1 Vedi elenco allegato Luglio

7 Tab. 1.1 Distribuzione delle agenzie sul territorio n. agenzie val.% Palermo ,0 Bagheria 8 3,1 Cefalù 10 3,8 Monreale 5 1,9 Partinico 7 2,7 Termini Imerese 5 1,9 Carini 6 2,3 Altri comuni 32 12,3 Totale ,0 Luglio

8 1.2. Universo e campione L indagine si è svolta attraverso un intervista semistrutturata realizzata nel periodo aprile maggio Hanno partecipato alla ricerca 163 agenzie sulle 261 rilevate, pari quindi al 62% dell universo di riferimento 2. La distribuzione del campione sul territorio è sostanzialmente simile a quella dell universo: sono il 73,6% le agenzie intervistate del comune di Palermo e il 26,4% quelle del resto della provincia, contro rispettivamente il 72% e il 28% dell universo. Gli intervistati sono per il 60% titolari di agenzia, per il 13% direttori, per il 27% altre figure professionali, delegate a rispondere al questionario; il 55% di questi ha un esperienza nel settore di oltre 10 anni, il 28% di 4-10 anni, il 17% ha meno di 4 anni di lavoro nel settore (fig. 1.1). Complessivamente, quindi, si tratta di un campione molto rappresentativo e qualificato, sia per la numerosità, sia anche per il ruolo ricoperto dagli intervistati e per gli anni di esperienza nel settore. 2 Era nostra intenzione realizzare una rilevazione che garantisse risultati con un errore massimo del +/- 2% ed un livello di confidenza di almeno il 95%. La formula per il calcolo dei campioni come noto in popolazioni di piccola entità non è applicabile, in quanto se il campione comprende oltre il 50% dell universo, il grado di accuratezza sarà maggiore di quello atteso stante la numerosità del campione. Luglio

9 Un campione composto per circa i tre quarti da entusiasti, cioè persone che mostrano una grande passione per il proprio lavoro, e che partecipa all intervista con grande attenzione (80%), mostrandosi interessata al progetto ARTE di cui la ricerca fa parte (74%) e a suoi prodotti particolari, quali il corso di formazione (64%) e il portale sul turismo culturale (63%). Fig Anni di esperienza nel settore degli intervistati <1 anno 1% 1-3 anni 16% 4-6 anni 14% >10 anni 55% 7-10 anni 14% Luglio

10 1.3. Forma giuridica delle aziende La forma giuridica più diffusa tra le agenzie della provincia di Palermo è la s.r.l. che riguarda il 42,5% delle aziende. Aggiungendo a queste il 4,4% relativo alle s.p.a. si ha che le agenzie che hanno assunto forma giuridica di società di capitali rappresentano il 47% del campione. Poco più della metà delle aziende (53%) sono invece distribuite tra le diverse tipologie di società di persone: ditte individuali (20,6%), s.n.c. (13,1%), s.a.s. (11,3%), società cooperative (8,1%) (fig. 1.2) 4. Fig Forma giuridica delle aziende 50,0 40,0 30,0 41,7 20,0 10,0 0,0 20,6 DITTA INDIV.LE 4,3 13,1 11,3 8,0 S.N.C. S.A.S. S.R.L. S.P.A. COOP. Luglio

11 Il 38% delle agenzie della provincia di Palermo sono relativamente giovani, essendo attive da 5 anni o meno, mentre il 62% delle aziende dichiara di essere attiva da 6 anni ed oltre e di queste la metà opera sul mercato da oltre 10 anni. Incrociando i dati degli anni di vita delle aziende con la loro forma giuridica si evidenzia come le società con più anni di permanenza sul mercato sono in misura leggermente maggiore società di capitali, le società più giovani sono in misura maggiore società di persone, questo dato ci indica come negli ultimi anni si sia avuto un incremento di imprenditorialità che assume la forma di società di persone forse anche in risposta ad una carenza di domanda di lavoro dipendente (tab. 1.2). Tab. 1.2 Aziende turistiche per forma giuridica e anni di attività FORMA GIURIDICA soc.di persone soc.di capitali Totale ANNI DI ATTIVITA V.A. % V.A. % % 0-5 anni 36 59, , ed oltre 49 49, , totale 85 53, , Luglio

12 1.4. Attività svolta Con riferimento al ruolo con cui operano nel settore turistico, il 46,9% delle aziende intervistate rispondono di essere esclusivamente agenzie di viaggio. L 11,9% sono esclusivamente tour operator. il 41,3% degli intervistati dichiara di lavorare sia come agenzia di viaggio che come tour operator. Complessivamente, senza considerare la distinzione tra agenzia di viaggio e tour operator: il 77,9% delle aziende intervistate dichiara di svolgere attività di biglietteria; il 73% attività di intermediazione; il 46% attività incoming; il 46,6% attività outgoing; l 8,6% delle aziende offre altro, dove con altro viene indicato: business travel, agenzia marittima, charter nautico, gestione alberghiera, congressi, organizzazione gruppi, informazione turistica, servizi per turismo e comunicazione, agenzia dettagliante, agenzia di viaggio incoming, (fig. 1.3). Luglio

13 Fig Attività svolta 80,0 60,0 77,9 73,0 40,0 46,0 46,6 20,0 8,6 0,0 biglietteria intermediaz. incoming outgoing altro Considerando la tipologia di attività e la forma giuridica, è possibile notare la maggior presenza di aziende strutturate come società di capitali tra quelle che svolgono attività di tour operator (66,7%); considerando le aziende miste, che svolgono sia attività di agenzia che di tour operator, la percentuale di spa ed srl arriva al 50,8%. La sessa percentuale calcolata nelle agenzie di viaggio si ferma al 39,2% (tab. 1.3). Tab. 1.3 Aziende turistiche per forma giuridica e ruolo RUOLO NEL FORMA GIURIDICA SETTORE soc.di persone soc.di capitali totale TURISTICO V.A. % V.A. % V.A. % Agenzia di viaggio 45 60, , Tour operator 6 33, , Azienda mista 32 49, , Totale 83 52, , Luglio

14 1.5. Struttura organizzativa La maggioranza delle aziende ha una struttura organizzativa semplice, internamente non articolata in aree o settori (80,5%) con un unica sede nel territorio (86,5%) con meno di 3 dipendenti (59,1%) (fig. 1.4). Le società strutturate in aree o settori sono nel 65,5% dei casi società di capitali (tab. 1.4). I settori, generalmente, si riferiscono alla distinzione tra agenzia e tour operator, o sono relativi a biglietteria, amministrazione, Italia estero, congressuale, rappresentanza di compagnie aeree, o a settori riservati a particolari categorie di clienti, come gli studenti. Tab. 1.4 Aziende turistiche per forma giuridica e struttura ARTICOLAZIONE FORMA GIURIDICA STRUTTURA soc.di persone soc.di capitali totale V.A. % V.A. % V.A. % Semplice 75 59, , Con settori 10 34, , Totale 85 54, , Luglio

15 Il numero di società che hanno più sedi aumenta, naturalmente, tra le aziende con un maggior numero di anni di attività: si passa dal 4,3% per quelle con non più di 5 anni, al 19,6% per gli operatori con 6 e più anni (tab.1.5). Tab. 1.5 Aziende turistiche per anni d attività e numero sedi NUMERO SEDI Anni di attività unica sede più sedi totale V.A. % V.A. % V.A. % 0 5 anni 45 95,7 2 4, ed oltre 82 80, , Totale , , Fig Dimensioni aziendali ,5 86,5 59,1 40,9 19,5 13,5 unico più unica più meno di 3 più di 3 SETTORI SEDI DIPENDENTI Luglio

16 1.6. Livello di informatizzazione Il livello di informatizzazione delle aziende intervistate, tenendo conto delle dimensioni generalmente contenute, è complessivamente sufficientemente evoluto: il 98,8% ha un collegamento internet, il 72,4% ha la linea ADSL, il 62% ha un proprio sito web, il 31,3% ha un collegamento intranet (fig. 1.5) Fig Dotazione informatica 100,0 80,0 99,8 60,0 40,0 72,4 62,0 20,0 31,3 0,0 internet ADSL sito intranet Luglio

17 Le società di capitali che hanno organizzazioni più complesse ed in misura maggiore con più sedi, risultano avere, ovviamente, un maggior numero di PC; la distanza nella dotazione informatica diminuisce per quanto riguarda le linee ADSL, mentre la diffusione dei siti WEB è sostanzialmente omogenea. Il rapporto si inverte invece per i collegamenti intranet che sembrano essere più diffusi tra le società di persone (tab. 1.6). Evidentemente la dotazione informatica è ormai imprescindibile qualsiasi sia il livello di complessità raggiunto dall organizzazione. Tab. 1.6 Caratteristiche della struttura informatica Struttura FORMA GIURIDICA informatica soc.di persone soc.di capitali totale V.A. % V.A. % V.A. % N.PC> , , INTRANET 29 56, , SITO WEB 51 51, , ADSL 55 47, , Luglio

18 1.7. Vita associativa Oltre la metà delle aziende intervistate (57,9%) non è iscritta ad alcuna associazione di categoria, né ad altro tipo di associazione o all ente bilaterale per il turismo. La partecipazione alla vita associativa è quindi circoscritta ad un nucleo di aziende abbastanza ristretto. Ad ogni modo, come era logico aspettarsi, la gran parte delle aziende che decidono di iscriversi ad un associazione sceglie l associazione di categoria, in questo caso la FIAVET conta il 30,2% di iscritti. Segue poi l adesione all Ente bilaterale per il turismo (5,7%), Assoturismo (3,1%), Confcommercio (3,1%) e ad altre associazioni, tra cui Amavet, Assaereo, Asscom, Assoviaggi, Enit e Fittel, tutte con un unica adesione (fig. 1.6). Fig Iscrizione ad associazioni di categoria , ,2 3,1 5,7 7,5 0 No Fiavet Assoturismo Ente bilaterale Altro Luglio

19 Le aziende non iscritte ad associazioni di categoria sono in maggioranza società di persone (60,4%) (tab.1.7). Tab. 1.7 Aziende turistiche per forma giuridica e iscrizione ad associazioni di categoria ISCRIZIONE AD FORMA GIURIDICA ASSOCIAZIONE soc.di persone soc.di capitali totale V.A. % V.A. % V.A. % Iscritto 30 45, , Non iscritto 55 60, , Totale 85 54, , In conclusione, le società con più anni di vita sono prevalentemente società di capitali, con organizzazioni più complesse ed un maggior numero di sedi; tra loro si trovano il maggior numero di tour operator e di aziende con la maggiore offerta di servizi. Questa tipologia di azienda è maggiormente rappresentata nelle associazioni di categoria. Luglio

20 2. Le attività Luglio

21 2.1. Trend Nonostante le difficoltà che attualmente sta vivendo il settore turistico per l effetto combinato di una serie di fattori 3, sembra che le agenzie e i tour operators della provincia di Palermo registrino nella maggioranza dei casi un aumento delle attività e del fatturato, sia per le attività incoming che per le attività outgoing. In particolare, il fatturato per le attività incoming negli ultimi tre anni è aumentato per i due terzi delle aziende intervistate mentre è diminuito per il 23,9%. Andamento ancor più positivo si registra per l attività outgoing che negli ultimi tre anni è aumentata per il 71,3% ed è diminuita per il 17,5% degli intervistati (fig. 2.1). Fig Andam ento del fatturato ,0 65,7 71,3 60,0 40,0 20,0 23,9 10,4 17,5 11,3 0,0 INCOMING OUTGOING diminuito stabile aumentato 3 Ci si riferisce ad in particolare ad eventi di carattere internazionale, quali l attentato dell 11 settembre, la guerra in Iraq, la Sars. Si veda cap. 3. Luglio

22 2.2. Tipologia di servizi Le agenzie e i tour operator intervistati offrono prevalentemente i servizi di biglietteria (77,3%), intermediazione (74,8%) e predisposizione di pacchetti turistici (67,5%). Di un certo rilievo comincia ad essere anche l attività relativa alla prenotazione e vendita attraverso web, realizzata dal 17,2% del campione. Tra gli altri servizi offerti, vengono segnalati: congressi, gite di un giorno, agriturismo, servizi turistici/comunicazione (fig. 2.2). Fig Tipologia di servizi ALTRO outgoing incoming WEB outgoing incoming PACCHETTI TURIST. arte mare INTERM EDIAZ. varia vettoriale BIGLIETTERIA 3,1 12,3 11,0 17,2 23,9 39,3 41,1 57,7 67,5 63,8 74,8 65,0 77, Luglio

23 Più nello specifico, è interessante notare che: con riferimento alla biglietteria, sono più le aziende che fanno biglietteria vettoriale (65%), mentre solo il 23,9% fanno biglietteria varia, relativa a musei, teatri, ecc.; per quello che riguarda l intermediazione, le aziende che si occupano dei soggiorni a mare sono il 63,8%, mentre quelle che si occupano di circuiti d arte non arrivano al 40%; oltre la metà degli intervistati (57,7%) afferma di realizzare pacchetti turistici outgoing, mentre il 41,1% organizza pacchetti incoming; anche nelle prenotazioni e vendite attraverso il web prevale l attività outgoing, anche se in questo caso le differenze si riducono (rispettivamente 12,3% e 11%). In sintesi, con riferimento al turismo culturale realizzato nella provincia di Palermo, tra le 163 società intervistate, circa i due quinti sono quelle che organizzano pacchetti incoming e poco meno si occupano di circuiti d arte; poco meno di un quarto quelle che offrono anche il servizio di biglietteria per eventi culturali. Tab. 2.1 Aziende che organizzano pacchetti incoming e si occupano di circuiti d arte. INCOMING CIRCUITI D ARTE SI NO TOTALE V.A. % V.A. % V.A. % SI 27 38, , NO 37 40, , TOTALE 64 39, , Anche se la differenza indicata dalla tabella 2.1 non ha una rilevante significatività statistica sembrerebbe che le aziende che non Luglio

24 organizzano pacchetti incoming si occupino maggiormente (40,2%) di circuiti d arte rispetto a quelle che organizzano pacchetti incoming (38%). Del resto l aumento del fatturato dichiarato negli ultimi tre anni non è legato al fatto di occuparsi di circuiti turistici, anzi sembrerebbe esistere un rapporto inverso: tra coloro che dichiarano di occuparsi di circuiti d arte solo il 20,3% dichiara un aumento del proprio fatturato incoming negli ultimi tre anni, contro il 32,3% dichiarato da coloro che non si occupano di circuiti d arte. Questo dato probabilmente non indica una relazione di causa/effetto bensì che molte delle aziende più dinamiche non hanno ancora intrapreso la strada del circuito d arte continuando a sfruttare altre situazioni di business. Analizzando più in dettaglio il numero di pacchetti turistici realizzato in media negli ultimi tre anni, si ottiene un valore complessivamente modesto, il che indica come coloro che effettivamente operano come tour operator sono molto meno di quanti dichiarano di esserlo. I dati, comunque, indicano un aumento interessante di attività che conferma l aumento già registrato del fatturato: dal 2000 al 2002 gli operatori che dichiarano di realizzare pacchetti turistici quasi raddoppia, passando dal 28,8% al 49,7%; il numero medio di pacchetti sale da 117 a 197, con un incremento del 68%; il numero di operatori che realizza più di 100 pacchetti l anno passa da 19,2% a 29,6%, con un incremento nei 3 anni del 55% (tab. 2.2). Tab. 3.2 Numero pacchetti turistici realizzati, anni N. medio di pacchetti % di società che realizza pacchetti % di società che realizza >100 pacchetti ,8 19, ,4 24, ,7 29,6 Luglio

25 2.3. Orientamento al mercato e caratteristiche dei clienti Dai dati analizzati esce un quadro sostanzialmente positivo delle aziende intervistate: il buon andamento registrato negli ultimi anni, nonostante le difficoltà in cui versa il settore, sembrano essere dovute, almeno in parte, ad una certa capacità di rinnovarsi, interpretando le nuove esigenze che emergono e cercando di fornire le risposte più adeguate, magari utilizzando le opportunità offerte dalle tecnologie. In questo quadro possono essere letti i dati relativi all aumento dell organizzazione di pacchetti turistici e ai nuovi servizi web. Una conferma in questo senso è fornita dalla percezione di una clientela sempre più consapevole ed esigente, che ha chiari i propri gusti e cerca, nel contatto con l agenzia o il tour operator, la possibilità di organizzare esperienze uniche tagliate su misura. Così, nella percezione degli intervistati, circa il 42% dei clienti sono taylor made e richiedono agli operatori la capacità di seguirli contribuendo all organizzazione di un viaggio unico; un altro 27,5% richiede perlomeno di personalizzare un viaggio a catalogo, prevedendo una serie di aggiustamenti ; meno di un terzo sono quelli che si accontentano del classico viaggio a catalogo, chiavi in mano (fig. 2.3). Luglio

26 Fig Tipologia di viaggi richiesti TAYLOR MADE 20,3% A CATALOGO 20,3% PERSONALIZZATO 21,7% A CAT. CON POCHE MODIFICHE 10,1% A CAT. CON MOLTE MODIFICHE 27,5% Con riferimento alle località di provenienza dei turisti incoming nell anno 2002, vengono indicate: nel 61,3% dei casi, altre regioni d Italia, e in particolare Veneto e altre regioni del Settentrione, Emilia Romagna e Toscana. nel 58,1% altri paesi europei, con particolare riferimento a Germania, Inghilterra, Francia e Spagna e, in misura minore, alcuni paesi dell Est; nel 29% le altre province siciliane, maggiormente Catania e Siracusa; per i paesi extra-europei, che vengono indicati dal 22,6% degli intervistati, la parte del leone la fanno gli USA che sembrerebbero particolarmente affezionati alla Sicilia (fig. 2.4). Luglio

27 Fig Località di privenienza, anno ,0 60,0 40,0 61,3 58,1 20,0 29,0 22,6 0,0 SICILIA ITALIA EUROPA MONDO (USA) Motivi che spingono i turisti a visitare la provincia di Palermo sono: per il 52,8% degli intervistati la visita di monumenti, musei, siti archeologici, etc. Se si considera poi che l 11% indica tra i motivi la partecipazione a mostre, convegni, concerti e altri eventi culturali, emerge in modo chiaro l importanza del turismo culturale quale componente primaria dell attività realizzata da agenzie di viaggi e tour operator. Le altre motivazioni forti sono costituite dal turismo balneare (indicato dal 35% delle società intervistate) e dal turismo enogastronomico (21,5%). Più di nicchia sono le altre motivazioni, quali il turismo naturistico, quello legato alle tradizioni folkloristiche e quello a carattere religioso. Non molto frequenti sembrano essere i viaggi per lavoro, del tutto assenti i viaggi per la partecipazione ad eventi sportivi (tab. 2.3). Luglio

28 E da notare che se si considerano le sole motivazioni principali, le distanze aumentano e la visita a monumenti, musei, siti archeologici diventa l unica vera grande attrattiva (indicata dal 43,6 di aziende); segue molto distanziato il turismo balneare (8%), mentre tutte le altre motivazioni sono marginali. Tab. 2.3 Motivazioni del turismo incoming MOTIVAZIONE PRINCIPALE TOTALE MENZIONI visita di monum. musei, siti arc. 43,6 52,8 turismo balneare 8,0 35,0 turismo enogastronomico 0,6 21,5 partecipaz.ad eventi, mostre 1,2 11,0 turismo naturistico 0,0 8,6 sagre, tradizione, folklore 0,6 7,4 Lavoro 0,6 7,4 turismo religioso 0,0 3,7 eventi sportivi 0,0 0,0 altro 0,6 3,1 Analizzando meglio il turismo culturale, emerge con chiarezza l importanza di siti archeologici, chiese, monumenti e musei che superano tutti il 40% delle menzioni. Hanno una discreta importanza dimore storiche e castelli (20,9% di menzioni), gli eventi folkloristici (10,4%), gli antichi mercati (9,8%), le gallerie e mostre d arte (6,1%). Assolutamente trascurabile tutto il resto, ivi compresi gli eventi teatrali, Luglio

29 nonostante la presenza a Palermo di due teatri di grande importanza come il Massimo e il Politeama (tab. 2.4). Sulla base di questi dati, sembra di poter affermare che la grande attrattiva culturale di Palermo derivi più da ciò che la provincia ha ereditato dalla storia che non dalla capacità di promuovere e valorizzare eventi di richiamo. Tab. 2.4 Domanda culturale MOTIVAZIONE PRINCIPALE TOTALE MENZIONI siti archeologici 35,6 46,6 Chiese e monumenti 19,6 42,9 Musei 14,7 41,1 dimore storiche e castelli 3,7 20,9 eventi folkloristici 1,2 10,4 antichi mercati 3,7 9,8 gallerie e mostre d'arte 0,6 6,1 eventi teatrali 0,0 3,7 eventi religiosi 0,0 3,1 eventi musicali e di danza 0,0 2,4 Parchi letterari 0,6 1,8 altro 0,0 1,2 Infine, le caratteristiche maggiormente apprezzate dal turista incoming, secondo la percezione di chi ha risposto alla domanda, sembra siano soprattutto la qualità del servizio e l economicità dei prezzi e poi, un po staccate, la disponibilità di informazioni turistiche, i servizi di trasporto e viabilità. Meno importanti sembrano altri fattori quali la tranquillità e la natura incontaminata o la presenza di locali per il divertimento. Del tutto trascurabile la presenza di servizi di supporto o di strutture per portatori di handicap (tab. 2.5). Luglio

30 Tab. 2.5 Caratteristiche del servizio apprezzate MOTIVAZIONE PRINCIPALE TOTALE MENZIONI Qualità del servizio 20,9 36,8 economicità dei prezzi 17,8 33,1 disponibilità informaz.turistiche 11,0 19,6 Servizi di trasporto e viabilità 1,2 12,9 tranquillità 3,1 9,8 possibilità divertirsi (locali, etc.) 1,2 9,2 Natura incontaminata 3,1 6,7 strutture per portatori di handicap 0,0 1,8 Servizi supporto (baby-sitting, etc.) 0,0 0,6 Altro 1,2 1,8 A parere degli intervistati il valore aggiunto fornito dell agenzia/tour operator nell organizzazione del viaggio (tab. 2.6) risiede principalmente nella capacità di garantire la maggiore organizzazione dei servizi (63,2%), maggior sicurezza nella scelta delle località (43,6%) e delle strutture ricettive (33,1%) un miglior rapporto qualità/prezzo (39,3%), nonché nella capacità di fornire un orientamento e utili suggerimenti sul viaggio (27,6%). Un servizio, quello che emerge nella percezione degli interessati, di alta consulenza capace di intepretare le esigenze del cliente e di guidarlo nelle scelte più efficaci. Luglio

31 Tab. 2.6 Valore aggiunto dell agenzia/tour operator TOTALE MENZIONI maggiore organizzazione dei servizi 63,2 più sicurezza nella scelta delle località 43,6 Rapporto qualità/prezzo 39,3 più sicurezza nella scelta delle strutture ricettive 33,1 minor dispendio di tempo nell'organizzazione. 30,7 orientamento e suggerimenti sul viaggio 27,6 conoscenza personale 21,5 comunicazione di un vissuto emotivo 13,5 non conoscenza di altre modalità 2,4 conoscenza via internet 2,4 altro 1,8 Luglio

32 2.4. Stagionalità del turismo In generale la provincia di Palermo risulta avere potenzialità di attrazione turistica durante tutto l anno, anche se poi queste non sembrano essere sfruttate al meglio, se è vero, come affermano gli operatori, che nella stagione invernale, l intero settore va in letargo come i paesi più freddi, ignorando la forte risorsa che può derivare dalla mitezza del clima mediterraneo. In sostanza, lo schema dei flussi turistici è quello classico che prevede nei mesi estivi una forte prevalenza del turismo balneare, nelle stagioni primaverili e autunnali una forte prevalenza del turismo culturale e nei mesi invernali, con la sola parziale eccezione delle festività natalizie, una sostanziale stasi (tab. 2.7 e fig. 2.5). Tab. 2.7 Periodi di affluenza per turismo balneare e culturale TURISMO BALNEARE TURISMO CULTURALE mesi primaverili 4,3 46,6 mesi autunnali 3,1 28,8 Giugno 16,6 3,1 Luglio 38,0 4,3 Agosto 40,5 2,4 settembre 22,7 8,0 mesi invernali 0,0 8,0 vacanze natalizie e capodanno 0,0 4,9 vacanze pasquali 1,8 10,4 ponti per festività nazionali 1,8 6,1 Luglio

33 Fig Stagionalità turismo primavera giugno luglio agosto settembre autunno inverno TURISMO BALNEARE TURISMO CULTURALE Luglio

34 2.5. Casi d eccellenza Dal quadro che emerge, quella della provincia di Palermo è una situazione ambivalente, con molti punti di forza e molte debolezze, inserita in un contesto che offre, dal punto di vista del settore turistico, molte opportunità ma anche molti e insidiosi rischi, sia per il sistema turistico nel suo complesso che per i singoli attori che ne fanno parte 4. Un sistema che per evolvere guarda a casi di maggior successo, da cui gli operatori del settore pensano di poter trarre utili indicazioni di miglioramento. In questo senso, i modelli di riferimento sembrano essere soprattutto Parigi (15,9% di indicazioni) e Barcellona (14,1%), seguite a distanza da Roma (5,5%), Taormina (3,7%) e Rimini (3,7%). I principali fattori di eccellenza abbinati alle città indicate sono relative alla qualità, quantità e organizzazione dei servizi, alla qualità e quantità delle strutture turistiche, alla buona ricettività, ai trasporti pubblici e alle infrastrutture, alle caratteristiche dei luoghi e alla cultura. 4 A questo proposito, confrontare la ricerca Domanda e offerta di turismo culturale nella provincia di Palermo realizzata da S3.Studium nell ambito dello stesso progetto ARTE. Luglio

35 3. Il contesto di riferimento Luglio

36 3.1. Rischi e opportunità A parere degli operatori intervistati, i principali punti di forza del turismo palermitano sono costituiti dal patrimonio culturale e artistico, dal patrimonio naturalistico e ambientale, dal clima, il mare, la posizione geografica, i prodotti enogastronomici tipici e un aspetto culturale di fondo che definiscono sicilianità. Per contro, i punti di debolezza sono costituiti soprattutto dalle strutture turistiche, dalle infrastrutture e dai servizi che appaiono inadeguati a sostenere lo sviluppo dell economia locale; dalla scarsa professionalità degli operatori pubblici e privati che sembrano incapaci di gestire al meglio il processo turistico; dalla scarsa organizzazione, fruibilità e programmazione nei processi di produzione culturale e turistica, dalle carenze dei trasporti e della viabilità, e poi, ancora, dai prezzi troppo alti, dal degrado e dalla sporcizia, dalle lentezze burocratiche, dagli aspetti culturali riconducibili alla sicilianità (tab. 3.1). I punti di forza e di debolezza su cui si fonda il turismo culturale nella provincia di Palermo sono destinati a modificarsi, in funzione dell impatto con i profondi cambiamenti che interessano il contesto di riferimento. Sul fatto che il contesto stia cambiando rapidamente non ci sono dubbi, e il cambiamento, come spesso avviene, sembra incutere più ansia e timori che speranze: circa i tre quarti degli intervistati, infatti, ritiene che il contesto attuale offra più rischi che opportunità rispetto al passato (fig. 3.1). I principali rischi che vengono percepiti sono relativi ai problemi di sicurezza internazionale (guerre, terrorismo, ma anche malattie contagiose quali la SARS) e all innovazione tecnologica, in particolare, alla diffusione di internet che con le Luglio

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli