GASTROENTEROLOGIA Prof. Okolicsanyi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GASTROENTEROLOGIA 25.02.2008. Prof. Okolicsanyi"

Transcript

1 GASTROENTEROLOGIA Prof. Okolicsanyi DISPEPSIA Generalità Dispepsia (dal greco dys-pepsia, ossia "cattiva digestione") indica le diverse condizioni di difficoltà digestive caratterizzate da sintomi come inappetenza, pesantezza di stomaco, stanchezza, sonnolenza, eruttazioni, alitosi, flatulenza. Le dispepsie si possono presetare in due forme: - forme secondarie: hanno una causa precisa dei sintomi e sono soggette a miglioramento con la terapia specifica. - dispepsia funzionale: riconoscibili condizioni anormali, ma di incerta rilevanza (H Pylori, gastrite cronica, alterata motilità gastrica. La dispepsia funzionale quindi è una mal digestione, in cui non ci sono evidenti malattie. La dispepsia è una condizione che si caratterizza per dolore addominale persistente o ricorrente localizzato ai quadranti superiori dell addome, senza nessuna evidenza clinica, biochimica, endoscopia o ecografia di una malattia organica che possa giustificare i sintomi. È quindi una condizione dolorosa, con interessamento della bocca dello stomaco (modo di dire). Epidemiologia La prevalenza della dispepsia è elevata, tanto da interessare fino il 40% della popolazione generale, che si presenta affetta periodicamente o occasionalmente da questo disturbo. Di questi solamente il 25% va dal medico e 5% dallo specialista. Maggior parte di questi soggetti (60%) soffre di dispepsia funzionale e solamente nel 40% dei casi è presente una causa organica. Dispepsia funzionale Si distinguono essenzialmente 4 tipi di dispepsia funzionale: - Dispepsia non ulcerosa (ulcer like): sintomi suggestivi di ulcera, non rilevata da indagini. È alleviata dal cibo o dagli anti-acidi. Il dolore spesso è presente a digiuno e/o notturno. A differenza dell'ulcera peptica, la dispepsia non ulcerosa non migliora in modo sensibile dopo assunzione di antiacidi e di altri farmaci comunemente impiegati 1

2 nell'ulcera (anti-h2 o addirittura inibitori della pompa protonica). Il dolore è spesso caratteristico del digiuno o delle ore notturne. Da tenere presente anche le categorie di persone che presentano l ulcera ma non i sintomi (vedi anche ipersecretori). La dispepsia simil ulcerosa quindi si caratterizza per sintomi suggestivi di ulcera peptica (con gastroscopia negativa). Non presenta patogensi nota, non c è evidenza, ma richiama attenzione della ipersecrezione gastrica, no vi è conferma di infezione da helicobacter pilory che è noto dagli anni 80 da studiosi australiani. In biopsie gastriche si è documentata la presenza di questi batteri. I batteri non amano ph acido, il pilory è uno dei pochi noti che ama ambiente acido e produce ammoniaca che neutralizza acidità e ammoniaca viene eliminata dal resipiro e si fa quindi test del respiro. Vedi anche erosioni prepiloriche - Dispepsia Motoria (dismotility-like): presenta sintomi suggestivi di alterata motilità del tratto digestivo superiore. Il dolore aggravato dal cibo e la dispepsia si caratteriza per nausea, distensione addominale, eruttazioni. Nella dispepsia motoria dopo aver mangiato il paziente avverte fastidio addominale alto, aggravato da pasti con nausea, vomito, precoce sazietà, meteorismo. I sintomo lamentati dal paziente sono suggestivi di rallentato svuotamento gastrico con nausea, vomito, distensione e ripienezza postprandiale, eruttazioni, sazietà precoce. Sono soggetti nei quali c è rapporto con il sistema nervoso centrale (asse cerebro-intestinale o brain-gap-axses) [in caso di stress, non si ha tanta fame]. Pertanto prima degli eventi stressanti è consogliabile strare leggeri. Gli eventi patogenetici sono abbastanza documentati come lo stress, fattori psico-sociali, la dieta. Lo stress quindi altera la funzionalità gastrointestinale. Anche la dieta ha una sua funzione, anche se è da dimostrare la relazione tra dieta e dispepsia. Un altro fatto importante sono le alterazioni ormonali (colecistochinina, prolattina, gastrina). - Dispepsia Biliare (biliary-like): sintomi suggestivi di litiasi della colecisti o delle vie biliari spesso non rilevata. - Dispepsia non specifica: sintomi non inquadrabili nelle categorie precedenti. La patogenesi della dispepsia simil-motoria comprende diversi fattori: - Motilità e tono gastrico: è ancora da dimostrare una relazione causale tra alterazione motoria del tratto gastrointestinale prossimale e dispepsia funzionale. - Attività mioelettrica : la prevalenza di tali alterazioni nella dispepsia simil-disfunzione motoria rimane sconosciuta. - Alterazioni ormonali: alterazioni degli ormoni circolanti (motilina, colecistochinina, prolattina, gastrina) possono essere importanti 2

3 - Soglia di percezione: i pazienti con dispepsia funzionale hanno una soglia del dolore ridotta - Stress/ fattori psicosociali: fattori stressanti acuti può alterare la funzione gastrointestinale. È presumibile che l intestino di un soggetto sensibile possa reagire più energicamente ad un evento stressante - Dieta: è da dimostrare una relazione tra dieta e dispepsia funzionale simil-motoria Dispepsia simil-reflusso Quando si parla di reflusso il primo sintomo è la pirosi retrosternale bassa oppure gastrica alta. La pirosi si manifesta quando il paziente si allaccia le scarpe, raccoglie oggetti da terra, dopo pasti voluminosi oppure quando il paziente si mette in posizione supina dopo i pasti. È un dolore epigastrico urente alto, il rigurgito gastrico è sia di tipo acido che alimentare, accompagnato da sensazione dolorosa che arriva fino alla gola, in genere quando il soggetto è a digiuno o in seguito a pasti stimolanti la secrezione. Quindi si assiste ad un aggravamento dei disturbi con i pasti. Altro fattore scatenante sono le bevande calde. La dispepsia simil reflusso compare ciclicamente e viene accompagnato ad un aumento di peso che in età adulta si traduce in eccesso di calorie con conseguente deposito di adipe attorno ai fianchi, con ripercussione sui visceri. Da tenere presente che anche i FANS si associano a dispepsia simil-ulcerosa, ma molto frequentemente causano gastrite, ulcera, emorragie (vedi teofillina). Latre cause di dispepsia comprendono patologie come il diabete mellito, patologie tiroidee, paratiroidee. La dispepsia simil-reflusso presenta regressione temporanea del bruciore retrosternale con gli antiacidi ed è caratterizzato da riacutizzazioni cicliche. La dispepsia funzionale quindi può essere simil ulcerosa, simil motoria e aspecifica poi possiamo avere anche il reflusso gastroesofageo e il 3 cerchio con la a sindrome del colon irritabile (non riconosce una malattia organica). Spesso i cerchi si sovrappongono l uno con l altro e quindi molto spesso difficilmente distinguibili e spesso coesistenti, in quanto possiamo aver dispepsia simil ulcerosa e nello stesso tempo colon irritabile. Nel colon irritabile la dispepsia presenta spesso i seguenti sintomi: - scomparsa del dolore dopo l evacuazione - feci molli in presenza del dolore - aumentato numero di evacuazioni in presenza del dolore - distensione addominale - emissione di muco per via rettale - senso di evacuazione incompleta 3

4 Condizioni associate alle dispepsia a) Alterazioni organiche del tratto gastrointestinale - ulcera peptica - reflusso gastro-esofageo - patologie del sistema biliare - gastriti, duodeniti - neoplasie b) Farmaci - FANS - Antibiotici orali - Digitale - Teofillina c) Disordini Metabolici - Diabete mellito - Patologie tiroidee - Iperparatiroidismo - Anormalità elettrolitiche d) Altro - ischemia coronarica - collagenosi Diagnosi di dispepsia La diagnosi procede per esclusione (bisogna escludere malattie organiche, cancro, ulcera peptica, esofagite). È determinane un anamnesi accurata. Le indagini di primo livello sono: - endoscopia - ecografia addome superiore - esofagogastroduodenoscopia (EGDS) con biopsia (per escludere gastriti, duodeniti, ulcera peptica, neoplasia). È utile anche uno studio radiologico delle prime vie digerenti per valutare la motilità in generale e lo svuotamento gastrico in particolare. 4

5 Indagini di secondo livello sono: - manometria - ph metria esofagea - studio scientifico dello svuotamento gastrico mediante pasto con Tc99 - test per le allergie alimentari - manometria gastrointestinale che consente di registrare l attività motoria dell antro e della prima parte del tenue. Terapia Per la terapia sono utili alcuni accorgimenti dietetici in associazione con la terapia farmacologia. Bisogna abolire il fumo, alcolici e il caffè ed evitare cibi grassi che rallentano lo svuotamento gastrico, soprattutto nella forma simil-motoria. Nella forma simil-ulcerosa andranno evitati gli alimenti che stimolano la secrezione acida (brodo di carne e verdure, coca cola, succhi di frutta). La terapia si avvale di antiacidi e antissecretori nella DF simil ulcerosa, di procinetci nella DF simil-motoria e di entrambi nella simil-reflusso. Nella DF simil-biliare consigliata la terapia con i sali biliari. In caso di recidive si allarga l indagine diagnostica mediante l esame dello svuotamento gastrico e la ph metria gastroesofagea. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE (IBS) Generalità ed epidemiologia La IBS è una condizione patologia funzionale dell intestino caratterizzata da dolore addominale associato a sintomi gastroenterici di varia intensità, quali meteorismo e tenesmo, con un alternanza cronica di stipsi e diarrea. È una patologia molto importnate in quanto è motivo più frequente di visita specialistica (30% circa) e di conseguenza ha una elevata spesa sanitaria ed elevate assenze lavorative. La IBS interessa circa il 15-20% popolazione adulta occidentale (F> M) Criteri diagnostici di ROMA III La IBS si caratterzza per dolore o fastifio (meglio discomfort, non dolore) addominale ricorrente per almeno 3 giorni al mese negli ultimi 3 mesi associato a 2 o più dei seguenti sintomi: - scomparsa dolore dopo evacuazione. Il dolore addominale si presenta crampiforme, spesso localizzato ai quadranti laterali, di lieve-media intensità, anche e talora, per la 5

6 notevole dolorabilità, la diagnosi differenziale deve esser osta con altre forme di algie viscerali (tipo colica). Il dolore è spesso alleviato dalla defecazione - esordio associato ad alterazione della frequenza dell alvo - esordio associato ad alterazioni della consistenza delle feci Questi criteri devono essere soddisfatti per gli ultimi 3 mesi con esordio almeno 6 mesi prima della diagnosi. La IBS si caratterizza quindi per: - feci molli in presenza del dolore, alvo stitico e diarroico che s alternano - aumentato numero di evacuazioni - distensione addominale - emissione muco al termine defecazione - senso di evacuazione incompleta - scomparsa de dolore dopo esser andati di corpo (NB) Oltre a disturbi prevalentemente gastrenterici, i pazienti con IBS presetano talora sudorazione, specie se palmare, vertigini, malessere vago e, dal punto di vista psicoemotvo, insicurezza, ansia, depressione ed eccessiva preoccupazione. L obietività di questo paziente può essere negativa: spesso è presente dolorabilità diffusa alla palpazione addominale, con la sensazione di corda colica (irrigidimento di alcuni tratti del colon, specie in fossa iliaca o sx o dx) che è presente in altre condizioni o totalmente assente ma in genere i soggetti lamentano la sensazione di dolorabilità in fosse iliaca sx. Talvolta sono obiettivabili distensione addominale e una peristalsi intestinale accelerata o anche rallentata. È importante l esecuzione dell esplorazione rettale, che può evidenziare un ipertono dello sfintere anale, con presenza o meno di emoroidi, ma che esclude la presenza di lesioni organiche. Clinica È possibile distinguere 3 sottogruppi di pazienti: - prevalente dolore e stipsi - prevalente diarrea - quadri misti Dispepsia funzionale vs IBS Dispepsia funzionale Dolore IBS Dolore 6

7 Bruciore Digestione lenta Nausea Ripienezza Fastidio ( discomfort ) Gonfiore Gonfiore Stipsi Diarrea Alvo Alterno Guardando la tabella bisogna tener conto che le due forme non sono nettamente separate in quanto sono presenti anche forme misti. Per quanto concerne l eziopatogenesi della malattia, questa non è nota, anche se di base vi è un disturbo della motilità intestinale. Recentemene si è visto che nei soggetti con IBS, la depolarizzazione cicilica delle miocellule aumenta di frequenza, evenienza che si realizza nei quadri caratterizzati sia da stipsi sia da diarrea. Gli stress emotivi accrescono la motilità intestinale nel soggetto normale, ma soprattutto nei soggetti con IBS. Il paziente con IBS infatti presenta particolare emotività ed è più sensibile rispetto alla norma nei confronti di tensioni emotive anche comuni, derivanti per esempio da situazioni familiari o lavoartive. Inoltre paziente con IBS vertono più facilmente una distensione del colon provocata da insufficienza diarrea, rispetto ai soggetti sani. È presumibile pertanto che per tutte le alterazioni funzionali dell intestino, i pazienti presentino una soglia di sensibilità più bassa rispetto ai soggetti normali. È frequente l osservazione di più casi di IBS nella stessa famiglia: sono pertanto presumibili anche fattori genetico-familiari nel manifestarsi di questa sindrome clinica. I fattori eziopatogenetici sono quindi molteplici: - alterazione flora batterica: può essere dovuta alla diminuzione del Bifidobacterium e aumento di Enterobatteriace. Altro fattore è la instabilità della compiszione della microflora intestinale con una maggiore overgrowth batterica nel piccolo intestino (Breatth test al lattulosio). In questi pazienti vi è un beneficio con il trattamento antibiotico. - fattori genetici/familiari - stress: lo stresso viene definito come una situazione che minaccia l'omeostasi o il benessere dell'organismo e produce una reazione difensiva (CRF ACTH Catecolammine Glucocorticoidi) - aumento sensibilità viscerale: vi è maggior sensibilità nei soggetti con IBS rispetto a quelli normali. 7

8 - traumi psichici: modelli sperimentali (brain-gut-axsis) hanno dimostrato aterazione della motilità, aumetno della secrezione con conseguente dolore, gonfiore, diarrea e stipsi. Gli esordi spesso coincidono con un evento stressante (perdita affettiva, lavorativa), cambiamento improvvisi abitudini vita, storia di pregressi traumi psicofisici (IBS dopo molti anni), abusi sessuali (ca 30-40% pz con IBS in USA ), reduci campi concentramento, interventi chirurgici con impatto psicologico (10 % donne dopo isterectomia). È chiaro però che la IBS NON deve essere intesa come indicativa di esperienze trauamtiche. - infezioni GI (30% post-infettivo): in caso di parziale risoluzione del processo flogistico potrebbe persistere un basso grado di infiltrato infiammatorio che porterebbe ad alterazioni funzionali della mucosa (secrezione),a lterazioni perissiteni del sistema nervoso enterico e quindi della motilità e sensibilità viscerale. La IBS post-infettiva interessa il 30% dei casi. Gli agenti infettivi comprendon prevaletemente Campilobacter, Shigella, Salmonella e agenti virali. Il quadro clinico si caratterizza per diarrea, gonfiore, dolori dominali. Sono più colpite in genere soggetti di sesso femminile. Altri fattori di rischio comprendono la lunga diarrea, assenza di vomito e tratto ansiosi. La storia naturale si caratterizza per una guarigione in 6 anni del 43% dei pazienti. Diagnosi La diagnosi si basa prevalentemente sulla raccolta anamnestica dei disturbi lamentati dal paziente, il quadro obiettivo (solo corda colica) conferma il sospetto diagnostico. Altri elementi sono importanti come l assenza di febbre, dimagrimento, anoressia, diarrea notturna e rettorragie, che escluderebbero una patologia organica del tratto GI. Oltre all anamnesi e all esame obiettivo si deve far ricorso ad esami ematochimici di routine, un esame chimico e parassitologico delle feci e la ricerca di sangue occulto. La diagnosi quindi è clinica o di esclusione (Roma III) ma bisogna fare attenzione ai sintomi e segni di allarme: - età >40 - insorgenza recente - sangue nelle feci - febbre - vomito - sintomi notturni - calo ponderale 8

9 - familiarità In presenza dei suddetti sintomi bisogna sempre approfondire l iter diagnostico per indagare meglio la situazione del paziente. In caso di sospetto di patologia organica si ricorre prima di tutto all ecografia addome superiore e/o all endoscopia esofagogastroduodenoscopia che porteranno in evidenza eventuali problematiche organiche (quindi si può entrare nel concetto della dispepsia funzionale). La colonoscopia con biopsia va sempre eseguita per una diagnosi differenziale con la colite ulcerosa o altre patologie organiche interessanti il colon. Un esame radiologico con mdc delle vie digestive superiori e anche del tenue va eseguito ne sospetto di un morbo di Crohn. In caso di dispepsia bisogna definirla in termini funzionali. Nella smil-ulcerosa si da una anti acido o bloccante dei recettori H2 o viceversa un inbitore della pompa protonica o si somministrano pro cinetici cioè farmaci che stimolano la motilità o contrattilità dello stomaco. I procinetici sono un argomento difficile per via di una pubblicazione che documentava due casi di morte, farmaco che andava comunque benissimo. Il farmaco ora esistente da meno soddisfazioni terapeutiche. Per quanto cncerne gli esami bioumorlai sono da richiedere: - l emocromo con formula (normale) - indici di flogosi come VES, PCR (neg) - sideremia (normale) - IgE e RATS in caso di allergie (neg) - Anti-trans-glutaminasi (neg). Appaiono negativi o nomali anche l esame colturale e parasitologico dele feci, test permeabilità intestinale e test intolleranza al lattosio. Terapia e prognosi La terapia non è soddisfacente e vi sono recidive precoci allora dobbiamo allargare gli esami: svuotamento gastrico, ph metria e se remissione trattiamo i paziente finche non scompaiono e trattiamo periodicamente. La IBS non modifica l aspettativa di vita anche se si tratta di una patologia cronica con periodiche remissioni ed esacerbazioni. Anche se mancano conferme, sembra che la SCI migliori nel tempo: è risaputo infatti che oltre i 60 anni la prevalenza dei sintomi tipo SCI sia meno frequente che in età giovane-adulta. 9

10 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Generalità Il reflusso gastroesofageo, cioè il passaggio retrogrado di piccole quantità di contenuto gastrico dallo stomaco all esofago in seguito i pasti. È un argomento quotidiano che nell ambulatorio del medico di base si presenta frequentemente. Il reflusso gastroesofageo costituisce nei limiti un fenomeno fisiologico, specialmente durante e dopo i pasti e se gli episodi sono contenuti per numero e durata, generalmente non producono conseguenze. In questi casi il reflusso è asintomatico e di breve durata. I bambini hanno una condizione simile che è il rigurgito, in quanto nei bambini, soprattutto nei lattanti, abbiamo un esofago piccolo, (il bambino si presenta tutto piccolo e con la testa sproporzionatamente grande).i bambini quindi hanno esofago corto, stomaco piccolo e mangiano molto (ingordi), ingerendo una quantità superiore ai 150ml a poppata). Nei bambini quindi al termine dell allattamento abbiamo in misura variabile un reflusso dovuto a diversi fenomeni: - esofago ed uno stomaco piccoli - latte materno molto grasso - sfintere esofageo inferiore non completamente formato. Malattia da reflusso gastro-esofageo (GERD) La condizione fisiologica però può tramutarsi in condizione patologica qualora il contatto del contenuto gastrico con l esofago si prolunghi nell arco delle 24h, accompagnandosi con manifestazioni caratteristiche del reflusso che con il passare del tempo possono portare ad alterazioni anatomo-patologiche (lesioni della mucosa) a carico della mucosa esofagea. In questo caso non si parla più di reflusso fisiologico ma di malattia da reflusso gastoesofageo (GERD). L epidemiologia della malattia è difficile da valutare, si stima una incidenza del 2-4% con 4.5/ casi sopra i 40 anni. Si parla pertanto di malattia da reflusso gastro-esofageo quando la situazione fisiologicamente presente si accompagna a sintomi documentabili. Il sintomo tipico è quando il soggetto manifesta bruciore retrosternale (pirosi) e rigurgiti. I rigurgiti ci sono anche negli adulti come nel lattante, ma in questo caso viene rigurgitato anche il cibo venuto a contatto con l acidità gastrica. Per quanto concerne i sintomi del GERD, questi si osservano nel 5-45% della popolazione e sono presenti in più del 50% dei pazienti con sindrome dispeptica. Uno dei sintomi più importanti è dato dalla pirosi gastrica che migliora con l assunzione di cibi, ma soprattutto con farmaci antiacidi. Altro sintomo è il dolore retrosternale, disfagia ed il reflusso acido. La pirosi si accompagna a danno esofago documentabile endoscopicamente. Lo spettro dei sintomi può essere: 10

11 - sintomi tipici accompagnati da esofagite - sintomi atipici gli atipici (no esofagite) - oppure direttamente da sintomi oltre che accompagnati da sintomi tipici portano ad eventi complicativi fino all esofago di Barrett, cioè condizione precancerosa. I sintomi atipici comprendono i sintomi: - toracici: dolre toracico simil-anginoso. Un dolore toracico, più alto vicino allo sterno. È uno dei punti chiave per diagnosi differenziale con angina e qui quindi vediamo se scompare con antiacido. - polmonari: asma, tosse cronica, bronchite cronica, polmoniti ricorrenti. Nell asma si deve valutare la patogenesi. L esofago e la trachea viaggiano insieme e terminano nella faringe-laringe e l aria facendo sifonaggio può tirare verso l alto il secreto acido fino alle corde vocali penetrando nelle vie respiratorie superiori e dando in questo modo irritazione incredibile sulla laringe con successivamente una bronco-costrizione riflessa e aumentata reattività bronchiale. l asma di per se si presenta piena di fischi, sibili e quindi facilmente questi malati finiscono in pneumologia piuttosto che in gastroenterologia. - digestivi: sciallorrea, disfagia, odinofagia, singhiozzo - otorinolaringoiatri: raucedine, faringo-laringite cronica, globo farigeo, disfagia alta - vari: erosioni dentali, anemia. È importante tenere presente che le manifestazioni extraesofagee (sintomi atipici) possono talora costituire l unica modalità di presentazione clinica di MRGE: questo dato è di estrema importanza ai fini di un corretto inquadramento diagnostico per poter seguire il giusto iter terapeutico. Fisiopatologia ed eziopatogenesi - cause anatomiche di reflusso I meccanismi fisiopatologici del GERD si correlano con un alterazione della barriera anatomica o funzionale a livello della giunzione gastroesofagea. L eziopatogenesi è quindi di tipo multifattoriale, in cui si contrappongono fattori aggressivi e difensivi di tipo anatomico e funzionale. Le cause principali di GERD comprendono: - anatomiche: ernia iatale - patologiche: collagenopatie, amiloidosi, malattie endocrine, diabete; - comportamentali: fumo (il catrame che non ha effetto sul reflusso ma è la nicotina il responsabile, ma il catrame è responsabile di carcinoma del polmone dove si deposita nell interstizio polmonare). È un fatto documentato epidemiologicamente e si è visto 11

12 anche che a distanza di 10 anni dall ultima sigaretta questa risulta ancora potenzialmente cancerogena). Altre sostanze aggressive sono la caffeina e l alcol (l etanolo ha un effetto diretto lesivo sulla mucosa esofagea-gastrica). Da tenere presente che quando il soggetto è un abbondante bevitore di vini frizzanti il danno è maggiore rispetto al bevitore di vini fermi in quanto e le bolle del prosecco fanno in modo che aumenti la superificie di contatto tra contenuto delle bolle cioè alcol, portando ad un assorbimento maggiore e quindi ad un effetto lesivo maggiore. Anche la cioccolata ha effetto lesivo in quanto contiene cacao che ha effetto sullo sfintere esofageo inferiore (peggio ancora se si tratta di cioccolato al latte che è ricco di grassi). Anche le bevande gasate, in quanto acide, sono dannose. Altra sostanza che aumenta l acidità gastrica è la menta; alcuni soggetti consumano mentine per migliorare l alito da reflusso e la mentina che da senso di fresco e funge da farmaco e come tutti gli altri balsamici ha effetto farmacologico sullo sfintere inferiore e quindi più mentine si mangiano e peggio si sta - addominali: obesità, ascite, lesioni organiche, gravidanza. - chirurgiche: miotomia - farmaci: miorilassanti, miolitici, anticoloienrgici, broncodilatatori (teofillina), ormoni come progesterone. I broncodilatatori infatti peggiorano il quadro clinico in quanto favoriscono il rilassamento dello sfintere inferiore con rigurgito. Meccanismi La gravità del RGE è direttamente proporzionale al ph, alla quantità e al tempo di contatto del materiale refluito con la mucosa esofagea, e inversamente proporzionale alla capacità di clearing dell esofago, che dipende a sua volta dalla peristalsi e dal ph e volume salivare. I meccanismi importanti quindi sono: - difesa della mucosa: le difese della mucosa comprendono difese pre-epiteliali (strato di muco, di acqua e bicarbonati), difese epiteliali (membrane con giunzioni cellulari, muco e lipidi intracellualri, tamponi intracellualri e meccanismi di riaparazione cellsualre) e difese post-epiteliali (fluso ematico che garantisce apporto di ossigeno, bicarbonato e nutrienti e allontana CO2, H+, prodotti metabolici cellualari); - capacità di clearing: si intende la capacità di pulizia ovvero la cpacità di passaggio del contenuto dell esofago allo stomaco attraverso lo sfintere esofageo inferiore. La capacità di clearing è favorita dalla gravità, peristalsi flusso di saliva e bicarbonato salivari, bcarbonati secreti dalle ghiandole dela mucosa esofagea. 12

13 - cattiva funzione dello sfintere esofageo inferiore: lo sfintere è un muscoletto che ha la funzione di chiudere la comunicazione del fondo gastrico; in condizioni normali si dice che è patente cioè completa la perfetta chiusura di comunicazione tra stomaco ed esofago. Se ci si mette con la testa in giù dopo mangiato non si ha rigurgito, ma se prendiamo il lattante viene fuori tutto in quanto non ha la funzione dello sfintere patente cioè tonico manca il tono giusto. Da tenere presente i paziente con GERD possono presentare anche un tono sfineteriale normale e rilasciamenti transitori dello sfintere nell arco della giornata sono presenti in % significativamente maggiore. La cattiva funzione dello sfintere può dipendere da una attività motoria alterata, pressione diminuita oppure può essere una causa anatomica dell esofago stesso. Da tenere presente che ad una pressione dello SEI < 6 mmhg si ha una camera aperta fra stomaco ed esofago che determina un reflusso libero che può essere anche di durata apprezzabile e che si può evidenziare con la ph-metria delle 24 ore. - fattori gastrici come un rallentamento dello svuotamento gastrico, eccessiva distensione dello stomaco in seguto a pasti abbondanti, eccessiva secrezione cloridropeptic - alterata motilità esofagea I quadri clinici ed endoscopici possono essere molto variabili in virtù della differente resistenza e sensibilità della mucosa esofagea all acido nei diversi soggetti. Il GERD inizia un circolo vizioso che nasce da uno sfintere da LES incompetente cioè lo sfintere non garantisce una chiusura perfetta e quindi causa il reflusso e questo è un evento classificato quasi fisiologico fino ad un certo punto. Se il reflusso si associa ad un evento ritardato di clearing inteso anche come svuotamento abbiamo più possibilità di reflusso (questo peggiorerà l evento del reflusso). Il fattore patogenetico fonadamentale della malattia del RGE è la presenza di acdo e pepsina a livello della mucosa esofagea, ma nel materiale refluito possono essere presenti anche bile, succo pancreatico e lisolectine (nocivi per l epitelio dell esofago). In questi casi si parla di reflusso misto. L esposizione all acido è considerata patologica quando il ph esofageo è inferiore a 4. L universo dei pazienti con MRGE è paragonabile a un iceberg, di cui una gran parte rimane sommersa e quindi risulta di difficile riscontro e quantificazione sia da parte del MMG che dallo specialista. Solo una piccola parte dei pazienti (la punta dell iceberg) viene adeguatamente inquadrata, generalmente quando il quadro clinico si presenta già aggravato, se non addirittura compromesso. 13

14 La maggior parte dei pazienti che presentano sintomi occasionali e che non fa ricorso al medico tende ad autoprescriversi una terapia (antiacidi): in questi soggetti l intensità dei sintomi è tale da non interferire con la conduzione di una vita normale e quasi mai sarà necessario un controllo clinico-strumentale. Una parte di pazienti che presentano sintomi più consistenti ricorre al MMG (terapia con antiacidi o con H2-antagonisti o con modifiche dello stile di vita) che si riserva una valutazione diagnostica solo per i pazienti che non rispondono alla terapia. Clinica Quando il contatto della mucosa esofagea con il materiale refluito si prolunga nel tempo, si verificano alterazioni a carico delle giunzioni intracellulaulari (tight junctions) delle cellule esofagee. L apertura degli spazi intrercelualri permette all acido cloridircio, pepsina e bile di giungere a contatto con le fibre nervose sensitive della mucosa esofagea, determinando pirosi e dolore. Il progressivo insulto da parte di queste sostanze provoca edema, danni cellulaulari e infiltrazione di neutrofili nella mucosa, a cui fanno seguito, nel tempo complicanze qauli ulcere, fibrosi (stenosi) e alterazioni dell epitelio mucoso (metaplasma colonnare o esofago di Barrett). Da tenere presente che nella maggior parte dei casi i sintomi sono lievi e santurari e nell ambito della sintomatologia tipica si descrivino: - pirosi (bruciore retrosternale soprattutto al terzo inferiore dello sterno) - rigurgito (90% dei casi) - dolore epigastrico (20%) -nausea, eruttazioni, meteorismo, disfagia, digestione lenta, senso di tensione epigastrica. I sintomi atipici (extraesofagei) sono tosse notturna, asma, dolori pseudoanginosi, faringite, odinofagia, laringite, ooalgie, dolori gengivali. Complicazioni del reflusso Una delle complicanze è la esofagite che sulla base del reperto endoscopico viene suddiviso in 4 stadi di gravità: - I: iperemia e edema. Nessuna lesioni - II: ulcerazioni della mucosa, erosioni longitudnali non confluetni - III: rigidità parietale. Erosioni longitudinali confluenti che occupano tutta la circonferenza. - IV: stenosi; esofago di Barrett, caratterizzato da trasformazione del epitelio squammoso della mucosa esofagea in epitelio colonnare metaplastico, più resistente al continuo stimoloirritativo acido. Tale trasformazione, riscotrata in una % che oscilla dal 3-7% dei pazienti con GERD che riferiscono segmenti di mucosa colonnare della lunghezza di 14

15 oltre 3cm al di sopra della linea Z di giunzione esofagogastrica. Viene considerata come una lesione precancerosa. La regressione dell epitelio di Barrett in seguito a terapia medica o chirurgica è stata osservata in casi rarissimi. Si stma che il rischio annuale del adenocarcinoma dell esofago in pazienti con Barrett sia dello 0,5%. La esofagite da reflusso a sua volta può dare luogo ad importanti complicazioni come: - Stenosi (4-20%) - Esofago di Barrett (8-20) = metaplasia intestinale - Emorragie (<5%) - Perforazione (<1%) Per quanto concerne l incidenza della malattia, questa è difficile valutazione. L incidenza si calcola che sia fino al 6% in USA. Si parla di malattia da reflusso accompagnato da eventi tipici come esofagite, ma qui abbiamo un altro punto. Più avanti si va con gli anni e più la popolazione aumenta in quanto con l età aumenta l obesità, uso di farmaci (vedi artrite artrosica con cronico contatto di due capi ossei dove sono consumati componenti di contatto erosi con conseguente dolore e processo infiammatorio su evento degenerativo già esistente). Storia naturale della malattia da reflusso GE Dopo aver documentato l evento tanti anni prima, la maggioranza dei soggetti continua ad avere i disturbi, sintomi e fa suo di antiacido e questo condiziona la qualità di vita. Crica il 2/3 dei pazienti seguiti per 10 anni continua ad avere sintomi e circa la metà continua ad assumere antiacidi Diagnosi La presenza dei sintomi tipici è patognomica di GERD e se vi è la scomparsa dei sintomi in seguito alla sommnistazione di farmaci inibitori della pompa protonica, allora si conferma la diagnosi. In caso di mancata risposta al test, di sintomi atipici o di una sintomatologi non ben definita, si deve far ricorso ad altre indagini come: - Esame radiografico con bario delle prime vie digestive: non è di prima scelta perché poco sensibile e specifico per evidenziare le elsioni mucose fini. - Esogastroduodenoscopia (EGDS): permette di visualizzare la presenza di esofagite e di deninirne il grado, così come di individuare la presenza di un ernia iatale o di complicanze. A biopsia esofagea permette di precisare meglio la flogosi della mucosa. 15

16 L esecuzione di una EGDS è indicata per pazienti con età superiore ai 50anni,è l esame più specifico per l esofagite. - ph metria esofagea: permette la registrazione del ph esofageo durante 24 ore mediante un sondino nasoesofageo, confermando quindi obiettivamente la presenza o meno di acido. La specificità e la sensibilità sono del 90%, ma la sensibilità scende al 70% in caso di GERD senza esofagite. La ph-metria è indicata per i sintomi tipici (in assenza di esofagite9, pre-post interventi e nei sitomi atipici (ORL, BPN, e cardiologici). - Scintigrafia esofagea: non viene usata come esame di routine, se non per valutare il reflusso biliare (scintigrafia con HIDA). Permette di valutare anche l esistenza di reflusso, il tempo di svuotamento dello stomaco e la presenza di inalazione di materiale refluito dal tubo digerente alle vie aeree. Poco utilizzata in pratica clinica. - Test di per fusione acida (Bernstein): si perfonde la mucosa esofagea con soluzione di acido cloridrico diluito per riprodurre i sintomi di GERD (viene usata raramente). - Monometria esofagea: consente di valutare la pressione dello sfintere esofageo inferiore, che però è molto variabile in questa popolazione di paziente. Una pressione molto bassa (<5mmHg) ha un valore prognostico sfavorevole riguardo all evoluzione. Si tratta di una metodica non di prima scelta, ma necesaria prima di un intervento chirurgico antireflusso. Per quanto riguarda la motilità dell esofago ci sono tre eventi: a) evento tonico: capacità mantenere un certo grado di contrazione attraversoimpulsi nervosi continui b) evento fasico: alternanza di fasi di rilasciamento ovvero transitorie inibizioni del tono basale c) evento peristaltico: contrazioni he si propagano in senso oro-aborale con contrazioni: - primaria: post-deglutitoria - secondaria: indotta dalla distensione meccanica/clearing - terziaria: contrazione stazionarie non propagate. Complicanze dell esofagite Come già detto prima le complicazioni comprendono la stenosi, esofago di Barett, emorragie e perforazioni (rare). La stenosi è data dalla connettizzazione, cioè da processo riparativo. Il Barrett invece è un evento precanceroso, praticando l istologia si nota trasformazione del tessuto esofageo con tessuto come metaplasma intestinale, dovuto a guarigione anormale della mucosa esposta ad ambiente acido in quanto la cellula 16

17 staminale si differenzia male in epitelio colonnare. Ma questo non basta ci deve essere anche predisposizione genetica, fattori ambientali e reflusso duodeno- gastrico. Il contenuto duodenale è basico in quanto abbiamo bicarbonato del pancreas e anche la bile. Quindi bile e succo pancreatico hanno contenuto alcalino e la mucosa gastrica non è preparata per l alcalinità che erode. Se c è continua secrezione di bile continua (com nei colecistectomizzati che buttando fuori la bile). Si verifica anche quando soggetto mangia cibi grassi che stimolano la colecisti, bile e pancreas e il reflusso duodeno gastrico è un evento devastante e la metaplasma si può associare alla displasia e neoplasia che verranno trattati in seguito. Classificazione dell esofagite L esofagite viene classificata sulla base del riscontro endoscopico. Esistono numerose classificazioni endoscopiche; quelle più usate sono quella di Savary-Miller e quella di Los Angeles che suddividono l'esofagite in quattro gradi. Clasifciazione di Savary-Miller - 0 grado: nessuna lesione - 1 grado: edema, iperemia, erosioni puntiformi non confluenti. - 2 grado: erosioni confluenti che non interessano l'intera circonferenza dell'esofago. - 3 grado: erosioni diffuse all'intera circonferenza dell'esofago. - 4 grado: ulcera, stenosi ed esofago di Barrett. Classificazione secondo il sistema di Los Angeles Una o più lesioni della mucosa di lunghezza non superiore ai 5mm nessuna delle quali si estende tra più apici delle pliche mucose Una o più lesioni della mucosa di lunghezza superiore ai 5mm nessuna delle quali si estende tra più apici delle pliche mucose Lesioni della mucosa che si estendendono tra due o più apici delle pliche mucose ma non oltre il 75% della circonferenza esofagea Lesioni della mucosa che si estendendono per almeno il 75% della circonferenza esofagea. Terapia Gli scopi che si prefigge la terapia sono: - la scomparsa dei sintomi 17

18 - guarigione delle lesioni - prevenzione delle recidive La terapia quindi si avvale di: - regole igenico-dietetiche - antiacidi e protettori della mucosa - procinetici stimolanti la peristalsi esofagea e gastrica - inibitori della produzione di acido - terapia chirurgica antireflusso: si pratica la funduplicatio secondo Nissen che utilizza il fondo gastrico, facendolo ruotare di 360 attorno all esofago per ricostruire un meccanismo a valvola tale da impedire il reflusso. In caso di stenosi grave o di esofago di Barrett con focolai di displasia grave può rendersi necessaria una resezione esofagea. Prof. Fabris PATOLOGIE FUNZIONALI DELL INTESTINO Generalità Le patologie funzionali dell intestino hanno diversi aspetti in comune con le dispepsie, vanno quindi a completare l aspetto di queste patologie. Le patologie funzionali dell intestino sono sindromi cliniche ad andamento cronico ricorrente in assenza di alterazioni strutturali evidenti. Quindi l unico elemento che caratterizza la loro sintomatologia clinica è l andamento cronico ricorrente, quindi non acuto. Obiettivi: - epidemiologia e basi fisiopatlogiche delle patologie funzionali dell intestino - individuare percorsi dell intestino - Faremo un cenno anche alla terapia, non fondamentale. Di fronte al paziente con sintomatologia gastro-enterologica l approccio è il seguente: - Storia: deve essere completa e dettagliata ed è uno dei capisaldi del percorso diagnostico. - A differenza di altri tipi di anamnesi il paziente va lasciato parlare, non bisogna essere pressanti anche se ciò che ci riferisce non è importante e le domande eventualmente come formulazione come sospetto diagnostico vanno poste in un secondo momento. 18

19 - Tutti i sintomi gastroenterologici possono essere causate non solo da malattie gastrointestinali ma anche da malattie sistemiche con interessamento GI e quindi si ha uno sfondo internistico. Altra cosa importante è il linguaggio che viene usato e bisogna metter in conto che il paziente non riferisce i sintomi come li abbiamo letti. Da mettere in conto che se si lascia parlare il paziente ma bisogna guidarlo per estrarre i dati che ci interessano. Il dolore di stomaco può essere: - retrostrenale - epigastrico - paraombellicale Hanno significato tra loro diverso. Percorso clinico diagnostico È importante come detto l anamnesi che deve essere dettagliata. Poi una cosa importante è nell ambito della sintomatologia individuare o chiedere quelli che sono i segni di allarme che ci indirizzino verso patologie organiche anche gravi. Il paziente spesso è disturbato, è sofferente. È importante anche attenzione ai farmaci, da chiedere sempre tra le domande iniziali. Poi anche la dieta è importante e le abitudini voluttarie come il fumo, bevande alcoliche, caffè. Poi per ultimo importante è la stroia, cioè anamnesi patologica prossima e l età del soggetto. Dolore addominale Il dolore addominale è un sintomo difficile in quanto è molto vario e complesso. Possiamo avere dolore addominale acuto quando insorgenza risale a poche ore o al massimo al giorno prima che si distingue dal dolore addominale cronico, sintomo che viene sopportato meglio. Condizione peculiare che bisogna riconoscere è addome acuto cioè chirurgico che ha una serie di manifestazioni a se stanti, dolore del tutto peculiare. Poi vanno distinti due altri tipi di dolore: - dolore viscerale, sordo, mal localizzato - dolore riferito all addome da parte di altri organi come i dolore epigastrico in corso di infarto mioacrdico acuto della parete infero diaframmatico. 19

20 Dobbiamo raccogliere alcune informazioni per distinguere se il dolore è di interesse chirurgico come la scomparsa dell aia ottusità epatica per quadro perforato, peristalsi meccanica in caso di occlusione meccanica; dobbiamo sapere distinguere dall addome acuto. Importante è il dolore in relazione con cibo e turbe dell alvo, cioè come sono le abitudini intestinali e come sono variate, quindi se c è stitichezza e diarrea, assunzione di medicamenti e particolarmente i FANS che sono spesso causa di patologia non solo tratto digestivo superiore, va sempre tenuto conto che i FANS sono importanti nelle patologie del tratto digestivo inferiore. Importante pensare anche al pancreas quindi alla pancreatite acuta, che è molto comune e dovuta alla malattia litiasica biliare e assunzione di alcol. I quadri quindi sono sfumati (sintomatologia riferibile al tratto superiore). - dispepsia: di tipo ulceroso o da dismotilità - malattia da reflusso gastrointestinale. Nell ambito di sintomatologia dell apparato GI va distinta la sintomatologia da dispepsia e la malattia da reflusso che interessano i tratti superiori e la sintomatologia del tratto inferiore che si collega principalmente alla sindrome dell intestino irritabile. È quindi di difficile separazione tra queste due espressioni sintomatiche. La malattia da reflusso e sindrome dell intestino intestinale sono le più frequenti. Da un punto di vista della prevalenza quindi abbiamo il GERD e IBS i cui costi sono alti sulla spesa sanitaria. Sindrome dell intestino irritabile (IBS, irritable bowel syndrome) Ha una prevalenza molto importante quasi 15-20% della popolazione dei paesi occidentali e generalmente il sesso femminile. È il motivo di più frequente visita specialistica dal gastroenterologo. Ha elevata spesa sanitaria, non tra le più importanti ma comunque importante, anche perché condiziona per la sua natura cronico ricorrente per un certo assenteismo. Sono anche malattie difficile da trattare. Quindi interessa prevalentemente la popolazione femminile (4:1) ma nei paesi asiatici come India, la prevalenza è rovesciata. I soggetti sono generalmente di età inferiore ai 60 anni. Da un punto di vista sintomatologico, il dolore addominale è il sintomo predominante seguito da stitichezza, diarrea o alternate. È importante capire che sono caratterizzati da tratti psicologici importanti, sia prima che durante gli attacchi, come condizioni di stress. L aspetto sul quale ci soffermeremo è l overlap con altre disfunzioni come al fibromialgia e la sindrome da affaticamento cronico. 20

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Anno Accademico 2007/2008 PROFILO DI EFFICACIA, EFFETTI COLLATERALI ED INTERAZIONI DEI DIVERSI

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli