Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13. Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13. Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita."

Transcript

1 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13 Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita Contributo n 40

2 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N 13 Tavolo di Lavoro: Patrimonio UNESCO: dalla Dieta Mediterranea agli stili di vita Coordinatore: Prof. Pier Luigi Petrillo, professore associato di Diritto pubblico comparato presso l Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza; membro della Commissione Nazionale per l UNESCO e Legal Advisor dell UNESCO Rapporteur: Carlotta Cortona, Università degli Studi di Milano-Bicocca Partecipanti al Tavolo: 1. Luigi Angelini, Presidente Wellness Foundation, Cesena l 2. Antonio Balenzano, Rapporti Istituzionali e Internazionali, Associazione Nazionale Città dell Olio 3. Gaetano Benedetto, Direttore Politiche Ambientali WWF 4. Dario Cartabellotta, Dirigente Generale Pesca Mediterranea della Regione Sicilia e Responsabile Unico Cluster Biomediterraneo 5. Roberto Ciati, Consigliere di Amministrazione Barilla CFN, Center for Food and Nutrition 6. Amedeo Del Principe, Dirigente Unioncamere 7. Ugo Fabietti, Antropologo Culturale, Università degli Studi di Milano-Bicocca 8. Sara Farnetti, fisiopatologa, autrice del volume Tutto quello che sai sul cibo è falso 9. Mauro Gamboni, Responsabile del progetto dipartimentale Agricoltura Sostenibile e dell Ufficio di Supporto Tecnico e Scientifico presso il Dipartimento Scienze Bio-agroalimentare (DiSBA) del CNR

3 10. Enrico Lupi, Presidente dell Associazione Nazionale Città dell Olio e del Forum Internazionale della Dieta mediterranea 11. Biagio Mataluni, Presidente Oleifici Mataluni (Olio Dante) 12. Elisabetta Moro, Antropologa Culturale, Università Suor Orsola Benincasa, Napoli 13. Marino Niola, Antropologo della Contemporaneità, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Editorialista La Repubblica 14. Stefano Pisani, Sindaco Pollica (Salerno), Comunità emblematica della Dieta mediterranea Patrimonio UNESCO 15. Federico Quaranta, Conduttore Decanter-Radio2; Conduttore Linea Verde 16. Alessandro Zagarella, Coordinatore progetto Unitelma Sapienza Medidiet il portale della Dieta Mediterranea SESSIONE MATTUTINA Definizione linee guida della tavola rotonda. Identificare, attraverso il confronto delle singole esperienze, le tipologie di impegni per i quattro clusters: cittadini, associazioni, imprese, istituzioni. Presentazione partecipanti. Primo inquadramento del tema. Dieta Mediterranea: cos è, quando nasce, prima volta in cui se ne parla (cfr. Elisabetta Moro, La Dieta Mediterranea). Nel 2010 la Dieta Mediterranea diventa Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO. L Italia è il Paese con il maggior numero (50) di siti patrimonio culturale materiale ma con un numero bassissimo di riconoscimenti al patrimonio culturale immateriale (6). Occorre superare l idea comune che l intangibile sia patrimonio di rilevanza minore rispetto al tangibile. Rispetto alla Dieta Mediterranea si è invitato a riflettere su: 1. Considerare non solo la piramide alimentare ad essa associata così come oggi si presenta, ma riconoscere il valore della Dieta Mediterranea in termini di stile di vita. Mangiare non è una semplice soddisfazione di bisogni fisiologici, ma occasione conviviale, di condivisione, di dialogo intergenerazionale, interculturale e interreligioso. Ridisegnare la piramide con un volto umano, che dia spazio alla consapevolezza e all opportunità per guadagnare in salute. 2. Individuare impegni che consentano di valorizzarla per salvaguardarla e promuoverla anche all estero. 3. Problema della definizione della Dieta Mediterranea: difficoltà di riassumere il suo senso più profondo con un logo, una parola chiave. 4. Necessità di evitare che i modelli virtuosi di alimentazione siano percepiti erroneamente come un obbligo, un dovere, un regime, puntando esclusivamente alla responsabilità individuale. 5. Interpretare la Dieta Mediterranea come modello di sviluppo, valorizzando il dialogo, vero mezzo per trasporre le conoscenze ai giovani. La memoria e la storia devono assumere un ruolo da protagoniste: non solo cosa mangio, ma come vivo. 6. Ortoressia (mangiare solo cose che pensiamo ci facciano bene, consumandole in solitudine) versus Dieta Mediterranea, che valorizza la convivialità e la socializzazione. 7. Valorizzare la Dieta Mediterranea come uno dei riferimenti mondiali di dieta sostenibile: il legame fra corretta alimentazione e preservare le risorse del pianeta proiettano il modello mediterraneo nel futuro di uno sviluppo sostenibile.

4 Elenco delle parole chiave/concetti raccolti e loro descrizione sintetica: 1. Conoscenza 2. Educazione/formazione 3. Dialogo (interculturale, intergenerazionale, interreligioso) 4. Convivenza 5. Socialità 6. Convivialità 7. Memoria 8. Eticità 9. Consapevolezza 10. Opportunità 11. Territorio 12. Sostenibilità 13. Alimenti/monumenti/documenti 14. Nobiltà 15. Rassicurazione 16. Prevenzione 17. Praticità 18. Reinventare/Reinterpretare Descrizione delle case history segnalate: 1. Marino Niola: Centro di Ricerca MedEatResearch, Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea, di cui è fondatore e direttore. Istituito presso l'università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, nasce nell'aprile del 2012 nell'ambito del progetto denominato CA.RI.NA. (Sicurezza, sostenibilità e competitività delle produzioni agroalimentari della Campania) finanziato dal POR Campania FSE 2007/2013, Asse IV e Asse V. Con l'obiettivo di valorizzare, promuovere, diffondere il patrimonio alimentare del Mezzogiorno d'italia e incentivare gli scambi culturali sull'enogastronomia dei diversi Paesi dell'area mediterranea. 2. Federico Quaranta, Chi vuol essere maialino?, cartone animato in rete, organizzato con il contributo di Regione Puglia, per essere utilizzato come strumento didattico ed educativo durante le visite nelle masserie pugliesi. 3. Alessandro Zagarella rileva come in Paesi quali la Francia, il Portogallo e il Messico, educazione, formazione e conoscenza alimentare passino attraverso giornate specifiche (es. La giornata dedicata al Répas Française) o attraverso la televisione (documentari/romanzi in più puntate trasmessi sulle reti nazionali e raccolti poi in dvd come in Messico e in Spagna). A tal riguardo sintetizza il progetto MEDDIET finanziato dal Mipaaf in cui si prevede di creare un network delle comunità della Dieta Mediterranea chiamate a sottoscrivere la Carta dei Valori della Dieta Mediterranea, impegnandosi così a diffonderla e salvaguardarla in Italia e nel mondo 4. Il Sindaco di Pollica, Stefano Pisani, segnala il brevetto di un kit scolastico della Dieta Mediterranea. Il kit contiene un libro educativo, fogli e matite biodegradabili, che una volta usati, si possono piantare per ottenere piantine di verdura. 5. L Associazione Nazionale Città dell Olio ricorda l evento annuale GirOlio in cui si portano in giro per l Italia gli oli d oliva extra vergine, raccontandone anzitutto il valore culturale. SESSIONE POMERIDIANA Dibattito operativo: ogni presente al tavolo avanza proposte pratiche per diffondere la conoscenza dello stile di vita mediterraneo. Si segnala una assenza di richiami al tema della patrimonializzazione, dinamica cui gli antropologi sono molto attenti e la necessità di utilizzare criticamente le parole identità, identificazione, cultura. Va enfatizzato che queste radici sono le fondamenta per lo sviluppo nel futuro: la solidità della tradizione supportata da scienza nutrizionale e ambientale costituisce una unicità da valorizzare. Mancanza piattaforma per economizzare le proposte: bisogna lavorare sulla comunicazione, sui brand, sulle azioni economiche mirate. Rischio di diventare nobili decaduti: prima si è stati leader nella fase di candidatura della Dieta Mediterranea a patrimonio UNESCO; occorre riprendere una posizione di leadership mirata ad una maggiore risonanza mediatica, economica, sociale della Dieta Mediterranea. Proposta di istituire nell ambito dell EXPO La settimana della Dieta Mediterranea. Questa settimana avrà luogo dal 14 al 20 Settembre 2015 e si sostanzierà in una serie di attività, convegni, percorsi formativi e divulgativi da realizzarsi

5 presso il Cluster Bio-Mediterraneo e il Padiglione Italia. In questa settimana saranno convocate le comunità emblematiche della Dieta Mediterranea e sarà riunito il network delle comunità italiane della Dieta Mediterranea (coordinato dal Comune di Pollica con l aiuto del dr. Zagarella nell ambito del progetto Unitelma Sapienza) e avrà luogo l evento finale del progetto europeo dedicato alla Dieta Mediterranea e realizzato dall Associazione Città dell Olio. Vanno previste sessioni in cui si enfatizzi la validità scientifica e ambientale della Dieta Mediterranea. Nel corso de La settimana della Dieta Mediterranea saranno presentati poi i risultati delle iniziative ad essa collegate svolte in ambito Expo Una sorta di prova generale dei lavori potrà essere sperimentata dal comune di Pollica, che ospiterà nel padiglione della KIP SCHOOL INTERNATIONAL Territori attraenti per un mondo sostenibile tutte le comunità emblematiche per quattro settimane (ultima di Giugno, prime due di Luglio e ultima di Ottobre). Sono emerse ulteriori proposte: - Disegnare una nuova piramide della Dieta Mediterranea, che includa non solo cibo, ma anche ambiente e cultura, partendo da quanto già esiste (vedasi Piramide CIISCAM, Doppia Piramide del Barilla Center for Food and Nutrition) per capitalizzare il percorso. - Valorizzare la Dieta Mediterranea come brand e slogan per il made in Italy. - Tutelare la Dieta con una legge ad hoc. - Educare alla Dieta Mediterranea, scalzando il sentire comune che la intende come regime alimentare ed enfatizzando l aspetto conviviale e di scambio sociale e culturale - Rivedere i disciplinari delle mense scolastiche, aprendo a menù che rispecchino il potenziale nutritivo della piramide alimentare mediterranea. - Rassicurare sulla qualità del cibo. - Rendere operativi e concretizzare empiricamente i valori della Dieta Mediterranea, trasformandola da sapere dei pochi in sentire dei molti. - Tradurre in italiano il secondo studio di Ancel Keys del 1975 in cui sottolinea come l Italia e il Cilento siano la patria della Dieta Mediterranea Elenco degli impegni-raccomandazioni emersi nella discussione (laddove possibile divisi per i cluster di riferimento della Carta 1.cittadini, 2. associazioni, 3.imprese, 4. istituzioni) Istituzioni: concretizzazione. Lo strumento simbolico da solo non basta: deve essere combinato con la praticità, occorre metterlo in atto concretamente. L impegno istituzionale, che deve originare dal ministero dell Agricoltura, insieme ai Ministeri dell Istruzione e dell Ambiente, deve essere di istituire una giornata, meglio una settimana mondiale, improntata ai valori della Dieta Mediterranea, insieme al Ministero della Salute, che ne dovrebbe dare definitiva conferma di solidità nutrizionale. Le istituzioni devono favorire un educazione trasversale facendo convergere salute, ambiente e identità. Le istituzioni devono diventare cabina di regia, dominus, che regolamenti l azione di conoscenza ed educazione. Dare vita a un provvedimento normativo di tutela della Dieta Mediterranea che valorizzi l elemento UNESCO e si basi su dinamiche operative tra istituzioni, comunità e portatori d interesse. Associazioni/imprese: operatività. Il modello di comunicazione già in atto deve diventare capillare e diffuso, educando anzitutto gli insegnanti, in modo che venga trasmessa un idea della sostenibilità e della sicurezza alimentare come virtuosa e felice. Rassicurare è elemento centrale, favorendo alleanze pubblico-private come naturale evoluzione. Bisogna ri-imparare a fidarsi dei produttori e dei rivenditori del cibo. Insistere sulla distinzione che intercorre tra prodotto e dieta. La Carta di Milano deve dare ampio respiro a tre aspetti: armonia, salute e bellezza della Dieta Mediterranea e si devono valorizzare anche attività messe in secondo piano, come la pesca. Impegno alla traduzione in italiano del volume di Ancel Keys dove compare per la prima volta la definizione di Dieta Mediterranea, How to eat well and stay well. The Mediterranean Way Associazioni/cittadini: istituzionalizzare. Indire una giornata dello stile di vita mediterraneo e specificatamente italiano, in modo da rendere il brand della Dieta Mediterranea riconoscibile e vendibile, non delocalizzabile, portatore di un elemento distintivo che lo caratterizzi. Tale brand deve comprendere valori quali la convivialità e il dialogo interculturale e intergenerazionale: bisogna educare e sensibilizzare allo stile di vita italiano. All idea di una giornata segue la proposta concreta di una settimana (14-20 Settembre 2015) della Dieta e dell Orgoglio Mediterraneo, un MedPride, durante il quale cuochi, ristoratori, antropologi, filosofi, sociologi, esperti di diritto, politici, nutrizionisti,

6 economisti, leader di grandi aziende, produttori, insegnanti, cittadini si incontrino per discutere, formare, informare sulla Dieta Mediterranea. In vista dell evento il Sindaco di Pollica, in accordo con il progetto di mappatura che sarà svolto da Unitelma Sapienza, capitanerà le comunità della Dieta Mediterranea in un meeting preparatorio all evento. Il meeting, che si svolgerà a Pollica il prossimo 30 Marzo, avrà come scopo la definizione degli strumenti che potranno valorizzare il riconoscimento UNESCO e i territori di riferimento, anche in una prospettiva internazionale. Proposta è di riunire le comunità emblematiche, rappresentanti del Ministero dell Agricoltura e dell UNESCO per lanciare, così come emerso durante la tavola rotonda, l avvio della c.d. reingegnerizzazione della piramide (dai territori) e soprattutto l ingresso in EXPO della Dieta: dai territori all expo. (Il Sindaco di Pollica incontrerà probabilmente tutti a Roma ad inizio Marzo, presso la FAO). Ad esito dell evento sarà creata una carta per la Dieta Mediterranea aperta alla firma di tutte le comunità che si identificano in essa. La comunicazione sarà curata via radio da Quaranta, attraverso la trasmissione Decanter su Radio2 e via carta stampata da Niola, attraverso alcuni editoriali specifici su Repubblica. Gli eventi si potranno localizzare nel Padiglione Expo-Italia, all interno del Cluster Biomediterraneo coordinato da Cartabellotta e all Expo Gate di Venezia. Temi cardine dell evento saranno: impatto ambientale della Dieta Mediterranea, educazione nelle scuole (per esempio, mense con una promozione della ristorazione della Dieta Mediterranea; cartoni animati educativi; scuola alimentare, con ore di educazione alla sana e corretta alimentazione); educazione alle famiglie; eventi che coinvolgano sia i cittadini sia gli stakholder. Durante l evento GirOlio, inoltre, organizzato da Città dell Olio, tra Maggio e Dicembre, la Carta di Milano sarà portata in giro per l Italia per fare sottoscrivere impegni ed attività a cittadini ed istituzioni. Lavorare ad una nuova piramide della Dieta Mediterranea, in tre dimensioni: alimentare, ambientale e culturale. (Associazioni e cittadini dovranno lavorare insieme alla definizione di un brand che sia espressione culturale del territorio, non solo italiano, che includa un trasferimento esperienziale, per arrivare ad un marchio/riconoscimento della Dieta Mediterranea). Indicazione di eventi, iniziative, progetti, documenti segnalati durante i lavori del tavolo Eventi, iniziative, progetti Gaetano Benedetto parla di progetti di educazione alla sostenibilità ambientale in rapporto al cibo con esempi di eticità e sostenibilità negli istituti alberghieri: non solo cucina tradizionale ma responsabilizzazione al cibo. Mauro Gamboni segnala l evento Esiste ancora la Dieta Mediterranea Nutrizione Salute Qualità Innovazione - Evoluzione che si svolgerà il 14 Maggio 2015 nell ambito dei 24 eventi promossi dal CNR per il Padiglione Italia di Expo L iniziativa è condotta congiuntamente da CNR, CIHEAM-IAMB, CRA, ENEA Forum on Mediterranean Food Cultures, in collaborazione con SapiExpo Ciiscam, International Foundation of Mediterranea Diet e la Fondazione Dieta Mediterranea. Scopo dell evento è quello di riproporre la Dieta Mediterranea affermandola come modello per lo sviluppo di diete sostenibili, contribuendo a ridurre i crescenti cambiamenti dei comportamenti alimentari nel mondo, in particolare nell area mediterranea. Marino Niola e Elisabetta Moro presentano una ricerca in fase conclusiva condotta in diverse università italiane (tra cui Milano-Bicocca, Napoli, Perugia) relativa al livello di conoscenza degli studenti sulla Dieta Mediterranea. Moro, inoltre, segnala la lavorazione in corso di un fumetto educativo sulla sana alimentazione. Enrico Lupi ricorda l iniziativa GirOlio, tour del gusto realizzato in collaborazione con i coordinamenti regionali dell Associazione Nazionale Città dell Olio. Un viaggio nelle produzioni tipiche delle 350 Città dell Olio italiane che da Maggio a Dicembre toccherà 16 regioni italiane - dal Molise alla Trentino Alto Adige - facendo tappa nelle principali piazze d Italia. Stefano Pisani segnala la chiusura, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (manca solo la firma) della costituzione del GETC Dieta Med. Alessandro Zagarella segnala che l Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza, attraverso un progetto finanziato dal MIPAAF, sta procedendo ad un operazione di ricerca sulle fonti scientifiche riferibili alla Dieta Mediterranea e a una mappatura delle comunità italiane. Il gruppo di ricerca svilupperà una Carta dei Valori della Dieta Mediterranea (principi, valori, impegni) e un portale internet in 5 lingue articolato in diverse sezioni (glossario, video-lezioni, archivio digitale).

7 Documenti Antonelli, M., Greco, F. (a cura di) (2014), L impronta idrica dell acqua, Rapporto realizzato nell ambito del programma One Planet Food, WWF Italia AA.VV. (2011), Atti del Forum Dieta Mediterranea, Imperia, 6-7 Maggio 2011; Novembre 2011 Bologna, P., Mapelli, F. (a cura di) (senza data), Verso Rio +20. Cibo, acqua, energia. Per tutti. Per sempre. Guida WWF a vent anni di sviluppo insostenibile. Con le proposte ai grandi del pianeta per un vertice capace di futuro Improta, G. (coordinamento generale) (2014), Market Transformation. Sostenibilità e mercati delle risorse primarie MedDiet. Dieta Mediterranea e valorizzazione dei prodotti tradizionali Moro, E. (2014), La dieta mediterranea. Mito e Storia di uno stile di vita, Il Mulino, Bologna Niola, M. (2015), Homo Dieteticus. Viaggio nelle tribù alimentari, Il Mulino, Bologna Petrillo, P.L., Scepi, G. (2012), La dimensione culturale della Dieta Mediterranea patrimonio immateriale dell Umanità, in G. Golinelli (a cura di), Patrimonio culturale e creazione di valore, Cedam, pp. 244 ss. Petrillo, P.L. (2012), La dimensione culturale del patrimonio agro-alimentare italiano in ambito UNESCO. Strumenti e procedure, in T. Scovazzi, Il patrimonio culturale intangibile nelle sue diverse dimensioni, Giuffrè, pp. 211 ss. Petrillo, P.L. (2011), Biocultural diversity and the Mediterranean diet, in AA.VV., Sustainable diets and biodiversity, FAO, Rome, pp. 224 ss. WWF (s.d.), One Planet Economy: la sfida WWF alle imprese per imparare a produrre nei limiti un solo Pianeta SINTESI COMPLESSIVA dei lavori della giornata Il 17 Novembre 2010 la Dieta Mediterranea è stata proclamata Patrimonio Immateriale dell'umanità dall'unesco, oggi condiviso da sette Paesi del Mediterraneo: Italia, Spagna, Grecia, Marocco, Portogallo, Croazia e Cipro. Circa cinquant'anni prima Ancel Keys, biologo e nutrizionista americano, aveva coniato la locuzione Dieta Mediterranea a Pioppi, paese del Cilento facente capo al comune di Pollica-Acciaroli. L indagine di Keys, che aveva scoperto come un alimentazione mediterranea aumentasse la speranza di vita e diminuisse i problemi cardiaci, è stata il punto di partenza per la discussione, una riflessione interdisciplinare, in cui ogni specifico contributo ha assunto una funzione importante nel definire il puzzle della settimana dell Orgoglio Mediterraneo. La convivialità, la condivisione del cibo, i valori nutrizionali, la passionalità, la vena politica, l educazione, l informazione, la sacralità del cibo, il benessere si sono combinati ed equilibrati in un progetto propulsore di informazione, di memoria e di valorizzazione. Una casa in cui biodiversità, Mediterraneo, convivialità, opportunità si potranno combinare ed organizzare nella definizione di un brand e di una celebrazione della Dieta Mediterranea. Tradizione, innovazione, concretizzazione, operatività, rassicurazione, praticità concorreranno a definire una nuova immagine del patrimonio alimentare, un elemento di socializzazione, che integra e pone in relazione culture e generazioni e che trova nell esperienza e nel trasferimento della conoscenza ai più giovani la sua occasione di ascesa e di riconoscimento.

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 40. Post Expo: che fare? Contributo n 67

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 40. Post Expo: che fare? Contributo n 67 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 40 Post Expo: che fare? Contributo n 67 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N 40 Coordinatore:

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

Expo, il contributo del Crea alla Carta di Milano

Expo, il contributo del Crea alla Carta di Milano Expo, il contributo del Crea alla Carta di Milano E' tempo di bilancio per l'esposizione universale. Nei sei mesi della kermesse milanese tanti eventi e attività organizzati dall'ente per la ricerca agroalimentare

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

Le competenze del Mipaaf

Le competenze del Mipaaf SANIT 25 GIUGNO 2008 IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE E IL CCM PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICHE Gli accordi interistituzionali: obiettivi e sviluppo Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO Direzione Regionale del Lazio PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI, GIOVANI E PARI OPPORTUNITA E AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E GUARDIA

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra.

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. L Orto dei Bambini Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. Premessa L idea dell orto didattico nasce dal desiderio di attivare iniziative socio-culturalieducative che comprendessero l area naturalistica.

Dettagli

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE SECONDA SCUOLA ESTIVA DI ARCHEOLOGIA E ANTROPOLOGIA DELL ALIMENTAZIONE Premessa LE A DEL TELESI@ In attesa di EXPO e nell ambito delle iniziative previste dal MIUR nelle Linee guida La Scuola Italiana

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE LE A DEL TELESI@

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE LE A DEL TELESI@ SCUOLA ESTIVA DI ARCHEOLOGIA E ANTROPOLOGIA DELL ALIMENTAZIONE LE A DEL TELESI@ Premessa In attesa di EXPO 2015 e nell ambito delle iniziative previste dal MIUR nelle Linee guida La Scuola Italiana per

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location

Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location «Le persone che si sentono in forma e a proprio agio con il loro corpo, vivono meglio, hanno migliori rapporti interpersonali e il loro stile di vita é

Dettagli

IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO

IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA BOLOGNA FIERE Official Partner Expo Milano 2015 IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO Roma, 23 aprile 2015 IL PARCO

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

EXPO VILLAGE EXPO 2015. Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus

EXPO VILLAGE EXPO 2015. Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus EXPO VILLAGE EXPO 2015 Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus Ente proponente Fondazione PIME Onlus è un ente senza scopo di lucro, legato

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Milano, 12 maggio 2014 Safety for food

Milano, 12 maggio 2014 Safety for food Milano, 12 maggio 2014 Safety for food Innanzitutto faccio i complimenti ai ministeri della Salute e delle Politiche Agricole, al CNR, a Cisco e al Museo della Scienza per aver promosso questa importante

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

Discorso del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan FINANCE FOR FOOD: INVESTING IN AGRICULTURE FOR A SUSTAINABLE FUTURE

Discorso del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan FINANCE FOR FOOD: INVESTING IN AGRICULTURE FOR A SUSTAINABLE FUTURE Discorso del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan FINANCE FOR FOOD: INVESTING IN AGRICULTURE FOR A SUSTAINABLE FUTURE Milano, 16 ottobre 2015 www.mef.gov.it Signor Presidente della

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015-16

ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGETTO CONTINUITA INSIEME A TE IMPARO, MANGIO BENE...VIVO MEGLIO!!!! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA ANNO SCOLASTICO 2015-16 GRUPPO CONTINUITA Docenti: Agnese Anna Avallone

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e Hotel School S. Cristina: fare, gustare, sperimentare un altro punto di vista su Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe.

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe. CORSO DI FORMAZIONE Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe Il corso di formazione rientra nel programma della Fondazione Golinelli Educare

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE

PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE Il Sito Espositivo 2 Padiglione Italia: Palazzo Italia e Cardo Il cuore del Sito Espositivo 3 Padiglione Italia:

Dettagli

CIVIC.A.S. Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. Contesti Internazionali in evoluzione e Cooperazione Allo Sviluppo. Seminario da 1 CFU

CIVIC.A.S. Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. Contesti Internazionali in evoluzione e Cooperazione Allo Sviluppo. Seminario da 1 CFU Seminario da 1 CFU terza edizione Trento, 10 aprile - 29 maggio 2013 Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale Training Centre for International Cooperation CIVIC.A.S. Contesti Internazionali

Dettagli

"LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO"

LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Deliberazione n. 1491 del 25 settembre 2009 Approvazione protocollo d'intesa per "LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

Verso EXPO 2015: percorsi di educazione alimentare

Verso EXPO 2015: percorsi di educazione alimentare Verso EXPO 2015: percorsi di educazione alimentare Milano, 23 novembre 2010 L educazione alimentare Un esigenza sentita Una vera e propria emergenza Concetto ampio e complesso Un approccio globale, nella

Dettagli

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008 martedì 24 giugno OPERARE PER I BENI COMUNI: alleanze per una terra futura UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA L A S S E

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

P R O G R A M M A E V E N T I

P R O G R A M M A E V E N T I P R O G R A M M A E V E N T I HD Forum Italia Conference 2015 Obiettivi HD Forum Italia e partnership con la Repubblica di San Marino Proporre all attenzione degli operatori e del pubblico gli ultimi sviluppi

Dettagli

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile Padiglione Italia, Spazio ME and WE Women for Expo 23

Dettagli

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 Percorso didattico-formativo nelle scuole Medie di I grado per la promozione di una buona e sana alimentazione Biologica CSE ITALIA srl - 2014 All rights

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto

PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto SOGGETTO PROPONENTE MUBA nasce nel 1995 con l'obiettivo di realizzare un Museo dei Bambini a Milano e per primo ha proposto con successo mostre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università La nostra scuola, inoltre, deve formare cittadini italiani

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti Idee in Viaggio Cos è un Barcamp Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi: chiunque può salire in cattedra, proporre un argomento e parlarne agli

Dettagli

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015 EXPO Milano 2015 EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 è un Esposizione Universale con caratteristiche inedite e innovative. Non solo una rassegna espositiva, ma anche un evento che intende coinvolgere attivamente

Dettagli

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione 16 DICEMBRE 2008 Sinergie per una corretta alimentazione Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le sue competenze la promozione e lo sviluppo delle politiche alimentari nazionali. In particolare il

Dettagli

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016 PROGETTO Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival Torino 25-26-27 febbraio 2016 Aggiornamento 28 settembre 2015 SCENARIO In Italia, manca una manifestazione di respiro

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

nutrizione, cibo, sicurezza alimentare e sostenibilità

nutrizione, cibo, sicurezza alimentare e sostenibilità MIUR - UFFICIO X AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI AGRIGENTO Comitato Tecnico Educazione alla Salute ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.G. RONCALLI - BURGIO (AG) nutrizione, cibo, sicurezza alimentare

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Regionale Lombardia EXPO MILANO 2015. Provinciale Milano. Comunale Milano

Regionale Lombardia EXPO MILANO 2015. Provinciale Milano. Comunale Milano Regionale Lombardia EXPO MILANO 2015 Provinciale Milano Comunale Milano IL PROGETTO LE INIZIATIVE Il progetto AVIS per EXPO. Nutriamo la Vita!, che verrà realizzato durante il periodo Expo 2015 da Avis

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

Laboratori di educazione alimentare in classe

Laboratori di educazione alimentare in classe Laboratori di educazione alimentare in classe La scuola che promuove salute Varese, 10 novembre 2010 Incontri nelle scuole presenza dell esperto in classe I cinque colori della salute Corretto stile di

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA D.S. Patrizia Marini GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Il tema Expo Milano 2015 è collegato ad alcuni degli Obiettivi del Millennio fissati dalle Nazioni Unite: Ridurre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 Direttore generale della comunicazione e dei rapporti europei e internazionali Ministero della Salute, 7 aprile 2015 Il Ministero della Salute a

Dettagli

Storytelling of 5 best practices from Southern Italy 10 settembre 2015

Storytelling of 5 best practices from Southern Italy 10 settembre 2015 Storytelling of 5 best practices from Southern Italy 10 settembre 2015 attività / L Azienda Agricola Sodano nasce nel 2010, con l obiettivo di rinnovare e ammodernare la precedente attività a gestione

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

superato le partenze), solo nel 1993.

superato le partenze), solo nel 1993. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUTI IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SAPERE I SAPORI -

Dettagli

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo?

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? SOSTENIBILITA Nel 'genome editing' la risposta alla sfida per l'agricoltura del futuro Roma, 24 set. (AdnKronos)

Dettagli

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 PREMESSA L Associazione Maestro Martino ha lo scopo di promuovere il territorio lombardo e le sue eccellenze attraverso la Cucina d Autore. L

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

OOPYRIGHT. inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016

OOPYRIGHT. inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016 OOPYRIGHT b inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016 INTRO La cooperazione è un elemento importante della storia della nostra città e molte delle maggiori

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Dal 2002 Cittadinanzattiva, attraverso la Campagna Impararesicuri nata all'indomani del crollo della scuola "Francesco Jovine" di S.

Dal 2002 Cittadinanzattiva, attraverso la Campagna Impararesicuri nata all'indomani del crollo della scuola Francesco Jovine di S. Dal 2002 Cittadinanzattiva, attraverso la Campagna Impararesicuri nata all'indomani del crollo della scuola "Francesco Jovine" di S. Giuliano di Puglia si propone di informare e sensibilizzare cittadini

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

Web Forum con Imprenditori e Manager Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese

Web Forum con Imprenditori e Manager Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese Udine, 26 Luglio 2012 Premessa L obiettivo dell iniziativa per Confindustria Udine: Recepire indirizzi ed orientamenti da un pool di imprenditori e manager su

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della SAPERI OBIETTIVI CONTENUTI STRUMENTI -La carta d identità. -sussidio didattico conoscenza della propria collana I quaderni identità sotto l aspetto spiga di Lucia somatico e della Russo, Cittadinanza e

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

I geometri a Expo con gli agronomi nel segno della sostenibilità

I geometri a Expo con gli agronomi nel segno della sostenibilità I geometri a Expo con gli agronomi nel segno della sostenibilità Il padiglione degli Agronomi mondiali, La fattoria Globale 2.0, è interamente sostenibile e a impatto zero. Qui è ospitato lo spazio espositivo

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu!

Dettagli