Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13. Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13. Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita."

Transcript

1 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 13 Patrimonio UNESCO: dalla dieta mediterranea agli stili di vita Contributo n 40

2 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N 13 Tavolo di Lavoro: Patrimonio UNESCO: dalla Dieta Mediterranea agli stili di vita Coordinatore: Prof. Pier Luigi Petrillo, professore associato di Diritto pubblico comparato presso l Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza; membro della Commissione Nazionale per l UNESCO e Legal Advisor dell UNESCO Rapporteur: Carlotta Cortona, Università degli Studi di Milano-Bicocca Partecipanti al Tavolo: 1. Luigi Angelini, Presidente Wellness Foundation, Cesena l 2. Antonio Balenzano, Rapporti Istituzionali e Internazionali, Associazione Nazionale Città dell Olio 3. Gaetano Benedetto, Direttore Politiche Ambientali WWF 4. Dario Cartabellotta, Dirigente Generale Pesca Mediterranea della Regione Sicilia e Responsabile Unico Cluster Biomediterraneo 5. Roberto Ciati, Consigliere di Amministrazione Barilla CFN, Center for Food and Nutrition 6. Amedeo Del Principe, Dirigente Unioncamere 7. Ugo Fabietti, Antropologo Culturale, Università degli Studi di Milano-Bicocca 8. Sara Farnetti, fisiopatologa, autrice del volume Tutto quello che sai sul cibo è falso 9. Mauro Gamboni, Responsabile del progetto dipartimentale Agricoltura Sostenibile e dell Ufficio di Supporto Tecnico e Scientifico presso il Dipartimento Scienze Bio-agroalimentare (DiSBA) del CNR

3 10. Enrico Lupi, Presidente dell Associazione Nazionale Città dell Olio e del Forum Internazionale della Dieta mediterranea 11. Biagio Mataluni, Presidente Oleifici Mataluni (Olio Dante) 12. Elisabetta Moro, Antropologa Culturale, Università Suor Orsola Benincasa, Napoli 13. Marino Niola, Antropologo della Contemporaneità, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Editorialista La Repubblica 14. Stefano Pisani, Sindaco Pollica (Salerno), Comunità emblematica della Dieta mediterranea Patrimonio UNESCO 15. Federico Quaranta, Conduttore Decanter-Radio2; Conduttore Linea Verde 16. Alessandro Zagarella, Coordinatore progetto Unitelma Sapienza Medidiet il portale della Dieta Mediterranea SESSIONE MATTUTINA Definizione linee guida della tavola rotonda. Identificare, attraverso il confronto delle singole esperienze, le tipologie di impegni per i quattro clusters: cittadini, associazioni, imprese, istituzioni. Presentazione partecipanti. Primo inquadramento del tema. Dieta Mediterranea: cos è, quando nasce, prima volta in cui se ne parla (cfr. Elisabetta Moro, La Dieta Mediterranea). Nel 2010 la Dieta Mediterranea diventa Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO. L Italia è il Paese con il maggior numero (50) di siti patrimonio culturale materiale ma con un numero bassissimo di riconoscimenti al patrimonio culturale immateriale (6). Occorre superare l idea comune che l intangibile sia patrimonio di rilevanza minore rispetto al tangibile. Rispetto alla Dieta Mediterranea si è invitato a riflettere su: 1. Considerare non solo la piramide alimentare ad essa associata così come oggi si presenta, ma riconoscere il valore della Dieta Mediterranea in termini di stile di vita. Mangiare non è una semplice soddisfazione di bisogni fisiologici, ma occasione conviviale, di condivisione, di dialogo intergenerazionale, interculturale e interreligioso. Ridisegnare la piramide con un volto umano, che dia spazio alla consapevolezza e all opportunità per guadagnare in salute. 2. Individuare impegni che consentano di valorizzarla per salvaguardarla e promuoverla anche all estero. 3. Problema della definizione della Dieta Mediterranea: difficoltà di riassumere il suo senso più profondo con un logo, una parola chiave. 4. Necessità di evitare che i modelli virtuosi di alimentazione siano percepiti erroneamente come un obbligo, un dovere, un regime, puntando esclusivamente alla responsabilità individuale. 5. Interpretare la Dieta Mediterranea come modello di sviluppo, valorizzando il dialogo, vero mezzo per trasporre le conoscenze ai giovani. La memoria e la storia devono assumere un ruolo da protagoniste: non solo cosa mangio, ma come vivo. 6. Ortoressia (mangiare solo cose che pensiamo ci facciano bene, consumandole in solitudine) versus Dieta Mediterranea, che valorizza la convivialità e la socializzazione. 7. Valorizzare la Dieta Mediterranea come uno dei riferimenti mondiali di dieta sostenibile: il legame fra corretta alimentazione e preservare le risorse del pianeta proiettano il modello mediterraneo nel futuro di uno sviluppo sostenibile.

4 Elenco delle parole chiave/concetti raccolti e loro descrizione sintetica: 1. Conoscenza 2. Educazione/formazione 3. Dialogo (interculturale, intergenerazionale, interreligioso) 4. Convivenza 5. Socialità 6. Convivialità 7. Memoria 8. Eticità 9. Consapevolezza 10. Opportunità 11. Territorio 12. Sostenibilità 13. Alimenti/monumenti/documenti 14. Nobiltà 15. Rassicurazione 16. Prevenzione 17. Praticità 18. Reinventare/Reinterpretare Descrizione delle case history segnalate: 1. Marino Niola: Centro di Ricerca MedEatResearch, Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea, di cui è fondatore e direttore. Istituito presso l'università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, nasce nell'aprile del 2012 nell'ambito del progetto denominato CA.RI.NA. (Sicurezza, sostenibilità e competitività delle produzioni agroalimentari della Campania) finanziato dal POR Campania FSE 2007/2013, Asse IV e Asse V. Con l'obiettivo di valorizzare, promuovere, diffondere il patrimonio alimentare del Mezzogiorno d'italia e incentivare gli scambi culturali sull'enogastronomia dei diversi Paesi dell'area mediterranea. 2. Federico Quaranta, Chi vuol essere maialino?, cartone animato in rete, organizzato con il contributo di Regione Puglia, per essere utilizzato come strumento didattico ed educativo durante le visite nelle masserie pugliesi. 3. Alessandro Zagarella rileva come in Paesi quali la Francia, il Portogallo e il Messico, educazione, formazione e conoscenza alimentare passino attraverso giornate specifiche (es. La giornata dedicata al Répas Française) o attraverso la televisione (documentari/romanzi in più puntate trasmessi sulle reti nazionali e raccolti poi in dvd come in Messico e in Spagna). A tal riguardo sintetizza il progetto MEDDIET finanziato dal Mipaaf in cui si prevede di creare un network delle comunità della Dieta Mediterranea chiamate a sottoscrivere la Carta dei Valori della Dieta Mediterranea, impegnandosi così a diffonderla e salvaguardarla in Italia e nel mondo 4. Il Sindaco di Pollica, Stefano Pisani, segnala il brevetto di un kit scolastico della Dieta Mediterranea. Il kit contiene un libro educativo, fogli e matite biodegradabili, che una volta usati, si possono piantare per ottenere piantine di verdura. 5. L Associazione Nazionale Città dell Olio ricorda l evento annuale GirOlio in cui si portano in giro per l Italia gli oli d oliva extra vergine, raccontandone anzitutto il valore culturale. SESSIONE POMERIDIANA Dibattito operativo: ogni presente al tavolo avanza proposte pratiche per diffondere la conoscenza dello stile di vita mediterraneo. Si segnala una assenza di richiami al tema della patrimonializzazione, dinamica cui gli antropologi sono molto attenti e la necessità di utilizzare criticamente le parole identità, identificazione, cultura. Va enfatizzato che queste radici sono le fondamenta per lo sviluppo nel futuro: la solidità della tradizione supportata da scienza nutrizionale e ambientale costituisce una unicità da valorizzare. Mancanza piattaforma per economizzare le proposte: bisogna lavorare sulla comunicazione, sui brand, sulle azioni economiche mirate. Rischio di diventare nobili decaduti: prima si è stati leader nella fase di candidatura della Dieta Mediterranea a patrimonio UNESCO; occorre riprendere una posizione di leadership mirata ad una maggiore risonanza mediatica, economica, sociale della Dieta Mediterranea. Proposta di istituire nell ambito dell EXPO La settimana della Dieta Mediterranea. Questa settimana avrà luogo dal 14 al 20 Settembre 2015 e si sostanzierà in una serie di attività, convegni, percorsi formativi e divulgativi da realizzarsi

5 presso il Cluster Bio-Mediterraneo e il Padiglione Italia. In questa settimana saranno convocate le comunità emblematiche della Dieta Mediterranea e sarà riunito il network delle comunità italiane della Dieta Mediterranea (coordinato dal Comune di Pollica con l aiuto del dr. Zagarella nell ambito del progetto Unitelma Sapienza) e avrà luogo l evento finale del progetto europeo dedicato alla Dieta Mediterranea e realizzato dall Associazione Città dell Olio. Vanno previste sessioni in cui si enfatizzi la validità scientifica e ambientale della Dieta Mediterranea. Nel corso de La settimana della Dieta Mediterranea saranno presentati poi i risultati delle iniziative ad essa collegate svolte in ambito Expo Una sorta di prova generale dei lavori potrà essere sperimentata dal comune di Pollica, che ospiterà nel padiglione della KIP SCHOOL INTERNATIONAL Territori attraenti per un mondo sostenibile tutte le comunità emblematiche per quattro settimane (ultima di Giugno, prime due di Luglio e ultima di Ottobre). Sono emerse ulteriori proposte: - Disegnare una nuova piramide della Dieta Mediterranea, che includa non solo cibo, ma anche ambiente e cultura, partendo da quanto già esiste (vedasi Piramide CIISCAM, Doppia Piramide del Barilla Center for Food and Nutrition) per capitalizzare il percorso. - Valorizzare la Dieta Mediterranea come brand e slogan per il made in Italy. - Tutelare la Dieta con una legge ad hoc. - Educare alla Dieta Mediterranea, scalzando il sentire comune che la intende come regime alimentare ed enfatizzando l aspetto conviviale e di scambio sociale e culturale - Rivedere i disciplinari delle mense scolastiche, aprendo a menù che rispecchino il potenziale nutritivo della piramide alimentare mediterranea. - Rassicurare sulla qualità del cibo. - Rendere operativi e concretizzare empiricamente i valori della Dieta Mediterranea, trasformandola da sapere dei pochi in sentire dei molti. - Tradurre in italiano il secondo studio di Ancel Keys del 1975 in cui sottolinea come l Italia e il Cilento siano la patria della Dieta Mediterranea Elenco degli impegni-raccomandazioni emersi nella discussione (laddove possibile divisi per i cluster di riferimento della Carta 1.cittadini, 2. associazioni, 3.imprese, 4. istituzioni) Istituzioni: concretizzazione. Lo strumento simbolico da solo non basta: deve essere combinato con la praticità, occorre metterlo in atto concretamente. L impegno istituzionale, che deve originare dal ministero dell Agricoltura, insieme ai Ministeri dell Istruzione e dell Ambiente, deve essere di istituire una giornata, meglio una settimana mondiale, improntata ai valori della Dieta Mediterranea, insieme al Ministero della Salute, che ne dovrebbe dare definitiva conferma di solidità nutrizionale. Le istituzioni devono favorire un educazione trasversale facendo convergere salute, ambiente e identità. Le istituzioni devono diventare cabina di regia, dominus, che regolamenti l azione di conoscenza ed educazione. Dare vita a un provvedimento normativo di tutela della Dieta Mediterranea che valorizzi l elemento UNESCO e si basi su dinamiche operative tra istituzioni, comunità e portatori d interesse. Associazioni/imprese: operatività. Il modello di comunicazione già in atto deve diventare capillare e diffuso, educando anzitutto gli insegnanti, in modo che venga trasmessa un idea della sostenibilità e della sicurezza alimentare come virtuosa e felice. Rassicurare è elemento centrale, favorendo alleanze pubblico-private come naturale evoluzione. Bisogna ri-imparare a fidarsi dei produttori e dei rivenditori del cibo. Insistere sulla distinzione che intercorre tra prodotto e dieta. La Carta di Milano deve dare ampio respiro a tre aspetti: armonia, salute e bellezza della Dieta Mediterranea e si devono valorizzare anche attività messe in secondo piano, come la pesca. Impegno alla traduzione in italiano del volume di Ancel Keys dove compare per la prima volta la definizione di Dieta Mediterranea, How to eat well and stay well. The Mediterranean Way Associazioni/cittadini: istituzionalizzare. Indire una giornata dello stile di vita mediterraneo e specificatamente italiano, in modo da rendere il brand della Dieta Mediterranea riconoscibile e vendibile, non delocalizzabile, portatore di un elemento distintivo che lo caratterizzi. Tale brand deve comprendere valori quali la convivialità e il dialogo interculturale e intergenerazionale: bisogna educare e sensibilizzare allo stile di vita italiano. All idea di una giornata segue la proposta concreta di una settimana (14-20 Settembre 2015) della Dieta e dell Orgoglio Mediterraneo, un MedPride, durante il quale cuochi, ristoratori, antropologi, filosofi, sociologi, esperti di diritto, politici, nutrizionisti,

6 economisti, leader di grandi aziende, produttori, insegnanti, cittadini si incontrino per discutere, formare, informare sulla Dieta Mediterranea. In vista dell evento il Sindaco di Pollica, in accordo con il progetto di mappatura che sarà svolto da Unitelma Sapienza, capitanerà le comunità della Dieta Mediterranea in un meeting preparatorio all evento. Il meeting, che si svolgerà a Pollica il prossimo 30 Marzo, avrà come scopo la definizione degli strumenti che potranno valorizzare il riconoscimento UNESCO e i territori di riferimento, anche in una prospettiva internazionale. Proposta è di riunire le comunità emblematiche, rappresentanti del Ministero dell Agricoltura e dell UNESCO per lanciare, così come emerso durante la tavola rotonda, l avvio della c.d. reingegnerizzazione della piramide (dai territori) e soprattutto l ingresso in EXPO della Dieta: dai territori all expo. (Il Sindaco di Pollica incontrerà probabilmente tutti a Roma ad inizio Marzo, presso la FAO). Ad esito dell evento sarà creata una carta per la Dieta Mediterranea aperta alla firma di tutte le comunità che si identificano in essa. La comunicazione sarà curata via radio da Quaranta, attraverso la trasmissione Decanter su Radio2 e via carta stampata da Niola, attraverso alcuni editoriali specifici su Repubblica. Gli eventi si potranno localizzare nel Padiglione Expo-Italia, all interno del Cluster Biomediterraneo coordinato da Cartabellotta e all Expo Gate di Venezia. Temi cardine dell evento saranno: impatto ambientale della Dieta Mediterranea, educazione nelle scuole (per esempio, mense con una promozione della ristorazione della Dieta Mediterranea; cartoni animati educativi; scuola alimentare, con ore di educazione alla sana e corretta alimentazione); educazione alle famiglie; eventi che coinvolgano sia i cittadini sia gli stakholder. Durante l evento GirOlio, inoltre, organizzato da Città dell Olio, tra Maggio e Dicembre, la Carta di Milano sarà portata in giro per l Italia per fare sottoscrivere impegni ed attività a cittadini ed istituzioni. Lavorare ad una nuova piramide della Dieta Mediterranea, in tre dimensioni: alimentare, ambientale e culturale. (Associazioni e cittadini dovranno lavorare insieme alla definizione di un brand che sia espressione culturale del territorio, non solo italiano, che includa un trasferimento esperienziale, per arrivare ad un marchio/riconoscimento della Dieta Mediterranea). Indicazione di eventi, iniziative, progetti, documenti segnalati durante i lavori del tavolo Eventi, iniziative, progetti Gaetano Benedetto parla di progetti di educazione alla sostenibilità ambientale in rapporto al cibo con esempi di eticità e sostenibilità negli istituti alberghieri: non solo cucina tradizionale ma responsabilizzazione al cibo. Mauro Gamboni segnala l evento Esiste ancora la Dieta Mediterranea Nutrizione Salute Qualità Innovazione - Evoluzione che si svolgerà il 14 Maggio 2015 nell ambito dei 24 eventi promossi dal CNR per il Padiglione Italia di Expo L iniziativa è condotta congiuntamente da CNR, CIHEAM-IAMB, CRA, ENEA Forum on Mediterranean Food Cultures, in collaborazione con SapiExpo Ciiscam, International Foundation of Mediterranea Diet e la Fondazione Dieta Mediterranea. Scopo dell evento è quello di riproporre la Dieta Mediterranea affermandola come modello per lo sviluppo di diete sostenibili, contribuendo a ridurre i crescenti cambiamenti dei comportamenti alimentari nel mondo, in particolare nell area mediterranea. Marino Niola e Elisabetta Moro presentano una ricerca in fase conclusiva condotta in diverse università italiane (tra cui Milano-Bicocca, Napoli, Perugia) relativa al livello di conoscenza degli studenti sulla Dieta Mediterranea. Moro, inoltre, segnala la lavorazione in corso di un fumetto educativo sulla sana alimentazione. Enrico Lupi ricorda l iniziativa GirOlio, tour del gusto realizzato in collaborazione con i coordinamenti regionali dell Associazione Nazionale Città dell Olio. Un viaggio nelle produzioni tipiche delle 350 Città dell Olio italiane che da Maggio a Dicembre toccherà 16 regioni italiane - dal Molise alla Trentino Alto Adige - facendo tappa nelle principali piazze d Italia. Stefano Pisani segnala la chiusura, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (manca solo la firma) della costituzione del GETC Dieta Med. Alessandro Zagarella segnala che l Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza, attraverso un progetto finanziato dal MIPAAF, sta procedendo ad un operazione di ricerca sulle fonti scientifiche riferibili alla Dieta Mediterranea e a una mappatura delle comunità italiane. Il gruppo di ricerca svilupperà una Carta dei Valori della Dieta Mediterranea (principi, valori, impegni) e un portale internet in 5 lingue articolato in diverse sezioni (glossario, video-lezioni, archivio digitale).

7 Documenti Antonelli, M., Greco, F. (a cura di) (2014), L impronta idrica dell acqua, Rapporto realizzato nell ambito del programma One Planet Food, WWF Italia AA.VV. (2011), Atti del Forum Dieta Mediterranea, Imperia, 6-7 Maggio 2011; Novembre 2011 Bologna, P., Mapelli, F. (a cura di) (senza data), Verso Rio +20. Cibo, acqua, energia. Per tutti. Per sempre. Guida WWF a vent anni di sviluppo insostenibile. Con le proposte ai grandi del pianeta per un vertice capace di futuro Improta, G. (coordinamento generale) (2014), Market Transformation. Sostenibilità e mercati delle risorse primarie MedDiet. Dieta Mediterranea e valorizzazione dei prodotti tradizionali Moro, E. (2014), La dieta mediterranea. Mito e Storia di uno stile di vita, Il Mulino, Bologna Niola, M. (2015), Homo Dieteticus. Viaggio nelle tribù alimentari, Il Mulino, Bologna Petrillo, P.L., Scepi, G. (2012), La dimensione culturale della Dieta Mediterranea patrimonio immateriale dell Umanità, in G. Golinelli (a cura di), Patrimonio culturale e creazione di valore, Cedam, pp. 244 ss. Petrillo, P.L. (2012), La dimensione culturale del patrimonio agro-alimentare italiano in ambito UNESCO. Strumenti e procedure, in T. Scovazzi, Il patrimonio culturale intangibile nelle sue diverse dimensioni, Giuffrè, pp. 211 ss. Petrillo, P.L. (2011), Biocultural diversity and the Mediterranean diet, in AA.VV., Sustainable diets and biodiversity, FAO, Rome, pp. 224 ss. WWF (s.d.), One Planet Economy: la sfida WWF alle imprese per imparare a produrre nei limiti un solo Pianeta SINTESI COMPLESSIVA dei lavori della giornata Il 17 Novembre 2010 la Dieta Mediterranea è stata proclamata Patrimonio Immateriale dell'umanità dall'unesco, oggi condiviso da sette Paesi del Mediterraneo: Italia, Spagna, Grecia, Marocco, Portogallo, Croazia e Cipro. Circa cinquant'anni prima Ancel Keys, biologo e nutrizionista americano, aveva coniato la locuzione Dieta Mediterranea a Pioppi, paese del Cilento facente capo al comune di Pollica-Acciaroli. L indagine di Keys, che aveva scoperto come un alimentazione mediterranea aumentasse la speranza di vita e diminuisse i problemi cardiaci, è stata il punto di partenza per la discussione, una riflessione interdisciplinare, in cui ogni specifico contributo ha assunto una funzione importante nel definire il puzzle della settimana dell Orgoglio Mediterraneo. La convivialità, la condivisione del cibo, i valori nutrizionali, la passionalità, la vena politica, l educazione, l informazione, la sacralità del cibo, il benessere si sono combinati ed equilibrati in un progetto propulsore di informazione, di memoria e di valorizzazione. Una casa in cui biodiversità, Mediterraneo, convivialità, opportunità si potranno combinare ed organizzare nella definizione di un brand e di una celebrazione della Dieta Mediterranea. Tradizione, innovazione, concretizzazione, operatività, rassicurazione, praticità concorreranno a definire una nuova immagine del patrimonio alimentare, un elemento di socializzazione, che integra e pone in relazione culture e generazioni e che trova nell esperienza e nel trasferimento della conoscenza ai più giovani la sua occasione di ascesa e di riconoscimento.

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11 La sfida alle indicazioni geografiche Contributo n 38 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta di Milano. Sottoscrivendo questa Carta di Milano

Carta di Milano. Sottoscrivendo questa Carta di Milano Carta di Milano Salvaguardare il futuro del pianeta e il diritto delle generazioni future del mondo intero a vivere esistenze prospere e appaganti è la grande sfida per lo sviluppo del 21 secolo. Comprendere

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA AVVISO DI SELEZIONE DI COMUNI PARTNERS PER L ATTUAZIONE DELL AZIONE 1 AVVISO Il Gal Isc

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

PER UN PUGNO DI SEMI

PER UN PUGNO DI SEMI GREEN CROSS ITALIA Tel. 06.36004300-06.45597291 SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO Immagini per la Terra Sito web www.immaginiperlaterra.i 00192 Roma Via dei Gracchi, 187 e-mail concorso@immaginiperlaterra.it

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS DIVERSITY: DESIGN / HUMANITIES 4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS LA DIVERSITA: DESIGN/HUMANITIES Incontro tematico scientifico della Rete Latina per lo sviluppo del design dei processi 19-22

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli