COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO CONTRODEDUZIONI E RECEPIMENTI DELLE OSSERVAZIONI RICEVUTE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO CONTRODEDUZIONI E RECEPIMENTI DELLE OSSERVAZIONI RICEVUTE."

Transcript

1 COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO CONTRODEDUZIONI E RECEPIMENTI DELLE OSSERVAZIONI RICEVUTE settembre 2011 Assessore all Urbanistica Dott. Lorenzo Lanzetta Progettista Arch. Anna Maria Sangiorgi

2 Indice delle osservazioni ricevute: - n.1 prot. n.1721 del 14/06/ Sigg. Caserio Cesare, Lodola Luisa, Caserio Andrea, Pianetta Sandra, Desio Italo e Caserio Maddalena (Trovo) - n.2 prot.n.1841 del 23/06/2011 Sig. Bono Enrico Maria (Pavia) - n.3 prot.n.1854 del 24/06/ Geom. Claudio Eros Muggetti (Trovo) - n.4 prot.n.1855 del 24/06/2011 Sig. Negri Raffaele (Trovo) - n.5 prot.n.1856 del 24/06/ Sigg. Fabio Zanati e Franca Asti (Binasco,PV) - n.6 prot.n.1858 del 24/06/ G.P.S.Green Pit Stop s.r.l. ( Milano) - n.7 prot.n.1859 del 24/06/ Sigg. Gazzi Giovanni, Comiotto Sergio, Spahi Manjola, Sozzani F. e Testa Pasquale (Trovo) - n.8 prot.n.1861 del 24/06/ Sigg. Carla Cavagnini e Paolo Cavagnini (Binasco,PV) - n.9 prot.n.1870 del 24/06/2011 ARPA Dipartimento di Pavia

3 Controdeduzioni all Osservazione N. 1 prot.n.1721 del 14/06/2011 Sigg. Caserio Cesare, Lodola Luisa, Caserio Andrea, Pianetta Sandra, Desio Italo e Caserio Maddalena Oggetto: Piano di Recupero cascina di P.zz dei Caduti PR2, Permesso di costruire convenzionato PCC3 adiacente a via Scolari e Permesso di costruire convenzionato PCC5 Punto 1 Osservazione su PdRAll1 scheda PR2 parzialmente accolto: I fabbricati oggetto dell osservazione censiti al C.T. Fg 2 mapp.249,250,251 sono parte sostanziale del Piano di Recupero previsto dal PGT: essi sono stati infatti considerati in fase di studio e sopralluogo in accordo con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di interesse storico e da preservare proprio nella loro collocazione in corte storica. La proposta di assoggettare l intera area a piano di recupero pur arrivata da altri privati proprietari di altri immobili è stata considerata di interesse pubblico proprio per poter coordinare un intervento di recupero degli immobili nel loro insieme, volto ad evitare interventi puntiformi eseguiti dalle singole proprietà e individuare un recupero della cascina centrale che ne mantenga le caratteristiche storiche peculiari. Si ritiene necessario specificare che l intento della pianificazione nella proposta di localizzazione dell area in cessione non è quello di creare un grande parcheggio bensì di lasciare la superficie dell aia libera da recinzioni e modifiche che non siano compatibili con il recupero storico della corte stessa; l apertura alla viabilità potrà essere limitata alla ciclopedonale salvo i residenti, mentre può essere ricordato nella scheda quanto previsto all art. 22 comma 4 delle N.T.A. che consente la monetizzazione delle aree standard nel centro storico fino al 100%. L esempio portato con il Fg2 mapp.71 ha caratteristiche differenti in quanto l intera corte è stata recuperata ed adibita a residenza ed accessori da un unica proprietà negli anni 80, 90 ed è ancora oggi in uso della stessa proprietà; la programmazione non impedisce all interno di tale corte il riuso a destinazione residenziale o commerciale/ricettivo degli accessori. Lo strumento del Piano di Recupero vuole essere un incentivo per le singole proprietà a formulare una proposta operativa ottenendo del volume premiale. Punto 2 Osservazione al PdRAll1 scheda PCC3 parzialmente accolta : Dall analisi del contesto è emersa la scelta strategica di assoggettare i mappali di scarso valore storico all interno del centro storico in confine con la via Scolari riconducibili a un unica proprietà per il recupero di un area a parcheggio e per migliorare la visibilità della via in curva con l eliminazione della recinzione esistente in lastre di cemento prefabbricato in centro storico. Non si ritiene che l intervento comporti un danno alla proprietà che potrà mantenere sia un discreto giardino pertinenziale, da un minimo di 300 a un massimo di 550 mq in centro, che le destinazioni residenziali ad uso familiare a cui si dice interessata. Per quanto riguarda la proposta di localizzare in prossimità del mapp.998 la possibilità di trasferimento del volume in recupero e in incremento con la

4 ricostruzione e riqualificazione morfologica dell immobile si conviene che la classificazione del mapp.998 da A4 come rustico in recupero volumetrico possa essere convertita in A5 edificio privo di valore storico architettonico, pur non cambiando la finalità dell intervento complessivo del PCC3. Si ricorda che il PGT, pur sostenendo una politica di compensazione e incentivazione all intervento dei privati per la cessione gratuita delle aree per opere di interesse pubblico, ha mantenuto anche lo strumento operativo del ricorso all esproprio. Punto 3 Osservazione sul PCC5 non accolta : Il motivo per cui il piano ha previsto il PCC5 è proprio legato alla possibilità di sfruttare la comune proprietà dei mappali interessati con il recupero della corte del PR2. Il recupero della corte è direttamente interessato con la formazione di una strada di scarico che sarebbe formata per più di metà dal mapp. 242 cointestato a tutti gli aventi diritto sul mapp.254 e per la restante area di proprietà uguale al mapp.255 anch esso compreso nel PR2. Si sottolinea che i mapp e 410 rappresentano la casa padronale della corte storica e architettonicamente e strutturalmente non sono riconducibili ad accessori e pertinenze degli immobili moderni dei mapp.1041 e 1022; gli immobili non risultano vincolati da atti di pertinenza o asservimento con i suddetti mappali che risultano peraltro già dotati di accessori adiacenti alle residenze. Poichè i mappali 423 e 424 e 240 sono già edificabili dal 1998 con indice 1,2 mc/mq di volumetria e si ritiene che l attività agricola in essi attiva sia destinata a uscire dal centro storico per un adeguamento necessario inevitabile, si ritiene che un intervento convenzionato per l edificazione di questo comparto di tessuto consolidato sia di interesse pubblico proprio per la collocazione della viabilità di uscita della corte recuperata e di possibili parcheggi pertinenziali in deroga alle distanze determinate dal D.M.del 02/04/68. Per ciò che attiene alla tipologia edilizia che si intende sostenere è proprio quella già presente nell intorno. La proposta di eliminare la zona pedonale che fa della Piazza dei Caduti non più un incrocio ma un luogo di sosta e incontro per il Comune sembra di interesse solo per i singoli proprietari proponenti.

5 Osservazione N. 2 prot.n.1841 del 23/06/2011 Sig. Bono Enrico Maria Oggetto: Ambito di trasformazione AT2 L osservazione è stata ritirata con nota prot.n del 13/07/2011

6 Controdeduzioni all Osservazione N. 3 prot.n.1854 del 24/06/2011 Geom. Claudio Eros Muggetti Oggetto: Documento unico di piano e norme tecniche attuative, contributi e indicazione di errori materiali, refusi Punto 1 accolto : Si ritiene assolutamente già condivisa la scelta in via esecutiva della proposta di coordinamento tra i due ambiti territoriali di Trovo e di Vernate per il collettamento della frazione di Papiago al depuratore di Moncucco. Punto 2 non accolto : Il principio della compensazione urbanistica è proposto nel P.G.T. al fine di favorire le cessioni delle aree per i servizi evitando il ricorso all esproprio. La localizzazione delle aree di interesse pubblico all interno di Ambiti di Trasformazione non sottende che le stesse siano disciplinate da piani e da atti di programmazione come recita il terzo comma dell art.11 della L.R. 12/05, infatti i PUA di attuazione degli ambiti disciplineranno le St superfici territoriali, quantificando su di esse le superfici di standard dovute e mediante uno specifico progetto urbanistico potranno essere o localizzate all interno della St o monetizzate. L art.7.2 delle N.T.A. indica il meccanismo della compensazione urbanistica per l attuazione di interventi di interesse pubblico non compresi all interno di piani attuativi o di procedure negoziate cioè di cessioni di aree di interesse pubblico realizzabili anche indipendentemente dalla formazione di un piano attuativo specifico compensati con diritti edificatori per la loro cessione gratuita al Comune. Si vuole specificare che i Piani Urbanistici Attuativi sono i piani e atti di programmazione e non coincidono con gli Ambiti di Trasformazione che sono la localizzazione indicativa delle aree di possibile trasformazione del territorio. La compensazione urbanistica mediante trasferimento di diritti edificatori in cambio della cessione gratuita verrebbe a mancare se la cessione delle aree fosse valutata nel computo dello standard dovuto per la St edificabile, non sussistendo la necessità in questo caso di compensare alcunché. Punto 3 accolto : Verrà corretto l errore materiale all art.6 comma 5 delle N.T.A. con riferimento al DdPAll2 Punto 4 accolto : Verrà rettificato all art.19 spazi di verde attrezzato a servizio diretto degli edifici con spazi di verde attrezzato lasciando più ampio campo alla definizione di opera di urbanizzazione primaria. Punto 5 accolto : A migliore chiarimento del primo comma dell art.21 delle N.T.A. e con riferimento a quanto indicato in seguito all art.26 si inserisce all interno o all esterno e al

7 posto di nel rispetto della dotazione minima nel rispetto di quanto previsto dall art.26 delle presenti norme. Punto 6 parzialmente accolto : Il verde ippico sportivo privato ad uso pubblico si può ritenere un servizio di interesse pubblico esattamente come una area a verde sportivo. Verrà rettificato l indice territoriale incoerente essendo corretto quanto indicato sulla scheda d ambito. Punto 7 accolto : A maggior chiarezza si modifica la definizione di St Superficie Territoriale E all interno dell Ambito di Trasformazione Urbanistica l area o comparto di lottizzazione soggetto alla pianificazione attuativa esecutiva per il computo dell indice territoriale. E individuata e perimetrata con apposito segno grafico nelle tavole e allegati del Documento di Piano e del Piano delle Regole

8 Controdeduzioni all Osservazione N. 4 prot.n.1855 del 24/06/2011 Sig. Raffaele Negri in qualità di contitolare dell Az.Agricola Negri Raffaele, Gianpasquale e Giuseppe cugini Società Agricola Oggetto: Ambito di trasformazione residenziale AT6 Punto 1 parzialmente accolto : In considerazione delle motivazioni di problematicità e costo dell utilizzo della strada campestre ad uso dell attività agricola e in considerazione della possibilità di spostare la formazione della pista ciclabile a lato dell ampliamento previsto sia per la strada comunale verso Papiago che per il tratto di provinciale n.121 dalla cascina S.Pietro verso il capoluogo, si può accettare la modifica del percorso di mobilità dolce e invece di una forma di servitù si propone in alternativa la cessione gratuita delle aree necessarie alla formazione dello stesso in compensazione urbanistica con riferimento agli obblighi dell AT6. Punto 2 parzialmente accolto : Le scelte tipologiche architettoniche per il territorio sono emerse dalla necessità di preservare la qualità paesistica del contesto. Non si vuole che le case superino le altezze delle cascine limitrofe e si auspica che le scelte architettoniche si orientino verso l innovazione tecnologica e il risparmio energetico. Il parco attrezzato dovrà essere al centro della nuova struttura di tessuto residenziale e quindi filtrerà la continuità tipologica di cui l osservazione fa menzione; l apertura a una tipologia al massimo a un edificio a corte, che riprenda le caratteristiche architettoniche del borgo rurale, potrà essere valutata per eccellenza in qualità di risparmio energetico e di suolo. Pertanto si aggiungerà alle prescrizioni della scheda AT6 questa possibilità pur non modificando l indice che potrà essere raggiunto tramite l incentivazione e la compensazione urbanistica. Punto 3 parzialmente accolto : La realizzazione dell ampliamento viabilistico della strada di connessione tra Papiago e il capoluogo è emersa durante il percorso di formazione del piano come necessità per lo sviluppo sostenibile della frazione stessa; non di meno la necessità di dotare il territorio delle reti di urbanizzazione primarie essenziali quali l acquedotto e la depurazione è stata evidenziata come una condizione indispensabile e determinante per un possibile sviluppo sostenibile del residenziale nel contesto. Si ritiene perciò che i costi di urbanizzazione a carico dell Ambito AT6 siano stati proporzionati alle necessità sovra esposte che gravano sul valore dell area. Se per il Comune la localizzazione dell AT6 nel completamento del tessuto consolidato tra Papiago e la Cascina Melghera è considerata ammissibile e auspicabile in termini di contenimento del consumo di suolo nelle frange urbane e ridotto perimetro sensibile, deve essere considerato che l ambito è necessariamente condizionato alla risoluzione delle criticità della frazione stessa. L ambito AT6 inoltre già beneficia dell intervento di viabilità previsto sulla S.P.n.121 a carico dell ambito SA. Si prende atto invece della possibilità di calcolare le superfici in cessione gratuita per la viabilità in

9 compensazione urbanistica con indice 0,4 mc/mq come stabilito anche per l ambito AT2 e integrare la scheda relativa del DdPAll2. Punto 4 non accolto : A Papiago le tipologie costruite sono tutte entro i due piani abitabili più accessorio i calcoli fatti con 9,00 m all intradosso del colmo porta perfettamente a sviluppare abitazioni con due piani abitabili di altezza 2,70 e un solaio mansardato di altezza media 2,40 m per locali accessori o viceversa un piano terra adibito ad accessorio autorimessa a 2,20 m con due piani abitabili di cui uno mansardato di altezza media 2,7 m. Punto 5 accolto : L art.30 al comma 6 lettera c) indica proprio la possibilità di ottenere diritti edificatori in compensazione urbanistica con un atto di asservimento indipendentemente dal convenzionamento relativo ad un ambito di trasformazione. La scheda relativa all ambito AT6 prevede la realizzazione del verde di mitigazione in compensazione ecologica inserendone la realizzazione tra gli obblighi d ambito, ma viceversa si ritiene che il progetto e l asservimento per la realizzazione del VM non sia vincolato al PUA del AT6. Punto 6 non accolto : Non si ritiene di attribuire un indice di 0,6 mc/mq a compensazione del verde di mitigazione in quanto il criterio di compensazione è stato distribuito per interesse del servizio pubblico e non su criteri perequativi di comparto.

10 Controdeduzioni all Osservazione N. 5 prot.n.1856 del 24/06/2011 Sigg. Fabio Zanati e Franca Asti Oggetto: Ambito di trasformazione residenziale AT6 Punto 1 parzialmente accolto : In considerazione delle motivazioni di problematicità e costo dell utilizzo della strada campestre ad uso dell attività agricola e in considerazione della possibilità di spostare la formazione della pista ciclabile a lato dell ampliamento previsto sia per la strada comunale verso Papiago che per il tratto di provinciale n.121 dalla cascina S.Pietro verso il capoluogo si può accettare la modifica del percorso di mobilità dolce in alternativa e invece di una forma di servitù si propone la cessione gratuita delle aree necessarie alla formazione dello stesso in compensazione urbanistica con riferimento agli obblighi dell AT6. Per ciò che sottende al problema circa la proprietà dei terreni si deve tener presente che il terreno in Ambito di trasformazione con potenzialità edificatorie resta comunque collegato alla volontà esecutiva della rimanente quota di terreno di altra proprietà comunque vincolati insieme al convenzionamento per l attuazione dell edificabilità suddetta. Punto 2 parzialmente accolto : L analisi del tessuto consolidato esistente ha fatto emergere la possibilità e la volontà di ridurre gli indici precedenti di espansione dell 1,00 mc/mq a una dimensione più consona al territorio dello 0,6 mc/mq trasformabile con il ricorso alle incentivazioni e compensazioni proposte a circa lo 0,8 mc/mq. Le scelte tipologiche architettoniche per il territorio sono emerse dalla necessità di preservare la qualità paesistica del contesto. Non si vuole che le case superino le altezze delle cascine limitrofe e si auspica che le scelte architettoniche si orientino verso l innovazione tecnologica e il risparmio energetico. Il parco attrezzato dovrà essere al centro della nuova struttura di tessuto residenziale e quindi filtrerà la continuità tipologica di cui l osservazione fa menzione; l apertura a una tipologia al massimo a un edificio a corte, che riprenda le caratteristiche architettoniche del borgo rurale, potrà essere valutata per eccellenza in qualità di risparmio energetico e di suolo. Pertanto si aggiungerà alle prescrizioni della scheda AT6 questa possibilità pur non modificando l indice che potrà essere raggiunto tramite l incentivazione e la compensazione urbanistica. Punto 3 non accolto : La realizzazione dell ampliamento viabilistico della strada di connessione tra Papiago e il capoluogo è emersa durante il percorso di formazione del piano come necessità per lo sviluppo sostenibile della frazione stessa; non di meno la necessità di dotare il territorio delle reti di urbanizzazione primarie essenziali quali l acquedotto e la depurazione è stata evidenziata come una condizione indispensabile e determinante per un possibile sviluppo sostenibile del residenziale nel contesto. Si ritiene perciò che i costi di urbanizzazione a carico dell Ambito AT6 siano stati proporzionati alle necessità sovra esposte che gravano

11 sul valore dell area. Se per il Comune la localizzazione dell AT6 nel completamento del tessuto consolidato tra Papiago e la Cascina Melghera è considerata ammissibile e auspicabile in termini di contenimento del consumo di suolo nelle frange urbane e ridotto perimetro sensibile, deve essere considerato che l ambito è necessariamente condizionato alla risoluzione delle criticità della frazione stessa. L ambito AT6 inoltre già beneficia dell intervento di viabilità previsto sulla S.P.n.121 a carico dell ambito SA. Punto 4 non accolto : A Papiago le tipologie costruite sono tutte entro i due piani abitabili più accessorio i calcoli fatti con 9,00 m all intradosso del colmo porta perfettamente a sviluppare abitazioni con due piani abitabili di altezza 2,70 e un solaio mansardato di altezza media 2,40 m per locali accessori o viceversa un piano terra adibito ad accessorio autorimessa a 2,20 m con due piani abitabili di cui uno mansardato di altezza media 2,7 m.

12 Controdeduzioni all Osservazione N. 6 prot.n.1858 del 24/06/2011 G.P.S. s.r.l. Oggetto : Ambito di trasformazione SA servizi autostradali Punto 1 accolto : Si ritiene un errore materiale l indicazione approssimata di mq nella scheda d ambito e in relazione e si corregge con la reale metratura della campitura presente negli elaborati di piano in mq escluso il sedime recintato e occupato dall esistente tratto autostradale, questa rettifica comporta l aumento delle superfici realizzabili per il servizio e a verde di compensazione ecologica. Punto 2 accolto : Si condivide l osservazione in relazione a non limitare l uso delle tecnologie per la depurazione a solo due tipi e sostituire sulla scheda SA del DdPAll2 fitodepurazione, trattamento a ozono o sistemi alternativi a basso impatto ambientale nel rispetto della normativa vigente al fine di non limitare l utilizzo di potenziali tecniche depurative ancor più a minor impatto.

13 Controdeduzioni all Osservazione N. 7 prot.n.1859 del 24/06/2011 Sigg. Gazzi Giovanni, Comiotto Sergio, Spahi Manjola, Sozzani F. e Testa Pasquale Punto 1 accolto : Si ritiene che l osservazione circa l importanza della pista ciclopedonale in loco possa essere condivisa per ragioni di opportunità sia dell immissione su via Scolari che sulla necessità di realizzazione della viabilità di gronda ovest nella sua completezza fino a via Anna Frank e a collegamento con il futuro plesso scolastico: viene pertanto stralciato il tratto di viabilità ciclopedonale prevista negli elaborati DdP14 e PdS. L eventuale chiusura della strada ad uso privato dovrà garantire l arretramento del cancello per lasciare almeno un posto auto ad uso pubblico esterno allo stesso e il mantenimento e asservimento a parcheggio privato delle aree interne.

14 Controdeduzioni all Osservazione N. 8 prot.n.1861 del 24/06/2011 Sigg. Carla Cavagnini e Paolo Cavagnini Oggetto: Ambito di trasformazione AT1 Punto 1 non accolto : La congiuntura di crisi economica non può essere motivo per il quale vengano ridotti gli introiti per l utilità pubblica in favore del guadagno privato. Nel caso specifico l espansione urbanistica residenziale deve essere adeguatamente corrisposta da una dotazione di servizi ed infrastrutture in rapporto ai nuovi abitanti teorici insediabili. Le aree a compensazione urbanistica presenti nell AT1 di VA e AS che producono un indice edificatorio per la loro cessione gratuita non possono computare per lo standard dovuto dalla St dell ambito a meno che non si rinunci ai diritti edificatori premiali. Punto 2 parzialmente accolto : L attuazione del comparto AT1 è subordinata alla cessione dell area per AS e della viabilità di gronda a sud della via Pampuri eventuali suddivisioni in più piani attuativi in tempi diluiti dovranno garantire comunque che il primo intervento realizzi i servizi previsti ad alta priorità suddetti, sarà riportato nella scheda d ambito dell AT1.

15 Controdeduzioni e recepimenti in merito all Osservazione N. 9 prot.n.1870 del 24/06/2011 ARPA dipartimento di Pavia Oggetto: Osservazioni al Documento di Piano ai sensi dell art.13 comma 6 della L.R. 12/05 Con la presente si provvede a esplicitare il recepimento delle osservazioni ricevute da Arpa a visione del P.G.T. comunale adottato con D.C.C.n.04 del 11/04/11 ricevute con prot del 24/06/2011. Richiamando le precedenti controdeduzioni e recepimenti delle osservazioni di ARPA in sede di II Conferenza di VAS, pubblicate sul sito web comunale e agli atti dell adozione, si procede a relazionare quanto segue. 1) Recependo la richiesta di ulteriore esplicitazione degli impatti derivanti dall attuazione delle azioni comportanti la realizzazione degli ambiti di trasformazione residenziali e delle nuove infrastrutture per la mobilità si è prodotta la tabella Tab a pag.87 del R.A. di dettaglio circa l analisi effettuata sugli impatti diretti e indiretti e delle mitigazioni e compensazioni previste per ciascun ambito AT. 2) Si sono apportate le precisazioni richieste nella Dichiarazione di Sintesi sebbene fossero già state schematicamente riportate tutte le informazioni sui contributi e osservazioni ricevuti dai soggetti ed enti che hanno partecipato alla formazione del Piano. Tutti i contributi erano pubblicati sul sito web del comune e sul SIVAS regionale. 3) Le considerazioni circa il Documento di Piano in merito alla proposta di Rete Ecologica Comunale sono recepite e si è provveduto ad integrare con la Tav.DdP 14bis uno schema della REC in scala 1: situandola su vasta area. L art. 32 delle N.T.A. (REC) Rete ecologica comunale e aree agricole di conservazione e di collegamento al Parco del Ticino già formulava una proposta in termini comunali di recepimento della RER e le tavole PdS2 e PdR4 individuano le parti di territorio interessate dalla proposta di REC. Si esplicta meglio all art.32 quanto previsto dalla Dgr 26/11/2008 n.8/8515 integrando con quanto segue: Tutti gli interventi di trasformazione del territorio che si dovessero attuare all interno del corridoio primario di REC e RER dovranno garantire anche mediante divaricazioni esterne alla linea principale, linee di conettività la cui sezione complessiva raggiunga tendenzialmente i 500 m. Gli interventi collocati all interno del corridoio primario dovranno garantire che rimanga permeabile una sezione libera adeguata non inferiore al 50% della sezione libera indicata dalla cartografia della RER. Gli ambiti interessati dalla REC dovranno garantire misure di compensazione ecologica aggiuntive attivate congiuntamente alla realizzazione dell intervento convenzionato. 4) Condividendo quanto indicato in riferimento agli obbiettivi sulla mobilità si recepisce l invito alla collaborazione per la mappatura delle principali iniziative di mobilità dolce sul territorio comunale. Si è inoltre valutato di prolungare il percorso ciclabile a ovest lungo la strada comunale per Motta Visconti fino al confine con il comune di Bereguardo per collegarsi alla

16 pista dei Navigli in programma nei comuni contermini. Tale integrazione è riportata sulle tavole programmatiche del DdP n e nelle tavole e Schede operative del PdSAll2 Piano dei Servizi. 5) In merito all osservazione circa l utilizzazione del suolo e ambiti di trasformazione si specifica che tutte le schede d ambito del DdPAll2 e nelle N.T.A. del documento unico di piano è stato inserito l obbligo all adeguamento delle urbanizzazioni primarie anche extracomparto indispensabili quali le reti idriche e di trattamento dei reflui. 6) L osservazione sull ambito AT1 si ritiene già recepita in quanto già in adozione si era riportata la fascia di rispetto cimiteriale alle dimensioni deliberate con provvedimento ASL del.. al di fuori dell AT1. Il piano prevede in area di rispetto solo interventi di verde di mitigazione e viabilità entrambi ammessi dal citato regolamento regionale del R.R.n.06/ ) L osservazione all ambito di trasformazione AT2 viene recepita e si sottolinea come le indicazioni d ambito prevedano la fascia boscata a tampone tra la viabilità e l abitato di idonea sezione superiore ai 20 m lungo tutto il perimetro confinante con la nuova circonvallazione; dal lato della attuale S.P.n.11 (in previsione di declassamento a strada urbana) si prevedono 10 m di verde attrezzato di riqualificazione della Roggia Bergonza indicata all art.31 della N.T.A. del Documento Unico. 8) L osservazione all ambito SA di servizi autostradali viene recepita e in accordo con le prescrizioni della Provincia di Pavia si è provveduto a ridurre l indice massimo di edificabilità da 0,7 a 0,5 mq/mq e si è specificato nella scheda del DdPAll2 relativa quanto segue: Dovranno essere valutate e verificate preventivamente le ricadute e gli impatti generati dal progetto operativo sia a scala locale che sovra comunale sotto i vari aspetti di possibile incidenza socio-economica, infrastrutturale, paesaggistica e di adozione di servizi.

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ISTRUTTORIA TECNICA D UFFICIO Proposta Rettifica e Correzioni errori materiali L applicazione delle previsioni degli atti

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Comune di Lentate sul Seveso

Comune di Lentate sul Seveso Comune di Lentate sul Seveso Provincia di Monza e Brianza PGT PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Maggio 2013 Proposta di controdeduzione alle osservazioni ALLEGATO H ELENCO DELLE OSSERVAZIONI NEL PERIODO

Dettagli

COMUNE DI BERGAMO ALLEGATO 5 - PROPOSTA TECNICA DI CONTRODEDUZIONE AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BERGAMO ALLEGATO 5 - PROPOSTA TECNICA DI CONTRODEDUZIONE AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BERGAMO BE RGAMO AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA CI E TT A DEI MILL DIRIGENTE RESPONSABILE DI DIREZIONE ARCH. DARIO TADE GRUPPO DI LAVORO ARCH. DARIO TADE ARCH.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione 04.07.12 Presentazione per l adozione Gruppo di lavoro International Arch. Marco Facchinetti Arch. Marco Dellavalle FDA international partner Arch. Roberto Pozzoli STID Dott. Geol. Efrem Ghezzi Dott. Geol.

Dettagli

UFFICIO VAS SCHEMA DI VALUTAZIONE COMUNE: GUSSAGO e CELLATICA PROCEDURA: Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

UFFICIO VAS SCHEMA DI VALUTAZIONE COMUNE: GUSSAGO e CELLATICA PROCEDURA: Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica (VAS) VALUTAZIONE DEL PROCEDIMENTO DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VAS DELLO SUAP GALBA SRL IN VARIANTE AL PGT. Premessa Ai sensi della DCR VIII/351 del 13 marzo 2007 recante Indirizzi generali per la valutazione

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni Allegato F Relazione Tecnica aggiornamento Giugno 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi Architetto 20900 Monza MB

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PGT 2015 - SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPONENTI EFFETTI ATTESI COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI MONITORAGGIO

VARIANTE PARZIALE AL PGT 2015 - SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPONENTI EFFETTI ATTESI COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI MONITORAGGIO DELLA VNTE Rispetto al PGT vigente, decremento delle emissioni in atmosfera attese causate dall'aumento dei veicoli circolanti dei residenti ed dagli impianti a servizio delle residenze. La var. 1 comporta

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

DP - Modalità attuative

DP - Modalità attuative Art. 1 Attuazione del Documento di Piano Art. 2 Ambiti di trasformazione Art. 3 Indirizzi per la progettazione degli Ambiti di trasformazione Art. 4 Edificabilità Art. 5 Dotazione di servizi ed attrezzature

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Al Comune di Azzano San Paolo Piazza IV Novembre Alla Autorità procedente Alla Autorità competente Cap. 24052 comuneazzanosanpaolo@pec.it Al Comune di Zanica Via Roma, 35

Dettagli

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale 1. I limiti di consumo di suolo I Piani di governo del territorio (Pgt) sono sottoposti alla verifica di compatibilità rispetto al Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in attuazione

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT Il Sindaco Sottopone al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: IL

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Studio Tecnico Associato Carinelli e Piolini 1 Relazione tecnica descrittiva 1. Inquadramento L ambito urbano interessato dal progetto è situato nel settore nord orientale di Lodi, a sud di via Cavallotti

Dettagli

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli Lottizzanti: Proprieta': Caprotti Emilia Procuratori Marina Strazzeri, Franco Flavio Strazzeri, ALLEGATI 01:

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA Il presente progetto è relativo all attuazione delle previsioni del PGT vigente relativamente all AREA B9 (area di concentrazione

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI -

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - REGOLAMENTO DI CALCOLO E GESTIONE DEGLI STANDARDS QUALITATIVI PER ATTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E ATTUAZIONE DEL

Dettagli

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita Comune di Serle Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione Allegato A Ambiti di completamento a SLP definita Approvato con delibera C.C. n.15 del

Dettagli

MOSSINI - SANT ANNA. PRG vigente e richieste di modifica MOSSINI - SANT'ANNA. centro storico delle frazioni centro urbano consolidato

MOSSINI - SANT ANNA. PRG vigente e richieste di modifica MOSSINI - SANT'ANNA. centro storico delle frazioni centro urbano consolidato MOSSINI - SANT ANNA MOSSINI - SANT'ANNA RG vigente e richieste di modifica RG VIGENTE E RICHIESTE DI MODIFICA AO 45 centro urbano consolidato zone di riqualificazione e trasformazione AO 13 RT 24 centro

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE - VARIANTE - Progettista: Sindaco: Segretario: VARIANTE adottata dal C.C. con delibera n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera n del - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE commessa: 545/CH allegato:

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

Comune di Cercino - Provincia di Sondrio. Piano dei Servizi Norme Tecniche di Attuazione

Comune di Cercino - Provincia di Sondrio. Piano dei Servizi Norme Tecniche di Attuazione 1 INDICE Pagina Articolo - titolo 2 Art. 1 - Finalità del Piano dei Servizi 3 Art. 2 - Efficacia del Piano dei Servizi 3 Art. 3 - Contenuti del Piano dei Servizi 4 Art 4 - Classificazione dei servizi e

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE:

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE: OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL'ART. 30 DELLA L.R. 34/92 E S.M.I. DELLE MODIFICHE AL PIANO ATTUATIVO COMPARTO DI RICUCITURA URBANA IN LOC. SASSONIA V.LE D.ALIGHIERI - ST1_P11, APPROVATO CON D.G.C. N 496

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

PRIMA VARIANTE AL PGT

PRIMA VARIANTE AL PGT COMUNE DI CORTE DE FRATI PRIMA VARIANTE AL PGT RELAZIONE PRELIMINARE C o m u n e d i C o r t e d e F r a t i P i a z z a R o m a, 1 2 6 0 1 0 C o r t e d e F r a t i ( C R ) T e l. 0 3 7 2 9 3 1 2 1 F

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento;

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento; IRIDE 1142136 Delib. n. - N. P.G. OGGETTO:Adozione Variante al Piano di Recupero in variante al vigente Piano delle Regole Immobiliare Supercinema c.so Garibaldi La Giunta comunale propone al Consiglio

Dettagli

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco ORTOFOTO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMETRICA (scala 1:1000) Nuclei di antica formazione Criteri

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA PARERE MOTIVATO FINALE

COMUNE DI PREGNANA MILANESE - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA PARERE MOTIVATO FINALE Consorzio Parco Nord Milano Servizio Sviluppo Parco Via Clerici, 150-20099 - Sesto San Giovanni (MI) Tel.: 022410161 - Fax: 02241016220 E_mail: amministrazione@cert.parconord.milano.it COMUNE DI PREGNANA

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto Perequazione, crediti edilizi e premialità

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO Il Programma Integrato di Intervento in esame risulta procedibile ai sensi della Legge regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni in

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Città di Campodarsego Provincia di Padova

Città di Campodarsego Provincia di Padova Città di Campodarsego Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 87 O G G E T T O DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO AL 1 GENNAIO DELL ANNO DI IMPOSIZIONE DELLE

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1 RELAZIONE TECNICA Sommario La Variante generale 2015 al Regolamento urbanistico... 1 Parametri comunali... 1 Adeguamento al parametro regionale... 2 Cessione diritti edificatori... 3 Disciplina del Trasferimento

Dettagli

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP)

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) Incontro Ordini professionali Regione Umbria Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1 Testo unico governo del territorio e materie correlate Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) DIREZIONE PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

AMBITO DI TRASFORMAZIONE

AMBITO DI TRASFORMAZIONE AMBITO DI TRASFORMAZIONE PET1 Localizzazione : Cibrone - via XXV Aprile INQUADRAMENTO TERRITORIALE L ambito è localizzato nella zona nord-est del territorio comunale, tra la via XXV Aprile e la SS. 36.

Dettagli