nordest nuova serie, 58

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nordest nuova serie, 58"

Transcript

1 nordest nuova serie, 58 istrevi fonti, 2

2 Il presente volume è realizzato grazie al sostegno di In copertina: Tessera sindacale del Copyright 2007 Cierre edizioni via Ciro Ferrari 5, Sommacampagna, Verona tel , fax

3 Giuseppe Pupillo, Filippo Schiavo Per una storia della Camera del Lavoro vicentina I. Repertorio cronologico Cierre edizioni Istituto storico della Resistenza e dell età contemporanea della provincia di Vicenza - Ettore Gallo

4

5 Indice Presentazione 7 Avvertenza per la consultazione 11 Abbreviazioni e sigle 15 Prefazione Indice dei nomi 333 Elenco delle aziende vicentine citate 337

6

7 Presentazione Giuseppe Pupillo, animatore vitalissimo del Centenario della Camera del Lavoro di Vicenza e Filippo Schiavo, a cui si deve parte del lavoro di ricostruzione dell Archivio storico della Cgil vicentina, ci regalano questo nuovo volume, in stampa mentre volge al termine l anno del centenario nazionale della Cgil. Sono trascorsi infatti cent anni dal 1º ottobre 1906, quando le Camere del Lavoro e le Federazioni di settore decisero di associarsi per dare vita alla Confederazione Generale del Lavoro. Tra queste, ovviamente, la Camera del Lavoro di Vicenza, nata tre anni prima. La sua storia, ancora indagata in modo insufficiente, viene oggi arricchita da questa rassegna cronologica dei principali avvenimenti sindacali succedutisi nel Vicentino negli anni cruciali tra il 1945 e il 1954 che consente non solo di ripercorrere un periodo di grandi fervori, travagli e dilemmi che nella sua prima parte fu denso, soprattutto nel mondo del lavoro, di attese e di conquiste sociali e nella seconda contrassegnato dal radicarsi della guerra fredda e da una durissima offensiva conservatrice ma di ricordare, attraverso fatti concreti, quanto le lavoratrici ed i lavoratori siano stati attori fondamentali nella ricostruzione del Paese del dopoguerra, nella lotta per la democrazia e la libertà, per il riscatto sociale, per la solidarietà e i diritti e quanto abbiano contributo allo sviluppo ed al successo economico della nostra provincia. La storia della Cgil, e quindi anche di una Camera del Lavoro come quella vicentina, è parte essenziale della storia dell Italia contemporanea. Molte sono state le crisi, le tensioni, le difficoltà, persino gli espliciti tentativi di marginalizzare il ruolo del sindacato, con cui la Cgil si è dovuta misurare, restando la principale tra le organizzazioni di rappresentanza e di tutela delle classi lavoratrici. Rivisitando le strategie contrattuali, le rivendicazioni, le lotte, le aspirazioni, le affermazioni e le rotture dell unità sindacale, i momenti

8 8 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina di grande avanzata e quelli di ripiegamento del mondo del lavoro, non solo appare in tutta evidenza il ruolo del sindacato nell Italia repubblicana, ma balza alla luce una straordinaria vicenda di partecipazione, militanza, proposta, impegno e sacrificio di donne e di uomini, di lavoratrici e di lavoratori che raramente hanno l onore di essere ricordati come protagonisti. La Cgil vuole essere anche questo: una organizzazione di massa che non solo ha dato e dà voce e visibilità al lavoro, al suo valore, alla sua ricchezza, alla sua straordinaria dignità, ma che intende, davvero come un impegno morale e culturale, promuovere e sollecitare studi e ricerche per dare una rigorosa collocazione al ruolo determinante e costruttivo delle masse lavoratrici nella storia dell Italia contemporanea. Ruolo che oggi si tende a dimenticare o sottovalutare, e quindi occorre contrastare la progressiva scomparsa del valore del lavoro nel pensiero delle classi dirigenti del nostro paese; la sua scomparsa dall informazione, dalla politica e persino dalla cronaca. Benché la nostra società dipenda dal lavoro, non ne vuole riconoscere nella misura dovuta l eccezionale contributo al progresso del Paese ed all affermazione dei diritti e della dignità di ogni uomo. Non avviene per caso, poiché oggi stendere un velo d oblio per quanto riguarda sia le lotte attuali che la storia delle masse lavoratrici è funzionale ad una scomposizione di classe senza precedenti e ad una crescente frammentazione del lavoro, sempre più precario ed intermittente, tali da rendere quanto mai complessa l azione sindacale. Di fronte a queste difficoltà e pur in un cammino reso accidentato dalla globalizzazione dell economia, la Cgil dovrà avere, come ha avuto nel passato, la capacità di interpretare le aspirazioni dei lavoratori e superare gli ostacoli aggiornando le proprie strategie politiche e rivendicative, anche modificando gli organismi di rappresentanza nel territorio, con l obbiettivo di continuare a dare voce, forza e rappresentanza al variegato mondo del lavoro e con l impegno di restare saldamente ancorata ai valori di fratellanza, solidarietà e giustizia sociale che hanno caratterizzato la sua storia centenaria e che oggi da più parti, sciaguratamente, vengono qualificati di conservatorismo. La storia e la memoria del passato hanno grande importanza. Anzi sono indispensabili, proprio in questa fase politica e sociale in cui una parte consistente delle classi dirigenti fa della storia, mentre è del tutto disinteressata ai suoi valori conoscitivi, un uso strumentale attraverso rappresentazioni distorte e decontestualizzate degli avvenimenti del passato, una clava da usare contro l avversario politico. Dominante è la

9 Presentazione 9 volontà di affermare il presente come dimensione totalizzante e quindi di cancellare, svalutare o adulterare il senso del passato. Per quanto riguarda la storia sindacale il senso politico dell operazione è chiarissimo: indebolire l identità, che nella storia ha le sue profondissime radici, del movimento dei lavoratori; considerare ormai inattuale l eredità di quella più che centenaria vicenda che, in virtù di movimenti organizzati e profondamente democratici, ha trasformato una plebe senza diritti, qual era ancora agli inizi del secolo scorso, in cittadini consapevoli della propria dignità e del ruolo nella società, e ciò al fine di frammentare ancora di più il mondo del lavoro, impoverirlo quanto a coscienza di sé, riconfigurarlo come un generico insieme di individui atomizzati, totalmente dipendenti dalle decisioni e dagli interessi imprenditoriali. Questo clima rende arduo, ma ancor più necessario, il compito di riflettere criticamente sulla storia del movimento dei lavoratori, assumendo sempre più, accanto a quella nazionale, un ottica che riporti in piena luce le esperienze, le dinamiche locali che, attraverso lotte e capacità di proposta, hanno anch esse contribuito a favorire le conquiste legislative e sociali che hanno profondamente trasformato gli stessi rapporti tra gli uomini, improntandoli a maggiore giustizia e reso più moderni e democratici gli ambienti territoriali ed aziendali in cui hanno operato. Compito quanto mai utile nei confronti dei giovani che entrano oggi nel mondo del lavoro e nelle sue organizzazioni sindacali. Ad essi va dato il senso che tanto più possono contribuire a rinnovare il sindacalismo italiano, quanto più, ponendosi di fronte ai problemi dell oggi e del domani, hanno consapevolezza di ereditare un eccezionale e fecondo patrimonio storico e culturale che non può essere in alcun modo trascurato o disperso. Non solo a livello nazionale, ripeto, ma anche a quello locale, dove le classi lavoratrici hanno dato un enorme apporto nel rendere la nostra provincia una delle più avanzate economicamente dell Italia. La conoscenza della propria storia, e nel nostro caso quella della Cgil vicentina, rafforza l identità dell organizzazione, la consapevolezza di sé e di un ruolo che va continuamente difeso e aggiornato. E difatti nell indagare il passato il nostro obbiettivo, e di certo anche degli autori di questo volume, non è solo di custodire una memoria, pure preziosa, ma soprattutto di rendere più forte, sagace e pertinente la consapevolezza dei problemi del presente. Pensando, come ho detto, innanzitutto ai giovani e a quanti s interrogano su quale modello di so-

10 10 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina cietà costruire, e sui tanti fili invisibili che legano le memorie e le conquiste che si trasmettono tra generazioni. Questo volume, ideato proprio in occasione del Centenario della Cgil nazionale, è un valido contributo in tale direzione. Oscar Mancini Segretario generale Cgil Vicenza

11 Avvertenza per la consultazione Questa cronologia degli avvenimenti sindacali che nel periodo hanno avuto come protagonista o più direttamente interessato la Cgil vicentina è il risultato del lavoro di selezione di una rassegna più dettagliata, alla quale abbiamo cominciato a mettere mano dal 2002 in parallelo al lavoro di ricostruzione dell Archivio storico della Camera del Lavoro di Vicenza, che tra non molto sarà possibile consultare sia presso l Istrevi che presso gli Archivi politici del Novecento vicentino della Biblioteca Bertoliana. Anche la rassegna ampia presenta parecchie lacune perché le fonti giornalistiche, istituzionali ed imprenditoriali consultate sopperiscono assai parzialmente alla perdita nei decenni scorsi di gran parte del materiale prodotto dalla Cgil vicentina o alla mancata verbalizzazione di momenti significativi della sua vita (assisi congressuali, conferenze d organizzazione, riunioni degli organismi dirigenti territoriali e categoriali), sicché le zone d ombra e le domande in attesa di risposte e riscontri puntuali (ad esempio i rapporti con i partiti di riferimento o con i livelli sindacali superiori, il dibattito che ha preceduto o accompagnato la formazione delle decisioni, la certezza sui dati del tesseramento o della partecipazione agli scioperi ecc.) risultano non poche. Ne è però chiara l utilità funzionale in rapporto all Archivio della Cgil vicentina e l assoluta stringatezza con cui vi sono indicati avvenimenti e documenti non costituisce un limite in quanto, si tratti di carte dell Archivio della Camera del Lavoro vicentina e di altre raccolte archivistiche o di informazioni reperibili nella stampa vicentina, c è sempre il rimando alla fonte. Più problematica è l utilità di pubblicare in libro una cronologia che per ragioni di spazio abbiamo selezionato drasticamente e che non indica, se non in casi limitati, la fonte o le fonti, con evidenti rischi di comprensibilità e faticosa fruizione. Per il periodo maggio 1945-feb-

12 12 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina braio 1948 essi sono attenuati dal poter fare riferimento alla recente pubblicazione dei Verbali della Camera del Lavoro unitaria di Vicenza (2 voll., Biblioteca Bertoliana editrice, 2004) e all Introduzione che li accompagna mentre per il periodo successivo, , sono evidenti in difetto di studi e ricerche sulla Cgil vicentina. Tant è che pur avendo più volte riflettuto sull opportunità di siffatta pubblicazione, solo la doppia coincidenza, nel 2006, del Centenario nazionale della Cgil e dell avvio da parte dell Istrevi di una vasta ricerca sul secondo dopoguerra vicentino, ci ha spinti in tal senso, potendo allora questo compendio cronologico rappresentare un contributo preliminare ad indagini successive, principalmente sulle due maggiori Federazioni di categoria, dei tessili e dei metalmeccanici, operanti nel Vicentino. Nella prospettiva di ulteriori studi, pubblicare una sintesi cronologica ci è parso come una sorta di sfida sulla possibilità che essa, al di là delle date, dei titoli degli avvenimenti e dei suoi limiti di varia natura, contenga sottotraccia dei coerenti, se pur solo accennati, fili narrativi, a rafforzare i quali in qualche misura abbiamo premesso ad ognuno degli anni qui considerati un sinteticissimo quadro di quali furono le scelte politiche ed economiche dei governi, dei partiti, delle istituzioni monetarie e delle forze imprenditoriali e quali le linee sindacali elaborate e percorse a livello nazionale. Nella cronologia è stato indispensabile fare abbondanti riferimenti alla strategia della Cgil nazionale (e, per gli anni susseguenti la rottura della Cgil unitaria avvenuta nell estate del 1948, anche a Cisl e Uil) perché essa fu caratterizzata da una marcatissima centralizzazione dell elaborazione e gestione delle strategie contrattuali, già indicata dall Atto costitutivo del giugno 44 (il cosiddetto Patto di Roma) e dallo Statuto del Primo congresso di Napoli (gennaio 45) che su di esso conformò la struttura organizzativa sanzionando un potere preminente degli organismi territoriali (nazionali e provinciali) rispetto a quelli categoriali. Soprattutto nei primi tre anni del periodo in cui la Cgil fu organizzazione unitaria, la moderazione nelle rivendicazioni salariali, la ricerca continua del negoziato e di un rapporto positivo con il governo e con la Confindustria, la preminenza data da un lato ai problemi della ricostruzione e dall altro alla garanzia di un minimo vitale per l insieme dei lavoratori, l incanalamento del movimento dei lavoratori al fine di omogeneizzarne e disciplinarne gli obbiettivi, furono alcune delle caratteristiche fondamentali della Cgil. Ma anche dall estate 1947 quando la linea del governo, posta fine dalla Dc ai governi tripartiti, fu orientata su scelte economiche prevalentemente li-

13 Avvertenza per la consultazione 13 beriste e politiche di contrapposizione ai partiti di sinistra, e negli anni successivi la Cgil tenne fermo il carattere unitario e centralista della propria strategia rivendicativa e di conseguenza la struttura dirigenziale e organizzativa fu posta in discussione, inizialmente con molta cautela, solo a metà degli anni Cinquanta. Trattandosi di una cronologia riguardante la Cgil e principalmente la sua organizzazione provinciale vicentina, i riferimenti agli altri sindacati Cisl e Uil, per gli anni , si limitano ad indicare stringatamente, sul piano nazionale i loro salienti elementi strategici e, su quello provinciale, gli avvenimenti che dettero origine (con sporadiche eccezioni) a permanenti controversie e rapporti conflittuali con la Cgil. Rispetto alla citata cronologia ampia (ciclostilata) dove sono indicati tutti i documenti raccolti nell Archivio della Cgil vicentina, questo testo ne riporta un numero assai limitato e segnala tale provenienza con un asterisco posto tra parentesi. Lo si è già detto: l Archivio manca sovente proprio dei documenti più significativi tra i quali la corrispondenza, le pubblicazioni di bollettini o fogli informativi sia della Camera del Lavoro che delle Federazioni di categoria, gli atti congressuali mentre contiene moltissime carte che attenendo alla vita ordinaria e alla routine burocratica delle diverse strutture categoriali e territoriali dell organizzazione non presentano significatività riguardo i fini di questa pubblicazione. La selezione da noi operata è stata ovviamente minore per quanto riguarda gli atti della Camera del Lavoro provinciale o dei maggiori sindacati di categoria (tessili, metalmeccanici, edili, braccianti, pubblici dipendenti) e drastica per le Camere del Lavoro territoriali e per le numerose categorie di rami produttivi con scarso peso nell economia vicentina. Per quanto riguarda le fabbriche abbiamo riportato le vertenze di quelle maggiori (Lanifici Rossi e Marzotto, industrie metalmeccaniche Pellizzari e Smalterie Venete, Cartiera Burgo) o di quelle le cui lotte hanno avuto momenti di risonanza. Notevole è stato il ricorso alla stampa locale, quotidiana e periodica, in particolare al quotidiano «Il Giornale di Vicenza» e al settimanale «L Amico del Popolo». Il primo, negli anni dell immediato dopoguerra, nonostante le sue poche pagine, prestò attenzione alle vertenze sindacali, riportando le posizioni delle parti contrapposte. Negli anni dei governi centristi tenne una posizione decisamente filopadronale e favorevole al sindacato della Cisl, invero moderatamente quando questa promuoveva vertenze, nettamente quando si contrapponeva alla Cgil. Il secondo, settimanale e poi periodico della locale federazione comunista, assegnò note-

14 14 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina vole spazio alle lotte operaie come espressione della lotta di classe ed anticapitalista; con una visione unilaterale, e, a partire dagli anni Cinquanta in presenza del duro attacco imprenditoriale e conservatore alle sinistre e alla Cgil sopravvalutandole, col chiaro intento di incoraggiare i lavoratori aderenti al sindacato di classe in momenti di palese difficoltà e isolamento. Altre fonti esaminate rapporti prefettizi, notiziari provinciali od aziendali di parte imprenditoriale, stampa diocesana ecc. hanno aggiunto alla cronologia solo modeste informazioni, mentre rappresentano bene l evoluzione dell atteggiamento dei poteri pubblici e dei poteri economici nel periodo considerato. Per esemplificare, nei rapporti prefettizi è evidente il transito da una linea di attiva mediazione ( ) nelle vertenze sindacali, attenta alle esigenze dei lavoratori e dei disoccupati, ad una di cautissima mediazione incline a considerare maggiormente le ragioni imprenditoriali ( 47-48), ad una infine che considerò sovente le vertenze solo dal lato dell ordine pubblico. Nella stampa periodica di organizzazioni imprenditoriali il transito è ancora più veloce. Se fino a metà 47 essa riporta notizie sulle vertenze generali o di fabbrica, dopo ne trascura completamente la cronaca sostituita da note, con valore di editoriale, riprese da documenti ufficiali della Confindustria o scritte in loco, ma sempre critiche verso le rivendicazioni salariali e normative, e talora verso alcune leggi parlamentari o misure governative, ritenute insopportabili per le aziende e nocive per la complessiva economia italiana. Per alcuni avvenimenti chiave della vicenda sindacale vicentina sono indicate anche opere edite in cui reperire una adeguata cronistoria ed una convincente interpretazione. Novembre 2006 G.P. - F.S. Simboli grafici nel testo della cronologia All inizio del capoverso: indica un avvenimento nazionale o internazionale - All inizio del capoverso: indica un avvenimento di carattere locale * A fine capoverso o all interno del testo: indica documenti presenti nell Archivio storico della Cgil vicentina, depositati preso la Biblioteca Bertoliana di Vicenza

15 Abbreviazioni e sigle Acli Afl Ali Ance «AdP» Amg «Bicp» Cc.Ii. c.c.n.l. CdG CdL Cgil Cglta Cio Cisnal Cisl Cln Clnai Confapi Csc Cvl Dc D.L. D.M. d.d.l. Eca Ee.Ll. Erp Fenit Associazioni cristiane lavoratori italiani American federation of labor Associazione liberi impiegati Associazione nazionale costruttori edili «L Amico del Popolo», settimanale del Pci vicentino Allied military government «Bollettino di informazioni del CLN provinciale» Commissioni interne contratto collettivo nazionale di lavoro Consigli di Gestione Camera del Lavoro Confederazione generale italiana del lavoro Confederazione generale lavoro, tecnica, arte Congress of industrial organizations Confederazione italiana sindacati nazionali dei lavoratori Confederazione italiana sindacati lavoratori Comitato di liberazione nazionale Comitato di liberazione nazionale Alta Italia Confederazione delle associazioni piccola industria Corrente sindacale cristiana Corpo volontari della libertà Democrazia cristiana decreto legislativo decreto ministeriale disegno di legge Ente comunale di assistenza enti locali European recovery program (Piano Marshall) Federazione nazionale imprese trasporti

16 16 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina Fil Federazione italiana lavoratori Filc-Cgil Federazione italiana lavoratori chimici Filcea-Cgil Federazione italiani lavoratori del commercio e affini Filea-Cgil Federazione italiana lavoratori edili e affini Fim-Cisl Federazione italiana metalmeccanici Fim Fondo per l industria meccanica Fiom-Cgil Federazione impiegati operai metallurgici Fiot-Cgil Federazione italiana operai tessili Fsm Federazione sindacale mondiale Gmf Manifatture lane Gaetano Marzotto e Figli, Valdagno «GdV» «Il Giornale di Vicenza», quotidiano Inadel Istituto nazionale assistenza dipendenti enti locali Infail Istituto nazionale fascista assistenza infortuni lavoro Inps Istituto nazionale previdenza sociale Iri Istituto ricostruzione industriale «Not.a.i.» «Notiziario dell Associazione industriali di Vicenza» Oo.Ss. organizzazioni sindacali Ovra Organizzazione vigilanza e repressione antifascismo Pci Partito comunista italiano PdA Partito d Azione Pnm Partito nazionale monarchico Pri Partito repubblicano italiano Psdi Partito social democratico italiano Psi Partito socialista italiano Psiup Partito socialista italiano di unità proletaria Psli Partito socialista dei lavoratori italiani Psu Partito socialista unitario Rsi Repubblica sociale italiana Sepral Sezione provinciale alimentazione Sita Società italiana trasporti automobilistici Udi Unione donne italiane Ufail Unione federazioni autonome lavoratori italiani Uil Unione italiana del lavoro Unrra United nations relief and rehabilitation administration Upadel Unione provinciale autonoma dipendenti enti locali Upsea Ufficio provinciale statistico-economico agricoltura «VdB» «La Voce dei Berici», settimanale della diocesi di Vicenza Vem Manifattura lane Vittorio Emanuele Marzotto, Maglio di Valdagno

17 Prefazione Questo volume conclude idealmente nel Centenario della costituzione della Confederazione Generale Italiana del Lavoro un percorso di recupero della memoria della Camera del Lavoro di Vicenza, il cui Centenario (2003) ha preceduto di qualche anno quello della Cgil. È stato un percorso importante, sia perché ha consentito la ricostruzione di un Archivio storico della Camera vicentina, oggi depositato presso gli Archivi Politici Vicentini della Biblioteca Bertoliana, sia perché da quella iniziativa originarono alcune pubblicazioni di notevole interesse 1. La Cronologia qui pubblicata, che va dalla metà del 1944 alla fine del 1954, vuole essere uno strumento non solo di conoscenza di un periodo cruciale per l economia vicentina (ed a tal fine risultano di pregio le brevi note introduttive ad ogni anno), ma è soprattutto un repertorio che consente a chi voglia far ricerca su quel periodo di avere una mappatura degli eventi, piccoli o grandi, che hanno segnato la rinascita economica, politica e sociale della provincia. Si tratta di un repertorio a suo modo unico. Se esistono le cronologie per i grandi eventi nazionali od internazionali, come quelle che si ritrovano negli atlanti storici, dove accanto alle carte geografiche dei vari periodi compaiono le date dei fatti salienti, in realtà sostanzialmente inutili perché facilmente reperibili altrove, nessuno si era mai cimentato nel ripercorrere sui quotidiani locali il succedersi di avvenimenti riferiti ad una realtà così specifica come le vicende economiche, sindacali e sociali di un territorio. Verrebbe da lamentarsi che ciò riguardi solo un lasso limitato di tempo, ancorché cruciale per la crescita di quella che divenne in breve tempo non la provincia più industrializzata del Veneto (già lo era, in una regione sostanzialmente povera), bensì una delle aree più dinamiche del paese. Ma, appunto, la centralità del periodo fa giuoco sulla limitata ampiezza della ricognizione. Il periodo è infatti quello, densissimo, in cui si costruisce il destino del Vicentino, con tutte le sue contraddizioni.

18 18 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina In esso emergono alcuni cruciali momenti di snodo. Ne elenco solo alcuni, tra i molti che la Cronologia mette in luce. Come già detto, la provincia di Vicenza era la provincia più industrializzata della regione, nonostante la nascita negli anni Venti del Porto industriale di Venezia-Marghera e l approdo in quell area dell impresa ad alta intensità di capitale 2. L industria vicentina, è noto, era all epoca incentrata sulla manifattura leggera, in cui predominante apparivano le attività laniere, dominate dal peso della Marzotto di Valdagno. E fu proprio il proprietario di quel gruppo tessile, Gaetano Marzotto Jr, a partire dalla sua audizione (1946) di fronte alla Commissione economica per la Costituente a farsi paladino di un liberismo sfrenato, da contrapporre sia al passato dirigismo fascista che alle ipotesi programmatorie che andavano emergendo nel dibattito politico postbellico. Una posizione estrema, che egli sostenne in una intensa attività pubblicistica sui quotidiani di mezza Italia, finanziando nel frattempo il movimento dell Uomo Qualunque di Giannini, che doveva servirgli da sponda nel condizionare in senso moderato il partito della Democrazia Cristiana 3. Non era lo sfogo solitario di un imprenditore, alle prese con una crisi strutturale del suo settore, ma un lucido disegno politico che mirava, anche, a succedere ad Angelo Costa alla guida della Confindustria, sollecitando (lui, industriale di peso) il rivendicazionismo della piccola impresa del Nord che andava contestando il permanere dell egemonia della grande impresa in quella organizzazione padronale. Ed anche se l operazione non gli riuscì, grazie a Marzotto Vicenza assunse rilievo nelle strategie difensive che Confindustria dovette assumere per salvaguardare la propria base associativa. Il che significò, accanto ad un ridimensionamento delle quote associative per i piccoli imprenditori, un ruolo più aggressivo nei confronti delle rivendicazioni sindacali. Qui si innestano altri due snodi. Il finanziamento marzottiano al movimento qualunquista aveva un obiettivo tutt altro che antipolitico, giacché egli mirava a rafforzare le componenti conservatrici di quello che nel 1948 divenne il partito di maggioranza assoluta. E Vicenza rappresentò, nel panorama democratico cristiano, la roccaforte di questo conservatorismo, che peraltro affondava, anche grazie a Mariano Rumor, futuro segretario nazionale di quel partito, nella cultura solidaristica (e moderata, moderatissima ) del cattolicesimo sociale. In sostanza, pur con qualche sfasatura (Marzotto proveniva da una famiglia liberal-conservatrice, usa sì a rapporti stretti con il clero locale, ma questo non gli impedì nel 1952 di far eleggere deputato il figlio Vittorio Emanuele nelle liste liberali), egli costituì la saldatura tra le élites

19 Prefazione 19 economiche provinciali ed il dominante potere democratico cristiano. Di cui fu componente non secondaria il sostegno, anche economico, che egli diede alla scissione della componente cattolica dalla Confederazione Generale del Lavoro con la nascita della Cisl-Confederazione Italiana dei Sindacati Liberi di Giulio Pastore. Ebbene, come la democrazia cristiana, anche la Cisl trovò nel moderatissimo Vicentino la sua roccaforte; e se anche vi furono tra quel nuovo sindacato e Marzotto non pochi dissapori (in realtà il laniere valdagnese lo pensava come una sorta di organizzazione gialla, e cioè prona al potere padronale), si costituì una sorta di alleanza stabile tra il conservatorismo del principale industriale tessile del paese ed il moderatismo del partito cattolico e della sua organizzazione sindacale di riferimento. E siamo all ultimo dei punti di snodo che intendevo richiamare. Il che ha a che fare con la marginalità/marginalizzazione che in provincia in quel decennio, e poi anche nelle decadi successive, ebbero la Cgil socialcomunista, ed in genere i partiti di sinistra. Per il Pci, ma in parte anche per la sua componente sindacale, ha già scritto parole definitive Giuseppe Pupillo, che della Federazione Comunista vicentina fu Segretario Provinciale, prima di ricoprire due mandati di consigliere regionale, ed indi la carica di presidente della Regione Veneto 4. Si tratta della anomalia di una provincia ad alta industrializzazione (ancorché relativa nel decennio qui considerato), che ha visto il partito/i partiti della classe operaia, e quindi anche il loro sindacato, fortemente minoritari ed incapaci di esercitare quel ruolo (non poche volte egemonico) che in altri contesti risultava a loro naturale. Per di più, non dimentichiamolo, in un contesto territoriale di antica industrializzazione, dato che l Alto Vicentino vale a dire dove sono nati e si sono sviluppati i Lanifici Rossi e Marzotto appartiene alla primigenia industrializzazione continentale. Ebbene, tale minorità è ben riscontrabile nella Cronologia qui pubblicata, anche se da essa emerge una combattività operaia (soprattutto nell area scledense) che tuttavia riuscì solo parzialmente a conseguire risultati. Il che apre, per lo storico, problemi interpretativi che proprio detta Cronologia aiuta ora ad affrontare. Con il che ritorno alla singolarità, ma anche alla straordinaria utilità, di questa operazione editoriale. Uno studioso che volesse affrontare nel dettaglio il periodo dovrebbe affrontare un certosino lavoro di spoglio dei quotidiani locali, principalmente de «Il Giornale di Vicenza», stante la (storica) minore influenza della edizione locale de «Il Gazzettino»: lavoro né facile, né agevole, e soprattutto lungo. La qual cosa già di per sé dà conto di quanto sia prezioso questo libro, che

20 20 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina analiticamente fornisce i riferimenti essenziali ai principali avvenimenti. Che consentono, attraverso i documenti conservati negli Archivi Politici Vicentini della Bertoliana e le carte del Gabinetto di Prefettura esistenti presso il locale Archivio di Stato, di ricostruire un periodo storico di eccezionale interesse. Utile non solo a chi fa lo storico di mestiere, ma anche alla comunità. Ma poiché chi scrive è, appunto, uno storico di mestiere (e per accidente pure vicentino di origine, e di cose vicentine continua ad occuparsi), il suo apprezzamento non può fargli dimenticare che questa fatica è dovuta a quella istituzione vicentina che è l Istrevi Istituto Storico della Resistenza e dell Età Contemporanea della Provincia di Vicenza Ettore Gallo ed ai suoi collaboratori. Una istituzione, l Istrevi, che merita un sostegno maggiore di quanto gli enti territoriali le riservino oggi. Giorgio Roverato Università degli Studi di Padova

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo «Movimento studentesco e sindacale a Rovereto» raccoglie materiali versati congiuntamente da Quinto Antonelli,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969 1938-1969 Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 SOGGETTO CONSERVATORE Biblioteca "Di Vittorio" CGIL Bg Tipologia partito politico, organizzazione sindacale Condizione giuridica privato Referente

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Le donne della Costituente

Le donne della Costituente Biblioteca del Senato Emeroteca Le donne della Costituente Ottobre 2008 Tutti i quotidiani e i periodici riprodotti fanno parte della raccolta della Biblioteca del Senato. Per ogni titolo è indicata la

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010)

LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010) LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010) INDICE TITOLO I Principi costitutivi Articolo 1 - Definizione Articolo 2 - Principi fondamentali Articolo 3 - Iscrizione alla

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli