nordest nuova serie, 58

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nordest nuova serie, 58"

Transcript

1 nordest nuova serie, 58 istrevi fonti, 2

2 Il presente volume è realizzato grazie al sostegno di In copertina: Tessera sindacale del Copyright 2007 Cierre edizioni via Ciro Ferrari 5, Sommacampagna, Verona tel , fax

3 Giuseppe Pupillo, Filippo Schiavo Per una storia della Camera del Lavoro vicentina I. Repertorio cronologico Cierre edizioni Istituto storico della Resistenza e dell età contemporanea della provincia di Vicenza - Ettore Gallo

4

5 Indice Presentazione 7 Avvertenza per la consultazione 11 Abbreviazioni e sigle 15 Prefazione Indice dei nomi 333 Elenco delle aziende vicentine citate 337

6

7 Presentazione Giuseppe Pupillo, animatore vitalissimo del Centenario della Camera del Lavoro di Vicenza e Filippo Schiavo, a cui si deve parte del lavoro di ricostruzione dell Archivio storico della Cgil vicentina, ci regalano questo nuovo volume, in stampa mentre volge al termine l anno del centenario nazionale della Cgil. Sono trascorsi infatti cent anni dal 1º ottobre 1906, quando le Camere del Lavoro e le Federazioni di settore decisero di associarsi per dare vita alla Confederazione Generale del Lavoro. Tra queste, ovviamente, la Camera del Lavoro di Vicenza, nata tre anni prima. La sua storia, ancora indagata in modo insufficiente, viene oggi arricchita da questa rassegna cronologica dei principali avvenimenti sindacali succedutisi nel Vicentino negli anni cruciali tra il 1945 e il 1954 che consente non solo di ripercorrere un periodo di grandi fervori, travagli e dilemmi che nella sua prima parte fu denso, soprattutto nel mondo del lavoro, di attese e di conquiste sociali e nella seconda contrassegnato dal radicarsi della guerra fredda e da una durissima offensiva conservatrice ma di ricordare, attraverso fatti concreti, quanto le lavoratrici ed i lavoratori siano stati attori fondamentali nella ricostruzione del Paese del dopoguerra, nella lotta per la democrazia e la libertà, per il riscatto sociale, per la solidarietà e i diritti e quanto abbiano contributo allo sviluppo ed al successo economico della nostra provincia. La storia della Cgil, e quindi anche di una Camera del Lavoro come quella vicentina, è parte essenziale della storia dell Italia contemporanea. Molte sono state le crisi, le tensioni, le difficoltà, persino gli espliciti tentativi di marginalizzare il ruolo del sindacato, con cui la Cgil si è dovuta misurare, restando la principale tra le organizzazioni di rappresentanza e di tutela delle classi lavoratrici. Rivisitando le strategie contrattuali, le rivendicazioni, le lotte, le aspirazioni, le affermazioni e le rotture dell unità sindacale, i momenti

8 8 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina di grande avanzata e quelli di ripiegamento del mondo del lavoro, non solo appare in tutta evidenza il ruolo del sindacato nell Italia repubblicana, ma balza alla luce una straordinaria vicenda di partecipazione, militanza, proposta, impegno e sacrificio di donne e di uomini, di lavoratrici e di lavoratori che raramente hanno l onore di essere ricordati come protagonisti. La Cgil vuole essere anche questo: una organizzazione di massa che non solo ha dato e dà voce e visibilità al lavoro, al suo valore, alla sua ricchezza, alla sua straordinaria dignità, ma che intende, davvero come un impegno morale e culturale, promuovere e sollecitare studi e ricerche per dare una rigorosa collocazione al ruolo determinante e costruttivo delle masse lavoratrici nella storia dell Italia contemporanea. Ruolo che oggi si tende a dimenticare o sottovalutare, e quindi occorre contrastare la progressiva scomparsa del valore del lavoro nel pensiero delle classi dirigenti del nostro paese; la sua scomparsa dall informazione, dalla politica e persino dalla cronaca. Benché la nostra società dipenda dal lavoro, non ne vuole riconoscere nella misura dovuta l eccezionale contributo al progresso del Paese ed all affermazione dei diritti e della dignità di ogni uomo. Non avviene per caso, poiché oggi stendere un velo d oblio per quanto riguarda sia le lotte attuali che la storia delle masse lavoratrici è funzionale ad una scomposizione di classe senza precedenti e ad una crescente frammentazione del lavoro, sempre più precario ed intermittente, tali da rendere quanto mai complessa l azione sindacale. Di fronte a queste difficoltà e pur in un cammino reso accidentato dalla globalizzazione dell economia, la Cgil dovrà avere, come ha avuto nel passato, la capacità di interpretare le aspirazioni dei lavoratori e superare gli ostacoli aggiornando le proprie strategie politiche e rivendicative, anche modificando gli organismi di rappresentanza nel territorio, con l obbiettivo di continuare a dare voce, forza e rappresentanza al variegato mondo del lavoro e con l impegno di restare saldamente ancorata ai valori di fratellanza, solidarietà e giustizia sociale che hanno caratterizzato la sua storia centenaria e che oggi da più parti, sciaguratamente, vengono qualificati di conservatorismo. La storia e la memoria del passato hanno grande importanza. Anzi sono indispensabili, proprio in questa fase politica e sociale in cui una parte consistente delle classi dirigenti fa della storia, mentre è del tutto disinteressata ai suoi valori conoscitivi, un uso strumentale attraverso rappresentazioni distorte e decontestualizzate degli avvenimenti del passato, una clava da usare contro l avversario politico. Dominante è la

9 Presentazione 9 volontà di affermare il presente come dimensione totalizzante e quindi di cancellare, svalutare o adulterare il senso del passato. Per quanto riguarda la storia sindacale il senso politico dell operazione è chiarissimo: indebolire l identità, che nella storia ha le sue profondissime radici, del movimento dei lavoratori; considerare ormai inattuale l eredità di quella più che centenaria vicenda che, in virtù di movimenti organizzati e profondamente democratici, ha trasformato una plebe senza diritti, qual era ancora agli inizi del secolo scorso, in cittadini consapevoli della propria dignità e del ruolo nella società, e ciò al fine di frammentare ancora di più il mondo del lavoro, impoverirlo quanto a coscienza di sé, riconfigurarlo come un generico insieme di individui atomizzati, totalmente dipendenti dalle decisioni e dagli interessi imprenditoriali. Questo clima rende arduo, ma ancor più necessario, il compito di riflettere criticamente sulla storia del movimento dei lavoratori, assumendo sempre più, accanto a quella nazionale, un ottica che riporti in piena luce le esperienze, le dinamiche locali che, attraverso lotte e capacità di proposta, hanno anch esse contribuito a favorire le conquiste legislative e sociali che hanno profondamente trasformato gli stessi rapporti tra gli uomini, improntandoli a maggiore giustizia e reso più moderni e democratici gli ambienti territoriali ed aziendali in cui hanno operato. Compito quanto mai utile nei confronti dei giovani che entrano oggi nel mondo del lavoro e nelle sue organizzazioni sindacali. Ad essi va dato il senso che tanto più possono contribuire a rinnovare il sindacalismo italiano, quanto più, ponendosi di fronte ai problemi dell oggi e del domani, hanno consapevolezza di ereditare un eccezionale e fecondo patrimonio storico e culturale che non può essere in alcun modo trascurato o disperso. Non solo a livello nazionale, ripeto, ma anche a quello locale, dove le classi lavoratrici hanno dato un enorme apporto nel rendere la nostra provincia una delle più avanzate economicamente dell Italia. La conoscenza della propria storia, e nel nostro caso quella della Cgil vicentina, rafforza l identità dell organizzazione, la consapevolezza di sé e di un ruolo che va continuamente difeso e aggiornato. E difatti nell indagare il passato il nostro obbiettivo, e di certo anche degli autori di questo volume, non è solo di custodire una memoria, pure preziosa, ma soprattutto di rendere più forte, sagace e pertinente la consapevolezza dei problemi del presente. Pensando, come ho detto, innanzitutto ai giovani e a quanti s interrogano su quale modello di so-

10 10 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina cietà costruire, e sui tanti fili invisibili che legano le memorie e le conquiste che si trasmettono tra generazioni. Questo volume, ideato proprio in occasione del Centenario della Cgil nazionale, è un valido contributo in tale direzione. Oscar Mancini Segretario generale Cgil Vicenza

11 Avvertenza per la consultazione Questa cronologia degli avvenimenti sindacali che nel periodo hanno avuto come protagonista o più direttamente interessato la Cgil vicentina è il risultato del lavoro di selezione di una rassegna più dettagliata, alla quale abbiamo cominciato a mettere mano dal 2002 in parallelo al lavoro di ricostruzione dell Archivio storico della Camera del Lavoro di Vicenza, che tra non molto sarà possibile consultare sia presso l Istrevi che presso gli Archivi politici del Novecento vicentino della Biblioteca Bertoliana. Anche la rassegna ampia presenta parecchie lacune perché le fonti giornalistiche, istituzionali ed imprenditoriali consultate sopperiscono assai parzialmente alla perdita nei decenni scorsi di gran parte del materiale prodotto dalla Cgil vicentina o alla mancata verbalizzazione di momenti significativi della sua vita (assisi congressuali, conferenze d organizzazione, riunioni degli organismi dirigenti territoriali e categoriali), sicché le zone d ombra e le domande in attesa di risposte e riscontri puntuali (ad esempio i rapporti con i partiti di riferimento o con i livelli sindacali superiori, il dibattito che ha preceduto o accompagnato la formazione delle decisioni, la certezza sui dati del tesseramento o della partecipazione agli scioperi ecc.) risultano non poche. Ne è però chiara l utilità funzionale in rapporto all Archivio della Cgil vicentina e l assoluta stringatezza con cui vi sono indicati avvenimenti e documenti non costituisce un limite in quanto, si tratti di carte dell Archivio della Camera del Lavoro vicentina e di altre raccolte archivistiche o di informazioni reperibili nella stampa vicentina, c è sempre il rimando alla fonte. Più problematica è l utilità di pubblicare in libro una cronologia che per ragioni di spazio abbiamo selezionato drasticamente e che non indica, se non in casi limitati, la fonte o le fonti, con evidenti rischi di comprensibilità e faticosa fruizione. Per il periodo maggio 1945-feb-

12 12 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina braio 1948 essi sono attenuati dal poter fare riferimento alla recente pubblicazione dei Verbali della Camera del Lavoro unitaria di Vicenza (2 voll., Biblioteca Bertoliana editrice, 2004) e all Introduzione che li accompagna mentre per il periodo successivo, , sono evidenti in difetto di studi e ricerche sulla Cgil vicentina. Tant è che pur avendo più volte riflettuto sull opportunità di siffatta pubblicazione, solo la doppia coincidenza, nel 2006, del Centenario nazionale della Cgil e dell avvio da parte dell Istrevi di una vasta ricerca sul secondo dopoguerra vicentino, ci ha spinti in tal senso, potendo allora questo compendio cronologico rappresentare un contributo preliminare ad indagini successive, principalmente sulle due maggiori Federazioni di categoria, dei tessili e dei metalmeccanici, operanti nel Vicentino. Nella prospettiva di ulteriori studi, pubblicare una sintesi cronologica ci è parso come una sorta di sfida sulla possibilità che essa, al di là delle date, dei titoli degli avvenimenti e dei suoi limiti di varia natura, contenga sottotraccia dei coerenti, se pur solo accennati, fili narrativi, a rafforzare i quali in qualche misura abbiamo premesso ad ognuno degli anni qui considerati un sinteticissimo quadro di quali furono le scelte politiche ed economiche dei governi, dei partiti, delle istituzioni monetarie e delle forze imprenditoriali e quali le linee sindacali elaborate e percorse a livello nazionale. Nella cronologia è stato indispensabile fare abbondanti riferimenti alla strategia della Cgil nazionale (e, per gli anni susseguenti la rottura della Cgil unitaria avvenuta nell estate del 1948, anche a Cisl e Uil) perché essa fu caratterizzata da una marcatissima centralizzazione dell elaborazione e gestione delle strategie contrattuali, già indicata dall Atto costitutivo del giugno 44 (il cosiddetto Patto di Roma) e dallo Statuto del Primo congresso di Napoli (gennaio 45) che su di esso conformò la struttura organizzativa sanzionando un potere preminente degli organismi territoriali (nazionali e provinciali) rispetto a quelli categoriali. Soprattutto nei primi tre anni del periodo in cui la Cgil fu organizzazione unitaria, la moderazione nelle rivendicazioni salariali, la ricerca continua del negoziato e di un rapporto positivo con il governo e con la Confindustria, la preminenza data da un lato ai problemi della ricostruzione e dall altro alla garanzia di un minimo vitale per l insieme dei lavoratori, l incanalamento del movimento dei lavoratori al fine di omogeneizzarne e disciplinarne gli obbiettivi, furono alcune delle caratteristiche fondamentali della Cgil. Ma anche dall estate 1947 quando la linea del governo, posta fine dalla Dc ai governi tripartiti, fu orientata su scelte economiche prevalentemente li-

13 Avvertenza per la consultazione 13 beriste e politiche di contrapposizione ai partiti di sinistra, e negli anni successivi la Cgil tenne fermo il carattere unitario e centralista della propria strategia rivendicativa e di conseguenza la struttura dirigenziale e organizzativa fu posta in discussione, inizialmente con molta cautela, solo a metà degli anni Cinquanta. Trattandosi di una cronologia riguardante la Cgil e principalmente la sua organizzazione provinciale vicentina, i riferimenti agli altri sindacati Cisl e Uil, per gli anni , si limitano ad indicare stringatamente, sul piano nazionale i loro salienti elementi strategici e, su quello provinciale, gli avvenimenti che dettero origine (con sporadiche eccezioni) a permanenti controversie e rapporti conflittuali con la Cgil. Rispetto alla citata cronologia ampia (ciclostilata) dove sono indicati tutti i documenti raccolti nell Archivio della Cgil vicentina, questo testo ne riporta un numero assai limitato e segnala tale provenienza con un asterisco posto tra parentesi. Lo si è già detto: l Archivio manca sovente proprio dei documenti più significativi tra i quali la corrispondenza, le pubblicazioni di bollettini o fogli informativi sia della Camera del Lavoro che delle Federazioni di categoria, gli atti congressuali mentre contiene moltissime carte che attenendo alla vita ordinaria e alla routine burocratica delle diverse strutture categoriali e territoriali dell organizzazione non presentano significatività riguardo i fini di questa pubblicazione. La selezione da noi operata è stata ovviamente minore per quanto riguarda gli atti della Camera del Lavoro provinciale o dei maggiori sindacati di categoria (tessili, metalmeccanici, edili, braccianti, pubblici dipendenti) e drastica per le Camere del Lavoro territoriali e per le numerose categorie di rami produttivi con scarso peso nell economia vicentina. Per quanto riguarda le fabbriche abbiamo riportato le vertenze di quelle maggiori (Lanifici Rossi e Marzotto, industrie metalmeccaniche Pellizzari e Smalterie Venete, Cartiera Burgo) o di quelle le cui lotte hanno avuto momenti di risonanza. Notevole è stato il ricorso alla stampa locale, quotidiana e periodica, in particolare al quotidiano «Il Giornale di Vicenza» e al settimanale «L Amico del Popolo». Il primo, negli anni dell immediato dopoguerra, nonostante le sue poche pagine, prestò attenzione alle vertenze sindacali, riportando le posizioni delle parti contrapposte. Negli anni dei governi centristi tenne una posizione decisamente filopadronale e favorevole al sindacato della Cisl, invero moderatamente quando questa promuoveva vertenze, nettamente quando si contrapponeva alla Cgil. Il secondo, settimanale e poi periodico della locale federazione comunista, assegnò note-

14 14 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina vole spazio alle lotte operaie come espressione della lotta di classe ed anticapitalista; con una visione unilaterale, e, a partire dagli anni Cinquanta in presenza del duro attacco imprenditoriale e conservatore alle sinistre e alla Cgil sopravvalutandole, col chiaro intento di incoraggiare i lavoratori aderenti al sindacato di classe in momenti di palese difficoltà e isolamento. Altre fonti esaminate rapporti prefettizi, notiziari provinciali od aziendali di parte imprenditoriale, stampa diocesana ecc. hanno aggiunto alla cronologia solo modeste informazioni, mentre rappresentano bene l evoluzione dell atteggiamento dei poteri pubblici e dei poteri economici nel periodo considerato. Per esemplificare, nei rapporti prefettizi è evidente il transito da una linea di attiva mediazione ( ) nelle vertenze sindacali, attenta alle esigenze dei lavoratori e dei disoccupati, ad una di cautissima mediazione incline a considerare maggiormente le ragioni imprenditoriali ( 47-48), ad una infine che considerò sovente le vertenze solo dal lato dell ordine pubblico. Nella stampa periodica di organizzazioni imprenditoriali il transito è ancora più veloce. Se fino a metà 47 essa riporta notizie sulle vertenze generali o di fabbrica, dopo ne trascura completamente la cronaca sostituita da note, con valore di editoriale, riprese da documenti ufficiali della Confindustria o scritte in loco, ma sempre critiche verso le rivendicazioni salariali e normative, e talora verso alcune leggi parlamentari o misure governative, ritenute insopportabili per le aziende e nocive per la complessiva economia italiana. Per alcuni avvenimenti chiave della vicenda sindacale vicentina sono indicate anche opere edite in cui reperire una adeguata cronistoria ed una convincente interpretazione. Novembre 2006 G.P. - F.S. Simboli grafici nel testo della cronologia All inizio del capoverso: indica un avvenimento nazionale o internazionale - All inizio del capoverso: indica un avvenimento di carattere locale * A fine capoverso o all interno del testo: indica documenti presenti nell Archivio storico della Cgil vicentina, depositati preso la Biblioteca Bertoliana di Vicenza

15 Abbreviazioni e sigle Acli Afl Ali Ance «AdP» Amg «Bicp» Cc.Ii. c.c.n.l. CdG CdL Cgil Cglta Cio Cisnal Cisl Cln Clnai Confapi Csc Cvl Dc D.L. D.M. d.d.l. Eca Ee.Ll. Erp Fenit Associazioni cristiane lavoratori italiani American federation of labor Associazione liberi impiegati Associazione nazionale costruttori edili «L Amico del Popolo», settimanale del Pci vicentino Allied military government «Bollettino di informazioni del CLN provinciale» Commissioni interne contratto collettivo nazionale di lavoro Consigli di Gestione Camera del Lavoro Confederazione generale italiana del lavoro Confederazione generale lavoro, tecnica, arte Congress of industrial organizations Confederazione italiana sindacati nazionali dei lavoratori Confederazione italiana sindacati lavoratori Comitato di liberazione nazionale Comitato di liberazione nazionale Alta Italia Confederazione delle associazioni piccola industria Corrente sindacale cristiana Corpo volontari della libertà Democrazia cristiana decreto legislativo decreto ministeriale disegno di legge Ente comunale di assistenza enti locali European recovery program (Piano Marshall) Federazione nazionale imprese trasporti

16 16 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina Fil Federazione italiana lavoratori Filc-Cgil Federazione italiana lavoratori chimici Filcea-Cgil Federazione italiani lavoratori del commercio e affini Filea-Cgil Federazione italiana lavoratori edili e affini Fim-Cisl Federazione italiana metalmeccanici Fim Fondo per l industria meccanica Fiom-Cgil Federazione impiegati operai metallurgici Fiot-Cgil Federazione italiana operai tessili Fsm Federazione sindacale mondiale Gmf Manifatture lane Gaetano Marzotto e Figli, Valdagno «GdV» «Il Giornale di Vicenza», quotidiano Inadel Istituto nazionale assistenza dipendenti enti locali Infail Istituto nazionale fascista assistenza infortuni lavoro Inps Istituto nazionale previdenza sociale Iri Istituto ricostruzione industriale «Not.a.i.» «Notiziario dell Associazione industriali di Vicenza» Oo.Ss. organizzazioni sindacali Ovra Organizzazione vigilanza e repressione antifascismo Pci Partito comunista italiano PdA Partito d Azione Pnm Partito nazionale monarchico Pri Partito repubblicano italiano Psdi Partito social democratico italiano Psi Partito socialista italiano Psiup Partito socialista italiano di unità proletaria Psli Partito socialista dei lavoratori italiani Psu Partito socialista unitario Rsi Repubblica sociale italiana Sepral Sezione provinciale alimentazione Sita Società italiana trasporti automobilistici Udi Unione donne italiane Ufail Unione federazioni autonome lavoratori italiani Uil Unione italiana del lavoro Unrra United nations relief and rehabilitation administration Upadel Unione provinciale autonoma dipendenti enti locali Upsea Ufficio provinciale statistico-economico agricoltura «VdB» «La Voce dei Berici», settimanale della diocesi di Vicenza Vem Manifattura lane Vittorio Emanuele Marzotto, Maglio di Valdagno

17 Prefazione Questo volume conclude idealmente nel Centenario della costituzione della Confederazione Generale Italiana del Lavoro un percorso di recupero della memoria della Camera del Lavoro di Vicenza, il cui Centenario (2003) ha preceduto di qualche anno quello della Cgil. È stato un percorso importante, sia perché ha consentito la ricostruzione di un Archivio storico della Camera vicentina, oggi depositato presso gli Archivi Politici Vicentini della Biblioteca Bertoliana, sia perché da quella iniziativa originarono alcune pubblicazioni di notevole interesse 1. La Cronologia qui pubblicata, che va dalla metà del 1944 alla fine del 1954, vuole essere uno strumento non solo di conoscenza di un periodo cruciale per l economia vicentina (ed a tal fine risultano di pregio le brevi note introduttive ad ogni anno), ma è soprattutto un repertorio che consente a chi voglia far ricerca su quel periodo di avere una mappatura degli eventi, piccoli o grandi, che hanno segnato la rinascita economica, politica e sociale della provincia. Si tratta di un repertorio a suo modo unico. Se esistono le cronologie per i grandi eventi nazionali od internazionali, come quelle che si ritrovano negli atlanti storici, dove accanto alle carte geografiche dei vari periodi compaiono le date dei fatti salienti, in realtà sostanzialmente inutili perché facilmente reperibili altrove, nessuno si era mai cimentato nel ripercorrere sui quotidiani locali il succedersi di avvenimenti riferiti ad una realtà così specifica come le vicende economiche, sindacali e sociali di un territorio. Verrebbe da lamentarsi che ciò riguardi solo un lasso limitato di tempo, ancorché cruciale per la crescita di quella che divenne in breve tempo non la provincia più industrializzata del Veneto (già lo era, in una regione sostanzialmente povera), bensì una delle aree più dinamiche del paese. Ma, appunto, la centralità del periodo fa giuoco sulla limitata ampiezza della ricognizione. Il periodo è infatti quello, densissimo, in cui si costruisce il destino del Vicentino, con tutte le sue contraddizioni.

18 18 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina In esso emergono alcuni cruciali momenti di snodo. Ne elenco solo alcuni, tra i molti che la Cronologia mette in luce. Come già detto, la provincia di Vicenza era la provincia più industrializzata della regione, nonostante la nascita negli anni Venti del Porto industriale di Venezia-Marghera e l approdo in quell area dell impresa ad alta intensità di capitale 2. L industria vicentina, è noto, era all epoca incentrata sulla manifattura leggera, in cui predominante apparivano le attività laniere, dominate dal peso della Marzotto di Valdagno. E fu proprio il proprietario di quel gruppo tessile, Gaetano Marzotto Jr, a partire dalla sua audizione (1946) di fronte alla Commissione economica per la Costituente a farsi paladino di un liberismo sfrenato, da contrapporre sia al passato dirigismo fascista che alle ipotesi programmatorie che andavano emergendo nel dibattito politico postbellico. Una posizione estrema, che egli sostenne in una intensa attività pubblicistica sui quotidiani di mezza Italia, finanziando nel frattempo il movimento dell Uomo Qualunque di Giannini, che doveva servirgli da sponda nel condizionare in senso moderato il partito della Democrazia Cristiana 3. Non era lo sfogo solitario di un imprenditore, alle prese con una crisi strutturale del suo settore, ma un lucido disegno politico che mirava, anche, a succedere ad Angelo Costa alla guida della Confindustria, sollecitando (lui, industriale di peso) il rivendicazionismo della piccola impresa del Nord che andava contestando il permanere dell egemonia della grande impresa in quella organizzazione padronale. Ed anche se l operazione non gli riuscì, grazie a Marzotto Vicenza assunse rilievo nelle strategie difensive che Confindustria dovette assumere per salvaguardare la propria base associativa. Il che significò, accanto ad un ridimensionamento delle quote associative per i piccoli imprenditori, un ruolo più aggressivo nei confronti delle rivendicazioni sindacali. Qui si innestano altri due snodi. Il finanziamento marzottiano al movimento qualunquista aveva un obiettivo tutt altro che antipolitico, giacché egli mirava a rafforzare le componenti conservatrici di quello che nel 1948 divenne il partito di maggioranza assoluta. E Vicenza rappresentò, nel panorama democratico cristiano, la roccaforte di questo conservatorismo, che peraltro affondava, anche grazie a Mariano Rumor, futuro segretario nazionale di quel partito, nella cultura solidaristica (e moderata, moderatissima ) del cattolicesimo sociale. In sostanza, pur con qualche sfasatura (Marzotto proveniva da una famiglia liberal-conservatrice, usa sì a rapporti stretti con il clero locale, ma questo non gli impedì nel 1952 di far eleggere deputato il figlio Vittorio Emanuele nelle liste liberali), egli costituì la saldatura tra le élites

19 Prefazione 19 economiche provinciali ed il dominante potere democratico cristiano. Di cui fu componente non secondaria il sostegno, anche economico, che egli diede alla scissione della componente cattolica dalla Confederazione Generale del Lavoro con la nascita della Cisl-Confederazione Italiana dei Sindacati Liberi di Giulio Pastore. Ebbene, come la democrazia cristiana, anche la Cisl trovò nel moderatissimo Vicentino la sua roccaforte; e se anche vi furono tra quel nuovo sindacato e Marzotto non pochi dissapori (in realtà il laniere valdagnese lo pensava come una sorta di organizzazione gialla, e cioè prona al potere padronale), si costituì una sorta di alleanza stabile tra il conservatorismo del principale industriale tessile del paese ed il moderatismo del partito cattolico e della sua organizzazione sindacale di riferimento. E siamo all ultimo dei punti di snodo che intendevo richiamare. Il che ha a che fare con la marginalità/marginalizzazione che in provincia in quel decennio, e poi anche nelle decadi successive, ebbero la Cgil socialcomunista, ed in genere i partiti di sinistra. Per il Pci, ma in parte anche per la sua componente sindacale, ha già scritto parole definitive Giuseppe Pupillo, che della Federazione Comunista vicentina fu Segretario Provinciale, prima di ricoprire due mandati di consigliere regionale, ed indi la carica di presidente della Regione Veneto 4. Si tratta della anomalia di una provincia ad alta industrializzazione (ancorché relativa nel decennio qui considerato), che ha visto il partito/i partiti della classe operaia, e quindi anche il loro sindacato, fortemente minoritari ed incapaci di esercitare quel ruolo (non poche volte egemonico) che in altri contesti risultava a loro naturale. Per di più, non dimentichiamolo, in un contesto territoriale di antica industrializzazione, dato che l Alto Vicentino vale a dire dove sono nati e si sono sviluppati i Lanifici Rossi e Marzotto appartiene alla primigenia industrializzazione continentale. Ebbene, tale minorità è ben riscontrabile nella Cronologia qui pubblicata, anche se da essa emerge una combattività operaia (soprattutto nell area scledense) che tuttavia riuscì solo parzialmente a conseguire risultati. Il che apre, per lo storico, problemi interpretativi che proprio detta Cronologia aiuta ora ad affrontare. Con il che ritorno alla singolarità, ma anche alla straordinaria utilità, di questa operazione editoriale. Uno studioso che volesse affrontare nel dettaglio il periodo dovrebbe affrontare un certosino lavoro di spoglio dei quotidiani locali, principalmente de «Il Giornale di Vicenza», stante la (storica) minore influenza della edizione locale de «Il Gazzettino»: lavoro né facile, né agevole, e soprattutto lungo. La qual cosa già di per sé dà conto di quanto sia prezioso questo libro, che

20 20 Per una storia della Camera del Lavoro vicentina analiticamente fornisce i riferimenti essenziali ai principali avvenimenti. Che consentono, attraverso i documenti conservati negli Archivi Politici Vicentini della Bertoliana e le carte del Gabinetto di Prefettura esistenti presso il locale Archivio di Stato, di ricostruire un periodo storico di eccezionale interesse. Utile non solo a chi fa lo storico di mestiere, ma anche alla comunità. Ma poiché chi scrive è, appunto, uno storico di mestiere (e per accidente pure vicentino di origine, e di cose vicentine continua ad occuparsi), il suo apprezzamento non può fargli dimenticare che questa fatica è dovuta a quella istituzione vicentina che è l Istrevi Istituto Storico della Resistenza e dell Età Contemporanea della Provincia di Vicenza Ettore Gallo ed ai suoi collaboratori. Una istituzione, l Istrevi, che merita un sostegno maggiore di quanto gli enti territoriali le riservino oggi. Giorgio Roverato Università degli Studi di Padova

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Stefano Maggi Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Fondo: Mantovani Igeo [Magneti Marelli]

Fondo: Mantovani Igeo [Magneti Marelli] Fondo: Mantovani Igeo [Magneti Marelli] Buste 13 fascicoli 66 Igeo Mantovani, operaio e presidente della Commissione interna e successivamente del Consiglio di fabbrica dello stabilimento N della Magneti

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO ZO%A ADDA - MARTESA%A

PARTITO DEMOCRATICO ZO%A ADDA - MARTESA%A Sono un figlio dell ultimo secolo dello scorso millennio: quel Novecento che ha prodotto gli orrori della bomba atomica e dello sterminio di massa, ma anche le speranze e le lotte di liberazione di milioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali 1 Progetto approvato dalla G.P. con delibera n. 434 del 12 Novembre 2004 2 PROGETTO: CITTADINI DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO NEL MONDO 1. il contesto: Gli italiani nel mondo sono una grande risorsa

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale Modello di contratto Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale MODELLO DI CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE ex art. 3, d.lgs. n. 167/2011... [Datore

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero Osservatorio Lavoro Nero Sommario Introduzione... 2 La revisione delle procedure informatiche... 3 Osservatorio del Lavoro Nero... 6 La nuova piattaforma... 6 Analisi della posizione del lavoratore - post

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia Classe quarta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Progettiamo e costruiamo modelli di mezzi di trasporto Apprendimento unitario: riconoscere le funzioni dei mezzi di trasporto e individuare problemi

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria CURRICULO DI, GEOGRAFIA E - Scuola Primaria CLASSE PRIMA Esame dei prerequisiti: i diversi concetti di tempo. Esperienze di vari concetti di tempo. Ricostruzione dei fatti del passato immediato. Suddivisioni

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Provinciale di Napoli CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI PROGETTO SICUREZZA E LEGALITÀ Strumenti operativi per prevenire e contrastare efficacemente il racket e l usura, liberare le imprese da tutti i condizionamenti

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli