Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11"

Transcript

1 Macro 3

2 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato per fabbricare la moneta (oro, carta, sigarette,...) ma la convenzione sociale che rende quello strumento un mezzo di pagamento accettato senza obiezioni da tutti.

3 Funzioni della moneta MEZZO di SCAMBIO: in un mondo basato sul baratto serve la doppia coincidenza tra i desideri. La moneta rende più semplici e più efficienti le transazioni UNITÀ di CONTO: la moneta è l unità di misura dei prezzi e della contabilità dei soggetti economici. Non è necessario che sia così RISERVA di VALORE: per essere accettata come mezzo di scambio la moneta deve essere in grado di conservare valore. La moneta non è nè l unico nè il migliore dei modi per mantenere una riserva di valore MISURA di pagamento differito nel tempo: quando si chiede in prestito del denaro ciò che si deve restituire è espresso in unità di moneta

4 Moneta simbolo Nell economie moderne la moneta è Moneta simbolo La moneta simbolo è un mezzo di pagamento il cui valore o potere d acquisto monetario eccede di gran lunga il costo di produzione del mezzo stesso Affinché una moneta simbolo funzioni devono essere rispettate due condizioni: 1 deve esistere un autorità che controlla la sua offerta 2 che la società la accetti rendendola di corso legale

5 Misure della moneta LIQUIDITÀ: la liquidità di una qualsiasi attività finanziaria riguarda la sua attitudine a trasformarsi in mezzo di pagamento VELOCEMENTE e a BASSO COSTO

6 Misure della moneta Misure della moneta M1 = circolante M2 = M1 + M3 = M2 + depositi a vista bancari e postali depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi depositi con scadenza fino a 2 anni pronti contro termine bancari quote fondi comuni monetari titoli del mercato monetario titoli obbligazionari con scadenza fino a 2 anni

7 Motivi per detenere moneta Per semplicità assumeremo che nella nostra economia esistano solo moneta e obbligazioni. Detenere moneta in questa situazione è costoso: si sopporta un costo opportunità pari all interesse che si sarebbe ottenuto acquistando obbligazioni invece che detenendo moneta Ma allora perché si detiene moneta?

8 Motivi per detenere moneta 1 SCOPO TRANSATTIVO: si detiene moneta per acquistare beni e servizi e per effettuare pagamenti dato che in generale ricavi e spese non sono sincroni. La domanda di moneta per questo scopo dipenderà dal livello del reddito nazionale reale 2 SCOPO PRECAUZIONALE: gli individui desiderano essere in grado di far fronte a possibili imprevisti 3 SCOPO RIDUZIONE RISCHIO di portafoglio: detenere obbligazioni comporta un rischio. Gli individui sono in generale avversi al rischio e sono quindi disposti ad acquistare un più basso rendimento in cambio di una riduzione del rischio.

9 La domanda di moneta Come sempre in economia gli individui per decidere quale quota della loro ricchezza detenere in moneta (e quale in obbligazioni) confronteranno COSTO MARGINALE: tasso d interesse delle obbligazioni. È una quantità fissa che non dipende dall ammontare di moneta detenuto dagli individui BENEFICIO MARGINALE: si riferisce ai vantaggi derivanti dal detenere moneta (i.e. motivi per detenere moneta). Più moneta si detiene e minori saranno questi vantaggi.

10 La domanda di moneta Rappresentiamo graficamente

11 La domanda di moneta MB MC MC MB(y) L M/P

12 La domanda di moneta Analizziamo gli effetti di un aumento del tasso d interesse riconosciuto ai possessori delle obbligazioni

13 La domanda di moneta MB MC MC MB(y) L M/P

14 La domanda di moneta MB MC r MC r MC MB(y) L L M/P

15 La domanda di moneta Analizziamo gli effetti di un aumento del livello del reddito nazionale

16 La domanda di moneta MB MC MC MB(y) L M/P

17 La domanda di moneta MB MC r MC MB(y) MB(y ) L L M/P

18 La domanda di moneta Analizziamo gli effetti di un aumento del livello generale dei prezzi

19 La domanda di moneta MB MC MC MB(y) L M/P

20 La domanda di moneta In questo caso non cambia nulla: tasso d interesse sulle obbligazioni e reddito nazionale restano invariati. La quantità nominale di moneta domandata aumenta della stessa percentuale di aumento dei prezzi e di conseguenza la quantità reale di moneta domandata non cambia e resta L

21 Il sistema bancario Il sistema bancario del nostro semplice modello è composto da due soggetti istituzionali: le banche commerciali e la banca centrale. Le banche (commerciali) sono intermediari finanziari in possesso di un autorizzazione dello Stato per: raccogliere liquidità nel sistema economico da coloro che vogliono prestarla o impiegarla prestare liquidità a coloro che ne hanno bisogno a fronte dei depositi le banche sono autorizzate ad emettere assegni

22 Il sistema bancario Le banche commerciali sono soggetti privati con finalità di profitto. In che modo le banche generano profitti dalla loro attività caratteristica? interesse passivo: le banche fanno pagare un certo tasso d interesse ai soggetti cui prestano liquidità interesse attivo: le banche devono pagare un certo tasso d interesse alle persone di cui usano la liquidità spread dei tassi: la differenza tra interesse passivo e interesse attivo genera i profitti della banca

23 Il sistema bancario La peculiarità del sistema bancario consiste nel fatto che non conserva i beni che i soggetti gli lasciano. Es. guardaroba discoteca Per questa ragione le banche non impiegano (prestano) tutta la liquidità che hanno a disposizione ma detengono RISERVE BANCARIE, della moneta effettivamente disponibile in banca e necessaria a far fronte alle richieste di prelievo dei clienti. Si distingue tra riserve obbligatorie(2%) e riserve libere RAPPORTO DI RISERVA RISERVE DEPOSITI

24 Il bilancio di una banca ATTIVO PASSIVO Attività sull estero 2 Raccolta sull interno 70 Titoli 20 Impieghi 74 Obbligazioni 9 Sofferenze 3 Patrimonio 20 Cassa 1 Passività sull estero 1 Totale attività 100 Totale passività 100 Ogni volta che noi paghiamo col bancomat oppure con un assegno le nostre rispettive banche si trasferiscono le rispettive somme? NO. Esiste la stanza di compensazione che costituisce il meccanismo attraverso il quale si svolge il pagamento dei saldi netti tra le diverse banche e che serve a ridurre i costi di transazione

25 La corsa agli sportelli Abbiamo visto che le banche sono obbligate dalla Banca centrale a detenere delle riserve obbligatorie ma abbiamo anche visto che queste sono una percentuale molto bassa del totale dei depositi. Cosa succede se si sparge la voce che la nostra banca ha bruciato parte delle risorse che noi abbiamo depositato presso di lei? Corsa agli sportelli: è una tipologia di panico finanziario che si manifesta come una cosiddetta profezia auto-verificantesi. Al giorno d oggi queste crisi finanziarie sono molto rare soprattutto perché in ciascun Paese esiste un autorità monetaria (Banca Centrale) che agisce da prestatore di ultima istanza

26 Bank run - 14 Settembre 2007

27 Moneta e Base monetaria Nel nostro semplice modello del mercato monetario si distingue tra BASE MONETARIA BASE MONETARIA = CIRCOLANTE + RISERVE H = C + R MONETA MONETA = CIRCOLANTE + DEPOSITI M = C + D

28 Algebra della moneta e moltiplicatore Le banche detengono una quota C r dei loro depositi D sottoforma di riserve (obbligatorie e volontarie) mentre le famiglie detengono una quota C l dei loro depositi D sottoforma di circolante R = C r D C = C l D Si deriva facilmente H = C r D + C l D M = C l D + D M H = C ld + D C r D + C l D = C l + 1 > 1 C r + C l Moltiplicatore monetario ( ) Cl + 1 M = H C r + C l OFFERTA DI MONETA

29 L autorità monetaria L autorità monetaria è la Banca centrale, è lei che controlla l offerta di moneta. Dal 1 Gennaio 1999 l offerta di moneta dei Paesi della UE è sotto il controllo della BCE. Come si regola l offerta moneta? La BC può AGIRE sulla BASE MONETARIA Emettere moneta AGIRE sul COEFFICIENTE di RISERVA OBBLIGATORIA che è costituito dal rapporto minimo tra riserve di liquidità e depositi che ogni banca deve avere AGIRE sul Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR) Tasso al quale la BC presta liquidità alle banche

30 La domanda di moneta r LL(y) M/P

31 La domanda di moneta r Un aumento di y determina un aumento della domanda di moneta per ogni livello di r LL(y) LL(y ) M/P

32 L offerta di moneta r MM M/P

33 L offerta di moneta r MM MM M/P

34 L equilibrio sul mercato della moneta r MM r * LL(y) L * M/P

35 Gli effetti di una riduzione dell offerta di moneta r MM r * LL(y) L * M/P

36 Gli effetti di una riduzione dell offerta di moneta r MM MM * r 1 r * LL(y) * L 1 L * M/P

37 Gli effetti di un aumento del reddito reale r MM r * LL(y) L * M/P

38 Gli effetti di un aumento del reddito reale r MM * r 1 r * LL(y) LL(y ) L * M/P

39 Gli effetti di un aumento della competizione tra le banche r * r 1 MM La domanda di moneta LL non e rappresentata solo per un dato livello del reddito reale y ma anche per una dato livello del tasso d interesse che le banche pagano sui c/c delle famiglie... r * r e i sono due cose DIVERSE! LL(y,i) L * M/P

40 Gli effetti di un aumento della competizione tra le banche r * r 1 MM Se aumenta la competizione tra le banche commerciali CONTO ARANCIO (4.25% lordo poi 2%) MEDIOLANUM freedom (3% netto) r * LL(y,i) L * M/P

41 Gli effetti di un aumento della competizione tra le banche r MM Se aumenta la competizione tra le banche commerciali * r 1 aumenta la domanda di moneta e con lei il tasso d interesse r r * LL(y,i) LL(y,i) L * M/P

42 Il controllo della politica monetaria All autorità monetaria si prospettano due strumenti alternativi per il controllo del mercato della moneta: QUANTITÀ di MONETA. In questo caso la BC fissa M e accetta qualsiasi tasso d interesse si venga a formare per garantire l equilibrio tra domanda e offerta di moneta. Controllare l aggregato monetario è molto difficile TASSO d INTERESSE. In questo caso la BC fissa il tasso d interesse ad un livello prefissato e accetta di offrire tutta la moneta necessaria per rispondere alla domanda che si crea sul mercato. Controllare il tasso è un pò più semplice La BCE ha come obbiettivo finale il controllo dell inflazione mirando a contenerla sotto il 2%. La BCE persegue tale obbiettivo attraverso la fissazione del TUR col quale persegue un obbiettivo intermedio in termini di aggregato monetario

43 Il meccanismo di trasmissione della politica monetaria La politica monetaria ha qualche effetto sul mercato dei beni? mercato dei beni? I canali di trasmissione sono principalmente 3: Reddito delle famiglie. Il reddito delle famiglie è influenzato in due modi, uno diretto (più moneta più AD) e uno indiretto (attraverso le attività finanziarie) Consumo delle famiglie. Più alta è l offerta di moneta più bassi saranno i tassi d interesse e più alto sarà il ricorso delle famiglie al credito al consumo. Questo canale incide su A, la componente autonoma del consumo. Investimenti. Il tasso d interesse è un elemento importante nella comparazione tra costi e benefici di un potenziale investimento. Più sono alti i tassi e minori saranno gli I.

44 TT - Test Training 1. Se il coefficiente di riserva C r è pari a 0.1, quello di liquidità C l è pari a 0.2 e la base monetaria H ammonta a 100 miliardi di euro allora l offerta di moneta sarà A. 100 miliardi B. 400 miliardi C. 200 miliardi D. 30 miliardi E. 300 miliardi 2. Se a parità di offerta di moneta il reddito reale delle famiglie aumenta la curva di domanda di moneta delle famiglie LL A. ruota in senso anti-orario B. si sposta verso sinistra C. ruota in senso orario D. diventa perfettamente elastica al tasso d interesse E. si sposta verso destra

45 TT - Test Training 3. Se non vi fosse alcuna incertezza sui pagamenti futuri che gli individui devono effettuare allora A. gli individui non deterrebbero moneta per scopi transattivi B. gli individui non deterrebbero alcuna quantità di moneta C. gli individui non deterrebbero moneta per scopi precauzionali D. gli individui non deterrebbero moneta per ridurre il rischio del loro portafoglio finanziario E. gli individui aumenterebbero la loro domanda di moneta 4. Quale tra queste affermazioni sulla definizione degli aggregati monetari M1, M2 e M3 è falsa A. M1 contiene il circolante B. M2 contiene i depositi con scadenza fino a 2 anni C. M3 contiene i deposti a vista bancari e postali D. M3 contiene M1 E. M1 contiene i pronti contro termine bancari

46 Il modello IS-LM

47 La curva IS Abbiamo approfonditamente discusso il funzionamento del mercato dei beni considerandolo però completamente isolato dal resto dell economia. Adesso che abbiamo introdotto il mercato della moneta quest assunzione deve essere rimossa e dobbiamo rileggere la AD AD(y, r)

48 La curva IS Abbiamo approfonditamente discusso il funzionamento del mercato dei beni considerandolo però completamente isolato dal resto dell economia. Adesso che abbiamo introdotto il mercato della moneta quest assunzione deve essere rimossa e dobbiamo rileggere la AD AD(y, r)

49 La curva IS AD C AD(r) C+I+G

50 La curva IS AD C r>r AD(r ) AD(r) C+I+G

51 La curva IS AD C r>r r<r AD(r ) AD(r) AD(r ) C+I+G

52 LA CURVA IS La curva IS rappresenta le differenti combinazioni di reddito e tasso d interesse che garantiscono l uguaglianza tra e AD cioè l equilibrio sul mercato dei beni

53 AD AD(r) r

54 AD AD(r) r

55 AD AD(r) Se il tasso d interesse si riduce da r a r r

56 AD AD(r ) AD(r) r r

57 AD AD(r ) AD(r) r IS(G,T)

58 La curva IS Inclinazione. La IS è inclinata negativamente e la sua inclinazione dipende dalla reattività di C e I al variare del tasso d interesse: tanto più sono reattivi tanto più piatta è la IS Spostamenti. La IS è rappresentata per un dato livello di T, G e del grado di ottimismo delle imprese. Variazioni di queste o di una qualsiasi altra componente della AD determina uno spostamento della IS

59 La curva LM Studiando il mercato della moneta abbiamo visto che esso è in equilibrio quando la domanda di moneta uguaglia l offerta di moneta. Abbiamo anche visto che OFFERTA di MONETA: è fissata in modo indipendente dall autorità monetaria in modo da rispettare i suoi obbiettivi DOMANDA di MONETA: dipende negativamente dal livello del tasso d interesse e positivamente dal livello del reddito reale LL=LL(y,r)

60 LA CURVA LM La curva LM rappresenta le differenti combinazioni di reddito e tasso d interesse che garantiscono l uguaglianza tra domanda e offerta di moneta, cioè l equilibrio sul mercato monetario

61 MERCATO MONETARIO MM r ECONOMIA r LL(y) M/P

62 MERCATO MONETARIO MM r ECONOMIA r LL(y) M/P y

63 MERCATO MONETARIO MM Se il reddito aumenta da y a y r ECONOMIA r LL(y) M/P y

64 MERCATO MONETARIO MM r ECONOMIA r LL(y ) LL(y) M/P y y

65 MERCATO MONETARIO MM r ECONOMIA LM r LL(y ) LL(y) M/P y y

66 La curva LM Inclinazione. La LM è inclinata positivamente e la sua inclinazione dipende dalla reattività della domanda di moneta a variazioni del tasso d interesse: più è reattiva la domanda di moneta a r, meno forte dovranno essere le variazioni di r per ristabilire l equilibrio sul mercato della moneta a seguito di una variazione di y e più piatta sarà la LM Spostamenti. La LM è rappresentata per un dato livello dell offerta di moneta. Variazioni nell offerta di moneta determinano uno spostamento della LM.

67 L equilibrio economico r IS

68 L equilibrio economico LM r E IS

69 La politica fiscale Analizziamo ora gli effetti delle politiche fiscali sul livello di equilibrio del reddito e del tasso d interesse.

70 La politica fiscale LM(MM) r E IS(G,T)

71 La politica fiscale LM(MM) r E Supponiamo che il Governo decida un aumento di G senza aumentare contestualmente T IS(G,T)

72 La politica fiscale LM(MM) r r E IS(G,T) IS(G,T)

73 La politica fiscale LM(MM) r r E G IS(G,T) IS(G,T)

74 La politica fiscale Perché è minore di G? Per via di un effetto chiamato spiazzamento dell aumento spesa spesa pubblica Esiste un caso in cui l aumento di G non genera alcuna variazione nel reddito d equilibrio?

75 La politica monetaria Analizziamo ora gli effetti delle politiche fiscali sul livello di equilibrio del reddito e del tasso d interesse.

76 La politica monetaria LM(MM) r E IS(G,T)

77 La politica monetaria LM(MM) r E Supponiamo che la BC decida di aumentare l offerta di moneta IS(G,T)

78 La politica monetaria LM(MM) LM(MM) r E r E IS(G,T)

79 La politica monetaria LM(MM) LM(MM) r r E MM E IS(G,T)

80 Le politiche della domanda Le POLITICHE della DOMANDA consistono in un mix di politica fiscale e politica monetaria attuate con l obbiettivo di stabilizzare il reddito ad un livello il più vicino possibile al suo livello di pieno impiego. Nonostante sia la politica fiscale che quella monetaria possano modificare il livello del reddito d equilibrio esse non posso essere considerate completamente equivalenti.

81 Le politiche della domanda Le POLITICHE della DOMANDA consistono in un mix di politica fiscale e politica monetaria attuate con l obbiettivo di stabilizzare il reddito ad un livello il più vicino possibile al suo livello di pieno impiego. Nonostante sia la politica fiscale che quella monetaria possano modificare il livello del reddito d equilibrio esse non posso essere considerate completamente equivalenti.

82 Le politiche della domanda LM(MM) r E IS(G,T) P

83 Le politiche della domanda Come possiamo portare la nostra economia al suo livello di pieno impiego P? Esistono due alternative rispettivamente utilizzando politica fiscale espansiva politica monetaria espansiva

84 Le politiche della domanda LM(MM) r E r E IS(G,T) IS(G,T) P

85 Le politiche della domanda LM(MM) LM(MM ) r E r E IS(G,T) P

86 Le politiche della domanda LM(MM) r E LM(MM ) r E r E IS(G,T) IS(G,T) P

87 Le politiche della domanda I due equilibri E e E non sono equivalenti E : la spesa aggregata sarà composta in larga misura da spesa pubblica G che avrà spiazzato, causa gli alti tassi d interesse, quella privata in C e I E : a causa dei minori tassi d interesse la spesa aggregata sarà composta in larga misura da spesa privata in C e I Quali considerazioni dovrebbero guidare la scelta ottima del mix di politica economica?

88 TT - Test Training 1. Considerate il modello IS-LM. Se a seguito di un aumento della spesa pubblica G (politica fiscale espansiva) non osservate alcuna variazione del tasso d interesse allora A. la curva IS è verticale B. la curva LM è orizzontale C. la curva IS è positivamente inclinata D. la curva LM è verticale E. la curva LM è negativamente inclinata 2. Tanto più l investimento (I) e la componente autonoma del consumo (A) reagiscono ad una data variazione del tasso d interesse A. tanto più inclinata sarà la curva IS B. tanto più piatta sarà la curva LM C. tanto più piatta sarà la curva IS D. tanto più inclinata sarà la curva LM E. tanto più piatte saranno sia la curva IS che la curva LM

89 TT - Test Training 3. Considerate l equilibrio in un modello IS-LM. Se il governo decide di ridurre la spesa pubblica (politica fiscale restrittiva) allora il reddito e il tasso d interesse A. aumenta; resta invariato B. aumenta; aumenta C. aumenta; diminuisce D. diminuisce; aumenta E. diminuisce; diminuisce 4. Se in un modello IS-LM un aumento della spesa pubblica G è spiazzato completamente da una corrispondente riduzione della spesa privata A. la curva LM è orizzontale B. la curva IS è verticale C. la curva LM è verticale D. non è possibile che succeda E. la curva IS è orizzontale

90 TT - Test Training 5. Si consideri il modello IS-LM. Se la curva IS è orizzontale e la Banca centrale decide di aumentare il tasso d interesse allora A. dovrà aumentare la spesa pubblica B. dovrà cambiare idea. Non ha possibilità di farlo. C. dovrà aumentare l offerta di moneta D. dovrà diminuire la spesa pubblica E. dovrà diminuire l offerta di moneta 6. Si consideri il modello IS-LM. Se a seguito di politica fiscale restrittiva non osservate alcuna variazione del reddito d equilibrio A. la curva IS e verticale B. la curva IS e orizzontale C. la curva LM e orizzontale D. la curva LM e verticale E. la curva IS e positivamente inclinata

91 Hyper-references

92 =X coefficiente angolare=1 45 o Back X

93 AD AD= Back

94 AD AD= Luogo dei punti in cui il valore del reddito e sempre uguale a quello della spesa Back

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1,

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1, Esercitazione 8 Domande 1. Si consideri un economia per cui il coefficiente di liquidità sia pari a Cl = 5%, mentre il coefficiente di riserva è Cr = 3%. a) Si calcoli il moltiplicatore monetario. b) Se

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI

I MERCATI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI 1 SCOPRIREMO cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse 2 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE Due attività: Moneta non frutta interessi serve per

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio.

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Il modello IS-LM In questa lezione: Definiamo l equilibrio economico generale. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Costruiamo la curva IS e la curva LM e ne determiniamo

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I Assunzione da rimuovere I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it)

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 8 A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA 1 LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA In economia chiusa la domanda di beni nazionali coincideva con la domanda nazionale di beni: ( ) Z C + I + In economia aperta, invece,

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1 Macroeconomia, Esercitazione 7 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie a 100 e i depositi bancari a 800,

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli