Tutto il personale del complesso forestale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutto il personale del complesso forestale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati"

Transcript

1 COMPLESSO: 14 - SARCIDANO Rimboschimenti ha 22 Operazioni post-impianto (cure colturali a giovani impianti) ha 30 Riqualificazione valorizzazione della multifunzionalità della foresta attraverso la gestione forestale attiva Interventi connessi al governo a fustaia (a prevalenza di latifoglie) Interventi connessi al governo a fustaia di popolamenti artificiali a prevalenza di conifere ha 10 ha 5 Interventi connessi alla conversione dei cedui ha 20,5 Sughericoltura ha 18 Rimboschimenti anche con specie fruttifere mq 2000 attività di prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi Manutenzione fasce parafuoco ha 117,5 Manutenzione ordinaria infrastrutture viarie mq straordinaria e nuove all'attività di gestione forestale attiva Manutenzione ordinaria infrastrutture di perimetrazione ml 1700 Manutenzione straordinaria infrastrutture viarie mq Tutto il personale del complesso forestale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati

2 COMPLESSO: 15A - MONTE LINAS Operazioni post-impianto (cure colturali a giov ani impianti) ha 40 Interv enti connessi al gov erno a f ustaia (a prev alenza di latif oglie) ha 3 Interv enti di gestione ha 22,5 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 9 Sughericoltura ha 24 Manutenzione f asce paraf uoco ha 79 attiv ità di Interv enti selv icolturali ha 20 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture v iarie mq Realizzazione nuov e inf rastrutture di perimetrazione ml 50

3 COMPLESSO: 15B - MARGANAI Operazioni post-impianto (cure colturali a giov ani impianti) ha 55 Riqualif icazione v alorizzazione della multif unzionalità della f oresta attrav erso la gestione ha 21 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 30 Opere di stabilizzazione superf iciale ml 500 Sentieristica km 30 attiv ità di Manutenzione f asce paraf uoco ha 50 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione ordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 5000 Manutenzione straordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 5000

4 COMPLESSO: 16 - GERREI Rimboschimenti ha 18 Operazioni post-impianto (cure colturali a giov ani impianti) ha 25 Riqualificazione valorizzazione della multifunzionalità della foresta attraverso la gestione forestale attiva Interv enti connessi al gov erno a ceduo ha 6 Interv enti connessi al gov erno misto ha 24 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 10 Ricostituzione boschiv a e interv enti f itosanitari (aree danneggiate da incendi, da av v ersità biotiche e abiotiche) ha 10 Sughericoltura ha 6 Sentieristica ml 2000 attiv ità di Manutenzione f asce paraf uoco ha 230 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 5000 Realizzazione nuov e inf rastrutture di perimetrazione ml 12000

5 COMPLESSO: 17 - SARRABUS Rimboschimenti ha 11 Operazioni post-impianto (cure colturali a giov ani impianti) ha 16 Riqualificazione valorizzazione della multifunzionalità della foresta attraverso la gestione forestale attiva ha 9,5 Interv enti connessi al gov erno a ceduo ha 8 Interv enti connessi al gov erno misto ha 10 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 11 Ricostituzione boschiv a e interv enti f itosanitari (aree danneggiate da incendi, da av v ersità biotiche e abiotiche) ha 7 Sughericoltura ha 3,5 Realizzazione colture a perdere mq 500 Sentieristica ml 2000 attiv ità di Manutenzione f asce paraf uoco ha 182 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione ordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 1700 Manutenzione straordinaria inf rastrutture v iarie mq 13500

6 COMPLESSO: 18A - PIXINAMANNA Operazioni post-impianto (cure colturali a giov ani impianti) ha 10 Riqualif icazione v alorizzazione della multif unzionalità della f oresta attrav erso la gestione ha 6 Interv enti connessi al gov erno a ceduo ha 1 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 5 Sughericoltura ha 5 Sentieristica ml Manutenzione f asce paraf uoco ha 80 attiv ità di Interv enti selv icolturali ha 10 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione straordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 1500

7 COMPLESSO: 18B - GUTTURUMANNU ha 4 Riqualif icazione v alorizzazione della multif unzionalità della f oresta attrav erso la gestione Interv enti connessi al gov erno misto ha 3 Interv enti connessi alla conv ersione dei cedui ha 13 Sughericoltura cad 500 Interv enti connessi ai tagli di utilizzazione ha 21 attiv ità di Manutenzione f asce paraf uoco ha 41,5 Manutenzione ordinaria inf rastrutture v iarie mq Manutenzione ordinaria inf rastrutture di perimetrazione ml 2000

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali TESTO PER AUDIZIONI PdL n. 30 - LEGGE FORESTALE REGIONALE TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1 - Principi e finalità. 1. La Regione del Veneto, in conformità ai principi della gestione forestale sostenibile

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010

FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010 REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI MATERA COMUNE DI ROTONDELLA PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE DELLE PROPRIETÀ SILVOPASTORALI DEL COMUNE DI ROTONDELLA (MT) ALLEGATO 7 FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010 Responsabile

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE:

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Un approccio Regionale in un quadro nazionale 21 piani regionali Le misure prevalenti per la castanicoltura

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

"Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale".

Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, N. 27 "Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale". (BURL n. 44, 1 suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;27

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Legge organica in materia di tutela e valorizzazione delle foreste, dei pascoli e del patrimonio arboreo della regione Abruzzo

Legge organica in materia di tutela e valorizzazione delle foreste, dei pascoli e del patrimonio arboreo della regione Abruzzo Legge Regionale 4 gennaio 2014, n. 3 Legge organica in materia di tutela e valorizzazione delle foreste, dei pascoli e del patrimonio arboreo della regione Abruzzo (Pubblicata sul Bollettino Ufficiale

Dettagli

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana Auditorium Consiglio Regionale 22 Luglio 2009 La realtà forestale della Regione Toscana Dott. Giovanni Vignozzi Resp. Settore Programmazione Forestale Direzione Generale dello Sviluppo Economico Regione

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia di Paolo Lassini, dirigente Direzione Generale Agricoltura

Dettagli

Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive modificazioni - Regolamento di attuazione D.P.G.R.08.08.2003, n.

Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive modificazioni - Regolamento di attuazione D.P.G.R.08.08.2003, n. Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive

Dettagli

Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste. Cod. Misura 8

Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste. Cod. Misura 8 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste. Cod. Misura 8 8.2.1.1 Basi giuridiche

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli

La superficie forestale regionale

La superficie forestale regionale Ufficio Foreste e tutela del territorio Dipartimento Politiche Agricole e Forestali NUORO - 05-06 MARZO 2015 La superficie forestale regionale La superficie boscata della Regione Basilicata è pari a Ha

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA ANNI 2014-2016

PIANO DELLA PERFORMANCE DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA ANNI 2014-2016 PIANO DELLA PERFORMANCE DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA ANNI 2014-2016 Deliberazione Consiglio di Amministrazione n 156 del 16.09.2014 PIANO DELLA PERFORMANCE DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA ANNI 2014-2016

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale».

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». Capo I Finalità e norme generali Art. 1. Finalità e obiettivi. 1. Le disposizioni

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE

PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE REGIONE AUTONOMA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE DOCUMENTO DI SINTESI SULLA PROPOSTA DI PIANO 24 GENNAIO 2006 INDICE ANALITICO 1 Obiettivi generali...

Dettagli

CONCORSO CREATIVO videomakars-venice edition. BRIEF per la stesura del progetto video

CONCORSO CREATIVO videomakars-venice edition. BRIEF per la stesura del progetto video CONCORSO CREATIVO videomakars-venice edition BRIEF per la stesura del progetto video Background Il concorso videomakars- Venice edition si inserisce in un più ampio progetto promosso dall Univ ersità Ca

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA)

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA) (Luca Cesaro - INEA) 8.1 LE RISORSE FORESTALI E LE PRODUZIONI LEGNOSE NEL VENETO E IN ITALIA 8.1.1 La superficie forestale La definizione, a livello statistico, di superficie forestale (o boscata) è un

Dettagli

D.G. Sistemi verdi e paesaggio D.d.g. 22 dicembre 2011 - n. 12754 Approvazione delle disposizioni attuative per la presentazione

D.G. Sistemi verdi e paesaggio D.d.g. 22 dicembre 2011 - n. 12754 Approvazione delle disposizioni attuative per la presentazione 206 Bollettino Ufficiale D.G. Sistemi verdi e paesaggio D.d.g. 22 dicembre 2011 - n. 12754 Approvazione delle disposizioni attuative per la presentazione delle domande per l accesso al Fondo Aree Verdi

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

Regione Lombardia Legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31.

Regione Lombardia Legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31. Regione Lombardia Legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31. Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale. Pubblicata nel B.U. Lombardia 9 dicembre 2008, n.

Dettagli

R.D.M. Progetti S.r.l.

R.D.M. Progetti S.r.l. SCHEDA PROGETTO: Servizio META Monitoraggio Estensivo dei boschi della ToscanA a fini fitosanitari ha partecipato fin dalle fasi sperimentali iniziali al progetto META (anno 2000), un sistema informativo

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia Carinzia: 953.349 ettari Bosco: 570.00 ettari = 60 % 30% Bosco di protezione Funzione protettiva Piano di sviluppo forestale Funzione sociale Funzione ricreativa Funzione produttiva Alberi - Specie AGHIFOGLIE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n.27 Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell'economia forestale.

REGIONE LOMBARDIA. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n.27 Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell'economia forestale. REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n.27 Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell'economia forestale. Capo I Finalita' e norme generali (Pubblicata nel 1 suppl. ord.

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

SCHEDE AZIONI DI PIANO

SCHEDE AZIONI DI PIANO PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** SCHEDE AZIONI DI PIANO AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEI POPOLAMENTI FORESTALI AZIONE A MIGLIORAMENTI

Dettagli

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6 RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE Sondrio 27 settembre 2oo6 Riferimenti normativi L.R. 10/98 Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano

Dettagli

Biomasse legnose. Esperienze di

Biomasse legnose. Esperienze di Biomasse legnose Esperienze di Introduzione Il Bosco nel passato Produzione di legname Prodotti secondari Aggregazione sociale Sviluppo di attività e tecniche lavorative Tradizioni Salvaguardia del territorio

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Correzioni per Regole di VillaGrande e VillaPiccola, Comune di Auronzo di Cad. (BL)

Correzioni per Regole di VillaGrande e VillaPiccola, Comune di Auronzo di Cad. (BL) Correzioni per Regole di VillaGrande e VillaPiccola, Comune di Auronzo di Cad. (BL) Foglio 28 mappale 17 di mq 2350: mancante in quanto non presente nel catastale del BIM, dove è presente invece solo il

Dettagli

Titolo I. Capo I Vincoli

Titolo I. Capo I Vincoli Legge regionale 13 settembre 1978, n. 52 (BUR n. 43/1978) LEGGE FORESTALE REGIONALE.(i) Art. 1 Titolo I La Regione del Veneto, in attuazione di quanto previsto dall art. 4 del proprio Statuto, promuove

Dettagli

Visto l`art. 125 della Costituzione, cosi` come modificato dall`art. 9 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;

Visto l`art. 125 della Costituzione, cosi` come modificato dall`art. 9 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; REGOLAMENTO FORESTALE DELLA TOSCANA. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l`art. 121 della Costituzione, quarto comma, cosi` come modificato dall`art. 1 della Legge Costituzionale 22 novembre 1999,

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

CRITERI PER LA DEFINIZIONE E DETERMINAZIONE DEI SERVIZI AMBIENTALI EROGATI DAI CONSORZI FORESTALI, IN APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 56 DELLA L.R.

CRITERI PER LA DEFINIZIONE E DETERMINAZIONE DEI SERVIZI AMBIENTALI EROGATI DAI CONSORZI FORESTALI, IN APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 56 DELLA L.R. CRITERI PER LA DEFINIZIONE E DETERMINAZIONE DEI SERVIZI AMBIENTALI EROGATI DAI CONSORZI FORESTALI, IN APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 56 DELLA L.R. 31/2008 1. Premessa... 1 2. Servizi ambientali... 1 3. Chi

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 000 n. 7, artt. 4 e 5 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 30 luglio 004 n. 7/8396 ha

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

CAPO I Disposizioni generali. Art. 1 (Oggetto)

CAPO I Disposizioni generali. Art. 1 (Oggetto) Legge regionale 12 ottobre 2012, n. 45 Gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio forestale regionale. (BUR n. 19 del 16 ottobre 2012, supplemento straordinario n. 2 del 20 ottobre 2012) CAPO I Disposizioni

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 58 del 28 novembre 2001 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CATASTO INCENDI. ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CATASTO INCENDI. ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA CATASTO INCENDI ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il riferimento normativo

Dettagli

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI DOSSIER PL n. 551/9 di iniziativa del Consigliere O. BRUNI,G. CHIAPPETTA,G. MORRONE,A. GRILLO,G. SERRA recante: "Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n.

Dettagli

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A.

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. 2006/2007 Applicazione del sistema ArcGIS 9.2 e rilevamento con

Dettagli

8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici

8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici 8.2.8.3.2. 8.3.1 Prevenzione dei danni alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastofici Sottomisura: 8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità

Dettagli

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno VOCI DI SPESA - Predisposizione e posa di segnaletica illustrante i confini del parco e

Dettagli

CONVEGNO. Roma 27 luglio 2010. Istituto della Enciclopedia Italiana. Dr. Claudio GARRONE FederelgnoArredo Associazione Forestale Italiana

CONVEGNO. Roma 27 luglio 2010. Istituto della Enciclopedia Italiana. Dr. Claudio GARRONE FederelgnoArredo Associazione Forestale Italiana CONVEGNO La difesa del patrimonio forestale a 10 anni dal decreto-legge 4 agosto 2000 n. 220, che ha introdotto il reato di incendio boschivo nel Codice Penale. Roma 27 luglio 2010 Istituto della Enciclopedia

Dettagli

I BOSCHI E GLI ALTRI ELEMENTI DEL VERDE TERRITORIALE definizione e caratterizzazione

I BOSCHI E GLI ALTRI ELEMENTI DEL VERDE TERRITORIALE definizione e caratterizzazione Ente Parco del Mincio Piazza Porta Giulia, 10 46100 MANTOVA Tel 0376.22831 Fax 0376.362657 I BOSCHI E GLI ALTRI ELEMENTI DEL VERDE TERRITORIALE definizione e caratterizzazione GRUPPO DI LAVORO PER IL PARCO

Dettagli

BOSCHI FIORENTI. Quindici anni di cura e sviluppo del patrimonio boschivo nel territorio fiorentino ACCADEMIA ITALIANA DI SCIENZE FORESTALI

BOSCHI FIORENTI. Quindici anni di cura e sviluppo del patrimonio boschivo nel territorio fiorentino ACCADEMIA ITALIANA DI SCIENZE FORESTALI BOSCHI FIORENTI Quindici anni di cura e sviluppo del patrimonio boschivo nel territorio fiorentino ACCADEMIA ITALIANA DI SCIENZE FORESTALI BOSCHI FIORENTI Quindici anni di cura e sviluppo del patrimonio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestaz. e difese del suolo. Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

Provincia di Modena Il Presidente

Provincia di Modena Il Presidente Provincia di Modena Il Presidente Classifica 09-07-01 fasc. 9/2015 Modena, 22/07/2015 Alla cortese attenzione di SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MODENA PRESIDENTI DI: - UNIONE DEI COMUNI DEL DISTRETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

RELAZIONE CONOSCITIVA SULL'ATTIVITA' A.I.B. - OBBIETTIVI ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE

RELAZIONE CONOSCITIVA SULL'ATTIVITA' A.I.B. - OBBIETTIVI ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE RELAZIONE CONOSCITIVA SULL'ATTIVITA' A.I.B. - OBBIETTIVI ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE PER SERVIZIO ANTINCENDIO BOSCHIVO INTRODUZIONE Il progressivo abbandono del territorio montano, le

Dettagli

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE RELAZIONE GENERALE (Periodo di validità 2013-2027) Data: aprile 2010 Agg.: marzo 2011 aprile 2012 Parco delle Orobie Valtellinesi Il coordinatore del gruppo di lavoro (Sonia

Dettagli

CRITERI DI SELEZIONE DEGLI INTERVENTI

CRITERI DI SELEZIONE DEGLI INTERVENTI REGIONE ABRUZZO DIREZIONE AGRICOLTURA --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 CRITERI

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL. Questionario conoscitivo RAPPORTO TRA MONDO AGRICOLO E SELVICOLTURA GRUPPO DI LAVORO PER IL PARCO

VALORIZZAZIONE DEL. Questionario conoscitivo RAPPORTO TRA MONDO AGRICOLO E SELVICOLTURA GRUPPO DI LAVORO PER IL PARCO Ente Parco del Mincio Piazza Porta Giulia, 10 46100 MANTOVA Tel 0376.22831 Fax 0376.362657 VALORIZZAZIONE DEL RAPPORTO TRA MONDO AGRICOLO E SELVICOLTURA Questionario conoscitivo GRUPPO DI LAVORO PER IL

Dettagli

ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI TEMPO PREVISTO REALIZZAZIONE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO STATO DI ATTUAZIONE TRAGUARDI

ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI TEMPO PREVISTO REALIZZAZIONE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO STATO DI ATTUAZIONE TRAGUARDI SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PROGRAMMA AMBIENTALE 2007 La Politica Ambientale promulgata dalla Direzione stabilisce quali siano gli indirizzi e i settori nei quali l Organizzazione si impegna a migliorare

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive ALLEGATO A Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive PREMESSA L Albo regionale delle imprese boschive, istituito con la delibera di giunta regionale 12 novembre 2008, n.

Dettagli

periodo programmatico 2007/2013

periodo programmatico 2007/2013 Regione Lazio Quadro conoscitivo e base documentale del Piano Forestale Regionale (art. 7, l.r. 39/2002) periodo programmatico 2007/2013 A cura dell Area Conservazione delle Foreste Roma, 2008 1. INTRODUZIONE...3

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale

Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale Informazioni personali Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale Nome & Cognome MAURO FRATTEGIANI Indirizzo Via Armando Diaz 06128 PERUGIA (Italy) Telefono (+39) 075.9660449 Mobile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE ENERGIA E TURISMO DALLE FORESTE IN VALTARO CONTESTO TERRITORIALE La Valtaro è situata in provincia di Parma, negli Appennini

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000 S E RV I Z I O P R O T E Z I O N E C I V I L E F U N Z I O N E C AT A S T O D E I B O S C H I E D E I P A S C O L I P E R C O R S I D A L FUOC O Comuni di: Bientina, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme,

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

A. AMBITO DI ATTIVITA' FORESTALE

A. AMBITO DI ATTIVITA' FORESTALE IL PROGRAMMA AMBIENTALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI La Politica Ambientale promulgata dalla Direzione stabilisce quali siano gli indirizzi e i settori nei quali l Organizzazione si impegna a

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

Localizzazione dei cimiteri sul territorio rispetto alle principali v ie di comunicazione.

Localizzazione dei cimiteri sul territorio rispetto alle principali v ie di comunicazione. Piano Regolatore Cimiteriale (PCm): come leggerlo Il Piano Regolatore Cimiteriale, di seguito abbrev iato in PCm, è un documento complesso, costituito da una serie di elaborati strettamente integrati tra

Dettagli

Il sistema di contabilità di CO2: il calcolo delle emissioni e degli assorbimenti

Il sistema di contabilità di CO2: il calcolo delle emissioni e degli assorbimenti Giovedì 6 maggio 2010 - Istituto d Istruzione Superiore Montessori - Da Vinci Il sistema di contabilità di CO2: il calcolo delle emissioni e degli assorbimenti CISA scarl Dott. Agr. Odaldi Marco 1 CISA

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2 Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestazione Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata di inizio attività)

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Piano Energetico Provinciale

Piano Energetico Provinciale Piacenza, 17 aprile 2009 Provincia di Piacenza Piano Energetico Provinciale Le biomasse agro-forestali Chiara Lazzari Istituto di Ricerche Ambiente Italia Biomasse: definizione e classificazione Le filiere

Dettagli

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento.

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento. SCHEMA DELLE AZIONI 1. INTERVENTI SELVICOLTURALI FINALIZZATI AL MANTENIMENTO, MIGLIORAMENTO E RIPRISTINO DELLE FUNZIONI ECOLOGICHE, PROTETTIVE, RICREATIVE DELLE FORESTE, LA BIODIVERSITÀ E LA SANITÀ DELL

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA PIANO DI SICUREZZA AZIENDALE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA PIANO DI SICUREZZA AZIENDALE Presentazione del Documento di valutazione dei rischi (art. 4 comma 2 del D.Lgs. 626/94) a cura di ARTICOLAZIONE DEL PIANO > Diviso in 14 sezioni: 1. Premessa 2. Anagrafica 3. Organigramma aziendale 4.

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA CRITERI DI SELEZIONE DELLE OPERAZIONI DA AMMETTERE A COFINANZIAMENTO DA PARTE DEL FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE

Dettagli