Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana Torelli Anno Accademico 2012/2013 Roma, 24 Aprile

2 Piano della lezione I. Il mercato dell energia elettrica: gli aspetti tecnici e normativi II. III. La Borsa Elettrica: organizzazione, finalità e funzionamento. La determinazione del prezzo dell energia elettrica 2

3 Indice I. Il nuovo mercato dell energia elettrica: gli aspetti tecnici e normativi La centralità dell energia elettrica Il quadro normativo europeo Il caso nazionale: la liberalizzazione del settore elettrico Il settore elettrico pre-liberalizzazione Il percorso normativo della liberalizzazione Il settore elettrico post liberalizzazione Attori ed articolazione del Mercato Elettrico Sintesi 3

4 La centralità dell energia elettrica L energia elettrica è al centro del sistema economico mondiale ed europeo Anno 1995 Anno USA Germania Francia UK Giappo ne Italia Cina M o ndo Fonte: dati eurostat e OCSE L indice di penetrazione elettrica tra il (rapporto percentuale tra il consumo di energia elettrica e quello totale) ha subito un incremento del 3% in 10 anni a livello mondiale raggiungendo il 40% nel I paesi europei seguono lo stesso trend di crescita. L Italia ad oggi ha un valore del 34%. Settore elettrico strategico 4 2

5 L intensità elettrica in alcuni Paesi 5 2

6 6 2

7 La penetrazione elettrica come progresso La curva (1) illustra l andamento dell intensità energetica negli USA, che diminuisce di circa un fattore due nel periodo , in parallelo all aumento della penetrazione elettrica (curva (2), che nello stesso periodo passa dal 10% al 40%. In conclusione esiste una precisa tendenza all aumento della penetrazione elettrica e l uso ottimale dell energia elettrica induce un aumento della produttività energetica e quindi un risparmio sull energia totale. 7

8 La penetrazione elettrica come progresso 8

9 Premessa:la filiera elettrica Generazione Generazione è la produzione di energia elettrica Trasmissione Dispacciamento Trasmissione è il trasferimento dell energia dagli impianti di produzione alle reti di distribuzione Dispacciamento è la gestione coordinata dei flussi sulla rete. Distribuzione Distribuzione è il trasferimento dalla rete di trasmissione (o da impianti collegati direttamente alla rete di distribuzione) all utenza finale Vendita Vendita è la gestione dei rapporti commerciali con i clienti 9

10 Il settore elettrico europeo pre-liberalizzazione. Struttura Proprietà Prezzi Monopoli nazionali Integrazione verticale di generazione, trasmissione, distribuzione e vendita Ridotto volume di scambi Dipendenza dall estero per le fonti Statale nella maggior parte dei casi Più alti anche rispetto agli USA Divergenza dei prezzi tra i Paesi UE (il massimo prezzo per utente industriale è più del 200% del più basso) 10 3

11 Il settore elettrico europeo pre-liberalizzazione. Tr. di Maastricht 1992 Dir 96/92, 2003/54, Reg. 1228/2003 Liberalizzazione Americana (1979) Tappe della liberalizzazione del settore elettrico Liberalizzazione inglese (1990) Liberalizzazione NordEuropea (1991) 11

12 Il settore elettrico europeo pre-liberalizzazione. Le visioni alternative di programmazione e concorrenza si sono confrontate a lungo a partire dagli anni 80 ed hanno trovato un compromesso con la direttiva 96/92/CE (1996) che consentiva il libero accesso alle reti di trasmissione e di fatto liberalizzava la produzione e la vendita ad alcuni consumatori. Il processo è continuato con la direttiva 2003/54/CE che ha stabilito la libertà di acquisto per tutti i consumatori a partire dal 7/2007 e la successiva direttiva 2009/72/CE che rinforza il processo di apertura delle reti. 12

13 Il quadro normativo europeo Fine anni 80 primi anni 90 Avvio processo privatizzazione e liberalizzazione in diversi paesi europei Primi esperienze di borse elettriche nazionali e regionali (NordPool) Dicembre 1996 Approvazione della prima Direttiva Europea (96/92) sul mercato interno dell energia elettrica Norme e linee-guida comuni per i mercati elettrici nazionali Gennaio 97 marzo 99 Leggi nazionali di recepimento della direttiva 96/92 Giugno 2003 Approvazione della seconda Direttiva Europea (2003/54) sul mercato interno dell energia elettrica. Liberalizzazione totale della domanda entro il Approvazione del Regolamento relativo alle condizioni di accesso alla rete per gli scambi transfrontalieri (Regolamento CE n. 1228/2003). 2009/72/CE che rinforza il processo di apertura delle reti. 13

14 Indice I. Il nuovo mercato dell energia elettrica: gli aspetti tecnici e normativi La centralità dell energia elettrica Il quadro normativo europeo Il caso nazionale: la liberalizzazione del settore elettrico Il settore elettrico pre-liberalizzazione Il percorso normativo della liberalizzazione Il settore elettrico post liberalizzazione Attori ed articolazione del Mercato Elettrico 14

15 Il settore elettrico nazionale preliberalizzazione Legge 6 Dicembre 1962 n Nasce l ENEL, impresa a controllo pubblico diretto Legge 9 Gennaio 1991 n. 9 (Provvedimento CIP/6) Incentivazione alla produzione elettrica privata Legge 11 Luglio 1992 n. 333 Nasce ENEL S.p.A. (influenza dell orientamento europeo) Legge 14 Novembre 1995 n. 481 Nasce l Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) 15

16 Il settore elettrico nazionale preliberalizzazione

17 Premessa:la filiera elettrica Generazione Generazione è la produzione di energia elettrica Trasmissione Dispacciamento Trasmissione è il trasferimento dell energia dagli impianti di produzione alle reti di distribuzione Dispacciamento è la gestione coordinata dei flussi sulla rete. Distribuzione Distribuzione è il trasferimento dalla rete di trasmissione (o da impianti collegati direttamente alla rete di distribuzione) all utenza finale Vendita Vendita è la gestione dei rapporti commerciali con i clienti 17

18 L assetto del settore elettrico pre-liberalizzazione Generazione Campione nazionale (Enel) con posizione di monopolio Trasmissione Dispacciamento Unica rete di trasmissione posseduta e gestita da Enel Distribuzione Vendita Reti locali di distribuzione in regime di concessione Reti attive sia nella vendita che nella distribuzione Servizio di metering incorporato dal distributore Vendita effettuata dal distributore Il cliente finale (utente) non ha possibilità di scelta del fornitore Le tariffe sono regolamentate 18

19 Il percorso normativo della liberalizzazione 1/10 Decreto Bersani 16 marzo 1999 n. 79/99 Legge 27 ottobre 2003 n. 290 DPCM 11 Maggio 2004 Tappe della liberalizzazione del settore elettrico italiano La legge Marzano 23 agosto 2004 n. 239 Delibere dell AEEG 19

20 Il percorso normativo della liberalizzazione 2/10 Il Decreto 16 marzo 1999 n. 79: Decreto Bersani Le attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica sono libere, nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico Separazione almeno contabile ed amministrativa tra le attività di cui al punto precedente; ENEL deve costituire società separate Le attività di trasmissione e dispacciamento sono riservate allo Stato ed attribuite in concessione al Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN) L'attività di distribuzione dell'energia elettrica è svolta in regime di concessione rilasciata dal Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato (monopolio naturale) 20

21 Il percorso normativo della liberalizzazione 3/10 La tariffa applicata ai clienti vincolati è unica sul territorio nazionale Decreto Bersani Il GRTN esercita le attività di trasmissione, di dispacciamento dell'energia elettrica e di gestione della Rete di Trasmissione Nazionale, al fine di garantire la sicurezza, l'affidabilità, l'efficienza e il minor costo del servizio Il GRTN ha l'obbligo di connettere alla Rete di Trasmissione Nazionale tutti i soggetti che ne facciano richiesta, purché siano rispettate le apposite regole tecniche da esso predisposte Il GRTN è una S.p.A. controllata dal Ministero dell Economia e delle Finanze 21

22 Il percorso normativo della liberalizzazione 4/10 Decreto Bersani e Borsa Elettrica Il GRTN costituisce una società per azioni denominata Gestore del Mercato Elettrico (GME) che organizza e gestisce il mercato stesso secondo criteri di neutralità, trasparenza e obiettività Entro l 1 gennaio 2001 (!) l'ordine di entrata in funzione delle unità di produzione è determinato secondo il dispacciamento di merito economico Il GME assume quindi la gestione delle offerte di acquisto e di vendita dell'energia elettrica e di tutti i servizi connessi ( nasce la Borsa Elettrica) La Borsa Elettrica è partita l 1 aprile

23 Il percorso normativo della liberalizzazione 5/10 Decreto Bersani Contratti Bilaterali L Autorità, su richiesta degli interessati e previo parere del GRTN, può autorizzare contratti bilaterali, in deroga al sistema delle offerte in Borsa Decreto Bersani Il GRTN costituisce una società per azioni denominata Acquirente Unico (AU), che stipula e gestisce contratti di fornitura al fine di garantire ai clienti vincolati la disponibilità della capacità produttiva e la fornitura di energia elettrica 23

24 Il percorso normativo della liberalizzazione 6/10 Decreto Bersani Trasmissione La Rete di Trasmissione Nazionale (RTN) è gestita (ma non posseduta) dal GRTN La connessione alla RTN di chi ne fa richiesta deve essere garantita dal GRTN e dai proprietari della rete Decreto Bersani Produzione Dall 1 Gennaio 2003 a nessun soggetto è consentito produrre o importare, direttamente o indirettamente, più del 50 per cento del totale dell'energia elettrica prodotta e importata in Italia Entro l 1 Gennaio 2003 ENEL deve vendere almeno MW di capacità di generazione: EUROGEN (7000 MW, ora EDIPOWER), ELETTROGEN (5400 MW, ora ENDESA), INTERPOWER (2600 MW, ora TIRRENO POWER) 24

25 Il percorso normativo della liberalizzazione 7/10 Dall'anno 2001 gli importatori e i produttori che importano o producono energia elettrica da fonti non rinnovabili, hanno l'obbligo di immettere nel sistema elettrico nazionale una quota prodotta da impianti da fonti rinnovabili uguale almeno al 2% dell energia importata o prodotta eccedente i 100 GWh annuali L obbligo può essere soddisfatto acquistando un equivalente ammontare di certificati verdi da altri produttori o dal GRTN 25

26 Il percorso normativo della liberalizzazione 8/10 Decreto Bersani Distribuzione I distributori devono garantire la connessione alla rete a tutti i clienti Solo una concessione per l attività di distribuzione viene assegnata per ciascun comune Decreto Bersani Clienti Clienti Idonei:persone fisiche o giuridiche abilitate a stipulare contratti di fornitura con qualsiasi produttore, distributore o grossista, sia in Italia che all'estero, nonché a comprare energia dalla Borsa Clienti Vincolati: clienti abilitati a stipulare contratti di fornitura esclusivamente con il distributore, pagano l energia ad una tariffa unica nazionale, i distributori devono comprare dall Acquirente Unico l energia necessaria ai clienti vincolati da essi forniti 26

27 Il percorso normativo della liberalizzazione 9/10 La legge n. 290 del 27 ottobre 2003 ha disposto l unificazione della proprietà e della gestione della rete di trasmissione, e ha altresì previsto che entro il 1 luglio 2007, nessuna società operante nel settore della produzione, importazione, distribuzione e vendita dell'energia elettrica potrà possedere più del 20% del capitale della società che possiederà e che gestirà la RTN. Con decreto dell 11 maggio 2004 il limite del 20% è stato ridotto al 5% per tutte le società diverse da ENEL, alla quale è stato peraltro imposto un limite del 5% ai diritti di voto: ENEL ha infatti ridotto al 5% la sua partecipazione azionaria in TERNA 1, proprietaria di oltre il 90% della RTN Il GRTN si è fuso con TERNA, riunificando quindi proprietà e gestione della RTN (Da ISO a TSO) 1. L azionista di maggioranza relativa di TERNA è la Cassa Depositi e Prestiti, che detiene il 29.99% del pacchetto azionario 27

28 Terna (Rete Elettrica Nazionale S.p.A) Principali eventi societari 28 Febbraio Settembre Novembre 2005 Accordo TERNA-GRTN per il trasferimento del ramo d azienda del GRTN (trasmissione e dispacciamento e.e. ) Ceduto da Enel a CDP il 29,99% del capitale sociale di TERNA* Unificazione TERNAramo d azienda del GRTN L operatore GRTN si definiva Independent System Operator poiché deteneva la sola gestione della rete; TERNA è Transmission System Operator poiché possiede e gestisce la rete. 28

29 GRTN diviene Gestore del Sistema Elettrico Al nuovo GRTN rimane, in via residuale, la gestione, promozione e incentivazione delle fonti rinnovabili in Italia. In particolare: svolge un ruolo fondamentale nel meccanismo di incentivazione della produzione di energia da fonti rinnovabili e assimilate, predisposto dal provvedimento CIP 6/92; gestisce il sistema di mercato basato sui Certificati Verdi; rilascia la Garanzia di Origine, riconoscimento introdotto dalla direttiva comunitaria 2001/77 per l energia elettrica da fonte rinnovabile, e i certificati RECS (Renewable Energy Certificate System), titoli internazionali, su base volontaria, attestanti la produzione rinnovabile; svolge il ruolo (assegnato dall AEEG) di soggetto attuatore previsto dal decreto del Ministero delle Attività produttive del 28 luglio 2005, per l incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. 29

30 Il percorso normativo della liberalizzazione 10/10 Legge 23 agosto 2004 n. 239 : legge Marzano La costruzione e l'esercizio degli elettrodotti della rete nazionale di trasporto dell'energia elettrica sono attività di preminente interesse statale e sono soggetti a un'autorizzazione unica, rilasciata dal Ministero delle Attività Produttive di concerto con il Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e previa intesa con la regione o le regioni interessate L'autorizzazione è rilasciata a seguito di un procedimento unico In caso di mancata definizione dell'intesa con la regione o le regioni interessate nel termine prescritto per il rilascio dell'autorizzazione, lo Stato esercita il potere sostitutivo e autorizza le opere con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro delle attività produttive previo concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio Sono ribadite le date (1 luglio 2004 e 2007) previste dalla direttiva 2003/54/CE per l ottenimento della qualifica di cliente idoneo, tutti i clienti elettrici sono liberi da Luglio

31 L assetto del settore elettrico post-liberalizzazione Generazione Enel, Edison, Endesa Italia, Gruppo ENI, Edipower, Tirreno Power, Acea Electrabel, Gruppo Saras, AEM, Cartiere Burgo... Trasmissione Dispacciamento TERNA S.p.A. è proprietaria di oltre il 90% della rete di trasmissione ed è responsabile della trasmissione e del dispacciamento. Viene remunerata con una tariffa stabilita dall AEEG Distribuzione ENEL Distribuzione, SET Distribuzione, AEC, SECAB, Municipalizzate, Sono remunerate con tariffe stabilite dall AEEG Vendita EGL, ALPENERGIE, AMGA, ENECO, ENEL Trade, ENIPower Trading Sono circa 250 Attività regolata dall AEEG Attività libera 31

32 L articolazione del mercato elettrico Acquirente Unico Distributori Clienti vincolati P r o d u t t o r i Borsa (GME, TERNA) Grossisti E s t e r o Clienti idonei 32

33 L articolazione del mercato elettrico Acquirente Unico Distributori Venditore 1 Venditore 2 Venditore n Cliente non idoneo P r o d u t t o r i Borsa (GME, TERNA) Grossisti E s t e r o Clienti idonei 33

34 In sintesi... 34

35 I cambiamenti La generazione, la vendita, il servizio di misura, fatturazione e customer service sono attività aperte alla concorrenza La trasmissione è un monopolio naturale (costo elevatissimo di duplicazione della rete), la proprietà, la gestione della rete fanno capo a TERNA a partire dal I Novembre 2005 La distribuzione è un attività regolata Graduale separazione (da contabile a proprietaria) delle attività della filiera Da luglio 2004 sono idonei tutti i clienti non domestici Da luglio 2007 tutti i clienti possono scegliere il proprio fornitore di energia elettrica La compravendita di energia elettrica avviene all interno del sistema delle offerte gestito dal GME o mediante contratti bilaterali (fino a luglio i clienti vincolati possono acquistarla esclusivamente dai distributori) Il GRTN diviene GSE, Gestore dei Servizi Elettrici. 35

36 Indice II. La Borsa Elettrica: organizzazione, finalità e funzionamento. Cos è la Borsa dell Energia Il modello italiano Le fasi della Borsa Italiana Il mercato del giorno prima Il mercato di aggiustamento Il mercato per il servizio di dispacciamento 36

37 Che cos è la Borsa dell energia elettrica Borsa (GME, TERNA) La Borsa italiana (IPEX)è un sistema organizzato di offerte di vendita e di acquisto di energia elettrica, basato su: Mercato dell Energia Mercato del giorno prima (MGP) Mercato di aggiustamento (MA) Mercato dei servizi di dispacciamento (MSD) Le transazioni si svolgono su una piattaforma telematica, alla quale gli operatori si connettono tramite internet per la conclusione di contratti on line. 37

38 Il modello italiano Il modello italiano è a dispacciamento di merito e a borsa facoltativa Il decreto Bersani stabiliva esplicitamente il dispacciamento di merito, ma tendeva a disincentivare i contratti bilaterali fisici, pur non vietandoli a priori, puntando quindi più ad una borsa obbligatoria La definizione dei prezzi: 1. System Marginal Price, il prezzo di borsa, pagato a tutti i venditori e da tutti i compratori, è il prezzo dell offerta di vendita più costosa accettata per soddisfare la domanda 2. Pay as Bid, a ciascun venditore è pagato il prezzo da egli offerto (in questo caso vi è di solito un unico compratore) Nella Borsa Elettrica italiana, il Mercato del Giorno Prima (MGP) ed il Mercato di Aggiustamento (MA) sono a System Marginal Price, mentre il Mercato per il Servizio di Dispacciamento (MSD) è a Pay as Bid 38

39 Il modello italiano Un impresa verticalmente integrata prende le proprie decisioni in merito all utilizzo del proprio parco di generazione in base ad un criterio di minimizzazione dei costi. In un mercato dell energia elettrica il gestore di rete replica tale ottimizzazione, sostituendo alle funzioni di costo i prezzi di offerta da parte dei produttori. Questo è l unico criterio trasparente e non discriminatorio per gestire un parco di produzione di terzi. La borsa elettrica consente di selezionare gli impianti secondo questi criteri. 39

40 Le fasi della Borsa Italiana Fase 3 Fase 0 Definizione normativa e linee guida Implementazione IT e dei processi Fase 1 Prove in bianco integrate Problem solving con operatori Finalizzazione nomativa Fase 2 Domanda passiva (il GRTN unico acquirente) Il 70% del fabbisogno di mercato è stato coperto da contratti bilaterali, mentre il restante 30% dalla borsa elettrica Domanda attiva (i consumatori possono presentare offerte in borsa). 8 Gennaio Aprile Gennaio

41 Assetto di riferimento fino a luglio

42 Assetto di riferimento da luglio

43 Mercato del Giorno Prima Contrattazione di energia, tramite offerte di vendita ed acquisto, per ciascuna delle 24 ore del giorno seguente. Le offerte di vendita rispecchiano i programmi di produzione per il giorno dopo Le offerte di acquisto rispecchiano una stima del fabbisogno delle unità di consumo dell operatore per il giorno dopo. Il prezzo si forma dall equilibrio tra domanda e offerta in ogni ora (system marginal price, asta implicita non discriminatoria). L algoritmo di soluzione del mercato è volto a soddisfare la domanda al minimo costo, massimizzare il valore netto delle transazioni nel rispetto dei vincoli di trasporto tra le zone geografiche (configurazione zonale). Orario di negoziazione: 8,00 9,00 (risultati ore 10,30) 43

44 Mercato del Giorno Prima, tipologia di offerte 44

45 Mercato del Giorno Prima: funzionamento Informazioni preliminari: prima della seduta del MGP, Terna invia al GME un insieme di informazioni preliminari che il GME a sua volta rende disponibili agli operatori (fabbisogno di energia previsto, i programmi di immissione di impianti sotto il controllo di Terna per ogni ora e per ogni zona (CIP 6); i limiti massimi di transito) Accettazione delle offerte: Terminata la seduta di presentazione delle offerte, il GME attiva il processo per la risoluzione del mercato (algoritmo). Le offerte di vendita vengono ordinate per prezzo non decrescente in una curva di offerta aggregata, mentre le offerte di acquisto per prezzo non crescente in una curva di domanda aggregata. L intersezione delle due curve determina la quantità complessivamente scambiata, il prezzo di equilibrio, le offerte accettate ed i programmi di immissione e prelievo ottenuti L energia scambiata con contratti bilaterali viene conteggiata nell algoritmo di mercato come offerte di vendita senza indicazione di prezzo e di acquisto a prezzo nullo. 45

46 Mercato del Giorno Prima: il prezzo Se i flussi sulla rete derivanti dai programmi non violano nessun limite di transito, il prezzo di equilibrio è unico e pari a P* e le offerte accettate sono quelle con prezzo di vendita non superiore a P* e con prezzo di acquisto non inferiore a P*. Problema! La rete di interconnessione è limitata Un consumatore può essere impossibilitato ad acquistare energia da un produttore a causa della scarsa capacità della rete Soluzione: market splitting, configurazione zonale Se almeno un limite risulta violato, l algoritmo separa il mercato in due zone di mercato - una in esportazione che include tutte le zone a monte del vincolo e una in importazione che include tutte le zone a valle del vincolo e ripete in ciascuna il processo di incrocio sopra descritto, costruendo per ciascuna zona di mercato una curva di offerta ed una curva di domanda L esito è un prezzo di equilibrio zonale Pz, diverso in ogni zona, al quale vengono valorizzate tutte le offerte di vendita riferite a quella zona. In particolare il Pz è maggiore nelle zone importatrici e minore in quelle esportatrici. l algoritmo prevede, a fronte di prezzi di vendita differenziati per zona, l applicazione di un prezzo unico di acquisto su base nazionale (PUN), pari alla media dei prezzi di vendita zonali ponderati per i consumi zonali. Il PUN si applica solo ai punti di offerta in prelievo 46

47 MGP: come si forma il prezzo Per ogni zona, si creano le curve di domanda e di offerta aggregata zonale con i criteri descritti precedentemente In ogni seduta viene determinato il prezzo di equilibrio Pe, pari al punto di incontro tra domanda e offerta Tutte le offerte di acquisto con prezzo maggiore di Pe vengono accettate mentre le altre vengono rifiutate Tutte le offerte di vendita con prezzo minore di Pe vengono accettate mentre le altre vengono rifiutate La quantità complessiva scambiata all interno della zona è pari a Qe 47

48 Vincoli di trasmissione 48

49 Vincoli di trasmissione: zone 49

50 Algoritmo di soluzione Vincoli di trasmissione rispettati? SI Prezzo nazionale NO Scambi di energia tra zone Separazione zone di mercato Prezzo della zona che importa > Prezzo della zona che esporta Offerte di acquisto e vendita Programmi di immissione e prelievo compatibili con vincoli Prezzi Zonali Produzione Prezzo Unico Consumo 50

51 Separazione del mercato in zone Il mercato elettrico è unico sul territorio nazionale Il territorio nazionale è diviso in un numero limitato di zone geografiche al solo fine di risoluzione efficiente delle congestioni. Per ogni ora, se, sulla base del programma orario nazionale preliminare di immissione e prelievo, l'entità di almeno un transito di energia tra zone limitrofe è superiore al limite ammissibile si procede alla separazione del mercato in due o più zone. Ai produttori è riconosciuto il prezzo della zona di rete in cui è localizzata l unità di produzione. I clienti finali, indipendentemente dalla zona in cui sono localizzati, pagano un prezzo medio nazionale (PUN) determinato come media dei prezzi zonali, ponderata sulla base dei consumi. Il prezzo della zona che importa sarà maggiore del prezzo della zona che esporta. 51

52 Esempio Gestione delle congestioni Il valore del servizio di tramissione è il costo opportunità di accedere ad energia più economica Mercato nodale Market splitting Asta esplicita Market coupling Counter trading Italia Nord Centro Nord CCGT (600 MW) C p = 3,5c /kwh CCT/CGT (600 MW) C p = 5,5 c /kwh c Sardegna Sicilia Centro Sud Offerta sud sud Zona esportatrice Domanda Calabria Zona importatrice C t <D c P sud sud < P calabria calabria P Q=Rendita da Congestione per il gestore della rete 52

53 Mercato di Aggiustamento Contrattazione, tramite offerte di vendita e di acquisto, delle variazioni di quantità di energia, rispetto a quelle negoziate sul mercato del giorno prima. Si svolge subito dopo il MGP, indicativamente nelle prime ore del pomeriggio. Il prezzo che si forma in questo mercato è ancora un prezzo d equilibrio (system marginal price). Orario di negoziazione: 10,30 14,00 (risultati ore 14,30) Le eventuali congestioni sono gestite in modo analogo alla procedura seguita nel Mercato del Giorno Prima, facendo riferimento alle capacità di transito residue disponibili 53

54 Mercato di Aggiustamento Offerte di variazione rispetto al mercato del giorno prima riferite alle singole ore Offerte di aumento produzione o riduzione consumi Offerte composte da coppie quantità (MWh) prezzo (Euro/MWh) Offerte di riduzione produzione o aumento consumi Offerte Curva di offerta (curva monotona crescente) Gestore del mercato Curva di domanda (curva monotona decrescente) 54

55 Mercato per il servizio di dispacciamento (MSD) E il mercato sul quale TERNA si approvvigiona delle risorse necessarie alla gestione e al controllo del sistema (risoluzione delle congestioni intrazonali, creazione della riserva di energia, bilanciamento in tempo reale). Gli operatori offrono ad un determinato prezzo la disponibilità a chiamata di aumentare o ridurre il proprio programma di immissione/prelievo dichiarato su MGP e sul MA. Partecipano a tale mercato gli utenti del dispacciamento delle unità di produzione o di consumo abilitate alla fornitura delle risorse negoziate nel mercato stesso. Il TSO (TERNA) decide in base alle esigenze di bilanciamento della rete elettrica, che offerta accettare (o che operatore chiamare). Il prezzo non viene stabilito da un equilibrio domanda/offerta, ma con il meccanismo "pay as bid" (a ciascun venditore è pagato il prezzo da egli offerto). Orario di negoziazione: 14,30-16,00 (risultati ore 21,00) 55

56 Il bilanciamento dei flussi di energia Tipologie di bilanciamento Produzione inferiore a programmata Domanda superiore a programmata Produzione superiore a programmata Domanda inferiore a programmata Bilanciamento in aumento Dispacciamento TERNA Bilanciamento in riduzione 56

57 In sintesi... 57

58 La borsa elettrica: il funzionamento Mercato del Giorno Prima (MGP) Mercato di Aggiustamento (MA) allo stato il MA è inibito alle unità di consumo Mercato del Servizio di Dispacciamento (MSD) Risorsa scambiata Energia Energia Energia per la soluzione delle congestioni e per i margini di riserva Energia per il bilanciamento del sistema elettrico in tempo reale Unità ammesse a partecipare Operatori ammessi a partecipare Unità di produzione, unità miste e unità di consumo Operatori abilitati (**) Unità di produzione + Unità miste (*) Solo unità abilitate da TERNA alla fornitura dei servizi di dispacciamento Utenti del servizio di dispacciamento Utenti del servizio di dispacciamento Prezzo Prezzo di Equilibrio Prezzo di Equilibrio Prezzo offerto (pay as bid) Prezzo offerto (pay as bid) (*) Centrali idroelettriche di produzione e pompaggio (**) Utenti del servizio di dispacciamento in immissione e in prelievo o operatori delegati 58

59 Il decreto Sblocca centrali (Legge n.55/02) Accelera l iter autorizzativo per la costruzione, l esercizio e le modifiche di impianti di produzione con capacità superiore ai 300 MW. Il contesto: Previsione di crescita del fabbisogno nazionale di energia elettrica; Processo autorizzativo per la realizzazione di nuove centrali particolarmente lungo e dall esito incerto; Parco di generazione insufficiente ed obsoleto; Rischio di black out energetico (crisi ed interruzioni della fornitura di energia elettrica). Gli effetti: Autorizzazione unica e integrata, rilasciata dal Ministero delle Attività Produttive, entro 180 gg. dalla richiesta (sostituisce ogni altra autorizzazione, anche di tipo ambientale, prevista dalle norme vigenti); Rinnovamento del parco di generazione. 59

60 D.lgs. 190/02 (attuazione della legge 443/01, c.d. Legge Obiettivo ) Disciplina la progettazione, l approvazione dei progetti e la realizzazione delle infrastrutture elettriche di preminente interesse nazionale, individuate a mezzo del programma di cui alla legge 443/01; Attribuisce funzioni propositive e di supporto in tema di progettazione ai Ministeri delle Infrastrutture e della Attività Produttive; Semplifica e accelera la procedura autorizzativa per la realizzazione delle infrastrutture elettriche (160 gg.); Il provvedimento di approvazione, sostituisce ogni altra autorizzazione e permette al soggetto autorizzato di procedere all occupazione d urgenza e all entrata in possesso delle aree interessate. 60

61 Il decreto anti black-out (L. n. 290/03) Deficit di potenza: Fino a luglio 2005 il Governo può concedere deroghe ai parametri ambientali per gli impianti energetici (temperature delle acque di raffreddamento ed emissioni nell atmosfera) per elevare l efficienza elettrica (subito si recuperano circa MW); Sblocca-centrali : in caso di mancato accordo con le amministrazioni locali, è il MAP a decidere sulle procedure autorizzative. Avvio lavori entro 12 mesi, pena multe e revoche autorizzazioni; Interconnessioni: Agevolazioni fiscali e normative (uso esclusivo delle reti per anni) per chi costruisce nuove linee con l estero; 61

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale;

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale; D.Lgs. Governo n 387 del 29/12/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità.

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.78 GENNAIO '15 approfondimenti UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza

Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza Il mercato elettrico italiano: stato dell arte e prospettive Virginia Canazza Pavia, 19 Maggio 2014 Obiettivi ed agenda Obiettivi: Trasferire le nozioni di base sull organizzazione attuale del mercato

Dettagli