Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli"

Transcript

1 Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel Centro di informazione statistica tel Informazioni e chiarimenti Statistiche congiunturali sull attività industriale e dei servizi Roma, viale Liegi Laura Leoni Tel Alfredo Cirianni Tel Viene diffuso oggi il nuovo indice trimestrale di fatturato del settore della manutenzione e riparazione di autoveicoli (gruppo 50.2 della classificazione delle attività economiche ATECO 2002), calcolato sulla base di una rilevazione campionaria avviata di recente; i dati trimestrali sono resi disponibili dall inizio del Le caratteristiche della rilevazione sono descritte nella sezione finale della presente nota. Il nuovo indice rientra tra gli indicatori richiesti dal Regolamento del Consiglio dell Unione Europea (n. 1165/98 Ce) sulle statistiche congiunturali, che prevede la diffusione di indici trimestrali del fatturato per un insieme molto ampio di comparti appartenenti al settore dei servizi. Fino ad ora, l Istat ha prodotto regolarmente indicatori per i comparti del commercio all ingrosso (disaggregati per i sette gruppi di attività economica), dell informatica, dei servizi postali, delle attività di telecomunicazione, dei trasporti marittimi e dei trasporti aerei. Anche l indice del gruppo della manutenzione e riparazione di autoveicoli, qui presentato per la prima volta, verrà da ora in avanti pubblicato nel comunicato stampa Indici trimestrali di fatturato per alcune attività dei servizi la cui prossima uscita, con riferimento al primo trimestre 2005, è prevista il 1 luglio. Principali caratteri strutturali del settore della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il gruppo economico della manutenzione e riparazione di autoveicoli (così come definito dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002) è composto dalle seguenti categorie economiche: Riparazioni meccaniche di autoveicoli; Riparazione di carrozzerie di autoveicoli; Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli; Riparazione e sostituzione di pneumatici; Altre attività di manutenzione e di soccorso stradale. Nel 2002 le imprese attive in questo gruppo erano circa La disaggregazione per categoria di attività economica delle imprese, del relativo fatturato e del numero di addetti (tabella 1) evidenzia che il comparto più rilevante è quello delle imprese che svolgono l attività di riparazioni meccaniche di autoveicoli: in termini di numerosità queste costituiscono il 51,7 per cento del totale. Risulta significativo anche il peso del settore delle riparazioni di carrozzerie di autoveicoli, che è pari al 25,2 per cento. La categoria economica delle altre attività di

2 manutenzione e di soccorso stradale è, invece, quello meno numerosa, appena il 5,5 per cento del totale. Con riferimento all ammontare del fatturato, la categoria delle riparazioni meccaniche copre il 60,4 per cento del totale, quella della riparazione di carrozzerie il 19,8 per cento, la categoria delle altre attività di manutenzione e di soccorso stradale appena il 3,2 per cento. Anche considerando il numero degli addetti, il comparto delle riparazioni meccaniche risulta il più importante, con un incidenza pari al 50,8 per cento del totale degli addetti; segue quello delle riparazioni di carrozzerie, che pesa per il 29,2 per cento; all opposto le altre attività di manutenzione e di soccorso assorbono la quota di occupati più bassa (4,8 per cento). Tabella 1 Composizione percentuale delle imprese, del fatturato e dell occupazione per categoria economica del gruppo manutenzione e riparazione di autoveicoli Anno 2002 (valori percentuali) Categoria di attività economica Imprese Fatturato Addetti Riparazioni meccaniche di autoveicoli 51,7 60,4 50, Riparazione di carrozzerie di autoveicoli 25,2 19,8 29, Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli 10,5 5,0 8, Riparazione e sostituzione di pneumatici 7,1 11,6 7, Altre attività di manutenzione e di soccorso stradale 5,5 3,2 4, Manutenzione e riparazione di autoveicoli Fonte: ISTAT, Archivio Statistico delle Imprese Attive La distribuzione per classe dimensionale delle imprese del gruppo della manutenzione e riparazione di autoveicoli (tabella 2) mette in risalto che le piccole imprese (fino a 5 addetti) rappresentano oltre il 90 per cento del totale ma pesano per circa il 55 per cento del fatturato e per meno del 70 per cento dell occupazione. In particolare, le piccolissime imprese (1-2 addetti) costituiscono il 69,3 per cento del totale mentre le unità produttive di maggiori dimensioni (oltre 20 addetti) ne rappresentano solamente lo 0,3 per cento. Più nel dettaglio, il fatturato complessivo dell anno 2002 è stato realizzato per il 30,5 per cento dalle imprese con 1-2 addetti e per il 24,4 per cento da quelle con 3-5 addetti. L insieme delle imprese con dimensione compresa tra 6 e 19 addetti ha pesato per il 35,6 per cento sul fatturato totale del gruppo mentre quelle con oltre 20 addetti hanno realizzato il restante 9,6 per cento. Con riferimento alla distribuzione dell occupazione, si nota che essa è concentrata soprattutto nella classe 1-2 addetti (37,4 per cento) mentre le unità più grandi (oltre 20 addetti) assorbono il 4,3 per cento del totale. Tabella 2 Composizione percentuale delle imprese, del fatturato e dell occupazione per classe di addetti Anno 2002 (valori percentuali) Classe di addetti Imprese Fatturato Addetti ,3 30,5 37, ,1 24,4 30, ,0 18,6 16, ,3 17,0 11,4 oltre 20 0,3 9,6 4,3 Totale Fonte: ISTAT, Archivio Statistico delle Imprese Attive Analizzando la distribuzione delle imprese per ripartizione territoriale (tabella 3) emerge che la maggior parte di esse (37,1 per cento) opera nell Italia meridionale mentre la quota più esigua è quella localizzata nel Nord-est (17,9 per cento). 2

3 Se si considera, invece, la distribuzione del fatturato il rapporto si inverte: le imprese attive nell Italia meridionale ne rappresentano solo il 15,8 per cento, mentre sono quelle operanti nel Nord-ovest a realizzare la quota più elevata ( 30,9 per cento). Per quanto riguarda l occupazione, la quota di occupati localizzati nell Italia meridionale (28,6 per cento) è molto simile a quella del Nord-ovest (27,9 per cento). Tabella 3 Composizione percentuale delle imprese, del fatturato e dell occupazione per ripartizione territoriale Anno 2002 (valori percentuali) Ripartizione territoriale Imprese Fatturato Addetti Nord-ovest 25,4 30,9 27,9 Nord-est 17,9 24,3 22,6 Centro 19,5 28,9 20,9 Sud e Isole 37,1 15,8 28,6 Italia Fonte: ISTAT, Archivio Statistico delle Imprese Attive Un confronto con i più importanti paesi europei indica che in Italia la rilevanza del gruppo economico della manutenzione e riparazione di autoveicoli all interno del comparto del commercio interno (sezione G della classificazione delle attività economiche ATECO 2002) è relativamente alta. Nel 2001, l incidenza del numero delle imprese del gruppo sul totale del commercio interno era pari al 7,4 per cento (tabella 4), un valore di poco superiore a quello del Regno Unito (7 per cento) ma significativamente più elevato di quelli che caratterizzano gli altri tre maggiori paesi (compresi tra il 5,2 della Germania e il 5,8 per cento della Spagna). Le quote espresse in termini di fatturato e di numero degli addetti indicano un incidenza del settore ancora più alta in Italia rispetto agli altri paesi considerati. Tabella 4 Incidenza di alcune variabili economiche del gruppo della manutenzione e riparazione di autoveicoli sul commercio interno in Italia e nei principali paesi europei Anno 2001 (valori percentuali) Paese Imprese Fatturato Addetti Italia 7,4 2,3 7,2 Germania 5,2 1,1 2,9 Spagna 5,8 1,4 5,1 Francia 5,6 1,2 3,4 Regno Unito 7,0 1,6 3,3 Fonte: EUROSTAT, elaborazioni su dati new cronos Un ulteriore comparazione a livello europeo può essere effettuata osservando la dimensione media di impresa (misurata in termini di addetti), la produttività aziendale (misurata dal fatturato per addetto) e la redditività delle vendite (data dall incidenza percentuale del margine operativo lordo sul fatturato) (tabella 5). Rispetto ai più importanti partner, l Italia presenta la minore dimensione media di impresa (2,4 addetti) e uno dei più bassi valori del fatturato per addetto (66,1 migliaia di euro), superiore soltanto a quello registrato in Spagna (50,9 migliaia di euro). Nella graduatoria della redditività delle vendite, invece, il nostro Paese è secondo soltanto alla Germania (17,7 per cento contro 25,2 per cento). Tabella 5 Indicatori economici in Italia e nei principali paesi europei del gruppo della manutenzione e riparazione di autoveicoli Anno 2001 Paese Numero di addetti per impresa Fatturato per addetto (migliaia di euro) Redditività delle vendite (valori percentuali) Italia 2,4 66,1 17,7 Germania 5,7 94,8 25,2 Spagna 3,1 50,9 9,9 Francia 3,1 111,4 7,1 3

4 Regno Unito 5,9 116,8 14,5 Fonte: EUROSTAT, elaborazioni su dati new cronos L andamento degli indici del fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Le medie annue dei numeri indice del fatturato, disponibili dal 2000, mostrano un incremento marcato nel 2001 (+5,0 per cento), e una dinamica più moderata ma caratterizzata da tassi di crescita piuttosto stabili negli anni seguenti: +3,0 per cento nel 2002, +2,9 per cento nel 2003 e + 3,1 per cento lo scorso anno. L evoluzione congiunturale del fatturato (grafico 1), può essere misurata attraverso i tassi di variazione tendenziali, disponibili a partire dal primo trimestre del Essi mostrano una crescita in accelerazione fino al quarto trimestre del 2002, un brusco rallentamento nel corso dell anno successivo ed un andamento piuttosto incerto nel 2004, con un rafforzamento della crescita nei primi due trimestri e un nuovo rallentamento negli ultimi due. In particolare, nel quarto trimestre del 2004 il fatturato del settore manutenzione e riparazione di autoveicoli registra un aumento tendenziale dell 1,8 per cento (tabella 6), con una dinamica analoga a quella del trimestre precedente. Grafico 1 Fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2002-IV trimestre 2004 (variazioni tendenziali) 6,0 5,0 4,0 Variazioni tendenziali trimestrali 3,0 2,0 1,0 0,0 I II III IV I II III IV I II III IV ,0 Periodo Fonte: Rilevazione trimestrale del fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli 4

5 Caratteristiche metodologiche dell indagine La nuova rilevazione di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli (gruppo 50.2 della classificazione delle attività economiche ATECO 2002) è stata disegnata come una indagine ripetuta nel tempo, a cadenza trimestrale, di tipo panel. L indagine si basa su un campione bilanciato e ragionato, di tipo stratificato. Gli strati selezionati sono la combinazione tra le cinque categorie economiche che fanno parte del gruppo manutenzione e riparazione di autoveicoli e cinque classi di addetti (1-2; 3-5; 6-9; 10-19; 20-49). Le imprese con oltre 50 addetti sono rilevate in modo censuario. La numerosità campionaria teorica (circa imprese) è stata determinata in funzione dei costi della rilevazione e dell errore campionario atteso (inferiore al 3 per cento in termini di fatturato). L allocazione ottimale delle unità del campione negli strati è stata condotta secondo il metodo di Neyman, utilizzando il livello del fatturato quale variabile obiettivo. Lo stimatore, impiegato per il fatturato totale, si basa su un modello detto di superpopolazione che individua la relazione esistente tra il fatturato trimestrale riferito al periodo corrente e la variabile ausiliaria, costituita dal fatturato riferito al periodo in cui è stata effettuata l estrazione del campione dalla popolazione di riferimento. Il campione bilanciato si basa sull estrazione ragionata delle imprese dalla popolazione di riferimento (Archivio Statistico delle Imprese Attive) tale che, a livello di strato, la media campionaria del fatturato sia uguale, o comunque molto vicina, alla media che si registra per la popolazione (vincolo di bilanciamento). Per conseguire tale obiettivo ciascuno strato è stato suddiviso in tanti sub-strati quante sono le imprese da estrarre e da ciascun sub-strato è stata estratta l impresa con il fatturato più vicino al fatturato medio del sub-strato di appartenenza. I sub-strati sono stati selezionati mediante il metodo della cluster analysis, utilizzando il fatturato come variabile obiettivo. Si ipotizza che se il campione è bilanciato a livello di strato, esso è bilanciato anche per l intera popolazione. Le imprese che escono dal campo di osservazione dell indagine (ad esempio, per cessazione o per modifica dell attività) vengono sostituite attingendo a una lista costituita dalle imprese che presentano livelli di fatturato più simili a quelli delle imprese selezionate nel campione bilanciato. I microdati vengono sottoposti ad un processo di controllo e correzione composto dalle seguenti fasi: controllo delle informazioni di base mediante una procedura automatica di verifica delle incompatibilità; revisione dei questionari; integrazione delle mancate risposte parziali di fatturato mediante modello di regressione che, a livello di strato, mette in relazione il fatturato rilevato nello stesso trimestre di due anni consecutivi; individuazione e trattamento mediante il metodo del macroediting delle osservazioni anomale non rappresentative che influiscono sulla stima del numero indice di fatturato. Per ottenere l indice generale del fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli, si parte dall indice di strato. Con riferimento all anno immediatamente successivo all anno base, il numero indice di fatturato a livello di strato è dato dal rapporto tra il fatturato totale stimato al trimestre corrente e quello stimato all anno base. Per i periodi successivi, il numero indice di strato viene aggiornato mediante il rapporto tra l ammontare totale del fatturato del trimestre corrente e l ammontare totale dello stesso trimestre dell anno precedente. Il numero indice generale di fatturato del gruppo della manutenzione e riparazione di autoveicoli è ottenuto come media ponderata dei numeri indice di strato con pesi, derivati dall archivio ASIA per l anno base 2000, dati dall incidenza relativa del fatturato dello strato sul fatturato totale del dominio di appartenenza. 5

6 Serie storica Tabella 6 Numeri indice trimestrali e annuali di fatturato a base 2000=100, variazioni tendenziali annuali e trimestrali del gruppo manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001-IV trimestre 2004 Periodo Indici Variazioni tendenziali % ANNUALI ,0 5, ,2 3, ,3 2, ,8 3,1 TRIMESTRALI 2001 I 102,4 - II 105,2 - III 96,6 - IV 115, I 102,0-0,4 II 106,6 1,3 III 101,8 5,4 IV 122,2 5, I 105,8 3,7 II 111,3 4,4 III 105,1 3,2 IV 122,9 0, I 110,1 4,1 II 116,9 5,0 III 107,0 1,8 IV 125,1 1,8 Fonte: Rilevazione trimestrale del fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli 6

7 Glossario Impresa: organizzazione di un attività economica esercitata con carattere professionale al fine della produzione di beni o per la prestazione di servizi destinati alla vendita Fatturato: comprende il ricavo delle vendite di merci in nome proprio, le commissioni, le provvigioni e altri compensi per le vendite per conto terzi e i ricavi per le prestazioni effettuate a terzi di servizi sia a carattere non industriale sia a carattere industriale, anche se effettuate come attività secondaria. Il fatturato è al netto dell IVA, degli sconti accordati ai clienti, delle merci rese, delle sovvenzioni e dei rimborsi di imposte all esportazione e al lordo delle spese addebitate ai clienti sulle fatture e delle altre imposte indirette. Sono inoltre esclusi dall ammontare i ricavi accessori di gestione, quali, ad esempio, i fitti attivi, gli introiti per royalties e brevetti, gli indennizzi per assicurazione danni, i contributi ricevuti dallo Stato e da Enti Pubblici ai fini di produzione o per il risanamento del bilancio, i contributi in conto capitale e per interessi, gli importi relativi alla fiscalizzazione degli oneri sociali, la vendita di beni strumentali e di terreni. Addetti: sono dati dalla somma dei lavoratori dipendenti ed indipendenti dell impresa. In particolare: - fra i dipendenti sono inclusi i titolari di contratti a tempo pieno, parziale, di formazione e lavoro, gli apprendisti, gli stagionali ed i lavoratori a domicilio; sono invece esclusi i lavoratori interinali, gli addetti di altre imprese che temporaneamente lavorano presso l impresa in oggetto, i titolari di contratti di collaborazione coordinata e continuativa o occasionale, i lavoratori assenti per un periodo di tempo indeterminato; - fra gli indipendenti (imprenditori e coadiuvanti) sono compresi il titolare o titolari che partecipano direttamente alla gestione dell impresa, i loro parenti o affini che prestano lavoro senza una prefissata retribuzione contrattuale, i soci delle cooperative di lavoro che, come corrispettivo dell opera prestata, non percepiscono una retribuzione regolata dai contratti di lavoro e l amministratore delegato delle società di capitali. Il margine operativo lordo (MOL): è il reddito generato dall attività tipica dell impresa dopo la remunerazione del fattore lavoro. Il MOL viene calcolato sottraendo il costo del lavoro al valore aggiunto, che è ottenuto sottraendo l ammontare dei costi di produzione al totale dei ricavi. Variazione tendenziale: variazione percentuale rispetto al corrispondente periodo dell anno precedente. 7

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI 13 dicembre 2013 Anno 2011 STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI Nel 2011 le imprese attive dell industria e dei servizi di mercato sono 4,4 milioni e occupano circa

Dettagli

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Giampiero Siesto Viviana

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010 Nota metodologica Gli indici del fatturato dei servizi sono indicatori congiunturali, prodotti a cadenza trimestrale, che hanno l obiettivo di misurare l andamento infrannuale del valore dei servizi venduti

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010 Nota metodologica Gli indici del fatturato dei servizi sono indicatori congiunturali, prodotti a cadenza trimestrale, che hanno l obiettivo di misurare l andamento infrannuale del valore dei servizi venduti

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Fasi dell indagine e i risultati per i settori Roberto Iannaccone Messina, 27 Settembre 2013 Sommario 1. Indici del fatturato dei servizi: aspetti

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2013 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna PREZZI Indici dei prezzi al consumo Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 aprile 2013 IV trimestre 2012 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Con la pubblicazione dei dati del quarto trimestre del 2012, l Istat diffonde le serie storiche coerenti con

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG93U

STUDIO DI SETTORE UG93U A L L E G AT O 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG93U A T T I V I T À D E G L I S T U D I D I D E S I G N CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 elaborazioni a: Marzo 2012 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale

Dettagli

NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WK16U

NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WK16U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WK16U AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI, GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI E SERVIZI INTEGRATI DI GESTIONE AGLI EDIFICI CRITERI PER L EVOLUZIONE

Dettagli

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 17 giugno 2015 I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE A partire dalla data odierna l Istat arricchisce gli indicatori del lavoro nelle imprese con la diffusione degli indici, generale e settoriali,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Aumento di qualità dei dati economici aggregati e nuovi indicatori sulle eterogeneità interne al

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

Conti economici trimestrali II trimestre 2009

Conti economici trimestrali II trimestre 2009 10 settembre 2009 Conti economici trimestrali II trimestre 2009 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l Istat diffonde un calendario annuale dei comunicati

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE

L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE 4 dicembre 2014 Anni 2010-2012 L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE Nel triennio 2010-2012, il 51,9% delle imprese italiane con 10 o più addetti ha svolto attività finalizzate all introduzione di innovazioni. Rispetto

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG96U

STUDIO DI SETTORE VG96U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG96U ALTRE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE AUTOVEICOLI E DI SOCCORSO STRADALE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

Note per la lettura dei report

Note per la lettura dei report Note per la lettura dei report Report strutturali 0. IMPRESE REGISTRATE PER STATO DI ATTIVITÀ. ANNO 2012 E TASSO DI CRESCITA 2012 Contiene la distribuzione dell insieme delle imprese registrate, ovvero

Dettagli

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI . Principali risultati Da alcuni anni, la Banca d Italia svolge un indagine sull onerosità dei conti correnti, basata sui costi effettivamente sostenuti da un campione rappresentativo di clienti nel corso

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE 22 dicembre 2015 Anno 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE Nel 2013 gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali 1 sono diminuiti

Dettagli

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria 14-11-2015 Numero 15-14 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2014 1 Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria Jobs Act e sgravi contributivi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 9 settembre 2011 II trimestre 2011 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel secondo trimestre del 2011 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI

LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI 992 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI 11 febbraio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il 9 febbraio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG39U

STUDIO DI SETTORE VG39U A L L E G AT O 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG39U A G E N Z I E D I M E D I A Z I O N E I M M O B I L I A R E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Teresa Gambuti Direzione Centrale delle Statistiche Economiche Congiunturali Indicatori di produzione dell industria Una lettura integrata delle

Dettagli

RETRIBUZIONI DI FATTO E COSTO DEL LAVORO La nuova base 2010

RETRIBUZIONI DI FATTO E COSTO DEL LAVORO La nuova base 2010 14 giugno 2013 RETRIBUZIONI DI FATTO E COSTO DEL LAVORO La nuova base 2010 L'Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione delle nuove serie - con base di riferimento 2010 - degli indici delle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG91U

STUDIO DI SETTORE SG91U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG91U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO Numero 0 Ottobre 2003 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO (Dati al 30 giugno 2003) EXECUTIVE SUMMARY. Con questo numero zero, il Servizio Statistiche e Studi Attuariali dell ANIA avvia

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 luglio 2015 I trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti nel primo trimestre del 2015 è aumentato dello

Dettagli

Indagine trimestrale sul settore alberghiero high level

Indagine trimestrale sul settore alberghiero high level Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine trimestrale sul settore alberghiero high level Terzo trimestre 2007 a cura di Maria Grazia

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG51U

STUDIO DI SETTORE WG51U ALLEGATO 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG51U CONSERVAZIONE E RESTAURO DI OPERE D ARTE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

INDAGINI SUL CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE

INDAGINI SUL CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE 30 marzo 2015 NDAGN SUL CLMA D FDUCA DELLE MPRESE Le nuove serie in base 20=0 A partire dal mese di marzo 2015, l stituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione delle nuove serie dell indice composito

Dettagli

I beneficiari delle prestazioni pensionistiche - Anno 2007. Nota informativa

I beneficiari delle prestazioni pensionistiche - Anno 2007. Nota informativa I beneficiari delle prestazioni pensionistiche - Anno 2007 Nota informativa Oggetto dell indagine e fonte dei dati In questa raccolta di tavole statistiche 1 vengono presentati i dati sui beneficiari di

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

Conti economici trimestrali III trimestre 2007

Conti economici trimestrali III trimestre 2007 Conti economici trimestrali III trimestre 2007 7 dicembre 2007 Nel terzo trimestre del 2007 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2000, corretto per gli

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG79U

STUDIO DI SETTORE WG79U ALLEGATO 16 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG79U NOLEGGIO DI AUTOVETTURE E ALTRI MEZZI DI TRASPORTO TERRESTRE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Documento. n. 14. La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti

Documento. n. 14. La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti Documento n. 14 La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti Aprile 2013 LA NUOVA INDAGINE ISTAT SUL FATTURATO DEI COMMERCIALISTI LA NUOVA INDAGINE ISTAT SUL FATTURATO DEI COMMERCIALISTI In

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 ottobre 2015 II trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre

Dettagli

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100)

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) 25 giugno 2009 Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) (Anni 2006-2009) Direzione centrale comunicazione ed editoria tel. + 39 06 4673.2244-2243

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VK17U

STUDIO DI SETTORE VK17U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VK17U P E R I T I I N D U S T R I A L I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG74U

STUDIO DI SETTORE WG74U A L L E G AT O 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG74U A T T I V I T À F O T O G R A F I C H E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG82U

STUDIO DI SETTORE VG82U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG82U SERVIZI PUBBLICITARI, RELAZIONI PUBBLICHE E COMUNICAZIONE 862 CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM10U

STUDIO DI SETTORE VM10U ALLEGATO 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VM10U COMMERCIO DI PARTI E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI E MOTOVEICOLI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WK21U

STUDIO DI SETTORE WK21U ALLEGATO 12 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WK21U ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Ecomia, Università Roma Tre La rilevazione delle ha come obiettivo la produzione delle stime ufficiali sugli occupati e sulle persone

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Nota metodologica Costruzione e aggiornamento del registro Asia

Nota metodologica Costruzione e aggiornamento del registro Asia STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE IMPRESE (ASIA). ANNO 2011 1 Nota metodologica Costruzione e aggiornamento del registro Asia Il Registro statistico delle imprese attive (Asia) 1 è costituito dalle unità economiche

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2015 III trimestre 2014 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2014 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM80U

STUDIO DI SETTORE UM80U A L L E G AT O 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UM80U C O M M E R C I O A L D E T T A G L I O D I C A R B U R A N T E P E R A U T O T R A Z I O N E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

LA STRUTTURA DEL COSTO DEL LAVORO IN ITALIA

LA STRUTTURA DEL COSTO DEL LAVORO IN ITALIA 8 settembre 2011 Anno 2008 LA STRUTTURA DEL COSTO DEL LAVORO IN ITALIA Nel 2008 le retribuzioni dei 10,7 milioni di lavoratori dipendenti nelle imprese e nelle istituzioni pubbliche e private coperti dalla

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli