ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI - Brescia ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO PROFESSIONALE PROMOZIONE COMMERCIALE E PUBBLICITARIA MATERIA DOCENTE FIRMA Italiano e Storia Matematica Inglese Educazione Fisica Religione Tec. Prof. Serv. Comm. Tec. Prof. Serv. Comm. Sec. lingua stran. Spagnolo Sec. lingua stran. Francese Storia dell arte Economia aziendale Tecniche di comunicazione Sostegno Antonio Del Vecchio Rosanna De Lisi Paola Di Paola Luigi Vielmi Elena Mombelli Sergio Ziveri Sonia Tonni Ambrogio Scaramozzino Giovanna Casagrande Antonio Rapaggi Diego Stocchetti Laura Moretti Sabatino Tosto REDATTO ED ESPOSTO ALL ALBO DELL ISTITUTO IL GIORNO Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI Indirizzi Tecnico - Professionale - IeFP Via Rodi Brescia - tel /454 - fax C.F certificata: Sistema Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2008 Istituto accreditato presso la Regione Lombardia

2 Il documento contiene: 1) Presentazione della classe 2) Percorso didattico 3) Tematiche pluridisciplinari 4) Attività extracurricolari e progetti educativi specifici 5) Scheda simulazioni prove d esame Al presente documento vengono allegati: A) Relazioni finali dei docenti B) Programmi effettivamente svolti C) Testi delle simulazioni della terza prova D) Criteri di valutazione delle simulazioni di terza prova E) Progetto e valutazione Alternanza scuola - lavoro Pagina 2 di 92

3 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe: candidati interni Cognome e Nome Classe di provenienza 1 Abumere Imoisili Otailobhegbe IV B Comm. Graf. 2 Astrelli Cristiano IV B Comm. Graf. 3 Birocchi Silvia IV B Comm. Graf. 4 Bruschi Andrea IV B Comm. Graf. 5 Cominelli Francesco IV B Comm. Graf. 6 Cucchi Elisa IV B Comm. Graf. 7 Dondi Erica IV B Comm. Graf. 8 Ferataj Jetmira IV B Comm. Graf. 9 Fracassi Alissa IV B Comm. Graf. 10 Fraccaroli Sara Gaia IV B Comm. Graf. 11 Frassine Francesca IV B Comm. Graf. 12 Gnocchi Nicolas IV B Comm. Graf. 13 Moussoungoula Kalle Nathanaell IV B Comm. Graf. 14 Musteata Iulia IV B Comm. Graf. 15 Pilia Sara IV B Comm. Graf. 16 Portunato Alice IV B Comm. Graf. 17 Rampini Giulia IV B Comm. Graf. 18 Tira Stefano IV B Comm. Graf. 19 Tomasoni Luca IV B Comm. Graf. 20 Tosi Silvia IV B Comm. Graf. Pagina 3 di 92

4 Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore settimanali Continuit à didattica Antonio Del Vecchio Italiano 4 NO Supplenti nell a. s. Antonio Del Vecchio Storia 2 NO Rosanna De Lisi Matematica 3 SI Paola Di Paola Inglese 3 SI Luigi Vielmi Educazione Fisica 2 SI Elena Mombelli Religione 1 SI Sergio Ziveri Tec. Prof. Serv. Comm. 8 (2 cod.) SI Sonia Tonni Tec. Prof. Serv. Comm. 2 cod. NO Ambrogio Scaramozzino Sec. lingua Spagnolo 3 NO Giovanna Casagrande Sec. lingua Francese 3 NO Diego Stocchetti Economia aziendale 3 NO Antonio Rapaggi Storia dell arte 2 SI SI Laura Moretti Tecniche di comunicazione 2 NO Sabatino Tosto Sostegno 9 SI Commissari interni: Laura Moretti Antonio Rapaggi Ziveri Sergio Sabatino Tosto DOCENTI DISCIPLINE Tecniche di comunicazione Storia dell arte Tec. Prof. Serv. Comm. Membro aggregato (Sostegno) Piano di studi della classe: Disciplina I II III IV V Italiano X X X X X Pagina 4 di 92

5 Storia X X X X X Matematica X X X X X Inglese X X X X X Ed. Fisica X X X X X Religione X X X X X Scienze integrate (Fisica) X Scienze integrate (Chimica) X Informatica e laboratorio X X Diritto ed economia X X Tec. Prof. Serv. Comm. X X X X X Sec. lingua stran. Spagnolo X X X X X Sec. lingua stran. Francese X X X X X Economia aziendale X X X Storia dell arte X X X Tecniche di comunicazione X X X Sostegno X X X X X Sospensione giudizio anno scolastico 2013 /2014 Disciplina N Studenti Ed. Fisica 5 Tec. Prof. Serv. Comm. 3 Tecniche di comunicazione 3 Inglese 2 Economia aziendale 2 Sec. lingua stran. Spagnolo 1 Pagina 5 di 92

6 Profilo complessivo della classe Partecipazione e frequenza Interesse ed impegno Disponibilità all approfondimento personale La classe ha partecipato alle lezioni evidenziando una frequenza generalmente positiva. Nel gruppo è presente un allievo diversamente abile, seguito dall'insegnante di sostegno, e due allievi con BES. La partecipazione al dialogo educativo è stata buona per la maggior parte della classe, e sollecitata durante l'anno scolastico al fine di ottenere risultati sufficienti per un piccolo gruppo di studenti. La classe non si presenta omogenea: gli studenti hanno diversi livelli di maturazione e atteggiamenti piuttosto diversi nei confronti delle materie e in generale dell attività didattica. Impegno e interesse sono risultati non sempre adeguati, soprattutto per ciò che riguarda l impegno domestico. Si è rilevata una scarsa disponibilità all approfondimento personale, sebbene con qualche eccezione. Comportamento Il comportamento è risultato buono, sebbene si siano rilevati atteggiamenti talvolta polemici e conflittuali. Grado di preparazione e profitto Il grado di preparazione e il profitto sono risultati generalmente sufficienti. Partecipazione alle attività della scuola La partecipazione alle attività della scuola è risultata positiva. 6

7 2. PERCORSO DIDATTICO Obiettivi programmati OBIETTIVI TRASVERSALI RISULTATI RAGGIUNTI La maggior parte degli allievi mostra CONOSCENZE (Contenuti) sufficienti conoscenze dei contenuti delle discipline. COMPETENZE (Comprensione Esposizione Argomentazione Rielaborazione) La maggior parte della classe: sa descrivere, confrontare, collegare gli argomenti studiati in ambito prevalentemente disciplinare e con alcuni riferimenti pluridisciplinari, ed espone con accettabile padronanza di linguaggio. CAPACITA' (Analisi Sintesi Valutazione) Nel corso dell anno gli allievi hanno messo in evidenza sufficienti capacità di analisi, sebbene con difficoltà nella sintesi e valutazione. In merito agli obiettivi specifici e ai contenuti delle singole discipline si rinvia alle relazioni finali dei docenti. Metodologie adottate Disciplina Lezione frontale Lezione multime diale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività Laborato rio Discussi oni guidate Simulazi oni o esercizi guidati Italiano X X X X X Storia X X X X X Inglese X X X X X X Matematica X X X X X Ed. Fisica X X X X X Religione X X X X Tec. Prof. SC X X X X X X 2 lingua Spa X X X X X 2 lingua Fra X X X X X Econ. Az. X X X X X St. Arte X X X Tec. Comun. X X X X CLIL* * solo per il percorso di studi dell Istituto Tecnico 7

8 Mezzi e spazi didattici Utilizzo in ambito Disciplinare palestra laboratori biblioteca Sussidi audiovisivi Strumenti multimediali Italiano X X X Storia X X X Inglese X X X X Matematica X Ed. Fisica X Religione X X X Tec. Prof. SC X X X 2 lingua Spa X X X 2 lingua Fra X X X Econ. Az. St. Arte Tec. Comun. X Attività di recupero, integrazione, approfondimento Disciplina Recupero curricolare Italiano X Storia X Inglese X Matematica X Ed. Fisica X Religione X Tec. Prof. SC X 2 lingua Spa X 2 lingua Fra X Econ. Az. X St. Arte X Tec. Comun. X Corso extracurricola re di recupero Sportello Didattico Corso di approfondimento Tenuto/Non tenuto dal docente titolare. Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. Strumenti di verifica * Ambito disciplinare Linguistico Letterario e Umanistico Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Analisi Testi Discussione Prove semistrutturate dialogata Test grammaticali Registrazioni Temi-Saggi brevi Verifiche orali Questionari a 8

9 risposta libera o multipla Scientifico Professionale Prove semi-strutturate Temi Esercizi Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Verifiche orali Attività di laboratorio Educazione Fisica Verifiche orali Allenamento Gare - tornei * Per l'individuazione degli strumenti di verifica nelle singole discipline si rinvia alla relazione dei docenti 9

10 CRITERI DI MISURAZIONE - VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE Si adotta la scala valutativa, deliberata dal Collegio dei Docenti, che individua la seguente corrispondenza tra voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell anno scolastico. Gli obiettivi presi in considerazione sono: acquisizione conoscenze autonomia nell applicazione delle conoscenze abilità linguistiche ed espressive La misurazione delle prove e la valutazione quadrimestrale e finale si effettua adottando la scala dall 1 al 10 (scala decimale), utilizzando tutti i valori della scala stessa. LIVELLO NULLO VOTO 1 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO QUASI NULLO VOTO 2 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive Gravissime lacune di base; nessun progresso rilevabile. Incapacità ad eseguire compiti anche semplici. Inconsapevolezza delle proprie difficoltà. Incapacità a produrre comunicazioni (verbali o scritte) comprensibili. Gravissime lacune di base; rari progressi. Incapacità ad eseguire compiti anche semplici. Mancata applicazione delle conoscenze acquisite. Produzione solo in minima parte comprensibile delle comunicazioni (verbali e scritte) LIVELLO GRAVEMENTE INSUFFICIENTE VOTO 3-4 Conoscenze frammentarie, superficiali; Acquisizione conoscenze errori nell esecuzione di compiti semplici. Autonomia nell applicazione delle Applicazione ridotta delle conoscenze conoscenze acquisite. Commette errori che rendono Abilità linguistiche ed espressive incomprensibile il significato della comunicazione LIVELLO INSUFFICIENTE VOTO 5 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO SUFFICIENTE VOTO 6 Acquisizione conoscenze Conoscenze non approfondite; errori nella rielaborazione. Applicazione non autonoma delle conoscenze acquisite Linguaggio generalmente poco appropriato; errori che rendono poco chiaro il discorso Conoscenze sufficientemente approfondite senza errori nell esecuzione di compiti semplici. 10

11 Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO DISCRETO VOTO 7 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO BUONO VOTO 8 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO OTTIMO VOTO 9 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive LIVELLO ECCELLENTE VOTO 10 Acquisizione conoscenze Autonomia nell applicazione delle conoscenze Abilità linguistiche ed espressive Applicazione delle conoscenze generalmente guidata, solo a volte autonoma Terminologia accettabile, esposizione non del tutto organizzata. Conoscenze che consentono di eseguire compiti assegnati in modo sostanzialmente corretto. Applica per lo più in modo autonomo le conoscenze. Possiede una terminologia appropriata, l esposizione è organizzata Conoscenze complete che permettono di eseguire i compiti assegnati in modo corretto. Applicazione autonoma delle conoscenze acquisite Linguaggio chiaro ed appropriato, esposizione dei contenuti ben organizzata Conoscenze complete ed approfondite che permettono di eseguire compiti complessi in modo sostanzialmente corretto Applicazione corretta; sa selezionare le conoscenze in modo autonomo e originale. Possiede un linguaggio appropriato e ricco; l esposizione è ben organizzata. Conoscenze complete ed approfondite che permettono di eseguire compiti complessi in modo corretto. Applicazione corretta; sa compiere con sicurezza originali procedimenti di analisi e sintesi. Linguaggio utilizzato con proprietà e sicurezza; sa operare collegamenti efficaci anche a carattere multidisciplinare. 3. TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI PERCORSO Nucleo Tematico Materie interessate Argomenti specifici 11

12 L età Vittoriana Italiano - Inglese Estetismo Lettering Pop art Lettera commercial Inglese Tec prof serv comm Inglese Storia dell arte Inglese Francese - Tec prof serv comm Anatomia del font Andy Warhol La lettera commerciale 4. ATTIVITA EXTRACURRICULARI E PROGETTI EDUCATIVI PARTICOLARI DISCIPLINA LUOGHI ARGOMENTI 5. SIMULAZIONI PROVE D ESAME Tipologia Discipline N.ro Analisi e commento di testo letterario e non Italiano 1 I Prova Saggio breve Italiano 1 II Prova Temi a carattere professionale Tec. Prof. Serv. Comm. 1 III Prova Colloquio Quesiti a risposta singola e multipla (Allegato "C") Storia, Inglese, St. Arte Prima simulazione: Tipologia B+C Inglese, St. Arte, Matematica, Tec. Comunicazione Seconda simulazione: Tipologia B+C Inglese, Storia, Ec. Aziendale, Sec. lingua stran., Ed. fisica Simulazione di esposizione orale davanti a tutta la classe 2 12

13 Criteri adottati (obiettivi e griglie valutative) Prove scritte: Si rinvia, per opportuna conoscenza, agli esempi prodotti di cui agli Allegati "C" e "D" Nel corso dell'anno, il Consiglio di Classe della V ha favorito l'acquisizione di alcune abilità fondamentali in vista del Colloquio d'esame, alla luce delle quali gli allievi sono stati normalmente valutati. Si riporta la griglia di valutazione utilizzata. Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sezione B Professionale Promozione Commerciale e Pubblicitaria il giorno 08 maggio 2015 viene sottoscritto e pubblicato all Albo d Istituto in data odierna. Brescia, 15 maggio 2015 Il Dirigente scolastico Venceslao Boselli 13

14 Allegati A RELAZIONI FINALI 14

15 Allegato A RELAZIONE FINALE 15 MAGGIO Anno sc Materia: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: prof. Del Vecchio Antonio Libri di testo adottati: Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria, L'attualità della letteratura, vol. 3.1 In aggiunta: materiale in fotocopia su Giuseppe Ungaretti e Eugenio Montale; libri della biblioteca Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio: n. ore 100 su n. ore 132 previste dal piano di studi; si prevede di effettuare, entro la fine dell'anno scolastico, altre 12 ore di lezione. Relazione La classe è composta da 20 alunni, di cui 13 femmine e 7 maschi, tutti provenienti dalla classe 4B. La frequenza e la partecipazione sono state regolari nel corso dell'anno. Il comportamento è stato sempre corretto e aperto al dialogo, e questo ha enormemente favorito l'impegno in classe. A casa invece esso è stato a volte circoscritto ai momenti di preparazione delle verifiche, sicché alcuni alunni hanno raggiunto un profitto al limite della sufficienza. In generale, tuttavia, gli studenti hanno risposto positivamente all attività didattica e hanno manifestato un buon livello di interesse, che si è tradotto in un profitto discreto e in qualche caso buono. Per alcuni la preparazione raggiunta è tuttavia resa fragile da un metodo di studio di tipo mnemonico e da una carenza nell'attività di sintesi e di confronto (sia interdisciplinare che all'interno della medesima disciplina). Il programma ha subìto qualche rallentamento sia per consentire a tutti di raggiungere un adeguata conoscenza degli argomenti proposti, sia a causa di impegni della classe in attività extra-scolastiche con conseguenti perdite di ore curricolari. I rapporti con le famiglie sono stati generalmente sporadici; solo 11 genitori sono stati a colloquio almeno una volta. Per gli alunni con BES e DSA nell area linguistica, si veda il relativo PDP. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti Gli studenti hanno mostrato di: (Conoscenze) conoscere in modo accettabile le peculiarità delle tipologie testuali (A, B, C, D); conoscere le principali caratteristiche delle più significative correnti (Scapigliatura, Naturalismo-Verismo, Simbolismo, Decadentismo, Futurismo, Ermetismo) e generi letterari (romanzo, lirica) di fine Ottocento e della prima metà del Novecento attraverso lo studio delle personalità artistiche più rappresentative (Verga, Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, D Annunzio, Pascoli, Marinetti, Pirandello, Ungaretti, Montale); (Competenze) saper produrre testi documentati come saggi brevi e articoli di giornale utilizzando i materiali forniti dalle tracce ministeriali; 15

16 saper analizzare un testo letterario, cogliendone le caratteristiche tematiche e stilistiche, anche attraverso il riconoscimento delle peculiarità del lessico e delle figure retoriche; saper confrontare testi diversi per autore e ambito culturale, rilevandone analogie e differenze saper esporre un argomento con sufficiente proprietà di linguaggio Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente Tecniche compositive per le diverse tipologie di produzione scritta Strumenti per l analisi e l interpretazione di testi letterari e per l approfondimento di tematiche coerenti con l indirizzo di studio Elementi e principali movimenti culturali della tradizione letteraria dall Unità d Italia alla prima metà del '900 Contenuti: Modulo n. 1 Introduzione e La Scapigliatura (temi e autori principali) Il Naturalismo (temi e autori principali); Giovanni Verga e il Verismo Modulo n. 2 Il Decadentismo (il Simbolismo francese) Gabriele d'annunzio Modulo n. 3 Giovanni Pascoli Il Futurismo Modulo n. 4 Luigi Pirandello L'Ermetismo: Giuseppe Ungaretti e Eugenio Montale Mezzi, strumenti e spazi di lavoro Libri di testo integrati da appunti, schematizzazione degli argomenti, libri della biblioteca, strumenti multimediali (PC, lavagna luminosa, Youtube per visionare filmati, ecc.) La lezione è stata sempre dialogata, mai esclusivamente frontale Strumenti di verifica Prove scritte sul modello di quelle ministeriali Prove scritte a risposta aperta Prove orali Criteri di valutazione Sono stati utilizzati quelli adottati dal Consiglio di classe. 16

17 Allegato A RELAZIONE FINALE 15 MAGGIO Anno sc Materia: STORIA Docente: prof. Del Vecchio Antonio Libri di testo adottati: F. BERTINI, Storia. Fatti e interpretazioni, vol. 3, Il XX secolo e gli inizi del XXI, II ediz., Mursia scuola. Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio: n. ore 45 su n. ore 66 previste dal piano di studi; si prevede di effettuare, entro la fine dell'anno scolastico, altre 8 ore di lezione. Relazione La classe è composta da 20 alunni, di cui 13 femmine e 7 maschi, tutti provenienti dalla classe 4B. La frequenza e la partecipazione sono state regolari nel corso dell'anno. Il comportamento è stato sempre corretto e aperto al dialogo, e questo ha enormemente favorito l'impegno in classe. A casa invece esso è stato a volte circoscritto ai momenti di preparazione delle verifiche, sicché alcuni alunni hanno raggiunto un profitto al limite della sufficienza. In generale, tuttavia, gli studenti hanno risposto positivamente all attività didattica e hanno manifestato un buon livello di interesse, che si è tradotto in un profitto discreto e in qualche caso buono. Per alcuni la preparazione raggiunta è tuttavia resa fragile da un metodo di studio di tipo mnemonico e da una carenza nell'attività di sintesi e di confronto (sia interdisciplinare che all'interno della medesima disciplina). Il programma ha subìto qualche rallentamento sia per consentire a tutti di raggiungere un adeguata conoscenza degli argomenti proposti, sia a causa di impegni della classe in attività extra-scolastiche con conseguenti perdite di ore curricolari. I rapporti con le famiglie sono stati generalmente sporadici; solo 11 genitori sono stati a colloquio almeno una volta. Per gli alunni con BES e DSA nell area linguistica, si veda il relativo PDP. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti Gli studenti hanno mostrato di: (Conoscenze) conoscere in modo accettabile i principali avvenimenti storici dal Risorgimento italiano al 1945; (Competenze) saper attualizzare i problemi studiati per leggere il presente in prospettiva storica saper esporre un argomento con sufficiente proprietà di linguaggio Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente Sufficiente conoscenza degli eventi del periodostorico affrontato, e autonomia espositiva di base, sia a livello terminologico che contenutistico. 17

18 Contenuti: Modulo n. 1 Il Risorgimento italiano (cronologia sul quaderno) La seconda Rivoluzione industriale Gli USA tra nell'800 Imperialismo e colonialismo L'Italia liberale e la sua crisi Modulo n. 2 La Belle Époque (ricerca di approfondimento individuale su uno degli argomenti scelti dall'alunno, compresi nel cap. I del testo di F. Bertini) Modulo n. 3 L'Europa agli inizi del secolo XX La prima guerra mondiale Modulo n. 4 L'Europa dopo la Grande guerra La situazione internazionale negli anni Venti e Trenta Modulo n. 5 L'età dei totalitarismi La seconda Guerra mondiale Mezzi, strumenti e spazi di lavoro Libri di testo integrati da appunti, schematizzazione degli argomenti, strumenti multimediali (PC, lavagna luminosa, Youtube per visionare filmati, ecc.) La lezione è stata sempre dialogata, mai esclusivamente frontale Strumenti di verifica prove scritte a risposta aperta e a risposta chiusa prove orali simulazione terza prova Esame di Stato Criteri di valutazione Sono stati utilizzati quelli adottati dal Consiglio di classe. 18

19 Allegato A Anno sc RELAZIONE FINALE 15 MAGGIO Materia: MATEMATICA Docente: prof. Rosanna De Lisi Libro di testo adottato: Matematica.bianco ed. Zanichelli vol. 5 Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio: n. ore 84 su n. ore 99 previste dal piano di studi; si prevede di effettuare, entro la fine dell'anno scolastico, altre 9 ore di lezione. Relazione La classe è composta da 20 studenti, 13 ragazze e 7 ragazzi,, apparentemente ben armonizzati tra loro, in realtà sono divisi in gruppetti e non sempre coesi; la partecipazione non è stata sempre attiva né costante per tutti gli studenti e alle volte ha richiesto continue sollecitazioni da parte dell insegnante, soprattutto per il recupero di conoscenze e competenze relative alla preparazione di base. L interesse e l impegno sono stati generalmente sufficienti, anche se in alcuni casi è stato necessario attivare il recupero, sebbene in itinere, a causa sia di lacune nella preparazione di base, sia per uno studio superficiale e un attenzione in classe limitata. Alcuni allievi sono portati a distrarsi con facilità, a chiacchierare inopportunamente e quindi ad interrompere spesso l attività didattica, questo ha provocato anche un ritardo nello sviluppo della programmazione; nonostante ciò diversi studenti hanno raggiunto un discreto/buon livello di preparazione sugli argomenti trattati. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti - Conoscere le funzioni trascendenti elementari e i loro grafici: senx, cosx, tangx; a x, logx. - Saper effettuare lo studio di funzioni razionali intere, fratte, irrazionali, fino alla ricerca degli eventuali punti di max, min o flesso, per poter arrivare a definire il grafico probabile della funzione data. - Conoscere la definizione di funzione primitiva della funzione data. - Conoscere la differenza tra integrale indefinito e integrale definito. - Conoscere le formule degli integrali fondamentali per funzioni elementari. - Saper risolvere integrali indefiniti per semplici funzioni razionali. - Saper risolvere integrali definiti per semplici funzioni razionali. - Saper calcolare l area di una zona del piano, limitata da una funzione e dall asse x, attraverso l integrale definito in un dato intervallo. - Conoscere la definizione di probabilità. - Saper calcolare la probabilità di un evento. - Saper calcolare la probabilità della somma logica di eventi. - Saper calcolare la probabilità del prodotto logico di eventi. - Saper calcolare la probabilità per eventi indipendenti. - Saper calcolare la probabilità per eventi dipendenti. - Conoscere la funzione fattoriale: n! Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente Gli Standard Minimi Di Apprendimento, indispensabili per l accesso all Esame di Stato e concordati nei dipartimenti disciplinari, specificano che l alunno deve: Conoscere i grafici delle funzioni elementari. Conoscere i grafici delle funzioni trascendenti studiate. Calcolare l integrale di funzioni elementari. 19

20 Calcolare aree di funzioni elementari. Calcolare la probabilità di eventi elementari Calcolare la probabilità di eventi dipendenti e indipendenti. Contenuti Modulo n 1 Recupero Competenze Le funzioni trascendenti: la funzione esponenziale e il suo grafico; le equazioni esponenziali. La funzione logaritmica e i suoi grafici; semplici equazioni logaritmiche. La circonferenza goniometrica; le funzioni seno e coseno e i grafici delle loro funzioni. La funzione tangente e il suo grafico. Cenni sulla risoluzione di semplici problemi sui triangoli rettangoli.ripasso dello Studio di Funzione per funzioni: razionali intere e fratte; e irrazionali. Esercizi su tutti gli argomenti trattati. N. ore svolte: 28 Modulo n 2 L Integrazione Ripasso delle Derivate per funzioni: razionali intere e fratte; e irrazionali. Definizione di funzione primitiva; definizione di integrale indefinito e formule di integrazione per funzioni elementari. Definizione di integrale definito: il trapezoide. Calcolo di aree comprese tra l asse delle x e le funzioni elementari. Calcolo, attraverso l integrale, del volume del cono ottenuto dalla rotazione di una retta intorno all origine. Esercizi su tutti gli argomenti trattati. N. ore svolte: 34 Modulo n.3 La Probabilità Gli eventi certi impossibili e aleatori; gli eventi e la probabilità; gli eventi e gli insiemi; la concezione classica di probabilità e la definizione classica del calcolo della probabilità di un dato evento. L evento contrario e la sua probabilità. La probabilità della somma logica di eventi: gli eventi unione intersezione. Gli eventi compatibili e gli eventi incompatibili. La probabilità del prodotto logico di eventi. La probabilità condizionata. La probabilità del prodotto per eventi indipendenti. La probabilità del prodotto per eventi dipendenti. Cenni al calcolo combinatorio. Cenni al binomio di Newton. Esercizi su tutti gli argomenti trattati. N. ore svolte: 22 Mezzi, strumenti e spazi di lavoro Libro di testo integrato da appunti, dispense, schematizzazione degli argomenti, percorsi costruiti in classe Fotoriproduzione di specifici argomenti tratti dal testo Mtematica 2 di Bergamini Trifone Barozzi ed. Zanichelli. Strumenti di verifica prove scritte strutturate e semistrutturate a risposta aperta e a risposta chiusa (a risposta fissa, a scelta multipla, a collegamento e a completamento) prove orali Criteri di valutazione Sono stati utilizzati quelli adottati dal Consiglio di classe. 20

21 Allegato A Anno sc RELAZIONE FINALE 15 MAGGIO Materia: INGLESE Docente: prof. Di Paola Paola Libri di testo adottati: Radley & Simonetti - New Horizons 2 ed. Oxford A Gallagher F. Galuzzi - Activating Grammar ed. Longman; P. Gherardelli E.W. Harrison New In Design ed Hoepli; R.L. Stevenson- Dr. Jekyll and Mr Hyde ed. Helbing Languages; Oscar Wilde An Ideal Husband ed PalkettoStage Fotocopie fornite dall insegnante; Video e materiale audio fornito dall'insegnante. Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2014/2015 al 15 maggio: 81 Si prevede di effettuare, entro la fine dell'anno scolastico, altre 9 ore di lezione La classe, composta da 20 alunni, durante l anno si è mostrata nel complesso abbastanza omogenea: gli studenti hanno un atteggiamento piuttosto passivo e, pur rispettando perlopiù le richieste dell'insegnante relativamente ai lavori da svolgere e alle scadenze, non si sono mostrati particolarmente interessati all'approfondimento privilegiando uno studio mnemonico e poco critico che ha portato solo in alcuni casi ad un discreto miglioramento anche nell'uso attivo della lingua. Si distingue un esiguo gruppetto di circa 4 studenti che si è mostrato più interessato, attivo nel dialogo educativo ed incline all'approfondimento personale, migliorando notevolmente anche le proprie abilità nell'uso della lingua scritta e orale. Il comportamento in classe è sempre stato corretto e rispettoso delle regole per la totalità della classe. Ho impostato in classe un rapporto di reciproca fiducia con gli studenti, cercando di responsabilizzarli sui loro doveri in modo adulto e disteso e di motivarli. Ho sempre cercato di stimolare il pensiero critico degli studenti, ed un piccolo gruppo di studenti ha mostrato motivazione ed interesse ed ha potenziato notevolmente le proprie capacità di analisi, sintesi, comprensione e rielaborazione di testi scritti e orali. Numero alunni con risultati - elevati: 3 - medi: 13 - complessivamente al di sotto delle aspettative: 4 Il programma di grammatica è stato svolto per intero. Il programma relativo all area di inglese professionale è stato svolto parzialmente a causa di mancanza di tempo, inglese correlato a storia dell arte e letteratura è stato svolto per intero. Le maggiori lacune si riscontrano nell'uso attivo della lingua (produzione scritta e orale). I fattori che hanno ostacolato l apprendimento degli alunni sono stati prevalentemente: scarsa applicazione mancanza di interesse per la materia mancanza di esercizio lacune pregresse I fattori che hanno incentivato l apprendimento sono stati prevalentemente: coinvolgimento degli alunni nella didattica utilizzo di internet e video 21

22 presenza nel primo quadrimestre di una insegnante madrelingua E stato adottato il recupero in itinere ogni volta che se ne presentasse la necessità MODULI: Per il programma si veda l'allegato Programma svolto. OBIETTIVI COGNITIVI Potenziare e sviluppare le competenze linguistiche e comunicative Potenziare i processi di analisi, sintesi, elaborazione e comprensione di testi scritti e orali Sviluppare il pensiero critico Acquisire un metodo di studio efficace sul piano dell organizzazione, dell uso dei materiali, della programmazione dei tempi, del rispetto delle consegne, della rielaborazione dei contenuti Interagire con gli altri OBIETTIVI MINIMI COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE LIVELLO B2 E in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. E in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su di un ampia gamma di argomenti ed esprime un opinione su un argomento di attualità, esprimendo i pro e i contro delle diverse opzioni. Formulare supposizioni ed esprimersi in situazioni ipotetiche Saper esprimere possibilità ed impossibilità, saper usare i condizionali Parlare di sentimenti ed emozioni, immaginare un passato diverso Saper esprimere desideri e rimpianti Riferire i discorsi di altre persone Saper usare il discorso indiretto Riferire domande Riferire richieste e istruzioni periodo ipotetico Wish+ simple past / past perfect Discorso indiretto (introdotto da said/told) Interrogative indirette (asked, wanted to know) Discorso indiretto (told s.o, asked s.o. + infinito) 22

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA c.f. 93020970427 LICEO DI STATO C. RINALDINI Liceo Classico - Liceo Musicale - Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale, 1-60122 ANCONA - 071/204723 fax 071/2072014 e-mail: segreteria@rinaldini.org

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MATERIA INGLESE Ins. Chiara Salerno PROGRAMMAZIONE 2B

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MATERIA INGLESE Ins. Chiara Salerno PROGRAMMAZIONE 2B ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MATERIA INGLESE Ins. Chiara Salerno PROGRAMMAZIONE 2B Obiettivi educativi Nel corso del biennio si promuoverà la formazione umana, sociale e culturale

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI

Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI Disciplina: MATEMATICA Classe: 3AM A.S. 2015/16 Docente: Boschetti Lisanna ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La maggior

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

SCHEMA UNITA DIDATTICA

SCHEMA UNITA DIDATTICA Titolo modulo: Differential calculus Unità didattica n. 2 dal titolo: Differentiation Ore previste per questa unità didattica: SCHEMA UNITA DIDATTICA Eventuali note sulla pianificazione e realizzazione:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Prestino Consiglio della classe 3 a B PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Presentazione della classe La classe 3 a

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a C.so C.so Garibaldi Garibaldi - 88024 88024 Girifalco Girifalco (CZ) (CZ) Scientifico Scientifico 0968/749233 0968/749233 Artistico

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Sezione associata XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX a. s. 2014-2015 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Sezione / indirizzo. Livelli di partenza

Sezione associata XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX a. s. 2014-2015 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Sezione / indirizzo. Livelli di partenza Sezione associata XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX a. s. 2014-2015 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE II AFM Sezione / indirizzo XXXXXXXXXXXXXXX ITE XXXXXXXXXXXXXXXX docente materia ore settimanali di lezione Rigari

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman. -Jordan/Fiocchi,Grammar Files,Trinità Whitebridge

Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman. -Jordan/Fiocchi,Grammar Files,Trinità Whitebridge ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 1 SEZ. B INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman -Jordan/Fiocchi,Grammar

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso:

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso: LIVELLI DI PARTENZA Strumenti utilizzati per rilevarli: Colloqui individuali e di gruppo sul curricolo formativo generale e specifico disciplinare e pregresso. Discussione di gruppo. Livelli di partenza

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli