COOPERATIVA SOCIALE LA CITTA VERDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERATIVA SOCIALE LA CITTA VERDE"

Transcript

1 Breve Bilancio Sociale COOPERATIVA SOCIALE LA CITTA VERDE La storia e la missione aziendale La Città Verde nasce nel marzo del 1991 e nel 1994 si adegua alla legge 381/91 trasformandosi in cooperativa sociale di inserimento lavorativo è [tipo B]. Tale scelta consente di offrire a persone in difficoltà, in uno stato di disagio psichico o sociale, un idoneo programma riabilitativo centrato sull inserimento in un ambiente lavorativo sufficientemente protetto. La cooperativa ha sempre operato nel campo dell inserimento lavorativo cercando di coniugare servizi di qualità e percorsi di recupero sociale e integrazione. Nel corso degli anni ha accumulato esperienza sia dal punto di vista produttivo, nel settore agricolo, ambientale e delle manutenzioni, sia dal punto di vista del lavoro sociale e riabilitativo, sviluppando metodiche originali, di progettazione socio-educativa e inserimento al lavoro. Dal 1991 ad oggi La Città Verde ha potuto lavorare su diversi territori, privilegiando l appartenenza e il legame dei lavoratori ai luoghi d origine. Attualmente ha sede legale e operativa a Pieve di Cento (BO) e mantiene sedi operative nei comuni di Ferrara, Mirabello, Vigarano Mainarda e Crevalcore. La cooperativa è ad oggi socia del Consorzio SIC di Bologna e del Consorzio Impronte Sociali di Ferrara, entrambi nati allo scopo di integrare le capacità tecniche e professionali di diverse cooperative sociali dei territori provinciali bolognese e ferrarese. I clienti della cooperativa sono Enti pubblici o Società partecipate dal pubblico [circa 70%]. In particolare forniamo servizi ai comuni di Cento, Pieve di Cento, Castello d Argile, San Giovanni in Persiceto, Argelato, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale, Sant Agata Bolognese, Crevalcore, Galliera e Ferrara alle Aziende USL di Ferrara e Bologna all Azienda Servizi alla Persona di Ferrara alle società partecipate CMV Servizi srl di Cento, Geovest srl di Crevalcore, Hera spa [SOT Bologna], Hera Ambiente ad aziende private, tra le quali Basell poliolefine di Ferrara e Reagens di S. Giorgio di Piano[BO] Per poter offrire le migliori opportunità di lavoro ai propri soci la cooperativa ha sviluppato i propri settori produttivi sia dal punto di vista qualitativo sia dimensionale. I 2 settori quantitativamente più rilevanti della società sono la manutenzione del verde e la gestione rifiuti.

2 Evoluzione del fatturato di Città Verde e delle suo principali aree di attività valori produzione e settori valore produzione totale settore rifiuti settore verde In particolare l ambito della gestione rifiuti è particolarmente cresciuto in questi ultimi anni e attualmente svolgiamo servizi di spazzamento, raccolta differenziata, raccolte porta a porta e su prenotazione per conto di società multi-utility del territorio. Queste società di servizi per cui opera la cooperativa sono attive nel territorio dell alto ferrarese e dei comuni della pianura bolognese e modenese. E principalmente in questi territori che la nostra cooperativa sviluppa la propria attività [Fig. 2]. Infine ci preme sottolineare che, data la natura in gran parte pluriennale dei nostri contratti di servizio, la previsione per l anno 2011 è di consolidare e ampliare il valore della produzione ottenuto nell anno 2010 Il bacino territoriale di attività di Città Verde 2

3 LE PERSONE Nella cooperativa prestano la loro opera diverse tipologie di persone, distinguibili in a) soci, che concorrono al governo della cooperativa condividendone gli scopi e l oggetto soci lavoratori soci volontari soci sovventori soci collaboratori b) non soci, che prestano la propria opera senza partecipare direttamente alla vita sociale della cooperativa dipendenti collaboratori Tipologie di soci e variazioni per anno TIPO SOCI ANNO BASE SOCIALE LAVORATORI VOLONTARI SOVVENTORI COLLABORATORI ALTRO *3 *4 *4 *4 *2 *7 TOT. SOCI **77 di cui svantaggiati % soci svantaggiati 32 % 30 % 29 % 28 % 25 % 30 % * ex lavoratori rimasti socie e allievi ** alcuni soci lavoratori e/o volontari sono anche sovventori Annualmente tutti i soci sono chiamati ad esprimersi all assemblea soci ordinaria. Il consiglio di amministrazione, a cui è dato mandato dall assemblea di deliberare sulle scelte operative, si riunisce invece almeno con cadenza mensile. Da sempre in cooperativa, oltre ai momenti formali, si è privilegiato lo scambio di informazioni e opinioni nei modi informali, lungo i corridoi, in cantiere, alla macchina del caffè Questo ha sinora garantito una forte partecipazione alle scelte cooperative. 3

4 LAVORATORI La forza lavoro della Città Verde è costituita da tutte le persone, socie e non socie, che collaborano a qualunque titolo alle attività economiche della cooperativa. All interno dell Area Produzione-Vendite collaborano operatori tecnici (con competenze prevalentemente tecniche rispetto all attività specifica dell area Produzione) e operai. L Area Inserimento Lavorativo, all interno dell Area Produzione-Vendite, è costituita da operatori di contatto (con particolari competenze socio-riabilitative) e dai lavoratori svantaggiati assunti dalla cooperativa. Nell Area Servizi Socio-Educativi, prestano la loro opera soci e dipendenti inquadrati come operatori socio-educativi a vari livelli; questi operatori gestiscono sia attività connesse al lavoro (area Lavoro Protetto e Area di Transizione al lavoro) sia attività propriamente socio-assistenziali educative rivolte a utenti inviati dai Servizi Asl e del Comune. PRODUZIONE-VENDITE operatori tecnici operai INSERIMENTO LAVORATIVO operatori di contatto operatori ex lege 381/91 LAVORO PROTETTO utenti TRANSIZIONEAL LAVORO borsisti stagisti tirocinanti SERVIZI SOCIO- EDUCATIVI operatori socio-educativi Negli anni, la forza lavoro della Città Verde ha mantenuto la tendenza alla crescita. La categoria dei lavoratori dipendenti, per la maggior parte soci, è rimasta quella più rappresentativa. In effetti, data la vocazione della cooperativa di fornire lavoro, è ritenuto importante offrire ai lavoratori la possibilità di scegliere di diventare soci, in modo da poter gestire e partecipare alla vita della propria azienda. 4

5 Lavoratori e collaboratori soci e non soci con relative variazioni annue Personale Anno Soci Dipendenti Non soci Tot Soci Collaboratori Non soci Tot Totale Evoluzione rapporto tra lavoratori soci e- non soci non soci soci

6 Tipologia di rapporto di lavoro. La Città Verde applica il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro delle Cooperative Agricole e quello delle Cooperative Sociali a seconda delle attività svolte. Nell anno 2010 sono assunti con il CCNL delle Cooperative Agricole 30 lavoratori, mentre 31 con quello delle Cooperative Sociali. Distribuzione dei lavoratori per durata contrattuale anno 2010 Tipo di contratto tempo indeterminato tempo determinato stagionali co.co.pro. Totale Lavoratori svantaggiati Lavoratori normodotati Totale Lavoratori dipendenti per distribuzione oraria anni Tipo di contratto Part-time Full-time Totale Part-time avventizi Full-time Totale Lavoratori svantaggiati Lavoratori normodotati Totale Uno degli obiettivi prinicipali della cooperativa rimane l offerta delle migliori condizioni possibili di lavoro e retribuzione ai soci Gli sforzi della cooperativa sono quindi andati nella direzione del consolidamento dei livelli di occupazione sia nel numero di ore settimanali che nella durata dei contratti. A questo proposito di seguito viene specificato il numero di miglioramenti retributivi o contrattuali nel periodo Promozioni Promozioni

7 Tra i benefit assegnati: distribuzione capi di vestiario per il lavoro, buoni pasto, l assegnazione di una autovettura, ed ad un dipendente la possibilità di usufruire di un alloggio presso una struttura gestita dalla cooperativa. Lavoratori svantaggiati. La legge 381/1991 sulle cooperative sociali prevede una percentuale minima di lavoratori svantaggiati pari al 30%. Lo sforzo è quello di armonizzare gli obiettivi produttivi con le relazioni umane e gli interventi riabilitativi. Incidenza dei lavoratori svantaggiati sul totale Lavoratori Anno Totale lavoratori Lavoratori non svantaggiati Lavoratori svantaggiati Svantaggiati sul totale 41% 32% 31% 30% 30% 30% Svantaggiati su normodotati 70% 48% 44% 42% 42% 43% Il calcolo della percentuale di lavoratori svantaggiati sul numero di lavoratori normodotati evidenzia i rapporti tra tutor e lavoratori svantaggiati. Tipologia di svantaggio dei lavoratori presenti dipendenza disagio sociale disabilità fisica disagio psichiatrico disagio psichico

8 BORSE LAVORO E STAGE Per la particolare natura dell organizzazione e la motivazione degli operatori, le cooperative sociali sono spesso luoghi privilegiati per persone in difficoltà dove apprendere le prime norme utili a svolgere un attività lavorativa e socializzante. È per questo motivo che La Città Verde accoglie diversi percorsi protetti che, ogni qual volta sia possibile, vengono trasformati in assunzioni regolari. I dati sono relativi agli anni dal 2006 al 2009 Riepilogo percorsi di transizione al lavoro tot in 4 anni Attivazione stage Chiusura* stage Attivazione borsa lavoro Chiusura* borsa lavoro Tirocinio formativo Chiusura tirocinio Inserimento lavorativo in convenzione Chiusura inserimento Assunzione Dimissione *chiusura: da intendere solo nel caso in cui il rapporto con la cooperativa non evolva in altre tipologie 8

9 La cooperativa oltre a fornire una regolare assunzione a persone svantaggiate ai sensi della legge 381/91, ospita altri percorsi formativi riabilitativi utili al benessere delle persone che risultano essere in una condizione di disagio [fisico, psichico, psichiatrico e/o sociale]: occupazione assistita stage percorsi occupazionali convenzionati che prevedono una attività lavorativa, specie con persone con difficoltà cognitive, svolta in cantieri reali di lavoro ma guidati da tutor e capi squadra senza l obiettivo specifico dell assunzione borsa lavoro tirocinio formativo percorso formativo in ambiente di lavoro svolto in accordo con i servizi sanitario, sociale e/o centro per l impiego finalizzato ad una successiva possibile assunzione regolare persone in stato di disagio inserite in coop totale persone inserite lavoratori svantaggiati occupazione assistita - stage borse lavoro - tirocini formativi 9

IL SINDACO DEL COMUNE DI BONDENO

IL SINDACO DEL COMUNE DI BONDENO Provincia di Ferrara Sant Agostino Comune Capofila Istituzionale Prot. Bondeno, 18 giugno 2008 IL SINDACO DEL COMUNE DI BONDENO Agli Enti territoriali e alle Amministrazioni partecipanti alla Conferenza

Dettagli

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi Bilancio di missione 2013 Cooperativa Sociale G. Fanin sintesi Bilancio 2013 Missione La Cooperativa Sociale G. Fanin opera senza finalità di lucro per la promozione della persona e della famiglia nella

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI ASSISTENZA DOMICILIARE SERVIZIO COMUNE DI BENTIVOGLIO COMUNE DI CASTEL MAGGIORE COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE COMUNE DI GALLIERA COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Assistenza domiciliare

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Pagina 1 di 7 Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Dopo la sottoscrizione in ambito di IntesaSanpaolo degli Accordi di indirizzo volti ad armonizzare i trattamenti contrattuali

Dettagli

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLEGATO n.1 OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI MINIMI SALARIALI MENSILI DI AREA IN VIGORE DAL 1 gennaio 2011 AREE PROFESSIONALI MINIMI AREA 1a 1.200,00 AREA 2a 1.100,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 INFORMATIVA N. 295 03 SETTEMBRE 2014 Assicurativo MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 Ministero del Lavoro, Decreto 10 giugno 2014 - Settore industria Ministero del Lavoro, Decreto

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Calzaturiero avviene in un momento non facile per l economia

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO. FORMULARIO per l assegnazione di

PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO. FORMULARIO per l assegnazione di PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO Mod.D FORMULARIO per l assegnazione di Borse di Studio o tirocini formativi 1 Modello D1.1) Alla Provincia di Terni Servizio Politiche Formative

Dettagli

IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE

IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE DESTINAZIONE EUROPA IMPRESA FORMATIVA IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE Un modello economico, pedagogico e sociale di collaborazione tra pubblico e privato per lo sviluppo delle competenze di soggetti disegnati

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi SERVIZI DI TRASPORTO I pacchi piatti sono facili da trasportare. Se la tua auto non è abbastanza grande, puoi usufruire delle diverse modalità di servizio a domicilio a pagamento. Per ulteriori informazioni

Dettagli

Una riflessione sui contratti di lavoro al nido. per i servizi educativi Bassa Reggiana

Una riflessione sui contratti di lavoro al nido. per i servizi educativi Bassa Reggiana Una riflessione sui contratti di lavoro al nido d infanzia CRISTIAN FABBI Direttore Azienda Speciale per i servizi educativi Bassa Reggiana R O M A 23 M A G G I O 2013 DIMENSIONE DELLA QUALITA E DELLA

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA

SERVIZI ALLA PERSONA Argelato Bentivoglio Castello D'Argile Castel Maggiore Galliera Pieve di Cento S. Giorgio di Piano S. Pietro in Casale (Provincia di Bologna) SERVIZI ALLA PERSONA POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE SPER

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Statuto TITOLO I Art. 1: Denominazione e sede. Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Provincia di Bologna

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

emergenza Ruolo ReLUIS nell emergenza Gaetano Manfredi REte dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica PROGETTO DPC/ReLUIS 2010-2013

emergenza Ruolo ReLUIS nell emergenza Gaetano Manfredi REte dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica PROGETTO DPC/ReLUIS 2010-2013 REte dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica PROGETTO DPC/ReLUIS 2010-2013 2013 - II Riunione annuale Bologna, 12 settembre 2012 - Palazzo della Cultura e dei Congressi - Ruolo ReLUIS nell emergenza

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA

SERVIZI ALLA PERSONA Argelato Bentivoglio Castello D'Argile Castel Maggiore Galliera Pieve di Cento S. Giorgio di Piano S. Pietro in Casale (Provincia di Bologna) SERVIZI ALLA PERSONA AREA STAFF AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARI

AMBITO TERRITORIALE DI BARI Unione Europea Regione Puglia Comune di Bari AVVISO PUBBLICO n. 6/2011 P.O. PUGLIA 2007 2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 ASSE III Inclusione Sociale PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE

Dettagli

Carta dei Servizi. APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi

Carta dei Servizi. APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi Carta dei Servizi APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi PREMESSA La Fondazione Santa Clelia Barbieri, (in onore della Santa Bolognese canonizzata il 9 aprile 1989), è un ente Ecclesiastico

Dettagli

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB SCHOOL OF MANAGEMENT EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB School of Management, al fine di incentivare la ripresa economica attraverso il trasferimento

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

deliberazione n. 102

deliberazione n. 102 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA deliberazione n. 102 DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE DISABILI PER GLI ANNI 2008 E 2009 AI SENSI DELL

Dettagli

Duemilauno Agenzia Sociale. Guida. al lavoro in Cooperativa

Duemilauno Agenzia Sociale. Guida. al lavoro in Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale Guida al lavoro in Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale Come orientarsi al lavoro nei servizi gestiti dalla Cooperativa Informazioni Generali [pag.3] I servizi che gestiamo

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI:

ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI: ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI: ARGELATO, BARICELLA, BAZZANO, BENTIVOGLIO, BUDRIO, CAMUGNANO, CASTEL D AIANO, CASTELLO D ARGILE, CASTEL DI CASIO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CASTIGLIONE DEI PEPOLI, CRESPELLANO,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PREMESSA L accordo siglato il 23 luglio 93 da OO.SS., Governo e Confindustria, valorizza le ragioni del lavoro nei suoi molteplici aspetti occupazionali,

Dettagli

La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER

La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER Francesca Bellaera Andrea Zuppiroli Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO IN PROVINCIA DI TRIESTE ANNO 2013 Persone in borsa lavoro, soggetti attuatori, tipologie degli strumenti Provincia di Trieste Area Servizi al Cittadino

Dettagli

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013 CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO ALL UNIONE RENO GALLIERA DELL UFFICIO DI PIANO DEL DISTRETTO PIANURA EST PER LA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI E DELLE FUNZIONI SOCIO- SANITARIE AD ESSO ATTRIBUITE.

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

per operatori sociali, socio-sanitari e datori di lavoro per l integrazione lavorativa di persone svantaggiate in provincia di Sondrio, con

per operatori sociali, socio-sanitari e datori di lavoro per l integrazione lavorativa di persone svantaggiate in provincia di Sondrio, con Va d e m e c u m in on e inc ert ar ff e f à o al re nit to ce tu et ne os or isp zio i on pp o r ra r c e o ri teg. tra l Pe re l rrito in tiva ete su di tra l te dell ora a r ti ia un sen inc da a lav

Dettagli

Corsi di lingua italiana

Corsi di lingua italiana direzione generale dell immigrazione e delle politiche di integrazione Corsi di lingua italiana 2012-2013 Comuni di Argelato, Baricella, Bentivoglio, Budrio, Castel Maggiore, Castello d Argile, Castenaso,

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di paesi terzi 2007-2013 FEI 2013 Azione 1. Bentivoglio Budrio. pieve di cento san giorgio di piano

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di paesi terzi 2007-2013 FEI 2013 Azione 1. Bentivoglio Budrio. pieve di cento san giorgio di piano Progetto finanziato da Unione Europea Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di paesi terzi 2007-2013 FEI 2013 Azione 1 Corsi di lingua italiana 2014 2015 Argelato Baricella Bentivoglio Budrio Castel

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

TITOLO PROGETTO ABBRACCI

TITOLO PROGETTO ABBRACCI CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Sede legale: Via Ippocastani, 14 26100 CREMONA. Tel. 0372 25500; Fax 0372 568390; e-mail: casa famiglia@fastpiu.it CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Via

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. FUTURA SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Sede Legale e operativa: Via Pescopagano,

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA, RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE, IN AMBITO METROPOLITANO,

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale INTRODUZIONE Il Prospetto Informativo Aziendale La disciplina sul diritto al lavoro dei disabili, legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che tutti i datori

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

REGOLAMENTO D AMBITO

REGOLAMENTO D AMBITO LECCE (capofila) ARNESANO CAVALLINO LEQUILE LIZZANELLO MONTERONI SAN CESARIO SAN DONATO SAN PIETRO IN LAMA SURBO UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE REGOLAMENTO D AMBITO PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA

SERVIZI ALLA PERSONA Argelato Bentivoglio Castello D'Argile Castel Maggiore Galliera Pieve di Cento S. Giorgio di Piano S. Pietro in Casale (Provincia di Bologna) SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO DI PIANO DETERMINAZIONE SPER /

Dettagli

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 1 CHI SIAMO Coopservice nasce nel 1991 dalla fusione di due cooperative reggiane

Dettagli

LOTTO 1 - COOPERATIVA PROGEST

LOTTO 1 - COOPERATIVA PROGEST ASL TO3 di Collegno e Pinerolo (TO) Procedura aperta per l affidamento del servizio di gestione delle attività varie (n. 5 lotti) per utenti in carico al Dipartimento Funzionale di Salute Mentale della

Dettagli

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7 PROT. /I/2/C/ DATA Provincia dell Aquila SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E AFFARI SOCIALI CONVENZIONE AI SENSI DELL ART. 11, COMMA 2 e 4, Legge 68/99. Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale

Dettagli

ASP Seneca - BILANCIO SOCIALE 2009

ASP Seneca - BILANCIO SOCIALE 2009 ASP Seneca - BILANCIO SOCIALE 2009 Gruppo di lavoro: Lucia Bellotto, Patrizia Cattabriga, Lucia Chinni, Paola Perini, Paolo Sabattini e Lorenzo Sessa. Hanno contribuito: Luana Forni (rendicontazione disabili

Dettagli

MINIMI SALARIALI NAZIONALI DI AREA ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai florovivaisti

MINIMI SALARIALI NAZIONALI DI AREA ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai florovivaisti OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI MINIMI SALARIALI MENSILI DI AREA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai agricoli AREE PROFESSIONALI MINIMI AREA 1a 1070,14 AREA 2a 984,77 AREA 3a 648,57 MINIMI SALARIALI NAZIONALI

Dettagli

AURORA COOPERATIVA SOCIALE. Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 Certificato No.122951A BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO ANNO 2012

AURORA COOPERATIVA SOCIALE. Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 Certificato No.122951A BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO ANNO 2012 AURORA COOPERATIVA SOCIALE Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 Certificato No.122951A BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO ANNO 2012 Aurora cooperativa sociale onlus via Treves,82 20090 Trezzano s/n (Mi) coop.aurora@yahoo.it

Dettagli

Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD

Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD POLITICHE RETRIBUTIVE Prof. Stefano Rotondo Ente Promotore: IFOSTUD Programma del corso: Politiche Retributive La struttura Retributiva Livelli e mansioni

Dettagli

I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento

I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento novembre 2012 Studio di fattibilità per la fusione dei Comuni Comuni di Argelato, Bentivoglio, Castello d Argile, Castel

Dettagli

Alle Aziende aderenti al LL.SS Ai Consulenti del lavoro OGGETTO: FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI E DELLE AZIENDE

Alle Aziende aderenti al LL.SS Ai Consulenti del lavoro OGGETTO: FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI E DELLE AZIENDE EBIM Ente di Gestione della bilateralità del TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI e CENTRO SERVIZI TURISMO E PUBBLICI ESERCIZI per la Provincia di MODENA Ebim associazione senza fine di lucro Cod.Fisc/P.Iva

Dettagli

Cooperativa Sociale DOMUS COOP Via Jacopo Allegretti 14 47121 Forlì tel 0543-32852 fax 0543-20881 www.domuscoop.it

Cooperativa Sociale DOMUS COOP Via Jacopo Allegretti 14 47121 Forlì tel 0543-32852 fax 0543-20881 www.domuscoop.it Le Comunità in Area Minori Neomaggiorenni - Donne e Mamme in difficoltà Le nostre Comunità Educative Residenziali sono: - Comunità socio-educativa Casa Santa Chiara - Comunità per gestante e per madre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

Pacchetto Base di HR-Assistant

Pacchetto Base di HR-Assistant Pacchetto Base di HR-Assistant HR-Assistant è un potente strumento che ti consente di avere sempre a portata di mano tutte le informazioni e ti fa risparmiare tempo nella gestione del personale. Il pacchetto

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv?

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv? Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? La legge 266/1991, art. 2 secondo comma, precisa che "L'attività del volontario non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario. Al volontario

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA PRONTO SOCCORSO CANI E GATTI VITTIME DI INCIDENTI STRADALI SUL TERRITORIO PROVINCIALE La seguente tabella riporta le informazioni fornite dai Comuni relativamente alle convenzioni attivate con strutture

Dettagli

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 085 27 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 Art. 11, D.Lgs. n. 446/97 Art. 2, comma 2, DL n. 201/2011 Circolare Agenzia Entrate 19.11.2007, n. 61/E Risoluzioni Agenzia

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40 CRITERI DI UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE Anno 2007 Premesse La Regione Lombardia ha inserito i finanziamenti derivanti dal Fondo Sociale Regionale nel sistema di finanziamento complessivo dei Piani di Zona,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Fondazione Centro per la Riabilitazione e le Diverse Abilità (C.Ri.D.A.)

Dettagli

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Vi trasmettiamo in allegato la piattaforma per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale dei lavoratori dell Alleanza Assicurazioni,

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA 35 E VIA CALABRIA 56. CIG: 5066492974

Dettagli

L organizzazione e la sicurezza nelle attività delle cooperative sociali. Indagine conoscitiva: i dati raccolti e la ricerca documentale

L organizzazione e la sicurezza nelle attività delle cooperative sociali. Indagine conoscitiva: i dati raccolti e la ricerca documentale L organizzazione e la sicurezza nelle attività delle cooperative sociali Indagine conoscitiva: i dati raccolti e la ricerca documentale OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto di ricerca, finanziato dal Ministero

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde. 2010 Carta dei Servizi FDE srl Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.it CARTA DEI SERVIZI Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

TESSILE E MODA ARTIGIANATO

TESSILE E MODA ARTIGIANATO TABELLA A - CALZATURIERI - TESSILI - STUDI DI DISEGNI TESSILI AGGIORNAMENTI ccnl: Agosto 2014 ccril: aprile 2000 prossimo aumento aprile 2015 IMPIEGATI 6 LIVELLO ex prima categoria 5 LIVELLO ex seconda

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA. deliberazione n. 41

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA. deliberazione n. 41 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA deliberazione n. 41 DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 4 GIUGNO 1996, N.18 PER

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1077 Prot. n. PAC VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Modifica e deroghe alla deliberazione della Giunta provinciale n. 2505 del 23

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO SOCIORIABILITATIVO RESIDENZIALE (CON ANNESSO NUCLEO DIURNO) PER PORTATORI DI HANDICAP IL MELOGRANO - Definizione - Art.1 Finalità

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli