Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi"

Transcript

1 P.O.R. Campania FSE Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi DD n 74/2006 (BURC n 54 del ) - DD n 43/2007 ( BURC n sp. del ) D.G.R. 1062/ misura 3.7/A- Cod. Uff.05 Istituto Tecnico Aeronautico Villaggio dei Ragazzi Piazza Matteotti n Maddaloni (CE) Tel Fax AZIONE DI SISTEMA N.1 ANALISI DEI FABBISOGNI E PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

2 Sommario 1 INTRODUZIONE LO SCENARIO GLOBALE L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA..7 8 PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI METODOLOGIA DI INTERVENTO Definizione di un modello rappresentativo d impresa Costruzione dell impianto di check-up Interviste dirette con i responsabili aziendali Sistema di indicatori di rilevazione Predisposizione di un report di commento AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE QUESTIONARIO ESITI DELL INDAGINE FIGURE PROFESSIONALI Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO

3 1 INTRODUZIONE I processi legati alla globalizzazione dei mercati e gli effetti sulle economie locali interesano ormai quasi tutti i settori produttivi. Uno dei settori che da tempo sta risentendo degli effetti della globalizzazione è indubbiamente quello aeronautico, già di per sé caratterizzato da una filiera internazionale di tipo piramidale, con elevati poteri decisionali ai vertici e bassa capacità di interazione dei mercati alla base. Il settore aeronautico è caratterizzato da forte dinamicità, sia sotto il profilo strategico che produttivo, da elevato rischio generato dai forti investimenti richiesti, da lunghi cicli di sviluppo dei prodotti. Questa breve relazione intende mettere a fuoco le caratteristiche settoriali, avendo svolto una attenta analisi dei documenti reperiti sull argomento. Punto di interesse specifico è l industria e le attività legate alle operazioni aeronautiche, particolarmente quella legata alla manutenzione degli aeromobili nella Regione Campania senza trascurare altri territori maggiormente coinvolti in questo campo. 2 LO SCENARIO GLOBALE Il mercato dell aviazione civile è attualmente dominato da due realtà: il consorzio europeo Airbus e l americana Boeing, con sede negli Stati Uniti. L andamento dell industria aeronautica è strettamente collegato a quello del trasporto aereo, in quanto l unico sbocco di mercato per le industrie che lavorano nel settore dell aeronautica civile sono proprio le compagnie aeree internazionali, che con i loro ordini influenzano i programmi di produzione. Dando uno sguardo al passato ed analizzandone l evoluzione, si evince che l aviazione è il mezzo di trasporto che ha registrato il maggior sviluppo nel corso degli ultimi decenni. Tale favorevole trend è dovuto ad una serie di fattori, tra questi: una diminuzione del costo del trasporto; un aumento del valore offerto dalle compagnie, con maggiori servizi soprattutto a terra (prenotazioni on-line, check-in velocizzati, etc); il crescente interesse e bisogno dei consumatori a spostarsi in tutto il mondo con maggiore frequenza e a maggiore velocità. Negli ultimi tre decenni si è assistito ad un profondo cambiamento del sistema aeronautico. Una serie di eventi di tipo politico, economico e sociale hanno condotto ad un mutamento delle regole competitive. Dapprima la deregulation, iniziata nel 1978 negli Stati Uniti e successivamente diffusasi in tutto il mondo, che ha visto un brusco passaggio da mercati altamente regolati a mercati nazionali e internazionali deregolamentati. I cosiddetti open sky hanno consentito alle compagnie aeree di effettuare liberamente scelte relative alle rotte e alle politiche di prezzo, intensificando la competizione. 2

4 3 L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO L analisi della situazione attuale lascia prevedere che il trend positivo si confermi nei prossimi anni. Le previsioni di Boeing parlano di un incremento del traffico passeggeri e cargo nel lungo termine ad un tasso rispettivamente del 4,9% e 6,1%. Crescita che sarà trainata dal parallelo aumento del PIL mondiale medio ad un tasso del 3% circa l anno per i prossimi vent anni. Figura 1 - Evoluzione trasporto passeggeri mondiale Figura 2 - Evoluzione trasporto cargo mondiale 3

5 Figura 3 - Evoluzione trasporto passeggeri europeo Il settore da questo punto di vista appare dunque molto attrattivo, soprattutto a giudicare dalle aspettative delle principali aziende che operano al suo interno. Sia la Boeing che la Rolls Royce, due tra i players più importanti coinvolti, prevedono che nell arco del prossimo ventennio la flotta aerea mondiale sarà raddoppiata: nei cieli voleranno circa velivoli, di cui di nuova costruzione, contro gli attuali e una buona parte sarà di piccole dimensioni. Figura 4 - Previsione sviluppo delle flotte Per quanto concerne la distribuzione della domanda, Europa e Nord America assorbiranno il 52% della domanda totale di jet regionali e/o a corridoio singolo, mentre le regioni asiatiche richiederanno velivoli più spaziosi, quindi a doppio corridoio. Le stime di crescita globale mostrano ovviamente differenza nelle varie regioni, perché diverso risulta il grado di maturità dei mercati e i tassi di crescita delle economie. Risulta in ogni caso che sarà l Asia ad essere il più importante mercato per valore. 4

6 Figura 5 - Evoluzione della flotta civile nel mondo Figura 6 - Evoluzione della flotta civile in Europa 4 IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE. Mentre il mercato delle flotte continuerà a crescere, il mercato della manutenzione e revisione degli aeromobili non vivrà pari incremento: ciò a causa del crescente livello ingegneristico e tecnologico che porta ad una richiesta di manutenzione progressivamente minore su velivoli di generazione più recente. 5

7 Figura 7 - Investimenti nelle operazioni di manutenzione e revisione L attività di manutenzione e revisione era sino a pochi anni fa quasi integralmente a carico delle compagnie Il progressivo cambiamento di scenario economico, la comparsa di molte compagnie low-cost con flotte di modeste dimensioni, ha determinato la nascita di Società dedite esclusivamente alla manutenzione e revisione per terzi, che possono far uso del loro volume di business e di specializzazione per praticare prezzi unitari più convenienti. Un gran numero di Compagnie di bandiera hanno eliminato integralmente i propri servizi di manutenzione, terzializzando ad esterni; altri operatori come AIRFRANCE e LUFTANSA hanno integralmente separato le operazioni di compagnia da quelle di manutenzione, facendo convergere le proprie attività manutentive e ingegneristiche in una Società separata. Figura 8 - Suddivisione geografica del mercato della manutenzione Le continue pressioni finanziarie nel mercato del trasporto aereo, l introduzione delle compagnie lowcost, ha portato ulteriori cambiamenti ai fornitori di servizi di revisione e manutenzione, con una riduzione dei prezzi e una migrazione verso altri paesi, in grado di 6

8 fornire manodopera di basso costo. In termini geografici vi è una tendenza a muoversi verso la Cina, l Est asiatico e il Sud America, anche se il livello di servizio offerto è giudicato troppo basso da molte compagnie. La recentissima tendenza vede il consolidarsi di pochi fornitori che si stanno progressivamente affermando sul mercato e dominandolo acquisendo fornitori più piccoli o realizzando centri operativi in questi paesi che, oltre a offrire bassi costi di manodopera, incentivano l insediamento di nuovi presidi produttivi. 5 DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE Il diagramma di fig. 3.1 mostra che circa 100 miliardi di dollari vengono spesi annualmente in operazioni di manutenzione e revisione. Tale valore supera notevolmente i 75 miliardi di valore dei nuovi velivoli. Il grafico mostra l importanza del mercato militare, ma è opportuno separare comunque le voci, data la profonda diversità dei due settori. La porzione di attività relativa al civile è stimata intorno ai 36 miliardi di dollari, il 50% della quale data a fornitori esterni. I grafici successivi evidenziano la suddivisione per tipologia di attività: risulta evidente che la porzione maggiore copre la revisione e manutenzione dei motori 6 IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA L analisi documentale condotta ha evidenziato una forte vitalità di tutte le attività legate al trasporto aereo.. Il polo aeronautico campano rappresenta oggi una realtà di primaria importanza nello scenario economico-industriale della regione e di forte interesse politico. Si colloca inoltre in una posizione fortemente strategica nello scenario nazionale; la vicinanza con la Regione Puglia, terzo polo e sede del Metadistretto Aerospaziale, può fare ipotizzare un tessuto favorevole all ampliamento di tutte le attività ed un rafforzamento dell area meridionale della Nazione. La collocazione geografica della Regione Campania, al centro dell Area mediterranea, risulta strategica per lo sviluppo delle attività di manutenzione e revisione di aeromobili e componenti. La presenza sul territorio di Aziende affermate, operanti sul territorio da molti anni e di recente oggetto di avvicendamento nella proprietà, fa ben sperare per un rilancio e un potenziamento del settore. 7 LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA Il settore della manutenzione aeronautica è ormai da anni sottratto alla regolamentazione nazionale: infatti dal 2003 l intera materia è regolata da Regolamenti emessi dalla Commissione Europea. Nel 2003 è stata creata l EASA (l Agenzia Europea per la Sicurezza Aeronautica) con sede a Colonia che ha, tra l altro, il compito di verificare attraverso visite ispettive, le modalità con le quali gli Stati membri applicano la normativa Europea. Tutti i regolamenti vengono predisposti da EASA e dopo un periodo di consultazione, proposti alla Commissione Europea per l approvazione. 7

9 Il settore della Manutenzione degli aeromobili è previsto nel Regolamento 2042/2003 che riporta come allegati altri quattro Regolamenti: la Parte M per la gestione della navigabilità degli aeromobili, la Parte 145 per la certificazione delle imprese di manutenzione, la Parte 66 per il rilascio di Licenze del personale abilitato alla reimmissione in servizio degli aeromobili dopo la manutenzione (Certifying Staff), la Parte 147 per la certificazione di imprese di addestramento. Quest ultima, in particolare, prevede il riconoscimento di imprese per l addestramento basico dei tecnici di manutenzione (Certifying Staff), nonché i corsi macchine per estendere l abilitazione e quindi la licenza ad un determinato tipo di aeromobile. Le organizzazioni di addestramento basico hanno quindi il compito di impartire l addestramento ed hanno il privilegio di eseguire l esame che viene riconosciuto dall Ente Aeronautico di Sorveglianza, in Italia l ENAC (Ente Nazionale di Aviazione Civile). Le specifiche dell addestramento (moduli didattici e relativi contenuti) sono riportati nell appendice I del regolamento Parte 66. La Normativa JAR 66, divulgata con anni di anticipo, ha definito 4 figure professionali in grado di conseguire la licenza di Manutentore Aeronautico (LMA), titolo che, a differenza del Certificato di Idoneità Tecnica (CIT), è personale e non dipende dalla struttura di afferenza del manutentore: il meccanico di linea (denominato A), il tecnico meccanico strutturista (B1), il tecnico elettronico (B2), l ingegnere di manutenzione (C). La norma ha imposto altresì un preciso protocollo per il conseguimento dei titoli: definizione dei contenuti dei moduli, superamento di esami presso l Ente di Certificazione nazionale o presso scuola accreditata secondo norma JAR 147. Il manutentore aeronautico è divenuto pertanto un tecnico di profilo molto elevato, dotato di solida cultura di base sulle discipline matematico-fisiche e formato attraverso discipline applicate ma con una solida base teorica. La situazione nazionale attualmente vede la conclusione delle conversioni delle licenze nazionali, e la necessità di formare nuovo personale, come rilevato da recenti statistiche. In Italia stanno già arrivando tecnici certificati da altri paesi comunitari attirati anche da condizioni salariali vantaggiose rispetto a quelle del loro stato di provenienza. Le scuole certificate secondo Parte 147 (nove in Italia per i corsi type training di cui tre per l addestramento di base) hanno dimostrato poco interesse alla formazione di base, tendendo a limitare tale privilegio al personale interno. Ciò ha anche spinto imprese estere certificate come Parte 147 (al momento una) ad installarsi in Italia. Attualmente il mercato della manutenzione in Italia lamenta carenza di personale certificato, di tutte le categorie previste: un manutentore dotato di LMA, quindi certificato dall ente di certificazione europeo EASA, è figura di sicuro interesse per il mercato del lavoro in Italia e in Europa. Questo panorama ci porta alla conclusione che in Italia vi è la necessità di sfruttare, per quanto possibile, l opportunità di addestramento offerta dagli Istituti tecnici con indirizzo in costruzioni aeronautiche e dai corsi post diploma (IFTS) che, con la flessibilità didattica di cui godono, possono adattare i loro programmi rendendoli compatibili con le specifiche 8

10 di cui al regolamento Parte 66, creando così l opportunità di riconoscimento di crediti (totali o parziali) per la parte teorica. La scuola potrà esprimere un istruzione tecnica aeronautica in linea con le norme di certificazione e, di conseguenza, con le richieste degli operatori, in un mercato fortemente in crescita. Si calcola che l Italia dovrà raddoppiare in dieci anni i suoi manutentori certificati passando dai circa attuali a Questa strada, se avrà successo, porterebbe l Italia ad allinearsi a quello che succede già in Germania, Francia, Inghilterra dove le scuole pubbliche di settore hanno già da tempo adattato la loro didattica per rispondere ai regolamenti europei in materia, sfornando quindi personale che, almeno per la parte teorica, risponde pienamente al regolamento Parte PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI In sede di progettazione delle azioni di sistema si sono operate delle considerazioni che qui si riportano in sintesi: in particolare si è definito il Check-up delle Imprese, con l'obiettivo di analizzare e approfondire alcuni temi cruciali nella gestione delle PMI impegnate in percorsi di sviluppo: l'assetto organizzativo e produttivo, le risorse umane, il marketing e le vendite, la gestione della qualità; che di tipo specifico quali la predisposizione all utilizzo delle nuove tecnologie e la conseguente necessità di formazione specialistica. 9 METODOLOGIA DI INTERVENTO La fase di analisi prevede l utilizzo di una metodologia già sperimentata e consolidata che viene riepilogata nel seguente flow-chart: 9.1 Definizione di un modello rappresentativo d impresa Al fine di rappresentare l azienda bisogna analizzare quattro aspetti: Qual è l ambiente esterno in cui opera ed in particolar modo l ambito socio economico e lo scenario competitivo; Quali sono i risultati che vuole raggiungere in termini sia economico-finanziario che competitivo ed organizzativo; Quali sono i processi posti in essere per il raggiungimento degli obiettivi e quindi l insieme delle attività e delle azioni operative e decisionali da cui dipendono i risultati; Quali le risorse utilizzate sia umane che strutturali. 9.2 Costruzione dell impianto di check-up L impianto di check-up deve essere coerente con il modello rappresentativo dell impresa ed articolato in sub aree di controllo. La valutazione è stata incentrata sui seguenti ambiti: Posizionamento strategico; Sviluppo socio qualitativo; 9

11 Risorse e fattori abilitanti; Processi aziendali Esigenze tecnologiche In relazione al posizionamento strategico, obiettivo della rilevazione è di comprendere a fondo le caratteristiche del mercato nel quale l azienda opera e la competitività dell azienda medesima su quel mercato. L analisi si articola dunque in una verifica dell attrattiva offerta dal mercato, ed alla fine dell analisi si possono trarre delle conclusioni sulle reali forze/debolezza dell azienda. Obiettivo della rilevazione socio qualitativa è comprendere a fondo se l impresa in esame possegga o meno alcune caratteristiche fondamentali per poter operare efficacemente e con adeguata competitività sul mercato, nonché valutare il tasso di innovazione praticato. Sono testati: il patrimonio delle conoscenze, il grado di innovazione, l identity e l immagine aziendale. Per quanto concerne l audit sulle risorse e i fattori abilitanti, gli obiettivi del controllo sono di valutare il livello di coerenza nelle scelte organizzative, l adeguatezza delle risorse umane, il livello delle competenze possedute dal personale. Infine relativamente alle esigenze tecnologiche, l indagine è rivolta a rilevare il grado di innovazione, le dotazioni di tecnologie informatiche (hardware e software), la tipologia di rete locale (token ring, ethernet, ecc) i servizi di comunicazione (utilizzo di banche dati, commercio elettronico, EDI electronic data interchange). 9.3 Interviste dirette con i responsabili aziendali Preliminarmente è stata fornita, a mezzo mail al responsabile aziendale, una indicazione di massima sui contenuti dell intervista e successivamente è stato fissato un incontro per la visita in azienda. Durante la stessa è stata acquisita tutta la documentazione necessaria e sono state realizzate delle interviste dirette, al fine di rilevare le aree di maggior interesse per definire l ambito di intervento del progetto di sviluppo. 9.4 Sistema di indicatori di rilevazione Per consentire un immediata lettura ed interpretazione dei dati quantitativi e delle informazioni riguardanti ciascuna impresa si è proceduto alla costituzione di Indicatori di sintesi, che hanno prodotto delle Schede-Impresa, consultabili dal gruppo di lavoro in qualsiasi momento. 9.5 Predisposizione di un report di commento Al termine delle rilevazioni è stato elaborato un report che rappresenta lo stato dell impresa, i suoi punti di forza e debolezza; viene inoltre fornita anche una indicazione sull ambito di intervento dell applicazione con motivazione delle scelte e descrizione delle caratteristiche generali. 10 AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE Il gruppo di lavoro costituito in sede di CTS ha elaborato il questionario da sottoporre alle aziende del settore ed ha individuato le aziende destinatarie. 10

12 Come sequenza delle operazioni si è stabilito: invio del questionario a mezzo posta a tutte le aziende individuate; sollecitazione telefonica della risposta; interviste in azienda. 11 QUESTIONARIO Alle aziende elencate è stato inviata una Scheda intervista predisposta dal Gruppo di Lavoro. La scheda si propone, come stabilito nella premessa, di individuare l azienda sotto il profilo produttivo, di conoscere le esigenze di personale specializzato da parte della stessa individuandone in modo preciso le caratteristiche in termine di competenze. E stato anche chiesto se l azienda fosse disponibile per ospitare gli stage. 12 ESITI DELL INDAGINE Dalle informazioni in nostro possesso, assunte da un campione che si ritiene rappresentativo, si deduce un forte interesse verso figure professionali da inserire nel settore aerospazio caratterizzate dal possesso di: competenze linguistiche certificate; competenze informatiche certificate; conoscenza dei fondamenti di elettrotecnica /elettronica e pratica nell uso della strumentazione; conoscenza dei materiali in uso in aeronautica; conoscenza della struttura e degli impianti degli aeromobili; conoscenza ed applicazione della legislazione aeronautica; competenze certificate nel settore della manutenzione aeronautica; competenze relative alla industrializzazione del prodotto; ottima preparazione culturale di base. 13 FIGURE PROFESSIONALI Dalla sintesi dei risultati dell Analisi Documentale e Dalla Analisi sul Campo si perviene alla seguente proposta relativa alle figure professionali dal produrre: I due percorsi IFTS da attivare potrebbero essere rivolti entrambi al settore della Manutenzione Aeronautica oppure uno dedicato a figure connesse alla manutenzione e l altro all ingegnerizzazione del prodotto. In sede di CTS di rete si deciderà in merito. Le figure professionali che si sono individuate possono così essere descritte: Settore manutenzione aeronautica 13.1 Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili cura la manutenzione dei componenti dell'aeromobile, controlla e valuta l'andamento dei dati sullo stato di 11

13 funzionamento degli aeromobili e l'efficacia degli interventi, adottando gli opportuni provvedimenti. Più dettagliatamente applica conoscenze degli aeromobili, programmi specifici, sottosistemi, proprietà dei materiali per la soluzione di problemi legati agli interventi di manutenzione ed è in grado di valutare le situazioni a rischio indicando le misure di primo intervento ai fini del loro contenimento. Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili si relaziona con il responsabile del servizio manutenzione, con il referente sicurezza e qualità aziendale, con i componenti della squadra di manutenzione, con tecnici di aziende costruttrici di aeromobili e componentistica; in caso di interventi in esterno con il pilota. Inoltre si interfaccia con i servizi di magazzino materiali e componenti Settore produzione 13.2 Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale Il Tecnico Superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo nell industria aerospaziale cura l adeguamento delle tecnologie di produzione e l eventuale ricorso a risorse esterne, interviene sui problemi relativi al processo produttivo per il mantenimento della qualità e aggiorna la documentazione. 14 I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO Il REGOLAMENTO (CE) N. 2042/2003 DELLA COMMISSIONE EUROPEA del 20 novembre 2003 stabilisce, ai fini di un elevato livello di standardizzazione delle misure di sicurezza dell'aviazione civile e della tutela ambientale, i requisiti richiesti per la manutenzione aeronautica. L allegato III dello stesso regolamento comunitario norma le procedure formative in materia di licenza per la manutenzione aeronautica di aerei ed elicotteri stabilendo i requisiti per il rilascio della licenza di manutenzione aeronautica e le relative condizioni di validità per aerei ed elicotteri appartenenti alle seguenti categorie: Categoria A Categoria B1 Categoria B2 Categoria C Le categorie A e B1 sono suddivise in sottocategorie relative a combinazioni di velivoli, elicotteri, motori a turbine e a pistoni. Le sottocategorie sono: A1 e B1.1 Velivoli a turbina A2 e B1.2 Velivoli a pistone A3 e B1.3 Elicotteri a turbina 12

14 A4 e B1.4 Elicotteri a pistone I profili che di seguito presentiamo, mantenendo invariata l impostazione progettuale richiesta dagli enti istituzionali per gli IFTS, afferisco a due tipologie di manutentori, certificabili ENAC, ovvero: manutentori per velivoli a turbina manutentori per velivoli a pistone. I contenuti delle UFC tecnico professionali variano: nella parte relativa alla specificità del propulsore (turbina o pistone) e nel monte ore teorico/ pratico (650 complessive ore per motori a pistone 800 per motori a turbina). La particolarità del settore in cui il polo va ad operare richiede una specificità nei contenuti dei percorsi formativi, poco allineati con la genericità degli standard formativi IFTS, inoltre i titoli dei corsi devono contenere all interno un richiamo del settore stesso per rendere chiaro agli allievi l ambito lavorativo di riferimento. In altri termini pur tenendo presente gli standard in termini competenze, per quanto riguarda le attività esse dovranno fare riferimento alle mansioni specifiche richieste dal settore; quindi il Tecnico superiore per la conduzione e la manutenzione degli impianti previsto dal repertorio nazionale si trasforma nel nostro caso nel Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili. 13

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia Regione Liguria Provincia di Imperia Assessorato alla Formazione Professionale, Sviluppo occupazionale e Servizi per l impiego Settore Politiche attive per il lavoro, Formazione professionale, Servizi

Dettagli

proprio maintenance records

proprio maintenance records La manutenzione La manutenzione consiste nell insieme degli interventi sugli aeromobili e loro parti intesi a mantenerli in stato di aeronavigabilità. Essi consistono in operazioni di lubrificazione, ispezione,

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25

Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25 DOCUMENTO ALTAMENTE CONFIDENZIALE Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25 1. VISIONE STRATEGICA PER ALITALIA: UNA STRATEGIA DI CRESCITA SOSTENIBILE E REDDITIZIA Air France-KLM desidera il rilancio di

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk Il mantenimento del ciclo di gestione della performance Le attività di helpdesk Dicembre 2014 Introduzione e indice del documento Le attività di helpdesk sono state progettate con l obiettivo di supportare

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Advisory Council for Aviation Research and Innovation in Europe - Italia Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Executive Summary Marzo 2014 Realising Europe s vision for aviation Strategic Research

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 595 19.10.2012 A.G.C. 6 - Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica Settore: 2 - Analisi, Progettazione e Gestione Sistemi Informativi Oggetto:

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI ANALISI DI FABBISOGNI DI INNOVAZIONE E FORMAZIONE 1. Le Figure Professionali IFTS Il Tecnico superiore per l organizzazione ed il marketing del turismo integrato gestisce i rapporti con soggetti pubblici

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it

Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it YOUR DREAMS YOUR FUTURE Cosa ti prospetta il mondo del lavoro? Giovani 20-24 anni LAVORA STUDIA DISOCCUPATO 29% 36%

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali SCHEDA CASOTTI Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali Il commercio internazionale 15,0 10,0 Scambi manifatturieri e PIL mondiale (var. annua a prezzi costanti) var.

Dettagli

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ 7 novembre 13 ASSETTI STRUTTURALI E FATTORI DI COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE ITALIANE: MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ UN SISTEMA CHE COMPETE SU PIÙ MERCATI La maggior parte delle imprese

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Sezione 4 Requisiti Gestionali

Sezione 4 Requisiti Gestionali INDICE Sezione 4 Requisiti Gestionali 4.1 Organizzazione... 2 4.1.1 Organigramma funzionale... 3 4.1.2 Quadro Mansioni e Competenze... 4 4.2 Sistema di Gestione Qualità... 6 4.2.1 Gestione della Politica

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Il Direttore Regolazione Personale di Volo gs LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Come noto il Consiglio dell ICAO ha adottato il 5 Marzo 2003

Dettagli

Requisiti specifici e modalità di valutazione

Requisiti specifici e modalità di valutazione AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UN PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO NELL AMBITO DEL TRASPORTO MERCI CON VELIVOLI A PILOTAGGIO REMOTO Requisiti specifici e modalità di valutazione ALLEGATO A 1. Premessa

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

La gestione integrata prende il volo. the net works

La gestione integrata prende il volo. the net works La gestione integrata prende il volo. the net works Sommario Tanti servizi al vostro servizio..2 Punto per punto, tutti i punti di forza..3 IW Syllabus.4 IW Tester.4 IW Prenotazioni.5 IW Sala Piloti.7

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA CIRCOLARE SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA Le Circolari contengono interpretazioni e metodi accettabili di conformità

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE

ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE (ARTT. 8 E 11 DELL'AVVISO) Spett. le REGIONE CAMPANIA UOGP Unità Operativa Grandi Progetti e Grandi Programmi via S.Lucia 81 80132 Napoli AGC 06 - Ricerca scientifica,

Dettagli

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA Statistiche A cura di Annamaria Fiore Editing a cura di Annamaria Monterisi ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione Copyright 2011 ARTI

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Gestione delle informazioni - Big Data & In-Memory Computing

Gestione delle informazioni - Big Data & In-Memory Computing Libro bianco Gestione delle informazioni - Big Data & In-Memory Computing Opportunità e sfide per piccole & medie imprese Gennaio 2014 Gestione delle informazioni Big Data & In-Memory Computing 2 Pubblicato

Dettagli

IL CASO SOUTHWEST AIRLINES

IL CASO SOUTHWEST AIRLINES IL CASO SOUTHWEST AIRLINES Fonte: PELLICELLI A.C., Il caso Ryanair in Casi di marketing, Giappichelli, Torino, 2002. È il caso di un successo straordinario in un settore in cui la concorrenza è fortissima

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Un valido sostegno alle imprese toscane

Un valido sostegno alle imprese toscane Un valido sostegno alle imprese toscane Toscana Promozione ha come obiettivo quello di favorire la crescita sostenibile dell economia regionale attraverso il miglioramento della competitività del sistema

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Il Direttore Regolazione Personale di Volo gs LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Come noto il Consiglio dell ICAO ha adottato il 5 Marzo 2003

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE CONTRO LA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI DEL COSTRUTTORE E/O MANUTENTORE DI PRODOTTI AERONAUTICI

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE CONTRO LA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI DEL COSTRUTTORE E/O MANUTENTORE DI PRODOTTI AERONAUTICI QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE CONTRO LA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI DEL COSTRUTTORE E/O MANUTENTORE DI PRODOTTI AERONAUTICI. Proponente. L IMPRESA. Indirizzo Telefono Fax Telex Partita IVA. Ubicazione

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione INTRODUZIONE La proposta formativa attualmente disponibile in Campania vanta un numero ingente di possibilità di scelta, tra formazione finanziata e auto-finanziata in forma di corsi

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 PROVINCIA DI SALERNO - Avviso Pubblico per l attuazione degli interventi formativi programmati nell ambito del progetto integrato PI Piana del Sele da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano Allegato A GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano 0. Premessa Il

Dettagli

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti?

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? 4 Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? Nell agosto 2000, facendo una ricerca in Internet sulla gestione di progetti uno dei principali motori di ricerca ha individuato 579.232 siti

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY

TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY CONTACT US: Winfly Corso Sempione 32B - Milano Aviosuperficie E. Mattei Via Sant Angelo 75010 Pisticci Scalo (Matera) +39 0236683102 TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY www.winfly.eu www.basilicata-airport.eu

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014

EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014 EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014 Obiettivi e metodologia della ricerca QUAERIS ha realizzato per EXPORT CHALLENGE un sondaggio tra aziende del Nord Est dedite all internazionalizzazione

Dettagli

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio PON GAT 2007-2013 Asse I Obiettivo Operativo I.4 Progetto «Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali)» «Priority

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE Questa nota è a beneficio degli operatori che intendono svolgere operazioni specializzate, a titolo oneroso (commerciali o

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale. A cura di Salvatore Salerno

L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale. A cura di Salvatore Salerno L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale Salvatore Salerno Web Manager www.campagnamicacosenza.com linkedin.com/in/salvatoresalerno salvatoresalerno.wordpress.com @salernoweb Scenario NUMERO

Dettagli