Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi"

Transcript

1 P.O.R. Campania FSE Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi DD n 74/2006 (BURC n 54 del ) - DD n 43/2007 ( BURC n sp. del ) D.G.R. 1062/ misura 3.7/A- Cod. Uff.05 Istituto Tecnico Aeronautico Villaggio dei Ragazzi Piazza Matteotti n Maddaloni (CE) Tel Fax AZIONE DI SISTEMA N.1 ANALISI DEI FABBISOGNI E PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

2 Sommario 1 INTRODUZIONE LO SCENARIO GLOBALE L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA..7 8 PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI METODOLOGIA DI INTERVENTO Definizione di un modello rappresentativo d impresa Costruzione dell impianto di check-up Interviste dirette con i responsabili aziendali Sistema di indicatori di rilevazione Predisposizione di un report di commento AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE QUESTIONARIO ESITI DELL INDAGINE FIGURE PROFESSIONALI Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO

3 1 INTRODUZIONE I processi legati alla globalizzazione dei mercati e gli effetti sulle economie locali interesano ormai quasi tutti i settori produttivi. Uno dei settori che da tempo sta risentendo degli effetti della globalizzazione è indubbiamente quello aeronautico, già di per sé caratterizzato da una filiera internazionale di tipo piramidale, con elevati poteri decisionali ai vertici e bassa capacità di interazione dei mercati alla base. Il settore aeronautico è caratterizzato da forte dinamicità, sia sotto il profilo strategico che produttivo, da elevato rischio generato dai forti investimenti richiesti, da lunghi cicli di sviluppo dei prodotti. Questa breve relazione intende mettere a fuoco le caratteristiche settoriali, avendo svolto una attenta analisi dei documenti reperiti sull argomento. Punto di interesse specifico è l industria e le attività legate alle operazioni aeronautiche, particolarmente quella legata alla manutenzione degli aeromobili nella Regione Campania senza trascurare altri territori maggiormente coinvolti in questo campo. 2 LO SCENARIO GLOBALE Il mercato dell aviazione civile è attualmente dominato da due realtà: il consorzio europeo Airbus e l americana Boeing, con sede negli Stati Uniti. L andamento dell industria aeronautica è strettamente collegato a quello del trasporto aereo, in quanto l unico sbocco di mercato per le industrie che lavorano nel settore dell aeronautica civile sono proprio le compagnie aeree internazionali, che con i loro ordini influenzano i programmi di produzione. Dando uno sguardo al passato ed analizzandone l evoluzione, si evince che l aviazione è il mezzo di trasporto che ha registrato il maggior sviluppo nel corso degli ultimi decenni. Tale favorevole trend è dovuto ad una serie di fattori, tra questi: una diminuzione del costo del trasporto; un aumento del valore offerto dalle compagnie, con maggiori servizi soprattutto a terra (prenotazioni on-line, check-in velocizzati, etc); il crescente interesse e bisogno dei consumatori a spostarsi in tutto il mondo con maggiore frequenza e a maggiore velocità. Negli ultimi tre decenni si è assistito ad un profondo cambiamento del sistema aeronautico. Una serie di eventi di tipo politico, economico e sociale hanno condotto ad un mutamento delle regole competitive. Dapprima la deregulation, iniziata nel 1978 negli Stati Uniti e successivamente diffusasi in tutto il mondo, che ha visto un brusco passaggio da mercati altamente regolati a mercati nazionali e internazionali deregolamentati. I cosiddetti open sky hanno consentito alle compagnie aeree di effettuare liberamente scelte relative alle rotte e alle politiche di prezzo, intensificando la competizione. 2

4 3 L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO L analisi della situazione attuale lascia prevedere che il trend positivo si confermi nei prossimi anni. Le previsioni di Boeing parlano di un incremento del traffico passeggeri e cargo nel lungo termine ad un tasso rispettivamente del 4,9% e 6,1%. Crescita che sarà trainata dal parallelo aumento del PIL mondiale medio ad un tasso del 3% circa l anno per i prossimi vent anni. Figura 1 - Evoluzione trasporto passeggeri mondiale Figura 2 - Evoluzione trasporto cargo mondiale 3

5 Figura 3 - Evoluzione trasporto passeggeri europeo Il settore da questo punto di vista appare dunque molto attrattivo, soprattutto a giudicare dalle aspettative delle principali aziende che operano al suo interno. Sia la Boeing che la Rolls Royce, due tra i players più importanti coinvolti, prevedono che nell arco del prossimo ventennio la flotta aerea mondiale sarà raddoppiata: nei cieli voleranno circa velivoli, di cui di nuova costruzione, contro gli attuali e una buona parte sarà di piccole dimensioni. Figura 4 - Previsione sviluppo delle flotte Per quanto concerne la distribuzione della domanda, Europa e Nord America assorbiranno il 52% della domanda totale di jet regionali e/o a corridoio singolo, mentre le regioni asiatiche richiederanno velivoli più spaziosi, quindi a doppio corridoio. Le stime di crescita globale mostrano ovviamente differenza nelle varie regioni, perché diverso risulta il grado di maturità dei mercati e i tassi di crescita delle economie. Risulta in ogni caso che sarà l Asia ad essere il più importante mercato per valore. 4

6 Figura 5 - Evoluzione della flotta civile nel mondo Figura 6 - Evoluzione della flotta civile in Europa 4 IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE. Mentre il mercato delle flotte continuerà a crescere, il mercato della manutenzione e revisione degli aeromobili non vivrà pari incremento: ciò a causa del crescente livello ingegneristico e tecnologico che porta ad una richiesta di manutenzione progressivamente minore su velivoli di generazione più recente. 5

7 Figura 7 - Investimenti nelle operazioni di manutenzione e revisione L attività di manutenzione e revisione era sino a pochi anni fa quasi integralmente a carico delle compagnie Il progressivo cambiamento di scenario economico, la comparsa di molte compagnie low-cost con flotte di modeste dimensioni, ha determinato la nascita di Società dedite esclusivamente alla manutenzione e revisione per terzi, che possono far uso del loro volume di business e di specializzazione per praticare prezzi unitari più convenienti. Un gran numero di Compagnie di bandiera hanno eliminato integralmente i propri servizi di manutenzione, terzializzando ad esterni; altri operatori come AIRFRANCE e LUFTANSA hanno integralmente separato le operazioni di compagnia da quelle di manutenzione, facendo convergere le proprie attività manutentive e ingegneristiche in una Società separata. Figura 8 - Suddivisione geografica del mercato della manutenzione Le continue pressioni finanziarie nel mercato del trasporto aereo, l introduzione delle compagnie lowcost, ha portato ulteriori cambiamenti ai fornitori di servizi di revisione e manutenzione, con una riduzione dei prezzi e una migrazione verso altri paesi, in grado di 6

8 fornire manodopera di basso costo. In termini geografici vi è una tendenza a muoversi verso la Cina, l Est asiatico e il Sud America, anche se il livello di servizio offerto è giudicato troppo basso da molte compagnie. La recentissima tendenza vede il consolidarsi di pochi fornitori che si stanno progressivamente affermando sul mercato e dominandolo acquisendo fornitori più piccoli o realizzando centri operativi in questi paesi che, oltre a offrire bassi costi di manodopera, incentivano l insediamento di nuovi presidi produttivi. 5 DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE Il diagramma di fig. 3.1 mostra che circa 100 miliardi di dollari vengono spesi annualmente in operazioni di manutenzione e revisione. Tale valore supera notevolmente i 75 miliardi di valore dei nuovi velivoli. Il grafico mostra l importanza del mercato militare, ma è opportuno separare comunque le voci, data la profonda diversità dei due settori. La porzione di attività relativa al civile è stimata intorno ai 36 miliardi di dollari, il 50% della quale data a fornitori esterni. I grafici successivi evidenziano la suddivisione per tipologia di attività: risulta evidente che la porzione maggiore copre la revisione e manutenzione dei motori 6 IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA L analisi documentale condotta ha evidenziato una forte vitalità di tutte le attività legate al trasporto aereo.. Il polo aeronautico campano rappresenta oggi una realtà di primaria importanza nello scenario economico-industriale della regione e di forte interesse politico. Si colloca inoltre in una posizione fortemente strategica nello scenario nazionale; la vicinanza con la Regione Puglia, terzo polo e sede del Metadistretto Aerospaziale, può fare ipotizzare un tessuto favorevole all ampliamento di tutte le attività ed un rafforzamento dell area meridionale della Nazione. La collocazione geografica della Regione Campania, al centro dell Area mediterranea, risulta strategica per lo sviluppo delle attività di manutenzione e revisione di aeromobili e componenti. La presenza sul territorio di Aziende affermate, operanti sul territorio da molti anni e di recente oggetto di avvicendamento nella proprietà, fa ben sperare per un rilancio e un potenziamento del settore. 7 LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA Il settore della manutenzione aeronautica è ormai da anni sottratto alla regolamentazione nazionale: infatti dal 2003 l intera materia è regolata da Regolamenti emessi dalla Commissione Europea. Nel 2003 è stata creata l EASA (l Agenzia Europea per la Sicurezza Aeronautica) con sede a Colonia che ha, tra l altro, il compito di verificare attraverso visite ispettive, le modalità con le quali gli Stati membri applicano la normativa Europea. Tutti i regolamenti vengono predisposti da EASA e dopo un periodo di consultazione, proposti alla Commissione Europea per l approvazione. 7

9 Il settore della Manutenzione degli aeromobili è previsto nel Regolamento 2042/2003 che riporta come allegati altri quattro Regolamenti: la Parte M per la gestione della navigabilità degli aeromobili, la Parte 145 per la certificazione delle imprese di manutenzione, la Parte 66 per il rilascio di Licenze del personale abilitato alla reimmissione in servizio degli aeromobili dopo la manutenzione (Certifying Staff), la Parte 147 per la certificazione di imprese di addestramento. Quest ultima, in particolare, prevede il riconoscimento di imprese per l addestramento basico dei tecnici di manutenzione (Certifying Staff), nonché i corsi macchine per estendere l abilitazione e quindi la licenza ad un determinato tipo di aeromobile. Le organizzazioni di addestramento basico hanno quindi il compito di impartire l addestramento ed hanno il privilegio di eseguire l esame che viene riconosciuto dall Ente Aeronautico di Sorveglianza, in Italia l ENAC (Ente Nazionale di Aviazione Civile). Le specifiche dell addestramento (moduli didattici e relativi contenuti) sono riportati nell appendice I del regolamento Parte 66. La Normativa JAR 66, divulgata con anni di anticipo, ha definito 4 figure professionali in grado di conseguire la licenza di Manutentore Aeronautico (LMA), titolo che, a differenza del Certificato di Idoneità Tecnica (CIT), è personale e non dipende dalla struttura di afferenza del manutentore: il meccanico di linea (denominato A), il tecnico meccanico strutturista (B1), il tecnico elettronico (B2), l ingegnere di manutenzione (C). La norma ha imposto altresì un preciso protocollo per il conseguimento dei titoli: definizione dei contenuti dei moduli, superamento di esami presso l Ente di Certificazione nazionale o presso scuola accreditata secondo norma JAR 147. Il manutentore aeronautico è divenuto pertanto un tecnico di profilo molto elevato, dotato di solida cultura di base sulle discipline matematico-fisiche e formato attraverso discipline applicate ma con una solida base teorica. La situazione nazionale attualmente vede la conclusione delle conversioni delle licenze nazionali, e la necessità di formare nuovo personale, come rilevato da recenti statistiche. In Italia stanno già arrivando tecnici certificati da altri paesi comunitari attirati anche da condizioni salariali vantaggiose rispetto a quelle del loro stato di provenienza. Le scuole certificate secondo Parte 147 (nove in Italia per i corsi type training di cui tre per l addestramento di base) hanno dimostrato poco interesse alla formazione di base, tendendo a limitare tale privilegio al personale interno. Ciò ha anche spinto imprese estere certificate come Parte 147 (al momento una) ad installarsi in Italia. Attualmente il mercato della manutenzione in Italia lamenta carenza di personale certificato, di tutte le categorie previste: un manutentore dotato di LMA, quindi certificato dall ente di certificazione europeo EASA, è figura di sicuro interesse per il mercato del lavoro in Italia e in Europa. Questo panorama ci porta alla conclusione che in Italia vi è la necessità di sfruttare, per quanto possibile, l opportunità di addestramento offerta dagli Istituti tecnici con indirizzo in costruzioni aeronautiche e dai corsi post diploma (IFTS) che, con la flessibilità didattica di cui godono, possono adattare i loro programmi rendendoli compatibili con le specifiche 8

10 di cui al regolamento Parte 66, creando così l opportunità di riconoscimento di crediti (totali o parziali) per la parte teorica. La scuola potrà esprimere un istruzione tecnica aeronautica in linea con le norme di certificazione e, di conseguenza, con le richieste degli operatori, in un mercato fortemente in crescita. Si calcola che l Italia dovrà raddoppiare in dieci anni i suoi manutentori certificati passando dai circa attuali a Questa strada, se avrà successo, porterebbe l Italia ad allinearsi a quello che succede già in Germania, Francia, Inghilterra dove le scuole pubbliche di settore hanno già da tempo adattato la loro didattica per rispondere ai regolamenti europei in materia, sfornando quindi personale che, almeno per la parte teorica, risponde pienamente al regolamento Parte PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI In sede di progettazione delle azioni di sistema si sono operate delle considerazioni che qui si riportano in sintesi: in particolare si è definito il Check-up delle Imprese, con l'obiettivo di analizzare e approfondire alcuni temi cruciali nella gestione delle PMI impegnate in percorsi di sviluppo: l'assetto organizzativo e produttivo, le risorse umane, il marketing e le vendite, la gestione della qualità; che di tipo specifico quali la predisposizione all utilizzo delle nuove tecnologie e la conseguente necessità di formazione specialistica. 9 METODOLOGIA DI INTERVENTO La fase di analisi prevede l utilizzo di una metodologia già sperimentata e consolidata che viene riepilogata nel seguente flow-chart: 9.1 Definizione di un modello rappresentativo d impresa Al fine di rappresentare l azienda bisogna analizzare quattro aspetti: Qual è l ambiente esterno in cui opera ed in particolar modo l ambito socio economico e lo scenario competitivo; Quali sono i risultati che vuole raggiungere in termini sia economico-finanziario che competitivo ed organizzativo; Quali sono i processi posti in essere per il raggiungimento degli obiettivi e quindi l insieme delle attività e delle azioni operative e decisionali da cui dipendono i risultati; Quali le risorse utilizzate sia umane che strutturali. 9.2 Costruzione dell impianto di check-up L impianto di check-up deve essere coerente con il modello rappresentativo dell impresa ed articolato in sub aree di controllo. La valutazione è stata incentrata sui seguenti ambiti: Posizionamento strategico; Sviluppo socio qualitativo; 9

11 Risorse e fattori abilitanti; Processi aziendali Esigenze tecnologiche In relazione al posizionamento strategico, obiettivo della rilevazione è di comprendere a fondo le caratteristiche del mercato nel quale l azienda opera e la competitività dell azienda medesima su quel mercato. L analisi si articola dunque in una verifica dell attrattiva offerta dal mercato, ed alla fine dell analisi si possono trarre delle conclusioni sulle reali forze/debolezza dell azienda. Obiettivo della rilevazione socio qualitativa è comprendere a fondo se l impresa in esame possegga o meno alcune caratteristiche fondamentali per poter operare efficacemente e con adeguata competitività sul mercato, nonché valutare il tasso di innovazione praticato. Sono testati: il patrimonio delle conoscenze, il grado di innovazione, l identity e l immagine aziendale. Per quanto concerne l audit sulle risorse e i fattori abilitanti, gli obiettivi del controllo sono di valutare il livello di coerenza nelle scelte organizzative, l adeguatezza delle risorse umane, il livello delle competenze possedute dal personale. Infine relativamente alle esigenze tecnologiche, l indagine è rivolta a rilevare il grado di innovazione, le dotazioni di tecnologie informatiche (hardware e software), la tipologia di rete locale (token ring, ethernet, ecc) i servizi di comunicazione (utilizzo di banche dati, commercio elettronico, EDI electronic data interchange). 9.3 Interviste dirette con i responsabili aziendali Preliminarmente è stata fornita, a mezzo mail al responsabile aziendale, una indicazione di massima sui contenuti dell intervista e successivamente è stato fissato un incontro per la visita in azienda. Durante la stessa è stata acquisita tutta la documentazione necessaria e sono state realizzate delle interviste dirette, al fine di rilevare le aree di maggior interesse per definire l ambito di intervento del progetto di sviluppo. 9.4 Sistema di indicatori di rilevazione Per consentire un immediata lettura ed interpretazione dei dati quantitativi e delle informazioni riguardanti ciascuna impresa si è proceduto alla costituzione di Indicatori di sintesi, che hanno prodotto delle Schede-Impresa, consultabili dal gruppo di lavoro in qualsiasi momento. 9.5 Predisposizione di un report di commento Al termine delle rilevazioni è stato elaborato un report che rappresenta lo stato dell impresa, i suoi punti di forza e debolezza; viene inoltre fornita anche una indicazione sull ambito di intervento dell applicazione con motivazione delle scelte e descrizione delle caratteristiche generali. 10 AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE Il gruppo di lavoro costituito in sede di CTS ha elaborato il questionario da sottoporre alle aziende del settore ed ha individuato le aziende destinatarie. 10

12 Come sequenza delle operazioni si è stabilito: invio del questionario a mezzo posta a tutte le aziende individuate; sollecitazione telefonica della risposta; interviste in azienda. 11 QUESTIONARIO Alle aziende elencate è stato inviata una Scheda intervista predisposta dal Gruppo di Lavoro. La scheda si propone, come stabilito nella premessa, di individuare l azienda sotto il profilo produttivo, di conoscere le esigenze di personale specializzato da parte della stessa individuandone in modo preciso le caratteristiche in termine di competenze. E stato anche chiesto se l azienda fosse disponibile per ospitare gli stage. 12 ESITI DELL INDAGINE Dalle informazioni in nostro possesso, assunte da un campione che si ritiene rappresentativo, si deduce un forte interesse verso figure professionali da inserire nel settore aerospazio caratterizzate dal possesso di: competenze linguistiche certificate; competenze informatiche certificate; conoscenza dei fondamenti di elettrotecnica /elettronica e pratica nell uso della strumentazione; conoscenza dei materiali in uso in aeronautica; conoscenza della struttura e degli impianti degli aeromobili; conoscenza ed applicazione della legislazione aeronautica; competenze certificate nel settore della manutenzione aeronautica; competenze relative alla industrializzazione del prodotto; ottima preparazione culturale di base. 13 FIGURE PROFESSIONALI Dalla sintesi dei risultati dell Analisi Documentale e Dalla Analisi sul Campo si perviene alla seguente proposta relativa alle figure professionali dal produrre: I due percorsi IFTS da attivare potrebbero essere rivolti entrambi al settore della Manutenzione Aeronautica oppure uno dedicato a figure connesse alla manutenzione e l altro all ingegnerizzazione del prodotto. In sede di CTS di rete si deciderà in merito. Le figure professionali che si sono individuate possono così essere descritte: Settore manutenzione aeronautica 13.1 Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili cura la manutenzione dei componenti dell'aeromobile, controlla e valuta l'andamento dei dati sullo stato di 11

13 funzionamento degli aeromobili e l'efficacia degli interventi, adottando gli opportuni provvedimenti. Più dettagliatamente applica conoscenze degli aeromobili, programmi specifici, sottosistemi, proprietà dei materiali per la soluzione di problemi legati agli interventi di manutenzione ed è in grado di valutare le situazioni a rischio indicando le misure di primo intervento ai fini del loro contenimento. Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili si relaziona con il responsabile del servizio manutenzione, con il referente sicurezza e qualità aziendale, con i componenti della squadra di manutenzione, con tecnici di aziende costruttrici di aeromobili e componentistica; in caso di interventi in esterno con il pilota. Inoltre si interfaccia con i servizi di magazzino materiali e componenti Settore produzione 13.2 Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale Il Tecnico Superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo nell industria aerospaziale cura l adeguamento delle tecnologie di produzione e l eventuale ricorso a risorse esterne, interviene sui problemi relativi al processo produttivo per il mantenimento della qualità e aggiorna la documentazione. 14 I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO Il REGOLAMENTO (CE) N. 2042/2003 DELLA COMMISSIONE EUROPEA del 20 novembre 2003 stabilisce, ai fini di un elevato livello di standardizzazione delle misure di sicurezza dell'aviazione civile e della tutela ambientale, i requisiti richiesti per la manutenzione aeronautica. L allegato III dello stesso regolamento comunitario norma le procedure formative in materia di licenza per la manutenzione aeronautica di aerei ed elicotteri stabilendo i requisiti per il rilascio della licenza di manutenzione aeronautica e le relative condizioni di validità per aerei ed elicotteri appartenenti alle seguenti categorie: Categoria A Categoria B1 Categoria B2 Categoria C Le categorie A e B1 sono suddivise in sottocategorie relative a combinazioni di velivoli, elicotteri, motori a turbine e a pistoni. Le sottocategorie sono: A1 e B1.1 Velivoli a turbina A2 e B1.2 Velivoli a pistone A3 e B1.3 Elicotteri a turbina 12

14 A4 e B1.4 Elicotteri a pistone I profili che di seguito presentiamo, mantenendo invariata l impostazione progettuale richiesta dagli enti istituzionali per gli IFTS, afferisco a due tipologie di manutentori, certificabili ENAC, ovvero: manutentori per velivoli a turbina manutentori per velivoli a pistone. I contenuti delle UFC tecnico professionali variano: nella parte relativa alla specificità del propulsore (turbina o pistone) e nel monte ore teorico/ pratico (650 complessive ore per motori a pistone 800 per motori a turbina). La particolarità del settore in cui il polo va ad operare richiede una specificità nei contenuti dei percorsi formativi, poco allineati con la genericità degli standard formativi IFTS, inoltre i titoli dei corsi devono contenere all interno un richiamo del settore stesso per rendere chiaro agli allievi l ambito lavorativo di riferimento. In altri termini pur tenendo presente gli standard in termini competenze, per quanto riguarda le attività esse dovranno fare riferimento alle mansioni specifiche richieste dal settore; quindi il Tecnico superiore per la conduzione e la manutenzione degli impianti previsto dal repertorio nazionale si trasforma nel nostro caso nel Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili. 13

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli