Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi"

Transcript

1 P.O.R. Campania FSE Polo Formativo Aerospazio Villaggio dei Ragazzi DD n 74/2006 (BURC n 54 del ) - DD n 43/2007 ( BURC n sp. del ) D.G.R. 1062/ misura 3.7/A- Cod. Uff.05 Istituto Tecnico Aeronautico Villaggio dei Ragazzi Piazza Matteotti n Maddaloni (CE) Tel Fax AZIONE DI SISTEMA N.1 ANALISI DEI FABBISOGNI E PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

2 Sommario 1 INTRODUZIONE LO SCENARIO GLOBALE L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA..7 8 PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI METODOLOGIA DI INTERVENTO Definizione di un modello rappresentativo d impresa Costruzione dell impianto di check-up Interviste dirette con i responsabili aziendali Sistema di indicatori di rilevazione Predisposizione di un report di commento AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE QUESTIONARIO ESITI DELL INDAGINE FIGURE PROFESSIONALI Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO

3 1 INTRODUZIONE I processi legati alla globalizzazione dei mercati e gli effetti sulle economie locali interesano ormai quasi tutti i settori produttivi. Uno dei settori che da tempo sta risentendo degli effetti della globalizzazione è indubbiamente quello aeronautico, già di per sé caratterizzato da una filiera internazionale di tipo piramidale, con elevati poteri decisionali ai vertici e bassa capacità di interazione dei mercati alla base. Il settore aeronautico è caratterizzato da forte dinamicità, sia sotto il profilo strategico che produttivo, da elevato rischio generato dai forti investimenti richiesti, da lunghi cicli di sviluppo dei prodotti. Questa breve relazione intende mettere a fuoco le caratteristiche settoriali, avendo svolto una attenta analisi dei documenti reperiti sull argomento. Punto di interesse specifico è l industria e le attività legate alle operazioni aeronautiche, particolarmente quella legata alla manutenzione degli aeromobili nella Regione Campania senza trascurare altri territori maggiormente coinvolti in questo campo. 2 LO SCENARIO GLOBALE Il mercato dell aviazione civile è attualmente dominato da due realtà: il consorzio europeo Airbus e l americana Boeing, con sede negli Stati Uniti. L andamento dell industria aeronautica è strettamente collegato a quello del trasporto aereo, in quanto l unico sbocco di mercato per le industrie che lavorano nel settore dell aeronautica civile sono proprio le compagnie aeree internazionali, che con i loro ordini influenzano i programmi di produzione. Dando uno sguardo al passato ed analizzandone l evoluzione, si evince che l aviazione è il mezzo di trasporto che ha registrato il maggior sviluppo nel corso degli ultimi decenni. Tale favorevole trend è dovuto ad una serie di fattori, tra questi: una diminuzione del costo del trasporto; un aumento del valore offerto dalle compagnie, con maggiori servizi soprattutto a terra (prenotazioni on-line, check-in velocizzati, etc); il crescente interesse e bisogno dei consumatori a spostarsi in tutto il mondo con maggiore frequenza e a maggiore velocità. Negli ultimi tre decenni si è assistito ad un profondo cambiamento del sistema aeronautico. Una serie di eventi di tipo politico, economico e sociale hanno condotto ad un mutamento delle regole competitive. Dapprima la deregulation, iniziata nel 1978 negli Stati Uniti e successivamente diffusasi in tutto il mondo, che ha visto un brusco passaggio da mercati altamente regolati a mercati nazionali e internazionali deregolamentati. I cosiddetti open sky hanno consentito alle compagnie aeree di effettuare liberamente scelte relative alle rotte e alle politiche di prezzo, intensificando la competizione. 2

4 3 L INCREMENTO DEL TRASPORTO AEREO: PREVISIONI DI MERCATO L analisi della situazione attuale lascia prevedere che il trend positivo si confermi nei prossimi anni. Le previsioni di Boeing parlano di un incremento del traffico passeggeri e cargo nel lungo termine ad un tasso rispettivamente del 4,9% e 6,1%. Crescita che sarà trainata dal parallelo aumento del PIL mondiale medio ad un tasso del 3% circa l anno per i prossimi vent anni. Figura 1 - Evoluzione trasporto passeggeri mondiale Figura 2 - Evoluzione trasporto cargo mondiale 3

5 Figura 3 - Evoluzione trasporto passeggeri europeo Il settore da questo punto di vista appare dunque molto attrattivo, soprattutto a giudicare dalle aspettative delle principali aziende che operano al suo interno. Sia la Boeing che la Rolls Royce, due tra i players più importanti coinvolti, prevedono che nell arco del prossimo ventennio la flotta aerea mondiale sarà raddoppiata: nei cieli voleranno circa velivoli, di cui di nuova costruzione, contro gli attuali e una buona parte sarà di piccole dimensioni. Figura 4 - Previsione sviluppo delle flotte Per quanto concerne la distribuzione della domanda, Europa e Nord America assorbiranno il 52% della domanda totale di jet regionali e/o a corridoio singolo, mentre le regioni asiatiche richiederanno velivoli più spaziosi, quindi a doppio corridoio. Le stime di crescita globale mostrano ovviamente differenza nelle varie regioni, perché diverso risulta il grado di maturità dei mercati e i tassi di crescita delle economie. Risulta in ogni caso che sarà l Asia ad essere il più importante mercato per valore. 4

6 Figura 5 - Evoluzione della flotta civile nel mondo Figura 6 - Evoluzione della flotta civile in Europa 4 IL MERCATO DELLA MANUTENZIONE. Mentre il mercato delle flotte continuerà a crescere, il mercato della manutenzione e revisione degli aeromobili non vivrà pari incremento: ciò a causa del crescente livello ingegneristico e tecnologico che porta ad una richiesta di manutenzione progressivamente minore su velivoli di generazione più recente. 5

7 Figura 7 - Investimenti nelle operazioni di manutenzione e revisione L attività di manutenzione e revisione era sino a pochi anni fa quasi integralmente a carico delle compagnie Il progressivo cambiamento di scenario economico, la comparsa di molte compagnie low-cost con flotte di modeste dimensioni, ha determinato la nascita di Società dedite esclusivamente alla manutenzione e revisione per terzi, che possono far uso del loro volume di business e di specializzazione per praticare prezzi unitari più convenienti. Un gran numero di Compagnie di bandiera hanno eliminato integralmente i propri servizi di manutenzione, terzializzando ad esterni; altri operatori come AIRFRANCE e LUFTANSA hanno integralmente separato le operazioni di compagnia da quelle di manutenzione, facendo convergere le proprie attività manutentive e ingegneristiche in una Società separata. Figura 8 - Suddivisione geografica del mercato della manutenzione Le continue pressioni finanziarie nel mercato del trasporto aereo, l introduzione delle compagnie lowcost, ha portato ulteriori cambiamenti ai fornitori di servizi di revisione e manutenzione, con una riduzione dei prezzi e una migrazione verso altri paesi, in grado di 6

8 fornire manodopera di basso costo. In termini geografici vi è una tendenza a muoversi verso la Cina, l Est asiatico e il Sud America, anche se il livello di servizio offerto è giudicato troppo basso da molte compagnie. La recentissima tendenza vede il consolidarsi di pochi fornitori che si stanno progressivamente affermando sul mercato e dominandolo acquisendo fornitori più piccoli o realizzando centri operativi in questi paesi che, oltre a offrire bassi costi di manodopera, incentivano l insediamento di nuovi presidi produttivi. 5 DIMENSIONI DEL MERCATO DELLA MANUTENZIONE Il diagramma di fig. 3.1 mostra che circa 100 miliardi di dollari vengono spesi annualmente in operazioni di manutenzione e revisione. Tale valore supera notevolmente i 75 miliardi di valore dei nuovi velivoli. Il grafico mostra l importanza del mercato militare, ma è opportuno separare comunque le voci, data la profonda diversità dei due settori. La porzione di attività relativa al civile è stimata intorno ai 36 miliardi di dollari, il 50% della quale data a fornitori esterni. I grafici successivi evidenziano la suddivisione per tipologia di attività: risulta evidente che la porzione maggiore copre la revisione e manutenzione dei motori 6 IL RUOLO DELLA REGIONE CAMPANIA L analisi documentale condotta ha evidenziato una forte vitalità di tutte le attività legate al trasporto aereo.. Il polo aeronautico campano rappresenta oggi una realtà di primaria importanza nello scenario economico-industriale della regione e di forte interesse politico. Si colloca inoltre in una posizione fortemente strategica nello scenario nazionale; la vicinanza con la Regione Puglia, terzo polo e sede del Metadistretto Aerospaziale, può fare ipotizzare un tessuto favorevole all ampliamento di tutte le attività ed un rafforzamento dell area meridionale della Nazione. La collocazione geografica della Regione Campania, al centro dell Area mediterranea, risulta strategica per lo sviluppo delle attività di manutenzione e revisione di aeromobili e componenti. La presenza sul territorio di Aziende affermate, operanti sul territorio da molti anni e di recente oggetto di avvicendamento nella proprietà, fa ben sperare per un rilancio e un potenziamento del settore. 7 LA FORMAZIONE CERTIFICATA NEL SETTORE DELLA MANUTENZIONE AERONAUTICA Il settore della manutenzione aeronautica è ormai da anni sottratto alla regolamentazione nazionale: infatti dal 2003 l intera materia è regolata da Regolamenti emessi dalla Commissione Europea. Nel 2003 è stata creata l EASA (l Agenzia Europea per la Sicurezza Aeronautica) con sede a Colonia che ha, tra l altro, il compito di verificare attraverso visite ispettive, le modalità con le quali gli Stati membri applicano la normativa Europea. Tutti i regolamenti vengono predisposti da EASA e dopo un periodo di consultazione, proposti alla Commissione Europea per l approvazione. 7

9 Il settore della Manutenzione degli aeromobili è previsto nel Regolamento 2042/2003 che riporta come allegati altri quattro Regolamenti: la Parte M per la gestione della navigabilità degli aeromobili, la Parte 145 per la certificazione delle imprese di manutenzione, la Parte 66 per il rilascio di Licenze del personale abilitato alla reimmissione in servizio degli aeromobili dopo la manutenzione (Certifying Staff), la Parte 147 per la certificazione di imprese di addestramento. Quest ultima, in particolare, prevede il riconoscimento di imprese per l addestramento basico dei tecnici di manutenzione (Certifying Staff), nonché i corsi macchine per estendere l abilitazione e quindi la licenza ad un determinato tipo di aeromobile. Le organizzazioni di addestramento basico hanno quindi il compito di impartire l addestramento ed hanno il privilegio di eseguire l esame che viene riconosciuto dall Ente Aeronautico di Sorveglianza, in Italia l ENAC (Ente Nazionale di Aviazione Civile). Le specifiche dell addestramento (moduli didattici e relativi contenuti) sono riportati nell appendice I del regolamento Parte 66. La Normativa JAR 66, divulgata con anni di anticipo, ha definito 4 figure professionali in grado di conseguire la licenza di Manutentore Aeronautico (LMA), titolo che, a differenza del Certificato di Idoneità Tecnica (CIT), è personale e non dipende dalla struttura di afferenza del manutentore: il meccanico di linea (denominato A), il tecnico meccanico strutturista (B1), il tecnico elettronico (B2), l ingegnere di manutenzione (C). La norma ha imposto altresì un preciso protocollo per il conseguimento dei titoli: definizione dei contenuti dei moduli, superamento di esami presso l Ente di Certificazione nazionale o presso scuola accreditata secondo norma JAR 147. Il manutentore aeronautico è divenuto pertanto un tecnico di profilo molto elevato, dotato di solida cultura di base sulle discipline matematico-fisiche e formato attraverso discipline applicate ma con una solida base teorica. La situazione nazionale attualmente vede la conclusione delle conversioni delle licenze nazionali, e la necessità di formare nuovo personale, come rilevato da recenti statistiche. In Italia stanno già arrivando tecnici certificati da altri paesi comunitari attirati anche da condizioni salariali vantaggiose rispetto a quelle del loro stato di provenienza. Le scuole certificate secondo Parte 147 (nove in Italia per i corsi type training di cui tre per l addestramento di base) hanno dimostrato poco interesse alla formazione di base, tendendo a limitare tale privilegio al personale interno. Ciò ha anche spinto imprese estere certificate come Parte 147 (al momento una) ad installarsi in Italia. Attualmente il mercato della manutenzione in Italia lamenta carenza di personale certificato, di tutte le categorie previste: un manutentore dotato di LMA, quindi certificato dall ente di certificazione europeo EASA, è figura di sicuro interesse per il mercato del lavoro in Italia e in Europa. Questo panorama ci porta alla conclusione che in Italia vi è la necessità di sfruttare, per quanto possibile, l opportunità di addestramento offerta dagli Istituti tecnici con indirizzo in costruzioni aeronautiche e dai corsi post diploma (IFTS) che, con la flessibilità didattica di cui godono, possono adattare i loro programmi rendendoli compatibili con le specifiche 8

10 di cui al regolamento Parte 66, creando così l opportunità di riconoscimento di crediti (totali o parziali) per la parte teorica. La scuola potrà esprimere un istruzione tecnica aeronautica in linea con le norme di certificazione e, di conseguenza, con le richieste degli operatori, in un mercato fortemente in crescita. Si calcola che l Italia dovrà raddoppiare in dieci anni i suoi manutentori certificati passando dai circa attuali a Questa strada, se avrà successo, porterebbe l Italia ad allinearsi a quello che succede già in Germania, Francia, Inghilterra dove le scuole pubbliche di settore hanno già da tempo adattato la loro didattica per rispondere ai regolamenti europei in materia, sfornando quindi personale che, almeno per la parte teorica, risponde pienamente al regolamento Parte PROPOSTA FIGURE PROFESSIONALI In sede di progettazione delle azioni di sistema si sono operate delle considerazioni che qui si riportano in sintesi: in particolare si è definito il Check-up delle Imprese, con l'obiettivo di analizzare e approfondire alcuni temi cruciali nella gestione delle PMI impegnate in percorsi di sviluppo: l'assetto organizzativo e produttivo, le risorse umane, il marketing e le vendite, la gestione della qualità; che di tipo specifico quali la predisposizione all utilizzo delle nuove tecnologie e la conseguente necessità di formazione specialistica. 9 METODOLOGIA DI INTERVENTO La fase di analisi prevede l utilizzo di una metodologia già sperimentata e consolidata che viene riepilogata nel seguente flow-chart: 9.1 Definizione di un modello rappresentativo d impresa Al fine di rappresentare l azienda bisogna analizzare quattro aspetti: Qual è l ambiente esterno in cui opera ed in particolar modo l ambito socio economico e lo scenario competitivo; Quali sono i risultati che vuole raggiungere in termini sia economico-finanziario che competitivo ed organizzativo; Quali sono i processi posti in essere per il raggiungimento degli obiettivi e quindi l insieme delle attività e delle azioni operative e decisionali da cui dipendono i risultati; Quali le risorse utilizzate sia umane che strutturali. 9.2 Costruzione dell impianto di check-up L impianto di check-up deve essere coerente con il modello rappresentativo dell impresa ed articolato in sub aree di controllo. La valutazione è stata incentrata sui seguenti ambiti: Posizionamento strategico; Sviluppo socio qualitativo; 9

11 Risorse e fattori abilitanti; Processi aziendali Esigenze tecnologiche In relazione al posizionamento strategico, obiettivo della rilevazione è di comprendere a fondo le caratteristiche del mercato nel quale l azienda opera e la competitività dell azienda medesima su quel mercato. L analisi si articola dunque in una verifica dell attrattiva offerta dal mercato, ed alla fine dell analisi si possono trarre delle conclusioni sulle reali forze/debolezza dell azienda. Obiettivo della rilevazione socio qualitativa è comprendere a fondo se l impresa in esame possegga o meno alcune caratteristiche fondamentali per poter operare efficacemente e con adeguata competitività sul mercato, nonché valutare il tasso di innovazione praticato. Sono testati: il patrimonio delle conoscenze, il grado di innovazione, l identity e l immagine aziendale. Per quanto concerne l audit sulle risorse e i fattori abilitanti, gli obiettivi del controllo sono di valutare il livello di coerenza nelle scelte organizzative, l adeguatezza delle risorse umane, il livello delle competenze possedute dal personale. Infine relativamente alle esigenze tecnologiche, l indagine è rivolta a rilevare il grado di innovazione, le dotazioni di tecnologie informatiche (hardware e software), la tipologia di rete locale (token ring, ethernet, ecc) i servizi di comunicazione (utilizzo di banche dati, commercio elettronico, EDI electronic data interchange). 9.3 Interviste dirette con i responsabili aziendali Preliminarmente è stata fornita, a mezzo mail al responsabile aziendale, una indicazione di massima sui contenuti dell intervista e successivamente è stato fissato un incontro per la visita in azienda. Durante la stessa è stata acquisita tutta la documentazione necessaria e sono state realizzate delle interviste dirette, al fine di rilevare le aree di maggior interesse per definire l ambito di intervento del progetto di sviluppo. 9.4 Sistema di indicatori di rilevazione Per consentire un immediata lettura ed interpretazione dei dati quantitativi e delle informazioni riguardanti ciascuna impresa si è proceduto alla costituzione di Indicatori di sintesi, che hanno prodotto delle Schede-Impresa, consultabili dal gruppo di lavoro in qualsiasi momento. 9.5 Predisposizione di un report di commento Al termine delle rilevazioni è stato elaborato un report che rappresenta lo stato dell impresa, i suoi punti di forza e debolezza; viene inoltre fornita anche una indicazione sull ambito di intervento dell applicazione con motivazione delle scelte e descrizione delle caratteristiche generali. 10 AZIENDE DESTINATARIE DELL INDAGINE Il gruppo di lavoro costituito in sede di CTS ha elaborato il questionario da sottoporre alle aziende del settore ed ha individuato le aziende destinatarie. 10

12 Come sequenza delle operazioni si è stabilito: invio del questionario a mezzo posta a tutte le aziende individuate; sollecitazione telefonica della risposta; interviste in azienda. 11 QUESTIONARIO Alle aziende elencate è stato inviata una Scheda intervista predisposta dal Gruppo di Lavoro. La scheda si propone, come stabilito nella premessa, di individuare l azienda sotto il profilo produttivo, di conoscere le esigenze di personale specializzato da parte della stessa individuandone in modo preciso le caratteristiche in termine di competenze. E stato anche chiesto se l azienda fosse disponibile per ospitare gli stage. 12 ESITI DELL INDAGINE Dalle informazioni in nostro possesso, assunte da un campione che si ritiene rappresentativo, si deduce un forte interesse verso figure professionali da inserire nel settore aerospazio caratterizzate dal possesso di: competenze linguistiche certificate; competenze informatiche certificate; conoscenza dei fondamenti di elettrotecnica /elettronica e pratica nell uso della strumentazione; conoscenza dei materiali in uso in aeronautica; conoscenza della struttura e degli impianti degli aeromobili; conoscenza ed applicazione della legislazione aeronautica; competenze certificate nel settore della manutenzione aeronautica; competenze relative alla industrializzazione del prodotto; ottima preparazione culturale di base. 13 FIGURE PROFESSIONALI Dalla sintesi dei risultati dell Analisi Documentale e Dalla Analisi sul Campo si perviene alla seguente proposta relativa alle figure professionali dal produrre: I due percorsi IFTS da attivare potrebbero essere rivolti entrambi al settore della Manutenzione Aeronautica oppure uno dedicato a figure connesse alla manutenzione e l altro all ingegnerizzazione del prodotto. In sede di CTS di rete si deciderà in merito. Le figure professionali che si sono individuate possono così essere descritte: Settore manutenzione aeronautica 13.1 Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili cura la manutenzione dei componenti dell'aeromobile, controlla e valuta l'andamento dei dati sullo stato di 11

13 funzionamento degli aeromobili e l'efficacia degli interventi, adottando gli opportuni provvedimenti. Più dettagliatamente applica conoscenze degli aeromobili, programmi specifici, sottosistemi, proprietà dei materiali per la soluzione di problemi legati agli interventi di manutenzione ed è in grado di valutare le situazioni a rischio indicando le misure di primo intervento ai fini del loro contenimento. Il Tecnico Superiore per la manutenzione degli aeromobili si relaziona con il responsabile del servizio manutenzione, con il referente sicurezza e qualità aziendale, con i componenti della squadra di manutenzione, con tecnici di aziende costruttrici di aeromobili e componentistica; in caso di interventi in esterno con il pilota. Inoltre si interfaccia con i servizi di magazzino materiali e componenti Settore produzione 13.2 Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo dell'industria aerospaziale Il Tecnico Superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo nell industria aerospaziale cura l adeguamento delle tecnologie di produzione e l eventuale ricorso a risorse esterne, interviene sui problemi relativi al processo produttivo per il mantenimento della qualità e aggiorna la documentazione. 14 I PROFILI PROFESSIONALI RELATIVI AL SETTORE AEROSPAZIO Il REGOLAMENTO (CE) N. 2042/2003 DELLA COMMISSIONE EUROPEA del 20 novembre 2003 stabilisce, ai fini di un elevato livello di standardizzazione delle misure di sicurezza dell'aviazione civile e della tutela ambientale, i requisiti richiesti per la manutenzione aeronautica. L allegato III dello stesso regolamento comunitario norma le procedure formative in materia di licenza per la manutenzione aeronautica di aerei ed elicotteri stabilendo i requisiti per il rilascio della licenza di manutenzione aeronautica e le relative condizioni di validità per aerei ed elicotteri appartenenti alle seguenti categorie: Categoria A Categoria B1 Categoria B2 Categoria C Le categorie A e B1 sono suddivise in sottocategorie relative a combinazioni di velivoli, elicotteri, motori a turbine e a pistoni. Le sottocategorie sono: A1 e B1.1 Velivoli a turbina A2 e B1.2 Velivoli a pistone A3 e B1.3 Elicotteri a turbina 12

14 A4 e B1.4 Elicotteri a pistone I profili che di seguito presentiamo, mantenendo invariata l impostazione progettuale richiesta dagli enti istituzionali per gli IFTS, afferisco a due tipologie di manutentori, certificabili ENAC, ovvero: manutentori per velivoli a turbina manutentori per velivoli a pistone. I contenuti delle UFC tecnico professionali variano: nella parte relativa alla specificità del propulsore (turbina o pistone) e nel monte ore teorico/ pratico (650 complessive ore per motori a pistone 800 per motori a turbina). La particolarità del settore in cui il polo va ad operare richiede una specificità nei contenuti dei percorsi formativi, poco allineati con la genericità degli standard formativi IFTS, inoltre i titoli dei corsi devono contenere all interno un richiamo del settore stesso per rendere chiaro agli allievi l ambito lavorativo di riferimento. In altri termini pur tenendo presente gli standard in termini competenze, per quanto riguarda le attività esse dovranno fare riferimento alle mansioni specifiche richieste dal settore; quindi il Tecnico superiore per la conduzione e la manutenzione degli impianti previsto dal repertorio nazionale si trasforma nel nostro caso nel Tecnico superiore per la manutenzione degli aeromobili. 13

AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FUNZIONI DI DOCENZA E TUTORAGGIO DOCENZA

AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FUNZIONI DI DOCENZA E TUTORAGGIO DOCENZA AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FUNZIONI DI DOCENZA E TUTORAGGIO DOCENZA La Fondazione Istituto Tecnico Superiore per la filiera dei trasporti e della logistica intermodale rende noto che è aperto

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

HR E LE SFIDE DEL FUTURO

HR E LE SFIDE DEL FUTURO HR E LE SFIDE DEL FUTURO 03/11/2014 HR e le sfide del futuro g.facco nov.2014 1 HR cambia velocemente: i principali fattori della mutazione il ruolo della Direzione HR sta mutando : è tra le funzioni aziendali

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

G.T.S. - Grinding Technologies and Systems srl Costituita nel giugno 1994 G.T.S. nuova unità locale

G.T.S. - Grinding Technologies and Systems srl Costituita nel giugno 1994 G.T.S. nuova unità locale G.T.S. - Grinding Technologies and Systems srl progetta e realizza mulini selettori, micronizzatori, microselettori. Costituita nel giugno 1994, è nata in seguito alla richiesta di macchinari ed impianti

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it

Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it Alitraining S.r.l. IT-ATO-0005-045-9589061 - www.alitraining.it - crm@alitraining.it YOUR DREAMS YOUR FUTURE Cosa ti prospetta il mondo del lavoro? Giovani 20-24 anni LAVORA STUDIA DISOCCUPATO 29% 36%

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO La realizzazione del percorso formativo per Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza e

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo ITS. Tra il diploma e la laurea, un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro Novara, 27/05/2011 ITS : la risposta a tante richieste A livello nazionale industria e istituzioni

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici Esame di Stato per l'abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Industriale I sessione 2014 Sezione A SECONDA PROVA SCRITTA (prova di classe) 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per le Nuove Tecnologie Per il Made In Italy Sistema Meccanica e Materiali

Istituto Tecnico Superiore per le Nuove Tecnologie Per il Made In Italy Sistema Meccanica e Materiali Istituto Tecnico Superiore per le Nuove Tecnologie Per il Made In Italy Sistema Meccanica e Materiali COS È L ITS La Fondazione ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy -Sistema Meccanica e Materiali

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Con il contributo di: INDICE Premessa pag. 1 1. CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE E SOMMARIO pag.

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

La gestione integrata prende il volo. the net works

La gestione integrata prende il volo. the net works La gestione integrata prende il volo. the net works Sommario Tanti servizi al vostro servizio..2 Punto per punto, tutti i punti di forza..3 IW Syllabus.4 IW Tester.4 IW Prenotazioni.5 IW Sala Piloti.7

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale

Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale Pianificazione dell attività di revisione Un caso aziendale Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale

Dettagli

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI GEDPASS GEDSCAN GEDFLOW ciclo passivo Non tutti i documenti nascono in formato elettronico. Per poter beneficiare dei vantaggi della Gestione Elettronica Documentale

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Riteniamo questa una grande opportunità da diffondere, come informativa, ai vostri iscritti potenzialmente interessati.

Riteniamo questa una grande opportunità da diffondere, come informativa, ai vostri iscritti potenzialmente interessati. Spett.le Libersind Conf. Sal, Via Virgilio Melandri, 72 Roma Roma 18/09/2012 Spett.le Libersind, la presente per informarvi, in qualità di Partner Elidea, dell opportunità di BORSE DI STUDIO A COPERTURA

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Servizi e soluzioni per la logistica dei documenti del ciclo dell ordine; dalla generazione alla gestione, distribuzione e conservazione sostitutiva

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Presentazione del nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore inserito nei percorsi di Alta Formazione previsti dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca.

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A.

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. Il processo di selezione del personale applicato dal Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. si svolge nel rispetto delle disposizioni normative

Dettagli

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Opzioni: Manutenzione mezzi di trasporto Apparati, impianti e servizi tecnici, industriali e civili QUALIFICHE OPERATORE

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE-AEROSPAZIO-MECCATRONICA PERCORSO ITS TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE E L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI MECCANICI BIENNIO FORMATIVO 2014-16

Dettagli

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 Ente proponente: Provincia di Torino Assessorato Istruzione - Servizio Istruzione e Orientamento

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA (FIRST LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Denominazione e classe di appartenenza È

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli