Differenze web app e app native. Pro e contro. Usabilità. Link utili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Differenze web app e app native. Pro e contro. Usabilità. Link utili"

Transcript

1 Educational App

2 Differenze web app e app native Pro e contro Usabilità Link utili

3 Web app È una pagina web, accessibile da qualsiasi smartphone che supporta un web browser ed è connesso a Internet. Scritta in HTML5, JavaScript e CSS ha le sue facce negative e positive. PRO Costo ridotto Veloce da sviluppare Facile da aggiornare Accessibile ovunque Possibilità di streaming media Utilizzo di Sensori (GPS, fotocamera, audio) CONTRO Assenza di notifiche push Niente stores (Apple Store, Play Store, ecc...) Funziona solo online App nativa Le applicazioni native sono sviluppate in linguaggio macchina e devono essere scritte e compilate appositamente per ogni tipo di sistema operativo supportarto dal device. Per esempio le applicazioni per ios (iphone/ipad/ipod) sono scritte in Object-C, quelle per Android sono sviluppate in Java mentre quelle per Windows Mobile 7 sono sviluppate ambiente.net. PRO Accesso a tutti i sensori Pubblicazione sugli stores Modalità offline GUI più reattiva Notifiche push geolocalizzate CONTRO Costo elevato Flessibilità ridotta Tempi di aggiornamento lunghi Incompatibilità tra i device

4 Consigli sviluppo web app Quando si parla di sviluppo di applicazioni web per dispositivi mobile i framework di riferimento attualmente sono due: Sencha Touch e jquery Mobile. Il primo vanta di essere più potente e maturo, ma è più arduo da usare, se non si é esperti di javascript. Dunque ci concentriamo su jquery Mobile, in quanto utilizza html5 e poco javascript. Per usare jquery Mobile è necessario includere dei file esterni nella pagina html: - file css con lo stile usato da jquery Mobile - file javascript contenente il codice di jquery - file javascript con il codice sorgente di jquery Mobile Il tag meta da usare per far adattare meglio l interfaccia alla risoluzione di un device mobile é: <meta name= viewport content= width=device-width, initial-scale=1 > La navigation bar nell header, viene creata usando un div con data-role= navbar contenente una lista non ordinata (ul). Il pulsante back nell header, è presente grazie all attributo data-add-backbtn= true aggiunto al div della pagina. data-role= none : tutti i link nel footer sono trasformati in bottoni, per evitare la trasformazione si usa il valore none. data-ajax= false : il comportamento di default di jquery Mobile nel caso dei link interni e di submit di form, è effettuare chiamate ajax. Liste con jquery Mobile Le app mobile (sia web che non) sono piene di liste, sono facili da consultare anche su un dispositivo piccolo e quindi molto usate. Una lista su jquery Mobile è un tag ul con data-role= listview. Per dividere le righe della lista in più sezioni si usano dei separatori con il tag li data-role= listdivider. Grazie all attributo data-inset= true la lista non occupa tutto lo spazio in orizzontale, e usando data-filter= true viene aggiunto un campo di ricerca; questo attributo non aggiunge solo il campo di ricerca, ma anche il codice javascript per eseguire la ricerca ogni volta che viene inserito un carattere! Conclusioni jquery Mobile è sicuramente ottimo da utilizzare per sviluppare web app mobile. Ovviamente il risultato non è ai livelli delle app native, ma con il passare del tempo la differenza si assottiglia sempre di più grazie al miglioramento dei browser, al miglioramento dell hardware e dei dispositivi mobile.

5 Quando si realizza una web app occorre prendere delle decisioni cruciali per quanto riguarda il design. I contenuti Ogni web app si differenzia dalle altre per i contenuti. Il primo step è dunque l analisi dei contenuti. Si inizia dividendo i contenuti in 2 macrocategorie: contenuti statici contenuti dinamici Categorie queste che portano a delle importanti considerazioni: Nel 1 caso, l app funzionerà completamente offline, mentre nel 2 caso, alcuni contenuti dovranno essere reperiti in rete. Una volta categorizzati i contenuti si passa alla loro suddivisione in sottocategorie: testo immagini video Nel design, ciascuna di queste sottocategorie richiede un trattamento diverso. Non si deve MAI pensare a tali contenuti come a dei normali elementi di un applicazione desktop. Su mobile, il testo deve avere una certa spaziatura in modo da evitare lo spiacevole effetto visivo derivante dall assenza di spazi tra i margini orizzontali e la finestra del browser; le immagini e i video devono adattarsi al dispositivo e al cambio di orientamento (landscape o portrait). Per i video occorre inoltre valutare la performance. Il file Cache Manifest (accesso all app senza internet) Non bisogna abusare di questa caratteristica di HTML5. Costringere un browser a scaricare svariati Mb di contenuti ha senso solo se si è certi che gli utenti dispongono di una connessione veloce (Wi-Fi). Se gli utenti navigano con una connessione differente, il browser non riuscirà a scaricare tutti i file in tempi ragionevoli e quindi penalizza la fruizione dell app. Il design Va organizzato in moduli: Struttura: HTML5 Presentazione: CSS Comportamento: JavaScript Ciascun modulo è collegato con gli altri. Un errore in un modulo si ripercuote sugli altri e la web app non funziona. Occorre innanzitutto verificare che la struttura sia flessibile! Limitare il numero di attributi id ai blocchi fondamentali Usare le classi CSS sfruttando la cascata Aggiungere dati agli elementi tramite gli attributi custom data di HTML5 I CSS possono essere sfruttati in due modi: creare il layout statico della web app aggiungere dinamismo tramite animazioni e transizioni CSS3 Inoltre vanno usati al pieno del loro potenziale, sfruttando tutti i selettori. Se si usano delle animazioni o delle transizioni, si lega il codice alle classi che vengono manipolate da JavaScript.

6 Cosa dobbiamo cercare in un app per bambini? Al giorno d oggi sui vari store degli smartphone, troviamo un infinità di applicazioni educational per bambini, alcune più giocose e altre piû istruttive, ma si é sempre indecisi su quale scaricare, allora vediamo come scegliere con più criteri. Bellezza: deve essere un vero piacere guardarla; la cura delle illustrazioni è importantissima. Semplicità nel funzionamento: si deve capire subito di cosa tratta, se è un app matematica, una storia della buonanotte, un app musicale, un gioco basato sul collage,... Animazioni e interazioni: fluide, intuitive, funzionali all evolversi del gioco, non devono essere buttate lì a caso! Contenuti appropriati all età dei bambini cui è rivolta: offrire testi lunghi e complessi a un bambino di 2-3 anni, è fuori da ogni logica Originalità e distinzione dalle altre app: o attraverso un concept innovativo, o attraverso una resa tecnica di alto livello Indicazione chiara e definita del target di riferimento: se nella descrizione dell app si indica un target che va da 1 a 8 anni, i dubbi sulla sua affidabilità vengono. Un bambino di 2 anni e uno di 7 necessitano di stimoli diversi. Quali app per bambini é meglio scartare? Essendoci una quantità esponenziale di app per bambini, abbiamo una scelta e quindi andiamo a scartarne alcune, come ad esempio: I giochini inutili, banali, che non lasciano nulla ai bambini, se non un passatempo veloce, approssimativo, confusionario e rumoroso. Quelle dall estetica sciatta e povera, perché l educazione visuale è fondamentale! Le applicazioni gratuite, che in realtà, prevedono all interno, meccanismi di inapp-purchases per andare avanti, e interrompono sul più bello il divertimento dei bambini, con l odioso pulsante acquista. Meglio dichiarare apertamente il costo dell app, oppure creare una versione lite gratuita e una full, ovvero più ricca di funzioni, a pagamento. Quelle dalla dinamica complicata, contorta, difficile da spiegare, con cui il bambino non riesce ad essere autonomo.

7 Come creare un app per bambini? Bisogna dire che questo tipo di applicazioni sono indirizzate in particolar modo a bambini e insegnanti, che possono avere scarse conoscenze informatiche. Bisogna dunque cercare di rendere le operazioni semplici e immediate. A tale scopo è necessario che comandi con funzioni analoghe fra loro, abbiano caratteristiche grafiche simili, ad esempio, le icone che rappresentano i bottoni per l uscita da una schermata o dall applicazione, dovrebbero essere rosse o quanto meno dello stesso colore. Per poter attirare l attenzione dei bambini, l interfaccia grafica deve essere accattivante, quindi è consigliabile usare, ma senza esagerare, colori vivaci, animazioni, figure e grafiche elaborate. Dato che stiamo trattando di applicazioni di supporto all apprendimento, è bene prevedere più livelli di difficoltà, e implementare un sistema che memorizzi e visualizzi lo stato dei progressi fatti dagli utenti. E importante inoltre progettare da subito l applicazione, in modo che possa girare senza problemi anche sui tablet, dato che questi ultimi, possono diventare in un futuro prossimo, uno strumento indispensabile nella didattica, utilizzando tecnologie che sono disponibili sulla maggioranza delle piattaforme, come le tecnologie legate al Web. Per evitare che i bambini si distraggano, è consigliabile limitare suoni e testi lunghi.

8 Ricerca La media è basata su 12 applicazioni per i dispositivi mobili, a cui i bambini hanno accesso, l 88% di queste applicazioni sono state acquistate gratuitamente. I bambini trascorrono circa 5 giorni a settimana con i dispositivi mobili in ma no, con una durata media per ogni sessione, di meno di un ora circa. Il gioco è la categoria più importante sul cellulare per i bambini I bambini non sono maturi e pronti ad accettare i comportamenti normali della società. Ad esempio: vedono un divano come qualcosa che gli offre l opportunità per saltarci sopra, arrampicarcisi e nascondersi dietro. Invece un adulto si siede o si sdraia sul divano e basta. I bambini interagiscono con le applicazioni allo stesso modo; sono alla ricerca di diverse opportunità di interazione. I bambini hanno bisogno di sentirsi attratti e renderli partecipi all interno delle applicazioni in modo da non annoiarsi e perdere interesse. I bambini prendono la scusa Mi annoio quando il compito affidato loro è troppo difficile. I tempi di attenzione sono molto brevi per i più giovani, quindi l applicazione deve offrire opzioni, livelli e attività differenti e con un ambiente facilmente navigabile. 4 Punti Importanti di Usabilità 1) La libertà: la capacità di muoversi all interno dell app in un ambiente control lato. 2) Comodità / Conforto: stimolazione, ma non troppo stimolazione. Audio, ma non troppo. È un atto d equilibratura. Vari livelli di stimolazione sono sicuramente necessari, ma c è una linea sottile tra la stimolazione e il solo rumore per il gusto di avere un po di rumore. 3) Fiducia: I bambini, come gli adulti, hanno bisogno di sentirsi competenti. Vo gliono avere il controllo e quindi fiducia in quello che stanno facendo. 4) Controllo: I bambini vogliono sentire che stanno compiendo qualcosa quan do stanno interagendo all interno di un applicazione. Vogliono vedere che gli obiettivi sono soddisfacenti e le decisioni vengono effettuate. Consigli Si deve riuscire a creare un app che produca il comportamento e l interazione desiderata, mentre allo stesso tempo scoraggia comportamenti che possano produrre risultati indesiderati e negativi, ad esempio la violenza. I dispositivi che funzionano meglio con i bambini dovranno presentare grandi interazioni con touch, un esperienza che offre varie attività, e controlli di input user-friendly.

9 Andando avanti e indietro con le pagine è qualcosa che molte applicazioni of frono, ma ogni app ha diversi modi per ottenere questo risultato. Le frecce nella parte superiore della pagina sembrano funzionare meglio, soprattutto perché i bambini tendono a toccare accidentalmente la parte inferiore dello schermo, e quindi interferire con i comandi dell app e del sistema. I bambini tendono a tenere il loro tablet in modalità orizzontale e tenere le mani sul fondo. Ciò significa che se nell applicazione si mettono delle icone nella parte inferiore dello schermo, i bambini sono molto più propensi a cliccare su qualcosa accidentalmente. Per esempio un elemento spesso messo nell angolo in basso come il menu. Questo causa spesso problemi. Aggiungere suoni è un modo di incoraggiare un bambino a non sceglie la ri sposta sbagliata a una domanda nel gioco. Un sacco di roba in un applicazione é bello, ma gli elementi hanno bisogno di dare un indicazione di quale di loro è in realtà interattiva. Ci deve essere un qualche tipo di funzione che fa l elemento come una scintilla o saltare o un suono, ecc. Cosi da rendere l app più chiara, in modo da renderechiaro quale elemento é interattivo e quale no. I bambini hanno bisogno sia di indizi audio, ma anche di quelli video per aiu tarli nel gioco.

10 È utile usare un personaggio che agisce come un genitore virtuale, o una gui da durante le varie attività, dare consigli e indizi. Evidenziando il testo parola per parola, quando viene letto ad alta voce, il bambino è aiutato nella lettura. Non far indovinare ai bambini ciò che si deve fare, dal momento che questo succede, porta alla frustrazione e il bambino non vuole più giocare. L applicazione dovrebbe essere coerente da una schermata all altra, in modo che l utente sa cosa sta facendo e dov é. Altrimenti l utente inizia a sospettare di essere stato buttato fuori dal gioco o qualche altro risultato non ideale.

11 Suggerimenti Più Tecnici Saluto: La maggior parte delle applicazioni, all introduzione, cominciano con un personaggio o un narratore che saluta l utente. Istruzioni: Indica l obiettivo e anche il modo per raggiungere quell obiettivo. Tempo di scadenza: Utilizzare il tempo di scadenza come suggerimento per cosa fare dopo. Dopo un tot di secondi (circa 6-8 secondi) di inattività. Risposte sbagliate: Consideriamo una risposta sbagliata un occasione per un apprendimento più approfondito. L uso del feedback audio e video, dovrebbe essere incoraggiante e utile a incrementare il momento di apprendimento. Il feedback per una risposta sbagliata avviene normalmente in 3 livelli diversi. - Prima risposta sbagliata: Identificare la scelta sbagliata e incoraggiare al pro seguimento. Esempio: Non è quella la risposta giusta. Prova ancora!. - Seconda risposta sbagliata: Identificare la scelta sbagliata, ridire l obiettivo, offrire un suggerimento e fornire incoraggiamento. Esempio: Non è giusta quella risposta. Hai bisogno di trovare un triangolo. Ha 3 lati e 3 angoli! Riprova!. - Terza Risposta sbagliata: Identificare la scelta sbagliata, ridire l obiettivo, offrire un suggerimento, e evidenziare la risposta corretta. Esempio: Non è giusto. Hai bisogno di trovare un triangolo. Ha 3 lati e 3 angoli! <Evidenziare triangolo> Seleziona il triangolo! Questo dovrebbe essere ripetuto fino al selezionamento della risposta corretta. Risposte corrette: I premi sono molto importanti per i bambini; aiutano a moti vare i bambini e a mantenere l interesse. Possono essere suoni, parole o animazioni.

12 Scrolling: Lo scorrimento verticale è molto difficile per i bambini. Invece lo scorrimento orizzontale è più intuitivo. Fonts: il carattere migliore per bambini, dovrebbe essere il più vicino ad un font tipo ZanerBloser o Sophie Gioia e Furball. I font non dovrebbero includere serifs. Scansione: Le persone tendono a scansionare lo schermo nello stesso modo in cui leggono. Per il nostro pubblico, questo, significa generalmente da sinistra a destra e dall alto verso il basso. Menu: Nella maggior parte dei casi, é importante avere un menu sempre ac cessibile per il bambino, poiché è più semplice per il bambino stesso.

13 Istruzioni visive: I bambini di solito non prestano attenzione alle sole istruzioni audio. Le istruzioni sono benefiche quando hanno anche una componente visiva. Ad esempio, se un carattere indica al bambino di muovere qualcosa da un luogo ad un altro, questo percorso deve essere momentaneamente evidenziato o indicato visivamente in qualche altro modo. Cliccabili: Gli articoli cliccabili devono sembrare attivi. Ad esempio, avere un evidenziatore o qualcosa del genere, dietro un icona attiva o anche un iconcina più piccola sopra o a lato. Questo aiuta i bambini, così sanno che è interattivo. È raccomandato animare oggetti interattivi. Iconografia / Button Design: Per i migliori utenti di sostegno, si consiglia di uti lizzare coerenza nelle icone di rappresentanza, convenzione standard.

14 Effetti sonori: I bambini si aspettano risposte immediate quando toccano un elemento. Effetti sonori sono un modo efficace per comunicare la registrazione di un attività. Quando é possibile, le azioni dell utente dovrebbero essere rilevate con un suono corrispondente. Musica di sottofondo: la musica di sottofondo può amplificare l interesse del gioco nel bambino. Però non può togliere l attenzione dal gioco vero e proprio. Si deve scegliere lo stile della musica con attenzione e si deve regolare il volume nel modo giusto. Preparazione: È importante prima di cominciare un attività del gioco, prepare re il bimbo al gioco. Per esempio: redigere un testo che spiega l inizio del gioco. Conferma: È una buona idea, chiedere la conferma di un azione importante del programma, per esempio l eliminazione di un immagine o l uscita dal gioco. Registrazione / login: Partiamo dal presupposto che i bambini più piccoli sono assistiti da un adulto durante qualsiasi processo di registrazione / login. Comunque si consiglia, mentre si progetta il login si fa in modo che i bambini possano riconoscere il proprio profilo. Per esempio il loro nome in grande con un icona o un immagine di lui/lei.

15 Suggerimenti Genitore: È buono includere una sezione per i genitori. Un geni tore può trovare suggerimenti e aiuti. Si può anche includere dell idee per estendere gli obiettivi generali di apprendimento per il bambino. Gesti Intuitivi per Touch Tap: Tap è l interazione per touch più intuitivo e fondamentale per i bambini. Finger Draw / Sposta: I bambini amano tracciare e disegnare sullo schermo, ma a volte hanno difficoltà a non sollevare il dito. Swipe: Lo swiping è molto intuitivo, se sono previste delle indicazioni visive su dove strisciare. In alcuni casi si può considerare una doppia funzionalità per sfiorare e toccare un elemento come una freccia. Devi sempre fare attenzione alla posizione però. Drag / Slide: I bambini possono toccare un oggetto e trascinarlo in una nuova posizione, ma come detto prima, hanno difficoltà con il continuare con il dito sullo schermo. Non usare: Il tilt, doppio tap, shake, multitap, pizzicare, flick, fling. Questi movimenti sono difficile e non usabili per bambini.

16 Differenze Sviluppo Usabilità - Document% pdf

17 Competitors Linguaggio Matematica

18 Analisi competitors La valutazione euristica è un metodo effettuato da esperti di usabilità che consiste nel valutare se una serie di principi generali di progettazione sono stati applicati correttamente dell interfaccia utente analizzata. Punteggio Per aiutare la comprensione della valutazione effettuata abbiamo deciso di utilizzare una scala da 1 a 6 come le nostre note scolastiche senza i decimali Nelle schede la prima età che si troverà e quella che itunes stabilisce come opportuna, per esempio: 4+ non contiene materiale inappropriato. 9+ potrebbe contenere rara o infrequente violenza di cartoni, fantasia o realistica, e infrequenti temi di horror che potrebbero non essere adatti a bambini al di sotto di 9 anni. La seconda età espressa è quella che consiglia l autore della app e si basa sui suoi contenuti effettivi. Home Se è chiara e si capisce che si parte da lì per iniziare. - la home è accattivante? - è facilmente comprensibile da dove iniziare? - le voci di menu esplicitano bene il contenuto? Tutorial Viene spiegato in modo chiaro e preciso cosa l utente dovrà affrontare durante il gioco per arrivare al risultato desiderato. - il tutorial esiste? - facile e comprensibile da seguire? - non forza a fare cose non volute? Design estetico - invoglia al gioco? - è chiaro e comprensibile al bambino (es. numeri scritti in modo chiaro, traballanti)? - non crea delle incomprensioni stilistiche al suo interno? Facilità d uso È chiara e semplice ideale per dei bambini. - è comprensibile come continuare? - è per bambini di una sola fascia d età? - è comprensibile come tornare alla home? Prevenzione dell errore e aiuto all utente a riconoscerlo In caso d errore se l app lo segnala e aiuta a risolverlo, rendere visibile i risultati ottenuti, fornire messaggi di errore espressi in un linguaggio semplice che indica con precisione il problema e possibili correzione. - dice l errore? - ti aiuta a risolverlo? - traccia dei risultati ottenuti?

19 Frasario - Impara molte lingue gratuitamente Descrizione Tramite quest app potrai imparare l inglese, il francese, lo spagnolo, il tedesco, l italiano, il cinese, il giapponese e il coreano da un pappagallo poliglotta. Il pappagallo ti aiuterà a praticare la lingua, a migliorare gli ascolti in ogni momento e ovunque tu sia. Imparare una lingua, non è mai stato così semplice Contenuti Frasi e vocabolari di uso comune, pronuncia autentica, registra e confronta la tua pronuncia, memorizza e gestisci le tue frasi preferite, ricerca le frasi e il vocabolario in base alle parole chiave, non è richiesto Internet. Età: 4+ Commento L applicazione è simpatica, ma è più un paroliere che un istruttore linguistico, in quanto insegna molti vocaboli, la loro pronuncia, alcune frasi, ma nulla sulle forme grammaticali usate. La grafica proposta è chiara e coinvolgente aiuta a capire l argomento che si troverà all interno. Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

20 I nuovi numeri parlanti Descrizione Il gioco insegna a riconoscere le lettere dell alfabeto e ad associarle alle parole attraverso un percorso didattico e formativo. Contenuti Impara (tocca le lettere per imparare a riconoscerle e ascolta l esatta pronuncia), indovina (riconosci e tocca la lettera giusta), riconosci (riconosci e tocca la figura giusta ascoltandone l iniziale), completa (completa il nome della figura scegliendo tra tre lettere, solo una è quella giusta), ricalca (ricalca le lettere dell alfabeto per imparare a scrivere), canta e impara la filastrocca (ascolta la filastrocca impara a riconoscere le lettere e tante nuove parole). Età: 4+, destinata a bimbi con un età compresa tra i 4 e i 6 anni. Commento I contenuti sono per un pubblico piccolo, che sta imparando le prime basi dell alfabeto, su come riconoscerlo, scrivere le diverse lettere e imparare a collegare correttamente la lettera al suono Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

21 Impara l inglese con Duolingo Descrizione Con Duolingo, impari una lingua completamente gratis, senza pubblicità o parcelle nascoste. Ti diverti mentre impari e superi dei livelli. Hai anche l opportunità di tradurre testi dal mondo reale nella lingua che stai imparando e in questo modo ci aiuti a tradurre l Internet in altre lingue Contenuti Attraverso diverse tipologie d esercizi si impara l inglese in modo dinamico. I diversi livelli sono suddivisi in tematiche, dalle basi agli argomenti più specifici con la possibilità di saltare i livelli se si parte già con una base della lingua. Età: 4+ Commento L app è realizzata molto bene anche se non da una chiara idea di quella che è la teoria che si deve fare. All avvio dell applicazione un semplice tutorial spiega come è realizzata e come procedere per imparare. È un app molto teorica, con contenuti molto statici, realizzata molto bene, ma non invoglia un bambino al gioco perché tale non è. Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

22 Alfabeto scoperta e scrittura Descrizione Indicata per tutti i genitori ed educatori che desiderano offrire ai propri piccoli uno strumento facile e divertente per imparare l alfabeto Contenuti Vedere un immagine rappresentativa di ogni lettera dell alfabeto per facilitarne la memorizzazione, ascoltare la pronuncia della lettera e della parola, vedere visualizzata la lettera nei caratteri di stampa e nel corsivo manuale, in maiuscolo e in minuscolo, provare a scrivere con il dito all interno delle lettere tratteggiate, provare a scrivere senza riferimenti visivi, scegliere colore e spessore del tratto di scrittura, vedere tutte le lettere insieme in pratici tabelloni utili anche per la navigazione, test di valutazione dell apprendimento. Età: 4+ Commento Non dispone di tutorial o di aiuti per il bambino, la grafica bella ma minimale non coinvolge un bambino. Insegna come scrivere le lettere dell alfabeto a un bambino seguendo vari passaggi e a ricollegare quanto imparato ad un immagine Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

23 Fun English - Giochi per bambini per imparare l inglese Descrizione Fun English unisce un corso d inglese strutturato con giochi divertenti e stimolanti. Le nostre attività educative fanno divertire i tuoi bambini avvicinandoli alle prime parole, frasi, suoni e lettere dell inglese. Contenuti Colori - con il verbo to be, animali - introduzione di singolare e plurale, numeri - con lo spelling, il corpo - con il verbo to have, frutta - con likes/doesn t like, cibo - introduzione di want/don t want, abiti - con he/she is wearing, veicoli - introduzione degli aggettivi, la casa - con il verbo to put, animali marini con i comparativi. Età: 4+, destinata a bimbi con un età compresa tra i 3 e i 10 anni. Commento Il gioco è per aiutare i bambini a imparare l inglese in modo facile e divertente. Suddiviso per temi, che sono a loro volta suddivisi in diversi giochi che aiutano alla comprensione dei i nomi dei vari colori. Realizzato in modo semplice e dinamico aiuta a comprendere l inglese e a memorizzare i suoni di ogni parola. La grafica è molto semplice e i piccoli giochi al suo interno altrettanto Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

24 Maths Wiz Free Descrizione Questa applicazione è stata pensata per proporre al bambino degli esercizi matematici per poter perfezionare la sua conoscenza della materia. Contiene calcoli d addizione, sottrazione, divisione, moltiplicazione, angoli e molto altro ancora. La possibilità di consultare delle statistiche sui risultati del bambino permettono inoltre di avere sempre una visione dei suoi progressi. Contenuti L app propone quattro diverse possibilità per insegnare al bambino. Uno study mode dove si hanno degli esercizi per testare la metematica con un supporto teorico. Un altra possibilità è lo stress test dove il bambino ha un tempo e deve rispondere a quante più domande possibili. Infine c è il Quiz, dove c è una selezione di 20 esercizi da eseguire. Età: 4+ Commento: L applicazione non ha una grafica molto coinvolgente per un bambino, però è ben fatta. Un lato molto interessante di questa app è la possibilità di fare calcoli anche sugli angoli e scegliere la difficoltà dei calcoli da eseguire e dopo una serie di 20 domande ti dà il risultato finale dove è possibile vedere gli errori fatti Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

25 Matematica semplice Descrizione È il nuovo programma per giovani ed adulti per allenare la tua capacità del calcolo mentale. Alla fine di ogni passaggio ricevi un analisi del tuo lavoro. I tuoi punti ricevuti vengono certamente salvati, cosicché puoi vedere, quanto bravo sei Contenuti Addizione, sottrazione, moltiplicazione e la divisione in tre gradi di difficoltà. Età: 4+ Commento L applicazione è semplice e per questo comprensibile. Anche se non del tutto chiara, non si capisce come vengono assegnati i punteggi finali. La cosa interessante è che dopo aver scelto la difficoltà e la durata è possibile selezionare tutte le possibili voci di calcolo addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione cosi si può esercitare tutto insieme. Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

26 Rè della Matematica Descrizione Re della Matematica è un gioco in rapida progressione, con molti problemi vari e divertenti. Cominciando dal livello di contadino o contadina, migliorerai il tuo personaggio rispondendo alle domande di matematica e incrementando il tuo punteggio totale. Giocare a Re della Matematica è un ottimo metodo per migliorare o rinfrescare le tue conoscenze matematiche divertendoti! Contenuti Addizione, sottrazione, misto, moltiplicazione, divisione, aritmetica, geometria, frazioni, potenze, statistiche, equazioni, misto 2. Età: 9+, Il livello di matematica è adatto per gli studenti delle Scuole Medie. Commento Idea veramente originale e ben realizzata sia in termini di chiarezza, giocabilità e storia. Interessante la possibilità di diventare letteralmente il Rè della matematica livello dopo livello. Sarebbe stato divertente sbloccare qualche premio oltre al nome e l immagine del Rè o i suoi subalterni come ricompensa. Home Tutorial Design estetico Facilità d uso Prevenzione dell errore e aiutare l utente a riconoscerlo

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN MATEMATICA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. MATEMATICA TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE TERZA A - Numeri COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

Matematica classe 1^

Matematica classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Numeri 1 L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 7 legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. NUCLEO TEMATICO 2

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare materiali e quantità.

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI

APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA 1 Disciplina MATEMATICA Nucleo tematico 1: IL NUMERO Saper operare con numeri interi fino a 20 Classe I I numeri entro il 20 Leggere, scrivere, confrontare

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE SECONDA

MATEMATICA - CLASSE SECONDA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 MATEMATICA - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Padroneggia

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: A - Numeri SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^ Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara CLASSE 1^ NUCLEI TEMATICI ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUMERI Tecniche e procedure

Dettagli

RE) COMPETENZE IN MATEMATICA

RE) COMPETENZE IN MATEMATICA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 declinato nelle microabilità di ogni annualità (a cura di Franca DA RE) COMPETENZE IN MATEMATICA

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCITIVA IL NUMERO CARATTERISTICHE Quantità entro il numero 20 Cardinalità Posizionalità RELAZIONI

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità L alunno riconosce il significato dei numeri ed i modi per rappresentarli i numeri naturali entro il 20 nei loro aspetti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA -Saper ascoltare e comprendere messaggi, testi e consegne -Sapersi esprimere oralmente in modo chiaro e corretto -Saper leggere e comprendere vari tipi di testo -Saper

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento UNITA DI 1 Numeri. MATEMATICA Conoscenze: Rappresentazione dei numeri in base dieci, entro il 100: il valore posizionale delle cifre. Le quattro operazioni tra numeri naturali entro il 100. Il significato

Dettagli

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA 1. Il numero Competenze Obiettivi di apprendimento 1. Conoscere e usare i numeri interi 2. Conoscere e usare le frazioni Abilità

Dettagli

Apprendimenti minimi. Classe Prima

Apprendimenti minimi. Classe Prima Apprendimenti minimi Classe Prima Ascoltare semplici consegne e comandi ed adeguarvi il proprio comportamento Comprendere e riferire, attraverso domande-guida, i contenuti essenziali relativi a semplici

Dettagli

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria Da Competenze chiave per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo (2005) AREA MATEMATICA - 1 Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia: la competenza matematica

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

MATEMATICA Classe III

MATEMATICA Classe III MATEMATICA Classe III PROBLEMI - Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi 1) Individuare situazioni problematiche nei vari contesti (di gioco, di scuola, di vita familiare...) 2) Individuare i dati

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

MATEMATICA CLASSE PRIMA

MATEMATICA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L alunno/a si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di ricorrere a una calcolatrice. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente,

Dettagli

MATEMATICA: classe terza

MATEMATICA: classe terza DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: MATEMATICA: classe terza Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere in stretto rapporto

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE VERTICALE MATEMATICA In tutti i nuclei tematici sviluppati trasversalmente si persegue questo traguardo per lo sviluppo di competenze: l alunno sviluppa un atteggiamento

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE Finalità ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE La matematica si propone come strumento per modellizzare il mondo e le attività dell uomo e, nello stesso tempo, come costruzione logica, indipendente dalle sue applicazioni

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO)

CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 RICONOSCERE, RAPPRESENTARE E RISOLVERE PROBLEMI - Decodificare immagini - Leggere un testo - Esprimersi

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare MATEMATICA MATEMATICA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

Curricolo di MATEMATICA

Curricolo di MATEMATICA Istituto Comprensivo Gandhi a.s 2014/2015 Curricolo di MATEMATICA Scuola Primaria COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologie Imparare a imparare - Spirito

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l

Dettagli

DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE. MATEMATICA Classe prima

DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE. MATEMATICA Classe prima PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA MATEMATICA Classe prima 1- Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi. a) Individuare, in un contesto concreto di vita scolastica, le varie situazioni

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE TERZA ABILITÀ 1. L allievo partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA CLASSE:PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA AMBITO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO/ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

- Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti nell ambiente circostante elementi naturali e antropici.

- Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti nell ambiente circostante elementi naturali e antropici. IMMAGINE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE/CONTENUTI LEGGERE E COMPRENDERE - Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti forme e oggetti presenti nell ambiente circostante: nell

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale NUMERI -L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali entro le centinaia di migliaia. -L alunno si muove nel calcolo scritto e con i numeri naturali entro le migliaia.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA 1. : PADRONEGGIARE ABILITÀ DI CALCOLO ORALE E SCRITTO 1.1 Leggere, scrivere, comporre, scomporre, confrontare, ordinare i numeri fino a 20 1.2 Eseguire

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Le Indicazioni Nazionali per il Primo Ciclo di Istruzione offrono agli insegnanti e alle scuole l'occasione per ridefinire il quadro di

Dettagli

PROGETTO CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO

PROGETTO CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO PROGETTO CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO Per l organizzazione e le modalità attuative del progetto nelle varie realtà dell Istituto si fa riferimento alle programmazioni educative dei vari plessi della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI Acquisire maggiore capacità di osservare, di problematizzare, di ordinare, di quantificare e di misurare fatti e fenomeni della realtà; sviluppare le abilità necessarie per

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA

CURRICOLO DI MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei tematici e anni scolastici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SEZIONE A : Traguardi formativi

CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SEZIONE A : Traguardi formativi CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SEZIONE A : Traguardi formativi FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA FINE SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA. Istituto comprensivo di Castell Arquato

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA. Istituto comprensivo di Castell Arquato CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Istituto comprensivo di Castell Arquato Scuola dell infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo delle competenze Abilità Conoscenze Immagini, suoni, colori

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA CLASSE 1^

CURRICOLO MATEMATICA CLASSE 1^ CURRICOLO CLASSE 1^ COMPETENZE CHIAVE: Competenze di base in matematica Classe 1^ Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione decimale avendo consapevolezza

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015 Maria Ausiliatrice - Luino DI ITALIANO Si fa riferimento al PROFILO IN USCITA della classe. Ascolto e parlato Interagire in modo collaborativo negli scambi comunicativi rispettando i turni di intervento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO IV OVEST SASSUOLO A.S. 2014 2015 - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO IV OVEST SASSUOLO A.S. 2014 2015 - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA ASCOLTARE, PARLARE E COMPRENDERE OBIETTIVI SPECIFICI DÌ APPRENDIMENTO 1.1 Prestare attenzione ai messaggi orali, tenendo conto del contesto 1.2 Riconoscere globalmente il significato e

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DI BASE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Classe prima a) Ascoltare semplici messaggi orali e brevi racconti.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DI BASE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Classe prima a) Ascoltare semplici messaggi orali e brevi racconti. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DI BASE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO a) Ascoltare semplici messaggi orali e brevi racconti. b) Pronunciare in modo chiaro e corretto le parole. c) Leggere, comprendere semplici testi

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CONTENUTI METODOLOGIA STRUMENTI METODO DI STUDIO VALUTAZIONE ANNO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONTENUTI METODOLOGIA STRUMENTI METODO DI STUDIO VALUTAZIONE ANNO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO NNO COMPETENZE OBIETTIVI DI PPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGI STRUMENTI METODO DI STUDIO VLUTZIONE 4^ M T E M T I C L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e

Dettagli