POR SARDEGNA FESR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POR SARDEGNA FESR 2007-2013"

Transcript

1 ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SOS SARTOS ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione POR SARDEGNA FESR UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO REGIONALE SMEC Interventi di accompagnamento per i Beneficiari delle operazioni a regia regionale Riflessioni conclusive

2 INDICE PREMESSA... 2 LA NASCITA DEL SISTEMA SMEC... 3 Le novità e le opportunità della programmazione Il supporto al cambiamento... 4 IL TRASFERIMENTO DI COMPETENZE... 4 Criteri, strumenti e modalità organizzative... 4 Scheda I numeri del trasferimento delle competenze... 6 Output... 7 L ATTIVITÀ DI AFFIANCAMENTO... 8 Criteri, strumenti e modalità organizzative... 8 Scheda I numeri dell affiancamento L ATTIVITA DI HELP DESK Criteri, strumenti e modalità organizzative Scheda l numeri dell Help Desk CONCLUSIONI Scheda Qualche numero per concludere

3 PREMESSA Sin dall avvio dell attuale periodo di programmazione, l Autorità di Gestione del POR FESR ha rivolto parte importante dei suoi sforzi all obiettivo di sviluppare un Sistema informativo regionale integrato che assicurasse il monitoraggio, supportasse i controlli e consentisse la certificazione della spesa delle risorse del Programma. Grazie a un intenso lavoro di squadra, il Sistema di Monitoraggio e Controllo SMEC è una realtà, un concreto ausilio all attività di quanti operano a diversi livelli e con diversa responsabilità nell ambito del POR. Centrare l obiettivo ambizioso di diffondere capillarmente l utilizzo del nuovo Sistema regionale, ampliando in tempi brevissimi la platea di utenti di SMEC, ha richiesto, tra l altro, interventi mirati di trasferimento di competenze ai Beneficiari titolari delle operazioni a regia regionale. Una corretta attività di monitoraggio presuppone infatti il coinvolgimento dei soggetti competenti per l attuazione dei progetti finanziati, nel rispetto del principio di sussidiarietà e convinti che i dati debbano essere immessi nel circuito informativo dai responsabili della loro produzione. Al termine di un attività propedeutica avviata a settembre del 2011, l intervento di accompagnamento rivolto ai Beneficiari delle operazioni a regia ha avuto inizio lo scorso dicembre. L azione core del Progetto promosso dal Centro Regionale di Programmazione ha riguardato il trasferimento del know how necessario per l utilizzo corretto e diffuso del Sistema SMEC. Per la sua valenza complessiva, l intervento è stato suddiviso in due Fasi: la Fase pilota ha consentito di sperimentare il metodo che, alla luce dei riscontri ottenuti e degli elementi conoscitivi acquisiti, è stato affinato in aspetti di dettaglio e applicato compiutamente nella Fase a regime. Per testare in progress la percezione dell iniziativa da parte del target di utenti di SMEC, è stata condotta un azione di monitoraggio del gradimento dell attività di trasferimento delle competenze, somministrando ai partecipanti un apposito questionario. La Fase a regime seguita alla conclusione di quella pilota, all inizio di marzo 2012 è stata rafforzata con attività di affiancamento personalizzato ai Beneficiari precedentemente formati e attraverso un servizio potenziato di Help Desk. Questo documento illustra il percorso operativo seguito durante la realizzazione del Progetto, focalizzandosi sulle attività svolte nella Fase a regime e sintetizzandone gli esiti positivi, nell ottica di un continuo miglioramento della qualità del monitoraggio del POR FESR e di crescita di tutte le Amministrazioni coinvolte nell attuazione del Programma. Buona lettura. 2

4 LA NASCITA DEL SISTEMA SMEC Le novità e le opportunità della programmazione Con l avvio del ciclo , gli Organismi di coordinamento della Programmazione comunitaria e nazionale Ministero dell Economia e delle Finanze-IGRUE, Ministero dello Sviluppo Economico-DPS, Ministero del Lavoro hanno definito, di concerto con le Regioni, gli standard per il monitoraggio , individuando il set minimo di dati richiesti per ciascun progetto finanziato e definendo le modalità di alimentazione della Banca Dati Unitaria per il monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale La Regione Sardegna attraverso il Centro Regionale di Programmazione ha raccolto la sfida di razionalizzare i sistemi per il monitoraggio della Programmazione regionale unitaria, progettando un Sistema informativo proprietario, coerente con il mutato scenario nazionale e funzionale alle sue esigenze gestionali. Il Sistema di Monitoraggio e Controllo SMEC consente, prima di tutto, di soddisfare fabbisogni informativi e conoscitivi espressi nell articolo 60 del Regolamento (CE) n. 1083/2006, che prevede che l Autorità di Gestione garantisca «l esistenza di un Sistema informatizzato di registrazione e conservazione dei dati contabili relativi a ciascuna operazione svolta nell'ambito del programma operativo, nonché la raccolta dei dati relativi all'attuazione necessari per la gestione finanziaria, la sorveglianza, le verifiche, gli audit e la valutazione». Parallelamente, il nuovo Sistema SMEC recepisce il modello organizzativo che la Regione ha adottato per la gestione e il controllo del POR FESR, prevedendo profili funzionali differenziati in base ai livelli di responsabilità di ciascun soggetto coinvolto: ogni utente può eseguire le azioni di propria competenza, utilizzando unicamente le funzioni compatibili con il proprio ruolo. Informatizzando il sistema di sorveglianza, controllo e informativa finanziaria, SMEC interpreta perfettamente la logica di integrazione dei processi di gestione e controllo espressa nei Regolamenti comunitari, rispondendo, sotto il profilo tecnico e dei contenuti, a quanto previsto dal Sistema Nazionale di Monitoraggio dei progetti Nella messa a punto di SMEC inoltre, l Autorità di Gestione ha tenuto in particolare considerazione la necessità di realizzare modalità di colloquio tra diversi applicativi, a partire dalle regole generali previste e diffuse dall IGRUE e gettando uno sguardo anche a ipotesi più evolute di integrazione con sistemi informatici già in uso o in corso di realizzazione presso altre aree dell Amministrazione regionale. Questa visione trae piena legittimità dalle Linee Strategiche dell Ente Nazionale per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione che raccomandano di «[ ] abbandonare l approccio, troppo spesso finora perseguito, della informatizzazione di singoli segmenti di processo. Vanno integrate e interconnesse le risorse informative ed informatiche delle Pubbliche Amministrazioni, le loro banche dati e i servizi in rete che offrono [ ]. I sistemi informativi pubblici vanno costruiti sempre più come somma di componenti isolati che cooperano tra loro in modo coordinato, in grado di essere riutilizzati anche singolarmente in diversi contesti». 3

5 Il supporto al cambiamento Le scelte operate dall Amministrazione regionale sui temi del monitoraggio, sostenute dai mutamenti intervenuti a livello comunitario e nazionale, sono state accompagnate da misure di supporto al cambiamento, orientate a superare eventuali resistenze fisiologiche da parte delle strutture regionali e locali. Per promuovere la conoscenza, leva fondamentale nello sviluppo di competenze, e dunque la consapevolezza di tutti gli attori coinvolti nel monitoraggio del POR, l Autorità di Gestione ha attivato un azione di supporto specifica, finalizzata a trasferire ai Beneficiari delle operazioni a regia regionale gli strumenti metodologici e conoscitivi necessari all assunzione di responsabilità nell espletamento dei propri compiti. Nella progettazione delle azioni di accompagnamento si è puntato a diffondere rapidamente e capillarmente l utilizzo di SMEC al di fuori della RAS, favorendo la disponibilità a cambiare negli utenti del nuovo Sistema regionale, colmando deficit informativi e stimolando l acquisizione di autonomia operativa da parte degli Enti beneficiari delle risorse del POR. Sempre nella fase di impostazione dell attività sul campo, sono stati individuati alcuni risultati concreti da raggiungere: la progressiva diffusione del monitoraggio a evento e la disponibilità, in prospettiva, di dati aggiornati in tempo reale per soddisfare ogni esigenza conoscitiva con tempestività; la riduzione di errori in fase di trasmissione periodica delle informazioni alla Banca Dati Unitaria nazionale (maggiore completezza e qualità dei dati di attuazione del POR); la riduzione dell attività di sollecito da parte degli Uffici regionali per l aggiornamento delle informazioni di competenza dei Beneficiari diversi dalla RAS. IL TRASFERIMENTO DI COMPETENZE Criteri, strumenti e modalità organizzative Il percorso formativo è stato strutturato in moduli della durata di 4-5 ore, rivolti a un massimo di 15 operatori in modo da garantire le migliori condizioni per l efficacia dell azione di trasferimento di know how. Le giornate, erogate per un numero di edizioni sufficiente ad assicurare la formazione di tutti i destinatari, sono state gestite secondo un rapporto minimo docenti/allievi di 3 a 15. seminariale e laboratorio. Ciascun modulo è stato diviso in due fasi: intervento L intervento seminariale di carattere prevalentemente illustrativo/didattico, svolto con l ausilio di slide video proiettate è stato dedicato alla trattazione di due argomenti: 4

6 1. La cultura del monitoraggio : inquadramento del monitoraggio nel contesto degli strumenti di governo delle politiche di sviluppo regionale; illustrazione del modello di riferimento nazionale; 2. SMEC Sistema informativo di monitoraggio e controllo della Regione Autonoma della Sardegna : descrizione della scelta operata dalla RAS nella realizzazione del Sistema informatico di monitoraggio e controllo; presentazione dell architettura del Sistema e del workflow dei dati. Il laboratorio di carattere eminentemente pratico, improntato al training on the job è stato dedicato all illustrazione e alla sperimentazione del Sistema informatico SMEC, mediante l utilizzo diretto dell applicativo da parte degli utenti assistiti dai consulenti. Sono state realizzate complessivamente 64 sessioni formative per un totale di 339 ore di docenza. Per massimizzare la fruibilità dell intervento e la partecipazione dei Beneficiari, le attività si sono svolte presso tre Presidi territoriali individuati nelle città di Cagliari (le aule sono state fornite da Sardegna IT, società in house della RAS), Sassari e Nuoro (le aule sono state fornite dai Centri Regionali di Formazione Professionale di Sassari e Nuoro). Comuni formati nel Presidio di Nuoro Comuni formati nel Presidio di Sassari Comuni formati nel Presidio di Cagliari I soggetti contattati per prender parte alle attività di accompagnamento sono stati complessivamente Per garantire a tutti l acquisizione delle competenze necessarie per comprendere e operare sul Sistema, ci si è rivolti sia a utenti già registrati e accreditati, che a utenti potenziali, appartenenti cioè a Enti potenzialmente beneficiari di finanziamenti del POR. Sul totale degli 835 iscritti, 659 soggetti hanno preso parte effettivamente alle attività (il 79%). Dal punto di vista della distribuzione territoriale dei Comuni raggiunti e formati (suddivisi per Presidio di riferimento), la carta a sinistra mostra una copertura pressoché totale del territorio regionale. All attività formativa hanno partecipato infatti 343 Comuni, pari al 91% dei Comuni della Sardegna (cfr. tab. 1). La percentuale si innalza se la si calcola rispetto ai Comuni accreditati: dei 353 registrati su SMEC, hanno partecipato alla formazione 331 Comuni, pari al 94% del totale. Oltre ai Comuni, hanno fruito del servizio altri Enti: Province, Enti territoriali, Agenzie di sviluppo, Università, Aziende sanitarie e ospedaliere, e altri, per un totale di 382 Enti (cfr. tab. 2). 5

7 I numeri del trasferimento delle competenze Tabella 1 Dati sui Comuni formati Provincia Comuni Comuni formati n. % CA CI VS NU OG OR OT SS Totale La tabella 1 mostra la distribuzione su base provinciale dei 343 Comuni formati e la percentuale di Comuni formati in ciascuna provincia. Per raggiungere questi importanti risultati è stato necessario un grande sforzo organizzativo che ha portato in aula 659 soggetti di cui 527 appartenenti a Comuni, Beneficiari effettivi e potenziali delle risorse del POR (l intervento è stato aperto infatti a tutti i Comuni della Sardegna). Tabella 2 Enti e utenti formati Tipologia di Ente Numero N. utenti Comune Provincia 8 48 Ente Parco 4 13 Direzione didattica 1 5 Azienda Osped.-Univers. 3 7 ASL 8 24 Ente Trasporti 3 7 Università 2 12 ENAS 1 1 Consorzio 6 11 Unione di Comuni 2 3 Patto territoriale 1 1 Totale La tabella 2 fornisce un quadro riepilogativo degli utenti raggiunti e formati e una visione d insieme della pervasività dell azione formativa a livello territoriale. A fronte di 382 Enti raggiunti, sono stati formati 659 utenti. L intervento non si è limitato quindi a coprire il maggior numero di Enti possibile, ma, nella quasi totalità dei casi, ha coinvolto più utenti per ciascun Ente. Questo risultato aumenterà le probabilità di pieno affrancamento operativo dei Beneficiari effettivi e potenziali di SMEC. La promozione delle attività formative è stata coordinata dal Gruppo di lavoro monitoraggio dei programmi e dei progetti del Centro Regionale di Programmazione. Le presenze nelle diverse sedi si sono così ripartite: Presidio di Cagliari: su 393 adesioni all invito (provenienti dalle province di Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano e parzialmente dalla provincia di Oristano), si sono registrate 327 presenze effettive; 6

8 Presidio di Nuoro: su 197 adesioni (provenienti dalle province di Nuoro e Ogliastra), si sono registrate 148 presenze effettive; Presidio di Sassari: su 245 adesioni (provenienti dalle province di Sassari, Olbia-Tempio e parzialmente dalla provincia di Oristano), si sono registrate 184 presenze effettive. I grafici mostrano il tasso di partecipazione degli utenti nei diversi Presidi. Il primo (verde) riporta la percentuale complessiva di partecipazione degli utenti del Presidio di Cagliari: il tasso è stato dell 83%. Il dato riferito ai Presidi di Nuoro (arancio) e Sassari (blu) è stato invece del 75%. 83% 75% 75% 17% 25% 25% Presenti Assenti Presenti Assenti Presenti Assenti Output Per rendere più incisiva ed efficace l azione di trasferimento delle competenze e favorire l adozione di un linguaggio comune, si è operato trasferendo metodologie, strumenti e supporti operativi. A tal fine, sono stati realizzati e socializzati alcuni materiali didattici e divulgativi. CD-ROM documentale In sede di svolgimento dell attività di trasferimento delle competenze, a ciascun partecipante è stato consegnato un CD-ROM contenente il materiale didattico e documenti di interesse per lo svolgimento delle attività di monitoraggio previste dai Regolamenti comunitari. Manuale Utente per i Responsabili e Operatori delle operazioni a regia Il Manuale fornisce un supporto operativo per il corretto utilizzo di SMEC, utile sia per il caricamento, sia per la lettura dei dati di monitoraggio di competenza dei Beneficiari delle operazioni a regia. Tale strumento riprende alcune parti del più completo Manuale Utente 2.0 ed è stato arricchito con una sezione contenente i quesiti ricorrenti pervenuti al Servizio di Assistenza tecnica per l utilizzo del Sistema SMEC. SMEC. Le parole e le persone Il documento ha lo scopo di raccontare, in modo semplice e non tecnico, il contesto della programmazione , attraverso i termini di più frequente utilizzo e di maggiore 7

9 significatività, in larga parte presenti all interno di SMEC. Si pone come complemento naturale delle attività formative svolte sul monitoraggio e sull utilizzo del Sistema regionale, mirando a facilitare l interpretazione dei dati richiesti per il monitoraggio dei progetti realizzati nell ambito del POR FESR e con l intento di fornire alcune informazioni sistematizzate sui principali attori del Sistema. Per la finalità dichiaratamente didattica, il documento è stato organizzato in sezioni, proponendo le parole in un ordine logico piuttosto che alfabetico: l idea è provare a costruire un percorso che conduca il lettore dalle grandi scelte operate a livello europeo al dato elementare relativo al singolo progetto realizzato, per riuscire a riconnettere il ruolo dell ultimo operatore locale alle decisioni di portata strategica assunte a livello sovranazionale. CD/Tutorial per l utilizzo del Sistema SMEC Quale ulteriore complemento per un corretto utilizzo di SMEC è stato ideato e realizzato un video tutorial, strumento più interattivo di una pubblicazione, che, per l immediatezza visiva, può essere più facilmente fruibile di un manuale. Il tutorial è diviso in 13 sezioni, corrispondenti a quelle presenti su SMEC. Esso ripercorre l intero iter di alimentazione del Sistema da parte dei Beneficiari, proponendo le diverse schermate che SMEC sottopone all utente e riproducendo le modalità di inserimento delle singole informazioni. Il video è stato realizzato con l ausilio di una voce narrante che esplicita le operazioni da compiere e i loro presupposti: tipo di dato da inserire ed eventuali verifiche di correttezza e coerenza che l applicazione effettua sulle varie strutture. La suddivisione in sezioni risponde all esigenza di agevolare la fruizione dello strumento e rendere più familiare l organizzazione concettuale dell applicazione. L ATTIVITÀ DI AFFIANCAMENTO Per consolidare la conoscenza dell applicativo SMEC e favorire la familiarità del suo utilizzo presso i Beneficiari delle operazioni a regia, è stata realizzata anche una seconda azione ad hoc finalizzata al supporto per l inserimento dei dati del/i progetto/i di competenza del singolo Beneficiario. L attività di affiancamento ha concretamente permesso di accrescere l efficacia dell intervento formativo e di massimizzare i risultati dell azione di supporto attivata dall Amministrazione regionale. Criteri, strumenti e modalità organizzative L attività di affiancamento ha richiesto un considerevole sforzo alla macchina organizzativa per il coinvolgimento di tutti i soggetti potenzialmente interessati ad approfondire alcuni aspetti del Sistema SMEC. Per ottimizzare lo svolgimento delle attività, si è proceduto mettendo in campo una successione di azioni: 1. rilascio di un informativa al termine di ogni giornata di formazione; 2. invio del Calendario dell attività di affiancamento rivolta ai Beneficiari delle operazioni a regia e del Modulo richiesta affiancamento personalizzato ; 8

10 3. recall di tutti gli utenti formati e classificazione del loro grado di autonomia operativa; 4. definizione di eventuali appuntamenti e compilazione del Registro di affiancamento per ogni supporto effettuato presso i Presidi territoriali. La creazione di una Banca dati degli utenti (reali e potenziali) ha consentito di pianificare l attività di supporto sulla base di priorità. Gli utenti formati sono stati classificati secondo il grado di operatività sul Sistema: affiancabili, senza dati da caricare, non interessati, autonomi, non operativi. Tale categorizzazione ha portato a elaborare proiezioni sull andamento dei fabbisogni, contattare progressivamente la quasi totalità dei formati e valutare in ogni singolo caso l opportunità di operare in affiancamento o di fornire assistenza immediata tramite interventi di Help Desk telefonico. Comuni affiancati nel Presidio di Nuoro Comuni affiancati nel Presidio di Sassari Comuni affiancati nel Presidio di Cagliari La carta a sinistra mostra la localizzazione dei Comuni che hanno usufruito dell attività di affiancamento, suddivisi per Presidio territoriale. Ogni sessione di affiancamento ha avuto una durata media di circa 3 ore. Durante gli incontri, ciascuno dei quali rivolto a un massimo di 4 utenti di uno stesso Ente, sono stati erogati contenuti teorici limitati, concentrando l attività sull utilizzo pratico di SMEC, sperimentato concretamente attraverso il caricamento di dati finanziari, fisici e procedurali, secondo un approccio improntato al learning by doing. In fase di affiancamento, prima di operare sul Sistema, si è proceduto a verificare l effettivo accreditamento degli utenti su SMEC. Per agevolare la fruibilità del supporto è stata offerta agli utenti la possibilità di scegliere il Presidio e il giorno più rispondenti alle proprie esigenze. Nel periodo marzo-luglio 2012, sono stati effettuati 149 incontri di affiancamento personalizzato. 9

11 I numeri dell affiancamento I numeri relativi all attività di affiancamento suggeriscono alcune considerazioni sull efficacia del trasferimento di competenze. Le richieste di supporto personalizzato sono andate crescendo gradualmente, di pari passo con la realizzazione dell attività formativa e a completamento dell attività stessa: nel mese di luglio il supporto è stato attivato 50 volte, contro le 10 richieste di assistenza pervenute a marzo (cfr. grafico rosso) marzo aprile maggio giugno luglio Formati Affiancati Formati Affiancati Formati Affiancati I dati per Presidio mostrano che in quello di Cagliari (verde) solo il 10% degli utenti formati ha fatto richiesta di affiancamento (il dato si motiva con un maggior ricorso al servizio di Help Desk). Nel Presidio di Nuoro (arancio), circa un terzo degli utenti formati hanno usufruito anche del supporto personalizzato. Per quanto riguarda infine il Presidio di Sassari (blu), su un totale di 184 utenti formati, 36 (il 20%) hanno attivato anche l affiancamento. Alcuni soggetti si sono avvalsi più di una volta della possibilità di operare con i consulenti su specifici problemi, mentre 15 utenti, pur non avendo partecipato all attività formativa, hanno fatto richiesta di affiancamento. In questi casi l attività è stata intensiva e, per agevolare la piena comprensione delle funzioni di SMEC, si è proceduto al caricamento di dati nella versione demo. La percentuale media di sessioni di affiancamento effettuate sul totale dei formati è del 18%. Il dato non sorprende. Le tre tipologie di supporto messe a disposizione dei Beneficiari (trasferimento di competenze, affiancamento personalizzato ed Help Desk di cui si dirà) non sono state progettate come un pacchetto da erogare obbligatoriamente a dispetto delle esigenze specifiche, ma come un complesso di opzioni sinergiche che, completandosi, potessero rafforzare gli effetti positivi del Progetto promosso dall Amministrazione regionale. Il dato sulle richieste di supporto personalizzato testimonia l efficacia dell azione formativa (confermata anche dalle valutazioni contenute nel questionario di gradimento) e l incisività del supporto a distanza fornito in tempo reale al bisogno. A questi si aggiungono altri fattori, quali: la notevole intuitività del Sistema, percepita soprattutto da chi ha già maturato esperienze nell utilizzo di sistemi informatici per il monitoraggio, come MonitWeb; la distanza dei Presidi territoriali dalle sedi di alcuni Comuni; la presenza in SMEC di operazioni finanziate, non ancora avviate a realizzazione. 10

12 L ATTIVITA DI HELP DESK Il buon esito dell azione di accompagnamento realizzata è confermato anche dal numero e dalla tipologia di contatti stabiliti dai Beneficiari con il servizio di Help Desk. Dall avvio del Progetto, sono stati effettuati 727 interventi di assistenza a distanza. L Help Desk, progettato anche allo scopo di garantire maggiore pervasività e complementarietà all intero intervento, si è sostituito all attività di affiancamento quando, per ragioni logistiche, gli utenti non hanno potuto usufruire del supporto personalizzato presso i Presidi. Criteri, strumenti e modalità organizzative L Help Desk, attivato prevalentemente via telefono e posta elettronica, ha rappresentato per i Beneficiari un punto di riferimento importante in caso di problematiche concettuali e di tipo informatico suscettibili di essere risolte in tempo reale. L attività è stata rivolta a: accogliere e registrare le richieste di assistenza; risolvere i problemi ricorrenti e quelli di limitata complessità informatica; indirizzare verso i Servizi degli Assessorati regionali le questioni non attinenti al monitoraggio e alle modalità di utilizzo di SMEC; analizzare le statistiche sulle richieste, per identificare i fabbisogni e definire azioni preventive; interagire con gli sviluppatori del Sistema per la segnalazione di disfunzioni e anomalie e per la soluzione di emergenze tecniche. Un solo contatto Fino a 3 contatti Oltre 3 contatti Durante la formazione, unitamente ai materiali didattici, i Beneficiari hanno ricevuto i riferimenti e le indicazioni necessari ad accedere al servizio. Gli step operativi si sono così articolati: ricezione, classificazione e inserimento delle richieste nella base dati; valutazione della gravità e assegnazione del grado di priorità all intervento; analisi del problema e raccolta delle informazioni utili a risolverlo; risoluzione del problema e comunicazione degli esiti dell intervento. Gli utenti di SMEC hanno usufruito dell Help Desk anche più volte, come evidenziato nella carta. Durante l attività sul campo, l Help Desk ha effettuato 382 interventi riguardanti le sezioni del Sistema, centrali nell operatività degli utenti con ruoli a regia. Le richieste sono pervenute prevalentemente da Comuni e, in misura marginale, da altri Enti e soggetti accreditati. 11

13 I numeri dell Help Desk Nell arco dell intero periodo, il servizio di Help Desk ha svolto un ruolo importantissimo, con rilevanti concentrazioni di richieste in corrispondenza delle scadenze istituzionali per l invio dei dati di monitoraggio. Il grafico a sinistra mostra la distribuzione quadrimestrale dei 727 contatti, mentre quello a destra rappresenta l andamento delle richieste nella fase di attività sul campo (382 interventi a distanza sulle sezioni di SMEC su cui operano i Beneficiari) I quadrim. set-dic II quadrim. gen-apr III quadrim. mag-ago febbraio marzo aprile maggio giugno luglio Le richieste hanno riguardato soprattutto la sezione di avanzamento finanziario (grafico in basso, a sinistra), puntando ad affinare la comprensione delle modalità generali di inserimento dei dati. Gran parte degli utenti si è inoltre rivolta al servizio per avere assistenza al primo accesso al Sistema e per la richiesta di nuove credenziali. 6% 6% 34% 69% Nell altro grafico viene illustrata la ripartizione, per Presidio di riferimento, delle richieste di assistenza pervenute all Help Desk dai Comuni. 10% Il dato più significativo riguarda il 44% Presidio di Cagliari, i cui Comuni 14% 17% hanno fruito del servizio in Anagrafica operazioni Flussi e visualizzazioni percentuale nettamente superiore Giustificativi e convalida Impegni e pagamenti Cagliari Nuoro Sassari a quelli formati negli altri Presidi. Il Svalidazioni e cancellazioni dato, letto congiuntamente al minor ricorso al servizio di affiancamento da parte degli stessi Comuni, è presumibilmente da ricondurre alla maggiore esperienza nell attuazione degli interventi cofinanziati dai Fondi strutturali e conoscenza delle regole sottese. A seguito dell attività formativa e dell affiancamento personalizzato, la modalità di supporto ai Beneficiari tramite Help Desk è diventata prevalente. 12

14 CONCLUSIONI Tutte le riflessioni formulate mettono in luce l interesse e la partecipazione dimostrata dai Beneficiari per le azioni di accompagnamento realizzate, confermando l importanza e l utilità dello sforzo sostenuto dall Amministrazione regionale nel coinvolgere i Beneficiari del POR nelle attività di monitoraggio e, più in generale, nell utilizzo di sistemi informatici condivisi. Formazione Formazione ed Help Desk Formazione, Help Desk e Affiancamento La valenza territoriale dell attività, insieme al mix di tipologie e modalità di supporto adottate, si sono rivelati fattori decisivi per il raggiungimento di risultati rilevanti in termini di coinvolgimento, reattività dei partecipanti e progressi effettuati. La carta a sinistra mostra che le azioni messe in campo hanno raggiunto la quasi totalità degli Enti locali regionali 1. Grazie alla costante attività di promozione e comunicazione, coordinata dal Gruppo di lavoro monitoraggio dei programmi e dei progetti presso il Centro Regionale di Programmazione, è stato raggiunto il 91% del totale dei Comuni e il 94% di quelli accreditati. I diversi livelli delle Amministrazioni pubbliche sarde sono stati coinvolti nelle attività di accompagnamento, incoraggiando la percezione dell utilità del monitoraggio della spesa pubblica troppo spesso avvertita come un imposizione inessenziale per lo svolgimento delle mansioni ordinarie e contribuendo ad accrescere la qualità e l efficienza dei rapporti tra la Regione e gli Enti destinatari dei finanziamenti del POR FESR. La realizzazione delle attività offre chiara testimonianza di uno spirito di cooperazione orientato fattivamente ai risultati. Operare con modalità inclusive e in prossimità dei soggetti target dell azione attraverso l attività formativa e di affiancamento sul campo e mediante l assistenza dell Help Desk ha incoraggiato la partecipazione attiva dei Beneficiari, creando un clima collaborativo e disponibile al cambiamento. L auspicio per l immediato futuro è una graduale convergenza verso le indicazioni contenute nelle bozze dei Regolamenti per la Programmazione e nei Piani europei e nazionali sulla digitalizzazione della PA, tutti orientati a centrare sullo scambio elettronico dei dati e dei documenti il rapporto tra Amministrazioni e il dialogo tra queste e i cittadini. 1 Fra le diverse opzioni rappresentabili, si è scelto di mappare solo tre combinazioni di supporto. 13

15 Qualche numero per concludere È interessante notare come il numero di utenti registrati su SMEC sia aumentato esponenzialmente nel corso dell azione core dell intero intervento di accompagnamento, vale a dire l attività di trasferimento delle competenze. Il numero di utenti con il ruolo di Responsabile o di Operatore di operazioni a regia appartenenti a Comuni, Province o altri Enti è passato dai 150 registrati nel mese di febbraio, ai 745 del mese di luglio, 95% pari al 95% del totale di utenti accreditati su SMEC. La disamina dei grafici in basso rafforza la convinzione sull efficacia del supporto offerto. Il trend relativo alle operazioni inserite nel Sistema (linea blu) mostra un andamento crescente, anche se non costante, per tutto il 5% periodo di svolgimento delle attività. Durante la prima fase di azione, il numero delle operazioni caricate ha subìto Utenti operazioni a titolarità un evidente impennata. Dopo un fisiologico rallentamento Utenti operazioni a regia dovuto al volgere dell anno, l avvio dell attività formativa ha innescato la ripresa del ritmo positivo di caricamento delle operazioni. A fronte delle 262 operazioni presenti in SMEC a settembre 2011, oggi sono ormai più di (+238) (+296) 645 numero (+854) milioni di euro 573 milioni di euro settembre dicembre aprile agosto settembre dicembre aprile agosto settembre dicembre aprile agosto Dal tasso di incremento di impegni (linea rossa) e pagamenti (linea verde) registrati in SMEC nell arco temporale dell attività di supporto ai Beneficiari, deriva un ulteriore conferma dell incisività dell azione svolta e del pieno coinvolgimento degli Enti beneficiari nell attività sistematica di monitoraggio delle operazioni finanziate dal POR FESR. 14

16 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative Asse I: Assistenza tecnica e coordinamento delle politiche di sviluppo regionale Aprile 2002

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. Editoriale a cura dell Ing. Aldo Mancurti, Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

Prot.n.AOODGAI/370 Roma, 15/01/2014

Prot.n.AOODGAI/370 Roma, 15/01/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

POR FSE CALABRIA 2007/2013

POR FSE CALABRIA 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO H.1 Miglioramento della qualità, dell efficacia e dell efficienza

Dettagli

Quando la formazione continua entra in azienda

Quando la formazione continua entra in azienda Maggio 2013, anno VII N. 5 Quando la formazione continua entra in azienda Spunti e riflessioni per un apprendimento efficace di Sabrina Sicari 1 Quando in azienda si avverte la necessità di realizzare

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020.

la restante parte, pari a euro 1.275.670,86, graverà sulle risorse del Por Fse 2014/2020. Oggetto: Programmazione e finanziamento percorsi formativi per il rilascio della qualifica di Operatori Socio Sanitari (OSS). Revoca parziale delle Delib.G.R. n. 47/43 del 14.11.2013 e n. 5/37 dell'11.2.2014.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

FEG AGILE Regione Lombardia ALLEGATO

FEG AGILE Regione Lombardia ALLEGATO ALLEGATO Azioni proposte da a favore dei lavoratori in esubero dell azienda Agile con sede di lavoro in, Pregnana (Milano) 1 Premessa...2 Parte F - Azioni proposte...3 A. La Rete degli attori per il Reimpiego...3

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance (ai sensi Delibera CiVIT n. 112/2010, p. 3.7.3) Organismo Indipendente di Valutazione ASL Salerno Salerno 25 novembre 2011 2 1. Il ciclo di gestione della performance dell ASL di Salerno: una premessa

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA Carlo Pisanti Direttore Centrale - Banca d Italia Accademia dei Lincei Roma, 9 luglio 2010 Slide 1 Quali sono le finalità a cui deve provvedere

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

schede descrittive delle scuole e degli organismi formativi per la pa

schede descrittive delle scuole e degli organismi formativi per la pa 8. i s t i t u t o g u g l i e l m o t a g l i a c a r n e Dal 1986 l Istituto Guglielmo Tagliacarne, Fondazione dell Unione italiana delle Camere di commercio (Unioncamere), promuove e diffonde la cultura

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3. PROGETTO ASFODELO Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.2 Avviso pubblico per manifestazioni di interesse a partecipare al percorso di rafforzamento delle

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Lavoro per TE. Gennaio 2015

Lavoro per TE. Gennaio 2015 Lavoro per TE Gennaio 2015 INDICE LOS STRUMENTO PER LO SVULUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE IL PORTALE LAVORO PER TE I SERVIZI 1 LO STRUMENTO PER LO SVILUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

PAF - Piano Attività Formati

PAF - Piano Attività Formati Progetto Porti - Ports et identitè PAF - Piano Attività Formative Rafforzamento competenze attori aree portuali Bozza di lavoro 21 Novembre 2013 A cura di Frantziscu Sanna Progetto Porti - Ports et identitè

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO LA FORMAZIONE 2011 NELLE CAMERE DI COMMERCIO L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L universo di riferimento è rappresentato da una rete di strutture che si sviluppa attorno a 105 nodi provinciali, organizzati e integrati

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA)

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA) LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA) SOMMARIO 1 Necessità di cambiamento tempestivo nella capacità amministrativa: PERCHÉ il Piano di Rafforzamento Amministrativo

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita. 1.1.2 Obiettivi. 1.1.3 Destinatari. 1.1.4 Articolazione e struttura dell intervento

1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita. 1.1.2 Obiettivi. 1.1.3 Destinatari. 1.1.4 Articolazione e struttura dell intervento 1.1 SCHEDA INTERVENTO 2 1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita 1.1.2 Obiettivi Negli ultimi venti anni, le conoscenze in materia di medicina riproduttiva si sono incredibilmente

Dettagli

Step One Diogene Test on line

Step One Diogene Test on line Con l obiettivo di consolidare e capitalizzare il know how dell Istituto in tema di razionalizzazione e innovazione dei servizi offerti alla pubblica amministrazione locale, nasce l idea di sistematizzare

Dettagli

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Il presente documento si propone di esplicitare e comunicare gli impegni che l'istituto Italiano Arte e Artigianato

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Premessa La presente iniziativa è volta a promuovere, a livello interregionale,

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE; PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITA DEGLI ENTI LOCALI Rapporto sulla funzione pubblica

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Piano di attuazione della governance del processo partenariale

Piano di attuazione della governance del processo partenariale ASSESSORATO ALLA FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA E UNIVERSITÀ Direzione Regionale Formazione, ricerca e innovazione, scuola e università, diritto allo studio Strategia regionale di sviluppo della programmazione

Dettagli

FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA

FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA M. CASALE*, R. D ANGELO*, D. FERRANTE* RIASSUNTO La Direzione regionale Inail per la Campania,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

IL SEGRETARIATO SOCIALE NEI COMUNI DELL AMBITO DI LEGNANO PERCORSO DI VALUTAZIONE

IL SEGRETARIATO SOCIALE NEI COMUNI DELL AMBITO DI LEGNANO PERCORSO DI VALUTAZIONE ALLEGATO 3 al Piano di Zona 2009-2011 IL SEGRETARIATO SOCIALE NEI COMUNI DELL AMBITO DI LEGNANO PERCORSO DI VALUTAZIONE 1. PREMESSA La ricerca che andiamo a presentare in questa sede si è sviluppata ed

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO PER

Dettagli

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012)

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Codice Fiscale - 80000030181 Settore Affari Generali Gestione e Organizzazione Risorse Umane Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Pagina 1

Dettagli

Piano delle azioni di comunicazione

Piano delle azioni di comunicazione Piano delle azioni di comunicazione Il ruolo della comunicazione Il successo delle politiche di sviluppo individuate all'interno dei P.I.C. è condizionato anche da un coerente sistema di azioni d'informazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

L analisi dei fabbisogni formativi

L analisi dei fabbisogni formativi L analisi dei fabbisogni formativi 0 Premessa In un contesto come quello attuale di difficile congiuntura economica, la Formazione assume un ruolo strategico per le organizzazioni che vogliono essere competitive

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi EDITORIALE 505 I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea Brunetta Baldi L avvio del ciclo 2014-2020 della politica di coesione europea merita una riflessione che trova spazio in questo numero

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta OBIETTIVI L International Coach Federation (ICF - www.icf-italia.org)

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli