Antonio Marraffa. Il CALL CENTER. - raccolta di esperienze -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Marraffa. Il CALL CENTER. - raccolta di esperienze -"

Transcript

1 Antonio Marraffa Il CALL CENTER - raccolta di esperienze

2 2 Ad Augusto Gori pioniere e precursore dei moderni Call-Center

3 INDICE - INTRODUZIONE pag. 4 - SISTEMI 6 Canali Trasmissivi 6 Sistemi di Elaborazione 8 - STATISTICA 10 Erlang e i Rendimenti Marginali Decrescenti 11 Parametri di Traffico 13 Indicatori Gestionali 15 - SAPERE 17 Fattori della Comunicazione 18 La comunicazione 19 Tecniche di comunicazione 20 Limiti della comunicazione 21 La comunicazione telefonica 21 Successo Relazionale 23 Il Cliente 24 L Ascolto attivo 25 L Empatia 26 Le Obiezioni 28 I Pregiudizi 29 Gli Ostacoli 30 Lo Stile 31 Relazione Proattiva 32 La Vendita 33 Processo Motivazionale 35 - CONCLUSIONE 36 - GLOSSARIO TECNICO 37 - BIBLIOGRAFIA 54 3

4 INTRODUZIONE In un epoca in cui s impone la necessità di armonizzare le risorse disponibili, con situazioni d instabilità e turbolenza finanziaria, e un evoluzione di tipo esponenziale della tecnologia, il mutamento del modello classico di sviluppo competitivo, ha comportato una serie di modifiche legate non solo al comportamento sociale dei singoli individui, ma anche di tutti i settori produttivi della società. Essere competitivi significa oggi stare nel mercato in termini di prezzo e qualità del prodotto/servizio offerto, cercando di soddisfare al meglio la domanda. Quest esigenza di competitività, presuppone un approccio culturale diverso dello sviluppo, e richiede di conseguenza nuove competenze. L esigenza d innovazione, non può prescindere dall avere come fulcro la centralità dell individuo e il riconoscimento delle competenze distintive dell Impresa, che deve essere capace d identificare tempestivamente le potenzialità che il mercato offre. Il ritmo d innovazione senza precedenti ha imposto, quindi, alle Imprese un continuo e radicale processo d adeguamento e riorganizzazione, con profonde modificazioni del mondo del lavoro, imponendo metodologie e processi mai applicati prima. Il Call-Center rappresenta oggi l espressione massima di cambiamento della concezione del lavoro intesa da un punto di vista tradizionale, con la possibilità di avere un unico punto di Front-Line che abbraccia vaste aree territoriali, l occasione di applicare il concetto di flessibilità, l opportunità di remotizzare flussi di traffico su postazioni remote notevolmente distanti dalle sedi direzionali, ed inoltre la facoltà di creare nuove forme d impiego molto innovative. Il primo Call-Center, fu concepito alla Ford nel 1968, a seguito richiesta di un'associazione di consumatori ed imposto da un giudice americano, che obbligò l'azienda ad istituire una linea telefonica gratuita per facilitare le chiamate per reclami. Ma è solo a partire dagli anni '80 che si assiste al suo vero e proprio sviluppo, alla base di quest espansione vi fu la crescente diffusione della " Cultura del Servizio ", ed il Call-Center divenne lo strumento più efficiente ed efficace per fornire un servizio che risponda alle tre esigenze primarie dei consumatori : Accesso facile, Contatto diretto, Rapporto personalizzato. Tali considerazioni inducono alla necessità di comprendere il mondo che ruota attorno a tale struttura, al fine di capirne le immense potenzialità, ed utilizzare gli strumenti idonei che consentano di non demonizzare questa moderna catena di montaggio. 4

5 L interazione Uomo-Macchina, di conseguenza, dovrà essere sempre più sensibile, dovranno cambiare le percezioni ed i comportamenti, sarà necessario sviluppare una capacità d adattamento notevole all innovazione tecnologica ed organizzativa. Nello stesso tempo, bisognerà considerare la flessibilità come un nuovo modo di operare, con conseguenze fino ad ieri immaginabili, basti pensare al Telelavoro, quest aspetto di concepire il lavoro richiede una visione complessiva dei processi, ed implica l esigenza di strutture organizzative diverse. Tali scelte strategiche richiederanno strutture duttili, con alta capacità di auto-organizzarsi e autoresponsabilità, con caratteristiche gestionali mirate ad un uso ragionato delle risorse, con requisiti d affidabilità, e risultati di velocità, qualità, e quantità. Sintetizzando, si potrebbe pensare, al tipo di struttura teorizzata dall economista tedesco Hans- Jurgen Warnecke, come Organizzazione a Frattale, sistema organizzativo aziendale approfondito e validamente illustrato dal Prof. Domenico De Masi. Viene così indicato, un sistema di piccoli / medi nuclei di lavoro, collegati attraverso un efficiente rete d informazioni e di comunicazione che agisce con parziale autonomia e concezione imprenditoriale, dipendenti tutti da un'unica matrice che pianifica e programma le strategie, seguite ed applicate poi dai singoli Team. In effetti, un Call-Center è come un organismo che associa diversi elementi, con caratteristiche spesso univoche, a causa dell influenza del fattore umano, ma che per ottimizzare i risultati deve essere gestito con i criteri di una vera Azienda. In definitiva, la gestione ottimale di un Call Center, è caratterizzata dall armonizzazione di tre aspetti principali, che potremo definire delle 3 S : Sistemi, Statistica, Sapere. E, quindi, indispensabile tenere sempre sotto osservazione e monitorare costantemente gli effetti prodotti da : Sistemi, intesi come: IMPIANTISTICA ( l architettura dei sistemi di Call-Center) Statistica, monitoraggio costante dei: RISULTATI (analisi di produzione, redditività) Sapere, considerato come formazione al fine del miglioramento della : QUALITA (il servizio offerto, il clima interno, il patrimonio ed il valore) Analizzeremo di seguito i vari aspetti, illustrando i punti salienti e le caratteristiche dei temi suindicati. 5

6 Sistemi, intesi come : IMPIANTISTICA (l architettura dei sistemi di Call-Center) Per garantire l espletamento del lavoro nelle migliori condizioni operative, è indispensabile che tutti i flussi e gli apparati in uso siano sempre perfettamente funzionanti, ed esaminati periodicamente. Bisogna considerare, che tutti gli impianti, dal grande elaboratore centrale alla semplice cuffia dell Addetto, oltre ad essere gli strumenti quotidiani di lavoro di un Call-Center, rappresentano un patrimonio economico consistente per l Azienda, per cui diventa imperativo curare con la massima attenzione ogni strumento utile per l efficienza del centro. E indispensabile, inoltre, conoscere la potenzialità degli impianti disponibili, al fine di valutare la possibilità di arginare imprevisti aumenti di traffico, senza che il sistema subisca dei black-out improvvisi. CANALI TRASMISSIVI Il sistema trasmissivo che consente il dialogo tra apparati, è detto Canale, tale collegamento può connettere due o più terminali, attraverso il quale più unità di sistema possono comunicare tra loro. La forma più semplice di canale, consiste in una coppia di fili che interconnettono due apparati, che possono essere costituiti anche da un insieme composito di risorse fisiche connesse tra loro, in modo da consentire la realizzazione di un sistema operativo informatizzato complesso. Nella comunicazione Dati, un canale è formato da una via di comunicazione unidirezionale, e di conseguenza ne occorrono due per formarne una bidirezionale, in quanto necessita di una via d andata e di ritorno per chiudere un circuito, detto appunto Circuito Dati. Le caratteristiche del mezzo di trasmissione utilizzato, determinano la qualità del canale trasmissivo, che si può esprimere in termini di Banda, bisogna tenere sempre presente, tuttavia della possibilità di un degrado dei messaggi (ad esempio per attenuazione). Determinati canali sono detti a Banda Larga, e sono adatti per il trasferimento simultaneo di centinaia o migliaia di comunicazioni, attraverso una medesima via fisica, mediante la tecnica denominata di multiplazione. 6

7 In questi casi, ogni singolo circuito occupa una specifica banda di frequenza, e viene impegnato solo per un determinato intervallo di tempo da impulsi, i quali poi saranno convertiti per mezzo d apparati di rete in forma di segnali digitali. Infatti un canale Dati può essere: Analogico, ossia può costituire una via per segnali a corrente alternata, convertiti successivamente, da un modem, in segnali digitali, e quindi, codificati e resi comprensibili dal terminale posto all altro estremo del circuito, oppure Digitale, costituito da una via attraversata da segnali, ed interfacciata direttamente ad un apparato d unità di rete. Il sistema digitale è costituito da una programmazione di comandi basati sul sistema binario, con due sole tipologie d impulsi, acceso ( 0 ) e spento ( 1 ), che per essere compresi si ricorre in ambiente hardware e software alla composizione d accorgimenti tecnologici adatti al riconoscimento dei messaggi digitali; a seguito di processi sempre più evoluti, infine sono trattati in sequenze progressive caratterizzate da protocolli di tipo standard. In precedenza erano usati alcuni sistemi di rete (ad esempio le reti ad Anello) dove tutti i terminali potevano condividere uno stesso percorso, senza che vi fosse alcuna separazione delle frequenze dei diversi messaggi. Naturalmente il canale di trasmissione oltre a trasferire dati, può trasmettere anche voce (Fonia), costituendo un mezzo di comunicazione fra due punti situati anche a distanza considerevole. Nei moderni sistemi di segnalazione, a fronte di un gran numero di vie di trasmissione, un particolare circuito è dedicato per il trasferimento di segnali che controllano lo stato delle chiamate in atto. Per questo motivo, ciascun segnale deve contenere l informazione necessaria per riconoscere il canale al quale si riferisce, e tale processo è denominato Identificazione del canale. Questa necessità si presenta quando un medesimo canale fisico è da supporto ad una molteplicità di canali logici. Questi dovranno essere individuati in modo univoco, per questo scopo si usa un identificatore di canale, il quale sarà associato ad uno specifico indirizzo sul terminale, mediante sua configurazione. Ogni connessione finale di rete interagisce a sua volta, con un unità d elaborazione funzionale, collegata con uno o più terminali, al fine di poter operare insieme contemporaneamente ed in conformità alle esigenze operative del sistema. 7

8 SISTEMI DI ELABORAZIONE Il sistema trasmissivo è estremamente importante per garantire un corretto trasferimento dei flussi di traffico, e rappresenta la rete neurale dei sistemi di Call-Center, che serve da collegamento ad una serie di apparecchiature tecnologicamente avanzate che consentono di traslare i segnali inviati in fonia e dati. In particolare, tale struttura, dialoga con un sistema d elaborazione di dimensioni medio grandi, capace di servire molti terminali contemporaneamente ed elaborare grandi quantità di dati. Il sistema è diffuso soprattutto in ambiente EDP, ed ha carattere transazionale con basi di dati centralizzati e numerosi terminali distribuiti su vaste aree. L elaboratore centrale, generalmente di notevoli dimensioni (Mainframe) viene collegato alla rete di trasmissione, per mezzo di sottosistemi d elaboratori o di apparati per telecomunicazioni. In tal modo, gli aspetti concernenti la comunicazione, vengono gestiti da un sistema operativo specializzato, mentre il mainframe svolge il compito applicativo. I comandi informatici che sovrintendono e permettono lo svolgimento di tutte le funzioni operative del sistema, seguono un insieme di regole e procedure sulla base di formule matematiche, costituite da un numero infinito di passi informatici detti Algoritmi, cui sono associati appositi programmi approntati anche per l immediata autorisoluzione di eventuali problematiche. L assetto di tale architettura, prevede inoltre, apparati specializzati che consentono una contrazione di modulazione / demodulazione del segnale, questi dispositivi vengono collocati a monte e a valle dei circuiti, ed assolvono il compito di interfacciare le apparecchiature di comunicazione ad una linea di trasmissione. Esistono una molteplicità di tali apparecchiature, l evoluzione delle quali ha comportato l introduzione di tecnologie innovative, permettendo la trasmissione anche a distanze considerevoli con bassissimi tassi d errore, ed altissima velocità di esecuzione. È quindi possibile avere sistemi evoluti, che permettono di dialogare direttamente da un terminale digitale ad un canale di trasmissione digitale. La rapidità di funzionamento di un apparecchiatura, a mezzo canale, è espressa in impulsi per secondo, denominata come velocità di modulazione, ma in un sistema di telecomunicazione complesso incidono in modo determinante anche la velocità di segnalazione dati, e la velocità di trasferimento dati. Il sistema è affiancato da un elaboratore di processi, che ha il principale compito di acquisire i dati concernenti lo sviluppo operativo dei programmi, e nello stesso tempo, garantire una distribuzione 8

9 equa del traffico sulle singole postazioni di lavoro, secondo processi logici e sequenziali, seguiti fino alla fase finale del processo di comunicazione. Il requisito principale di questi tipi di elaboratori è l alta affidabilità, è infatti inammissibile che un banale guasto comprometta l erogazione del servizio, per cui sono applicate tecniche di progettazione che consentono la sopravvivenza dei sistemi anche in caso di gravi malfunzionamenti. Anche queste sono costituite da istruzioni e algoritmi che nel loro insieme formano programmi, mediante i quali si ottengono le elaborazioni desiderate. L unità centrale di elaborazione, è costituita da circuiti che controllano continuamente l immissione dei dati, eseguendo in contemporanea le istruzioni impartite, utilizzando i programmi residenti in più spazi di memoria, risultando per questo estremamente veloci. Le caratteristiche più peculiari di tali sistemi sono proprio i dispositivi di memoria, in grado di conservare innumerevoli entità di informazioni, con dati e risultati parziali e finali delle ricerche. Tali sistemi consentono anche di memorizzare insiemi di informazioni di ordine statistico, raccolti automaticamente e sintetizzate per rappresentare il modo in cui è utilizzato un sistema di comunicazione. I dati di traffico rilevati, servono per pianificare non solo l uso efficiente della rete e il raggiungimento di un livello ottimale dei sistemi, ma anche per fornire informazioni fondamentali, occorrenti per lo studio delle attività organizzative e dello sviluppo delle potenzialità intrinseche dei sistemi di Call-Center. Con l evoluzione dei moderni sistemi trasmissivi, ormai prossimi, derivati dalla recente ricerca nel settore delle telecomunicazioni, nel futuro assisteremo allo sviluppo di complessi sistemi multimediali di tipo all-digital, con una digitalizzazione completa delle informazioni. Sarà possibile la trasformazione di semplici apparecchiature di telecomunicazione, in apparati digitali compositi, che consentiranno opzioni e utility altamente innovativi, capaci di interconnessioni ad innumerevoli banche dati, anche con possibilità di funzioni di video on demand tramite PC. Inoltre nei Call-Center l utilizzo da parte degli Operatori di schede personalizzate per l accesso ai sistemi, consentiranno agli stessi di valutare e verificare il proprio grado di efficienza. Infine, con l utilizzo standardizzato di algoritmi e procedure informatiche dei sistemi di comunicazione, sarà possibile anche il dialogo e lo scambio dati tra apparecchiature e sistemi di unità operative diverse con funzioni e caratteristiche estremamente differenti, questi applicativi consentiranno di realizzare una sorta di globalizzazione completa di tutto ciò che ormai è tecnologia digitale. 9

10 Statistica, monitoraggio costante dei : RISULTATI ( analisi di produzione, redditività ) La Statistica è la materia che studia ed appronta una serie di metodi e di strumenti adatti alla raccolta e all analisi di dati ed informazioni, originate da molteplici cause, al fine di individuare e comprendere i tratti essenziali dei fenomeni osservati. Questa, rappresenta uno degli strumenti più importanti per il raggiungimento dei risultati Aziendali, ed è sempre più difficile ampliare spazi conoscitivi senza che non sia raggiunta una conoscenza di base di tale materia. Essa, infatti, consente ai professionisti di tutti i settori di studiare in modo approfondito l andamento di un fenomeno e di valutarne il suo possibile sviluppo futuro, o di riuscire ad analizzare in modo più rigoroso i problemi di tutti i giorni e di ridurre i rischi di insuccesso. Le risorse finanziarie o gli altri aspetti tecnici determinano sempre meno sostanziali differenze tra le Aziende, per cui è indispensabile acquisire l abilità necessaria alla immediata comprensione e gestione di qualsiasi tipo di conoscenza, per trasformarla in Risultato, e a sua volta traslata in valore, per aumentare il patrimonio intrinseco dell Azienda. L analisi statistica rappresenta, dunque, un valido elemento di supporto a questi processi decisionali, assumendo il ruolo di strumento determinante per la vita e il successo di qualsiasi attività Aziendale. L aspetto più importante della gestione di tale strumento, in ambito Call-Center, è il controllo dei processi della qualità offerta, in relazione alla produttività. In questo campo, l analisi statistica è indispensabile per verificare il rispetto dei livelli standard predefiniti e contemporaneamente suggerire gli accorgimenti necessari per ottimizzare la produttività del centro e ridurre i margini d errore nella gestione operativa. Il pilastro statistico su cui poggiano tutte le possibili analisi, relative ai Call-Center, inteso come rapporto tra le risorse necessarie allo smaltimento ottimale del traffico e la redditività prodotta, è la legge di Erlang. Questa è l unità di misura che indica l utilizzo di un sistema di telecomunicazioni, e deriva dal nome dell Ing. Agner Erlang, a cui soprattutto si deve lo sviluppo della teoria del traffico. Un Erlang indica la misura del traffico in atto, valutando il volume di chiamate in rapporto alle risorse esistenti, in una certa fascia temporale, di un sistema di telecomunicazione. 10

11 Inoltre, è necessario prendere anche in considerazione altri aspetti peculiari del traffico come, il numero di chiamate in corso in un certo intervallo di tempo, che è detto Traffico Istantaneo, con il suo conseguente Traffico Medio, ricalcolato come valore medio, per tutte le fasce temporali prese in esame. Come non si può prescindere dal considerare, in caso di rilevazioni statistiche, altri elementi caratteristici del traffico quali : il Traffico nell ora di punta, Traffico entrante, Traffico uscente, Traffico smaltito, Traffico offerto, Traffico potenziale, la Frequenza delle chiamate. Relativamente a questi aspetti, bisogna precisare che è necessario monitorare periodicamente l andamento del traffico, ed attuare confronti tra il traffico entrante con quello smaltito, per fasce orarie, per osservare la tendenza dei volumi di traffico nel corso del tempo, creando una serie storica. Queste analisi sono opportune, sia per stimare lo scostamento dei valori prodotti rispetto alla possibile potenzialità raggiungibile, sia per valutare l andamento del traffico al fine di equilibrarne la copertura di presidio. ERLANG e i RENDIMENTI MARGINALI DECRESCENTI Ritornando alle valutazioni sui volumi di traffico, la formula di riferimento dell Erlang è : (NC x TMC) / 3600 Dove, NC corrisponde al numero di conversazioni smaltite, TMC rappresenta il tempo medio di conversazione, 3600 secondi in un ora (tempo teorico d inclusione) Viene rappresentato, quindi, il traffico smaltito da una risorsa in un ora di lavoro, in rapporto al tempo medio per definire ogni conversazione. Il risultato ottenuto, sarà il valore di riferimento delle risorse necessarie per smaltire adeguatamente il volume di traffico entrante. In definitiva il dato è da considerare teorico, perché non sono rilevati i momenti di stacco (mancato presidio), e comunque rappresenta il valore di impegno massimo teorico potenzialmente raggiungibile in un ora di lavoro, da un numero stabilito di Addetti. 11

12 Naturalmente, se nella formula sarà indicato il valore reale del tempo di presidio di una postazione di lavoro (sostituendo il dato a 3600 ), si otterrà l impegno reale svolto. La differenza tra i due valori rappresenta lo scostamento tra il possibile impegno teorico raggiungibile, e quello realmente effettuato. In caso di marcata differenza, per ottimizzare l evasione del flusso di traffico, sarebbe opportuno aumentare il presidio degli Operatori, o ridurre i tempi di conversazione, o rimodulare la turnistica in base alla curva di traffico rilevata. Ma si è appurato che all aumento del numero di Operatori, con volumi di traffico e TMC costante, la quantità di produttività non aumenta sempre nello stesso modo. In particolare, l incremento di personale, produce inizialmente un aumento di produttività, in rapporto proporzionale alle Unità inserite, in quanto viene smaltito anche l eventuale traffico in attesa, ma l ulteriore aggiunta di risorse in ampi archi temporali, non produce alcun risultato tangibile. Si arriva addirittura al punto in cui l aumento della forza lavoro non produce più un incremento, ma addirittura un decremento, per cui senza un aumento di richieste, non risulta più produttivo avere presidio aggiuntivo. Tali considerazioni riguardano la Legge dei Rendimenti Marginali Decrescenti. In pratica bisogna tenere presente che, se il tempo di ogni conversazione dura in media un minuto (60 secondi), un Operatore in un ora (3600 secondi), teoricamente dovrebbe smaltire 60 conversazioni. Se in quell arco temporale (un ora) dovessero giungere 61 chiamate, quell unica richiesta in più non potrebbe essere evasa dal solo Operatore. Per avere una risposta a quella chiamata, le alternative potrebbero essere, o l incremento di una parziale risorsa (ma naturalmente con un decremento della redditività, proporzionata alla frazione di unità ulteriormente impiegata), o l installazione di un sistema fonico di attesa, in modo da tamponare eventuali code di traffico, o la contrazione del TMC. In ogni caso, ha una rilevanza determinante sulla relazione Presidio/Redditività, il tempo dedicato alle conversazioni, con la conseguente necessità di evitare le conversazioni con durata di un tempo troppo elevato. Questo accorgimento è utile per aumentare il numero delle chiamate evase, a beneficio del flusso dei volumi di traffico, e naturalmente con maggiori opportunità in termini di produttività. L esempio teorico rappresentato, ha naturalmente molte altre variabili, che comunque devono essere sempre considerate, come i momenti di mancato presidio, dovuti a stacchi dalle postazioni di lavoro, o alle repentine assenze di risorse a fronte di un incremento di traffico, o al contrario riduzione di traffico con un presidio esuberante, come in particolari fasce orarie, e senza poi considerare i possibili guasti di sistema. 12

13 A fronte di tali situazioni, naturalmente incide in maniera determinante la capacità gestionale, di tamponare tempestivamente tutte le deficienze che dovessero avvenire nella conduzione quotidiana di un Call-Center. Altro aspetto importante derivato da quanto esposto, è il rapporto tra le Ore dovute complessive di lavoro (Ore Turno, Ore Lavorabili), e quelle realmente fatte ( Ore di presidio reale, Ore Lavorate). A parte le possibili differenze dovute agli stacchi non classificabili dalle postazioni da parte degli Operatori, lo scostamento derivato dalle attività fuori linea, o da operatività di supporto dedicato al centro, incide in modo determinante sul mancato presidio. Tale valutazione naturalmente è da considerare sul merito del rendimento di un Call-Center, in quanto lo sfrido tra i due valori crea di conseguenza uno scompenso in termini di migliore prestazione possibile, dal punto di vista del puro rendimento. E a discrezione Aziendale vagliare la convenienza di utilizzo di personale dedicato ad altri compiti o limitare al massimo tale impiego, in relazione alla valutazione del rapporto economico derivante. Infine, la conseguenza diretta di questi aspetti trattati è quella di equilibrare in modo ideale l andamento della curva del traffico, analizzata per fasce orarie, con la copertura dei turni, e di conseguenza sulla modulazione delle Ruote, tenendo comunque presente i vincoli normativi. In particolare per Turno si intende l orario base di una giornata di lavoro, mentre per Ruota, si considerano un insieme di turni in un ampio periodo di tempo (più settimane), inframmezzati da giornate di riposo e/o libertà, secondo i vincoli normativi, regolati per pianificare l ordinamento organizzativo in termini di presidio ottimale del centro. Naturalmente nelle analisi dei dati statistici, dovranno essere presi in considerazione anche altri Parametri ed Indicatori che consentiranno di apprezzare e monitorare costantemente l andamento dei risultati. PARAMETRI DI TRAFFICO I Parametri di traffico, rappresentano i dati statistici di base rilevati direttamente dai sistemi di elaborazione, su cui è possibile dare valutazioni immediate su vari aspetti dell andamento del centro, ed a seguito loro aggregazione per mezzo di formule, esprimere elaborati più articolati. ASR (Answer Seizure Ratio) (NC/NO)x100) rappresenta il rapporto percentuale tra le chiamate con risposta ed il totale occupazioni, consente di valutare la qualità di accesso del traffico, 13

14 NA Numero Attese, sono da considerare tali le Occupazioni che rimangono in attesa di risposta per un tempo maggiore dei secondi stabiliti, NC Numero Conversazioni, rappresentano le chiamate effettivamente evase, e corrisponde al Traffico smaltito, ND Numero Disinserzioni, sono tutti quei tentativi da parte dei Clienti di aggancio linea, che per vari motivi non sono riusciti a collegarsi con i sistemi del centro, quindi a diventare Occupazioni, NI Numero Impulsi, rappresenta il valore concernente gli scatti in caso di Servizio a tariffa a tempo o predeterminata, NO Numero Occupazioni, sono i tentativi effettuati dai Clienti per avere una risposta dal Centro, e corrisponde al Traffico entrante, TED Tempo di elaborazione dati, TEE (Tasso di Efficacia del Chiamante) rappresenta in percentuale la probabilità che il Cliente chiamando il servizio, formi una selezione completa e corretta, TEO (Tasso di Efficacia del Chiamato) percentuale di chiamate terminate in conversazione sul totale occupazioni al netto del comportamento della Rete e del Chiamante, TER (Tasso di Efficacia della Rete ) rappresenta in percentuale la possibilità di successo che la struttura di rete trasporti le occupazioni del Cliente sul sistema di Call-Center, TMC Tempo Medio di Conversazione, considera la media del tempo di conversazione, di tutte le chiamate effettuate per un arco di tempo definito, TMA TMO Tempo Medio di Attesa per ottenere una risposta dall Operatore, Tempo Medio di Occupazione dei circuiti. Inoltre risulta utile e necessario monitorare costantemente la durata delle conversazioni, ed in particolare sia quelle considerate brevi, che le conversazioni con durata eccessiva. Nello specifico, per le conversazioni brevi, si potrebbero considerare quelle inferiori ad una durata di circa 10, in quanto potrebbe essere sintomatico o di un problema tecnico come le cadute di linea, con la necessità un intervento specialistico sui mezzi trasmissivi, oppure di un comportamento non convenzionale del personale. Per le conversazioni di durata eccessiva, bisogna invece considerare il tipo di servizio fornito al Cliente, in quanto per i rapporti di consulenza o vendita, la durata della conversazione ha già una tendenza a protrarsi più a lungo, per cui sarebbe necessario valutare a fronte di una serie storica 14

15 l andamento del dato, e di conseguenza assegnare un parametro medio su cui rapportare i valori registrati successivamente, in caso di scostamenti significativi, intervenire direttamente sul comportamento del personale. INDICATORI GESTIONALI Gli indicatori gestionali sono formule statistiche derivate dai parametri principali, e consentono di valutare con maggiore ampiezza e puntualità diversi risultati ed aspetti peculiari, che danno realmente la percezione della misura di come avviene la conduzione gestionale del centro. CHIAMATE DISSERVITE ((NA+ND)/(NO+ND)) È il rapporto tra il totale del traffico entrante e il traffico perso, inteso come chiamate andate in Attesa e in Disinserzioni, CHIAMATE TOTALI È il totale del traffico in entrata, (NO+ND) FATTORE DI IMPEGNO (NCxTMC)/Tempo Inclusione ai PdL L impegno massimo effettivamente realizzato, è l indicatore che rappresenta l effettiva efficienza del servizio, coerentemente tra la curva di traffico e la disponibilità delle risorse presenti, GRADO DI ACCESSIBILITA (NO/(NO+ND)) x100 È il rapporto percentuale tra il totale traffico entrante e quello che effettivamente transita nei circuiti, GRADO DI ATTESA ((NO-NA)/(NO+ND))x100 Rappresenta in percentuale il traffico che viene smaltito entro i tempi standard di attesa prefissati, GRADO DI DISINSERZIONI (ND/(NO+ND))x100 È il valore percentuale di traffico perso in Disinserzioni, GRADO DI RISPOSTA (NA/(NO+ND)x100 È il valore percentuale del traffico senza una risposta immediata, IMPEGNO MASSIMO TEORICO Legge di Erlang, (NCxTMC)/

16 INDICE DI DISPONIBILITA AL SERVIZIO (NC/(NO+ND))x100 Rappresenta in percentuale il valore del traffico cui è stata data un effettiva risposta, INDICE DI RISPOSTA IMMEDIATA (NO-NA)x100 È il valore percentuale del traffico non andato in attesa, con effettiva risposta immediata, INDICE DI RISPOSTE MANCATE Indica il valore del traffico perso, ((NO-NC)/(NA+ND)) MANCATE RISPOSTE (NO-NC) Indica il valore del traffico che non ha ricevuto alcuna risposta, PRODUTTIVITA (NC/Tempo Inclusione ai PdL) È il numero di chiamate evase in un determinato arco temporale di lavoro, TEMPO DI IMPEGNO È il tempo totale di conversazione degli Operatori, (NCxTMC) TENTATIVI PER CONVERSAZIONE ((NO+ND)/NC) Rappresenta il valore di tentativi di chiamata per ogni conversazione, TRAFFICO POTENZIALE ((NO-NC)/NO)x100 Rappresenta in percentuale il valore delle chiamate che potenzialmente potrebbero avere una risposta. La trattazione degli indicatori e parametri suesposti, non può prescindere naturalmente da altri indici che sono inerenti ai servizi specifici a cui il centro risponde, e che riguardano le caratteristiche peculiari dei prodotti o servizi offerti alla Clientela. Infatti a seconda delle caratteristiche di tipo commerciale/vendita e/o consulenza, sono integrati altri parametri che assicurando un monitoraggio puntuale, misurano i risultati raggiunti in termini di produttività / redditività delle attività specifiche del centro. Quanto rappresentato, tuttavia, è da considerare la base statistica su cui dare una valutazione oggettiva sulla conduzione organica e funzionale dei Call-Center, senza i quali non sarebbe possibile avere dei cruscotti validi ed utili a pianificare ed elaborare strategie di successo. 16

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk Indice degli argomenti 1. Modulo 1 Customer Care/Help Desk...2 1.1. Servizi e tecnologie...2 1.1.1. Call Center...2

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 1. Aspetti generali 2. Aspetti specifici 3. Ascolto e lettura della domanda 4. Le competenze professionali

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Nell attuale economia globalizzata e altamente competitiva l impresa customer oriented è chiamata a fornire prodotti/servizi atti a soddisfare

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE DI DIREZIONE: ASSISTANT MANAGER 2ªedizione Al termine del percorso di sviluppo delle competenze, ogni partecipante sarà in grado di allenare le qualità manageriali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

YxwxÜ vt ftät @ Il Consulente Finanziario Perfetto! INTRODUZIONE

YxwxÜ vt ftät @ Il Consulente Finanziario Perfetto! INTRODUZIONE INTRODUZIONE Questo libro è stata la mia tesi di laurea in Econmia Finanziaria. Nasce dall esperienza che ho avuto nel settore bancario come dipendente, e in quello della Consulenza Finanziaria come Promotore

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

I SEGRETI DEL PUBLIC SPEAKING

I SEGRETI DEL PUBLIC SPEAKING IL TUO PARTNER STRATEGICO SERVIZI - CONSULENZE FORMAZIONE PROFESSIONALE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ORGANIZZAZIONE EVENTI COMUNICAZIONE EFFICACE CAMPAGNE PUBBLICITARIE WWW.INCOMMUNICATIONS.IT info@incommunications.it

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

SCG 01 Appunti slides

SCG 01 Appunti slides SCG 01 Appunti slides il successo o l insuccesso del CdG è conseguenza dell adeguatezza o meno al grado di complessità dei problemi di governo d impresa 4 Le carenze nel controllo di gestione. 2 domande:

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

MANUALISTICA TECNICA PAG 04/07 DOCUMENTAZIONE COMMERCIALE / PAG 08/09 SERVIZI DISEGNI ESPLOSI / GESTIONE RICAMBI PAG 10/11 RENDERING 3D PAG 12/15

MANUALISTICA TECNICA PAG 04/07 DOCUMENTAZIONE COMMERCIALE / PAG 08/09 SERVIZI DISEGNI ESPLOSI / GESTIONE RICAMBI PAG 10/11 RENDERING 3D PAG 12/15 MANUALISTICA TECNICA PAG 04/07 manuali installazione / uso / istruzioni di montaggio DOCUMENTAZIONE COMMERCIALE / PAG 08/09 SERVIZI listini prezzi / cataloghi prodotto DISEGNI ESPLOSI / GESTIONE RICAMBI

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a IVR risponditore, VoiceMail e gestione delle code operatore. Utilizzare oltre alle tradizionali linee telefoniche, anche

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli