Bilancio di Sostenibilità Responsabilità economica, ambientale e sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio di Sostenibilità 2011. Responsabilità economica, ambientale e sociale"

Transcript

1 Bilancio di Sostenibilità 2011 Responsabilità economica, ambientale e sociale

2

3 Bilancio di Sostenibilità 2011 Responsabilità economica, ambientale e sociale

4 Per la corretta interpretazione delle informazioni contenute in questo Bilancio di Sostenibilità, fare riferimento alla Guida al Bilancio alle pagine Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Ferrari, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Maserati, Mopar, Ram, ed SRT sono marchi depositati di società controllate totalmente o per la maggioranza da Fiat S.p.A. Il presente documento è una traduzione della versione originale redatta in lingua inglese. In caso di incongruenze tra la versione tradotta e quella in lingua inglese fa fede la versione in lingua inglese.

5 Indice Bilancio di Sostenibilità Indice L impegno del Gruppo Lettera del Presidente Lettera dell Amministratore Delegato Un anno di sostenibilità: fatti e numeri Piano di Sostenibilità Dimensione economica Profilo del Gruppo Presenza nel mondo Automobili Componenti e sistemi di produzione Mappa dei principali accordi internazionali Corporate Governance Il percorso della Corporate Governance Codice di Condotta Relazioni con istituzioni, associazioni e partiti politici Gestione dei rischi Governance della sostenibilità Gli organi della sostenibilità Indici di sostenibilità e rating Investitori Socialmente Responsabili Innovazione sostenibile Innovazione aperta Innovazione per la tecnologia pulita Dimensione ambientale Mobilità ecologica Mobilità sostenibile a 360 Recuperare Riciclare Riutilizzare Fabbriche e processi non produttivi Sistema di Gestione Ambientale Sistemi di monitoraggio e performance ambientali Processi logistici Processi non produttivi Dimensione sociale Dipendenti I dipendenti in cifre Gestione e sviluppo Diversità e pari opportunità Bilanciamento tra lavoro e vita privata Salute e sicurezza sul lavoro Relazioni industriali Sicurezza dei prodotti I centri di competenza del Gruppo Approccio integrato alla sicurezza Rete dei concessionari e di assistenza Formazione per la rete Ridurre l impatto ambientale Clienti Interazione con il cliente Campagne di richiamo Trasparenza nella comunicazione Qualità del veicolo Fornitori Profilo dei fornitori Standard nella catena di fornitura Dialogo costante con i fornitori Comunità Il sostegno del Gruppo alle comunità Appendice Guida al Bilancio Definizioni, metodologia e perimetro Materialità e inclusività degli stakeholder Approfondimenti Dimensione economica Dimensione ambientale Dimensione sociale Glossario Lettere di attestazione Indice dei contenuti GRI-G3.1 Fiat nei social network Altre pubblicazioni e contenuti web Contatti

6 istockphoto.com/mlenny Photography Se non sai dove stai andando, ogni strada ti porterà da nessuna parte Henry A. Kissinger

7 L impegno del Gruppo Lettera del Presidente Lettera dell Amministratore Delegato Un anno di sostenibilità: fatti e numeri Piano di Sostenibilità

8 6 L impegno Lettera del Gruppo del Presidente Lettera del Presidente Cari Stakeholder, il 2011 è stato un anno molto positivo, non solo sotto il profilo dei risultati economico-finanziari, ma anche sul fronte della responsabilità ambientale e sociale. Alcuni dei fatti evidenziati in questo rapporto per la prima volta riferiti al solo settore dell automobile, ormai separato dalle attività legate ai trattori, alle macchine movimento terra e ai veicoli industriali segnalano infatti un progresso rispetto all anno precedente: è il caso delle emissioni di CO 2 o del consumo di acqua negli stabilimenti Fiat e Chrysler, dove si registrano significative riduzioni. Abbiamo inoltre aumentato gli investimenti nel campo della formazione e della sicurezza. E abbiamo rafforzato il legame con le comunità locali, ampliando la nostra partecipazione ai numerosi progetti di utilità sociale in atto. Ma non meno importanti sono le conferme, che consolidano i risultati già raggiunti in passato: per il terzo anno consecutivo Fiat S.p.A. figura nei prestigiosi indici di sostenibilità Dow Jones World e Europe. Inoltre da ormai cinque anni le vetture Fiat vantano il primato per le emissioni di anidride carbonica più contenute tra i principali marchi europei. Confermata anche la leadership nel mercato dei veicoli alimentati a gas naturale, un settore dove Fiat è di gran lunga il maggiore produttore europeo. Nella tabella pubblicata nelle pagine seguenti, che riassume il nostro piano di sostenibilità, troverete tutti i dettagli. Ogni risultato conseguito merita la giusta attenzione. Ma in realtà la parte su cui preferiamo concentrarci è la colonna di destra, quella in cui abbiamo elencato tutti gli obiettivi per gli anni a venire. Qui è racchiusa l essenza di questo rapporto nonché il significato del nostro impegno, valido in ognuno dei Paesi dove operiamo: perché lo sviluppo che vogliamo perseguire è quello sostenibile nel tempo, nell interesse delle persone che lavorano con noi e dell ambiente naturale dove viviamo. /f/ John Elkann IL PRESIDENTE John Elkann

9 Lettera dell Amministratore Delegato L impegno del Gruppo 7 Lettera dell Amministratore Delegato Cari Stakeholder, questo è il primo Bilancio che rende conto del processo di integrazione tra Fiat e Chrysler anche dal punto di vista dei principi dello sviluppo sostenibile. Si tratta, in realtà, di un processo che è in corso da tempo, avviato fin dall inizio della nostra partnership, e che sta procedendo in modo molto naturale perché le nostre due aziende condividono gli stessi valori e la stessa determinazione a crescere in modo responsabile, in sintonia con l ambiente che ci circonda e con le comunità in cui viviamo. La sostenibilità è quindi parte integrante del nostro fare business. Ampliare il perimetro di analisi e di rendicontazione anche al Gruppo Chrysler e, allo stesso tempo, adottare lo standard di reporting del GRI aggiornato, e pubblicato soltanto a marzo 2011, ha significato un grande sforzo da parte di tutta l azienda. Lo abbiamo fatto perché crediamo fermamente che alzare l asticella del nostro impegno, non solo nelle pratiche di ogni giorno, ma anche nella quantità e qualità delle informazioni che possiamo dare ai nostri stakeholder, sia parte del dovere che abbiamo verso tutti voi. Non a caso il tema grafico che abbiamo scelto per il 2011 è quello della strada, intesa come viaggio di scoperta, di sfida e di arricchimento. Perché è un nuovo viaggio quello che Fiat e Chrysler hanno intrapreso insieme, in un percorso di miglioramento continuo. Gli ottimi risultati ottenuti finora non hanno allentato la nostra attenzione, anzi, sono stati per noi uno stimolo a guardare avanti e a fissare traguardi sempre più alti. L impegno profuso e i progressi compiuti sono stati riconosciuti e apprezzati anche dagli analisti e dai mercati finanziari. Per il terzo anno consecutivo, Fiat è stata confermata negli indici Dow Jones Sustainability World e Europe, i più prestigiosi indici borsistici ai quali accedono solo le società con le migliori performance nelle dimensioni economica, ambientale e sociale. A conferma degli sforzi fatti nella lotta ai cambiamenti climatici, Fiat è entrata anche nel Global 500 Carbon Disclosure Leadership Index (CDLI) e nel Carbon Performance Leadership Index (CPLI), posizionandosi come l unica italiana tra le 23 aziende presenti in entrambi gli indici. A dicembre, inoltre, Fiat è stata ammessa tra l élite di aziende incluse nell indice ASPI Eurozone, a seguito dell analisi di Vigeo, leader europeo nella valutazione sociale, ambientale e di governance delle imprese. La fiducia riposta nella nostra condotta di business è confermata anche dalla crescente percentuale di flottante azionario detenuto da investitori socialmente responsabili, che è salita all 8,7 per cento. La cultura della responsabilità è parte integrante del modello di gestione di Fiat-Chrysler, perché crediamo che il valore di una multinazionale si giudichi anche dalla sensibilità che dimostra verso l ambiente, dal rispetto per le sue persone, dalla correttezza e trasparenza con cui intrattiene relazioni commerciali e dalla sua capacità di portare un contributo positivo alle comunità in cui opera.

10 8 L impegno Lettera del Gruppo dell Amministratore Delegato Il successo economico e finanziario può reggere la prova della coscienza e la sfida del futuro solo se è radicato in una sana etica di business. Questo modo di operare è condiviso e promosso non solo dal top management ma dall azienda tutta, più di persone nel mondo che lavorano con impegno e dedizione per fare di Fiat-Chrysler un gruppo eccellente e competitivo, tenendo a mente il dovere morale che abbiamo di favorire il benessere, tanto nell impresa quanto nella società, e di contribuire al processo di costruzione del domani. Si tratta di un volto non pubblico della nostra azienda, quella parte silenziosa che difficilmente compare sulle pagine dei giornali, ma che è ricca di persone, ad ogni livello, che non dimenticano le responsabilità collegate alla nostra missione industriale e che lavorano senza clamore per tenere alto il nome di Fiat-Chrysler e portare i nostri valori nella società. Il mio ringraziamento va a tutti loro, alle donne e agli uomini del nostro Gruppo, per il loro contributo professionale e personale, per la sensibilità e la passione che ogni giorno mettono a disposizione di un obiettivo più alto. Il 2011 è stato un anno di risultati significativi in diversi ambiti di attività. Sul fronte ambientale, il Gruppo ha continuato a sviluppare ed applicare soluzioni concrete ed accessibili per ridurre consumi ed emissioni dei veicoli, garantendo al contempo eccellenti standard di sicurezza. L unione tra Fiat e Chrysler ci ha permesso di ampliare e consolidare la nostra attenzione sulla mobilità sostenibile, facendo leva sui rispettivi punti di forza. Se da un lato Fiat ha una leadership riconosciuta nei motori ad alta efficienza, dall altro il Gruppo Chrysler, grazie alla solida esperienza sviluppata in questi anni, è stato designato come il centro di competenza per le tecnologie ibride ed elettriche. In Europa, Fiat si è confermato per il quinto anno consecutivo leader tra i principali marchi per il più basso livello di emissioni di CO 2 delle proprie autovetture e Fiat Group Automobiles ha mantenuto la leadership nel campo dei veicoli a metano. Negli Stati Uniti, il Gruppo Chrysler è pronto ad avviare, nel 2012, la produzione di una versione completamente elettrica della 500 per il mercato americano. Fiat Powertrain ha continuato a lavorare sulle tecnologie per ridurre l impatto ambientale, sviluppando motori che sono in grado di contenere le emissioni di CO 2 delle vetture fino a 90 grammi al chilometro, grazie alla seconda generazione del Multijet per i motori diesel e al TwinAir per quelli a benzina. Dal punto di vista della sicurezza, l impegno per soddisfare i più alti standard internazionali ha ricevuto ampio riscontro: undici veicoli del Gruppo Chrysler sono stati inclusi nel Top Safety Pick for 2012 dall Insurance Institute for Highway Safety mentre sono nove i modelli di Fiat Group Automobiles che, incluse le nuove Lancia Thema e Fiat Freemont, hanno ottenuto il massimo punteggio Euro NCAP. Con circa 140 tra nuovi brevetti ottenuti e nuove domande depositate nel corso del 2011, il Centro Ricerche Fiat ha proseguito lo studio di soluzioni innovative per contenere i consumi e migliorare la sicurezza e il comfort dei veicoli.

11 9 Magneti Marelli ha continuato ad apportare un contributo rilevante nello sviluppo di sistemi e componenti automotive in grado di ottimizzare la domanda energetica del veicolo e migliorare la gestione del traffico. Anche quest anno i processi produttivi hanno registrato significativi miglioramenti nella riduzione dell impatto sull ambiente. I livelli di emissioni di CO 2 degli stabilimenti Fiat e Chrysler sono stati nel complesso inferiori del 10 per cento rispetto al 2010, mentre il consumo di acqua è risultato più contenuto del 18,5 per cento. La salute e la sicurezza sul luogo di lavoro sono state al centro dei nostri sforzi, che si sono tradotti in un investimento pari a 270 milioni di euro per la prevenzione e la salvaguardia delle persone, con un attenzione complessiva al loro benessere. Abbiamo, inoltre, destinato notevoli risorse allo sviluppo di chi lavora con noi, promuovendo anche piani di formazione personalizzati e percorsi di carriera individuali. L investimento complessivo nella formazione dei dipendenti è aumentato del 23 per cento rispetto all anno precedente. Quanto al futuro, il processo di integrazione che stiamo costruendo con Chrysler offrirà opportunità straordinarie, in termini di crescita professionale, di apertura al mondo e di ricchezza culturale, come mai prima nella storia della nostra azienda. I prolungati effetti della crisi internazionale e, in particolare, il difficile contesto economico nell area dell euro sono stati gestiti con senso di responsabilità e sempre con l obiettivo di mitigare l impatto sociale sui nostri lavoratori. A questo proposito, alla fine del 2011 è stato siglato il nuovo Contratto Collettivo Specifico di Lavoro per i dipendenti della Fiat in Italia, che segna un significativo miglioramento per tutti. Il nuovo contratto si pone come uno strumento moderno e in grado di assicurare all azienda la flessibilità e la governabilità degli stabilimenti necessarie per competere sui mercati mondiali. Inoltre, garantisce ai nostri lavoratori di mantenere inalterati tutti i diritti acquisiti e permette loro di beneficiare di evidenti vantaggi economici, legati all aumento di produttività e ad una maggiore flessibilità del lavoro straordinario. Nel 2011 abbiamo anche rinnovato il contratto di lavoro in Chrysler per i prossimi quattro anni, raggiungendo un accordo che garantisce all azienda di rimanere competitiva e, allo stesso tempo, riconosce e premia il contributo dei lavoratori nel suo percorso di rinascita e nel suo successo. Queste sono solo alcune delle iniziative che abbiamo intrapreso e che troverete descritte in modo dettagliato nelle pagine del Bilancio di Sostenibilità, insieme agli ambiziosi obiettivi che ci poniamo per gli anni a venire. Ciò che guida la nostra visione sono la voglia e la determinazione di guardare avanti, avendo il coraggio di metterci alla prova ogni giorno e di cambiare insieme per il meglio, in nome della responsabilità che sentiamo verso il futuro e verso tutti coloro che hanno riposto la loro fiducia in noi. /f/ Sergio Marchionne L AMMINISTRATORE DELEGATO Sergio Marchionne

12 10 L impegno Un anno di del Gruppo sostenibilità: fatti e numeri Un anno di sostenibilità: fatti e numeri Per il terzo anno consecutivo Fiat S.p.A. è stata confermata nei Dow Jones Sustainability World e Europe Indexes 8,7% del flottante Fiat S.p.A. detenuto da Investitori Socialmente Responsabili Sistema di gestione della sostenibilità allineato allo standard ISO sulla responsabilità sociale TwinAir è stato nominato International Engine of the Year 2011 Per il quinto anno consecutivo Fiat è leader per le più basse emissioni di CO 2 in Europa con 118,2 g/km Fiat Group Automobiles leader in Europa per i veicoli a metano, con una quota di mercato del 65% 2,2 miliardi di euro spesi in Ricerca e Sviluppo Fiat S.p.A. entra nel 500 Global Carbon Disclosure Leadership Index e nel Carbon Performance Leadership Index

13 11 Chrysler Pentastar V-6 nominato da Ward s Automotive tra i 10 Best Engines per ottimi consumi, emissioni e prestazioni 36,5 milioni di euro destinati dal Gruppo a favore delle comunità locali L impegno del Gruppo -10% rispetto al 2010 le emissioni di CO 2 per veicolo prodotto negli stabilimenti di Fiat Group Automobiles e Chrysler nel mondo 103 stabilimenti certificati OHSAS ,3 milioni di euro spesi per la formazione dei dipendenti (+23% rispetto al 2010) Oltre 1,4 milioni di ore per la formazione della rete dei concessionari e di assistenza in materia di sicurezza e ambiente -18,5% rispetto al 2010 nei consumi idrici per veicolo prodotto negli stabilimenti di Fiat Group Automobiles e Chrysler nel mondo Il 18% dei dipendenti del Gruppo sono donne Assegnati per la sicurezza 5 stelle Euro NCAP a Fiat Freemont e Lancia Thema e il Top Safety Pick 2012 a 11 modelli Chrysler Group 139 stabilimenti certificati ISO milioni di euro spesi per Salute e Sicurezza sul lavoro (+44% rispetto al 2010)

14 12 L impegno Piano del Gruppo di Sostenibilità Piano di Sostenibilità Per il Gruppo Fiat la sostenibilità non è un obiettivo fine a se stesso, bensì un percorso di miglioramento continuo, essenziale per una crescita duratura. Nel corso degli anni, la strategia di sostenibilità del Gruppo ha dato vita a diversi progetti volti a promuovere una mobilità sempre più sostenibile, contribuire alla protezione dell ambiente e delle risorse naturali, assicurare la salute e sicurezza dei dipendenti, investire nel loro percorso professionale, e costruire una relazione costruttiva con le comunità locali e i partner commerciali. La volontà di continuare a crescere in armonia con l ambiente e le persone trova espressione nel Piano di Sostenibilità. Ogni anno, il Piano di Sostenibilità presenta gli obiettivi fissati dall azienda per il futuro e fornisce le informazioni dettagliate sui risultati ottenuti e sulle direttrici seguite. Mantenimento della leadership in Europa per le vetture con le più basse emissioni di CO 2 pagina 16 Promozione del bilanciamento tra lavoro e vita privata e del benessere dei dipendenti pagina 31 pagine Ulteriore riduzione delle emissioni di CO 2 e dell impatto ambientale delle fabbriche pagine Promozione della sostenibilità all interno della catena di fornitura

15 13 Corporate governance e sostenibilità pagg Mantenere un sistema di governance e di gestione dei rischi allineato alle best practice internazionali Prodotto pagg Continuare a ridurre le emissioni di CO 2 e di inquinanti e migliorare i consumi Incrementare recuperabilità, riciclabilità e riutilizzabilità dei veicoli Migliorare ulteriormente la sicurezza dei prodotti L impegno del Gruppo Fabbriche pagg Diffondere la cultura ambientale all interno del Gruppo Continuare a ridurre l impatto ambientale e ottimizzare le performance energetiche Logistica pag. 29 Ridurre l impatto ambientale dei processi logistici Processi non produttivi pag. 30 Ridurre l impatto ambientale degli spostamenti casa-lavoro, delle trasferte e delle attività d ufficio e di Information Technology Risorse umane pagg Offrire pari opportunità Promuovere lo sviluppo del capitale umano Attrarre e trattenere i migliori talenti Continuare a promuovere e salvaguardare la salute e la sicurezza Promuovere il bilanciamento tra lavoro e vita privata e il benessere dei dipendenti Rete dei concessionari e di assistenza pagg Formare la rete su tematiche specifiche di ecologia e sicurezza Clienti pagg Migliorare la customer experience Fornitori pagg Promuovere la responsabilità sociale e ambientale nella supply chain Comunità pagg Supportare le comunità locali Sostenere lo sviluppo professionale dei giovani

16 14 L impegno del Gruppo Piano di Sostenibilità Obiettivo superato Obiettivo raggiunto o in linea con il piano Obiettivo parzialmente raggiunto Obiettivo posticipato Corporate Governance e sostenibilità Sistema di governance best-in-class Impegno: Sviluppare e diffondere la cultura della sostenibilità all interno del Gruppo Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Gruppo Fiat Ampliamento del numero dei Key Performance Indicator (KPI) monitorati Miglioramento continuo delle performance di sostenibilità Introduzione di una rappresentanza femminile nel Consiglio di Amministrazione di Fiat S.p.A. Valutazione della performance del Consiglio di Amministrazione Definizione della frequenza minima agli incontri del Consiglio di Amministrazione Ampliato il numero di KPI monitorati e rendicontati nel Bilancio di Sostenibilità 2011 in seguito alla pubblicazione delle linee guida GRI-G3.1 Ottenuto il massimo Livello di Applicazione (A+) delle linee guida GRI-G3.1, confermato anche dalla verifica svolta dall organizzazione GRI (vedere pag. 255) Fiat S.p.A. riconosciuta tra i leader di sostenibilità e inclusa negli indici: Dow Jones Sustainability World e Dow Jones Sustainability Europe, Global 500 Carbon Disclosure Leadership, Carbon Performance Leadership, ASPI Eurozone, STOXX Global ESG Leaders, STOXX Global ESG Environmental Leaders, STOXX Global ESG Social Leaders, STOXX Global ESG Governance Leaders, ECPI Ethical Euro, ECPI Ethical EMU, FTSE ECPI Italia SRI Benchmark, FTSE ECPI Italia SRI Leaders, Ethibel Excellence Europe e Ethibel Excellence Euro 2012: ulteriore ampliamento dei KPI monitorati 2012: mantenimento della leadership di sostenibilità del Gruppo 8,7% del flottante Fiat S.p.A. detenuto da Investitori Socialmente Responsabili (vedere pagg ) 2012: introduzione di una rappresentanza femminile nel Consiglio di Amministrazione di Fiat S.p.A., pari al 20% dei membri 2013: valutazione indipendente della performance del Consiglio di Amministrazione 93% la media di partecipazione agli incontri del Consiglio di Amministrazione da parte dei membri 2012: definizione della frequenza minima agli incontri del Consiglio di Amministrazione (2/3 degli incontri) Gruppo Fiat (Chrysler Group escluso) Integrazione del modello di audit Estensione a tutti gli audit operativi di una valutazione delle tematiche etiche con particolare riguardo agli aspetti inerenti i diritti umani, l etica negli affari, il conflitto di interessi, la corruzione e la discriminazione (vedere pag. 65) 2012: ulteriore integrazione di tutti gli audit operativi con una valutazione relativa alle sponsorizzazioni, donazioni e spese di rappresentanza, ove coerente con la valutazione del rischio. 2012: analisi delle violazioni del Codice di Condotta e delle azioni correttive adottate, al fine di valutarne l efficacia

17 15 Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Gruppo Fiat Aggiornamento costante del sistema di compliance al fine di mantenerlo allineato alle migliori pratiche internazionali Impegno: Aggiornare costantemente il sistema di gestione dei rischi per mantenerlo allineato alle migliori best practice Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Gruppo Fiat Continuo aggiornamento del modello di Gestione dei Rischi d Impresa (Enterprise Risk Management - ERM) Erogata a tutti i settori (Chrysler Group escluso) formazione sul modello ERM aggiornato 2012: integrazione dei sistemi di compliance di Chrysler Group e di Fiat S.p.A. (Finance, Internal Audit, ERM) 2012: aggiornamento della mappa dei rischi dell attività di audit in relazione agli sviluppi del contesto normativo internazionale (UK Bribery Act, Ley Organica ecc.) 2012: integrazione nel modello ERM di fattori di rischio relativi all acqua 2012: integrazione di Chrysler Group nel modello ERM del Gruppo Fiat L impegno del Gruppo Gruppo Fiat (Chrysler Group escluso) Miglioramento delle competenze e degli strumenti a disposizione del Gruppo per identificare, quantificare, analizzare e gestire i rischi puri con focus sui rischi correlati a cambiamenti climatici, terremoti e altri eventi naturali Utilizzo di un software innovativo per condividere, in modo sempre aggiornato all interno del Gruppo, tutti i rischi puri (incendio, esplosione, eventi naturali) a cui sono esposti gli asset aziendali e la continuità produttiva Cambiamenti climatici: effettuato un brainstorming con i rappresentanti delle principali funzioni del Gruppo per identificare, analizzare e valutare i nuovi potenziali rischi industriali e le azioni di contenimento associati ai cambiamenti climatici Terremoti: definita una nuova metodologia per identificare siti potenzialmente esposti in caso di terremoti e definite le priorità di intervento; progetto pilota realizzato in 22 siti italiani di Magneti Marelli Ambiente: definita una nuova metodologia per identificare, analizzare e quantificare i rischi ambientali assicurabili; progetto pilota realizzato in 3 siti Esteso il software a tutti i siti del Gruppo (Chrysler Group escluso) Ampliato il monitoraggio dei rischi puri attraverso per includere grandine e uragani (vedere pagg ) 2012: definizione di una nuova metodologia di valutazione quantitativa per identificare i principali siti potenzialmente esposti a rischi meteorologici, in collaborazione con un organizzazione meteorologica italiana e una società di consulenza specializzata nella prevenzione perdite 2012: attuazione di due progetti pilota al di fuori dall Italia 2014: estensione della metodologia ai siti italiani più significativi 2012: consolidamento dell utilizzo di attraverso specifica formazione e attivazione di un help desk dedicato Chrysler Group Miglioramento delle competenze e degli strumenti a disposizione del Gruppo per identificare, quantificare, analizzare e trattare i rischi informatici e politici 2012: analisi e valutazione dei rischi informatici e politici per definire l esposizione dell azienda e le strategie di gestione

18 16 L impegno del Gruppo Piano di Sostenibilità Obiettivo superato Obiettivo raggiunto o in linea con il piano Obiettivo parzialmente raggiunto Obiettivo posticipato Prodotto Emissioni di CO 2 e consumi Impegno: Ridurre le emissioni di CO 2 e migliorare i consumi con un approccio a 360º Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Fiat Group Automobiles (FGA) Introduzione e sviluppo di un portafoglio di soluzioni tecnologiche diversificate: MOTORI estensione del Multijet di seconda generazione sui motori diesel introduzione dell eco-turbo evoluzione del sistema Start&Stop estensione del motore bicilindrico turbo (TwinAir turbo) nel segmento delle vetture piccole introduzione del motore TwinAir Naturally Aspirated nel segmento delle vetture mini evoluzione della tecnologia MultiAir TRASMISSIONI estensione di cambi altamente efficienti a doppia frizione a secco (DDCT - Dual Dry Clutch Transmission) nei segmenti delle vetture piccole, compatte e medie introduzione di una nuova generazione di cambi automatici ad alta efficienza introduzione di un sistema a trazione integrale (AWD - All-Wheel Drive) ad alta efficienza VEICOLO estensione dell utilizzo di acciai alto-resistenziali (HSS) e ultra-alto-resistenziali (UHSS) per ridurre il peso mantenendo alti livelli di sicurezza e di performance strutturali miglioramento dell efficienza aerodinamica e riduzione della resistenza degli pneumatici al rotolamento per ottimizzare la richiesta energetica del veicolo aumento dell efficienza generale dei sistemi ausiliari (es. sistemi di climatizzazione, alternatori, pompe olio, ecc.) introduzione dell indicatore di cambio marcia (GSI - Gear Shift Indicator) di seconda generazione su tutti i nuovi modelli Per il quinto anno, il brand Fiat ha registrato le emissioni medie ponderate più basse (118,2 g/km di CO 2 ) tra i marchi automobilistici più venduti in Europa (fonte: Jato Dynamics) 65% delle vetture FGA vendute in Europa ha registrato emissioni fino a 120 g/km di CO 2 e 79% fino a 130 g/km di CO 2 6% delle versioni delle vetture offerte in gamma (modello/motorizzazione) ha registrato emissioni fino a 100 g/km di CO 2 Estesa la tecnologia MultiAir a nuova Fiat Panda e a nuova Lancia Ypsilon (rappresentanti il 14% delle vendite di vetture benzina) Esteso il motore TwinAir turbo a nuova Fiat Panda e a nuova Lancia Ypsilon Introdotto l eco-turbo su Fiat Punto, su Alfa Romeo Giulietta e su MiTo Esteso il sistema Start&Stop a nuova Fiat Panda e a nuova Lancia Ypsilon Esteso il cambio DDCT al segmento delle vetture compatte e dei motori diesel (Alfa Romeo Giulietta benzina e diesel) Introdotto l Alternatore Intelligente su nuova Fiat Panda e su nuova Lancia Ypsilon Nuova Fiat Panda: esteso l uso di acciai HSS (oltre il 70% del peso della scocca), migliorata l efficienza aerodinamica (-3% del coefficiente Cx) e ridotta la resistenza degli pneumatici al rotolamento (-30%) rispetto alla precedente generazione (vedere pagg , ) 2012: mantenimento della leadership per le vetture con il più basso livello medio ponderato di emissioni di CO 2 tra i principali costruttori in Europa 2015: raddoppio delle versioni (modello/motorizzazione) delle vetture offerte in gamma con emissioni fino a 100 g/km di CO 2, vs 2011 (dal 6% al 12%)

19 17 Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Chrysler Group Introduzione e sviluppo di un portafoglio di soluzioni tecnologiche diversificate: MOTORI adattamento della tecnologia MultiAir a nuove motorizzazioni introduzione del nuovo motore 1.4 MultiAir Intercooled Turbo sviluppo e lancio dei nuovi motori 2.0 e 2.4 Tigershark 16v ulteriori applicazioni dell efficiente motore Pentastar V-6 estensione del sistema Start&Stop al mercato nordamericano TRASMISSIONI introduzione del cambio a 9 marce ulteriori applicazioni del cambio a 8 marce introduzione di cambi a doppia frizione a secco (DDCT - Dual Dry Clutch Transmission) VEICOLO lancio sul mercato di un veicolo che percorre 40 miglia con un gallone estensione dell utilizzo di acciai altoresistenziali (HSS) per ridurre il peso mantenendo alti livelli di sicurezza e di performance strutturali introduzione del servosterzo elettrico introduzione di paratie mobili nelle prese d aria di raffreddamento del motore per migliorare l aerodinamica del veicolo +6,4% di fuel economy (1) media per le vetture vendute negli Stati Uniti vs anno precedente Introdotta la tecnologia MultiAir su Chrysler Ypsilon Esteso il motore Pentastar V-6 a Jeep Wrangler Integrata la Fuel Saver Technology (disattivazione cilindri) nell 80% dei motori V-8 venduti Introdotta la trasmissione a 8 marce su Chrysler 300 e Dodge Charger Introdotta la trasmissione automatica a 6 marce sui veicoli Ram Introdotta la trasmissione automatica a 5 marce con il Pentastar V-6 su Jeep Wrangler Introdotto il sistema Start&Stop su Jeep Wrangler 2011 in Europa Estesa l applicazione di assali ad alta efficienza e basso peso a Ram 1500, in aggiunta a Jeep Grand Cherokee e Dodge Durango Esteso l uso di HSS (circa il 60% del peso della scocca) su Chrysler 300 (vedere pagg , ) 2014: +25% di fuel economy (1) vs gamma 2010 L impegno del Gruppo Maserati Introduzione e sviluppo di un portafoglio di soluzioni tecnologiche diversificate: MOTORI nuova famiglia di motori (studi sul downsizing e/o turbo) sistema Start&Stop TRASMISSIONI aumento dell efficienza del cambio VEICOLO pneumatici a bassa resistenza al rotolamento materiali più leggeri ed ultraleggeri (es. porte in alluminio) aumento dell efficienza aerodinamica miglioramento della gestione termica e del raffreddamento ottimizzazione degli attriti e della lubrificazione introduzione di accessori intelligenti (Pulse Width Modulation Controller, Alternatore Intelligente) -6% di emissioni di CO 2 su tutti i veicoli equipaggiati con il nuovo motore da 4,7 litri (Quattroporte S, Quattroporte GTS, Granturismo S, Granturismo S Automatica, GranCabrio, GranCabrio Sport) vs modelli precedenti proseguito lo sviluppo della nuova Quattroporte 2012: -30% di emissioni di CO 2 sulla nuova Quattroporte vs versione 2008 (1) Si riferisce al consumo di combustibile in miglia per gallone che corrisponde, applicando un opportuno fattore di conversione, ai chilometri percorsi con un litro. Pertanto, l aumento della fuel economy corrisponde a un incremento dell efficienza del veicolo e a una riduzione delle emissioni di CO 2.

20 18 L impegno del Gruppo Piano di Sostenibilità Obiettivo superato Obiettivo raggiunto o in linea con il piano Obiettivo parzialmente raggiunto Obiettivo posticipato Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Ferrari Introduzione e sviluppo di un portafoglio di soluzioni tecnologiche diversificate: MOTORI ottimizzazione della combustione riduzione dell attrito e delle perdite di pompaggio studio su motori turbo disattivazione cilindri TRASMISSIONI aumento dell efficienza (pompa dell olio di lubrificazione, sistema di controllo della pressione, 7 a marcia overdrive) VEICOLO introduzione dell Alternatore Intelligente nuove tecnologie per la riduzione del peso (impiego di nuove leghe di alluminio ultraresistenziali, tecnologie innovative per le giunzioni, lastre in alluminio supersottili, ecc.) ottimizzazione della frenata per minimizzare le perdite di energia e aumentare l efficienza aeordinamica attiva -30% di emissioni di CO 2 delle vetture vendute in Europa vs % di emissioni di CO 2 sulla FF vs la 612 Scaglietti attraverso l introduzione dell overdrive, sistema di controllo della pressione del Dual Clutch Transmission (DCT), sistemi frenanti carboceramici di seconda generazione (CCM), freni con cuscinetti in materiale organico (-10% nella dimensione dei dischi), kit HELE costituito da sistema Start&Stop, controllo continuo delle ventole motore, controllo continuo delle pompe benzina e controllo elettronico del compressore del sistema di climatizzazione -20% di emissioni di CO 2 sulla 458 Spider con kit HELE vs F430 Spider -30 kg nel peso della Ferrari California 2012 vs lo stesso modello del 2008 Applicata l aerodinamica attiva alla 599XX (pacchetto evoluzione) (vedere pag. 97) 2012: -40% di emissioni di CO 2 vs gamma 2007 Impegno: Promuovere l utilizzo di fonti energetiche alternative e rinnovabili Perimetro Azioni Risultati 2011 Obiettivi Fiat Group Automobiles (FGA) Promozione sui principali mercati di almeno un modello a energia alternativa, in linea con le condizioni socio-economiche ed energetiche locali: Metano (brand Natural Power) e GPL in Europa Flexfuel e TetraFuel in America Latina Mantenuta la leadership nel mercato dei veicoli a metano in Europa: 65% della quota di mercato con circa veicoli a metano venduti Gamma a metano più ampia d Europa con 8 modelli Venduti oltre veicoli Fiat Flexfuel e TetraFuel in Brasile (98% del mix di vendita) (vedere pagg ) 2012: mantenimento della leadership nel mercato dei veicoli a metano in Europa 2012: introduzione del motore bicilindrico (TwinAir) turbo a metano su nuova Fiat Panda 2013: estensione della tecnologia a metano su ulteriori modelli Fiat Group Automobiles (FGA) Valutazione e sperimentazione di altre soluzioni sostenibili per il futuro: trazione elettrica/ibrida per la mobilità urbana miscele metano-idrogeno biometano Avviato lo studio di fattibilità per una piccola vettura ibrida a uso urbano Avviato lo studio dei benefici tratti dall utilizzo del biometano nei veicoli, compresa l analisi di tecnologie per la produzione di biometano e delle migliori pratiche a livello europeo (vedere pagg. 88, 100) Iniziata la sperimentazione su strada di 20 Fiat Panda a miscela metano/idrogeno consegnate alla Regione Lombardia 2012: studio di fattibilità per una piccola vettura ibrida a uso urbano 2012: proseguimento della sperimentazione su strada di 20 Fiat Panda metano/idrogeno consegnate alla Regione Lombardia e valutazione dei risultati Fiat Group Automobiles (FGA) e Chrysler Group Lanciati 105 pickup Ram Plug-In Hybrid Electric, parte della flotta dimostrativa di 140 veicoli in collaborazione con il Dipartimento dell Energia degli Stati Uniti (vedere pag. 89) 2012: lancio della Fiat 500 elettrica sul mercato statunitense

Bilancio di Sostenibilità 2011. Responsabilità economica, ambientale e sociale

Bilancio di Sostenibilità 2011. Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2011 Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2011 Responsabilità economica, ambientale e sociale Per la corretta interpretazione delle informazioni

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2012. Responsabilità economica, ambientale e sociale

Bilancio di Sostenibilità 2012. Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2012 Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2012 Responsabilità economica, ambientale e sociale Per la corretta interpretazione delle informazioni

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2012. Responsabilità economica, ambientale e sociale

Bilancio di Sostenibilità 2012. Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2012 Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2012 Responsabilità economica, ambientale e sociale Per la corretta interpretazione delle informazioni

Dettagli

L impegno del Gruppo. Lettera del Presidente. Lettera dell Amministratore Delegato. Un anno di sosteniblità: risultati. Piano di Sostenibilità

L impegno del Gruppo. Lettera del Presidente. Lettera dell Amministratore Delegato. Un anno di sosteniblità: risultati. Piano di Sostenibilità 6 8 12 14 Lettera del Presidente Lettera dell Amministratore Delegato Un anno di sosteniblità: risultati Piano di Sostenibilità 6 Lettera del Presidente Lettera del Presidente Cari Stakeholder, i fatti

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO 2015 SOSTENIBILITà La creazione di un Gruppo integrato e globale come Fiat Chrysler Automobiles è stato per noi l evento più importante del 2014. Un fatto che ha cambiato per sempre il destino delle due

Dettagli

FIAT- UN AZIENDA ECOCOMPATIBILE

FIAT- UN AZIENDA ECOCOMPATIBILE FIAT- UN AZIENDA ECOCOMPATIBILE A cura di Federica DE BRACO A.A 2009-2010 Tutto il mondo conosce la Fiat, Fabbrica Italiana Automobili Torino, l azienda automobilistica nata a Torino l 11 luglio 1899 che

Dettagli

Dimensione ambientale

Dimensione ambientale 97 99 119 L impegno per contrastare i cambiamenti climatici Mobilità ecologica Fabbriche e processi non produttivi L impegno per contrastare i cambiamenti climatici 97 L impegno per contrastare i cambiamenti

Dettagli

COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA. Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director

COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA. Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director FIAT S.p.A. 88,4% 100% 100% 100% 85 % 58,5% 100% 100% 100% 100% 84,8% RISULTATI FINANZIARI Ricavi totali 2011 59.559

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO?

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? Lucio Bernard Direttore Research & TechnologY Fiat Powertrain Technologies TECNOLOGIA MOTORISTICA FUTURA DAL SOGNO ALLA REALTÀ

Dettagli

2013 Piano di Sostenibilità

2013 Piano di Sostenibilità 2013 Piano di Sostenibilità Modello di business, Governance e Sostenibilità Impegno: Rafforzare a livello mondiale la posizione di leadership del Gruppo in materia di tematiche ambientali, sociali e di

Dettagli

Il Gruppo in sintesi. Il 2011 in sintesi. I marchi. Il Gruppo nel mondo. La responsabilità come modo di operare

Il Gruppo in sintesi. Il 2011 in sintesi. I marchi. Il Gruppo nel mondo. La responsabilità come modo di operare Il Gruppo in sintesi 14 16 24 26 Il 2011 in sintesi I marchi Il Gruppo nel mondo La responsabilità come modo di operare 14 Il Gruppo Il 2011 in sintesi in sintesi Il 2011 in sintesi Risultati dell esercizio

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL SOCIETAL CHALLENGES SMART, GREEN AND INTEGRATED TRANSPORT H2020-GV-2014-2015 CALL H2020-GV-2014: GREEN VEHICLES 2014 SCADENZA CALL 28 Agosto 2014 TOPICS GV-1-2014:

Dettagli

FIAT PER L AMBIENTE Soluzioni concrete, disponibili da subito, accessibili a tutti.

FIAT PER L AMBIENTE Soluzioni concrete, disponibili da subito, accessibili a tutti. FIAT PER L AMBIENTE Soluzioni concrete, disponibili da subito, accessibili a tutti. 07 mobilità individuale e ambiente 13 14 33 35 Fiat e la mobilità sostenibile I pilastri della strategia ecologica Fiat

Dettagli

Green Mobility : Sirti sceglie i veicoli commerciali Fiat Professional

Green Mobility : Sirti sceglie i veicoli commerciali Fiat Professional Green Mobility : Sirti sceglie i veicoli commerciali Fiat Professional Nel 2013 più di 530 nuovi veicoli commerciali Fiat sono entrati nella flotta della società di tecnologia leader in Italia nelle infrastrutture

Dettagli

Piano di Sostenibilità

Piano di Sostenibilità Piano di Sostenibilità In questa edizione del Bilancio, il Gruppo presenta il suo primo Piano di Sostenibilità con il quale comunica il proprio impegno nei confronti degli stakeholder. Il Piano si focalizza

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

3 trimestre 2010. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010

3 trimestre 2010. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010 Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010 IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL TERZO TRIMESTRE CON RICAVI PARI A 13,5 MILIARDI DI EURO, IN AUMENTO DELL 11,9% RISPETTO AL TERZO TRIMESTRE 2009, E CON UN

Dettagli

Il biometano, un opportunità per i trasporti

Il biometano, un opportunità per i trasporti Il biometano, un opportunità per i trasporti Negli ultimi anni, il gas naturale è un carburante che ha caratterizzato in maniera rilevante in Italia e in Europa l evoluzione del mercato automobilistico,

Dettagli

Responsabilità e innovazione nei prodotti

Responsabilità e innovazione nei prodotti 54 Prodotti / Approccio integrato per una mobilità sostenibile GRI-G4 DMA, 14, EN7, EN27 Questo contenuto è stato sottoposto a verifica da parte di SGS Italia S.p.A. (14 Marzo 2014) Responsabilità e innovazione

Dettagli

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Assolombarda, 7 febbraio 2011 Honorati Ranieri Fiat Group Automobiles Marketing Fleet 20 Novembre, 2010 L approccio

Dettagli

IL TRASPORTO SOSTENIBILE PER IVECO

IL TRASPORTO SOSTENIBILE PER IVECO Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino - Italia www.iveco.com Pubblicazione: IST.081408 Settembre 2008 I dati contenuti in questa pubblicazione sono puramente indicativi e non vincolanti. IL TRASPORTO

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2013. Responsabilità economica, ambientale e sociale

Bilancio di Sostenibilità 2013. Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2013 Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità al 31 Dicembre 2013 Tutti i nostri bilanci sono disponibili all indirizzo http://2013interactivereports.fiatspa.com

Dettagli

Senato della Repubblica 10 Commissione permanente Industria, Commercio, Turismo. Daniele Chiari Relazioni Istituzionali Fiat Group Automobiles

Senato della Repubblica 10 Commissione permanente Industria, Commercio, Turismo. Daniele Chiari Relazioni Istituzionali Fiat Group Automobiles Audizione in relazione allo schema di decreto legislativo recante Attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili Senato della Repubblica 10 Commissione

Dettagli

Lettera agli stakeholder

Lettera agli stakeholder Lettera agli stakeholder Per il Gruppo Fiat la sostenibilità è qualcosa che va al di là delle pagine di un Bilancio. La consideriamo un modo di fare impresa, una mentalità che guida le scelte di ogni giorno,

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

IVECO DUAL ENERGY UN CONCEPT TECNOLOGICO

IVECO DUAL ENERGY UN CONCEPT TECNOLOGICO IVECO DUAL ENERGY UN CONCEPT TECNOLOGICO Per rispondere alle esigenze di una mobilità sempre più sostenibile, senza rinunciare allo sviluppo ma coniugandolo in modo responsabile con la tutela dell ambiente,

Dettagli

Fiat Auto per la mobilità sostenibile: tecnologie, soluzioni e prospettive future. Giuseppe Bonollo

Fiat Auto per la mobilità sostenibile: tecnologie, soluzioni e prospettive future. Giuseppe Bonollo Fiat Auto per la mobilità sostenibile: tecnologie, soluzioni e prospettive future Giuseppe Bonollo H2Roma, 22 Novembre 2006 1 Fiat Auto: costante sviluppo tecnologico per la mobilità sostenibile 2006 2008

Dettagli

Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti

Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti Con il nuovo modello Ford Mondeo ECOnetic le emissioni di CO 2 scendono a 115 g/km. Sulla Ford Ka, la tecnologia Auto-Start-Stop diventa di

Dettagli

Interattivo Bilancio di Sostenibilità

Interattivo Bilancio di Sostenibilità Interattivo Bilancio al 31 dicembre 2013 2 L impegno del Gruppo GRI-G4 1 Questo contenuto è stato sottoposto a verifica da parte di SGS Italia S.p.A. (14 Marzo 2014) L impegno del Gruppo Ogni giorno il

Dettagli

IL GRUPPO FIAT CHRYSLER NEL CONTESTO INTERNAZIONALE E I RIFLESSI SULLA COMPONENTISTICA ITALIANA

IL GRUPPO FIAT CHRYSLER NEL CONTESTO INTERNAZIONALE E I RIFLESSI SULLA COMPONENTISTICA ITALIANA IL GRUPPO FIAT CHRYSLER NEL CONTESTO INTERNAZIONALE E I RIFLESSI SULLA COMPONENTISTICA ITALIANA ALFREDO ALTAVILLA Signore e signori, buongiorno. Nel 2009 partecipai a questo convegno per condividere con

Dettagli

Cars WCM. Design. People. Safety. Challenge. Technology. Passion. Future. Global. Research. Innovation. Values. Engineering. Automation.

Cars WCM. Design. People. Safety. Challenge. Technology. Passion. Future. Global. Research. Innovation. Values. Engineering. Automation. 2016 CORPORATE PRESENTATION Design Components Research Global Technology Sustainability Mobilty Safety WCM Environment Performance People Future Automation Passion Values Excellence Creativity Cars Engineering

Dettagli

Fiat partecipa a H2Roma 2010

Fiat partecipa a H2Roma 2010 Fiat partecipa a H2Roma 2010 Dal 10 all 11 novembre 2010 si svolge nella capitale al Salone delle Fontane, nel contesto dell EUR, H2Roma, il primo Workshop Scientifico con la Stampa nato nel 2002 dall

Dettagli

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Agenda 1. Andamento mercati 2. Fiat Group 1. Settori industriali 2. La gestione della congiuntura e la situazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi

E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi di produzione. LINK 1 Joint venture (Unit di riferirmento

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

I fatti salienti del 2012

I fatti salienti del 2012 Pubblicata su Bilancio consolidato 2012 - Gruppo Fiat (http://annualreport2012.fiatspa.com) 4 Home > PDF Printer-friendly I fatti salienti del 2012 Versione html i fatti salienti del 2012 gennaio febbraio

Dettagli

tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km

tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km fiat DUCATO TRASPORTO MERCI tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 48 000 km Gamma 4x4 Cambio robotizzato

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

SCOPRI PERCHÉ L ALTERNATIVA È L IBRIDO.

SCOPRI PERCHÉ L ALTERNATIVA È L IBRIDO. SCOPRI PERCHÉ L ALTERNATIVA È L IBRIDO. LA VERITÀ SULL IBRIDO. In natura ibrido significa unione tra due specie differenti. Lo stesso vale per le auto ibride, che hanno due motori: uno elettrico e uno

Dettagli

FIAT Likes U : mobilità sostenibile, formazione, opportunità di lavoro, questa è l Università che piace

FIAT Likes U : mobilità sostenibile, formazione, opportunità di lavoro, questa è l Università che piace FIAT Likes U : mobilità sostenibile, formazione, opportunità di lavoro, questa è l Università che piace Servizio di car sharing completamente gratuito, 8 borse di studio da 5.000 euro, 8 stage retribuiti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Ottimizzazione dei trasporti

Ottimizzazione dei trasporti 202 Ottimizzazione dei trasporti / Logistica a monte e a valle / Organizzazione GRI-G4 DMA Questo contenuto è stato sottoposto a verifica da parte di SGS Italia S.p.A. (14 Marzo 2014) Ottimizzazione dei

Dettagli

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi.

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. 1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016 Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA a maggio 2016

Dettagli

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa fiat DUCATO VEICOLI DA TRASFORMAZIONE tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 48 000 km Gamma 4x4

Dettagli

Allegato 2. Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti

Allegato 2. Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti Allegato 2 Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti Il presente Allegato tecnico è così composto: 1. Normativa di settore 2. Criteri per il parco veicolare e la mobilità del personale e

Dettagli

Una Nuova Generazione Di Batterie Per La Nuova Generazione Di Automobili AGM TECHNOLOGY

Una Nuova Generazione Di Batterie Per La Nuova Generazione Di Automobili AGM TECHNOLOGY Una Nuova Generazione Di Batterie Per La Nuova Generazione Di Automobili AGM TECHNOLOGY Una Nuova Era Nell industria Automobilistica Con la nuova legislazione europea che limiterà le emissioni di CO2 a

Dettagli

Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia

Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia Corso di Strategia d impresa A.A 2011-2012 Prof. Tonino Pencarelli Teamwork: Giada Baffioni, Debora Balducci, Samanta Gamboni, Alex Guerra

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Alfa Romeo MiTo MY 2014: nuovo allestimento, nuova versione del motorizzazione e nuovo sistema di Infotainment

Alfa Romeo MiTo MY 2014: nuovo allestimento, nuova versione del motorizzazione e nuovo sistema di Infotainment Alfa Romeo MiTo MY 2014: nuovo allestimento, nuova versione del motorizzazione e nuovo sistema di Infotainment Esterni rivisitati: calandra con una nuova cornice cromata, nuova tonalità Grigio Antracite

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

la soluzione a due problemi

la soluzione a due problemi la soluzione a due problemi Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati dal più alto livello di anidride carbonica in atmosfera mai registrato. Vi è la necessità di tutelare il nostro Pianeta e nello stesso

Dettagli

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013 LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE Pietro Teofilatto Milano, 23 ottobre 2013 Agenda Scenario del mercato dell auto e del noleggio Nuovo ruolo del Fleet manager: car

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

EMISSIONI DIRETTIVA UE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2

EMISSIONI DIRETTIVA UE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 TER EMISSIONI DIRETTIVA UE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 La crescente attenzione verso le tematiche ambientali ha determinato l adozione, da parte dell Unione Europea, di nuove regole per il

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei»

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Daniele Chiari Head of Product Planning and Institutional Relations

Dettagli

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica Pavia, 28 febbraio 2012 Sviluppo turistico sostenibile e valorizzazione del territorio in un ottica di responsabilità sociale Stefania Bassi s.bassi@fultura.it www.fultura.it Sviluppo turistico e valorizzazione

Dettagli

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO Responsabilità Sociale in azienda APPROCCI, STRUMENTI, ESPERIENZE a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO STRUTTURA CONCETTO DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE (CSR) CONTESTO

Dettagli

Le opportunità del biometano per

Le opportunità del biometano per Key Energy - Rimini, Marco Tassan - Centro Ricerche FIAT - Trento Branch l Biogas come risorsa: oltre oltre la la produzione di di Energia Rinnovabile Rinnovabile Le l autotrazione opportunità del e gli

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Non è vero che con l efficienza. politica industriale. Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014

Non è vero che con l efficienza. politica industriale. Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014 Non è vero che con l efficienza energetica non si fa politica industriale Laura Bruni Direttore Affari Istituzionali Schneider Electric Italia Camerino, 25 Giugno 2014 L efficienza energetica porta crescita

Dettagli

www.fiat.it APP Maggiori info su www.ciaofiatmobile.it SOCIAL

www.fiat.it APP Maggiori info su www.ciaofiatmobile.it SOCIAL www.fiat.it NUMERO VERDE APP Chiama il Servizio Clienti Fiat dai principali paesi europei * per: ASSISTENZA STRADALE attiva 24 ore su 24, 365 giorni all anno per le richieste di traino e dépannage; INFORMAZIONI

Dettagli

Saab BioPower Hybrid Concept adotta la trasmissione ibrida bimodale

Saab BioPower Hybrid Concept adotta la trasmissione ibrida bimodale INFORMAZIONI Bologna, 5 Dicembre 2006 Anteprima italiana Saab BioPower Hybrid Concept adotta la trasmissione ibrida bimodale Primo veicolo ibrido al mondo che utilizza un carburante rinnovabile Modernissima

Dettagli

AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE

AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE Torino, novembre 2013 Società all avanguardia nella progettazione e produzione di propulsori

Dettagli

L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI

L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI I NOSTRI STAKEHOLDER 85.000 dipendenti, di cui 16.000 in Italia 70 milioni di clienti, di cui più di 10 milioni in Italia una forza di vendita proprietaria

Dettagli

3 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009

3 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009 NONOSTANTE L ESTREMA DEBOLEZZA DEL CONTESTO ECONOMICO GLOBALE, IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL TRIMESTRE CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 308 MILIONI

Dettagli

società per azioni corporate presentation

società per azioni corporate presentation società per azioni 2011 corporate presentation società per azioni 2011 corporate presentation Meritocrazia, leadership, competizione, performance da best-in-class e mantenere le promesse: sono questi i

Dettagli

Candela Serena Mersico Luigi

Candela Serena Mersico Luigi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategia d impresa A.A. 2014/2015 Prof. T. Pencarelli Dott. M. Dini Candela Serena Mersico Luigi INDICE 1. Cenni storici 2. Struttura

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

La Green Strategy del Gruppo Geodis Obiettivi, impegni e progetti del quarto più grande operatore di logistica e trasporto a livello europeo

La Green Strategy del Gruppo Geodis Obiettivi, impegni e progetti del quarto più grande operatore di logistica e trasporto a livello europeo La Green Strategy del Gruppo Geodis Obiettivi, impegni e progetti del quarto più grande operatore di logistica e trasporto a livello europeo Responsabilità sociale, sostenibilità ambientale, risparmio

Dettagli

società per azioni corporate presentation

società per azioni corporate presentation società per azioni 2011 corporate presentation società per azioni 2011 corporate presentation Meritocrazia, leadership, competizione, performance da best-in-class e mantenere le promesse: sono questi i

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2010. Responsabilità economica, ambientale e sociale

Bilancio di Sostenibilità 2010. Responsabilità economica, ambientale e sociale Bilancio di Sostenibilità 2010 Responsabilità economica, ambientale e sociale BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2010 Responsabilità economica, ambientale e sociale BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2010 INDICE 3 INDICE

Dettagli

Nissan LEAF 100% elettrica

Nissan LEAF 100% elettrica LEAF riciclabilità Nissan LEAF rispetta l ambiente. Ecco perché è stata realizzata in massima parte con materiali riciclati ed è essa stessa riciclabile per più del 95%. nuovo design Il design aerodinamico

Dettagli

TOYOTA E LEXUS hybrid.

TOYOTA E LEXUS hybrid. TOYOTA E LEXUS hybrid. È tempo di passare all ibrido. La verità sull ibrido. In natura ibrido significa unione tra due specie differenti. Lo stesso vale per le auto ibride, che hanno due motori: uno elettrico

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 22 dicembre 2009

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 22 dicembre 2009 Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali Palazzo Chigi 22 dicembre 2009 Accordo con Chrysler 22 Dicembre 2009 Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali 2 Chrysler: dal

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato il Piano Strategico 2015-2019 del Gruppo A2A *** Importante rilancio degli investimenti 2,1 miliardi di euro di

Dettagli

Peugeot Scooters Una storia di innovazione e rispetto

Peugeot Scooters Una storia di innovazione e rispetto Peugeot Scooters Una storia di innovazione e rispetto Milano, 9 maggio 2014 Peugeot e l ambiente Precedenza all eco progettazione La filosofia di PSA è volta a coniugare tecnologia e rispetto per l ambiente.

Dettagli

tecnologia Full Hybrid. Lasciatevi guidare.

tecnologia Full Hybrid. Lasciatevi guidare. tecnologia Full Hybrid. Lasciatevi guidare. L ibrido e la sua storia. Toyota ha iniziato a sviluppare prototipi di vetture a trazione ibrida fin dagli anni 60 ed è oggi il principale costruttore di veicoli

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI ANFIA, in qualità membro di ACEA, supporta e condivide il contenuto di questo documento. DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI 1. Come ha reagito ACEA di fronte alla situazione VW?... 1 2. Come funziona

Dettagli

2 Lettera dell'amministratore Delegato

2 Lettera dell'amministratore Delegato 2 Lettera dell'amministratore Delegato Signori stakeholder, i risultati ottenuti da Snam nell anno che si è appena chiuso, rendicontati in quest ultima edizione del Bilancio di Sostenibilità, testimoniano

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

Nuovo Mazda CX-3: Disegnato per Meravigliare.

Nuovo Mazda CX-3: Disegnato per Meravigliare. Nuovo Mazda CX-3: Disegnato per Meravigliare. Il nuovo crossover compatto della Casa d Hiroshima, già vincitore dell importante Red Dot Design, si appresta a fare il debutto sul mercato in un segmento

Dettagli

In occasione dell Investor Day in corso a Torino, l Amministratore Delegato Sergio Marchionne ha dichiarato:

In occasione dell Investor Day in corso a Torino, l Amministratore Delegato Sergio Marchionne ha dichiarato: FIAT GROUP AUTOMOBILES Business Plan In occasione dell Investor Day in corso a Torino, l Amministratore Delegato Sergio Marchionne ha dichiarato: Il piano si basa su sei pilastri. Assumiamo che nel mercato

Dettagli

1 trimestre 2011. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

1 trimestre 2011. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 FIAT HA CHIUSO IL SUO PRIMO TRIMESTRE DOPO LA SCISSIONE CON RICAVI IN CRESCITA DEL 7,1% E PARI A 9,2 MILIARDI DI EURO, UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

X edizione del premio "Il logistico dell anno"

X edizione del premio Il logistico dell anno X edizione del premio "Il logistico dell anno" Ambiente e crescita socio economica: scenari internazionali Milano, 14 novembre 2014 Agenda I cambiamenti dello scenario Corporate Social Responsibility vs

Dettagli

2015 CORPORATE PRESENTATION

2015 CORPORATE PRESENTATION 2015 CORPORATE PRESENTATION Un costruttore di auto globale, il settimo più grande del mondo, una realtà unica e straordinariamente ricca a livello tecnico, professionale e umano. SERGIO MARCHIONNE, Chief

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009

RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009 IL GRUPPO FIAT CHIUDE IL 2009 CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 1,1 MILIARDI DI EURO E UN INDEBITAMENTO NETTO INDUSTRIALE DI

Dettagli

Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli AGENDA. 20 Novembre, 2010. Antonio Fuganti Trento Branch Director.

Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli AGENDA. 20 Novembre, 2010. Antonio Fuganti Trento Branch Director. Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli Antonio Fuganti Trento Branch Director 20 Novembre, 2010 AGENDA Scenario attuale e linee di azione verso la riduzione emissioni CO 2 Road

Dettagli