2.1 Evoluzione dell infosfera. Le nuove fonti di informazione il giornalismo diffuso e i social network

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1 Evoluzione dell infosfera. Le nuove fonti di informazione il giornalismo diffuso e i social network"

Transcript

1 Evoluzione dell infosfera. Le nuove fonti di informazione il giornalismo diffuso e i social network Francesco Vitali Il 2 febbraio 2011 Rupert Murdoch sale sul palco del Guggenheim Museum di New York, un luogo emblematico, per lanciare The Daily, il primo prodotto giornalistico pensato solo per l ipad. Lui, che da anni governa il mondo dei media televisivi con Fox e Sky e cartacei con il Wall Street Journal e il Times, solo per citarne alcuni ha deciso di fare il grande passo e di allearsi con Steve Jobs, il re di Apple. The Daily viene presentato come un quotidiano, in realtà è uno strumento giornalistico continuamente aggiornato, multimediale, esteticamente accattivante e dal prezzo degno dei nuovi media: soli 14 centesimi al giorno in abbonamento. I primi blogger analizzano le immagini della presentazione e ipotizzano che Murdoch regga in mano un prototipo della versione aggiornata dell ipad, non ancora in commercio. Sullo sfondo della presentazione appare anche un titolo esplicativo del nuovo quotidiano, sulla rivolta in Egitto e la caduta del Faraone. Il marketing dell evento è studiato con attenzione, e proprio per questo offre un concentrato di parole chiave e spunti per analizzare le evoluzioni di linguaggio e di mezzi che interessano l informazione. Una breve presentazione che ci racconta come è cambiato il mondo dei media, accessibili da qualunque luogo e in qualunque momento, dove i lettori diventano sempre più spesso produttori di notizie, quasi giornalisti freelance. EVOLUZIONE DELL INFOSFERA Queste nuove modalità di accesso all informazione non riguardano solo gli Stati Uniti, dove il 61% della popolazione afferma di informarsi quotidianamente online, ma anche il vecchio mondo e i Paesi in via di sviluppo. Per misurare la situa-

2 188 Nomos & Khaos zione italiana degli on-line news consumer e poterla confrontare con quella americana, un gruppo di ricercatori dell Università di Urbino Carlo Bo 1 ha ripreso un ampio studio del Pew Research Center 2 e l ha riproposto per il nostro paese. Dalla ricerca si evince che ben il 51,1% della popolazione si informa anche attraverso portali internet che aggregano notizie come Google News, Msn e Libero notizie. Si tratta di un dato più basso di quello statunitense, ma molto significativo in una nazione dove sino ad oggi il pubblico è rimasto legato ad un unico media: la televisione. Questo valore sale addirittura al 93,8% nella fascia anni. Il 14,4% del campione (anche se ancora è meno della metà del dato americano), poi, si informa pure attraverso il proprio cellulare. È inoltre molto significativo un dato che riguarda gli utenti dei social network: il 36,4% di loro ha contribuito alla creazione di news, ha inserito commenti o diffuso notizie attraverso la posta elettronica e i siti di social network come Facebook e Twitter. Questi utenti vengono classificati quindi come participatory news consumer. La rilevazione diventa ancor più significativa se la si associa al fatto che un utente di internet su due accede quotidianamente a questa sorta di piazze virtuali 3. In America, come racconta Sergio Maistrello in un interessante libro 4, ha fatto scuola la storia di Janis Krums. Questo 24enne si trova su uno dei ferry boat che collegano New York al New Jersey, quando viene avvistato un aereo adagiato sull acqua. Era il volo Us Airways 1549 decollato da La Guardia e caduto in mare dopo uno scontro con un gruppo di volatili. Krums, senza pensarci un attimo, tira fuori il suo cellulare e scatta una foto. Dopo il click, toccando lo schermo carica l immagine su TwitPic e immediatamente la rilancia con un link su Twitter, il social network che concentra i messaggi dei suoi utenti in soli 140 caratteri, poco più che un sms. In un attimo la sua foto è in rete. È questa la grande differenza tra il suo scatto e quello di tutti gli altri passeggeri del traghetto: lui ha fornito una immagine, una informazione, senza neppure volerlo. In pochi minuti quella foto viene ripresa e condivisa sulla pagine personali di tutti i social network fino ad arrivare sul tavolo delle redazioni dei giornalisti tra- 1 L. Mazzoli, F. Giglietto, A. Bellafiore, M. Orefice, L informazione: da rito a puzzle. Le news e gli italiani: dalla carta stampata, alla rete al mobile, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Dipartimento Scienze della Comunicazione, LaRiCA (Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata), 10/2/ K. Purcell, L. Rainie, A. Mitchell, T. Rosenstiel, K. Olmstead, Understanding the Participatory News Consumer, Pew Research Center for the People & the Press, Washington, 1/3/ Dati presentati da Tns-Digital Life Italia al Forum della Comunicazione Digitale, Milano 16/2/ S. Maistrello, Giornalismo e nuovi media. L informazione al tempo del citizen journalism, Apogeo, Milano, 2010.

3 Parte Evoluzione dell infosfera 189 dizionali. In Italia un episodio simile è successo il 29 giugno del 2009 a Viareggio dove Alberto Macaluso, un progettista web trentenne, armato di telefono cellulare e macchina fotografica è il primo a rilanciare le immagini e a raccontare in diretta il deragliamento del treno merci che ha distrutto, tra le fiamme, una parte della città. Sono quasi sempre girate da semplici cittadini anche le immagini sulle rivolte in Medio Oriente, nel Maghreb, dalla Tunisia alla Libia. Immagini mosse e sfocate, ma che nella loro bassa qualità narrano con ancora maggior efficacia la concitazione del momento, il dramma che si sta vivendo. Le agenzie giornalistiche, le tv e i giornali acquisiscono i video caricati su You- Tube, i racconti postati sui social network e li rilanciano immediatamente nei canali mediatici tradizionali trasformandoli in eventi. A volte si comportano da free rider dell informazione, e con il velo del diritto di cronaca acquisiscono il documento e lo propongono come se fosse loro. Altre volte, più correttamente, chiedono a chi ha generato l informazione iniziale il permesso di poterla utilizzare, magari pagandone i diritti come se si rivolgessero a un service giornalistico. Entrambi i casi evidenziano l innovazione incredibile portata da internet e da tutti i device, cellulari inclusi, che permettono di connettersi e di interagire immediatamente con gli altri utenti: a quei documenti caricati in rete viene riconosciuto il valore di fonte giornalistica. Un cambiamento che impone in ogni momento la valutazione del costo-beneficio tra l utilizzo di materiale spesso non verificato 5 e la velocità con cui esso viene caricato all interno del canale affinché la notizia non rischi di essere bruciata dai concorrenti. L eventuale verifica di attendibilità arriva a posteriori, anche da parte degli stessi utenti-blogger. Si evince pertanto che spesso la pubblicazione di un informazione non va di pari passo con la qualità, ma solo con la velocità di immissione nel canale telematico. La comunicazione giornalistica si è sempre basata su tre passaggi lineari: fontigiornalisti-pubblico 6. Una linea retta inattaccabile in cui il giornalista fa da filtro e approfondimento rispetto alla fonte ricevuta e verificata. Oggi questa linea retta si è trasformata in un triangolo: le fonti, i giornalisti e il pubblico sono in realtà legati 5 Esistono innumerevoli esempi di bufale caricare in rete e poi battute immediatamente dalle agenzie di stampa, dai giornali. Le più pericolose, però, sono quelle che vengono introdotte scientificamente un pò alla volta, riducendo così la possibilità dei navigatori di operare da filtro, svelandone la genesi fittizia. Particolarmente interessante è l esempio delle possibili manipolazioni delle voci di Wikipedia, strumento, anch esso, molto usato dai giornalisti. La storia seppur falsificata, una volta che viene socialmente condivisa, difficilmente può essere smentita o cancellata dalla rete. 6 Jeff Jarvis offre alcuni spunti interessanti proprio sull allungamento e l evoluzione del ciclo di vita delle notizie nel tempo dei media digitali in: J. Jarvis, The Press Becomes the Press-sphere, Buzzmachine, 14/4/2008, (14/4/2008, 5:37).

4 190 Nomos & Khaos strettamente e in maniera biunivoca con un do ut des reciproco e costante. È venuto meno il giornalista gatekeeper, quello che decideva cosa sarebbe andato in stampa oppure no. Anche in Italia le redazioni giornalistiche si stanno adeguando al nuovo mondo dove, sempre più spesso, sono i lettori a decidere quali sono le notizie rilevanti che devono essere pubblicate sui media tradizionali. Così le redazioni web aggiornano costantemente la pagina on-line del giornale basandosi anche su quello che viene segnalato dalla rete. Viene quindi inserito un giornalista che monitora quali sono le storie che sono state più cliccate sul sito del proprio quotidiano per poterle poi approfondire nella riunione con i capi-redattori. È come se l avvento dei nuovi media stesse contribuendo a invertire il fenomeno dell Agenda setting 7. Così a determinare alcuni dei temi rilevanti nel dibattito di un paese non sono più i giornalisti, ma i navigatori. Oggi il giornalista deve ritornare alle sue radici, quelle della mediazione giornalistica totale in cui è lui in prima persona a verificare la correttezza di ogni tipo di informazione. Un lavoro che non possono permettersi tutti i fruitori della rete, per mancanza di professionalità, di possibilità e di tempo. Anche un blog, condotto con professionalità, può diventare un archivio interattivo e aggiornato, capace di allearsi o di fare concorrenza esso stesso al sistema mediatico del XXI secolo 8. Ne è conferma proprio l acquisizione avvenuta nel febbraio 2011, per 315 milioni di dollari, da parte della società Ic t Ao l, del sito di informazione Huffington Post. L Huffpo, come è più comunemente chiamato in rete, nasce nel 2005, per iniziativa di Arianna Huffington, Kenneth Lerer e Jonah Poretti, come semplice blog di informazione liberale-progressista che presto coinvolge tra i suoi contributori Barack Obama, Robert Redford e Michael Moore. Cresce rapidamente, rafforzando l inclinazione verso il giornalismo investigativo, fino a diventare uno dei blog più consultati e influenti al mondo 9. Il successo è agevolato anche dalla perfetta interazione con i social network, da Facebook a Twitter, passando per Yahoo e Google. Insieme all Huffpo merita una 7 La base scientifica, a lungo studiata, della teoria delle comunicazioni dell Agenda setting rimane sostanzialmente valida. Le nuove modalità di interazione tra media e lettori generano fenomeni complessi che meriterebbero ulteriori analisi sia qualitative, sia quantitative. Cfr. C. Formenti, Ma il cinguettio non nasce in Rete, Corriere Economia, 28/2/ V. Maccari, Tutti alla ricerca dei contenuti: le notizie diventano merce pregiata, Repubblica supplemento Affari e Finanza, 14/2/ In base alle statistiche di Technorati, Huffpo è valutato il blog più influente al mondo. Vedi technorati.com.

5 Parte Evoluzione dell infosfera 191 menzione particolare ProPublica, società newyorkese senza scopo di lucro finanziata con 10 milioni di euro all anno, per almeno tre anni, da Herbert e Marion Sandler. I due miliardari hanno deciso che l America aveva bisogno di inchieste, di vero giornalismo, quel genere che, come scrive Maistrello 10, la crisi economica e le epocali trasformazioni tecnologiche hanno quasi eliminato, o del quale hanno comunque abbassato il livello. La redazione non mira tanto a produrre articoli per il proprio sito, quanto a portare a conoscenza dell opinione pubblica fatti che rimarrebbero nell ombra, magari con la speranza che il servizio possa poi essere utilizzato dai grandi network: giornalismo e inchiesta, notizie e approfondimenti. Esempi, questi ultimi, che dimostrano come la rete non faccia per forza rima con velocità e superficialità. Nel maggio del 2009 il New York Times inserisce all interno della redazione una nuova figura professionale: il social media editor. La riveste Jennifer Preston, reporter di guerra, professore alla Columbia University, da lungo tempo firma del quotidiano americano. È solo il segnale ufficiale che anche le testate più prestigiose e antiche, se vogliono sopravvivere, non devono integrare e confrontarsi costantemente con il nuovo mondo, quello dei social network. Con il tempo e l evoluzione del marketing, i social editor sono già diventati, nel mondo dell Ic t americano che ama le definizioni enfatiche, social evangelist. IL MONDO VIRTUALE DIVENTA REALE La maggior parte degli studi sui social network si sono concentrati sui tassi di crescita esponenziali degli utenti o, al massimo, sulle dinamiche dei flussi nelle relazioni. I dati di una recente ricerca del Pew Research Center 11 ci consentono finalmente di riflettere sull impatto dei social network sulla società e sulle modalità con cui i gruppi si organizzano attraverso le nuove tecnologie. La ricerca è basata su un campione di cittadini statunitensi maggiorenni, questo aspetto lascia supporre che le tendenze ottenute siano ancora più marcate nel caso di bambini in età scolare o adolescenti che sono nativi del web. Dall analisi delle risposte emerge che internet svolge un grande ruolo di facilitatore delle relazioni sociali, amplificando o comunque semplificando la capacità dei cittadini di coalizzarsi su singoli temi o campagne complesse. Mentre solo il 56% della popolazione che non usa la rete partecipa ad attività di gruppi organizzati, 10 S. Maistrello, 2010, op. cit. p L. Rainie, A. Smith, K. Purcell, The social side of the internet, Pew Internet & American Life Project, Pew Research Center Publications, Washington, 18/1/2011.

6 192 Nomos & Khaos questa percentuale aumenta all 80% tra gli utenti di internet. Tale valore raggiunge l 82% tra gli utenti dei social network in generale, e ben l 85% per gli utilizzatori di Twitter. Sono interessanti anche i dati sul tipo di impatto che le nuove tecnologie hanno sul funzionamento stesso dei gruppi. Il 68% degli americani (75% se consideriamo solo gli utenti della rete) ritiene che internet abbia un grande ruolo nel facilitare la comunicazione tra i membri di un gruppo. Il 62% - il 68% tra gli utenti della rete - ritiene che internet aumenti la capacità dei gruppi di catturare l attenzione su un tema specifico. Il ruolo di facilitatore nell organizzazione sociale dei gruppi emerge da altri tre dati: il 53% degli americani on-line con un ruolo attivo all interno dei gruppi ritiene che internet sia fondamentale per mantenersi aggiornati sui temi di interesse e sull attività del gruppo stesso. Questa capacità incide sicuramente sulla velocità con cui un gruppo tecnologicamente savvy può reagire a improvvisi cambiamenti, siano essi proposte di legge, novità del quadro socio-politico, difficoltà di tipo economico o di altra natura. Il 49% ritiene che internet abbia un notevole impatto anche sulla capacità del gruppo di incidere sulle comunità reali. Il 35% ritiene poi che internet aumenti la capacità di invitare amici e di coinvolgerli nelle attività del gruppo, determinando così un effetto volano sul numero di membri e sul loro impatto potenziale nel mondo reale. La maggior parte degli amici, quindi, si coinvolge ancora nella vita off-line e non in rete. Le aggregazioni di individui createsi su internet tornano però attive sul territorio per incidervi direttamente. Nelle rappresentazioni giornalistiche dei fenomeni della rete, si cerca sempre di dare un volto a un gruppo. È difficile narrare un evento senza caratterizzarlo con il nome di un leader. Spesso vengono così individuati e segnalati personaggi non necessariamente rappresentativi 12. Eppure anche la rete ha un ruolo nella individuazione di nuovi leader. E un cittadino su tre crede che internet abbia un forte impatto sulla capacità di un gruppo di individuare i propri leader. Questo è un dato non banale considerando la natura ancora fortemente policentrica, se non addirittura anarchica, del mondo web. La rete ha un ruolo concreto nel raggiungimento degli obiettivi. Infatti il 53% dei membri di gruppi che sono riusciti a far eleggere un loro candidato in qualche posizione pubblica hanno ritenuto internet fondamentale per il raggiungimento di tale scopo. L utilizzo di internet sembra anche assecondare la natura multidimensionale del cittadino moderno. Il 46% delle persone attive nella vita sociale ritiene 12 Esemplare è stata la rincorsa dei media a intervistare i vari blogger che avrebbero guidato in questi mesi le rivolte nel Maghreb. Anche se i blogger citati sono diventati simbolo di un movimento, non per questo ne sono stati i leader. Ogni caso deve essere valutato singolarmente.

7 Parte Evoluzione dell infosfera 193 che la rete li aiuti a essere attive in un numero di gruppi ai quali non parteciperebbe altrimenti. L individuo della rete sembra quindi recuperare quella dimensione sociale smarrita nelle navigazioni solitarie dei primi geek dell era internet. Sono gli utenti più attivi a utilizzare maggiormente le nuove tecnologie della comunicazione, dai semplici ma potenti sms ai blog e ai social network. Le tendenze appena evidenziate tra gli utenti di internet, diventano ancora più rilevanti proprio in quella parte di popolazione che utilizza i social network. Chi è più attivo nei gruppi fa un uso più intenso dei social network. Viceversa, chi è iscritto a un social network è più facile che assuma un ruolo attivo all interno di un gruppo, pubblicando notizie su Facebook o Twitter, invitando nuove persone ad aderire alla propria iniziativa. Aumenta anche la possibilità di aderire a nuove proposte e campagne sociali. Un ultimo dato particolarmente significativo emerge dalla ricerca: i membri di un gruppo attivi su internet si sentono più fieri di se stessi e dichiarano con maggiore frequenza di aver raggiunto i propri obiettivi. Anche questo effetto, che afferisce più alla sfera della psicologia dell individuo, incidendo sul suo senso di realizzazione, autostima e gratificazione, può avere un impatto sociale quando viene riproposto su larga scala. Sembra quasi generarsi una sorta di spinta all innovazione sociale. Se si confrontano questi dati con l analisi del ruolo dei social network in Tunisia ed Egitto, si comprende immediatamente che la portata analitica e predittiva dei risultati ottenuti non sia confinata alla struttura sociale statunitense 13. SOCIAL MEDIA, DEMOCRAZIA E SOFT POWER Il 21 gennaio 2010, Hillary Clinton, Segretario di Stato americano formalizza una nuova linea di confine nell agenda della politica estera americana. Il discorso ha come titolo Internet Freedom 14. Il discorso del 2010 è il manifesto politico-filosofico che detta il cambio di pas- 13 Un tema del genere non può essere lasciato inesplorato dagli studiosi di scienze umane, al fine di verificare come questo tipo di risultati si possa riproporre in strutture sociali organizzate in maniera differente, come in Medio o Estremo Oriente. 14 È interessante notare come il discorso pubblicato sul sito del Dipartimento di Stato (http://www. state.gov/secretary/rm/2010/01/ htm) non sia consultabile solo in lingua inglese, come la maggior parte della documentazione simile, ma anche in arabo, cinese, francese, persiano, russo, spagnolo e urdu. Tutte lingue sicuramente indicative del target che si voleva raggiungere con questo proclama.

8 194 Nomos & Khaos so del soft power americano. Non rappresenta un innovazione nei temi affrontati, cari alla democrazia americana sin dalle presidenze di Bill Clinton e di George W. Bush, ma esprime con chiarezza quanto Obama e il suo staff abbiano deciso di investire sulla rete, eccezionale strumento moderno di soft power, per proiettare la loro influenza democratica sulle semi-democrazie e sulle dittature del mondo. Il bilancio della strategia definita dal presidente, eletto anche grazie all ottima campagna elettorale sui social network, è pieno di luci e ombre. Forse la miglior analisi di questo periodo è presentata da Clay Shirky nel suo saggio The Political Power of Social Media 15. Lo studioso americano può essere definito un tecno-realista, e nella sua analisi dei social media propone sia i successi delle nuove tecnologie della comunicazione, dai cellulari a internet, per promuovere l azione sociale, sia il rischio per chi li utilizza all interno degli stati totalitari. Queste tecnologie di libertà si trasformano, infatti, in un grande fratello terribilmente pervasivo, in grado non solo di monitorare i movimenti sociali, ma di identificare puntualmente tutti gli oppositori 16. Secondo l autore, gli Stati Uniti si sono concentrati troppo sulle tecnologie, pensando che l uso di internet, e lo sviluppo di software per permettere ai dissidenti di informarsi avrebbero di per sé contribuito all introduzione della democrazia negli stati dittatoriali. Shirky, invece, ritiene che lo sforzo maggiore debba essere indirizzato all incentivazione del libero dialogo all interno della società. Perché è solo con la conversazione che aumenta la consapevolezza politica di un popolo. Shirky sottolinea, ad esempio, che il tentativo di un governo totalitario di impedire ad un ampio gruppo non politico di scambiarsi foto di bei gattini, The Cute Cat Theory of Digital Activism di Ethan Zuckerman 17, ha infatti un costo politico, in termini di maggior dissenso interno, e tecnologico molto superiore a quello che comporta identificare e censurare un singolo dissidente. Ed è per questo motivo che conviene investire più risorse nella libertà di espressione interna, anche se su temi apparentemente futili. Gli stati, non solo quelli totalitari, devono decidere tra due opzioni 18 : da un lato possono incentivare il libero utilizzo dei nuovi media per rafforzare lo sviluppo e 15 C. Shirky, The Political Power of Social Media, Foreign Affairs, gennaio-febbraio 2011, vol. 90, n. 1, pp Esemplare è il caso della fallita onda verde iraniana (Green Revolution). I ribelli persiani del 2009 sono riusciti a coordinare le proteste e a diventare famosi nel mondo grazie all uso combinato dei cellulari e, in particolare, del social network Twitter. Proprio questi strumenti tecnologici hanno poi aiutato il regime a identificare e punire i dissidenti. 17 C. Shirky, op.cit., p Shirky cita il cosiddetto dilemma del dittatore, poi adattato e riproposto nel dilemma conservatore (the conservative dilemma) dallo studioso inglese Asa Briggs.

9 Parte Evoluzione dell infosfera 195 l economia del paese, dall altro possono limitarne il più possibile l accesso, bandire internet e l uso dei cellulari, per evitare di perdere il controllo della società. Un trade-off, che coinvolge sia le democrazie sia i regimi dittatoriali, dai costi economici e sociali ampi e difficili da gestire. La stessa Cina è ben consapevole che, quando utilizza la Grande Muraglia tecnologica 19 per bloccare l accesso sicuro a internet tramite Vp n (Virtual Private Network), sta danneggiando uno strumento molto utile allo sviluppo delle sue imprese. Shirky ritiene che gli Usa, nella campagna per la libertà, abbiano sopravvalutato il potere della tecnologia e sottovalutato il ruolo della società. Sottolinea, tra l altro, che l eccessiva enfasi sull uso di internet 20 spinga i regimi dittatoriali a mettere in opera ulteriori strumenti di controllo e censura, considerando la rete non uno strumento universale qual è, ma uno strumento della politica americana. Gli eventi a cavallo tra il 2010 e il 2011, hanno confermato gran parte delle analisi di Shirky, ma al tempo stesso ne hanno completamente scavalcato le previsioni temporali, mostrando che certe evoluzioni sociali possono essere più veloci dei tempi che sono serviti all autore stesso per analizzare la situazione e scrivere l articolo. DAL CASO WIKILEAKS ALLA PRIMAVERA ARABA Proprio il caso Wikileaks 21 rappresenta un esempio eccezionale di come sia cambiata la comunicazione contemporanea ai tempi di internet e dei social media. Anche volendo solamente segnalare alcuni spunti di analisi, emerge chiaramente come Juliane Assange sia riuscito, con una strategia accurata, a utilizzare, con più o meno successo, strumenti fino a pochi anni fa assolutamente sconosciuti. Ad esempio ha costruito un sistema basandosi sul concetto wiki, che prevede una gestione collaborativa e diffusa del servizio. Il sito e i documenti sono stati resi accessibili sfruttando comuni servizi gratuiti basati sul cloud computing, come quelli offerti da Google e Yahoo. Per facilitare gli utenti e velocizzare il download dei file senza far crollare i sistemi di distribuzione, si sono usate modalità di scambio basate sul peer-to-peer. Assange, poi, da artista della rete, proprio perché perfettamente consapevole dei limiti di diffusione delle informazioni su internet, ha deciso di allearsi con i media 19 Nota anche come The Golden Shield Project. 20 Vedi anche E. Morozov, L autogol di Internet Agenda, Il Sole 24 Ore, n.10, 11/1/ Il caso Cablegate, di cui si accenna qui di seguito, è cominciato il 28 novembre 2010, giorno in cui verranno diffusi i primi dispacci riservati della diplomazia americana.

10 196 Nomos & Khaos tradizionali per raggiungere un pubblico più ampio possibile e generare un forte dibattito di ritorno sui blog e sui siti di informazione on-line. Ha creato competizione tra le testate giornalistiche con delle esclusive mirate e ha cercato di limitare l effetto di saturazione dell informazione cercando di rilasciare, con un accurata tempistica, dispacci organizzati per temi e paesi, senza sovraccaricare il singolo canale di informazione nazionale. Un indicatore del successo della strategia comunicativa adottata è l andamento, ad esempio in Italia (si veda Figura ), del numero di volte che la parola Wikileaks è stata cercata sul motore di ricerca su Google. Essa raggiunge picchi di valore molto alti in brevissimo tempo. Figura Ricerche effettuate su Google in Italia (periodo: febbraio 2010 gennaio 2011) relative al termine wikileaks. I dati sono espressi in valori assoluti e sono indicati nel grafico in migliaia. Fonte: elaborazione F. Vitali su dati Google Adwords. La curva di interesse, naturalmente, varia di nazione in nazione, anche in base alla data di rilascio di notizie con un impatto sulla politica interna. Se prendiamo il caso tunisino si notano, dopo il picco comune a tutto il mondo del 29 novembre 2010, dei rialzi tra l 8 e l 11 dicembre L andamento è simile sia per le ricerche effettuate sul motore generico di Google (si veda Figura ) sia nel motore di ricerca dedicato alle sole news on-line (si veda Figura ). Proprio in quei giorni, infatti, saranno pubblicati i gravi giudizi dei diplomatici americani sulla corruzione del governo tunisino e, in particolare, della famiglia dell allora presidente Zine El-Abidine Ben Ali.

11 Parte Evoluzione dell infosfera 197 Figura Rilevazione delle ricerche nel tempo (1/11/ /12/2010) su Google Ricerche del termine wikileaks da parte degli utenti della Tunisia. Fonte: elaborazione F. Vitali su dati Google Adwords. Figura Rilevazione delle ricerche nel tempo (1/11/ /12/2010) su Google News del termine wikileaks da parte degli utenti della Tunisia. Fonte: elaborazione F. Vitali su dati Google Adwords. I valori rappresentati nei grafici delle figure e indicano il numero di ricerche web eseguite con un termine specifico rispetto al numero totale di ricerche effettuate rispettivamente su Google Ricerche (Fig ) e su Google News (Fig ) nello stesso arco di tempo (1/11/ /12/2010). Non rappresentano i valori del volume di ricerca assoluto, in quanto i dati vengono normalizzati e presentati in scala da 0 a 100; ciascun punto sul grafico viene diviso per il punto massimo o per 100. Quando i dati sono insufficienti, viene visualizzato 0. Assange afferma che la pubblicazione di quelle informazioni abbia avuto un ruolo fondamentale nello scatenare la rivolta tunisina che porterà di lì a un mese alla cacciata del regime. Da un punto di vista sociale, probabilmente, il leader di Wikileaks vanta un merito non suo e la rivolta non può essere spiegata semplicemente con questo fattore. La gente scende infatti in strada dieci giorni dopo, quando un giovane commerciante si dà fuoco in seguito alla requisizione della propria merce. La rivolta attecchisce perché le condizioni economiche, politiche e sociali sono allo stremo. Eppure non si può negare che le rivelazioni di Wikileaks, disvelando

12 198 Nomos & Khaos ad ampi settori della società, militari inclusi 22, che un paese come gli Stati Uniti 23 aveva un opinione così negativa della classe governante, siano servite da efficace detonatore 24. Così le popolazioni del Maghreb hanno preso coscienza che non solo è possibile ribellarsi ai dittatori corrotti, ma anche riuscire a cacciarli attraverso un azione di protesta semi-pacifica. Si genera nei paesi del Nord Africa una sorta di effetto a catena incentivato sul terreno da gruppi organizzati tramite i social network. Gruppi che, come Assange prima, sfruttano con professionalità le sinergie con i media tradizionali al fine di avere una copertura nazionale ed internazionale della loro azione. Anche nella primavera araba i social media hanno dimostrato di non essere solo un amplificatore, un megafono, delle voci della rete, ma di porre in essere un vero e proprio effetto di additivo sociale. Come gli additivi nelle reazioni chimiche, i social media contribuiscono a modificare e rafforzare determinati fenomeni sociali, spesso contribuendo a crearne di nuovi. Un altra lezione sul potere della rete ci viene dall Egitto, ed in particolare da Wael Ghonim, manager di Google e probabilmente il leader del movimento di protesta on-line che ha dato l inizio alla rivolta sociale che porterà alla caduta di Hosni Mubarak. Ghonim, oltre ad avere avuto il coraggio di sfidare a viso aperto il regime, usando in particolare Twitter e Facebook per organizzare i movimenti di protesta 25, dalla sua parte aveva la conoscenza. Essendo il marketing manager di Google in Medio Oriente e in Nord Africa aveva, infatti, sicuro accesso a tutti i trend della rete di quei paesi, delle parole più cercate e in più, degli umori della gente. Sono i dati che, grazie alle attuali tecniche di sentiment analysis e di social network analysis, permettono di effettuare indagini molto più precise di una semplice ricerca sociale e sicuramente predittive dell andamento di un fenomeno. 22 Vedere anche le analisi di M. Naìm in Nella rivolta in Nord Africa più decisivi i fucili e le tv di Twitter e Facebook, Il Sole 24 Ore, 27/2/2011, comunque non in contrasto con il ruolo che ha avuto internet nella svolta araba. 23 I francesi, che consideravano la Tunisia sotto la propria area di influenza, stanno ancora indagando se l impatto delle rivelazioni di Wikileaks non siano state casuali, bensì pilotate dallo stesso governo americano. 24 Due degli slogan della protesta erano Pane e acqua ma Ben Ali fuori (Houbz wa maa wa bin ali ala bara), oppure Pane e acqua ma non Ben Ali (Houbz wa maa wa la bin ali), lasciando capire che il solo miglioramento della situazione economica non avrebbe accontentato il popolo. L obiettivo era cacciare il regime. 25 Lo sviluppo di determinati fenomeni su internet non è quasi mai frutto di semplice spontaneità, ma è indirizzato e alimentato da azioni studiate strategicamente. Vedi ad esempio A. Maher, Per rovesciare Hosni studiavamo Belgrado, Il Riformista, 23/2/2011.

13 Parte Evoluzione dell infosfera 199 Lo sanno bene gli analisti che hanno stimato in circa 100 dollari (si veda Figura ) il valore dei dati di ogni singolo utente di Facebook, lo sanno gli investitori di borsa che usano i dati di Twitter per prevedere l andamento del mercato, lo sa la Cia 26 che ha appositamente investito in Facebook, lo sanno i russi che hanno cercato di fare come gli americani. E proprio il vicepremier russo Igor Secin, lo zar dell energia e uno dei più stretti alleati del Premier Vladimir Putin, arriva ad accusare Google e il suo manager egiziano di aver alimentato la rivolta con una manipolazione di energia popolare 27. Figura Valore del profilo degli utenti: calcolato in base alla stima del valore complessivo della società Facebook Social Network Facebook Facebook Facebook Facebook Facebook Quando 01/ / / / / 2007 Valore società (dollari) Utenti data valutazione (circa) $ $ $ $ $ Evento Investimento Goldman Sachs e Dst Investimento Elevation Partner Investimento Dst Investimento Li Ka Shing Investimento Microsoft Valore x utente nell investimento (dollari) Fonti: CrunchBase, Businessinsider, Facebook, Sec, altre. Elaborazione: Repubblica.it Tratto da M. Munafò, Caro utente, quanto vali? Il listino degli account, Repubblica, 08/1/2011. $ 100 $ 57 $ 50 $ 187 $ 300 Una valutazione sull andamento delle rivolte negli altri paesi arabi, dal Bahrein alla Libia, e sul caso Wikileaks si potrà fare con maggiori informazioni solo in futuro. Probabilmente tra un anno potremo rispondere anche alla domanda che l 11 gennaio scorso 28 si ponevano alcuni diplomatici specializzati in new media: a chi ha giovato la diffusione di documenti diplomatici effettuata da Wikileaks? I primi commentatori avevano parlato dei cinesi. Ora, la risposta non appare più così lineare. Forse gli americani non hanno generato volontariamente il flusso ma, sicuramente, anche se qualche volta con imbarazzo, ne hanno assecondato gli effetti sulla politica internazionale. 26 N. Shachtman, Exclusive: Google, Cia Invest in Future of Web Monitoring, Wired, 28/7/ G. White, Russia s Sechin Defends Investment Climate, The Wall Street Journal, 22/2/2011 (www.wsj.com) 28 L incontro WikiLeaks and the Future of Diplomacy si è tenuto a Ginevra l 11 gennaio Vedi anche

14 200 Nomos & Khaos CONCLUSIONI Il 15 febbraio 2011, nel mezzo della primavera araba, Hillary Clinton pronuncia il suo secondo discorso sulla libertà della rete: Internet Rights and Wrongs: Choices & Challenges in a Networked World 29. Il suo intervento è più articolato, meno filosofico rispetto a quello dell anno precedente. Il Segretario di Stato ha consapevolezza del trade-off proposto da esperti come Shirky e Briggs, e afferma: For the United States, the choice is clear. On the spectrum of internet freedom, we place ourselves on the side of openness. Now, we recognize that an open internet comes with challenges. It calls for ground rules to protect against wrongdoing and harm. And internet freedom raises tensions, like all freedoms do. But we believe the benefits far exceed 30. Anche se al suo interno sono citati gli stati arabi, l Iran, la Cina, questa volta sembra essere indirizzato anche ai governi occidentali, a una parte stessa degli americani che considerano necessario porre internet sotto controllo. Le misure adottate per regolare il web si presentano come interventi spesso leciti e perfettamente giustificati dalla lotta al terrorismo, alle violazioni del copyright, alla semplice diffamazione effettuata su blog e social network. Controlli che spesso offrono, però, alle non democrazie, gli strumenti tecnologici e i principi giuridici per giustificare appunto la censura su un blog, l arresto di un pericoloso hacker, lo stesso spegnimento delle reti di comunicazione pubbliche, in caso di attacco informatico 31 portato avanti dal nemico, sia esso interno o esterno. Due giorni dopo il discorso di Hillary Clinton, Barak Obama sarà a cena con i dodici grandi manager dell Ic t americano, da Mark Zuckerberg a Eric Schmidt, da Carol Bartz a Larry Ellison. Forse per parlare di come riorganizzare la NetFreedom Task Force, forse per discutere con loro del futuro del mondo. Sicuramente i russi e i cinesi non resteranno a guardare. 29 Si veda anche Internet Freedom Fact Sheet (http://www.state.gov/r/pa/prs/ps/2011/02/ htm). 30 Per gli Stati Uniti, la scelta è chiara. Sullo spettro della libertà di Internet, ci poniamo dal lato della apertura. Ormai, siamo consapevoli che un Internet aperto comporta delle sfide. Esige delle regole di base per la protezione dai comportamenti scorretti e dal danno. E come tutte le libertà, la libertà di Internet genera tensioni. Ma crediamo che i vantaggi superino di gran lunga le sfide. 31 Una versione geograficamente limitata del cosiddetto Internet Kill Switch, che dovrebbe consentire al presidente Usa di spegnere internet anche per 120 giorni in caso di cyber attacco (Cfr L. Larivera, La militarizzazione del ciberspazio, La Civiltà Cattolica, 2/10/2010, pp ), è stata messa in atto temporaneamente sia da Mubarak in Egitto, sia da altri dittatori in Nord Africa e in Medio Oriente.

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia Milano, Maggio 2011 1 ANALISI DELL INFORMAZIONE ONLINE INDICE Oggi parleremo di: La domanda di informazione online Il

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

Contenuti di un sito web alcune considerazioni

Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti unici, interessanti e di qualità Il principale problema che tutti i siti devono affrontare riguarda l aere contenuti unici, interessanti e di qualità.

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content. Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida

Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content. Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida Analisi dell informazione online Il contesto analizzato 1.

Dettagli

La sicurezza di Internet sei tu

La sicurezza di Internet sei tu La sicurezza di Internet sei tu Modena, 21-10-2011 Michele Colajanni Università di Modena e Reggio Emilia michele.colajanni@unimore.it http://weblab.ing.unimo.it/people/colajanni Le 3 dimensioni + 1 Tecnologie

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura Azienda 2.0 Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi Stefano Ventura 1. Il nuovo scenario social 2. Necessaria strategia 2.0 3. La nostra esperienza 4. La gestione dei rischi 1.

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Dettagli

In quei giorni, su Facebook girava un post con un

In quei giorni, su Facebook girava un post con un P PROFESSIONE Le potenzialità In quei giorni, su Facebook girava un post con un elenco delle 11 cose che Mark Zuckerberg avrebbe potuto acquistare con quella stessa, astronomica, cifra. Avrebbe potuto

Dettagli

IL SUO NOME SEMPRE IN PRIMO PIANO Aderendo ad uno dei nostri prodotti/servizi il suo nome sarà sempre in evidenza e nelle prime posizioni;

IL SUO NOME SEMPRE IN PRIMO PIANO Aderendo ad uno dei nostri prodotti/servizi il suo nome sarà sempre in evidenza e nelle prime posizioni; Internet è ormai universalmente riconosciuto come il nuovo mezzo di comunicazione di massa la cui diffusione cresce in maniera esponenziale giorno dopo giorno. Questa vera e propria rivoluzione della comunicazione

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini Influenza e uso dei social network per il messaggio politico alessandro scartezzini CHI SONO http://www.linkedin.com/pub/alessandro-scartezzini/0/393/721 alessandro@webperformance.it - Dal 2010 fondatore

Dettagli

Internet può aprire nuove strade di

Internet può aprire nuove strade di LA PARTECIPAZIONE VA ON LINE Internet può moltiplicare le possibilità di coinvolgersi nelle cause e di prendere iniziative, ma va usato con intelligenza di Paola Springhetti Internet può aprire nuove strade

Dettagli

Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie. Myriam Sabolla

Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie. Myriam Sabolla Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie Myriam Sabolla Il gusto del Museo 2.0 Forlimpopoli, Casa Artusi - 24 giugno 2013 Piacere Myriam Sabolla Social Media Strategist Social Media &

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Quali liste per la multimedialità

Quali liste per la multimedialità Quali liste per la multimedialità A seguito di slogan che condividiamo del tipo : 1. il confine tra online e offline è caduto. 2. il futuro della comunicazione è multimediale. 3. il direct marketing sarà

Dettagli

marketing highlights Google+ & Google+1 A cura di: dott.ssa Adelia Piazza

marketing highlights Google+ & Google+1 A cura di: dott.ssa Adelia Piazza marketing highlights Google+ & Google+1 A cura di: dott.ssa Adelia Piazza Google+ (Google Plus) è il Social Network firmato Google, lanciato in Italia nel 2011. Google + 1 Dal punto di vista dell utente,

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Il web 2.0 - Definizione

Il web 2.0 - Definizione Web 2.0 e promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - Definizione - E quella parte

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

CHI SIAMO. www.telepaviaweb.tv. La tua finestra televisiva su Pavia e Provincia

CHI SIAMO. www.telepaviaweb.tv. La tua finestra televisiva su Pavia e Provincia CHI SIAMO Telepaviaweb.tv, la prima vetrina televisiva sul mondo della provincia di Pavia che grazie alle potenzialità della rete abbatte limiti e confini dei mezzi di comunicazione tradizionali. Telepaviaweb.tv

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Promuovere Volontassociate attraverso internet

Promuovere Volontassociate attraverso internet Promuovere Volontassociate attraverso internet In occasione della sua edizione, Volontassociate ha pensato a nuove modalità di comunicazione per una promozione ecologica e sostenibile delle feste. Questo

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO 1 INTRODUZIONE I social media sono diventati uno strumento essenziale di comunicazione e marketing e vengono utilizzati da utenti di ogni fascia di età: dai teenager agli

Dettagli

Presentazione. www.e-development.it

Presentazione. www.e-development.it Presentazione Progetto Editoriale è un luogo d incontro e confronto tra manager e imprenditori per creare una nuova cultura d impresa. è una vetrina a disposizione delle imprese per comunicare un progetto,

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

IN TV: la visibilità dei contenuti determina la loro bontà. IN RETE: la bontà dei contenuti determina la loro visibilità.

IN TV: la visibilità dei contenuti determina la loro bontà. IN RETE: la bontà dei contenuti determina la loro visibilità. BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG I contenuti di un BLOG www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc I I I I I I I contenuti contenuti contenuti

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ALLA LARGA DAI PERICOLI A.S. 2013/2014 CON IL PATROCINIO IN COLLABORAZIONE Per l anno scolastico 2013/2014 ANCI Umbria, forte di un esperienza di 5 anni nella divulgazione di

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Università Roma Tre. Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONEMULTIMEDIALE

Università Roma Tre. Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONEMULTIMEDIALE Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONEMULTIMEDIALE Corso Media digitali: Televisione, video, Internet Docente: Enrico Menduni Il Web 2.0 IX lezione Giovedì 24 ottobre

Dettagli

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale?

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? I Social media sono solo una moda Anni per raggiungere 50 milioni di utenti 38 anni 13 anni 3 anni o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? Le reti sociali Una delle ultime possibilità

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Presentazione. Salamone.it di Nair Vanegas Via G. Verdi, 20-10042 Nichelino (TO) Tel. 011 6290976 - Cell. 347 7362958 Sito web: www.salamone.

Presentazione. Salamone.it di Nair Vanegas Via G. Verdi, 20-10042 Nichelino (TO) Tel. 011 6290976 - Cell. 347 7362958 Sito web: www.salamone. Presentazione Il web offre enormi opportunità. Avere una vetrina online con pagine web dedicate per ogni articolo o servizio, può espandere il tuo business in maniera significativa. Hai dei dubbi? Due

Dettagli

Diritti umani e giornalismo partecipativo

Diritti umani e giornalismo partecipativo Corso Diritti Umani e Giornalismo Partecipativo Diritti umani e giornalismo partecipativo La comunicazione umanitaria Corso specialistico rivolto agli studenti del triennio a cura di Il corso si propone

Dettagli

AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete. Assemblea dei Soci Milano, 28 marzo 2015

AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete. Assemblea dei Soci Milano, 28 marzo 2015 AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete Assemblea dei Soci WEB 2.0: nasce la cultura partecipata delle tecnologie digitali Il Web 2.0 è un termine utilizzato per indicare uno stato dell'evoluzione

Dettagli

Indagine sul Cyber-bullismo

Indagine sul Cyber-bullismo Indagine sul Cyber-bullismo Realizzata da O.N.F. Osservatorio Nazionale Federconsumatori sul comportamento dei ragazzi italiani dai 12 ai 17 anni RISULTATI DI SINTESI Più di 8 ragazzi su 10 possiedono

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Casa.it Innovazione e cultura come volano del Real Estate

Casa.it Innovazione e cultura come volano del Real Estate Casa.it Innovazione e cultura come volano del Real Estate Agenda 1. Il World Wide Web: I numeri di Internet 2. Real Estate il sito internet: Il settore dell immobiliare online 3. Internet e real estate

Dettagli

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI La piattaforma, per l anno scolastico 2013/2014, prevede l implementazione dei temi legati al solo rischio sismico. Per gli anni successivi

Dettagli

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS Sia che vogliate un nuovo sito completo e aggiornato secondo i nuovi criteri

Dettagli

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION REPUTAZIONE

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Commercio in Rete. tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia. giuseppe.castiglia@serviceupgrade.it

Commercio in Rete. tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia. giuseppe.castiglia@serviceupgrade.it Commercio in Rete tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia 1 Giuseppe Castiglia Titolare della Upgrade Electronic Service (www.serviceupgrade.net ) (servizi e hardware in tutta Italia grazie all

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

Come creare una pagina Facebook e collegarla al sito mosajco

Come creare una pagina Facebook e collegarla al sito mosajco Come creare una pagina Facebook e collegarla al sito mosajco Cos è una pagina Facebook? E la pagina gratuita dedicata alle attività che Facebook mette a disposizione di chi vuole far conoscere il proprio

Dettagli

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata:

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Predisposto da Don Pierluigi Vignola e Patrizio Pinnarò Introduzione Il turismo religioso in Regione

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

Multiplicity.it. A. Caratteristiche tecniche. B. Caratteristiche generali (in fase di redazione - prima versione generale del progetto)

Multiplicity.it. A. Caratteristiche tecniche. B. Caratteristiche generali (in fase di redazione - prima versione generale del progetto) Multiplicity.it Progetto Multiplicity.it il sito di Multiplicity Per informazioni contattare Maddalena Bregani - Tel. 335 69 43 474 - maddalena.bregani@tiscali.it oppure Iolanda Pensa - Tel. 335 655 36

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Takes care of your business

Takes care of your business Takes care of your business Takes care of your business MiAgenda.it si prende cura degli affari mentre lei cura i suoi pazienti. MiAgenda.it mette a sua disposizione tutti gli strumenti più innovativi

Dettagli

OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence:

OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence: OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence: riguarda il monitoraggio e l analisi di contenuti reperibili da fonti pubbliche, non riservate. L

Dettagli

mainstream,, ottenuta grazie alla diretta e personale conoscenza delle realtà sociali,

mainstream,, ottenuta grazie alla diretta e personale conoscenza delle realtà sociali, Cos è East Journal East Journal è un quotidiano online che da cinque anni informa quotidianamente il pubblico italiano su politica, attualità, economia, sport e cultura e dei paesi dell Europa centro-orientale,

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce, vendere sul web Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce: una definizione Il termine e-commerce indica

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

Il ruolo dei social media nelle primavere/autunni arabi

Il ruolo dei social media nelle primavere/autunni arabi Il ruolo dei social media nelle primavere/autunni arabi Rony Hamaui Università Cattolica di Milano AD Mediofactoring Roma, 12-13 Novembre 2013 Cosa si intende per social media I social media sono un gruppo

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo:

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo: Una storia di successo: Cento Vigne Italia Adattare le nuove strategie di social media marketing a livello globale per avere successo nel settore enologico Cento Vigne Italia ha scoperto il segreto per

Dettagli

LA PIATTAFORMA PER IL PERSONAL BUSINESS

LA PIATTAFORMA PER IL PERSONAL BUSINESS LA PIATTAFORMA PER IL PERSONAL BUSINESS INDICE 1. IL MERCATO ITALIANO - Internet in Italia - Ecommerce in Italia 2. BFC - Mission - La nostra storia 3. SOLDI - SoldiWeb - SoldiFinanza - SoldiPeople - SoldiConsulenza

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli