15/08/2014 Bancaria - N.7/8 - Lug/Ago 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15/08/2014 Bancaria - N.7/8 - Lug/Ago 2014"

Transcript

1 92 Figura Andamento delle emissioni di titoli quotati sul segmento ExtraMot Pro (anno-mese, milioni di euro) a) Comparto tìtoli di diritto estero b) Comparto titoli di diritto italiano Gli high yield bond non possono essere compresi, né valutati, senza tenere conto delle loro interdipendenze con la catena di intermediazione di cui sono una parte. Le private equity finn che strutturano questi interventi, per poi pilotarli come azionisti di controllo 22, hanno come scopo ultimo quello di offrire uno spettro di strumenti ad alto rendimento (bond senior e subordinati, titoli ibridi, azioni) a una diversificata platea di investitori (assicurazioni, fondi pensione, fondi e Exchange Traded Fund obbligazionari, hedge fund specializzati in arbitraggi debt/equity o in debito deteriorato, family office). Gli high yield bond sono parte di una struttura finanziaria gestita in maniera dinamica, per cui il loro rating creditizio poggia non soltanto sulla capacità degli asset dell'impresa di generare cassa, ma anche (e spesso in via prevalente) sulla capacità dell'emittente di rifinanziarli con nuove emissioni di debito o di azioni (talora inserite in offerte pubbliche per la quotazione in borsa, o in operazioni di trasferimento o rimodulazione del controllo societario ancora sul mercato del private equity). Pertanto questi bond hanno tipicamente rimborso unico a scadenza, anziché ammortamento graduale sulla durata dell'operazione. I contratti che regolano queste emissioni riflettono la prassi anglosassone e sono soggetti al diritto delle piazze finanziarie internazionali (come le leggi dello Stato di New York o quelle inglesi). Il mercato internazionale dei capitali offre un continuum di soluzioni di finanziamento all'ingrosso: linee di credito a medio termine, anche in forma di prestiti sindacati, bond a collocamento privato, bond registrati presso le autorità di mercato e collocati su scala domestica o internazionale. La documentazione legale di linee di credito e obbligazioni delle diverse tipologie si conforma a un impianto comune. Dal punto di vista terniinologico abbiamo in un caso loan agreement, e nell'altro indenture, ma le due forme condividono i principali termini contrattuali 23. Una sezione importante è quella delle clausole (covenant o undertaking) che impegnano il debitore 24. Nel debito high yield si applicano covenant più stringenti e complessi rispetto al debito investment grade, dato che l'esiguo buffer patrimoniale non protegge «staticamente» i creditori dalle perdite di valore dell'attivo, e occorre quindi una protezione o fn CO 22 La rivoluzione dei modelli di controllo portata dal private equity è ben evidenziata in Wruck (2008). 23 Le definizioni dei termini utilizzati; le attestazioni del debitore (representation) in merito alla solidità finanziaria dell'azienda, alla validità legale e alla conformità alle norme delle procedure seguite; l'importo dell'operazione; la destinazione e la modalità di utilizzo del finanziamento; la durata e le modalità di rimborso (con eventuali opzioni di estinzione anticipata o di riacquisto); il tasso di interesse e la determinazione del costo per il debitore; il livello di prelazione o subordinazione del debito nella struttura finanziaria del prenditore; eventuali garanzie personali (ad esempio della capogruppo) e reali (per le quali si redige un collateral agreement). Nei bond il contratto regola la rappresentanza legale degli investitori da parte di rappresentanti comuni (trustee) e la delega degli adempimenti a banche agenti e servicer A lato dei contratti relativi a specifici finanziamenti, possono esistere intercreditor agreement o investor agreement che possono integrarne le regole di governance finanziaria e di coordinamento tra le parti coinvolte. 24 Distinguiamo covenant informativi (obblighi di reporting finanziano e di richiesta di rating creditizi), finanziari (rispetto di valori soglia per indici segnaletici della solvibilità aziendale), comportamentali (impegno ad assicurare la continuità del business, stabilità del controllo societario; divieto di compiere

2 «dinamica» mediante il monitoraggio dei risultati finanziari e la disciplina dei comportamenti. Sono altresì rilevanti le definizioni degli eventi di default che determinano la decadenza del beneficio del termine (credit acceleration) 25. Sulla base di un'analisi degli OfFering Memorandum, si è rilevato che i bond di diritto estero quotati all'extramot Pro ricadono, in sette casi su dieci, nel modello di leveraa;ed finance sopra tratteggiato.tra gli azionisti di riferimento delle società emittenti troviamo importanti private equity firm internazionali (Cvc in Cerved, Hg in Teamsystem, Apax in Sisal e Rhino, Trilantic in Gamenet, Pai in Marcolin, Orlando in Cogemat), spesso in partnership con altri operatori del settore (come Bain Capital e Clessidra). Fanno eccezione gli altri tre casi, riguardanti società a controllo familiare (Maccaferri), cooperativo (Manutencoop), o manageriale (Ivs). Si può notare la larga prevalenza di società con forte posizione di mercato oppure operanti in regime di concessione amministrativa (tipicamente nel settore del gioco): si tratta del target tipico della leveraged finance. La presenza di gruppi a controllo familiare o cooperativo, già significativa, dovrebbe in prospettiva aumentare, anche per effetto della convergenza dei loro modelli di finanziamento verso le forme più sofisticate e aperte ai mercati messe a punto dal global private equity. Quasi tutti gli emittenti hanno fatto quotare i bond anche su altri Mtf esteri (5 all'euro Mtf Luxembourg e 4 al Gem- Irish Stock Exchange). Il volume totale per emittente (in milioni di euro) va da un minimo di 50 (Cogemat) a un massimo di 780 (Cerved); la mediana è attorno a 250 milioni. In tutti casi il taglio unitario dei titoli è di 100 mila euro. Le emissioni sono in prevalenza a tasso fisso (esiste una seconda componente a tasso indicizzato all'euribor per Cerved e Rhino, mentre è a tasso variabile tutta l'emissione Cogemat). Il grado di prelazione è senior in tutti i casi, con l'eccezione della componente subordinata presente in Cerved. Anche il pacchetto di security, guarantee e covenant è molto simile nei diversi casi: la security principale è data dal pegno sulle azioni dell'emittente (assente soltanto in Maccaferri); è previsto un sistema di guarantee di grado senior da parte delle società controllate per evitare il rischio di «su- Credito e imprese 93 bordinazione strutturale» della controllante rispetto ai creditori diretti delle prime 26 (unica eccezione Cerved, dove però esiste una componente subordinata a protezione dei senior bond); si applica un insieme articolato di covenant comportamentali, attenuati quando l'emittente rispetta parametri di sostenibilità del debito (più frequentemente valori minimi dell'indice Ebitda/Oneri finanziari e fìssi e valori massimi di Debito consolidato netto/ebitda). La durata è compresa tra 5,5 e 8 anni. Il rimborso è in tutti i casi unico a scadenza, con opzione di rimborso anticipato per l'emittente (a fronte del pagamento di una maggiorazione sul nominale). Il rating è in tutti i casi rilasciato da agenzie internazionali e compreso tra B- e B+ (scala S&P) con l'eccezione di Ivs (BB) e Cogemat (unrated). Due dei maggiori emittenti hanno presentato domanda di ammissione alla quotazione delle loro azioni sul Mta (Sisal nel maggio 2014 e Cerved nel giugno 2014) a seguito di operazioni di offerta pubblica di sottoscrizione e vendita, a conferma del fatto che il rimborso di un high yield bond poggia soprattutto sulla capacità di raccogliere nuovi capitali. Questi bond fanno parte di una classe di attivi destinata a investitori professionali che godono di vantaggi informativi sul valore delle imprese emittenti e sulle mosse dei principali finanziatori, o che sfruttano i cicli della liquidità nel mercato high yield, molto sensibili all'appetito per il rischio degli investitori generalisti che vi entrano ed escono. Il comparto dei titoli di diritto estero dell'extramot Pro è servito a rendere visibile in Italia un pezzo di mercato internazionale che già esisteva, oltre che a garantire l'esenzione da ritenuta fiscale (che peraltro si sarebbe ottenuta comunque per i titoli quotati anche su Mtf di altri paesi Uè). I titoli di questo comparto maggiore non sono propriamente minibond, ma rappresentano un termine di confronto delle operazioni di diritto italiano che trattiamo nel punto seguente. Le emissioni di minibond di diritto italiano. Le 30 emissioni di diritto italiano quotate su ExtraMot Pro fanno capo a 27 società e hanno un controvalore di 190 milioni di euro (in media 7 milioni circa per emittente, da un minimo di 1 milione a un massimo di 25 milioni, con una mediana in- senza autorizzazione atti dannosi per i finanziatori, come cessioni di attività, emissione di nuovo debito, distribuzione di dividendi o di capitale proprio, concessione di garanzie o prelazioni ad altri creditori). 25 II default può scattare per inadempienze del debitore (tipicamente il mancato pagamento di interessi o rimborsi in scadenza), o per altri fatti associati al deterioramento della solvibilità (ad esempio, il cross default su altri debiti o la loro ristrutturazione ); anche la violazione (specie se non sanata) di un covenant finanziario può produrre gli stessi effetti di credrt acceleration di un defautt fattuale. 26 Sulla subordinazione strutturale, e sull'efficacia delle garanzie delle controllate, si rinvia a Ganguin e Bilardello (2004), cap. 8.

3 94 torno a 4,5 milioni). Per quanto i volumi raccolti siano piccoli rispetto al comparto high yield visto prima, il sottoinsieme domestico presenta una varietà molto interessante di forme contrattuali e di modelli di finanziamento, che abbiamo analizzato sulla base dei documenti di ammissione 27 alla quotazione e che commentiamo qui di seguito. Soltanto un emittente (Ett) ha offerto titoli di durata inferiore all'anno qualificati come cambiali finanziarie. Altre 10 emissioni hanno durata compresa tra 1 e 3 anni, mentre le restanti 18 vanno da 4 a 7 anni. Le emittenti sono Spa con l'eccezione di una cooperativa di 2 grado (Filca) e due Sri (Sudcommerci e Rsm). Sono molti i settori di attività rappresentati: accanto al manifatturiero ed estrattivo, troviamo le costruzioni (residenziali, commerciali e infrastrutturali), l'immobiliare, i trasporti, la distribuzione, l'alberghiero, il gioco pubblico, i servizi informatici, professionali e ambientali. Si nota la presenza di intermediari finanziari di due tipi: investment company (Finanziaria Internazionale e Meridie) e società indipendenti di credito al consumo (Dynamica retail, Ifir e Fide) 28. Cinque società emittenti hanno azioni quotate nella Borsa Italiana, quattro al Mta (una al Miv e tre allo Star), e una ali'aim. Altre tre partecipano al progetto Élite di Borsa Italiana in vista di una futura quotazione anche dei titoli di capitale. Per 6 emittenti è presente un rating emesso da agenzie italiane: per 5 di questi è un rating solicited che varia da B ad A (tradotto sulla scala S&P), l'altro è un rating unsolicited non pubblicato. La cedola è di regola fissa (fanno eccezione due casi) e va da un minimo del 3% a un massimo del 10%; la media è 6,6%. C'è una sola emissione convertibile in azioni (Sgg Holding). Il taglio unitario non è uniforme come nel comparto high yield, ma varia da un minimo di euro (per 4 emittenti) a un massimo pari all'intera emissione (per 3 emittenti).tra questi estremi troviamo tagli di 20mila euro (2 emittenti), 50mila euro (10 emittenti) e loomila euro (9 emittenti). I covenant sono più differenziati rispetto al comparto estero. Undici emittenti non li prevedono. I covenant comportamentali, laddove inseriti, hanno formulazioni più o meno articolate; per i titoli di 12 emittenti il delisting del titolo 28 Questi intermediari finanziari, già iscritti all'elenco generale ex art. IO6Tub, e in attesa di iscrizione al nuovo Albo ex art. 106 novellato dal d.lgs. 13 agosto 20120, n. 141, erano soggette, in quanto Spa non assimilate alle banche, ai lidall'extramot Pro determina il rimborso anticipato del prestito, alla stregua di un evento di default. I covenant finanziari, laddove previsti, sono simili a quelli in uso nei prestiti a medio termine 2 '. Di solito i titoli non sono assistiti da garanzie reali, con l'eccezione di due emissioni legate a progetti o attività immobiliari, coperte da ipoteche. Inoltre, a differenza di quanto si osserva nelle indenture di diritto estero, non sono mai concesse garanzie fideiussorie da società controllate,.inche quando l'emittente è una holding non operativa. Il comparto domestico dell'extramot Pro è ancora in una fase pionieristica. Si tratta di un mercato nuovo che ha raccolto la sfida del downsizing di operazioni concepite per tagli unitari più consistenti, dimostrando la capacità di attrarre un numero significativo di emittenti. I casi d'uso tipici dei minibond:un tentativo di classificazione. Nonostante che il controvalore delle emissioni sia contenuto, le caratteristiche tecniche presentano una casistica piuttosto variegata, ma certo non esaustiva, né rappresentativa del mix di mercato potenziale. Senza scendere in un'analisi puntuale delle singole operazioni, cerchiamo di trame spunto per classificare dei casi d'uso, utili per prospettare le linee di evoluzione futura del mercato. Consideriamo tre casi d'uso stilizzati: a. emittenti di qualità media o alta che finanziano progetti di sviluppo aziendale capaci di generare flussi di cassa addizionali; si tratta del caso di scuola del credito industriale a medio termine, nel quale si applica l'ammortamento graduale del debito; in questo caso il minibond è un diretto sostituto di un finanziamento bancario a medio termine, con un rating legato alla capacità di coprire il servizio del debito con flussi di cassa stabili e capienti; b. emittenti che vedono nel minibond il primo passo, o il primo ingrediente, di una strategia di accesso al mercato dei capitali che prevede anche l'ingresso nell'azionariato di soggetti esterni (operatori di private equity o fondi specializzati); tale strategia, resa necessaria da ambiziosi piani di crescita, specialmente sui mercati esteri, presenta delle analogie con le operazioni di leveraged finance; pertanto, la sostenibilità del rimborso dipende non soltanto o 00 hi 27 I documenti di ammissione, redatti in italiano (con l'unica eccezione diterni Energia), sono variamente estesi e accurati nelle sezioni dedicate alla società emittente. Nel complesso se ne traggono informazioni utili, specialmente nella sezione che rappresenta i fattori di rischio per l'investitore al momento dell'emissione. Ad esempio, i dati sulla posizione debitoria dell'emittente sono molto più dettagliati di quelli reperibili nella nota integrativa al bilancio d'esercizio. miti civilistici sull'emissione di obbligazioni. Con la quotazione su ExtraMot Pro hanno la possibilità di emettere titoli esenti da ritenuta oltre tale limite- sopperendo così alla difficoltà di ottenere finanziamenti presso le banche. 29 I covenant in questione sono riferiti a indici di copertura degli interessi (2 emittenti), di debito netto su Ebitda (5 emittenti), debito lordo su Ebitda (2 emittenti) e debito netto su capitale proprio (4 emittenti); in tre casi limitano la quota di utili distribuita. La violazione di covenant finanziari fa scattare in tre casi un aumento del tasso nominale; se ripetuta, determina il rimborso anticipato tranne un caso in cui blocca soltanto il ricorso a nuovo debito.

4 dalla generazione di cassa dal business (che pure conserva un peso determinante), ma anche da fonti straordinarie o finanziarie, come la cessione di attività o la sostituzione del debito in scadenza con nuova finanza esterna (nuovo debito, private equity o Ipo per la quotazione delle azioni in borsa); e. emittenti che utilizzano i bond come veste nuova di un pacchetto di finanziamento tradizionale, alimentato da fondi apportati dai proprietari e dalle banche; in questo caso gli investitori sono una o più banche di riferimento, che si presume valutino la solvibilità dell'emittente con i tipici canoni creditizi applicati a un'impresa a controllo familiare che intrattiene una relazione consolidata con la banca. Nel caso a., un minibond può attrarre gli investitori che sanno valutare piani industriali e finanziari per aree di affari ben delimitate. Fino allo scoppio della crisi, le banche finanziavano direttamente questo tipo dì progetti (così come altri progetti di natura più speculativa) per importi anche elevati. Nella situazione attuale, il rischio di razionamento non risparmia queste iniziative virtuose. Il mercato dei minibond potrebbe contribuire a superarlo grazie all'attrazione di investitori specializzati in sostituzione o in affiancamento alle banche. I covenant dì questi finanziamenti dovrebbero essere tecnicamente semplici: l'investitore vorrà tutelare l'integrità e la capacità di reddito delle attività finanziate (lo farà vincolando il trasferimento della proprietà e del controllo), e prevenire l'aumento indesiderato del grado di indebitamento (con covenant finanziari legati a indici di leva o copertura degli oneri finanziari). Bond di questo tipo dovrebbero solitamente nascere per iniziativa di una banca (che funge da arranger e sottoscrittore a fermo dell'emissione), ed essere poi collocati in parte consistente presso investitori non bancari; in casi del genere, la funzione di screening del rischio da parte dell'originator sarà cruciale, e si porrà l'esigenza di incentivarla con clausole appropriate di risk sharing 30. Operazioni di questa natura si prestano a essere aggregate in pool di rischio che non devono essere troppo concentrati, né troppo frazionati; il numero ideale di operazioni è nel- Credito e imprese 95 l'ordine delle poche decine, in modo da consentire un'adeguata valutazione di ogni singolo finanziamento da parte della banca originatrice e del fondo. Non si possono qui applicare le tecniche assicurative delle cartolarizzazioni di prestiti a privati, efficaci per grandi numeri e piccoli importi che qui non si rilevano. Questo caso sembra quello ideale per attrarre verso il mercato dei minibond una varietà di investitori consapevoli e ben equipaggiati, che svolgono ruoli diversi e complementari. All'interno di ExtraMot Pro, ricadono in questa categoria le operazioni in cui intervengono credit fund dedicati in partnership con banche a vocazione interregionale: è il caso di Imi Fabi 31 e Tesmec 32. Nell'intento delle banche promotrici, questo tipo di operazioni dovrebbe assicurare un canale di funding stabile per finanziamenti a medio termine di taglia tra i 5 e i 15 milioni rivolti a imprese sane e dinamiche. Questa filiera può essere un'alternativa interessante alla provvista bancaria a medio termine, per quanto possa comportare una risk retention in capo alla banca erogatrice difficile da valutare e da gestire. Nel caso b., è più netta la distanza dal circuito di intermediazione creditizia. Il protagonista del ricorso ai minibond, ovvero il soggetto che guida l'emissione, la quotazione (in senso lato) e ne sottoscrive una parte consistente, è un operatore di private equity (finanziaria di investimento o fondo chiuso). A differenza del caso tipico di leveraged finance, qui gli investitori esterni non assumono il controllo dell'emittente, che resta nelle mani dell'imprenditore, ma intervengono sottoscrivendo un'ampia quota dell'emissione di bond insieme con una partecipazione azionaria di minoranza, magari differita al futuro. I titoli di debito sono quindi parte di una strategia finanziaria complessa, giocata anche sulla componente azionaria. Di conseguenza, il contratto di debito obbligazionario non è più (come accadeva nel caso precedente) «autosufficiente», poiché è concepito in simbiosi con il contestuale intervento sul capitale di rischio: l'investitore si accontenterà di covenant più leggeri sul bond, spostando le leve di governo finanziario, e le attese di extra-rendimento, sull'apporto di equity. Come nel caso a., anche in questo i minibond potrebbero essere collocati 30 Un esempio di accordo di risk sharing è quello del fondo Berica Sme (v. nota 32). 31 In Imi Fabi è intervenuta Anthilia Sgr, con il Fondo Anthilia Bit-Bond Impresa Territorio, sponsorizzato da Banca Popolare dell'emilia Romagna, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio, Credito Valtellinese, Banca Carige, Banca Carim, Banca dell'etruria (v. il sito 32Tesmec è la prima operazione inserita nel Lyxor Berica Sme Strategy, credit fund gestito da una Sgr del gruppo Societé General in partnership con la Banca Popolare di Vicenza. Questa strategia si caratterizza per un originale modello originate-to-share che prevede la stabile condivisione del rischio da parte della banca originator: in concreto la banca arranger partecipa al rischio con una partecipazione all'investimento, e inoltre con accordi che garantiscono al terzo investitore un recovery rate minimo del 15% in caso di default in cambio della partecipazione prò quota della banca ai recuperi eccedenti tale minimo.

5 96 presso fondi specializzati vicini al comparto degli «investimenti alternativi» e del private equity. Come esempio di questa tipologia possiamo portare le emissione Iacobucci (dove partecipa Idea Capital Partners) e Gpi (con la partecipazione del Fondo Ict di Orizzonte Sgr) 33. Il caso e. configura un utilizzo dei minibond sostitutivo di un prestito sindacato altrimenti originato con un club deal tra un gruppo ristretto di banche. L'operazione potrebbe anche nascere «privata», avendo però in vista la successiva cessione sul mercato. Il successo di queste offerte si riscontrerà nella risposta degli investitori, che dovranno dare fiducia a un'operazione originata da un gruppo ristretto di finanziatori vicini all'emittente. Sulla base dell'informativa pubblica non possiamo indicare con certezza emissioni riconducibili a questa tipologia, che pare raccogliere un certo interesse presso alcune banche locali. Qualora operazioni di questo genere non ottenessero il gradimento di investitori terzi, il minibond si configurerebbe come una replica, più complessa e costosa, di un prestito sindacato. 5. Conclusioni Con i decreti in materia di minibond, i policy maker hanno inteso creare un segmento nuovo nei mercati finanziari, capace di collegare in modo efficiente e sicuro l'offerta di capitali con i fabbisogni finanziari delle imprese. Per far questo, hanno rimosso i limiti che prima ostacolavano l'uso improprio dei titoli di debito delle società. Nel disegno riformatore la disciplina del mercato, affidata agli investitori professionali, agli intermediari, agli advisor e ai gestori dei sistemi di negoziazione, sostituisce la disciplina della legge. Il quadro normativo così rinnovato ha aperto degli spazi. Tuttavia, agire in senso permissivo non basta: spetta agli operatori completare il mercato, mettendo a punto le best practice, i servizi di assistenza all'emissione e alla successiva negoziazione, le nuove forme di raccolta di capitali e di gestione dei portafogli. La risposta del mercato è stata incoraggiante: con 44 emissioni di 37 società quotate su ExtraMot Pro, il mercato italiano dei minibond è diventato in pochi mesi uno dei più importanti a livello europeo 34.1 volumi mobilitati verso il finanziamento di Pmi e Mid-corporate sono però ancora esigui. Molte sono le istanze che convergono sul nuovo segmento dei minibond: le imprese cercano una fonte di capitale non troppo onerosa; gli investitori si aspettano un rendimento attraente e leve di trasferimento e smobilizzo del rischio; gli intermediari e i consulenti sollecitano un flusso di operazioni e di correlati ricavi da servizi e da trading. Così come è nato, il mercato da solo non è in grado di conciliare le istanze che si incontrano al suo interno. Ci si può attendere che l'intervento di sponsor pubblici (credit fund pubblico-privati e fondi pubblici di garanzia) svolgerà un ruolo trainante per assorbire le emissioni di minbond da parte di imprese dinamiche, garantendo a queste un costo di finanziamento più vicino ai tassi della miglior clientela bancaria, piuttosto che ai rendimenti degli high yield bond. Forme di aiuto pubblico sono giustificate nella fase di decollo del mercato. E importante che non diventino un sussidio strutturale a un modello di intermediazione gravato da rischi o costi eccessivi per la taglia delle operazioni. Come emerge dall'analisi dei casi d'uso più promettenti, il mercato dei minibond domestici riserva alle banche un ruolo importante, in partnership con nuove figure di intermediari (tipicamente credit fund specializzati). Tuttavia, i minibond non possono essere visti come una panacea, ma soltanto uno degli strumenti a disposizione per combattere il credit crunch. Non costituiscono un mercato isolato e autosufficiente (non a caso se ne è evidenziata la complementarità rispetto al private equity). Sono destinati a un target di aziende non troppo piccole e soprattutto attrezzate per gestirli. In tutti gli altri casi i necessari capitali aggiuntivi potranno essere forniti con altre forme, come ad esempio i prestiti cartolarizzati mediante asset-backed securities 35. La priorità, politica e tecnica, è una sola: incoraggiare il processo di apprendimento che deve coinvolgere gli intermediari (in particolare le banche), gli investitori, e soprattutto le imprese che domandano capitali. Soltanto così il mercato dei minibond, di cui abbiamo analizzato l'avvio promettente, potrà crescere e affermarsi come una realtà consolidata. o È importante evidenziare che le emissioni analizzate presentano talvolta caratteristiche intermedie tra i casi (a) e (b); ad esempio, nel programma di origination del fondo Berica Sme sono previsti incentivi alla quotazione in borsa delle imprese finanziate. 34 Si veda Aidea-Crif (2013). 35 La Banca Centrale Europea intende lanciare un programma di acquisto di Sme-Abs per trasmettere più efficacemente gli stimoli espansivi all'economia reale; cfr Ecb e Boe (2014). ì

6 Bibliografia Aidea-Crif (2013), / mercati delle passività delle Pmi. Rapporto di sintesi, Antczak S.J., Lucas D.J., Fabozzi F.J. (2009), Leveraged Finance:Concepts, Methods, andtrading of High-Yield Bonds, Loans, and Dehvatives,Wiley. Banca d'italia (2014), Considerazioni finali del Governotore,Assemblea Ordinaria dei Partecipanti, 30 maggio, Roma. European Central Bank - Bank of England (2014), The Impaired u Securitisation Market Causes, Roadblocks and How to Dea! with Them, I I aprile, O.pdf. European Commission (2013), Smes'Access to Finance Survey.Analytical Report, 14 November, Credito e imprese 97 Ganguin B., Bilardello J. (2004), Fundamentals of Corporate Credit Analysis, McGraw-Hill. Kaplan S. (2009), «The Future of Private Equity», in Journal of Applied Corporate Finance, voi. 21, n. 3, pp Klein N. (2014), Small and Medium Size Enterprises, Credit Supply Shocks, and Economie Recovery in Europe, Imf Working Paper, European Department, June. Maxwell W.I., Shenkman M. (20 IO),Leveraged Financial Markets:A Comprehensive Guide to Loans, Bonds, and Other Hign-Yield Instruments, McGraw-Hill. Oecd (2009), The Impact ofthe Global Crisis on Sme and Entrepreneurship Financing and Policy Responses, Centre for Entrepreneurship, Smes and Locai Development, pdf. Wruck K.H. (2008), «Private Equity, Corporate Governance, and thè Reinvention of thè Market for Corporate Contrai», in Journal of Applied Corporate Finance, voi. 20, n. 3, pp

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese Riflessi ed opportunità per il dottore commercialista MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio In collaborazione con Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting. 1. Il

Dettagli

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane www.fabfinance.eu Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento (valori percentuali)*

Dettagli

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO La disciplina civilistica e fiscale delle cambiali finanziarie, delle obbligazioni e dei titoli similari è stata oggetto di importanti modifiche, introdotte

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese.

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Giorgio De Donno - Banca Sella Napoli, 15 luglio 2014 1 Agenda 1. Il contesto 2. Strumenti alternativi di credito 3. Il ruolo delle banche 2 1 IL CONTESTO

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO (CASTELFIORENTINO FIRENZE) SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede legale: Piazza Giovanni XXIII, 6 50051 Castelfiorentino (FI) - Codice ABI 08425.1 - Iscritta all

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Iscritta

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Accesso al mercato dei

Accesso al mercato dei Obbligazioni e Cambiali Finanziarie Le novità introdotte dall art. 32 del D.L. 83/2012 Accesso al mercato dei capitali per le PMI italiane Ing. Mario Salvestroni Presidente Confindustria Grosseto Fonte:

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA S. C. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Per il Prestito Obbligazionario BANCA POPOLARE DELL EMILIA

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1)

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Il mercato EXTRAMOT-PRO Il ruolo del professionista DOTT. PIERLUIGI RIELLO SOMMARIO LE DIMENSIONI

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014 ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca San Giorgio Quinto Valle Agno - Società Cooperativa Sede sociale in Via Perlena, 78-36030 Fara Vicentino (VI) Iscritta

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

VIVERACQUA HYDROBOND

VIVERACQUA HYDROBOND VIVERACQUA HYDROBOND Premessa 2 La seguente presentazione illustra l'operazione di finanziamento Viveracqua Hydrobond (l "Operazione") realizzata per società operanti nel settore idrico integrato ("SII")

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VIGNOLE SOCIETA' COOPERATIVA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VIGNOLE SOCIETA' COOPERATIVA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VIGNOLE SOCIETA' COOPERATIVA Sede sociale: Via IV Novembre 108, 51038 Vignole di Quarrata (PT) Iscrizione Albo delle Banche al n. 3348.00 Iscritta all'albo Cooperative n.

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO FISSO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO FISSO 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero n. 7 Telefono 0172/651111

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa con sede legale in Baselga di Piné (TN), via Cesare Battisti n. 17. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND 17 marzo 2016 Domande.. Cosa si intende per minibond? Sono obbligazioni corporate o strumenti di debito a medio-lungo termine; consentono alle

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. STEP UP/STEP DOWN

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. STEP UP/STEP DOWN 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero

Dettagli

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI Venerdì, 16 Gennaio Altavilla Vicentina Centro Congressi Fondazione CUOA Villa Valmarana Morosini Esempio

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Obbligazioni Obbligazioni Step Up 23.04.2010-23.04.2015 IT0004598113

Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Obbligazioni Obbligazioni Step Up 23.04.2010-23.04.2015 IT0004598113 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Obbligazioni Obbligazioni Step Up 23.04.2010-23.04.2015 IT0004598113 Il presente documento redatto in

Dettagli

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Ministero dello Sviluppo economico I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 4 marzo 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative

Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative Stretta creditizia e nuova finanza per le cooperative Bologna, 3 Ottobre 2013 Mauro Gori Resp. economico-finanziario Legacoop Il credito alle imprese 2 Il credito si sta contraendo a ritmi sostanzialmente

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE Alla NOTA INFORMATIVA Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Bcc Signa 12/02/2010 12/02/2017 3,50% 106 emissione Isin

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM. 155^ EMISSIONE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A.

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

1. FATTORI DI RISCHIO

1. FATTORI DI RISCHIO BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP UP Banca di Cesena 24/01/2011-24/01/2016 Step Up

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli