Hod Benessere n 61 - Gennaio Anno XIV - Periodico - Diffusione gratuita. Cuccioli... e non solo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Hod Benessere n 61 - Gennaio 2011 - Anno XIV - Periodico - Diffusione gratuita. Cuccioli... e non solo"

Transcript

1 Hod Benessere n 61 - Gennaio Anno XIV - Periodico - Diffusione gratuita Cuccioli e non solo

2

3

4 I Prodotti invernali della Dott.ssa Cagnola vi protegge dall inverno Dott. C.Cagnola s.r.l. Unipersonale Prodotti dalla Natura Via A. Vannucci, Milano Tel Fax

5 Prevenire e aiutare nelle malattie da raffreddamento a cura della Dott.ssa Cagnola 6 Nuovi codici dell amore tra mamma e bambino di Dott.ssa Chiara Sozzi 8 Un cucciolo per crescere Intervista ad Alberto Volpi a cura di Marina Robbiani 12 Un filo d amore di Patrizia Ceccarani 16 Chi ben comincia... di Enza Bettelli 18 Le Vitamine a zero calorie di Dr. Mauro Mario Mariani a cura di Georgia Luni 20 Applicazioni Sperimentali delle cellule staminali del cordone ombelicale di Dr. Alessio Trevisani e Prof. Paolo Fiorina 22 Rinforzo delle Difese Immunitarie Le diverse strategie farmacologiche di Dr. Antonello Arrighi 26 Sangre de Drago di Dott.ssa Ilaria Pretto 28 Cacao Meravigliao di Dr. Paolo Tedaldi e di Stefano Reina 30 Irresistibile cioccolato di Enza Bettelli 32 Come è nato un fermento lattico buono anche per i bambini a cura di Efflora 34 Andar per sagre di Marina Cioccoloni 36 Implantologia evoluta anche per casi difficili 38 Le spezie a cura di Noi Direttore Responsabile: Marina Robbiani Consulenti Scientifici: Dott.ssa Cagnola, Dr. Edoardo Felisi Consulente Editoriale: Dott.ssa Raffaella Ferrari Grafica: Marco Nava Pubblicità: Edizioni Alice Viale Col di Lana, Milano Tel Stampa: LOGOS s.r.l., via Liguria 2/4, Peschiera Distribuzione: Viprof srl Viale della Tecnica Vicenza Tel Reg.Trib. Milano n 305 del A questo numero hanno collaborato: Antonello Arrighi, Enza Bettelli, Clementina Cagnola, Patrizia Ceccarani, Marina Cioccoloni, Efflora, Paolo Fiorina, Georgia Luni, Mauro Mario Mariani, Noi Due, Ilaria Pretto, Stefano Reina, Chiara Sozzi, Giuseppe Tavola, Paolo Tedaldi, Alessio Trevisani, Alberto Volpi. In copertina: Illustrazione di Martin Leman Vuoi ricevere HOD a casa? Abbonati! Abbonarsi per tutto l anno (5 numeri) costa 25 euro. Per abbonarsi: tel

6 A SCUOLA DALL ERBORISTA 6 Prevenire e aiutare nelle malattie da raffreddamento Dott.ssa Cagnola A ssieme alle gioie che ci porta con le feste, i doni, la neve la stagione fredda può provocare qualche disturbo fastidioso quali il raffreddore, il mal di gola o il mal d orecchi. Possono comparire brividi, febbre e dolori diffusi: campanelli d allarme per un eventuale stato influenzale o un forte raffreddore da non curare con antibiotici perché di origine virale e non batterica. Causato da oltre 200 virus diversi, il raffreddore deve infatti fare il suo corso, non c'è modo di curarlo, si può solo alleviarne i sintomi. E la migliore cura è quella di rimanere al caldo e utilizzare piante diaforetiche (cha abbassano la temperatura corporea) come il Sambuco, il Tiglio, lo Zenzero... Ad esempio, se dopo una giornata in cui avete preso molto freddo vi sentite stanchi e iniziate a battere i denti, vi consiglio questa tisana che racchiude in sé alcune piante che agiscono in modo sinergico per contrastare eventuali insorgenze di stati influenzali: Tisana del freddo Echinacea radice tt. g 40 Sambuco fiori g 30 Tiglio fiori e brattee tt g 20 Menta piperita foglie g 10 La tisana si prepara per decozione mettendo a bollire un cucchiaio di miscela in una tazza d acqua per 15 minuti e poi filtrando. Si sorseggia tiepida la sera prima di coricarsi perché ha un leggero effetto soporifero. Perché è così prezioso il sambuco? Nella medicina popolare il sambuco è utilizzato in ogni sua parte. Oggi invece si usano solo i fiori e i frutti della varietà Sambucus nigra. I fiori, utili per l azione sudorifera nelle febbri e per quella anticatarrale nelle bronchiti e nelle tossi, sono anche diuretici, leggermente lassativi e antinfiammatori. I frutti invece sono indicati come depurativi, antinevralgici e ristoratori dei polmoni. Nei casi di raffreddore, congestione e stati infiammatori si può assumere un infuso fatto con i fiori di sambuco: Prendete 3-5 g di fiori essiccati e lasciateli in infusione in 200 ml di acqua bollente per minuti. Bevete 2-3 volte al giorno. Oppure si può assumere il succo ricavato dai frutti di sambuco: Mescolate 1-2 cucchiai di succo in mezzo bicchiere d acqua tiepida 2-3 volte al dì per le forme da raffreddamento. E 2-3 cucchiai di succo 2 volte al giorno in caso di stitichezza occasionale.

7 Un rimedio prezioso da utilizzare in cucina è lo zenzero Ricca di componenti aromatici, la radice di zenzero è un ottimo rimedio naturale per curare le infiammazioni dei canali nasali e, quindi, il raffreddore. Si usa fresca o essiccata, a fettine oppure tritata e si può aggiungere alle minestre, ai piatti di riso, al pesce, alle frittate, ai dolci e ai biscotti. L importanza della convalescenza Quando un influenza o un forte raffreddamento è appena terminato, bisognerebbe dare modo all organismo di riprendere completamente le forze. Una volta, scesa la febbre e terminata la fase acuta della malattia, la convalescenza era pratica comune. Il medico prescriveva sempre un periodo di riposo a casa, al caldo e senza compiere sforzi fisici e mentali troppo stancanti. Questo periodo di riposo era fondamentale per ritornare in forze e permettere all organismo di ristabilirsi per evitare di incorrere in ricadute. Oggi, con i ritmi della vita moderna questa pratica fondamentale si è andata via via perdendo, e molto spesso ci sottoponiamo ad accumuli di stanchezza senza permettere all organismo di riprendersi del tutto. Come aiutarlo a rimettersi in forma? In questo caso vi consiglio l aiuto di alcune piante come l Ortica e l Avena che hanno proprietà rinforzante e tonica. Una buona abitudine è bere il succo d ortica. L ortica ha effetto rimineralizzante e antiastenico (contro la stanchezza): 1 cucchiaio di succo di ortica in acqua 3 volte al dì per giorni Anche l avena aiuta a rilassare e a recuperare le forze. La si può assumere come latte; come fiocchi o cereale durante i pasti per almeno 15 giorni dopo lo stato influenzale. Latte di Calamina Crema fluida idratante, dermoprotettiva, lenitiva e riepitelizzante. Per la cura della pelle di mamma e bambino. Il latte di Calamina è una crema fluida a base di Olio di Macadamia, Colostro e Calamina (minerale composto da ossido di Zinco e ossido ferrico). L olio di Macadamia contiene acido Palmitoleico, un acido essenziale che si trova nel sebo, ha affinità naturale con la cute ed è molto emolliente. Il Colostro è un riepitelizzante naturale. La Calamina è un composto lenitivo e calmante negli arrossamenti. Queste preziose sostanze naturali sono utili per lenire, proteggere e restituire integrità e morbidezza alla pelle irritata da scottature, punture di insetti, eritemi solari, arrossamenti. Inoltre La Calamina è indicata per la pelle sensibile e delicata, in particolare per quella dei bambini e può essere utilizzata per dare sollievo nelle malattie esantematiche come varicella e morbillo... Consigli d uso: Distribuite una minima quantità di prodotto sulle parti interessate con lieve massaggio. Flacone da 125 ml Vuoi intervenire o approfondire l argomento di questo articolo? Vieni sul nuovo sito e lasciaci un tuo commento. Per saperne di più: 7

8 8 Jan Saudek, Il primo bacio al fratellino (part.), CODICI D AMORE Nuovi codici dell amore tra mamma e bambino DR.SSA CHIARA SOZZI Perché i bambini cercano il contatto C è un evento a cui madri e padri dei neonati non sono preparati: il bambino, una volta fuori del corpo della madre, spesso piange, a lungo, con intensità. Il suo pianto è un messaggio totale, viscerale, che tocca profondamente, e inquieta fino a sconvolgere. Un quarto d ora di quel pianto è sufficiente a far scomparire la poesia della maternità. Il senso di tenerezza protettiva lascia spazio all agitazione, o all angoscia. Non è il solo modo in cui il neonato comunica. Da subito presenta segnali comunicativi di base: la reattività corporea - giocata attraverso rilassamento o irrigidimento, raccoglimento o torsione - il movimento delle labbra e la direzione dello sguardo, oltre che suoni, sbuffi, mugolii, comuni peraltro a quelli dei nostri animali domestici. Questi segni espressivi sono decodificabili per chi sa coglierli. Sarebbe utile offrire ai futuri genitori lezioni teoriche e pratiche di sintonizzazione intersoggettiva, portandoli a leggere questi segnali intenzionali minimi (possiamo esercitarci con un gatto, o un cane), che solitamente precedono la manifestazione del pianto. Ma questo ancora non avviene, e l espressione quasi unica che riconosciamo è il pianto. C è molta differenza tra i suoni ovattati del battito del cuore del bambino, che si ascoltano con stupore durante le visite ostetriche, e l intensità di decibel che i bambini emettono piangendo. Tutte le neo madri con cui lavoro arrivano a dichiarare - prima o poi - che erano preparate a tutto, anche alle notti insonni, ma non al disagio provocato dal pianto del bambino nei primi mesi di vita. Il pianto provoca una reazione particolarmente intensa nelle persone adulte. La madre, il padre, e anche gli estranei sentono il desiderio immediato di fare qualcosa perché il pianto finisca qualsiasi cosa, purché smetta. (C. Gonzales, Besame mucho) Quando sentiamo il pianto di un neonato si attiva in noi una sensazione di urgenza di intervento. Viene da una codificazione ereditaria che ci porta a metterci in movimento, per rispondere al richiamo impellente del vagito. Come ha approfondito Carlos Gonzales, sia il pianto che la reazione preoccupata della madre sono programmati geneticamente da ricordi lontani del pericolo per la sopravvivenza a cui erano esposti i neonati. Essere preso e portato con sé dall adulto - nel nostro lontano passato - è stato un obiettivo che il piccolo doveva sempre raggiungere. Il contatto fisico è la codificazione primaria che tranquillizza. Gradualmente subentra la rassicurazione del contatto visivo,

9 Nouvelles Images S.A. - Sergio Pitamitz et Danila Delmont ma non possiamo decidere noi quando può bastare, è una modificazione graduale che si può instaurare evolutivamente nel bambino, ma dopo mesi, a certe condizioni e con tempi personali. Il contatto fisico è e resta comunque per sempre la nostra condizione primaria di sicurezza, lo capiamo perfettamente se riflettiamo sull importanza che la vicinanza e il contatto fisico acquisiscono per noi nella relazione di coppia. E se noi ci sentiamo bene solo tra le braccia di chi ci ama, perché dovrebbe essere diverso all inizio della nostra esistenza in questa realtà? Leggiamo in una ricerca di Monika Stablum e Arturo Giustardi, coordinatore di un Gruppo di lavoro della Società Italiana di Medicina Perinatale, Il contatto è uno dei principi fondamentali ed esistenziali degli organismi viventi. È la condizione per lo scambio di informazioni di natura materiale ed energetica. Già al momento del concepimento due cellule con diverse informazioni genetiche si contattano, si incontrano. Essendo la base di qualsiasi comunicazione, scambio, interazione, incontro vitale, il contatto è di inestimabile importanza per tutti gli esseri viventi. Già il feto in utero ha le sue prime percezioni sensoriali inizialmente a livello tattile. Attraverso la cute sente la pressione, i movimenti del liquido amniotico, il dolore, ma anche sensazioni di caldo e freddo. La cute del feto viene stimolata continuamente durante la gravidanza. Il primo sviluppo del sistema nervoso del bambino dipende al massimo grado dal tipo di stimolazione che riceve. L emozione veicolata dal corpo, più che la semplice pressione sulla pelle, è il messaggio raccolto dal bambino attraverso i recettori muscolari. Stare a contatto con il bambino significa parlare il suo linguaggio, quello che comprende dal primo momento, il linguaggio della pelle, del tatto, che gli comunica sicurezza esistenziale e attraverso cui stabilisce la prima relazione con l esterno. Ascoltare e soddisfare il bisogno primario di contatto corporeo del bambino non crea un suo ulteriore bisogno o lo accresce, al contrario con il tempo lo calma. Oggi esistono in linea generale due approcci: Il Modello Ad Alto Contatto mira a proteggere la salute e la sopravvivenza dei bambini e quindi accetta e risponde ai suoi bisogni innati. È caratterizzato da uno stretto e intenso rapporto fisico tra madre e bambino che inizia fin dalla nascita. Il parto avviene in un ambiente famigliare, il neonato rimane per lungo tempo a contatto pelle a pelle con la madre, l allattamento è a richiesta e il piccolo dorme nelle vicinanze del letto materno (a volte nello stesso letto) e durante il giorno viene portato sempre dalla madre in tutte le sue attività. I bambini vivono come da piccoli marsupiali immersi sin da piccoli nella vita degli adulti. La risposta al pianto da parte degli adulti è immediata. Il Modello a Basso Contatto ha come obiettivo quello di insegnare ai bambini a diventare precocemente indipendenti dai loro genitori dal punto di vista emotivo, e di sviluppare spiccate capacità cognitive. È caratterizzato da una relazione madre-bambino basata prevalentemente sullo sguardo e sull espressione verbale. La nascita spesso è medicalizzata, il neonato viene separato dalla madre per essere sottoposto a procedure di routine, viene nutrito con il biberon o con latte materno per pochi mesi, è spesso sdraiato nella culletta o nella carrozzina da solo. La notte dorme nel proprio letto e spesso in un altra camera separato dai genitori. Questo modello prevede una interazioverbale e visiva con il piccolo in concomitanza con una risposta al pianto certo non immediata. 1 1 Arturo Giustardi, Primario Neonatologo c/o Clinica Lourdes Massa di Somma (Napoli), coordina il Gruppo di lavoro della Soc. Italiana di Medicina 9 Perinatale La Care in Medicina Perinatale - Monika Stablum, Infermiera pediatrica, fa parte dell editorial Board della Rivista Italiana La care in Neonatologia.

10 10 Cosa scatta in noi quando i bambini piangono Ci sono tre chiarezze: 1. Non siamo persone insicure se il sentir piangere ci mette in ansia. Significa che abbiamo un buon contatto con il nostro sentire. Forse, a differenza di altri, non stiamo rimuovendo ciò che si genera in noi. La qualità del nostro comportamento sarà data dal modo in cui impareremo a gestire la nostra ansia. 2. È normale che il cucciolo d uomo pianga se crede di essere da solo. 3. Sta comportandosi come da codice genetico umano se piange fino a quando non è sollevato nel contatto fisico e portato con sé dall adulto. Sono elementi basilari da cui non si può prescindere. A partire da qui possiamo chiederci come mai questo codice che fa reagire alla separazione fisica avvertita come pericolo sia ancora attivo, e se c è altro in cui si è nel frattempo trasformato, come in molti ipotizziamo. Sentire ansia legata a segnali di disorientamento nel neonato è corretto, come evidenziano le numerose ricerche scientifiche. L ansia, oltre al senso di angoscia trasmesso ed evocato in noi dal pianto, è indotta dal senso di disarmonia contenuto ad esempio dalla composizione sonora dei vagiti. Da questa sensibilità possono svilupparsi comportamenti via via più adeguati, ma è essenziale innanzitutto che sia aperto il canale di attenzione e di ascolto emozionale. C è da preoccuparsi di fronte ad una eventuale indifferenza passiva al pianto del neonato, che segnalerebbe consistenti problematiche a carico della relazione affettiva primaria, che potrebbero portare all abbandono, o a far esplodere in reazioni nervose e comportamentali inconsulte, provocate dall accumularsi inconsapevole del disagio smosso all interno da quel segnale primario, che si manifestano sotto forma di aggressività e tentativi di soppressione. La cura sollecita, anche se ansiosa e un po agitata, è una iniziale risposta coerente con ciò che viene comunicato dal pianto, e con la risonanza interna che ha in noi. L attenzione unanime in risposta al pianto è un prezioso passo avanti, rispetto a posizioni precedenti in cui si riteneva che il pianto del neonato fosse una necessità fisiologica, o inevitabile, a cui non si dovesse prestare attenzione eccessiva. Fortunatamente la ricerca neurofisiologica sta evidenziando le possibili implicanze del lasciar piangere a lungo senza rispondere al neonato, a supporto della convinzione ormai comune che il pianto richieda comunque un attenzione. Possiamo incominciare a pensare di facilitare l esperienza dei neo genitori, offrendo loro l opportunità di un training sulla gestione serena del pianto. Si potrebbe ad esempio interiorizzare il modello dell insorgere del pianto e della sua naturale evoluzione, che lo porta - questo sarebbe un insight importante - a finire anche ad un certo punto. Nell immaginario interiore scatta infatti la percezione che si sia creata una situazione senza soluzione: da qui si produce il panico. Questo avviene come per tutte le situazioni che risvegliano in noi un angoscia primaria. Foto di Anne Geddes.

11 Non è detto che i bambini che non piangono quasi mai stiano veramente meglio di quelli che piangono, e che le loro mamme abbiano da insegnare alle altre. E c è da evitare il rischio di effetto peggiorativo sulla madre quando sente dire che sta a lei capire e ovviare al problema. È un attimo arrivare a dedurre che se il bimbo piange e lei non ne capisce il bisogno, è a causa della sua inadeguatezza. Così allo stress provocato dal pianto frequente, dalla necessità di accudimento costante, dal sonno interrotto, dal confronto con le altre madri o, peggio, con la propria madre che spesso si vanta del fatto che con lei invece i figli mangiavano e dormivano e basta, si va a potenziare quello causato dal senso di colpa che già emerge di suo come forma di controllo sull ansia generata dal pianto. Il messaggio più efficace per le neo madri è quello che le rinfranca sulle loro capacità materne, dando fiducia nella possibilità di seguire quello che possono arrivare a sentire al di là dell ansia inevitabile: le loro risposte intuitive ed istintuali. Nemmeno ad una madre che si mostra indifferente al pianto è bene dare un messaggio di riprovazione. Il suo distacco emotivo potrebbe infatti essere causato proprio da un angoscia profonda per bassa autostima di sé come madre, o dalla risonanza con propri vissuti traumatici inconsapevole rispetto a quando piangeva da neonata, da cui si sta proteggendo come può, cercando di rimuovere il problema. Volendo dare supporto alla madre di un neonato che piange inascoltato, si può offrirle empatia e rassicurazione per lo stress che vive, dandole l opportunità di scaricare rabbia, ansia, frustrazione, senza sentirsi giudicata. Anzi, se si rassicura sul fatto che capita a tutte le madri, può migliorare la propria autostima e fidarsi sempre più delle proprie intuizioni. Leggermente sintetizzato, questo è un estratto del secondo Capitolo del nuovo libro Nuovi Codici dell Amore Cambiare l imprinting genitori figli prima, durante, dopo la nascita scritto dalla Dr.ssa Chiara Sozzi & Marianne Littlejohn (Bambini Nuovi per l Uomo del Futuro Edizioni, in libreria a maggio, Dr.ssa Chiara Sozzi: Pedagogista, Terapeuta delle relazioni familiari, Formatore Umano, Mind Shifting Trainer. Ha lavorato presso enti pubblici e in numerosi corsi d aggiornamento per docenti di diversi livelli scolastici. Opera nello studio professionale 2013gate con sedute individuali, di coppia e stage formativi nella ricerca sull evoluzione dei modelli di famiglia, relazione genitori - figli, relazione di coppia. Svolge ricerche sull identità femminile - maschile, materna - paterna e sulle caratteristiche evolutive dei comportamenti infantili e degli adolescenti. Tel Vuoi intervenire o approfondire l argomento di questo articolo? Vieni sul nuovo sito e lasciaci un tuo commento. 11

12 12 Un Cucciolo per crescere FELICITÀ È UN CUCCIOLO CALDO INTERVISTA AD ALBERTO VOLPI A CURA DI MARINA ROBBIANI Soprattutto quando ci sono dei bambini, decidere di adottare un cane o un gatto è una scelta impegnativa, molto importante anche dal punto di vista educativo e di crescita. Ne abbiamo parlato con Alberto Volpi, Responsabile commerciale di Viridea ed esperto di animali a tutto tondo: Prima di regalare un cane o un gatto ad un bambino, cos è importante sapere? Innanzitutto bisogna conoscere bene il carattere del bambino, quindi quello dell animale. Portare a casa un animale sbagliato crea problemi ad entrambi. Ad un bambino aggressivo, o al contrario ad uno timido e introverso, non si può affidare un animale con lo stesso temperamento perché non troverebbero un punto di contatto e si vanificherebbe l aspetto educativo legato all opportunità di crescere insieme. Un altra cosa importante è accertarsi che il bambino non soffra di allergie specifiche al pelo del cane o del gatto, e di essere quindi in grado di ospitare il nuovo cucciolo anche con questa tranquillità. A chi è meglio rivolgersi per non sbagliare cucciolo? Esistono dei centri specializzati nell allevamento di cani (potete iniziare a farvi un idea di massima cercando su Internet i Forum più accreditati e ricchi di giudizi e valutazioni). Gli allevatori più seri e referenziati -indirizzati in modo specifico verso una sola razza- sono i più sicuri, conoscono i loro cani molto bene e sono in grado di dare informazioni molto precise. Per quanto riguarda i gatti invece (anche per loro ci si può affidare ad allevatori e veterinari di fiducia), la storia è più complicata. Più difficile da capire del cane, che da subito crea un feeling quasi protettivo con il bambino, il gatto è un animale introverso ed essendo un felino è più istintivo. Talvolta, magari involontariamente, può reagire in maniera aggressiva. In entrambi i casi va insegnato al bambino il rispetto verso il nuovo ospite e i suoi spazi, un passo molto importante dal punto di vista educativo. D altra parte, soprattutto nei primi tempi, con l ingresso dell animale in casa i genitori hanno il compito di accompagnare il percorso dei due

13 cuccioli, di seguirli da vicino e fare attenzione al comportamento di entrambi. Come dare preferenza a una razza piuttosto che a un altra? È una questione di scelta personale. Spesso purtroppo rientra anche in un discorso di moda. Ad esempio quando è uscito il film La carica dei 101 c è stato il boom dei dalmata e adesso non ce ne sono più sul mercato. Occorre riflettere bene prima di prendere qualsiasi animale. Va fatta un analisi oggettiva di quello che si può dare e di quello che si vuole in cambio così come dell ambiente che gli viene offerto, perché lo stress maggiore che può avere un animale è trovare una casa e poco dopo perderla, difficilmente recupera a meno che non trovi subito una buona collocazione. Sono tante le variabili che, non considerate, creano disagio. Io ho un beagle. È dolcissimo ma lo abbiamo preso dopo avere riflettuto bene sul tipo di cane più adatto per i nostri bambini, più disponibile a stare parecchio tempo in un ambiente chiuso. I beagle, i boxer sono tra i cani che maggiormente si addicono ai piccini. Al contrario il pastore tedesco, quando vede un bambino che corre in casa lo individua come preda e lo insegue. E tra il cane e il gatto? Anche qui il discorso è individuale, ma fondamentalmente il cane va bene a chi preferisce vivere all aria aperta, il gatto è più sedentario, fa meno fatica a restare da solo in casa. Quanto tempo devono avere per essere adottati? Devono essere svezzati e vaccinati, sarebbe meglio prenderli dopo i 3 mesi. Poi bisogna andare dal veterinario per le altre vaccinazioni obbligatorie e, soprattutto per i cani, c è una normativa per impiantargli sottocute un microchip per il riconoscimento. Quali sono i primi consigli da dare? Tendenzialmente tutti gli animali, quando Dalla serie tv Camper Scuola di Paura presentato da Carton Network. stanno per avvicinarsi al cibo, mangiano, o dormono, vanno lasciati in pace perché stanno vivendo un loro momento intimo e personale e non vanno disturbati. Per loro natura considerano chi gli tocca il cibo come un potenziale rivale e possono diventare pericolosi. È ovvio che più si ha confidenza con l animale meno scatta la molla della difesa del cibo. Più si sta con lui (presto diventerà un altro membro della famiglia!) prima si conoscono le sue abitudini e il suo carattere, quello che gli piace o che gli dà fastidio, quando e come preferisce essere accarezzato. Una delle cose essenziali da far capire ai bambini, infatti, è che l animale è un essere vivente e non un gioco. Proposto nel modo giusto, di sicuro questo è un discorso propedeutico all educazione e alla crescita del bambino. Occorre anche iniziare a dargli le prime responsabilità sulla gestione del cane. Io ad esempio l ho fatto con i miei figli, che hanno imparato che quando il cane deve mangiare, spetta a loro controllare che ci sia l acqua e tutto quello di cui ha bisogno. Lo hanno voluto? Devono anche preoccuparsi di accudirlo. Un animale può aiutare i bambini introversi a socializzare? Certo, in un momento in cui la comunicazione è spesso delegata a Internet, in cui manca il contatto fisico, l animale rappresenta un momento importante di socializ- 13

14 14 Peanuts by Charles Schulz , United Feature Syndicate, Inc. zazione e non solo per i bambini. Talvolta si creano vere e proprie comunità di persone, spesso anche di anziani, che tutte le mattine si danno appuntamento e si ritrovano insieme al parco o ai giardini, in compagnia dei loro cani. Nel caso del gatto invece, tenerlo in braccio e accarezzarlo aiuta a rilassarsi, può calmare le lacrime di un bambino E invece di stare davanti al computer o alla playstation il bambino gioca col cane e questo lo aiuta a interagire. Quando accompagna il cane fuori città corre, si diverte, incontra altri ragazzini. Ma pensiamo anche a noi adulti. Quando alla fine di una giornata di lavoro, qualsiasi cosa sia successa, torniamo a casa e troviamo ad accoglierci un amico che ci fa le feste, che è felice di vederci senza chiedere nulla in cambio al di là di una carezza o di una coccola, qualsiasi tensione cala immediatamente e ci torna il buon umore. È la migliore delle medicine. Ha qualche consiglio da dare per nutrire al meglio i nostri cuccioli? L alimentazione migliore viene dal cibo secco anche se quello umido è spesso più gradito dai nostri amici animali. Una volta che l animale si abitua a mangiare un certo tipo di crocchetta, si prosegue a seconda della crescita e delle eventuali problematiche che sorgono, adeguando di caso in caso il prodotto corretto. In questo modo siamo certi che ogni pasto sarà completo e bilanciato. Bisogna invece assolutamente evitare di dare sia ai cani che ai gatti il nostro cibo. Fa malissimo, basti pensare che avendo il fegato ridotto rispetto al nostro, rischiano di ammalarsi. D altra parte quello che si riscontra sempre di più è la ricerca del prodotto naturale di qua-lità. Oggi esistono prodotti che garantiscono un evoluzione tecnologica e una ricerca innovativa davvero impressionante. E per l igiene? Un igiene adeguata è indispensabile sia per i bambini che per gli animali. A questo proposito si trovano parecchi prodotti naturali specifici sia per la cura dell animale che per l igiene dell ambiente. Per ulteriori informazioni, Zoogarden di Viridea Insieme ai cortesi consigli degli addetti ai lavori, potete scegliere tra un ampia gamma di prodotti naturali, ipoallergenici e senza conservanti: una serie di linee di crocchette destinate alla crescita (dallo svezzamento al mantenimento all età avanzata...) e alla salute dei vostri animali. E poi prodotti dietetici, snack e biscottini di tutti i tipi. Prodotti di igiene per l animale e per la casa, e una marea di giochi utilissimi ed educativi: in particolare per i gatti e i cani più sedentari, per svagarsi in casa e avere un attività motoria adeguata, nonché per spassarsela insieme ai vostri figli! Viridea Vuoi intervenire o approfondire l argomento di questo articolo? Vieni sul nuovo sito e lasciaci un tuo commento.

15

16 16 AIUTIAMO LA PLURIDISABILITÀ La prima persona colpita da questo male l ho incontrata un anno fa in Nuova Zelanda. Nella mezz ora in cui abbiamo aspettato insieme un autobus, il ragazzo sordocieco in mezzo a noi prendeva congedo (forse per sempre) dal suo accompagnatore. Il quale, assicurandogli amicizia e affetto eterno con le mani, piangeva come un vitello. Il ragazzo invece non piangeva ma i suoi sentimenti, di mute parole e di corpo e anima erano di una tale bellezza di emozioni e sfumature, di una tale intensità di colori da far paura. Una paura diventata tangibile per tutti noi attoniti viaggiatori durante una pausa del bus. Nessuno osava avvicinarsi tranne una bambina di pochi anni che, improvvisamente, è corsa ad abbracciarlo. Hanno cominciato a parlarsi ridendo di gioia. E sono stati insieme a raccontarsi le loro cose per una decina di minuti mentre noi, sospesi nel nostro impaccio, tentavamo ignari di immaginare quello che si dicevano. (Marina Robbiani) Un filo d amore DI PATRIZIA CECCARANI PEDAGOGISTA E PSICOLOGA, DIRETTORE EDUCATIVO RIABILITATIVO, LEGA DEL FILO D ORO L a sordocecità è una disabilità unica riconosciuta dal Parlamento Europeo e Italiano (Legge n. 107 del ). La persona sordocieca presenta minorazioni dei canali visivo e uditivo la cui combinazione implica una serie di problemi che incidono tra loro creando difficoltà nella comunicazione, nell accesso alle informazioni, nella mobilità e autonomie. Inoltre, se al deficit visivo ed uditivo si associano altre disabilità le difficoltà si amplificano e si influenzano tra loro, tanto da provocare effetti davvero complessi. La pluriminorazione psicosensoriale e la sordocecità possono determinare: e Gravissimi limiti alla comunicazione e Scarsissime capacità di indipendenza e Percezione distorta dell ambiente circostante e anomala fruizione dello stesso e Relazioni interpersonali insufficienti (isolamento, distanza psicologica) e Rilevanti difficoltà di apprendimento (a livello di attività pratiche come il lavoro, il tempo libero e ricreativo, nella mobilità e maggiormente a livello cognitivo) e Disturbi della personalità e del comportamento: ansia, manifestazioni di etero-aggressività e auto-lesionismo Cause della pluriminorazione psicosensoriale e della sordocecita CONGENITE Infettive (rosolia, citomegalovirus, toxoplasmosi), prematurità, ittero neonatale, cause sconosciute, genetiche, ecc. ACQUISITE Trauma da parto, ipossia, infettive post-natali, trauma cranico, patologie correlate alla disabilità, ecc.

17 Ciurlionis, ˇ Angeli (Paradiso), 1909 L a Lega del Filo d'oro Onlus, costituita nel 1964, ha per scopo l'assistenza, l'educazione, la riabilitazione, il recupero e il reinserimento delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. La sede legale si trova ad Osimo (AN) dove da oltre quarant'anni è attivo un Centro di Riabilitazione riconosciuto dalla Regione Marche quale "Unità Speciale per Sordociechi e Pluriminorati psicosensoriali". Il Centro svolge attività assistenziale e riabilitativa per i portatori di disabilità provenienti da diverse regioni italiane, rappresenta un osservatorio potenzialmente molto interessante per la comprensione della natura e dell entità di questi problemi nel nostro paese e di come, con il passare degli anni, si possano essere modificate le necessità degli utenti e il tipo e la quantità di assistenza/riabilitazione. Al fine di esplorare l ipotesi di un aumento di frequenza e di gravità delle forme di disabilità di origine pre-perinatale (con particolare attenzione alla disabilità correlata a prematurità severa) è stata realizzata una ricerca in collaborazione con l Unità Epidemiologica dell Ospedale Bambino Gesù di Roma. È stata effettuata un'analisi retrospettiva per valutare le caratteristiche di un campione della casistica afferente all'unità e le modificazioni di tali caratteristiche nel tempo. Il campione è costituito da utenti nella fascia di età compresa tra i tre e gli otto anni. Nel caso specifico dei bambini pluriminorati psicosensoriali, prima arrivano al Centro di Riabiltiazione di Osimo, prima si possono aiutare sia loro che le famiglie. L a pluridisabilità limita lo sviluppo e la partecipazione alla vita di interazione, per questo è necessario che i professionisti insieme con la famiglia, le agenzie e/o i servizi del territorio aiutino e supportino la crescita del bambino il più precocemente possibile all interno della società. Per crescere, i bambini necessitano di interventi su misura che tengano conto della vita reale e di vari aspetti, come ad esempio incentivare la partecipazione e le opportunità per lo sviluppo della comunicazione. Occorrono attenzioni particolari per quanto riguarda il contesto di vita e le risorse (famiglia e territorio), nonché una profonda sinergia tra le varie discipline (area sanitaria, sociale, assistenziale, riabilitativa, psicologica e psicopedagogica). L equipe interdisciplinare dell Unità Speciale della Lega del Filo d Oro di Osimo è composta da medici, psicologi, psicologi clinici, pedagogisti, operatori educativo-riabilitativi, logopedisti, fisioterapisti, musicoterapisti, tecnici delle attività occupazionali, degli ausili, dell orientamento e mobilità, assistenti sociali, infermieri e personale tecnico di assistenza. Il lavoro dell équipe interdisciplinare deve realizzare un progetto riabilitativo personalizzato che permetta di stimolare il processo interattivo di percezione e il riadattamento alla realtà personale, ambientale e sociale, inoltre ha il compito di prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti della persona. L avvio dei servizi e la presa in carico parte con l intervento precoce, procede con l inserimento scolastico, con la transizione verso l età adulta e quindi con il dopo di noi, per poi proseguire con l età che avanza e la residenzialità, che richiede di creare un contesto su misura in sintonia con le abilità/potenzialità del disabile, ma soprattutto con i suoi vissuti e bisogni. La riuscita di un intervento educativo riabilitativo e la qualità di vita di una persona pluriminorata psicosensoriale dipendono fortemente, oltre che dalle relazioni personali, anche dal contesto nel quale essa vive, lavora e si muove. Guidare la persona all esplorazione e all interpretazione contestuale dei dettagli, significa non soltanto allenare le sue percezioni, ma anche fornirle utili strumenti utili per migliorare la sua concezione della realtà e per renderla felice. Lega del Filo d Oro ONLUS - Via Montecerno, Osimo (AN) Tel. 071/ Tutte le informazioni di cui hai bisogno al Numero Verde: 17

18 18 UNA SANA COLAZIONE PER I NOSTRI BIMBI Chi Ben Comincia... DI ENZA BETTELLI La prima colazione è il pasto più importante della giornata. Lo ripetono da anni i nutrizionisti, ma se tutti ormai lo sappiamo non tutti però mettiamo in pratica i loro giusti consigli. Soprattutto i bambini, che al mattino sono particolarmente pigri e preferiscono rinunciare alla colazione e utilizzare il tempo per dormire più a lungo o per restare davanti al televisore. Per invogliarli bisogna giocare d astuzia, presentando cose buone ma facili da mangiare (magari con le mani), non solo dolci ma anche salate e variando spesso. Certo, per la mamma è un impegno, ma per fortuna ci sono frigorifero e congelatore, preziosi alleati nei quali conservare a lungo quello che si è preparato nei momenti più liberi. Mezzelune alla confettura 200 g di farina 200 g di ricotta 100 g di burro 30 g di zucchero 2 cucchiaini di lievito vanigliato scorza di limone o di arancia confettura Impastate farina, ricotta, burro, zucchero, lievito e la scorza grattugiata e stendete la pasta con il matterello. Piegatela in 4 e stendetela di nuovo allo spessore di un paio di mm. Ritagliatevi dei dischetti di 8 cm di diametro, mettete al centro un poco di confettura e ripiegate la pasta a mezzaluna, inumidendo i bordi con poca acqua perché aderiscano. Cuocete nel forno già caldo per 20 minuti circa. Fate raffreddare e cospargete con zucchero a velo. Le Varianti Sostituite un cucchiaio di farina con altrettanto cacao o mescolate all impasto delle gocce di cioccolato. Invece che con la confettura farcite con cioccolato a pezzetti, crema pasticciera, frutta secca o fresca tritata Per ottenere delle mezzelune salate, farcitele con dadini di mozzarella o altro formaggio fresco o prosciutto e servitele senza zucchero a velo. Il Trucco Le mezzelune, dolci o salate, potete cuocerle anche 2-3 giorni in anticipo e tenerle a temperatura ambiente. Oppure non cuocetele e allineatele su un foglio di alluminio nel congelatore, quindi riunitele nei sacchetti e conservatele fino a 3 mesi. Fatele scongelare tutta la notte in frigorifero prima di infornarle.

19 Latte rosso 1 bicchiere di latte 2 cucchiai di yogurt denso 1 cucchiaino di miele 2 cucchiai di succo d arancia 2 cucchiai di sciroppo di lampone Riunite gli ingredienti nel frullatore e frullate il tempo necessario per ottenere una miscela omogenea. Le Varianti Aggiungete un cucchiaino di cacao amaro o uno di cocco grattugiato. Sostituite lo yogurt con gelato alla frutta. Per cambiare il colore della bevanda sostituite lo sciroppo di lampone con quello di mirtillo (viola), di menta (verde) o cacao solubile (nero). Lasciate in infusione nel latte 1 cucchiaio di caramelline alla liquirizia, poi frullate con gli altri ingredienti, senza lampone e arancia. Il Trucco Per arricchire la bevanda e darle più consistenza frullate dei pezzetti di frutta fresca prima di unire gli altri ingredienti. Se utilizzate il latte freddo potete toglierlo dal frigorifero anche all ultimo momento poiché gli altri ingredienti lo scalderanno un poco. Meglio che non sia gelato anche se la stagione è calda. Se invece preferite servire la bevanda calda, scaldate bene il latte (senza però farlo bollire) perché in questo caso gli altri ingredienti lo raffredderanno un poco. Le buone abitudini del mattino PPer affrontare nel modo migliore la nuova giornata bisogna fornire al corpo il carburante giusto. Un esigenza che non va sottovalutata, soprattutto per quanto riguarda l organismo in crescita dei bambini. La prima regola è consumare la colazione a casa, poiché è più facile avere a disposizione cibi sani, genuini e leggeri. Il latte è indispensabile per fornire il calcio e le proteine che aiutano lo scheletro a crescere forte, ma se al bambino non piace, anche se mascherato, sostituitelo con yogurt o qualche pezzetto di formaggio fresco. I carboidrati sono ugualmente importanti perché sviluppano l energia necessaria per mantenere viva l attenzione a scuola, quindi biscotti, pane, fette biscottate. I cereali aiutano l intestino con il loro contenuto in fibra mentre la frutta fresca di stagione fornisce vitamine e sali minerali. 19

20 20 CELLFOOD MULTIVITAMINE 100% RDA SPRAY ORALE Le Vitamine a zero calorie INTERVISTA AL DR. MAURO MARIO MARIANI A CURA DI GEORGIA LUNI Le vitamine sono sostanze naturali a zero calorie, ossia totalmente sprovviste di potere energetico, ma non per questo prive di un proprio ruolo biologico. Anzi, più di ogni altro nutriente, esse sono assolutamente indispensabili per il corretto svolgimento delle funzioni dell intero organismo. Cosa sono esattamente le vitamine? Le vitamine costituiscono un insieme di composti organici, molto diversi tra loro dal punto di vista chimico, indispensabili a qualsiasi organismo vivente per la crescita, per l'integrità strutturale delle cellule e per il regolare svolgimento dei processi metabolici. Alcune di esse, dette idrosolubili (complesso B e vitamina C) aiutano gli enzimi a funzionare meglio, consentendo alle reazioni chimiche da cui dipende la nostra stessa vita di svolgersi senza intoppi. Altre, dette liposolubili (A, E, D, K), svolgono un azione più articolata e varia (mantenimento del benessere della pelle e della funzione visiva, difesa dai radicali liberi, protezione delle ossa, prevenzione delle emorragie). Hanno tra loro qualcosa in comune? Nonostante l eterogeneità chimica, le vitamine posseggono tutte una struttura chimica relativamente semplice (con l eccezione di alcune di esse come la vitamina B12, la cui formula è il terrore di tutti gli studenti di Medicina!) e hanno la capacità di agire a dosi piccolissime (il fabbisogno medio giornaliero è dell ordine dei milionesimi o dei millesimi di grammo). Inoltre, indipendentemente dalla loro struttura, ciascuna vitamina svolge un azione specifica e, soprattutto, è un micronutriente essenziale. Che cosa significa micronutriente essenziale? Per le vitamine si usa il prefisso micro per indicare una classe di sostanze necessarie a piccole dosi, al contrario di altre, come carboidrati, grassi e proteine, il cui fabbisogno giornaliero è molto più elevato (macronutrienti). Le vitamine, inoltre, sono essenziali, e cioè assolutamente indispensabili ed insostituibili. Ecco perché devono essere necessariamente assunte con l alimentazione. Una corretta alimentazione garantisce sempre un adeguato apporto di tutte le vitamine? In linea di massima, una corretta alimentazione, variata ed equilibrata, basata sul generoso apporto di frutta e verdure, garantisce al nostro organismo il giusto apporto di vitamine e previene le ipovitaminosi.

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia Ciao! Sono Nella Cortese di www.dietahl.com, distributore Herbalife. In questo piccolo documento voglio spiegarti come usare

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione L istruzione è una bellissima cosa, ma è bene ricordarsi, di tanto in tanto, che nulla di ciò che importa sapere può essere insegnato

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate tuttosalute.net Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi che

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura

Come crescere tuo figlio secondo natura Come crescere tuo figlio secondo natura 10 giorni di formazione con Roberta Cavallo e Antonio Panarese La formazione ideata da Angela Pedicone sulla crescita secondo natura Numero limitato di posti Presentazioni

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

DOCTOR ONLINE. La strada migliore per sentirsi meglio

DOCTOR ONLINE. La strada migliore per sentirsi meglio DOCTOR ONLINE La strada migliore per sentirsi meglio IL PROGETTO PERCHE DOCTORONLINE? Dott. Mario Rossi Un nuovo strumento per la gestione della salute del cittadino VOCE E VIDEO SOLO VOCE Doctor on line

Dettagli

Dedicarsi una pausa RIGENERA e RICARICA

Dedicarsi una pausa RIGENERA e RICARICA Dedicarsi una pausa RIGENERA e RICARICA IL NOSTRO LAVORO CONSULENTI DEL BENESSERE Cosa facciamo ogni giorno? Informiamo le persone su come ottenere un maggiore BENESSERE GENERALE condividendo le nostre

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario!

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario! 3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso dal risultato straordinario! Pasto Sostitutivo Pasto Sostitutivo al delizioso sapore di cioccolato o vaniglia francese.

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura!

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Carissimi amici, grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Purtroppo per noi, però, è arrivato il momento di salutarvi, perché non solo siamo alla fine dell

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Raggiungere una nutrizione equilibrata Nutrizione di Base Lascia che la ruota della nutrizione di base ti aiuti Raggiungi e mantieni la tua forma ideale con

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando

Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past Pres. SIP Liguria Vicepresidente APEL Pres. Fed. Reg. Ordini dei Medici della Liguria In un ambiente

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

ZETA FARMACEUTICI SPA SALUTE BELLEZZA BENESSERE

ZETA FARMACEUTICI SPA SALUTE BELLEZZA BENESSERE ZETA FARMACEUTICI SPA SALUTE BELLEZZA BENESSERE ZETA FARMACEUTICI SPA Zeta Farmaceutici Spa dedica ogni giorno a raggiungere importanti obiettivi per la salute, per la bellezza e per il benessere con competenza

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell omeopatia. In Europa ne soffre una persona su cinque (dati emersi recentemente dal progetto Emotionalaction, coordinato dall

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona

Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona APRILE 2014 Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona SUBROGALIA inaugurò lo scorso 1 aprile i nuovi uffici a Barcellona, precisamente nella centralissima via Balmes della Città Condale. Le nuove

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

COSA MANGIAMO IN INVERNO

COSA MANGIAMO IN INVERNO Testata: www.repubblica.it data: 16 novembre2013 COSA MANGIAMO IN INVERNO L indagine ha valutato l'assunzione di vitamina C (Acido L-ascorbico) attraverso gli alimenti consumati da un campione di circa

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas CAPITOLO 18 - Quanto sono sicure le vitamine? Una delle cose che sembrano confondere di più il pubblico e gli scienziati nel campo della salute

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana*

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Sono due gli errori che non ci permettono di perdere il peso in eccesso e tornare a vivere una vita sana e felice,

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 -

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 - Si tratta di un comportamento tipico dei cuccioli che si manifesta in particolare in relazione al cambiamento dei denti. Può capitare che tale comportamento continui anche una volta che il cane raggiunge

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

PROGRAMMA NUTRIZIONALE

PROGRAMMA NUTRIZIONALE PROGRAMMA ProgrammaNutrizionale NUTRIZIONALE per una duratura riduzione del grasso in eccesso ed il riequilibrio dell alimentazione Benvenuti in LineaMed Risultati positivi che durano nel tempo senza fame

Dettagli

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook 1 MONIA FERRETTI Psicologa Psicoterapeuta EBOOK DIMAGRISCI FACILE Parte 1 Dimagrisci facile con i miei consigli Per Te! 2 Titolo Dimagrisci Facile con i miei consigli per Te!!! Autore Monia Ferretti Sito

Dettagli